Scarica il file GPX di questo articolo

Paesi Bassi

Da Wikivoyage.
Europa > Europa centrale > Benelux > Paesi Bassi
Paesi Bassi
Mulino della Zelanda
Localizzazione
Paesi Bassi - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Paesi Bassi - Stemma
Paesi Bassi - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Paesi Bassi (Nederland in olandese) è uno stato del Benelux, regione dell'Europa occidentale che si affaccia sul mare del Nord e confina con il Belgio e la Germania.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

I Paesi Bassi vengono spesso chiamati Olanda, ma in realtà questo termine si riferisce solo a una parte dello stato. Fanno parte dei Paesi Bassi anche l'isola di Aruba e le Antille Olandesi.

Lingue parlate[modifica]

Le lingue ufficiali sono l'olandese e il frisone che viene parlato nella provincia di Frisia.


Territori e mete turistiche[modifica]

Per un più rapido apprendimento delle attrazioni turistiche presenti nei Paesi Bassi, abbiamo diviso il paese in quattro regioni turistiche ciascuna delle quali comprende più territori come risultante di seguito:

Mappa divisa per regioni
      Paesi Bassi occidentali — Comprende Olanda Settentrionale (Noord-Holland), Olanda Meridionale (Zuid-Holland), Utrecht, Flevoland. Questo è il cuore dei Paesi Bassi, con le sue quattro città più grandi così come la tipica campagna olandese, con molti monumenti della famosa gestione dell'acqua. La maggior parte della regione è comunemente chiamata il Randstad, riferendosi alla sua urbanizzazione.
      Paesi Bassi settentrionali — Comprende Groninga, Frisia, Drenthe. La zona meno densamente popolata, per lo più inesplorata dagli stranieri, ma popolare tra la gente del posto. Le Isole Frisone sono mete eccellenti per un paio di giorni fuori città, come lo sono i laghi Frisoni.
      Paesi Bassi orientali — Comprende Gheldria, Overijssel. Sede del più grande parco nazionale dei Paesi Bassi, Parco nazionale De Hoge Veluwe, così come il bellissimo Hanzesteden, sette città medievali lungo il fiume IJssel, con un centro storico tradizionale, come Zutphen, Zwolle, Doesburg, tra gli altri.
      Paesi Bassi meridionali — Comprende Brabante settentrionale, Limburgo, Zelanda. Diviso dal resto per la sua storia cattolica, feste di carnevale, la cultura della birra e il suo "stile di vita burgundo".

Centri urbani[modifica]

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

I Paesi Bassi è un membro dell'Area Schengen.

Non ci sono controlli alle frontiere tra i paesi che hanno firmato e attuato il trattato, ossia l'Unione europea (ad eccezione della Bulgaria, Croazia, Cipro, Irlanda, Romania e Regno Unito), Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Allo stesso modo, un visto concesso da un qualunque membro Schengen è valido in tutti gli altri paesi che hanno firmato e attuato il trattato. Ma attenzione: non tutti i membri dell'Unione europea hanno firmato il trattato di Schengen, e non tutti i membri di Schengen fanno parte dell'Unione europea. Questo significa che ci possono essere controlli doganali a campione, ma senza controlli di immigrazione (viaggiando all'interno di Schengen, ma non da/a un Paese extra UE) o potrebbe essere necessario passare i controlli di immigrazione, ma non quelli doganali (viaggiando all'interno dell'UE, ma non da/a un Paese extra Schengen).

Gli aeroporti in Europa sono pertanto suddivisi in aree "Schengen" e "non-Schengen", che di fatto si comportano come gli equivalenti nazionali dei voli "domestici" e "internazionali". Se si vola da fuori dell'Europa verso un paese Schengen per poi continuare verso un altro, verranno effettuati i controlli di immigrazione e doganali al primo scalo per poi continuare verso la destinazione finale senza ulteriori verifiche. Viaggiare tra un membro di Schengen e uno Stato non appartenente a Schengen darà luogo ai normali controlli di frontiera. Si noti che indipendentemente dal fatto che si viaggia all'interno dello spazio Schengen o meno, molte compagnie aeree continueranno a insistere per vedere la vostra carta d'identità o passaporto.

I cittadini dell'UE o AELS (l'"Associazione europea di libero scambio", nota in inglese come EFTA, e composta da Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) per l'ingresso hanno solo bisogno di una carta d'identità valida per l'espatrio o di un passaporto, entrambi ovviamente in corso di validità. In nessun caso si avrà bisogno di un visto per un soggiorno di qualsiasi durata. Gli stessi criteri si applicano anche ai cittadini stranieri. In aggiunta dovranno solo mostrare il regolare visto d'ingresso che gli ha consentito l'accesso al primo stato membro.

I cittadini non-UE/AELS in genere necessitano di un passaporto per l'ingresso in un paese Schengen e la maggior parte avrà bisogno di un visto.

Dal 2012 anche i minorenni devono essere muniti di carta d'identità per lasciare il suolo nazionale e devono essere accompagnati da almeno uno dei genitori indicati in tale documento. In assenza dei genitori il minore deve avere una "dichiarazione di accompagno" da loro firmato e convalidato dagli organi competenti, in cui si indica la persona o l'ente a cui il minore sarà affidato.

Note
(1) I cittadini di questi paesi hanno bisogno di un passaporto biometrico per godere dell'esenzione dal visto.

(2) I cittadini serbi con passaporto rilasciato dalla direzione di coordinamento serba (residenti in Kosovo con passaporto serbo) necessitano del visto.

(3) I cittadini di Taiwan hanno bisogno del loro numero identificativo da stipularsi sul passaporto di godere dell'esenzione del visto.

Solo i cittadini dei seguenti paesi non-UE/AELS non hanno bisogno di un visto per l'ingresso nell'area Schengen: Albania1, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia ed Erzegovina1, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Israele, Giappone, Repubblica di Macedonia1, Malesia, Maurizio, Messico, Moldavia1, Principato di Monaco, Montenegro1, Nuova Zelanda, Nicaragua, Panama, Paraguay, Saint Kitts e Nevis, San Marino, Serbia1, 2, Seychelles, Singapore, Corea del Sud, Taiwan3 (Cina), Stati Uniti, Uruguay, Città del Vaticano, Venezuela, inoltre le persone in possesso di passaporti del British National (Overseas), Hong Kong o Macao.

I cittadini non-UE/AELS non possono rimanere più di 90 giorni in un periodo di 180 giorni all'interno dell'area Schengen nel suo complesso e, in generale, non possono lavorare durante il loro soggiorno (anche se alcuni paesi Schengen fanno eccezione a certe nazionalità; vedi sotto). Il conteggio inizia una volta che si entra in un paese dell'Area Schengen e continua anche quando si lascia un paese Schengen per un altro.

I cittadini non UE/AELS (anche se esenti da visto, a meno degli andorrani, monegaschi o sammarinesi), devono accertarsi che il passaporto venga timbrato sia all'ingresso che all'uscita dall'area Schengen. Senza il timbro d'ingresso, si può essere trattati come coloro che hanno ecceduto la permanenza prevista dal visto quando si tenta di lasciare lo spazio Schengen; inoltre a chi è privo di un timbro di uscita, può essere negato l'ingresso la successiva volta che cerca di entrare nell'area Schengen perché potrebbe risultare che ha ecceduto il soggiorno durante la visita precedente. Se non è proprio possibile ottenere un timbro apposto sul passaporto, assicurarsi di conservare documenti quali carte di imbarco, biglietti di trasporto e ricevute ATM che possono aiutare a convincere il personale d'ispezione frontaliero della legale permanenza nell'area Schengen.

Notare che:

  • I sudditi britannici con aventi il diritto residenza nel Regno Unito e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare connessi a Gibilterra, sono considerati "cittadini del Regno Unito ai fini dell'Unione europea" e quindi possono beneficiare di un accesso illimitato alla zona Schengen.
  • I sudditi britannici e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare, entrambi senza diritto di residenza nel Regno Unito, necessitano del visto.

Tuttavia, tutti i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare ad eccezione di quelli esclusivamente collegati alle zone di sovranità di Cipro sono eleggibili per la cittadinanza britannica e, successivamente, all'accesso illimitato all'area Schengen.


NSHI speed - Sito che vi aiuta a scegliere il viaggio dall'Italia e da altre nazioni europee verso i Paesi Bassi e viceversa al prezzo più vantaggioso (in inglese e olandese).

In aereo[modifica]

  1. Aeroporto internazionale di Schiphol [1] — A circa 10 km dalla capitale Schiphol è il maggiore aeroporto del paese. Voli dall'Italia sono operati dalle linee aeree KLM, Easyjet, Meridiana, Transavia, My air.
  2. Aeroporto di Eindhoven [2] — Vi fanno scalo gli aerei di Ryanair provenienti da Alghero, Milano-Bergamo Orio al Serio, Pescara, Pisa, Roma-Ciampino, Brindisi, Treviso
  3. Aeroporto di Maastricht [3] — Voli della Ryanair [4] da Pisa
  4. Aeroporto di Rotterdam — Un volo della Transavia da Roma
  5. Aeroporto di Weeze [5] — Situato in territorio tedesco, l'aeroporto di Weeze dista una trentina di km dalla città di Nimega. Al 2012 vi operava Ryanair con parecchi voli da scali italiani. Collegamenti con Amsterdam e altre città sono assicurati dalle autolinee AirExpressBus.


In nave[modifica]

I collegamenti marittimi con il Regno Unito sono gestiti da tre compagnie:

Maggiori informazioni su orari e prezzi sui traghetti del Mare del Nord sul sito Ferries To Amsterdam.

Dutchflyer è un biglietto cumulativo che include il viaggio in treno da qualsiasi località servita dalla rete National Express East Anglia (incluse Londra e Norwich) fino al porto di Harwich più il passaggio in nave e il viaggio sui treni delle ferrovie olandesi

In treno[modifica]

Di seguito è fornita qualche informazione sui collegamenti ferroviari con i paesi vicini:

In autobus[modifica]

Consulta il sito di Eurolines per conoscere itinerari e orari dall'Italia.

Come spostarsi[modifica]

In treno[modifica]

InterRail propone, oltre al pass globale, l'"One Country Pass" valido per tutta l'area del Benelux e disponibile in tagli dai 3 agli 8 giorni da consumarsi entro un mese. Maggiori dettagli sul sito dell'InterRail

Se pensate di fare a meno delle proposte dell'InterRail, potete consultare il sito in inglese delle ferrovie olandesi per conoscere offerte e promozioni. La Day Travel Card vi permette per un giorno l'uso dei treni su tutto il territorio nazionale. È acquistabile presso le emittitrici automatiche. Il suo prezzo al 2012 era di 47 euro.

In autobus[modifica]

Eurolines Netherlands è la maggiore compagnia di autolinee

Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

Paesi che hanno l'euro come moneta ufficiale:

La valuta nazionale è l'euro (€, EUR). Si tratta di uno dei 25 Paesi europei che utilizzano questa valuta comune: molti facenti parte dell'Unione Europea in particolare dell'eurozona, insieme ai 6 membri extracomunitari che però non hanno voce in capitolo negli affari della zona euro. Globalmente questi 25 Paesi hanno una popolazione di oltre 330 milioni.

Un euro è diviso in 100 centesimi. Secondo la normativa europea il simbolo € è sempre posto dopo la quantità (per esempio 15€). Tutte le banconote hanno esattamente la stessa fattura e tutte hanno corso legale in tutti i Paesi della zona euro.

  • Banconote — Tutte le banconote hanno esattamente lo stesso design.
  • Monete — Tutti i Paesi della zona euro hanno monete emesse con un disegno nazionale su un lato e un disegno comune sul lato opposto. Le monete possono essere utilizzate in qualsiasi paese dell'Area Euro, indipendentemente dal disegno usato (cioè una moneta di 1 Euro della Finlandia può essere utilizzata in Portogallo).
  • Monete commemorative da 2 euro — Queste sono disponibili in due varianti: la forma comune e il conio commemorativo. In questo caso differiscono dalle normali monete da 2 euro solo nella loro parte "nazionale" e circolano liberamente come moneta a corso legale. Ogni paese può produrne una certa quantità come parte della sua normale produzione di monete e qualche volta "a livello europeo" le monete da 2 euro sono prodotte per commemorare eventi speciali (ad esempio, l'anniversario dei trattati più importanti).
  • Altre monete commemorative — La variante molto più rara è relativa alle monete commemorative di altri importi (ad esempio 10 euro o più) che hanno i disegni del tutto particolari e spesso contengono quantità non trascurabili di oro, argento o platino. Sebbene a livello prettamente legale il loro valore sia quello nominale, il valore del materiale utilizzato è di solito molto più alto, pertanto sarà molto improbabile vederle in circolazione.

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD


A tavola[modifica]

A fancy serve of herring at a restaurant
Bitterbal

I Paesi Bassi non hanno grande fama in campo culinario eccezion fatta per i formaggi che riempono gli scaffali dei nostri supermercati. Gouda, Edam, Leerdammer, Maaslander e Maasdam sono i marchi più noti.

A differenza degli Italiani, gli Olandesi quando decidono di cenare fuori non vanno a caccia di ristoranti di cucina nazionale bensì di ristoranti esotici avendo a disposizione un gran numero di servizi di ristoro asiatici soprattutto indonesiani.

Tra le pietanze tipiche olandesi le più comuni sono:

  • Aharing (Aringhe) — Non mancano mai nei chioschi e presso i venditori ambulanti e spesso compaiono nel menù dei ristoranti eleganti. Vengono servite con cipolla tritata.
  • erwtensoep o snert (Minestra di piselli) — Molto densa è fatta di piselli secchi, patate, più carne di maiale (lardo, piedini, cotica, pancetta) al cui posto appare talvolta la salsiccia affumicata (kielbasa). È accompagnata da pane di segale e burro.
  • Bitterbal — Sono crocchette di carne di manzo o vitella fritte in burro previa infarinatura e ricoperte di mostarda. Vengono servite negli snack per accompagnare la birra. Gli Olandesi ne sono ghiotti.
  • Boerenkool (Letteralmente cavolo del contadino) — Un tipo di verza servita con salsiccia affumicata e patate tritate.
  • Asperges Flamandes
  • Zuurkool — Crauti con patate.
  • Hutspot — Carne di manzo bollita a lungo e poi tagliata a dadini. Servita con purea di patate, carote e cipolle.
  • Stoofvlees (Carbonade flamande) Spezzatino di manzo stufato e cipolla, bagnato con birra.
  • Stamppot — Purea di patate e parecchie altre verdure (indivia, verza, carote e cipolle). Serve per accompagnare salsicce e carni varie.
  • Rookworst (letteralmente "salsa affumicata") —
  • Pannenkoeken (pancake) — Simili alle crêpes francesi, ma più spessi, Pannenkoeken possono essere dolci (marmellata e frutta) o salati (formaggio, prosciutto)

Portate da dessert[modifica]

  • Poffertjes — Mini crepes cosparse di zucchero a velo, marmellate o creme varie.
  • Stroopwafel (wafer allo sciroppo) — Un tipo biscotto olandese composto da due wafer con in mezzo sciroppo al caramello (stroop).
  • Limburgse vlaai — Torte o crostate di 27–30 cm di diametro e ripiene di frutta varia (albicocche, fragole, etc) mista a creme. Dolce originario della città di Weert città nel Limburgo
  • Tompouce Il mille-feuille in versione olandese
  • Nonnevot — Originariamente un dolce di carnevale, Nonnevot è oggi reperibile nelle pasticcerie e nelle panetterie.
  • Vla il giusto modo per cominciare la giornata o finire un pasto, è il dolce preferito dagli olandesi e si trova in cartoni come quelli del latte nel banco frigo in ogni supermercato. La consistenza è simile alla crema pasticciera, la ricetta prevede latte, zucchero (tanto) uova amido di mais e mille varianti dalla vaniglia fino al pistacchio. Impagabile!!

Snackbars[modifica]

Fast food vending machines a Febo
Kalfsvleeskroket


Bevande[modifica]

Hasseltse jenever.jpg
  • Birra
  • Bitter e gin


Infrastrutture turistiche[modifica]


Eventi e feste[modifica]

Inverno[modifica]

Maastricht - carnevale
  • Cannabis Cup novembre —
  • Sinterklaas 5 dicembre —
  • CarnevaleMaastricht ospita il più famoso carnevale dei Paesi Bassi


Primavera[modifica]

Koninginnedag
  • Elf Fantasy Fair — aprile
  • Koninginnedag (giorno della regina) — 30 aprile


Estate[modifica]

Dance Valley 2009
Mystery Land, 2003
Zomercarnaval di Rotterdam
Spettatori vestiti di bianco al Sensation del 2006
  • Sensation [6] — Precedentemente noto come 'Sensation White' è un festival di successo organizzato da ID&T.[7] Gli spettatori devono vestirsi di bianco. Si assiste a concerti di DJs musica house all'ArenA di Amsterdam.
  • Northsea Jazz Festival [8]
  • Carnevale d'estate [9] — Sfilate per le strade di Rotterdam. Un evento da non mancare
  • Amsterdam Roots Festival giugno —
  • Oerol Festival giugno —
  • Holland Festival
  • Zwarte Cross Festival — luglio
  • Dance Valley [10] (metà luglio) — Dedicato alla danza, il festival attrae all'incirca 40.000 spettatori. Si svolge vicino l'aeroporto di Schiphol, al parco di Spaarnwoude, ove sono allestiti tendoni ciascuno dedicato a un diverso genere di dance music.
  • Vierdaagsefeesten [11] (terzo martedì di luglio) — Festival musicale dove si esibiscono rinomate bande olandesi del genere rock o dell'electronic dance. Si svolge a Nimega e dura una settimana. I partecipanti ammontano a un milione.
  • Castlefest agosto —
  • Sneekweek agosto —
  • Hartjesdag agosto —
  • Mystery Land [12] (ultima domenica d'agosto) — Dance festival che ha luogo nei pressi dell'aeroporto di Schiphol. Vi vengono messe in scena anche rappresentazioni teatrali.


Autunno[modifica]

Roodharigendag
  • Roodharigendag settembre —
  • Defqon.1 [13] — Festival dedicato a vari generi dell'Hardcore dancing. Si svolge al parco Biddinghuizen nel comune di Dronten (Flevoland). Prima del 2009 ricorreva a metà giugno. All'evento partecipano circa 50 000 persone, il triplo dei posti disponibili nel vicino campeggio.


Sicurezza[modifica]


Situazione sanitaria[modifica]

Il Sistema sanitario è privatizzato, gestito da numerose assicurazioni. Il contratto con l'assicurazione, per legge, deve essere stipulato entro 4 mesi dal trasferimento nei Paesi Bassi, ed è un requisito necessario per lavorare in Olanda. Per iniziare questo contratto viene richiesto il "Burgernummer", ossia il numero di registrazione al comune di residenza.

Rispettare le usanze[modifica]

Pur essendo legalizzato l'uso di droghe leggere, quello delle pesanti è severamente vietato. Portate rispetto verso la monarchia. Inoltre, gli olandesi non sono particolarmente loquaci: non cercate di intromettervi nel loro stile stile di vita, ed evitate di parlare dei belgi e del cattolicesimo.

Contrariamente a quanto possano essere pratica abbastanza comune in altri paesi, invitare un olandese con cui si è in affari a una cena o colazione di lavoro potrebbe fare pessima impressione su di lui e penserà che non siate persone serie.

Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti