Scarica il file GPX di questo articolo

Milano

Da Wikivoyage.
Milano
Skyline di Milano
Stemma e Bandiera
Milano - Stemma
Milano - Bandiera
Appellativi
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Milano
Milano
Sito del turismo
Sito istituzionale

Milano è il capoluogo dell'omonima città metropolitana e della Lombardia.

Da sapere[modifica]

È la seconda città più popolosa del Paese e si trova al centro della più grande area urbana e metropolitana d'Italia. Milano è ricca di luoghi storici e moderni degni di nota, e conserva uno dei dipinti più famosi del mondo, l'Ultima Cena di Leonardo da Vinci.

Milano è la più importante piazza finanziaria d'Italia e ospita la Borsa Italiana. È una delle capitali mondiali della moda ed è il punto di riferimento mondiale per il design. Shopping e vita notturna sono solo alcune delle molte attività ricreative offerte da questa città cosmopolita e di respiro europeo.

Cenni geografici[modifica]

La Madonnina

Milano è situata al centro della Pianura padana, a circa metà strada dai due maggiori affluenti del Po (Ticino e Adda), in una zona semi pianeggiante. Il territorio comunale è attraversato dai fiumi Lambro, Olona e Seveso. Milano è quasi interamente costruita su terreno alluvionale. I maggiori rilievi sono artificiali (la montagnetta di San Siro, costruita con le macerie della seconda guerra mondiale e con il materiale di risulta degli scavi della metropolitana) o di scarsissima importanza (monte Merlo, sporgente non più di 15 metri dalla pianura). La struttura della città è perfettamente radiale (con la sola eccezione del quartiere Città studi) e conta cinque cinture concentriche:

  • La cerchia dei Navigli, che è quella più interna, alla cui progettazione partecipò Leonardo da Vinci; i Navigli della cerchia sono da tempo coperti. È rimasta come circonvallazione viaria racchiudente quanto resta della città medievale. Si snoda (in senso orario) in via De Amicis, via Carducci, nel fossato del Castello Sforzesco, via Pontaccio (che era sede degli spedizionieri), via Fatebenefratelli, via Senato, via Visconti di Modrone, via Francesco Sforza, via Santa Sofia, via Molino delle Armi
  • La cerchia dei bastioni, ossia delle mura spagnole, circa 200 m (in media) all'esterno della precedente. Comprende viale Crispi, Bastioni di Porta Nuova, Bastioni di Porta Venezia, viale Majno, viale Bianca Maria, viale Regina Margherita, viale Caldara, viale Filippetti, viale Beatrice d'Este, viale Gian Galeazzo, viale D'Annunzio, viale Papiniano, viale di Porta Vercellina, via Toti, via XX settembre. Poi c'è un'interruzione, occupata dal Parco Sempione.
  • La circonvallazione, cosiddetta 90/91 dalla linea filoviaria che la percorre, con viale Brianza, vale Abruzzi, viale Umbria, viale Isonzo, viale Toscana, via Tibaldi, viale Cassala, viale Troya, viale Misurata, viale Bezzi, viale Ranzoni, viale Murillo, viale Migliara, viale Elia, viale Serra, viale Monte Ceneri, Cavalcavia Bacula (Ponte della Ghisolfa), viale Bodio, viale Jenner, viale Marche, viale Lunigiana.
  • La circonvallazione esterna, incompleta in quanto manca l'arco nord, che comprende viale Lombardia, viale Romagna, viale Molise, viale Puglie, viale Ortles, via Antonini, via Giovanni da Cermenate, viale Famagosta, via Santa Rita da Cascia, Cavalcavia Milani, piazza Frattini, via D'Alviano, viale Pisa, viale Mar Ionio, via Gavirate per poi reinnestarsi nella 90/91 in piazzale Lotto
  • La cintura autostradale: la tangenziale est A51, che connette l'autostrada A4 Milano-Brescia-Venezia con la l'autostrada A1 Milano-Napoli; la tangenziale ovest A50 che connette la A1 con la A4 Milano-Torino, ed è connessa all'A51 con una bretella tra San Donato Milanese e San Giuliano Milanese; la tangenziale nord A52, praticamente un tratto urbano della A4 Torino-Venezia.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 5,4 8,1 13,0 17,6 21,8 26,3 29,2 27,6 23,9 17,4 10,6 6,4
Minime (°C) 0,8 2,7 6,1 9,6 13,3 17,1 19,9 19,0 16,2 11,2 6,0 1,6
Precipitazioni (mm) 66 58 80 70 93 69 62 85 66 102 94 50

Non esiste un periodo migliore per visitare Milano. Vista l'offerta culturale, storica, artistica e ludica, può essere visitata tutto l'anno.

Il clima è continentale con inverni freddi e con alcune giornate di gelo. Il fenomeno della nebbia sta diventando via via sempre meno frequente. Le estati sono calde, umide e moderatamente piovose.

Cenni storici[modifica]

Si presume che Milano fu fondata dai celti appartenenti alla cultura di Golasecca. Come dimostrano prove archeologiche del XIX secolo probabilmente nacque come un piccolo villaggio, che un po' alla volta andò ingrandendosi. Secondo la tradizione riportata da Tito Livio la fondazione avvenne attorno al 600 a.C. ad opera di Belloveso, nipote del sovrano dei Galli Biturgi che si insediò nel mezzo della pianura, sconfiggendo le popolazioni etrusche.

Il nome deriva probabilmente dalla collocazione geografica del nucleo abitato, situato nel mezzo di importanti vie di comunicazione, da cui il nome celtico Medhelan e poi quello latino Mediolanum; in epoca successiva il nome latino ha anche assunto il significato di una scrofa di cinghiale per metà lanuta (nome più adatto ad un simbolo figurativo). L'importanza militare, politica ed economica portò Milano a essere riconosciuta municipium e poi colonia imperiale, fino a diventare capoluogo della Transpadana. Dopo che Giulio Cesare aprì la Britannia ai commerci e all'influenza romani con soldati mediolanensi, alla crescita dell'importanza militare si accompagnò il riconoscimento politico. Al momento della suddivisione dell'Impero Romano effettuata da Diocleziano nel 286 (Tetrarchia), Milano divenne, con Treviri, capitale dell'Impero romano d'Occidente. A Milano, nel 313 d.C. Costantino si accordò con Licinio per consentire, con l'editto di Milano o Editto di Costantino, la pratica del culto cristiano.

Milano nel 1156

Dopo il periodo medievale, vi fu un periodo di grande sviluppo sotto il governo delle famiglie Visconti e Sforza, con un rifiorire di arte e scienze. In questa epoca è nata anche la struttura della città, secondo un piano regolatore cui collaborò attivamente Leonardo da Vinci, centrato su una cerchia di canali (la Cerchia dei Navigli) alimentati dal fiume Ticino (Naviglio Grande) e sfocianti ancora nel Ticino (Naviglio Pavese), appunto alla base della struttura radiale della città.

Nel XVI secolo la dominazione degli Sforza si esaurì con Lodovico Sforza detto Il Moro, e Milano passò prima sotto il controllo francese e quindi sotto il dominio spagnolo (del quale vi è una mirabile descrizione ne I promessi sposi). Nel XIX secolo, dopo il breve intervallo del napoleonico Regno d'Italia, Milano passò sotto il controllo dell'Impero Austro-Ungarico come parte del vicereame del Lombardo-Veneto. Nel 1848 la resistenza irredentista milanese si concretizzò nelle cinque giornate di Milano (18 - 22 marzo 1848), nel corso delle quali la guarnigione austriaca venne cacciata temporaneamente dalla Lombardia. Rimase sotto il dominio austriaco fino al 1859 quando, in seguito alla seconda guerra di indipendenza, entrò a far parte del Regno di Sardegna, che divenne Regno d'Italia nel 1861.

Negli anni successivi all'unità d'Italia (1861) Milano si affermò come principale centro economico italiano ed uno dei principali centri europei. Nel 1883 fu inaugurata a Milano, in via Santa Radegonda, la prima centrale elettrica d'Europa, la seconda al mondo dopo quella di New York. A cavallo del XIX e XX secolo, Milano conobbe uno straordinario sviluppo industriale e del terziario che la pose al centro delle vicende economiche del Paese. Fu sede dell'Esposizione Universale del 1906, che celebrava l'apertura del Traforo del Sempione. Tra le due guerre mondiali Milano continuò la sua crescita economica.

Durante la seconda guerra mondiale Milano registrò i più gravi bombardamenti aerei mai subiti da una grande città italiana. Nell'agosto del 1943, durante la cosiddetta settimana d'inferno, 870 aerei inglesi rovesciarono 1430 tonnellate di bombe dirompenti e più di 1000 di ordigni incendiari, che distrussero un terzo dell'area edificata e colpirono il 50 per cento degli edifici. Milano fu uno dei simboli della Resistenza al nazifascismo: il 25 aprile 1945 fu la data dell'occupazione di Milano da parte delle forze del Comitato di Liberazione Nazionale, che cacciarono le ultime forze naziste e che ridussero all'impotenza quelle della Repubblica Sociale Italiana.

Nel secondo dopoguerra Milano ha rinforzò il proprio ruolo economico, industriale e finanziario. Anche se le infrastrutture non hanno sempre assecondato l'impetuoso sviluppo, Milano può essere considerata oggi una delle principali città a livello mondiale.

Expo 2015 Logo.svg

Dal 1° maggio al 31 ottobre 2015 Milano ha ospitato l'Esposizione Universale EXPO Milano 2015, incentrata sui temi legati al cibo. Il motto ufficiale dell'esposizione è "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita".


Come orientarsi[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Centro storico di Milano — Il centro storico della città comprende i monumenti più famosi di Milano, tra cui il Duomo, la Galleria Vittorio Emanuele e il Teatro alla Scala.
      Milano nord — Qui si trovano le due più importanti stazioni ferroviarie (Milano Centrale e Porta Garibaldi), nonché una serie di grattacieli destinati a scopo residenziale e lavorativo.
      Milano ovest — Questa parte della città detiene l'unico patrimonio mondiale dell'UNESCO cittadino, che comprende il famoso dipinto dell'Ultima Cena di Leonardo da Vinci. Altre attrazioni a Milano ovest includono un cimitero con tombe monumentali e il vecchio centro fieristico.
      Milano sud — L'attrazione più conosciuta di questa zona sono i Navigli, ovvero una rete di canali artificiali che è stata costruita tra il XII ed il XIX secolo; un tempo erano utilizzati per la navigazione da e per la campagna lombarda. La zona è ricchissima di locali pubblici ed è uno delle zone più famose dove vivere la movida milanese.
      Periferia di Milano — Anche molti quartieri periferici di Milano posseggono punti di interesse.

La stazione di Milano Centrale è la principale di Milano. L'ingresso è in piazza Duca d'Aosta. È servita dalle linea M2 e M3 della metropolitana milanese (linea verde e gialla).

Anche la stazione di Porta Garibaldi figura tra le principali della città. È situata a nord del centro ed è servita dalla linea M2 e M5 della metropolitana milanese (linea verde e lilla), oltre che da nove linee S (sei di queste convogliate all'interno del passante ferroviario).

Centro[modifica]

Il centro fa perno su piazza Duomo, che è dominata dalla facciata della maggiore cattedrale gotica d'Italia e dalla parte sud della galleria Vittorio Emanuele. Dalla piazza si possono raggiungere (anche a piedi) molte attrazioni di Milano. Il Teatro alla Scala, ad esempio, si trova 400 m più a nord, in via Filodrammatici. Proseguendo su via Alessandro Manzoni si incontra via Monte Napoleone e quindi via della Spiga, le due più famose arterie dello shopping milanese. Corso Vittorio Emanuele collega invece piazza Duomo a piazza San Babila ad est della cattedrale. In senso opposto, percorrendo via Dante, si arriva dopo circa 800 m a piazza Castello, dove sorge l'antica fortificazione sforzesca.

Altri quartieri[modifica]

Milano - Naviglio Grande

Milano è divisa amministrativamente in 9 municipi che sono denominate:

La numerazione dei municipi ha una sua logica: il municipio 1 è quella centrale, mentre le suddivisioni amministrative dalla 2 alla 9 sono municipi sempre più periferiche partendo da nord e procedendo in senso orario. Le direttrici sono quelle dei grandi assi viari di Milano, che si sviluppano radialmente:

  • Municipio 2: corso Buenos Aires - piazzale Loreto - viale Monza - Sesto San Giovanni - Monza - Brianza
  • Municipio 3: piazzale Piola - via Pacini - Cassano d'Adda - Bergamo
  • Municipio 4: viale Forlanini - Aeroporto Linate - Rivolta d'Adda - Treviglio - Brescia
  • Municipio 5: corso Lodi - San Donato - Cremona - Lodi - Bologna
  • Municipio 6: via Lorenteggio - Pavia- Vigevano - Casale Monferrato
  • Municipio 7: via Novara - Novara - Torino
  • Municipio 8: viale De Gasperi - Varese - Como
  • Municipio 9: via Farini - Niguarda - Affori - Lecco

Come accennato, Milano è suddivisa in municipi numerati, ma la suddivisione tradizionale è quella delle porte d'ingresso alle antiche mura, ora non più esistenti. Escludendo il centro storico, la corrispondenza è la seguente:

  • Porta Vittoria: municipio 2
  • Porta Venezia: municipi 2-3
  • Porta Nuova: municipio 3
  • Porta Romana: municipio 5
  • Porta Ticinese: municipio 5
  • Porta Genova: municipio 6
  • Porta Vercellina: municipio 7
  • Porta Sempione: municipio 8
  • Porta Garibaldi: municipio 9


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Terminal 1 Aeroporto Milano-Malpensa

Sono quattro gli aeroporti che servono Milano.

  • 1 Milano-Malpensa (MXP). Circa 50 km a nord di Milano, nella provincia di Varese e presso la città di Gallarate, Malpensa è il secondo hub italiano dopo Roma Fiumicino. Il terminal 2 (di costruzione precedente al maggiore terminal 1) è soprattutto dedicato ai voli charter, oltre ad ospitare alcune particolari tratte internazionali.
I collegamenti con il centro sono assicurati da:
  • Treno Malpensa Express tra Malpensa terminal 1 e Milano Cadorna (M1 M2) (45') - (da e per Milano 11,- EUR solo andata, 14,50 EUR andata e ritorno, solo in giornata). Un treno ogni mezz'ora. Ferma sempre a Saronno e Milano Bovisa; a volte anche a Busto Arsizio. La notte servizio con autobus a 9,- EUR
  • Treno Malpensa Express tra Malpensa terminal 1 e Milano Centrale (M2 M3) (51') con un treno ogni mezz'ora. Ferma sempre a Milano Bovisa e Milano Porta Garibaldi e alternativamente a Saronno, Busto Arsizio Nord e, in alcuni casi Ferno, Castellanza e Rescaldina. I Malpensa Express da Cadorna e Centrale sono cadenzati in modo da avere un treno ogni 15 minuti fra Malpensa e Milano Bovisa.
  • Autobus tra i Terminal 1 e 2 e la stazione Centrale (M2 M3), piazza Luigi di Savoia (50') - (Da e per Milano 5,- EUR o 5,50 EUR solo andata secondo il gestore; non sono previsti biglietti di andata e ritorno). Circa tre autobus ogni ora.
  • Taxi (Tariffa circa 75,- EUR) (35' circa).
Fortemente consigliato il Malpensa Express, un po' caro ma veloce e confortevole. Un mezzo per risparmiare c'è: prendete un biglietto da Milano Cadorna di 2° classe per Saronno (2,10 EUR, un treno ogni 10') e cambiate per il Malpensa Express (che ferma sempre a Saronno - 6,- EUR). Totale 8,10 EUR. O meglio: Milano Cadorna - Busto Arsizio 2° classe (3,75 EUR) e poi Busto Arsizio - Malpensa (3,- EUR). Totale 6,75 EUR, ma non tutti i Malpensa Express fermano a Busto e i treni per Busto sono meno frequenti. Nei due casi dovrete fare biglietti distinti.
Il Malpensa Express parte e arriva al Terminal 1: tenete conto di questo fatto se il vostro volo è al Terminal 2. I due terminal infatti non sono vicini tra loro, ma è presente un servizio di navetta gratuito che li collega: la frequenza è ogni 7 minuti tra le 5.00 e le 24.00, 30 minuti negli altri orari, e il tempo di percorrenza è di circa 15 minuti.
  • 2 Milano-Linate. A circa 5 km a est del centro città, l'aeroporto di Linate il cui nome ufficiale è Enrico Forlanini, è 4° nella graduatoria italiana in termini di traffico.
Aeroporto di Milano-Linate
I collegamenti con il centro sono assicurati da:
  • Autobus urbano 73, tra Linate e corso Europa angolo via Mascagni (M1 San Babila) - (tariffa urbana - 1,50 EUR valido 90 minuti) - circa 25'.

Attenzione: se siete in arrivo all'aeroporto di Linate, per raggiungere il centro città (San Babila M1) fate attenzione ad utilizzare solo i bus 73 o 73/ con destinazione San Babila M1; il bus 73/ ha come altro capolinea una località fuori Milano, per evitare di ritrovarvi da tutt'altra parte fate attenzione alla destinazione del bus (in caso di necessità potete rivolgervi al personale ATM).

  • Autobus navetta LIN tra Linate e la stazione ferroviaria di Porta Vittoria, servita dalle linee S che circolano nel passante ferroviario. La linea ha un bus ogni 10 minuti e il biglietto valido, per passante e bus, nel solo comune di Milano è quello classico da 1,50 EUR.
  • Autobus SEA tra Linate e Milano Centrale (M2 M3) - (3,- EUR solo andata) - Circa 20'
  • Taxi (Tariffa circa 50,- EUR)
Se non avete una mole eccessiva di bagagli, usate l'autobus 73. Le valige un po' grosse pagano un biglietto ciascuna (gratuite negli autobus SEA). Uno zaino non paga biglietto aggiuntivo. La 73 vi porta in pieno centro, a 150 m da piazza del Duomo.
Aeroporto Bergamo Orio al Serio
Di seguito un elenco delle compagnie che vi operavano nel marzo 2009:
I collegamenti da/per il centro sono assicurati da:
  • Autobus Autostradale e Locatelli tra Milano Centrale (M2 M3) e Orio al Serio aeroporto (5.00 EUR solo andata, 9.- EUR andata e ritorno)
  • Autobus Autostradale Tra Milano Lambrate (M2) e Orio al Serio aeroporto (5.- EUR solo andata, 9.- EUR andata e ritorno)

Esiste poi un aeroporto (LIMB) per aviazione generale a Bresso, nel Parco Nord Milano, non lontano da viale Fulvio Testi.

In treno[modifica]

Stazione di Milano-Centrale

Il sistema ferroviario milanese è complesso. Le stazioni principali sono elencate nelle sezioni sottostanti.

Rete nazionale e lunga percorrenza[modifica]

La città di Milano rappresenta il più grande ed importante nodo ferroviario del Nord Italia; come numero di passeggeri che transitano quotidianamente in tutte le sue stazioni, è il polo ferroviario italiano attraversato da più traffico. Essa è servita dalle seguenti stazioni:

  • 4 Milano Centrale, piazza Duca D'Aosta 1 (Il più importante del nodo ferroviario milanese), +39 89 20 21 (senza prefisso).
  • 5 Milano Porta Garibaldi, piazza Sigmund Freud, 1 (La seconda stazione viaggiatori della città, ha una parte sotterranea).
  • 6 Milano Lambrate, via degli Orombelli 7/A (Importante stazione viaggiatori di passaggio).
  • 7 Milano Rogoredo, via Giovanni Battista Cassinis (Importante stazione viaggiatori e scalo merci).
  • 8 Rho Fiera Expo Milano 2015 (Al servizio del polo fieristico di Milano).

Ogni giorno transitano per la Stazione Centrale circa 270.000 passeggeri, altri 100.000 per la Stazione Cadorna di TreNord e complessivamente altri 250.000 per le altre stazioni disseminate nella città, per un totale di circa 620.000 persone. La maggior parte di essi sono pendolari, che si aggiungono al milione di veicoli che quotidianamente entrano nella città dall'area metropolitana.

Linee AV/AC[modifica]

Sono attive le linee AV/AC Milano-Roma-Napoli e Milano-Torino. Oltre a Milano Centrale e Milano Porta Garibaldi, le stazioni per i TAV (Treni ad Alta Velocità) sono:

  • Milano Rogoredo (treni da sud)
  • Milano/Rho Fiera (treni da ovest)

La linea Milano-Venezia (verso Trieste) è parzialmente in costruzione. La stazione AV/AC per i TAV provenienti da est sarà quella di Pioltello.

Ferrovie suburbane e regionali[modifica]

Stazione di Milano Cadorna
Treno in sosta a Milano Porta Venezia (passante ferroviario)

Il Servizio ferroviario suburbano di Milano servizio ferroviario suburbano (Linee "S"), composto complessivamente da 11 linee suburbane, collega gran parte dell'area metropolitana milanese (Grande Milano), ed altre importanti città vicine (Saronno, Varese, Como, Novara, Pavia, ecc.). Il servizio è gestito da Trenord. Le 11 linee S garantiscono un treno ogni mezz'ora dalle 6.00 alle 00.30, tutti i giorni dell'anno per un servizio simile alla metropolitana (corrisponde alla RER parigina ed alla tedesca S-Bahn). I treni transitano sempre allo stesso minuto di ogni ora (orario cadenzato) ed effettuano tutte le fermate lungo la tratta. Le principali stazioni sono (in aggiunta a quelle già citate) :

  • 9 Milano Cadorna, piazzale Cadorna 14 (Stazione viaggiatori di testa).
  • 10 Milano Bovisa-Politecnico, piazza Alfieri 9 (Stazione viaggiatori passante, treni regionali e suburbani).
  • 11 Milano Porta Vittoria, via Molise (Stazione viaggiatori passante).
  • 12 Milano Greco Pirelli, piazzale Egeo 8 (Stazione viaggiatori passante).
  • 13 Milano Porta Genova, piazzale Stazione Genova 4 (Stazione viaggiatori di testa).
  • 14 Milano Porta Romana, viale Isonzo (Stazione viaggiatori e scalo merci).
  • 15 Milano San Cristoforo, piazza Tirana (Stazione viaggiatori e scalo merci).
  • 16 Milano Certosa, via Mambretti (Stazione viaggiatori e scalo merci).
  • 17 Milano Lancetti, viale Lancetti (Stazione viaggiatori passante).
  • 18 Milano Villapizzone, via Fusinato (Stazione viaggiatori passante).
  • 19 Milano Repubblica, piazza della Repubblica (Stazione viaggiatori passante, sotterranea).
  • 20 Milano Porta Venezia, corso Buenos Aires (Stazione viaggiatori passante, sotterranea).
  • 21 Milano Dateo, piazzale Dateo (Stazione viaggiatori passante, sotterranea).

In auto[modifica]

La tangenziale nord A52, la tangenziale est A51 e la tangenziale ovest A50 compongono il più esteso sistema italiano di tangenziali intorno ad una città, per una lunghezza complessiva di 74.4 km. Gli svincoli in totale sono 45 per ogni senso di marcia. Aggiungendo alle tre tangenziali il tratto urbano della A4 che corre parallelo alla tangenziale nord si ottiene un sistema di autostrade urbane che circonda totalmente il comune di Milano di 95.4 km. L'intero sistema si sviluppa su carreggiate con 3 corsie di marcia più una corsia di emergenza per ogni direzione, esclusa la Tangenziale Nord che possiede 2 corsie di marcia ed una di emergenza. Il sistema non consente il passaggio completo gratuito. Oltre al sistema delle tangenziali, la struttura delle autostrade e strade di grande comunicazione è radiale e sostanzialmente segue le direttrici storiche. Da nord-est ed in senso orario, le principali direttrici sono:

È possibile consultare questo sito o questo sito per conoscere i prezzi degli autonoleggi all'aeroporto di Milano Linate e Milano centro.

In autobus[modifica]

Filobus sulla linea 90 in piazza Luigi di Savoia

Milano non ha un sistema organizzato di terminali autobus. Solo di recente sono state attestate poche linee extraurbane ai terminali di Cascina Gobba (M2) e Bisceglie (M1). Altri punti sono sparsi per la città (In piazza Castello in via di eliminazione), o in corrispondenza di stazioni (Milano Centrale per i servizi verso gli aeroporti di Malpensa, Linate e Orio al Serio). Tra i terminal bus più importanti quelli di Milano Lampugnano (sul retro della omonima stazione della metropolitana) e Milano Rogoredo (nei pressi della omonima Stazione Ferroviaria), che fungono da Capolinea per le principali autolinee nazionali e internazionali (Orari bus di Milano su "oraribus.com").

Con il Car Pooling[modifica]

Un modo innovativo, economico ed ecologico per raggiungere Milano è sicuramente quello del carpooling. Sul sito Carpooling Milano è possibile visionare tutti i passaggi per Milano a partire da diverse città italiane ed europee.

Come spostarsi[modifica]

A Milano si viaggia con biglietto a tariffa urbana da 1,5 EUR. Il Servizio Ferroviario Regionale (R), invece, collega Milano al resto della Lombardia, mentre il Servizio Ferroviario Suburbano (S) il capoluogo al suo hinterland. Le tre diverse reti di trasporto sono ben distinte e sono riconoscibili all'esterno delle stazioni e delle varie fermate grazie a specifici cartelli luminosi che indicano M, S o R, facilitando così notevolmente l'interscambio fra i sistemi.

Metropolitana[modifica]

Mappa della rete
Milano, metropolitana linea M1

Milano dispone di 4 linee di metropolitana:

  • Linea M1 (chiamata Linea Rossa) termina a nord-est con capolinea Sesto F.S., la linea alla fermata di Pagano si biforca e prosegue verso nord-ovest (capolinea Rho-Fiera) e verso sud-ovest (capolinea Bisceglie).
  • Linea M2 (Linea Verde) termina a sud con i capolinea Abbiategrasso ed Assago Forum, con la biforcazione a Famagosta; la linea alla fermata di Cascina Gobba si biforca e prosegue verso nord-est (capolinea Cologno Nord) e verso est (capolinea Gessate).
  • Linea M3 (Linea Gialla) collega il capolinea a nord Comasina con il capolinea a sud-est San Donato.
  • Linea M5 (Linea Lilla) da Bignami a San Siro Stadio.

La rete, gestita dall'ATM e indicata con il logo M, si estende per più di 100 km. Dalla fermata di Cascina Gobba (M2), inoltre, parte una linea di metrò automatico che la collega al vicino ospedale universitario S. Raffaele ("Metrò S. Raffaele").

Prolungamenti futuri[modifica]

Attualmente sono in costruzione diversi prolungamenti delle linee M, che aggiungeranno complessivamente alla rete altri 15 km e circa 10 nuove fermate.

  • La linea M1 verrà prolungata a nord fino al comune di Monza, con la fermata di Cinisello - Monza.
  • La linea M4 (Linea Blu, da San Cristoforo all'Aeroporto di Linate) è in costruzione (inizio lavori 2012) e si svilupperà lungo la tratta San Cristoforo - Aeroporto di Linate, incrociando la M2 a Sant'Ambrogio e la M1 a San Babila. L'apertura dell'intera linea è prevista per il 2022.

Tranvie[modifica]

Tram storico noti anche come "vetture a carrelli"

La città dispone inoltre di una rete tranviaria molto estesa (287 km di binari) formata sia da tram di vecchio tipo sia dai nuovi tram che vanno diffondendosi nelle maggiori città europee. I tram più caratteristici della rete tranviaria milanese sono indubbiamente le Carrelli costruite tra il 1928 e il 1935 in circa 500 esemplari e tuttora in circolazione in 163 unità.

Taxi[modifica]

Si trovano in genere nelle stazioni dedicate; in genere l'uso è di chiamare per telefono i radiotaxi (alcuni numeri: 024040; 026969; 028585). Il numero 147 814 781 gestito dal Comune elenca con un risponditore (in italiano) le stazioni di taxi più vicine al numero che chiama. Se chiamate un taxi per telefono, il conteggio della tariffa parte dal momento in cui il taxi parte; solitamente gli operatori dei radiotaxi comunicano il numero di minuti di attesa (la cifra che troverete salendo sul taxi sarà tanto più alta quanto più sono i minuti). Vi sono tariffe concordate con il Comune di Milano per i servizi per la nuova Fiera a Rho - 55,- EUR solo andata, e per l'aeroporto di Malpensa - 75,- EUR solo andata. Si tenga presente che un viaggiatore solo può raggiungere queste destinazioni con altri mezzi a costi 20 volte inferiori (Fiera) o 7 volte inferiori (Malpensa) tramite i mezzi pubblici.

Cosa vedere[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Distretti di Milano.

Le attrazioni turistiche di Milano sono molteplici, a partire da edifici storici come il Palazzo Reale, la Galleria Vittorio Emanuele, il Castello Sforzesco e il Teatro alla Scala, uno dei teatri più famosi al mondo, fino a edifici più moderni come il Grattacielo Pirelli e la Torre Unicredit. Attrazioni non mancano neanche per gli amanti dello sport, Milano è infatti la città dell'Inter e del Milan e possiede uno degli stadi più famosi al mondo, lo Stadio Giuseppe Meazza.

Simbolo della città è ovviamente il Duomo, sulla cui sommità si trova la Madonnina, statua in rame resa celebre dalla canzone Oh mia bella madunina di Giovanni D'Anzi. Un'altra importante chiesa è quella di Santa Maria delle Grazie, nella parte occidentale nella città, dove si trova il cenacolo di Leonardo da Vinci, patrimonio UNESCO.

Per gli amanti dell'arte, Milano è inoltre ricca di musei e mostre temporanee come la Pinacoteca di Brera, dove è possibile ripercorrere la storia dell'arte italiana e il Museo del Novecento, dove si trovano il Quarto stato di Pellizza da Volpedo e Forme uniche della continuità nello spazio di Boccioni.

Nella città viscontea è inoltre possibile osservare le porte medievali d'accesso alla città. Anche se gran parte della cinta muraria è stata abbattuta, molte porte si sono infatti conservate. Percorrendo l'antico tracciato delle mura in senso orario si incontrano: Porta Nuova, Porta Venezia (chiamata precedentemente Porta Orientale e Porta Renza, poiché usata da Renzo per entrare nella città ne I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni), Porta Romana, Porta Ticinese, Porta Sempione e Porta Garibaldi (precedentemente Porta Comasina).

Anche se non sono presenti grandi aree verdi come in altre città europee, come Londra e Parigi, Milano possiede numerosi giardini e parchi sparsi per la città. Il più famoso di questi è il Parco Sempione, situato alle spalle del Castello Sforzesco, ma importanti sono anche i Giardini Pubblici Indro Montanelli, dove, tra l'altro, si trovano il museo di scienze naturali e il Planetario.

Eventi e feste[modifica]

  • Fiera degli oh bej, oh bej (letteralmente "oh che belli, oh che belli"). Si svolge nel periodo della festa del Patrono Sant'Ambrogio (7 dicembre). Fino a qualche anno fa era attorno alla chiesa omonima, oggi è stata spostata attorno al Castello Sforzesco; da non confondersi con la fiera dell'artigianato che si svolge presso la fiera di Rho. Oh Bej! Oh Bej! su Wikipedia Q3851885 su Wikidata
  • Corteo dei Re Magi. antica processione religiosa di origine medioevale che viene organizzata il giorno dell'Epifania (6 gennaio). Parte da piazza del Duomo e giunge alla Basilica di Sant'Eustorgio.
  • 22 Bit (Borsa Internazionale del Turismo), piazzale Carlo Magno, 1. Ecb copyright.svg 5,- EUR. Simple icon time.svg Febbraio: nel 2015 dal 12 al 14 febbraio. Una fiera dove è possibile scoprire le ultime novità in ambito turistico e le mete più ambite.


Cosa fare[modifica]

Le attività, sia culturali che non, da svolgere a Milano sono molteplici. Forse quella più comune è quella di ammirare lo Skyline dalla città dal tetto del Duomo, dalla Torre Branca nel Parco Sempione o da uno dei nuovi grattacieli della parte settentrionale della città.

Numerose sono anche le fiere che annualmente vengono organizzate presso la Fiera Milano City o FieraMilano di Rho, tra queste citiamo il Salone Internazionale del Mobile e la BIT (Borsa Internazionale del Turismo).

Teatri[modifica]

Musica classica e lirica[modifica]

Teatro Lirico

A Milano sono presenti numerosi teatri. Tra questi, il più famoso e noto in tutto il mondo è sicuramente il Teatro Alla Scala che aprì la prima volta nel 1778. Danneggiato durante la secondo Guerra Mondiale, fu restaurato e riaprì nel 2004 dopo un'ampia ristrutturazione.

Altri importanti teatri sono il Teatro Dal Verme, dove vengono proposti spettacoli di musica classica, il Conservatorio di musica Giuseppe Verdi, che oltre a istruire i musicisti di domani, organizza interessanti cicli di concerti nelle sale Verdi (oltre 1000 posti) e Puccini, l'Auditorium di Milano, sede dell'orchestra Verdi, offre un nutrito programma di musica classica e moderna e il Teatro Lirico.

Prosa[modifica]

Piccolo Teatro

I principali teatri per spettacoli di prosa sono invece:

  • Piccolo Teatro di Milano, Sito ufficiale. Un teatro di prosa classico-moderna con tre sedi:
    • Teatro Strehler, Largo Greppi. 892 posti in una sede modernissima.
    • Teatro Grassi, via Rovello, 2. 406 posti nella sede classica.
    • Teatro studio, via Rivoli, 6. 406 posti in una platea circolare.
  • Teatridithalia - Elfo e Portaromana Associati, Sito ufficiale. Un teatro di prosa contemporanea con due sedi:
    • Teatro dell'Elfo, via Ciro Menotti 11.
    • Teatro Leonardo da Vinci, via Ampère 1, ang. P.zza Leonardo da Vinci.


Opportunità di studio[modifica]

Studi universitari[modifica]

Università Statale di Milano, via Festa del Perdono
Politecnico di Milano, piazza Leonardo da Vinci

Milano ospita varie università indipendenti più un'Accademia di Belle Arti:

Studi di lingue[modifica]

Italiano per stranieri[modifica]

Corsi di base, avanzati e di preparazione a certificazioni:

  • Municipio 1 - via G. D'Annunzio 15, 20123 Milano, Tel: +39 025 810 3696 +39 028 940 5142 - Fax: +39 028 324 1889
  • Municipio 2 - via Beroldo 9, 20127 Milano, Tel: 022 822 226 - Fax: 022 682 0701
  • Municipio 4 - via Decorati al Valor Civile 10, 20138 Milano, Tel: +39 028 846 5585 +39 027 306 87 - Fax: +39 027 010 4239
  • Municipio 4 - via Mincio 21, 20139 Milano, Tel: +39 025 521 3370 +39 028 846 5586 - Fax: +39 025 695 138
  • Municipio 8 - via G. Quarenghi 12, 20151 Milano, Tel: +39 023 084 353 - +39 028 846 5588 - Fax: +39 023 084 952


Opportunità di lavoro[modifica]

Anche in un quadro regionale di sostanziale piena occupazione (grazie anche alla favorevole congiuntura economica) non è semplice trovare lavoro, specie temporaneo e non qualificato, in virtù della rigidità della legislazione vigente. Lavori stagionali sono possibili compatibilmente con lo status di cittadino UE nel campo turistico e agricolo (questo ovviamente non in città) e nell'assistenza agli anziani. Vi sono comunque numerose agenzie di lavoro interinale cui ci si può rivolgere.

Acquisti[modifica]

Via Montenapoleone
Corso Buenos Aires

Forse uno dei simboli di Milano. Sono presenti esercizi commerciali in cui fare acquisti per tutte le tasche e per tutti i gusti. Nei pressi delle zone citate sotto, che sono quelle più famose, guardate anche nelle vie limitrofe: spesso sono presenti esercizi commerciali in cui vale la pena fare acquisiti.

  • 1 Zona Montenapoleone - Spiga, via Montenapoleone e via Spiga. In pieno centro (Municipio 1). La culla della moda italiana. Dimenticate i prezzi, secondo il detto se devo chiedere il prezzo, vuol dire che non posso permettermelo. Tutte le grandi firme hanno un negozio in questa zona, e si vedono veramente le cose più belle, forse, del mondo. Non ci sono, ovviamente, grandi magazzini, benché Gucci abbia un Megastore su tre piani da pochi anni. M1 San Babila, M3 Montenapoleone
  • 2 Zona Vercelli, corso Vercelli. Una lunga via (corso Vercelli) appena fuori dai Bastioni (Municipio 7). Non compete ovviamente con Montenapoleone, ma si trovano cose di ottima qualità a prezzi proporzionati al valore. M1 Conciliazione, M1 Pagano. Tram № 16.
  • 3 Zona Buenos Aires, corso Buenos Aires. Una via ancora più lunga, anche questa fuori dai Bastioni. Caratteristiche simili alla zona Vercelli, con maggiore scelta, anche di qualità inferiore, grazie al maggiore spazio. Nella zona (via San Gregorio) vi sono grossisti di abbigliamento. M1M2 Loreto, M1 Lima, M1 Porta Venezia, stazione S Porta Venezia
  • 4 Zona Corso di Porta Ticinese, corso di Porta Ticinese. Prosecuzione della centralissima via Torino, che parte da piazza Duomo. Corso di Porta Ticinese continua fino alla piazza contenente la omonima porta, P.za XXIV maggio. Tantissimi negozietti, dai più cari a quelli con ottimi rapporti qualità prezzo, perfetta per uno shopping femminile, specialmente come complemento per Zara o H&M. Tram № 2, 3, 14; Autobus № 94. Un po' lontano, M2 Porta Genova.
  • 5 Zona Paolo Sarpi, via Paolo Sarpi. Qualità media e bassa, ma si fanno ottimi affari. Considerata la Chinatown milanese, e molto chiacchierata per un commercio a volte un po' sotto le righe, è comunque una zona da visitare, anche perché ha caratteristiche particolari. Tanti negozietti di alimentari multietnici fanno da contorno ai dilaganti "Trading Center", commercianti nelle più disparate mercanzie. M2 Moscova (un po' lontana) Tram 12, 14, Autobus 37, 43, 57.


Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

  • Brasserie Bruxelles, viale Abruzzi, 33. Presso C.so Buenos Aires e P.le Loreto.
  • Bar Magenta , via Carducci 13/angolo corso Magenta. Zona Cadorna
  • Le Scimmie, via Ascanio Sforza, 49. Zona Navigli.

Una lista di tutti i locali di Milano con commenti e foto è disponibile su vari siti della attiva vita notturna milanese, come sul sito Milano tonight.

Discoteche[modifica]

Locali gay[modifica]

Numerosi i locali gay nella città: un elenco è disponibile qui.


Dove mangiare[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Distretti di Milano.
Risotto alla milanese
Cotoletta alla milanese
Cassoeula

Tra i piatti caratteristici della cucina milanese sono da segnalare:

Prezzi modici[modifica]

Milano è ricca di ristoranti delle più famose catene di fast-food come Mc-Donald's o Burger King, a partire da Piazza Duomo, ma per coloro che preferissero evitare queste catene è possibile mangiare a prezzi modici anche in altri ristoranti, come in quelli della catena Pastarito - Pizzarito, con sedi in vari locali distribuiti sul territorio comunale. Cucina standard ma di buona qualità, e cibi tipicamente italiani (Pizza, Paste, risotti, bruschette, eccetera).

Prezzi medi[modifica]

In questa categoria citiamo anche la zona Maghera - Ravizza. Nel raggio di 200 metri vi sono più di trenta tra ristoranti (italiani, sudamericani, cinesi, fusion, eccetera) e pizzerie, oltre a vari negozi take away (anche molte pizzerie e ristoranti fanno questo servizio). la via RaVizza, per questa ragione, è detta dai residenti via RaPizza.

A Milano è possibile inoltre mangiare dell'ottima pizza. Le aree migliori per le pizzerie sono quelle vicine a Via Margherita (al termine di Corso Vercelli), al Naviglio Grande e nel quartiere Brera. Il prezzo di una pizza e una birra è va da un minimo di 8 a un massimo di circa 15€, ma talvolta le pizzerie offrono menu a prezzi convenienti.

Per quanto riguarda la zona settentrionale della città, è possibile trovare numerose piccole pizzerie in Viale Fulvio Testi, la continuazione settentrionale di Viale Zara. Tra queste citiamo la Pizzeria Da Pino, dove si ha un ottimo rapporto qualità prezzo.

Milano ospita anche il più antico ristorante d'Italia nonché secondo d'Europa: l'Antica trattoria Bagutto situata nella Periferia di Milano.

Prezzi elevati[modifica]

A Milano si trovano numerosi ristoranti stellati, come il ristorante Cracco, Sadler e Il Luogo di Aimo e Nadia, ma suggestivo è sicuramente anche cenare su un vecchio Tram.

  • Tram-ristorante "Atmosfera, piazza Castello. Ecb copyright.svg prezzo fisso 65,- EUR a testa, un po' caro. Simple icon time.svg Partenza alle ore 20:00 da piazza Castello. ATM (Azienda Trasporti Milanesi) ha creato il tram-ristorante "Atmosfera". Attrezzando a ristorante una vettura Carrello classe 1928 – vedi sopra la foto di una di queste vetture – si può quindi cenare facendo contemporaneamente un giro turistico di Milano.


Dove alloggiare[modifica]

Hotel Principe di Savoia
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Distretti di Milano.

Nella zona a sud della stazione ferroviaria centrale è possibile trovare una densa concentrazione di alberghi. Questa è una parte piuttosto degradata della città, dove è possibile incontrare individui sospetti soprattutto nelle ore notturne. D'altra parte gli alberghi sono puliti e sicuri, inoltre la maggior parte strade sono illuminate e la stazione della metropolitana non è lontana.

Le sistemazioni nelle zone centrali di Milano tendono ad essere più lussuose e quindi più costose.

Se arrivate in auto, potete prendere in considerazione di soggiornare in hotel più lontani, preferibilmente vicino a una stazione della metropolitana.


Sicurezza[modifica]

Seppure Milano non è una città violenta, né presenta molte organizzazioni criminali, negli ultimi tempi è sede di cruenti omicidi da parte sia di milanesi che di popolazione straniera. Laddove presenti organizzazioni criminali , comunque, le loro attività illecite sono prevalentemente rivolte verso i propri connazionali, più che verso cittadini e turisti. Come tutte le grandi città, anche a Milano vi sono zone più sicure e meno sicure; ore del giorno in cui si può circolare senza problemi e altre, specie di sera e di notte, in cui è meglio evitare alcuni quartieri. In generale le zone centrali sono sicure, anche grazie all'intensa circolazione, che non cessa quasi mai. Ci sono, però, alcune zone dell'estrema periferia che sarebbe meglio evitare nelle ore serali.

Milano si presenta come una città metropolitana, per cui è sempre meglio prestare la massima attenzione e non lasciare mai oggetti incustoditi. Risulta preferibile non ostentare gioielli, e non credere ad estranei affaristi: potrebbero essere truffatori.

Numeri utili[modifica]

  • Polizia Locale: +39 02 020208
  • Croce rossa: +39 02 3883
  • Assistenza dentistica continua 24h su 24h: +39 02 865460 - +39 02 863624
  • Milano Sicura - centro vittime di violenza e reato: Numero verde 800 667733
  • Pronto Farmacia: Numero Verde 800 801185

Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Ufficio principale in piazza Cordusio, 2, 20121 Milano (Municipio 1), più altri circa 100 uffici postali nei vari municipi. Tutti gli uffici fanno servizio postale e Bancoposta. Gli orari sono in genere 08:00 - 14:00 (dal lunedì al venerdì) e 08:00 - 12:00 (sabato). L'ufficio principale e all'incirca un ufficio per ogni zona osservano orario esteso al pomeriggio ed al sabato.

Telefonia[modifica]

Il prefisso di Milano è 02. Come in tutta Italia, il prefisso teleselettivo non esiste più, in quanto è stato incorporato nel numero: quindi se dovete chiamare da Milano un numero di Milano, dovete comunque digitare all'inizio 02.

Internet[modifica]


Nei dintorni[modifica]

L'Abbazia di Chiaravalle
  • Idroscalo. Originariamente pensato negli anni Trenta come punto di decollo e atterraggio per idrovolanti, non è stato praticamente mai usato allo scopo. Situato nei pressi dell'aeroporto di Linate, nella zona est della città, nei comuni di Segrate e Peschiera Borromeo. In pratica un lido, in una zona piacevole. Attenti al portafogli.
  • Abbazia di Chiaravalle (Santa Maria di Rovegnano), zona Vigentina (sud Milano). Un'abbazia del XII secolo, purtroppo distrutta e ricostruita più volte, oggi molto ben restaurata, per quanto possibile. Un'architettura notevole, e molte opere d'arte, dentro la città. Merita la torre, detta dai milanesi Ciribiciacola.
  • Parco agricolo Sud Milano. Risalendo il Naviglio Grande da Milano si può godere di un paesaggio più rurale. È consigliato fermarsi a Gaggiano, città di pochi abitanti immersa nella campagna milanese, uscendo dall'alzaia del Naviglio Grande si può facilmente raggiungere la Cascina Guzzafame, antico cascinale con prodotti tipici e visite guidate all'interno della cascina. Si può inoltre visitare un luogo più spirituale, la Madonnina del Dosso, sempre a Gaggiano, raggiungibile a piedi o in bicicletta. Gaggiano ha origini molto antiche ed è consigliabile visitare l'edificio principale di Gaggiano, la Chiesa di Sant'Invenzio 1 Chiesa di San Invenzio, Gaggiano, Alzaia Naviglio Grande. Ecb copyright.svg Gratuito. Simple icon time.svg 8:00-17:50.
  • Bosco in Città. Con cascine, fattorie, ed ovviamente grandi aree boschive, può essere un'ottima idea per un piacevole picnic o per un romantico pomeriggio in un prato d'erba alta.

Itinerari[modifica]

La Rosa camuna, uno dei graffiti presenti in Val Camonica. Da essa prende origine il simbolo della regione Lombardia
Vista del villaggio operaio di Crespi d'Adda
  • Val Camonica (sito istituzionale). Le incisioni rupestri della Val Camonica (sito UNESCO nº 94, Arte rupestre della Valcamonica) costituiscono una delle più ampie collezioni di petroglifi preistorici del mondo e sono state il primo Patrimonio dell'umanità riconosciuto dell'UNESCO in Italia (1979). L'UNESCO ha riconosciuto oltre 140.000 figure, ma nuove ininterrotte scoperte hanno progressivamente aumentato il numero complessivo delle incisioni catalogate, fino a duecentomila se non trecentomila. L'arte rupestre in Valle Camonica è segnalata su circa 2000 rocce in oltre 180 località comprese in 24 comuni, con una particolare concentrazione nelle municipalità di Capo di Ponte, Ceto (Nadro), Cimbergo, Paspardo, Sonico, Sellero, Darfo Boario Terme, Ossimo dove insistono 8 parchi attrezzati per la visita. Le incisioni furono realizzate lungo un arco di tempo di ottomila anni, fino all'Età del ferro (I millennio a.C.); quelle dell'ultimo periodo sono attribuite al popolo dei Camuni ricordato dalle fonti latine. La tradizione petroglifica non si esaurì repentinamente: sono state identificate incisioni - anche se in numero assai ridotto, non comparabile con la grandiosa attività preistorica - di epoca romana, medievale e perfino contemporanea, fino al XIX secolo. La maggior parte delle incisioni è stata realizzata con la tecnica della martellina; in numero minore quelle ottenute attraverso il graffito. (su Wikipedia).
  • Parco regionale Campo dei Fiori (sito istituzionale). È un'area protetta italiana sita nella provincia di Varese, in Lombardia. Istituito nel 1984 con la legge regionale n.17 del 19.03.84, si estende essenzialmente sui territori occupati dal Massiccio del Campo dei Fiori e dal Massiccio del monte Martica. Il Parco è delimitato a Nord e a Nord-Ovest della Valcuvia, ad Est dalla Valganna e a Sud dalla città di Varese e dalla strada statale che conduce a Laveno-Mombello. I due massicci sono separati dalla Val di Rasa che unisce la Valcuvia alla Valle dell'Olona. Nel territorio coperto dal Parco si trovano importanti complessi storico-architettonici, tra cui spiccano il Sacro Monte di Varese (importante santuario dedicato alla Madonna nera, dichiarato Patrimonio dell'Umanità UNESCO) ed un notevole insieme di edifici in stile liberty di grande pregio, tra i quali svetta per maestosità il Grand Hotel Campo dei Fiori (con annesso Ristorante Belvedere). Da menzionare è altresì la vetta delle "Tre Croci", una delle più alte del massiccio, che trae il suo nome dall'altare ivi posto nel 1600, e da allora più volte rinnovato, a memoria del sacrificio di Gesù Cristo sul Golgota.
  • Crespi d'Adda. È una frazione del comune italiano di Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo, Lombardia. Il paese sorge poco sopra la confluenza del fiume Brembo nell'Adda, all'estremità meridionale dell'Isola bergamasca. È sede di un villaggio operaio, operante nel settore tessile cotoniero sorto a opera di Cristoforo Benigno Crespi a partire dal 1875 e passato poi nelle mani del figlio. Per il suo rilievo storico e architettonico fu, nel 1995, annoverato tra i patrimoni dell'umanità dall'UNESCO.
Le rovine tardo imperiali dell'antica Castelseprio
  • Parco archeologico di Castelseprio (sito istituzionale). Situato a Castelseprio, è costituito dai ruderi dell'omonimo insediamento fortificato e del suo borgo, nonché dalla poco distante chiesa di Santa Maria foris portas. Dello stesso unicum archeologico è il Monastero di Torba, che è però gestito del FAI. Dichiarato il 26 giugno 2011 Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, il parco è stato istituito successivamente alla riscoperta del sito da parte di Gian Piero Bognetti negli anni cinquanta.
  • Ferrovia della Valmorea. È stata una strada ferrata che un tempo collegava Castellanza, in provincia di Varese, a Mendrisio, nel Canton Ticino. Nel 2008 è stato riattivato il percorso più settentrionale per fini turistici. Da Olgiate Olona a Castiglione Olona è presente una pista ciclabile che costeggia il fiume Olona e che passa accanto a diversi siti di interesse come vecchi stabilimenti industriali in disuso e zone golenali. La ferrovia passa attraverso il Parco del Medio Olona. (su Wikipedia)
Il mulino Gajo-Lampugnani a Parabiago. Sorge all'interno del Parco dei mulini
  • Parco dei mulini. È un parco locale di interesse sovracomunale riconosciuto dalla Provincia di Milano il 10 marzo 2008 che si sviluppa intorno all'Olona ed al Canale Villoresi. Il parco è caratterizzato dalla presenza dei corsi d'acqua in un ambito densamente urbanizzato e industrializzato. Esso ricomprende il parco Castello di Legnano, le aree agricole lungo il fiume Olona fino all'ex Monastero Olivetano a Nerviano e il Canale Villoresi sino al confine con Lainate. Rara è la presenza di aree boscose fuori dal parco Castello. Nel parco sono presenti importantissime testimonianze storiche come il castello di Legnano, l'ex opificio Visconti di Modrone (oggi adibito a centro residenziale) e sei mulini, ultimi a testimoniare l'antica tradizione molitoria della zona. Il Parco dei Mulini si può visitare in bicicletta. È in corso di progettazione una pista ciclabile già finanziata dalla Regione Lombardia che collegherà il parco urbano del castello di Legnano a Nerviano. Già ora è possibile attraversare il Parco su strade sterrate o asfaltate adatte ai ciclisti ad eccezione del tratto interessato da una strada trafficata tra l'isolino di San Lorenzo di Parabiago e il Canale Villoresi. A metà febbraio si corre a San Vittore Olona la "Cinque Mulini" , ovvero una corsa campestre di richiamo internazionale che si disputa dal 1933 (su Wikipedia)
  • Lago di Garda. Il più grande lago d'Italia, con il suo borgo caratteristico di Sirmione. Si trova tra i territori di Brescia, Trento e Verona.
  • Lago di Como. Fra le Prealpi lombarde e la pianura, si spinge fino al confine della Valchiavenna e della Valtellina a settentrione; giunge alla Brianza nella pianura a meridione.
  • Lago Maggiore. Incantevole territorio incastonato fra i monti stupisce con giardini popolati anche di piante esotiche di specie rare che qui riescono a vivere grazie al clima mite in estate e in inverno.
  • Lago d'Iseo. Tra le province di Bergamo e Brescia, il Lago d'Iseo è un lago di origine glaciale di medie dimensioni. al centro del lago si trova Monte Isola, tra i I borghi più belli d'Italia e famosa per la quinquennale festa di S. Croce quando l'intero borgo di Carzano è addobbato di fiori. Sulle coste, principale centro turistico è Iseo che dà il nome al lago, ma importanti sono anche Clusane, antico borgo di pescatori, Zone, con le piramidi di pietra, Lovere, Pisogne e Sarnico.


Altri progetti

3-4 star.svg Guida: l'articolo rispetta le caratteristiche di un articolo usabile ma in più contiene molte informazioni e consente senza problemi una visita alla città. L'articolo contiene un adeguato numero di immagini, un discreto numero di listing. Non sono presenti errori di stile.