Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Ossezia del Sud
Paesaggio nell'Ossezia del Sud
Localizzazione
Ossezia del Sud - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Ossezia del Sud - Stemma
Ossezia del Sud - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

L'Ossezia del Sud (Республикӕ Хуссар Ирыстон - Паддзахад Аллонстон / Respublikæ Xussar Iryston - Paddzaxad Allonston, georgiano: სამხრეთ ოსეთი / Samkhret Oseti, russo: Республика Южная Осетия - Государство Алания / Respublika Yuzhnaya Osetiya - Gosudarstvo Alaniya ) è uno stato del Caucaso parzialmente riconosciuto dalla comunità internazionale.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

La nazione trovandosi nel bel mezzo del Caucaso ha un territorio prevalentemente montuoso e ricco di corsi d'acqua a regime torrentizio. Il terreno è coperto in prevalenza da foreste e pascoli che permettono un vasto allevamento ovino; tuttavia non scarseggia l'agricoltura, soprattutto di cereali e vitigni.

Cenni storici[modifica]

Il paese è indipendente de facto dal 1991, tuttavia l'ONU, l'Unione europea, l'OSCE, il Consiglio d'Europa, gli Stati Uniti e la NATO riconoscono l'Ossezia del Sud come parte integrante della Georgia. Nonostante siano stati indetti due referendum, uno nel 1991 e uno nel 2006, che dimostravano il desiderio degli osseti di diventare indipendenti dalla Georgia, solo alcune nazioni de facto la riconoscono. Tra queste, in ordine cronologico, si ricordano la Russia, Nicaragua, Venezuela, Nauru, Tuvalu e Siria, più una serie di nazioni autodichiaratesi indipendenti. Nonostante la relativa pace tra la Georgia e l'Ossezia del Sud, la guerra russo-georgiana del 2008 ha cambiato la situazione sociale della nazione, specialmente da quando la Repubblica dell'Ossezia del Sud ha stretto una alleanza con la Russia, e non è da escludere la possibilità di riunificazione con Ossezia Settentrionale-Alania, attualmente repubblica autonoma all'interno della Federazione russa.

Lingue parlate[modifica]

Ballerini osseti ad un evento internazionale con la Transnistria

Nella nazione sono parlate in primis l'osseto e il russo, ma molti comprendono e conoscono la lingua georgiana. In ogni caso, la maggior parte degli osseti si rifiuta di parlare georgiano e i locali potrebbero rivelarsi ostili ai visitatori nel caso questi lo parlassero. Questa ostilità nasce a causa del conflitto tra le due nazioni caucasiche, e nel caso non si fosse in grado di parlare osseto, la lingua più utile risulterebbe il russo, dato che l'inglese o altre lingue sono praticamente inesistenti.

Cultura e tradizioni[modifica]

L'Ossezia del Sud è ricca di simboli e stemmi nazionali di cui va estremamente fiera. La bandiera è un tricolore a bande orizzontali di colore bianco, rosso e giallo ed è praticamente identica a quella dell'Ossezia Settentrionale-Alania, l'unica differenza è la larghezza delle bande. La bandiera è ufficiale dal 26 novembre 1990 grazie ad un articolo della Costituzione osseta, riconfermata dal Regolamento sulla Bandiera Nazionale il 30 marzo 1992. I colori simboleggiano: il coraggio (rosso), la purezza morale (bianco), e la ricchezza e prosperità (giallo).

Francobollo dell'Ossezia del Sud

Letture suggerite[modifica]

  • Discordant Neighbours: A Reassessment of the Georgian-Abkhazian and Georgian-South Ossetian Conflicts, libro del 2013 in inglese di B. George Hewitt che narra la storia della guerre secessioniste in Georgia.
  • Understanding Ethnopolitical Conflict: Karabakh, South Ossetia, and Abkhazia Wars Reconsidered, saggio del 2013 di Emil Souleimanov, scrittore ceco nato a Yerevan.


Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Provincia di Dzau —  Provincia al confine con la Russia in cui si trova l'unico accesso alla nazione, ovvero il "tunnel Roki". Sono inoltre presenti l'autostrada Transcaucasica, la Strada Militare Osseta e il lago Ertso. La città più grande è Java.
      Provincia di Zanur —  
      Provincia di Tskhinvali —  Distretto più visitato data la presenza della capitale che rappresenta l'insediamento più popoloso della nazione
      Provincia di Leningor —  Chiamata in origine Municipalità di Akhalgori. Prima del 2008 la sua composizione etnica era per il 70% georgiana, ma a causa della guerra questa si è ridotta del 90%.

Centri urbani[modifica]

  • Tskhinvali — Capitale e città più grande della regione, ricca di monumenti storici in memoria della guerra con la Georgia. Rappresenta l'insediamento più popolato dello stato e per questo sono presenti la maggior quantità di infrastrutture turistiche. Qui si trova la sede del Governo nazionale.
  • Akhalgori — Insediamento non molto grande, parte della nazione solo dal 2008, in parte in stato di abbandono e animato dalla vita contadina.
  • Java — Centro amministrativo del distretto georgiano di Java, ma non più sotto il controllo dello Stato della Georgia.


Come arrivare[modifica]

Cartello in inglese e georgiano posto sul confine con l'Ossezia del Sud che intima di non sorpassare il confine

Non è possibile raggiungere l'Ossezia del Sud attraverso la Georgia, poichè la strada tra Ergneti e Tskhinvali è fortemente sorvegliata dal lato georgiano. Tuttavia, è possibile avvicinarsi molto alla linea di demarcazione e osservare Tskhinvali a pochi chilometri di distanza. Non è raro trovare georgiani giunti fino a Ergneti per provare a dare un'occhiata all'Ossezia del Sud, utilizzando i propri binocoli o cannocchiali. Questo è possibile e accettato dalla sorveglianza a patto che nessun presente filmi l'equipaggiamento militare predisposto o qualche soldato lì presente.

Le forze armate affermano che l'unico modo per andare a Tskhinvali è passare per Vladikavkaz, in Ossezia Settentrionale-Alania. È proprio in questa città che la maggior parte, se non la totalità, dei tour operators organizza spedizioni e viaggi per l'Ossezia meridionale.

  • Kavkaz Explorers, +7-4996539019. Ecb copyright.svg 1150$-4000$. Simple icon time.svg Tutto l'anno. Offre circa 5 itinerari organizzati con partenza dalla Russia, con durate variabili dai 2 agli 11 giorni. Data il poco interesse per la nazione da parte dei turisti, gli itinerari sono variabili e personalizzabili. Le opzioni standard possibili sono:
  1. Tour in Abcasia e Ossezia del Sud, svolto a giugno e della durata di 11 giorni. Il costo è di 3050$ a persona e sono inclusi musei, hotel, mezzi di trasporto escluso il volo da Mosca a Vladikavkaz, pasti, una guida in lingua inglese e il permesso di entrata in Ossezia del Sud.
  2. Gita a cavallo in Ossezia del Sud e in Ossezia Settentrionale-Alania, disponibile nel mese di luglio e della durata di 10 giorni. Il costo è di 2300$ a persona e comprende pasti, bevande alcoliche, hotel, cottage, mezzi di trasporto, cavalli inclusi ed escluso il volo da Mosca a Vladikavkaz, guida in lingua inglese, biglietti per i musei e il permesso di entrata in Ossezia del Sud.
  3. Soggiorno privato per due persone, disponibile tutto l'anno al costo di 1500$ per una singola persona, o 1025$ per due. Sono compresi pasti, alloggio in una casa locale, trasporto in auto da Vladikavkaz, ma escluso il volo da Mosca a Vladikavkaz, guida in lingua inglese, biglietti per il Museo di storia naturale dell'Ossezia del Sud e il permesso di entrata in Ossezia del Sud. Il rientro in Russia avviene di norma in tarda notte.
  4. Soggiorno di 6 giorni in Ossezia del Sud, disponibile tutto l'anno e con costo variabile in base al numero di partecipanti. 3070$ per singolo visitatore fino a 1490$ a persona per gruppi da 4 viaggiatori. Il prezzo comprende entrate ai musei, alloggi, mezzi di trasporto escluso il volo da Mosca a Vladikavkaz, pasti, una guida in lingua inglese e il permesso di entrata in Ossezia del Sud.
  5. Tour del Caucaso centrae, un itinerario disponibile da aprile a della durata di 9 giorni, ospitati da boscaioli della zona montuosa. Il viaggio, del costo di 2350$ a persona per gruppi da 7 persone (4000$ per coppie di viaggiatori), ha luogo sia in Russia che sul versante osseto. Il prezzo comprende entrate ai musei, 3 pasti al giorno, guide locali e di lingua inglese, questa presenze 24 ore su 24, quantità di alcol ragionevoli, eccessi dovranno essere pagati, e il permesso di entrata in Ossezia del Sud. Il tour comincia dall'aeroporto di Mineralnye-Vody e termina a quello di Grozny.

Requisiti d'ingresso[modifica]

È necessario un permesso per poter entrare in Ossezia del Sud e nel caso in cui ci si rechi nella nazioni partendo dalla Russia, si può inviare la richiesta all'ambasciata dell'Ossezia del Sud a Mosca, inviando tutti i documenti necessari.

  • 1 Ambasciata della Repubblica dell'Ossezia del Sud, Kursovoy Pereulok, 9, Mosca, Russia, 119034, +7 4956442757.

Tuttavia, un accordo di fine 2012 prometteva di istituire un'agenzia consolare dell'Ossezia del Sud a Vladikavkaz, ma attualmente il consolato non è attivo, e i suoi rappresentanti si trovano presso "AMF, 38 Prospekt Mira". Nonostante la presenza del conoslato, è consigliabile affidarsi a dei tour operator convenzionati in modo da non dover preoccuparsi di svolgere da soli la procedura per ottenere il permesso di ingresso.

In aereo[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Aeroporti in Georgia.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Aeroporti in Russia.

L'Ossezia del Sud non presenta aeroporti. Il più vicini si trovano in Ossezia Settentrionale-Alania, e sono:

  • 2 Aeroporto di Vladikavkaz (Si trova 15km a nord dall'omonima cittadina), +7 8672505029, @ . L'aeroporto effettua solo collegamenti con la città di Mosca. Per questo è consigliabile raggiungere prima questo aeroporto e poi raggiungere l'Ossezia del Sud con autobus di linea.
  • 3 Aeroporto di Vertoletnaya Ploshchadka, Ingushetia, Russia, 386435. Nonostante sia più vicino al confine con la nazione, non è un grande aeroporto e quindi non viene consigliato come scalo. In ogni caso dopo aver raggiunto l'aeroporto, per entrare in Ossezia del Sud, è necessario utilizzare autobus di linea.

In auto[modifica]

Partendo dalla città di Vladikavkaz è possibile raggiungere l'Ossezia del Sud tramite la strada P270 in direzione Tskinvali-Gufta-Java-Roki. Dopo un'ora e quaranta di viaggio si raggiunge il "Roki Tunnel", una galleria lunga un paio di chilometri che segna il confine con la Georgia. Molto probabilmente troverete sul luogo le autorità russe, che sono però di solito disposte a far passare i visitatori, giornalisti compresi. In ogni caso, per evitare problemi, è consigliabile affidarsi a tour operator locali, in grado di comunicare e contrattare in modo efficiente con i locali. Una volta usciti da tunnel ci si ritrova ufficialmente in Ossezia del Sud, e si può raggiungere Tskhinvali in un'ora scarsa di viaggio. L'autostrada ha anche una grande valenza naturalistica dal momento che si sorpassano moltissime città dell'Ossezia prima di raggiungere la capitale, costeggiando inoltre tutto il corso del fiume Liakhvi. Esistono anche dei taxi che si muovono da Vladikavkaz a Tskhinvali.

Un'ulteriore possibilità è quella di entrare in Ossezia attraverso la strada europea E60 che collega alla Georgia la città di Akhalgori. L'autostrada ha uscite a Tblisi e a Sukhumi, quindi i visitatori in Georgia o in Abcasia possono recarsi sul luogo con relativa facilità, è comunque una soluzione non molto consigliata a causa del blocco imposto dopo il conflitto russo-georgiano.

Indicazioni in georgiano e in alfabeto latino sull'autostrada E50 sulla strada da Tblisi a Gori

In autobus[modifica]

Esistono degli autobus da Vladikavkaz che raggiungono l'Ossezia del Sud fino a raggiungere la capitale Tskhinvali che passano per il tunnel Roki. È consigliabile affidarsi a tour operator locali, in grado di comunicare e contrattare in modo efficiente con i locali.

Come spostarsi[modifica]

In aereo[modifica]

Non esistono aeroporti in Ossezia del Sud.

In auto[modifica]

In Ossezia del Sud non si sono molte autostrade, ma le città più importanti e altri insediamenti sono interconnessi fra di loro. Da Tskhinvali si diramano 4 strade diverse.

  • La più grande tra queste è l'autostrada P270 Tskinvali-Gufta-Java-Roki, la stessa che si usa per raggiungere la città e che permette di arrivare fino al paese di Didi Gupta dal quale si dirama in due direzioni.
    • Prendendo quella a destra si può raggiungere Java e arrivare fino al "Tunnel Roki".
    • Prendendo quella a sinistra si può raggiungere la città di Kvaisi fino a raggiungere il confine occidentale con la Georgia, ovviamente chiuso e sconsigliato da visitare.
  • La cosiddetta "Strada di Dzari" permette di raggiungere il paesino omonimo per poi ricongiungersi con l'autostrada P270;
  • Un'ulteriore strada, scritta in georgiano "ცხინვალი-ახალგორი", permette di raggiungere Akhalgori in poco più di un'ora di viaggio. Da Akhalgori è poi possibile raggiungere varie località settentrionali della provincia di Leningor, ma, essendo queste al confine settentrionale con la Georgia, è necessario poi ritornare sui propri passi e raggiungere di nuovo Tskhinvali;
  • Altra strada che permette di raggiungere Java si dirama dalla città di Prisi, passando per tanti piccoli villaggi evitando l'autostrada, consigliata a chi non piace il grande traffico veicolare e preferisce un approccio più diretto con la cultura e l'ambiente osseto.

Le zone sud-occidentali e settentrionali sono le meno collegate, vi sono solo pochi villaggi e piccoli insediamenti, specialmente nelle zone montuose a confine con la Russia. La nazione presenta una grande quantità di strade sterrate, ma i villaggi che collegano non sono turisticamente molto rilevanti.

Cosa vedere[modifica]

Rovine di una statua di Lenin e Stalin chiamata "Gli amici" situata a Akhalgori
Veduta del fiume e della valle di Ksani nella parte più meridionale della provincia di Leningor
  • I monumenti commemorativi della guerra e le statue che si ritrovano in varie località dell'Ossezia del Sud;
  • I Fiumi d'Ossezia, tra i quali si annoverano:
    • Il grande Liakhvi, che costeggia l'autostrada dal tunne Roki fino a Tskhinvali
    • Fiume Chanchakhi
    • Fiume Jejora
    • Fiume Ksani
    • Il piccolo Liakhvi
    • Fiume Lehkura
Croce commemorativa ai caduti. Si trova in un piccolo villaggio sopra Java
Ponte sul fiume Patsa nella regione di Dzau a ridosso dell'autostrada

Itinerari[modifica]

  • Viaggio in macchina per le maggiori strade dell'Ossezia, così da poter visitare gli insediamenti più popolati, godendo della natura spesso incontaminata della regione e dei vari fiumi che spesso costeggiano le strade;


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il rublo russo (RUB). Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD


A tavola[modifica]

La cucina osseta è principalmente caucasica simile ma significativamente diversa da quella georgiana, presentando delle similitudini con quella dell'Ossezia Settentrionale-Alania. Alcuni piatti tipici sono:

  • La Chakhragina osseta: Simile alla khachapuri georgiana, si tratta di un miscuglio di patate, formaggio e foglie di barbabietola bolliti e ripiegati tra due strati di pasta. La gente locale adora questa varietà di khachapuri perché il formaggio è più cremoso di quello che si trova nelle altre versioni, queste anceh meno salate.
  • Il Fydzhin: Una torta farcita di tritato di manzo, vitello, maiale o un mix di queste carni e cotto al forno.
  • Una zuppa di pollo con panna acida.


Infrastrutture turistiche[modifica]


Eventi e feste[modifica]

Festività nazionali[modifica]

Data Festività Note
1 gennaioCapodannoFestività internazionale
7 gennaioNatale ortodossoFestività cristiana che segna la nascita di Cristo
23 febbraioGiorno dei difensori della patriaFestività per ricordare i caduti in guerra e l'esercito osseto
8 marzoGiornata Internazionale delle DonneFestività internazionale
1 maggioFesta dei lavoratoriFestività internazionale
9 maggioGiorno della VittoriaFestività per ricordare la resa della Germania nazista durante la seconda guerra mondiale.
19 maggioGiorno della proclamazione di indipendenza dell'Ossezia del SudFesitività in cui si commemora la dichiarazione di indipendenza dell'Ossezia del Sud
12 giugnoRussia Day Festività per commemorare la firma della dichiarazione di sovranità di stato della Repubblica Federale Sovietica Russa
27 giugnoGiorno della gioventù dell'Ossezia del Sud Festività per celebrare l'adolescienza dei giovani osseti
26 agostoGiorno del riconoscimento dell'indipendenza dell'Ossezia del Sud da parte della Russia
20 settembreGiorno della Repubblica


Sicurezza[modifica]

Nonostante l'Ossezia del Sud non sia più pericolosa come lo era un tempo, rimane un paese non facile da visitare a causa dell'assenza di formalità burocratiche standardizzate utili all'ingresso. Però, nel caso si riesca ad ottenere il permesso di visita ci si può recare sul posto senza problemi.

È necessario essere provvisti di un doppio visto per la Russia data l'impossibilità ad uscire passando per la Georgia.

Situazione sanitaria[modifica]

La guerra ha causato innumerevoli danni al sistema sanitario, facendolo collassare. Non è sempre garantita la disponibilità e la professionalità del personale sanitario. Si consiglia fortemente di portare con sè un kit di pronto soccorso e di comprare l'acqua imbottigliata, essendo l'acqua da rubinetto non sempre potabile.

Rispettare le usanze[modifica]

Gli osseti possono rivelarsi molto nervosi verso i viaggiatori che fotografano qualsiasi cosa, e possono arrivare a bloccarli e fermarli dalla loro ossessiva attività fotografica. Allo stesso modo, i funzionari amministrativi possono arrivare a credere che, scattando molte foto, i visitatori stiano cercando di spiare il loro paese. Ovviamente, il conflitto con la Georgia è quasi un taboo e per i viaggiatori è fortemente sconsigliato dare proprie opinioni politiche al riguardo. L'idea migliore è di ascoltare gli ideali dei locali e risultare ai loro occhi comprensivi per evitare problemi di sorta.

Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

L'azienda russa Megafon permette di effettuare chiamate internazionali tra l'Ossezia del Sud e l'Ossezia Settentrionale-Alania senza aumenti di prezzo.

Internet[modifica]

Sin dalla dichiarazione di indipendenza, la nazione era stata tagliata fuori dal mondo, ma a partire dal 2007 l'Ossezia del Sud ha terminato i contratti con le aziende georgiane e ha inizato varie trattative con emittenti russe come la "OsTelekeom", per poter ottenere una copertura internet nazionale. L'azienda russa era risultata più conveniente rispetto a quelle georgiane. Non essendo la Georgia nel Roaming Europeo, l'utilizzo di dati mobili è a pagamento.


Altri progetti

Stati d'Asia
AsiaContour coloured.svg

bandiera Afghanistan · bandiera Arabia Saudita · bandiera Bahrain · bandiera Bangladesh · bandiera Bhutan · bandiera Birmania · bandiera Brunei · bandiera Cambogia · bandiera Cina · bandiera Corea del Nord · bandiera Corea del Sud · bandiera Emirati Arabi Uniti · bandiera Filippine · bandiera Giappone · bandiera Giordania · bandiera India · bandiera Indonesia · bandiera Iran · bandiera Iraq · bandiera Israele · bandiera Kirghizistan · bandiera Kuwait · bandiera Laos · bandiera Libano · bandiera Maldive · bandiera Malesia · bandiera Mongolia · Blank.pngbandieraBlank.png Nepal · bandiera Oman · bandiera Pakistan · bandiera Qatar · bandiera Singapore · bandiera Siria · bandiera Sri Lanka · bandiera Tagikistan · bandiera Thailandia · bandiera Timor Est · bandiera Turkmenistan · bandiera Uzbekistan · bandiera Vietnam · bandiera Yemen

Stati con riconoscimento limitato: bandiera Stato di Palestina · bandiera Taiwan

Stati solo fisicamente asiatici[1]: bandiera Armenia · bandiera Azerbaigian[2] · bandiera Cipro · bandiera Georgia[2] · bandiera Kazakistan · bandiera Russia · bandiera Turchia

Stati de facto indipendenti: bandiera Abcasia[2] · bandiera Artsakh · bandiera Cipro del Nord · bandiera Ossezia del Sud[2]

Dipendenze australiane: bandiera Isole Cocos e Keeling · bandiera Isola di Natale

Dipendenze britanniche: Regno UnitoRegno Unito (bandiera) Akrotiri e Dhekelia[3] · Flag of the Commissioner of the British Indian Ocean Territory.svg Territorio britannico dell'Oceano Indiano

Stati parzialmente asiatici: bandiera Egitto (Sinai) · bandiera Grecia (Isole dell'Egeo settentrionale, Dodecaneso) · bandiera Russia (Russia asiatica) · bandiera Turchia (Turchia asiatica)

  1. Stati generalmente considerati europei sotto il profilo antropico
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 Stato considerato fisicamente interamente asiatico solo da alcune convenzioni geografiche
  3. Stato o dipendenza fisicamente asiatico ma generalmente considerato europeo sotto il profilo antropico
Stati d'Europa
EuropeContour coloured.svg

bandiera Albania · bandiera Andorra · bandiera Armenia[1] · bandiera Austria · bandiera Azerbaigian[2] · bandiera Belgio · bandiera Bielorussia · bandiera Bosnia ed Erzegovina · bandiera Bulgaria · bandiera Cipro[1] · Blank.pngbandieraBlank.png Città del Vaticano · bandiera Croazia · bandiera Danimarca · bandiera Estonia · bandiera Finlandia · bandiera Francia · bandiera Georgia[2] · bandiera Germania · bandiera Grecia · bandiera Irlanda · bandiera Islanda · bandiera Italia · bandiera Lettonia · bandiera Liechtenstein · bandiera Lituania · bandiera Lussemburgo · bandiera Macedonia del Nord · bandiera Malta · bandiera Moldavia · bandiera Principato di Monaco · bandiera Montenegro · bandiera Norvegia · bandiera Paesi Bassi · bandiera Polonia · bandiera Portogallo · bandiera Regno Unito · bandiera Repubblica Ceca · bandiera Romania · bandiera Russia[3] · bandiera San Marino · bandiera Serbia · bandiera Slovacchia · bandiera Slovenia · bandiera Spagna · bandiera Svezia · bandiera Svizzera · bandiera Ucraina · bandiera Ungheria

Stati de facto indipendenti: bandiera Abcasia[2] · bandiera Artsakh[1] · bandiera Cipro del Nord[1] · Donetsk People's Republic flag.png Doneck · bandiera Kosovo · Nouveau drapeau Lougansk.svg Lugansk · bandiera Ossezia del Sud[2] · bandiera Transnistria

Dipendenze danesi: bandiera Fær Øer

Dipendenze britanniche: Regno UnitoRegno Unito (bandiera) Akrotiri e Dhekelia[1] · bandiera Gibilterra · bandiera Guernsey · bandiera Jersey · bandiera Isola di Man

Stati marginalmente europei: bandiera Kazakistan[3] (Atyrau, Kazakistan Occidentale) · bandiera Turchia[3] (Tracia orientale)

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 Stato o dipendenza fisicamente asiatico ma generalmente considerato europeo sotto il profilo antropico
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 Stato con territorio del tutto o in parte in Asia secondo le diverse convenzioni geografiche
  3. 3,0 3,1 3,2 Stato con la maggior parte del proprio territorio in Asia