Scarica il file GPX di questo articolo

Eindhoven

Da Wikivoyage.
Eindhoven
"De Markt", la piazza nel centro storico di Eindhoven.
Stemma e Bandiera
Eindhoven - Stemma
Eindhoven - Bandiera
Stato
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Posizione
Mappa dei Paesi Bassi
Eindhoven
Eindhoven
Sito istituzionale

Eindhoven è una città olandese nella provincia del Brabante Settentrionale.

Da sapere[modifica]

La prima fabbrica Philips oggi trasformata in museo dominata dalla mole del grattacielo Admirant ultimato nel 2006
Evoluon, centro conferenze di Eindhoven

Il nome di Eindhoven è strettamente legato a quello delle industrie Philips. Fu infatti ad Eindhoven che Gerard Philips mise su una fabbrica di lampadine ad incandescenza. Correva l'anno 1891. A quel tempo Eindhoven non era che una cittadina di provincia nota per le sue manifatture di tabacco ma crebbe rapidamente in tandem con l'azienda destinata a segnare sviluppi prodigiosi nei decenni successivi.

Grazie all'intraprendenza imprenditoriale di Gerard, l'originaria produzione di bulbi incandescenti si estese ad altri campi della ricerca tecnologica e furono inaugurate nuove fabbriche per la produzione in serie di tubi al tungsteno. Nel 1929 fu fondato il Politecnico da un progetto comune di Philips e DAF, l'industria automobilista anch'essa con sede ad Eindhoven.

Purtroppo la sua importanza industriale le valse ripetuti e pesanti bombardamenti durante la seconda II guerra mondiale che comportarono la distruzione di molti dei suoi quartieri. Il programma di ricostruzione intrapreso nel dopoguerra ha conferito a Eindhoven un carattere moderno e spesso avveniristico come avvenuto nella non distante Rotterdam anche se su scala meno appariscente.

Il lungo sodalizio della città con le industrie Philips si sciolse nel 1998 quando il quartiere generale della multinazionale fu trasferito ad Amsterdam. Rimangono le numerose testimonianze dell'azienda sparse un po' ovunque come gli alloggi degli impiegati, gli uffici della Witte Dame (La Dama Bianca) e la fabbrica iniziale oggi trasformata in un museo. Alla periferia est sta l'Evoluon, una costruzione avveniristica completata in occasione del 75° anniversario della fondazione della Philips. Evoluon fu un regalo di Frits Philips alla città volto ad ospitare il museo delle Scienze. Oggi il museo è stato dismesso e la costruzione a forma di disco volante è stata adibita a centro di conferenze.


Come orientarsi[modifica]

Il centro si estende a sud della stazione ferroviaria e costituisce in gran parte un'isola pedonale.

La zona della stazione è un'area di intrattenimento grazie a un'alta concentrazione di ristoranti e locali vari.

Inoltrandosi per il centro si percorre la Vestdijk, sulla quale si trova il palazzo comunale (stadhuis) realizzato nel 1955 e il monumento alla Liberazione.

  • De Markt è una piazza turistica nel cuore di Eindhoven. È antica quanto Eindhoven e appare menzionata nel 1232 quando il centro acquisì il titolo di città. Ancora oggi vi si svolge ogni sabato un mercato delle pulci ove vengono trattati oggetti di antiquariato e chincaglierie varie. De Markt è circondata da locali, soprattutto ristoranti e bar con terrazza sempre molto frequentati da turisti di passaggio. Dalla piazza si accede al centro commerciale l'Heuvel Galerie al cui interno sta il casinò di Eindhoven della catena Holland Casino.
  • Stratumseind è in un certo senso il corso di Eindhoven che taglia il centro nel senso della longitudine. Va dalla chiesa di Santa Caterina al ponte sul Dommel e costituisce un'isola pedonale e si anima soprattutto di notte. Nelle sue vicinanze sta il museo Van Abbe. Il suo prolungamento oltre il ponte prende il nome di Stratumsedijk con un paio di locali gay. La zona richiede cautela da parte dei visitatori stranieri in quanto è frequentata anche da drogati in cerca della loro dose quotidiana.
  • Wilhelminaplein è un'altra piazza turistica del centro di Eindhoven. Sta sulla Willemstraat, ad ovest di de Markt. È dedicata alla regina Guglielmina (1880-1962) e fu sistemata agli inizi del XX secolo. È un'altra area di svago. Nei locali che la circondano si esibiscono spesso cantanti dal vivo anche all'esterno se il tempo lo permette. Tra i locali più famosi i ristoranti degli alberghi Nassau e Benno. Tutti i nomi dei locali fanno riferimento a membri della casata d'Orange-Nassau.

Altri quartieri[modifica]

Witte Dame
  • Bergen - Situato a nord di Wilhelminaplein, Bergen è, come suggerisce il nome, un quartiere su una lieve altura, il che è sufficiente a farne un'area privilegiata in un paese dai paesaggi completamente piatti. Le vecchie case di Bergen sono state risparmiate dalle bombe della II guerra mondiale così la zona ha potuto conservare l'aria suggestiva dei tempi andati. Vi si trova la Witte Dame (dama bianca) una fabbrica poi sede di uffici della Philips. Fu costruita tra il 1928 e il 1931 dall'architetto Dirk Roosenburg secondo i dettami dello stile "Nuova Oggettività". L'edificio fu rilevato dal comune che provvide a restaurarlo affidando i lavori all'architetto Bert Dirrix. Oggi la Witte Dame ospita l'Accademia del Design, la Biblioteca e la Fondazione Art Mu.
  • Fellenoord è il quartiere a nord della stazione, separato dal centro dalle linee ferroviarie. Semidistrutto dalle bombe più volte durante la II guerra mondiale, fu in gran parte demolito nel periodo postbellico ed è oggi una zona moderna dove hanno sede uffici e istituti bancari. La Baekelandplein (1,7 km dalla stazione) è al centro del distretto a luci rosse di Eindhoven con quattro case di tolleranza ancora in funzione.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Boeing 737-800 della Ryanair di fronte il terminal dell'aeroporto internazionale di Eindhoven

L'Aeroporto di Eindhoven [1] sta 11 km a nord-ovest del centro. Vi opera Ryanair con voli da Alghero,Brindisi, Milano-Bergamo- Orio al Serio, Pescara, Pisa, Roma-Ciampino,Trapani,Catania.

Tutta l'area è coperta da free wi-fi, così potrete telefonare a casa (con un servizio VOIP) per dire che siete arrivati bene.

Il collegamento con il centro è assicurato da linee d'autobus frequenti nei giorni feriali, meno in quelli festivi.

La linea 401 fa capolinea alla stazione centrale mentre la 145 conduce alla stazione ferroviaria di Best, utile per chi volesse raggiungere in treno Haarlem o Amsterdam senza passare per Eindhoven. Le autolinee AirExpressBus [2] provvedono ad un collegamento diretto tra l'aeroporto e Amsterdam.


Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

I mezzi pubblici sono costituiti da autobus, alcuni dei quali fanno capolinea in centri vicini quali Nuenen e Geldrop.


Cosa vedere[modifica]

Chiesa di Santa Caterina
Museo preistorico all'aria aperta
Museo preistorico all'aria aperta
Museo DAF
Museo Van Abbe
  • 1 Chiesa di Santa Caterina (Sint-Catharinakerk). Chiesa cattolica realizzata nel 1867 in stile neogotico. Le torri sono alte 67 m. da terra. Il carillon è un dono della Philips e risale al 1960. All'interno sta un organo a canne di grandi dimensioni
  • 2 Museo Van Abbe (Van Abbemuseum), Bilderdijklaan 10. Il Museo Van Abbe è dedicato all'arte moderna e contemporanea con opere che vanno dagli inizi del 1900 fino ai nostri giorni. Fu istituito nel 1936 grazie al lascito di Henri J. van Abbe, un industriale del tabacco. Le collezioni furono ospitate dapprima in un palazzo in stile tradizionale realizzato dall'architetto Alexander Kropholler ma con l'acquisizione di nuove opere in numero sempre maggiore si rese necessaria la costruzione di nuovi edifici. Questi furono realizzati su disegno dell'architetto Abel Cahen che progettò anche la torre di 27 m. al centro del complesso. La nuova ala fu inaugurata nel 2003 dalla regina Beatrice. Molte delle opere esposte recano la firma di artisti olandesi. Tra queste spiccano le tele ad olio del pittore cubista Piet Mondrian. Sono presenti anche opere di Pablo Picasso, Wassily Kandinsky e del russo Lazar Markovich Lissitzky.
  • 3 Museo Philips, Emmasingel 31. Il museo è ospitato in una fabbrica Philips del 1891 ove si producevano lampadine a bulbo.
  • La luce artificiale nell'Arte (Centrum Kunstlicht in de Kunst), Emmasingel. Il museo si propone di mostrare le sue collezioni sotto effetti suggestivi della luce artificiale. È ospitato nella fabbrica Philips.
  • 4 Museo DAF, Tongelresestraat 27, +31 40 244 4364. Dedicato alla DAF, l'industria olandese che produsse tra l'altro una celebre utilitaria. Una mostra permanente è dedicata a Charles Burki (1909-1994), il designer che progettò per 30 anni veicoli DAF.
  • 5 Museo all'aperto della Preistoria (Stichting Historisch Openluchtmuseum Eindhoven), Boutenslaan 161 (A sud del centro nel parco Stadswandel). Ricostruzione all'aperto di un insediamento preistorico realizzato con reperti da scavi archeologici effettuati nel Brabante Settentrionale. Un posto assai simpatico, adatto a famiglie di passaggio


Eventi e feste[modifica]

Lichtjesroute Hendrik de Keyzerplein.jpg
  • Settimana del Design olandese. Dedicato al design, ricorre ogni anno ad ottobre.
  • Lichtjesroute (Strada delle luci), 18 settembre. Parata per le strade.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Dynamo Eindhoven

Spettacoli[modifica]

  • 1 Pathé, Dommelstraat 27. multisala cinematografica con una capacità complessiva di 1957 posti.
  • 2 Effenaar, Dommelstraat 2 (Nei pressi della stazione ferroviaria), +31 40 239 36 66. Sala di concerti ove si esibiscono star della musica internazionale in tournée in Olanda. Vi vengono dati anche spettacoli di danza e concerti.
  • 3 Philips Stadion, Frederiklaan 10A. Lo stadio del calcio ove si svolgono le partite della squadra locale PSV. Ha una capacità di 35.000 posti.

Locali notturni[modifica]

La Stratumseind presenta una sfilza ininterrotta di locali in tutta la sua lunghezza. dalla Chiesa di Santa Catharina fino al ponte Dommel, superato il quale stanno un paio di locali gay.

  • 4 Dynamo, Catharinaplein 21, +31 40 239 31 10. I giovani, anche quelli di passaggio, non dovrebbero mancare di fare una capatina al centro Dynamo ove si esibiscono bande musicali il cui genere spazia dal rock all'hip hop. Il centro culturale offre anche la possibilità di praticare svariate attività dalla danza allo sport e all'artigianato con mostre di gruppi creativi.
  • Cafè Wilhelmina. Locale con musica dal vivo che ha dominato per decenni la scena musicale del posto. Ha conservato la sua clientela che oggi ha superato gli ...anta ma tende ad essere disertato dai giovani.
  • Pallaz Club, Stratumsedijk 14. Gay bar-dancing.
  • Genestho cafe, Stratumsedijk 21, +31 40 212 2637. Locale gay.


Dove mangiare[modifica]

Wilhelminaplein, la piazza turistica del centro di Eindhoven

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Eetcafé Bommel, Kleine Berg 32 (400 m. da De Markt), +31 (040) 245 29 22. Bommel è un locale frequentato da studenti, Non avete la possibilità di scegliere. Il menu è fisso e costava 12.50 euro al 2012.
  • 2 Grand Restaurant Le Connaisseur, Kleine Berg 12 (vicino al precedente), +31 40 2 460 960. Economico solo se ordinate una cena con tre portate prima dello scadere delle 18:00. Pagherete in tutto 17.00 euro (anno 2012) e vi è concessa facoltà di scegliere tra un numero ristretto di portate. Il ristorante è rinomato e segnalato da varie guide (anno 2012).
  • 3 Friture Dik & Lang, Jan van Lieshoutstraat 28. Ecb copyright.svg €5. Fast food rinomato e economico che presenta nel suo menu fritture varie ricoperte di abbondante maionese.
  • 4 Grand Café De Wildeman, Markt 10, +31 40 245 23 00. Tra i più economici dei locali che contornano de Markt.
  • 5 Kentucky Fried Chicken, Marktstraat 1, +31 40 269 1950. Fast food ricavato da una delle più antiche case che si affacciano sulla piazza de Markt.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Hotel-O-Theek De Zwaan V.O.F (Budget Hotel), Heilige Geeststraat 1 (Sulla Wilhelminaplein, la piazza dedicata alla regina Guglielmina), +31 40 244 8992. Ecb copyright.svg €26. Più che turisti i clienti dell'albergo sono lavoratori in trasferta ad Eindhoven. Le stanze sono spartane ma confortevoli.
  • 2 Raku BB, Heezerweg 41, +31 40 40-2112949. Ecb copyright.svg € 60 per posto letto. Bed&breakfast che offre posti letto in camere con bagno in comune. Dispone di una sola stanza singola.
  • 3 B&B De Ster, St. Adrianusstraat 29 (3 km dal centro, Autobus 10 dalla stazione fino alla fermata di Sint Jansweg), +31 40 211-5487, @ info@bbdester.nl. Ecb copyright.svg €30 a persona (colazione esclusa). Dispone di due doppie e una singola.
  • pensioneindhoven. 4 pensioni dislocate in diversi punti della città.
  • Stayokay Valkenswaard, Heerkensdreef 20, 5552 BG Valkenswaard, Paesi Bassi (Dista circa 10 km dalla stazione ferroviaria), +31 40 201 5334. Si tratta di un ostello dislocato in una zona verde a sud del centro.
  • 4 3BE Backpackers Bed & Breakfast, Stratumsedijk 31, +31 40 212 0416. Ostello privato sulla strada principale del centro.
  • 5 Woonhotel Eindhoven, Leenderweg 285, +31 40 211 2111, @ info@woonhoteleindhoven.nl. Ecb copyright.svg ore 11. Tra i meno economici della categoria (€50 per la doppia nel 2012) il Woonhotel è però uno dei pochi di Eindhoven che mette a disposizione degli ospiti uno spazio cucina. Dispone di dependence in vari punti della città ma quello situato in Leenderweg è il migliore. Le recensioni sul web danno però un punteggio povero.

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Internet[modifica]

Eindhoven dispone di infiniti hot spots ma tutti protetti con password per cui dovrete richiederla al gestore del locale o dell'albergo. Alcune volte è gratis altre no.

La biblioteca pubblica al nº 22 di Emmasingel dispone di wifi non protetto da password. Avete anche la possibilità di collegarvi dall'interno dei locali ma in questo caso non potrete usare chat vocali (Skype) per non disturbare chi legge. Meglio ripiegare sul centro commerciale La Place di Heuvel Galerie ove vi collegherete automaticamente senza bisogno di richiedere alcuna password.


Nei dintorni[modifica]

Castello di Helmond
  • Nuenen — A meno di 10 km dal centro, la cittadina di Nuenen è legata al ricordo del pittore Vincent Van Gogh che vi soggiornò tra il 1883 e il 1885, ospite del padre, sacerdote calvinista. Al nº 13 della via "Weiseind" sta "Vincent van Gogh documentatiecentrum" (Fondazione Van Gogh Museo Documentazione) che raccoglie schizzi e dipinti dell'artista. Fu a Nuenen che Van Gogh elaborò uno dei suoi quadri più famosi, "I mangiatori di patate".
  • Helmond — Famosa per il suo castello al centro di un parco, Helmond dista 15 km da Eindhoven.
  • Parco nazionale Groote Peel — Peel significa palude e difatti il parco copre un territorio paludoso ove in autunno fanno sosta numerose specie di uccelli migratori tutti diretti a sud. Groote Peel dista 37 km dal centro di Eindhoven.



Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).