Scarica il file GPX di questo articolo

Romania

Da Wikivoyage.
Europa > Balcani > Romania
Romania
Romania
Localizzazione
Romania - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Romania - Stemma
Romania - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Romania è uno stato dell'Europa orientale.

Da sapere[modifica]

Căluşari

La Romania confina con l'Ucraina, la Moldavia, la Bulgaria, la Serbia, l'Ungheria ed è bagnata dal Mar Nero.


Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Transilvania — L'altopiano racchiuso tra i monti Carpazi. Ospita ancora rilevanti comunità di lingua tedesca e ungherese. Sinaia ad appena 125 km da Bucarest è una famosa stazione di villeggiatura con impianti sciistici reputati tra i migliori del paese. Nelle immediate vicinanze di Sinaia stanno altri due importanti centri turistici, Bușteni e Predeal. Una quarantina di km più a nord di Sinaia si incontra Brașov, città molto visitata per le sue architetture gotiche e per i paesaggi alpestri dei suoi dintorni.
      Banato — È una regione storica oggi divisa tra Serbia, Ungheria e Romania. Le attrazioni maggiori nella parte sotto amministrazione romena sono la città di Timișoara e il centro termale di Băile Herculane in voga fin dalla seconda metà del XIX secolo e frequentato dall'imperatore Francesco Giuseppe e dalla moglie Elisabetta.
      Oltenia — La regione sud-occidentale, con imponenti monasteri, grotte e luoghi di cura lungo le montagne nella sua parte settentrionale e una bizzarra zona desertica nel sud.
      Bucovina del Sud — Questa regione nord-orientale è famosa per il suo patrimonio mondiale di monasteri dipinti, nascosti tra le pittoresche colline.
      Maramureş — La regione più a nord, meglio conosciuta per i suoi villaggi senza tempo, le chiese tradizionali in legno e lo splendido paesaggio di montagna.
      Crișana — È il territorio ai confini con l'Ungheria. Il suo capoluogo è Oradea,città rinomata per i suoi magnifici palazzi jugendstil eretti al tempo del dominio austroungarico. Prossima al confine con l'Ungheria è Arad, altra città che conobbe un notevole sviluppo industriale sotto gli Asburgo.
      Dobrugia — Unica regione della Romania ad affacciarsi sul Mar Nero, la Dobrugia ha il suo centro maggiore in Costanza, porto mercantile e passeggeri e città con reminiscenze della Belle Époque. Costanza forma un tutt'uno con Mamaia, famoso centro balneare disteso su una sottile striscia sabbiosa che chiude la laguna di. A sud di Costanza e fino al confine bulgaro si distendono altri rinomati centri balneari, quali Eforie, Jupiter, Saturn. Altra attrazione della regione è il delta del Danubio sui cui rami corrono battelli carichi di turisti durante la bella stagione.
      Moldavia — Certamente una delle regioni più straordinarie in Romania; offre una piacevole miscela di città storiche, fortezze medievali, chiese, vino e gente amichevole.
      Muntenia — Conosciuta anche come Valacchia. La capitale, Bucarest, è in questa regione del sud, così come le prime residenze dei principi valacchi e le località di montagna sulla Valle di Prahova. È anche il nome del vecchio regno di leader come il famigerato Vlad Tepes (l'impalatore).


Centri urbani[modifica]

Ro-map.png
  • Bucarest — La capitale della Romania.
  • Bacău — Sul fiume Bistrița è un centro industriale della Moldavia romena.
  • Brașov — Una delle più interessanti città romene grazie ai suoi monumenti medievali e ai suoi dintorni che annoverano la stazione climatica e sciistica Poiana Brașov.
  • Cluj-Napoca — Un centro universitario della Transilvania.
  • Constanza (Constanța) — L'antica Tomi dove fu esiliato il poeta Ovidio è oggi una città portuale sviluppatasi nella II metà del XIX secolo. Sul litorale del Mar Nero, a sud come a nord di Constanța si estendono famose stazioni balneari, la più vicina delle quali è Mamaia.
  • Iași — Seconda città della Romania. Fu capitale del principato di Moldavia fino al 1861.
  • Sibiu — Un centro della Transilvania dove ancora vive una notevole minoranza di Tedeschi e con un nucleo medievale ancora intatto. Interessanti i dintorni con la stazione sciistica di Păltiniș.
  • Sighișoara — Una città medievale ancora intatta ove nacque il principe Vlad la cui crudeltà diede spunto alla creazione del personaggio di Dracula.
  • Suceava — Centro maggiore della Bucovina costituisce la base per l'esplorazione dei monasteri intorno.
  • Timișoara — La maggiore città del Banato. Fu a Timişoara che scoppiò la scintilla della rivoluzione che portò alla caduta del regime comunista nel paese.

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

La Romania ha preso l'impegno di attuare l'accordo di Schengen, anche se ancora non sono operativi. Per i cittadini del SEE (Spazio economico europeo, ossia i Paesi UE più Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera), sono sufficienti per l'ingresso una carta d'identità ufficialmente riconosciuta o il passaporto. Mentre alle altre nazionalità richiedono esclusivamente il passaporto.

Durante un viaggio a/da questo Stato da/a qualsiasi altro Paese (Schengen o meno) saranno effettuati (per il momento) i normali controlli di immigrazione, anche se si eviteranno i controlli doganali quando si viaggia da/a un altro paese dell'UE.

Informarsi col proprio agente di viaggio o con l'ambasciata o col consolato di questo Paese.

Note
(1) I cittadini di questi paesi hanno bisogno di un passaporto biometrico per godere dell'esenzione dal visto.

(2) I cittadini serbi con passaporto rilasciato dalla direzione di coordinamento serba (residenti in Kosovo con passaporto serbo) necessitano del visto.

(3) I cittadini di Taiwan hanno bisogno del loro numero identificativo da stipularsi sul passaporto di godere dell'esenzione del visto.

Solo i cittadini dei seguenti paesi non-UE/AELS non hanno bisogno di un visto per l'ingresso nell'area Schengen: Albania1, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia ed Erzegovina1, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Israele, Giappone, Repubblica di Macedonia1, Malesia, Maurizio, Messico, Moldavia1, Principato di Monaco, Montenegro1, Nuova Zelanda, Nicaragua, Panama, Paraguay, Saint Kitts e Nevis, San Marino, Serbia1, 2, Seychelles, Singapore, Corea del Sud, Taiwan3 (Cina), Stati Uniti, Uruguay, Città del Vaticano, Venezuela, inoltre le persone in possesso di passaporti del British National (Overseas), Hong Kong o Macao.

I cittadini non-UE/AELS non possono rimanere più di 90 giorni in un periodo di 180 giorni all'interno dell'area Schengen nel suo complesso e, in generale, non possono lavorare durante il loro soggiorno (anche se alcuni paesi Schengen fanno eccezione a certe nazionalità; vedi sotto). Il conteggio inizia una volta che si entra in un paese dell'Area Schengen e continua anche quando si lascia un paese Schengen per un altro.

I cittadini non UE/AELS (anche se esenti da visto, a meno degli andorrani, monegaschi o sammarinesi), devono accertarsi che il passaporto venga timbrato sia all'ingresso che all'uscita dall'area Schengen. Senza il timbro d'ingresso, si può essere trattati come coloro che hanno ecceduto la permanenza prevista dal visto quando si tenta di lasciare lo spazio Schengen; inoltre a chi è privo di un timbro di uscita, può essere negato l'ingresso la successiva volta che cerca di entrare nell'area Schengen perché potrebbe risultare che ha ecceduto il soggiorno durante la visita precedente. Se non è proprio possibile ottenere un timbro apposto sul passaporto, assicurarsi di conservare documenti quali carte di imbarco, biglietti di trasporto e ricevute ATM che possono aiutare a convincere il personale d'ispezione frontaliero della legale permanenza nell'area Schengen.

Notare che:

  • I sudditi britannici con aventi il diritto residenza nel Regno Unito e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare connessi a Gibilterra, sono considerati "cittadini del Regno Unito ai fini dell'Unione europea" e quindi possono beneficiare di un accesso illimitato alla zona Schengen.
  • I sudditi britannici e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare, entrambi senza diritto di residenza nel Regno Unito, necessitano del visto.

Tuttavia, tutti i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare ad eccezione di quelli esclusivamente collegati alle zone di sovranità di Cipro sono eleggibili per la cittadinanza britannica e, successivamente, all'accesso illimitato all'area Schengen.

L'ambasciata italiana si trova a Bucarest.

In aereo[modifica]

Aeroporto di Otopeni

L'aeroporto Otopeni [1] di Bucarest è quello con maggior traffico. Al 2013 voli diretti da scali italiani erano effettuati dalle seguenti linee aeree:

Aeroporti minori che presentano altresì voli diretti da scali italiani sono riportati di seguito:

In auto[modifica]

Per entrare in Ucraina dalla Romania bisogna passare per il posto di frontiera di Giurgiuleşti situato nel territorio della Repubblica Moldava, alla estremità sud del paese. Le guardie di frontiera sono estremamente cavillose e fanno perdere tempo.

In treno[modifica]

Treni internazionali da Budapest, Vienna e Praga. CFR (Căile Ferate Române) è l'ente di stato che gestisce le ferrovie.

In autobus[modifica]

L'autobus è preferito al treno anche sulle rotte internazionali. Sul sito autogari.ro sono forniti gli orari per degli autobus extraurbani Tra le autolinee operanti anche sull'estero:


Come spostarsi[modifica]

In treno[modifica]

Cartina ferroviaria della Romania
Cartina stradale della Romania

L'Inter Rail One Country Pass è disponibile per la Romania in vari tagli e prezzi. Informazioni sul sito dell'Inter Rail. Prima di acquistare il pass, fatevi un po' di conti, perché potreste rimetterci.

Pass analoghi sono proposti da Eurail per quanti abbiano la propria residenza al di fuori della zona UE

I biglietti si acquistano in stazione solo se si vuole viaggiare il giorno stesso altrimenti devono essere acquistati in una delle agenzie CFR. Orari e informazioni sul sito infofer (in romeno e in inglese)

Gli Intercity operano sulle seguenti rotte:

In autobus[modifica]


Cosa vedere[modifica]



Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il Leu romeno (RON). Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD


A tavola[modifica]

Mămăligă
Sarmale di foglie di cavolo con mămăligă
Ciorbă

Alcuni piatti-chiave della cucina romena sono:

  • Mămăligă - Una polenta a base di mais
  • Ciorbă - La minestra che può essere fatta in vari modi. Ciorba de burtă è fatta con la trippa, ciorba țărănească è una minestra contadina a base di carne e verdure.
  • Sarmale - Carne tritata avvolta in foglie di cavolo o di vite
  • Miel la proțap - Carne di agnello alla griglia
  • Tochitură cu mămăliguța - Carne di maiale a tocchetti in salsa d'uovo e accompagnati da polenta.
  • Plăcintă - Nome con cui si indicano i dolci di origine balcanica tipo i boreg


Infrastrutture turistiche[modifica]

http://www.hihostels-romania.ro - Sito con un elenco ufficiale degli ostelli in Romania

Eventi e feste[modifica]


Sicurezza[modifica]

La Romania è esente da forme di criminalità violenta, meno dalla delinquenza comune o di strada essendo stati segnalati casi di aggressione durante la notte a Bucarest e Iași. È sufficiente però usare precauzioni normali facendo attenzione per esempio in luoghi affollati, come le stazioni ferroviarie delle grandi città. In particolare non bisogna fidarsi di quelle persone in abiti civili che vi fermano dichiarando di essere poliziotti e di volervi fare un controllo. Per i propri acquisti si consiglia di non usare la carta ma di prelevare con questa il denaro contante presso un ATM.

Dal dicembre 2004 vige in Romania il numero pan-europeo 112 per tutte le chiamate di emergenza (polizia, pronto soccorso e vigili del fuoco).

I cani randagi sono molto diffusi nelle grandi città e se vanno in branco potrebbero rappresentare un potenziale pericolo.

In montagna orsi e lupi sono ancora diffusi e soprattutto d'inverno hanno l'abitudine di avvicinarsi ai centri abitati con la speranza di trovare di che sfamarsi. I pastori romeni avvisano sempre gli amanti del "plein air" dei pericoli cui vanno incontro praticando il campeggio libero. Nel 2006 sei persone sono state uccise da animali selvaggi.

Situazione sanitaria[modifica]

La rabbia può costituire un pericolo, dato il notevole numero di cani randagi.

La situazione ospedaliera varia dal mediocre al pessimo ma i medici romeni sono di ottima preparazione. I dentisti che operano nei centri della Transilvania (Sibiu, Cluj-Napoca) godono da tempo di ottima fama.

Rispettare le usanze[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti