Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Caucaso > Azerbaigian

Azerbaigian

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Azerbaigian
Montagne di Khinaliq
Localizzazione
Azerbaigian - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Azerbaigian - Stemma
Azerbaigian - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Azerbaigian è uno Stato della Transcaucasia

Da sapere[modifica]

L'Azerbaigian confina con la Georgia, la Russia, l'Iran, l'Armenia e sbocca sul Mar Caspio.

Quando andare[modifica]

L'estate è un periodo favorevole solo se si intende visitare le zone di montagna. A Baku e nelle zone di pianura le giornate estive sono caratterizzate da afa insopportabile dovuta, oltre che alle elevate temperature, agli alti tassi di umidità.

Il miglior periodo per visitare Baku è la primavera inoltrata da aprile fino a giugno o, in alternativa, il primo autunno.

Lingue parlate[modifica]

La lingua azera è la lingua ufficiale della Repubblica dell'Azerbaigian. Essa è correlata al turco e dal 1991 si scrive in lettere dell'alfabeto latino ma il cirillico di epoca sovietica rimane ancora in uso. Nelle zone al confine con l'Iran è spesso impiegato l'alfabeto arabo.


Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Regione di Baku — Il centro politico, economico e culturale dell'Azerbaigian. Da qui si estrae il petrolio sin dal 1871.
      Regione di Gäncä
      Repubblica Autonoma di Naxçıvan — Un exclave confinante ad ovest con la Turchia che costituisce una repubblica autonoma. Il territorio è rivendicato dall'Armenia e dunque anche qui la situazione politica rimane fluida.
      Azerbaigian nordorientale — Una regione etnicamente diversificata nelle montagne del Gran Caucaso coperte da rigogliose foreste.
      Regione di Şəki — Una bella e verde regione montana confinante con la Cachezia (Georgia), contenente la più bella città dell'Azerbaigian.
      Regione di Talysh
      Repubblica dell'Artsakh — Etnica regione armena controllata da un governo non riconosciuto indipendente. Il territorio di Artsakh non fa più parte dell'Azerbaigian, essendosi proclamato Repubblica indipendente al termine del conflitto del 1992, Artsakh non è più accessibile dal'Azerbaigian. Accessibile solo attraverso l'Armenia. La situazione politica è ancora fluida ed è rischioso avventurarsi nel territorio per la presenza di campi minati non bonificati.

Centri urbani[modifica]

  • Baku — La capitale del paese.
  • Gəncə (o Ganja) — La seconda più grande città dell'Azerbaigian, con una grande storia e importanti siti d'interesse.
  • Khachmaz (o Xachmaz) — Un centro tra spiagge e litorali boscosi.
  • Lənkəran (o Lankaran) — Città meridionale al confine con l'Iran.
  • Mingəçevir (o Mingechivir) — Cittadina sulle rive del lago artificiale di Mingechivir.
  • Naftalan — Un centro di cure termali.
  • Naxçıvan (o Nakhchivan) — Il capoluogo dell'omonima repubblica autonoma.
  • Sumqayıt (o Sumqayit) — Terza città dell'Azerbaigian sulla penisola di Absheron.
  • Şəki (o Sheki) — Piacevole stazione climatica tra i monti del Caucaso.

Altre destinazioni[modifica]

Arte rupestre di Gobustan
  • Arte rupestre di Gobustan


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Per entrare in Azerbaigian sono necessari passaporto e visto. La richiesta di quest'ultimo dovrà essere presentata presso la sezione consolare dell'ambasciata di Roma insieme ad alcuni documenti. È possibile ottenere il visto anche all'aeroporto di Baku dietro presentazione di alcuni documenti tra cui un test medico del virus HIV. Informazioni sul sito dell'ambasciata dell'Azerbaigian in Italia o sul sito del Ministero degli Esteri. Chi reca sul proprio passaporto il timbro d'ingresso in Armenia sarà respinto, mentre chi presenta timbri del Nagorno-Karabach oltre ad essere respinto sarà iscritto nella lista delle persone non grate e si ritroverà permanentemente negato l'ingresso (salvo essere cancellati dalla predetta lista).

In aereo[modifica]

L'Aeroporto Internazionale Heydar Aliyev [1] è una ventina di km a nord est di Baku

Al 2012 voli diretti da Milano-Malpensa, e Roma-Fiumicino erano effettuati da Azerbaigian Airlines [2].

Se si è disposti ad effettuare uno scalo intermedio è possibile raggiungere Baku con voli delle compagnie Lufthansa, Austrian airlines, Turkish Airlines, BMI

In auto[modifica]

Il principale valico stradale con la Georgia è quello di Krasny Most percorso da autolinee internazionali oltre che da marshrutka e taxi. Per il passaggio su questi mezzi vi verrà senz'altro richiesto un prezzo abnorme rispetto a quello sborsato dai locali.

La frontiera con l'Armenia rimane chiusa (anno 2012)

In treno[modifica]

Dalla Georgia, in particolare da Tiblisi, esiste un servizio notturno di treni cuccetta per Baku (Scompartimenti a quattro posti letto ciascuno per meno di 40 euro nel 2011). Preparatevi ad affrontare lunghe code alla biglietteria della stazione di Tbilisi e soste di un paio d'ore e anche più al valico di frontiera per controlli doganali. Dovrete essere già in possesso del visto in quanto questo non viene rilasciato alla frontiera. Informatevi anche se gli scompartimenti siano dotati di impianto di climatizzazione funzionate per non arrivare arrostiti o congelati a seconda della stagione in cui viaggiate.

In autobus[modifica]

È possibile raggiungere l'Azerbaigian dalla Turchia sempre attraversando il territorio della Georgia e a bordo di pullman. È in fase di completamento (anno 2012) un collegamento ferroviario tra Kars (Turchia) e Akhalkalaki (Georgia) che permetterà di raggiungere in treno l'Azerbaigian da qualsiasi stazione in Turchia ma sempre con un cambio di treno a Tiblisi.

Come spostarsi[modifica]

In treno[modifica]

Cartina delle linee ferroviarie in Azerbaigian

La principale linea ferroviaria va da Baku a Tbilisi. Tra le linee secondarie citiamo Baku-Astara che, come le altre, non dovrebbe essere presa in considerazione per la lentezza dei convogli.

In autobus[modifica]

Ogni centro ha la sua stazione di autobus extraurbani. Un mezzo di spostamento popolare è costituito dai maršrutka, un ibrido tra taxi e pulmini. Sono mezzi gestiti da privati e i conducenti hanno l'abitudine di chiedere prezzi gonfiati a chi non è del luogo.

Cosa vedere[modifica]

Itinerari[modifica]

Prendendo a prestito lo schema fornito dal sito dell'ente turistico nazionale, tutte le mete turistiche del paese sono state raggruppate in territori molti dei quali si possono risolvere in itinerari turistici che hanno inizio dalla capitale o, se letti a ritroso, dalla confinante Georgia

Absheron

Sulla smilza penisola di Absheron protesa nel Mar Caspio è situata Baku, capitale e maggior centro del paese. Altre località di interesse turistico sono, oltre alle numerose spiagge, la città di Suraxani con un tempio del fuoco che costituiva luogo di culto dei seguaci del Mazdeismo.

Itinerario del nord
Mappa dell'Azerbaigian

Il territorio del Nord è accessibile dalla capitale seguendo il tracciato della M1 fino ai confini con il Daghestan. Più che i centri balneari sul Mar Caspio in voga in epoca sovietica (Nabran) risultano di gran lunga più interessanti le escursioni ai villaggi annidati nelle valli che si aprono sul versante settentrionale del Caucaso. Tuttavia non esistono servizi di autobus dal capoluogo (Quba) per cui ci si dovrà rivolgersi a un'agenzia di Baku. Khinalug è il più rinomato dei villaggi del Caucaso. La strada che vi conduce fu asfaltata in occasione di una visita del presidente della Repubblica dopo di che non fu più mantenuta e oggi è percorribile solo con veicoli 4X4.

Itinerario del nord ovest

L'itinerario che da Baku conduce a Balakan da dove è poi possibile proseguire in Georgia è alternativo a quello principale descritto di seguito e senza dubbio più interessante, almeno per gli appassionati del turismo ecologico. La strada infatti passa per le pendici meridionali del Grande Caucaso incontrando in successione (da Baku) i centri di Ismailli, Qebala, Sheki, Zaqatala, tutti con possibilità di piacevoli escursioni fra i boschi che ammantano le pendici dei monti.

Itinerario centrale della E60

La regione centrale corrisponde alle zone di pianura attraversate dal Kara, fiume che nasce in Turchia e attraversa la Georgia prima di entrare in Azerbaigian. Le opere di irrigazione hanno permesso una florida agricoltura. Il bacino del fiume è limitato a nordest dalla catena del Grande Caucaso e a sudovest da quella del Piccolo Caucaso..

Lungo l'itinerario principale da Baku a Tiblisi (tratto della E60, circa 390 km), le località ove fare un'eventuale tappa sono Şamaxı e Gəncə. La prima è rinomata per i suoi balli tradizionali, la seconda è il maggior centro del paese dopo Baku.

Itinerario del sud

Il sud dell'Azerbaigian è un territorio occupato dai monti Talysh, una catena che corre parallelamente alla riva del Mar Caspio fino al confine con l'Iran e oltre. I vari centri del territorio sono raggiungibili da Baku seguendo il tracciato della strada statale M3 fino al valico di frontiera di Astara (circa 360km). Il centro dove fare tappa è Lankaran (280 km da Baku) sul mare e tra estese piantagioni di tè. Lankaran è anche la base per escursioni al parco nazionale di Hirkan che dovrebbe presto entrare nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità (anno 2012)

Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

1 nuovo manat azero

La valuta nazionale è il Manat azero (AZN). Il cui simbolo è: Azeri manat symbol.svg. Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD


A tavola[modifica]


Infrastrutture turistiche[modifica]


Eventi e feste[modifica]

Ramadan
Il Ramadan è il nono e più sacro mese del calendario islamico e dura 29-30 giorni. I musulmani digiunano ogni giorno lungo la sua durata e la maggior parte dei ristoranti resterà chiusa fino al crepuscolo. Niente (compresa l'acqua e sigarette) dovrebbe passare attraverso le labbra dall'alba al tramonto. Gli stranieri, i viaggiatori, ed altri sono esenti da questo, ma dovrebbero comunque astenersi dal mangiare o bere in pubblico in quanto questo è considerato molto maleducato. Le ore di lavoro diminuiscono anche nel mondo aziendale. Le date esatte del Ramadan dipendono da osservazioni astronomiche locali e possono variare da Paese a Paese. Il Ramadan si conclude con la festa di Eid al-Fitr, che può durare diversi giorni, di solito tre nella maggior parte dei Paesi.
  • 16 maggio – 14 June 2018 (1439 AH)
  • 6 maggio – 3 June 2019 (1440 AH)
  • 24 aprile – 23 May 2020 (1441 AH)
  • 13 aprile – 12 May 2021 (1442 AH)
  • 2 aprile – 1 May 2022 (1443 AH)

Se avete in programma di viaggiare in Azerbaigian durante il Ramadan, prendere in considerazione la lettura dell'articolo Viaggiare durante il Ramadan.


Sicurezza[modifica]

Le relazioni tra Azerbaigian e Armenia permangono tese per la disputa del territorio di Nagorno-Karabah, per cui prima di partire dovrete aggiornarvi su un sito specifico. Lungo la linea del cessate il fuoco sono frequenti scontri tra le milizie rivali e episodi di attacchi da parte di cecchini per cui dovrete starne ben lontano se non volete essere il prossimo bersaglio.

Situazione sanitaria[modifica]

Le strutture sanitarie statali sono spesso carenti e scarseggia personale medico di livello professionale elevato. Tuttavia a Baku sono operanti alcune strutture private di livello nettamente superiore alla media.

Rispettare le usanze[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti

Asia
AsiaContour coloured.svg Afghanistan · Arabia Saudita · Armenia · Azerbaigian · Bahrain · Bangladesh · Bhutan · Birmania · Brunei · Cambogia · Cina · Corea del Nord · Corea del Sud · Emirati Arabi Uniti · Filippine · Georgia · Giappone · Giordania · India · Indonesia · Iran · Iraq · Israele · Kazakistan · Kirghizistan · Kuwait · Laos · Libano · Maldive · Malesia · Mongolia · Nepal · Oman · Pakistan · Qatar · Russia · Singapore · Siria · Sri Lanka · Stato di Palestina · Tagikistan · Taiwan · Thailandia · Timor Est · Turchia · Turkmenistan · Uzbekistan · Vietnam · Yemen