Scarica il file GPX di questo articolo

Ungheria

Da Wikivoyage.
Europa > Europa centrale > Ungheria
Ungheria
Castello di Buda di notte
Localizzazione
Ungheria - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Ungheria - Stemma
Ungheria - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Ungheria è uno stato dell'Europa centrale che confina con la Slovacchia, l'Ucraina, la Romania, la Serbia, la Croazia, la Slovenia e l'Austria.

Da sapere[modifica]

Lingue parlate[modifica]

Ungherese, inglese e tedesco.


Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Ungheria centrale — Corrisponde al territorio della capitale, Budapest.
      Regione del lago Balaton — Ricompreso nel Transdanubio, il lago Balaton costituisce una primaria attrazione turistica in un paese privo di sbocchi al mare. Non a caso il lago è riferito come "Mare ungherese".
      Transdanubio (Dunántúl in ungherese) — Con Transdanubio si intendono i territori sulla riva destra (o occidentale) del Danubio fino ai confini con Austria, Slovenia e Croazia.
      Ungheria settentrionale — Città storiche, regioni vinicole e terme: tutte cose da non perdere.
      Grande pianura ungherese — In qualche modo isolata dal resto della nazione. Una vasta regione pianeggiante di cui Debrecen potrebbe essere considerato il capoluogo non ufficiale.

Centri urbani[modifica]

  • Budapest — Con verdi parchi lussureggianti, musei interessanti e una vivace vita notturna, Budapest è una fra le città europee più piacevoli e divertenti.
  • Debrecen — La seconda più grande città del paese.
  • Győr — Ci sono numerosi caffè, ristoranti, boutique e night club nel suo adorabile centro città in stile barocco.
  • Kecskemét — Una città famosa per la sua vibrante musica, il brandy alla prugna e l'architettura Art Nouveau.
  • Miskolc — Con l'inimitabile grotta termale di Miskolc-Tapolca, è la terza più grande città del paese situata nei pressi dei monti Bükk.
  • Nyíregyháza — Una città di media dimensione con un frequentato resort acquatico, un museo e l'annuale festival d'autunno.
  • Pécs — Un piacevole centro culturale e città universitaria.
  • Seghedino — La più assolata città ungherese.
  • Székesfehérvár — La vecchia sede reale, oggigiorno famosa per la sua architettura barocca e i suoi musei.

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

L'Ungheria è un membro dell'Area Schengen.

Non ci sono controlli alle frontiere tra i paesi che hanno firmato e attuato il trattato, ossia l'Unione europea (ad eccezione della Bulgaria, Croazia, Cipro, Irlanda, Romania e Regno Unito), Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Allo stesso modo, un visto concesso da un qualunque membro Schengen è valido in tutti gli altri paesi che hanno firmato e attuato il trattato. Ma attenzione: non tutti i membri dell'Unione europea hanno firmato il trattato di Schengen, e non tutti i membri di Schengen fanno parte dell'Unione europea. Questo significa che ci possono essere controlli doganali a campione, ma senza controlli di immigrazione (viaggiando all'interno di Schengen, ma non da/a un Paese extra UE) o potrebbe essere necessario passare i controlli di immigrazione, ma non quelli doganali (viaggiando all'interno dell'UE, ma non da/a un Paese extra Schengen).

Gli aeroporti in Europa sono pertanto suddivisi in aree "Schengen" e "non-Schengen", che di fatto si comportano come gli equivalenti nazionali dei voli "domestici" e "internazionali". Se si vola da fuori dell'Europa verso un paese Schengen per poi continuare verso un altro, verranno effettuati i controlli di immigrazione e doganali al primo scalo per poi continuare verso la destinazione finale senza ulteriori verifiche. Viaggiare tra un membro di Schengen e uno Stato non appartenente a Schengen darà luogo ai normali controlli di frontiera. Si noti che indipendentemente dal fatto che si viaggia all'interno dello spazio Schengen o meno, molte compagnie aeree continueranno a insistere per vedere la vostra carta d'identità o passaporto.

I cittadini dell'UE o AELS (l'"Associazione europea di libero scambio", nota in inglese come EFTA, e composta da Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) per l'ingresso hanno solo bisogno di una carta d'identità valida per l'espatrio o di un passaporto, entrambi ovviamente in corso di validità. In nessun caso si avrà bisogno di un visto per un soggiorno di qualsiasi durata. Gli stessi criteri si applicano anche ai cittadini stranieri. In aggiunta dovranno solo mostrare il regolare visto d'ingresso che gli ha consentito l'accesso al primo stato membro.

I cittadini non-UE/AELS in genere necessitano di un passaporto per l'ingresso in un paese Schengen e la maggior parte avrà bisogno di un visto.

Dal 2012 anche i minorenni devono essere muniti di carta d'identità per lasciare il suolo nazionale e devono essere accompagnati da almeno uno dei genitori indicati in tale documento. In assenza dei genitori il minore deve avere una "dichiarazione di accompagno" da loro firmato e convalidato dagli organi competenti, in cui si indica la persona o l'ente a cui il minore sarà affidato.

Note
(1) I cittadini di questi paesi hanno bisogno di un passaporto biometrico per godere dell'esenzione dal visto.

(2) I cittadini serbi con passaporto rilasciato dalla direzione di coordinamento serba (residenti in Kosovo con passaporto serbo) necessitano del visto.

(3) I cittadini di Taiwan hanno bisogno del loro numero identificativo da stipularsi sul passaporto di godere dell'esenzione del visto.

Solo i cittadini dei seguenti paesi non-UE/AELS non hanno bisogno di un visto per l'ingresso nell'area Schengen: Albania1, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia ed Erzegovina1, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Israele, Giappone, Repubblica di Macedonia1, Malesia, Maurizio, Messico, Moldavia1, Principato di Monaco, Montenegro1, Nuova Zelanda, Nicaragua, Panama, Paraguay, Saint Kitts e Nevis, San Marino, Serbia1, 2, Seychelles, Singapore, Corea del Sud, Taiwan3 (Cina), Stati Uniti, Uruguay, Città del Vaticano, Venezuela, inoltre le persone in possesso di passaporti del British National (Overseas), Hong Kong o Macao.

I cittadini non-UE/AELS non possono rimanere più di 90 giorni in un periodo di 180 giorni all'interno dell'area Schengen nel suo complesso e, in generale, non possono lavorare durante il loro soggiorno (anche se alcuni paesi Schengen fanno eccezione a certe nazionalità; vedi sotto). Il conteggio inizia una volta che si entra in un paese dell'Area Schengen e continua anche quando si lascia un paese Schengen per un altro.

I cittadini non UE/AELS (anche se esenti da visto, a meno degli andorrani, monegaschi o sammarinesi), devono accertarsi che il passaporto venga timbrato sia all'ingresso che all'uscita dall'area Schengen. Senza il timbro d'ingresso, si può essere trattati come coloro che hanno ecceduto la permanenza prevista dal visto quando si tenta di lasciare lo spazio Schengen; inoltre a chi è privo di un timbro di uscita, può essere negato l'ingresso la successiva volta che cerca di entrare nell'area Schengen perché potrebbe risultare che ha ecceduto il soggiorno durante la visita precedente. Se non è proprio possibile ottenere un timbro apposto sul passaporto, assicurarsi di conservare documenti quali carte di imbarco, biglietti di trasporto e ricevute ATM che possono aiutare a convincere il personale d'ispezione frontaliero della legale permanenza nell'area Schengen.

Notare che:

  • I sudditi britannici con aventi il diritto residenza nel Regno Unito e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare connessi a Gibilterra, sono considerati "cittadini del Regno Unito ai fini dell'Unione europea" e quindi possono beneficiare di un accesso illimitato alla zona Schengen.
  • I sudditi britannici e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare, entrambi senza diritto di residenza nel Regno Unito, necessitano del visto.

Tuttavia, tutti i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare ad eccezione di quelli esclusivamente collegati alle zone di sovranità di Cipro sono eleggibili per la cittadinanza britannica e, successivamente, all'accesso illimitato all'area Schengen.

In aereo[modifica]

L'aeroporto principale del paese è quello di Ferihegyi Repuloter Budapest a 24 km dalla capitale ungherese. Di seguito un elenco di compagnie che al 2009 effettuavano voli da città italiane.

  • Wizz Air -
    • Da Milano-Orio al Serio a Budapest-Ferihegyi
    • Da Roma-Fiumicino a Budapest-Ferihegyi
    • Da Treviso a Budapest-Ferihegyi
    • Da Napoli -Capodichino a Budapest-Ferihegyi

In auto[modifica]

L'itinerario più semplice per raggiungere l'Ungheria è Tarvisio (Friuli-Venezia Giulia) - Vienna - Budapest con 637 km di strada. L'alternativa può anche essere Trieste-Slovenia/Croazia-Ungheria. Ricordatevi che per l'Austria, la Slovenia e l'Ungheria bisogna acquistare il bollino per l'autostrada.

In nave[modifica]

A Budapest fanno tappa le principali crociere che collegano Vienna con il Mar Nero. Budapest è raggiungibile anche con gli aliscafi di linea che da aprile a novembre la collegano in 6 ore con Vienna.

In treno[modifica]

Oltre ai treni in cui bisogna effettuare diversi cambi, da Venezia parte ogni giorno un Euronight diretto a Budapest con la durata del viaggio di circa 13 ore.

In autobus[modifica]

Volán Bus — Consociata ad Eurolines

Orange Ways — Compagnia discount che ha iniziato ad operare nel 2007 su alcune rotte internazionali quali Cluj-Napoca, Varsavia, Vienna, Praga e Mukačeve (Ucraina). Il viaggio può essere non molto confortevole sui bus di questa compagnia soprattutto se sono stati assegnati gli ultimi sedili posteriori ma il prezzo del biglietto rimane concorrenziale rispetto ai treni internazionali. Da considerare poi che i treni internazionali nell'Europa dell'Est segnano frequentemente ritardi di oltre un'ora mentre gli autobus sono molto più puntuali.

Come spostarsi[modifica]

In autobus[modifica]

Volán Bus — Autolinee che effettuano collegamenti all'interno dell'Ungheria. I biglietti vanno acquistati almeno un'ora e 1/2 prima della partenza. Le code possono essere lunghe e il comportamento dei bigliettai irritante.

Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il fiorino ungherese (HUF), con monete da 5, 10, 20, 50 100 e 200 fiorini, e banconote da 500, 1.000, 2.000, 5.000, 10.000, 20.000 fiorini.

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD


A tavola[modifica]

La cucina ungherese è molto speziata e abbondantemente cosparsa di pepe e paprica. I due piatti di carne più caratteristici sono sicuramente il gulyas e il porkolt. Quello che in Italia è conosciuto come goulash qui si chiama rigorosamente porkolt (cioè lo spezzatino di manzo), mentre il gulyas ungherese è più simile a una minestra di manzo.

Bevande[modifica]


Infrastrutture turistiche[modifica]


Eventi e feste[modifica]

Cattedrale di Santo Stefano a Esztergom
1° gennaio Capodanno
15 marzo Festa nazionale della rivoluzione (del 1848)
marzo/aprile Lunedì di Pasqua e Lunedì di Pentecoste
1° maggio Festa del lavoro
20 agosto Festa della Costituzione e di re Santo Stefano (fondatore dello Stato)
23 ottobre Festa della Repubblica
1° Novembre Ognissanti
25-26 dicembre Natale


Sicurezza[modifica]

Numeri di emergenza:

  • 112 per richiedere il servizio di autoambulanza dal cellulare
  • 104 per richiedere il servizio di autoambulanza da un telefono fisso
  • 105 per chiamare i vigili del fuoco da un telefono fisso
  • 107 pronto intervento polizia da telefono fisso.

Da tener presente che gli operatori che parlano inglese sono pochi e può passare qualche tempo prima che lo si trovi.

Situazione sanitaria[modifica]


Rispettare le usanze[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

I telefoni pubblici funzionano sia con le schede che con le monete.



Altri progetti