Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Bergamo
Bergamo collage.png
Stemma e Bandiera
Bergamo - Stemma
Bergamo - Bandiera
Appellativi
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Reddot.svg
Bergamo
Sito del turismo
Sito istituzionale

Bergamo è una città nella Lombardia, capoluogo della provincia omonima.

Da sapere[modifica]

È tuttora una delle cinque città italiane, assieme a Padova, Ferrara, Lucca e Grosseto, il cui centro storico è rimasto completamente circondato dalle mura venete (dichiarate nel 2017 dall'UNESCOUNESCO Patrimonio mondiale dell'umanità), che hanno mantenuto pressoché intatto il loro aspetto originario nel corso dei secoli.

Considerando i redditi dichiarati nel 2010, Bergamo è risultata essere la seconda città più ricca d'Italia, dopo Milano.

Nel 2017 Bergamo e la sua provincia fanno parte della "Regione Europea della Gastronomia-Lombardia Orientale", insieme alle province di Mantova, Brescia e Cremona.

Bergamo e Brescia sono state nominate Capitali italiane della cultura per il 2023.

Cenni geografici[modifica]

Bergamo si trova in territorio pedemontano, a metà strada tra i fiumi Brembo e Serio.

Il principale corso d'acqua della città è il torrente Morla che scorre con andamento sinusoidale e per lunghi tratti interrato al di sotto di strade e parcheggi. Inoltre la città è attraversata longitudinalmente da un sistema di rogge che vi porta le acque del fiume Serio a fini di irrigazione e, un tempo, per azionare mulini e filatoi.

Il Canto Alto è il primo monte delle Prealpi Orobie che si innalza a ridosso della città esso si trova nel territorio di Sorisole, ed è stato un rifugio sicuro per la popolazione durante le guerre mondiali. Il nucleo antico della città viene fondato proprio su un sistema di 7 colli, estrema propaggine delle stesse prealpi Orobie prima della pianura.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 7 9 13 17 23 27 29 29 24 18 12 7
Minime (°C) -1 0 4 7 12 16 18 18 14 1 4 0
Precipitazioni (mm) 64 69 78 103 99 133 107 129 84 102 129 68

La temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +1,5 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di +22,4 °C. Le precipitazioni si concentrano nei periodi compresi tra marzo e maggio.

Cenni storici[modifica]

La prima occupazione è quella dei Liguri, più precisamente gli Orobi, seguita da quella dei Cenomani e Senoni. In latino è conosciuta come Bergomum. La Gallia Transpadana viene quindi annessa alla Repubblica romana in espansione, e dal 49 a.C. anche Bergomum diviene un Municipio romano. I romani riedificano il centro secondo gli assi cardo-decumano.

A seguito della caduta dell'Impero, Bergomum è ripetutamente saccheggiata, fino all'arrivo dei Longobardi nel 569, che vi insediano un Ducato. Spodestati nel 774 dai Franchi, la città viene retta da una serie di vescovi-conti. In questo periodo a Bergamo fiorirono le seguenti potenti famiglie longobarde: Suardi, Colleoni, Crotti, Rivola, Mozzi, Martinengo. Nel 904 re Arnolfo, conferì al vescovo Adalberto piena giurisdizione politica e civile sulla città, e furono anni di migliorie e rifacimenti, ma nel 1098 la giurisdizione vescovile, dopo una lotta sulle investiture, venne deposta. Dal 1098 Bergamo è Libero comune, e dopo un paio di guerre contro Brescia si unisce alla Lega Lombarda contro l'imperatore Federico Barbarossa. A partire dal XIII secolo, nell'ambito delle lotte tra guelfi e ghibellini, Bergamo cade sotto l'influenza dei Visconti di Milano, che fortificano la Cittadella.

Dal 1428 Bergamo entra a far parte dei domini della Repubblica di Venezia. I veneziani ricostruiscono la città vecchia, erigendo possenti mura difensive. Il dominio veneto continua fino all'epoca napoleonica quando, dopo la breve esperienza della Repubblica Bergamasca, della Repubblica Cisalpina e del Regno d'Italia, con la Restaurazione Bergamo cade nella sfera austriaca del Regno Lombardo-Veneto. Gli austriaci sono i fautori della prima industrializzazione del territorio bergamasco, con l'impianto di manifatture tessili. Bergamo prende parte al Risorgimento fornendo buona parte dei Mille. Giuseppe Garibaldi stesso entra in città, con i suoi Cacciatori delle Alpi, l'8 giugno 1859. Dal 1860 Bergamo è parte del Regno, e poi della Repubblica Italiana.

La Città Alta vista dal castello


Come orientarsi[modifica]

Per ulteriori informazioni rivolgersi agli uffici turistici di Bergamo.

  • informazioni 45.69049.67511 I.A.T. Bergamo Bassa, Piazzale Marconi, +39 035 210204, .
  • informazioni 45.703589.664172 I.A.T. Bergamo Alta, Via Gombito 13, +39 035 242226, .

Sul sito del turismo di Bergamo è disponibile una mappa turistica della città.

Quartieri[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'aeroporto più vicino a Bergamo è:

Stazione FS

In auto[modifica]

Bergamo dispone di un'uscita dall'Autostrada A4. Questa uscita collega l'autostrada con l'Aeroporto di Orio Al Serio, a circa 2 km dall'uscita dell'A4.

Parcheggi[modifica]

In treno[modifica]

In autobus[modifica]

  • autobus 45.6917029.674988 Stazione autolinee, Piazzale Marconi (a 100 metri dalla stazione ferroviaria).

Per informazioni sulle linee passanti da Bergamo consultare il sito muoversi in Lombardia.

In alternativa con Flixbus si possono trovare pullman con partenze da tutta Italia per Bergamo Centro e l'aeroporto internazionale di Bergamo-Orio al Serio.


Come spostarsi[modifica]

Funicolare

È possibile raggiungere la Città Alta a piedi attraverso gli scorlazzini (scalinate che da più punti la collegano alla parte bassa della città), in automobile (anche se è vietato durante i fine settimana estivi e tutto l'anno la domenica pomeriggio), con la funicolare, i taxi o con l'autobus, forse il migliore modo in assoluto. Per raggiungere il colle di San Vigilio è possibile prendere la seconda linea di funicolare cittadina che da Porta Sant'Alessandro porta all'antico castello medioevale. La tariffa per visitare Città Alta e Città Bassa è di 1.30€ (Zona A-Centro) I biglietti dell'ATB sono facilmente reperibili nelle edicole, nelle stazioni delle funicolari e tabaccherie. Per spostarsi in Città Bassa, il mezzo più utile è sempre l'autobus, poiché ha come capolinea la stazione ferroviaria e tranviaria TEB. Per raggiungere le Valli, si può optare per quest'ultima opzione prendendo la linea tranviaria T1 che collega Bergamo ad Albino, in media Valle Seriana, con un tragitto di 12 km, percorso in mezzora.

Taxi[modifica]

In bici[modifica]

  • ciclabile La BiGi bike sharing (registrarsi al sito Nextbike e scaricare l’app nextbike). Ecb copyright.svg 1 euro per i primi 30 minuti di utilizzo, 1 euro per i successivi 30 minuti e 4 euro per il tempo successivo a questa prima ora.

In monopattino[modifica]

  • Reby, parcheggiati in tutta la citta' in free floating (Scaricare l'app Reby nell'Appstore o Playstore). Ecb copyright.svg 0,95 € per lo sblocco, 0.14 € al minuto durante il viaggio e 0.05€ durante la messa in pausa. Noleggio monopattini e bici. Servizio interdetto alle vie del centro storico di Città Alta.


Cosa vedere[modifica]

La Città Alta

Il centro storico di Bergamo, ancora interamente cinto dalle mura venete, appare come una città medievale. Sono presenti numerosi monumenti di tale epoca tra i quali spiccano la Torre Civica, il Palazzo della Ragione e la Basilica di Santa Maria Maggiore, splendido esempio di tardo romanico lombardo. Si trovano inoltre notevoli testimonianze di epoche successive: il gotico battistero opera Giovanni da Campione, il rinascimentale Duomo di Bergamo e soprattutto la quattrocentesca Cappella Colleoni, dell'architetto Giovanni Antonio Amadeo. Le numerose testimonianze storico-artistiche unite ad un impianto urbanistico scarsamente alterato fanno di Bergamo una delle principali città d'arte lombarde.

Da visitare Borgo Santa Caterina, quartiere della città, tra I borghi più belli d'Italia dal 2019.

Città Alta[modifica]

Bergamo Alta è una città medioevale, circondata da bastioni eretti nel XVI secolo, durante la dominazione veneziana, che si aggiungeva alle preesistenti fortificazioni al fine di renderla una fortezza inespugnabile. La Città Alta fa parte della Terza Circoscrizione del Comune di Bergamo. La Terza Circoscrizione, della quale fa parte anche questo quartiere, comprende i quartieri di Conca Fiorita, Monterosso, San Colombano, Valverde, Santa Caterina, Redona, Città Alta e i Colli.

Le mura venete

UNESCO Mura venete[modifica]

  • 45.704169.67211 Porta Sant'Agostino - È una porta di ingresso alla città; si trova appena dopo la sommità di una scalinata che inizia vicino all'Accademia Carrara. E' effigiata da un Leone che ha in mano il Vangelo di San Marco: esso è un simbolo che rimanda al periodo di dominazione veneta.
  • 45.70659.657862 Porta Sant'Alessandro - È una delle quattro porte che accedono alla parte alta della città di Bergamo, ed è rivolta a ovest; prese il nome dalla basilica di Sant'Alessandro, distrutta per la costruzione delle mura venete nel 1561.
  • 45.701249.663033 Porta San Giacomo - Altra porta d'ingresso alla città, anch'essa effigiata dal Leone di san Marco.
  • 45.706789.662954 Porta San Lorenzo - Anticamente detta "Porta san Lorenzo", è stata intestata a Garibaldi, che entrò nella città attraversando proprio questa porta.
Piazza Vecchia
Piazza Vecchia
Torre Civica (Campanone)
  • 45.7039769.6630845 Il Campanone (Torretta civica). Simple icon time.svg aprile-ottobre sabato e festivi 9.30-21.30, mar-ver 9.30-19, resto dell'anno sabato e festivi 9.30-16.30. Che ancora oggi alle ore 22 scocca 100 colpi - quelli che in passato annunciavano la chiusura notturna dei portoni delle mura venete. Torre civica di Bergamo su Wikipedia Campanone (Q3995171) su Wikidata
  • 45.7040859.6629616 Fontana Contarini. Fu costruita dal podestà Alvise Contarini nel 1780 per decorare Piazza Vecchia, che si trova tra il Palazzo della Ragione e il Palazzo Nuovo. È in marmo di Zandobbio, ha una base ottagonale ed è attorniata da figure come sfingi, serpenti e leoni. Fontana Contarini su Wikipedia fontana Contarini (Q3747319) su Wikidata
Il Duomo
  • Attrazione principale 45.7033339.6630567 Duomo (Cattedrale di Sant'Alessandro). È una delle due cattedrali sopravvissuta che un tempo esistevano in città, dedicata a Sant'Alessandro da Bergamo. Questa cattedrale era originariamente dedicata a San Vincenzo, ma una volta che i veneziani demolirono l'originale Cattedrale di Sant'Alessandro, le diocesi si unirono sotto il nome di Sant'Alessandro. La cattedrale ha una classica pianta a croce latina e ha subito numerosi restauri e rifacimenti, l'ultimo dei quali è l'aggiunta della facciata neoclassica del XIX secolo. Duomo di Bergamo su Wikipedia duomo di Bergamo (Q1081902) su Wikidata
Basilica di Santa Maria Maggiore e Cappella Colleoni
  • Attrazione principale 45.7030569.6622228 Basilica di Santa Maria Maggiore, Piazza Duomo. Ricordata per i suoi bei portali laterali nord e sud di Giovanni da Campione. Degni di nota sono anche gli intarsi raffiguranti scene bibliche realizzate in legni di vari colori, i cui disegni sono attribuiti a Lorenzo Lotto, e un imponente confessionale barocco scolpito da Andrea Fantoni. La chiesa ospita la tomba del celebre compositore bergamasco Gaetano Donizetti (1797-1848). Basilica di Santa Maria Maggiore (Bergamo) su Wikipedia basilica di Santa Maria Maggiore (Q2001128) su Wikidata
  • Attrazione principale 45.7034179.6622229 Cappella Colleoni, Piazza del Duomo. Ecb copyright.svg entrata libera. Simple icon time.svg marzo-ottobre: 9.30-12.30 e 14.00-18.00. novembre-febbraio: 9.30-12.30 e 14.00-16.30. Chiuso il lunedì. Progettata dall'architetto Giovanni Antonio Amadeo in epoca rinascimentale, contiene i monumenti funebri e i resti del condottiero Bartolomeo Colleoni e della figlia Medea, morta all'età di 14 anni nel 1470. Cappella Colleoni su Wikipedia cappella Colleoni (Q1034843) su Wikidata
Palazzo della Ragione
  • 45.7036119.662510 Palazzo della Ragione. Sul pavimento del portico è possibile ammirare una meridiana in marmo del 1798, che segnava l'ora in base all'illuminazione. Palazzo della Ragione (Bergamo) su Wikipedia Palazzo della Ragione (Q3891477) su Wikidata
  • 45.7034949.66035311 Battistero, Piazza Duomo. Eretto da Giovanni da Campione nel XIV secolo. Battistero di Bergamo su Wikipedia battistero di Bergamo (Q50881661) su Wikidata
  • 45.704359.6623912 Teatro Sociale, Via Colleoni 4. Inaugurato il 26 dicembre 1808 col nome di Teatro della Società, è luogo di importanti eventi culturali Teatro Sociale (Bergamo) su Wikipedia Teatro Sociale (Q3982148) su Wikidata
Il Palazzo Nuovo di Bergamo, la biblioteca Angelo Mai
  • 45.7043339.66316913 Palazzo Nuovo. Che ospita la vasta Biblioteca Angelo Mai, che raccoglie, oltre a testi moderni, parecchi incunaboli, cinquecentine e spartiti. Palazzo Nuovo (Bergamo) su Wikipedia Palazzo Nuovo di Bergamo (Q3890562) su Wikidata
  • 45.703979.6605714 Sala Alfredo Piatti, Via S. Salvatore 11. È una sala intestata al celebre virtuoso di violoncello e compositore bergamasco Alfredo Piatti (1822-1901). Essa, piena di affreschi nel soffitto, è luogo di vari eventi musicali.
Piazza della Cittadella
  • 45.7057729.65938815 Museo civico archeologico, Piazza Cittadella, 9. Il museo venne fondato nel 1561 e ospitato nella loggia sotto il Palazzo della Ragione. Si compone di diverse sezioni: preistorica, egizia, romana, paleocristiana e longobarda. Civico museo archeologico di Bergamo su Wikipedia Civico museo archeologico di Bergamo (Q3678769) su Wikidata
  • 45.7055569.65944416 Museo "Enrico Caffi" di scienze naturali, Piazza Cittadella, 10. Ecb copyright.svg ingresso libero. E' un museo con delle sezioni interattive, ricco di animali imbalsamati, resti fossili e molto altro. Poco dopo l'ingresso è possibile osservare l'imponente ricostruzione di un mammut. Museo di scienze naturali (Bergamo) su Wikipedia Museo di scienze naturali (Bergamo) (Q3868230) su Wikidata
Torre del Gombito
Altri luoghi d'interesse generici
  • 45.704359.6623917 Via Colleoni. Nota anche come Corsaröla, collega Piazza Vecchia a Piazza della Cittadella ed è il cuore di città alta.
  • 45.705739.66400618 Fontana del Lantro, Via Boccola, presso la chiesa di San Lorenzo, +39 035 242226. Simple icon time.svg visitabile nelle giornate di venerdì, sabato e domenica dalle 8:30 alle 12:30, e dalle 14:30 alle 18:30. È inoltre necessario dotarsi di apposite calzature anti-sdrucciolo.. Risalente all'anno 1000 circa, è costituita da due vasche: la minore in posizione sopraelevata, e la principale con base quadrata ed una capacità di 400 metri cubi. Fontana del Lantro su Wikipedia Fontana del Lantro (Q3747356) su Wikidata
  • 45.688569.6640619 Conservatorio di Studi Musicali Gaetano Donizetti, Via Don Luigi Palazzolo, 88. E' il conservatorio di Bergamo, fondato nei primi anni dal musicista tedesco Giovanni Simone Mayr (1763-1845), per dare lezioni caritatevoli. Fu lì che Donizetti ricevette l'istruzione musicale da Mayr.
  • 45.7040849.66989420 Chiesa di San Michele al Pozzo Bianco. Conserva gli affreschi con Scene della vita di Maria di Lorenzo Lotto (1525). Chiesa di San Michele al Pozzo Bianco su Wikipedia chiesa di San Michele al Pozzo Bianco (Q3671360) su Wikidata
  • 45.7077789.65777821 Orto botanico Lorenzo Rota, via Colle Aperto. E' un angolino pacifico immerso nel verde in cui si possono fare delle passeggiate. E' impreziosito da un laghetto con le ninfee. Orto botanico Lorenzo Rota su Wikipedia Orto Botanico di Bergamo "Lorenzo Rota" (Q1082578) su Wikidata
  • 45.694859.6648722 Chiesa di Sant'Alessandro in Colonna, via S. Alessandro, 50. E' stata edificata in tempi molto antichi nel quartiere popolare di san Leonardo; nei primi anni del Settecento ha assunto la forma che ha oggi. La tradizione vuole che sia stata edificata nei pressi del luogo in cui è avvenuto il martirio. Possiede un campanile alto 80 metri, edificato in tempi recenti. Al suo interno sono presenti numerose opere d'arte, tra cui un "Compianto" di Lorenzo Lotto, e un pregiato organo Serassi di fine Settecento, con 3800 canne. Basilica di Sant'Alessandro in Colonna su Wikipedia basilica di Sant'Alessandro in Colonna (Q26258352) su Wikidata
  • 45.706129.656123 Casa Natale di Gaetano Donizetti, via Borgo Canale, 14. Ecb copyright.svg ingresso libero. All'ultimo piano saltuariamente si tengono dei concerti. Casa natale di Gaetano Donizetti su Wikipedia Casa natale di Gaetano Donizetti (Q48810793) su Wikidata
  • 45.696219.6730624 Parco della Scultura, Via Torquato Tasso, 8. Situato nel giardino del palazzo della Provincia possiede al suo interno delle statue in stile moderno dello scultore bergamasco Giacomo Manzù (1908-1991) e di altri artisti locali.
  • 45.694689.6694325 Monumento al Partigiano, Viale Papa Giovanni XXIII° - PiazzaMatteotti. Opera di Giacomo Manzù del 1977 che rappresenta una donna che compiange il cadavere di un partigiano, appeso a testa in giù. La sua sublimità induce a riflettere sul senso della guerra.
  • 45.694719.6688926 Obelisco a Napoleone, piazza Vittorio Veneto. Dedicato inizialmente ad Alvise Contarini, al passaggio delle truppe napoleoniche fu intestato a Napoleone
  • 45.695359.6691427 Torre dei Caduti. Fu costruita da Piacentini nel 1924, in omaggio ai bergamaschi morti nella Prima Guerra Mondiale Torre dei Caduti di Bergamo su Wikipedia Torre dei Caduti (Q3995353) su Wikidata
  • 45.695839.6715328 Chiesa di San Bartolomeo (chiesa dei Santi Bartolomeo e Stefano), Largo Bortolo Belotti. Possiede al suo interno la celebre Pala Martinengo di Lorenzo Lotto del 1513 circa, con il curioso rebus dipinto nella parte alta, che il turista è invitato a decifrare. Chiesa dei Santi Bartolomeo e Stefano su Wikipedia chiesa dei Santi Bartolomeo e Stefano (Q3668086) su Wikidata
Pisanello, Ritratto di Lionello d'Este, Accademia Carrara
Lorenzo Lotto, Trinità, Museo Adriano Bernareggi

Altri musei[modifica]

  • Attrazione principale 45.7038619.67558329 Accademia Carrara, Piazza Giacomo Carrara, 82. L’Accademia Carrara conserva un ricco patrimonio di opere d'arte in particolare dipinti dal Rinascimento alla fine dell’Ottocento. Accademia Carrara su Wikipedia Accademia Carrara (Q338367) su Wikidata
  • 45.7035379.67551330 GAMeC (Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea), Via San Tomaso, 53, +39 035 270272. Il museo raccoglie sculture, dipinti e disegni di artisti italiani e stranieri del Novecento Galleria d'arte moderna e contemporanea (Bergamo) su Wikipedia Galleria d'arte moderna e contemporanea (Q3757725) su Wikidata
  • 45.700799.67375531 Museo Adriano Bernareggi (Museo Diocesano Adriano Bernareggi), Via Pignolo, 76, +39 035 278151. Il museo ospita opere d'arte provenienti dalla collezione Bernareggi e dal patrimonio diocesano. Al suo interno si conserva la Trinità di Lorenzo Lotto e il Battesimo di Cristo di Giovanni Battista Moroni. Museo Adriano Bernareggi su Wikipedia Museo Adriano Bernareggi (Q3867569) su Wikidata
Accademia Carrara


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

Parco dei Colli di Bergamo
  • 45.7088899.6808331 Stadio Atleti Azzurri d'Italia (Gewiss Stadium), Viale Giulio Cesare, 18. Lo stadio dal 1928 ospita le partite casalinghe dell'Atalanta. Gewiss Stadium su Wikipedia Gewiss Stadium (Q780526) su Wikidata
  • 45.69049.67512 Treni turistici per il Lago d'Iseo. Per gli appassionati di ferrovie, ci sono alcune corse del treno a vapore che partono dalla stazione di Bergamo.
  • 45.759.683 Parco dei Colli di Bergamo, Via Valmarina 25, +39 035 4530401. Escursioni a piedi e in mountain bike nel terzo parco regionale dopo quelli del Ticino e delle Groane.


Acquisti[modifica]

  • 45.703729.66411 Via Gombito. È situata nella città vecchia. Una strada accogliente piena di negozi che vendono torte, dolci e souvenir.
  • 45.704359.662392 Via Colleoni. Nella città alta, negozi con ottimi vini e formaggi italiani.
  • 45.694079.67063 Porta Nuova, Largo Porta Nuova. Una grande zona commerciale di Bergamo con negozi di fama internazionale.


Come divertirsi[modifica]

Teatro Donizetti

Spettacoli[modifica]

  • 45.69519.671141 Teatro Gaetano Donizetti, Piazza Cavour, 15. Inaugurato il 24 agosto 1791, è dedicato al grande maestro bergamasco. Teatro Gaetano Donizetti su Wikipedia Teatro Gaetano Donizetti (Q3516755) su Wikidata
  • 45.704359.662392 Teatro Sociale, Via Colleoni 4. Inaugurato nel 1808, dopo decenni di incuria, nel 2009 il teatro è stato ristrutturato e riaperto al pubblico. Teatro Sociale (Bergamo) su Wikipedia Teatro Sociale (Q3982148) su Wikidata

Locali notturni[modifica]

  • 45.705089.68133 Beer Garage, Via Borgo Santa Caterina 36, +39 349 7921314. Piccolo pub dedicato alle birre artigianali e di qualità.

Dove mangiare[modifica]

Piatti tipici della cucina bergamasca: Polenta taragna, margottini, casoncelli, foiade bergamasche, scarpinocc, cassoeula, stinco di maiale, formaggio Taleggio, torta del Donizetti, polenta e osei (dolce).

Prezzi medi[modifica]

In Città Alta

  • 45.7044899.6621331 Ristorante pizzeria Da Franco, Via Bartolomeo Colleoni, 8, +39 035 238565. Locale piacevole, con piatti tradizionali bergamaschi di buona fattura; ambiente curato e tranquillo, in pieno centro nella città alta. Ottimo rapporto qualità-prezzo.
  • 45.70599.664822 Ristorante La Tana, Via San Lorenzo 25, +39 035 213137. Ristorante di tradizione con una selezionata cantina.
  • 45.7039789.6636443 Toasteria con cucina Al Gombito, Via Gombito, 8, +39 035 060 3672. Servizio veloce, prezzi nella norma. Birre artigianali.
  • 45.7035799.6643474 Trattoria Da Ornella, Via Gombito, 15, +39 035 232736. Prodotti tipici bergamaschi tra i quali polenta e casoncelli.
  • 45.703439.6647365 Al Donizetti, Via Gombito, 17a, +39 035 242661. Tavoli collocato sotto un grande chiosco all'aperto in centro storico. Buona cucina e vini eccellenti.
  • 45.7039939.663186 Sant'Ambroeus, Piazza Vecchia, 2, +39 035 220545. Piatti classici del Nord Italia e menù degustazione di piatti tradizionali di Bergamo.
  • 45.705179.66167 Il Circolino, Vicolo S. Angata 19, +39 035 218568. Locale storico situato in un antico convento. Ristorante e pizzeria.
  • 45.704989.661058 Da Mimmo, Via Colleoni 17, +39 035 218535. Più di una semplice pizzeria. Merita una visita per la qualità del cibo e del servizio.

In Città Bassa


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 45.70459.662843 Il Sole Hotel Ristorante, Via Colleoni 1 (a Città Alta, all'angolo tra Piazza Vecchia e Via Colleoni), +39 035 218238, . Ottimo rapporto qualità/prezzo.
  • 45.73559.52964 TaiObe Romantico Chalet Relax, Via Belvedere 24 (A 20 minuti da Orio al Serio), +39 335 5372827, . Ecb copyright.svg 40/70€. Check-in: 16:00-23:00, check-out: 8:00-12:00. Confortevole bilocale rustico indipendente, completamente ristrutturato, immerso in una fiabesca collina agrituristica, dove il silenzio e il relax regnano indisturbati. Ottimo ristorante in loco, vicino a rinomato centro benessere.
  • 45.7028249.6646075 Casa Marianna, via Donizetti 21, +39 035 225375. Pulito e curato dai proprietari.

Prezzi elevati[modifica]

  • 45.693759.670686 Best Western Cappello D'Oro, Viale Papa Giovanni XXIII 12, +39 035 4222711, fax: +39 035 248241. Situato in ottima posizione. Qualità dei servizi buona.
  • 45.692329.673497 Mercure Palazzo Dolci, Viale Papa Giovanni XXIII 100 (a fianco stazione), +39 035 227411. Hotel molto accogliente nei pressi della stazione. Colazione internazionale buona e camere ampie e pulite.


Sicurezza[modifica]

Quarta città meno sicura della Lombardia, al di sotto della media nazionale (4.699 reati ogni centomila abitanti). Prestare attenzione alla zona della stazione o in via Quarenghi.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Telefonia[modifica]

Da giugno 2022 Bergamo ha il 5G di tutti i gestori italiani.

Internet[modifica]

Tenersi informati[modifica]

  • Se ci si vuol tenere informati sugli eventi a Bergamo e dintorni si può consultare questo portale: Eventi Bergamo.


Nei dintorni[modifica]

Crespi d'Adda

Itinerari[modifica]


Altri progetti

CittàGuida: l'articolo rispetta le caratteristiche di un articolo usabile ma in più contiene molte informazioni e consente senza problemi una visita alla città. L'articolo contiene un adeguato numero di immagini, un discreto numero di listing. Non sono presenti errori di stile.