Messico

Da Wikivoyage.
Messico
El Castillo di Chichén Itzá
Localizzazione
Messico - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Messico - Stemma
Messico - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Messico (México, ufficialmente Estados Unidos Mexicanos) è un paese del Nord America, confinante a nord con gli Stati Uniti d'America, a sud-est con Guatemala e Belize. Si affaccia ad est sul golfo del Messico e il mar dei Caraibi e sull'oceano Pacifico ad ovest.

Introduzione[modifica]

La parola Messico deriva da Mēxihco [me:ʃiʔko], nome con il quale gli Aztechi designavano la loro capitale.

Cenni geografici[modifica]

I maggiori vulcani del Messico

Il territorio è in gran parte montuoso; fanno eccezione la penisola dello Yucatan e le coste sul Golfo del Messico. Diversi rilievi superano i 4.000 m o addirittura i 5.000 m; la cima più alta è quella del Citlaltépletl (Pico de Orizaba) (5 700 m), che fa parte della Fascia Vulcanica Trasversale. Le principali catene montuose sono la Sierra Madre Occidentale e la Sierra Madre Orientale, tra le quali si estende l'altopiano Centrale del Messico (in cui sorge Città del Messico).

Sono una quindicina i vulcani attivi nel territorio messicano.

Fra i numerosi fiumi del Paese il più importante è il Río Bravo, che traccia il confine con gli Stati Uniti e sfocia nel Golfo del Messico.

Divise tra oceano Atlantico e oceano Pacifico si trovano numerose isole; le principali sono: le Revillagigedo e le isole Marías, nel Pacifico; le isole Guadalupe, Cedros, Ángel de la Guarda, Coronado, Rocas Alijos, Isola di Tiburón, Isla del Carmen, di fronte alla penisola della Bassa California e le coste di Sonora; e quelle di Ciudad del Carmen, Cozumel, Isla Mujeres.

Il Messico è anche considerato il secondo paese al mondo per gli ecosistemi e il quarto per specie totali, tant'è che 170.000 km² del suo territorio sono considerati "aree naturali protette".

Quando andare[modifica]

Fusi orari in Messico
Inverno
(ora solare)
Estate
(ora legale o DST)
UTC−5
UTC-6 UTC−5
UTC−7 UTC−6
UTC−7
UTC−8 UTC−7

Il clima in Messico varia a seconda della latitudine e soprattutto dell'altitudine. Le regioni settentrionali ricevono precipitazioni in misura molto inferiore a quelle meridionali. C'è da dire però che le piogge nel sud del paese sono di durata breve.

Chi si reca in vacanza nello Yucatan e nel sud del paese deve prendere in considerazione il rischio di incappare in piogge ed eventualmente uragani nel periodo giugno-ottobre. I venti spirano di norma forti tra settembre e novembre.

Gli alberghi praticano tariffe d'alta stagione nel periodo compreso tra Natale e Pasqua. Le vacanze natalizie e pasquali possono risultare care per chi programma una visita alle città dell'altopiano quali Taxco e Pátzcuar.

Al di fuori di questo periodo i prezzi possono risultare più bassi di un buon 20% con punte massime fino al 50% ma a luglio-agosto subiscono di nuovo un'impennata soprattutto nei maggiori centri balneari. Luglio e agosto sono mesi estremamente caldi nel nord del paese e anche nelle zone costiere dove si osserva una maggiorazione del tasso di umidità.

Da notare che il Messico ha 4 fusi orari al suo interno:

Il Messico osserva l'ora legale in linea a quanto gli Stati Uniti d'America hanno fatto prima del 2007, dalla prima Domenica di Aprile a Domenica scorsa in ottobre. Alcuni Stati del Messico non osservano l'ora legale (alla stregua di alcuni stati USA), e questo va tenuto presente quando si devono rispettare degli orari soprattutto quelli degli aeroporti.

Cenni storici[modifica]

Precolombiana[modifica]

Tra le prime civiltà complesse in Messico ci fu quella degli Olmechi che fiorì sulla costa del Golfo nel 1500 a.C. La cultura olmeca si diffuse attraverso il Messico divenendo la base per le altre culture dell'epoca in Chiapas, Oaxaca e Valle del Messico.

Nel Messico centrale, il periodo classico ha visto l'ascesa di Teotihuacan, che ha costituito un impero militare e commerciale. Aveva le più grandi strutture di piramidi costruite nelle Americhe precolombiane.

L'aquila che mangia il serpente, un tradizionale emblema messicano

Durante i primi anni del periodo post-classico, il Messico è stato dominato dalla cultura tolteca, e la pianura Maya aveva aree importanti a Calakmul e Chichén Itzá. Al termine del periodo post-classico, gli Aztechi costruirono un impero tributario che coprì la maggior parte del Messico centrale. Le tradizioni culturali mesoamericane terminarono nel XVI secolo, e nel corso dei secoli successivi le culture indigene messicane finirono sotto il dominio coloniale spagnolo. Tuttavia, contrariamente a errate idee popolari, né la cultura maya né quella azteca sono mai del tutto "scomparse" e ancora oggi molti messicani affondano almeno una parte del loro patrimonio alle radici indigene e le lingue come il Nahuatl (ma anche altre numerose lingue Maya) sono ancora parlate da centinaia di migliaia o addirittura milioni di messicani. Elementi indigeni sono visibili anche oggi in: parole che lo spagnolo-messicano ha preso in prestito dalle lingue indigene, abiti tradizionali, cucina messicana, architettura e anche osservanze religiose (nominalmente "cattolici" a vari livelli). L'aquila e il serpente su un cactus raffigurati sulla bandiera messicana, per esempio, si riferiscono a una leggenda azteca sulla fondazione di Tenochtitlán, la città che oggi è Città del Messico.

Colonialismo e prima indipendenza[modifica]

Messico rimase sotto il dominio coloniale spagnolo fino al 1821, quando ha dichiarato l'indipendenza ai sensi del "Piano di Iguala". Dopo la breve durata dell'impero messicano nel biennio 1821-1823 (Augustin de Iturbide, l'ex generale spagnolo ed eroe dell'indipendenza, si autoproclamò imperatore, ma fu rovesciato dopo due anni) il Messico divenne una repubblica con un fragile equilibrio tra i poteri liberali (alleati per lo più con i commercianti urbani) e conservatori (alleati con la chiesa e i grandi proprietari terrieri) e Antonio López de Santa Anna divenne presidente più volte sebbene sia stato anche più volte rovesciato dai suoi avversari avendo così otto mandati non consecutivi come presidente e cinque esuli "permanenti".

Messico indipendente[modifica]

Lo Stato messicano era tutt'altro che stabile; il Texas (sotto la guida degli immigrati negli Stati Uniti d'America, che volevano farne uno Stato di rifornimento schiavi per tutti gli Stati Uniti), così come anche lo Yucatan si separarono in più punti, con i ribelli Maya in lotta sia contro il movimento d'indipendenza dello Yucatan che contro il governo federale nella cosiddetta "guerra delle caste".

Dopo che il Texas ottenne di fatto l'indipendenza senza un vero e proprio accordo sul suo confine meridionale (il fiume Nueces come sostiene il Messico o il Rio Grande come sostenuto dal Texas) ha portato al coinvolgimento degli Stati Uniti d'America in una breve guerra che si concluse con una sconfitta devastante per il Messico (la frase nella canzone dei marine sulle "sale di Montezuma" 'si riferisce al palazzo presidenziale di Città del Messico che fu conquistato dagli Stati Uniti) e la perdita dell'Alta California (ora lo Stato americano della California), Arizona, Nevada, Nuovo Messico nonché la perdita definitiva del Texas nord del Rio Grande.

Intervento francese e Secondo Impero messicano[modifica]

Nel 1861, quando il presidente Benito Juarez (vedi sotto) sospese il pagamento del debito messicano, la Francia decise di invadere il Paese al fine di recuperare alcuni o tutti i suoi soldi. Questo è stato possibile solo perché gli Stati Uniti d'America, che avevano dichiarato nella propria dottrina Monroe che non avrebbero tollerato alcun intervento europeo negli Stati sovrani delle Americhe, ha iniziato la propria guerra civile nello stesso anno. Dopo il rovesciamento del governo (anche se la resistenza messicana contro gli occupanti non cessò mai) i francesi insediarono un principe asburgico come imperatore: Massimiliano I, che avrebbe agito come loro burattino. Mentre la monarchia messicana aveva qualche consenso tra i conservatori, i suoi giorni iniziarono ad essere contati a partire da quando le truppe francesi si ritirarono dopo la fine della guerra civile americana, e nel 1867 Massimiliano I fu fucilato. Il Cinco de Mayo (i.e. 5 maggio), che negli Stati Uniti è spesso scambiato per essere "il giorno dell'indipendenza messicana", si celebra in ricordo della battaglia di Puebla che ebbe luogo durante l'occupazione francese ed è stata decisamente vinta dalle forze repubblicane messicane.

Benito Juarez[modifica]

Benito Juarez è stato il primo presidente dalla discendenza indigena in tutta l'America Latina ed è una delle davvero poche figure che ancora oggi è vista quasi esclusivamente sotto una luce positiva nella storia del Messico. È stato presidente nel 1858-1864 e di nuovo dal 1867 fino alla sua morte nel 1872. Suo era il detto "el respeto al derecho ajeno es la paz" (il rispetto dei diritti degli altri è la pace) che è ancora spesso citato.

Porfirio Diaz[modifica]

Porfirio Diaz fu un generale durante l'intervento francese che salì al potere, poco dopo la morte di Juarez e governò il Messico dal 1876 al 1911. Sebbene inizialmente ben disposto e in grado di riformare e modernizzare il Paese, la durata del suo mandato e la sua corruzione hanno portato a un sacco di disgrazie al suo governo: nel 1911 scoppiò la rivoluzione messicana, con lo scopo primario di spodestarlo.

La rivoluzione messicana[modifica]

Sotto il PRI

Una volta che la polvere della rivoluzione si fu stabilizzata il Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) divenne la forza politica dominante e tutti i Presidenti fino ai primi anni 1990 furono membri del PRI. Non hanno tuttavia stabilito uno Stato di partito e gli altri partiti erano ancora legali e hanno partecipato ad ogni elezione, ma il successo del candidato del PRI (soprattutto a livello federale) è stato quasi sempre un dato di fatto. Le lotte di potere politico si sono prevalentemente svolte all'interno del PRI con più fazioni conservatrici o dell'ala sinistra guadagnando di volta in volta la maggioranza dei consensi. Nel 1988 durante le elezioni presidenziali fu un computer a conteggiare i voti e presumibilmente si è bloccato e le parole con cui questo fu annunciato furono "se cayó el sistema", una frase ambigua che poteva significare sia "il computer si è arrestato" ma anche "il sistema (politico) è crollato". Tuttavia secondo il risultato ufficiale (che era ed è tuttora messo in dubbio da molti) il candidato del PRI ha vinto un mandato di sei anni in carica superando di poco la soglia del 50% strettamente necessaria per evitare un ballottaggio. Nel 2000 il PRI ha finalmente perso la prima elezione presidenziale quando Vicente Fox del Partito conservatore di Azione Nazionale (PAN) vinse di misura in una gara a tre. Il 2006 ancora una volta ha visto la vittoria PAN con Felipe Calderón che fu eletto presidente, ma nel 2012 il PRI è tornato al potere con Enrique Peña Nieto, che ha promesso con la sua elezione alla presidenza di porre fine alla guerra alla droga. Questo dimostrerà se il PRI ha riacquistato lo status dominante solo temporaneamente o in modo permanente.

Il Messico oggi

Nonostante i problemi come la corruzione e la guerra alla droga al nord (con alcune aree sotto il controllo di fatto di diversi cartelli) il Messico ha avuto una crescita costante negli ultimi anni e il sistema politico ha visto molte elezioni pluripartitiche democratiche con la transizione pacifica del potere, nonché un sistema tripartitico piuttosto stabile con il PAN (conservatore) e PRI (centristi, ma a volte di sinistra) che spesso vincono la presidenza e il PRD (a sinistra del PRI) che è un serio contendente in quasi tutte le elezioni.

La guerra alla droga è ancora in corso e alcune parti del Paese non sono ancora del tutto salve, ma la situazione è migliorata molto dopo il 2000. In generale il nord, con città come Ciudad Juárez note per la loro violenza, è più pericoloso rispetto al sud e lo Yucatan, che è tra le regioni più sicure in America Latina. Per ulteriori informazioni sugli effetti della guerra alla droga si veda la sezione Sicurezza di questo articolo e degli articoli di ogni regione messicana.

Lingue parlate[modifica]

Costituzionalmente non esiste una lingua che venga designata come ufficiale. Tuttavia la Ley General de los Derechos Lingüísticos riconosce lo status di lingua nazionale allo spagnolo e alle lingue indigene native del territorio, così come a quelle di altri popoli indios che si sono stabiliti nel loro territorio. Lo spagnolo è la lingua dominante nelle attività ufficiali, anche se vi è un intento di farne la lingua ufficiale del Paese. Lo spagnolo è parlato da quasi la totalità dei messicani.

Il Governo riconosce 62 lingue amerindie, tra le quali le più parlate sono il Nahuatl ed il Maya (entrambe con 1,5 milioni di parlanti).

L'inglese è molto conosciuto nelle grandi città, presso il confine statunitense e nelle località balneari. L'inglese sta diventando popolare soprattutto fra i giovani, mentre le più prestigiose scuole private offrono un'educazione bilingue.

La comunità di Chipilo nello Stato di Puebla venne fondata nel 1882 da immigrati provenienti dal Veneto e gli Italo-messicani che vi abitano conservano straordinariamente inalterata la lingua veneta parlata dai loro nonni, rappresentando perciò una minoranza linguistica non riconosciuta ufficialmente.

Letture suggerite[modifica]

  • Enrico Martino e Piero Tarallo, Messico, Idealibri, Milano, 1996 EAN: 9788870822922
  • Camp, Roderic A. Politics in Mexico: Democratic Consolidation Or Decline? (Oxford University Press, 2014)
  • Davis, Diane. Urban leviathan: Mexico City in the twentieth century (Temple University Press, 2010)
  • Edmonds-Poli, Emily e David Shirk. Contemporary Mexican Politics (Rowman and Littlefield 2009)
  • Kirkwood, Burton. The History of Mexico (Greenwood, 2000) edizione online
  • Levy, Santiago. Good intentions, bad outcomes: Social policy, informality, and economic growth in Mexico (Brookings Institution Press, 2010)
  • Bernabéu Albert, Salvador: "«La religión ofendida». Resistencia y rebeliones indígenas en la baja California colonial", en Revista Complutense de Historia. Versione elettronica.
  • Casas, Alejandro y Javier Caballero (1995), "Domesticación de plantas y el origen de la agricultura en Mesoamérica", en Ciencias.
  • Diehl, Richard A. (2004), The Olmecs: America's First Civilization, Thames & Hudson, London.
  • Pool, Christopher A. (2007), Olmec Archaeology and Early Mesoamerica, Cambridge World Archaeology, Cambridge University Press, Cambridge.


Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Penisola di Bassa California — Comprende Bassa California, Bassa California del Sud. La penisola occidentale che confina con lo stato statunitense della California.
      Messico settentrionale — Comprende Chihuahua, Coahuila, Durango, Nuevo León, Sinaloa, Sonora, Tamaulipas. Include vasti deserti e montagne degli stati periferici; generalmente ignorato dai turisti è detto per questo "Messico sconosciuto".
      Bajío — Comprende Aguascalientes, Guanajuato, Zacatecas, San Luis Potosí, Querétaro. Stati storici nella tradizionale regione delle miniere d'argento.
      Messico centrale — Comprende Hidalgo, Città del Messico, Stato del Messico, Morelos, Puebla, Tlaxcala, Veracruz. Area circondante la capitale.
      Costa messicana sul Pacifico — Comprende Colima, Guerrero, Jalisco, Michoacán, Nayarit, Oaxaca. Spiagge tropicali nella costa meridionale del Messico.
      Penisola dello Yucatán — Comprende Campeche, Chiapas, Quintana Roo, Tabasco, Yucatán. Giungla e impressionanti siti archeologici dell'epoca Maya, insieme alla costa caraibica.

Centri urbani[modifica]

Piazza della costituzione a Città del Messico, nota come Zocalo

Di seguito una selezione delle città del Messico con maggior afflusso turistico:

  • Città del Messico — Capitale della Repubblica, è una delle tre più grandi città del mondo e un sofisticato centro urbano con una storia di 700 anni. A Città del Messico, si trova di tutto: parchi, rovine azteche, architettura coloniale, musei, fino alla vita notturna e lo shopping.
  • Acapulco — Un sofisticato ambiente con una spiaggia urbana nota per la sua vita notturna di prim'ordine, eleganti sale da pranzo e un traffico da incubo. Molte delle vecchie (i.e. antecedenti al 1990) strutture di calcestruzzo hanno subito un decadimento tropicale.
  • Cabo San Lucas (o semplicemente Cabo) — A Cabo si tiene ogni anno la più famosa competizione di pesca al Marlin del mondo. Sempre qui, grazie alla privilegiata posizione geografica, si possono osservare le balene nel loro passaggio dal Mare di Cortés all'Oceano Pacifico.
  • Cancún — Una delle spiagge più popolari e famose al mondo, nota per le sue acque cristalline dei Caraibi, per la sua vivace atmosfera di festa e per la sua ricchezza di strutture ricreative. Durante le vacanze di primavera diventa un centro di bevute, scottature e dissolutezza.
  • Guadalajara — Città tradizionale, capoluogo dello Stato di Jalisco, è la casa della musica mariachi e della tequila. Guadalajara, col suo centro coloniale grazioso e sofisticato, è benedetta da un perpetuo clima primaverile.
  • Mazatlan — Vivace città sulla costa del Pacifico, Mazatlan è un porto commerciale, un hub di trasporto con i traghetti per la Bassa California e una destinazione balneare con miglia di spiaggia sabbiosa. Si tratta di una popolare destinazione per le vacanze primaverili grazie alla varietà di opzioni di alloggio con prezzi accessibili.
  • Monterrey — Una grande città moderna che rappresenta il centro commerciale e industriale del Messico settentrionale. Monterrey gode di un ambiente di montagna a secco ed è nota per le sue infrastrutture scolastiche e di trasporto, entrambe di alta qualità.
  • Puerto Vallarta — Nota come meta turistica per americani del nord ed europei.
  • San Luis Potosi — Situata nel centro del Messico. È una città coloniale che un tempo fu un importante produttore di argento, ma oggi è la manifattura la sua base economica.
  • Taxco — In Messico centrale ad ovest di Cuernavaca, questa bella cittadina di montagna che un tempo fu un importante produttore d'argento, oggi ha un posto di rilievo nel commercio di argento decorativo, dai raccordi a basso costo per i gioielli più eleganti fino ad elaborate fusioni.
  • Tijuana — Il più trafficato valico di frontiera del Messico per pedoni e veicoli privati e da lungo tempo la Mecca della negoziazione per i californiani del sud a causa della sua vicinanza con la città di San Diego.
  • Veracruz — Una delle maggiori città portuali messicane della baia di Campeche del Golfo del Messico, situata nell'omonimo stato federale.

Altre destinazioni[modifica]

  • Golfo di California — Vedere i parti delle balene, nuotare con i delfini e kayak di mare nelle acque calde del Mar di Cortez, lungo la costa orientale della Bassa California, vicino a La Paz. E i tramonti a Puerto Peñasco e San Carlos, non sono da perdere.
  • Siti di riproduzione della farfalla monarca — Aree naturali protette negli altopiani dello Stato di Michoacán. Milioni di farfalle vengono in questa zona tra novembre e marzo di ogni anno, anche se di recente i numeri sono diminuiti drasticamente.

Siti archeologici[modifica]

  • Palenque — Città maya situata nello Stato del Chiapas, non lontano dal fiume Usumacinta, famosa per i suoi elaborati dipinti. Inoltre è nota per avere nella stessa zona il più grande tratto di foresta pluviale in Messico.
  • El Tajín — Nello stato di Veracruz, vicino alla città di Papantla. Un patrimonio mondiale dell'UNESCO.
  • Plazuelas e Peralta — Nello stato di Guanajuato, due siti facenti parte del "Tradición él Bajío".
  • Monte Albán — Nello Stato di Oaxaca, un sito Zapotec risalente al 500 a.C. Un patrimonio mondiale dell'UNESCO.
  • Teotihuacan — Nei pressi di Città del Messico, un sito enorme con diverse grandi piramidi.

Nello Yucatán:

  • Chichén Itzá — Una città Maya dichiarata patrimonio dell'UNESCO nel 1988 e recentemente votato come una delle Nuove Sette Meraviglie del Mondo.
  • Ek Balam — Un sito Maya di recente restaurato con molti templi rupestri riccamente decorati, in cui si può anche salire.
  • Uxmal — Una città stato di epoca Maya dichiarata Patrimonio dell'Umanità nel 1996.
  • Tulum — Un sito Maya famoso per il Castillo a picco sul mar dei Caraibi.
  • Cobà — Un sito Maya scoperto solo di recente e quindi non tutto è stato ancora portato alla luce.

Riserve naturali[modifica]

  • Riserva della Biosfera Sian Kan — Riserva naturale vicino alla città di Tulum (Yucatan), comprende una laguna di mangrovie dove è possibile vedere tucani, aironi, falchi e molti altri uccelli. Una strada sterrata lunga circa 50 km la percorre fino ad arrivare a Punta Allen.
  • Xcacel — Questa spiaggia è una riserva naturale per la riproduzione delle Tartarughe. Si trova sulla C.F. 307 tra Chemuyil e Xel-Ha. Si pagano 20 pesos per l'ingresso. La spiaggia è poco frequentata e stupenda. Sabbia finissima, poche rocce alcuni cenotes e tante iguana.


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Secondo il ministero messicano degli affari esteri (Secretaria de Relaciones Exteriores), i cittadini stranieri di alcune nazionalità che intendono soggiornare in Messico per meno di 180 giorni per turismo o 30 giorni per lavoro possono compilare una carta turistica alla frontiera o al momento dello sbarco in aeroporto dopo aver presentato un passaporto valido, per 22$. Se arrivate per via aerea, è incluso nel prezzo del biglietto. Questo servizio è a disposizione per i cittadini di: Andorra, Argentina, Aruba, Australia, Austria, Bahamas, Belgio, Belize, Bulgaria, Canada, Cile, Costa Rica, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Hong Kong, Ungheria, Irlanda, Islanda, Israele, Italia, Giappone, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Principato di Monaco, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Panama, Polonia, Portogallo, Porto Rico, Romania, San Marino, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Corea del Sud, Svezia, Svizzera, Trinidad e Tobago, Stati Uniti d'America, Uruguay e Venezuela (vedi qui l'elenco ufficiale). I residenti permanenti degli Stati Uniti d'America, Canada, Giappone, Regno Unito e paesi dell'area Schengen sono ammissibili anche per i visti in arrivo indipendentemente dalla cittadinanza.

L'attuale carta turistica messicana è formalmente conosciuta come Forma Migratoria Múltiple (i.e. modulo di immigrazione multipla), o FMM. In entrata, dopo aver esaminato il passaporto e compilato l'FMM, l'ufficiale di immigrazione dopo aver timbrato il passaporto e la FMM, ne tratterrà metà, mentre l'altra metà della FMM dovrà essere conservata insieme al passaporto in ogni momento. È vostra la responsabilità di assicurarsi che il lato destro della FMM venga restituito al governo messicano al momento della partenza, affinché il codice a barre venga sottoposto a scansione, a dimostrazione che si è lasciato il paese in tempo. Se si perdesse la FMM durante la visita in Messico, si può essere soggetti a ritardi e a multe considerevoli prima di poter lasciare il Paese.

L'autorizzazione elettronica (autorización electrónica) per un viaggio in Messico è disponibile su Internet per i cittadini provenienti da Ucraina, Russia e Brasile. I cittadini del Perù possono usufruire di questo servizio in circostanze limitate. Le altre nazionalità devono contattare un consolato messicano, al fine di trovare i requisiti per i cittadini del loro Paese, e possono richiedere e ottenere un visto prima del viaggio. Per altre informazioni, si può far riferimento alle sedi diplomatiche che il Messico ha nelle varie città del mondo. I consolati negli Stati Uniti d'America sono in genere aperti per affari dei non cittadini (per telefono o di persona) soltanto 8:30-12:30.

Se si attraversa la frontiera via strada, non aspettatevi che le autorità vi segnalino di riempire la vostra documentazione. Si dovrà individuare l'ufficio di frontiera da soli.

L'ufficiale di immigrazione nel punto di entrata in Messico può anche richiedere di dimostrare di avere sufficiente solvibilità economica e un biglietto di andata e ritorno.

Se non si intende viaggiare oltre la "zona di confine" e il vostro soggiorno non supera i tre giorni, ai cittadini statunitensi e canadesi è richiesta solo una prova di cittadinanza. Al rientro negli Stati Uniti è in genere richiesto un passaporto, ma per i rientri via terra o via mare può essere sufficiente una patente avanzata (i.e. valevole anche come documento di identità) sia statunitense che canadese.

In aereo[modifica]

Aerei Aeromexico all'aeroporto internazionale Benito Juarez

Da Stati Uniti o Canada[modifica]

Ci sono centinaia di voli giornalieri che collegano il Messico a piccole e grandi città in tutto il Nord America. Questo include compagnie tradizionali come Air Canada, American Airlines, Delta, ecc. così come compagnie aeree low cost quali JetBlue, Spirit, WestJet e Southwest Airlines. È da prendere in considerazione anche il vettore low cost messicano Volaris, che attualmente collega molte delle principali città degli Stati Uniti (tra cui Chicago, Denver, Las Vegas, Oakland e Orlando) attraverso i loro hub di Città del Messico e Guadalajara.

Si noti che, sia dagli Stati Uniti d'America che dal Canada, si dovrà passare sia l'immigrazione e la dogana al primo scalo messicano, anche se questo aeroporto non fosse la propria destinazione finale. Ad esempio, molti voli su Aeromexico faranno scalo nell'hub di Città del Messico. Sarà quindi necessario ricontrollare i bagagli ed eventualmente, passare attraverso la sicurezza di nuovo per raggiungere il prossimo segmento di volo.

Da Australia o Nuova Zelanda[modifica]

Voli diretti da Sydney, Brisbane, Melbourne o Auckland (Nuova Zelanda) verso Los Angeles. Delta, Qantas, United e V Australia offrono un servizio aereo non-stop dall'Australia a Los Angeles. Air New Zealand offre uno sportello di servizio aereo dall'Australia e servizio aereo non-stop da Auckland a Los Angeles. Hawaiian Airlines e Air Tahiti Nui offrono una o servizio aereo a due soste a Los Angeles da Australia e Nuova Zelanda.

Molte compagnie aeree volano da Los Angeles al Messico compreso AeroMexico, Alaska, Volaris, Horizon, Aerolitoral e United. Altre opzioni sono disponibili facendo scalo in un'altra città degli Stati Uniti. Inoltre, assicurarsi di controllare bene i visto in anticipo (e.g. l'ESTA per gli Stati Uniti è necessario anche per il solo transito), e se si ottiene un'esenzione dal visto, il Messico sarà trattato come parte degli Stati Uniti d'America, nel senso che chi rimane più di 90 giorni in Messico, dovrà per viaggiare più a sud, prima far ritorno negli USA.

Dall'Europa[modifica]

La maggior parte delle compagnie aeree commerciali collegano il Messico direttamente con l'Europa. Ci sono voli diretti per Città del Messico (IATA: MEX) da Parigi (IATA: CDG), Londra (IATA: LHR), Madrid (IATA: MAD), Amsterdam (IATA: AMS), Francoforte sul Meno (IATA: FRA) e a Cancún (IATA: CUN) soprattutto durante la stagione estiva. Vale sempre la pena di confrontare le offerte dei vari vettori aerei che portano a Città del Messico o Cancún via molti hub europei. La durata del volo da quelle città è di circa 11 ore.

Da altrove[modifica]

L'aeroporto di Cancún è un ottimo trampolino di lancio per visitare il Messico meridionale e alcuni Stati dell'America Centrale quali Guatemala e Belize

In auto[modifica]

Attraversando il Messico dagli Stati Uniti vicino a Tijuana

Le assicurazioni automobilistiche americane non sono accettate in Messico; tuttavia, è facile ottenere estensioni per brevi o lunghi termini turistici che comprendono la copertura di responsabilità obbligatoria, furto e copertura infortuni per il vostro veicolo, e spesso, anche l'assistenza legale. Se si decide di guidare in Messico, il sito web della segreteria di trasporto e comunicazione contiene mappe stradali scaricabili gratuitamente.

I veicoli con targa straniera devono ottenere i permessi necessari per poter entrare in Messico. Questo può essere fatto presso i posti di frontiera, mostrando il certificato di proprietà del veicolo o la registrazione, così come i documenti di immigrazione e una carta di credito valida. Oggi è possibile fare domanda per il permesso di importazione veicolo anche online. Il permesso del veicolo sarà rilasciato solo al proprietario registrato del veicolo, e i documenti dovranno essere a nome del richiedente. La penisola della Bassa California e la parte settentrionale dello Stato di Sonora non necessitano di alcun permesso.

A causa dell'incredibilmente elevato volume di droga, dell'immigrazione clandestina (negli Stati Uniti) e del traffico di droga e armi (in Messico) che attraversano il confine con il Messico, si creano lunghi ritardi e perquisizioni approfondite nei veicoli per l'attraversamento della frontiera. In alcuni dei passaggi più frequentati, si arriva ad un tempo di attesa che va da 1 a 3 ore.

In nave[modifica]

Ci sono navi che partono dagli Stati Uniti d'America. È possibile passare la frontiera anche dal Guatemala in battello sul fiume Rio San Pedro che conduce allo Stato di Tabasco. Questo percorso non è usato da molti e ha ancora il fascino dell'avventuriero. Rimanere fermi al momento di negoziare sul prezzo. Assolutamente importante è assicurarsi di ottenere il passaporto timbrato prima di lasciare Naranjo (o El Naranjo a Petén) o si potrebbe rischiare di prendere uno dei rari bus che tornano indietro per poi fare una passeggiata attraverso la giungla, in quanto l'ufficio di immigrazione è situato lungo il fiume tra il confine con il Messico e il villaggio.

In treno[modifica]

C'è almeno un posto in cui il Messico è accessibile tramite ferrovia e una breve passeggiata e si trova a sud di San Diego. Il San Diego Trolley può essere preso dal centro di San Diego (servito da Amtrak) al confine tra California e Bassa California. (Nota: anche la tratta El Paso/Ciudad Juárez è ben servita da Amtrak, la stazione si trova a pochi passi dal Rio Grande).

In autobus[modifica]

Il sistema di autobus messicano è considerato il più efficiente al mondo. Gli autobus sono senza dubbio la spina dorsale del trasporto personale interurbano in Messico mentre l'uso di auto private è molto meno frequente rispetto ai vicini Paesi settentrionali, infine i treni sono per lo più finalizzati al trasporto merci e per turismo. Viaggiando in autobus si ha l'opportunità di incontrare un sacco di gente del posto. Ci sono molte diverse società indipendenti, ma tutti utilizzano un sistema di emissione biglietti centralizzato e computerizzato. I prezzi a chilometro sono generalmente paragonabili a quelli della Greyhound negli Stati Uniti d'America, ma ci sono più partenze e il sistema serve villaggi molto più piccoli rispetto alla sua controparte americana. Ci sono molte compagnie di autobus con sede in Messico, con filiali nelle principali città degli Stati Uniti. Qui sotto alcuni esempi:

Un biglietto per una grande città messicana dal sud-ovest degli Stati Uniti può essere acquistato per un minimo di 60 USD andata e ritorno (San Antonio in Texas a Monterrey a Nuevo León). Queste aziende, tuttavia, servono soprattutto gli ispanici o cittadini messicani che vivono negli Stati Uniti e operano per lo più in spagnolo.

Greyhound offre biglietti dagli Stati Uniti alle principali città messicane, tra cui Monterrey, Querétaro, Durango, Mazatlán, Torreón, Città del Messico. È meglio (e più economico) acquistare un biglietto andata e ritorno da Greyhound in quanto potrebbe essere più difficile e costoso da comprare un biglietto dal Messico per una destinazione degli Stati Uniti, che non è una grande città. Alla partenza dal Messico, la linea di bus locale (solitamente Futura) cambierà gratuitamente il biglietto emesso da Greyhound con uno proprio.

In Belize ci sono servizi di autobus disponibili che arrivano a Chetumal e a Belmopan.

Come spostarsi[modifica]

La stazione Divisadero è il punto medio del Chepe

Viaggiare in Messico è più pratico in autobus, auto o aereo, in quanto il trasporto di passeggeri in treno è quasi inesistente. Tranne la linea ferroviaria il Chihuahua del Pacifico (Chepe) che ogni mattina collega i capolinea di Los Mochis sulla costa del Pacifico, di fronte alla Bassa California, e di Chihuahua a est (a sud di El Paso, Texas) . Circa a metà strada questo treno attraversa la città di Divisadero (Chihuahua) a quota 2.100 m; meta interessante da cui si può ammirare il canyon di Barrancas del Cobre.

In aereo[modifica]

Il Messico è un grande paese e la rivoluzione delle low-cost iniziata nel 2005, ha fatto sì che prenotando in largo anticipo si possano ottenere prezzi vergognosamente bassi. Si noti che ora con l'aumento del costo del carburante, i giorni delle grandi occasioni sono per lo più andati e le compagnie aeree hanno dovuto aumentare i prezzi per sopravvivere alla recente recessione. Ma le occasioni ci sono sempre, bisogna solo saperle trovare, magari col supporto di un servizio di notifica affidabile come Kayak.com.

Le principali compagnie aeree di linea, oltre ai principali vettori degli Stati Uniti, sono Aeromar, AeroMexico e AeroMexico Connect (ex Aerolitoral). Lo scenario in rapida evoluzione dei vettori a basso costo include InterJet, Volaris, Viva Aerobus.

In auto[modifica]

Highway 120 passando per il villaggio di Pinal de Amoles

A causa di un sistema governativo che nei primi anni 1990 creò le infrastrutture, le migliori vie di comunicazione sono strade a pedaggio, che possono essere relativamente costose (400-800 pesos è normale nei viaggi più lunghi), ma sono molto più veloci e meglio mantenute. Gli autobus di prima classe generalmente viaggiano in strade a pagamento (e il pedaggio è ovviamente incluso nel prezzo del biglietto).

Le assicurazioni statunitensi dei veicoli non sono valide in Messico, e sebbene non sia richiesta l'assicurazione per le auto messicane, è altamente raccomandato farla, in quanto ogni piccolo incidente potrebbe comportare addirittura il carcere in assenza di essa. MexiPass e AAA offrono assicurazioni per le auto messicane.

Quando si viaggia su strade messicane, in particolare vicino al confine con gli Stati Uniti d'America e il Guatemala, probabilmente si incontreranno diversi posti di blocco gestiti dall'esercito messicano alla ricerca di armi illegali e droga. Se si proviene dagli Stati Uniti, si potrà trovare la cosa insolita e talvolta intimidatoria. Tuttavia, questi controlli raramente sono un problema per le persone oneste; basta fare quello che i soldati dicono di fare e trattarli con rispetto. Il modo migliore per mostrare rispetto quando si entra in un posto di blocco è quello di abbassare la musica, rimuovere gli occhiali da sole dal volto e essere pronti ad abbassare il finestrino. Anch'essi dovranno trattarvi con rispetto e di solito lo fanno. Se vi viene chiesto di smontare qualsiasi parte del vostro veicolo, è opportuno farlo senza lamentarsi. Hanno il pieno diritto di farvi completamente scaricare tutto ciò che avete in auto per consentirgli un'agevole ispezione dell'auto e del carico.

I turisti sono spesso avvertiti relativamente ai viaggi notturni su strada. Sebbene i bandidos siano rari nelle aree più metropolitane, è bene eccedere in cautela nelle zone più rurali. La cosa migliore è guidare solo nelle ore diurne. Bovini, cani e altri animali possono anche comparire sulla carreggiata in modo imprevisto, quindi se c'è bisogno di guidare di notte, si deve essere molto cauti. Se possibile, seguire un autobus o un camion che sembra avere una guida sicura.

La Segreteria di Comunicazioni e Trasporti ha recentemente istituito un nuovo strumento di mappatura simili a quelli negli Stati Uniti, come Mapquest. Il suo nome è Traza Tu Ruta, ed è molto utile per trovare il modo di raggiungere la destinazione utilizzando strade del Messico. È in spagnolo, ma può essere utilizzato con una conoscenza di base della lingua.

Patenti di guida estere sono riconosciute e raccomandate. Multe per eccesso di velocità sono comuni e per garantire la vostra presenza in udienza, l'agente può decidere di trattenere la vostra patente. Farlo, rientra nei suoi diritti. Attenzione però, gli agenti di polizia sono noti per mantenere patenti di guida fino a quando non ricevono una tangente.

Nei distributori di benzina (gas), assicurarsi che la pompa si azzeri prima che l'addetto inizi a pompare il vostro carburante per non pagare più di quanto si dovrebbe. C'è solo una marca di benzina (Pemex) e i prezzi sono generalmente gli stessi indipendentemente dalla loro posizione, quindi non preoccupatevi di rifornirvi dal primo che capita.

I buoni programmi sono inestimabili e le mappe del Messico incluse nei libri del "Nord American Road Atlas" sono più che inutili. Mentre le mappe Guia Roji sono particolarmente buone.


In treno[modifica]

I treni passeggeri sono molto limitati in Messico con solo poche linee in funzione in luoghi come il Copper Canyon nello stato settentrionale di Chihuahua, tale linea è anche conosciuta come la Ferrocarril Chihuahua al Pacífico in quanto la sua destinazione finale è la città costiera del Pacifico Tobolobampo nello Stato di Sinaloa. Nello Stato di Jalisco c'è anche una linea che viaggia dalla sua capitale dello Stato Guadalajara fino alla sua destinazione finale nella piccola città di Amatitlan per visitare le distillerie di Tequila, questo è il motivo per cui questa linea si chiama Tequila Express mentre Jose Cuervo Express va verso le distillerie di Jose Cuervo nella città di Tequila. Gli ultimi due da Guadalajara operano come parte di un tour fine settimana per le distillerie tequila quindi come una forma di trasporto. Città del Messico e Monterrey hanno il servizio di metropolitana, e teoricamente i più intrepidi possono anche salire a bordo di carri merci in alcune parti del Paese. gli emigranti che viaggiano dall'America centrale verso gli Stati Uniti d'America in cerca di lavoro già viaggiano dentro o in cima ai vagoni merci. Il pericolo in questo tipo di trasporto è dovuto dalla possibilità di cadere, di essere investito o essere addirittura derubati da banditi incontrati lungo la strada.

Detto questo, ci sono state discussioni in questi ultimi anni per espandere entrambi i servizi ferroviari suburbani e servizi passeggeri ad alta velocità, ma nessun piano concreto si è materializzato a maggio 2015.

In autobus[modifica]

L'autobus è uno dei mezzi migliori per esplorare il Messico, e probabilmente anche il mezzo più usato. Ogni città o paese ha in genere due stazioni degli autobus, una di prima (chiamati directo) e una di seconda classe, più le stazioni dei vari servizi di "mini-bus". Gli autobus di prima generalmente sono più comodi e veloci di quelli di seconda, oltre ad avere bagni e in genere filmati disponibili per il viaggio (che possono essere in inglese con sottotitoli in spagnolo), tuttavia sono anche più costosi. Generalmente gli autobus di prima fanno viaggi diretti, mentre quelli di seconda effettuano degli stop nelle stazioni lungo il percorso, come quelli che raggiungono e fermano nelle aree rurali che sono detti polleros (letteralmente autobus dei polli). Esistono linee executive e di lusso che costano circa il 60% in più rispetto alla prima classe, e queste possono essere più veloci, con sedili più grandi ma hanno partenze meno frequenti; sono davvero solo una buona opzione per i viaggiatori anziani o d'affari. Con l'avvento del NAFTA (l'accordo nordamericano per il libero scambio), alcune compagnie di autobus ora stanno offrendo un servizio da alcune città degli Stati Uniti d'America. Le principali aziende di bus che offrono questo tipo di servizi sono: ADO bus (Autobuses de Oriente), ETN (Enlaces Terrestres Nacionales), Primera Plus, Estrella de Oro, Estrella Blanca e Estrella Roja.

I viaggiatori che si dirigono verso est (più o meno) da Città del Messico (terminal bus TAPO) possono trovare informazioni riguardo ai biglietti sulla biglietteria on line Ticket bus mentre per informazioni sugli orari per tutto il Messico si può far riferimento al sito Horariodebuses.com. Altre destinazioni possono essere trovate su siti web delle singole società. Il Messico settentrionale, per esempio, è un servizio da Omnibuses de Mexico, ETN (Enlaces Terrestres Nacionales) che opera anche nel Messico centrale e Grupo Senda che serve anche località del Texas.

D'altra parte, se si viaggia all'interno di una città, non ne sarete piacevolmente sorpresi, in quanto troverete uno dei sistemi di trasporto pubblico più caotici colmi dei diffusi "pesero". I pesero sono piccoli bus con diversi codici di colore a seconda della città, in cui operano. Di solito il percorso intrapreso è scritto su un cartoncino attaccato al parabrezza. A differenza di molti paesi, le fermate degli autobus sono rare e dovrete essere voi a segnalare all'autista che volete salire o scendere a destinazione. Raramente si trova un pulsante di arresto in un pesero; sarà sufficiente gridare la parola "bajan" per fermarsi. I prezzi sono a buon mercato e variano da 2 a 7 pesos circa.

Colectivos[modifica]

I colectivos sono furgoncini privati che possono trasportare circa 8/9 persone. Sono molto economici e si fermano a chiamata. È il modo migliore per vivere la realtà locale.

In autostop[modifica]

Un effetto del rialzo dei prezzi del petrolio è che l'autostop sta ricominciando ad essere più comune in Messico, in particolare nelle zone rurali. Nelle zone limitrofe alle grandi città, l'autostop dovrebbe essere più difficile, e non è davvero consigliabile per motivi di sicurezza. Tuttavia, nelle zone dei villaggi, questo sarà più semplice, più sicuro e molto probabilmente una bella esperienza. Dal momento che gli abitanti dei villaggi hanno sempre avuto difficoltà nell'approvvigionamento del gas, al giorno d'oggi molti sfruttano gli autostoppisti paganti per permettersi il prossimo viaggio in città. Bassa California, Sierra Tarahumara, Oaxaca e Chiapas offrono tutti delle buone possibilità per un autostoppista. Le possibilità di autostop variano a seconda della regione. Nella cultura messicana è spesso accettato l'autostop e si tratta di una pratica comune tra i giovani messicani che vanno in spiaggia durante le vacanze pasquali, anche se in alcuni casi è previsto un contributo di denaro per il gas a causa dei suoi prezzi relativamente elevati. Si dovrebbe mettere subito in chiaro che non si hanno soldi da offrire prima di accettare la corsa, se questo è il caso. Se siete disposti a pagare, i camion spesso forniscono passaggi per circa la metà del prezzo di un biglietto dell'autobus. Naturalmente si può sempre trattare per ottenere un prezzo migliore. Fare l'autostop è considerato abbastanza sicuro e facile nella penisola dello Yucatán.

Cosa vedere[modifica]

Monasteri Popocatépetl del XVI secolo, patrimonio dell'UNESCO

Sono oltre 30 i patrimoni mondiali dell'umanità in Messico, più che altrove in tutto il continente americano, e in prevalenza si concentrano nel settore meridionale del Paese. La maggior parte di loro sono di stampo culturale e riguardano le civiltà precolombiane della zona o le prime città fondate dai conquistadores e dai missionari spagnoli. Gran parte del Messico è montuoso con alcune montagne che superano i 5.000 metri sopra il livello del mare.

Cosa fare[modifica]

Rovine Maya di Tulum


Opportunità di studio[modifica]

Hornos Beach ad Acapulco

Le università più importanti del Messico includono la UNAM (Universidad Nacional Autónoma de México), classificata 73 ° in tutto il mondo, e la migliore in America Latina. Il suo campus principale è un patrimonio mondiale dell'UNESCO. I murales nel campus principale sono stati dipinti da alcuni degli artisti più rinomati nella storia del Messico, come Diego Rivera e David Alfaro Siqueiros. IPN (Instituto Politecnico Nacional), ITESM (Instituto Tecnologico de Estudios Superiores de Monterrey) che si trova a Monterrey, ma con campus affiliati in molte altre città messicane e Universidad Anahuac.

Chichén Itzá, uno dei siti archeologici più famosi al mondo

La maggior parte delle università finanziate dal governo nelle principali città (capitali di Stato) hanno corsi brevi sulla storia, gastronomia e materie culturali, la maggior parte di esse sono quasi gratuite. Altri luoghi sono le varie "Casa de la Cultura", che sono edifici storici utilizzati per attività culturali e affini come concerti di musica, teatro, pittura e altri reperti, hanno anche "talleres" (i.e. workshop).

La maggior parte dei posti hanno programmi per stranieri per imparare lo spagnolo, o anche studiare un intero corso. Ci sono alcuni altri corsi dove si possono imparare attività tradizionali messicane come l'artigianato. Le lezioni in una scuola pubblica costano raramente più di 200 USD.

Ci sono scuole di lingua spagnola in tutto il Messico. La città con il maggior numero di scuole è Cuernavaca, con più di 50 scuole. Oaxaca de Juárez, San Miguel de Allende e Guanajuato offrono anche una serie di scuole con prezzi variabili tra cui scegliere. Tuttavia la maggior parte delle scuole hanno prezzi molto ragionevoli. Molte scuole possono organizzare soggiorni in famiglia con le famiglie messicane locali.

Opportunità di lavoro[modifica]

A chi viene con l'intenzione di lavorare può essere richiesto un visto di lavoro, che è difficile da ottenere se si vuole solo collaborare liberamente per un breve periodo.

Molte sedi importanti si trovano in tutte le principali città del Messico. Le principali aziende messicane come Televisa, Bimbo, Cemex, Telmex e Vitra sono spesso disposte ad assumere professionisti di madre lingua inglese in quanto gran parte della loro attività si sviluppa in collaborazione con aziende nordamericane.

Anglofoni nativi possono trovare lavoro come insegnanti di inglese. Il vantaggio è che gli anglofoni senza alcuna conoscenza dello spagnolo sono ricercati, perché costringeranno i loro studenti a praticare l'inglese. Lo svantaggio è che gli stipendi sono un po' bassi.

Valuta e acquisti[modifica]

Moneta da 50 centavos in bronzo
Moneta da 2 pesos
Moneta da 50 centavos in acciaio
Moneta da 10 pesos

La valuta nazionale è il Peso messicano (MXN), diviso in 100 centavos. Il simbolo per i pesos è lo stesso del dollaro USA col quale è facilmente confondibile. I prezzi in dollari (nelle aree turistiche) sono segnati come "US$".

Le monete sono emesse in tagli da 5, 10, 20, 50 centavo (i primi due in acciaio e gli altri ottone; sebbene le nuove monete da 50 centavo emesse a partire dal 2011 siano in acciaio e di minori dimensioni) e tagli da 1, 2, 5 (anello in acciaio, al centro in ottone), 10, 20, 50 e 100 pesos (anello in ottone, acciaio o centrale d'argento), sebbene sia estremamente raro trovare monete di valore superiore ai 10 pesos.

Le banconote sono prodotte in tagli di 20 (blu), 50 (rosa-rosso), 100 (rosso), 200 (verde), 500 (marrone), e 1000 (viola e rosa per l'ultima emissione, viola per quelle precedenti). Le banconote più recenti da 20 MXN, 50 MXN e 100 MXN sono realizzate in polimero plastico, e ci sono diverse serie per ogni taglio. Esistono banconote da 10 pesos, ma sono molto rare e non più prodotte né accettate.

I "vecchi" pesos (emessi prima del 1993) non sono più accettati, ma sono di solito collezionati dai numismatici.

Il simbolo utilizzato per i pesos è localmente lo stesso che per il dollaro ($), il che può essere un po' fuorviante. I prezzi in dollari americani (nelle zone turistiche) sono classificati come "US$" o con una S con un doppio tratto al centro. Vista l'oscillazione tra le due valute, è sempre meglio acquistare con i pesos locali. I dollari statunitensi sono ampiamente accettati nell'estremo nord e nei luoghi turistici disseminati altrove.

Altre valute, come euro, sterlina e franco svizzero non sono generalmente accettate dai commercianti, e anche le banche con sede in Europa, possono rifiutare di accettare euro per lo scambio. Invece nella maggior parte delle banche e uffici di cambio ("casas de cambio") saranno ampiamente accettati.

Banconote di pesos

Chi arrivasse a sud con ancora valuta di un qualunque Stato dell'America Centrale è bene che la scambi al più presto, in quanto al di fuori dell'immediata zona di confine, non sarà possibile effettuare il cambio. La maggior parte delle banche in America Centrale scambiano la moneta locale in dollari, per cui si potrebbe triangolare con quella, a patto che si accetti una doppia commissione.

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD

Banche[modifica]

Se avete portato contanti in USD o €, i posti migliori per cambiare i vostri soldi sono all'aeroporto di arrivo (ad esempio MEX e CUN), dove molti scambi di denaro si trovano già nella sala arrivi (dove si possono confrontare anche alcuni tassi di cambio e scegliere il più conveniente) e, normalmente, negli aeroporti, il tasso di cambio è di solito onesto. Siate sicuri di passare la dogana prima di cercare un cambio perché all'interno della zona doganale di Cancún, il costo è di gran lunga inferiore a quello richiesto dagli ingordi venditori ambulanti.

Se volete aspettare fino all'ultimo momento per ottenere la valuta messicana, cercate di non cambiare i soldi in albergo, in quanto i tassi tendono ad essere estremamente svantaggiosi per i turisti. Tuttavia, alcuni hotel offrono cambi a titolo di cortesia, in questo caso è meglio chiedere per assicurarsene. Spesso, è possibile trovare cambi valuta in luoghi strategici come la maggior parte delle destinazioni turistiche e nei pressi di zone alberghiere. Le tariffe di cambio non dovrebbero differire drasticamente da quelle dell'aeroporto. Se avete poca dimestichezza con il denaro messicano (banconote e monete), cercare di attenervi alle agenzie ufficiali. In diverse destinazioni balneari popolari a livello internazionale come Cancún e Los Cabos, commercianti locali sono abituati ai dollari e spesso li accettano come pagamento (hanno anche registratori di cassa a doppia valuta). Tuttavia, si tenga presente che la convenienza di tale scambio di denaro "privato" di solito viene fornito con un tasso di cambio leggermente sfavorevole.

Carte di credito (del circuito Maestro o VISA/MasterCard) sono ampiamente accettate in Messico. Si possono utilizzare presso gli sportelli automatici, così come nella maggior parte dei grandi magazzini, ristoranti, stazioni di servizio più grandi, ma siate sicuri di portare sempre in tasca denaro sufficiente in pesos al di fuori delle città, e in generale di verificare la possibilità di pagare con carta prima del consumo. Le piccole imprese (spesso a conduzione familiare) spesso accettano solo contanti. Il più delle volte, è richiesto un ulteriore 5% in caso di pagamento con carta. Inoltre, non è possibile negoziare prezzi più bassi a meno che non si paghi in contanti. Spesso, si riesce a pagare la metà o meno facendo finta di andar via.

Molte stazioni Pemex accettano le carte di credito, in particolare in luoghi che hanno un pesante traffico turistico, altri no; i viaggiatori che intendono pagare con carta di credito devono sempre chiedere all'addetto se la carta è accettata prima dell'inizio del pompaggio.

I bancomat sono facili da trovare. I clienti di Bank of America possono evitare le commissioni ATM utilizzando i bancomat Santander Serfin. Altre banche potrebbero avere accordi simili, verificare con il rispettivo ente. Ad esempio, la banca Banamex è di proprietà di Citybank/Citygroup e Bancomer è di proprietà di BBVA, che è legata alla Chase in USA. Qualora la propria banca non avesse alcun accordo, troverete nell'estratto conto una commissione per ogni prelievo. I bancomat nelle città più piccole possono aver terminato i contanti; a volte si tratta di un evento normale. Controllare con la banca (o locali) su quale sia il momento migliore per usare il bancomat e non attendere l'ultimo minuto per prelevare denaro.

Mance[modifica]

Le mance in Messico sono simili agli Stati Uniti d'America; solitamente dal 10 al 15%.

I pasti hanno una mancia dal 10% al 15% (questo include le consegne di fast food). Questa mancia è di solito lasciata dalla maggior parte delle persone nei ristoranti, anche se non è così comune nei ristoranti sulla strada o nei chioschi, dove le offerte sono di solito lasciate all'interno di una lattina o di una scatola atte a raccogliere monete.

In genere è comune lasciare una mancia sul tavolo dopo aver pagato e quindi avere soldi di piccolo taglio è molto utile.

Nei bar e locali notturni messicani è spesso incluso il 15% di servizio nel totale (tasse incluse). Questo è illegale nella maggior parte dei casi a causa dell'imposizione della mancia e per l'aggiunta delle tasse. Nei grandi gruppi, o nei locali notturni i barman si aspettano che i clienti depositino la loro mancia in una tazza lasciata sul tavolo prima di servire le bevande in modo che il servizio dato sia in linea con la mancia ricevuta.

È anche consuetudine dare una mancia alla persona che a volte custodisce l'auto come se fosse un servizio di parcheggio; in Messico, queste persone sono spesso chiamate "viene viene" (letteralmente: "vieni, vieni") o franeleros e di solito la gente da loro 3/20 pesos messicani a seconda della zona, anche se a volte chiedono grandi somme di denaro quando l'auto viene lasciata vicino ad una zona ricca di vita notturna.

Nei negozi di vendita al dettaglio di medie e grandi dimensioni, come Walmart ci sono aiutanti in divisa, di solito i bambini o gli anziani, che imbustano i prodotti dopo che l'impiegato li ha passati alla cassa. Questo ruolo è chiamato cerillo (in italiano "fiammifero"). È comune per questi aiutanti non avere uno stipendio base, quindi tutti i soldi guadagnati provengono dalle mance che le persone danno. La maggior parte dei clienti dà da 2 a 5 pesos messicani a seconda del numero di prodotti. I cerillo mettono anche le borse nel carrello e se il carico è di grandi dimensioni possono anche aiutare portandolo alla macchina e scaricando le buste; in questi casi, normalmente, ricevono più di 15 pesos.

La mancia non è prevista per taxi o autobus, tranne quando si tratta di un tour. In alcuni ristoranti messicani popolati, i musicisti erranti entrano, suonano e si aspettano che i clienti paghino qualcosa, anche se questo è volontario. Nelle stazioni di rifornimento, gli operai di solito ottengono 2/5 pesos per ogni pieno di benzina. Negli stadi le persone danno una piccola mancia a colui che mostra il luogo dove devono sedersi. Le mance vengono date anche a fattorini, barbieri e alle persone che lavorano in servizi analoghi.

Shopping[modifica]

Spezie in vendita in un mercato a Oaxaca

Pesi e lunghezze sono misurate in kg e m come in Italia. Anche le taglie di scarpe e vestiti sono analoghi, adottando le misure "continentali".

I commercianti possono essere pignoli sullo stato delle vostre banconote e possono controllare e respingere qualsiasi cosa abbia degli strappi. Cercate di tenerle in condizioni il più possibile intonse. Ciò accade più frequentemente più a sud si va. In ogni caso, si può facilmente entrare in una banca con banconote ragionevolmente danneggiate per averne in cambio di buone.

I commercianti sono spesso riluttanti a dare il resto nelle città più piccole. Cercate di evitare di pagare con tagli eccessivamente grandi; il miglior cliente è colui che ha la cifra esatta. Nelle zone rurali, il tuo "resto" può essere composto da caramelle o altri piccoli prodotti.

I commercianti, soprattutto quelli nei piccoli mercati ("tianguis") e venditori ambulanti non sono estranei a mercanteggiare. Prova a chiedere "¿Es lo menos?" ("È questo il prezzo più piccolo?"), più rurale e meno turistica sarà la zona, molto più probabilmente avrete successo.

  • Arte indigena — Una qualunque visita in Messico darà la possibilità di acquistare oggetti d'artigianato fatti nel modo "antico", che riflette le diverse etnie del Messico. Tra questi articoli si trovano prodotti tessili, sculture in legno, dipinti e maschere intagliate che vengono utilizzate in danze sacre e sepolture.
  • Multiproprietà — Nel visitare le località balneari in Messico (per esempio Cancún, Puerto Vallarta o simili), è più che comune essere contattati per le strade, nei bar, nei ristoranti e ovunque con le offerte di regali, noleggio auto gratuiti, pernottamenti gratuiti, cene gratis, tutto ciò che vi viene offerto gratuitamente, ha come obiettivo di farvi visitare un certo posto e l'ascolto di una presentazione finalizzata all'acquisto di una multiproprietà. A meno che non si sia così disperatamente alla ricerca di qualcosa da fare, si consiglia di ignorare e stare lontano da chi fa tali offerte. Sebbene le proprietà siano molto belle, in ottime posizioni e con numerosi servizi, questo non è il posto per informarsi sulle comproprietà. Studiateci prima ancora di pensare di acquistare una multiproprietà, vedere quali sono i valori di mercato e capire i diritti che state comprando, nonché i costi futuri. Raccogliere delle libere offerte può essere difficile, se non impossibile.
  • Automobili — Vale sicuramente la pena di valutare l'importazione di una macchina locale, anche se l'importazione in linea agli standard UE/USA sarà difficile. Sono consigliate le Ford e le Chrysler. Le Volkswagen possono essere notevolmente meglio attrezzate delle omologhe europee o nordamericane.


A tavola[modifica]

Bancarelle dei taco
Gordita
Guacamole e nachos

La cucina messicana può essere descritta meglio come un insieme di diverse cucine regionali, piuttosto che un elenco standard di piatti dell'intero Paese. A causa del clima, la geografia e le differenze etniche, possiamo classificare la cucina messicana sostanzialmente in 4 grandi categorie a seconda della regione:

  • Nord - la maggior parte dei piatti a base di carne è fatta principalmente con carne di capra. Questo include cabrito, carne asada (barbecue) e arrachera. È influenzata dalla cucina internazionale (per lo più di Stati Uniti d'America ed Europa), ma conserva il sapore essenziale messicano.
  • Centro - questa regione è influenzata dal resto del Paese, ma ha il suo sapore locale ben sviluppato in piatti come pozole, menudo e carnitas. I piatti sono per lo più a base di mais e con diverse spezie.
  • Sudest - è nota per le verdure piccanti e i piatti a base di pollo. Data la posizione ci sono influenze di cucina caraibica.
  • Costa - è composta pesantemente con frutti di mare e pesce, ma si possono pure facilmente trovare le ricette a base di mais.

Chiedete il "platillo tipico" della città, che è la specialità locale che non può essere trovata altrove, una variazione, o il luogo di nascita di una ricetta, ritengono anche che la maggior parte delle ricette cambiano da luogo a luogo, come il tamal, a sud sono realizzati con le foglie delle piante di banane, e nella regione di Huasteca i tamal sono molto grandi (chiamati "zacahuil") e uno è sufficiente per un'intera famiglia.

Il tradizionale cibo messicano può risultare molto piccante per palati non avvezzi all'uso del peperoncino. Per salvaguardarsi non mancare di chiedere se il cibo servito ne contiene prima di assaggiarlo. La frase rituale è: "Esto tiene chili?" o "Es picante?".

Ci sono molti chioschi di cibo per le strade delle città messicane e cittadine. I viaggiatori sono invitati a mangiare da questi carrelli con cautela, in quanto le pratiche di preparazione igieniche non sono sempre affidabili. In tal modo, si può trovare (come no) alcuni dei piatti più originali e sinceramente messicani che abbiate mai provato. Da questi fornitori, si possono trovare tacos, hamburger, pane, mais di campo arrosto o elote servito con maionese o una crema leggera, e cosparsi di formaggio bianco fresco, patate dolci arrosto chiamate camote e quasi ogni tipo di cibo e servizio che ci si può immaginare.

  • Barbacoa - Carne cotta di pecora o capra con foglie di maguey (agave) in un forno realizzato mediante un buco nel terreno. Pensate ad un BBQ senza fumo o salsa barbecue a base ketchup. Servito con condimenti e salse in tortilla di mais e talvolta arrotolata in una piadina.
  • Carnitas - Carne fritta di maiale servita con una varietà di salse, per farla asciugare con meno grasso.
  • Chicharrón - Pelle di maiale affogata e fritta nell'olio. Molto croccante e se ben preparata leggermente grassa. Deliziosamente cosparsi con guacamole. Talvolta, cotto in una salsa di peperoncino dolce e servito con uova.
  • Chilaquiles - Patatine di tortilla con tomatillo verde o pomodoro rosso, o salsa di peperoncino dolce, di solito serviti con pollo o uova (sopra o all'interno). Di solito è un piatto delicato.
  • Chile en nogada - Un grande peperoncino verde poblano con manzo o maiale ripieno di mele, coperto con un po' di salsa bianca (solitamente di noce, nota come nuez) e cosparso di semi di melograno, solitamente rossi. I tre colori rappresentano la bandiera nazionale e il piatto è servito a livello nazionale nei giorni adiacenti il giorno d'indipendenza messicana del 16 settembre.
  • Enchiladas - Morbide tortilla di pollo o carne farcite e coperte di salsa verde, rosso o mole. Alcune possono avere formaggio fuso all'interno e/o sulla parte superiore.
  • Gorditas - Piadina di mais ripiena di chicharron, pollo, formaggio, ecc. conditi con panna, formaggio e salsa calda.
  • Grillo - Cavalletta, solitamente cotta e posta all'interno di un altro piatto, come una quesadilla. Si trova spesso nei mercati nello Stato di Morelos e altri Stati centrali del Messico. Non è comune a Città del Messico.
  • Guacamole - Salsa di avocado schiacciato con peperoncino verde serrano, pomodoro rosso tritato e cipolla, succo di lime, sale e servito con fette di tortilla fritta un po' spesse o "totopos" (patatine di mais).
  • Huaraches - La versione più grande (a forma di scarpa) di una gordita.
  • Huitlacoche - Un tipo di fungo che si trova nel mais. Questo piatto è di solito un'aggiunta per gli altri. Gli stranieri potrebbero trovarlo difficile da digerire, ma i messicani lo adorano. Nonostante ciò, la maggior parte non lo prepara a casa molto spesso. Si può trovare nella maggior parte dei mercati o negozi.
  • Migas - Un piatto tipico nel centro del paese, che è un brodo di guajillo (peperoncino) con pane bagnato, a cui è possibile aggiungere le ossa di maiale con carne o uova.
  • Mole - Salsa a base di leggero o medio peperoncino, con cacao e un pizzico di arachidi su carne, di solito servita con pollo o tacchino tagliuzzato. (Pollo en mole è noto come puebla o stile poblano). Ci sono molti mole regionali e alcuni sono di colore verde, giallo, nero e possono variare notevolmente in sapore a seconda del talento artistico o ingredienti coinvolti.
  • Pozole - Brodo di pollo o maiale con hominy mais, speziato quando servito con origano, lattuga, succo di limone, ravanello, cipolla tritata, peperoncini essiccati a terra e altri ingredienti come pollo, maiale, o anche frutti di mare, di solito servito con un contorno di tostada, patate fritte e taco con formaggi freschi. Molto fortificante.
  • Quesadillas - Formaggio o altri ingredienti grigliati racchiusi tra una tortilla di mais. Più pesante col formaggio e più leggero con altri elementi, come pollo, carne di maiale, fagioli, zucca fiore fiori e così via.
  • Sopa de Tortilla - Zuppa di tortilla di solito in brodo di pollo, da sola o con l'aroma di pomodoro, e generalmente non piccante e non è affatto calda. Comunemente servita con avocado tagliato a dadini e formaggio bianco fresco sbriciolato in cima.
  • Sopes - Piadina di mais sormontata da una grande varietà di ingredienti come pollo, formaggio, purea di fave, e varie salse calde.
  • Tacos - Morbide tortilla di mais ripiene di carne: asada (strisce di bistecca), pollo triturato, carnitas (maiale fritto tagliuzzato), lengua (lingua), cabeza (carne dal teschio di mucca), sesos (cervelli di mucca), tripa (budella di mucca) o pastor (chili di maiale manzo). A nord a volte vengono utilizzate tortilla di farina. Non aspettatevi ovunque il guscio croccante di taco.
  • Tamales - Guscio di pasta di mais con ripieni di carne o verdure. Tamales Dulces contengono frutta e/o noci.
  • Tortas - Accattivante panino messicano. Rullo di pane che viene leggermente grigliato, con lo stesso ripieno di carne dei tacos, lattuga, pomodori, jalapeños, fagioli, cipolla, maionese e avocado. Nelle aree urbane si comincia a trovare tortas con salumi in stile americano.
  • Tostadas - Tortilla fritte condite con fagioli fritti, insalata, panna, formaggi freschi, fette di pomodoro, cipolla, salsa calda, e pollo o altro ingrediente principale. È difficile trovare questo piatto in molte parti del Messico, come accade negli Stati Uniti d'America, anche se in alcune zone di villeggiatura stanno iniziando a metterli nel menù.

È possibile misurare la qualità del cibo per popolarità, non mangiare in luoghi solitari, anche se sono ristoranti o alberghi. Si consideri che i messicani mangiano il loro pasto principale a metà pomeriggio (intorno alle 15:00), con la prima colazione (almuerzo) a metà mattina dopo un qualcosa di molto leggero, come un piccolo piatto di frutta o un panino con caffè la mattina molto presto. Anche se molti messicani fanno grandi colazioni al mattino. Più tardi, durante la notte il pasto varia da molto leggero, come snack dolci o panini, caffè o cioccolata calda, a cena pesante, come pozole, tacos, tamales, ecc. Pianificando i pasti di conseguenza, e si avrà una migliore idea su quanto sia frequentato/apprezzato un ristorante.

Bevande[modifica]

Negozio di Tequila nella città di Tequila

L'acqua del rubinetto è potabile, ma in genere non è raccomandabile berla. Alcune persone (forse esagerate) sostengono che l'acqua del rubinetto non sia nemmeno buona per lavarsi i denti. Gli hotel di solito danno agli ospiti una bottiglia di acqua potabile grande per camera a notte. L'acqua in bottiglia è anche facilmente reperibile nei supermercati e nelle attrazioni turistiche.

  • Assenzio, è legale in Messico
  • Tequila, distillato da Agave (un tipo specifico di cactus)
  • Pulque, fermento a base di Maguey (un tipo di agave)
  • Mezcal, simile alla tequila ma è un distillato di Maguey
  • Tepache, a base di ananas
  • Tuba, fatta dalla palma da cocco

Ci sono anche molte birre messicane, alcune delle quali si trovano anche al di fuori del Messico, ad esempio: Dos Equis (XX), Modelo Especial, Negra Modelo, Pacifico, Tecate, Indio, Bohemia, Carta Blanca, Sol, Superior, Victoria, Montejo, León e la Corona che è sì popolare ma non in modo così schiacciante come si sarebbe portati a pensare.

In alcuni posti è possibile trovare la birra servita come bevanda chiamata michelada o semplicemente chelada. Il contenuto può variare a seconda del posto, ma solitamente è a base di birra mischiata con succo di lime (il limone è difficile da reperire in tutto il paese) e spezie su ghiaccio servita in un bicchiere intriso di sale nel bordo. Altra variante chiamata "Cubana" comprende il cocktail di Clamato, salsa di soia, sale e un po' di salsa piccante.

Il Messico nordoccidentale, tra cui Bassa California e Sonora, produce anche vini e il vino messicano è spesso molto buono, ma per la maggior parte i messicani tendono a preferire le importazioni europee e cilene.

L'età legale per bere alcolici in Messico è 18 anni, ma non ci sono stretti controlli. In molti posti il consumo di alcool in pubblico ("open container") è illegale e punibile con un giorno di prigione. Attenzione ai camerieri e barman, soprattutto a quelli di un locale notturno. Se non si sta attenti al proprio consumo e a quanto già speso, si rischia che venga aggiunto uno o due drink al proprio conto. Sono solo alcuni a farlo, non tutti.

Alcolometri sono ampiamente utilizzati nelle strade. Quando si è bevuto, è opportuno avere sempre un secondo guidatore di scorta che non l'abbia fatto. Guidare in stato di ebbrezza comporterà da 1 a 3 giorni di carcere.

Champurrado

Bevande non alcoliche:

  • Cioccolato
  • Atole
  • Horchata, bevanda a base di riso
  • Agua de Jamaica, ibisco tè freddo, simile a karkadè in Egitto
  • Licuados de fruta, frullati di frutta e frullati
  • Champurrado, bevanda al cioccolato spesso
  • Refrescos, bibite comuni, generalmente dolce e fatta con zucchero di canna, sciroppo di mais non come negli Stati Uniti d'America

Il Messico, in particolare lo Stato meridionale del Chiapas, produce un ottimo caffè. Café con leche, caffè mescolato a latte al vapore, è molto popolare. Purtroppo, molti posti in Messico che non sono caffetterie servono caffè istantaneo Nescafé o similari. La ricerca di un buon caffè potrebbe richiedere del tempo, ma prima o poi lo si trova.

Infrastrutture turistiche[modifica]

Plaza de liberación e la Cattedrale a Guadalajara

È disponibile un certo numero di catene alberghiere in tutto il Messico, tra cui Palazzo Hotel, Le Blanc Spa Resort, Best Western, Holiday Inn, CityExpress, Fiesta Inn, Fairmont, Hilton, Ritz, Camino Real, Starwood (Sheraton, W, Westin, Four Points) e molte altre. Le tariffe sono aumentate notevolmente negli ultimi anni, anche se per la maggior parte sono ancora ragionevoli rispetto ad analoghi alberghi negli Stati Uniti d'America o in Europa. Le catene alberghiere sono generalmente pulite e confortevoli; ottime per chi viaggia per affari, ma non necessariamente per chi vuole scoprire il vero Messico. I piccoli alberghi e i motel lungo la strada potrebbero non essere sicuri o confortevoli. I boutique hotel si trovano in tutto il Paese con una varia gamma di prezzi, ma tutti sono ricchi di tradizioni, eleganza e fascino messicano, il modo migliore per vivere il patrimonio culturale di ciascuno Stato. Una grande fonte di informazioni è il libro di Melba Levick Mexicasa, presente in molte biblioteche e librerie online. Ci sono anche molti resort all-inclusive per chi visita le principali destinazioni balneari.

C'è una grande cultura di viaggio con zaino in spalla in Messico, e ci sono molti ostelli offrono alloggio in dormitorio e camere private. Ci si può aspettare di pagare tra i 50 e 150 pesos per una notte in un dormitorio, spesso anche la prima colazione. Gli ostelli sono un posto fantastico per condividere le informazioni con gli altri viaggiatori, e spesso è possibile trovare persone che sono state nelle vostre destinazioni future. Ci sono un certo numero di siti internet che permettono di prenotare ostelli in anticipo con una piccola commissione, e questo sta diventando una pratica sempre più comune.

Le sistemazioni più autentiche di solito possono essere trovate chiedendo ai locali o ai gringos, soprattutto nei centri minori. Se non siete sicuri circa la sicurezza o le condizioni della stanza chiedete di vederla prima di pagare. Non è un qualcosa che è percepito come maleducato.

Se avete intenzione di pernottare in zone più fresche in inverno valutate di portare con voi una coperta elettrica, in quanto negli alberghi più economici è presente la corrente, ma non il riscaldamento. E anche se fuori può diventare piuttosto caldo nel pomeriggio, mattoni e cemento sono come frigoriferi. Anche un bollitore elettrico è una buona idea, infatti l'acqua calda potrebbe non essere disponibile quando lo si desidera.

Se viaggiate con i bambini, utilizzate una custodia in plastica (con ruote e maniglia) come bagaglio, che può essere usata come una vasca da bagno per i bambini, se necessario. Gli alberghi a buon mercato raramente (se non mai) hanno vasche da bagno.

Eventi e feste[modifica]

Feste non ufficiali[modifica]

  • 6 gennaio: Il giorno dei Magi, celebrando arrivo dei Re Magi a vedere e portare doni al bambino Gesù
  • 2 febbraio: Il giorno Candelaria ("Giornata delle candele"), celebrata in molti luoghi in tutto il Paese
  • 24 febbraio: Giorno della bandiera
  • 5 maggio: La battaglia di Puebla contro l'esercito francese, del XIX secolo
  • 12 ottobre: ​​Giornata della Razza
  • 2 novembre: Giorno dei morti
  • 12 dicembre: Vergine Maria di Guadalupe Day. Tecnicamente non ufficiale, ma è uno delle più importanti vacanze in Messico
  • 24 dicembre: Vigilia di Natale (di solito è un giorno non lavorativo)
  • 31 dicembre: Capodanno (di solito è un giorno non lavorativo)

Festività nazionali[modifica]

  • 1 gennaio Capodanno
  • 5 febbraio: Festa della Costituzione (1917)
  • 21 marzo: Nascita di Benito Juárez (1806)
  • 1 maggio: Festa del Lavoro
  • 10 maggio: Festa della mamma
  • 15 maggio: Festa degli insegnanti
  • 1 settembre: giorno indirizzo presidenziale
  • 15 settembre: Grito de Dolores
  • 16 settembre: Festa dell'indipendenza (celebra l'inizio della lotta per l'indipendenza dalla Spagna nel 1810, ha raggiunto fino al 27 Settembre 1821)
  • 20 novembre: Giorno della rivoluzione messicana (1910)
  • 25 dicembre: Natale

Pasqua è ampiamente osservata a livello nazionale, secondo il calendario cattolico annuale (la prima Domenica dopo la prima luna piena di primavera). I giorni non lavorativi effettivi potrebbero spostarsi verso il lunedì prima delle vacanze, quindi è bene controllare un calendario aggiornato.

Sicurezza[modifica]

Polizia turistica a cavallo a Città del Messico
Avviso di viaggio! ATTENZIONE: Regioni interessate: Bassa California settentrionale, Sonora, Chihuahua, Nuevo León e Tamaulipas.

Un annuncio di viaggio è stato emesso 10 ottobre 2014 a causa degli oltre 15.000 omicidi correlati al narcotraffico che si sono verificati nel 2010. La maggior parte delle vittime di violenze legate agli stupefacenti dal 2006 erano membri di organizzazioni criminali internazionali. Il governo messicano fa uno sforzo considerevole per proteggere i visitatori per le principali destinazioni e zone turistiche e in questi luoghi in genere non si vedranno i livelli di violenza legata alla droga e la criminalità segnalati nella regione di confine e nelle aree lungo le principali rotte del narcotraffico. Tuttavia, la criminalità e la violenza sono gravi problemi che possono verificarsi ovunque. (avviso del governo USA)

Il numero di emergenza del Messico è 066, chiamare questo numero per qualsiasi servizio di emergenza: come polizia, medico, incendio, ecc.

Nella maggior parte delle città, il luogo in cui ci si trova è molto importante in quanto i livelli di sicurezza cambiano molto da un posto all'altro. Le aree vicino al centro sono più sicure per camminare di notte, in particolare sulla "Plaza", "Zocalo" o "Jardín" (piazza principale) e zone limitrofe. Soggiornare in aree popolate, evitare i quartieri poveri, soprattutto di notte, e non andare a piedi in qualsiasi momento se si è da soli. Pestaggi efferati sono stati riportati in alcuni villaggi da parte di persone che viaggiavano da sole, quindi stare allerta da qualsiasi individuo dall'aria sospetta.

Dal 2006 la violenza legata ai cartelli della droga è diventata un problema; vedi la sezione dedicata ai problemi di traffico di droga.

La violenza politica in Chiapas e Oaxaca è diminuita negli ultimi anni, ed è di gran lunga meno di una minaccia rispetto alla criminalità legata alla droga. Tuttavia, tenere presente che le autorità messicane non approvano gli stranieri che partecipano a manifestazioni (anche quelli pacifici) o il supporto vocale per gruppi come il Ejército Zapatista de Liberación Nacional e il suo leader, il subcomandante Marcos, anche se le loro immagini e slogan sono piuttosto diffusi nei mercati su t-shirt e cappellini.

Un po' come ovunque, evitare di mostrare in giro contanti o carte di credito. Usarli con discrezione per metterli via il più velocemente possibile.

Il sistema giuridico messicano era basato fino a poco tempo sul codice napoleonico, ma se mai vi trovaste nei guai con la legge messicana, tenete presente che le pene sono molto più pesanti di quelle di molti altri Paesi.

I mendicanti non sono di solito una minaccia, ma ne troverete un sacco nelle aree urbane. Evitare di esserne circondati, in quanto alcuni da essi possono borseggiarvi. Dare velocemente due pesos può tirarvi fuori dai guai (ma può anche attirare altri mendicanti). La maggior parte dei messicani poveri e senzatetto preferiscono vendere bigiotteria, gomma, cantare, o fornire qualche blando servizio al posto di limitarsi a mendicare.

In alcune città, come Guadalajara e Città del Messico, c'è più sicurezza che nella maggior parte degli altri luoghi in Messico. Tuttavia, è sempre raccomandato aggirarsi con cautela.

Problemi di traffico di droga[modifica]

Stati col maggior numero di conflitti, segnati in rosso (2010)

Va compreso che il Paese sta attraversando un periodo transitorio. Il precedente presidente Felipe Calderon dichiarò guerra ai cartelli della droga, i quali hanno reagito a loro volta contro il governo (e sempre più spesso anche al loro interno).

Alcune città del nord e del confine messicano, come Tijuana, Nogales, Nuevo Laredo, Chihuahua, Culiacán, Durango, e Ciudad Juárez possono essere pericolose se non vi si ha familiarità, specialmente di notte. La maggior parte della criminalità nelle città del nord è legata al traffico di droga e/o corruzione della polizia. Tuttavia, dal momento che, secondo i dati, le forze dell'ordine spesso sono sopraffatte o coinvolte nel narcotraffico, molte città di confine del nord che in precedenza erano solo un po' pericolose, sono ora un focolaio di criminali che agiscono impunemente. Ciudad Juárez, in particolare, si fa carico di questa violenza, con quasi un quarto dei delitti complessivi di tutto il Messico, e un eventuale viaggio richiede particolare attenzione.

Lontano dagli Stati del nord, la violenza correlata al cartello è incentrata in aree specifiche, inclusi gli Stati della costa del Pacifico di Michoacán e Guerrero. Tuttavia, si deve avere cautela in ogni grande città, soprattutto di notte o in zone ad alto tasso di criminalità.

Si noti che per la maggior parte i turisti e i viaggiatori non sono di alcun interesse per i cartelli della droga. Molte rinomate destinazioni turistiche come Oaxaca de Juárez, Guanajuato, Los Cabos, Città del Messico, Puerto Vallarta, Cancún, Mérida e Guadalajara sono in gran parte immuni da questi problemi, semplicemente perché lì non ci sono confini di Stato. Ciudad Juárez è attualmente uno dei principali campi di battaglia della guerra alla droga, e mentre qui i viaggiatori stranieri non sono spesso presi di mira, la presenza di due cartelli in guerra, molte piccole gang opportunistiche, la polizia armata e i soldati hanno creato una situazione a dir poco caotica.

Anche se la cosa può sorprendere, la nuova vittima della violenza della droga è Monterrey. La città in passato fu anche incoronata come la più sicura in America Latina. L'ambiente fortemente lavorativo e lo spirito imprenditoriale sono state le caratteristiche peculiari della cittadina per la maggior parte dei messicani. Oggigiorno, è l'ultima città a cadere nelle mani delle bande della droga, ed avvengono anche sparatorie mortali in pieno giorno. Persone sono state rapite in alberghi di altissimo livello, e sebbene la città non sia ancora lo specchio di Ciudad Juárez, c'è da dire che non resta molto indietro.

Stranamente, Città del Messico è la città più sicura in questo scenario, e la gente va lì per cercare rifugio dalla violenza di confine perché è proprio li che molti politici e militari vivono.

Il consumo di droghe non è raccomandato mentre si è in Messico, perché, anche se il possesso di piccole quantità di tutte le principali sostanze stupefacenti è stato depenalizzato, il consumo nelle aree pubbliche comporterà una multa e molto probabilmente vi farà finire nei guai con la polizia. L'esercito stabilisce anche posti di blocco casuali in tutte le principali autostrade, alla ricerca di sostanze stupefacenti e di armi. Il consumo di droga non è nemmeno visto di buon occhio da una grande percentuale della popolazione.

Consigli per la spiaggia[modifica]

  • Punture di meduse: aceto o senape sulla pelle; portarne sempre con sè un po' quando si è in spiaggia.
  • Punture di razze: acqua calda fino a che la si può sopportare in quanto il calore disattiva il veleno.
  • Scottature solari: portare la protezione solare con sé quando si va in spiaggia perché in certe zone potrebbe non essere disponibile.
  • Forti correnti: molto pericolose, soprattutto durante e dopo le tempeste

Il trasporto pubblico[modifica]

Quando si è nelle grandi città (in particolare a Città del Messico) è meglio andare sul sicuro utilizzando dei taxi. Le migliori opzioni sono: telefonare a una compagnia di taxi, chiedere al proprio hotel o ristorante di chiamarne uno o prendere un taxi da una postazione permanente ("Taxi de Sitio"). I taxi possono anche essere fermati in mezzo alla strada, il che va bene nella maggior parte del Paese, ma può essere pericoloso a Città del Messico.

Per quanto possa sembrare caotico a volte, la metropolitana è il modo migliore per muoversi a Città del Messico: economica (5 pesos per un biglietto a maggio 2014), sicura, arriva quasi ovunque ed estremamente veloce rispetto a qualsiasi trasporto su strada, dal momento che non è affetta dai frequenti e diffusi ingorghi. Se non siete mai stati in una metropolitana affollata, evitate le ore di punta (di solito 6-9 e 17-20) e studiate bene il percorso controllando in quale linea e stazione (estacion) si desidera andare e l'indirizzo del luogo che si sta cercando di raggiungere. Il vostro hotel può darvi questa informazione, e le mappe del sistema di metropolitana sono disponibili su internet e nelle stazioni. La maggior parte delle stazioni ha anche le mappe della zona.

Evitare di prendere la metropolitana a tarda notte, ma durante il giorno molte stazioni sono pattugliate da agenti di polizia e la metropolitana è più sicuro dell'autobus pubblico, la vostra preoccupazione principale nella metropolitana sono borseggiatori; quindi è opportuno tenere il portafogli e le proprie cose più importanti in un luogo sicuro.

Una consiglio alle persone che utilizzano le metropolitane europee o quelle principali americane che normalmente operano tutto il giorno. Anche a Città del Messico l'ultima corsa termina intorno a mezzanotte con un servizio che riparte sola la mattina presto. I prezzi dei taxi si regolano di conseguenza, quindi è saggio tenerlo sempre presente quando ci si sposta in città intorno a quella fascia oraria.

Se si viaggia in autobus, evitare di mettere gli oggetti di valore nel grande bagagliaio preposto. Se la polizia o l'esercito controllano il bagaglio potrebbero prendere quello di cui hanno bisogno. Soprattutto negli autobus notturni quando i passeggeri sono molto probabilmente addormentati. Si raccomanda l'uso di un marsupio da indossare sotto i vestiti e lontano da occhi indiscreti.

Guidare[modifica]

Tutte le distanze sui cartelli e i limiti di velocità sono in chilometri. Il gas è venduto a litro (non a galloni come in USA) ed è anche un po' più economico che negli Stati Uniti d'America.

Se si arriva guidando dagli USA, si deve sempre acquistare un'assicurazione di responsabilità civile messicana (preferibilmente con copertura della difesa legale) prima di attraversare la frontiera o subito dopo averla attraversata. Quando si paga per il permesso di importazione temporaneo (per andare al di là della zona di confine), spesso nello stesso stabile ci sono diverse bancarelle che vendono assicurazioni auto messicane. Anche se la vostra assicurazione americana (o canadese, ecc) copre il vostro veicolo in Messico, essa non può (per legge messicana) coprire i danni con responsabilità (i.e. colpire qualcosa o ferire qualcuno). In sua assenza, a fronte di un incidente, si dovrà probabilmente trascorrere del tempo in un carcere messicano. Anche se la vostra assicurazione garantisce in teoria la copertura di responsabilità in Messico e vi troverete a riempire un foglio di contestazione da dietro le sbarre! Non rischiare, e prendere un'assicurazione auto messicana.

Non guidare mai al di sopra del limite di velocità e rispettare i segnali di stop o i semafori rossi; la polizia messicana userà ogni scusa per far accostare i turisti che saranno successivamente multati. In alcune città è possibile che la polizia non faccia una multa, limitandosi ad avvertirvi. La multa per eccesso di velocità potrebbe arrivare fino a 100 USD, a seconda della città.

A partire da aprile 2011, la polizia in tutto il Paese ha dato un severo giro di vite sulla guida in stato di ebbrezza, in particolare a Città del Messico, nelle altre grandi città e nelle località balneari. Ci sono posti di blocco casuali in tutto il Paese in cui ogni conducente deve fermarsi per effettuare un test di ebbrezza automatizzato. Fallendolo, si finirà in un carcere messicano.

Potrai trovare per lo più mendicanti e pulitori del parabrezza ad alcuni semafori. Avere i finestrini sempre chiusi è particolarmente raccomandabile in alcune zone di Città del Messico. I pulitori parabrezza cercheranno di pulire il vostro: un forte e deciso "NO" è d'uopo.

Catastrofi naturali[modifica]

I disastri naturali in Messico includono uragani e terremoti.

Situazione sanitaria[modifica]

Alcune parti del Messico sono note per la diarrea del viaggiatore, spesso chiamata "vendetta di Montezuma" (Venganza de Moctezuma). La ragione di ciò non è tanto il cibo piccante ma nella contaminazione della rete idrica in alcune delle zone più povere in Messico. Nella maggior parte delle piccole città che sono meno industrializzate, solo i messicani più poveri berranno acqua del rubinetto. L'attitudine migliore è quella di bere solo acqua in bottiglia o purificata, entrambe facilmente reperibili. Assicurarsi di specificare acqua in bottiglia sigillata nei ristoranti ed evitare il ghiaccio (che spesso non è fatto da acqua purificata). Proprio come negli Stati Uniti d'America, nella maggior parte delle principali città messicane l'acqua viene purificata dalla società idrica urbana. Nella maggior parte dei ristoranti in queste zone povere, l'unica acqua servita proviene da grandi brocche di acqua depurata. In caso di disturbi, visitare una clinica locale nel più breve tempo possibile. Sono disponibili medicine che contrastano i batteri.

La medicina nelle aree urbane è molto sviluppata, gli ospedali pubblici sono altrettanto buoni, alla stregua di quelli statunitensi, e proprio come questi ultimi, sono sempre pieni. Si consiglia di andare in ospedali privati ​​per un servizio più rapido.

Prima di un viaggio nelle zone rurali del Messico, potrebbe essere una buona idea prendere farmaci anti-malarici dal vostro medico.

Si raccomanda vivamente che il viaggiatore si assicuri che le eventuali carni consumate siano state ben cotte a causa di un tasso crescente di infezioni di vermi cilindrici, in particolare nella zona di Acapulco.

Insieme al rischio di malaria, le zanzare sono anche portatrici del virus del Nilo occidentale. Ricordarsi di portare un efficace repellente per insetti, preferibilmente uno che contenga il principio DEET.

Il tasso di infezione di AIDS/HIV in Messico è più basso che in Stati Uniti, Francia e la maggior parte delle nazioni latinoamericane. Tuttavia, prima di fare sesso, assicurarsi di utilizzare un preservativo in lattice per ridurre il rischio di contrarre o diffondere il virus.

Come altre località occidentali, i casi di sindrome polmonare da hantavirus sono stati segnalati in tutto il Messico. Si tratta di una rara (ma spesso fatale) malattia acuta per la quale non esiste alcuna cura conosciuta. Si crede che il virus sia presente nelle feci di animali, in particolare in quelle della famiglia dei roditori. Pertanto, non vagare nelle tane di animali e prestare particolare attenzione quando si entra in spazi chiusi che non sono ben aerati e privi di luce solare.

Le vaccinazioni contro l'epatite A e B e la febbre tifoide sono raccomandate.

Se siete morsi da un animale e sospettate che l'animale sia un portatore di rabbia rivolgetevi immediatamente ad un medico per il trattamento.

Nelle aree remote, portare un kit di pronto soccorso, l'aspirina, e altri elementi correlati che sono venduti senza prescrizione medica.

Rispettare le usanze[modifica]

I messicani hanno un senso un po "rilassato" del tempo quindi siate pazienti. Arrivare in ritardo di 15 minuti è comune.

Quando qualcuno, anche un perfetto sconosciuto, starnutisce, si dice sempre "¡salud!" (i.e. "salute!", che corrisponde all'inglese "Bless you!", ossia "Che tu sia benedetto!"); non farlo è considerato maleducato. Nelle zone rurali, in particolare nel cuore del Messico (Jalisco, Zacatecas, Aguascalientes, ecc.), l'ancor più pio "Jesús te bendiga" (i.e. "Che Gesù ti ​​benedica") seguirà a uno starnuto.

La grande maggioranza della popolazione è tradizionalmente di religione cattolica romana, e c'è ancora un forte seguito di questa fede tra i messicani provenienti da ogni settore socio-economico. Tuttavia, l'attività missionaria dagli Stati Uniti d'America ha creato una comunità considerevole protestante, e anche le più piccole città sembrano avere una chiesa evangelica o pentecostale. Anche una delle più grandi comunità al mondo di testimoni di Geova risiede in Messico. Le comunità più piccole, come i mormoni e gli ebrei vivono in piccole aree concentrate in tutta la Repubblica. Gli atei sono una piccola minoranza rispetto anche ai suoi vicini a nord e a sud del Messico e si trovano per lo più tra coloro che hanno un'istruzione universitaria che risiedono nelle città della classe media e medio alta. Dire di non credere in Dio può essere per taluni una cosa di scarso interesse, ma con altri potrebbe scatenare lunghe discussioni o anche tentativi di proselitismo.

Quando si entra in chiesa, rimuovere sempre qualsiasi tipo occhiali da sole, berretti o cappelli. Indossare pantaloncini è raramente un problema, ma tuttora è opportuno indossare una felpa o un maglione per evitare di £mostrare troppa pelle, che potrebbe essere irrispettoso in tali luoghi di culto. Tuttavia, lontano dalle spiagge o nelle zone settentrionali, pantaloncini sono molto raramente indossati da messicani per strada e quindi attirerà maggiore attenzione e facendoti risaltare come straniero.

Per molti aspetti, il Messico è ancora un paese in via di sviluppo, e gli atteggiamenti verso i viaggiatori LGBT a volte può essere ostile. Tuttavia, Città del Messico e lo Stato di Coahuila hanno legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso e la Corte Suprema ha stabilito che questi matrimoni devono essere riconosciuti da tutti gli Stati nel resto della Repubblica, quindi tacitamente rendendo il matrimonio omosessuale legale in tutto il Paese (a condizione che il matrimonio si svolga a Città del Messico). Così come non è interamente accettata nelle zone rurali degli Stati Uniti o rurali in Canada, non è accettato nelle zone rurali del Messico. Ma all'interno delle città, c'è un'atmosfera molto più rilassata. La parte meridionale di Città del Messico è zona migliore in termini di tolleranza.

Rispettare le leggi del Messico. Alcuni stranieri ritengono che il Messico è un luogo dove le leggi possono essere infrante e la polizia corrotta in ogni momento. La corruzione può essere comune tra polizia messicana e nei personaggi pubblici, ma dal momento che si tratta di un problema che la società messicana ha recentemente riconosciuto come tale e che ha pesantemente tentato di risolvere, pertanto è estremamente irrispettoso quando i cittadini stranieri si comportano in un modo che mostra l'aspettativa di una facile corruzione, e quindi potrebbe essere usato come pretesto per la polizia per dare "una lezione di rispetto." Ricordate, offrendo una tangente a un funzionario si potrebbe avere dei guai.

Come in altri paesi; politica, economia e storia sono questioni molto delicate, ma in Messico sono anche considerati buoni temi di conversazione quando si parla con gli stranieri. Proprio come in Europa, Canada e Stati Uniti, la democrazia in Messico è vivace e diversificata, e la gente ha una varietà di opinioni. Solo recentemente il Messico è diventato una vera democrazia, tuttavia, i messicani saranno entusiasti di condividervi le loro opinioni e idee politiche. Il buon senso vale che usereste nel vostro paese si applica anche qui: se non si ha chiaro il panorama politico messicano, fare tutte le domande che volete, ma evitare di fare una qualsiasi dichiarazione forte.

Molti cittadini degli Stati Uniti (e in misura minore di altre nazionalità) fanno errori di distrazione nelle conversazioni con i messicani. I messicani, sebbene siano persone forti e coriacee, possono essere anche molto sensibili quando si tratta del loro Paese. Evitare di dire tutto ciò che può far trapelare il pensiero che il Messico sia inferiore al proprio Paese. Non date per assunto che un cittadino degli Stati Uniti, sia un obiettivo immediato per un sequestro di persona, dal momento che la stragrande maggioranza delle vittime sono messicani. Non siate troppo prudenti, soprattutto se si dispone di locale che si prende cura di voi e sa dove andare e non andare; in questa circostanza si rischierà di offendere la vostra guida per il poco rispetto del Messico o della poca fiducia personale.

Evitare di parlare dei difetti del Messico, come l'immigrazione clandestina verso gli Stati Uniti, il traffico di droga, o di qualsiasi altra questione controversa. I messicani sono ben consapevoli dei problemi del loro Paese e ogni tanto preferiscono non pensarci. Invece, parlare delle cose positive del Messico: il cibo, la gente cordiale, il paesaggio. Questo faciliterà l'incontro di buoni amici in un Paese che può sembrare minaccioso girandolo da soli.

Sebbene le forme palesi di razzismo potrebbero non essere evidenti, in generale, la ricchezza e status sociale sono storicamente legati alla discendenza europea e al colore della pelle. La società messicana è nettamente divisa per classi sociali, con ricchi, classe media e poveri che spesso vivono una vita molto diversa con culture molto diverse. Pratiche sociali o gusti di un gruppo sociale potrebbero non essere condivisi da tutte le classi. Locali, bar e ristoranti possono soddisfare in gran parte un tipo di clientela o un altro, e una persona ricca o un turista potrebbero sentirsi fuori posto attirando un'attenzione indesiderata all'interno di una mensa di classe operaia; allo stesso tempo, una persona dall'aspetto povero gli può essere clamorosamente rifiutato il servizio o attirare sguardi ostili in una struttura esclusiva.

Nel Paese ci sono molte parole a sfondo etnico:

Non offendetevi se vi chiamano "Güero/a" (biondo/a) o col diminutivo "güerito/a" (biondino/a), perché è un modo comune dei cittadini medi messicani per riferirsi alle persone del ceppo caucasico, inclusi i messicani bianchi. Le parole "gringo" e il suo sinonimo "gabacho" vengono utilizzati indipendentemente dalla nazionalità effettiva dei turisti e non dovrebbero essere prese come appellativi offensivi. In realtà, essi sono spesso utilizzati con un'accezione di affetto.

Se siete orientale, sarete indicati come "Chino/a" (cinese) o col diminutivo "chinito/a" (cinesino/a), indipendentemente dal fatto di essere thailandese, giapponese, vietnamita, filippino, coreano, ecc. Ci possono essere eccezioni nella capitale, a Mexicali e a Monterrey, dove esiste una non indifferente comunità coreana.

Se sei nero, l'appellativo "negro/a" o "negrito/a" può sembrare forte, soprattutto se provenite dagli Stati Uniti, ma non è un'offesa. Anche se sono poche persone di colore presenti in molte delle regioni del Paese (ad eccezione delle coste meridionali), i messicani, in particolare le giovani generazioni, non sono odiosi. Inoltre il rivoluzionario Vicente Guerrero, che in seguito divenne il secondo presidente, era un mulatto d'origine mista europea e africana.

Storicamente, tutti i mediorientali sono stati denominati "turcos" (anche se venivano da Egitto, Libano, Siria, ecc.);

Se si tenta di utilizzare il proprio spagnolo con le persone si dovrebbe cercare di essere attenti circa l'uso di "tu" (informale e cordiale) e "usted" (i.e. "lei", rispettoso e formale). L'uso del "tu" potrebbe essere denigrante per alcune persone, dal momento che questa è la forma normalmente utilizzata per dialogare con i bambini o gli amici intimi. Per gli stranieri, il modo migliore per affrontare la questione "tu" e "usted" è quello di iniziare il discorso con "usted" fino a quando non si è invitati a usare il "tu". In questo modo si apparirà forse come persone di vecchio stampo, ma pur sempre rispettosi, al contrario si potrebbe risultare scortesi e in alcune situazioni addirittura imbarazzanti. Dare sempre del "lei" ad un funzionario di polizia (o ad altre autorità), anche quando loro utilizzano il "tu".

Riassumendo, usare sempre "usted" a meno che la persona non sia veramente un proprio amico, o sotto i 16 anni, o se la persona invita esplicitamente a usare il "tu".

Le persone si rivolgono l'un l'altro a seconda del loro stato sociale, età e amicizia. Per fare riferimento a una donna sempre chiamarla "señorita" (signorina) se non si è sicuri che è sposata, altrimenti "señora" (signora). Quando si parla di un uomo anziano si usa "señor" a prescindere dal suo stato civile. Se si desidera chiamare un cameriere si usa "joven" (giovane). Si può chiamare qualcuno con il suo titolo professionale ("ingeniero", "arquitecto", "dottore", "oficial", etc.). In genere il popolo messicano usa il "tu" e "usted", "nome" o "cognome" a seconda della loro relazione, e il codice di condotta non è facile da imparare se non si ha una cultura latina.

Mentre la parola "güey" tra i giovani è equivalente a "tizio" o "compagno", è ancora considerato un termine estremamente volgare fra la gente più anziana. Questo termine affettuoso viene utilizzato solo tra le persone che hanno raggiunto un certo livello di confidenza, quindi è bene evitare di usarlo impropriamente.

In Messico "estúpido" ha un significato molto peggiore del nostro omonimo termine.

A causa della natura altamente matriarcale della cultura messicana, la combinazione di parole "tu madre" (tua madre) è cacofonica e potrebbe essere letta dai locali come un attacco verbale, indipendentemente dall'età o dal sesso. Se necessario in un dialogo, ricordatevi di sostituirlo con "su señora madre" in situazioni formali o la più dolce "tu mama" in quelle informali. Mai e poi mai usare un linguaggio forte quando si parla di una donna.

Il maschilismo, sta sparendo, ma è ancora presente e tollerato nelle piccole città, o in città che hanno una forte presenza di migranti rurali. È il forte desiderio di un maschio di imporre la sua dominazione e volontà, nei confronti della propria moglie, sorella o qualsiasi femmina a lui vicina. Può essere identificato da un forte desiderio di dimostrare coraggio attraverso vistosa spavalderia. Sebbene non sia solitamente diretto verso i visitatori, può manifestarsi con una vasta gamma di violenza. È meglio far finta di non vedere e andare avanti.

Un altro tipo di maschilismo, che deriva forse per gli stessi desideri, ma non porta nessuna delle connotazioni antisociali, è la mancanza di galanteria maschile nei confronti delle donne. Questo si manifesta nell'alzarsi quando una signora entra in una stanza, aprire o tenere aperta una porta, concedendo preferenze o diritti di passaggio, rinunciare a un posto, dare una mano quando si sale o scende un ripido gradino, ecc. Queste cortesie sono generalmente riservate a donne anziane o donne di grande potenza, merito e stato sociale. Il rifiuto di questo tipo di gesti amichevoli è considerato arrogante o maleducato.

Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

È possibile chiamare da telefoni pubblici usando carte telefoniche prepagate tarjetas ladatel che vengono vendute nelle edicole. Le schede possono essere acquistati in tagli da 30, 50 o 100 pesos. Il tasso per chiamare gli Stati Uniti d'America è approssimativamente equivalente a 0,50 USD al minuto. Prestare attenzione che sono diverse dalle carte amigo, viva, o unefon: queste sono per i cellulari.

Se avete un telefono GSM sbloccato, è possibile acquistare una carta SIM prepagata in Messico e per avere un numero di cellulare locale da usare in caso di emergenza. Telcel fornisce una buona copertura in tutto il paese e si può ottenere una carta SIM per 150 pesos con 100 pesos prepagati di chiamate.

Spesso sono soluzioni più convenienti rispetto ai costi che gli alberghi applicheranno, inoltre le chiamate in entrata possono anche essere gratuite sotto taluni regimi. Il Messico opera sulla stessa frequenza GSM degli Stati Uniti (1900 MHz).

Se soggiornate per più di una settimana e non avete un telefono sbloccato, potrebbe essere una buona idea di acquistare una carta prepagata a buon mercato.

Internet[modifica]

Alcune zone non hanno molti internet cafè, in altre sono abbondanti. Una tariffa media varia dagli 8 ai 20 pesos/ora. Attualmente, la maggior parte dei caffè del Internet offrono chiamate verso l'estero ad un tasso migliore rispetto ai telefoni pubblici, di solito tramite VoIP.

Se avete un iPhone, cercare di ottenere una carta SIM Iusacell se si desidera utilizzare i dati.

Ci sono connessioni Internet wireless in quasi ogni ristorante o hotel delle grandi città.


Altri progetti