Scarica il file GPX di questo articolo
America del Nord > Caraibi > Martinica

Martinica

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Martinica
Sainte Marie
Localizzazione
Martinica - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Martinica - Stemma
Martinica - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Martinica (in francese Martinique) è un'isola delle Piccole Antille nei Caraibi.

Da sapere[modifica]

Martinica misura 65 km in lunghezza e 31 in larghezza. La sua superficie è di 1.128 km² e giace alla latitudine di 14°40' N e alla longitudine di 61° O. Nell'anno 2007 Contava circa 400.000 abitanti.

Appartiene alle Antille Minori. Due canali marini di una quarantina di km la separano da Dominica a nord e da Santa Lucia a sud. È un'isola montuosa di origine vulcanica. All'estremo nord si trova infatti Il Mount Pelée (1,397 m.), un vulcano ancora attivo la cui ultima eruzione risale al 1902. Al centro si stagliano il Pitons de Carbet di 1,207 m. ed altri cinque ripidi colli vulcanici; in questa zona la rigogliosa foresta tropicale nasconde torrenti e cascate. A sud la Montagne du Vauclin è l'unico rilievo significativo. L'area di Le Lamentin è la sola zona pianeggiante ed è qui che si è potuta ricavare la pista dell'aeroporto. I versanti montani del Nord sono ricoperti da un fitto manto forestale. Altrove prevalgono i bananeti e piante di ananas tra piantagioni di canna da zucchero.

La costa è molto scoscesa a nord dalla parte del versante atlantico con spiagge di lava nera mentre a sud si fa più dolce con arenili dorati o bianchi. Sulla costa del Mar dei Caraibi si apre una grande baia detta Baie des Flamands dove è situato Fort-de-France, il capoluogo che da solo raccoglie la metà della popolazione complessiva dell'isola. Lamentin, quasi un sobborgo di Fort-de-France, è il secondo centro della Martinica. Altrove non si trovano che villaggi sparsi di dimensioni molto piccole.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 27,5 27,8 28,5 29,4 29,8 29,5 29,5 30 30,3 30 29 28,1
Minime (°C) 21,9 21,7 22 22,8 23,6 24 23,9 24 24 23,8 23,4 22,6
Precipitazioni (mm) 119,5 77,8 74,3 94 131,5 159,8 219,3 254,7 234,5 265,9 254,5 134,7
Temp. acqua (°C) 26 26 27 27 27 27 28 28 28 28 28 27

L'alta stagione va da novembre a marzo, ma il tempo è buono fino a metà giugno, poi c'è il rischio di piogge forti o addirittura uragani. Le spiagge atlantiche sono quasi tutte esposte agli alisei che spirano tutto l'anno da est, ideali per gli appassionati di windsurf e kytesurf, chi cerchi acqua cristallina e mare calmo si indirizzi sul lato caraibico. Le piogge notturne sono frequenti tutto l'anno a causa dell'altitudine della zona centrale che intercetta le nuvole. Le piogge sono più intense nella parte settentrionale dell'isola mentre si riducono considerevolmente nella parte meridionale.

Cenni storici[modifica]

I primi abitanti furono i pacifici Arawaks sconfitti dai più bellicosi Carib. Cristoforo Colombo la scoprì nel 1493 (secondo altri nel 1502) e la battezzò Martinica in onore di San Martino. Il nome che invece le avevano dato i Carib era Madinina, ovvero l'isola dei fiori. Gli Spagnoli si disinteressarono di questa piccola isola che non aveva miniere di oro o argento da sfruttare. Fu così che nel 1635 vi sbarcò il francese Pierre Belain d'Esnambuc che ne prese possesso in nome della corona di Francia. Nei decenni successivi fu messa a cultura la canna da zucchero e nelle piantagioni cominciarono ad affluire i primi schiavi deportati dall'Africa occidentale. La resistenza dei Carib ai nuovi intrusi durò circa un trentennio dopo di che furono costretti a ripiegare nell'impervio Nord per poi estinguersi del tutto. L'Inghilterra occupò l'isola per due brevi periodi. La schiavitù fu abolita nel 1848. Ad occupare il posto lasciato vuoto dagli schiavi nelle piantagioni furono immigrati dall'India. Nel 1946 la Martinica assunse lo statuto di dipartimento francese d'oltremare e i suoi abitanti divennero cittadini francesi a tutti gli effetti.

Territori e mete turistiche[modifica]

  • Costa sottovento (Mar dei Caraibi) —
    • Baie des Flamands —
    • A sud di Baie des Flamands —
    • A nord di Fort-de-France — La strada che da Fort-de-France porta a nord incontra minuscoli villaggi di pescatori con spiagge che diventano sempre più nere e strette man mano che ci si avvicina al Mount Pelée, il vulcano che domina il paesaggio a settentrione della Martinica.
  • Costa sopravento —

Centri urbani[modifica]

Costa sottovento: Baie des Flamands

  • Fort-de-France — Capoluogo della Martinica, Fort-de-France si estende sul lato settentrionale dell'ampia Baie des Flamands che incide la costa sud-occidentale di Martinica. Il cuore di Fort-de-France e' la Savane, un parco-giardino che si affaccia sul porto. Nel quale dalla tarda mattina al tramonto si svolge un mercato di artigianato locale. Da vedere sono la cattedrale cattolica di St Louis, ricostruita nel 1895 con struttura in ferro; la libreria Schoelcher, un insolita costruzione stile liberty con portale di maioliche rosso-azzurre che fu esposto all'Esposizione Universale di Parigi nel 1889 prima di essere spedito, a pezzi, sull'isola.
  • Le Lamentin — Quasi un sobborgo di Fort-de-France, Le Lamentin è il secondo centro della Martinica e si estende nella zona dell'aeroporto internazionale.
  • Les Trois Ilets — Sul versante sud della "Baie des Flamands" di fronte a Fort-de-France. Les Trois Ilets è il luogo ove nacque Giuseppina di Beauharnais, moglie di Napoleone I. La sua casa nella piantagione paterna è oggi un museo.
  • Pointe du Bout — Sempre sul versante meridionale della "Baie des Flamands", Pointe du Bout è un porto turistico ove gettano l'ancora gli yacht privati. Conta numerosi alberghi e locali notturni.

Costa sottovento: A sud di Baie des Flamands

  • Le Marin — Uno dei porti turistici di riferimento delle Antille, occupa la zona più interna di una profonda baia. Oltre alla Marina il villaggio ha una chiesa gesuita del 1700. Da qui si può andare verso le bianche e calme spiagge del sud o verso il Cap Chevalier sulla costa atlantica.
  • Sainte Anne — Spiaggia molto vivace vicino alla quale si trova un complesso del Club Mediterranée.

Costa sottovento: A nord di Fort-de-France

  • Grande Rivière — All'estremo nord e collegata a Le Pécheur da una pista non carrozzabile. Ha mantenuto le sue tradizioni di villaggio di pescatori con un panorama mozzafiato sul canale che divide la Martinica dall'isola di Dominica.
  • Le Précheur — Pittoresco villaggio lungo la strada panoramica per la spiaggia di Ance Ceron, nera come la pece, ombreggiata da palme e affacciata su un mare critallino.
  • Saint Pierre — Villaggio sul sito dell'ex capoluogo della Martinica, andato distrutto durante l'eruzione del maggio 1902. Della città antica restano alcuni ruderi della chiesa del forte e la parte inferiore della cattedrale.

Costa sopravento

  • Basse Pointe — Sempre a nord ma sul versante atlantico Basse Pointe è un villaggio tra estese piantagioni di ananas e con un bell'albergo d'epoca coloniale. Fare il bagno nelle acque dell'Atlantico può risultare pericoloso. La costa orientale (sopravento) della Martinica è battuta da onde fragorose e dagli alisei. L'unica spiaggia sicura è quella di Anse Azérot (vicino al villaggio di Sainte-Marie) e le zone di bagnasciuga (fond-blancs) comprese tra Le Francois e Le Vauclin.

Altre destinazioni[modifica]

Costa sottovento[modifica]

A sud di Baie des Flamands

  • Anse Dufour — Bella spiaggia bianca in contrasto con la vicina Anse Noire; qualche casa di pescatori, due ristorantini e fondali con molti pesci, calamari e qualche grossa tartaruga marina.
  • Anse Noire — Piccola spiaggia di nera sabbia vulcanica (l'unica nella zona meridionale), stretta tra due alti promontori; ha acque cristalline ed è ombreggiata da alberi e palme. Si raggiunge con una lunga scalinata. Ospita dei rustici bungalow che si possono affittare.
  • Grande Anse — Magnifica spiaggia bianca vicino il villaggio Les Anses-d'Arlet; l'acqua è calmissima e limpida nonostante ci sia l'approdo di molte barche a vela. L'arenile è lungo ma stretto ed il pomeriggio non c'è ombra naturale.
  • Grande Anse de Salines — Spettacolare ed ampia spiaggia bianca che chiude un ampio stagno salino; orlata da palme e mangrovie, il mare non sempre è calmissimo. Il lato sinistro è più riparato dalle correnti quindi il mare è quasi sempre calmo, man mano che ci si sposta verso il centro il moto ondoso aumenta per poi arrivare sul lato destro dove ci sono quasi sempre cavalloni alti. La parte centrale è quella più attrezzata con ristorantini, bar e anche le docce. Oltre questa zona dell'estremo sud si trovano le spiagge più esposte agli alisei (Anse de Prunes, Dunkerque, Baham e Anse Trabaud).
  • Pointe du Diamant — Vasta spiaggia estesa per km sul fronte del mar dei Caraibi. Ha un colore grigio ed il mare non è mai calmo a causa di forte correnti. La strada che da Anse d'Arlet porta a Diamant ha degli scorci panoramici sul Rocher de Diamant davvero suggestivi.

A nord di Fort-de-France

  • Anse Turin — Spiaggia poco oltre il villaggio di Le Carbet dove si trova il piccolo museo dedicato a Paul Gauguin. Il pittore fece tappa ad Anse Turin nel 1887, diretto a Tahiti.


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio, visto per i cittadini dell'Unione Europea solo per permanenza superiore a 3 mesi.

In aereo[modifica]

Non esistono voli diretti dall'Italia. Frequenti, invece, i voli di linea da aeroporti francesi che atterrano all'aeroporto internazionale di Aimé Césaire, situato appena fuori Fort-de-France in località Le Lamentin.

All'aeroporto di Aimé Césaire fanno scalo le seguenti compagnie:

In nave[modifica]

Dalle isole vicine:


Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

L'auto è il mezzo più comodo per muoversi sull'isola tenendo però presente che le strade sono strette e tortuose in un continuo saliscendi per scavalcare le cime vulcaniche e gli aspri promontori.

In nave[modifica]

Ci sono traghetti giornalieri da Fort-de-France a Pointe du Bout, Anse Mitan, Anse a l'Ane e Les Trois Ilets. Questo è un ottimo modo per spostarsi se si ha un po' di tempo e si vuole evitare il traffico a terra.

In autobus[modifica]

Bus e piccoli mezzi pubblici si fermano in appositi spazi disposti capillarmente su tutta l'isola, ma gli orari sono incerti tranne nella zona di Fort-de-France. In citta' il terminal e' a Pointe-Simon.

Taxi collettivi[modifica]

Operano dall'alba alle 18, sono pulmini a 8/10 posti e non hanno orari, partono quando sono pieni, hanno un tragitto prestabilito scritto sullo sportello e si fermano anche su richiesta.

Taxi[modifica]

Si trovano all'aereoporto, presso gli hotel e a Fort-de-France, costano grosso modo come in Italia.

Cosa vedere[modifica]

Distillerie[modifica]

Musei[modifica]

Chiese[modifica]

  • 8 Notre Dame de l'Assomption. Cattedrale di Nostra Signora dell'Assunzione (Saint-Pierre) su Wikipedia "cattedrale di Nostra Signora dell'Assunzione" su Wikidata
  • 9 St. Louis Cathedral, Fort-de-France. Cattedrale di San Luigi (Fort-de-France) su Wikipedia "cattedrale di San Luigi" su Wikidata
  • 10 Notre Dame de la Bonne Délivrance (Trois Ilets). "" su Wikidata
  • Sacré-Coeur de Balata, Fort-de-France. Replica in miniatura della Basilica di Montmartre.
  • 11 Eglise Saint-Joseph, Rue Eugène Maillard (Saint Joseph). "" su Wikidata

All'Aperto[modifica]

  • 12 Presqu'île de la Caravelle. Dove si trovano le rovine del Castello Dubuc, residenza dei Dubuc de Rivery. "Presqu'île de la Caravelle" su Wikidata
  • 13 Fort Saint Louis. Il forte si erge imponente all'interno del panorama cittadino ed è molto visibile sia dalla terraferma che dal mare. Attualmente sede di una base della Marina Francese. "Fort Saint Louis" su Wikidata
  • 14 Jardins de Balata. Con molti fiori e piante particolari. "Jardin de Balata" su Wikidata
  • 15 Savane des pétrifications. Un paesaggio desolato con vegetazione pietrificata, cactus, saline e rocce con agata e diaspro. Suggestive anche le pareti di roccia direttamente sul mare e le spiagge deserte che si trovano nascoste in piccole anse. Se visitate l'area nelle ore più soleggiate (meglio evitare le ore centrali della giornata) portate con voi dei ripari per il sole: sicuramente un cappello, acqua e della crema solare. "" su Wikidata
  • 16 Vulcano Mont Pelée. La Pelée su Wikipedia "La Pelée" su Wikidata
  • 17 Le Diamant. Uno scoglio di origine vulcanica alto 165 m sfaccettato come una gemma. Le Diamant su Wikipedia "Le Diamant" su Wikidata
  • Route de la Trace. Strada tutta curve immersa nella foresta tropicale che Fort-de-France al comune di Morne-Rouge. "Route de la Trace" su Wikidata
  • 18 Memoriale Cap 110 (Anse Caffard). Edificato nel 1998 in occasione del l'anniversario dei 150 anni dall'abolizione della schiavitù, si compone di 15 statue (solo busto) di cemento armato alte 2,5 mt in omaggio alle vittime di un naufragio del 1830 di una nave che trasportava neri. "Cap 110" su Wikidata


Cosa fare[modifica]

Immersioni[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il Euro (EUR). Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD

Le principali opzioni per lo shopping sono:

  • Calebasse - Un guscio di legno intagliato usato come piatto, contenitore per i cibi e utensile da cucina.
  • Bakoua - Tipico cappello in paglia intrecciato a mano.
  • Vannerie - Oggetti realizzati intrecciando fibre vegetali
  • Madras - Tessuto di tutti i colori con il quale si confeziona biancheria per la casa, vestiti e anche splendide bambole o animali di pezza.


A tavola[modifica]

Un vivacissimo mercato a Saint-Anne

La cucina creola è molto ricca e colorata. Solitamente la portata è unica con il primo e il secondo nello stesso piatto.

Si consuma molto la carne, in particolare il pollo, il maiale e il capretto; anche il pesce è cucinato in una gran varietà di piatti.

Il riso affianca tutte le principali pietanze e numerose sono le salse e le spezie usate per condire la carne o il pesce.

Le specialità creole più importanti sono:

  • Accras - frittelle creole di crostacei o verdure
  • Lambi - la polpa dello strombo gigante, un grande mollusco diffuso in tutta la regione
  • Calalou - zuppa a base di verdura, maiale o granchio
  • Matoutou - una specialità a base di granchio di terra e di riso
  • Colombo - una salsa per condire il pollo o il maiale
  • Boudin créole - un sanguinaccio speziato, di maiale o di pesce
  • Poulet boucané - pollo affumicato con la canna da zucchero
  • Paté en pot - zuppa di interiora di pecora e verdure
  • Sorbetto al cocco
  • Tinain - banane verdi da cuocere come le patate.
  • Z'habitant - grossi gamberi di fiume (ecrevisse)

Bevande[modifica]

Come bevande bisogna citare il rum della Martinica, prodotto in numerose distillerie sparse per l'isola, che dall'8 novembre 1996, con un decreto, ha assunto la Denominazione d'Origine Controllata (AOC Rhum Agricole Martinique).

Infrastrutture turistiche[modifica]

Martinica offre una vasta gamma di alloggi che vanno dai semplici "auberges" a gestione familiare, diffusi soprattutto nel remoto e spettacolare settentrione, fino ai complessi a 5 stelle di "Trois Ilets" nel meridione

Eventi e feste[modifica]

  • Martedì Grasso (Mardi Gras) - In occasione del carnevale tutta la popolazione dell'isola si riversa per le strade sfoggiando fantastiche maschere
  • Pentecoste - Il fine settimana di Pentecoste (data variabile) prevede tre giorni di picnin su spiagge e rive dei fiumi; le attività lavorative sono praticamente sospese, città e paesini deserti complice anche l'inizio della bassa stagione turistica.


Sicurezza[modifica]


Situazione sanitaria[modifica]

La Martinica dispone del miglior sistema sanitario di tutti i Caraibi; ci sono sia ospedali pubblici che cliniche private.

Le farmacie sono ben fornite ed hanno tutti i prodotti farmaceutici presenti in Europa; tutti i paesi hanno almeno una farmacia; numerose sono anche le farmacie omeopatiche.

Come in tutti i paesi tropicali bisogna prendere alcune piccole precauzioni igieniche evitando le acque stagnanti e curandosi anche le ferite più piccole. Molto fastidiose sono le zanzare (mosquitos) che possono dare qualche problema e fastidio.

L'acqua corrente è potabile.

In molte città vi sono anche centri veterinari; i più grandi si trovano nella capitale Fort-de-France, a Le Lamentin e Le Marin.


Rispettare le usanze[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

Roaming europeo
Dal 15 giugno 2017 è stato introdotto il cosiddetto "roaming europeo" che consente a tutti i possessori di SIM appartenente ad una delle nazioni europee aderenti di mantenere le stesse condizioni tariffarie del paese di provenienza.

Le telefonate e la navigazione internet sono valide in tutti i paesi europei senza alcun sovrapprezzo, salvo che esso non sia stato autorizzato dalle autorità nazionali (tipicamente operatori minori) o si superi la soglia (che si innalza di anno in anno) dei GB di dati non sovrapprezzabili. Per utilizzare il servizio è sufficiente attivare l'opzione roaming del proprio cellulare.

I Paesi aderenti sono: quelli dell'Unione europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria), quelli dello Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e alcuni territori d'oltremare (Martinica, Gibilterra, Guadalupa, Saint Martin, Guyana Francese, Réunion, Mayotte, Isole Canarie).

La Martinica ha una rete di telefonia gestita da France Télécom. Vi sono cabine telefoniche pubbliche sparse un po' ovunque sull'isola. È anche possibile acquistare schede prepagate internazionali.

Esistono tre operatori di telefonia mobile: Orange Caraïbe, Digicel, Outremer Telecom.

Internet[modifica]

In Martinica è molto diffuso anche internet ed è molto facile trovare degli Internet Point e Internet Café nelle zone turistiche e nelle marine, anche con connessione ADSL.


Altri progetti