Da Wikivoyage.

Malesia
Localizzazione
Malesia - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Malesia - Stemma
Malesia - Stemma
Malesia - Bandiera
Malesia - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Malesia è uno Stato del Sud-est asiatico che confina a nord con la Thailandia e a sud con la città-stato di Singapore. La sua parte insulare confina, invece, con l'Indonesia e racchiude il piccolo sultano del Brunei.

Da sapere[modifica]

La Malesia è un mix tra il mondo moderno e una nazione in via di sviluppo. Con i suoi investimenti nelle industrie ad alta tecnologia e la moderata ricchezza petrolifera, è diventata una nazione ricca nel Sud-est asiatico. In Malesia, per la maggior parte dei visitatori, le cose generalmente funzionano bene e più o meno nei tempi previsti, ma i prezzi rimangono più ragionevoli rispetto, ad esempio, a Singapore. I contrasti economico-demografici possono essere abbastanza evidenti: ad esempio, un edificio condominiale di lusso a molti piani costruito proprio di fronte a vecchi negozi o appartamenti fatiscenti. Tuttavia, non si troverà un'estrema povertà rurale o gigantesche baraccopoli urbane come in altri Paesi del Sud-est asiatico.

In termini di attrazioni, la Malesia peninsulare (occidentale) contiene isole con splendide spiagge e una frazione di visitatori che si trovano nelle spiagge più famose della Thailandia, rifugi di montagna circondati da piantagioni di tè, interessanti città storiche, cibo famoso in tutto il mondo e la modernissima capitale multiculturale di Kuala Lumpur. La Malesia orientale contiene giungle lussureggianti con diverse popolazioni autoctone e fauna selvatica, oltre a straordinarie attrazioni naturali come grotte giganti, bellissime montagne e fantastici siti di immersione. In particolare, tuttavia, la Malesia non è così popolare tra i viaggiatori zaino in spalla come altre destinazioni del sud-est asiatico come Thailandia, Cambogia e Vietnam, in parte a causa dei costi relativamente più elevati, e in parte a causa della cultura religiosa e più conservatrice, anche se generalmente tollerante. Mancano anche gli antichi templi indù e/o buddisti e i complessi di templi dei suoi vicini, sebbene ne abbia alcuni di grandi dimensioni costruiti dal XIX secolo.

Cenni geografici[modifica]

La Malesia è uno Stato federato del Sud-est asiatico costituito da due territori distinti:

  • Una peninsulare (o continentale) detta Malesia Occidentale (Semenanjung Malaysia o Malaysia Barat), estesa sulla penisola di Malacca. È possibile distinguervi tre regioni brevemente descritte nelle sezioni successive. Ospita la maggior parte della popolazione della Malesia, la capitale e la città più grande Kuala Lumpur, e generalmente più sviluppata economicamente. La Malesia peninsulare è costituita da pianure sia sulla costa orientale che su quella occidentale, separate l'una dall'altra da una catena montuosa nota come Banjaran Titiwangsa, con la costa occidentale più densamente popolata e generalmente più sviluppata della costa orientale.
  • L'altra insulare detta Malesia Orientale (Malesia Timur), separata a circa 800 km a est della Malesia peninsulare dal Mar Cinese Meridionale, orientale occupa il terzo settentrionale dell'isola del Borneo, condivisa con l'Indonesia e il minuscolo Brunei. Gran parte dello sviluppo della Malesia Orientale è incentrato sulle città di Kuching, Miri e Kota Kinabalu. Al di fuori delle città principali e delle città più piccole c'è una giungla impenetrabile dove un tempo vagavano i cacciatori di teste e le pianure costiere che si innalzano verso le montagne. La Malesia Orientale è ricca di risorse naturali ed è il cuore pulsante malese dell'industria e del turismo, anche se coloro che ci andranno la troveranno una destinazione ecoturistica incontaminata di livello mondiale.

Alla Malesia appartengono anche minuscole isole e arcipelaghi molti dei quali non sono stati ancora raggiunti dal turismo di massa.

Tempio di Guandi a Kuala Lumpur

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 31 32 33 33 32 32 32 32 32 32 31 31
Minime (°C) 22 22 22 23 23 23 22 22 22 23 22 22
Precipitazioni (mm) 147 137 218 264 209 130 141 154 190 268 278 232

Clima a Kuala Lumpur - fonte weather-atlas.com (2019)

Chi si ripropone di visitare la Malesia dovrà fare i conti con le piogge ben distribuite su tutto l'arco dell'anno. Tuttavia queste risultano più copiose in alcuni periodi su differenti territori. Il Paese è infatti soggetto a un duplice monsone:

  1. Il monsone di nord-est soffia da fine ottobre agli inizi di marzo portando con sé piogge spesso violente che si riversano sul Borneo e la costa orientale della penisola di Malacca e provocando spesso catastrofiche inondazioni. Al contrario, la costa occidentale (in particolare Langkawi e Penang) ne esce indenne.
  2. Meno violento del precedente, il monsone di sud-ovest tra maggio e settembre inverte lo schema e reca frequenti ma brevi acquazzoni sulla Malesia peninsulare occidentale.

Molte zone dell'interno del Paese sono esposte all'azione di entrambi i monsoni, inclusa la città di Kuala Lumpur che sperimenta un clima costantemente umido con rovesci brevi ma intensi.

Posta a una latitudine nord all'incirca tra i 2°30' e i 6°70', la Malesia è caratterizzata da un clima sub-equatoriale con irrilevanti escursioni termiche sia annuali che diurne (32°C-26°C) ma con un elevato tasso di umidità dell'aria. Le temperature tendono ad essere più fresche negli altopiani, con località come Genting Highlands, Cameron Highlands e Fraser's Hill che hanno temperature che vanno da circa 17°C di notte a circa 25°C di giorno. Il Monte Kinabalu è noto per avere temperature che scendono sotto i 10°C.

Gli alberghi applicano tariffe di alta stagione da inizi dicembre a fine gennaio e in corrispondenza delle festività più importanti, quali il Ramadan e il Nuovo anno cinese.

Altro periodo di alta stagione decorre da giugno a fine agosto quando in Malesia.

Cenni storici[modifica]

La piazza olandese di Malacca
Fort Cornwallis a George Town, Penang ha segnato il sito in cui iniziò la colonizzazione britannica della Malesia nel 1786

Prima dell'ascesa delle potenze coloniali europee, la penisola malese e l'arcipelago malese ospitavano imperi come lo Srivijaya (la cui capitale era vicino alla moderna Palembang, Sumatra, ma che comprendeva l'intera penisola malese e le terre più a nord nella sua massima estensione), il Majapahit (centrato a Giava, ora parte dell'Indonesia, ma ritenuto dalla maggior parte degli studiosi di aver incluso l'intera penisola malese e la maggior parte del Borneo costiero tra i suoi Stati vassalli) e il Sultanato di Malacca (incentrato ovviamente a Malacca). Gli imperi Srivijaya e Majapahit hanno visto la diffusione dell'induismo nella regione e fino ad oggi, nonostante il fatto che i malesi siano musulmani, molte leggende e tradizioni indù sopravvivono nella cultura tradizionale malese. La conversione di massa all'Islam avvenne solo dopo l'arrivo dei commercianti arabi durante il Sultanato di Malacca.

Durante il XVI secolo i portoghesi stabilirono la prima colonia europea nel Sud-est asiatico sconfiggendo il sultanato di Malacca. I portoghesi erano religiosamente intolleranti e crudeli, quindi il sultano di Johor aiutò gli olandesi a sconfiggerli e i Paesi Bassi presero il controllo della città. Gli inglesi stabilirono anche la loro prima colonia nella penisola malese a Penang quando fu ceduta dal sultano di Kedah nel 1786. Infine, l'area fu divisa in sfere di influenza olandese e britannica con la firma del trattato anglo-olandese nel 1824. Con questo trattato, gli olandesi accettarono di cedere Malacca agli inglesi e in cambio gli inglesi cedettero tutte le loro colonie a Sumatra agli olandesi. La linea di divisione corrisponde all'incirca a quello che oggi è il confine tra Malesia e Indonesia.

Prima della seconda guerra mondiale, la penisola malese era governata dagli inglesi come gli Stati federati malesi (Selangor, Perak, Negeri Sembilan e Pahang), che erano governati come un unico protettorato, gli Stati malesi non federati (Johor, Kedah, Perlis, Terengganu e Kelantan), ciascuno dei quali era governato come protettorato separato. Gli Stabilimenti dello Stretto (tra cui Malacca, Penang e Singapore), che erano colonie della corona amministrate direttamente dai colonizzatori britannici. Queste colonie e protettorati sono stati indicati collettivamente come "Malesia". Il Borneo Settentrionale Britannico era costituito dalla colonia britannica del Borneo settentrionale, dal Regno di Sarawak, che era governato da una famiglia britannica nota come "White Rajahs", e dal protettorato britannico del Brunei.

La Guerra del Pacifico fu disastroso per il comando malese britannico. I giapponesi hanno spazzato via entrambe le coste della penisola malese e, nonostante i feroci combattimenti, gran parte dell'esercito britannico era impegnato a combattere i tedeschi in Europa e quelli rimasti in Malesia semplicemente non potevano far fronte all'assalto giapponese. L'equipaggiamento militare britannico rimasto per difendere la Malesia era obsoleto e non poteva competere con la tecnologia moderna utilizzata dai giapponesi, e le uniche due corazzate britanniche con base nella regione, la HMS Prince of Wales e la HMS Repulse, furono affondate dai bombardieri giapponesi al largo dell'Est Costa della Malesia. Entro il 31 gennaio 1942, gli inglesi erano stati respinti fino a Singapore, che cadde in mano ai giapponesi il 15 febbraio 1942. La situazione non era diversa nel Borneo, che cadde in mano ai giapponesi il 1 aprile 1942 dopo mesi di aspri combattimenti. L'occupazione giapponese è stata brutale e molti, in particolare l'etnia cinese, hanno sofferto e sono morti durante l'occupazione. Tra le atrocità più note commesse dai giapponesi c'erano le marce della morte di Sandakan, con solo 6 prigionieri su 2.345 sopravvissuti alla guerra.

Dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati malesi federati, gli Stati malesi non federati e gli stabilimenti dello Stretto di Malacca e Penang furono federati per formare un'unica colonia britannica nota come Unione malese, con Singapore divisa per formare una colonia separata. Nell'Unione malese, i sultani dei vari Stati cedettero tutti i loro poteri tranne quelli negli affari religiosi alla corona britannica. Tuttavia, la diffusa opposizione all'Unione malese portò gli inglesi a riconsiderare la loro posizione e nel 1948 l'Unione malese fu sostituita dalla Federazione della Malesia, in cui furono ripristinate le posizioni esecutive dei sultani. Nel Borneo, i White Rajahs cedettero il Sarawak alla corona britannica nel 1946, rendendolo una colonia della corona del Regno Unito.

Bandiera malese che sventola in piazza Merdeka a Kuala Lumpur

Il 31 agosto 1957, la Malesia ottenne l'indipendenza dagli inglesi. A mezzanotte, l'Union Jack è stata abbassata e la bandiera malese issata al suo posto in quella che oggi è Dataran Merdeka (letteralmente: Piazza dell'Indipendenza) a Kuala Lumpur. La folla, guidata dal primo Primo Ministro della Malesia, Tunku Abdul Rahman, ha poi cantato "Merdeka" sette volte. Il 16 settembre 1963, la Malesia si formò dalla fusione della Malesia con le colonie britanniche del Borneo settentrionale (ora noto come Sabah), Sarawak e Singapore, con il Brunei che decise di non aderire. I primi anni della storia del Paese furono segnati dal Confronto (Konfrontasi) -in realtà una serie di atti di aggressione da parte dell'Indonesia che alla fine si sono conclusi con la sua sconfitta e una pace formale che da allora ha resistito- e rivendicazioni a Sabah dalle Filippine. Il 9 agosto 1965 Singapore fu ufficialmente espulsa dalla federazione dopo diverse sanguinose rivolte razziali poiché la maggioranza della popolazione cinese di Singapore e il Partito d'Azione Popolare, guidato da Lee Kuan Yew (in seguito primo ministro di Singapore), furono visti come una minaccia per dominio malese. Ci furono ulteriori rivolte razziali nel 1969, che portarono alle dimissioni forzate di Tunku Abdul Rahman; la sua sostituzione con Tun Abdul Razak; i cambiamenti nella costituzione malese che cercavano di impedire che la coalizione Barisan Nasional (BN) guidata dall'Organizzazione nazionale malese unita (UMNO) venisse mai sconfitta in una futura elezione nazionale; e l'inizio della nuova politica economica, che ha cercato di promuovere in modo aggressivo gli interessi economici della comunità malese generalmente più povera (e anche delle popolazioni indigene non malesi della Malesia Orientale) rispetto a quelli della comunità cinese generalmente meno povera (con i maggiori gruppo etnico, gli indiani, e anche in larga misura gli Orang Asli -popoli aborigeni- nella penisola per lo più ignorati nel processo).

Nel 1975 iniziarono ad arrivare boat people provenienti da tutto il Mar Cinese Meridionale in Vietnam e la Malesia divenne uno dei luoghi più importanti di primo rifugio per i rifugiati indocinesi, ma in generale solo quelli della minoranza musulmana Champa furono invitati a rimanere in modo permanente. Successivamente, durante il periodo di enorme sviluppo economico sotto la lunga presidenza di Mahathir Mohammed, un gran numero di lavoratori immigrati fu invitato dal Bangladesh, dall'Indonesia, dall'India, e molti altri Paesi della zona, e ancor più tra quelli immigrati illegalmenti. Ciò ha ulteriormente aumentato la diversità della popolazione e sui giornali locali è stato riportato che un certo numero di lavoratori si era sposato con donne locali, ma ha anche portato a conflitti sociali poiché molti uomini malesi si risentivano per la concorrenza e mentre l'economia dipendeva dagli immigrati lavoratori a fare lavori che la maggior parte dei malesi non era più disposta a fare, ora che il loro tenore di vita era più alto, la maggior parte dei malesi inoltre non voleva assorbire in modo permanente un numero ampio e potenzialmente quasi illimitato di poveri dai Paesi molto più popolosi della regione. Alcuni immigrati sono stati espulsi e persino fustigati per violazioni dell'immigrazione, ma la questione non è mai stata realmente risolta.

Le cose sono precipitate nel 2015 quando sono emerse accuse di corruzione da parte dell'allora primo ministro Najib Razak in relazione a 1Malaysia Development Berhad (1MDB), che era stata originariamente istituita per promuovere lo sviluppo economico attirando investimenti stranieri. Le accuse hanno portato alla manifestazione Bersih (letteralmente "pulito") in cui i manifestanti hanno chiesto senza successo a Najib di dimettersi. Tuttavia, il malcontento diffuso derivante dallo scandalo di corruzione 1MDB ha continuato a ribollire, portando alla fine a una sconvolgente prima sconfitta elettorale per la coalizione BN in carica nelle elezioni generali del 2018.

Oggi la Malesia è una monarchia costituzionale federale composta da 13 Stati e 3 territori federali, nominalmente guidata dal re (Yang di-Pertuan Agong, letteralmente "Sovrano supremo"), la cui posizione ruota tra i governanti dei 9 Stati reali della Malesia ogni cinque anni, dando alla Malesia un sistema politico unico di monarchia rotazionale. Il re Tuanku Abdullah di Pahang, ha prestato giuramento il 31 gennaio 2019 e il suo mandato termina il 31 gennaio 2024. In pratica, il re è solo il capo nominale dello Stato, mentre il primo ministro è colui che esercita più autorità nel governo.

Il governo della Malesia si basa in gran parte sul sistema britannico di Westminster, costituito da un parlamento nazionale bicamerale. La camera bassa, conosciuta come Dewan Rakyat (Sala del Popolo) è eletta direttamente dal popolo. La camera alta, nota come Dewan Negara (Sala Nazionale), è composta da 26 membri eletti dai governi statali, con ogni Stato con 2 rappresentanti, mentre i restanti membri sono nominati dal re. Il capo del governo è il primo ministro, che è il leader del partito vincente nella camera bassa.

A livello statale, ciascuno degli Stati ha anche il proprio Dewan Undangan Negeri (Assemblea legislativa statale) unicamerale, con il capo del governo statale che è il Menteri Besar (Primo ministro, spesso tradotto come "Chief Minister" nei media in lingua inglese) negli Stati reali e il Ketua Menteri (primo ministro) negli Stati non reali.

Lingue parlate[modifica]

La moschea di Putrajaya e il Perdana Putra Complex

La lingua ufficiale a livello nazionale della Malesia è il malese (ufficialmente Bahasa Malaysia, a volte noto anche come Bahasa Melayu), mentre l'inglese è anche la lingua coufficiale dello Stato del Sarawak. L'indonesiano, parlato oltre confine in Indonesia, è simile al malese e chi parla una delle due lingue può generalmente capire l'altra. Le principali differenze sono nelle parole in prestito: il malese ha preso in prestito di più dall'inglese, mentre l'indonesiano ha preso in prestito di più dall'olandese. Alcune parti della Malesia vicino al confine con la Thailandia, in particolare il Kelantan, hanno dialetti del malese che sono quasi incomprensibili per chi parla il malese standard, sebbene la maggior parte delle persone in queste aree sarà in grado di conversare in malese standard se necessario.

L'inglese è obbligatorio in tutte le scuole ed è ampiamente parlato nelle città più grandi, tra la classe superiore istruita, così come intorno alle principali attrazioni turistiche, anche se nelle zone rurali un po' di malese tornerà utile. C'è anche un dialetto locale dell'inglese parlato tra i malesi nelle aree urbane, noto non impropriamente come Manglish, che ha una propria grammatica semplificata e un vocabolario che è principalmente inglese ma include prestiti dal malese e da molte altre lingue parlate localmente; ci vuole un po' di tempo per abituarsi nel caso in cui ci si volesse unire alla conversazione su argomenti locali. Quasi tutti i malesi non pronunciano la lettera "h", quindi "tre" (three) diventa "albero" (tree). I malesi cercheranno quasi sempre di parlare "inglese standardizzato" (britannico) quando vengono avvicinati da viaggiatori occidentali. In generale, le stazioni di polizia e gli uffici governativi hanno personale anglofono in servizio.

L'arabo viene insegnato a coloro che frequentano le scuole religiose islamiche, e molti chierici così come altri musulmani molto osservanti hanno una padronanza funzionale dell'arabo. Tuttavia, non è ampiamente parlato, sebbene la lingua malese abbia un gran numero di parole in prestito dall'arabo. Si potrà anche notare alcuni esempi di malese scritti con lettere arabe. Questo si chiama Jawi, ed è ancora usato per pubblicazioni e iscrizioni religiose, specialmente negli Stati più conservatori come il Kelantan, sebbene l'alfabeto latino sia molto più comunemente usato in tutto il Paese.

La comunità cinese in Malesia parla un'ampia varietà di dialetti cinesi tra cui cantonese, teochew, hakka, hainanese, hokchiu e hokkien. Il mandarino viene insegnato nelle scuole cinesi mentre il cantonese è comunemente ascoltato nei mass media a causa della popolarità dei serial TVB di Hong Kong tra la comunità cinese, quindi molti conoscono entrambi, indipendentemente dal loro dialetto nativo. Le città malesi con grandi popolazioni di etnia cinese avranno spesso un dialetto che funge da lingua franca all'interno di quella comunità: il cantonese a Kuala Lumpur e Ipoh, hokkien a Penang e Klang, infine hakka a Kota Kinabalu. La lingua indiana più parlata è il tamil, tra le altre parlate ci sono malayalam, punjabi e telugu.

Negli Stati settentrionali della Malesia peninsulare al confine con la Thailandia, ci sono varie comunità etniche thailandesi, conosciute localmente come Orang Siam, che parlano vari dialetti del thailandese. Malacca, nel sud, ospita anche una comunità portoghese che parla un creolo portoghese. Le remote aree forestali della Malesia peninsulare ospitano anche vari popoli tribali noti come Orang Asli, che parlano varie lingue indigene come Semelai, Temuan e molte altre. Nella Malesia Orientale si parlano anche diverse lingue indigene, in particolare l'iban e il kadazan.

I film e i programmi televisivi vengono solitamente proiettati nella loro lingua originale con sottotitoli in malese, sebbene alcuni programmi per bambini siano doppiati in malese.

Cultura e tradizioni[modifica]

La Malesia condivide molte somiglianze culturali con i suoi vicini, Brunei, Indonesia e Singapore a causa della loro storia comune. Poiché i primi grandi regni ad emergere nella regione furono i regni indù con molta influenza dall'India, la cultura malese ha notevoli influenze indiane. Ciò è più visibile nella cucina malese con il suo uso relativamente pesante di curry, sebbene utilizzi spezie locali anziché indiane, il che significa che i curry malesi hanno spesso un sapore locale unico che è diverso dalle loro controparti indiane. Anche le minoranze della Malesia continuano a mantenere le proprie culture distinte, con le comunità cinese e indiana che continuano a preservare le tradizioni portate dalle loro terre ancestrali. In particolare, la Malesia ritiene che la comunità etnica cinese del Paese abbia preservato la cultura e la lingua cinese, la migliore tra tutte le comunità cinesi d'oltremare del mondo. Inoltre, poiché la Malesia non è stata influenzata dalla Rivoluzione culturale, la comunità etnica cinese della Malesia ha conservato molti elementi della cultura tradizionale cinese che sono andati perduti nella Cina continentale.

La Malesia è uno Stato multietnico: Malesi e gruppi affini ammontano al 70% della popolazione, il 12% sono membri di popoli aborigeni (spesso chiamati Orang Asli). Esiste poi una consistente minoranza di cinesi (23%) che da secoli detiene il monopolio dei commerci del Paese. Essi costituiscono una classe molto agiata ma tendono ad essere politicamente bistratti e per reazione si sono organizzati in partito politico. Gli Indiani residenti ammontano all'7%.

La maggior parte della popolazione (inclusi praticamente tutti i malesi, nonché una significativa minoranza di indiani) aderisce all'Islam, la religione ufficiale, e vi sono sostanziali minoranze che praticano il cristianesimo, il buddismo, il taoismo, l'induismo, sikhismo e animismo, che sono consentiti dalla costituzione soggetta alla supremazia dell'Islam, ad esempio, è illegale fare proselitismo di altre religioni tra i musulmani.

I Cinesi professano il taoismo e il buddismo mentre tra gli Indiani sono diffusi sikkismo e shivaismo.

Parte degli abitanti degli Stati di Sarawak e Sabah (Borneo), vivono tradizionalmente in edifici noti con il nome di Rumah panjang in malese. Una caratteristica comune di gran parte di questi edifici è il fatto che essi sono sollevati da terra tramite pali di legno e sono suddivisi in due parti, una pubblica e una riservata alla vita privata. Questo modo di costruire sembra essere stato utilizzato per secoli durante la vita nella giungla, poiché altrimenti sarebbe difficile spiegare da parte di queste popolazioni il loro modo di edificare le loro case lunghe. Ad avvalorare questa ipotesi sarebbe anche l'enorme somiglianza di questo stile con quello di strutture simili utilizzati nei villaggi presenti nella giungla dell'America meridionale. L'uso di costruire su palafitte è spiegato in parte come un metodo per evitare i danni causati dalle inondazioni

Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa divisa per regioni — passa alla mappa interattiva
Mappa divisa per regioni
Mappa divisa per regioni
Malesia Occidentale (o Malesia peninsulare)
      Malesia peninsulare occidentale — Il versante ovest della Malesia Occidentale comprende quegli Stati che si affacciano sullo stretto di Malacca, faccia all'isola di Sumatra. Supponendo di procedere da nord a sud incontreremo i territori e i luoghi turistici descritti di seguito:
  • Isola di Langkawi (Pulau Langkawi) — Maggiore isola di un arcipelago che si estende appena al di sotto della linea di confine con la Thailandia, l'isola di Langkawi figura tra le principali mete turistiche della Malesia. Si raggiunge in traghetto dal porto di Kuala Kedah, sulla terraferma, nello Stato di Kedah. A una trentina di km dal porto sta Alor Setar, capitale dello Stato.
  • Perlis
  • Penang (Pulau Pinang) — Altra isola di grande richiamo turistico, Penang sta al largo della costa meridionale del Kedah ed è unita alla terraferma da un pontile. Il suo capoluogo, Georgetown, figura nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità dell'UNESCO.
  • Perak — Le maggiori attrazioni turistiche dello Stato sono l'isola di Pangkor (Pulau Pangkor), meno battuta dal turismo internazionale e sulla terraferma le stazioni climatiche degli altopiani Cameron che prendono il nome da William Cameron, un esploratore britannico della fine del XIX secolo al servizio dell'allora governo coloniale. La capitale dello Stato è Ipoh ma città un tantino più interessanti sono Kuala Kangsar e Taiping.
  • Selangor — Selangor è lo Stato entro il cui territorio sono situati i distretti federali di Kuala Lumpur e Putrajaya.
  • Negeri Sembilan
  • Malacca (Melaka in lingua malese) — Stato minuscolo (1.650 km²), la cui capitale presenta un centro storico dichiarato nel 2008 Patrimonio Mondiale dell'Umanità del'UNESCO.
      Malesia peninsulare orientale — Il versante est della Malesia Occidentale si affaccia sul Mar della Cina meridionale. La regione è rinomata per le isole che coronano le sue coste, veri gioielli tropicali. Comprende tre Stati:
  • Kelantan — Ai confini con la Thailandia, Kelantan è un territorio montuoso con un breve tratto litoraneo ove è situata la capitale Kota Bharu.
  • Terengganu — Attrattiva principale dello Stato sono i suoi litorali con belle spiagge ove è possibile praticare immersioni subacquee ma la vera chicca per gli appassionati di scuba diving è costituita dalle piccole isole al largo, Isole Perhentian (Pulau Perhentian) e Redang (Pulau Redang). L'entroterra è caratterizzato da un grande lago artificiale, il Tasik Kenyir.
  • PahangKuantan, capitale dello Stato si affaccia sul Mar Cinese meridionale ed è attorniata da magnifiche spiagge. Al largo della costa sta l'isola di Tioman con una rigogliosa vegetazione grazie a piogge copiose e con formazioni coralline sui fondali marini. Anche l'entroterra del Pahang è di notevole interesse. Il parco nazionale di Taman Negara copre l'area montuosa ai confini con Kelantan e Terengganu e costituisce una mecca per gli appassionati di ecoturismo. Poco più a sud sta il piccolo parco Kenong Rimba istituito a protezione di un lembo di foresta pluviale
  •       Malesia peninsulare meridionale — Il sud della Malesia Occidentale, corrisponde allo Stato di Johor, l'unico tra gli Stati della federazione ad affacciarsi sia sul Mar Cinese meridionale che sullo stretto di Malacca. Grazie ai capitali provenienti dalla vicina Singapore, lo Stato ha conosciuto un notevole sviluppo industriale ma il suo interesse turistico è limitato.
    Malesia Orientale
          Sabah — Esteso nell'angolo nord orientale del Borneo, Sabah presenta un territorio prevalentemente montuoso con vette che superano i 4.000 m. Il Monte Kinabalu, istituito a parco nazionale e dichiarato uno dei Patrimoni mondiali dell'umanità in Malesia, è la grande attrattiva di Sabah. Capitale dello Stato è Kota Kinabalu, principale ingresso al Paese grazie al suo aeroporto internazionale. Sabah possiede anche un lungo e frastagliato litorale coronato da una miriade di piccole isole. La più famosa è la minuscola isola corallina di Sipadan (Pulau Sipadan), definita da Jacques Cousteau "ineguagliabile capolavoro della natura".
          Sarawak — Sarawak è lo Stato che ricomprende nel suo territorio il piccolo sultanato del Brunei. La sua attrazione principale è Parco nazionale di Gunung Mulu, inserito nella lista UNESCO dei Patrimoni dell'Umanità. Il parco è rinomato per le sue grotte, alcune talmente vaste da poter contenere la Basilica di San Pietro in Roma. La sua capitale è Kuching dotata di aeroporto internazionale e base per escursioni ai parchi di Bako e Gunung Gading, posti entrambi su penisolette che sporgono nel Mar della Cina meridionale. Vi allignano rare piante parassite della specie Rafflesia.

    Centri urbani[modifica]

    • 3.147778101.6952781 Kuala Lumpur — La capitale federale; certamente una tappa immancabile. La città è la più popolosa della Malesia; è suddivisa in molteplici quartieri, ognuno di essi con le sue peculiarità: ad esempio abbiamo China Town, dove potete visitare un enorme mercato con merci di ogni genere, dall'alimentare all'abbigliamento; oppure little India, dove potete mangiare ottimo cibo indiano. Un'altra attrazione della città è la zona dei grattaceli, dove si trova l'acquario della città, molto suggestivo. Se avete del tempo la sera e vi trovate nella zona dei grattaceli, andate sotto le Petronas Towers, ancora più belle di sera e godetevi lo spettacolo di fontane colorate. Per gli appassionati di cultura, ci sono diversi musei, tra i quali il museo islamico, il museo della polizia, il museo delle telecomunicazioni e il museo di storia nazionale. Un'altra meta potrebbe essere il mashid jamek o i templi di varie culture nei dintorni della città.
    • 2.93101.692 Putrajaya Putrajaya su Wikipedia — Il nuovo centro amministrativo della Malesia è una città ancora in costruzione con edifici spettacolari tra parchi verdissimi e innumerevoli laghi artificiali.
    • 5.4145100.32923 George Town George Town (Malaysia) su Wikipedia — Un centro del periodo coloniale sull'isola di Penang inserito nel 2008 nella lista UNESCO dei patrimoni mondiali dell'umanità.
    • 4.6101.074 Ipoh Ipoh su Wikipedia — Capitale dello Stato di Perak.
    • 1.455556103.7611115 Johor Bahru Johor Bahru su Wikipedia — Capitale dello stato di Johor, sulla punta meridionale della penisola di Malacca a ridosso della città-Stato di Singapore.
    • 5.975116.07256 Kota Kinabalu Kota Kinabalu su Wikipedia — Capitale dello Stato di Sabah.
    • 1.5575110.3438897 Kuching Kuching su Wikipedia — La capitale dello Stato di Sarawak.
    • 2.188889102.2511118 Malacca — Una città di interesse storico e dall'architettura influenzata dalla cultura cinese.
    • 4.414722114.0088899 Miri Miri su Wikipedia — Città del Sarawak, base per escursioni al vicino parco nazionale di Cunung Mulu, dichiarato dall'UNESCO Patrimonio mondiale dell'Umanità.

    Altre destinazioni[modifica]

    Le isole tropicali della Malaysia costituiscono la maggiore attrazione turistica del Paese. Le isole della costa orientale presentano un privilegio in più: sono orlate da lunghe barriere coralline che rendono l'immersione nelle loro acque un'esperienza indimenticabile.

    • 5.3115.221 Labuan Labuan su Wikipedia — Un paradiso fiscale al largo della costa del Borneo settentrionale, prossima ai confini con il Brunei.
    • 6.3599.82 Langkawi Langkawi su Wikipedia — Arcipelago che costituisce la destinazione balneare più famosa della Costa Occidentale, sede di alcuni dei più sontuosi e lussuosi alberghi della Malesia. Nelle vicinanze si trova il parco marino di Pulau Payar.
    • 4.22100.5553 Pangkor — Isola di pescatori ancora fuori dalle rotte battute dal turismo di massa. Sull'adiacente isola privata di Pangkor Laut si trova uno dei più esclusivi alberghi del Paese: il Pangkor Laut Resort.
    • 5.4025100.3654 Penang — Soprannominata "Perla d'Oriente" in periodo coloniale, Penang appare oggi come un'isola molto urbanizzata, prospera grazie al turismo e ai commerci e vanta la migliore cucina gastronomica del Paese.
    • 5.916667102.7333335 Isole Perhentian Isole Perhentian su Wikipedia — Veri gioielli della Costa Orientale costituiscono un paradiso incontrastato per quanti amano il turismo con lo zaino-in-spalla.
    • 5.775103.0156 Isola di Redang Redang su Wikipedia — Destinazione nota agli appassionati di immersioni subacquee.
    • 4.114683118.6287567 Isola di Sipadan — Un'isola dai fondali incomparabili ove però vige il divieto di pernottamento. Si può comunque visitare partendo dalle vicine Mabul e Kapalai.
    • 4.8103.6833338 Tenggol — Un'isola al largo della costa orientale, apprezzata dai cultori dello scuba diving per quanto i suoi fondali siano più profondi che altrove e percorsi da correnti pericolose.
    • 2.816667104.1833339 Tioman Tioman su Wikipedia — Catalogata tra le isole più belle isole del mondo, Tioman colpisce per i suoi paesaggi ancora incontaminati.
    • 5.9666711610 Parco nazionale Tunku Abdul Rahman — Gruppo di isole al largo della costa di Kota Kinabalu.
    • 4.7102.46666711 Parco nazionale di Taman Negara Parco nazionale di Taman Negara su Wikipedia — Il più antico parco nazionale della Malesia, ideale per gli appassionati di natura. D'estate il clima è molto umido e caldo, ma se ci si arma di forza e coraggio, vi renderete conto che gli sforzi saranno ricompensati. Questo enorme paro fluviale, è bellissimo per la natura, non tanto per la fauna (costituita principalmente da scimmie ed insetti) ma per la ricchezza dei paesaggi e la maestosità degli alberi.


    Come arrivare[modifica]

    Requisiti d'ingresso[modifica]

    Avvertimento di viaggio Restrizioni sui visti: A causa del boicottaggio di Israele da parte della Lega araba, l'ingresso viene rifiutato ai cittadini israeliani (a meno di non avere una lettera di approvazione da parte del Ministero degli Interni della Malesia) ma non ci sono restrizioni a coloro che hanno nel passaporto timbri o visti per Israele. Inoltre ai cittadini di Israele, è richiesto di possedere un biglietto di ritorno, in caso contrario gli verrà chiesto di acquistarne uno, pena il rifiuto di ingresso.
    Una mappa che mostra i requisiti per i visti della Malesia, con i Paesi in verde, marrone e marrone chiaro che hanno accesso senza visto; e i Paesi in blu con visto elettronico

    La maggior parte dei cittadini stranieri può entrare in Malesia senza visto e può risiedere in Malesia da 14 a 90 giorni, a seconda della nazionalità. Fare riferimento al Ministero degli Affari Esteri per informazioni aggiornate sui requisiti per i visti e sui periodi di soggiorno. Gli Stati della Malesia Orientale di Sabah e Sarawak mantengono ciascuno il proprio sistema di immigrazione e controlli separati: anche i malesi di altri Stati richiedono un passaporto o MyKad (la carta d'identità malese) all'arrivo. È altresì necessario un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dall'uscita dal Paese.

    Impronte digitali all'immigrazione

    Le autorità malesi per l'immigrazione rilevano le impronte digitali dei visitatori all'arrivo e alla partenza. Queste impronte digitali potrebbero facilmente raggiungere le autorità di altri Paesi o altre agenzie non statali.


    Coloro che desiderano entrare in Malesia per scopi diversi da una visita sociale o di lavoro necessitano comunque di un visto per qualsiasi periodo (ad eccezione dei cittadini statunitensi che entrano per motivi di studio).

    I cittadini di Bangladesh, Bhutan, Cina, India, Montenegro, Birmania, Nepal, Pakistan, Serbia e Sri Lanka hanno bisogno di un visto ma possono richiedere un visto elettronico, valido 3 mesi per un soggiorno fino a 30 giorni. Si dovrà stampare il visto una volta rilasciato, portare una prova di fondi sufficienti, un biglietto di ritorno e una certificazione dell'alloggio quando si entra nel Paese.

    La permanenza oltre il visto comporterà una multa di 30 RM al giorno. Tuttavia è abbastanza semplice evitare di rimanere oltre il visto effettuando una "corsa per il visto" in un Paese vicino via terra o tramite un volo economico. La Malesia può imporre la fustigazione come punizione per la permanenza oltre il visto.

    I cittadini stranieri dovranno assicurarsi che il proprio passaporto sia timbrato all'ingresso, altrimenti si verrà considerati immigrati clandestini (e i funzionari dell'immigrazione malese non sempre rilasciano timbri d'ingresso non richiesti). Verranno inflitte multe dell'ordine di 3.000 RM quando si tenterà di partire senza il timbro d'ingresso sul passaporto. Assicurarsi inoltre che il proprio passaporto sia timbrato quando si esce, altrimenti si verrà considerati emigranti illegali, il che potrebbe causare problemi qualora si desiderasse visitare nuovamente la Malesia in futuro.

    • Ambasciata della Malesia a Roma, Via Nomentana, 297, +39 06 8415764, fax: +39 06 8417026.
    • Consolato della Malesia a Milano, Via Vittor Pisani, 31, +39 02 66981839, fax: +39 02 66984749.

    Visti di transito[modifica]

    Anche se i cittadini di Bhutan, India, Birmania, Nepal, Pakistan e Sri Lanka richiedono normalmente un visto, possono transitare nello stesso aeroporto per un massimo di 120 ore a condizione che arrivino e partano con la stessa compagnia aerea, atterrano a Sepang, Kota Kinabalu, Kuching, Penang o Senai e presentare un biglietto aereo autentico.

    In aereo[modifica]

    Aeroporto Internazionale di Kuala Lumpur a Sepang, Selangor

    L'Aeroporto Internazionale di Kuala Lumpur (IATA: KUL) è il principale del Paese e dista 55 km dalla capitale malese. Le principale compagnie che ci operano sono:

    L'aeroporto Sultan Abdul Aziz Shah (IATA: SZB) a Subang vicino a Kuala Lumpur gestisce aerei charter e turboelica per gli operatori regionali Firefly e Malindo Air, che operano alcuni voli internazionali verso i Paesi vicini.

    Altri aeroporti che hanno un numero significativo di voli verso destinazioni regionali sono Kota Kinabalu (Sabah), Penang, Kuching (Sarawak), Langkawi e Johor Bahru.

    Si potrebbe considerare anche l'aeroporto di Singapore. Una volta sbarcati, si potrà raggiungere le località d'interesse in autobus o anche in treno come riportato nelle sezioni seguenti.

    In auto[modifica]

    Checkpoint di Bukit Kayu Hitam a Kedah, al confine con la Thailandia

    Le traversate via terra sono possibili dalla Thailandia del Sud e da Singapore verso la Malesia peninsulare, così come dal Brunei e Kalimantan (la parte indonesiana del Borneo) verso il Sarawak. Non esiste un passaggio ufficiale in Indonesia dal Sabah anche se condividono un confine terrestre. È richiesto un permesso di guida internazionale (IDP).

    • Brunei - Gli attraversamenti principali sono a Sungai Tujoh sulla strada Miri, Sarawak, verso Bandar Seri Begawan e il checkpoint Kuala Lurah-Tedungan che viene utilizzato per il traffico che viaggia tra Bandar Seri Begawan e Limbang nel Sarawak. È inoltre possibile accedere al distretto di Temburong del Brunei sulla strada da Limbang attraverso il checkpoint di Pandaruan (Puni sul lato del Brunei) e Lawas via Trusan (Labu sul lato del Brunei).
    • Indonesia - L'attraversamento principale è al checkpoint Tebedu-Entikong sulla strada principale Kuching-Pontianak. Gli altri due valichi ufficiali sono quelli di Biawak-Aruk e Lubok Antu-Nanga Badau. Tutti e tre i valichi sono tra lo Stato malese del Sarawak e la provincia indonesiana del Kalimantan Occidentale. Ci sono anche diversi valichi non ufficiali utilizzati dalla gente del posto, ma come straniero, si consiglia di non utilizzarli in quanto è considerato un ingresso illegale.
    • Singapore - I due valichi sono la Causeway che collega Johor Bahru con Woodlands a Singapore e il Second Link che collega Iskandar Puteri con Tuas sempre a Singapore. In generale, il Second Link è meno congestionato della Causeway ed è più conveniente per coloro che desiderano risalire la costa occidentale della Malesia peninsulare, ma molto meno conveniente per le persone che vogliono solo visitare Johor Bahru.
    • Thailandia - I valichi internazionali (da ovest a est, con le città thailandesi tra parentesi) sono a: Wang Kelian (Satun) e Padang Besar (Padang Besar) in Perlis, Bukit Kayu Hitam (Sadao) e Kota Putra (Banprokob) in Kedah, Pengkalan Hulu (Betong) in Perak, e Bukit Bunga (Buketa) e Rantau Panjang (Sungai Kolok) in Kelantan. È noto da tempo che l'immigrazione thailandese richiede una tangente di 2RM o 20 baht a persona per timbrare l'ingresso o l'uscita, anche se ci sono state pressioni per cessare questa attività illecita.

    In taxi[modifica]

    Speciali taxi transfrontalieri operano tra Singapore e Johor Bahru.

    In nave[modifica]

    Terminal dei traghetti a Iskandar Puteri, Johor

    I traghetti collegano vari punti della Malesia Occidentale con Sumatra in Indonesia e la Thailandia del Sud, Sarawak con Brunei e Sabah con Kalimantan Orientale in Indonesia e Mindanao nelle Filippine. Le crociere di lusso partono anche da Singapore e talvolta da Phuket (Thailandia) verso la Malesia.

    • Brunei - I traghetti viaggiano ogni giorno tra il terminal dei traghetti di Muara nel Brunei e l'isola di Labuan e Lawas nel Sarawak. I motoscafi, soprattutto al mattino, circolano anche tra il molo di Bandar Seri Begawan e Limbang, Sarawak.
    • Indonesia - I principali punti di partenza dall'Indonesia sono le Isole Riau di Batam, Bintan e Karimun; Dumai, Medan e Pekanbaru sulla zona principale di Sumatra e Nunukan nel Kalimantan Orientale. I traghetti collegano Batam con Batu Pahat, Iskandar Puteri e Johor Bahru; Bintan con Johor Bahru; Karimun con Batu Pahat e Kukup a Johor; Dumai con Malacca, Muar a Johor, Port Dickson (in Negeri Sembilan) e Port Klang, il porto di Selangor; Pekanbaru con Malacca. Traghetti giornalieri collegano anche Nunukan con Tawau nel Sabah. Ci sono anche attraversamenti minori come tra Bengkalis a Riau e Batu Pahat; Sumatra e Malacca e Muar a Johor; e Tanjung Balai Asahan nella Sumatra Settentrionale con Port Klang.
    • Singapore - Navi passeggeri giornaliere collegano Changi Point e Pengerang, tra Tanah Merah e Sebana Cove Resort, così come Tanah Merah e Desaru, tutte a Johor.
    • Thailandia - Quattro traghetti viaggiano ogni giorno (ridotti a tre durante il Ramadan) tra Tammalang a Satun e Kuah a Langkawi, in Malesia. I traghetti per veicoli operano tra Ban Taba vicino a Tak Bai nella provincia di Narathiwat e Pengkalan Kubur nel Kelantan, in Malesia, mentre le navi passeggeri circolano tra Ban Buketa nella provincia di Narathiwat e Bukit Bunga nel Kelantan.

    In treno[modifica]

    Da Singapore[modifica]

    Treni internazionali hanno origine a Singapore e risalgono la linea della costa occidentale fermandosi, tra l'altro, alle stazioni di Malacca, Kuala Lumpur e Butterworth (Isola di Penang). I posti, però, vanno prenotati minimo 48 ore prima della partenza.

    È disponibile un servizio di treno navetta che effettua sette corse a tratta la mattina e la sera dalla stazione ferroviaria di Woodlands (nel nord di Singapore) al JB sentral a Johor Bahru, al costo di 5 MYR dal lato malese e di 5 SGD dal lato di Singapore. I treni intercity convenzionali collegano quindi Johor Bahru con Gemas (dove è possibile cambiare per un treno in direzione Kuala Lumpur) e Tumpat, vicino a Kota Bharu. Non sempre corrispondono agli orari della navetta, quindi prepararsi a lunghi tempi di attesa o avere sempre un piano di riserva in autobus se si dovesse perdere la navetta. I treni la mattina presto per Singapore e i treni in tarda serata per la Malesia sono generalmente pieni nei giorni feriali e il flusso di traffico si inverte nei fine settimana.

    Sul sito di KTMB si può prenotare online un posto senza grossi problemi. Da tenere presente che il biglietto acquistato alla stazione di Singapore costa il doppio del biglietto elettronico.

    Quando si viaggia da Singapore alla Malesia, i controlli sull'immigrazione di Singapore e della Malesia vengono effettuati presso la stazione ferroviaria di Woodlands prima di salire sul treno per la Malesia. Nella direzione opposta, i controlli sull'immigrazione malese vengono effettuati presso JB Sentral prima dell'imbarco, mentre i controlli sull'immigrazione da Singapore vengono effettuati all'arrivo a Woodlands.

    Dalla Thailandia[modifica]

    Le ferrovie di Stato thailandesi gestiscono collegamenti tra Bangkok e Butterworth (Isola di Penang).

    I treni dalla Thailandia partono e terminano al confine a Padang Besar, dove le formalità di immigrazione thailandese e malese vengono tutte comodamente espletate nella stazione, ed è possibile effettuare il trasferimento tra treni malesi e thailandesi. Ci sono due stazioni di Padang Besar; uno in Thailandia e uno in Malesia; assicurarsi di scendere dal treno solo alla stazione di Padang Besar in Malesia, poiché è lì che vengono effettuati i controlli sull'immigrazione thailandese e malese e dove avvengono i trasferimenti tra i treni malesi e thailandesi.

    C'è anche un percorso orientale di treni internazionali meno utilizzato dalla città thailandese di Hat Yai alla città di confine thailandese Su-ngai Kolok gestito da KTM, ma non ci sono treni diretti alla vicina stazione malese di Wakaf Bahru (vicino a Kota Bharu).

    Sulla linea Bangkok-Singapore è in servizio anche un treno turistico con carrozze d'epoca, l'Eastern & Oriental Express, il cui costo è esorbitante.

    In autobus[modifica]

    Autobus/pullman a lunga percorrenza diretti in Malesia partono da:

    A piedi[modifica]

    È possibile entrare in Malesia dalla Thailandia a piedi a Wang Kelian e Padang Besar (entrambi a Perlis), Bukit Kayu Hitam (Kedah), Pengkalan Hulu (Perak) e Rantau Panjang (Kelantan). Da Singapore, è possibile entrare in Malesia a piedi utilizzando la Causeway, ma c'è da prepararsi a una camminata molto lunga poiché l'immigrazione malese si trova ora a 2 km nell'entroterra dal confine. A differenza del precedente complesso della dogana e dell'immigrazione, quello attuale non è stato predisposto per gestire il traffico pedonale, il che significa che non ci sono marciapiedi pedonali sul lato malese e si deve camminare sulla strada con il traffico veicolare per raggiungere la dogana e l'immigrazione. Non è consentito attraversare a piedi il Secondo Collegamento; anche volendolo fare, non c'è su entrambi i lati un modo pratico per continuare il tragitto.

    Come spostarsi[modifica]

    Sono in vigore controlli sull'immigrazione per i viaggi tra la Malesia peninsulare e la Malesia Orientale, nonché tra gli Stati malesi orientali di Sabah e Sarawak. I cittadini malesi devono presentare le loro carte d'identità, mentre i cittadini stranieri devono presentare i loro passaporti per viaggiare.

    In aereo[modifica]

    I voli domestici sono effettuati in gran parte grazie al vettore low cost AirAsia, la Malesia è attraversata da una rete di voli convenienti con prezzi "promozionali" pubblicizzati a partire da 9 RM per i voli prenotati con largo anticipo. Volare è l'unica opzione pratica per viaggiare tra la Malesia peninsulare e il Borneo, oltre a raggiungere alcuni degli avamposti più remoti del Borneo. Anche la compagnia aerea statale Malaysia Airlines ha tariffe competitive che ora offrono biglietti a prezzo uguale o addirittura inferiore se prenotati in anticipo tramite Internet. La loro consociata Firefly ha una rete utile che un tempo si irradiava solo a Penang, ma adesso ha iniziato a operare anche dall'aeroporto di Subang Jaya (Sultan Abdul Aziz Shah).

    A Sabah and Sarawak, MASWings, gestisce servizi turboelica che collegano le comunità interne, comprese quelle nelle Kelabit Highlands, con le città costiere. MASWings ha rilevato la rete di servizi aerei rurali da FlyAsian Express il 1 ° ottobre 2007, che a sua volta ha rilevato il servizio da Malaysia Airlines 14 mesi prima.

    In auto[modifica]

    Una mappa delle superstrade della Malesia (tutte nella Malesia peninsulare; nessuna a Sabah o Sarawak), con linee tratteggiate che indicano quelle proposte che devono ancora essere costruite

    La Malesia ha un'eccellente rete autostradale con oltre 2.000 km di superstrade, che culminano nella North-South Expressway lungo la costa occidentale da Johor Bahru al confine con Singapore fino a Bukit Kayu Hitam a Kedah al confine con la Thailandia. C'è anche la East Coast Expressway, che attraversa la Malesia peninsulare da costa a costa da Kuala Lumpur a Kuantan prima di dirigersi a nord verso Kuala Terengganu. La benzina è leggermente più economica dei prezzi di mercato a 1,90 RM/litro (nella Malesia peninsulare, Sabah e Sarawak). I pedaggi sono pagabili sulle superstrade, ma questi sono valutati a vari livelli, che vanno da costosi a ragionevoli: percorrere la lunghezza del Paese (734 km) dal confine thailandese a Singapore costa 108 RM. Mentre puoi guidare da Singapore alla Thailandia in un giorno sulla costa occidentale, il sistema autostradale è notevolmente meno sviluppato sulla costa orientale, e ancora meno in Sabah e Sarawak, quindi assicurarsi di calcolare il tempo di viaggio aggiuntivo se si viaggi in quelle le zone. I prezzi dei pedaggi per le autostrade e le strade rialzate all'interno delle principali città, in particolare Kuala Lumpur, hanno un prezzo esorbitante, che va da 4 RM a 7 RM per ogni uscita.

    Per coloro che pensano di utilizzare il GPS, le mappe della Malesia possono essere scaricate gratuitamente da malfreemaps.com. Gli utenti Garmin la fortuna di avere un'altra scelta da malsingmaps.com. Entrambe le mappe sono fornite dal fantastico gruppo di persone senza scopo di lucro che condividono una passione comune per creare mappe GPS della Malesia.

    Sebbene la qualità e le abitudini di guida in Malesia siano migliori rispetto alla maggior parte del resto del Sud-est asiatico, non sono necessariamente eccezionali, soprattutto rispetto a ciò a cui sono abituati i visitatori provenienti dalla maggior parte dei Paesi occidentali a casa. La guida a sinistra è un'eredità lasciata dagli inglesi. Fare attenzione ai motociclisti spericolati, soprattutto di notte, e soprattutto se si è a piedi: la gente del posto in genere ignora il semaforo rosso per le svolte a sinistra, mettendo a rischio i pedoni. Ai semafori i motociclisti si accalcano davanti agli automobilisti, quindi andranno lasciati partire per primi per evitare incidenti.

    È necessaria cautela quando si guida nelle città più grandi, come Kuala Lumpur, Johor Bahru e George Town. I problemi includono motociclisti apparentemente suicidi, corsie congestionate per tutto il giorno e strade sconcertanti soprattutto nelle parti più vecchie della città dove la pianificazione era praticamente inesistente dagli allora occupanti coloniali britannici. Fuori città, tuttavia, auto e moto sono il modo migliore e talvolta unico modo per esplorare il Paese. Alcune delle aree più rurali hanno motociclette e scooter da noleggiare per un minimo di 25 RM al giorno; un ottimo modo per esplorare l'area locale o isole più grandi come Langkawi. La maggior parte delle agenzie di noleggio richiederà la presentazione di una patente di guida valida al momento del noleggio. I livelli di carburante vengono spesso confrontati prima e dopo il noleggio e il veicolo viene anche controllato per danni, quindi assicurasi che tutto sia documentato, e richiedere il rimborso del carburante in eccesso, se possibile. Le compagnie di autonoleggio più grandi come Hertz e Avis potrebbero anche richiedere di avere una carta di credito valida in cui un deposito sarà autorizzato ma non detratto (a meno che non ci siano danni all'auto).

    In treno[modifica]

    All'interno di una carrozza della Sabah State Railway

    L'operatore statale Keretapi Tanah Melayu Berhad (KTMB) fornisce servizi relativamente economici e generalmente affidabili nella Malesia peninsulare (ma non Sabah/Sarawak nel Borneo). La principale linea occidentale collega Butterworth, Ipoh, Kuala Lumpur e Johor Bahru, mentre la linea orientale attraversa Gua Musang e Taman Negara fino a Kota Bharu, vicino al confine con la Thailandia e alle Isole Perhentian.

    L'orgoglio della flotta di KTMB è l'ETS (Electric Train Service) da Padang Besar a Gemas, con una diramazione per Butterworth (con trasferimenti da/per George Town in traghetto) da Bukit Mertajam, con giornalieri treni moderni con aria condizionata che viaggiano a 140 km/h. Non esiste più il servizio ETS da Padang Besar a Butterworth; il percorso è servito invece dai treni KTM Komuter, che pur essendo anch'essi elettrificati sono pensati per i viaggi pendolari piuttosto che per i viaggi a lunga percorrenza. Il resto della rete, invece, è per lo più a binario unico, con locomotive diesel lente che hanno guasti e ritardi fin troppo frequenti. A maggio 2016, KTMB ha cessato tutti i treni nottturni sulla linea occidentale, in seguito all'elettrificazione del binario per Gemas. Un treno navetta solo di 2a classe con aria condizionata ora collega la sezione da Gemas a JB Sentral. L'elettrificazione e il doppio tracciamento della sezione da Gemas a Johor Bahru dovrebbero essere completati entro il 2024.

    La principale strada ferrata risale la Malesia peninsulare occidentale collegandosi a Singapore e alla rete ferroviaria thailandese. "Jungle Railway" è un ramo secondario che si distacca dal precedente all'altezza della stazione di Gemas (230 km a nord di Johor Bahru) per poi addentrarsi nell'entroterra della penisola toccando le stazioni di Musang, Kuala Lipis e Jerantut. Quest'ultima è la più vicina al parco nazionale di Taman Negara. La linea tocca poi la costa all'altezza di Tumpat dove si raccorda alla rete ferroviaria della Thailandia.

    La Jungle Railway è la descrizione più appropriata per la linea orientale tra Tumpat (vicino al confine thailandese) e Gemas, comprese le fermate a Gua Musang, Kuala Lipis, Jerantut (per Taman Negara) e Wakaf Bahru (per Kota Bharu e le Isole Perhentian). L'originale "Jungle Train" è il lento servizio diurno che si ferma in ogni stazione (ogni 15-20 minuti circa). È solo di 3a classe, il che significa che non c'è aria condizionata e nessuna prenotazione, e alcune fermate possono essere lunghe in quanto è una linea singola e tutti gli altri treni hanno la priorità - quindi il "treno della giungla" attende in binari laterali lungo il percorso in modo che i treni in arrivo possono sorpassarlo o scambiarsi con esso. Alcuni lo trovano un giro affascinante e straordinariamente panoramico; altri pensano che non ci sia molto da vedere quando sei nella giungla. La linea orientale ha anche un treno espresso notturno (per il quale è possibile e consigliata la prenotazione) che va in entrambe le direzioni. Oltre ai posti con aria condizionata, questi treni dispongono di vagoni letto Superior Night (ADNS), che hanno cuccette superiori e inferiori lungo ogni lato, ogni cuccetta ha un solido divisorio a ciascuna estremità e una tenda laterale per la privacy. Le carrozze tremano e sferragliano un po' ma sono comode e pulite. Questi treni hanno finestre sia per le cuccette superiori che per quelle inferiori, a differenza dei treni con cuccette thailandesi.

    Una terza linea, nota come East Coast Rail Link, è in costruzione tra Port Klang e Kota Bharu , con l'intenzione di farla passare lungo il percorso attraverso Kuantan e Kuala Terengganu. Dovrebbe essere completata nel 2027.

    I biglietti possono essere prenotati e persino stampati online sul sito di KTMB. Richieste e prenotazioni possono essere effettuate telefonicamente presso i Call center di KTMB, +60 3 2267-1200 (Malesia), +65 6222-5165 (Singapore)..

    Nella Malesia Orientale, l'unica linea ferroviaria è gestita da Jabatan Kereta Api Negeri Sabah (JKNS) (sito web solo in malese), che va da Tanjung Aru vicino a Kota Kinabalu alla città di Tenom.

    L'unico treno di lusso della Malesia è l'Eastern & Oriental Express, che viaggia da Singapore a Bangkok, con fermate a Kuala Lumpur e Butterworth .

    In autobus[modifica]

    Segnalare pessimi autisti

    Gli autisti di autobus (soprattutto su percorsi più "rurali") a volte guidano con noncuranza, velocità da matti, sorpassi in curve cieche, ecc. La stragrande maggioranza dei viaggi termina senza problemi. Tuttavia, alcuni orribili incidenti attribuiti alla guida spericolata hanno portato a un giro di vite e a una hotline nazionale, ed è stato istituito un numero SMS per la segnalazione di questi conducenti/veicoli. Questo numero è opportunamente incollato sul retro di ogni singolo veicolo di grandi dimensioni del Paese.

    Autobus pubblico a Penang

    Il modo più economico per viaggiare in Malesia è l'autobus. Tutte le città di qualsiasi dimensione hanno un terminal degli autobus che offre collegamenti con altre parti del Paese. Esistono molte aziende con vari gradi di affidabilità, ma due delle più grandi e affidabili sono Transnasional e NICE/Plusliner con autobus dotati di ogni comfort a bordo, inclusa l'aria condizionata. Gli autobus "di lusso" da 24 posti sono consigliati per i viaggi a lunga percorrenza.

    Se si viaggia nei giorni festivi o anche durante il fine settimana, è consigliabile prenotare i posti in anticipo. Molte compagnie di autobus consentono di prenotare online direttamente attraverso il loro sito web. Tuttavia, alcuni consentono solo la prenotazione online per le persone con carte di credito malesi, il che non è molto conveniente per i visitatori internazionali. Fortunatamente, la maggior parte degli operatori di autobus utilizza due portali di prenotazione e sono particolarmente utili se si opta destinazioni specifiche ma non si è sicuri di quale compagnia di autobus utilizzare. Entrambi consentono il pagamento con qualsiasi carta di credito e richiedono una tariffa simbolica per il loro servizio (di solito 1/2 RM).

    L'aria condizionata su alcuni autobus può essere estremamente fredda, quindi portare sempre un buon maglione, pantaloni e calzini, soprattutto per i viaggi notturni sugli autobus di lusso!

    In taxi[modifica]

    Taxi a Penang

    I taxi sono disponibili in tutte le città e nei centri abitati più grandi, anche se nei luoghi più piccoli potrebbe essere necessario chiamarne uno (chiedere a qualsiasi negoziante o consultare le pagine gialle). In genere è necessario negoziare la tariffa in anticipo, sebbene negli aeroporti siano generalmente disponibili taxi con coupon prepagati. 5 RM dovrebbero essere sufficienti per un breve viaggio attraverso la città, mentre 100 RM sono sufficienti per noleggiare un taxi per un'intera giornata.

    Taxis a Kota Kinabalu, Sabah

    Molti taxi si rifiuteranno di utilizzare il tassametro, anche se esiste una tariffa ufficiale. La maggior parte dei taxi ora ha un adesivo sulla porta posteriore che informa i turisti che la contrattazione è vietata. I tassisti, intuendo che si è dei turisti, potrebbero andare in giro facendovi fare un percorso molto lungo per raggiungere la propria destinazione.

    Se si ha bisogno di un taxi a tarda notte, è meglio utilizzare il servizio dial-a-taxi in quanto si sono verificati incidenti in cui i taxi fermati durante quelle ore erano falsi o non registrati. Un tassista non registrato potrebbe rapinarvi o aggredirvi con l'aiuto di altri assalitori. È anche più probabile che si prenda un taxi con tassametro fermandone uno per strada che in una fermata dei taxi.

    Si consiglia di studiare le mappe e confrontare le tariffe su Internet prima di visitare il Paese. Conoscere le distanze tra i luoghi è utile quando si negozia con i tassisti. Non cercheranno nemmeno di ingannare uno straniero che dimostri chiaramente di sapere che la distanza dal punto A al punto B è di 50 km e non di 150 km.

    Non accettare le prime tariffe per i viaggi interurbani in auto offerte dagli hotel, in quanto potrebbero essere il doppio dei prezzi normali. In questo caso, negoziare direttamente con un tassista per un prezzo migliore ed equo (ad esempio, un hotel vicino a Balok Beach, non molto lontano da Kuantan, ha chiesto 800 RM per un passaggio a Johor Bahru, mentre un prezzo negoziato con un tassista chi poteva essere trovato nel centro di Kuantan è sceso a un normale 400 RM). Ma per tutto questo è necessario conoscere la distanza esatta e se possibile anche l'esatto itinerario tra il punto di partenza e quello di arrivo.

    A Kuala Lumpur, i taxi economici sono solitamente di colore rosso e bianco (taxi urbani – questi taxi non sono autorizzati a viaggiare fuori città, ad esempio in un altro Stato) o giallo. I taxi sono solitamente piccole berline come Proton Wira e funzionano a NGV (gas naturale). I più lussuosi taxi blu sono berline più grandi o monovolume (veicoli multiuso). Questi costano in genere il 25-30% in più rispetto ai taxi economici e sono normalmente disponibili presso le fermate dei taxi di tutta Kuala Lumpur, compresi i principali centri commerciali e hotel.

    I taxi rossi e bianchi possono essere fermati fuori strada e sono muniti di tassametro. Assicurarsi che il tassista sia un malese (tutti i conducenti devono avere un permesso di taxi e una licenza con la loro foto sopra) prima di salire a bordo, poiché è noto che i proprietari di taxi senza scrupoli noleggiano il loro taxi a controfigure senza licenza. Tutti i tassisti regolari devono essere cittadini malesi o residenti permanenti poiché il governo malese non rilascia visti di lavoro agli stranieri per guidare i taxi.

    Inoltre, fare attenzione ai taxi senza licenza (taxi sapu) negli aeroporti. Possono letteralmente portarvi a fare giri a vuoto. Ci saranno bagarini negli aeroporti che offriranno ai viaggiatori il loro servizio di taxi, anche fingendosi legittimi. Per quanto incredibile possa sembrare, alcuni sono noti per derubare i visitatori neofiti, di centinaia di ringgit per un singolo viaggio in città, rincarando la tariffa corretta fino a 100 volte di più! Negli aeroporti prendere il proprio taxi sempre dalle cabine degli operatori autorizzati allestite nell'aeroporto stesso e mai da chiunque lo solleciti direttamente. Affermeranno sempre di essere legittimi, ma raramente sono autorizzati e potrebbero non essere sicuri. Le cabine dell'operatore di taxi possono fornire le debite ricevute. Un altro consiglio è prenotare i taxi in anticipo. Tutti i buoni concierge degli hotel saranno in grado di assistere in questo. Chi viaggia in un taxi senza licenza potrebbe non essere coperto dalla propria assicurazione di viaggio se quel taxi dovesse essere coinvolto in un incidente.

    Noleggio con conducente[modifica]

    L'app di ride-hailing (una sorta di noleggio con conducente) più popolare è Grab, che ha rilevato le precedenti operazioni del sud-est asiatico di Uber. Si può pagare con la propria carta (tramite l'app Grab) o in contanti; la maggior parte dei conducenti ha il resto.

    Cosa vedere[modifica]

    Per approfondire, vedi: Patrimoni mondiali dell'umanità in Malesia.
    Wat Chaiyamangkalaram a George Town, Penang
    Piantagioni di tè nelle Cameron Highlands, Pahang

    La Malesia è un Paese affascinante con molte facce. È multietnica e multiculturale e le sue attrazioni variano dalle iconiche Petronas Towers nella vivace Kuala Lumpur alle perfette spiagge sabbiose fiancheggiate da palme e fitte giungle con oranghi e tigri.

    Ci sono vari impressionanti parchi nazionali. Le spedizioni vanno da quelle in cui difficilmente si perde di vista l'hotel a quelle in cui si è completamente immersi nella giungla per settimane, con solo la guida e sé stessi. Per avvistare una tigre o un elefante selvatico nel suo habitat naturale si potrebbe dover trascorrere più di qualche giorno in natura, ma non si avrà problemi a vedere la fauna selvatica più piccola. Il Parco nazionale di Bako è il parco nazionale più antico della Malesia e uno dei posti migliori per vedere le scimmie nasica. Le vaste giungle del Parco nazionale di Taman Negara sono diventate una destinazione popolare per gli ecoturisti, proprio come il remoto ma splendido Parco nazionale di Gunung Mulu, uno dei Patrimoni mondiali dell'umanità in Malesia famoso per le sue formazioni carsiche calcaree, i pinnacoli di pietra e le enormi grotte. Per fuggire dai tropici afosi, si dovrà fare come gli inglesi e dirigersi verso le fresche piantagioni di tè delle Cameron Highlands, il pittoresco villaggio in stile Tudor su Fraser's Hill o scala il Monte Kinabalu a Sabah.

    Per molte persone, la Malesia porta a ragione alla mente immagini di spiagge incontaminate con grandi opportunità di immersione. Sipadan al largo della costa del Sabah e le bellissime Isole Perhentian sono tra i posti migliori e più popolari. Le coste nelle parti meno industrializzate del Paese, in generale, meritano di essere attraversate per la loro bellezza naturale e per i rilassanti kampung (villaggi) sul mare. Segui la folla verso le sabbie perfette da cartolina delle Isole Langkawi, dove si potrà sorseggiare un cocktail sulla spiaggia e soggiornare in uno dei tanti resort.

    I più interessati al turismo urbano, non devono perdersi lo skyline ultra moderno di Kuala Lumpur, comprese le famose Petronas Twin Towers. George Town, la capitale di Penang, è nota per il suo ottimo cibo, l'architettura coloniale e le comunità cinesi, peranakan e indiane, relativamente di lunga data e istituzionalizzate, che condividono la città con l'etnia malese, thailandese ed eurasiatica. Ipoh è una buona scelta a piacciono le città dal ritmo un po' più lento che presentano eleganti edifici di epoca coloniale di circa 100 anni fa, e Malacca è per coloro che vogliono ripercorrere la storia coloniale e imperiale della Malesia diverse centinaia di anni fa. Per un'esperienza completamente diversa, andare a Kota Bharu per scoprire una cultura regionale islamica conservatrice unica influenzata dalla Thailandia, a pochi chilometri di distanza, o visitare le diverse città della Malesia Orientale, come Kuching e Kota Kinabalu. Soprattutto quando si viaggia con bambini, considerare di visitare uno degli eccellenti zoo del Paese, come lo zoo di Taiping, lo zoo Negara di Kuala Lumpur, lo zoo di Johor Bahru e lo zoo di Malacca.

    Cosa fare[modifica]

    Una spiaggia sulle Isole Perhentian, Terengganu
    Scorcio sulla colorata vita sottomarina di Sipadan

    La Malesia ha eccellenti immersioni subacquee. I luoghi più popolari sono le isole al largo della costa orientale della Malesia peninsulare (Isole Perhentian, Redang, Tioman e molte altre), anche se la stagione delle immersioni è limitata da aprile a settembre. Tuttavia, il sito di immersione più famoso, spesso classificato tra i migliori al mondo, è Sipadan, al largo della punta più orientale del Borneo malese. Ci sono molti altri siti meno conosciuti, come Layang Layang.

    Rafting[modifica]

    Si può trovare semplici rapide di grado I fino a quelle incredibilmente difficili e pericolose di grado V, nei numerosi parchi nazionali della Malesia:

    • Jeram Besu - Grade I-III - Pahang
    • Telom River - Grade V - Pahang (Cameron Highlands)
    • Kuala Perahu - Pahang
    • Lipis River - Pahang
    • Anak Jelai River - Grade I-II - Pahang
    • Tembeling River - Grade I-II - Pahang
    • Sedim River - Grade III-IV - Kedah
    • Sungai Selangor - Grade I-III - Selangor
    • Kiulu River - Grade II - Sabah
    • Padas River - Grade III-IV - Sabah
    • Sungai Itek (Kampar River) - Grade I-III - Perak
    • Sungkai River - Grade I-II - Perak
    • Singoh River - Grade V - Perak
    • Endau River - Johor
    • Nenggiri River - Grade I-III Kelantan
    • Kuala Kubu Bahru, Selangor

    Arti marziali[modifica]

    Una partita di silat in corso

    La Malesia ospita uno stile unico di arti marziali malesi noto come silat. I tornei di silat si svolgono tra diverse scuole del Paese e i Giochi del Sud-est asiatico sono il principale torneo internazionale di silat, con concorrenti anche dei Paesi vicini. C'è anche una versione di danza stilizzata altrettanto tradizionale di silat chiamata silat gayung, che vale la pena vedere qualora se ne avesse la possibilità.

    Inoltre, ci sono anche molti maestri di kung fu nella comunità etnica cinese e la Malesia è costantemente uno dei migliori artisti nelle competizioni internazionali di wushu.

    Musica[modifica]

    La Malesia ospita una forma di canto unicamente malese chiamata dikir barat. Dikir barat è tipicamente cantato da un coro, sebbene possano esserci anche parti soliste, ed è anche cantato a cappella o accompagnato solo da strumenti a percussione. Le competizioni di Dikir barat sono piuttosto popolari tra la comunità malese e sono spesso trasmesse dalla televisione nazionale malese.

    Valuta e acquisti[modifica]

    La valuta nazionale è il Ringgit malese (MYR), abbreviato con RM ed è diviso in 100 sen (centesimi). Il ringgit veniva chiamato dollaro e si potrebbe vedere il simbolo "$" sulle banconote più vecchie. Le monete in Malesia sono emesse in tagli da 0,05 RM (argento), 0,10 RM (argento), 0,20 RM (argento o oro) e 0,50 RM (argento o oro). Le banconote in Malesia sono emesse in tagli da 1 RM (blu), 5 RM (verde), 10 RM (rosso), 20 RM (arancione), 50 RM (verde/blu) e 100 RM (viola). Le monete da 5 sen vengono date principalmente come resto nei grandi stabilimenti o nei supermercati, mentre i venditori ambulanti e ambulanti potrebbero essere riluttanti ad accettarle. Anche i dollari di Singapore e del Brunei vengono chiamati ringgit in malese, quindi quando si è vicino alle aree di confine sarà necessario controllare a quale valuta si sta facendo riferimento quando si parla di prezzi.

    Le valute estere non sono generalmente accettate, anche se potreste riuscire a scambiare dollari USA o euro anche nelle aree più remote, ma è bene aspettarsi molti sguardi e un po' di pressione. La principale eccezione sono i dollari di Singapore, che sono accettati da KTMB e dalle strade a pedaggio, ma a un tasso di cambio 1:1 altamente sfavorevole (un'anomalia che risale a quando il ringgit era intercambiabile con il dollaro di Singapore, prima degli anni '70).

    Gli sportelli di cambio valuta si trovano facilmente nelle principali aree commerciali e hanno un tasso di cambio migliore rispetto alle banche e agli aeroporti. Assicurati di dire l'importo che desideri scambiare e chiedi il "miglior preventivo" in quanto le tariffe visualizzate sul tabellone sono spesso negoziabili, soprattutto per importi maggiori. Le banconote estere di grandi dimensioni, come i 500 €, sono quasi impossibili da cambiare con un buon cambio in alcune aree, specialmente a Sabah o Sarawak, dove le banche offrono un cambio molto più basso rispetto a quello che si otterrebbe cambiando una banconota di più piccolo taglio. Alcuni cambiavalute a Kota Kinabalu o Kuching potrebbero persino rifiutarsi di cambiare banconote straniere di grossi tagli, quindi l'opzione migliore è portare banconote più piccole a meno che non sia disposto a fare acquisti.

    Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

    (EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
    Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
    (EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
    (EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD

    Attività bancarie[modifica]

    I bancomat sono ampiamente disponibili nelle città, ma è opportuno fare scorta di contanti se ci si reca nelle isole minori o nella giungla. Le carte di credito possono essere utilizzate nella maggior parte dei negozi, ristoranti e hotel, anche se lo skimming, la manomissione dei lettori con l'obiettivo di clonare una carta, può essere un problema nei punti vendita poco raccomandabili. Per l'utilizzo della carta di credito, assicurarsi che la propria carta di credito/debito sia basata su chip poiché la maggior parte dei commercianti non accetta più carte basate su bande magnetiche.

    Le banche in Malesia gestiscono le transazioni internazionali con importi che vanno da commissioni nominali, per i titolari di un conto, a importi leggermente più costosi, per chi utilizza solo un determinato servizio. Banche internazionali come Citibank e HSBC sono presenti in Malesia; quest'ultima con filiali in tutto il Paese. I giganti bancari locali sono Maybank, Public Bank e CIMB Bank, e sono un'ottima alternativa alle banche menzionate in precedenza, soprattutto in termini di prezzi, conoscenza e presenza locale, nonché disponibilità di servizi internazionali, come i trasferimenti di denaro. Per qualsiasi domanda e transazione, prendere un numero, sedersi e aspettare che venga servito il proprio turno. Non c'è bisogno di fare la fila mentre si aspetti nel comfort dell'aria condizionata!

    Le banche sono aperte in orario Lun-Ven 09:30-16:00 e banche specifiche anche Sab 09:30-11:30, tranne il primo e il terzo sabato di ogni mese. Negli Stati di Kedah, Kelantan e Terengganu, sono aperte in orario Dom-Gio 09:30-16:00.

    A causa del rischio di frode, molti bancomat malesi non consentono di prelevare utilizzando carte di debito straniere. Se la propria carta venisse rifiutata, provare un altro bancomat. Se si chiamasse la propria banca o società di credito, spesso non saranno a conoscenza di ciò che è accaduto e del perché la transazione viene rifiutata dalla banca malese. Assicurarsi di portare contanti o altre forme di denaro nel caso in cui la propria carta di debito venga rifiutata.

    Costi[modifica]

    Bukit Bintang, una famosa zona commerciale di Kuala Lumpur

    La maggior parte dei visitatori occidentali troverà la Malesia piuttosto economica, sebbene sia notevolmente più costosa della vicina Indonesia. Si può vivere nei dormitori degli ostelli e banchettare con cibo da venditore ambulante per meno di 50 RM al giorno, ma si vorrà raddoppiare questo budget per comodità, in particolare se si viaggia nella più costosa Malesia Orientale. Anche Kuala Lumpur è generalmente più costosa rispetto al resto del Paese. All'altra estremità dello spettro, anche gli hotel di lusso e le tariffe aeree sono abbastanza convenienti, con persino gli hotel a 5 stelle più eleganti costano meno di 400 RM a notte.

    Mance[modifica]

    La mancia non è consuetudine in Malesia. Una tassa di servizio del 10% è inclusa nel conto totale nella maggior parte dei ristoranti con aria condizionata, ma in caso contrario, non è previsto che si paghi nulla di più di quanto indicato nel conto. I ristoranti, i bar e gli hotel più costosi possono indicare i prezzi sotto forma di RM19++ ("plus plus"), il che significa che l'imposta sulle vendite (6%) e il costo del servizio (10%) verranno aggiunti al conto. A questo può essere aggiunta anche la tassa di soggiorno del 5%.

    Acquisti[modifica]

    Kuala Lumpur è una mecca dello shopping per vestiti, elettronica, orologi e prodotti informatici, con prezzi molto competitivi sotto ogni punto di vista. I marchi malesi locali includono Royal Selangor e British India. I tessuti tradizionali malesi (batik) sono un souvenir popolare. Il posto più economico per acquistare facilmente souvenir etnici (soprattutto a base di legno) è a Kuching, nella Malesia orientale, e il posto più costoso è nei principali ed eleganti centri commerciali di Kuala Lumpur.

    In generale i negozi sono aperti in orario 10:30-21:30/22:00 nelle grandi città. Aprono e chiudono per affari prima nelle città più piccole e nelle aree rurali. Alcuni negozi possono anche essere chiusi in determinati giorni, come a Malacca dove molti negozi e ristoranti chiudono il martedì.

    Chi esagera con gli acquisti in Malesia (cosa abbastanza frequente), avrà a che fare con tariffe di spedizione molto ragionevoli. L'eccesso di bagagli in aeroporto è ancora alto, ma non così alto come in molti altri Paesi. Verificare prima con la propria compagnia aerea.

    Opportunità di studio[modifica]

    Le università della Malesia sono generalmente ben considerate e attirano studenti da vicino e da lontano per programmi di scambio. Tra le università malesi, la più prestigiosa indiscussa è l'University of Malaya (UM), situata a Kuala Lumpur. Inoltre, diverse università straniere hanno istituito campus in Malesia.

    Opportunità di lavoro[modifica]

    Ottenere un visto di lavoro richiede un certo sforzo. Il modo più semplice per lavorare in Malesia è probabilmente quello di lavorare per un'azienda straniera ed essere distaccato in Malesia. Il sito web del dipartimento dell'immigrazione della Malesia contiene consigli di base. Per ottenere un permesso di lavoro, si deve avere un'offerta dal futuro datore di lavoro che dovrà sbrigare le pratiche burocratiche per conto del candidato. È molto costoso e presenta molte restrizioni se un'azienda vuole assumere uno straniero e come tale è quasi impossibile. Come affermato sopra, un modo fattibile è quello di essere trasferito. Trovare un lavoro è altrimenti improbabile a meno di non essere sposati con un locale e anche in questo caso resta difficile.

    I giorni lavorativi negli Stati di Kelantan, Terengganu, Kedah e Johor vanno dalla domenica al giovedì e il fine settimana è costituito dal venerdì e dal sabato, mentre nella maggior parte degli altri Stati i giorni lavorativi vanno dal lunedì al venerdì, col fine settimana in linea a quello occidentale (i.e. sabato e domenica).

    A tavola[modifica]

    Crocevia della cucina malese, cinese e indiana, la Malesia è un posto eccellente dove mangiare (makan in malese). Cercare le specialità regionali e la cucina Nyonya (Peranakan), la fusione tra cucina malese e cinese. C'è persino una cucina eurasiatica unica che si trova nell'insediamento portoghese a Malacca, il cuore della comunità eurasiatica portoghese.

    I malesi sono molto orgogliosi della loro cucina e la maggior parte delle città o persino dei villaggi hanno le loro deliziose specialità come char kway teow di Penang, satay di Kajang, pollo con germogli di soia di Ipoh, laksa del Sarawak, nasi dagang di Kelantan e hinava di Sabah. La maggior parte dei ristoranti fa affidamento sul passaparola per la pubblicità e si trova spesso nei luoghi più scomodi e fuori mano, quindi potrebbe essere opportuno provare a chiedere i consigli personali alla gente del posto.

    Se si ha intenzione di viaggiare in Malesia provando il cibo locale, non ci si dovrà lasciare ingannare dai nomi. A volte due piatti completamente diversi provenienti da diverse parti del Paese possono essere conosciuti con lo stesso nome. Ad esempio, laksa si riferisce a piatti di noodle completamente diversi a Penang e Sarawak.

    In generale, si potrà mangiare praticamente ovunque in Malesia. I negozi alimentari sono relativamente puliti: l'unica cosa che si dovrà evitare quando si frequenta le bancarelle di strada o dei venditori ambulanti è il ghiaccio per le proprie bevande, poiché i blocchi di ghiaccio utilizzati potrebbero non essere all'altezza dei propri standard igienici. Nei ristoranti veri e propri questo non è un problema. Inoltre si potrebbe voler evitare di ordinare acqua dalle bancarelle dei venditori ambulanti o dai ristoranti mamak (indiani tamil di fede musulmana) poiché di solito verrà servita acqua del rubinetto non bollita.

    I posti più economici spesso non mostrano i prezzi; la maggior parte addebiterà onestamente i turisti, ma controlla i prezzi prima di ordinare per essere sicuro.

    Le abitudini alimentari variano, ma la maggior parte dei cibi viene mangiata con forchetta e cucchiaio: spingere e tagliare con la forchetta nella mano sinistra e mangiare con il cucchiaio nella destra.

    Poiché mangiare è il "passatempo" preferito dei malesi, la maggior parte è abile nell'usare le bacchette, indipendentemente dal background. Noodles e piatti cinesi vengono tipicamente con queste, mentre il cibo malese e indiano è tradizionalmente mangiato con le mani, anche se una forchetta e un cucchiaio sono spesso usati per mangiare cibo malese e indiano nei ristoranti e possono essere richiesti se non forniti.

    Quando si mangia con la mano, bisogna usare sempre solo la mano destra per maneggiare il cibo, poiché i malesi e gli indiani usano tradizionalmente la mano sinistra per maneggiare le cose sporche. Quando si mangia con le bacchette nei ristoranti cinesi, prendere nota della solita etichetta e, cosa più importante, mai infilare le bacchette verticalmente in una ciotola di riso. Questo ricorda i bastoncini di incenso che bruciano nel tempio e ha connotazioni di augurare la morte a coloro che vi circondano. Quando si mangia in gruppo, i piatti da portata sono sempre condivisi, ma ognuno avrà la propria ciotola di riso e zuppa.

    La cucina tradizionale malay è caratterizzata da piatti piccanti e forti. Latte di cocco, zenzero, cannella e foglie di pandano sono gli ingredienti più diffusi nella preparazione delle pietanze.

    Il sambal è la salsa più popolare servita sia a pranzo che a cena. Il suo gusto è molto forte essendo preparata con chilli, salsa di gambero e succo di cedro. Durante l'ora del tè vengono servite delle saporite frittelle di banana.

    Dove mangiare[modifica]

    L'interno di un kedai kopi vicino alla stazione ferroviaria di Beaufort a Sabah

    I posti più economici dove mangiare sono le bancarelle dei venditori ambulanti e i coffeeshop, noti come kedai kopi in malese o kopitiam in hokkien. Questi negozi vendono, oltre al caffè, molti altri tipi di cibi e bevande. Particolarmente popolari e gustose sono le bancarelle di mamak, gestite da musulmani indiani e che servono piatti indiani localizzati come il roti canai. La maggior parte delle bancarelle dei venditori ambulanti rimane aperta fino a tardi e alcune operano anche su turni, quindi puoi trovare la stessa bancarella che offre cibo diverso in momenti diversi durante la giornata. Puoi anche comprare da qualsiasi bancarella per consumare altrove, basta chiedere bungkus (malese) o ta pao (cantonese). Un pasto dai venditori ambulanti raramente costerà più di 5 RM. Gli standard igienici in Malesia, sebbene non all'altezza di quelli della vicina Singapore o dei Paesi occidentali, sono comunque ragionevoli e molto migliori rispetto, ad esempio, alla Cina o alla maggior parte del resto del sud-est asiatico. Fare solo attenzione se una bancarella è frequentata dalla gente del posto, in tal caso dovrebbe essere sicuro mangiarci.

    Un gradino più in alto sulla scala è il kedai makanan o il restoran in stile più occidentale . Un tipo da tenere d'occhio è il ristorante nasi kandar (noto anche come nasi campur o nasi padang), con una vasta gamma di curry e condimenti da aggiungere al riso.

    I ristoranti di pesce (makanan laut) sono relativamente costosi ma hanno comunque un ottimo rapporto qualità-prezzo per la maggior parte degli standard; controllare i prezzi prima di ordinare però. I gamberi locali sono giganteschi, il pesce al vapore in stile cinese è una delizia e il granchio servito con salsa di peperoncino appiccicoso è particolarmente popolare.

    Ultimo ma non meno importante, per meno avventurosi, i punti ristoro nei centri commerciali. Sono un buon modo per assaggiare le prelibatezze locali nel comfort dell'aria condizionata, pagando solo un piccolo sovrapprezzo rispetto ai prezzi dei venditori ambulanti. E sì, si può anche trovare McDonald's, KFC, Pizza Hut e i soliti cloni in tutta la Malesia.

    Restrizioni dietetiche[modifica]

    Un ristorante vegetariano a Johor Bahru, Johor

    Essendo un Paese a maggioranza musulmana, trovare cibo halal in Malesia è facile, ma la maggior parte delle bancarelle e dei ristoranti cinesi, così come quelli che servono alcuni gruppi etnici indigeni della Malesia Orientale come Iban e Kadazan, non lo sono halal. Chiedere in caso di dubbi. I pasti nei ristoranti malesi e nei fast food occidentali sono halal. I ristoranti dei principali hotel non sono certificati halal poiché servono anche alcolici, ma con l'eccezione dei ristoranti cinesi, generalmente non servono carne di maiale. I musulmani locali mangeranno nei ristoranti occidentali, cinesi e indiani, se c'è un cartello halal sui muri. La maggior parte dei ristoranti tende a mostrare la propria certificazione halal o il segno halal. La certificazione Halal viene assegnata e applicata da un'agenzia governativa, di solito JAKIM.

    Non ci sono stabilimenti kosher in Malesia, quindi i visitatori ebrei dovranno portare con sé il proprio cibo. Negozi di alimentari e ristoranti kosher si trovano nelle vicine Singapore, Thailandia, Filippine e Vietnam, quindi ci si potrebbe fermare in uno di quei Paesi per fare scorta prima di entrare in Malesia.

    Il vegetarismo è ben compreso dalle comunità cinesi e indiane (non così dai malesi musulmani e da altre minoranze indigene) e molti ristoranti o bancarelle di venditori ambulanti saranno in grado di inventare qualcosa su richiesta (specificando chiaramente "niente carne, niente pesce, niente frutti di mare e chiedendo espressamente solo verdure e/o uova), ma non affidarsi interamente alle descrizioni dei menu: piatti apparentemente innocui come "verdure fritte" ecc. spesso contengono pezzetti di maiale nei ristoranti cinesi non halal, pasta di gamberetti (belacan, comunemente usato nei piccanti piatti malesi e cinesi), salsa di pesce, ecc. I ristoranti indiani di solito hanno ottime selezioni vegetariane - i roti (focaccia indiana - di qualsiasi tipo; inclusi roti canai, roti naan, capati, tosai) sono buone scelte, e insistere nel ricevere dhal (salsa al curry a base di lenticchie) al posto di una salsa al curry di pesce. I ristoranti cinesi puramente vegetariani (che spesso servono notevoli prodotti di "carne finta" a base di tofu, glutine, ecc.) sono abbastanza facili da trovare nelle grandi aree urbane con una grande popolazione di etnia cinese. Procurarsi cibo vegetariano nelle zone rurali, specialmente quelle vicino ai villaggi di pescatori o nelle regioni dominate dai musulmani/malesi, può essere più difficile, ma imparare un po' di vocabolario malese di base aiuterà molto a trasmettere il proprio messaggio. I ristoranti occidentali esclusivi, come quelli che servono cucina italiana, di solito hanno alcune buone opzioni vegetariane.

    Il veganismo è raramente compreso in questa parte del mondo ed è ampiamente scambiato come sinonimo di vegetarianismo. L'opzione più sicura per un vegano è frequentare un ristorante vegetariano buddista cinese (la maggior parte dei ristoranti vegetariani cinesi sono essenzialmente vegani e operano secondo i principi buddisti del non uccidere e della compassione, e quindi si astengono dall'usare latticini, uova e le 5 verdure "forti" -cipolle, aglio, porri, ecc.- sconsigliati nel Buddismo Mahayana). In caso di ulteriori dubbi, mai esitare a chiedere.

    Bevande[modifica]

    Una casa da tè a Malacca

    Ai malesi piace sia il caffè (kopi) che il tè (teh), in particolare la bevanda nazionale teh tarik ("tè tirato"), prodotta dalla comunità Mamak (musulmana indiana), e chiamata così per il movimento teatrale di "trazione" utilizzato per versarlo. Di base, entrambi verranno serviti caldi, dolci e con una dose di latte condensato; chiedere teh o per evitare il latte, teh ais per il tè al latte freddo o teh o ais per il tè freddo senza latte. Bere senza zucchero è considerato strano, ma chiedere kurang manis (meno zucchero) è il giusto compromesso. Tuttavia, se davvero non si vuole lo zucchero, si potrà provare a chiedere teh kosong.

    Un altra particolare bevanda locale è il kopi tongkat ali ginseng, una miscela di caffè, una radice afrodisiaca locale e ginseng servito con latte condensato che viene propagandato come alternativa al viagra e alla red bull messe insieme e di solito è pubblicizzato con l'immagine di un letto rotto metà.

    Altre popolari opzioni analcoliche includono la bevanda al cioccolato Milo e il succo di lime (limau). Sono anche ampiamente disponibili succhi di frutta appena fatti, così come una vasta gamma di bevande in lattina (alcune familiari, altre meno).

    C'è anche una bevanda locale composta da latte di soia bianco e gelatina di erba nera (cincau) chiamata soya cincau. Può essere ordinata nella maggior parte dei centri ambulanti e nei caffè lungo la strada (kedai kopi/kopitiam).

    Alcol[modifica]

    Il tuak è ampiamente consumato durante il festival Gawai Dayak e il giorno di Natale

    Sebbene la Malesia abbia una maggioranza musulmana, l'alcol è disponibile nei punti vendita autorizzati per il consumo dei suoi cittadini non musulmani (ad esempio, cinesi, indigeni del sabah, indigeni del Sarawak e indiani) e stranieri non musulmani. Tuttavia, alcuni Stati (in particolare Kelantan e Terengganu) vietano la vendita di alcolici. Ad eccezione delle isole esentasse (Labuan, Langkawi, Tioman) e dei negozi duty free (ad esempio a Johor Bahru), i prezzi sono relativamente alti, con una lattina di birra che costa 7,50 RM o più anche nei supermercati o nei negozi 7-Eleven. Tuttavia, nella Malesia Orientale, i liquori di contrabbando sono ampiamente disponibili. L'età legale per bere in Malesia è 21 anni.

    In primo piano il tapai di manioca mostrato in sacchetti di plastica

    Nella Malesia Orientale, in particolare nel Sarawak, il tuak è un evento comune per qualsiasi celebrazione o festival come Gawai Dayak e il giorno di Natale. Il tuak è fatto con riso fermentato a cui a volte vengono aggiunti zucchero, miele o altri vari condimenti. Normalmente viene servito tiepido senza ghiaccio. I visitatori possono scegliere tra il sapore "forte" del tuak (che normalmente viene fermentato per anni) o il sapore "lieve" (che a volte viene preparato solo una settimana o anche un giorno prima). A Sabah, i liquori economici sono ampiamente disponibili nella maggior parte dei supermercati e dei minimarket dello Stato. Sono ampiamente disponibili anche altre bevande alcoliche come birra e whisky. D'altra parte, il tuak nel Kelantan può anche essere considerato un liquore poiché contiene tracce di nipah fermentato o succo di linfa. La gradazione alcolica del tuak di Kelantan può facilmente raggiungere il 50% dopo 3 giorni dal momento dell'estrazione.

    Il tapai è costituito da manioca (meno spesso, riso) che viene fermentato e consumato come alimento (sebbene si possa bere anche il liquido sul fondo). Poiché viene comunemente consumato durante Hari Raya Puasa, la principale festa musulmana che celebra la fine del mese di digiuno del Ramadan, è interessante che le autorità legali islamiche associate all'opposizione islamista Pan-Malaysian Islamic Party (PAS) abbiano concesso ai musulmani una dispensa speciale dalle leggi contro il consumo di alcol, nel caso del tapai.

    Infrastrutture turistiche[modifica]

    La Malesia ha ampie sistemazioni a prezzi accessibili in tutte le sue città e paesi, con una gamma completa da quelle economiche a quelle di lusso. Le spese di servizio e le tasse non fanno parte del prezzo pubblicizzato, quindi assicurarsi di aggiungere il 16% al prezzo indicato. Gli hotel e gli ostelli sono tenuti ad addebitare una tassa di soggiorno ai visitatori internazionali: 10 RM per camera a notte, che potrebbe non essere inclusa nelle tariffe pubblicizzate.

    Gli hotel economici e gli ostelli della gioventù sono disponibili nella maggior parte delle città e intorno alla maggior parte delle destinazioni turistiche. Come con la maggior parte degli alloggi economici, alcuni sono più affidabili di altri. Selezionare con cautela una sistemazione economica per evitare luoghi che ospitano attività illegali.

    Le città più grandi avranno strutture della YMCA che sono opzioni sicure. Un'altra notevole catena di hotel economici è Tune Hotels, un'affiliata della compagnia aerea a basso costo, Air Asia. Si stanno espandendo e hanno hotel in numerose località in tutto il Paese.

    Gli hotel di fascia media sono prontamente disponibili praticamente ovunque. I prezzi degli hotel a 3/4 stelle sono superiori a 100 RM e sono generalmente affidabili in termini di qualità.

    La Malesia ospita alcuni degli hotel a 5 stelle, appartamenti di servizio e resort più convenienti del mondo. Si trovano in città più grandi come Kuala Lumpur, George Town, Johor Bahru, Kota Kinabalu e Kuching e anche in alcune città e aree costiere. Inoltre, quasi tutte le isole hanno resort e spa di lusso per i viaggiatori facoltosi.

    Eventi e feste[modifica]

    Una delle caratteristiche significative della cultura malese è la celebrazione di vari festival ed eventi. L'anno è pieno di attività colorate, esilaranti ed eccitanti. Alcuni sono religiosi e solenni, ma altri sono eventi vibranti e gioiosi. Una caratteristica interessante dei principali festival qui è l'usanza di "casa aperta". Questo è quando i malesi che celebrano il festival invitano amici e parenti a venire nelle loro case per alcune prelibatezze tradizionali e amicizia.

    La Malesia multiculturale celebra una vasta gamma di festival, ma quelli a cui prestare attenzione a livello nazionale sono le festività islamiche, in particolare il mese di digiuno del Ramadan. Durante i suoi 29 o 30 giorni, i musulmani si astengono dal mangiare, bere, fumare e fare sesso dall'alba al tramonto. Non tutti i musulmani seguono la tradizione o sostengono l'intero periodo del digiuno del Ramadan, ma la maggior parte fa uno sforzo molto serio. Non ci si aspetta che le donne incinte, che allattano o che hanno il ciclo mestruale digiunino, così come gli anziani, gli infermi o i viaggiatori. Le persone si alzano presto prima dell'alba per un pasto (sahur) e staccano presto per tornare a casa in tempo per rompere il digiuno (buka puasa) al tramonto.

    Alla fine del mese c'è la festa di Eid ul-Fitr, conosciuta localmente come Hari Raya Puasa o Aidilfitri, quando molti autoctoni si prendono una o due settimane di ferie per "balik kampung" o tornano nelle loro città natale per incontrare familiari e amici. Di conseguenza, questa è una delle tante volte in un anno in cui le grandi città come Kuala Lumpur non hanno praticamente alcuna congestione del traffico.

    Un altro festival importante è il festival musulmano di Eid ul-Adha, conosciuto localmente come Hari Raya Haji o Aidiladha. È durante questo festival che i musulmani eseguono l'Hajj o il pellegrinaggio alla Mecca. Nelle moschee locali mucche e capre vengono donate dai fedeli e sacrificate, dopodiché la carne viene distribuita a tutti. Le riunioni di famiglia vengono celebrate anche durante altri festival principali, quando i locali di solito indossano costumi e ornamenti tradizionali poiché questi festival sono una caratteristica integrante della società malese.

    Durante il mese di Ramadan, i non musulmani dovrebbero essere rispettosi di coloro che digiunano. I non musulmani, così come i musulmani in viaggio (musafir), sono esenti dal digiuno ma è buona educazione astenersi dal mangiare o dal bere in pubblico. I sistemi scolastici pubblici richiedono anche ai non musulmani di astenersi dal mangiare davanti a coloro che stanno digiunando. Molti ristoranti chiudono durante il giorno e quelli che restano aperti mantengono un basso profilo. I viaggiatori d'affari noteranno che le cose si muovono più lentamente del solito. Il lato positivo per i viaggiatori stranieri sono i bazar del Ramadan in ogni città e paese, pieni di attività e traboccanti di ottimo cibo. Anche gli hotel e i ristoranti fanno di tutto per mettere su enormi quantità di cibo per pasti veloci. Durante il mese di Ramadan, i pasti alla fine dei digiuni sono generalmente considerati grandi feste. La catena mondiale di fast food McDonald's è nota per organizzare diverse feste del Ramadan durante il mese.

    Date del capodanno lunare

    Contrariamente alla credenza popolare, il cambio dello zodiaco non avviene il primo giorno del capodanno lunare, ma avviene invece a Li Chun (立春 lì chūn), il tradizionale inizio cinese della primavera.

    • Inizio dell'anno del coniglio : 4 febbraio 2023 alle 10:33. Capodanno lunare: 22 gennaio 2023
    • Inizio dell'anno del drago : 5 febbraio 2024 alle 16:25. Capodanno lunare: 10 febbraio 2024
    • Inizio dell'anno del serpente : 5 febbraio 2025 alle 16:25. Capodanno lunare: 29 gennaio 2025
    • Inizio dell'anno del cavallo : 5 febbraio 2026 alle 16:25. Capodanno lunare: 17 febbraio 2026

    Altre festività importanti includono il capodanno cinese (intorno a gennaio/febbraio), Deepavali o Diwali, la festa indù delle luci (intorno a ottobre/novembre), la festa buddista del Wesak (intorno a maggio/giugno) e il Natale (25 dicembre). Durante il capodanno cinese, George Town e Ipoh diventano le città principali poiché molti cinesi locali che lavorano e vivono a Kuala Lumpur sono originari di lì. Tuttavia questa situazione sta cambiando gradualmente, poiché sempre più persone stanno facendo di Kuala Lumpur la loro città natale. Durante la visita in occasione di tali festival, i viaggiatori potranno sperimentare molte meravigliose celebrazioni, ma il rovescio della medaglia è che molti negozi e ristoranti etnici saranno chiusi. L'opzione migliore è visitare durante il periodo subito dopo i primi due giorni del festival principale (Hari Raya/Capodanno cinese), quando i negozi riapriranno e l'atmosfera festosa non si è ancora placata.

    Un'altra celebrazione importante è Deepavali, celebrata dagli indù malesi come la festa della luce originaria dell'India classica e una delle principali celebrazioni culturali. In Malesia, i locali praticano questa tradizione indossando abiti nuovi e ricevendo doni simbolici in denaro. Questa pratica è stata adattata da tutti i malesi indipendentemente dalla loro religione. Distribuiscono pacchetti rossi o ang pow durante il capodanno cinese, pacchetti verdi o "duit raya" per Hari Raya Aidilfitri e pacchetti multicolori durante Deepavali.

    Alcuni festival malesi degni di nota includono il Festival del raccolto alla fine di maggio di ogni anno e il "Pesta Gawai" all'inizio di giugno, entrambe celebrazioni del ringraziamento che si tengono nella Malesia Orientale.

    Thaipusam è un festival indù che cade a gennaio o febbraio ed è uno degli eventi da non perdere. La più grande processione del Paese si svolge a Batu Caves, Selangor. I devoti maschi portano altari decorati o kavadi su una rampa di 272 gradini verso il tempio, tutto questo mentre hanno anche lance religiose e uncini trafitti attraverso le superfici esterne dei loro corpi. L'abilità è attribuita all'intervento divino e al fervore religioso. Le devote si uniscono alla processione portando invece vasi di latte sulla testa.


    Sicurezza[modifica]

    Numeri di emergenza

    Numero di emergenza centrale 999

    Prima di intraprendere un viaggio consultare il sito Viaggiare sicuri della Farnesina per le indicazioni aggiornate sulla sicurezza del Paese.

    Sebbene il tasso di criminalità sia più alto che nella vicina Singapore, la Malesia è generalmente un Paese sicuro per i visitatori. I reati nei confronti dei turisti sono generalmente limitati a scippi, borseggi e piccoli furti. È importante tenere d'occhio gli oggetti di valore. Il furto è più comune nei luoghi affollati, come i mercati e sui mezzi pubblici. In genere, evitando le zone deserte, tornando in albergo prima di mezzanotte e usando il buon senso, sarà improbabile essere aggrediti. L'omosessualità è un crimine e i bar gay possono essere perquisiti dalla polizia; i turisti gay e lesbiche dovrebbero essere consapevoli e stare attenti.

    Avviso di viaggio! ATTENZIONE: la Malesia tratta i reati di droga in modo estremamente severo. La pena di morte è obbligatoria per i condannati per traffico, produzione, importazione o esportazione di più di 15 g di eroina, 30 g di morfina, 30 g di cocaina, 500 g di cannabis, 200 g di resina di cannabis e 1,2 kg di oppio, e il possesso di queste quantità è tutto ciò che ti serve per essere condannato. La legge non fa distinzione fra spacciatori e semplici consumatori di droga.

    Il consumo può comportare fino a 10 anni di carcere, o una pesante multa, o entrambi. Puoi essere addebitato per consumo non autorizzato fintanto che vengono rilevate tracce di droghe illecite nel tuo sistema, anche se puoi dimostrare che sono state consumate al di fuori del Paese e puoi essere accusato di traffico fintanto che le droghe vengono trovate in sacchetti che sono in di tua proprietà o nella tua stanza, anche se non sono tuoi e indipendentemente dal fatto che tu ne sia a conoscenza, quindi sii vigile sui tuoi beni.

    Avvisi turistici governativi
    (Ultimo aggiornamento: ottobre 2021)

    Crimine[modifica]

    Ci sono state alcune segnalazioni di borseggiatori e ladri "mordi e fuggi" in alcune delle principali città come Kuala Lumpur, Petaling Jaya e Johor Bahru. Come precauzione generale, non portare mai i propri averi sul lato rivolto verso la strada e camminare sempre di fronte al traffico in arrivo. Inoltre, distare di qualche metro dalle strade. Le donne che viaggiano dovrebbero prendere ulteriori precauzioni durante la notte.

    Johor Bahru è nota per avere un tasso di criminalità relativamente più alto rispetto al resto della Malesia, e rapine e furti a mano armata potrebbero verificarsi di notte nelle zone degradate della città. I documenti di viaggio e gli oggetti di valore è meglio depositarli in una cassaforte dell'hotel.

    In Malesia, alcuni reati sono puniti con la fustigazione. Essere condannato per stupro, vandalismo, ingresso illegale, corruzione, permanenza oltre il visto e alcuni altri crimini potrebbe comportare la fustigazione. I colpi della spessa canna di rattan sono molto dolorosi, ci vorrà del tempo per guarire e probabilmente provocheranno cicatrici permanenti.

    La frode con carta di credito è un problema crescente in questo Paese, soprattutto se si effettuano ordini in negozi online durante il proprio soggiorno. Usa le carte di credito solo nei negozi affidabili. Se non si è sicuri dell'affidabilità di un determinato negozio o servizio, sono disponibili diversi servizi che possono aiutare a identificare frodi e truffe come Trustedcompany.com per qualsiasi servizio online che si desidera utilizzare.

    La criminalità in Malesia si manifesta in varie forme, tra cui traffico di droga, riciclaggio di denaro, frode, mercato nero e molto altri. Il traffico di esseri umani a fini sessuali in Malesia è un problema significativo.

    I primi occidentali ad essere impiccati per detenzione di stupefacenti furono due Australiani arrestati nel 1986 all'aeroporto di Penang. Si chiamavano Kevin Barlow e Brian Chamber e avevano entrambi 28 anni. Dalla vicenda trasse spunto il regista Jerry London per il suo film "Dadah is Death" (Titolo italiano "Trappola mortale") che fu proiettato nei cinematografi due anni più tardi.

    Corruzione[modifica]

    Anche se non così grave come in Thailandia, Vietnam o Indonesia, la corruzione rimane un problema significativo in Malesia. È noto che la polizia stradale ha fermato gli automobilisti per chiedere tangenti di 100/200 RM; questo tende ad accadere un po' più spesso a chi guida auto immatricolate a Singapore (riconoscibili dalle targhe). Tuttavia, ci sono state alcune misure repressive in merito e la corruzione è punibile fino a 20 anni di carcere. Chiunque tenti di corrompere pubblici ufficiali può essere arrestato sul posto e rinchiuso durante la notte per essere accusato del reato al mattino. Se ciò accade di venerdì o alla vigilia di un giorno festivo, ci si ritroverà a passare qualche notte in cella perché i tribunali sono aperti solo dal lunedì al venerdì. Mai lasciare che questo possa dissuadere dal chiedere aiuto: in genere la polizia malese è utile ai turisti.

    Gli ufficiali della dogana e dell'immigrazione sono generalmente abbastanza onesti e, a differenza di altri Paesi del sud-est asiatico, la richiesta di pagare una tangente per far timbrare il passaporto è praticamente sconosciuta, anche ai valichi di frontiera terrestre. L'immigrazione thailandese dall'altra parte del confine è un'altra storia, però. Controllare il proprio passaporto prima di partire quando si entra via terra dal confine di Singapore, poiché è noto che gli ufficiali dell'immigrazione "dimenticano" di timbrarli, e si sarà soggetti a multe di diverse migliaia di ringgit per ingresso illegale quando si tenta di lasciare la Malesia se il proprio passaporto non è stato timbrato all'ingresso.

    La Commissione anticorruzione malese (MACC, Malay Suruhanjaya Pencegahan Rasuah Malaysia/SPRM) è responsabile delle indagini sulla corruzione in tutto il Paese. Un elenco delle filiali MACC può essere trovato qui.

    Sicurezza stradale[modifica]

    La guida in stato di ebbrezza è un reato grave e gli esami dell'etilometro da parte della polizia sono comuni.

    Quando si a piedi bisogna fare attenzione quando si attraversa la strada. I veicoli spesso ignorano le strisce pedonali. Tuttavia, le segnalazioni di bullismo stradale durante gli incidenti sono ancora comuni, quindi se si è coinvolti in un incidente fare molta attenzione quando si negozia o chiama il 999 per chiedere aiuto.

    Altro[modifica]

    Le manifestazioni pubbliche sono rare in Malesia a causa delle repressioni della polizia. Se dovessero verificarsi, potrebbero essere affrontate in modo pesante, quindi evitarle a tutti i costi.

    Infine, generalmente non è consentito ai non musulmani o ai non sunniti di fare proselitismo. In particolare, tentare di persuadere i musulmani a convertirsi dalla loro religione è illegale, e chi venisse sorpreso a farlo, nella migliore delle ipotesi verrà espulso dal Paese.

    Disastri naturali[modifica]

    La Malesia peninsulare è in gran parte esente da terremoti poiché non ci sono linee di faglia nelle vicinanze, anche se occasionalmente si possono avvertire tremori nei piani superiori di edifici alti quando si verifica un forte terremoto nella vicina Indonesia. La Malesia Orientale, d'altra parte, in particolare l'area intorno al Monte Kinabalu, subisce terremoti occasionali (come quello fatale che si è verificato nel 2015). Anche i tifoni sono estremamente rari, anche se uno ha colpito la parte meridionale di Johor nel 2001. Tuttavia, la stagione dei monsoni di novembre-gennaio provoca spesso inondazioni a causa di piogge torrenziali e si sa che si verificano frane, in particolare sulla costa orientale. Gli tsunami sono un evento raro, anche se Penang e alcune isole a nord della costa occidentale sono state colpite dal famigerato tsunami del 2004.

    Situazione sanitaria[modifica]

    L'acqua del rubinetto è potabile direttamente dal rubinetto, poiché viene trattata, ma anche i locali la bolliscono o la filtrano prima solo per essere sicuri. Quando si viaggia è meglio attenersi all'acqua in bottiglia, che è molto economica.

    Il ghiaccio nelle bevande potrebbe essere prodotto con l'acqua del rubinetto, ma al giorno d'oggi la maggior parte dei ristoranti e persino le bancarelle lungo la strada utilizzano la varietà cilindrica con un tubo cavo al centro che viene prodotta in serie nelle fabbriche di ghiaccio e è più sicura da consumare.

    Il colpo da calore è raro, ma consuma molti liquidi, usare un cappello e una crema solare e fare spesso la doccia!

    Le zanzare costituiscono un problema e possono trasmettere diverse malattie. La Malesia peninsulare è in gran parte priva di malaria, ma esiste un rischio significativo nel Borneo, specialmente nelle zone interne e rurali. La dengue si verifica in tutta la Malesia sia nelle aree urbane che rurali e può essere evitata solo prevenendo le punture di zanzara. La zanzara che trasmette la dengue si nutre durante il giorno ed è più attiva all'alba e al tramonto. Se si verifica una febbre improvvisa con dolori e letargia, consultare immediatamente un medico. L'aspirina e l'ibuprofene non devono essere usati fino a quando la febbre dengue non è stata esclusa. I repellenti per zanzare (ubat nyamuk) sono ampiamente disponibili. Fare attenzione agli zampironi, che possono facilmente innescare incendi: posizionarli su un piatto o su un'altra superficie non infiammabile e spegnerli prima di andare a dormire.

    Sono stati inoltre rilevati casi di Chikungunya negli Stati di Johore et Negri Sembilan.

    La foschia della vegetazione in fiamme nella vicina Indonesia può andare e venire senza preavviso dai mesi di maggio ad agosto, quindi i viaggiatori con disturbi respiratori dovrebbero venire preparati.

    La maggior parte dei bagni pubblici necessita di un piccolo pagamento (generalmente tra 0,20 RM e 2,00 RM, di solito a seconda dello standard delle strutture), quindi tenere qualche spicciolo a portata di mano. Se le condizioni delle toilette con posti a sedere sono discutibili, usa invece le toilette alla turca: di solito sono entrambe disponibili e alcuni ritengono che queste ultime siano più igieniche e (se ci si abitua) siano tanto facili da usare quanto le toilette occidentali.

    Sanità[modifica]

    Ospedale pubblico di Kuantan, Pahang

    Lo standard dell'assistenza sanitaria in Malesia è generalmente elevato e la Malesia sta rapidamente emergendo come una destinazione popolare per il turismo medico, con costi di trattamento in generale molto più economici rispetto alla vicina Singapore e ai Paesi occidentali. Quasi tutti i medici malesi sono in grado di parlare correntemente l'inglese, mentre la maggior parte del personale medico è in grado di conversare almeno in un inglese di base.

    La Malesia ha un sistema sanitario pubblico e privato. I servizi sanitari sono adeguati nelle grandi città, con medici che parlano inglese. Parte del personale è stato formato all'estero. Nel settore privato in particolare, il personale medico è spesso composto da professionisti ben addestrati. Al di fuori delle aree urbane, l'accesso ai servizi sanitari e la qualità delle cure variano. Le strutture sanitarie governative sono economiche ma buone, anche se tendono ad essere a corto di personale e, di conseguenza, i tempi di attesa sono lunghi. A causa dei tempi di attesa più brevi e talvolta dei livelli di comfort di tipo alberghiero, la maggior parte degli espatriati e dei visitatori preferisce cercare cure mediche private.

    I servizi odontoiatrici sono prontamente disponibili e i prezzi sono spesso inferiori rispetto ai Paesi occidentali. Tuttavia, il trattamento del canale radicolare è notevolmente più costoso rispetto ai Paesi occidentali, poiché viene eseguito solo da chirurghi dentali e non da dentisti ordinari.

    I servizi di salute mentale sono disponibili almeno nella capitale. Nel resto del Paese, potrebbero non essere molto disponibili.

    Le farmacie si trovano nei centri commerciali più grandi e gli antidolorifici sono disponibili in quasi tutti i negozi. I medicinali soggetti a prescrizione medica potrebbero non essere disponibili in farmacia in qualsiasi momento, ma solo in presenza di un farmacista, che potrebbe lavorare part-time e solo nei giorni feriali. Quando si visita un medico, i farmaci sono spesso disponibili direttamente presso l'ambulatorio del medico o presso la farmacia dell'ospedale.

    Quando si viaggia in Malesia, si dovrebbe stipulare un'assicurazione di viaggio completa. I medici e gli ospedali di solito richiedono il pagamento anticipato, soprattutto per gli stranieri. Le carte di credito sono accettate quasi ovunque. Conservare tutte le ricevute e i certificati che si riceve. Successivamente si potrà richiedere il rimborso alla propria compagnia assicurativa.

    I servizi nel settore privato sono più costosi che nel settore pubblico. Si dovrebbe controllare i dettagli sul posto. Bisogna essere vigili quando si utilizzano i servizi medici privati. I medici possono prescrivere cure costose, esami e medicinali non necessari. Ciò è particolarmente vero per i turisti. I più grandi gruppi sanitari privati della Malesia sono Parkway Pantai, che gestisce le famose catene ospedaliere Gleaneagles e Pantai e KPJ Healthcare. Le spese mediche private possono essere elevate e stipulare un'assicurazione di viaggio è un'ottima idea.

    Gli ospedali pubblici e la maggior parte degli ospedali privati offrono servizi medici di guardia 24 ore su 24. In alcune località turistiche della Malesia, si può chiedere un medico alla reception dell'hotel. Il trattamento con camera iperbarica è disponibile a Kuala Lumpur, Penang, Kuantan, Lumut, Ipoh, Sabah e Labuan.

    La disponibilità di attrezzature a noleggio negli ospedali è limitata. Nella maggior parte dei casi, è necessario acquistare dispositivi di assistenza.

    Rispettare le usanze[modifica]

    Ramadan

    Il Ramadan è il nono e il più sacro mese del calendario islamico e dura 29-30 giorni. I musulmani digiunano ogni giorno per tutta la sua durata e la maggior parte dei ristoranti resterà chiusa fino al crepuscolo. Niente (compresa l'acqua e sigarette) dovrebbe passare attraverso le labbra dall'alba al tramonto. Gli stranieri e i viaggiatori sono esentati, ma dovrebbero comunque astenersi dal mangiare o bere in pubblico in quanto considerato maleducato. Le ore di lavoro diminuiscono anche nel mondo aziendale. Le date esatte del Ramadan dipendono da osservazioni astronomiche locali e possono variare da Paese a Paese. Il Ramadan si conclude con la festa di Eid al-Fitr, che può durare diversi giorni, di solito tre nella maggior parte dei Paesi.

    • 23 marzo – 20 aprile 2023 (1444 AH)
    • 11 marzo – 9 aprile 2024 (1445 AH)
    • 1 marzo – 29 marzo 2025 (1446 AH)
    • 18 febbraio – 19 marzo 2026 (1447 AH)

    Se avete in programma di viaggiare in Malesia durante il Ramadan, prendere in considerazione la lettura dell'articolo Viaggiare durante il Ramadan.

    Cosa c'è in un nome?
    • I nomi malesi sono solitamente nome + bin o binti (figlio/figlia) + nome del padre. Mohammed bin Abdullah di solito veniva chiamato Mohammed dai suoi amici e Mr. Mohammed per affari. A volte, il nome di battesimo della persona appare dopo Mohammed o Abdul (esempio: Mohammed Faizal bin Abdul Nasser) quindi, in tal caso, di solito verrebbe chiamato Mr. Faizal.
    • I cinesi mettono al primo posto il loro cognome, quindi Tan Ah Heng è il signor Tan per gli affari e Ah Heng per i suoi amici. Molti hanno nomi occidentali, quindi potrebbe anche essere conosciuto come John Tan .
    • I nomi indiani sono complessi, ma i nomi dell'India meridionale (Tamil) che di solito si trovano in Malesia hanno due modelli: nome + a/l o a/p (anak lelaki (figlio di)/anak perempuan (figlia di)) + nome del padre, o iniziale del padre + nome proprio. I nomi dati sono spesso lunghi e possono essere abbreviati, quindi Thirumurugan a/l Govindasamy potrebbe essere semplicemente chiamato Thiru dai suoi amici e dal signor Thiru per affari.
    • Altre minoranze etniche , come Iban e Kadazan, hanno le proprie convenzioni di denominazione.

    Il metodo infallibile, quindi, è chiedere come la persona vorrebbe essere chiamata.

    Si consiglia di vestirsi in modo rispettoso, in particolare nelle zone rurali (indossare pantaloni o una gonna lunga, non pantaloncini e coprire le spalle è consigliato ma non indispensabile). Nelle città più cosmopolite come Kuala Lumpur, George Town, Malacca e Ipoh, così come negli Stati della Malesia Orientale (Sabah e Sarawak) gli atteggiamenti sono più liberali. Le donne non sono legalmente obbligate a indossare l'hijab, conosciuto localmente come tudung, tranne quando entrano nelle moschee, dove è richiesto sia per i musulmani che per i non musulmani.

    Come in molti Paesi, in quanto visitatore, è meglio non criticare il governo o le famiglie reali malesi. Si potrebbe sentire i malesi criticare il proprio governo, ma non è necessario prendere posizione; ascoltare e sentirsi libero di parlare dei propri sentimenti riguardo al proprio governo. La politica bumiputera (leggi che concedono diritti speciali ai malesi etnici non concessi alle altre razze) è una questione molto polarizzante e delicata, ed è meglio evitarla come argomento di conversazione.

    Quando si entra in una casa o in un luogo di culto, togliersi sempre le scarpe (questo è spesso richiesto anche negli ostelli). Inoltre, non mangiare mai con la mano sinistra o fare/ricevere un oggetto con la mano sinistra e non indicare mai con l'indice (si può invece usare un pugno chiuso con il pollice). Non indicare con i piedi né toccare la testa di una persona.

    È buona usanza telefonare prima di recarsi in visita da qualcuno. Agli ospiti viene generalmente offerto da bere ed è gradito accettare. Infine bisogna ricordarsi di essere in una nazione prevalentemente musulmana, quindi chi volesse consumare bevande alcoliche, dovrà farlo in modo discreto e appropriato.

    Le svastiche sono comunemente viste nei templi indù e buddisti e sono considerate un simbolo religioso da queste comunità. Enfaticamente non rappresentano il nazismo o l'antisemitismo.

    In quanto Paese prevalentemente musulmano, la Malesia tende ad essere conservatrice riguardo alla sessualità. La dimostrazione pubblica di affetto nelle città più grandi è tollerata, ma potrebbe attirare un'attenzione non necessaria da parte del pubblico. Nelle aree più rurali e negli Stati molto conservatori come Kelantan e Terengganu sulla costa orientale della penisola è disapprovato ed è meglio evitarlo. Non baciare il proprio partner in pubblico; vi metterà in imbarazzo e farà infiammare la sensibilità locale.

    Le grandi città come Kuala Lumpur hanno una scena gay abbastanza attiva e raramente si sente parlare di attacchi gay. Tuttavia, le relazioni tra persone dello stesso sesso sono un argomento tabù e i "rapporti carnali contro l'ordine della natura" sono puniti fino a 20 anni di carcere e fustigazione (solo uomini) in base alle leggi dell'era coloniale che di solito non vengono applicate contro gli eterosessuali adulti consenzienti. Diversi Stati possono anche imporre punizioni consecutive della legge della sharia fino a 3 anni e sei frustate contro i musulmani di tutti i sessi.

    Come restare in contatto[modifica]

    Poste[modifica]

    Ufficio postale ad Arau, Perlis

    Molti servizi di corriere internazionale come Fedex, DHL e UPS sono disponibili in paesi e città, ma il principale fornitore di servizi postali è Pos Malaysia, che fornisce servizi postali in modo affidabile alla maggior parte dei Paesi del mondo.

    Le tariffe postali in Malesia sono economiche. Molto molto più economiche di Thailandia, Singapore o Vietnam, ed è disponibile anche la posta di superficie. Inoltre la posta è affidabile e degna di fiducia. Durante la spedizione, non va sigillata la scatola per consentire l'ispezione, effettuata per la ricerca di articoli illegali.

    Un'alternativa locale ai corrieri internazionali sopra menzionati è il Pos Laju, che fornisce un servizio altrettanto affidabile ma a una frazione del costo!

    Le lettere e le cartoline non urgenti possono essere depositate nelle cassette postali all'interno degli uffici postali o nelle cassette postali rosse all'esterno degli uffici postali e lungo le strade principali. Se ci sono due slot in una buca delle lettere, usa quello che dice "lain lain" per la posta internazionale.

    Gli uffici postali sono aperti in orario Lun-Sab 08:00-17:00 tranne i giorni festivi, anche se alcuni nella Klang Valley rimangono aperti fino alle 22:00. Negli Stati di Kedah, Kelantan, Johor e Terengganu sono chiusi il venerdì e nei giorni festivi.

    Telefonia[modifica]

    Cabine telefoniche a Sabah

    I numeri di telefono fissi malesi hanno 7/8 cifre. Il Paese è inoltre suddiviso in aree a cui sono stati assegnati prefissi a due o tre cifre, che devono essere composti quando si chiama dall'esterno dell'area. I prefissi sono:

    Il prefisso 02 è stato assegnato per le chiamate effettuate dalla Malesia a Singapore. Ciò significa che non è necessario chiamare il prefisso internazionale 65 di Singapore quando si chiama dalla Malesia. Le chiamate internazionali con selezione diretta (IDD) da rete fissa verso tutti gli altri Paesi devono utilizzare il prefisso 00 seguito dal prefisso del Paese.

    Per chiamare un numero malese:

    • Dall'estero, ad eccezione di Singapore, comporre il prefisso internazionale, il prefisso internazionale per la Malesia, il prefisso senza lo "0" e quindi il numero di telefono.
    • Da Singapore comporre 02, il prefisso con lo "0", e poi il numero di telefono.
    • Dall'esterno dell'area locale comporre il prefisso completo, seguito dal numero di telefono. Non ci sono eccezioni a questa regola, tranne quando si utilizza un telefono cellulare.
    • Dall'interno dell'area locale basta comporre il numero di telefono senza alcun prefisso.

    Cellulari[modifica]

    La Malesia ha anche quattro fornitori di servizi di telefonia mobile, Maxis, DiGi, Celcom e U Mobile che utilizzano i prefissi 012, 013, 014, 016, 017, 018, 019. La connessione di rete in Malesia è eccellente. La portabilità del numero di cellulare è stata implementata in Malesia, il che significa che un prefisso come 012 che tradizionalmente apparteneva a Maxis, ora può essere un abbonato DiGi. Le reti mobili utilizzano i sistemi GSM 900 e 1800. Reti 3G (WCDMA), EDGE e HSPDA disponibili nelle città più grandi. Il roaming internazionale su queste reti è possibile se il proprio operatore lo consente. Le carte SIM prepagate in vendita negli aeroporti sono piuttosto convenienti; una carta SIM di una settimana con una buona quantità di dati potrebbe costare circa 20/30 RM (2019).

    Per chiamare un numero di cellulare malese:

    • Dall'estero comporre il prefisso internazionale, il prefisso internazionale della Malesia, il prefisso del gestore di telefonia mobile senza lo "0" e poi il numero di telefono.
    • Dall'interno della Malesia comporre il prefisso del provider con lo "0", e poi il numero di telefono.
    • Da cellulare a cellulare all'interno della Malesia comporre il prefisso del provider con lo "0", quindi il numero di telefono. Sebbene si possa eliminare il prefisso del provider se i due telefoni condividono lo stesso provider, si potrà comunque a chiamare aggiungendolo/lasciandolo.

    Per chiamare dalla Malesia verso un altro Paese:

    • Da rete fissa comporre il codice internazionale "00" seguito dal prefisso internazionale e dal numero di telefono. Ad esempio, chiamando gli Stati Uniti d'America dalla Malesia, si dovrà comporre 001 seguito dal prefisso locale e dal numero di telefono degli Stati Uniti. Sulla rete Maxis, approfittare delle tariffe IDD del 50% tramite IDD132, che non richiede alcuna registrazione, basta comporre "132" prima dello "00".
    • Da un telefono cellulare come da un telefono fisso (sopra). Un approccio alternativo e più semplice su molti telefoni cellulari consiste nel tenere premuto il pulsante zero per inserire un "+" (segno più) prima del prefisso internazionale e del numero di telefono. Il "+" rappresenta (in qualsiasi paese) il codice di accesso internazionale appropriato. Sulla rete Maxis, approfitta delle tariffe IDD del 50% tramite IDD132, che non richiede alcuna registrazione, basta comporre "132" prima dello "00" e non utilizzare il simbolo "+" utilizzando questo metodo.

    Internet[modifica]

    La connessione a Internet in Malesia è facilmente accessibile nella maggior parte delle città e dei paesi. È stato uno dei primi Paesi al mondo a offrire la connettività 4G. Internet a banda larga è disponibile nella maggior parte degli hotel, negli internet cafè e in alcuni ristoranti. Il Wi-Fi è solitamente disponibile negli hot spot di quasi tutti i ristoranti, i fast-food e i centri commerciali. Sono disponibili anche carte Internet prepagate per accedere alla banda larga wireless, in alcuni bar.

    I clienti di solito pagano 1/5 RM/h per i servizi Internet nei cybercafè (a seconda della città in cui ci si trova). Le connessioni Internet offerte nei ristoranti e nei caffè sono generalmente gratuite e sempre più negozi di alimentari lo offrono. Questi includono tutti Starbucks e Coffeebean, alcuni McDonald's e Subway e un numero crescente di posti più piccoli.

    Tenersi informati[modifica]

    I principali giornali della Malesia in malese sono Berita Harian e Utusan Malaysia. Ci sono anche numerosi giornali cinesi, i più popolari sono China Press (中國報), Nanyang Siang Pau (南洋商報) e Sin Chew Daily (星洲日報), oltre a diversi giornali tamil.

    Il giornale ufficiale in lingua inglese della Malesia è il New Straits Times, un derivato del Singaporean Straits Times, disponibile nella maggior parte degli hotel e delle edicole. Anche The Star è disponibile.

    Altri progetti


    Stati d'Asia

    bandiera Afghanistan · bandiera Arabia Saudita · bandiera Bahrain · bandiera Bangladesh · bandiera Bhutan · bandiera Birmania · bandiera Brunei · bandiera Cambogia · bandiera Cina · bandiera Corea del Nord · bandiera Corea del Sud · bandiera Emirati Arabi Uniti · bandiera Filippine · bandiera Giappone · bandiera Giordania · bandiera India · bandiera Indonesia · bandiera Iran · bandiera Iraq · bandiera Israele · bandiera Kirghizistan · bandiera Kuwait · bandiera Laos · bandiera Libano · bandiera Maldive · bandiera Malesia · bandiera Mongolia · bandiera Nepal · bandiera Oman · bandiera Pakistan · bandiera Qatar · bandiera Singapore · bandiera Siria · bandiera Sri Lanka · bandiera Tagikistan · bandiera Thailandia · bandiera Timor Est · bandiera Turkmenistan · bandiera Uzbekistan · bandiera Vietnam · bandiera Yemen

    Stati con riconoscimento limitato: bandiera Stato di Palestina · bandiera Taiwan

    Stati solo fisicamente asiatici[1]: bandiera Armenia · bandiera Azerbaigian[2] · bandiera Cipro · bandiera Georgia[2] · bandiera Kazakistan · bandiera Russia · bandiera Turchia

    Stati de facto indipendenti: bandiera Abcasia[2] · bandiera Artsakh · bandiera Cipro del Nord · bandiera Ossezia del Sud[2]

    Dipendenze australiane: bandiera Isole Cocos e Keeling · bandiera Isola di Natale

    Dipendenze britanniche: Regno UnitoRegno Unito (bandiera) Akrotiri e Dhekelia[3] · Territorio britannico dell'Oceano Indiano

    Stati parzialmente asiatici: bandiera Egitto (Sinai) · bandiera Grecia (Isole dell'Egeo settentrionale, Dodecaneso) · bandiera Russia (Russia asiatica) · bandiera Turchia (Turchia asiatica)

    1. Stati generalmente considerati europei sotto il profilo antropico
    2. 2,0 2,1 2,2 2,3 Stato considerato fisicamente interamente asiatico solo da alcune convenzioni geografiche
    3. Stato o dipendenza fisicamente asiatico ma generalmente considerato europeo sotto il profilo antropico
    StatoUsabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per dare un'idea generale sullo Stato. Offre informazioni sulla cultura e sulle principali attrazioni presenti.