Scarica il file GPX di questo articolo

Asia > Estremo Oriente > Giappone

Giappone

Indice

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Giappone
Monte Fuji
Localizzazione
Giappone - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Giappone - Stemma
Giappone - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Giappone è uno stato insulare dell'Estremo Oriente.

Da sapere[modifica]

Conosciuta anche come la "Terra del Sol Levante", il Giappone è un paese in cui il passato incontra il futuro. La cultura giapponese è vecchia di millenni, ma ha anche adottato (e creato) le ultime tendenze e mode moderne.

Il paese è uno studio di contrasti e contraddizioni. Molte aziende giapponesi continuano a dominare con le loro industrie, anche se leggendo le notizie finanziarie, il Giappone sembra essere in bancarotta. Le città sono moderne e altamente tecnologiche come nessun altro luogo al mondo, ma delle baracche di legno cadenti possono ancora essere individuate accanto ai condomini in design con la facciata in vetro. Ma si trovano anche bellissimi templi e giardini che sono spesso circondati da segni sgargianti e edifici brutti. Nel mezzo di un moderno grattacielo potreste scoprire una porta scorrevole in legno che conduce ad una camera tradizionale con tatami, calligrafia e cerimonia del tè. Queste giustapposizioni significano che potreste essere spesso sorpresi e raramente annoiati nello scoprire il paese.

Sebbene il Giappone sia stato spesso visto in Occidente come una terra che combina tradizione e modernità, il che è anche vero, parte di questa idea è obsoleta, dato che il Giappone è la prima grande potenza asiatica a modernizzarsi. Tenete presente che la demolizione continua di alcuni dei monumenti storici del Giappone procede rapidamente, come nel caso della famosa demolizione del teatro Kabuki-za. Tuttavia, con la corretta pianificazione e con le aspettative tenute sotto controllo, un viaggio in Giappone può essere incredibilmente piacevole e sicuramente utile.

Cenni geografici[modifica]

L'arcipelago giapponese è formato da 6.852 isole vulcaniche disposte parallelamente alla costa coreana e a quella cinese. Le isole maggiori sono occupate da montagne la cui vetta più alta è il Monte Fuji (un vulcano alto più di 3.700 m). L'ambiente dell'isola di Hokkaidō, nell'estremo nord, è caratterizzato da massicci di montagne vulcaniche. Le poche pianure giapponesi si trovano lungo le coste le quali, oltre ad avere una lunghezza complessiva di 30.000 km, sono prevalentemente frastagliate. Il Giappone ha un alto livello sismico trovandosi nel punto di contatto tra la placca pacifica e quella eurasiatica.

Poiché è una nazione insulare il Giappone è stato isolato per molto tempo dal resto del mondo (con lievi eccezioni da Cina e Corea), così la popolazione è molto omogenea: quasi il 99% della popolazione è di etnia giapponese. La popolazione ha iniziato a decrescere a causa di un basso tasso di natalità e dell’assenza di immigrazione. La seconda etnia è fatta di coreani, circa 1 milione di persone, molte alla loro 3ªo 4ª generazione. Ci sono anche parecchi cinesi, filippini e brasiliani, anche se molti di origine giapponese. Sebbene ampiamente assimilata, la popolazione residente cinese mantiene una buona presenza nelle tre Chinatown giapponesi a Kobe, Nagasaki e Yokohama. Le minoranze etniche indigene includono gli Ainu nell'Hokkaidō, gradualmente spostatisi verso nord nel corso dei secoli e che ora contano circa 50.000 persone (anche se il numero varia molto a seconda della definizione esatta usata), e il popolo Ryukyuan di Okinawa.

Quando andare[modifica]

Primavera e autunno costituiscono i miglior periodi per visitare il Giappone. Bisogna solo fare in modo che le date del proprio viaggio non coincidano con quelle della cosiddetta "settimana d'oro", festività che in genere ricorre tra fine aprile ed inizi di maggio. Per i Giapponesi la settimana d'oro è sinonimo di ferie; negli alberghi si registra il tutto esaurito così come sui treni e gli altri mezzi di trasporto.

La fioritura del ciliegio (Sakura) a Tokyo nel mese di aprile

Anche se il paese ha un'estensione nord-sud parecchio elevata ed i climi divergono parecchio, l'estate (con l'eccezione dell'Hokkaidō) è una stagione che andrebbe evitata: come accade tipicamente nel continente asiatico, anche l'estate giapponese è caratterizzata da temperature elevate (30°C e oltre), bassa escursione termica giornaliera (la notte rimane stabilmente sopra i 25°C, specie nei centri urbani) ed elevatissima umidità, che rende la temperatura percepita ancora più alta. Al contrario, l'inverno è generalmente molto secco, con poche precipitazioni. Fanno eccezione l'Hokkaidō, il Nord-Est e quasi tutta la fascia costiera sul Mar del Giappone che sono caratterizzati da forti e frequenti nevicate da fine novembre a fine marzo. La neve dell'Hokkaidō è considerata una delle migliori al mondo per sciare, vista l'elevata frequenza di nevicate.

Cenni storici[modifica]

Il principe Shotoku.jpg

La posizione del Giappone sulle isole ai margini estremi dell'Asia ha avuto una profonda influenza sulla sua storia. Abbastanza vicino all'Asia continentale, ma abbastanza lontano per mantenersi separato, gran parte della storia giapponese ha visto alternarsi periodi di chiusura e apertura. Fino a poco tempo fa, il Giappone è stato in grado di attivare e staccare la sua connessione con il resto del mondo, accettando influenze culturali straniere in modo imprevisto. Tutto ciò è in parte paragonabile al rapporto tra la Gran Bretagna e il resto dell'Europa, ma con un canale molto più ampio.

La storia giapponese registrata inizia nel V secolo, anche se le testimonianze archeologiche di insediamenti risalgono a 50.000 anni fa e il mitico Imperatore Jimmu avrebbe fondato l'attuale linea imperiale nel VII secolo a.C.. Le prove archeologiche, tuttavia, sono solo riuscite a risalire la linea imperiale al periodo Kofun (古墳 時代) durante il III-VII secolo d.C., che fu anche quando i giapponesi per primi avevano contatti significativi con la Cina e la Corea. Il Giappone divenne gradualmente uno stato centralizzato durante il periodo Asuka (飛鳥 時代), durante il quale il Giappone assorbì ampiamente molti aspetti della cultura cinese e vide l'introduzione del buddismo e del confucianesimo Mahayana. Durante quel periodo, il principe Shotoku, il reggente del Giappone, inviò messaggeri a Tang China per saperne di più sulla cultura e le pratiche cinesi e per introdurli in Giappone. Si ritiene che anche il popolare gioco da tavolo di Go sia stato introdotto in Giappone durante questo periodo.

Tokugawa Ieyasu

Il primo stato forte giapponese era centrato a Nara, allora noto come Heijo-kyo (平城 京), che fu costruita secondo il modello dell'allora capitale cinese Chang'an. Questo periodo, soprannominato il Periodo Nara (奈良 時代) fu l'ultima volta che l'imperatore deteneva il potere politico, con il potere che alla fine cadde nelle mani del clan dei nobili di corte Fujiwara durante il periodo Heian (平安 時代), quando la capitale fu spostata a Kyoto, allora nota come Heian-Kyo (平安 京), anch'essa ispirata alla capitale cinese Chang'an, che rimase la residenza imperiale giapponese fino al XIX secolo. L'influenza cinese raggiunse il suo apice anche durante il primo periodo Heian, che vide il buddismo diventare una religione popolare tra le masse. Questo fu poi seguito dal Periodo Kamakura (鎌倉 時代), quando un samurai riuscì ad acquisire potere politico. Minamoto no Yoritomo, il più potente di loro, fu soprannominato shogun dall'imperatore e governava dalla sua base a Kamakura. Il periodo Muromachi (室町時代) vide poi lo shogunato Ashikaga salire al potere, governando dalla loro base ad Ashikaga. Il Giappone discese poi nel caos del Periodo degli Stati Combattenti (戦 国 時代) nel XV secolo. Il Giappone fu gradualmente unificato verso la fine del periodo degli Stati Combattenti, noto come Periodo Azuchi-Momoyama (安 土 桃山 時代), sotto l'influenza dei potenti signori della guerra Oda Nobunaga e Toyotomi Hideyoshi, che governavano rispettivamente dalle loro basi a Kiyosu e Osaka. Tokugawa Ieyasu finalmente completò l'unificazione del paese nel 1600 e fondò lo shogunato Tokugawa, uno stato feudale governato da Edo, che in epoca moderna avrebbe preso il nome di Tokyo. Sebbene l'imperatore continuasse a governare in nome della capitale imperiale a Kyoto, in pratica il potere assoluto era concentrato nelle mani dello shogun Tokugawa. Fu imposto un rigido sistema di caste, con lo Shogun e i suoi guerrieri samurai in cima alla scala gerarchica e nessuna mobilità sociale consentita.

Il colloquio tra Perry e il Tokugawa

Durante questo periodo, soprannominato periodo Edo (江 戸 時代), il dominio Tokugawa mantenne il paese stabile ma stagnante con una politica di quasi totale isolamento (con l'eccezione dei mercanti olandesi e cinesi in certe città designate) mentre il mondo intorno a loro andava avanti. Le Navi Nere del Commodoro Matthew Perry arrivarono a Yokohama nel 1854, costringendo il paese ad aprirsi al commercio con l'Occidente, con la conseguente firma di trattati iniqui e il crollo dello shogunato durante la Restaurazione Meiji (明治 維新) del 1868, durante il quale la capitale imperiale fu trasferita da Kyoto a Edo, ora ribattezzata Tokyo. Dopo aver osservato la colonizzazione occidentale nel sud-est asiatico e la divisione e l'indebolimento della Cina, che i giapponesi avevano considerato per lungo tempo la più grande superpotenza del mondo, il Giappone ha promesso a se stesso di non essere più superato dall'Occidente, lanciandosi a capofitto nell’industrializzazione e modernizzazione rapida, diventando il primo paese asiatico ad entrare nella modernità con standard occidentali. Adottando la tecnologia e la cultura occidentali, le città giapponesi hanno presto fatto germogliare ferrovie, edifici in mattoni e fabbriche, e persino il disastroso Grande terremoto del Kanto del 1923, che ha devastato gran parte di Tokyo e ucciso oltre 100.000 persone, è stato a malapena un ostacolo.

Il fungo atomico su Nagasaki

Dopo l’apertura ai commerci e il rafforzamento industriale, il Giappone da sempre povero di risorse aveva cercato altrove le forniture di cui aveva bisogno, e per questa ragione ha cercato di espandersi colonizzando i suoi vicini. La prima guerra sino-giapponese del 1894-95 vide il Giappone prendere il controllo di Taiwan, Corea e parti della Manciuria, e la sua vittoria contro la Russia nella guerra russo-giapponese del 1904-05 consolidò la sua posizione di forza. Con un governo sempre più totalitario controllato dai militari, il Giappone rovesciò la monarchia coreana e annesse la Corea a titolo definitivo nel 1910 e lanciò un'invasione su vasta scala della Cina attraverso la Manciuria nel 1931, e nel 1941 ebbe un impero che attraversò gran parte dell'Asia e del Pacifico. Nel 1941, il Giappone attaccò Pearl Harbor, distruggendo una piccola parte della flotta degli Stati Uniti nel Pacifico ma trascinando l'America nella seconda guerra mondiale, la cui sorte iniziò presto a girare contro il Giappone finché fu costretto a arrendersi nel 1945 dopo che gli attacchi nucleari a Hiroshima e Nagasaki, uccisero 1,86 milioni di civili e militari giapponesi, determinando per la prima volta la sua storia l’occupazione militare del paese da parte dell’esercito Americano. Il governo giapponese non ha mai riconosciuto pubblicamente o chiesto scusa per le atrocità commesse durante la seconda guerra mondiale, ciò è stato spesso una delle principali cause di conflitto nelle relazioni diplomatiche con gli altri paesi asiatici, in particolare con i vicini Cina e Corea del sud. L'imperatore mantenne il suo trono ma fu trasformato in un monarca costituzionale. Così convertito al pacifismo e alla democrazia, con gli Stati Uniti che si occupavano della difesa, il Giappone diresse le sue prodigiose energie verso tecnologie pacifiche e riemerse rapidamente dalla povertà per conquistare i mercati del mondo con un flusso incredibile di automobili e elettronica di consumo raggiungendo il PIL più alto al mondo dopo gli Stati Uniti.

Le devastazioni dello tsunami del 2011 a Kamaishi.

Ma la crescita frenetica non poteva durare per sempre, e dopo che l'indice azionario Nikkei raggiunse le vertiginose altezze di 39.000 punti nel 1989 degli anni '90 il Giappone vide la bolla immobiliare sgonfiarsi, una caduta del mercato azionario della metà e, aggiungendo alla beffa il danno, subì il grande terremoto di Kobe del 1995 che ha raso al suolo parti della città e ucciso oltre 6.000 persone. L'economia deve ancora oggi riprendersi completamente dalla sua stasi, con la deflazione che fa abbassare i prezzi, un peso sempre più insostenibile del debito pubblico (oltre il 200% del PIL) e una crescente polarizzazione della società giapponese in "abbienti" con posti di lavoro permanenti e "non-abbienti" che si spostano tra lavori temporanei. L'ansia nazionale è aumentata anche a causa della posizione regionale più aggressiva della vicina Cina, oltre a superare il Giappone è diventata la seconda economia più grande del mondo. Nonostante ciò, il Giappone continua a essere la sede di molte delle più importanti società di alta tecnologia del mondo e i giapponesi mantengono uno dei più alti standard di vita al mondo.

Un’altra tragedia ha colpito ancora il paese nel marzo 2011 con il Grande terremoto del Tohoku e lo Tsunami. Il peggior disastro del Giappone dopo la seconda guerra mondiale ha causato la morte di oltre 15.000 persone con altre 2.500 disperse. Proprio come avvenne nei precedenti disastri, il Giappone si riprende e le aree colpite - salvo un piccolo perimetro attorno a alla centrale nucleare di Fukushima - sono di nuovo aperte. Nel 2020 Tokyo ospiterà le Olimpiadi estive.

Lingue parlate[modifica]

Scrittura giapponese su una lanterna del tempio di Asakusa, Tokyo

Il giapponese è una lingua con molti dialetti distinti, sebbene il giapponese standard (hyōjungo 標準 語), che è basato sul dialetto di Tokyo, sia insegnato nelle scuole e conosciuto dalla maggior parte delle persone in tutto il paese. Il dialetto gergale della regione del Kansai è particolarmente famoso nella cultura pop giapponese. Nelle isole meridionali di Okinawa, si parlano molti dialetti delle lingue Ryukyuan strettamente imparentate, per lo più da parte degli anziani, mentre nell'Hokkaido settentrionale raramente si parla ancora l'Ainu. Difficilmente vengono parlate altre lingue, se non nei centri con maggior afflusso di turisti, in particolare Kyoto ed in parte la capitale Tokyo. Comunque, il personale di alberghi e ristoranti internazionali e lo staff dei musei spesso può comunicare in inglese.

Il giapponese è scritto usando un complesso contorto di tre diversi stili: kanji (漢字) o caratteri cinesi, insieme con i sillabari "nativi" hiragana (ひ ら が な) e katakana (カ タ カ ナ). Ci sono migliaia di kanji nell'uso quotidiano e anche i giapponesi passano anni ad impararli, ma i kana hanno solo 46 caratteri ciascuno e possono essere appresi con un ragionevole sforzo. Dei due, i katakana sono probabilmente più utili per il visitatore in quanto sono usati per scrivere i prestiti da lingue straniere diverse dal cinese, e quindi possono essere usati per capire parole come basu (バ ス, bus), kamera (カ メ ラ, fotocamera) o konpyūtā (コ ン ピ ュ ー タ ー, computer). Tuttavia, alcune parole come terebi (テ レ ビ, televisione), depāto (デ パ ー ト, grande magazzino), wāpuro (ワ ー プ ロ, word processor) e sūpā (ス ー パ ー, supermercato) potrebbero essere più difficili da capire. Anche conoscere il cinese sarà un grande vantaggio per affrontare il kanji, ma non tutte le parole significano ciò che sembrano: 大家 (cinese mandarino: dàjiā, giapponese: ōya), "tutti" per i cinesi, significa "padrone di casa" in Giappone!

Nell’ambito dei nomi giapponesi ci sono alcuni suffissi che consentono di identificare subito la tipologia di attrazione:

  • yama = montagna
  • kawa o gawa = fiume
  • ji, dera o in = tempio

Mentre il suffisso -ku identifica il quartiere come per Kita-ku a Osaka, Minato-ku o Taito-ku per Tokyo.

I giapponesi più giovani hanno studiato inglese per almeno 6 anni, ma l'istruzione tende a focalizzarsi sulla grammatica e sulla scrittura formale piuttosto che sulla conversazione vera e propria. Al di fuori delle principali attrazioni turistiche e dei grandi hotel internazionali, è raro trovare persone che conoscano l'inglese. Leggere e scrivere tende ad andare molto meglio, e molte persone sono in grado di capire un po' di inglese scritto senza poterlo parlare. Se perso, può essere pratico scrivere una domanda su carta in parole semplici e qualcuno sarà probabilmente in grado di indicarti la giusta direzione. Può anche essere utile portare con sé un biglietto da visita dell'hotel o un quaderno, per mostrare a un tassista o a qualcuno se si perde la strada. Conforta il fatto che molti giapponesi faranno di tutto per capire quello che volete e aiutarvi, quindi vale la pena cercare di raccogliere almeno i saluti di base e di ringraziare per mettere le persone a proprio agio.

Le infrastrutture pubbliche come i treni includono quasi universalmente segnaletica inglese, e gli Shinkansen e altri treni di uso comune annunciano anche le fermate imminenti in inglese. Anche le attrazioni turistiche e le grandi imprese hanno di solito almeno qualche segnaletica inglese, ma man mano che si procede più lontano, l'inglese diventa più raro (e le traduzioni più discutibili). Alcune delle principali attrazioni turistiche e dei grandi hotel internazionali di Tokyo hanno personale in grado di parlare il mandarino o il coreano, e anche molti aeroporti e stazioni ferroviarie hanno segnali anche in cinese e coreano. A Hokkaido, alcune persone che vivono vicino al confine russo potrebbero essere in grado di parlare russo. Nell'area di Tokyo, dato il grande afflusso di cinesi e coreani, si sono venute a creare delle chinatown (a Yokohama Chuuka-machi 中華町 e coreatown a Tokyo shin-ookubo 新大久保) in cui si parlano cinese e coreano.

La lingua dei segni giapponese (JSL, 日本 手 話 nihon shuwa) è la lingua dei segni dominante. La sua adozione è stata lenta, ma ha alcuni forti sostenitori, tra cui Kiko, la principessa Akishino, che è una abile interprete di segni e che partecipa a molti linguaggi dei segni e eventi per sordi. È mutuamente intelligibile con le lingue dei segni coreana e taiwanese, ma non con la lingua dei segni cinese, con l'Auslan, con la lingua dei segni americana o con altri.

Cultura e tradizioni[modifica]

Il suo carattere insulare ha permesso di sviluppare una cultura unica e molto intricata, mentre la sua vicinanza ad altre antiche culture dell'Estremo Oriente, in particolare la Cina, ha lasciato un'influenza duratura. Nonostante appartenesse ad una nazione in guerra da sempre, sia internamente che all'estero, il popolo giapponese aveva storicamente posto sempre l'accento sull'equilibrio interiore, sulla tranquillità e sulla bellezza naturale. Questi valori tradizionali sono diventati sempre più importanti ora che il Giappone è diventato uno dei paesi più densamente popolati del mondo e la sua leggendaria etica del lavoro rende la vita nelle sue città piuttosto frenetica.

Un esempio di manga

La sofisticata cucina giapponese si è diffusa in tutti gli angoli del mondo per mezzo del sushi (e degli spaghetti ramen istantanei), ma è solo nel paese della sua nascita in cui si può veramente apprezzare la sua vera forma. Ancora più affascinante è la cultura popolare, che ha sviluppato un'influenza in tutto il mondo, in particolare i fumetti manga e i cartoni animati, per cui alcuni giapponesi si sono avvicinati ai loro personaggi e ai temi preferiti fino all'estremo.

Nel XX secolo, il Giappone ha goduto di una crescita economica impressionante, ponendolo tra le nazioni più ricche del mondo. Tutto questo è stato principalmente guidato da una rapida modernizzazione e specializzazione in particolare nell'alta tecnologia. A causa di ciò, il Giappone è ora pieno di contrasti tra la tradizione ancora viva e il patrimonio molto caro e le infrastrutture ultra-moderne, edifici e strutture. I numerosi aeroporti del paese e il rinomato treno ad alta velocità shinkansen consentono un facile accesso e un comodo trasporto. Mentre i giapponesi sono noti per essere riservati e le loro abilità linguistiche non sono la loro risorsa più forte, faranno di tutto per far sentire gradito il visitatore. Le aziende giapponesi di vendita al dettaglio sono anche conosciute per il loro servizio clienti leggendario, e i visitatori provenienti dall'estero sono spesso sorpresi dal fatto che il personale del servizio di assistenza sia destinato a soddisfare le richieste dei clienti.

Il Giappone ha attraversato periodi di apertura e isolamento durante la sua storia e la sua cultura è unica. Essendo stato parte della sfera culturale cinese per lungo tempo sono evidenti le influenze nella cultura giapponese. Queste si sono mescolate alle usanze dei nativi giapponesi per dar vita a una cultura particolare. Durante il periodo Edo, la cultura era stata fortemente influenzata dal confucianesimo. Lo shogunato Tokugawa istituì un rigido sistema di classi, con lo Shogun all'apice, i suoi servitori sotto di lui, e gli altri samurai sotto, seguiti da una vasta popolazione di cittadini comuni sullo sfondo. Ci si aspettava che i sottoposti pagassero il rispetto ai samurai (con il rischio di essere uccisi se non lo avessero fatto), e ci si aspettava che le donne fossero asservite agli uomini. Ci si aspettava che i samurai adottassero un atteggiamento di "Morte prima del disonore" e in genere che si suicidassero per auto-sventramento (切腹 seppuku) piuttosto che vivere nella vergogna. Sebbene il periodo Edo si concluse con la Restaurazione Meiji nel 1868, la sua eredità continua a sopravvivere nella società giapponese. L'onore rimane ancora un concetto importante, i dipendenti devono ancora essere obbedienti senza riserve ai loro capi e le donne continuano a lottare per la parità di trattamento.

I giapponesi sono anche fieramente orgogliosi del loro patrimonio e della loro cultura e si attengono a molte antiche tradizioni che risalgono a centinaia di anni fa. Allo stesso tempo, sembrano anche ossessionati dall'ultima tecnologia, spesso di molti anni avanti rispetto al resto del mondo. Questo paradosso dell’essere tradizionali ma ultramoderni serve spesso ad incuriosire i visitatori, e molti continuano a tornare in Giappone per sperimentarlo dopo la loro prima visita.

Religione[modifica]

Un torii shintoista
Una statua di Buddha

Il Giappone ha due tradizioni religiose dominanti: lo shinto (神道) che è l'antica religione animista del Giappone tradizionale. Da poco più di duecento anni in Giappone, il buddismo è la fede importata più recente. Il cristianesimo, introdotto dai missionari europei, fu ampiamente perseguitato durante l'era feudale, ma ora è accettato, e una piccola percentuale di giapponesi è cristiana.

In generale, i giapponesi non sono persone particolarmente religiose. Mentre sono fortemente influenzati dalle filosofie buddiste e visitano regolarmente i santuari e i templi per offrire monete e pregare silenziosamente, la fede e la dottrina religiosa giocano un ruolo nella vita del giapponese medio. Quindi sarebbe impossibile cercare di rappresentare quale percentuale della popolazione sia scintoista buddista, o addirittura cristiana. Secondo un famoso sondaggio, il Giappone è l'80% scintoista e l'80% buddista, e un altro detto spesso afferma che i giapponesi siano shintoisti quando vivono, in quanto le feste sono tipicamente scintoisti, buddisti quando muoiono, poiché i funerali di solito usano il buddismo riti e cristiani quando si sposano perché adorano il rito cattolico rispetto al più complesso rito shintoista. La maggior parte dei giapponesi accetta un po' di ogni religione. Il cristianesimo è evidente quasi esclusivamente in senso commerciale e pratico. Le varianti di Babbo Natale, alberi di Natale e altri simboli natalizi non religiosi sono esposti nei centri commerciali di tutte le aree metropolitane.

Allo stesso tempo, lo Shintoismo e il Buddismo hanno avuto un'enorme influenza sulla storia e sulla vita culturale del paese. La religione shintoista si concentra sullo spirito della terra e si riflette nei meravigliosi giardini e nei santuari del paese e nelle antiche foreste. Quando visitate un santuario (jinja 神社) con il suo semplice cancello torii (鳥 居), vedrete i costumi e gli stili shintoisti. Se vedete un appezzamento di terreno vuoto con una carta bianca sospesa in una piazza, è una cerimonia scintoista atta a dedicare la terra a un nuovo edificio. Il buddismo in Giappone si è ramificato in numerose direzioni nel corso dei secoli. Nichiren (日 蓮) è il più grande ramo della credenza buddista. Gli occidentali hanno probabilmente più familiarità con il Buddismo Zen (禅), che fu introdotto in Giappone nel XIV e XV secolo. Lo Zen si adatta alla sensibilità estetica e morale del Giappone medievale, influenzando le arti come l'organizzazione dei fiori (生 け 花 ikebana), la cerimonia del tè (茶道 sadō), la ceramica, la pittura, la calligrafia, la poesia e le arti marziali. Nel corso degli anni, lo Shintoismo e il Buddismo si sono intrecciati considerevolmente. Li troverete affiancati nelle città e nelle vite delle persone. Non è affatto insolito trovare un torii scinto in piedi davanti a un elaborato tempio buddista (o-tera お 寺).

Letture suggerite[modifica]

Film suggeriti[modifica]

La cinematografia che riguarda il Giappone è vasta, molti film sono noti capolavori del cinema giapponese altri rievocano l'immaginario e la cultura pop del paese.

Documentari[modifica]

I documentari sui vari aspetti del Giappone sono tantissimi, sia in lingua italiana che inglese tra cui Japanology. Facendo una ricerca su Youtube si trovano anche diversi youtuber italiani che raccontano il paese come Tommaso in Giappone, Vivi in Giappone e altri.

Insuperabili poi i documentari di Turisti per caso con Syusy Blady e Patrizio Roversi (su Youtube).

Territori e mete turistiche[modifica]

Il Giappone viene convenzionalmente diviso in nove regioni ripartite in cinque aree insulari, elencate qui di seguito da nord a sud:

Mappa divisa per regioni
Hokkaidō
      Hokkaidō — Isola più settentrionale e frontiera innevata. Famosa per i suoi ampi spazi aperti e inverni freddi.
Honshū
      Tōhoku — Comprende le prefetture di: Aomori, Iwate, Akita, Prefettura di Miyagi, Yamagata e Fukushima. In gran parte rurale a nordest dell'isola Honshu, meglio conosciuta per pietanze di mare, sci e terme.
      Kantō — Comprende le prefetture di: Ibaraki, Tochigi, Gunma, Saitama, Chiba, Tokyo e Kanagawa. Litorale di Honshu che racchiude le città di Tokyo e Yokohama.
      Chūbu — Comprende le prefetture di: Niigata, Toyama, Ishikawa, Fukui, Yamanashi, Nagano, Shizuoka, Aichi e Gifu. Regione centrale montana di Honshu, dominata dalle Alpi Giapponesi e la quarta città più grande del Giappone Nagoya.
      Kansai (Kinki) — Comprende le prefetture di: Shiga, Mie, Kyoto, Osaka, Nara, Wakayama e Hyogo. Regione occidentale di Honshu, antica capitale della cultura e commercio, racchiude le città di Osaka, Kyoto, Nara e Kobe.
      Chūgoku — Comprende le prefetture di: Tottori, Shimane, Okayama, Hiroshima e Yamaguchi. A sudovest di Honshu, una regione rurale nota per le città di Hiroshima e Okayama.
Shikoku
      Shikoku — Comprende le prefetture di: Kagawa, Ehime, Tokushima e Kōchi. La più piccola delle quattro isole principali, meta di pellegrini buddisti, e meglio percorsi per il rafting dell'intero Giappone.
Kyūshū
      Kyūshū — Comprende le prefetture di: Fukuoka, Saga, Nagasaki, Ōita, Kumamoto, Miyazaki e Kagoshima. La più meridionale delle quattro isole principali, culla della civiltà giapponese, le cui principali città sono Fukuoka e Kitakyūshū.
Okinawa
      Okinawa — Catena meridionale di isole semi-tropicali proteso verso Taiwan; precedentemente l'indipendente regno Ryukyu fino a quando fu annessa dal Giappone nel 1879, i suoi costumi tradizionali e l'architettura sono significativamente diversi dal resto del Giappone.

Centri urbani[modifica]

  • Tokyo — la capitale e il principale centro finanziario, una città moderna e densamente popolata.
  • Himejiunesco famosa per il castello ancora intatto nel corso dei secoli.
  • Hiroshima — grande città portuale, la prima città ad essere distrutta da una bomba atomica.
  • Kanazawa — città storica sulla costa occidentale.
  • Kobe — Questa città è famosa in tutto il Giappone per la sua carne che raggiunge prezzi record.
  • Kyotounesco l'antica capitale del Giappone, considerata il cuore culturale del paese, con molti antichi templi e giardini buddisti.
  • Nagasaki — antica città portuale del Kyushu, la seconda città distrutta da una bomba atomica.
  • Nagoya — posta al centro del Giappone lungo la direttrice del Tokaido è famosa per il suo castello.
  • Nara — prima capitale di un Giappone unito, con molti santuari buddisti e edifici storici.
  • Osaka — città grande e dinamica situata nella regione del Kansai.
  • Sapporo — la più grande città dell'Hokkaidō, famosa per il suo festival sulla neve.
  • Sendai — la più grande città della regione del Tohoku, conosciuta come la città delle foreste grazie ai suoi viali alberati e le colline boscose.

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Politica dei visti del Giappone

I cittadini dei paesi più sviluppati (Stati Uniti, Canada, Regno Unito, UE, ecc.) Possono ottenere il permesso di ingresso all'arrivo senza visto ma con passaporto con validità residua di almeno 3 mesi. Questo è generalmente valido per un soggiorno fino a 90 giorni, anche se alcune nazionalità europee possono soggiornare per 180 giorni se richiedono un soggiorno più lungo all'entrata. Tutte le altre nazionalità devono ottenere un visto per "visitatore temporaneo" prima dell'arrivo, che è generalmente valido per un soggiorno di 90 giorni. Il Ministero degli Affari Esteri giapponese ha una guida on-line per i visti giapponesi. Non è richiesto alcun visto per il transito nello stesso giorno tra voli internazionali nello stesso aeroporto, purché non si lasci l'area protetta.

Gli stranieri devono in genere compilare un modulo di sbarco per l'immigrazione e un modulo di dichiarazione per le dogane. Coloro che arrivano da alcuni paesi possono anche essere tenuti a compilare un modulo di quarantena.

Panoramica sulla politica dei visti
  • Visto libero: 15, 30 o 90 giorni per i cittadini di alcuni paesi:
  • Visto di transito: 15 giorni
  • Visto per visitatori temporanei: max. 90 giorni (per soggiorni di breve durata come turismo e affari)
  • Visto di lavoro: max. 3 anni
  • Visto generale: max. 3 anni (accettando la formazione)
  • Visto speciale: max. 3 anni (per residenza di lunga durata)

È possibile contattare le ambasciate e i consolati giapponesi più vicini per ulteriori dettagli.

I viaggiatori che entrano in Giappone con un visto diverso da un visitatore temporaneo sono tenuti ad ottenere una "Carta di soggiorno" (在 留 カ ー ド), colloquialmente nota come una carta gaijin, entro 90 giorni dall'arrivo e portarla sempre assieme al passaporto. Coloro che soggiornano per 90 giorni o meno possono completare questa registrazione, ma non sono obbligati a farlo. Questa carta deve essere consegnata all'uscita dal Giappone, a meno che non si attenga un permesso di rientro.

Un problema doganale che incontrano alcuni viaggiatori incauti, è che alcuni farmaci da banco, in particolare pseudoefedrina (Actifed, Claritin-D, Sudafed, Vicks) e codeina (alcuni farmaci per la tosse), sono proibiti in Giappone. Alcuni medicinali soggetti a prescrizione medica (soprattutto forti antidolorifici) sono anche vietati, anche se si ha una prescrizione, a meno che non si richieda specificamente il permesso in anticipo. Potrebbe anche essere necessario il permesso per importare siringhe contenenti farmaci, come EpiPens e simili. L'ignoranza non è considerata una scusa e puoi aspettarti di essere arrestato. Consultate il sito web di Japan Customs per i dettagli, o controllate con l'ambasciata o il consolato giapponese più vicino. Alcuni articoli che non possono essere portati sono in realtà possibili da trovare localmente con restrizioni: ad esempio, Benza-Block L, un comune farmaco freddo in Giappone, contiene pseudoefedrina, con la restrizione che una persona può acquistare solo una scatola in una farmacia per volta.

Una volta in Giappone, dovete portare sempre il passaporto. Se venite coinvolti in un controllo senza di esso (e le incursioni nei locali notturni sono frequenti), sarete trattenuti finché qualcuno non lo andrà a prendere. I primi trasgressori che si scusano di solito vengono rilasciati con un avvertimento, anche se teoricamente potreste essere multati fino a ¥ 200.000.

Tutti gli stranieri (eccetto quelli che lavorano negli affari governativi e alcuni residenti permanenti) di età pari o superiore a 16 anni vengono elettronicamente rilevati e fotografati come parte delle procedure di ingresso dell'immigrazione. Ciò può essere seguito da una breve intervista condotta dall'ufficiale dell'immigrazione. L'accesso verrà negato se una di queste procedure viene rifiutata.

Per ogni circostanza l'ambasciata italiana si trova a Tokyo.

Programma Trusted Traveler[modifica]

Nel novembre 2016, il Ministero dell'Immigrazione giapponese ha avviato il programma Trusted Traveler per gli stranieri che viaggiano frequentemente in Giappone per lavoro, piacere o visite familiari. Per utilizzare il servizio è necessario:

  • Aver visitato il Giappone due volte negli ultimi 12 mesi
  • Possedere un passaporto da un paese che ha accordi senza visto con il Giappone
  • Non essere mai stato espatriato dal Giappone
  • Lavorare a tempo pieno in un'importante attività o visitare degli affari legati al governo giapponese o ad un'altra impresa giapponese

La tariffa per la richiesta del programma Trusted Traveler giapponese è di ¥ 2200. Dopo l'approvazione, riceverete una tessera utente valida per un periodo di 3 anni o fino alla data di scadenza del passaporto. La carta consentirà di utilizzare i chioschi automatici per l'immigrazione negli aeroporti di Haneda, Narita, Chubu e Kansai.

In aereo[modifica]

La maggior parte dei voli internazionali arriva all'aeroporto Narita (NRT IATA) vicino a Tokyo o all'aeroporto del Kansai (KIX IATA) vicino ad Osaka; un numero minore utilizza l'aeroporto internazionale di Chubu (ONG IATA) vicino a Nagoya. Tutti e tre si trovano a distanze significative dai rispettivi centri cittadini, ma sono collegati alle reti ferroviarie regionali e hanno anche numerosi servizi di autobus per le destinazioni vicine. L'altro aeroporto di Tokyo, l'aeroporto di Haneda (HND IATA), anche se il più trafficato in Giappone, è principalmente per voli nazionali, ma ha una consolidata rete di voli internazionali, soprattutto verso destinazioni che vedono del traffico commerciale intenso. Quasi tutte le città più grandi hanno un aeroporto, sebbene la maggior parte offra solo voli nazionali e alcuni servizi in Cina e Corea del Sud. Il transito attraverso entrambi i paesi può a volte essere più economico rispetto a una connessione col Giappone.

Sia gli aeroporti di Narita che quelli del Kansai sono generalmente facili da attraversare e non particolarmente affollati se si evitano i periodi di vacanza principali - Capodanno (fine dicembre - inizio gennaio), la settimana d'oro (fine aprile - inizio maggio) e Obon (Ferragosto), quando le cose sono più frenetiche e costose.

Le due principali compagnie aeree giapponesi sono la compagnia di bandiera Japan Airlines (JAL, 日本 航空 nihon kōkū) e All Nippon Airways (ANA, 輸 日本 空 輸 zen nippon kūyu, o semplicemente 全日空 zennikkū), che hanno ricevuto numerosi riconoscimenti a livello internazionale per il loro servizio clienti. La Delta Air Lines, la United Airlines e l'American Airlines operano anche con voli da numerose città degli Stati Uniti verso Narita, così come Air Canada da diverse città canadesi. La Finnair offre voli per i principali aeroporti del Giappone, tra cui Narita, Chubu Centrair e Kansai International, dalla maggior parte dei paesi europei attraverso l'aeroporto di Helsinki - spesso condiviso con la British Airways e la Japan Airlines. I vettori low cost sono diventati sempre più popolari con i voli economici nazionali e internazionali, con compagnie come la Jetstar (Australia), la Skymark e la Peach (Osaka) che offrono la concorrenza a JAL e ANA.

In nave[modifica]

Ci sono un certo numero di traghetti internazionali per il Giappone dalla Corea del Sud, dalla Cina e dalla Russia. Questi non sono particolarmente competitivi nei prezzi con i biglietti aerei, e spesso hanno anche lunghi tempi di viaggio.

Corea del Sud[modifica]

I traghetti dalla seconda città della Corea del Sud Busan offrono un'alternativa al volo, con il servizio su Fukuoka che rappresenta un modo particolarmente rapido e pratico per viaggiare tra i due paesi.

  • Busan-Fukuoka: JR Kyushu Ferry, +81 92 281-2315 (Giappone) o +82 51 469-0778 (Corea), effettua il servizio di aliscafo più volte al giorno, impiega circa 3,5 ore e costa ¥ 13.000 a tratta. Camellia Line, +81 92 262-2323 (Giappone) o +82 51 466-7799 (Corea), gestisce un traghetto che impiega circa 8 ore e parte da ¥ 9.000; durante la notte, potrebbe fermarsi e aspettare di fronte al porto di Busan al mattino fino all'apertura dell'immigrazione coreana. (Rispetto alla maggior parte degli aeroporti, ci dovrebbero essere relativamente pochi problemi di sicurezza su questa linea).
  • Busan-Shimonoseki: Kanbu Ferry, +81 83 224-3000 (Giappone) o +82 51 464-2700 (Corea), servizio giornaliero. 13,5 ore; ¥ 9.000 +.
  • Busan-Osaka: Barnstar Line, +81 66 271-8830 (Giappone) o +82 51 469-6131 (Corea), offre tre volte il servizio settimanale. 18 ore; ¥ 13.700 +.
  • Busan-Tsushima: Tsushima è la parte più vicina del Giappone alla Corea del Sud, e le gite giornaliere da Busan sono pratiche.
  • Donghae-Sakai Minato: DBS Cruise Ferry, ☎ 1600-5646 (Giappone) o +82 33 531-5611 (Corea). Economico ¥ 15.000, ₩ 195.000, USD 180.

Cina[modifica]

  • Shanghai-Osaka/Kobe: traghetto Giappone-Cina, ☎ +81 78 321-5791 (Giappone) o +86 21 6326 4357 (Cina), tre volte al giorno. 45 ore; CNY 17.000 dalla Cina, ¥ 20.000 o + dal Giappone.
  • Tianjin-Kobe: China Express Line, ☎ +81 3 3537-3107 (Giappone) o +86 22 2420 5777 (Cina), servizio settimanale. 50 ore; ¥ 22.000 +.
  • Suzhou-Shimonoseki: Traghetto Shanghai-Shimonoseki, ☎ +81 83 232-6615 (Giappone) o +86 512 53186686 (Cina), tre volte al giorno. ¥ 15,000 +.

Taiwan[modifica]

  • Keelung (Taiwan)-Ishigaki/Naha: Star Cruises, + 886-2-27819968 (Taiwan) o +81 3 6403-5188 (Giappone), crociere irregolari solo in alta stagione estiva (maggio-settembre), non disponibili ogni anno. Le tariffe di sola andata in genere non sono disponibili.

Russia[modifica]


Come spostarsi[modifica]

Una targa cittadina a Nagoya che mostra l'indirizzo Nakamura-ku, Meieki 4-chōme, 5-banchi. Questo è il quartiere di Nakamura, quartiere di Meieki, distretto 4, blocco 5. Come è comune sulle targhe, questo segno usa il kanji piuttosto che i numeri arabi per il chôme (四 piuttosto che 4).

Nelle città giapponesi, l'indirizzo di un luogo è utile per la posta, ma è quasi inutile per arrivarci davvero. La maggior parte delle strade non ha nome; invece, i blocchi stradali sono numerati, raggruppati in quartieri numerati (丁目 chôme), che vengono poi raggruppati in quartieri e entità più grandi (città, circoscrizioni, città, ecc.). Gli indirizzi sono scritti in ordine dal più grande al più piccolo; un indirizzo di esempio scritto come 名 駅 4 丁目 5-6 o 名 駅 4-5-6 sarebbe il quartiere di Meieki (名 駅), distretto 4, blocco 5, casa 6. (Gli indirizzi sono generalmente scritti in inglese come "Meieki 4-5-6", o "4-5-6 Meieki", i numeri collegati da trattini rimangono nello stesso ordine del giapponese.) Per il numero del piano o della stanza possono essere aggiunti numeri aggiuntivi. La numerazione di distretti, blocchi e case spesso non è sequenziale; i numeri vengono solitamente assegnati come edifici costruiti, cronologicamente o in base alla distanza dal centro della città. Piccoli segni vicino agli angoli delle strade mostrano il quartiere/vicinanze e il distretto in giapponese (come 名 駅 4 丁目, Meieki 4-chōme); spesso includono il numero di blocco, ma a volte no, nel qual caso i segnali sono molto scomodi in quanto un distretto potrebbe essere una dozzina o più blocchi. L'ingresso di un edificio di solito mostra il numero di blocco e di casa (come 5-6, a volte scritto 5 番 6 号), ma non il distretto.

La maggior parte dei luoghi sono descritti in termini di distanza percorribile a piedi dalla stazione ferroviaria più vicina e relativa a punti di riferimento locali. I biglietti da visita molto spesso hanno piccole mappe stampate sul retro per facilitare la navigazione (almeno se leggete il giapponese). Inoltre, molte stazioni ferroviarie dispongono di mappe dell'area locale che possono aiutare a trovare una destinazione se è ragionevolmente vicina alla stazione. Le garitte della polizia (交 番 kōban) hanno anche mappe dettagliate dell'area; andare in un kōban per chiedere indicazioni è perfettamente normale (è il motivo per cui sono lì), anche se i poliziotti di solito non parlano molto l'inglese.

In aereo[modifica]

L'eccellente rete giapponese Shinkansen fa intendere che volare è di solito più un lusso che una necessità. Detto questo, volare rimane la modalità più pratica per raggiungere le isole periferiche del Giappone, in particolare per le connessioni dalla terraferma all'Hokkaido e/o ad Okinawa. Volare è anche utile per aggirare Hokkaido scarsamente popolata, dato che la rete Shinkansen è limitata.

L'aeroporto di Tokyo Narita gestisce alcuni voli nazionali, ma la maggior parte dei voli nazionali parte da Haneda (HND IATA) a sud della città. Allo stesso modo, mentre ci sono alcuni voli nazionali dall'aeroporto internazionale del Kansai, più Itami (ITM IATA) a nord di Osaka, e l'aeroporto di Kobe per alcuni voli. Spostarsi tra Narita-Haneda o Kansai-Itami è un viaggio, quindi considerate almeno tre e preferibilmente quattro ore per il trasferimento. Chūbu, d'altra parte, ha molti voli nazionali ed è stato costruito da zero per un facile interscambio.

I prezzi di listino per i voli nazionali sono molto costosi, ma sconti importanti sono disponibili se acquistati in anticipo. Entrambe le maggiori compagnie aeree giapponesi, Japan Airlines (JAL, 日本 航空 Nihon Kōkū) e All Nippon Airways (ANA, nik Zennikkū) offrono tariffe "Visit Japan" dove l'acquirente di un biglietto di andata e ritorno internazionale in Giappone può volare un numero di segmenti domestici ovunque nel paese. Questi sono un ottimo affare per viaggiare a Hokkaido o nelle remote isole meridionali di Okinawa. Se si possiede un biglietto di ritorno su una compagnia aerea nell'alleanza Oneworld o Star Alliance, è possibile acquistare un pass per i voli JAL o ANA, per ¥ 10.000 ciascuno (più tasse). Altrimenti, costa ¥ 13.000 ciascuno (più tasse) con un minimo di due viaggi richiesti. Potrebbero essere applicati alcuni periodi o altre restrizioni durante le stagioni di punta. Se prenotate sul sito web internazionale ANA, queste offerte per i viaggiatori internazionali possono essere visualizzate come le più economiche, ma se provate sul sito web del Giappone (in inglese e in yen), gli sconti regolari per un acquisto in anticipo (75/55 / 45 / ... giorni prima) potrebbe essere più economico.

I vettori low-cost hanno iniziato ad avere un impatto nel mercato aereo domestico giapponese. Tra le nuove start-up ci sono Jetstar Japan, Peach Aviation, Vanilla Air (ex Air Asia Japan) e Fuji Dream Airlines. I vettori veterani low cost includono Skymark Airlines, StarFlyer e Air DO. Alcune di queste compagnie aeree offrono prenotazioni online in inglese (Fuji Dream e StarFlyer no). StarFlyer offre una tariffa scontata di 7.000-9.000 ¥ per volo agli stranieri su determinate rotte. Fate attenzione, le loro offerte di base non possono includere un bagaglio registrato (che è venduto come opzione), e se prenotate tramite un sito web di terze parti potreste non essere in grado di acquistare l'opzione.

ANA, JAL e le loro sussidiarie offrono una speciale carta standby, la Skymate Card, per i giovani passeggeri (fino a 22 anni). Con la carta, i passeggeri possono volare a metà della tariffa pubblicata, che di solito è inferiore alla tariffa del treno espresso equivalente. La carta può essere ottenuta da qualsiasi contatore di biglietti JAL o ANA con una foto formato tessera e una tassa una tantum di 1000 ¥.

In auto[modifica]

Sarà necessaria una patente di guida internazionale (o una licenza giapponese) se si desidera noleggiare un'auto o guidare in Giappone, e deve portata sempre con sé. Le tariffe di noleggio in genere partono da ¥ 6000 al giorno per l'auto più piccola. L'assicurazione presso la società di noleggio auto è altamente raccomandata in quanto è improbabile che qualsiasi assicurazione copra dal proprio paese d'origine. Tuttavia bisogna dire che le auto a noleggio e la guida nelle principali città o nelle loro vicinanze sono rari, in quanto il trasporto pubblico è generalmente eccellente e porta quasi ovunque. Inoltre, le strade delle grandi città come Tokyo sono afflitte da enormi ingorghi e il parcheggio è costoso e difficile da trovare, quindi guidare è più un ostacolo che altro. Tuttavia, molte zone rurali possono essere esplorate solo con il proprio mezzo di trasporto, quindi la guida dell'auto non dovrebbe essere smentita, soprattutto nell'ampia isola scarsamente popolata di Hokkaido. A causa del clima più fresco l'Hokkaido è una destinazione molto popolare in estate, quindi se state pensando di noleggiare un'auto in quel periodo, assicuratevi di farlo in anticipo rispetto alla data del viaggio in quanto spesso non sono disponibili. Spesso l'opzione più praticabile è combinare due cose: prendere il treno e poi prendere un'auto a noleggio in una stazione. JR Ekiren ha punti vendita nelle più grandi stazioni ferroviarie e spesso ha pacchetti scontati per treni e auto.

La guida è a sinistra (all'inglese, cioè l'opposto che in Italia). Per noleggiare un auto è necessaria la patente internazionale (quella rilasciata in Italia è riconosciuta, poiché facente parte della stessa convenzione di Ginevra). La guida nei grandi centri urbani può risultare piuttosto laboriosa per via delle numerosissime intersezioni, strade, confluenze ed incroci: inoltre, al contrario dell'Italia, l'uso della segnaletica orizzontale (indicazioni sulla carreggiata) è molto più ampia rispetto a quella verticale (cartelli stradali) e questo può risultare inizialmente di difficile comprensione. I semafori sono ampiamente usati, specie nelle grandi città, poiché non esistono le rotatorie (rotonde); i semafori sono quasi sempre posti dirimpetto (al di là) dello "stop" e non come in Italia, a fianco di esso: a volte può risultare poco intuitivo capire quale semaforo si riferisca alla nostra posizione. Non esiste una regola di "svolta a destra col rosso" (o svolta a sinistra) tuttavia in rari casi un segno con una freccia blu su uno sfondo bianco indicherà dove girare col rosso è legale (da non confondere con la freccia bianca su sfondo blu, che indica il traffico a senso unico).

Il limite di velocità nelle autostrade è molto più basso rispetto agli standard europei: 90 km/h è la norma, in alcuni tratti è alzato a 110 km/h ed in molti alti abbassato a 60 km/h. Ciò, assieme all'elevato costo ed alla presenza di poche corsie (autostrade strette), rende le autostrade giapponesi poco efficienti come mezzo di spostamento per le lunghe distanze. L'utilizzo di un telefono cellulare durante la guida senza vivavoce può comportare multe fino a ¥ 50.000. Guidare ubriachi non è affatto tollerato. Mentre il minimo per "guidare sotto l'influenza alcolica" è un contenuto preso dal respiro (non dal sangue) di 0,15 mg/L (equivalente allo 0,03% di BAC), non c'è un minimo per "guidare sotto l'influenza dell'alcol", il che significa che la polizia può intervenire anche con un soffio di alcol. Le sanzioni comprendono multe fino a 1 milione di ¥, fino a 5 anni di carcere e sospensione o revoca immediata della licenza. Il rifiuto di sottoporsi al test etilometro comporta anche multe fino a ¥ 500.000 e fino a 3 mesi di prigione.

Pedaggio dell'autostrada Meishin all'incrocio Kyoto-Higashi, con la corsia viola ETC segnata per la riscossione automatica del pedaggio.

I pedaggi per le superstrade (高速 道路 kōsoku-dōro) sono in genere molto più alti del costo di un viaggio in treno, anche per treni ad alta velocità. Quindi per una o due persone non è economicamente conveniente considerare viaggi a lunga distanza diretti tra città. Nelle grandi città come Tokyo e Osaka, un pedaggio forfettario viene pagato quando si entra nel sistema delle superstrada. Sulle autostrade tra città i pedaggi si basano sulla distanza percorsa, un biglietto viene emesso quando si entra nel sistema e il pedaggio viene calcolato quando si esce. Evitate le corsie viola ai caselli dei pedaggi a meno che non si abbia il dispositivo per il pedaggio elettronico montato, qualsiasi altra corsia accetterà contanti in yen (cambio esatto non richiesto) o le carte di credito principali. Le autostrade interurbane sono ben servite con aree di parcheggio pulite e comode a intervalli regolari, ma attenzione a viaggiare nelle grandi città la domenica sera o alla fine di un periodo di vacanza, poiché gli ingorghi in questi orari possono raggiungere i 50 km di lunghezza. Utilizzare le strade locali per spostarsi tra le città ha il vantaggio di non avere il pedaggio gratuito e di offrire maggiori opportunità di visite turistiche lungo la strada, ma gli ingorghi e i numerosi semafori rallentano notevolmente le cose. Coprire 40 km in 1 ora è una buona regola da seguire quando si pianifica un itinerario su strade locali, generalmente di più nell'Hokkaido.

Sia i costi di noleggio che i carburanti sono generalmente più economici di quelli europei. La maggior parte delle stazioni di rifornimento sono a servizio completo. Le società di noleggio auto offrono generalmente auto più piccole da 5.000 yen al giorno, e una berlina a grandezza naturale costa circa ¥ 10.000 al giorno. La maggior parte delle auto a noleggio ha una sorta di navigatore satellitare, quindi è possibile chiedere alla compagnia di autonoleggio di impostare la propria destinazione prima del primo viaggio. Alcuni modelli (in particolare le più recenti Toyota) hanno una modalità di lingua inglese, quindi non fa male chiedere al personale di cambiarlo prima di partire. Tuttavia, a meno che non si legga il giapponese, potrebbe essere necessario chiedere assistenza per utilizzare appieno il computer di navigazione. Le abitudini di guida in Giappone sono generalmente buone come altrove, e di solito meglio di altri paesi asiatici. Le strade giapponesi sono generalmente di buona qualità, con superfici di bitume lisce. Le strade sterrate sono molto limitate, di solito sono strade forestali, e difficilmente si trovano sull'itinerario per turisti. Tuttavia, i lavori stradali sono frequenti e possono causare ritardi fastidiosi. Alcuni passi montani sono chiusi durante l'inverno, quelli che di solito non richiedono catene da neve o una combinazione di pneumatici invernali senza chiodi e 4 ruote motrici. Se noleggiate un'auto in zone montuose/settentrionali, generalmente verranno fornite anche dell'attrezzatura.

Navigare all'interno delle città può essere fonte di confusione e il parcheggio al loro interno costa ¥ 300-400/ora. Gli hotel più grandi nelle città e gli hotel regionali offrono normalmente un parcheggio, ma sarebbe saggio controllare il parcheggio prima di prenotare. Il parcheggio gratuito è disponibile in alcuni parcheggi collegati ai principali grandi magazzini nelle grandi città, ma non considerate di ottenere più di 2-3 ore gratis. L'auto migliore da usare a Tokyo è comunque un taxi.

Il Giappone ha semafori orizzontali, con tutte le frecce che appaiono sotto le luci principali. Il rosso si trova sulla destra e il verde si trova sulla sinistra. Di solito ci sono solo uno o due semafori per intersezione che puntano allo stesso modo, il che può rendere difficile vedere quando cambiano i segnali. Tuttavia alcune prefetture, come Toyama e Niigata, hanno luci verticali (questo è presumibilmente dovuto alla quantità di neve che si accumula).

I segnali giapponesi seguono una combinazione di convenzioni europee e nordamericane, ma la maggior parte non dovrebbe presentare alcuna difficoltà di comprensione. "Stop" è indicato da un triangolo rosso che punta verso il basso. Sulle autostrade e intorno alle grandi città la segnaletica in inglese è molto buona; tuttavia in località più remote potrebbe essere imprevedibile. Segni elettronici sono ovunque sulle autostrade e sulle principali arterie stradali e forniscono utili informazioni in tempo reale sulle condizioni stradali, ma sfortunatamente sono visualizzate esclusivamente in giapponese. Quello che segue è un breve elenco dei messaggi più comuni e delle loro traduzioni:

  • 通行 止 - Strada chiusa
  • 渋 滞 - Ingorghi (con lunghezza e/o ritardi indicati)
  • 事故 - Incidente
  • 注意 - Attenzione
  • チェーン 規 制 - Catene richieste

I pericoli di avviso per riparazione, guasto e costruzione sono sempre ben illuminati di notte e tendono a comparire almeno una volta prima dell'ostacolo principale su strade a maggiore velocità come le superstrade. Altri pericoli della strada da prendere in considerazione sono i taxi, i quali sentono di avere il diritto di fermarsi dove e quando vogliono, i camionisti su lunga distanza (specialmente a tarda notte) che spesso possono essere presi da euforia e tendono a superare qualsiasi auto più lenta di fronte, oppure gli agricoltori nei loro minibus bianchi onnipresenti, che non sembrano mai andare al di sopra di una certa andatura e potrebbero uscire dalle strade secondarie rurali inaspettatamente.

I limiti di velocità su strada sono indicati in chilometri all'ora. Sono 40 km/h nelle città (con aree diverse: alcune a 30, strade da scuole di solito a 20), da 50 a 60 in campagna (se non marcate, il limite è 60) e 100 sulle autostrade. Di solito c'è un buon margine di manovra in termini di velocità - ad esempio, circa 10 km/h su strade normali. Se seguite il flusso non dovreste avere problemi, dato che i giapponesi spesso superano i limiti di velocità senza troppi problemi.

Japan Expressway Pass[modifica]

Le compagnie NEXCO che gestiscono la maggior parte delle autostrade a pedaggio del Giappone offrono un pass Japan Expressway da 7 o 14 giorni per ¥ 20.000 e ¥ 34.000. Il pass consente l'uso illimitato delle strade a pedaggio NEXCO ed è ottenibile in combinazione con un noleggio auto. Uno svantaggio è che la superstrada non può essere utilizzata a Tokyo, nell'Hokkaido o in alcune aree del Kansai e non può essere utilizzata sulle autostrade che collegano Honshū a Shikoku.

In taxi[modifica]

L'uso del taxi è molto più frequente ed economico rispetto all'Italia, in virtù del fatto che il possesso di automobili è piuttosto proibitivo nelle grandi città. Il numero di taxi è molto più ampio rispetto alla domanda, specie nelle aree di Tokyo/Yokohama e Osaka, e quindi trovare un taxi libero è piuttosto facile. I prezzi sono imposti e non esiste possibilità di contrattazione. Per alcune corse in tratte pre-determinate (es. da/per l'aeroporto), il prezzo può variare da compagnia a compagnia.

I taxi liberi hanno una scritta in rosso (空車 kuusha) in basso a sinistra del parabrezza: se vedete una scritta di un colore che non sia il rosso, allora il taxi non è libero. Prima di salire in taxi è bene premunirsi di un biglietto con il nome del posto scritto in giapponese, poiché molti tassisti non parlano inglese. L'indirizzo può essere utile, ma non è necessariamente detto, poiché in Giappone, l'indirizzo in sé è di difficile individuazione; una piccola cartina o il nome di un luogo celebre nei paraggi può essere di maggiore aiuto. Sebbene quasi tutti i taxi siano equipaggiati di navigatore, praticamente nessun tassista ne farà mai uso, rendendolo praticamente uno strumento inutile.

Si sale/scende dalla porta posteriore sinistra: questa verrà aperta e chiusa in automatico dal tassista quando si sale/scende; è considerato maleducato toccarla, quindi evitate di aprire/chiuderla e lasciate fare al tassista.

Son sempre più numerosi i taxi che accettano pagamenti in carta di credito, ma il contante rimane ancora il mezzo principale di pagamento. In aumento i taxi che accettano pagamenti con "moneta elettronica" (ad es. Suica, ecc).

In nave[modifica]

Per quanto il Giappone sia una nazione insulare, le imbarcazioni sono un mezzo di trasporto sorprendentemente raro, poiché tutte le isole maggiori sono collegate tra loro da ponti e gallerie. Mentre ci sono alcuni traghetti a lunga percorrenza che collegano Okinawa e Hokkaido alla terraferma, le tariffe sono solitamente più alte dei biglietti aerei scontati e praticamente l'unico vantaggio è che potete portare l’auto con voi.

Per alcune isole minori, tuttavia, le barche potrebbero essere l'unica opzione pratica. Hovercraft e jet-ferry sono veloci ma costosi, con prezzi variabili tra ¥ 2000-5000 per un viaggio di un'ora. Le barche da carico lente sono più convenienti, la regola generale è di ¥ 1000 all'ora in seconda classe, ma le partenze non sono frequenti. Ci sono anche alcuni traghetti interurbani poco costosi e convenienti come il traghetto Aomori-Hakodate.

Queste barche sono tipicamente divise in classi, dove la seconda classe (2 等 nitō) è solo una gigantesca distesa di tatami, in prima classe (1 等 ittō) c’è una comoda poltrona in una grande stanza condivisa e solo con una classe speciale (特等 tokutō) si ottiene una cabina privata. I distributori automatici e la semplice tariffa del ristorante sono generalmente disponibili a bordo, ma per i viaggi più lunghi (in particolare in seconda classe) il principale mezzo di intrattenimento è alcolico: può essere divertente se siete invitati, ma meno se state provando a dormire.

In treno[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Viaggiare in treno in Giappone.
Mappa delle linee ferroviarie del Giappone

Il Giappone ha uno dei migliori sistemi di trasporto del mondo, e spostarsi è di solito un gioco da ragazzi, con il treno è per la stragrande maggioranza dei casi l'opzione migliore. I treni sono raramente o mai in ritardo, e sono probabilmente uno dei sistemi di trasporto più puliti al mondo. Sebbene viaggiare in Giappone sia costoso rispetto ad altri paesi asiatici, ci sono una varietà di pass che possono essere usati per limitare il costo.

Le ferrovie giapponesi sono velocissime e puntuali. Collegano il paese da nord a sud e col treno si può arrivare quasi ovunque: a differenza dell'Italia, il Giappone ha sempre ampiamente puntato sul trasporto ferroviario e questo rappresenta il mezzo di spostamento per antonomasia.

Nei centri urbani, il sistema ferroviario è composto quasi sempre da una commistione di linee (metropolitane, treni locali, monorotaie, ecc.): inizialmente può risultare un po' caotico e di difficile comprensione, visto che spesso si tratta di società diverse che gestiscono le varie linee ed ogni stazione ha sovente più di una linea in essa.

Nonostante ciò, una volta compresa la "ratio" di fondo, si noterà come tutto è in realtà sia ben connesso e ben spiegato: nelle grandi città in tutte le indicazioni (cartelli) sono riportati sia in giapponese che in inglese (ed a Tokyo anche in cinese e coreano).

A Tokyo, Osaka, ecc., cioè nelle grandi città, le stazioni hanno dimensioni considerevoli e spesso dentro di esse si trovano vere e proprie città nelle città con negozi, esercizi commerciali, ecc.: le uscite, quindi, possono essere completamente disparate e individuare precedentemente quale uscita è quella che ci interessa è fondamentale (onde evitare di ritrovarsi da tutt'altra parte una volta riemersi in superficie).

Per comprendere i piani di trasporto e le tariffe, il sito HyperDia è un compagno inestimabile; il sito calcola le indicazioni al minuto compresi i treni di collegamento, nonché gli autobus e gli aerei. Jorudan è un servizio simile, ma con meno opzioni per esplorare percorsi alternativi. La versione cartacea di questi è il Daijikokuhyō (大 時刻表), un tomo di dimensioni tascabili disponibile in ogni stazione ferroviaria e nella maggior parte degli hotel, ma è un po' difficile da usare in quanto il contenuto è interamente in un giapponese microscopico. Una versione più leggera che include solo treni espressi limitati, notturni e proiettili (shinkansen) è disponibile presso gli uffici esteri del Japan National Tourist Organization. Gli orari in inglese sono disponibili sui siti web di JR Hokkaidō, JR East, JR Central e JR Kyushu. Gli orari del Tokaido, San'yo e Kyushu Shinkansen possono anche essere visualizzati in inglese su Tabi-o-ji. Sia HyperDia che Tabi-o-ji offrono ricerche programmate che escludono i servizi Nozomi e Mizuho, a beneficio dei titolari del Japan Rail Pass.

Lungo praticamente quasi tutte le ferrovie del Giappone è possibile utilizzare delle tessere magnetiche a scalare (IC Card), che vengono fatte sfiorare all'ingresso ed all'uscita ai tornelli. Queste tessere (Suica, Pasmo, Icoca, ecc) vengono emesse dalle varie società ferroviarie e sono ora completamente compatibili tra di loro in tutto il paese: ad esempio la tessera Pitapa emessa nella regione del Kansai (Osaka), può tranquillamente essere utilizzata sui treni di Sapporo. Queste tessere possono essere ricaricate nelle macchinette automatiche presenti nelle stazioni: il menù è di base in giapponese, ma spesso si può scegliere la lingua inglese con un semplice tasto. La ricarica può essere da un minimo di 1.000 yen, fino ad un massimo di 50.000. Non ci si deve preoccupare di avere i contanti giusti per la ricarica, perché tutte le macchinette danno resto. Le IC card vengono spesso utilizzate come mezzo di pagamento elettronico (borsellino elettronico) in molti negozi e in molti distributori automatici di bevande.

Le valigie[modifica]

Ad eccezione delle linee aeroportuali, i treni giapponesi in genere non hanno molto spazio per i bagagli, il che significa che è improbabile trovare spazio per qualcosa di più grande di una piccola valigia. Fortunatamente, il Giappone ha servizi di corriere molto convenienti e poco costosi (vedi § Servizi di corriere) che potete utilizzare per inviare i bagagli al prossimo hotel in cui alloggiate. Il rovescio della medaglia è che il bagaglio richiede in genere almeno un giorno per arrivare a destinazione, quindi dovreste portare una piccola borsa da giorno per portare i vestiti di cui si ha bisogno per almeno la prima notte sul treno. Il concierge dell'hotel sarà in genere in grado di organizzarvi questo servizio, basta informarsi prima del check out.

In autobus[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Viaggiare in autobus in Giappone.

Gli autobus sono abbondanti in Giappone e negli ultimi decenni si sono evoluti in una delle principali modalità di trasporto interurbano, soprattutto per i viaggi notturni. La feroce concorrenza tra autobus, treni e aerei ha portato a prezzi accessibili. Mentre alcuni autobus offrono tariffe fisse tra due fermate, molti hanno adottato un modello di tariffazione dinamico, in cui le tariffe sono basate sull'ora del giorno, che si tratti di un autobus diurno o notturno, del tipo di posti a sedere e di quanto in anticipo il biglietto è acquistato.

Un tipico autobus interurbano JR su una sosta nella prefettura di Shizuoka.

I principali operatori di autobus interurbani o autostradali (バ kōsoku basu; ス イ ウ ェ イ ス ス haiwei basu) includono il gruppo JR e Willer Express. Anche gli operatori di trasporto regionale (Seibu a Tokyo, Hankyu nel Kansai, ecc.) Gestiscono autobus a lunga percorrenza. I biglietti per tali autobus possono essere acquistati al punto di partenza o, con l'aiuto di alcuni giapponesi, presso i negozi di alimentari o su Internet. Un piccolo ma crescente numero di aziende offre prenotazioni online per linee di autobus in inglese e in molte altre lingue. Un buon punto di partenza per la ricerca è il sito Highway bus information platform dove si possono individuare le compagnie in base alla tratta coperta.

Willer Express, che opera in tutto il paese nei suoi caratteristici autobus rosa, offre prenotazioni online per i suoi autobus in inglese, coreano e cinese. Negli ultimi anni, hanno anche iniziato a vendere biglietti per altri operatori di autobus. Il principale punto di forza per gli stranieri di Willer Express è il Japan Bus Pass, che offre viaggi in autobus scontati in tutta la rete di Willer. Più il pass è usato, più è conveniente; ad esempio, un abbonamento per autobus di 3 giorni al giorno ha un costo di ¥ 10000 e se vengono utilizzati tutti i viaggi disponibili su quel pass, ogni viaggio costa circa ¥ 1100. Un pass nazionale separato è il JBL Pass, che è più costoso ma copre una più ampia rete di autobus.

Un altro uso degli autobus autostradali è per i viaggi da e per gli aeroporti. Nelle principali città, questi autobus sono conosciuti come Limousine Buses (ス ム ジ ン バ ス rimujin basu), e viaggiano verso le principali stazioni ferroviarie e hotel. Gli autobus viaggiano anche frequentemente verso i propri terminal della città che sono strategicamente posizionati per puntare a viaggi consistenti e puntuali - uno di questi è il Tokyo City Air Terminal, o T-CAT, nel quartiere Nihonbashi di Tokyo.

Gli autobus locali (路線 バ ス rosen basu) sono la norma nelle grandi città e nelle piccole città. Le tariffe dei bus sono fisse (si paga una volta, quando si entra o si esce dal bus) o in base alla distanza (si sale sul retro del bus, si prende un biglietto numerato e si abbina il numero con la tariffa visualizzata su una scheda nella parte anteriore dell'autobus quando è ora di scendere). Molti bus stanno iniziando ad accettare le smartcard, rendendo più facile il pagamento. Gli autobus sono indispensabili nelle aree meno popolate, così come in città come Kyoto dove non c'è molto transito ferroviario locale. La scheda elettronica include quasi sempre un display e annunci vocali registrati della fermata successiva, di solito solo in giapponese, sebbene alcune città (come Kyoto) costituiscano un'eccezione benvenuta. Tuttavia, se richiesto, la maggior parte dei conducenti sarà felice di dire quando avrete raggiunto la destinazione.

Le Smart card[modifica]

Il segno che indica che questa stazione accetta Pasmo e Suica, sebbene sia possibile utilizzare qualsiasi altra smart card importante dal momento che sono tutte intercambiabili
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Viaggiare_in_treno_in_Giappone#Le_Smart_card.

Una delle prime cose che ogni visitatore in Giappone dovrebbe fare è prendere una smart card per il trasporto pubblico (マ ー ト カ ド sumāto kādo), chiamata anche carta IC (IC カ ー ド ai shī kādo) o jōsha kādo (乗車 カ ー ド, "carta d'imbarco") . Usando una smart card, le tariffe vengono calcolate automaticamente indipendentemente dalla complessità del viaggio o dalla frequenza con cui avviene il trasferimento. Oltre ai trasporti pubblici, le smart card sono sempre più utilizzate per tutti i tipi di pagamenti elettronici, quindi possono essere utilizzate presso i distributori automatici, negozi, fast food, ecc. Si accettano anche carte intelligenti al posto di biglietti cartacei per alcuni treni proiettili quando i viaggi vengono acquistati online in anticipo.

Le dieci principali elencate di seguito sono completamente intercambiabili, il che significa che potete ritirare una carta in qualsiasi grande città e usarla praticamente in tutto il paese, le principali eccezioni sono Shikoku e Okinawa:

Queste carte possono essere acquistate in qualsiasi banco biglietteria della stazione, compresi quelli negli aeroporti, e molti distributori automatici per un deposito base di ¥ 500 più l'importo che si desidera caricare. Le carte possono essere ricaricate negli stessi posti. Il deposito e qualsiasi valore rimanente possono essere rimborsati quando lasciate il Giappone - a patto di partire dalla stessa regione in cui siete arrivati e avete acquistato la carta. Ad esempio, una carta PASMO acquistata all'arrivo a Tokyo può essere utilizzata nel Kansai, ma non sarete in grado di rimborsarli lì prima di volare fuori dall'aeroporto di Osaka. Potete conservare la carta per la prossima visita poiché rimangono validi per 10 anni dall'ultima transazione.

In bici[modifica]

Il Giappone ha molte grandi opportunità per i ciclisti. Il noleggio di biciclette si può trovare in tutto il paese, soprattutto vicino ai percorsi popolari. Alcuni percorsi (come lo Shimanami Kaido, che porta dalla terraferma (Onomichi) da Imabari a Shikoku) sono stati creati appositamente per i ciclisti.

Se trascorrerete un lungo periodo di tempo in Giappone, potreste prendere in considerazione l'acquisto di una bicicletta. Se scegliete di farlo, tenete presente che dovete registrarla. Se la propria bicicletta non ha l'adesivo appropriato può essere confiscata. È importante che ogni bicicletta che non sia una bici a noleggio sia registrata con il nome del proprietario. Se l'avete presa in prestito con il nome di qualcun altro, è considerato un furto in Giappone, e verrete portati alla stazione di polizia. La polizia controlla spesso le biciclette, quindi evitate i problemi osservando la legge.

Dovreste imparare le leggi del ciclismo del Giappone, anche se non tutte sono pesantemente applicate. Pedalare ubriachi è illegale, senza limiti di alcol nel sangue, e si rischia multe fino a 1 milione di ¥ o fino a 5 anni di carcere (come per la guida!). L'utilizzo del telefono o l'ascolto di musica sono entrambi illegali. Andare in bicicletta sul marciapiede, anche nelle grandi città affollate di pedoni, è normale. I caschi sono richiesti per i bambini sotto i 13 anni, ma né i bambini né gli adulti indossano frequentemente elmetti e nemmeno i poliziotti.

In autostop[modifica]

Il Giappone è un paese eccellente per l'autostop, anche se è altamente raccomandata una qualche abilità con il giapponese. Vedi fare l'autostop in Giappone per maggiori dettagli e consigli pratici.

Cosa vedere[modifica]

Castello di Himeji nella prefettura di Hyogo

Il Giappone è un paese con una superficie poco più grande dell'Italia, ma con un'estensione nord-sud molto più marcata. L'estremità nord, l'isola di Hokkaidō contrasta con l'estremità sud, l'arcipelago di Okinawa, rendendo i climi ed i contesti del paese piuttosto variegati.

Molto più marcato che in Italia è il confronto tra le grandi città e la provincia: Tokyo, Osaka, Yokohama, ecc, hanno una gamma di servizi e di scelta che in provincia/campagna è inimmaginabile; negozia aperti 24h/24, contrastano con strade buie e deserte già alle 19.00 nelle città di piccola/media dimensione della provincia.


Da un punto di vista turistico è quindi naturale che Tokyo e le altre grandi città rappresentino il portale di ingresso del paese, visto che esse rappresentano anche un po' lo stereotipo del Giappone tecnologico con inserti di cultura antica ed un luogo in cui molte sono le attrazioni turistiche (templi, musei, negozi, virtuosismi architettonici, ecc).

Sebbene Tokyo e gli altri grandi centri urbani si assomiglino un po' tutti (poiché son stati ricostruiti da zero dopo la Seconda Guerra Mondiale), una menzione speciale la meritano Kyoto e Nara.

In particolare la prima, Kyoto e Nara sono due città in cui il processo di ricostruzione ha avuto cura di non abbattere monumenti antichi (templi, parchi, ecc) ed il turista può ancora ammirare gli elementi di una cultura millenaria.

Per il turista più esperto e che si è già recato nelle grandi città, è possibile avventurarsi nelle zone più "remote", avendo la possibilità di scoprire piccoli angoli di grande interesse.

Questo però richiede una preparazione prima della partenza legata non tanto alla pericolosità del viaggio, ma dalla complessità della lingua (l'inglese è pressoché inesistente fuori dai centri urbani) e della "logistica" (treni da cambiare, bus, alberghi sperduti da trovare, ecc).

Castelli[modifica]

Quando si pensa ai castelli si pensa naturalmente a posti come l'Inghilterra e la Francia. Tuttavia anche il Giappone ha i suo castelli, se ne possono trovare diversi in ogni prefettura.

Castelli originali[modifica]

Castello di Hirosaki

A causa dei bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale solo dodici dei castelli del Giappone sono considerati originali. Quattro si trovano nell'isola di Shikoku, due a nord della regione di Chugoku, due nel Kansai, tre nella regione di Chūbu e uno nella parte nord di Tōhoku. Non ci sono castelli originali nel Kyūshū, Kantō, Hokkaidō od Okinawa.

Ricostruzioni e rovine[modifica]

Castello di Uwajima

Il Giappone ha molti castelli ricostruiti, molti dei quali ricevono più visitatori rispetto agli originali. Un castello ricostruito significa che il mastio è stato ricostruito in epoca moderna, ma molti di questi hanno ancora altre strutture originali all'interno del parco del castello. Ad esempio, tre delle torrette del castello di Nagoya sono autentiche. Le ricostruzioni offrono uno sguardo al passato e molti castelli ricostruiti, come il Castello di Osaka, sono anche musei che ospitano importanti manufatti.

Il castello di Kumamoto è considerato una delle migliori ricostruzioni, perché la maggior parte delle strutture sono state ricostruite al posto del mastio. L'unico castello ricostruito a Hokkaidō è il castello Matsumae. Il Castello di Shuri di Okinawa è unico tra i castelli del Giappone, perché non è un castello "giapponese"; proviene dal Regno Ryukyuan ed è stato costruito con lo stile architettonico cinese, insieme ad alcuni elementi originali di Okinawa.

Le rovine in genere hanno solo le mura del castello o parti del disegno originale. Anche se non hanno le strutture dei castelli ricostruiti, le rovine spesso sembrano più autentiche senza le ricostruzioni in cemento che a volte sembrano troppo finte e turistiche. Molte rovine sono di importanza storica, come il Castello di Tsuyama che era così grande e imponente da essere considerato il migliore della nazione. Oggi le mura del castello sono tutto ciò che rimane, ma la zona è piena di migliaia di fiori di ciliegio, un elemento comune tra molte rovine e castelli ricostruiti. Il castello di Takeda è famoso per la splendida vista della zona circostante.

Giardini[modifica]

Ritsurin Park, Takamatsu

Il Giappone è famoso per i suoi giardini, noti per la loro estetica unica sia nei giardini paesaggistici che nei giardini Zen di sabbia e roccia. Il Giappone ha una propria "top 3" dei giardini stilata sulla base della loro bellezza, dimensioni, autenticità (giardini che non sono stati drasticamente alterati), e il significato storico. Questi sono il giardino di Kairakuen a Mito, Kenrokuen a Kanazawa, e Korakuen ad Okayama. Il più grande e uno dei più apprezzati dai viaggiatori è però il parco Ritsurin a Takamatsu. E nonostante possa solo sembrare una giungla d'asfalto, anche a Tokyo ci sono dei bellissimi giardini da visitare.

I giardini di sabbia e roccia si trovano tipicamente nei templi, in particolare quelli del Buddismo Zen. Il più famoso di questi è il Tempio Ryoanji a Kyoto, ma tali templi si trovano in tutto il Giappone. I giardini di muschio sono popolari anche in Giappone e Koke-dera, sempre a Kyoto, ha uno dei migliori della nazione. Per visitarli è necessaria la prenotazione in modo da poter garantire garantire che il muschio sia sempre rigoglioso e non sia rovinato.

I giardini di pura terra risalenti al periodo Heian sono stati costruiti per rappresentare il paradiso buddista. Sono tutti dotati di un grande laghetto centrale di fronte alla sala dell'Amida. Sono semplici al punto che coloro che non sono consapevoli non vorrebbero nemmeno vederli come giardini. Il Tempio di Byodoin a Uji, il Tempio di Motsuji a Hiraizumi e il Tempio di Joruriji a Kizugawa sono tra i più famosi di quelli che rimangono.

Luoghi sacri[modifica]

Indipendentemente dai vostri interessi di viaggio, è difficile visitare il Giappone senza almeno vedere alcuni santuari e templi. I siti buddisti e scintoisti sono i più comuni, anche se ci sono alcuni siti spirituali degni di nota di altre religioni.

Buddisti[modifica]

Tempio di Horyuji

Il buddismo ha avuto un profondo impatto sul Giappone fin da quando è stato introdotto nel VI secolo. Come i santuari, i templi si trovano in ogni città, ed esistono molte sette diverse.

Alcuni dei siti più sacri sono costituiti da grandi complessi sulle montagne e includono Monte Koya (il luogo più prestigioso del Giappone per essere sepolti e tempio principale del buddismo Shingon), Monte Hiei (fondato qui quando Kyoto divenne la capitale per rimuovere il buddismo dalla politica, sede della setta Tendai del buddismo), e Monte Osore (considerato come la "Porta dell'Inferno", ha molti monumenti e tombe in una desolata landa vulcanica).

Molti dei templi principali del paese sono a Kyoto, come il tempio Honganji e il tempio Chion-in. Kyoto ha anche cinque dei templi Zen più importanti chiamati il " Sistema delle Cinque Montagne " (Tenryuji, Shokokuji, Kenninji, Tofukuji, e Manjuji), al tempio Nanzenji che si trova sopra gli altri fuori dal sistema. Sebbene ci siano "cinque" templi, Kyoto e Kamakura hanno entrambe i loro cinque. I templi di Kamakura sono Kenchoji, Engakuji, Jufukuji, Jochiji, e Jomyoji. Il tempio Eiheiji è un altro importante tempio Zen anche se non fa parte del sistema delle montagne.

Il tempio Todaiji a Narae il tempio Kotokuin a Kamakura sono famose per le enormi statue del Budda. Quella di Todaiji è la più grande del paese mentre il Kamakura Daibutsu è il secondo e medita all'aria aperta.

Il tempio Horyuji a Horyuji, a sud di Nara, è la struttura in legno più antica del mondo. La splendida sala della Fenice a Uji appare sulla moneta da 10 yen.

Shintoisti[modifica]

Gli Ema presso un santuario shintoista giapponese.

Lo scintoismo è la religione "nativa" del Giappone, quindi coloro che cercano di sperimentare cose che sono "completamente giapponesi" dovrebbero apprezzarlo particolarmente in quanto incarna veramente l'estetica giapponese. Il santuario scintoista più sacro è il Santuario Ise, mentre il secondo più sacro è il Santuario di Izumo, dove gli dei si riuniscono ogni anno per un incontro. Altri famosi santuari includono il Santuario di Itsukushima a Miyajima, il Santuario di Toshogu a Nikkō, il Kumano Sanzan e la Dewa Sanzan. Kyoto ha molti importanti santuari storici, come il Santuario di Shimogamo, il Santuario di Kamigamo e il Santuario Fushimi Inari.

Presso i santuari shintoisti i fedeli ma anche gli stessi turisti scrivono su delle tavolette in legno chiamate Ema delle preghiere o dei desideri affinché possano essere avverati. Le ema possono essere acquistate presso gli stessi santuari.

Cristiani[modifica]

L'introduzione nel Giappone del cristianesimo avvenne nel 1549 per mezzo dei portoghesi e di san Francesco Saverio. Egli fondò la prima chiesa cristiana a Yamaguchi nel Tempio Daidoji, le cui rovine sono ora parte del Parco memoriale Xavier e la Chiesa memoriale Xavier è stata costruita in suo onore.

Quando Toyotomi Hideyoshi salì al potere, il cristianesimo fu bandito e i cristiani furono perseguitati. Nagasaki è il sito di persecuzione più famoso in cui sono stati crocifissi 26 cristiani giapponesi. Oggi sono santi e potete visitare il memoriale di questi martiri in città. La rivolta di Shimabara è la più famosa rivolta cristiana in Giappone, ed è stata questa ribellione che ha portato alla rimozione delle pratiche portoghesi e cattoliche dal Giappone (anche se il cristianesimo era già stato bandito), insieme a circa 37.000 decapitazioni di cristiani e contadini. A Shimabara, è possibile visitare le rovine del castello di Hara, dove i cristiani si riunirono e furono attaccati, si possono vedere le vecchie lapidi portoghesi e le case dei samurai, alcune delle quali erano occupate da samurai cristiani. Il Memoriale Amakusa Shiro di Oyano contiene dei video sulla Ribellione di Shimabara e grandi spettacoli relativi alla persecuzione cristiana. Siti meno famosi possono essere fuori mano, come il Martyrdom Museum e il Memorial Park per i martiri di Ichinoseki. Quando la nazione si riaprì al mondo, alcuni cristiani considerarono di poter praticare il cristianesimo liberamente e apertamente, così uscirono allo scoperto dopo 200 anni di pratica segreta. Sfortunatamente, non era ancora legale e questi cristiani furono riuniti in varie parti del paese e torturati. Potete vedere uno di questi siti nella cattedrale di Maria a Tsuwano, costruita nel passo Otome nella zona in cui i cristiani venivano messi in piccole gabbie e torturati.

Insieme al Sito del Martirio, Nagasaki è anche la sede della Chiesa di Oura, la più antica chiesa rimasta nella nazione, costruita nel 1864. A causa dello status di Nagasaki per molti anni come uno degli unici porti della nazione dove potevano venire gli stranieri, la città è ricca di Storia cristiana giapponese, quindi anche i musei qui hanno artefatti e informazioni sulla comunità cristiana. Curiosamente, potete trovare spesso degli oggetti cristiani in templi e santuari in tutto il paese. Questo perché molti di questi oggetti erano nascosti nei templi e nei santuari quando il cristianesimo era proibito.

Altre religioni[modifica]

Il Giappone ha una manciata di famosi templi confuciani. Come la porta del Giappone per il mondo per molti secoli, il Tempio confuciano di Nagasaki è l'unico tempio confuciano al mondo ad essere costruito dai cinesi al di fuori della Cina. Yushima Seido a Tokyo era una scuola confuciana e uno dei primi istituti di istruzione superiore della nazione. La prima scuola integrata nella nazione, la scuola Shizutani di Bizen, insegnava anche sulla base di insegnamenti e principi confuciani. La scuola stessa era persino modellata sugli stili architettonici cinesi. La prima scuola pubblica di Okinawa era una scuola confuciana data al Regno Ryukyuan insieme al Tempio confuciano di Shiseibyo.

Anche la religione di Okinawa ha i suoi siti spirituali. Seta Utaki, patrimonio dell'umanità, è una delle più famose. Molte cerimonie spirituali di Okinawa si sono svolte qui. Asumui nel Kongo Sekirinzan Park è una grande roccia che si ritiene sia la terra più antica della zona. Come sito religioso, gli sciamani venivano qui per parlare con gli dei.

Luoghi della Seconda Guerra Mondiale[modifica]

Ground Zero, Nagasaki

I tre luoghi da non perdere per gli appassionati della Seconda Guerra Mondiale sono Hiroshima, Nagasaki, e la capitale di Okinawa, Naha. Okinawa è il luogo dove si sono svolte alcune delle battaglie più brutali tra Giappone e Stati Uniti, e l'area è disseminata di resti del suo passato oscuro. Il Peace Park, il Prefectural Peace Museum, l'Himeyuri Peace Museum e la Peace Memorial Hall sono alcuni dei luoghi migliori per saperne di più, vedere manufatti e ascoltare i resoconti delle battaglie che si sono svolte qui.

Mentre Hiroshima e Nagasaki sono siti importanti della seconda guerra mondiale, perché i bombardamenti di queste città hanno portato alla fine della guerra del Pacifico, i siti e i musei che si trovano in queste città parlano anche a molti come visioni di un futuro triste, se le nazioni dovessero continuare a sostenere i programmi di armi nucleari e la proliferazione nucleare. Queste due città sono le uniche al mondo ad essere state colpite dalle bombe nucleari, e ogni città ha il suo Parco della Pace e Museo della Memoria dove i visitatori possono farsi un'idea di quanto sia veramente distruttiva e orribile la guerra atomica. Per molti viaggiatori in Giappone visitare almeno una di queste città è un must.

Altri luoghi sono a Tachiarai, Fukuoka, al Chikuzenmachi Tachiarai Peace Memorial Museum un vecchio campo di addestramento per kamikaze, e a Minamikyushu, Kagoshima, il Chiran Peace Museum da dove partirono molti kamikaze, a Kure, Hiroshima, lo Yamato Museum. E' vietato fare fotografie al museo sui kamikaze.

Per visitare Iwo Jima l'unica compagnia che può aiutarvi è la Military Historic Tours Company.

A Kanoya, Kagoshima si trova il Kanoya Air Base Museum(鹿屋航空基地史料館) che contiene documenti sui kamikaze e su altri eventi bellici giapponesi. Il maggior numero di kamikaze in tutta la guerra del Pacifico è decollato da Kanoya e dalla base aerea navale di Kushira. Ci sono vari altri resti di guerra in tutta la città, come bunker sotterranei, postazioni di difesa a Takasu Beach, ed ex alloggi kamikaze a Nozato.

Il patrimonio industriale[modifica]

Il sito Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO i "Siti della Rivoluzione industriale Meiji in Giappone: ferro e acciaio, costruzione navale e estrazione di carbone" è composto da 23 siti singoli in tutto il paese, molti dei quali a Chugoku e Kyūshū. Si tratta di luoghi come miniere, ferrovie, ferriere e porti dell'era Meiji, che sono tra i più importanti tra i primi siti industriali in stile occidentale del Giappone. Separatamente elencato è il mulino di seta di Tomioka.

Cosa fare[modifica]

Il Giappone è un paese poco più grande dell'Italia e ne ospita una popolazione più che doppia. L'arcipelago si sviluppa da nord a sud ovest, con una varietà di climi che va dal sub-artico al nord al subtropicale nelle isole di Okinawa. Con queste premesse si può capire come il Giappone offra molto al turista disposto a scoprire una cultura che è rimasta chiusa fino a poche centinaia di anni fa a qualsiasi influenza esterna.

Al di là della frenetica ed altamente tecnologica vita di Tokyo, Osaka e delle altre grandi città, tipiche dell'immaginario occidentale sul Giappone, in questo paese possono essere trovati numerosi altri spunti. Bellezze paesaggistiche, oasi di pace nei templi (buddisti e scintoisti), negozi di ultime tendenze, spiagge bianche, neve finissima, pietanze inusuali e piatti prelibati: il menù che offre il Giappone è molto ricco. Importante, se non si conosce la lingua giapponese, è cercare di organizzare anticipatamente spostamenti e pernottamenti, così come mete ed itinerari: come evidenziato, sebbene l'uso dell'inglese stia lentamente allargandosi, il giapponese rimane l'unica modalità di comunicazione nel 99% dei casi, specie se ci si addentra in zone scarsamente turistiche.

Attività all'aperto[modifica]

Il monte Fuji

Non dovrebbe sorprendere il fatto che in un paese in cui oltre il 70% del terreno è costituito da foreste e montagne, le attività all'aperto abbondano.

Salire su una delle tante montagne del Giappone è alla portata di qualsiasi viaggiatore. È possibile raggiungere la vetta di alcune montagne quasi interamente in auto, o con solo una breve passeggiata facile. Il monte Aso è una delle più grandi caldere vulcaniche del mondo e una strada asfaltata porta automobili e pedoni fino alla cima. Oppure, potete prendere la teleferica, che è stata promossa come la prima funivia al mondo su un vulcano attivo.

Circa 300.000 persone ogni anno scalano il Monte Fuji, una montagna così famosa come un'icona del Giappone che difficilmente ha bisogno di presentazioni. Sul percorso più popolare, dovrai usare le mani per il supporto, ma non è richiesta alcuna scalata effettiva; potete facilmente scalare il Fuji con abbigliamento adeguato, equipaggiamento di base (crema solare, lampada frontale, ecc.) e 1-2 giorni nel vostro itinerario. Non è una passeggiata nel parco, ma è facilmente fattibile se non siete troppo fuori forma.

  • Visitate uno dei Migliori 100 luoghi per la fioritura del ciliegio in Giappone o fate una passeggiata tra i migliaia di fiori di ciliegio a Yoshino.
  • Visitate le cime innevate del più grande parco nazionale del paese, Daisetsuzan.
  • Salite i 2446 gradini in pietra della sacra montagna di Haguro attraverso una straordinaria foresta primordiale.
  • Fare il rafting in alcuni degli ultimi fiumi selvaggi in Giappone nella Valle dell'Iya.
Lo sci

Con il suo terreno innevato e montuoso, il Giappone è una destinazione eccellente per lo sci e lo snowboard, anche se tende ad essere per lo più adatto ai visitatori nazionali. Il clima del Giappone consente il mantenimento di molte stazioni sciistiche con un'ottima gestione. Sciare in Giappone può essere poco costoso rispetto ad altri paesi, con biglietti per gli ascensori più economici, sistemazioni economiche e pasti economici. L'attrezzatura a noleggio ha un prezzo ragionevole, ma dato che i giapponesi in media hanno piedi più piccoli, dovreste prendere in considerazione di portare i propri stivali. Il modo più semplice per raggiungere molte piste è prendere i mezzi pubblici (ferrovie e autobus) e spedire il proprio equipaggiamento da sci/snowboard alle piste.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Giappone#Servizio_corriere.

Il golf è popolare tra i giapponesi, anche se tende ad essere piuttosto costoso e quindi esclusivo. La terra libera è troppo preziosa vicino alle città, quindi i campi da golf devono pagare molto per l’acquisto dei terreni, e sono in genere 1-2 ore di auto fuori città. (Le navette dalla stazione ferroviaria più vicina sono spesso disponibili con una prenotazione.) I prezzi infrasettimanali possono aggirarsi da ¥ 6.000 in su. Aspettatevi di spendere tutto il giorno, comprensivo del tempo di viaggio per una partita di golf, e poi rilassarsi in un bagno caldo. Dato che la maggior parte dei giocatori sono uomini d'affari locali, i singoli non sono ammessi nella maggior parte dei casi (quindi assicuratevi di essere almeno due giocatori), e l'attrezzatura da noleggio avrà una selezione limitata (meglio portare la propria attrezzatura e le tue scarpe, che potete spedire a buon mercato.

La spiaggia di Takeno

Nonostante sia una nazione insulare, il Giappone non è molto conosciuto per le sue spiagge. Molte spiagge semplicemente non esistono poiché le città giapponesi (molte delle quali sono costiere) si espandono fino alla linea di costa. Dove ci sono già le spiagge che tendono ad essere visitate solo in estate; non appena arriva il 1° settembre i bagnini smettono di pattugliare le spiagge e scompaiono i bagnanti giapponesi. Il surf è piuttosto popolare, in quanto può essere praticato su entrambe le coste (durante la stagione dei tifoni [agosto-ottobre] sulla costa del Pacifico e durante l'inverno sulla costa del Mar del Giappone). Ci sono anche alcuni punti eccellenti per lo snorkeling e le immersioni. Oltre alla vita marina, ai coralli e ai relitti della seconda guerra mondiale, si può anche visitare Susami, al di fuori di Kushimoto.

Eventi sportivi[modifica]

Partita di baseball amatoriale

Il baseball (野球 yakyū) è molto popolare e la popolarità è storica (il baseball fu introdotto per la prima volta in Giappone intorno al 1870 da un professore americano). Gli appassionati di baseball che viaggiano in tutto il mondo potrebbero trovare il Giappone uno dei grandi esempi di sport popolare al di fuori degli Stati Uniti. Il baseball non è giocato solo in molte scuole superiori e da professionisti, ma praticato anche in molte culture pop. Inoltre, molti giocatori giapponesi sono diventati i migliori della Major League di Baseball. Il campionato di baseball giapponese ufficiale è conosciuto come Nippon Professional Baseball, o semplicemente noto come Puro Yakyū (プ ロ 野球), che significa Baseball Professionale, ed è considerato da molti il ​​campionato più forte al di fuori degli Stati Uniti. Anche la squadra nazionale di baseball è considerata una delle più forti del mondo, avendo vinto l'inaugurale World Baseball Classic nel 2006, così come la seconda edizione nel 2009.

I biglietti per le partite sono generalmente facili da ottenere, anche nel giorno della partita stessa, seppure le partite più importanti dovrebbero ovviamente essere prenotate in anticipo. I biglietti partono intorno ai ¥ 2.000. Se siete interessati, assicuratevi di considerare 4-5 ore. In genere potete portare cibo e bevande, che è un buon modo per risparmiare un po' di denaro invece di pagare i prezzi all'interno dello stadio (¥ 800 per una pinta di birra); dovrete solo far ispezionare la borsa e versare le tue bevande in bicchieri usa e getta. Soprattutto a Osaka, è anche popolare visitare ristoranti o bar in cui l'intero negozio sarà occupato da fan che cantano e fanno il tifo durante le partite. Le regole del baseball giapponese non sono molto diverse dal baseball negli Stati Uniti, anche se ci sono alcune piccole variazioni. La più grande rivalità è tra gli Yomiuri Giants di Tokyo e gli Hanshin Tigers di Osaka (conosciuti per avere i fan più fanatici e devoti, insieme a molti applausi, canzoni e tradizioni).

Il Giappone ha due tornei nazionali delle scuole superiori ogni anno che attirano forse più attenzione del gioco professionale. Entrambi si tengono al Kōshien Stadium, uno stadio nella città di Nishinomiya vicino a Kobe che ospita oltre 50.000 persone e ospita anche l’Hanshin Tigers dell'NPB.

  • Il torneo nazionale Invitational Baseball High School, comunemente noto come Spring Kōshien (春 の 甲子 園 haru no kōshien, o セ ン バ ツ senbatsu) - si tiene a marzo, con 32 squadre invitate da tutto il paese.
  • Il campionato nazionale di baseball High School, comunemente noto come Summer Kōshien (夏 の 甲子 園 natsu no kōshien) - Un evento di due settimane ad agosto, è la fase finale di una struttura di tornei a livello nazionale. Un totale di 49 squadre partecipano alla fase finale di ciascuna delle prefetture giapponesi, con le seconde squadre di Hokkaido e Tokyo

Il calcio (サ ッ カ ー sakkā) è anche popolare in Giappone. La lega ufficiale è la Japan Professional Football League (日本 プ ロ サ サ カ ー グ グ nippon puro sakkā rīgu), conosciuta come J.League (J リ ー グ J rīgu), di cui la massima divisione è la J1 League. Il Giappone è una delle nazioni di calcio asiatico di maggior successo, ed è stato per anni nelle vette della classifica della Confederazione calcistica asiatica.

Un incontro di Sumo

Il Sumo (相撲 sumō) è un popolare sport giapponese. Le regole sono abbastanza semplici: sii il primo a fare in modo che il tuo avversario esca dal ring o tocchi il terreno con qualcosa che non sia la base dei suoi piedi. Quasi tutto va bene tranne una manciata di mosse proibite, ma la maggior parte delle partite vengono vinte spingendo o aggrappandosi, il che spiega perché la circonferenza è un vantaggio. Gli eventi più importanti sono i sei migliori tornei (本 場所 honbasho) durante tutto l'anno, ogni 15 giorni. Il Sumo ha mantenuto molte tradizioni dalle sue origini shintoiste, e un singolo incontro di solito consiste in molti minuti di rituali e preparazione mentale, seguiti da soli 10-30 secondi di lotta. I lottatori di sumo vivono una vita irreggimentata nelle scuderie di addestramento (部屋 heya, letteralmente "stanze", o 相撲 部屋 sumō-beya), dedicandosi a nient'altro che prepararsi e competere. Alcuni lottatori stranieri hanno avuto abbastanza successo nei ranghi più alti, anche se le nuove regole hanno messo un limite al numero di stranieri che ogni scuderia può addestrare.

Con un po' di pianificazione, potete organizzare la visita di una scuderia durante l'allenamento (稽古 keiko), anche se dovrete parlare giapponese o portare una guida giapponese e osservare rigorosamente l'etichetta e le regole giapponesi della scuderia. (Ad esempio, ci si aspetta di stare seduti in silenzio per l'intera durata della pratica, che di solito è di diverse ore.) L'allenamento inizia la mattina presto, in qualsiasi momento dalle 5:00 alle 8:00 del mattino.

Anche la lotta professionale (プ ロ レ ス puroresu) gode di grande popolarità. Sebbene sia simile alla lotta professionale in altre parti del mondo in quanto i risultati sono predeterminati, la sua psicologia e presentazione sono unicamente giapponesi. Le partite di Puroresu sono trattate come battaglie legittime, con storie che enfatizzano fortemente lo spirito combattivo e la perseveranza dei lottatori. Inoltre, poiché molti lottatori giapponesi hanno sfondi di arti marziali legittimi, i colpi di sottomissione sono realistici e il contatto completo è all'ordine del giorno. Il paese ha molte promozioni (aziende che organizzano spettacoli), con il più grande dei quali è il New Japan Pro-Wrestling, All Japan Pro Wrestling e Pro Wrestling NOAH. Il più grande evento singolo in puroresu è il 4 gennaio (promosso come Wrestle Kingdom) al Tokyo Dome, più o meno analogo a WrestleMania negli Stati Uniti.

Giochi e intrattenimento[modifica]

Un tablet per la scelta dei brani del karaoke

Il Karaoke (カ ラ オ ケ) è stato inventato in Giappone e può essere trovato praticamente in ogni città giapponese. Pronunciato kah-rah-oh-keh, significa "orchestra vuota". La maggior parte dei posti di karaoke occupa diversi piani di un edificio. Ogni persona o gruppo di amici avrà una stanza privata e la tariffa oraria standard include spesso bevande alcoliche incluse, con le ricariche per il tempo di uso della stanza aggiunto tramite un telefono sul muro o attraverso la macchina per karaoke stessa. Le principali catene hanno tutte eccellenti selezioni di canzoni in lingua inglese. Gli anziani preferiscono cantare enka ballad nei piccoli bar del quartiere.

Gestite voi stessi la macchina per il karaoke, consentendo di mettere in coda i brani da riprodurre secondo un ordine. (Ricordate solo che a 4 minuti per brano, 15 brani permetteranno di cantare per un'ora.) Oggi, molte macchine usano un tablet o un touchscreen per cercare le canzoni secondo una serie di criteri; se riuscite a ottenere uno di questi elenchi in inglese, bene. Potete anche cercare i brani nei cataloghi delle dimensioni della rubrica, che è quello che dovrete fare se non riuscite a ottenere un tablet in inglese o in posti più vecchi con un semplice telecomando. Una volta trovato il numero da 4 a 6 del brano, puntare il telecomando verso la macchina del karaoke come un telecomando TV, digitare il numero (apparirà sullo schermo, in modo da poter verificare che sia stato inserito correttamente, altrimenti premere 戻 る per tornare indietro), quindi premere 転 送 o "invia" per confermare e aggiungerlo alla coda.

Una sala pachinko

Onnipresenti sono anche i salotti di pachinko. Pachinko (パ チ ン コ) è una forma di gioco d'azzardo che consiste nel far cadere piccole palline d'acciaio in una macchina; più palle vengono assegnate a seconda di dove atterrano. L'aria all'interno della maggior parte dei salotti di pachinko è piuttosto pesante a causa del fumo di tabacco, il sudore e le macchine bollenti - per non parlare del rumore da spaccare le orecchie. (Legalmente potete scambiare le palline solo per i premi, ma i giocatori optano sempre per i gettoni "premio speciale" che scambiano per denaro in uno stand separato altrove nell'edificio o in un vicolo vicino, perché lo stand è fuori sede: è un affare separato e quindi non illegale.)

Video arcade (ゲ ー ム セ ン ー ー gēmu sentā, o ビ デ オ ア ー ド ド bideo ākēdo; non confondere con un ākēdo regolare che significa "galleria commercial /strada"), anche se a volte è difficile da distinguere dai salotti pachinko dall'esterno, perché si possono avere giochi arcade piuttosto che giochi d'azzardo, e sono spesso su diversi piani. I videogiochi sono la norma, anche se potreste essere sorpresi dalla grande varietà di giochi. Oltre ai soliti giochi di azione e di combattimento, ci sono anche dei giochi ritmici come Dance Dance Revolution o molto più facili per principianti Taiko Drum Master (Taiko no Tatsujin), stranezze difficili da definire come Derby Owners Club (che può essere descritto come un "simulatore di corse di cavalli con giochi di ruolo multiplayer online" e invenzioni bizzarre come Chō Chabudai-Gaeshi! (Super · ち ゃ ぶ 台 し! "Super Table-Flip!") Dove sbattete letteralmente su un tavolo per ribaltalo rabbiosamente e alleviare lo stress in modo da accumulare punti. I centri di gioco di solito hanno anche giochi non video, che includono quasi sempre giochi a premi (ク レ ー ゲ ゲ ム ム kurēn gēmu) dove potete vincere qualsiasi cosa, da animali impagliati e bigiotteria a costosi smartphone e gioielli, e sofisticate cabine di adesivi fotografici (プ リ ク ラ puri-kura, abbreviato dal marchio Print Club).

Una sala dove si gioca al Go

Il gioco nazionale giapponese è il Go (囲 碁 igo, o semplicemente 碁 go), un gioco da tavolo di strategia nato in Cina. I giocatori posizionano le loro pietre per prendere il maggior numero di territori sulla scacchiera; le pietre non possono essere spostate, ma possono essere catturate se sono circondate in tutte e quattro le direzioni. Nonostante le sue origini cinesi, a causa del fatto che inizialmente è stato introdotto e promosso in Occidente dai giapponesi, è dai loro nomi giapponesi e non cinesi che il gioco stesso e la sua terminologia di gioco sono generalmente noti al di fuori dell'Asia orientale. Tutti vi giocano, il Go infatti ha colonne di giornali, TV e giocatori professionisti. Il Go è anche giocato in Occidente, e c'è una grande e attiva comunità che lo pratica. In una giornata di sole, il quartiere di Tennoji di Osaka è un buon posto per unirsi a una folla che guarda due maestri il Go.

Oltre al Go, un altro gioco da tavolo popolare in Giappone è lo shogi (将 棋) o gli scacchi giapponesi. Le dinamiche generali sono simili agli scacchi occidentali, con alcuni pezzi in più che si muovono in modi unici, ma la differenza più importante è che dopo aver catturato un pezzo, si può in seguito "rimetterlo" in gioco come uno dei propri pezzi. L'uso delle pezzo rende lo Shogi un gioco molto più complesso e dinamico degli scacchi occidentali.

Mahjong (麻雀 mājan) è anche relativamente popolare in Giappone, e frequentemente lo si trova sui videogiochi, anche se è associato al gioco d'azzardo illegale e ai salotti del mahjong che possono essere piuttosto squallidi. Il Mahjong usa le tessere con una varietà di simboli e caratteri cinesi. I giocatori pescano e scartano le tessere cercando di completare una mano con dei set di tessere particolari (tipicamente, quattro serie di tre tessere identiche o tre in una scala reale, più una coppia identica). Mentre il gioco è simile, il punteggio è drasticamente diverso rispetto alle varie versioni cinesi.

Musica[modifica]

I giapponesi amano la musica (音 楽 ongaku) ​​di tutti gli stili.

Musica tradizionale giapponese[modifica]

Lo shamisen

La musica tradizionale giapponese (邦 楽 hōgaku) ​​utilizza una varietà di strumenti, molti dei quali originari della Cina, ma sviluppati in forme uniche dopo essere stati introdotti in Giappone. Gli strumenti più comuni sono

  • lo shamisen (三味 線) - uno strumento a tre corde, simile in qualche modo al banjo
  • lo shakuhachi (尺八) - un flauto di bambù
  • il koto (箏) - una cetra a 13 corde (come un dulcimer)
Una performance di taiko

Taiko (太 鼓) sono i tamburi giapponesi. I tamburi Taiko sono unici in Giappone e hanno dimensioni che vanno dai piccoli agli enormi tamburi fissi da 1,8 metri. Taiko si riferisce anche alla performance stessa; questi strumenti fisicamente possono essere suonati da soli o in un ensemble di kumi-daiko, e sono molto comuni nei festival. (In giapponese, taiko significa solo "tamburo", ma di solito significa "tamburi giapponesi" come nel resto del mondo: un complesso di batteria occidentale si chiamerebbe doramu setto, doramu kitto o doramusu.)

La musica tradizionale giapponese può essere suddivisa in diverse categorie. Gagaku è musica strumentale o vocale e danza che è era suonata per la corte imperiale. Diverse forme di teatro giapponese usano la musica. Jōruri (浄 瑠 璃) è musica narrativa che usa lo shamisen e min'yō (民 謡) è musica folk come canzoni di lavoro, canzoni religiose e canzoni per bambini.

Al di fuori della musica tradizionale giapponese, questi strumenti non sono usati frequentemente, e quelli più oscuri si stanno lentamente estinguendo. Tuttavia, alcuni artisti famosi come gli Yoshida Brothers e Rin hanno combinato strumenti tradizionali con stili musicali occidentali moderni.

Musica occidentale[modifica]

La musica classica occidentale (ク ラ シ ッ ク [音 楽] kurashikku [ongaku]) è popolare in Giappone per persone di tutte le età; mentre non è l'ascolto di tutti i giorni, è certamente più popolare che in molti paesi occidentali. Ci sono 1.600 orchestre professionali e amatoriali (オ ー ケ ス ト ラ ōkesutora) in Giappone; Tokyo è la patria di quasi la metà delle orchestre, tra cui otto orchestre professionali a tempo pieno. Ci sono anche più di 5.000 cori (合唱 gasshō, コ ー ラ ス kōrasu o ク ワ イ ア kuwaia); la Japan Choral Association ha più informazioni tra cui una lunga lista di concerti imminenti (disponibile solo in giapponese). L'abito da concerto è casual tranne che per gli uomini d'affari che arrivano direttamente dal lavoro.

Con l'arrivo della musica pop occidentale nel XX secolo, il Giappone ha creato le sue forme uniche di musica pop. Questi sono in gran parte estinti tranne che per enka (演 歌), ballate sentimentali in stili pop occidentali composti per assomigliare alla musica tradizionale giapponese, tipicamente cantata in uno stile emotivo esagerato. Anche Enka è in declino; è spesso cantata da persone anziane al karaoke, ma è raro trovare un giovane a cui piaccia.

Il jazz (ジ ャ ズ jazu) è stato molto popolare dal 1930, ad eccezione di un breve intervallo durante la seconda guerra mondiale. Ci sono spesso registrazioni solo in Giappone che non possono essere trovate in altri paesi. Le caffetterie jazz sono un luogo comune per ascoltare il jazz.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Giappone#Caffetterie.

Decenni fa, la maggior parte dei jazz bar non consentiva di parlare, aspettandosi solo un serio godimento della musica, ma oggi la maggior parte dei jazz café è più rilassata.

Musica pop[modifica]

Ovviamente la tipologia di musica più popolare è la musica pop. J-pop e J-rock inondano le radio, e talvolta sono anche popolari a livello internazionale: L'Arc~en~Ciel e X Japan hanno suonato concerti col tutto esaurito al Madison Square Garden, mentre la cover di "Woo Hoo" dei 5.6.7.8 è entrato nella UK Singles Chart dopo essere stato utilizzato in Kill Bill: Volume 1 e alcuni spot televisivi. Punk, heavy metal, hip hop, elettronica e molti altri generi trovano anche nicchie in Giappone dove ottengono la loro interpretazione giapponese.

Il J-pop è spesso associato agli idoli (o イ ド ル aidoru), stelle della musica prodotte da agenzie di talenti. Solitamente commercializzati come artisti "aspiranti", la maggior parte degli idoli ottiene solo una breve fama con una canzone solitaria, tipicamente ripetitiva, accattivante e che non richiede molta abilità per cantare; ancora, il pubblico accoglie con entusiasmo ogni nuovo idolo. Parecchi gruppi di idoli si trasformano in atti di lunga durata, tuttavia: SMAP e Morning Musume sono stati popolari per decenni, con più di 50 Top 10 singoli, mentre AKB48 è balzato ai vertici per diventare il gruppo femminile più venduto in Giappone.

I concerti in Giappone[modifica]

I concerti (ラ イ ブ raibu, "live") sono facili da trovare. A seconda dell'evento, potreste essere in grado di acquistare i biglietti presso i negozi (utilizzando un codice numerico per identificare il concerto giusto), online, nei negozi di dischi o in varie lotterie pre-vendita. (Alcuni venditori potrebbero richiedere una carta di credito giapponese con un indirizzo di fatturazione giapponese, quindi potrebbe essere necessario provare più metodi per trovarne uno che potete usare.) Potete acquistare biglietti giornalieri presso la sede, presumendo che il concerto non sia tutto esaurito. Piuttosto che fare l'ingresso generale, i biglietti possono essere numerati per dividere il pubblico in piccoli gruppi che sono ammessi in ordine. Anche i festival musicali (ロ ッ ク · フ ェ ス テ テ ル ル rokku fesuibaru, abbreviati in ロ ッ ク ク ェ ス rokku fesu o semplicemente フ ェ ス fesu) sono popolari, richiamando decine di migliaia di persone. Fuji Rock Festival è il più grande festival del Giappone e copre molti generi. Rock In Japan Festival è il più grande festival in cui solo artisti giapponesi sono autorizzati a esibirsi.

I fan giapponesi possono essere altrettanto fanatici degli altri amanti della musica. I devoti seguono le loro band preferite in tour e collaborano per ottenere i biglietti in prima fila; potrebbero aver speso più di quello che avete fatto per partecipare allo stesso concerto, quindi non sentitevi "di meritare" un buon posto solo perché avete pagato per venire dall'estero! Quando ci sono più gruppi in elenco e non interessa per quello che suona, i fan giapponesi pensano che sia naturale lasciare il posto in modo che altri possano divertirsi da vicino; prenotare il posto in modo che lo si possa salvare per dopo è malvisto. Molte canzoni hanno furitsuke, gesti di mani con coreografie che la folla suona insieme alla musica, con luci spesso tenute in mano. La band potrebbe creare alcuni dei movimenti, ma la maggior parte è creata organicamente dai fan (di solito quelli nei posti in prima fila). I movimenti sono unici per ogni canzone, il che rende uno spettacolo impressionante quando realizzate che l'intero pubblico li ha appresi a memoria; potete provare a imparare alcuni movimenti osservando da vicino, o semplicemente rilassandovi e godendovi lo spettacolo.

Il teatro[modifica]

Il Kabuki (歌舞 伎) è un tipo di dramma-danza. È noto per gli elaborati costumi e il trucco che gli artisti indossano.

Recitazione No

Il (能 nō o 能 楽 nōgaku) è un tipo di dramma musicale. Mentre i costumi possono sembrare superficialmente simili al kabuki, il no fa affidamento sulle maschere per trasmettere emozioni e racconta la sua storia attraverso i testi, che sono in una forma più antica di giapponese (difficile da comprendere anche per i madrelingua). A volte viene descritta come "opera giapponese", sebbene sia più vicina alla poesia cantata piuttosto che al canto vero e proprio.

Tradizionalmente usato come intermezzo tra gli atti in una rappresentazione no, kyōgen (狂言) consiste in brevi (10 minuti) di recite, spesso usando personaggi di riserva come i servi e il loro padrone, o un contadino e suo figlio. Queste rappresentazioni del no sono molto più accessibili, poiché usano più di una voce parlante e sono tipicamente in un giapponese più moderno, che è più facile da comprendere per gli ascoltatori (simile all'inglese shakespeariano).

Un pupazzo del bunraku

Il bunraku (文楽) è un tipo di recitazione teatrale che si compie con pupazzi di grandi dimensioni manovrati da un maestro a volto scoperto e dagli assistenti vestiti totalmente di nero.

La commedia in Giappone è marcatamente diversa dallo stile occidentale. I giapponesi sono molto sensibili nel fare battute a scapito degli altri, quindi la commedia in piedi stile occidentale non è molto comune. La maggior parte della commedia giapponese si basa sull'assurdità e sulla violazione delle rigide aspettative sociali. La maggior parte dei giapponesi ama anche i giochi di parole (駄 洒落 dajare), anche se questi possono superale la linea oyaji gyagu che inducono un gemito (親父ギャグ barzellette da vecchio, o in altre parole, "scherzi da papà"). Non preoccupatevi del sarcasmo; non è quasi mai usato dai giapponesi.

Il genere più comune e conosciuto di commedie in piedi è il manzai (漫 才). Questo in genere coinvolge due esecutori, l'uomo dritto (tsukkomi) e l'uomo divertente (boke). Le battute si basano sull'interpretazione errata di un uomo buffo o sulla realizzazione di giochi di parole e vengono espresse a un ritmo incalzante. Manzai è tipicamente associato a Osaka e molti artisti manzai usano un accento di Osaka, ma gli atti di manzai sono popolari in tutto il paese.

Un altro tipo tradizionale di commedia giapponese è rakugo (落 語), narrazione comica. Un attore solitario si siede sul palco e racconta una lunga, divertente e solitamente complicata storia. Non si alzano mai dalla posizione inginocchiata di seiza, ma usano trucchi per trasmettere azioni come stare in piedi o camminare. La storia comporta sempre un dialogo tra due o più personaggi, che il narratore descrive con inflessioni vocali e il linguaggio del corpo. Rakugo traduce molto bene; alcuni artisti hanno fatto una carriera di recitazione in inglese, ma per lo più si esibiscono in eventi speciali come una sorta di educazione culturale e nei video online. Tuttavia, potreste essere in grado di trovare una performance in inglese a cui potete partecipare.

Alcune compagnie fanno un recitato in stile occidentale e commedia improvvisata in inglese. Questi attirano un pubblico internazionale: i visitatori stranieri, gli espatriati e anche molti giapponesi di lingua inglese. A Tokyo, i gruppi principali includono Pirates of Tokyo Bay, Stand-Up Tokyo e il lungo Tokyo Comedy Store. Altri gruppi includono ROR Comedy e Pirates of the Dotombori di Osaka, Comedy Fukuoka, NagoyaComedy e Sendai Comedy Club.

Arti culturali giapponesi[modifica]

Le geishe[modifica]

Una geisha ad una processione del festival di Tokyo

Il Giappone è famoso per le geishe, anche se sono spesso fraintese dall'Occidente. Tradotto letteralmente, la parola 芸 者 (geisha) significa "artista" o "artigiano". Le geishe sono intrattenitrici, che tu stia cercando canzoni e balli, giochi di società o semplicemente una buona compagnia e conversazione. Mentre alcune geishe potrebbero essere state prostitute più di un secolo fa, oggi questo non fa parte della loro professione. (In aggiunta alla confusione, attorno alla seconda guerra mondiale alcune prostitute si chiamavano "ragazze geisha" per attirare le truppe americane.) La geisha si forma fin da giovane per essere intrattenitrice squisita e di alta classe. L'apprendista maiko ha il ruoto più difficile, indossano un kimono colorato a strati e stravaganti fusciacche, indossando sempre il trucco del viso completamente bianco. Man mano che maturano, le geishe indossano dei vestiti e dei trucchi più sommessi, tranne che per occasioni molto speciali, lasciando trasparire la loro bellezza e il loro fascino naturale.

Le Geishe sono spesso impiegate oggi dalle imprese per feste e banchetti. Tradizionalmente è necessaria un'introduzione e dei collegamenti per assumere una geisha, per non parlare dei ¥ 50.000 fino ai ¥ 200.000 per ospite. In questi giorni molte geishe stanno facendo uno sforzo per condividere i loro talenti nelle esibizioni pubbliche; potreste essere in grado di vedere le geishe esibirsi per sole 3.000 ¥ o gratuitamente in un festival. Oppure, con alcune ricerche, potreste essere in grado di prenotare una festa privata o semi-privata con una geisha (in alcuni casi anche su Internet) nell'intervallo di ¥ 15.000-30.000/persona.

Nelle più grandi città giapponesi, è facile individuare una geisha se si guarda nella parte destra della città. Kyoto è la patria della più antica e conosciuta comunità di geishe del mondo; Tokyo e Osaka hanno le loro, naturalmente. Yamagata e Niigata sono note per i loro legami storicamente prestigiosi con le geishe, anche se la scena è meno attiva in questo periodo. Potete anche trovare delle geishe in alcune città come Atami e Kanazawa, dove tendono ad essere meno esclusive e meno costose da prenotare.

I club di hostess, in un certo senso, sono una versione moderna dello stesso ruolo che le geishe riempiono. In un club di hostess, una hostess fornirà una conversazione, delle bevande, un intrattenimento e in qualche modo flirtare con i suoi clienti maschi. (In un club ospitante, i ruoli sono invertiti con padroni di sesso maschile che servono clienti femminili, in genere con un flirt più esplicito.) Le hostess lavorano nei bar e cantano il karaoke per intrattenere, rispetto alle geishe che vengono in case da tè e ristoranti per esibirsi in arti tradizionali giapponesi. Ricordate però che le hostess flirtano come professioniste, non come prostitute, e molti club di hostess hanno il divieto di intimità fisica o argomenti di conversazione sessuale. Un'incarnazione più lontana della stessa idea sono le cameriere maid cafè in altri ristoranti di cosplay. Il catering per otaku, con impiegati vestiti come cameriere francesi viziano i loro clienti servendo loro bevande e cibo, tutti solitamente decorati con sciroppo (ad eccezione di antipasti come il popolare riso con omelette, che è decorato con ketchup).

La cerimonia de tè[modifica]

La cerimonia del tè

La cerimonia del tè (茶道 sadō o chadō) non è unica in Giappone, o addirittura in Asia, ma la versione giapponese si distingue per la sua profonda connessione con l'estetica giapponese. In effetti, l'obiettivo di una cerimonia del tè giapponese non è tanto il tè, quanto il far sentire gli ospiti benvenuti e apprezzare la stagione. A causa dell'influenza del Buddismo Zen, la cerimonia del tè giapponese enfatizza un'estetica unicamente giapponese chiamata wabi-sabi (侘 寂). Una traduzione molto approssimativa potrebbe essere che wabi è "semplicità rustica" e sabi è "bellezza che viene con l'età e l'usura". Le ciotole rustiche usate nella cerimonia del tè, di solito in uno stile non simmetrico fatto a mano, sono wabi; l'usura nella glassa della ciotola dall'uso e le scheggiature nella ceramica, a volte fatte deliberatamente, sono sabi. Anche la stagionalità è estremamente importante; un luogo per la cerimonia del tè è in genere piccola e semplice, con decorazioni sparse e scelte per completare la stagione, e di solito una vista pittoresca in un giardino o all'aperto.

Il tè usato nella cerimonia del tè è matcha (抹茶). Durante la cerimonia, l'ospite aggiungerà questa polvere di tè all'acqua, mescolando vigorosamente per ottenere una consistenza spumosa. Il matcha verde è piuttosto amaro, quindi la cerimonia del tè include anche una o due piccole confezioni (菓子 kashi); la loro dolcezza compensa l'amarezza del tè e anche gli snack sono scelti per completare le stagioni. Sia il tè che il cibo sono presentati in articoli di servizio stagionali che fanno parte delle esperienze.

Ci sono case da tè in tutto il Giappone dove potete essere ospite di una cerimonia del tè. Il tipo più comune di cerimonia "informale" di solito richiede da 30 minuti a un'ora; una cerimonia "formale" può richiedere fino a 4 ore, anche se include un pasto kaiseki molto più consistente. Potrebbe valere la pena cercare una cerimonia che viene eseguita almeno parzialmente in inglese, o assumere una guida locale, altrimenti potreste trovare i dettagli sottili della cerimonia abbastanza imperscrutabili. Mentre l'abbigliamento casual può essere accettabile oggi nelle cerimonie informali, dovreste controllare se c'è un codice di abbigliamento e probabilmente provare a vestirvi un po' elegante. I pantaloni o le gonne lunghe farebbero sicuramente piacere, ma le cerimonie più formali richiederebbero un abito; un abbigliamento sottomesso è utile per non sminuire la cerimonia stessa.

Uji è spesso chiamata la "capitale del tè del Giappone"; è famosa per il matcha, che ha prodotto per oltre mille anni. Shizuoka coltiva il 45% della produzione giapponese di tè e oltre il 70% dei tè giapponesi vengono lavorati lì (anche se coltivati altrove). Kagoshima è il secondo più grande produttore, dove il clima caldo e soleggiato e le diverse varietà della pianta del tè producono tè noti per il loro sapore caratteristico e corposo.

Bagni caldi e termali[modifica]

Il bagno all'aperto a Tsurunoyu Onsen, nella prefettura di Akita

Fare il bagno è un grosso affare in Giappone, sia che si tratti di una sorgente termale onsen (温泉) scenografica, di un bagno a vapore di quartiere o semplicemente di una normale vasca per la casa, fare il bagno in stile giapponese è un piacere. Celebrare le gioie dell'acqua calda (湯 yu) e definire la normale vasca con un prefisso onorifico (お 風 呂 o-furo), presuppone che una visita a una sorgente termale giapponese - contrassegnata come ♨ sulle mappe - dovrebbe essere dell'agenda di ogni visitatore; non sorprende pertanto che le sorgenti calde siano all'ordine del giorno.

Mentre un "bagno" occidentale viene usato per lavarsi, i "bagni" in Giappone sono per ammollo e relax. (Pensate ad una vasca idromassaggio piuttosto che a una vasca da bagno.) Il lavaggio viene effettuato prima fuori dalla vasca, di solito seduti su uno sgabello di fronte a un rubinetto, ma sono disponibili anche le docce.

A differenza di una vasca idromassaggio collettiva, nei bagni in Giappone si entra generalmente nudi. Ciò inizialmente è scioccante per la sensibilità occidentale, mentre in Giappone è la norma; amici, colleghi e familiari di ogni età non ci pensano. I giapponesi usano persino la frase "comunicazione nuda" (裸 の 付 き 合 い hadaka no tsukiai) per descrivere il modo in cui fare il bagno insieme abbatte le barriere sociali. Dovreste davvero provare a provarlo, ma se rifiutate, allora ci sono altre opzioni:

  • i pediluvi (足 湯 ashiyu) sono un modo popolare per rilassarsi; l'unica cosa da fa in questi bagni è mettere il piede nudo, mentre ci si siede comodi e vestiti sulla parete della piscina.
  • I bagni misti (混 浴 kon'yoku) a volte consentono (ma potrebbero non richiedere) costumi da bagno e talvolta sono consentiti solo alle donne. Le operazioni commerciali (cioè i bagni pubblici non facenti parte di un ryokan) con i bagni kon'yoku tendono a far rispettare i costumi da bagno per entrambi i sessi.
  • Alcuni ryokan hanno "bagni di famiglia" che potete prenotare solo per il proprio gruppo; questi sono pensati per mamma, papà e i bambini per fare il bagno insieme. Alcuni di questi consentono i costumi da bagno. Allo stesso modo, alcuni ryokan offrono camere esclusive con bagno privato; i costumi da bagno potrebbero non essere permessi, ma anche se ciò non significa che non condividerete il bagno con gli estranei, o potete fare a turno con i vostri amici che fanno il bagno.

I visitatori stranieri di solito visitano le sorgenti termali fermandosi in un ryokan, una tradizionale locanda giapponese, la maggior parte dei quali è caratterizzata da sorgenti termali come una delle loro principali attrazioni (l'altra attrazione principale di solito sono i pasti elaborati kaiseki). Ciò richiede un po' di ricerca e pianificazione per decidere dove volete andare (la maggior parte dei ryokan si trovano nelle piccole città di paese) e per adattarla al proprio programma (una visita a un ryokan sarà in genere alle 17:00 alle 10:00, più il tempo di viaggio che spesso è lungo), ma è un'attività di vacanza popolare per stranieri e nativi allo stesso modo.

È anche possibile visitare le sorgenti calde durante il giorno. Molte sorgenti termali sono bagni indipendenti che sono aperti al pubblico, e i ryokan tipicamente vendono biglietti giornalieri per l'accesso ai loro bagni privati.

I giapponesi hanno meditato per secoli quali siano le migliori sorgenti calde del paese, e ne hanno escogitate alcune. Beppu è famosa per le sue acque primaverili, una serie di sorgenti calde in una varietà di colori dal grigio cupo denso (dal fango sospeso) al blu-verde (dal cobalto dissolto) al rosso sangue (con del ferro e magnesio disciolto). Le sorgenti molto calde non sono adatte per fare il bagno, ma molti altri Beppu Onsen sono adatti. Hakone potrebbe non essere la migliore sorgente termale del Giappone, ma è a circa un'ora da Tokyo e sulla strada per Kyoto e Osaka, quindi è una destinazione popolare. Shibu Onsen a Yamanouchi vicino a Nagano è famosa per le scimmie selvatiche che provengono dalle montagne coperte di neve per sedersi nelle sorgenti calde. (Non preoccupatevi, ci sono dei bagni separati per le persone).

Molti onsen e sento vietano l'ingresso di visitatori con tatuaggi. La regola esiste per tenere fuori i gangster yakuza (che spesso praticano i tatuaggi a tutta schiena), la regola viene solitamente applicata con un minimo di buon senso, ma i visitatori tatuati pesantemente riceveranno, per lo meno, sguardi curiosi e potranno essere invitati ad andare.

Onsen[modifica]

Bagno all'aria aperta Rotenburo nel villaggio di Oku-Hida Onsen

Onsen (温泉), letteralmente "sorgente calda", è l'apice dell'esperienza giapponese. Gruppi di locande termali sorgono ovunque ci sia una fonte adatta di acqua calda, e nel Giappone vulcanico, sono ovunque. L'esperienza onsen più bella è spesso il rotenburo (露天 風 呂): bagni all'aperto con vista sul paesaggio naturale circostante. Mentre i bagni sono generalmente grandi e condivisi, alcuni alloggi più eleganti offrono, spesso a pagamento, bagni prenotabili per più persone o da soli, noti come bagni per famiglie, bagni romantici (più rari) o semplicemente vecchi bagni riservati (貸 切 風 呂 kashikiri-furo). I bagni Onsen possono essere sia in edifici autonomi disponibili per chiunque (外 湯 sotoyu), che bagni privati solo per gli ospiti all'interno dell'alloggio (内 湯 uchiyu).

Mentre la maggior parte degli onsen è gestita commercialmente e addebita un biglietto per l'ingresso (¥ 500-1000 è tipico), specialmente nelle aree remote ci sono bagni pubblici gratuiti che offrono strutture minime ma, il più delle volte, viste stupende da non perdere. Molti di questi sono mischiati (混 浴 kon'yoku), ma mentre gli uomini si infilano ancora felicemente nudi, al più tengono davanti un asciugamano per pudore, è raro che una donna entri in uno di essi senza costume da bagno.

Per trovare quelli davvero fuori dai sentieri battuti, date un'occhiata alla Japan Association of Secluded Hot Spring Inns (日本 秘 湯 を を 会 Nihon hitō o mamoru kai), che consiste di 185 strutture indipendenti in tutto il paese.

Sentō e spa[modifica]

Sentō (銭 湯) sono bagni pubblici che si trovano in ogni grande città. Destinati a persone senza una propria vasca in casa, sono in genere piuttosto utilitaristici e si stanno lentamente estinguendo mentre il Giappone continua la sua modernizzazione rivoluzionaria. Alcuni, tuttavia, sono diventati di lusso e trasformati in spa (ス パ supa), che, in Giappone, non significa capanne balinesi che offrono massaggi ayurvedici mentre vengono cosparsi di orchidee, ma bagni pubblici per lavoratori stressati, spesso associati ad un hotel a capsule. Come ci si potrebbe aspettare, questi posseggono vari gradi di legittimità - in particolare, fate attenzione a qualsiasi luogo pubblicizzato "esthe", "salute" o "sapone" - ma la maggior parte sono sorprendentemente decenti.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Giappone#Infrastrutture_turistiche.

Apprendere[modifica]

L'università di Tokyo

Molti programmi di scambio giovanili portano adolescenti stranieri in Giappone, e il paese ha anche una serie di programmi di scambi universitari molto attivi. Per ottenere un visto per studenti, verrà richiesto di avere un milione di yen, o l'equivalente in premi per gli aiuti finanziari e coprire le spese di soggiorno. Con un visto per studenti, è possibile ottenere un modulo aggiuntivo di permesso per Immigrazione per lavorare legalmente fino a 20 ore settimanali. Per informazioni su come procedere, contattare l'ambasciata giapponese locale o il dipartimento programmi di scambio dell'università locale.

Il modo più economico per soggiornare in Giappone per un periodo di tempo più lungo è quello di studiare in una scuola o università locale con un generoso contributo al Monbusho (Ministero della Pubblica Istruzione) per pagare tutto. Un certo numero di università giapponesi offrono corsi tenuti in inglese; alcune università straniere gestiscono anche programmi indipendenti in Giappone, il più grande dei quali è il campus multi-facoltà della Temple University a Tokyo.

Le migliori università del Giappone sono anche molto apprezzate in tutto il mondo, anche se il rovescio della medaglia è che i corsi di laurea sono quasi sempre condotti esclusivamente in giapponese. Ciononostante, molti di loro hanno accordi di scambio con altre università straniere e si può fare richiesta per scambi di un semestre o di un anno. L'università più prestigiosa del Giappone è l'Università di Tokyo, che è anche considerata una delle università più prestigiose dell'Asia. Altre università di buona reputazione a livello internazionale includono la Waseda University e la Keio University di Tokyo e l'Università di Kyoto.

Arti marziali[modifica]

  • Il judo (柔道 jūdō, letteralmente "il modo gentile") si concentra sull'afferrare e gettare, ed è stata la prima arte marziale a diventare uno sport olimpico moderno. Ci sono molte scuole in tutto il paese in cui potete studiarlo. Se siete un membro di una federazione di judo in qualsiasi paese, potete prendere parte ad un addestramento randori al Kodokan, la sede della comunità mondiale di judo.
  • Il Karate (空手, letteralmente "mano vuota") è un'arte marziale sorprendente - usando pugni, calci e tecniche a mano aperta - ciò è popolare in tutto il mondo, e ha anche un'influenza sulla cultura pop occidentale, come si può vedere nel Film di Hollywood Karate Kid (1984). Ci sono scuole in tutto il paese in cui potete studiare i vari stili. Sarà presentato alle Olimpiadi per la prima volta nel 2020.
  • Il Kendo (剣 道 kendō) è un combattimento competitivo con spade di bambù o di legno, simile alla scherma. Mentre il judo e il karate sono meglio conosciuti in gran parte del mondo occidentale, nello stesso Giappone, il kendo rimane parte integrante della moderna cultura giapponese e viene insegnato agli studenti in tutte le scuole giapponesi.

Altre arti marziali giapponesi includono l'aikidō, un'altra forma di presa e kyūdō, tiro con l'arco giapponese.

Arti e mestieri giapponesi[modifica]

Le arti e i mestieri giapponesi tradizionali includono la cerimonia del tè (茶道 sadō o chadō), l'origami (折 り 紙 "piegare la carta"), la disposizione dei fiori (生 け 花 ikebana), la calligrafia (書 道 shodō) e il bonsai (盆栽).

Lingua giapponese[modifica]

Per coloro che vivono in Giappone a lungo termine, ci sono molte università e scuole di lingue private che conducono corsi di lingua giapponese per stranieri. Quelli delle università a volte sono aperti solo ai loro studenti e al personale.

Lavorare in Giappone[modifica]

La regione di Tokyo offre generalmente la più ampia gamma di posti di lavoro per stranieri, tra cui posizioni per avvocati, commercialisti, ingegneri e altri professionisti. Per lavorare in Giappone, uno straniero che non sia già residente deve ricevere un'offerta di lavoro da un garante in Giappone e quindi richiedere un visto lavorativo presso un ufficio immigrazione (se già in Giappone) o un'ambasciata o un consolato (se all'estero). È illegale per gli stranieri lavorare in Giappone con un visto turistico. I visti di lavoro sono validi per un periodo da uno a tre anni e possono essere utilizzati per garantire l'impiego presso qualsiasi datore di lavoro nell'ambito delle attività designate nel visto (compresi i datori di lavoro diversi dal garante). In alternativa, se avete fondi consistenti, potete richiedere un visto per investitori. Ciò richiede di investire una grande somma di denaro in un'attività locale o di avviare un'attività in proprio in Giappone contribuendo con una grande quantità di capitale iniziale e consentendo di lavorare per quella particolare società con capacità gestionale. Aspettatevi penalità severe se perdete il visto. I coniugi di cittadini giapponesi possono ottenere visti per il coniuge, che non abbiano restrizioni sull'occupazione.

Gli stranieri che hanno vissuto in Giappone per 10 anni in modo continuativo hanno diritto a richiedere la residenza permanente. Dovete dimostrare di essere finanziariamente indipendenti e di non avere precedenti penali. Se concesso, potete vivere e lavorare in Giappone quanto desiderate.

Una forma di impiego popolare tra gli stranieri dei paesi di lingua inglese è insegnare l'inglese, specialmente nelle scuole di conversazione in inglese, conosciute come eikaiwa (英 会話). La retribuzione è abbastanza buona per i giovani adulti, ma piuttosto scarsa rispetto a un educatore qualificato già al lavoro nella maggior parte dei paesi occidentali. Le condizioni di lavoro possono anche essere abbastanza rigide rispetto agli standard occidentali e alcune aziende hanno una reputazione molto negativa. Un diploma universitario o accreditamento ESL è essenziale per la maggior parte delle posizioni desiderabili. Le interviste per le scuole inglesi appartenenti a una delle più grandi catene si terranno di solito nel paese di origine del richiedente. Imparare l'inglese non è più così alla moda come una volta e gli anni del boom sono finiti da tempo. Maggiore enfasi viene posta sull'educazione dei bambini. Oltre all'inglese, altre lingue straniere che sono popolari includono portoghese, francese, coreano, mandarino e cantonese. Se siete interessati a questo tipo di lavoro, dovreste tenere presente che gli accenti nord americani sono preferiti, così come una preferenza non detta per gli insegnanti con un aspetto caucasico.

Il programma JET (Scambio e insegnamento in Giappone) offre ai giovani laureati la possibilità di insegnare in Giappone. Il programma è gestito dal governo giapponese, ma il datore di lavoro sarebbe in genere un Board of Education locale che assegna a una o più scuole pubbliche, spesso in campagna. Non sono richieste competenze di giapponese o qualifiche di insegnamento formale e viene fornito il biglietto aereo. La paga è leggermente migliore delle scuole di lingua e, a differenza di una scuola del genere, se avete un problema serio con il datore di lavoro potete fare appello al personale del JET per chiedere aiuto. Il programma JET ha anche un piccolo numero di posizioni per le relazioni internazionali o i coordinatori sportivi, anche se questi richiedono alcune abilità giapponesi.

Gli stranieri con un'istruzione post-laurea possono essere in grado di trovare un lavoro di insegnamento dell'inglese (o anche di altre materie) presso le università giapponesi, che offrono migliori salari e condizioni di lavoro rispetto all'industria eikaiwa.

Un bel po' di giovani donne scelgono di lavorare nell'industria delle hostess, dove intrattengono uomini giapponesi bevendo bevande in piccoli bar noti come sunakku (ス ナ ッ ク) e pagano il loro tempo. Mentre la paga può essere buona, i visti per questa linea di lavoro sono difficili se non impossibili da ottenere e la maggior parte funziona illegalmente. La natura del lavoro comporta anche i propri rischi, in particolare le scarse prospettive di carriera, l'alcolismo, il fumo, i potenziali problemi da parte di clienti quali domande oscene, e persino molestie o peggio.

Valuta e acquisti[modifica]

Monete giapponesi

La moneta[modifica]

La valuta giapponese è lo yen (JPY). Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD USD

In giapponese il simbolo 円 viene pronunciato "en" e letteralmente significa "cerchio". Lo yen è suddiviso in sen (centesimi), ma questi non vengono più utilizzati.

  • Monete: ¥ 1 (argento), ¥ 5 (oro con foro centrale), ¥ 10 (rame), ¥ 50 (argento con foro centrale), ¥ 100 (argento) e ¥ 500. Ci sono due monete da ¥ 500, distinguibili per il loro colore. (Le nuove sono d'oro, le vecchie sono d'argento).
  • Banconote: ¥ 1.000 (blu), ¥ 2.000 (verde), ¥ 5.000 (viola) e ¥ 10.000 (marrone). ¥ 2.000 banconote sono rare. Nuovi progetti per tutte le banconote tranne i ¥ 2.000 sono stati introdotti a novembre 2004, quindi ora ci sono due versioni in circolazione. La maggior parte dei commercianti non obietterà di ricevere una banconota di ¥ 10.000 anche per un piccolo acquisto.

L'uso del contante è ancora piuttosto diffuso: le banconote vengono cambiate di sovente e sono di buona qualità. I giapponesi di solito trasportano grandi quantità di denaro: è abbastanza sicuro farlo ed è quasi una necessità, specialmente nelle città più piccole e in aree più isolate. Alcune macchine, come armadietti per le monete, lavanderie e docce sulla spiaggia, accettano solo ¥ 100 monete e alcuni cambiamonete accettano solo ¥ 1.000 banconote.

Carte di credito e moneta elettronica[modifica]

Sebbene la maggior parte dei negozi e degli hotel che servono clienti stranieri prendano carte di credito, molte attività commerciali come caffè, bar, negozi di alimentari e persino alberghi e locande più piccoli non lo fanno. Bisogna attendersi limitazioni specialmente nelle zone rurali: assicurarsi di avere con sé contante sufficiente specialmente nei piccoli esercizi. Anche le aziende che accettano le carte spesso hanno un costo minimo e un sovrapprezzo, anche se questa pratica sta scomparendo. La carta di credito più popolare in Giappone è JCB e, a causa delle alleanze, le carte Discover e American Express possono essere utilizzate ovunque accettino JCB. Ciò significa che queste carte sono più ampiamente accettate di Visa/MasterCard/UnionPay. La maggior parte dei commercianti conosce solo l'accordo JCB/AmEx, ma Discover funzionerà se li convincete a provare!

L'uso della moneta elettronica sta diffondendosi rapidamente, ma al momento funzionano solo gli standard locali (es. Suica, Waon, Edy, ecc.). In molte città, i giapponesi possono anche utilizzare i telefoni cellulari per pagare i loro acquisti, una caratteristica nota come osaifu keitai ("portafoglio mobile"). Per quanto riguarda i pagamenti elettronici, lo standard giapponese NFC-F è diverso e non compatibile con quello Europeo ed Americano (NFC-A e NFC-B), perciò - a meno che non abbiate un cellulare di ultimissima generazione - i pagamenti elettronici non possono essere effettuati. Senza un telefono giapponese infatti e una scheda SIM, non è possibile utilizzare le funzionalità di fatturazione giapponesi (addebiti sulla fattura del telefono cellulare o carta prepagata), ma gli utenti di iPhone possono utilizzare questi terminali abbastanza onnipresenti (iD, Edy, Waon, ecc. ) registrando una carta Suica (vedi § Smart card) tramite Apple Pay. Questo è possibile solo sugli iPhone 8 e versioni successive e Apple Watch Serie 3 e versioni successive, o con un iPhone 7 giapponese o Apple Watch Serie 2. Gli utenti di Google Pay in genere non possono utilizzare questi terminali, poiché quasi nessun telefono Android è stato prodotto con il necessario FeliCa (noto anche come NFC-F) hardware.

Meno comuni sono i terminali che mostrano il logo NFC internazionale EMVCoContactlessIndicator.svg al quale è possibile utilizzare carte di credito contactless, Apple Pay e Google Pay. Quando effettuate un acquisto, richiedete "NFC Pay" e tenete la carta o il telefono senza contatto al terminale.

Le carte elettroniche prepagate sono molto popolari per i piccoli acquisti. Ci sono carte per le tariffe dei treni, per acquisti nei minimarket e altri scopi generali, sebbene non siano intercambiabili. Se prevedete di tornare frequentemente e/o dovete essere in grado di aggiungere fondi alle carte prepagate con una carta di credito, potrebbe valere la pena acquistare uno smartphone giapponese più economico e usato (~ ¥ 5000) e utilizzare le app della carta prepagata incluse tramite WiFi. Tenete presente che l'inizializzazione della carta prepagata su una SIM noleggiata comporta un utilizzo di dati che possono essere evitati utilizzando il Wi-Fi. Solo i telefoni adatti richiedono una SIM giapponese per avviare il servizio; gli smartphone del mercato giapponese, una volta sbloccati, possono essere inizializzati utilizzando qualsiasi servizio dati, sia esso Wi-Fi, la propria SIM o un noleggio. Ciò significa che è possibile configurarlo prima dell'arrivo. Mobile Suica e Edy, le due principali app di carte prepagate incluse negli smartphone giapponesi, possono essere legate a carte di credito per il pagamento anziché una bolletta telefonica (e mentre Mobile Suica richiede una tassa annuale di 1000 yen, è l'unico modo per caricare una Suica con una carta di credito non emessa da JR). Tuttavia, le sole carte emesse all'estero sono quelle JCB e American Express. Per i grandi acquisti pagati con una Suica o Edy collegata in questo modo, i vantaggi di AmEx (protezione acquisti, garanzia estesa, ecc.) non si applicano. Sia Mobile Suica che Mobile Edy accettano finanziamenti con carte di credito estere JCB / American Express, sebbene Mobile Suica abbia un costo annuale di ¥ 1000 mentre Mobile Edy richiede un'attesa di due giorni dalla presentazione della carta di credito con dettagli prima di consentire il caricamento.

Il cambio[modifica]

Quasi tutte le principali banche forniranno cambi di valuta estera con dollari statunitensi (contanti e assegni turistici). Le tariffe sono fondamentalmente le stesse (le tariffe possono essere migliori o peggiori ai banchi di cambio privati). Dover aspettare 15-30 minuti, a seconda di quanto sia impegnato lo sportello, non è insolito. Altre valute accettate sono euro; Franchi svizzeri; Dollari canadesi, australiani e neozelandesi; e sterline inglesi. Tra le altre valute asiatiche, il dollaro di Singapore sembra essere il più ampiamente accettato, seguito dal won coreano e dallo yuan cinese.

I tassi di cambio per dollari USA ed euro sono in genere molto buoni (circa il 2% al di sotto del tasso ufficiale). I tassi di cambio per le altre valute sono molto scarsi (fino al 15% al ​​di sotto del tasso ufficiale). Le altre valute asiatiche non sono generalmente accettate (le valute dei paesi vicini, come il won coreano, lo yuan cinese e il dollaro di Hong Kong sono eccezioni). Gli uffici postali giapponesi possono anche incassare assegni turistici o scambiare contanti per yen, con un tasso leggermente migliore rispetto alle banche. I traveller's cheque hanno anche un tasso di cambio migliore del contante. Se si stanno scambiando importi superiori a US $ 1.000 (in contanti o con assegni di viaggio), vi verrà richiesto di fornire un documento identificativo comprendente il vostro nome, indirizzo e data di nascita (per prevenire il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo). Poiché i passaporti di solito non mostrano l’indirizzo, portate con voi un altro documento di identità come la patente di guida che lo mostra.

Le valute straniere (es. euro, dollari, ecc.) non vengono accettate come mezzo di pagamento se non da alcuni negozi negli aeroporti.

Operazioni bancarie e prelievi[modifica]

L'attività bancaria in Giappone è un processo notoriamente complicato, soprattutto per gli stranieri. Avrete bisogno di una carta residente per gli stranieri (ARC) e la prova di un indirizzo giapponese. Ciò significa che mentre gli stranieri che vivono in Giappone per un periodo prolungato (vale a dire quelli con visti per studente, dipendenti o lavoro) possono aprire un conto, questa opzione non è disponibile per coloro che viaggiano per turismo o affari. Molte banche richiedono anche un sigillo giapponese (印鑑 inkan) per timbrare i documenti e le firme spesso non sono accettate come sostituto. Il personale della banca spesso non parla inglese o altre lingue straniere. A differenza della maggior parte degli altri paesi del mondo, le filiali bancarie giapponesi spesso hanno solo sportelli automatici disponibili durante le ore d'ufficio, anche se questo sta cambiando (per esempio, alcune filiali Mitsubishi-UFJ ora tengono i propri sportelli automatici disponibili fino alle 23:00).

Nel caso in cui si abbia bisogno di una carta di credito emessa localmente (per un commerciante online che esegue controlli regionali, per esempio), ci sono una moltitudine di carte Visa virtuali online disponibili, e alcune carte dei negozi prepagate. Anche le carte Visa o JCB funzionano.

Un numero crescente di sportelli bancomat giapponesi, conosciuti localmente come angoli di cassa (キャッシュコーナー kyasshu kōnā), stanno iniziando ad accettare carte di debito straniere, ma la disponibilità di anticipi di carte di credito, conosciuti come incassi (キ ャ ッ シ ン グ kyasshingu), rimane discutibile. Le principali banche e gli operatori ATM che accettano le carte straniere sono elencati di seguito.

Schede con chip Maestro EMV

Se avete una carta EMV emessa da Maestro con un chip (chiamato anche IC o chip-e-pin) che viene emessa al di fuori della regione Asia/Pacifico, potete prelevare contanti in molti negozi, come 7-Eleven, Lawson e negozi nella rete E-Net, ATM AEON e ATM Mizuho e Mitsubishi UFJ con base Tokyo.

Altri sportelli bancomat, tra cui Japan Post, non accettano le carte EMV. Se la propria carta ha sia un chip che una striscia magnetica, alcune macchine accetteranno la carta leggendo dalla striscia magnetica.

  • Oltre 22.000 negozi giapponesi 7-Eleven con bancomat accettano carte estere per prelievi di contanti. Le carte accettate includono Mastercard, Visa, American Express, JCB e UnionPay (con un supplemento di ¥ 110) e carte ATM con i loghi Cirrus, Maestro e Plus. Questi sono i più utili per gli utenti non UnionPay poiché sono ovunque e sono accessibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Questi sportelli automatici richiedono che gli utenti non UnionPay ritirino multipli di ¥ 10.000. Le commissioni variano in base alla quantità prelevata e possono arrivare ad un maassimo di 216 ¥ (mag 2019)
  • JP Bank (ゆ う ち ょ Yū-cho), precedentemente Cassa di Risparmio Postale e quindi la si trova in quasi tutti gli uffici postali, che a sua volta ha una succursale in quasi tutti i centri minori. La maggior parte dei bancomat postali fornisce istruzioni in inglese e giapponese. Inoltre, sono accettati Cirrus, Visa Electron, Maestro e UnionPay e potete effettuare anticipi con carta di credito su Visa, MasterCard, AmEx e Diners Club. Il proprio PIN deve essere di 6 cifre o meno. I loro sportelli bancomat negli uffici postali hanno un numero limitato di ore di operatività e adesso fanno pagare ¥ 216 per prelevare contanti da una carta straniera.
  • I bancomat Shinsei Bank (新生 銀行), accettano Plus e Cirrus, si trovano nelle principali stazioni della metropolitana di Tokyo e Keikyu, nonché nelle aree centrali delle principali città. Tuttavia, tenete presente che non tutti i bancomat Shinsei accettano carte non giapponesi.
  • SMBC (三井 住友 銀行) ATM prenderà le carte UnionPay con un supplemento di ¥ 75. Dovete cambiare la lingua in inglese o cinese prima di inserire la scheda; la macchina non riconoscerà altrimenti la lingua.
  • Prestia, una divisione di SMBC, ha rilevato la divisione bancaria personale di Citibank nel novembre 2015. Gli sportelli bancomat Prestia che accettano carte straniere sono installati in tre filiali SMBC a Tokyo e negli aeroporti di Narita e Haneda.
  • Gli sportelli automatici Mitsubishi UFJ (三菱 東京 UFJ 銀行) riceveranno le carte UnionPay, JCB emesse all'estero e Discover senza costi aggiuntivi. Tenete presente che dovete premere prima il pulsante "English"; i loro bancomat NON riconosceranno le carte non giapponesi in modalità lingua giapponese.
  • Gli ATM Mizuho (み ず ほ 銀行) ora accettano anche UnionPay e la maggior parte degli sportelli accetterà transazioni UnionPay anche se non si preme il pulsante "UnionPay" prima di inserire la carta. Alcuni ATM Mizuho di Tokyo accettano anche carte Mastercard e Maestro.
  • Gli sportelli automatici AEON (イ オ ン 銀行) di solito accettano UnionPay e talvolta Visa e Mastercard. Mentre le carte Visa/MC non hanno addebitati, agli utenti UnionPay vengono addebitati 75 ¥ per prelievo senza avviso fornito sullo schermo dell'ATM. Negli sportelli è necessario premere il pulsante "Carte internazionali". Mastercard Japan mantiene un elenco inglese degli sportelli automatici AEON in cui sono accettate le carte Mastercard / Maestro.
  • Gli sportelli automatici Lawson (ロ ー ソ ン), situati nella maggior parte dei negozi di generi alimentari Lawson, accettano carte Visa / MC e UnionPay, ma ora applicano una tariffa di ¥ 110. Inserite la carta e seguite le indicazioni.
  • I bancomat E-Net (イ ー ネ ッ ト), situati nella maggior parte dei negozi FamilyMarts, Don Quijote e Costco, dispongono della funzionalità Visa / MC / UnionPay, ma fanno pagare 108 ¥ per prelievo indipendentemente dal circuito.
  • I bancomat BankTIme (バ ン ク タ イ ム), situati in Circle K, Sunkus e alcuni FamilyMarts, accettano ora le carte JCB, FISCARD (debito taiwanese) e UnionPay. Questi bancomat accettano prelievi tra le 7:00 e le 24:00 del lunedì, le 6:00 alle 23:00 la domenica e le 6:00 alle 24:00 negli altri giorni della settimana.
  • Anche la Japan Post consente i prelievi con carte straniere.

Nelle grandi banche giapponesi (es. Mizuho, SMBC, ecc) è comunque ancora possibile che il prelievo non vada a buon fine, anche se sta aumentando il numero di bancomat connessi col circuito internazionale.

Per coloro che usano carte UnionPay
  • 7-Bank, Lawson e Yucho addebitano una commissione ATM supplementare di ¥ 110 in aggiunta alla commissione applicata dall'emittente. E-Net addebita ¥ 108, mentre SMBC e Aeon caricano solo ¥ 75. Lawson, Mizuho e MUFG non fanno pagare nulla, quindi è meglio prelevare presso uno dei loro sportelli automatici durante l'orario di apertura.
  • Il numero della carta UnionPay deve iniziare con 6. Se la prima cifra è qualcos'altro e non ha il logo di un'altra rete, non funzionerà affatto in Giappone. Se la cifra iniziale è 3/4/5 e porta il logo di un'altra rete (Visa/MasterCard/AmEx) non funzionerà negli sportelli automatici AEON SMBC/MUFG/Mizuho/UnionPay, solo negli sportelli automatici dell'altra rete (Yucho/Lawson/7-Bank/Prestia/Shinsei/E-Net/AEON con abilitazione internazionale).
  • L'illustrazione sugli sportelli SMBC/MUFG mostra che la scheda è stata inserita con la striscia mag-up. Questo avviene solo per le carte giapponesi; le carte UnionPay (e Discover/JCB per MUFG) devono essere inserite nel solito modo.

I limiti di prelievo presso le macchine ATM per le carte straniere variano in parte a causa delle violazioni della sicurezza bancaria. La maggior parte degli sportelli automatici limita i prelievi a ¥ 50.000 yen per transazione. Alla 7-Eleven / Seven Bank, il limite è di ¥ 100.000 per le transazioni con chip card e ¥ 30.000 per le carte a banda magnetica e le transazioni American Express. Per le persone che ritirano denaro dalla rete FISCARD di Taiwan, il limite è fissato all'equivalente locale di NT $ 20000 al momento del prelievo, indipendentemente dal tipo di ATM abilitato FISCARD (Hokkaido Bank, Bank of Okinawa o BankTime).

Si noti che la tendenza delle banche "locali" giapponesi è di far parte del circuito UnionPay (e MUFG che accetta anche Discover). Mentre i 7-Elevens sono ovunque, è sempre consigliabile avere più opzioni, quindi provate ad acquistare una carta di debito UnionPay o Discover prima dell'arrivo per una maggiore comodità (ad esempio, all'aeroporto Narita, ci sono i "soliti" sportelli bancomat al 1° piano del Terminal 2 che si affollano agli arrivi internazionali, mentre gli sportelli automatici Mitsubishi-UFJ al 2° piano sono liberi a quasi tutte le ore).

Una cosa da tenere a mente: molti sportelli bancomat giapponesi sono chiusi di notte e durante i fine settimana, quindi è meglio portare a termine le operazioni bancarie durante le ore d'ufficio! Le eccezioni sono i negozi di alimentari come 7-Eleven, aperto 24 ore su 24, FamilyMart (alcuni dispongono di sportelli automatici Yucho con prelievi gratuiti, la maggior parte degli sportelli automatici E-Net che pagano un supplemento), Lawson (per gli utenti UnionPay) e Ministop città in cui è stata attivata l'accettazione di carte internazionali negli sportelli bancomat in negozio.

Se si utilizzano sportelli automatici SMBC / MUFG / Mizuho / Aeon, lo staff in loco presso la maggior parte delle filiali non è ancora a conoscenza del fatto che i propri sportelli automatici accettano attualmente carte straniere. In caso di problemi, sollevare il ricevitore accanto alla macchina per parlare con il personale di supporto ATM centrale. Le opzioni più fantasiose sono solo per gli utenti di carte bancomat nazionali; non aspettatevi di comprare biglietti della lotteria o effettuare bonifici bancari con la propria carta di debito da casa.

I distributori automatici[modifica]

I distributori automatici in Giappone sono noti per la loro pervasività e la (notoria) varietà di prodotti che vendono. La maggior parte prenderà i biglietti da ¥ 1.000, e alcuni tipi come le macchine dei biglietti del treno impiegheranno fino a ¥ 10.000; nessuno accetta monete da ¥ 1 o ¥ 5, e solo alcune accettano ¥ 2.000. E persino i distributori automatici più tecnologici non accettano carte di credito, ad eccezione di alcuni nelle stazioni ferroviarie (anche se ci sono dei limiti - ad esempio, i distributori automatici JR East e West richiedono un PIN di quattro cifre o meno; i clienti farebbero meglio ad acquistare da una biglietteria). I distributori automatici di sigarette richiedono una carta Taspo (per la verifica dell'età), che non è disponibile per i non residenti, ma i fumatori locali sono solitamente felici di prestarvi la loro.

Tutte le macchine automatiche danno sempre il resto senza arrotondamenti.

Suggerimenti pratici[modifica]

Esiste una tassa di consumo (IVA) dell'8% su tutte le vendite in Giappone. L'imposta è solitamente, ma non sempre, inclusa nei prezzi esposti, quindi fate attenzione. La parola zeinuki (税 抜) significa tasse escluse, zeikomi (税 込) significa tasse incluse. Se non riuscite a trovare alcuna parola nel listino prezzi, la maggior parte di queste sono incluse nel prezzo. Si prevede che l'IVA aumenterà al 10% nell'ottobre 2019.

È possibile effettuare acquisti in esenzione d'IVA per quasi tutti i prodotti (fatta eccezione per quelli deperibili o che devono essere consumati in breve tempo): i negozi che offrono il servizio di esenzione di norma riportano la dicitura "tax free". L'acquisto verrà effettuato già a netto dell'IVA e verrà consegnato un modulo che dovrà essere restituito in dogana, alla partenza.

Conservate sempre una notevole quantità di denaro in contanti nel caso si esaurisse per qualsiasi motivo (furto del portafoglio, carta di credito bloccata, ecc.), può infatti essere difficile avere riceve soldi dall’estero. Western Union ha una presenza molto limitata anche nelle grandi aree metropolitane, le banche non permettono di aprire conti correnti senza una carta d’identità locale, le poche carte Visa prepagate aperte agli stranieri non possono accettare bonifici bancari, e persino gli ordini postali internazionali richiedono la prova di un indirizzo di residenza in Giappone. Se quanto sopra è poco pratico, trasportare almeno una carta American Express. AmEx può stampare le carte sostitutive dal suo ufficio a Tokyo per il ritiro in giornata se smarrite, hanno la possibilità di inviare fondi di emergenza in alcune località in Giappone per il prelievo, se necessario.

La mancia[modifica]

In Giappone, la mancia non fa parte della cultura. I giapponesi sono a disagio nel ricevere la mancia e rischiano di sentirsi confusi, divertiti o addirittura offesi. I giapponesi si vantano del servizio offerto ai clienti e un ulteriore incentivo finanziario non è necessario. Se lasciate una mancia in un ristorante, il personale verrà probabilmente a rincorrerti per restituire i soldi che hai "dimenticato". Molti hotel e ristoranti occidentalizzati possono aggiungere un supplemento del 10% e i ristoranti familiari possono aggiungere un supplemento del 10% a notte dopo la mezzanotte.

Occasionalmente, l'hotel o la locanda lascerà una piccola busta per la mancia per dare la mancia alle cameriere, sebbene sia completamente opzionale. Non lasciare mai la mancia in un tavolo o in un letto d'albergo perché i giapponesi considerano scortese il fatto che non sia nascosto in una busta. Anche i fattorini negli hotel di fascia alta di solito non accettano mance. Le eccezioni sono i ryokan di fascia alta e interpreti o guide turistiche.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Giappone#Ryokan.

I costi[modifica]

Il Giappone ha la reputazione d'essere estremamente costoso, e può anche esserlo. Tuttavia, molte cose sono diventate significativamente più economiche nell'ultimo decennio. Il Giappone non deve essere eccessivamente costoso se si pianifica attentamente e in effetti è probabilmente meno costoso dell'Australia e della maggior parte dei paesi dell'Unione Europea per le spese di base. Il cibo in particolare può essere un affare, mentre è ancora costoso per gli standard asiatici, mangiare fuori in Giappone è generalmente più economico che nei paesi occidentali, con un pasto base composto da riso o noodles a partire da circa ¥ 300 per porzione. Naturalmente, dall'altra parte della medaglia, la cucina raffinata può essere molto costosa, con prezzi dell'ordine di ¥ 30.000 a persona. Per i viaggi a lunga distanza, in particolare, il Japan Rail Pass, il Japan Bus Pass e i voli Visit Japan possono fare risparmiare un parecchio.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Giappone#Come_spostarsi.

Come linee guida approssimative, sarà molto difficile viaggiare con meno di 5.000 yen al giorno (ma se pianificate attentamente, è certamente possibile) e potete aspettarvi un certo livello di comfort solo se pagate 10.000 ¥. Stare in hotel di lusso, mangiare pasti elaborati o semplicemente viaggiare a lunga distanza può facilmente raddoppiare i costi. I prezzi tipici per viaggi con budget moderato sarebbero di ¥ 5.000 per hotel, ¥ 2.000 per i pasti e di nuovo ¥ 2.000 per i biglietti di ingresso e il trasporto locale.

Anche i costi variano da luogo a luogo, poiché l'area metropolitana di Tokyo è la più costosa rispetto al resto del paese.

Acquisti[modifica]

La maggior parte degli articoli venduti in Giappone è soggetta ad una tassa di vendita dell'8%, che può essere rimborsata ai turisti stranieri a condizione di portare gli oggetti fuori dal Giappone quando si torna in patria. In molti grandi magazzini come Isetan, Seibu e Matsuzakaya, di solito si paga l'intero costo al cassiere e poi si va a un banco di rimborso fiscale (税金 還 付 zeikin kanpu o 税金 戻 し zeikin modoshi), di solito situato in uno dei piani più alti e presentando la ricevuta e il passaporto si ottenere il rimborso. In alcuni altri negozi che pubblicizzano il "duty free" (免税 menzei), dovete solo presentare il passaporto al cassiere quando effettuate il pagamento e la tassa viene detratta sul momento.

Il Giappone ha un numero crescente di negozi esentasse dove i turisti stranieri possono ricevere rimborsi dell'imposta sul consumo dell'8%. I rimborsi vengono concessi per acquisti superiori a 5.000 ¥ su qualsiasi combinazione di prodotti di consumo (cibo, bevande, alcolici, tabacco) e non di consumo (abbigliamento, elettronica, gioielli, ecc.) acquistati su un'unica ricevuta. Per qualificarsi, è necessario visitare un negozio con un cartello "Tax Free" visualizzato. I materiali di consumo che ricevono un rimborso fiscale non possono essere consumati in Giappone e devono essere portati fuori entro 30 giorni.

Quando effettuate acquisti esentasse o rimborsi fiscali, il personale addetto aggiungerà un pezzo di carta sul passaporto che dovreste tenere fino a quando non lascerete il Giappone. Questo pezzo di carta deve essere consegnato allo sportello doganale al punto di partenza appena prima di passare attraverso l'immigrazione.

Nonostante il detto che le città giapponesi non dormono mai, le ore di vendita al dettaglio sono sorprendentemente limitate. Gli orari di apertura della maggior parte dei negozi sono in genere 10:00-20:00, anche se la maggior parte dei negozi è aperta nei fine settimana e nei giorni festivi ad eccezione del Capodanno, e chiudono un giorno a settimana. I ristoranti restano aperti fino a tarda notte, anche se il fumo di solito è consentito dopo le 20:00, quindi chi non sopporta il fumo di sigaretta dovrebbe consumare i pasti prima di allora.

Tuttavia, troverete sempre qualcosa di cui potreste aver bisogno di acquistare in qualsiasi momento della giornata. In Giappone avanzano i minimarket 24 ore (コ ン ビ ニ konbini), come 7-Eleven, Family Mart, Lawson, Circle K e Sunkus. Spesso offrono una gamma molto più ampia di prodotti rispetto ai negozi di alimentari negli Stati Uniti o in Europa, a volte hanno un piccolo sportello automatico e sono spesso aperti 24 ore per tutta la settimana! Molti negozi offrono anche servizi come fax, spedizione bagagli takkyubin, una gamma limitata di servizi postali, servizi di pagamento per le bollette (incluso la ricarica di schede telefoniche internazionali come Brastel) e alcuni rivenditori online (ad esempio Amazon.jp), e vendita di biglietti per eventi, concerti e cinema. I prodotti sono spesso riconoscibili perché é presente una breve descrizione in inglese.

Naturalmente, i locali legati alla vita notturna come le sale da karaoke e i bar restano aperti fino a tarda notte. Anche nelle piccole città è facile trovare un izakaya aperto fino alle 05:00. I salotti Pachinko sono obbligati a chiudere alle 23:00.

Suggerimenti per gli acquisti a basso costo[modifica]

Come fatto notare sopra, il Giappone può essere costoso. Potreste percepire che ogni articolo o pasto ha un prezzo elevato. La ragione principale di ciò è che avrete scelto di comprare in un quartiere di fascia alta. Se desiderate acquistare altri articoli a prezzi ragionevoli, valutate attentamente se state cercando disperatamente prodotti di fascia alta o se desiderate solo prodotti e generi alimentari quotidiani. Per il primo si dovrebbe provare con i migliori grandi magazzini, boutique e ristoranti nei ben noti quartieri dello shopping come Isetan a Shinjuku e Matsuya a Ginza, per quest'ultimo sarebbe meglio orientarsi verso centri commerciali suburbani o supermercati come Aeon o Ito-Yokado.

Tuttavia, se vi trovate a corto di denaro, potete comprare le cose essenziali in uno dei tanti negozi ¥ 100 (百 円 シ ョ プ hyaku-en shoppu) situati nella maggior parte delle città. Daiso è la più grande catena di negozi ¥ 100 del Giappone, con 2.680 negozi in tutto il Giappone. Altre grandi catene sono Can Do (キ ャ ン ド ゥ), Seria (セ リ ア) e Silk (シ ル ク). Ci sono anche negozi ¥ 100 come negozio SHOP99 e Lawson Store 100, dove potete acquistare panini, bevande e verdure oltre a 100 ¥ selezionati.

Anime e manga[modifica]

Per molti occidentali, anime (animazione) e manga (fumetti) sono le icone più popolari del Giappone moderno. I manga sono popolari tra i bambini e gli adulti e coprono tutti i generi; non è raro vedere uomini d'affari in metropolitana o in un ristorante impegnato a leggere un manga. La maggior parte dei manga viene serializzata in riviste usa e getta come Weekly Shonen Jump e Ribon, e successivamente ripubblicata in volumi, che è ciò che troverete nelle librerie; alcuni manga prendono la forma di graphic novel. Sebbene gli anime fossero considerati infantili prima d'oggi, molti adulti e bambini giapponesi li trovano così eccitanti da essere orgogliosi come cultura. La maggior parte degli adulti in Giappone non guarda regolarmente gli anime, tranne gli otaku, i secchioni il cui interesse spesso confina con l'ossessione, ma alcuni titoli trovano un appeal di massa. Molti dei film di maggior successo in Giappone sono film d'animazione, di cui ben 5 del gigante industriale Hayao Miyazaki.

Molti visitatori vengono in Giappone in cerca di prodotti relativi ai loro titoli di anime e manga preferiti. Uno dei posti migliori per fare acquisti è Akihabara a Tokyo. Ampiamente nota come la Mecca degli otaku, i negozi e gli stand vendono anime, manga e merchandise, naturalmente, ma anche videogiochi, elettronica domestica, macchine fotografiche e obiettivi per pellicole vintage e molti altri articoli.

Per oggetti rari o vintage, negozi come Mandarake ospitano più piani di oggetti da collezione anime e manga. Ci sono anche negozi pieni di vetrine; ognuno dei quali ospita il cast di un anime o di un manga. Oltre a questi negozi, in tutta Akihabara troverete piccoli negozi che vendono figure di vari anime e manga. Un'altra opzione a Tokyo è Ikebukuro. Il negozio originale Animate si trova vicino all'uscita di Ikebukuro Est, e nelle vicinanze ci sono negozi di cosplay e un altro negozio Mandarake.

Un noto punto di shopping per i locali sono le catene di negozi Book-Off. Sono specializzati in libri di seconda mano, manga, anime, videogiochi e DVD. La qualità dei prodotti può variare dal quasi nuovo di zecca (letti una volta) a più utilizzato. Assicuratevi di controllare l'area di ¥ 105 in cui la qualità dei libri potrebbe essere più apprezzata, ma ci sono molte scoperte fantastiche. Esiste una piccola serie di manga tradotti in inglese, ma la maggior parte è in giapponese.

Anime sono disponibili in DVD e/o Blu-ray, a seconda del titolo. A meno che non troviate copie, i DVD sono tutti NTSC regione 2. Ciò li rende ingiocabili nella maggior parte dei lettori DVD in Europa (che utilizza PAL o SECAM). I Blu-ray sono a regione A, che comprende il Nord e il Sud America e l'Asia orientale, tranne la Cina continentale. Ad eccezione degli studi di produzione più grandi (come i Blu-ray di Studio Ghibli), la maggior parte delle versioni non ha sottotitoli in inglese.

Sfortunatamente, i DVD anime e i Blu-ray sono piuttosto costosi in Giappone (la storia del perché è interessante). La maggior parte delle versioni costa da ¥ 4000-8000 per disco e in genere ha solo 2-4 episodi per disco. Anche le edizioni "scontate", quando esistono, sono raramente inferiori a ¥ 3000 per disco e raramente hanno più di 4 episodi per disco.

Videogiochi e giochi per PC[modifica]

I videogiochi sono un enorme business in Giappone, e sia i giochi nuovi che quelli vecchi possono essere trovati nei negozi di elettronica e di giochi in tutto il Giappone. Le console e i televisori moderni presentano pochi o nessun problema di compatibilità, ma le console più datate supportano solo lo standard di visualizzazione NTSC-J del Giappone (quasi identico agli altri standard NTSC) e i televisori più vecchi provenienti da regioni non NTSC potrebbero non essere compatibili con esso. Fate una ricerca prima di investire in una console o in un gioco giapponese.

L'ultima generazione di console - Sony PlayStation 4 e palmare PS Vita, Nintendo Switch e Microsoft XBox One - non hanno alcuna regione di blocco, quindi qualsiasi console può giocare qualsiasi gioco indipendentemente dalla regione o lingua. Ma la maggior parte dei sistemi più vecchi, così come l'attuale Nintendo 3DS, sono bloccati a livello regionale, il che impedisce di giocare a un gioco giapponese su un sistema non giapponese o viceversa. Anche se il gioco verrà eseguito, non tutti i giochi hanno opzioni multilingue. Di nuovo, fate una ricerca prima di spendere dei soldi.

I giochi per PC funzioneranno bene finché avrete capito abbastanza giapponese da installare e riprodurli. I generi solo in Giappone includono il romanzo visivo (ビ ジ ュ ア ノ ノ ベ ル), che sono giochi interattivi con arte in stile anime, in qualche modo simili ai sim di appuntamenti, e il suo sottoinsieme del gioco erotico (エ ロ ゲ ー eroge), che è proprio ciò che dice il nome.

Generalmente i posti migliori per lo shopping dei videogiochi sono Akihabara a Tokyo e Den Den Town a Osaka (in termini di offerte, è possibile acquistare videogiochi ovunque in Giappone).

Elettronica e fotocamere[modifica]

Un negozio di elettronica ad Akihabara

Le piccole apparecchiature elettroniche e le fotocamere fisse alimentate a batteria in vendita in Giappone funzioneranno ovunque nel mondo, anche se potreste dover gestire un manuale di istruzioni in giapponese. (Alcuni dei negozi più grandi forniranno un manuale in inglese (英語 の 説明書 eigo no setsumeisho) su richiesta.) Non ci sono grandi offerte da trovare, ma la selezione non ha eguali. Tuttavia, se state acquistando altri dispositivi elettronici da portare a casa, è meglio fare acquisti in negozi specializzati in configurazioni "oltreoceano", molte delle quali si possono trovare ad Akihabara a Tokyo. Ad esempio, è possibile ottenere lettori DVD senza regione PAL / NTSC. Inoltre, tenete presente che l'AC giapponese funziona a 100 volt, quindi l'utilizzo di elettronica giapponese "nativa" fuori dal Giappone senza un trasformatore può essere pericoloso. Controllate sempre prima di acquistare. Probabilmente l'affare migliore non è l'elettronica in sé, ma i media vuoti. In particolare, i supporti ottici Blu-ray per video e dati sono molto, molto più economici che altrove.

I prezzi sono più bassi e lo shopping è più facile nei grandi magazzini discount come Bic Camera, Yodobashi Camera, Sofmap e Yamada Denki. Di solito hanno personale di lingua inglese di turno e accettano carte di credito straniere. Per i prodotti comuni i prezzi sono virtualmente identici, quindi non perdete tempo a fare shopping. La contrattazione è possibile nei negozi più piccoli e anche le catene più grandi di solito corrispondono ai prezzi dei concorrenti.

La maggior parte delle grandi catene ha una "carta punti" che concede punti che possono essere usati come sconto sul prossimo acquisto, anche solo pochi minuti dopo. Gli acquisti tendono a guadagnare punti tra il 5% e anche il 20% del prezzo di acquisto, e 1 punto vale ¥ 1. Alcuni negozi (il più grande dei quali è Yodobashi Camera) richiedono di attendere una notte prima di poter riscattare i punti. Le carte vengono distribuite sul posto e non è necessario alcun indirizzo locale. Tuttavia, alcuni negozi potrebbero non permettere di guadagnare punti e ricevere un rimborso fiscale sullo stesso acquisto.

Inoltre, i negozi principali tendono a detrarre il 2% dai punti guadagnati se pagati usando una carta di credito (se si utilizza una carta di credito UnionPay, Bic e Yodobashi impediscono di guadagnare punti interamente, anche se ottenete uno sconto immediato del 5% come compenso). Con lIVA all'8%, indipendentemente dal fatto che si scelga di rinunciare alla tassa o di guadagnare punti dipenderà da come si paga e se si pensa di tornare; se pianificate di pagare con contanti o moneta elettronica e pensate di tornare, potrebbe comunque valer la pena guadagnare punti. In caso di pagamento con carta di credito, diventa un vantaggio l'8% in entrambi i casi, e il rimborso delle tasse può essere più utile.

Tenete presente che gli iPhone e gli altri smartphone venduti in Giappone hanno un suono dell'otturatore della fotocamera che non può essere disattivato e viene sempre riprodotto a pieno volume a causa dei requisiti legali.

Moda[modifica]

Mentre è certamente migliore andare in Francia o in Italia per la moda di fascia alta, quando si parla di moda casual il Giappone è difficile da poter battere. Tokyo e Osaka in particolare sono la patria di molti quartieri dello shopping, e c'è un'abbondanza di negozi che vendono all'ultima moda, in particolare quelli che si rivolgono ai giovani. Shibuya e Harajuku a Tokyo e Shinsaibashi a Osaka sono conosciuti in tutto il Giappone come centri di moda giovanile. Il problema principale è che i negozi giapponesi si rivolgono a clienti di dimensioni giapponesi e trovare dimensioni più grandi o più curvilinee può essere una vera sfida.

Il Giappone è anche famoso per i suoi prodotti di bellezza come la crema per il viso e le maschere, compresi molti per gli uomini. Mentre questi sono disponibili in quasi tutti i supermercati, il quartiere di Ginza a Tokyo è dove molti dei marchi più costosi hanno i loro negozi.

Il principale contributo del Giappone alla gioielleria è la perla coltivata, inventata da Mikimoto Kōkichi nel 1893. L'operazione principale per la coltivazione della perla fino ad oggi è nella piccola città di Toba vicino a Ise, ma le perle stesse sono ampiamente disponibili, anche se c'è poco o nessun prezzo di differenza acquistandoli al di fuori del Giappone. Per coloro che insistono nel mettere le mani sulla roba "autentica", lo store migliore di Mikimoto si trova nel quartiere di Ginza.

Poi ovviamente c'è il kimono, il classico indumento giapponese. Mentre il kimono nuovo è molto costoso, di seconda mano può essere comprato ad una frazione del prezzo originale, o si può optare per un abito yukata casual molto più economico e più facile da indossare. Vedete acquisto di un kimono.

Sigarette[modifica]

Fumare sigarette rimane popolare in Giappone, specialmente tra gli uomini. Mentre le sigarette sono vendute in alcuni dei distributori automatici, i visitatori che desiderano acquistarli devono farlo in un negozio o in un negozio duty-free. Come risultato dell'industria del tabacco giapponese che reprime i minori (l'età legale è 20 anni), ora è necessaria una speciale tessera IC per la verifica dell'età, chiamata carta TASPO, per acquistare sigarette da un distributore automatico. Le carte TASPO sono emesse solo per i residenti in Giappone.

Le sigarette sono vendute generalmente in confezioni rigide da 20 e sono abbastanza economiche, intorno a ¥300-400. Il Giappone ha pochi marchi nazionali: Seven Stars e Mild Seven sono i marchi locali più diffusi. I marchi americani come Marlboro, Camel e Lucky Strike sono estremamente popolari anche se le versioni prodotte in Giappone hanno un gusto molto più leggero rispetto alle loro controparti occidentali. Inoltre, fate attenzione alle sigarette aromatizzate inusuali, alle sigarette leggere con una tecnologia di filtraggio che migliora il sapore, hanno un gusto molto artificiale e hanno scarso effetto, per lo più popolare tra i fumatori di sesso femminile.

A tavola[modifica]

La cucina giapponese, rinomata per la sua enfasi sugli ingredienti freschi e stagionali, ha preso d'assalto il mondo. L'ingrediente chiave della maggior parte dei pasti è il riso bianco, solitamente servito al vapore, e infatti la sua parola giapponese gohan (ご 飯) significa anche "pasto". I semi di soia sono una fonte chiave di proteine e assumono molte forme, in particolare la zuppa di miso (味噌 汁 miso shiru) servita con molti pasti, ma anche il tofu (豆腐 tōfu) e l'onnipresente salsa di soia (醤 油 shōyu). I frutti di mare sono molto presenti, comprese non solo le creature del mare, ma anche molte varietà di alghe e un pasto completo è sempre completato da alcuni sottaceti (漬 物 tsukemono).

Viene comunemente divisa in Washoku e Yōshoku (rispettivamente "alla giapponese" e "all'occidentale").

Una delle gioie nell'uscire fuori da Tokyo e viaggiare per il Giappone è scoprire le specialità locali. Ogni regione del paese ha un numero di piatti deliziosi, basati su colture e pesci disponibili localmente. A Hokkaido provate il sashimi e il granchio freschi. A Osaka non perdetevi l'okonomiyaki (お 好 み 焼 き) farcito con cipolle verdi e polpette di polpo (た こ 焼 き takoyaki).

La Guida Michelin è considerata da molti visitatori occidentali come il punto di riferimento dei buoni ristoranti in Giappone. Detto questo, la maggior parte dei giapponesi non prende particolarmente sul serio la guida, in quanto molti ristoranti di alto livello non sono elencati per scelta. Tabelog è l'equivalente giapponese di Yelp ed è la directory di riferimento per i giapponesi che esaminano le recensioni dei ristoranti. Il rovescio della medaglia è che come risultato della sua clientela soprattutto locale, la maggior parte delle recensioni sono pubblicate in giapponese.

Il tipico menù giapponese consiste principalmente di:

  • Ciotola di riso bianco ovvero gohan 御飯 - ha una funzione simile al pane nella cucina occidentale: si usa per accompagnare i cibi e non si dovrebbe insaporire con altre salse. Secondo l'etichetta, sarebbe il primo piatto da assaggiare.
  • Zuppa di miso o misoshiru 味噌汁 - È un brodo di fagioli fermentati con sale marino. Spesso vengono aggiunti cereali e può essere di sola soia, di orzo (mugi miso 麦味噌), di riso (kome miso 米味噌) o riso e orzo (genmai miso 玄米味噌). Inoltre vengono aggiunti secondo la ricetta e la stagione tofu (una sorta di "formaggio" ottenuto dalla cagliata del latte di soia), alghe wakame, erba cipollina e a volte anche funghi o vongole. La zuppa di miso è un piatto che va consumato durante tutto il pasto, sostituendo l'acqua, per accompagnare e riequilibrare le pietanze che spesso vengono servite fredde.

Ristoranti[modifica]

In Giappone ci sono una miriade di ristoranti (レストラン resutoran). Per motivi pratici e culturali i giapponesi non invitano quasi mai gli ospiti a casa e quando ci si incontra con qualcuno di solito si va a mangiare insieme. Di conseguenza, mangiare fuori è generalmente più economico che nei paesi occidentali (anche se è caro rispetto gli standard asiatici) tuttavia, la cucina raffinata può essere molto cara.

Un distributore automatico di biglietti per le ordinazioni con le foto del cibo.

Molti ristoranti giapponesi a pranzo offrono teishoku (定食) o menù a prezzo fisso. Questi includono di solito carne o pesce, una tazza di minestra, contorno di verdura e riso. Un pasto del genere costa a partire da 650¥ e si riesce a mangiare a sazietà. I menu saranno, per la maggior parte dei locali, solo in giapponese; tuttavia, molti ristoranti hanno modelli (molti in ordine di prelibatezza) dei loro pasti nella loro vetrina anteriore, e se non riuscite a leggere il menu potrebbe essere meglio trascinare il cameriere o la cameriera fuori e indicare ciò che desiderate. Potreste anche trovare questi tipi di pasti fissi a cena. Se si opta per à la carte, è possibile che venga addebitato un costo (in genere ¥ 1000) per ordinare.

Molti ristoranti a catena economici hanno distributori automatici dove si acquista un biglietto e lo si consegna al banco. Nella maggior parte di questi ristoranti, però, dovrete essere in grado di leggere il giapponese per usarli. In alcuni ristoranti, ci saranno campioni di plastica sorprendentemente realistici o fotografie degli alimenti etichettati con nomi e prezzi. Spesso è possibile abbinare il prezzo, insieme ad alcuni dei kana (caratteri) per le scelte sulla macchina. Se siete di mentalità aperta e flessibili, potreste ottenere il ramen shōyu (salsa di soia) invece del ramen di miso (fagiolo di soia fermentato) o il katsu (cotoletta di maiale) al curry invece del curry di manzo. Saprete sempre quanto spendete e non pagherete mai oltre. Se le proprie abilità di lingua giapponese sono limitate o inesistenti, questi ristoranti con distributori automatici sono posti davvero comodi perché in queste strutture è richiesta una conversazione limitata o nulla. La maggior parte dei clienti sarà di fretta, colui che prende la comanda di solito non sarà interessato a fare conversazione e leggerà semplicemente il l’ordine. L'acqua, il tè, i tovaglioli e le posate saranno forniti automaticamente o verrano presi da sé autonomamente. Altri posti hanno pasti all-you-can-eat chiamati tabehōdai (食 べ 放 題), byuffe (ビ ュ ッ フ ェ), o baikingu (バ イ キ ン グ "vichingo", perché "smorgasbord" sarebbe troppo difficile da pronunciare in giapponese).

Cibo da asporto[modifica]

Un tipico o-bentō. In senso orario dall'alto: pollo fritto kara-age con crocchette di patate korokke e salatini per cocktail, insalata, riso con una prugna umeboshi, noodles all'arusamo e sottaceti tsukemono.

Mentre la maggior parte dei ristoranti giapponesi è specializzata in un certo tipo di piatto, in ogni quartiere c’è di sicuro qualche shokudō ("caffetteria" o "sala da pranzo"), che serve piatti semplici e popolari e set teishoku a prezzi accessibili (¥ 500- 1000). Provate quelli negli edifici governativi: spesso aperti anche al pubblico, sono sovvenzionati dalle tasse e possono avere una qualità molto buona, se non interessante. In caso di dubbio, prendete lo speciale giornaliero o kyō no teishoku (今日 の 定 食), che consiste quasi sempre in un piatto principale, riso, zuppa e sottaceti. Una delle basi dello shokudō è il donburi (丼), letteralmente "ciotola di riso", che significa una ciotola di riso con una copertura.

Una variante strettamente correlata è il bentō-ya (弁 当 屋), che serve scatole da asporto conosciute come o-bentō (お 弁 当). Mentre viaggiate sui treni JR, non dimenticate di provare la vasta gamma di ekiben (駅 弁) o "station bento", molti sono unici in base alla regione o persino alla stazione.

Un altro ottimo posto per trovare quantità del cibo accessibile sono gli scantinati dei grandi magazzini. Sono spesso enormi spazi pieni di grandi quantità di cibo fresco da tutto il paese e piatti locali. È possibile ottenere scatole di bento, prendere del cibo con un bastone, ciotole di zuppa e spesso trovare campioni di dolcetti da provare. I dessert sono anche abbondanti, e i grandi magazzini sono ottimi posti per trovare la gente del posto. È inoltre possibile trovare ristoranti in ogni singolo grande magazzino, spesso ai piani alti, che servono una varietà di generi alimentari in contesti piacevoli e a prezzi vari.

La cucina raffinata[modifica]

Il Giappone, insieme alla Francia, è considerato da molti uno dei centri mondiali della cucina raffinata, in Giappone vi sono abbondanti opzioni gastronomiche. Secondo la Guida Michelin, che classifica i ristoranti nelle principali città del mondo, Tokyo è la città più "deliziosa" del mondo con oltre 150 ristoranti che hanno ricevuto almeno una stella (su tre). In confronto, Parigi e Londra hanno ricevuto un totale di 148 tra di loro. Sfortunatamente, la buona cucina giapponese è notoriamente inaccessibile ai visitatori stranieri; le prenotazioni online in genere non sono un'opzione, il personale generalmente parla poco o niente inglese, e la maggior parte dei ristoranti raffinati non accetta prenotazioni da nuovi clienti senza una presentazione da parte dei loro clienti abituali. In alcuni casi, il concierge dell'hotel potrebbe essere in grado di segnare una prenotazione in uno di questi posti a patto che venga effettuata la richiesta con largo anticipo, sebbene ciò sia generalmente possibile solo se si soggiorna negli hotel di lusso più costosi. Ricordate inoltre che, a differenza di altri paesi, molti ristoranti raffinati non accettano carte di credito, e verrà richiesto di pagare il pasto in contanti.

Per coloro che desiderano sperimentare una cucina raffinata in stile giapponese, ci sono i super-esclusivi ryōtei (料 亭), i ristoranti a tre stelle Michelin del mondo alimentare giapponese, che servono pasti kaiseki (会 席 o 懐 石) gourmet di una dozzina o più piccoli piatti preparati con i migliori e più freschi ingredienti stagionali. Considerate di spendere almeno ¥ 30.000 a testa per un'esperienza simile.

Oltre al kaiseki, ci sono anche numerosi ristoranti raffinati specializzati in sushi e, più recentemente, specializzati in tempura. In entrambi questi casi, lo chef prepara tipicamente ogni portata davanti al cliente e la serve direttamente sul piatto. Inoltre, ci sono numerosi ristoranti che cercano di servire la cucina fusion franco-giapponese, utilizzando i migliori ingredienti di entrambi, spesso con risultati interessanti e sorprendentemente gustosi.

Le locande tradizionali giapponesi (vedi § Ryokan) sono un modo comune per i viaggiatori di gustare un buon pasto kaiseki. I pasti elaborati con ingredienti locali di stagione sono considerati una parte essenziale di una visita a un ryokan e sono un fattore importante nella scelta per innumerevoli persone. Alcuni ryokan sono destinazioni degne di nota in particolare a causa del loro cibo piuttosto che delle loro sorgenti calde o degli alloggi.

Tipi di cibo[modifica]

Bukkake udon con tempura

I noodles[modifica]

Anche i giapponesi vogliono ogni tanto qualcosa di diverso dal riso, e l'alternativa ovvia sono i noodles (麺 men). Praticamente ogni città e villaggio in Giappone vanta il suo piatto "famoso" di noodle, e spesso vale la pena provare.

Chāshū ramen

Esistono due principali tipi di noodle originari del Giappone: di grano saraceno con soba sottile (そ ば) fatti di grano saraceno e di colore brunastro e vengono serviti caldi o freddi, spesso in bianco e accompagnati da una salsa a parte in cui vanno intinti prima di essere mangiati. Hanno varianti e colori diversi a seconda del gusto. I più comuni sono:

  • Zaru soba - Soba fredda con alga nori essiccata
  • Kake soba - Soba in zuppa calda, con alga nori
  • Cha soba - soba fredda al gusto di tè verde
(nota: le ricette e i nomi possono cambiare a seconda della regione, soprattutto tra Kanto e kansai)

l'udon di grano spesso (う ど ん) sono i più spessi di diametro, spesso serviti in brodo e più raramente "asciutti" come piatto freddo. I più comuni sono:

  • Kitsune udon - udon in brodo con tofu fritto
  • Tenpura udon - udon in brodo con tenpura
  • Yaki udon - udon saltati in padella con verdure, carne e altri ingredienti.
(nota: le ricette e i nomi possono cambiare a seconda della regione, soprattutto tra Kanto-Tokyo e Kansai-Osaka)

Anche le tagliatelle all'uovo cinese o rāmen (ラ ー メ ン) sono molto popolari ma più costose (¥ 500 +) a causa del maggiore sforzo e dei condimenti, che in genere includono una fetta di maiale grigliato e una varietà di verdure. Il ramen può essere considerato il piatto distintivo di ogni città, e praticamente ogni città importante in Giappone avrà il suo stile unico di ramen.

Mescolare i noodles è accettabile e persino previsto. Secondo i giapponesi, questa azione li raffredda e li fa gustare meglio. Qualsiasi brodo rimanente può essere bevuto direttamente dalla ciotola. È comune in Giappone che i piatti di noodle vengano serviti con un cucchiaio. Prendete semplicemente i noodle con le bacchette e metteteli nel cucchiaio; questo ti permetterà di bere il più possibile il brodo e combinare i noodles con altre cose gustose nella ciotola.

Sushi e sashimi[modifica]

Indubbiamente le esportazioni culinarie giapponesi più famose sono il sushi (寿司 o 鮨), di solito pesce crudo su riso con aceto e sashimi (刺身), pesce crudo naturale. Questi piatti apparentemente molto semplici sono infatti piuttosto difficili da preparare correttamente: il pesce deve essere estremamente fresco e gli apprendisti impiegano anni a imparare a preparare correttamente il riso sott'aceto per il sushi, prima di passare alle arti arcane di selezionare il pesce migliore al mercato rimuovendo ogni ultimo osso dai filetti.

Colazione al sushi nel quartiere di Tsukiji
Un fantastico assortimento di nigiri. In alto da sinistra: salmone (sake), calamaro (ika), ricciola (hamachi), uovo (tamago), granchio (kani), guscio d'arca (akagai) In basso da sinistra: capesante (hotate), halfbeak (sayori), gamberetti (amaebi), sgombro (saba), sardina (iwashi), ostrica (kaki), zenzero (gari)

Quasi tutto ciò che nuota o si annida nel mare può essere trasformato in sushi. Alcune specie più o meno garantite in ogni ristorante sono il maguro (tonno), il sake (salmone), ika (calamaro), tako (polpo) e tamago (uovo). Altre opzioni esotiche includono uni (uova di ricci di mare), toro (pancia di tonno grasso, molto costoso) e shirako (sperma di pesce). La pancia di tonno si presenta in due gradi diversi: ō-toro (大 と ろ), che è molto grasso e molto costoso, e chū-toro (中 と ろ), che è leggermente più economico e meno grasso. Un altro metodo di preparazione è il negi-toro (葱 と ろ), la pancia di tonno tritata mista a cipolline tritate e wasabi.

Se non potete o non volete mangiare pesce crudo, di solito ci sono molte alternative. Per esempio il tamago sopra citato, varie verdure sul riso, o gli inari molto saporiti (riso in un involucro dolce di tofu fritto). Oppure ordinate il kappa maki che non è altro che un cetriolo affettato, arrotolato nel riso e avvolto in nori.

Nei migliori ristoranti di sushi, lo chef metterebbe una piccola quantità di ravanello al wasabi nel sushi e glassa il pesce con salsa di soia. Pertanto, tali ristoranti di sushi non hanno singole ciotole di salsa di soia o wasabi, dal momento che lo chef ha già condito il cibo. La maggior parte dei ristoranti, però, fornisce una salsa di soia al tavolo e una piccola ciotola per l'immersione. (Capovolgere il nigiri sushi prima di immergerlo, perché la salsa di soia serve per insaporire il pesce, non per affogare il riso.) Il wasabi è considerato un componente standard del sushi, ma allo stesso modo, alcuni ristoranti (soprattutto quelli economici) hanno wasabi sul tavolo da aggiungere a piacimento. Per i bambini e coloro che non amano il wasabi, a volte si può trovare o chiedere il sushi sabi-nuki (サ ビ 抜 き) che omette il wasabi.

Quando si mangia sushi, è perfettamente accettabile usare le dita. Il buon sushi è sempre fatto in modo da poter mettere l'intero pezzo in bocca in una sola volta (eccetto per i rotoli a mano con temi temaki e alcune altre forme insolite). Dovreste mangiare il sushi non appena lo chef lo metterà nel piatto, e non aspettare che tutti nel tuo gruppo ricevano il loro, poiché avere il riso e il pesce a temperature diverse è parte dell'esperienza di mangiare sushi. Fette di zenzero sottaceto (gari) rinfrescano il palato e infinite ricariche di tè verde sono sempre disponibili gratuitamente. A differenza di altri paesi, i ristoranti di sushi in Giappone generalmente servono solo sushi e non servono antipasti o dessert.

Nonostante il sashimi di pesce sia il più conosciuto, per gli avventurosi non mancano altri tipi di sashimi. Il sashimi di granchio nell’Hokkaido e il sashimi di aragosta sono considerati prelibatezze e meritano sicuramente di essere provati. La balena è anche occasionalmente disponibile, anche se non è molto comune, e Kumamoto è famosa per il sashimi di carne di cavallo.

Manzo alla Yakiniku in attesa di essere grigliato, Ishigaki, Okinawa

Piatti grigliati e fritti[modifica]

I giapponesi non mangiavano molta carne prima dell'era Meiji, ma hanno preso l'abitudine e l'esportato nuovi modi per mangiarla da allora. Il teppanyaki (鉄 板 焼 き) e i metodi di cottura yakiniku (焼 肉, in stile giapponese "barbecue coreano") e la tempura fritta (天 ぷ ら) gamberetti e verdure fritti hanno origine qui. Tenete d'occhio il prezzo, dato che la carne (specialmente la carne di manzo) può essere molto costosa e le varietà di lusso come la famosa carne di Kobe marmorizzata può costare migliaia o persino decine di migliaia di yen per porzione. La tempura è entrata negli ultimi anni nel repertorio giapponese dei ristoranti raffinati, e ci sono numerosi ristoranti di tempura omega in cui lo chef frigge il piatto davanti al cliente.

Okonomiyaki (お好み焼き) a Hiroshima

Altri cibi unici giapponesi come l'okonomiyaki (お好み焼き, "cucinalo come ti piace", una pastella con cavoli, carne, frutti di mare e ripieni vegetali a tua scelta, spesso cucinati al proprio tavolo) e lo yakitori (焼き鳥, spiedini di pollo alla griglia).

Una specialità giapponese che vale la pena è l'anguilla (う な ぎ unagi), rinomata per dare forza e vitalità nei caldi mesi estivi. Un'anguilla che si scioglie in bocca quando viene mangiata e che costa ¥ 3000. (Potete trovarla per meno, ma queste sono in genere importate congelate e non altrettanto buone.)

Una prelibatezza giapponese è la balena (鯨 kujira), che ha il sapore della bistecca di pesce e viene servita sia cruda che cotta. Tuttavia, la maggior parte dei giapponesi non considera troppo le balene. La balena in scatola può anche essere trovata in alcuni negozi di alimentari a un prezzo enorme per una piccola lattina.

Piatti stufati[modifica]

Un piatto di sukiyaki di manzo Yonezawa

Soprattutto nei freddi mesi invernali i vari stufati (鍋 nabe) sono modi popolari per riscaldarsi. I tipi comuni includono:

  • chankonabe (ちゃんこ鍋) - un piatto cotto a vapore molto favorito dai lottatori di sumo.
  • oden (お で ん) - una varietà di spiedini di pesce, ravanello daikon, tofu e altri ingredienti bolliti in zuppa di pesce per giorni. Principalmente un piatto invernale, spesso venduto nei negozi di generi alimentari e per strada in tende yatai improvvisate.
  • sukiyaki (す き 焼 き) - un piatto caldo di manzo, tofu, noodles e altro, spesso un po' dolce. Ben noto in occidente, ma non così comune in Giappone.
  • shabu-shabu (しゃぶしゃぶ) - una casserola di acqua limpida o brodo molto leggero; fettine di carne molto sottili (tradizionalmente carne di manzo, o pesce, maiale e altre varianti) vengono brevemente girate attraverso l'acqua calda per cucinarle all'istante, quindi immerse in salsa aromatizzata
  • il Nabe, in cui carne e verdura sono bagnate nel brodo

Piatti pseudo-occidentali[modifica]

In tutto il Giappone si possono trovare caffè e ristoranti che servono cibo occidentale (洋 食 yōshoku), che vanno dalle copie in carbonio a livello molecolare di famosi dolci francesi a piatti giapponesi appena riconoscibili come la pizza con patate e gli omelette di spaghetti. Alcuni piatti popolari solo in Giappone includono:

  • hambāgu (ハ ン バ ー グ) - da non confondere con un hambāgā di McDonald's, questa versione della bistecca di Amburgo è una patatina di hamburger con sugo e condimenti
  • omuraisu (オ ム ラ イ ス) - riso avvolto in una frittata con una cucchiaiata di ketchup
  • wafū sutēki (和風 ス テ ー キ) - bistecca servita in stile giapponese con salsa di soia
  • korokke (コ ロ ッ ケ) - crocchette, solitamente ripiene di patate, insieme ad un po' di carne e cipolla
  • karē raisu (カ レ ー ラ イ ス) - curry in stile giapponese, un delicato curry marrone servito con riso; disponibile anche come katsu karē con una costoletta di maiale fritta

Beer garden[modifica]

Durante i mesi estivi, quando non piove, molti edifici e hotel hanno ristoranti sui loro tetti e servono piatti come pollo fritto e patatine fritte, così come spuntini leggeri. La specialità è, naturalmente, la birra alla spina (生 ビ ー ル nama-biiru). È possibile ordinare grandi boccali di birra o pagare un prezzo fisso per un all-you-can-drink (題 み 放 題 nomihōdai) della durata di un determinato periodo di tempo (di solito fino a 2 ore). Anche i cocktail e altre bevande sono spesso disponibili come parte di un all-you-can-drink.

Il fast-food[modifica]

Le catene di "fast-food" giapponesi offrono buona qualità a prezzi molto ragionevoli. Quando si entra si prende un bigliettino dal distributore automatico, avendo cura di scegliere il menù desiderato, prima di sedersi. Alcune catene:

  • Yoshinoya (吉野家), Matsuya (松屋), e Sukiya (すき家) sono specializzate con lo gyuudon, un piatto di carne di manzo, anche se ultimamente stanno diversificando l'offerta con altri tipi di carne (soprattutto maiale).
  • Tenya (てんや), offre del buon Tempura a partire da ¥500.
  • Mos Burger assomiglia a una catena di "fast-food" all'americana, ma offre anche cibi molto interessanti - che ne direste di un hamburger a base di anguille arrosto dentro il pane di farina di riso? Si noti anche l'elenco dei fornitori di prodotti locali pubblicati in ciascun negozio. Realizzati su ordinazione, quindi garantiti freschi e, a differenza di alcuni fast-food, i prodotti MOS Burger in genere assomigliano alle loro foto pubblicitarie. Un po' più costoso di McDonald's, ma ne vale la pena. A proposito, MOS sta per "Montagna, oceano, sole".
  • Freshness Burger cerca di essere un po' meno veloce e più simile a un "tutto americano". Il cibo è decente, ma preparati solo per i più piccoli hamburger che tu abbia mai visto.
  • Beckers, ristoranti di fast-food con hamburger gestiti da JR, si trovano spesso nelle vicinanze delle stazioni JR di Tokyo e di Yokohama. Beckers offre su ordinazione hamburger e Menchi hamburger (maiale nero tritato). A differenza della maggior parte dei negozi, i loro panini sono freschi e cotti all'interno dei negozi. I panini inutilizzati vengono gettati via se non vengono usati 1,5 ore dopo la cottura. Il loro hamburger di maiale Teriyaki è fantastico. Offrono anche poutine, uno spuntino francese canadese composto da patatine fritte, sugo e formaggio. Il peperoncino deve essere provato. Molto spesso, è possibile pagare con la card JR Suica.
  • Ooto-ya (大戸屋) è un fast-food di qualità un po' più alta. Ordinare può non essere facilissimo: in alcuni locali si ordina al bancone e in altri arriva il cameriere al tavolo.
  • Meshiya-don (めしや丼) è a buon prezzo e dello stesso livello di Ootoya.
  • Soup Stock Tokyo è una catena di cucine da zuppa alla moda che serve zuppa deliziosa tutto l'anno, con una selezione di zuppe fredde in estate. È un po' più costoso della maggior parte delle altre catene di fast food, ma potreste considerarlo un'alternativa più salutare agli hamburger.
  • Lotteria è un posto tipico per hamburger standard.
  • First Kitchen offre alcuni piatti al di fuori della tariffa standard per fast-food, tra cui pasta, pizza e patatine fritte con un vasto assortimento di aromi.
  • Coco Ichibanya serve riso al curry in stile giapponese con una vasta gamma di ingredienti. Menu inglese disponibili.
Ken-chiki

Kentucky Fried Chicken, o Ken-chiki come è noto in forma contratta, ha due dubbiose affermazioni sulla fama in Giappone. Uno riguarda il cibo tradizionale per Natale. Molti anni fa, gli espatriati americani hanno sostituito KFC per il loro tradizionale tacchino di Natale, con una carne che ancora oggi è estremamente difficile da trovare in Giappone. Negli anni '70 KFC vi ha lanciato una campagna di marketing, e ora più di 3 milioni di ordini giapponesi KFC avvengono durante il periodo natalizio, mentre delle statue dei magazzini del colonnello Sanders indossano un costume da Babbo Natale. Non pensate di poter entrare e comprare una tipica scatola velocemente, se non si preordina diverse settimane in anticipo, è necessario attendere in fila per ore. A circa 3.780 ¥, la cena di Natale include una torta al cioccolato, mentre i pasti premium fino a ¥ 7.280 offrono pollo o pollo arrosto intero con salsa al vino rosso e includono degli extra come dei piatti da collezione.

L'altra pretesa di fama è la maledizione del colonnello. I fan della squadra di baseball di Hanshin Tigers di Osaka che hanno celebrato la loro vittoria del campionato giapponese del 1985 hanno lanciato una statua del colonnello Sanders nel fiume Dōtonbori. (Apparentemente il colonnello somigliava al primo baseman Randy Bass, in quanto entrambi sono dei barbuti americani.) I Tigers poi persero per 18 anni, e nacque la leggenda di una maledizione. La loro maledizione da allora è stata infranta, e la statua del colonnello è stata ripresa nel 2009 (anche se gli occhiali e la mano sinistra mancano ancora), ma non hanno ancora vinto la Japan Series.

Sono presenti anche catene di fast food americane, tra cui McDonald's (マ ク ド ナ ル ド Makudonarudo) e Kentucky Fried Chicken (ケンタッキーフライドチキン Kentakii Furaido Chikin). I ristoranti di McDonald's sono quasi onnipresenti come i distributori automatici.

Ci sono anche un certo numero di "ristoranti per famiglie" giapponesi (ファミレス famiresu or ファミリーレストラン famirii resutoran), che servono un'ampia varietà di piatti, tra cui bistecche, pasta, piatti in stile cinese, panini e altri alimenti. Sebbene il loro cibo sia relativamente poco interessante, questi ristoranti di solito hanno menu illustrati, quindi i viaggiatori che non sanno leggere il giapponese possono usare le foto per scegliere e comunicare i loro ordini. Alcune catene in tutto il paese sono:

  • Jonathan's è probabilmente la catena locale più onnipresente. Skylark è di proprietà della stessa azienda e ha tariffe simili, tra cui un "drink bar" economico e illimitato, che rende questi ristoranti buoni posti dove leggere o riposare per periodi prolungati. Denny's ha anche molti negozi in Giappone.
  • Royal Host cerca di commercializzarsi come una catena di livello migliore.
  • Sunday Sun è ragionevole, con cibo e menù decenti.
  • Volks è specializzato in bistecche e offre un grande buffet di insalate.

I Minimarket[modifica]

Interno di un minimarket giapponese 7-Eleven

Se viaggiate a buon mercato, i numerosi minimarket del Giappone (コ ン ビ ニ konbini) possono essere un ottimo posto per mangiare qualcosa; sono ovunque e quasi sempre aperti 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Le principali catene includono 7-Eleven, Lawson e Family Mart. Potete trovare noodle istantanei, panini, ciambelle di carne e persino alcuni piccoli pasti pronti, che possono essere riscaldati nel microonde direttamente nel negozio. Un'ottima opzione per il cibo da portare è l'onigiri (o omusubi), che è una grande palla di riso farcita con pesce o prugna sottaceto e avvolta in alghe, e di solito costano circa ¥ 100 ciascuno. La maggior parte di questi articoli è scontata al tramonto per ricostituire rapidamente l'inventario del giorno prima della scadenza.

La maggior parte dei negozi di alimentari in Giappone hanno anche un bagno situato nella parte posteriore. Mentre la maggior parte dei negozi situati nelle aree suburbane e rurali consentirà ai clienti di utilizzare i loro bagni, molti nelle grandi città, specialmente quelle nelle aree del centro cittadino e nei quartieri dei divertimenti di Tokyo e Osaka, non lo faranno. Pertanto, dovreste chiedere se potete usare il bagno alla cassa, poi comprate qualcosa se volete mostrare apprezzamento.

Supermercati[modifica]

Per chi ha davvero un budget limitato, la maggior parte dei supermercati (sūpā) offre un'ampia varietà di piatti pronti, bento, sandwich, snack e simili, generalmente più economici dei negozi di alimentari. Alcuni supermercati sono aperti 24 ore al giorno.

Un'istituzione giapponese che vale la pena di visitare è il depachika (デ パ 地下) o il grande magazzino del seminterrato, con dozzine di minuscole bancarelle specialistiche che offrono specialità locali che vanno dalle caramelle per la cerimonia del tè squisitamente confezionate al sushi fresco e il takeaway cinese. Sono spesso un po' di fascia alta di prezzo, ma quasi tutti offrono campioni gratuiti e ci sono sempre alcuni a prezzi ragionevoli. La sera, molti prezzi sono tagliati sul cibo invenduto, quindi cercate gli adesivi come hangaku (半 額, "metà prezzo") o san-wari biki (3 割 引, "sconto del 30%") per ottenere un buon affare. 割 significa "1/10".

Restrizioni alimentari[modifica]

Mangiare vegetariano[modifica]

Nonostante la sua immagine di cucina leggera e sana, il cibo giapponese di tutti i giorni può essere piuttosto pesante in termini di sale e grasso, con carne e frutti di mare fritti spesso presenti. I vegetariani (molto meno i vegani) possono avere serie difficoltà a trovare un pasto che non includa prodotti animali in una certa misura, in particolare perché il dashi giapponese quasi onnipresente è solitamente preparato con pesce e spesso si apre a cose inaspettate come il miso, il cracker di riso, il curry, le omelette (incluso il tamago sushi), gli spaghetti istantanei, praticamente ovunque il sale verrebbe usato nella cucina occidentale. (Esiste una variante di alghe chiamata kombudashi, ma è abbastanza rara.) Le zuppe di noodle Soba e udon, in particolare, usano virtualmente sempre il katsuodashi a base di bonito, e tipicamente l'unico oggetto vegetariano-sicuro nel menu di un negozio di noodle è zarusoba, o semplici noodles freddi - ma anche per questo la salsa da immersione contiene tipicamente dashi.

Un'opzione eccellente è il negozio di sushi kaiten (nastro trasportatore). Gli occidentali tendono ad associare il sushi al pesce, ma in questi negozi ci sono diversi tipi di sushi arrotolato che non includono pesci o altre creature marine: kappa maki (involtini di cetriolo), nattō maki (sushi pieno di fagioli di soia fermentati gusto per molti), kanpyō maki (involtini di zucca sottaceto) e, occasionalmente, sushi yuba (prodotto con la delicata e saporita "buccia" di tofu). Questi tipi di sushi tendono ad essere meno popolari del sushi usando prodotti animali marini, quindi potreste non vederli girare sul nastro trasportatore. Basta gridare il nome del tipo di sushi che volete e lo chef del sushi lo preparerà subito. Quando siete pronti per andare, chiamate la cameriera e lei conterà i piatti. Le opzioni vegetariane di sushi sono sempre economiche.

Per chiunque stia nelle grandi città, in particolare a Tokyo, un'opzione eccellente è il cibo biologico o macrobiotico, noto come shizenshoku (自然 食). Mentre il "cibo vegetariano" può sembrare noioso o addirittura poco appetitoso per i giapponesi, lo shizenshoku è piuttosto in voga, anche se i pasti possono costare circa ¥ 3000 e i menu possono contenere ancora prodotti a base di pesce. Sebbene sia molto più difficile da trovare, vale la pena cercare un ristorante (spesso gestito dai templi) che offra shōjin ryori (精進 料理), la cucina esclusivamente vegetariana sviluppata dai monaci buddisti. Questa cucina è molto apprezzata e quindi spesso molto costosa, ma è spesso disponibile a prezzi ragionevoli se si soggiorna nei templi.

Fortunatamente, la cucina tradizionale giapponese contiene un'abbondante quantità di proteine attraverso la sua grande varietà di prodotti a base di soia: tofu, miso, nattō ed edamame (teneri fagioli di soia verdi nei loro baccelli). Nelle sezioni alimentari preparate dei supermercati e nei seminterrati dei grandi magazzini, potete trovare anche molti piatti tra cui vari tipi di fagioli, sia dolci che salati.

Allergie[modifica]

Prodotto da forno con etichetta per allergeni: contiene frumento, latte e uova, ma senza grano saraceno o arachidi

Viaggiare in Giappone con allergie alimentari pericolose per la vita (ア レ ル ギ ー arerugī) è molto difficile. La consapevolezza di gravi allergie è bassa e il personale dei ristoranti raramente è a conoscenza degli ingredienti nelle voci del menu. La legge giapponese richiede che sette allergeni siano elencati sulla confezione del prodotto: uova (卵 tamago), latte (乳 nyū), grano (小麦 komugi), grano saraceno (そ ば o 蕎麦 soba), arachidi (落花生 rakkasei o ピ ー ナ ッ ツ pīnattsu), gamberetti (え び ebi) e granchio (か に kani). A volte questi sono elencati in una tabella a portata di mano, ma più spesso è necessario leggere la minuscola stampa solo in giapponese. Il confezionamento è spesso meno utile per qualcosa al di fuori di questi sette, con ingredienti come "amido" (で ん ぷ ん denpun) o "olio per l'insalata" (サ ラ ダ 油 sarada-abura) che può contenere praticamente qualsiasi cosa.

Una grave allergia alla soia (大豆 daizu) è fondamentalmente incompatibile con il cibo giapponese. Il fagiolo viene usato ovunque, non solo l'ovvia salsa di soia e il tofu, ma anche cose come la polvere di soia nei cracker e l'olio di soia per cucinare.

Mantenere una dieta rigorosamente priva di glutine mentre si mangia fuori è quasi impossibile, poiché la malattia celiaca è molto rara in Giappone. Le marche più comuni di salsa di soia e mirin contengono grano, mentre il miso viene spesso prodotto con orzo o grano. Mentre il sushi è tradizionalmente preparato con aceto di riso al 100% e pura radice di wasabi, l'aceto di sushi e il wasabi commercialmente preparati possono contenere entrambi glutine. Se avete una certa tolleranza, però, il Giappone e la sua vasta varietà di piatti di riso sono abbastanza approcciabili. Mentre i noodles di udon e ramen sono fatti entrambi di grano e i noodles di soba sono in genere 80:20 grano saraceno/grano, tōwari o jūwari (十 割 り) la soba è puro grano saraceno e quindi senza glutine, sebbene il brodo sia cotto o servito a volontà, di solito hanno tracce di quantità.

Evitare i latticini è semplice, poiché nessuno è usato nella cucina tradizionale giapponese. Il burro (バ タ ー bataa) è utilizzato occasionalmente, ma di solito è menzionato per nome.

Le arachidi o altri tipi di noci non sono praticamente utilizzate, ad eccezione di alcuni snack e dessert, dove la loro presenza dovrebbe essere evidente (e contrassegnata dagli ingredienti). L'olio di arachidi è usato raramente.

Dieta religiosa[modifica]

A causa delle dimensioni molto ridotte delle comunità musulmane ed ebraiche, trovare cibo halal o kosher è molto difficile, e prima del viaggio dovrete pianificare in anticipo. I visitatori musulmani possono contattare il Japan Islamic Trust, mentre i visitatori ebrei possono contattare la Chabad House di Tokyo per ulteriori informazioni.

Bevande[modifica]

Distributori automatici di bibite

I giapponesi bevono molto: non solo il tè verde in ufficio, alle riunioni e ai pasti, ma anche tutti i tipi di bevande alcoliche la sera con amici e colleghi. Molti antropologi hanno teorizzato che in una società strettamente conformista, bere fornisce una valvola di sfogo tanto necessaria che può essere utilizzata per sfogare sentimenti e frustrazioni senza perdere la faccia il mattino successivo.

In Giappone, l'età per bere è di 20 anni (così come l'età della maggiore l'età e del fumo). Questo è notevolmente superiore rispetto alla maggior parte dell'Europa e delle Americhe (eccetto gli Stati Uniti). Tuttavia, la verifica della carta di identità non è quasi mai richiesta in ristoranti, bar, negozi di alimentari o altri fornitori di liquori, a condizione che l'acquirente non appaia ovviamente minorenne. La principale eccezione è nei grandi club di Shibuya, a Tokyo, che sono popolari tra i giovani Tokyoti e durante i periodi di maggior affluenza identificheranno tutti quelli che entrano nel locale.

Bere in pubblico è legale. È particolarmente comune bere alle feste e agli hanami. Non è inusuale nemmeno fare una piccola festa in compagnia nei treni proiettili.

Dove bere[modifica]

Tra le bevande alcoliche tradizionali giapponesi più diffuse vi sono il sake, lo shōchū, il chūhai, il mirin e l'umeshu. Particolarmente apprezzata nel Paese è la birra, prodotta in qualità eccellenti; data l'alta tassazione a cui è sottoposta, ha prezzi alti e sono in commercio surrogati più economici come l'hoppy (a basso contenuto alcolico) e l'happoshu (a basso contenuto di malto). I cibi accompagnati con bibite alcoliche prendono il nome di sakana. La bevanda nazionale per eccellenza è il tè, di cui esistono svariati tipi. È tenuta in grande considerazione la tradizionale cerimonia del tè, chiamata Cha no yu.

Un izakaya a Nagoya

Se state cercando una serata di cibi e bevande in un'atmosfera rilassata e tradizionale, recatevi in un izakaya (居酒屋, pub in stile giapponese), facilmente identificato da lanterne rosse con il carattere 酒 ("alcol") appese davanti. Molti di loro hanno un all-you-can-drink (題 み 放 題 nomihōdai) offerte a circa ¥ 1.000 per 90 minuti (in media), anche se sarà limitato a determinati tipi di bevande. Molto conveniente, un izakaya di solito ha un'atmosfera vivace e conviviale, poiché spesso funge da salotto per impiegati, studenti e anziani. Il cibo è sempre buono e i prezzi ragionevoli, e in tutto, sono un'esperienza da non perdere. Mentre i bar in stile occidentale possono anche essere trovati facilmente, in genere si spendono ¥ 500-1.000 per le bevande, un'istituzione giapponese più comune è lo spuntino (ス ナ ッ ク sunakku). Si tratta di operazioni poco opportune in cui delle hostess a pagamento versano bevande, cantano il karaoke, gestiscono il massaggio (e talvolta un po' di più) e costano almeno ¥ 3.000/ora per il servizio. I turisti probabilmente si sentiranno fuori luogo e molti non ammetteranno nemmeno dei clienti non giapponesi.

I gay-bar dedicati sono relativamente rari in Giappone, ma i distretti di Shinjuku ni-chome a Tokyo e Doyama-cho a Osaka occupano la scena gay. La maggior parte dei bar gay/lesbiche serve una piccola nicchia (uomini muscolosi, ecc.) E non consente a coloro che non si adattano, compreso il sesso opposto, di entrare. Mentre alcuni sono solo giapponesi, gli stranieri sono i benvenuti nella maggior parte dei bar.

Izakaya, bar e snack in genere hanno spese di coperto (カ バ ー チ ャ ー ジ kabā chāji), di solito intorno a ¥ 500 ma in rare occasioni di più. Negli izakaya spesso viene servito un bocconcino (お 通 し otōshi) mentre vi sedete, e non potete rifiutarlo e non pagare. Alcuni bar fanno pagare un coperto e un costo aggiuntivo per qualsiasi nocciolina che ti viene servita con la birra. I saloni di karaoke servono bevande e snack, che è un modo divertente per bere e fare festa rumorosamente. Gli ordini vengono effettuati tramite un telefono sul muro, premendo un pulsante per convocare il personale, o in quelli ad alta tecnologia utilizzando il tablet o il telecomando della macchina karaoke.

I distributori automatici (自動 販 売 機 jidōhanbaiki, o jihanki in gergo) sono onnipresenti in Giappone e servono bevande 24 ore al giorno al prezzo di ¥ 120-150 a lattina/bottiglia, anche se alcuni posti con pochi clienti, inclusa la cima del monte Fuji, addebiterà di più. Oltre alle lattine di bevande analcoliche, tè e caffè, potete trovare distributori automatici che vendono birra, sakè e persino superalcolici. In inverno, alcune macchine erogano anche bevande calde: cercate un'etichetta rossa con la scritta あ た た か い (atatakai) invece del solito blu つ め た い (tsumetai). I distributori automatici che vendono bevande alcoliche vengono di solito disattivati ​​alle 23:00. Inoltre, sempre più di queste macchine, in particolare quelle vicine a una scuola, richiedono l'uso di uno speciale "Sake Pass" disponibile presso il municipio della città in cui si trova la macchina. Il pass è disponibile per tutti i maggiori di 20 anni o oltre. Molti distributori automatici nelle stazioni dell'area metropolitana di Tokyo accettano pagamenti tramite le carte JR Suica o PASMO.

Sakè/nihonshu[modifica]

Il sakè è una bevanda alcolica fermentata prodotta con riso. Anche se spesso chiamato "vino di riso", in realtà il processo di produzione del sake è completamente diverso da quello del vino o della birra. Il processo di fermentazione utilizza sia uno stampo per abbattere gli amidi che il lievito per creare l'alcol. La parola giapponese sake (酒) può infatti significare qualsiasi tipo di bevanda alcolica, e in Giappone la parola nihonshu (日本 酒) è usata per riferirsi a ciò che gli occidentali chiamano "sake". Il sake contiene circa il 15% di alcol e può essere servito a temperature comprese tra il caldo (熱 燗 atsukan), a temperatura ambiente (常温 jō-on o "fresco" 冷 や hiya), fino a freddo (冷 酒 reishu). Contrariamente alla credenza popolare, il migliore non è servito caldo, ma spesso raffreddato. Ogni sake viene preparato per una temperatura di servizio preferita, ma in genere viene servito alla temperatura ambiente. Se siete incline ad averne uno caldo o uno freddo in un ristorante, chiedete al cameriere o al barista un suggerimento. Nei ristoranti, una porzione può iniziare intorno a ¥ 500.

Piatto sakazuki, una piccola tazza choko e un masu scatola in legno

Il sake ha le sue misure e gli utensili. Le piccole tazze di ceramica sono chiamate choko (ち ょ こ) e la piccola brocca di ceramica usata per versarla è un tokkuri (徳 利). A volte il sake viene versato in un piccolo bicchiere posto in una scatola di legno per raccogliere il troppopieno mentre il servitore versa fino a colare. Basta bere dal bicchiere, quindi versare l'extra fuori dalla scatola e tornare nel bicchiere. Occasionalmente, in particolare quando si beve freddo, potete sorseggiare il sakè dall'angolo di una scatola di cedro chiamato masu (枡), a volte con un po' di sale sul bordo. Il sake è tipicamente misurato in (合, 180 mL), grosso modo le dimensioni di un tokkuri, dieci dei quali costituiscono la bottiglia standard da 1.8 L isshōbin (一 升 瓶).

L'arte della degustazione del sakè è complessa almeno quanto il vino, ma l'unico indicatore che merita di essere visto è il nihonshu-do (日本 酒 度), un numero spesso stampato su bottiglie e menu. In parole povere, questo il "livello di sake" che misura la dolcezza del distillato, con valori positivi che indicano il sake più secco e valori negativi più dolci, la media oggi intorno a +3 (è leggermente asciutta).

Il sake viene prodotto in diversi gradi e stili che dipendono da quanto il riso viene macinato per prevenire i sapori, se viene aggiunta acqua o se viene aggiunto dell'alcool addizionale. Ginjō (吟 醸) e daiginjō (大 吟 醸) sono misure di quanto il riso è stato macinato, con il daiginjo più macinato e corrispondentemente più costoso. Questi due possono avere aggiunto alcol principalmente per migliorare il sapore e l'aroma. Honjōzō (本 醸 造) è meno macinato, con aggiunta di alcol e può essere meno costoso; pensatelo come un tipo di bene quotidiano. Junmai (純 米), che significa riso puro, è un termine aggiuntivo che specifica che è stato usato solo il riso. Quando si effettua un acquisto, il prezzo è spesso un buon indicatore di qualità.

Alcuni prodotti speciali potrebbero valere la pena di una prova se avete voglia di sperimentare. Nigorizake (濁 り 酒) è leggermente filtrato e appare torbido, con sedimenti bianchi sul fondo della bottiglia. Girare delicatamente la bottiglia una o due volte per rimettere il sedimento nella bevanda. Anche se la maggior parte dei sake invecchia male, alcuni produttori sono in grado di creare sake invecchiati con un sapore molto più forte e colori profondi. Questi sake invecchiati o koshu (古 酒) possono essere un gusto acquisito, ma vale la pena per i più avventurosi dopo un pasto. Merita una menzione speciale l'amazake (甘 酒), simile alla versione di sake dumburoku (ど ぶ ろ く), caldo d'inverno (spesso donato gratuitamente ai santuari di Capodanno). Amazake ha pochissimo alcol e ha un sapore simile al riso fermentato (meglio di quanto sembri), ma almeno è economico. Come suggerisce il nome, è dolce. La Japanese Sake Brewers Association ha una versione online della sua brochure in inglese. Potete anche visitare il Sake Plaza a Shinbashi, Tokyo e assaggiare un sorso di sake diverso per poche centinaia di yen.

Shochu[modifica]

Shōchū (焼 酎) è il fratello maggiore del sake, un alcol distillato dal gusto più forte. Esistono in gran parte due tipi di shōchū; I shōchū tradizionali sono più comunemente fatti di riso, patata o grano, ma possono essere fatti anche di altre sostanze come le patate. L'altro è piuttosto industrialmente fatto di zucchero attraverso più distillazioni consecutive, spesso usato e servito come una specie di refrigerante miscelato con succo o soda noto come chū-hai, abbreviazione di "shōchū highball". (I chū-hai in scatola venduti sugli scaffali dei negozi non usano shōchū ma anche sostanze alcoliche più economiche).

Shōchū è tipicamente circa il 25% di alcol (anche se alcune varietà possono essere molto più forti) e può essere servito direttamente, sulle rocce o miscelato con acqua calda o fredda a scelta. Una volta solo una bevanda della classe operaia, e ancora oggi la bevanda più economica in giro a meno di 1000 yen per una bottiglia da 1 litro, lo shōchū tradizionale ha visto una rinascita in termini di popolarità, e il migliore shōchū ora raggiunge prezzi alti come il saké più raffinato.

Liquori[modifica]

Umeshu (梅酒), impropriamente chiamato "vino di prugne", viene preparato immergendo le prugne ume giapponesi (in realtà un tipo di albicocca) in un liquore bianco in modo che assorba il sapore, e il caratteristico, penetrante naso di prugna acida scuro e allo zucchero dolce marrone è un successo con molti visitatori. Tipicamente circa il 10-15% di alcol, può essere assunto direttamente, sulle rocce (ロ ッ ク rokku) o mescolato con soda (ソ ダ 割 り soda-wari).

Whisky[modifica]

Il Whisky (ウ イ ス キ ー uisukī) è popolare in Giappone da oltre 150 anni. Il whisky giapponese (chiamato, abbastanza semplicemente, ジャパニーズ・ウイスキー japanīzu uisukī) è iniziato quasi un secolo fa come una ricreazione abbastanza impegnativa dello stile dei whisky scozzesi. I moderni sforzi delle distillerie per ampliare la loro gamma di stili senza compromettere la qualità ha permesso di vincere numerosi premi internazionali per il whisky giapponese.

Mentre il buon whisky giapponese può essere certamente ordinato (ト ト レ ー ト sutorēto) o sulle rocce (オ ン · ザ · ロ ッ ク on za rokku o semplicemente ロ ッ ク rokku), è molto più comune diluirlo, come con lo shōchū. La preparazione più comune è un liquore con soda (ハ イ ボ ー ル haibōru), una parte di whiskey e due parti di soda su ghiaccio; il sapore leggero e la facile bevibilità (soprattutto nelle estati calde e afose) si adatta ai palati giapponesi ed è molto tradizionale. Un'altra bevanda comune utilizza acqua minerale fredda (水 割 り mizu-wari) nelle stesse proporzioni, o in inverno, acqua calda (お 湯 割 り o-yu-wari).

Birra[modifica]

La birra Orion di Okinawa: "Per il tuo tempo felice"!

Ci sono diverse grandi marche di birra giapponese (ビ ー ル biiru), tra cui Kirin, Asahi, Sapporo e Suntory. Un po' più difficile da trovare è un marchio di Okinawa, Orion, che è eccellente. Yebisu è anche una famosa birra prodotta a Sapporo. La maggior parte delle birre giapponesi è secca, con una resistenza media del 5%, che si accosta bene al cibo giapponese, ma ha un sapore decisamente leggero. Anche le poche birre scure come Asahi Super Dry Black sono in realtà lager scure, quindi nonostante il loro colore non sono ancora molto corpose. Le microdistillerie stanno rapidamente prendendo quota, e la loro kurafuto bia (craft ラ フ ト ビ ア "birra artigianale") o ji-biiru (地 ビ ー ル "birra locale") offre una gradita diversità al mercato. Probabilmente dovrete fare una caccia per trovarli, però; oltre ai pub-distilleria e ai buoni negozi di liquori come il diffuso Yamaya (店舗 o や ま や), un altro buon posto dove guardare sono i seminterrati dei grandi magazzini.

È possibile acquistare birra in lattine di tutte le dimensioni, ma nei ristoranti giapponesi la birra viene in genere servita in bottiglie (瓶 bin) o alla spina (生 nama significa "fresco"). Le bottiglie sono disponibili in tre misure: 大 瓶 ōbin (grande, 0,66 L), 中 瓶 chūbin (medio, 0,5 L) e 小瓶 kobin (piccolo, 0,33 L), di cui il medio è il più comune. Se ordinate birra alla spina, ognuno di voi riceverà la sua tazza (jokki). In molti stabilimenti, un dai-jokki ("tazza grande") contiene un intero litro di birra.

Alcuni baristi giapponesi hanno l'abitudine fastidiosa di riempire metà della tazza in modo da avere solo mezzo bicchiere di birra vera. Anche se ai giapponesi piace la loro birra alla spina versata in quel modo, potreste trovarlo irritante, specialmente quando pagate 600 ¥ per un bicchiere di birra come in molti ristoranti e bar. Se avete il coraggio di chiedere di più, dite: "Awa wa sukoshi dake ni shite kudasai" ("Per favore, solo un po' di schiuma").

I pub Guinness hanno iniziato ad apparire in tutto il paese.

Per coloro che hanno altri gusti per la birra, provate kodomo biiru (letteralmente Birra per bambini), un prodotto che assomiglia alla realtà e che è stato inventato pensando ai bambini (c'è uno 0% di alcol).

Happōshu e la terza birra[modifica]

Grazie alle complicate leggi giapponesi sulle licenze alcoliche, ci sono anche due quasi-birre sul mercato: happōshu (発 泡酒), o birra a basso contenuto di malto, e la cosiddetta terza birra (第 3 の ビ ー ル dai-san no biiru), che utilizza ingredienti come peptidi di soia o mais anziché malto. Con un prezzo di ¥ 120, entrambi sono notevolmente più economiche della birra "vera", ma più leggere e più acquose. Confusamente, sono confezionate in modo molto simile ai marchi come "Draft One" di Sapporo e "Hon-Nama" di Asahi, quindi prestate attenzione al fondo del barattolo quando comprate: per legge, non si può dire ビ ー ル (birra) , ma dirà invece 発 泡酒 (happoshu) o, per le terze birre, l'ingombrante moniker そ の 他 の 雑 酒 (2) (sono ta no zasshu (2), acceso "altro misto di alcol, tipo 2"). Cercate di bere moderatamente perché entrambe le bevande possono portare a sbornie da incubo.

Il vino occidentale[modifica]

Il vino giapponese è in realtà abbastanza buono ma costa circa il doppio rispetto a quello di altri paesi. Esistono diverse varietà, e il vino importato a vari prezzi è disponibile a livello nazionale. La selezione può essere eccellente nelle grandi città, con negozi specializzati e grandi magazzini che offrono le offerte più ampie. Una delle più grandi aree vinicole nazionali del Giappone è la prefettura di Yamanashi, e uno dei maggiori produttori giapponesi, Suntory, ha una cantina e possibilità di visite. La maggior parte del vino, rosso e bianco, viene servita fresca e può essere trovare difficile ottenere del vino a temperatura ambiente (常温 jō-on) quando si mangia fuori.

Il tè[modifica]

Matcha e dolci tradizionali, Kanazawa

La bevanda più popolare è di gran lunga il (お 茶 o-cha), fornito gratuitamente con quasi ogni pasto, caldo d'inverno e freddo d'estate. C'è un'enorme varietà di tè in bottiglie e lattine nei frigoriferi e nei distributori automatici. Il tè nero di stile occidentale è chiamato kōcha (紅茶); se non lo chiedete in modo specifico, probabilmente otterrete del tè giapponese o marrone. Anche il tè oolong cinese è molto popolare. I principali tipi di tè giapponese sono:

  • sencha (煎茶), il tè verde comune
  • matcha (抹茶), tè verde cerimoniale in polvere. Le varietà meno costose sono amare e le varietà più costose sono leggermente dolci.
  • hōjicha (ほ う じ 茶), tè verde tostato
  • genmaicha (玄 米 茶), tè con riso tostato, sapore di popcorn-y
  • mugicha (麦 茶), una bevanda di orzo tostato, servita ghiacciata d'estate

Proprio come i tè cinesi, i tè giapponesi sono sempre puri, senza l'uso di latte o zucchero. Tuttavia, il tè al latte in stile occidentale può essere trovato anche nella maggior parte delle catene di fast food americane.

Caffè[modifica]

Il caffè (コ ー ヒ ー kōhī) è piuttosto popolare, anche se non fa parte della tipica colazione giapponese. Di solito viene prodotto con la stessa forza del caffè europeo; il caffè più debole e annacquato si chiama americano. Il caffè in scatola (caldo e freddo) è un po' una curiosità, è ampiamente disponibile nei distributori automatici come altre bevande per circa ¥ 120 per barattolo. La maggior parte del caffè in scatola è dolce, quindi cercate i marchi con la parola inglese "Black" o il kanji 無糖 ("senza zucchero") se lo volete non zuccherato. Il caffè decaffeinato è molto raro, anche da Starbucks, ma è disponibile in alcune località.

Ci sono molte caffetterie, tra cui Starbucks. Le principali catene locali includono Doutor (noto per i suoi prezzi bassi) e Excelsior. Alcuni ristoranti, come Mister Donut, Jonathan's e Skylark, offrono ricariche illimitate sul caffè per coloro che sono particolarmente dipendenti dalla caffeina (o vogliono fare un po' di lavoro a tarda notte).

Non è difficile trovare il caffè italiano e per giunta preparato come nei bar in Italia! Rispetto ad altre nazioni la dedizione giapponese per il consumatore permette di ottenere una qualità di caffè eccellente, se si cerca con attenzione si possono trovare dei locali che espongono i marchi di caffè italiano come Illy, Segafredo e Lavazza. Quando sono presenti questi marchi quasi certamente si avrà la garanzia di un caffè buono e con macchina italiana.

Caffetterie[modifica]

Anche se Starbucks ha piantato la propria bandiera in Giappone quasi come negli Stati Uniti, i kissaten giapponesi (喫茶 店) hanno una lunga storia. Se state davvero cercando una scossa di caffeina, andate da Starbucks o su uno dei suoi predecessori giapponesi come Doutor. Ma se state cercando di allontanarvi dalla pioggia, dal caldo o dalla folla per un po', il kissaten è un'oasi in una giungla urbana. La maggior parte delle caffetterie sono affari unici e riflettono i gusti della loro clientela. In un coffee shop Ginza, troverete un morbido arredamento "europeo" e dolci per gli acquirenti di lusso che si fanno carico dei loro Ferragamo. In una caffetteria Otemachi, uomini d'affari in giacca e cravatta si accalcano sui tavoli bassi prima di incontrare i loro clienti. Nelle caffetterie notturne di Roppongi, i nottambuli si fermano tra i club o dormono fino a quando i treni riprendono a correre la mattina.

Un tipo particolare di kissaten è il jazu kissa (ジ ャ ズ 喫茶), o un coffee shop jazz. Questi sono ancora più scuri e pieni di fumo rispetto ai normali kissaten, e frequentati da appassionati di jazz dall'aspetto estremamente serio che siedono immobili e soli, immergendosi nel bebop giocato ad alti volumi da diffusori audio giganti. Andate in un kissa jazz per ascoltare.

Un'altra derivazione è il danwashitsu (談話 室), o lounge. L'aspetto è indistinguibile da un kissaten caro, ma lo scopo è più specifico: adatto per discussioni serie su questioni come affari o incontro con i futuri coniugi. Tutti i tavoli sono in cabine separate, le prenotazioni sono solitamente richieste e le bevande sono costose. Quindi non vagate se state solo cercando una tazza di caffè.

Pocari Sweat

Bevande analcoliche[modifica]

Ci sono molte bevande analcoliche giapponesi uniche e da provare ai distributori automatici, è una delle gioie del Giappone per i piccoli viaggiatori. Alcune tipiche includono Calpis (カ ル ピ ス Karupisu), una sorta di bevanda a base di yogurt che ha un sapore migliore di quello che sembra, e il famoso Pocari Sweat (Pokémon Suetto), una bevanda isotonica in stile Gatorade. Una bevanda analcolica giapponese più tradizionale è Ramune (ラ ム ネ), quasi uguale a Sprite o 7-Up ma degna di nota per la sua insolita bottiglia, in cui si spinge giù un tasto in uno spazio aperto al di sotto del beccuccio invece di usare un apribottiglie.

La maggior parte delle marche di bibite americane (Coca-Cola, Pepsi, Mountain Dew, ecc.) Sono ampiamente disponibili. Le uniche scelte per la dieta saranno Diet Coke, Coca Cola Zero o Diet Pepsi. La Root Beer è quasi impossibile da trovare al di fuori dei negozi di alimentari specializzati o di Okinawa. Ginger ale è molto popolare e una scoperta comune nei distributori automatici. Le bevande energetiche caffeinate sono disponibili in molte marche locali (di solito infuse con ginseng).

In Giappone, il termine "succo" (ジ ュ ー ス jūsu) è un termine generico per qualsiasi tipo di bevanda analcolica - compresa la Coca-Cola e simili - quindi se si tratta di spremute di frutta desiderate, chiedete kajū (果汁). Estremamente pochi sono il 100% di succo. Le bevande in Giappone sono obbligate a mostrare la percentuale di contenuto di frutta sull'etichetta; questo può essere molto utile per assicurarvi di ottenere il 100% di succo d'arancia che desiderate, piuttosto che le varietà molto più comuni del 20%.

Infrastrutture turistiche[modifica]

Camera con vista

Solo da una decina d'anni il Giappone ha cominciato ad aprirsi massicciamente al turismo straniero straniero. Ne è prova il fatto che al momento solo le grandi città (Tokyo, Osaka, Kyoto, ecc) siano attrezzate per offrire un'offerta turistica per i non-locali. Come menzionato, nei mezzi di trasporto, quasi tutte le indicazioni sono anche in alfabeto latino, anche se l'inglese non è frequentemente parlato se non nei grandi alberghi o negli aeroporti più importanti.

In campagna (paragonabile alla provincia italiana) o comunque nelle città più piccole, a parte le indicazioni dei mezzi di trasporto, l'inglese ha un ruolo estremamente marginale e trovare qualcuno che parlerà inglese sarà occasione più unica che rara. Perciò, sebbene le infrastrutture turistiche siano esistenti, queste sono da considerare come designate ad un turismo locale; non solo la lingua, ma anche le usanze negli alberghi, ristoranti, ecc, potranno risultare "bizzarre" ad un occhio occidentale.

Chi decide di "avventurarsi" al di fuori delle grandi città, si dovrà armare di grande pazienza. Si raccomanda inoltre di organizzare in anticipo spostamenti e prenotazioni, onde evitare problemi legati alla impossibilità di comunicare. È però da segnalare come il repentino aumento del numero dei turisti registrano negli ultimi due anni stia portando numerose modifiche ai c.d. "circuiti turistici", che si stanno allargando anche a zone un tempo difficilmente raggiungibili agli stranieri. Ci si può quindi attendere una maggiore fruibilità ed un più facile accesso già a partire dai prossimi anni.

Oltre ai consueti ostelli della gioventù e agli hotel per affari, puoi trovare diversi tipi di alloggi unici in Giappone, che vanno dai ryokan ai funzionali hotel capsule e hotel d'amore assolutamente esagerati.

Quando si prenotano gli alloggi giapponesi, si tenga presente che molte strutture minori possono esitare nell'accettare stranieri, temendo difficoltà linguistiche o altri malintesi culturali. Questo è in qualche misura istituzionalizzato: i grandi database delle agenzie di viaggio notano che pochi hotel sono preparati a gestire gli stranieri e potrebbero dirti che tutti gli alloggi sono prenotati. Invece di chiamare in inglese, potrebbe essere meglio chiedere in un ufficio turistico locale per effettuare la prenotazione. In alternativa, per le tariffe su Internet a basso costo, lo strumento di ricerca inglese di Rakuten è una risorsa preziosa. I prezzi sono quasi sempre dati per persona, non per camera. Altrimenti, potreste avere uno shock piuttosto spiacevole quando il gruppo di cinque persone cerca di dare un'occhiata.

Al momento del check-in per qualsiasi tipo di alloggio, l'hotel è obbligato per legge a fare una copia del passaporto a meno che non siate residenti in Giappone. È una buona idea, soprattutto se si viaggia in gruppo, di presentare all'impiegato una copia fotografica del passaporto per accelerare il check-in. A parte questo, ricordate che il Giappone è per lo più un paese solo per contanti, e di solito le carte di credito non sono accettate in sistemazioni di piccole dimensioni, compresi gli hotel più piccoli. Portate abbastanza denaro per poter pagare in anticipo.

Una cosa da considerare in inverno: le case tradizionali giapponesi sono progettate per essere fresche d'estate, il che significa che troppo spesso fa freddo in inverno. E' opportuno fare il pieno di vestiti e fare buon uso dei bagni per stare al caldi; fortunatamente, i letti futon sono solitamente abbastanza caldi e dormire di notte, raramente diventa un problema.

Mentre la sistemazione in Giappone è costosa, potreste scoprire che potete usare comodamente uno standard di hotel più basso di quello che fareste in altri paesi. I bagni condivisi di solito sono pulitissimi, e il furto è molto raro. Non aspettatevi di dormire fino a tardi: l'orario di check-out è invariabilmente alle 10:00, e qualsiasi estensione a ciò dovrà essere pagata.

Potresti avere difficoltà a trovare camere nei periodi di vacanza più intensi, come la settimana d'oro all'inizio di maggio. Tuttavia, molti hotel giapponesi e siti di prenotazione di terze parti non accettano prenotazioni online con più di 3 o 6 mesi di anticipo, quindi se sono trascorsi più di 3 mesi prima del viaggio e non trovate nulla di disponibile, contattate direttamente l'hotel o riprovate più avanti.

Hotel[modifica]

Se gli hotel occidentali (ホ テ ル hoteru) si trovano in tutto il Giappone, quelli giapponesi dominano. Alcune delle catene alberghiere giapponesi includono:

  • ANA IHG Hotels - una joint venture tra All-Nippon Airlines (seconda compagnia aerea giapponese e Star Alliance membro del Giappone) e Intercontinental Hotel Group, che gestisce un numero di Intercontinental, Crowne Plaza e Holiday Inn in tutto il Giappone. Alcuni hotel etichettati semplicemente come "ANA Hotels" possono essere prenotati tramite il sistema di prenotazione di IHG. Questa è l'unica catena di hotel a marchio occidentale con una presenza giapponese diffusa.
  • Okura Hotels & Resorts è un marchio di hotel di lusso, con proprietà in Giappone e all'estero. Possiedono anche le catene di medie dimensioni come Hotel Nikko e JAL Hotel, operati come joint venture con Japan Airlines, la compagnia di bandiera giapponese e membro di oneworld.
  • Rihga Royal
  • Prince Hotels

L'hotel a cinque stelle a servizio completo può trasformare il benessere in una forma d'arte, ma tende ad essere piuttosto blando e generico nell'aspetto, nonostante i prezzi elevati inizino da ¥ 20.000 a persona (non per camera). D'altra parte, gli hotel business a tre e quattro stelle hanno prezzi relativamente ragionevoli rispetto ai prezzi nelle principali città europee o nordamericane, e persino gli hotel a due stelle offrono una pulizia impeccabile e caratteristiche raramente riscontrabili in Occidente in tale fascia di prezzo.

Tuttavia, ci sono diversi tipi di hotel unicamente giapponesi e molto più economici:

Capsule hotel[modifica]

Un capsule hotel a Sapporo

Gli hotel capsule (カ プ セ ル ホ ル ル kapuseru hoteru) sono il massimo del dormire efficiente in poco spazio: per un prezzo basso (normalmente tra ¥ 3000 e ¥ 4000), l'ospite si prende una capsula, di circa 2 x 1 x 1m e impilata in due file all'interno di una sala contenente decine se non centinaia di capsule. Gli hotel a capsula sono separati per sesso e solo alcuni sono adatti alle donne.

All'ingresso in un hotel a capsule, toglietevi le scarpe, mettetele in un armadietto e indossate un paio di pantofole. Spesso dovrete consegnare la chiave dell'armadio al check-in per assicurarvi di non andare via senza pagare! Al check-in verrà dato un secondo armadietto per sistemare le cose, poiché non c'è spazio nella sala a capsule e c'è poca sicurezza dato che la maggior parte di esse ha semplicemente una tenda, non una porta.

Molti, se non la maggior parte degli hotel capsule, sono collegati a una spa di vari gradi di lusso, spesso in modo che l'ingresso alla spa costi forse 2000 ¥ ma la capsula è solo ¥ 1000 in più. Gli hotel a capsule più economici richiederanno monete da ¥ 100 anche per far funzionare la doccia. Essendo il Giappone, ci sono sempre distributori automatici per dispensare dentifricio, biancheria e articoli vari.

Una volta che ti ritirerete nella capsula, di solito troverete un semplice pannello di controllo per far funzionare le luci, la sveglia e l'immancabile TV incorporata. Se dormite troppo, potreste essere addebitato un altro giorno.

Nei distretti di Tokyo, Shinjuku e Shibuya, gli hotel a capsule costano almeno ¥ 3500, ma offrono eccellenti poltrone da massaggio gratuite, saune, bagni pubblici, rasoi usa e getta e shampoo, riviste e caffè al mattino. Nonostante tutto, tenete presente che la "porta" della capsula è solo una tenda che tiene fuori la luce. Probabilmente sentirete un flusso costante di uomini d'affari ubriachi e assonnati che strisciano nelle loro capsule sopra e di fronte a te prima di sprofondare nel sonno. Un suggerimento importante è quello di portarvi dei tappi (per chi russa forte), dato che di notte è un po' come dormire in una camerata del servizio militare.

Love hotel[modifica]

Molti hotel d'amore, come questa proprietà a Himeji, hanno decorazioni esterne uniche.

Il nome Love hotel (ラ ブ ホ テ ル rabu hoteru) è un po' un eufemismo perché il termine più appropriato sarebbe sex hotel. Possono essere trovati all'interno e vicino ai quartieri a luci rosse, ma la maggior parte non si trova in quelle aree. Molti di loro sono spesso raggruppati attorno agli svincoli autostradali o nelle principali stazioni ferroviarie fuori città e di nuovo verso la periferia. L'ingresso è di solito abbastanza discreto, e l'uscita è separata dall'ingresso (per evitare di imbattersi in qualcuno che si potrebbe conoscere). Fondamentalmente, si affitta una stanza per la notte (elencate come "Stay" o 宿 泊 shukuhaku sul tariffario, in genere ¥ 6000-10.000), un paio d'ore ("Rest" o 休憩 kyūkei, intorno a ¥ 3000), o fuori orario ("Nessun servizio orario"), che di solito sono i pomeriggi dei giorni feriali. Fate attenzione ai costi di servizio, ai supplementi delle ore di punta e alle tasse, che possono far aumentare il conto del 25%. Alcuni accetteranno ospiti singoli, ma la maggior parte non consentirà l'accesso a coppie dello stesso sesso o ospiti ovviamente minorenni.

Sono luoghi generalmente puliti, sicuri e molto privati. Alcuni hanno temi esotici: acquatici, sport o Hello Kitty. Come viaggiatore, piuttosto che come cliente tipico, (di solito) non si può effettuare il check-in, lasciare le valigie ed uscire. Una volta che si va via, si lascia, quindi non sono così convenienti come gli hotel veri e propri. Anche i costi per lo "Stay" tendono a iniziare solo dopo le 22:00, e il superamento dei limiti può comportare forti aggiunte. Molte camere hanno cibo e bevande semplici in frigorifero, e spesso hanno spese piuttosto elevate. Prima di entrare in un love hotel, sarebbe saggio prendere del cibo e delle bevande. Le camere dispongono spesso di servizi come vasche idromassaggio, decorazioni a tema selvaggio, costumi, macchine per il karaoke, letti vibranti, distributori automatici di giocattoli sessuali e, in alcuni casi, videogiochi. Più spesso, tutti gli articoli da toeletta (compresi i preservativi) sono inclusi. A volte le stanze hanno un libro che funge da registro, dove le persone registrano i loro racconti e avventure per i posteri. Gli hotel love popolari possono essere interamente prenotati nelle città nei fine settimana.

Perché si trovano dappertutto? Considerate la carenza di alloggi che affligge da anni il Giappone dal dopoguerra e il modo in cui le persone vivono ancora nelle famiglie allargate. Se avete 28 anni e vivete ancora a casa, volete davvero portare la vostra partner a casa dei tuoi? Se siete una coppia sposata in un appartamento di 40 metri quadrati con due bambini in età scolastica, volete davvero dedicarvi alla casa? Per questo c'è l'hotel dell'amore. Possono essere squallidi, ma soprattutto sono solo pratici e soddisfano un bisogno sociale.

Una parola sulle precauzioni: c'è stato un aumento delle telecamere nascoste che sono vengono collocate in spazi pubblici e privati, compresi gli hotel dell'amore, sia da parte di altri ospiti che, occasionalmente, dalla direzione dell'hotel. I video di questi presunti tousatsu (telecamera nascosta) sono popolari nei negozi di video per adulti, anche se molti di questi video sono in realtà messe in scena.

Business hotel[modifica]

Gli hotel business (ビ ジ ネ ス ホ ル ル bijinesu hoteru) costano di solito circa ¥ 10.000 a notte e hanno una posizione comoda (spesso vicino alle principali stazioni ferroviarie) come loro principale punto vendita, ma le camere sono di solito incredibilmente strette. Il lato positivo, avrete un (piccolo) bagno privato e, spesso, Internet gratuito. Alcune grandi catene di hotel business più economici includono Tokyu Inn, noto per le sue camere di dimensioni generose, Sunroute Hotels e Toyoko Inn. Questi ultimi hanno una tessera club, che a ¥ 1500, può pagarsi da sola la domenica sera.

Gli hotel business locali, più distanti dalle principali stazioni, possono essere notevolmente più economici (camera doppia da ¥ 5000/notte) e possono essere trovati nella rubrica telefonica (che indica anche i prezzi), ma per aiutarvi è necessario un assistente di lingua giapponese, o meglio ancora, prenotare in anticipo online. Per due o più, il prezzo può spesso competere con gli ostelli della gioventù se si condivide una camera doppia o matrimoniale. Il pagamento completo è spesso previsto al momento del check-in, e gli orari di check-out sono anticipati (di solito alle 10) e non sono negoziabili a meno che non siate disposti a pagare un extra. In fondo ci sono degli hotel economici nei distretti dei lavoratori delle principali città, come Kamagasaki a Osaka o Senju a Tokyo, dove i prezzi partono da un minimo di ¥ 1500 per una piccola stanza da tre persone che letteralmente ha solo abbastanza spazio per dormire. Anche pareti e futon possono essere sottili.

Le pensioni[modifica]

Ryokan[modifica]

Un ryokan tradizionale a Wakura Onsen, Ishikawa
Una tipica camera per gli ospiti in un ryokan
Stuoie di tatami e letti futon
Colazione del Ryokan. In senso orario da sinistra in alto: zuppa di miso, riso, pesce grigliato freddo, verdure, sottaceti, soia fermentata natto, alga nori, un uovo crudo e in più verdure.

I Ryokan (旅館) sono locande tradizionali giapponesi, e una visita a una di esse è il momento clou di un viaggio in Giappone per molti. Ce ne sono di due tipi: il piccolo in stile tradizionale con edifici in legno, lunghe verande e giardini, e il tipo più moderno di grattacieli che sono come alberghi di lusso con bagni pubblici.

Poiché è necessaria una certa conoscenza della morale e dell'etichetta giapponese per visitarne uno, molti esiteranno a prendere ospiti non giapponesi (specialmente quelli che non parlano giapponese), ma alcuni si rivolgono specificamente a questo gruppo; siti come Japanese Guest House elencano tali ryokan e aiuteranno a prenotare. Una notte in un ryokan per uno o due pasti inizia a circa ¥ 8000 e sale anche a prezzi stratosferici. ¥ 50.000 a notte a persona non è raro per alcuni di quelli più eleganti, come il famoso Kagaya Wakura Onsen vicino a Kanazawa.

Un Ryokan di solito opera secondo un programma abbastanza severo e ci si aspetta che il cliente arrivi entro le 17:00. All'ingresso, toglietevi le scarpe e indossate le pantofole che indossereste all'interno della casa. Dopo il check-in sarete condotti nella vostra camera, decorata semplicemente ma elegantemente e ricoperta di stuoie di tatami. Assicuratevi di togliervi le pantofole prima di salire sul tatami. In questo momento, il personale chiederà le vostre preferenze su quando prendere la cena e la colazione, e qualsiasi scelta come i piatti (ad esempio una prima colazione in stile giapponese o occidentale) e bevande.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Giappone#Bagni_caldi_e_termali.

Prima di cena sarete incoraggiati a fare un bagno. Probabilmente vi vorrete cambiare e mettere in vestaglia yukata prima di fare il bagno che è un capo abbastanza semplice. Se la yukata fornita non è abbastanza grande, chiedete semplicemente alla cameriera o alla reception tokudai (特大 "fuori misura" ). Molti ryokan hanno anche delle yukata con codice colore a seconda del sesso: toni rosati per le donne e blu per gli uomini, per esempio.

Una volta fatto il bagno, la cena verrà servita nella stanza o in sala da pranzo. Nei Ryokan in genere si serve cucina kaiseki, piatti tradizionali che consistono in una dozzina o più di piccoli piatti. Il Kaiseki è un preparato molto elaborato e presentato da ingredienti stagionali scelti con cura. Di solito c'è un piatto cotto a fuoco lento e un piatto grigliato, che cucinano individualmente, oltre a oggetti oscuri che la maggior parte degli occidentali non ha di solito familiarità; chiedete se non siete sicuri di come mangiare un determinato pezzo. Vengono inoltre presentati ingredienti e piatti locali, a volte sostituendo l'esperienza kaiseki con stranezze come basashi (carne di cavallo) o un pasto cucinato in un focolare irori. Il cibo in un buon ryokan è una parte sostanziale dell'esperienza (e del conto) ed è un modo eccellente per provare alcuni piatti giapponesi di alta classe.

Dopo aver finito, siete liberi di andare in città; nelle città termali è perfettamente normale andare in giro vestiti solo con yukata e zoccoli geta, anche se farlo da straniero può attirare ancora più attenzione del solito. (Un suggerimento: indossate biancheria intima sotto.) I geta sono in genere disponibili vicino agli ingressi, o disponibili su richiesta alla reception. Questi zoccoli di legno hanno due supporti per sollevarli dal terreno (una necessità nell'antico Giappone con strade fangose), che conferisce loro un caratteristico rumore di zoccoli. Ci vuole un minuto per abituarsi a camminare, ma non sono molto diversi dalle infradito occidentali. Molti ryokan hanno un coprifuoco, quindi assicuratevi di tornare in orario.

Al ritorno scoprirete che il futon è stato tirato fuori sul tatami (un vero futon giapponese è semplicemente un materasso, non il letto basso, spesso venduto sotto questo nome in Occidente). Mentre è leggermente più duro di un letto occidentale, la maggior parte delle persone trova molto piacevole dormire su un futon. I cuscini possono essere molto duri, perché pieni di pula di grano saraceno.

La colazione al mattino è più probabile sia servita in comune in una sala da pranzo ad orari prestabiliti, anche se i posti di alta classe la serviranno nella stanza dopo che la cameriera ha messo via la biancheria da letto. Anche se alcuni ryokan offrono una scelta di una colazione occidentale, di solito una colazione giapponese è la norma, che significa riso, zuppa di miso e pesce freddo. Se vi sentite in vena potete provare il popolare tamago kake gohan (卵かけご飯 "uovo sul riso", un uovo crudo e condimento che mescolate in una ciotola di riso bollente) o il non gradito-anche-da-alcuni-giapponesi nattō (納豆 soia fermentata, che mescolate vigorosamente con le bacchette per un minuto o due finché diventano estremamente fibrose e appiccicose, e poi mangiate sopra il riso).

I ryokan di fascia alta sono uno dei pochi luoghi in Giappone ad accettare mance, ma il sistema kokorozuke è il contrario del solito: circa 3000 ¥ vengono posti in una busta e consegnati alla cameriera che vi porta nella stanza proprio all'inizio del soggiorno, non alla fine. Anche se non ci si aspetta mai (otterrete comunque un ottimo servizio), i soldi servono sia come segno di apprezzamento sia come scusa per qualsiasi difficoltà causata da richieste speciali (ad esempio allergie alimentari) o dall'incapacità di parlare giapponese.

Un'ultima parola di avvertimento: alcuni alloggi con la parola "ryokan" nel loro nome non sono di lusso, ma solo minshuku sotto mentite spoglie. Il prezzo indicherà il tipo di alloggio.

Minshuku[modifica]

I Minshuku (民宿) sono la versione economica del ryokan e simili nel concetto a un B&B. In queste case a conduzione familiare, l'esperienza complessiva è simile al ryokan, ma il cibo è più semplice, i pasti sono in comune, i bagni sono condivisi e gli ospiti devono stendere il proprio futon (anche se un'eccezione è spesso fatta per gli stranieri). Di conseguenza la distribuzione dei minshuku è più bassa, passando da ¥ 5.000 a ¥ 10.000 con due pasti (一 泊 二 食 ippaku-nishoku). Più economico è ancora un soggiorno senza pasti (素泊まり sudomari), che può arrivare fino a ¥ 3.000.

I minshuku si trovano più spesso nelle campagne, dove praticamente ogni villaggio o isola, per quanto piccolo ne avrà uno. La parte più difficile è spesso trovarli, dato che raramente pubblicizzano o appaiono nei motori di prenotazione online, quindi chiedere all'ufficio turistico locale è spesso il modo migliore.

Le pensioni (ペ ン シ ョ ン penshon) sono simili a minshuku ma hanno stanze in stile occidentale, proprio come il loro omonimo europeo.

Kokuminshukusha[modifica]

Kokuminshukusha (国 民宿 舎), una parola che si traduce letteralmente in "casette della gente", sono pensioni gestite dal governo. Forniscono principalmente sussidi per i dipendenti governativi in luoghi panoramici remoti, ma di solito sono felici di accettare ospiti paganti. Sia le strutture che i prezzi sono in genere perlopiù paragonabili agli standard dei ryokan e minshuku; tuttavia, sono quasi invariabilmente di grandi dimensioni e possono essere piuttosto impersonali. Quelli popolari devono essere prenotati con largo anticipo per l'alta stagione: a volte quasi un anno in anticipo per il Capodanno e altre feste.

Shukubō[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Meditazione in Giappone.

Shukubō (宿 坊) sono alloggi per pellegrini, di solito situati all'interno di un tempio buddista o di un santuario shintoista. Ancora una volta, l'esperienza è molto simile a un ryokan, ma il cibo sarà vegetariano e potrebbe essere offerta la possibilità di partecipare alle attività del tempio. Alcuni templi Zen offrono lezioni e corsi di meditazione. Uno Shukubo può essere riluttante ad accettare ospiti stranieri, ma un posto dove questo non sarà un problema è il principale centro buddista del Monte Koya vicino a Osaka.

Ostelli e camping[modifica]

Ostelli della gioventù[modifica]

Gli ostelli della gioventù (ユ ー ス ホ ス ル yūsu hosuteru, spesso chiamati yūsu o abbreviati "YH") sono un'altra opzione economica in Giappone. Gli ostelli possono essere trovati in tutto il paese, quindi sono popolari tra i viaggiatori in economia, in particolare gli studenti. Gli ostelli variano in genere da ¥ 2.000 a ¥ 4.000. Può diventare più costoso se si opta per la cena e la colazione e non si tratta di un membro Hostelling International (HI), nel qual caso il prezzo per una singola notte potrebbero essere superiori a ¥ 5000. Per i soci HI, una semplice permanenza può costare fino a ¥ 1500 a seconda della località e della stagione. Come altrove, alcuni sono semplici alloggi, mentre altri sono meravigliosi cottage in punti panoramici. Ci sono anche un certo numero di templi che gestiscono ostelli come attività collaterali. Fate uno studio prima di scegliere dove andare, la pagina del Japan Youth Hostel è un buon punto di partenza. Molti hanno il coprifuoco (e talvolta un periodo di chiusura durante il giorno in cui tutti gli ospiti devono andarsene), e le stanze dei dormitori in base al sesso sono spesso chiuse.

Un alloggio per motociclisti a Ishikari, Hokkaido

Alloggi per motociclisti[modifica]

Gli alloggi per motociclisti (id イ ダ ー ハ ス ス raidā hausu) sono dormitori supereconomici destinati principalmente ai motociclisti, sia motorizzati che a pedali. Benché generalmente tutti siano benvenuti, questi sono generalmente situati nelle campagne e l'accesso ai mezzi pubblici è impraticabile o impossibile. Generalmente sono gestiti per hobby, gli alloggi sono molto economici (¥ 300/notte è tipico, gratis non è accettato), ma le strutture sono minime; viene richiesto di portare il proprio sacco a pelo e potrebbe non esserci nemmeno una cucina o un bagno. Anche i soggiorni lunghi sono scoraggiati e alcuni vietati per più di una notte. Questi sono particolarmente comuni a Hokkaido, ma possono essere trovati qua e là in tutto il paese. Il sito di riferimento è Hatinosu.

Camping[modifica]

Campeggio nella pittoresca Valle dell'Iya

Il campeggio è (dopo nojuku, vedi sotto) il modo più economico per dormire una notte in Giappone. C'è una vasta rete di campeggi in tutto il paese; naturalmente, la maggior parte sono lontani dalle grandi città. Raggiungerli può anche essere problematico, e ci sono pochi autobus per andarci. I prezzi possono variare costi nominali di ¥ 500, a bungalow di grandi dimensioni che costano più di molte camere d'albergo ¥ 13.000 o più.

Il campeggio selvaggio è illegale nella maggior parte del Giappone, anche se potete sempre provare a chiedere il permesso, o semplicemente piantare la tenda sul tardi e partire presto. In realtà, molti parchi cittadini più grandi possono contenere un gran numero di tende di plastica blu con i senzatetto.

I campeggi in Giappone sono conosciuti come kyanpu-jo (キ ャ ン プ 場), mentre i siti progettati per le auto sono conosciuti come ōto-kyanpu-jo. Questi ultimi tendono ad essere molto più costosi di primi (¥ 5.000 circa) e dovrebbero essere evitati da coloro che vanno a piedi a meno che non dispongano anche di alloggi a basso costo. I campeggi si trovano spesso vicino a degli onsen, che possono essere abbastanza convenienti.

La National Camping Association of Japan aiuta a mantenere Campjo.com, un database in giapponese di quasi tutti i campeggi nel paese. Il sito web JNTO ha una lista abbastanza ampia (in formato PDF) dei campi in lingua inglese, e gli uffici turistici locali sono spesso ben informati.

Nojuku[modifica]

Per il viaggiatore in economia che vuole sopravvivere a buon mercato in Giappone l'opzione è il nojuku (野 宿). Questo è il termine giapponese per indicare il "dormire fuori", e anche se può sembrare strano agli occidentali, molti giovani giapponesi lo fanno quando viaggiano. Grazie a un basso tasso di criminalità e a un clima relativamente stabile, il nojuku è un'opzione davvero valida se si viaggia in gruppo o si è sicuri di volerlo fare da soli. I posti nojuku comuni includono stazioni ferroviarie, michi no eki (stazioni di servizio stradali), o praticamente ovunque si abbia qualche tipo di rifugio e bagni pubblici nelle vicinanze.

Coloro che si preoccupano delle docce saranno lieti di sapere che il Giappone è benedetto da strutture pubbliche a basso costo praticamente ovunque: in particolare gli onsen o sorgenti calde. Anche se non riuscite a trovare un onsen, un sento (bagno pubblico), una sauna è anche un'opzione.

Tenete presente che il nojuku è praticabile solo nei mesi estivi, anche se nell'isola settentrionale di Hokkaido, anche in estate, la temperatura potrebbe calare durante la notte. D'altra parte, c'è molto più spazio per il nojuku ad Okinawa (anche se mancano strutture pubbliche sulle isole minori).

Il nojuku non è raccomandato per chi viaggia per la prima volta in Giappone, ma per quelli con una certa esperienza, e può essere un ottimo modo per entrare nella cultura onsen, incontrare altri compagni di viaggio nojuku e soprattutto viaggiare a buon mercato se accoppiato all'autostop.

Alloggi privati[modifica]

Guest house[modifica]

Ci sono un certo numero di guest house (ゲ ス ト ハ ウ ス) in Giappone. A volte questo è solo un sinonimo di "ostello", ma altre case per gli ospiti sono gestite da privati. Considerando che un minshuku è una destinazione a sé stante, le guest house sono semplicemente luoghi di soggiorno e spesso hanno posizioni convenienti nelle città o nelle periferie vicine. Potrebbero avere sistemazioni condivise in stile dormitorio, e diversamente da un minshuku o B&B di solito non offrono pasti. La maggior parte avrà anche il coprifuoco. Alcuni si rivolgono a visitatori stranieri, anche se alcune abilità di lingua giapponese saranno utili per trovare, prenotare e soggiornare in uno di essi.

Scambio di ospitalità[modifica]

In particolare nelle città affollate del Giappone, lo scambio di ospitalità attraverso siti come AirBnB è diventato molto popolare. Molti degli elenchi saranno per le dimore (マ ン シ ョ ン manshon), che in giapponese è un termine di marketing comune che in realtà significa "condominio". I palazzi sono tipicamente in grattacieli con molti servizi, a differenza degli appartamenti (ア パ ー ト apaato) che sono di solito appartamenti economici. Lo scambio di ospitalità può essere un buon modo per trovare un buon affare in alloggi e sperimentare come sia una tipica casa per molti giapponesi.

A lungo termine[modifica]

Gaijin houses[modifica]

Se soggiornate per un periodo più lungo, diciamo un mese e più, potreste essere in grado di ridurre drasticamente i costi della permanenza soggiornando in una "casa di gaijin". Questi alloggi si rivolgono specificamente agli stranieri e offrono almeno appartamenti minimamente arredati e di solito condivisi a prezzi ragionevoli, e senza i pesanti depositi e le commissioni degli appartamenti (spesso fino a 8 mesi di affitto) pagati prima di trasferirsi. Sarà quasi certamente più economico che alloggiare in un hotel per un mese, e per quelli che vengono in Giappone per la prima volta sono anche ottimi per conoscere persone del luogo. Il rovescio della medaglia è che le strutture sono spesso condivise e la popolazione di passaggio può indicare scarsa manutenzione e vicini poco raccomandabili.

Le case di Gaijin sono concentrate a Tokyo, ma qualsiasi altra grande città ne avrà alcune. Possono essere qualsiasi cosa, dai brutti complessi di appartamenti con nuovi inquilini ogni settimana, alle belle imprese a conduzione familiare in case private, quindi cercate di dare un'occhiata al posto prima di decidere di trasferirvi. Due delle più grandi agenzie di locazione per le case di Gaijin a Tokyo è Sakura House e Oak House, mentre la Gaijin House Japan ha annunci che coprono l'intero paese.

Appartamenti[modifica]

Tradizionalmente, affittare un appartamento in Giappone è un processo incredibilmente complesso e costoso, che comporta il coinvolgimento di un residente giapponese come garante e pagando mesi di affitto in anticipo. È quindi essenzialmente impossibile per chiunque non abbia familiarità con la cultura locale per vivere e lavorare almeno per qualche anno.

Le dimore settimanali (appartamenti a breve termine) sono diventati popolari per i residenti (tipicamente uomini d'affari con incarichi a lungo termine o giovani single) e sono accessibili anche ai visitatori. La maggior parte sono camere da 1 o 2 persone, anche se a volte sono disponibili quelli più grandi per 3 o 4 persone. Le tasse per gli appartamenti sono di circa ¥ 5000 per un singolo, circa ¥ 6000-7000 per una stanza per due persone al giorno. La maggior parte di queste agenzie di noleggio appartamenti offrirà tutti gli appartamenti con doccia, bagno e vasca. Di solito hanno l'aria condizionata, forno a microonde e servizi di cucina. Le prenotazioni possono essere fatte su un sito web in lingua inglese, e hanno varie offerte promozionali. WMT ha più di 50 condomini a Tokyo e Yokohama, insieme a Osaka. A volte è richiesto un deposito per alcuni appartamenti. Di solito questo deposito può essere cancellato se si è stati con loro alcune volte senza problemi. Gli appartamenti sono sempre tenuti puliti e spesso hanno molto più spazio e flessibilità di un hotel e hanno un prezzo simile agli ostelli della gioventù.

Alloggi alternativi[modifica]

Anche a Tokyo, i treni smettono completamente di funzionare intorno all'01:00, quindi se siete fuori volete evitare di pagare un taxi o anche un hotel a capsule, ci sono alcune opzioni per uccidere le ore fino al primo treno del mattino. Se è necessario trovare rapidamente una di queste opzioni, gli assistenti di stazione saranno in genere in grado di indirizzarvi nella giusta direzione. Convenientemente, molte di queste strutture sono solitamente raggruppate attorno alle stazioni ferroviarie e sono abituate ad accettare persone che hanno perso l'ultimo treno per casa.

Un tipico manga kissa nel quartiere Chiyoda di Tokyo

Internet e manga café[modifica]

Nelle città più grandi, specialmente intorno alle principali stazioni, potete trovare degli Internet o manga cafè. L'abbonamento costa circa ¥ 300 una volta. Qui potete anche guardare la TV, giocare ai videogiochi, leggere i fumetti e godervi un drink bar gratuito. I prezzi variano ma solitamente sono intorno a ¥ 400 all'ora. Spesso hanno una tariffa speciale per il periodo in cui non ci sono treni in funzione (da circa mezzanotte alle 05:00 per ¥ 1.500). I clienti hanno in genere la possibilità di scegliere tra un computer attrezzato o una cabina attrezzata, mentre altri offrono servizi come una poltrona da massaggio, un tappetino per dormire o anche una doccia.

Non è un'opzione particolarmente comoda, ma è perfetta per controllare il programma del giorno successivo, scaricare le foto dalla fotocamera digitale, scrivere a casa e riposare un po'. Spesso, potreste essere circondati dal russare degli altri clienti.

Karaoke bar[modifica]

Questa è solo un'opzione di emergenza se non riuscite a trovare nient'altro e state congelando all'aperto. I bar karaoke offrono sale di intrattenimento fino alle 05:00 ("tempo libero") per ¥ 1.500-2.500. Funzionano con almeno 3 persone.

Bagni pubblici[modifica]

Alcuni onsen o sento restano aperti tutta la notte. Questi sono solitamente noti come "super" sento. Di solito c'è un'area relax con tatami, TV, distributori automatici, ecc. Anche se occasionalmente sono dei bagni a più piani e case da gioco. Spesso, a un costo ragionevole (oltre al costo del bagno), sarà permesso dormire tutta la notte sul tatami o in una stanza con grandi sedie reclinabili.

All'aperto[modifica]

Nei mesi più caldi, le persone che dormono o riposano sui bordi delle strade al di fuori delle stazioni ferroviarie più grandi sono uno spettacolo comune. Molti di loro hanno appena perso i loro ultimi treni e preferiscono passare tre o quattro ore ad aspettare il primo treno sull'asfalto anziché tre o quattromila yen per un soggiorno di breve durata in un hotel o in un bagno pubblico.

Mentre questo sistema è sicuramente il modo meno comodo per dormire tutta la notte, è particolarmente popolare tra gli studenti universitari (che non hanno soldi), e assolutamente tollerato dalla polizia e dal personale della stazione; persino gli ubriachi che dormono accanto al loro vomito non saranno disturbati nel sonno indotto dalle bevande alcoliche.

In treno[modifica]

Allo stesso modo, non c'è bisogno di affannarsi se ci si addormenta su un treno locale dopo una lunga notte di festa. Rispetto al dormire fuori, il sonno del treno è più di una cosa gaijin. Non ci sono limiti di tempo si può rimanere su un treno finché si ha un biglietto; molti residenti a lungo termine hanno avuto il piacere di andare avanti e indietro sullo stesso treno per due o tre cicli prima di svegliarsi e scendere alla destinazione iniziale con il biglietto acquistato tre ore fa. Se non è probabile che il treno sia affollato, potreste addirittura prendere in considerazione l'allungamento in panchina: ricordatevi di togliervi le scarpe.

Ovviamente, dovete obbedire agli ordini del personale del treno, che tende a svegliare dolcemente le persone al capolinea, specialmente se il treno non sta tornando indietro. A volte, quella stazione risulta essere a due ore di distanza dalla città.

Eventi e feste[modifica]

Molti altri eventi si tengono in concomitanza con il cambio delle stagioni: i giapponesi sono molto legati ai cambi stagionali e gli effetti che essi hanno sulla natura. È quindi molto probabile che in varie zone del paese vengano organizzati eventi per commemorare la nuova stagione.

Festività nazionali[modifica]

A marzo o aprile, i giapponesi escono in massa per l'hanami (花 見, letteralmente "osservazione dei fiori") a causa della fioritura dei ciliegi (桜 sakura), un festival fatto di picnic all'aperto e baldoria nei parchi. I tempi esatti dei famosi fiori variano di anno in anno e i canali televisivi giapponesi seguono ossessivamente il progresso del fronte dei fiori di ciliegio da sud a nord. I migliori luoghi sakura come Kyoto diventano pieni di turisti. L'hanji di picco coincide spesso con l'inizio del nuovo anno scolastico e finanziario il 1° aprile, il che significa molta gente in movimento e hotel esauriti nelle principali città.

La festa più lunga del Giappone è la settimana d’oro (dal 29 aprile al 5 maggio), quando ci sono quattro giorni festivi in ​​una settimana e le persone vanno in vacanza. I treni diventano affollati e i prezzi dei voli e degli hotel aumentano a multipli dei prezzi normali, rendendo questo un brutto momento per viaggiare in Giappone, ma le settimane immediatamente prima o dopo la sono scelte eccellenti.

L'estate porta una serie di festival progettati per distrarre le persone dall'intollerabile calore e umidità. Ci sono festival locali (祭 matsuri) e imponenti gare di fuochi d'artificio (花火 hanabi) in tutto il paese. Tanabata (七夕), il 7 luglio (o all'inizio di agosto in alcuni luoghi), commemora una storia di amanti stellati che si sono potuti incontrare solo in questo giorno.

Il più grande festival estivo è Obon (お 盆), che si tiene a metà luglio nel Giappone orientale (Kantō) e nella metà di agosto nel Giappone occidentale (Kansai), che onora gli spiriti ancestrali. Tutti si dirigono verso casa per visitare i cimiteri dei villaggi e il sistema dei trasporti è pieno.

Data Festività Note
1 gennaio Capodanno (ganjitsu 元日, gantan 元旦 o o-shōgatsu お正月) Festività internazionale del cambio di anno. In genere i giapponesi si dirigono verso il tempio più vicino a mezzanotte per augurarsi il nuovo anno.
2 e 3gennaio Primi giorni del nuovo anno Giorni festivi che seguono il cambio dell’anno. I giapponesi si dirigono verso le loro famiglie (il che significa una massiccia congestione dei trasporti), mangiano cibi festivi. Molti viaggiano anche in altri paesi, e i prezzi delle tariffe aeree divengono molto alti.
gennaio Giorno dell'adolescenza (seijin no hi 成人の日) Secondo lunedì del mese
11 febbraio Giornata nazionale della fondazione (kenkoku kinen no hi 建国記念の日)
21 marzo Giorno dell'equinozio (shunbun no hi 春分の日) in questo giorno dell’anno la durata della notte e del giorno si equivalgono, segnando l’inizio della primavera e l’allungamento delle giornate.
29 aprile Giorno Showa (shōwa no hi 昭和の日) Primo giorno del weekend d'oro
3 maggio Giorno della Costituzione (kenpō kinnenbi 憲法記念日) celebrazione in onore della ratifica della costituzione giapponese nel 1947.
4 maggio Giorno della verdura (midori no hi みどりの日) In questo giorno si rende onore all'ambiente, in quanto l'Imperatore Showa era un amante della natura, dei fiori e delle piante.
5 maggio Giorno dei bambini (kodomo no hi こどもの日) Ultimo giorno del weekend d'oro, tradizionalmente celebrato come Tango no Sekku (端午 の 節 句). È una festa per i giovani. Le città e le famiglie spesso appendono le stelle filanti e delle carpe all'aperto per rappresentare la presenza di giovani uomini all'interno e per augurare forza e successo nella vita, sebbene il giorno venga ampliato per includere le figlie. A casa le famiglie mostrano anche bambole samurai che rappresentano forza e successo. Tutto ciò per augurare una vita sana e di successo per i bambini.
luglio Giorno della marina (umi no hi 海の日) Terzo lunedì del mese
11 agosto Giorno della montagna (yama no hi 山の日)
settembre Giorno del rispetto dell'età (keirō no hi 敬老の日) Terzo lunedì del mese
23 settembreEquinozio di autunno (shūbun no hi 秋分の日)
ottobre Giorno dello sport (taiiku no hi 体育の日) Secondo lunedì del mese
23 novembre Festa del Ringraziamento del lavoro (kinrō kansha no hi 勤労感謝の日)
23 dicembre Compleanno dell'imperatore (tennō tanjōbi 天皇誕生日)\
25 dicembre Natale Festività cristiana che segna la nascita di Cristo
31 dicembre Fine dell'anno. Questo giorno (in realtà comincia il 30 dicembre), avvia una serie di giorni festivi che si concludono il 3 gennaio.

Le festività basate sulle stagioni, come gli equinozi, possono variare di un giorno o due. Le festività aggiuntive, note anche come ferie compensative, vengono solitamente aggiunte se una festività cade di domenica e nei casi in cui due date per le vacanze sono vicine tra loro.

Tenete presente che la maggior parte dei giapponesi impiega più tempo a Capodanno, durante la settimana d’oro e durante Obon. La festa più importante è il Capodanno, e molti negozi e ristoranti chiudono per almeno 2 giorni durante questo periodo, quindi potrebbe non essere il momento ideale per visitare il paese. Tuttavia, i negozi di alimentari rimangono aperti e molti templi organizzano fiere di Capodanno, quindi non è ancora difficile trovare cibo da mangiare.

Feste ed eventi[modifica]

Il Giappone ha stimato 200.000 feste (祭 matsuri) durante tutto l'anno. Le feste si svolgono per una serie di motivi, il più comune è quello di rendere grazie (ad esempio per un raccolto di riso di successo) e portare fortuna. Anche se la maggior parte delle feste sono piccoli eventi sponsorizzati da santuari o templi locali, ci sono centinaia di grandi eventi a livello cittadino, ognuno dei quali sarebbe una bella aggiunta all'itinerario se si sovrappongono al proprio programma.

L'evento principale in molte grandi feste è una sfilata di carri, che di solito vengono sollevati e trasportati a mano da diverse decine di uomini. Spesso un kami (spirito/divinità) di un santuario viene ritualmente messo in un santuario portatile (mikoshi) e portato in giro per il quartiere come parte della parata. In alcune feste, chiunque può fare un turno aiutando a trasportare un fercolo per alcuni minuti. I fuochi d'artificio (花火 hanabi) sono anche un evento comune nelle feste, in particolare in estate; in Giappone, questo è l'uso più comune dei fuochi d'artificio. Il resto del tempo trascorre godendo le bancarelle e gli spettacoli di intrattenimento. Le bancarelle di cibo hanno cibi tradizionali come il takoyaki, il ghiaccio tritato (か き 氷 kakigōri) e gli hot dog infilzati. Un tradizionale gioco delle feste è la cattura del pesce d'oro (kingyo sukui): se riuscite a catturare un pesce rosso usando una pallina di carta sottile, dovete riuscire a trattenerlo. Altri giochi comuni includono pistole ad anello e sughero.

Le feste sono un momento per il quartiere e la comunità per uscire e festeggiare insieme, sia che si tratti di una famiglia, di giovani coppie che ne fanno un appuntamento, o semplicemente di un gruppo di amici. Quasi tutti indosseranno una veste colorata yukata, mentre molte delle persone che lavorano alla festa indossano delle giubbe. (Anche gli abiti da strada vanno benissimo.)

Il sito web JNTO ha una lista di diverse dozzine di feste durante l'anno in inglese. Alcuni delle feste più famose sono:

Data Festività Note
secondo weekend febbraio Sapporo Snow Festival(さっぽろ雪まつり Sapporo Yuki-matsuri) Festa di sculture e di ghiaccio e neve a Sapporo
3marzoHina matsuriDurante la "Festa della bambola", le famiglie pregano per le loro ragazze e organizzano esposizioni di bambole dell'imperatore e della sua corte. Una tradizione di tutto il Giappone.
3-4 maggio Hakata Dontaku La più grande festa del Giappone, con oltre 2 milioni di persone durante le vacanze della settimana d'oro si tiene a Fukuoka
Il weekend più vicino al giorno 15 maggioKandaQuesto festival si tiene solo negli anni dispari
1-15 luglioHakata Gion YamakasaUna festa con carri pesanti una tonnellata, a Fukuoka
7luglioTanabataa volte chiamato "festa delle stelle", celebra le divinità Orihime e Hikoboshi (le stelle Vega e Altair) che potevano incontrarsi solo in questo giorno ogni anno. A Sendai.
14-17 e 21-24 luglioGionUna festa che in realtà si celebra l'intero mese di luglio con dei giorni più intensi nel quartiere di Gion a Kyoto
2-7agosto NebutaFesta ad Aomori
12-15agosto Awa-OdoriFestival di danza popolare giapponese a Tokushima
15 agostoObon o BonTre giorni di solito intorno al 15 agosto, ma la data varia a seconda della regione. In questa festività si festeggia il ritorno degli spiriti dei defunti in questo mondo; le famiglie si riuniscono, visitano e puliscono le tombe degli antenati
15novembreShichi-Go-SanIl nome significa "Sette-cinque-tre". Festa per ragazze di 3 e 7 anni e ragazzi di 3 e 5 anni

Alcune feste locali sono più eccentriche. Le feste di Hari Kuyō ("memoriale della punta") si tengono in tutto il Giappone per esprimere grazie a puntine e spilli vecchi o rotti. Le feste di Hadaka ("nudi") sono in realtà comuni in tutto il Giappone, ma la più conosciuta è l'Eyō Hadaka matsuri a Saidai-ji a Okayama. Migliaia di uomini con indosso solo il perizoma si affannano per catturare oggetti sacri fortunati gettati nella folla, che porterà loro un anno di felicità. I festival di Naki Sumō ("sumo piangente") in tutto il Giappone hanno gare in cui due lottatori di sumo che tengono in braccio i bambini vedono quale bambino piangerà prima, mentre i sacerdoti li provocano facendo facce e indossando maschere. E il Kanamara matsuri di Kawasaki è famoso per celebrare i genitali maschili.

Il calendario giapponese[modifica]

Naruhito

L'anno dell'era imperiale, viene contato dall'anno di ascensione dell'Imperatore, è spesso usato per calcolare le date in Giappone, inclusi gli orari dei trasporti e le ricevute dei negozi. L'era attuale è la Heisei (平 成) e Heisei 31 corrisponde al 2019. L'anno può essere scritto come "H31" o solo "31", quindi "31/4/1" è il 1 aprile 2019. Anche il calendario gregoriano occidentale è ben compreso e usato frequentemente. Il Giappone ha celebrato le sue feste secondo il calendario gregoriano dal 1873 e non utilizza più il calendario cinese, ad eccezione di alcuni festival nelle isole Ryukyu.

Nel 2019, l'attuale era imperiale si concluderà con l'abdicazione del trono dell'imperatore Akihito. L'anno sarà indicato come Heisei 31 dal 1° gennaio 2019 fino al 30 aprile 2019 (la data dell'abdicazione prevista). A partire dal 1° maggio 2019, una nuova era imperiale inizia con l'ascensione dell'attuale principe ereditario Naruhito. Il nome dell'era di Naruhito è previsto essere annunciato un mese prima della sua ascensione. Il nome dell'era sarà seguito dal suffisso gannen (元年) dalla sua ascensione fino alla fine del 2019 per indicare il primo anno del suo regno.

Sicurezza[modifica]

Il Giappone è probabilmente il paese più sicuro al mondo per quanto riguarda l'ordine pubblico. Anche grazie ad un elevato standard sociale ed a una cultura che predica il rispetto per il prossimo e la cosa pubblica, comportamenti che vanno contro le regole sociali (urlare, insudiciare luoghi pubblici, vandalizzare, gettare immondizia per strada, ecc.) sono considerati estremamente riprovevoli e chi li commette viene subito relegato ai margini della società.

Crimini e truffe[modifica]

La polizia e la legge

La polizia in Giappone può detenere e trattenere persone fino a 23 giorni prima che un pubblico ministero formuli le accuse, e durante tale periodo potreste essere sottoposti a interrogatori non stop. Questo periodo di detenzione può essere esteso per altri 23 giorni ogni volta semplicemente modificando l'accusa. Potete assumere un avvocato solo se qualcuno all'esterno paga in anticipo e il vostro avvocato non può essere presente durante gli interrogatori. Insistete su un interprete o un contatto con l'ambasciata, e non apponete nessuna impronta digitale su nessun documento (l'equivalente giapponese della firma), specialmente se non comprendete pienamente ciò che firmate. Una confessione firmata determinerà un verdetto di colpevolezza al processo.

Di gran lunga il modo più comune di come i turisti stranieri finiscano nelle fredde pareti gialle di una cella di detenzione giapponese avviene quando ci si ubriaca e poi ci si lascia coinvolgere in una rissa. La procedura della polizia è quella di arrestare tutti prima e di sistemare le cose dopo. Se qualcuno vi accusa di qualcosa anche per i motivi più superficiali, sarete già a rischio di estendere spiacevolmente la vostra vacanza. Se siete condannati per un crimine, vivrete l'esperienza diretta del famigerato sistema carcerario giapponese.

Il Giappone è esotico e misterioso; ciò che sembra strano e anche attraente durante il giorno, può diventare odioso e fastidioso di notte, specialmente se siete sbronzi, quindi controllate il vostro umore e il livello di alcol. La polizia pattuglia le aree di maggior festa di notte e preferiranno "salvare" un giapponese rispetto a uno straniero violento.

Il crimine di strada è estremamente raro, anche per le donne sole che viaggiano a tarda notte. Detto questo, un piccolo crimine non significa nessun crimine e non è ancora una scusa per abbandonare il buon senso. Le donne che viaggiano da sole dovrebbero fare attenzione come farebbero nei loro paesi d'origine e non dovrebbero fare mai l'autostop da sole.

Poche sono le zone che possono essere definite a "rischio" e spesso sono al di fuori di circuiti turistici veri e propri.

A volte accade il borseggio: se prendete le solite precauzioni in luoghi affollati come i treni e all'aeroporto di Narita, dovreste stare bene. Le donne e gli uomini sui treni affollati dell'ora di punta dovrebbero essere consapevoli dell'esistenza del chikan maschile (痴 漢) e del chijo femminile (痴 女) o dei molestatori. Fate attenzione anche a questi treni, perché potreste essere incolpati di tali eventi e possibilmente arrestati. Alcuni treni hanno carrozze solo femminili durante l'ora di punta, nel tentativo di combattere le molestie sessuali. Un sacco di alcolismo va avanti la sera e occasionalmente gli ubriachi possono essere un fastidio, anche se la violenza legata all'alcol è estremamente rara.

L'infame yakuza (ヤ ク ザ, nota anche come 極 道 gokudō), la mafia giapponese, potrebbero aver guadagnato una reputazione in parte immeritata d'essere un gruppo di criminali violenti e psicopatici a causa della loro interpretazione in vari film. Essa è presente ai margini della società, ma amalgamata con essa: questa è principalmente dedita alla prostituzione, al gioco d'azzardo e in misura molto minore allo spaccio di stupefacenti (di norma in mano alla pochissima criminalità straniera). La yakuza è tollerata e difficilmente si scontra con la polizia. Tuttavia, non prendono quasi mai di mira persone che non siano già coinvolte nel crimine organizzato. Non disturbarli e nessuno darà fastidio.

I quartieri a luci rosse nelle grandi città possono essere squallidi anche se sono raramente pericolosi per i visitatori, ma alcuni bar più piccoli sono famosi per addebitare conti esorbitanti. In alcuni casi estremi, gli stranieri hanno riferito d'essere stati drogati in tali strutture e poi hanno addebitato un importo di ¥ 700.000 per bevande che non ricordano di aver ordinato (in particolare nei distretti di Roppongi e Kabukichō di Tokyo). Non entrate mai in un posto suggerito da qualcuno appena incontrato. Questo vale soprattutto per gli avventori per strada generalmente assenti in Giappone, tranne nei posti come Kabukichō. In questo quartiere sono spesso afro-americani che individuano i turisti proponendo un locale per bere oppure compagnia femminile: diffidate decisamente.

In seguito ad un aumento dei crimini dovuti all'uso di stupefacenti, dal 2014 la polizia ha intensificato la lotta all'uso e possesso di droga. Le leggi sulla droga in Giappone sono più severe di quelle in molti paesi occidentali. I giapponesi non fanno distinzioni tra droghe pesanti e leggere, quindi neanche il possesso di dosi per "consumo personale" di droghe leggere può farvi condannare a una pena detentiva di diversi anni. Il Giappone è estremamente intollerante nei confronti dei tossicodipendenti. Sono in vigore leggi severe per chiunque contrabbandi le droghe. Questo si applica anche se avete consumato droghe al di fuori del paese, o se è provato che non siete a conoscenza di droghe presenti nel vostro bagaglio. Si consiglia vivamente di controllare i bagagli in anticipo per evitare problemi come questo.

Non date per scontato che solo perché avete una prescrizione diversa rispetto all'Italia che potete portarla in Giappone. Se avete farmaci da prescrizione, verificate con l'Ambasciata giapponese prima della partenza di sapere se il vostro farmaco sia autorizzato o meno in Giappone. Se è illegale, dovrebbero anche essere in grado di darvi informazioni su quali farmaci potete comprare al posto della prescrizione.

Difficilmente si verrà importunati e difficilmente si verrà derubati dei propri averi, anche se questi sono costosi e facilmente ottenibili (es. una borsa firmata lasciata su una sedia, mentre si va ad ordinare qualcosa al bancone). D'altro canto, però, esiste una sorta di regola non scritta che prevede un patto solidale tra tutti i cittadini, che si aiutano a vicenda: se un passante nota movimenti furtivi, sarà sua premura informare il proprietario ed aiutarlo in caso di furto con la polizia.

Una stazione della polizia Koban

Le stazioni della polizia (交 番 kōban) possono essere trovate in ogni altro angolo di strada. La polizia è generalmente d'aiuto (anche se raramente parla inglese), quindi chiedete se vi perdete o avete qualche problema. Di solito hanno una mappa dettagliata dell'area che mostra non solo il sistema di numerazione difficile da comprendere, ma anche i nomi di uffici, edifici pubblici o altri luoghi che aiutano a trovare la strada.

Se avete un'assicurazione di viaggio, segnalate eventuali furti o oggetti persi al kōban. Hanno fogli di denuncia in inglese e giapponese, spesso denominati "Blue Form". Per gli oggetti persi, anche contanti, compilate questo modulo, non è uno sforzo inutile poiché i giapponesi molto spesso recuperano oggetti persi, anche un portafoglio pieno di denaro grazie ai kōban. Se vi capita di trovare un oggetto del genere, portatelo al kōban. Se l'oggetto non viene reclamato entro sei mesi, è vostro. Se è richiesto, potreste ricevere una ricompensa del 5-15%.

Il Giappone ha due numeri di emergenza. Per chiamare la polizia in caso di emergenza, comporre il numero 110 (百十 番 hyakutoban). Per chiamare un'ambulanza o un camion dei pompieri, comporre il 119 (un'inversione del famoso numero americano 911). A Tokyo, la polizia ha una linea di aiuto in inglese (03-3501-0110), disponibile dal lunedì al venerdì, tranne nei giorni festivi dalle 08:30 alle 17:15.

Prostituzione[modifica]

La prostituzione è illegale in Giappone. Tuttavia, l'applicazione è lassista e la legge definisce specificamente la prostituzione come "rapporto sessuale in cambio di denaro". In altre parole, se si paga per qualche altro "servizio" e si procede a fare sesso con "accordo privato", la legge non la riconosce come prostituzione. Come tale, il Giappone ha ancora una delle industrie del sesso più vivaci al mondo. Il quartiere a luci rosse più famoso è Kabukichō (歌舞 伎 町) nel distretto di Shinjuku a Tokyo, dove si trovano molti locali con ragazze e love hotel. L'incidenza dell'HIV è aumentata. Alcune prostitute si rifiuteranno di servire clienti stranieri, compresi quelli che parlano correntemente il giapponese.

Traffico[modifica]

Contrariamente alla sua reputazione di trasporti pubblici molto efficienti e completi, al di fuori di Tokyo, il Giappone ha una cultura molto incentrata sull'auto.

A causa delle tipologie stradali in gran parte del paese che rimangono invariate da secoli, molte strade tendono ad essere piccole e piene di angoli ciechi. Bisogna sempre essere consapevoli quando si esplorano le strade principali.

Inoltre, i semafori tendono a significare qualcosa di diverso in Giappone rispetto al resto del mondo. Quando la luce è verde a un passaggio pedonale vicino ad un incrocio, i conducenti giapponesi continueranno a non pensare mai a come evitarti. Spesso girano a metà e poi si fermano, permettendovi di attraversare, anche se non è raro che passino a tutta velocità, ignorando le persone che stanno attraversando.

Si dovrebbe anche essere consapevoli che attraversare la strada quando la luce è rossa è illegale in Giappone e questa legge è talvolta applicata.

Viaggiatori gay e lesbiche[modifica]

Il Giappone è considerato molto sicuro per i viaggiatori gay e lesbiche e la violenza contro gli omosessuali è piuttosto rara. Non ci sono leggi contro l'omosessualità in Giappone e le grandi città come Tokyo e Osaka hanno una grande scena gay, ma le relazioni omosessuali non sono riconosciute dal governo, e le esposizioni aperte del proprio orientamento sono ancora suscettibili di sguardi.

Discriminazioni[modifica]

Sebbene gli attacchi violenti contro gli stranieri in Giappone siano quasi sconosciuti, esiste una discriminazione nei confronti degli stranieri nel mondo del lavoro. Anche ai visitatori occidentali è stato rifiutato l'ingresso in alcuni onsen e ristoranti, specialmente nelle zone rurali. Alcuni appartamenti, motel, locali notturni e bagni pubblici in Giappone sono noti per presentare cartelli che affermano che gli stranieri non sono ammessi o che devono essere accompagnati da un giapponese per entrare. Tali luoghi sono rari, tuttavia, e molti giapponesi sostengono che i divieti siano dovuti a un'incompatibilità sociale percepita (ad esempio, gli stranieri potrebbero non capire l'etichetta corretta degli stabilimenti balneari) e non per razzismo.

Le banche sono spesso riluttanti a concedere anticipi in contanti agli stranieri, derivanti principalmente da stereotipi di inaffidabilità. Se avete bisogno di ottenere un anticipo in contanti dalla propria banca, allora la padronanza della lingua giapponese, o un amico giapponese che garantisce sarà di grande aiuto.

Calamità naturali[modifica]

Terremoti e tsunami[modifica]

Le devastazioni dello tsunami dell'11 marzo 2011

Le calamità naturali meritano una menzione specifica, in tema di sicurezza. Il Giappone è posto sull'intersezione di tre placche tettoniche, il che lo rende il paese soggetto al maggior numero di terremoti in tutto il mondo. I terremoti possono essere quasi giornalieri, ma l'intensità (magnitudo) è limitata ed è possibile che durante il vostro soggiorno ne incontriate uno senza nemmeno rendervene conto. Altre volte, invece, l'intensità si fa più intensa, fino a raggiungere sismicità che superano la magnitudo 7. I terremoti (地震 jishin) a volte possono causare tsunami (津 波 tsunami). L'11 marzo 2011 un terremoto di magnitudo 9.0 ha colpito la costa della prefettura di Miyagi, provocando uno tsunami molto grande e causando il caos nella città di Sendai e nell'area circostante. Il terremoto (e le sue scosse di assestamento) sono stati palpabili in tutto il Giappone, con il numero delle vittime di oltre 15.000 vittime, soprattutto a causa dello tsunami. Il precedente grande terremoto che ha colpito Kobe nel 1995 ne ha uccisi più di 5000. I giapponesi hanno una profonda coscienza degli effetti dei terremoti e negli anni hanno sviluppato tecniche di prevenzione, che partono dalle esercitazioni periodiche in scuole, aziende, ecc., fino ad arrivare alla realizzazione di elaborati piani di evacuazione. Nonostante ciò, vige la coscienza che nessun piano o palazzo anti-sismico potrà azzerare i morti ed i danni causati dal sisma. Anche se vengono ora introdotti dispositivi elettronici per rilevare i terremoti (sia l'intensità del terremoto che il numero di secondi necessari per il raggiungimento dei tremore in una determinata posizione), occorre comunque conoscere alcune procedure di sicurezza di base:

  • Non mettere oggetti pesanti in luoghi elevati (armadi e mensole), soprattutto sopra il letto.
  • Se siete in casa e sentite una forte scossa, il consiglio è quello di considerare molto più sicuro stare a casa che fuori: le tegole e le murature che potrebbero cadere di solito sono più pericolosi e mortali.
  • Mentre è estremamente importante estinguere immediatamente tutte le fiamme eventualmente sviluppatesi. Se si ha del tempo, siate consapevoli che il pericolo immediato deriva dalla caduta di oggetti e mobili. Siate consapevoli di cosa c'è sopra di voi e riparatevi sotto i mobili, un tavolo o persino una porta se necessario.
  • Se siete in casa e sentite una grande scossa, cercate di aprire subito la porta o una finestra e tenerle aperte usando qualcosa come un fermaporta nel caso in cui si sbloccassero successivamente.
  • Se siete all'aperto, state lontani dai muri di mattoni, dai pannelli di vetro e dai distributori automatici e fate attenzione agli oggetti che cadono, ai cavi del telegrafo, ecc. Le tegole degli edifici più vecchi e tradizionali sono particolarmente pericolose, dato che possono cadere molto tempo dopo il terremoto .
  • Se siete in riva al mare e stai vivendo un terremoto moderato, tenete d'occhio gli avvertimenti sugli tsunami (anche in inglese) su NHK TV (canale 1) e Radio 2 (693 kHz). La maggior parte dei tremori e dei piccoli terremoti meritano solo un annuncio in giapponese nella parte superiore dello schermo, in quanto non sono considerati particolarmente degni di nota. Tuttavia è sempre meglio allontanarsi dal mare e andare verso le alture senza aspettare un avvertimento.
  • Ricordatevi esattamente dove siano il passaporto, i biglietti di viaggio, i documenti, le carte di credito e il denaro e portateli con voi se lasciate l'edificio perché potreste non essere in grado di tornare indietro.

Ogni quartiere ha un'area di evacuazione, il più delle volte il parco giochi locale. Molte scuole sono istituite come rifugi temporanei. Entrambi saranno etichettati in inglese. Se viaggiate con altre persone, prevedete di incontrarvi e sappiate che i telefoni portatili probabilmente non funzioneranno.

Tifoni[modifica]

Oltre ai terremoti, il paese è spesso interessato dall'arrivo dei tifoni: di norma questo periodo coincide con la fine dell'estate ed inizia prima a sud e si sposta verso nord nelle settimane. L'unica regione non interessata dai tifoni è l'Hokkaidō. I tifoni si presentano come vento piuttosto forte e pioggia intensa: di norma i danni sono limitati, ma creano disagi alla viabilità per un paio di giorni.

Altri pericoli[modifica]

Vulcani, tempeste e tifoni sono principalmente un potenziale problema se stai scalando una montagna o navigando, quindi controllate le ultime notizie prima di uscire. Attenersi ai percorsi pedonali designati nelle aree vulcaniche poiché il gas vulcanico potrebbe essere un problema. I tifoni sono raramente pericolosi, ma continuano a devastare aerei, traghetti e persino (se ci sono frane) treni e autobus.

La vespa gigante

Ci sono serpenti velenosi chiamati habu (波布) a Okinawa sebbene non in numeri insoliti. È improbabile che possiate essere morsi da uno, ma se avviene, cercate immediatamente un aiuto medico perché sono disponibili degli anti-veleni. Se fate del trekking a Hokkaido e nell'Honshu, siate consapevoli della possibile presenza di orsi, specialmente in autunno. Gli attacchi sono rari, ma in aree come la penisola di Shiretoko, si consiglia di attaccare dei campanelli allo zaino per spaventarli.

Soprattutto in campagna, siate consapevoli della presenza della vespa gigante giapponese (大 雀 蜂 o 大 ス ズ メ バ ō ōsuzumebachi), una sottospecie del calabrone gigante asiatico; è lungo circa 4 centimetri e può pungere ripetutamente e dolorosamente. Ogni anno, 20-40 persone muoiono in Giappone dopo essere stati colpiti dai calabroni giganti. Un calabrone che difende il suo nido o il punto di alimentazione farà un rumore come un clic per avvisare gli intrusi; se ne incontrate uno allontanatevi. In caso di puntura, consultate immediatamente un medico, poiché un'esposizione prolungata al veleno potrebbe causare lesioni permanenti o addirittura la morte.

Situazione sanitaria[modifica]

Sebbene non esistano particolari attenzioni per la salute, è bene ricordare che l'estate è estremamente calda ed umida: ciò porta ad un generale incremento della temperatura corporea, dovuta alla difficoltà di abbassare la temperatura tramite la sudorazione. È quindi importante idratare il corpo regolarmente, evitare l'esposizione al sole e ridurre le attività fisiche nelle ore di sole. Sono piuttosto elevati i casi di svenimento (ed anche di decesso nei casi più gravi) durante l'estate.

Il Giappone è un paese ossessionato dalla pulizia e i rischi per la salute sono pochi. L'acqua del rubinetto è potabile dappertutto e gli standard di igiene alimentare sono molto alti. Non ci sono malattie trasmissibili degne di nota, e nonostante il nome, l'encefalite giapponese è stata quasi sradicata.

Molti bagni pubblici giapponesi non hanno sapone, e alcuni non hanno la carta igienica, anche se ci sono spesso distributori automatici nelle vicinanze che vendono carta igienica a prezzi simbolici. Fate come fanno i giapponesi, usate i pacchetti di carta consegnati gratuitamente dagli inserzionisti nelle principali stazioni ferroviarie.

Assicuratevi di portare un piccolo ombrello per i frequenti giorni di pioggia. Non fate troppo affidamento sulle previsioni del tempo, specialmente di un giorno o due in anticipo. Se lo dimenticate, potete sempre andare nel minimarket più vicino e prenderne uno per ¥ 500.

Se ci si ammala di un raffreddore o di un'altra malattia, acquistate una maschera chirurgica in tessuto che copre la bocca. Troverete che le persone le indossano spesso sui treni e sul posto di lavoro. Questo filtra lo starnuto e la tosse in modo da evitare la trasmissione agli altri.

Il fumo passivo rappresenta un grave rischio per la salute in quasi tutti i ristoranti e le aree pubbliche giapponesi; questo include catene alimentari multinazionali e ristoranti locali. Per strada è ufficialmente vietato fumare, per terra lungo i marciapiedi troverete stampato un cartello che ricorda il divieto. Vi sono, anche se non con grande frequenza, aree chiuse per fumatori in genere sponsorizzate dalle stesse marche dei tabacchi. Da ricordare che in Giappone sono presenti delle camere d’albergo per fumatori, un fattore da tenere in conto all’atto della prenotazione perché chi non fuma potrebbe trovarsi in difficoltà con l’ambiente impregnato di fumo.

Assistenza sanitaria[modifica]

La situazione sanitaria è di livello molto elevato e cliniche specializzate ed ospedali sono ampiamente presenti.

Il personale è di norma molto preparato e professionale con ottimi livelli di cura.

Il problema maggiore sta nel fatto che quasi tutto il personale non parli altra lingua al di fuori del giapponese, rendendo l'accesso estremamente complicato per chi non sa la lingua.


Esistono alcuni ospedali specializzati nel trattamento di pazienti stranieri (es. il Saint Luke a Tokyo).

Per chi vive in Giappone esiste un sistema simile all'SSN italiano (assicurazione sanitaria obbligatoria), dove il paziente paga solo il 30% del costo della prestazione.

Per chi viene come turista, il 100% del costo è a proprio carico e tale costo può risultare parecchio elevato, quindi - prima della partenza - è consigliabile stipulare un'assicurazione medica da viaggio.

Accessibilità e disabilità[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Viaggiatori con disabilità.
Una rampa a Meiji Jingu consente agli anziani e alle persone con disabilità di accedere facilmente al santuario.

Sebbene le città anguste e gli edifici più vecchi presentino molte barriere alle persone con disabilità e altri problemi di mobilità, il Giappone è un paese accessibile alle sedie a rotelle. Con l'approvazione della legge sull'eliminazione della discriminazione nei confronti delle persone con disabilità nel 2015 e i preparativi per le Olimpiadi e le Paralimpiadi di Tokyo del 2020, il Giappone è passato ad una marcia in più per creare una società "senza barriere".

La stragrande maggioranza delle stazioni ferroviarie e della metropolitana è accessibile ai disabili. Chiunque abbia bisogno di assistenza speciale, come un utente in sedia a rotelle, può informare il personale della stazione presso i cancelli della biglietteria e sarà guidato al treno e aiutato nel treno a destinazione o da qualsiasi trasferimento a metà viaggio. La maggior parte dei treni e degli autobus locali (ma non quelli a lunga percorrenza) hanno posti prioritari (優先 席 yūsenseki) per i disabili, gli anziani, le donne incinte e le persone con neonati. Generalmente lo Shinkansen no, ma potete sempre prenotare un posto (a pagamento o gratuitamente con un Japan Rail Pass). Su una sedia a rotelle, è possibile parcheggiare nel corridoio tra le auto, prenotare un posto per sedie a rotelle (che sono limitati, JR raccomanda di prenotare con 2 giorni di anticipo, e si dovrebbero mantenere tempi di viaggio flessibili) o prenotare una stanza privata.

Le principali attrazioni turistiche sono adattate e generalmente forniscono una sorta di percorso accessibile. Mentre gli sconti sono disponibili per le persone con disabilità, l'attrazione turistica potrebbe non accettare carte d'identità per disabili non rilasciate in Giappone.

Gli hotel con camere accessibili possono essere difficili da trovare e sono spesso etichettati come "senza barriere" (ー リ ア フ リ ー baria furii) o "universali" (ユ ニ バ ー サ ル yunibāsaru) anziché "accessibili". Inoltre, anche se è disponibile una camera accessibile, la maggior parte degli hotel richiede la prenotazione via telefono o e-mail.

La pavimentazione tattile è stata inventata in Giappone, ed è stata onnipresente lì per decenni. Queste tessere gialle hanno punti e barre per aiutare le persone ipovedenti a seguire percorsi e identificare passaggi e piattaforme.

Rispettare le usanze[modifica]

I nomi delle persone

I nomi sono una questione complicata in Giappone. La maggior parte dei giapponesi segue l'ordine dei nomi occidentali quando scrivono i loro nomi in romanji (in caratteri latini). Tuttavia, quando i nomi sono scritti o pronunciati in giapponese, seguono sempre l'ordine di denominazione dell'Asia orientale, ossia il cognome seguito dal nome. Quindi qualcuno chiamato Taro Yamada si chiamerebbe 山田太郎 (Yamada Tarō) in giapponese. Figure storiche precedenti alla restaurazione Meiji sono un'eccezione, come Tokugawa Ieyasu (徳川家康), il cui nome segue le convenzioni di denominazione dell'Asia orientale anche se scritti in romanji.

Usare il nome di qualcuno quando si parla o su di loro è considerato molto personale e viene utilizzato solo quando si parla di bambini piccoli (scuola primaria o più giovani) e amici molto stretti. In tutte le altre circostanze, l'impostazione comune è usare i cognomi più -san (さ ん), un suffisso simile a "Mr." o "Signora". La maggior parte dei giapponesi sa che gli occidentali di solito usano i loro nomi, quindi possono chiamarvi "Mario" o "Antonella" senza suffisso, ma se non ti dicono diversamente, dovreste comunque chiamarli con "cognome-san" per essere educati. San è il suffisso predefinito, ma potreste riscontrarne altri:

  • -sama (様) - Le persone sopra di voi, dai capi fino alle divinità, così come i clienti
  • -kun (君) - Ragazzi giovani, subordinati maschili e buoni amici maschi
  • -chan (ちゃん) - Bambini piccoli e amici stretti (solitamente femminili)

Per evitare d'essere eccessivamente familiari o formali, continuate con il "cognome-san" fino a quando qualcuno non vi dirà di chiamarli in modo diverso.

Nell'etichetta aziendale, il titolo viene spesso utilizzato al posto del cognome quando ci si rivolge a una persona; per esempio, un dipendente può rivolgersi al presidente della sua compagnia come shachō-sama (社長 様, "Onorato Signore/Signora Presidente"), mentre un cliente può rivolgersi al proprietario del negozio (ma non agli altri dipendenti) come tenchō-san (店長さん, "Signore/Signora proprietaria").

Infine, l'Imperatore viene sempre chiamato Tennō Heika (天皇陛下, "Sua Maestà l'Imperatore"), Kinjō Heika (今上陛下, "Sua attuale Maestà") o semplicemente Tennō. Chiamarlo "Heisei", anche in inglese, è un errore poiché questo è il suo nome futuro postumo. Anche chiamarlo con il nome, Akihito, non è appropriato ed è considerato volgare.

La maggior parte, se non tutti, i giapponesi conoscono molto bene uno straniero (gaijin o gaikokujin) che non si conforma istantaneamente alla propria cultura; anzi, i giapponesi amano vantarsi (con discutibile credibilità) che la loro lingua e cultura sono tra le più difficili da comprendere al mondo, quindi sono generalmente abbastanza felici di assistervi se siete in difficoltà. Tuttavia, il giapponese apprezzerà se seguirete almeno le seguenti regole, molte delle quali si riducono a norme sociali di rigida pulizia ed evitano di intromettersi negli altri (迷惑 meiwaku).

Cose da evitare[modifica]

I giapponesi capiscono che i visitatori potrebbero non essere consapevoli della complessità dell'etichetta giapponese e tendono a essere tolleranti verso gli errori in questo senso da parte degli stranieri. Ci sono alcune gravi violazioni dell'etichetta che incontreranno una disapprovazione universale (anche se dimostrata da stranieri) e dovrebbero essere evitate sempre:

  • Non calpestate mai il tatami con le scarpe o le ciabatte, in quanto danneggerebbe il tatami stesso.
  • Non lasciate mai le bacchette in piedi in una ciotola di riso (questo è il modo in cui il riso viene offerto ai morti).
  • Non entrate mai in una vasca da bagno senza prima lavarsi accuratamente. (Vedi § Fare il bagno per i dettagli.)
  • La riservatezza dei giapponesi è una caratteristica tipica della loro cultura; gli sguardi curiosi degli stranieri sono considerati invadenti anche se ormai comunemente tollerati, ma un sguardo di troppo vi potrebbe compromettere esempio la priorità di una fila allo sportello, un consiglio di un addetto qualsiasi, un prezzo diverso applicato da un operatore e meno adatto alla vostra richiesta, ecc.
  • È considerato poco rispettoso urlare, anche se noterete che in alcune zone delle città più grandi i venditori si affacceranno all'uscio del proprio negozio urlando a squarcia-gola le promozioni che il loro esercizio offre agli avventori.
  • I contatti fisici in pubblico sono considerati disdicevoli e solo la stretta di mano viene riconosciuta agli stranieri (non vedrete mai amici o conoscenti giapponesi stringersi la mano). Normalmente ci si saluta con un inchino, che in genere è più accentuato in funzione dell’onore riservato alla persona che si ha di fronte. Invece i baci sulla guancia e le effusioni amorose sono da evitare, visto che quasi sicuramente metterebbero in imbarazzo le persone attorno a voi.
  • Parlare al cellulare è de facto vietato nei treni e su tutti i mezzi pubblici, poiché ciò reca disagio alle persone sedute/presenti in prossimità. Di norma chi parla con il cellulare in zone vietate lo fa per pochissimi secondi, coprendo con la mano la bocca e parlando a voce bassa. Chi non rispetta questa regola è di norma oggetto di occhiatacce (se non di rimproveri) da parte degli altri viaggiatori.
  • Soffiare il naso in pubblico è considerato maleducato, proprio come le flatulenze. Va bene andare in giro tirando su col naso finché non trovate un posto privato dove soffiarvelo.

Cose da fare[modifica]

  • I giapponesi sono ben noti per la loro cortesia. Molti di essi sono entusiasti di avere visitatori nel loro paese e si rendono incredibilmente utili per gli stranieri persi e disorientati. I giovani giapponesi sono spesso estremamente interessati a incontrare e diventare amici anche con gli stranieri. Non sorprendetevi se un giapponese (di solito di sesso opposto) si avvicina in un luogo pubblico e cerca di avviare una conversazione con un inglese un po' stentato. D'altra parte, molti non sono abituati a trattare con gli stranieri (外人 gaijin, o il più politicamente corretto 外国人 gaikokujin) e sono più riservati e riluttanti a comunicare.
  • Imparate un po' di giapponese e provate ad usarlo. Saranno grati se ci provate, e non c'è motivo di essere imbarazzati. Si rendono conto che il giapponese è molto difficile per gli stranieri e tollereranno i vostri errori; al contrario, a loro piacerà il fatto che ci riproviate.
  • Una persona giapponese media si inchina più di 100 volte al giorno; questo onnipresente gesto di rispetto è usato per salutare, dire addio, ringraziare, accettare il grazie, scusarsi, accettare le scuse, ecc. Gli uomini si inchinano con le mani ai fianchi. Le donne si inchinano con le mani davanti. Le mani delle donne sembrano essere sistemate in grembo quando si inchinano (non in una posizione di preghiera come i wai in Thailandia). L'angolo esatto dell'inchino dipende dalla posizione nella società rispetto al ricevitore dell'inchino e dell'occasione: le regole in gran parte non scritte sono complesse, ma per gli stranieri, un "accenno di inchino" va bene, e meglio che eseguire accidentalmente un inchino prolungato troppo formale. Molti giapponesi offriranno volentieri una stretta di mano invece o in aggiunta; fate attenzione a non urtare le teste quando provate a fare entrambe le cose nello stesso momento.
  • Quando state consegnando qualcosa a qualcuno, soprattutto un biglietto da visita, è considerato educato presentarlo con entrambe le mani.
    • I biglietti da visita (名 刺 meishi) in particolare sono trattati in modo molto rispettoso e formale. Il modo in cui trattate il biglietto da visita di qualcuno è considerato come il modo in cui tratterete la persona. Assicuratevi di mettere in valigia più del necessario, perché non avere un biglietto da visita è un passo falso. Come con l'inchino, c'è molta etichetta sfumata, ma qui ci sono alcuni principi fondamentali: quando si presenta un biglietto da visita, orientarlo in modo che sia leggibile dalla persona a cui lo si sta dando e utilizzare entrambe le mani tenendolo dagli angoli in modo che tutto sia visibile. Quando si accetta un biglietto da visita, utilizzare entrambe le mani per raccoglierlo dagli angoli e prendere il tempo di leggere la carta e confermare come pronunciare il nome della persona (più di un problema in giapponese, dove i caratteri per il nome di qualcuno possono essere pronunciati in svariati modi). È irrispettoso scrivere su una carta, piegarla o metterla nella tasca posteriore (dove ci si siede sopra!). Invece, dovreste organizzare le carte sul tavolo (in ordine di anzianità) per aiutarvi a ricordare chi è chi. Quando è ora di partire, potete riporre le carte in una custodia per tenerle intatte; se non ne avete una, tienila stretta finché non siete fuori dalla vista prima di metterli in tasca.
  • Il denaro è tradizionalmente considerato "sporco" e non viene passato di mano in mano. I cassieri hanno spesso un piccolo piatto usato per lasciare il pagamento e ricevere il resto. Quando si dona del denaro come un regalo (come una mancia a un ryokan), si dovrebbero avere banconote inutilizzate dalla banca e presentarle in una busta formale.
  • Quando state bevendo sakè o birra in un gruppo, è considerato educato riempire il proprio bicchiere ma permettete a qualcun altro di farlo. In genere, i bicchieri vengono riempiti molto prima che siano vuoti. Per essere particolarmente gentili, reggete il vostro bicchiere con entrambe le mani mentre uno dei tuoi compagni lo riempie. (Va bene rifiutare, ma dovete farlo spesso, altrimenti una persona anziana al tuo tavolo potrebbe riempire il bicchiere quando non state guardando.)
  • Dare regali è molto comune in Giappone. Come ospite, potreste ritrovarvi sommersi da regali e cene. Gli ospiti stranieri sono, ovviamente, al di fuori di questo sistema a volte oneroso di dare-e-prendere (kashi-kari), ma sarebbe un bel gesto offrire un regalo o un souvenir (omiyage), incluso un regolo unico o un qualcosa che rappresenti la vostro nazione. Un regalo che è "consumabile" è consigliabile a causa delle dimensioni ridotte delle case giapponesi. Oggetti come sapone, caramelle, alcol e articoli di cancelleria saranno ben accolti in quanto il destinatario non sarà tenuto a tenerlo a portata di mano nelle visite successive. "Ri-regalare" è una pratica comune e accettata, anche per oggetti come la frutta.
  • Esprimere gratitudine è leggermente diverso dalla donazione obbligatoria. Anche se avete portato un regalo per il vostro ospite giapponese, una volta che tornate, è un segno di buona etichetta inviare una cartolina di ringraziamento scritta a mano: sarà molto apprezzata. Gli ospiti giapponesi scambiano sempre le foto che hanno scattato con i loro ospiti, quindi dovreste aspettarvi di ricevere alcune istantanee e prepararvi a inviare le proprio (di voi e dei vostri ospiti). A seconda della loro età e della natura della relazione (aziendale o personale), uno scambio online può essere sufficiente.
  • Agli anziani viene dato un particolare rispetto nella società giapponese e sono abituati ai privilegi che ne derivano. I visitatori in attesa di salire a bordo di un treno possono essere sorpresi d'essere spintonati da un impavido obaa-san ("nonna" o "vecchia donna") che ha gli occhi puntati su un sedile. Alcuni posti ("posti argento") su molti treni sono riservati ai disabili e agli anziani.
  • Se si visita un santuario shintoista o un tempio buddista, seguire la procedura di pulizia appropriata al chōzuya o temizuya (手 水 舎) prima di entrare. Usando la mano destra, riempire il mestolo con acqua. Risciacquare la mano sinistra, quindi la mano destra. Quindi, ponete la mano sinistra a coppa e riempitela d'acqua, usandola per sciacquarvi la bocca. Non toccare il mestolo direttamente con la bocca. Sputate l'acqua sulle rocce. Dopo di ciò, sciacquare la mano sinistra ancora una volta. Infine, girare il mestolo in posizione verticale in modo che l'acqua rimanente si rovesci per sciacquare la maniglia prima di riporre il mestolo.
  • Non ci sono molti bidoni della spazzatura in pubblico; potrebbe essere necessario portare in giro la spazzatura per un po' prima di trovarne uno. Quando lo farete, vedrete spesso da 4 a 6 insieme; il Giappone è infatti molto consapevole del riciclaggio. La maggior parte dei contenitori usa e getta sono etichettati con un simbolo di riciclaggio in giapponese che indica che tipo di materiale è. Alcuni tipi di contenitori per il riciclaggio che vedrete spesso sono:
    • Carta (紙 kami)
    • PET/Plastica (ペット petto o プラ pura)
    • Bottiglie di vetro (ビン bin)
    • Lattine di metallo (カ ン kan)
    • Immondizia bruciabile (もえるゴミ moeru gomi)
    • Immondizia non-bruciabile (もえないゴミ moenai gomi)
  • La puntualità è molto apprezzata e generalmente prevista grazie al trasporto pubblico affidabile del Giappone. Se incontrate qualcuno e sembra che arriverà anche con qualche minuto di ritardo, i giapponesi preferiscono la rassicurazione di una telefonata o di un messaggio se potete inviarne uno farete una cosa giusta. Essere puntuali (il che significa davvero essere in anticipo) è ancora più importante negli affari; i dipendenti giapponesi potrebbero essere sgridati perché arrivano anche solo con un minuto di ritardo al lavoro al mattino.
  • Quando si viaggia su uno Shinkansen e nei treni espressi limitati, è considerato un buon modo chiedere il permesso alla persona dietro di sé prima di reclinare il proprio sedile, al quale quasi sempre si obbliga. Allo stesso modo, il passeggero seduto di fronte a voi spesso farà lo stesso, dovreste rispondere semplicemente con un cenno della testa.

Altre piccole regole[modifica]

  • Visivamente i visitatori stranieri rimangono una rarità in molte parti del Giappone, al di fuori delle grandi città probabilmente entrando in un negozio il personale apparentemente si lascerà prendere dal panico andando nel retro. Non prendete ciò come razzismo o xenofobia: hanno solo paura di provare ad affrontare l’inglese e saranno imbarazzati perché non possono capire o rispondere bene. Un sorriso e un Konnichiwa ("Ciao") spesso aiutano.
Per favore, toglietevi le scarpe
La regola delle scale mobili
A Tokyo si mantiene la sinistra, a Ōsaka la destra

Tra Tokyo (e nel resto del Giappone) e Ōsaka (e la regione del Kansai) vige una regola non scritta che riguarda le scale mobili. Fermo restando il verso con cui salgono o scendono e che ricalca il senso di marcia delle auto in strada, vi è una differenza di comportamento per la posizione da assumere. A Tokyo si mantiene la sinistra e ci si lascia superare da destra mentre a Ōsaka è l'opposto, si mantiene la destra e ci si lascia superare da sinistra.

  • Le scarpe (e i piedi in generale) sono considerati molto sporchi dai giapponesi. Evitate di puntare le tue suole a qualcuno (come appoggiare il piede sul ginocchio opposto quando si è seduti) e cercare di impedire ai bambini di alzarsi in piedi sui sedili. Pulire i piedi contro gli abiti di qualcuno, anche per caso, è molto maleducato.
    • In molti edifici ci si aspetta che vi togliate le scarpe quando entrate, lasciandole in un ingresso abbassato o in un armadietto per le scarpe. Potetr prendere in prestito le pantofole se ce ne sono (anche se di solito sono solo di dimensioni per i piedi giapponesi tipicamente più piccole), indossate le calze o andate a piedi nudi. Indossare le scarpe all'interno di un edificio del genere è visto come irrispettoso, in quanto porta sporcizia e/o spiriti maligni all'interno dell'edificio. Per ragioni correlate, è preferibile che sia possibile rimuovere e tenere le scarpe con le mani il meno possibile.
  • I giapponesi considerano maleducati gli schiaffi, specialmente se provengono da qualcuno che hanno appena incontrato. L'abbraccio è tipicamente riservato solo alle coppie romantiche e dovrebbe essere evitato a meno che non lo riceviate.
  • Puntare con la mano aperta, non con un dito, e dire alle persone di venire agitando la mano verso il basso, non verso l'alto.
  • Come in Germania, la seconda guerra mondiale è un argomento delicato e complicato, soprattutto con le persone anziane tanto da essere generalmente un argomento da evitare allo stesso modo è opportuno in Giappone. Tuttavia nei circoli intellettuali e alternativi, o con persone inclini a discuterne, si può aprire l’argomento specialmente quando si visita Hiroshima.
  • Come in India, Cina e altri paesi, le svastiche sono simboli buddisti che rappresentano la buona fortuna e non rappresentano in alcun modo il nazismo o l'antisemitismo, e noterete che il simbolo sta effettivamente ruotando nella direzione opposta. Le svastiche sono spesso usate sulle mappe per indicare le posizioni dei templi buddisti e dei monasteri.
  • Fumare è scoraggiato in molti angoli delle strade e luoghi di passeggio intorno a Tokyo. Anche se vedrete persone che fumano dappertutto, la maggior parte si troverà rannicchiata intorno alle aree fumatori designate. I giapponesi sono una cultura così pulita che molti dei fumatori non lasceranno nemmeno la cenere sul terreno.
  • Mostrare la bocca aperta è considerato maleducazione.
  • Come nella vicina Cina e Corea, salvare la reputazione è un concetto molto importante nella cultura giapponese. Soprattutto in ambito lavorativo, i giapponesi raramente dicono "no" (una risposta secca negativa è considerata scortese) se non sono interessati a un accordo e preferiscono invece qualcosa di più indiretto come "ci penserò su". A meno che non siate un capo o qualcuno in posizione di anzianità, gli errori non vengono in genere evidenziati, perché ciò potrebbe causare imbarazzo.
  • Evitate di discutere di politica, in particolare delle dispute territoriali del Giappone con la Cina, la Corea del Sud e la Russia, poiché molti locali hanno sentimenti molto forti su questi temi.

Religione[modifica]

I giapponesi in generale non sono molto religiosi e la società giapponese contemporanea è piuttosto laica nella vita quotidiana. Detto questo, la maggior parte dei giapponesi pratica ancora un po' di buddismo e scintoismo, e visiterà ancora i templi buddisti o i santuari shintoisti per offrire preghiere durante importanti feste o eventi della vita. Dovreste vestivi e comportarvi in modo rispettoso ogni volta che visitate i siti religiosi. La libertà religiosa è generalmente rispettata, e le persone di tutte le fedi sono generalmente in grado di praticare la loro religione senza problemi.

A tavola[modifica]

Un pasto giapponese con le bacchette

I giapponesi mangiano tutto con le bacchette (箸 hashi), fanno eccezione quei piatti di derivazione occidentale come ad esempio il riso al curry careeraisu (カレーライス) e l'omelette di riso omuraisu (オムライス), che si mangiano col cucchiaio. Si consiglia di attenersi sempre ad un'etichetta formale:

  • Non mettere mai le bacchette in posizione verticale in una ciotola di riso e non passare mai qualcosa dalle bacchette alle bacchette di un'altra persona. Questi sono associati ai riti funerari. Se volete dare un pezzo di cibo a qualcuno, fatelo prendere dal piatto, o mettetelo direttamente sul piatto.
  • Quando avete finito di usare le bacchette, potete appoggiarle sul bordo della ciotola o del piatto. I ristoranti più carini mettono un piccolo ripiano in legno o ceramica (hashi-oki) per in ogni coperto. Potete anche piegare l'involucro di carta in cui le bacchette entrano per costruire il proprio hashi-oki.
  • Leccare le estremità delle bacchette è considerato un comportamento di scarsa eleganza.
  • Usare le bacchette per spostare piatti o ciotole (in realtà qualsiasi cosa diversa dal cibo) è maleducato.
  • Indicare le cose con le bacchette è scortese. Indicare la gente in generale è scortese, con le bacchette ancora di più.
  • Trafiggere il cibo con le bacchette è generalmente scortese e dovrebbe essere utilizzato solo come ultima risorsa.
  • È il padrone di casa che serve le bevande e non bisogna servirsi da bere da soli: la persona che ti sta a fianco o di fronte deve riempire il bicchiere, e bisogna fare lo stesso con lui.
  • Prima di iniziare il pasto, è usanza dire “Itadakimasu”, che può essere tradotto con "Buon appetito", letteralmente "Io ricevo" nella forma linguistica più umile. È una parola rivolta più al cibo che agli altri commensali, in quanto è un ringraziamento alla natura per il cibo che ci ha concesso.
  • Una volta finito, si usa dire "Gochisō-sama deshita", letteralmente "sembrava un banchetto", che in questo caso assume il significato di "È stato delizioso". Questa frase è anche usata per dire arrivederci al personale del locale in cui si ha mangiato.

Le bacchette usa e getta (wari-bashi) sono fornite in tutti i ristoranti nonché con il bento e altri cibi da asporto. Per ragioni di igiene è buona norma rimettere le bacchette nel loro involucro di carta quando avete finito di mangiare.

Nei ristoranti a menù occidentale e nei caffè si utilizzano regolarmente le posate.

La maggior parte delle minestre e dei brodi, in particolare il miso, vengono bevute direttamente dalla ciotola dopo aver tagliato a pezzi i pezzi più grandi, ed è anche normale raccogliere una ciotola di riso per mangiare più facilmente. Per le zuppe del piatto principale come per il ramen verrà dato un cucchiaio. Il riso al curry e il riso fritto vengono anche consumati con i cucchiai. Emettere rumori mentre si aspirano i tagliolini in brodo (es. Ramen ラーメン, Soba 蕎麦 ecc) o zuppe (come la misoshiru 味噌汁) non è considerato maleducato. A volte è necessario in quanto il Ramen è servito bollente, ma non ha nessun significato di apprezzamento come da credenza italiana. Il fatto che venga accompagnato con acqua ghiacciata, si dice sia una delle cause dei problemi di stomaco di molti giapponesi.

Molti ristoranti danno un asciugamano caldo (o-shibori) per asciugare le mani non appena ci si siede; usatelo per le tue mani e non per la faccia.

Molti piatti giapponesi prendono diverse salse e contorni, ma non mettono mai la salsa di soia in una ciotola di riso; farlo è cattiva educazione, e implica l'idea che il riso non sia preparato bene! Le ciotole di riso cotto a vapore vengono mangiate senza nulla, o talvolta con furikake (una miscela di alghe sbriciolate, pesce e spezie), o specialmente nel bentō sono servite con umeboshi (prugne aspre in salamoia). La salsa di soia è usata per immergere il sushi prima di mangiarlo, e lo si versa anche sul pesce grigliato e sul tofu. Tonkatsu (cotoletta di maiale) viene fornita con una salsa più densa, la tempura viene fornita con una salsa più leggera, più sottile fatta da salsa di soia e dashi (base di pesce e zuppa di alghe), mentre gyōza di solito sono immersi in una miscela di salsa di soia, aceto e olio di peperoncino.

Ai giapponesi non piace sprecare cibo (inclusa la salsa di soia, quindi non versatene più del necessario), ma nella maggior parte dei ristoranti va bene se lasciate del cibo nei piatti. Tuttavia, in una sala da pranzo formale o in particolare se si mangia a casa di qualcuno, terminare il pasto indica che ne siete soddisfatti (considerando che alcuni indicano che ne volete di più), e soprattutto dovreste cercare di finire il riso fino all'ultimo chicco.

In tutti i tipi di ristoranti giapponesi, il personale generalmente vi ignora finché non chiedete qualcosa. Alcuni ristoranti possono avere un pulsante per chiamare un cameriere. Altrimenti, ad alta voce pronunciare "Sumimasen" (す み ま せ ん, "Scusi") e magari alzare la mano se in un grande ristorante. Nei piccoli negozi o nelle bancarelle di cibo con personale ridotto che è occupato a cucinare, dopo aver detto "Sumimasen", si dà per scontato che stiano ascoltando (cosa che avviene sempre) e prendano la vostra richiesta.

I ristoranti presenteranno il conto dopo il pasto e dovrete pagare alla cassa quando andate via - non lasciate i soldi sul tavolo uscendo. La frase per “conto” è kanjō o kaikei. Quando si sta facendo tardi, un cameriere di solito viene al tavolo per dire che è il momento per "l'ultimo ordine". Quando è davvero ora di andare, i ristoranti giapponesi hanno un segnale universale: iniziano a suonare "Auld Lang Syne". (Questo avviene in tutto il paese, tranne nei posti più costosi.) Ciò significa "pagare e uscire".

La mancia non è consuetudine in Giappone, anche se molti ristoranti con posti a sedere applicano il 10% di costi di servizio e i "ristoranti per famiglie" di 24 ore come Denny e Jonathan di solito hanno un supplemento del 10% a notte fonda.

Nei bagni termali[modifica]

La disposizione di un tipico sento

I giapponesi comprendono i modi divertenti degli stranieri, ma c'è una regola in cui non si fanno eccezioni: dovete lavarvi e risciacquare tutta la schiuma prima di entrare in un bagno, in quanto l'acqua nella vasca verrà riutilizzata dalla persona successiva, e i giapponesi considerano disgustoso immergersi nella sporcizia di qualcun altro! Fondamentalmente, basta lavarsi bene come si vorrebbe a altri.

Che si tratti di un onsen alla moda o di un barebone sentō, la coreografia di un'intera visita si snoda come segue:

Le zone di bagno condiviso sono in genere separate in base al sesso, quindi cercate le iscrizioni "uomo" (男) e "donna" (女) per scegliere l'ingresso corretto. Tipicamente i bagni maschili hanno tende blu, mentre quelle delle donne sono rosse. (I bambini piccoli con un genitore possono usare il lato opposto, i bambini più grandi devono usare il lato corretto, anche se questo non significa che non siano accompagnati.) Entrare nello spogliatoio, lasciando scarpe o ciabatte sulla porta; nei bagni pubblici possono esserci armadietti con chiave.

Nei sentō si paga direttamente l'inserviente (spesso attraverso l'ingresso del camerino, ed è quasi sempre una donna), o si utilizza un distributore automatico all'ingresso per acquistare i biglietti per l'ingresso e gli oggetti extra come asciugamani o sapone , che poi darete all'inserviente. Nei distributori automatici, guardate vicino alla parte superiore per le parole giapponesi per "adulto" (大人 otona) e "bambino" (子 供 kodomo). (Se il distributore è troppo difficile da capire, potete probabilmente entrare e dire sumimasen ("scusami") all'addetto e completare il resto gesticolando).

I bagni elettrici

Alcuni bagni pubblici in Giappone hanno dei bagni elettrici (電 気 風 呂 denki-buro). Dei blocchi metallici sulla parete della vasca passano attraverso una piccola corrente elettrica, dandoti una sensazione di spilli e aghi (chiamati piri-piri in giapponese). Sono popolari tra gli anziani per aiutare a rilassare i muscoli rigidi e doloranti. I bagni elettrici sono sicuri per la maggior parte delle persone, ma ovviamente dovrebbero essere evitati da chiunque abbia un pacemaker, condizioni cardiache o altre condizioni mediche.

All'interno dello spogliatoio, ci saranno file di armadi per vestiti o ceste. Scegliete un armadietto e spogliatevi completamente, mettendo tutti i vestiti nel cestino. Assicuratevi di mettere i propri oggetti di valore negli armadietti, se ce ne sono, e portate con voi la chiave nel bagno.

Verrà dato un asciugamano piccolo gratuitamente o a volte verrà richiesto un supplemento simbolico. Non è particolarmente adatto per coprire la parti intime (è troppo piccolo) e non è molto utile neanche per asciugarsi. Gli asciugamani più grandi sono disponibili, a volte a pagamento; gli uomini dovrebbero lasciarli nello spogliatoio eccetto quando si asciugano, usando solo la loro piccola asciugamano per privacy, ma le donne possono usare la loro grande asciugamano per avvolgersi all'esterno del bagno. Se ne volete una, chiedete all'inserviente guardiano un taoru.

Dopo aver tolto i vestiti e aver fatto il bagno, prendete un piccolo sgabello e un secchio, sedetevi davanti ad un rubinetto e pulitevi bene. Passate lo shampoo per i capelli, il sapone in tutto il corpo e ripetete. Risciacquatevi tutta la schiuma una volta puliti. Cercate di non lasciare scorrere l'acqua inutilmente o di bagnare altre persone.

Solo ora potete entrare nella vasca da bagno. Fatelo lentamente, perché l'acqua può spesso essere molto calda; se è insopportabile, provate un'altra vasca. Se riuscite ad entrare, non lasciate che il panno tocchi l'acqua, perché è sporco (anche se non lo avete usato lascerebbe residui nella vasca da bagno); potreste preferire di ripiegarlo in cima alla testa o metterlo da parte. Quando siete stanchi del calore, potete lavarvi ancora una volta e ripetere il procedimento al contrario; va bene lavare i capelli anche dopo il bagno, se preferite. (Nelle sorgenti calde naturali, però, non si dovrebbe sciacquare l'acqua del bagno, che è piena di minerali che i giapponesi considerano una medicina popolare sana).

Famiglia in yukata a Kinosaki

Il bagno è adatto per conversare mentre si è a mollo e leggeri; non immergete la testa e non fate molto rumore. (Ai bambini è concessa un po' di libertà, ma impedite loro di correre perché i pavimenti possono essere molto scivolosi e irregolari.) I giapponesi possono essere un po' diffidenti nei confronti degli stranieri in vasca da bagno, soprattutto perché temono che cerchiate di parlare con loro in inglese e saranno imbarazzati dal fatto che non possono comunicare. Basta dare loro un cenno del capo/inchino, dire ohayo gozaimasu, konnichiwa o konbanwa a seconda dell'ora del giorno, e aspettare di vedere se sono interessati a parlare.

Dopo che il bagno è finito, si può quasi sempre trovare una sala relax (休憩 室 kyūkeishitsu), inevitabilmente dotata di un distributore di birra nelle vicinanze. Sentitevi liberi di distendervi nella vostra yukata (vestaglia tipicamente utilizzata nei bagni giapponesi), sorseggiando una birra, parlando con gli amici, facendo un pisolino.

Nei gabinetti[modifica]

La principessa del suono

Nei bagni pubblici delle donne, c'è spesso una scatola che emette un suono di risciacquo elettronico quando si preme il pulsante. Per cosa è? A molte donne giapponesi non piace l'idea d'essere ascoltate mentre sono in bagno. Per coprire i propri rumori, le donne erano solite tirare ripetutamente lo sciacquone sprecando molta acqua. Per evitare ciò, è stato creato un dispositivo elettronico che crea rumore. Il marchio più comune si chiama Otohime. Otohime è una dea della mitologia giapponese, ma qui il nome è un gioco di parole, scritto con il kanji per significa "Principessa del suono".

Vale la pena menzionare alcune caratteristiche dei servizi igienici in Giappone. Come in altre parti dell'Asia, troverete water in porcellana in stile occidentale e altri al livello del pavimento dove ci si deve accovacciare.

Le ciabatte per toilette

Nelle case private e negli alloggi in stile casalingo, troverete spesso delle ciabatte da toilette, che devono essere indossate all'interno della toilette e solo all'interno dei servizi igienici.

Tuttavia, la maggior parte dei visitatori viene colpita dal fatto innegabile che il Giappone è il leader mondiale nella tecnologia dei servizi igienici. Più della metà delle case sono dotate di dispositivi tecnologici noti come washlet (ウ ォ シ ュ レ ッ ト), che incorporano tutti i tipi di funzioni utili come scaldini per il sedile, essiccatori d'aria calda e piccole braccia robotiche che spruzzano acqua. Il dispositivo è gestito tramite un pannello di controllo e può comprendere oltre 30 pulsanti (tutti etichettati in giapponese) a prima vista somigliano più ad un pannello di navigazione dello Shuttle che ad un normale WC.

Un tipico pannello di controllo washlet.

Non fatevi prendere dal panico: l'aiuto è a portata di mano. Il primo consiglio è che il meccanismo dello sciacquone di solito non è gestito dal pannello di controllo: invece, c'è una leva, un interruttore o una manopola standard familiare, di stile occidentale da qualche parte ed è quindi interamente possibile evitare di utilizzare le funzionalità washlet. (In rari casi, soprattutto con water di fascia alta, lo sciacquone è integrato, se vi sollevare dalla tavoletta cercate i pulsanti 大 o 小, che indicano rispettivamente grande o piccolo risciacquo, su un pannello di controllo sul muro.) Il secondo consiglio è che c'è sempre un grande pulsante rosso 止 con il simbolo standard "stop button" sul pannello col simbolo ■, premendolo si fermerà immediatamente tutto. I modelli precedenti hanno semplicemente una leva nelle vicinanze che controlla il flusso di uno spruzzatore. I controlli tipici includono quanto segue:

  • Oshiri (お し り) - "natiche", per irrorare il retro - tipicamente mostrato in blu con un'icona del posteriore stilizzata; questa azione può essere snervante, ma i viaggiatori non dovrebbero avere paura: dal secondo o terzo tentativo sembrerà normale
  • Bidet (ビ デ) - per spruzzare di fronte - in genere mostrato in rosa con un'icona femminile
  • Kansō (乾燥) - "asciutto", per asciugare una volta finito - tipicamente giallo con un'icona di aria mossa

Altri pulsanti più piccoli possono essere usati per regolare l'esatta pressione, angolo, la posizione e la pulsazione del getto d'acqua. A volte il sedile del bagno è riscaldato, e questo può anche essere regolato. Una spiegazione è che, poiché le case non sono abitualmente riscaldate centralmente, il business dei servizi igienici può essere reso un po' più conveniente riscaldando il sedile. Per essere educati e risparmiare energia, si dovrebbe chiudere il coperchio sulla tavola del water riscaldato.

Abbigliamento[modifica]

Per la maggior parte dei turisti, vestirsi per le visite giornaliere in Giappone mette in una posizione di svantaggio: molto probabilmente ci si distinguerà, indipendentemente da come ci si veste, accanto alla folla di impiegati e ai gradi in uniforme. Il Giappone è noto per essere un paese alla moda, sia che si tratti di indossare il kimono, abiti su misura, o le ultime tendenze di Harajuku.

Prima di tutto: indossate scarpe che possono essere facilmente tolte e tenete un paio di calzini a portata di mano se necessario. Le scarpe da ginnastica sono accettabili. Anche le scarpe da sera sono accettabili, così come i sandali da passeggio di qualità (non le infradito), anche se i sandali non sono un comune abbigliamento da esterno per la gente del posto. La cultura giapponese considera le scarpe qualcosa di sporco, ecco perché prima di entrare in casa di qualcuno, in certi ristoranti, negli spogliatoi e nei templi, è necessario togliere le scarpe. La vecchia generazione di giapponesi tende a raggruppare gli elementi in due tipi: legno ("pulito") e cemento o pietra ("sporco"). Se state per calpestare il legno, toglietevi le scarpe e mettetele da parte; potrebbero esserci anche dei ripiani per mettere le scarpe.

Non dimenticare le calze, in genere è più comune indossare calze nei templi e nelle case, se non avete le pantofole disponibili. I giapponesi sono noti per il loro amore per le calze, e i negozi di calze ne vendono di alta qualità e colorate. Molti dei calzini venduti in Giappone sono fatti lì. Quindi, portate un paio di calzini nella borsa mentre fate un giro turistico. I collant sono accettabili per le donne.

I pantaloncini sono rari e generalmente indossati solo da bambini e adolescenti. Sebbene sia un capo comune nell'abbigliamento estivo per turisti, indossate invece i jeans o i pantaloni eleganti per tenervi freschi quando fa caldo. In estate, le donne indossano abiti solari da negozi alla moda e pantaloni traspiranti realizzati con tessuti come la biancheria. Mantenervi eleganti e confortevoli.

Nelle situazioni lavorative, l'abbigliamento è standard; le aziende faranno sapere se potete o dovreste indossare un abbigliamento casual.

Per le serate, vestitevi casual cool. Le donne giapponesi in genere non indossano la pelle attillata, i vestiti super corti e la scollatura raramente vengono usati, a meno che non siano in spiaggia. Le donne vestite con abiti corti stretti e look molto sexy sono spesso stereotipate come escort. Quando visitate Tokyo, ad esempio, vedrete giovani donne e uomini vestiti seguendo stili di subcultura, come Harajuku, Lolita e punk. I giapponesi evitano di fare una scenata con quelli che si vestono stravagante, ma le occhiate sono spesso sufficienti per farvi sentire come controllati.

Se avete intenzione di visitare una sorgente termale o un bagno pubblico, si resta quasi sempre nudi (tranne che per i rari bagni misti). Anche se si possono avere alcuni sguardi furtivi, i costumi da bagno sono ammessi raramente bagni. Per le donne, un modesto costume da bagno è meglio di un bikini succinto se state visitando una sorgente termale o un bagno; per la spiaggia, i bikini vanno bene. Nelle piscine pubbliche o private, potrebbe essere necessario indossare una cuffia; possono essere forniti, oppure potete portarli con voi.

Accessori[modifica]

Il Giappone in estate può essere estremamente caldo e umido. I giapponesi non amano il sudore visibile e spesso si asciugano il viso con un fazzoletto colorato (ハ ン カ チ hankachi), usano un ventilatore (扇子 sensu per un ventaglio pieghevole, 団 扇 uchiwa per un ventaglio piatto) per mantenersi freschi o (per le donne) usano ombrelli (傘 kasa) per ripararsi durante il tempo soleggiato. L'acquisto di uno o tutti questi articoli non è solo un modo intelligente per rimanere al fresco, ma può fornire un ricordo duraturo della visita. Nelle aree storiche e turistiche troverete negozi che vendono bellissimi ventilatori e ombrelloni. Entrambi sono investimenti accessibili, anche se possono essere costosi se si desidera avere una vera opera d'arte. Tuttavia, la maggior parte dei giapponesi usa ventilatori a buon mercato, ma belli - molti fatti in Cina - nella loro vita di tutti i giorni, solo per rimpiazzarli quando diventano difficili da chiudere o consumare. Gli appassionati di ventagli di carta piatti economici sappiano che essi vengono spesso distribuiti gratuitamente nei festival e negli eventi.

Gli ombrelli tradizionali possono essere acquistati presso i negozi di articoli da regalo e gli eleganti ombrelli per pioggia possono essere acquistati presso negozi di abbigliamento in tutto il paese. I fazzoletti sono popolari sia per gli uomini che per le donne. Alcuni sembrano fazzoletti di cotone tradizionali che usereste per soffiarvi il naso, altri sono piccoli asciugamani. I depāto (grandi magazzini) vendono tutti i colori, le marche e i modelli per queste necessità. È un lusso accessibile: potete trovare fazzoletti da uomo e da donna di stilisti di fascia alta come Yves Saint Laurent e Burberry per ¥ 1.500 o meno. Troverai anche versioni localizzate nei negozi di souvenir e nei negozi di tutto il paese. Tenerli in borsa o in tasca per asciugare la fronte quando necessario.

Gli ombrelli da pioggia sono spesso di plastica economica e sono disponibili in tutti i minimarket per circa ¥ 500. Dal momento che sembrano tutti uguali, a volte vengono trattati come una risorsa comune. Quando andate in un negozio, lasciateli vicino la porta, e quando uscite, ne prendete uno identico, che fosse o meno quello che avete portato. Alcuni negozi hanno invece delle borse per impedire che l'ombrello goccioli sul pavimento. Gli ostelli di solito hanno degli ombrelli da prestare, così come alcuni altri alloggi e attività commerciali. Piuttosto che portare il vostro ombrello, potreste trovare più conveniente acquistarne uno economico e "donarlo" all'ostello per poi acquistarne uno nuovo nella prossima meta.

Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Gli uffici della posta giapponese (Japan Post) sono presenti pressoché in tutti gli angoli del paese, anche nelle località più remote. Ovviamente i servizi offerti variano a seconda della località e dimensione dell'ufficio postale, ma oltre alla spedizione di prodotti postali, un bancomat è di norma sempre presente.

In aggiunta alle poste, esistono dei servizi di corriere espresso privati per la spedizione di prodotti postali (pacchi, lettere, ecc.) che sono molto efficienti, puntali ed affidabili: Yamato e Sagawa sono i due principali operatori. Questi ultimi offrono spedizioni in 24/48 ore in tutto il paese a prezzi concorrenziali.

Potete inviare cartoline in qualsiasi parte del mondo per ¥ 70 (alcune cartoline sono vendute con spese postali nazionali di ¥ 52 incluse, quindi potete pagare solo un francobollo di ¥ 18 supplementare per la spedizione). Le cassette di posta pubblica si trovano in tutto il Giappone. Hanno due slot, uno per la posta interna ordinaria e l'altro per la posta all'estero e per posta celere.

Servizio corriere[modifica]

Diverse compagnie in Giappone offrono corrieri conveniente e poco costosi (宅急便 takkyūbin o 宅配 便 takuhaibin). Ciò è utile per l'invio di pacchi e documenti da porta a porta, ma anche per ottenere bagagli da/per aeroporti, città e alberghi, o anche trasportare mazze da golf e sci/snowboard presi direttamente alla destinazione sportiva. I corrieri garantiscono la consegna il giorno successivo praticamente in tutte le località del Giappone, ad esclusione di Okinawa e di altre isole lontane, ma includono località rurali remote come le stazioni sciistiche.

Il corriere più grande è Yamato Transport, spesso chiamato Kuro Neko (黒ねこ "gatto nero") dopo il loro logo. Sono spesso sinonimi di takkyūbin e in effetti chiamano il loro servizio TA-Q-BIN in inglese. Altri corrieri includono il Sagawa Express e Nittsu (Nippon Express).

Puoi inviare e ricevere pacchetti in molte località. La maggior parte dei negozi di alimentari ha servizi di consegna. Alberghi e aeroporti offrono anche servizi di corriere.

Telefonia[modifica]

I prefissi telefonici internazionali variano da azienda a società. Rivolgetevi al vostro operatore per maggiori dettagli. Per le chiamate internazionali verso il Giappone, il prefisso internazionale è 81. I numeri di telefono in Giappone hanno il formato +81 3 1234-5678 dove "81" è il prefisso nazionale per il Giappone, le cifre successive sono la zona di composizione in cui si trova il numero locale (può contenere da una a tre cifre) e le cifre rimanenti (da sei a otto cifre) sono la parte "locale". Quando si chiama in Giappone, il prefisso interurbano è 0, e di solito è scritto nel numero, come 03-1234-5678; quando chiamate il Giappone dall'estero, lasciate "0". I numeri di telefono che iniziano con 0120 o 0800 sono numeri "a composizione libera" e sono gratuiti per chiamare da qualsiasi rete fissa (telefoni inclusi), mentre i numeri di telefono che iniziano con 0570 sono numeri a costo variabile usati da aziende (un numero funziona a livello nazionale, ma si paga in base alla distanza tra il telefono e il call center più vicino gestito dalla società).

Per chiamare all'estero dal Giappone, il codice di accesso internazionale è 010 (o "+" sui telefoni cellulari).

Chiamate d'emergenza[modifica]

Le chiamate di emergenza possono essere effettuate da qualsiasi telefono gratuitamente: chiamare la polizia 110 o chiamare il 119 per il fuoco e l'ambulanza.

Telefoni a pagamento[modifica]

Una cabina telefonica verde

I telefoni a pagamento (公衆 電話 kōshū denwa) sono facilmente reperibili, in particolare vicino alle stazioni ferroviarie, sebbene con la popolarità dei telefoni cellulari, i telefoni pubblici non siano così numerosi come una volta. I telefoni a pagamento grigi e verdi accettano monete da ¥ 10 e ¥ 100 e carte prepagate. Siate consapevoli del fatto che non tutti i posti con telefoni pubblici hanno telefoni che accettano monete, quindi potrebbe essere utile acquistare una scheda telefonica per l'uso di emergenza. Alcuni dei telefoni grigi, come indicato sul display, possono effettuare chiamate internazionali. Le carte prepagate possono essere acquistate nei minimarket, nei chioschi delle stazioni ferroviarie e talvolta nei distributori automatici accanto al telefono. Le tariffe telefoniche internazionali da telefoni a pagamento possono essere insolitamente alte; le schede telefoniche di terze parti sono un'alternativa ragionevole. Una soluzione intermedia è l'acquisto di carte telefoniche da negozi con prezzi scontati, che in genere vendono carte telefoniche per il 35-45% di sconto sul valore nominale (ad esempio, una scheda telefonica da 105 unità, che costerebbe ¥ 1000 se acquistata dai normali canali di vendita, costerebbe solo circa ¥ 650). Se si effettua la chiamata diretta a livello internazionale con una scheda telefonica, il codice di accesso internazionale di NTT è 0033 + 010.

Telefoni cellulari e SIM Card[modifica]

Sindrome delle Galápagos

Il Giappone ha avuto la tendenza a sviluppare una tecnologia inizialmente superiore a quella disponibile in altre parti del mondo, ma che non riesce a recuperare altrove o diventa incompatibile con gli standard globali. Questa è stata chiamata la sindrome delle Galapagos, dopo che le isole Galápagos e la loro flora e fauna altamente specializzate portarono Charles Darwin a sviluppare la sua teoria dell'evoluzione. I telefoni cellulari giapponesi sono stati l'esempio originale della sindrome delle Galapagos. Con la posta elettronica e la navigazione web disponibili dal 1999 e i pagamenti mobili dal 2004, erano quasi un decennio in anticipo rispetto alla concorrenza globale.

Ma quando gli standard globali per la messaggistica, la navigazione web e la comunicazione senza contatto sono stati risolti, erano incompatibili con le tecnologie giapponesi esistenti. Di conseguenza, il mercato giapponese della telefonia mobile si è isolato e ha avuto un'adozione relativamente moderata degli smartphone, che inizialmente erano un passo indietro rispetto ai telefoni Gara-kei (da "Galapagos" e "keitai") solo in Giappone. La situazione è cambiata, tuttavia, e gli smartphone stanno prendendo il sopravvento.

I telefoni cellulari non sono l'unica tecnologia a soffrire della cosiddetta sindrome. Le smart card per il trasporto pubblico, le auto kei, la televisione digitale e la navigazione satellitare per auto sono tutti esempi di tecnologie diffuse in Giappone che non hanno mai preso piede altrove o hanno sviluppato standard incompatibili che hanno lasciato isolato il paese.

I moderni cellulari giapponesi (携 帯 電話 keitai denwa o solo keitai) usano gli standard globali per 3G e LTE. Questo è un cambiamento gradito dai vecchi tempi, quando il Giappone usava standard cellulari unici che non erano compatibili con il resto del mondo. In poche parole:

  • I telefoni LTE dovrebbero funzionare, ma verificare la compatibilità del dispositivo, poiché LTE utilizza un numero elevato di frequenze e il dispositivo potrebbe non supportare quelli utilizzati in Giappone. Il roaming in 4G è possibile, ma in molte aree potrebbe essere ristretto.
  • Molto probabilmente i telefoni 3G che utilizzano lo standard UMTS e dotati di una scheda SIM 3G.
  • I telefoni 3G CDMA dovrebbero funzionare sulla rete AU. AU non è compatibile con i terminali venduti in Europa
  • I telefoni 2G (GSM) dal resto del mondo non funzionano in Giappone. L'ultima rete 2G in Giappone è stata interrotta nel 2012.

Se il proprio telefono è conforme alle specifiche, ricontrollate se il vostro gestore ha un accordo di roaming con SoftBank o NTT DoCoMo. La copertura è generalmente eccellente, a meno che non si stia andando verso alcune zone montuose remote.

Se non avete un telefono 3G ma avete ancora una scheda SIM compatibile 3G, potete noleggiare un telefono 3G in Giappone e inserire la vostra carta, permettendovi di mantenere il numero di telefono in Giappone. Potrebbero essere applicate restrizioni di trasporto: ad esempio, O2-UK (che opera in Giappone tramite NTT DoCoMo) richiede di comporre * 111 * #, attendere una richiamata; quindi, comporre il numero effettivo che desiderate. Assicuratevi di ricontrollare con il vostro gestore di rete prima di partire.

I telefoni italiani sono perciò compatibili solo se 3G e/o 4G e possono agganciarsi alle reti degli operatori Docomo o Softbank (Au in 4G e basta), che sono le uniche due a offrire l'UMTS su frequenze analoghe a quelle europee.

Le opzioni disponibili sono riassunte in questa tabella:

SIM card Telefono Roaming SIM a noleggio Telefono a noleggio,
numero personale
Telefono a noleggio,
numero giapponese
GSM SIMa solo 2G (GSM) No No No No
GSM SIMa 3G (UMTS) No Si No Si
3G USIMb solo 2G (GSM) No No No No
3G USIMb 3G (UMTS) Si Si Si Si
3G USIMb LTE Si Si Si Si

a Le SIM solo GSM sono emesse da provider che non dispongono di una propria rete 3G. Se il vostro operatore italiano non ha una rete 3G, o se avete il vostro telefono prima che la loro rete 3G fosse introdotta, questo potrebbe applicarsi. Chiamate e chiedete al vostro operatore se le loro schede SIM sono compatibili con USIM.

b Le carte USIM sono emesse da fornitori che hanno una rete 3G o hanno intenzione di introdurne una. Qualsiasi europeo che ha ricevuto la propria scheda SIM dopo il 2003 ha uno di questi. Chiamate e chiedete al vostro operatore se le loro schede SIM sono compatibili con USIM.

Anche il roaming dei dati funziona (soggetto alle restrizioni di cui sopra), che consente di utilizzare Internet wireless sul telefono (anche se può essere costoso!). Google Maps sul vostro telefono può essere prezioso (anche se il posizionamento potrebbe non funzionare a seconda del gestore che state utilizzando).

Se avete solo bisogno di Internet e non di telefonate, o se il vostro telefono e l'operatore telefonico chiamano tramite Wi-Fi, l'opzione più economica e semplice è quella di noleggiare un Pocket Wi-Fi, un punto di accesso Wi-Fi alimentato a batteria che funziona con le reti cellulari. Il vantaggio è che tutti i compagni di viaggio possono condividerlo; avete solo bisogno di più Pocket Wi-Fi se il gruppo si dividerà per le attività. Vedi § Pocket Wi-Fi di seguito.

Per una visita breve, l'opzione più economica per l'accesso mobile è quella di noleggiare un telefono. Un certo numero di aziende fornisce questo servizio. Le tariffe di noleggio e le tariffe di chiamata variano, la migliore può dipendere da quanto tempo si affitta e quanto si chiamerà.

Attenzione al noleggio "libero" in quanto c'è un problema: di solito ci sono costi di chiamata molto alti. Le chiamate in entrata sono gratuite in Giappone.

Compagnia Luoghi di ritiro Costi SIM/telefono Costi Wi-Fi
NINJA WiFi


Aeroporti di ritiro & restituzione: Terminal 1/2 dell'Aeroporto Internazionale di Narita, Aeroporto Internazionale di Haneda, Aeroporto di Naha, Aeroporto Internazionale di Chubu Centrair, Aeroporto Internazionale di Fukuoka, Aeroporto di Komatsu, Aeroporto di Fuji Shizuoka, Aeroporto Internazionale di Sendai, Aeroporto di New Chitose, Aeroporto di Asahikawa.

Consegna in Giappone oppure ritiro e restituzione a Shinjuku.

4G LTE dati illimitati , ¥900/giorno.

4G LTE 1 GB piano giornaliero, ¥800/giorno.

Inserisci " japanwifi " per avere uno sconto del 10%

VISITOR SIM

(Japan Communications Inc.)

Narita, Kansai International, Haneda, New Chitose, Naha, Central Japan International, Kagoshima Airports.

Hotels, abitazioni e uffici.

Carta SIM prepagata (Nano/Micro/Regolare) 5 GB solo dati per 10 giorni a 1.980 ¥ oppure 7 Gb a 2.980 ¥. Si può eseguire una ricarica da 1 Gb per un giorno e dura fino alla mezzanotte a 500 ¥. (mag 2019)
Japan Travel SIM Acquistabile in Giappone presso i rivenditori il cui elenco può essere consultato qui. C'è la possibilità di acquistarla anche in aeroporto seppur è indicata una parziale disponibilità di tagli. Sul sito indica un traffico dati di 1 Gb per un mese o 2 Gb per due mesi. Ma presso i rivenditori si può trovare anche il taglio da 1,5 Gb (2000 ¥ sul sito Bic camera) o 3 Gb (3024 ¥ sul sito Bic camera) per un mese. Il costo non è ufficialmente indicato e dipende dai rivenditori. (mag 2019)
PAYG SIM

(Japan Communications Inc.)

Consegna in Giappone.

L'acquisto è disponibile sul sito Web PAYG SIM, Amazon Japan, Yodobashi.com, Hotels, Yodobashi Camera, AEON e Dospara.

Scheda SIM prepagata per comunicazioni voce e dati ¥ 9.980 (al feb 2019) (Nano/Micro/ Regolare) 60 min. di chiamate internazionali e/o locali, SMS, dati da 3 GB per 7 giorni.
eConnect Japan Consegna in Giappone presso gli aeroporti. Scheda SIM prepagata con vari tagli da 10, 5, 3, 1 GB, 500 MB/7 giorni oppure 100MB/giorno prezzi: ¥9,180, ¥6,880, ¥4,980, ¥3,180, ¥1,980, ¥2,680 7 giorni (al feb 2019) sia U-SIM che micro SIM.

Noleggio smartphone da ¥ 1480/giorno (sconto fino al 40%).

Noleggio Pocket Wifi da ¥ 980/giorno (al mar 2019) (fino al 55% di sconto).
Mobal Communications Inc. Solo presso il Terminal 1 dell'aeroporto di Narita. Noleggio gratuito (il che significa che non ci sono spese a meno che non si chiami qualcuno). ¥ 240/min nazionali e internazionali. Molto costoso (circa $ 3) - le persone ricevono invece, poiché le chiamate in entrata sono gratuite. Fare attenzione a non perdere il telefono o il caricabatterie in quanto la società addebita importi alti.
Rentafone Japan Consegna oltremare e all'interno del Giappone, compresi tutti gli aeroporti. ¥ 3.900 fino a una settimana, poi ¥ 300/giorno. Spedizione inclusa. (al mar 2019). ¥ 35/min in Giappone. ¥ 300 per e-mail illimitate. Potete anche usare la vostra SIM nei telefoni. Wi-Fi a 5900¥ a settimana o 300¥ al giorno (al mar 2019).
Japan Mobile Rental Noleggio di router Wi-Fi mobili per PC e smartphone.

Consegna presso gli sportelli dell'aeroporto di Narita, dell'aeroporto del Kansai o in hotel.

¥ 1.200 al giorno per Internet a banda larga illimitata. Connetti fino a 5 dispositivi. Installate Skype sul vostro PC o telefono e approfittate delle tariffe telefoniche internazionali a basso costo. Utilizzare praticamente in qualsiasi luogo in Giappone
SoftBank Global Rental Aeroporti di Narita, Haneda, KIX, Chubu (Nagoya), Fukuoka, Shin-Chitose e SoftBank. Consegna anche possibile (con supplemento).

Softbank consente ai turisti di acquistare un telefono con scheda prepagata nei negozi degli aeroporti. Stampando la pagina web relativa ai telefoni e agli accessori per prepagati è possibile ottenere uno sconto del 10% sull'acquisto del cellulare. Si consiglia di stampare anche la pagina in giapponese da mostrare all'impiegato per facilitare sia l'operazione di acquisto del telefono prepagato sia quella di sconto.

3 GB a 6500¥ per 31 giorni (al mar 2019).

È disponibile l'iPhone SIM a noleggio. ¥ 1.500 al giorno per iPhone, comunicazioni dati illimitate.

Wi-Fi 4G LTE a 840¥ al giorno (al mar 2019).
MyJapanPhone Consegna in Giappone. Nessuna consegna in aeroporto.
  • "Noleggio gratuito" per la prima settimana, ma è necessario pagare per la spedizione a tariffe piuttosto elevate almeno $ 30. Dopo $ 2 al giorno.
  • $ 0,70/min in Giappone. Le chiamate in arrivo sono gratuite.
  • E-mail extra di $ 10.
  • Imposta di servizio del 15% aggiunta alla fattura finale.
Telecom Square Narita, KIX, Chubu (Nagoya). Consegna anche possibile (con supplemento).
  • ¥ 525/giorno. Spese di spedizione extra di ¥ 800-1800 se si desidera che il telefono sia consegnato.
  • ¥ 90/min in Giappone. Le chiamate in arrivo sono gratuite.
  • ¥ 315 in più se si desidera conoscere il numero di telefono in anticipo.
Da 8,68 $ al giorno (al mar 2019).
Air's Solo Narita Terminal 1.
  • ¥ 200/giorno
  • ¥ 100/min in Giappone (NO chiamate internazionali) o ¥ 160/min nazionali e internazionali. Le chiamate in arrivo sono gratuite.
Global Advanced Communications Consegna in Giappone, compresi gli aeroporti. Chiuso nei fine settimana.
  • iPhone ¥8,000/week with unlimited Internet access. Delivery charge included.
  • iPhone ¥ 8.000/settimana con accesso illimitato a Internet. Spese di spedizione incluse
  • ¥ 24/min nazionale e internazionale.
  • Cellulare ¥ 3.500 fino a una settimana, poi ¥ 300/giorno.
  • ¥ 18 / min domestico.
  • Scheda dati per laptop ¥ 4,500 / 3 giorni con accesso illimitato a Internet.
  • È necessario prenotare almeno 4 giorni prima dell'arrivo.
JCR Consegna in Giappone, compresi gli aeroporti.
  • Hanno una serie complicata di piani, quello di base (piano B): da USD 75 a una settimana da USD130 a due settimane + assicurazione obbligatoria USD15). Spedizione in hotel inclusi; 10 USD extra per gli aeroporti.
  • USD 0.90/min in Giappone.
OCN Mobile ONE Consegna in Giappone, compresi gli aeroporti.
  • Noleggio di SIM dati ¥ 3.780 (normale, micro, nano SIM) per 100 MB ad alta velocità, dopo a bassa velocità, per 14 giorni.
  • Spese di spedizione gratuite
cdjapan Consegna in Giappone, compresi gli aeroporti.
  • Noleggio SIM dati (normale, micro, nano SIM) per 33MB ad alta velocità, dopo 200kbps, al giorno. 7 giorni sono ¥ 2300, 14 giorni ¥ 3000, 21 giorni ¥ 3600, 30 giorni ¥ 4000, 40 giorni ¥ 5250, 60 giorni ¥ 7500.
  • Spese di spedizione ¥ 540.
  • È necessario restituire la carta SIM con posta prepagata o verrà addebitata una commissione.
Japan Wifi Rental Service Ritiro e riconsegna negli aeroporti: Chitose (Sapporo), Narita Terminal 1 & 2 (Tokyo), Aeroporto Internazionale Kansai (Osaka), Aeroporto Haneda (Tokyo), Aeroporto Fukuoka (Fukuoka). Router Wi-Fi tascabile (Softbank 006Z). Quantità di dati illimitata. Download da 7.2 Mbps, upload 5.7 Mbps. USD77 per un massimo di 7 giorni, 90 USD fino a 14 giorni.
Blank-WiFi Consegna in Giappone, compresi gli aeroporti. Noleggio WiFi tascabile ¥ 250 / giorno. Noleggio iPhone ¥ 800 / giorno. È necessario prenotare almeno 2 giorni prima dell'arrivo. Spese di spedizione e tasse e spese di ricarica portatile sono incluse.

Di questa lunga lista (i prezzi aggiornati hanno tra parentesi mese e anno) gli operatori più convenienti sono Visitor SIM e eConnect per il Wi-Fi portatile. Attenzione: gli utenti di Visitor SIM potrebbero incappare nel problema del mancato funzionamento della navigazione internet a causa della mancata configurazione, in questi casi è sufficiente connettersi tramite Wi-Fi alla pagina della compagnia e scaricare la configurazione.

I telefoni giapponesi hanno un indirizzo e-mail collegato al numero di telefono e la maggior parte delle società sopra citate consente di inviare e ricevere e-mail. Il proprio provider di posta elettronica potrebbe offrire il reindirizzamento a un altro indirizzo email (Gmail), così da ricevere tutte le email sul cellulare. Fate attenzione che le aziende addebitano le e-mail in entrata e in uscita.

Per un viaggio più lungo, è anche possibile acquistare un telefono, ma farlo legalmente richiede una scheda di registrazione degli stranieri (o un amico giapponese facoltoso disposto ad aiutarvi) se desiderate acquistare qualcosa di diverso da SoftBank prepagato acquistato direttamente dai loro sportelli Global Rental situati in aeroporti principali.

  • Il modo più semplice è ottenere un telefono prepagato (プ リ ペ イ ド). I telefoni prepagati sono venduti nella maggior parte dei negozi SoftBank e au (NTT DoCoMo non ha più servizi telefonici prepagati). I negozi situati in aree importanti delle principali città in Giappone hanno spesso personale di lingua inglese per aiutare gli stranieri, ma questo lo dovreste confermare prima di visitare il negozio. Se si dispone già di un telefono 3G, andate con Softbank in quanto può vendere SIM anziché au il cui servizio prepagato è basato su telefono come la maggior parte dei vettori CDMA. Se avete un visto turistico o una esenzione dal visto, solo SoftBank venderà il servizio su un telefono e dovrete acquistare la SIM al banco di servizio dell'aeroporto. Gli altri negozi SoftBank non sono ancora in grado di vendere SIM prepagate a turisti stranieri.
  • I telefoni prepagati utilizzano una "carta" con una chiave di accesso per "addebitare" una chiamata con minuti. Queste schede telefoniche prepagate, a differenza del telefono stesso, possono essere trovate nella maggior parte dei centri commerciali, nonché negozi per ¥ 100- ¥ 200 in meno rispetto al valore nominale.
  • Un telefono con funzionalità prepagate è disponibile per un minimo di ¥ 5000 più ¥ 3000 per un pacchetto di chiamate di 60-90 giorni (SoftBank ora vende anche SIM autonome), che verrà scaricato a una velocità di ¥ 100 al minuto (¥ 10 per 6 secondi per il servizio prepagato di AU.)
  • Sia SoftBank che au offrono telefoni prepagati. Dettagli su prezzi, modelli di telefono e procedura per ottenerli possono essere trovati sui loro siti web in inglese. Per gli utenti che utilizzano e-mail / testo, SoftBank è la scelta migliore grazie all'introduzione della "posta illimitata", che offre e-mail illimitate e messaggi di testo a ¥ 300/mese. Per gli smartphone, SoftBank è l'unico fornitore che offre servizi prepagati con dati; ¥ 900 per 2 giorni di dati illimitati ed e-mail, ¥ 2.700 per una settimana di dati illimitati ed e-mail, e ¥ 5.400 per un mese di dati illimitati ed e-mail, tutti sulla loro rete LTE.
  • Vedete anche B-mobile per i dati prepagati da 1 GB. SIM disponibile in una versione per visitatori a 3.980 ¥.
  • Gli utenti degli ultimi iPad con Apple SIM possono semplicemente scegliere di configurare un account au o SoftBank nel menu delle impostazioni dei dati utilizzando una carta di credito da casa. Entrambi i provider caricano ¥ 1620 per 1 GB / 30 giorni e, nel caso di au, possono essere impostati per aggiungere automaticamente più dati quando si esaurisce.
  • Il modo più economico è ottenere un contratto mensile, ma per questo avrete bisogno di una prova di soggiorno più lungo (il visto). Potete aspettarvi di pagare circa ¥ 5.000 al mese presso i principali fornitori, assumendo una chiamata leggera, ma i prezzi stanno iniziando a diminuire. Una penale può essere applicata anche in caso di risoluzione anticipata del contratto. Tuttavia, ci sono MVNO dei principali fornitori che applicano tariffe mensili più basse (in genere meno di ¥ 2.000 e talvolta appena sotto ¥ 1.000 se il servizio vocale non è necessario) e non richiedono un termine contrattuale, ma si aspettano che riportiate il telefono. Questi MVNO hanno anche una priorità inferiore sulla rete dell'host (mineo, un MVNO di au, spesso vede le velocità LTE dei propri utenti ridotte a pochi punti percentuali di quello che solitamente sono nelle ore di punta mentre gli utenti au continuano a usufruire di un servizio ad alta velocità).
  • I centri commerciali di elettronica come Big Camera hanno una selezione di SIM con dati prepagati per i turisti. Potete scegliere tra diverse opzioni di dati e termini.

Internet[modifica]

Il Giappone è coperto nella quasi sua interezza da una rete in fibra ottica: le connessioni internet del paese sono molto veloci.

I dati wireless 3G sono disponibili e se si dispone di roaming dati internazionale, è necessario effettuare il roaming senza problemi. GPRS non funziona in Giappone. Si prega di consultare la sezione sui telefoni cellulari per ulteriori informazioni inclusa la compatibilità telefono / scheda dati. Ricorda, le stesse restrizioni sui telefoni si applicano ai dati 3G.

Internet cafè e accesso a internet[modifica]

Gli Internet café (イ ン タ ー ネ ト ト カ ェ) possono essere trovati intorno a molte stazioni ferroviarie. Qui potete caricare le foto da una fotocamera digitale e, se avete dimenticato il cavo, alcuni caffè prestano gratuitamente un lettore di schede di memoria. Le caffetterie Manga (漫画 喫茶 manga-kissa) hanno in genere anche PC con Internet. Quando vi stancate di navigare sul Web, potete sfogliare fumetti, guardare la TV o una varietà di film on-demand o giocare ai videogiochi. Il costo è in genere di circa ¥ 400 all'ora, con bevande (non alcoliche) gratuite e o altre da pagare. Spesso hanno tariffe speciali notturne: circa ¥ 1.500 per un periodo di 4-5 ore quando non ci sono treni in circolazione. Gli Internet café possono essere un posto sicuro e poco costoso per passare la notte se si perde l'ultimo treno.

Un certo numero di business hotel ha accesso a Internet disponibile se avete il vostro computer, a volte gratuitamente. Nella maggior parte dei casi, l'accesso è solitamente fornito da un modem VDSL collegato al sistema telefonico dell'hotel. Alcuni degli hotel che offrono l'accesso gratuito a Internet non includono il noleggio per il modem nella parte "gratuita" del servizio, quindi controllate prima di utilizzare. In genere, configurare l'interfaccia di rete per DHCP è tutto ciò che è necessario per accedere a Internet in tali situazioni. Molti tendono anche ad avere a noleggio o PC gratuiti per gli ospiti dell'hotel.

Wi-Fi[modifica]

Molte stazioni ferroviarie, incluse le principali stazioni JR, dispongono di Wi-Fi. Alcune stazioni ferroviarie e aeroporti più grandi hanno anche PC a noleggio per navigare e inviare e-mail, di solito circa ¥ 100 (a moneta) per 10 minuti.

È anche possibile trovare "hot spot" Wi-Fi in molte grandi città del Giappone, in particolare vicino ad aziende legate alla tecnologia e grandi edifici aziendali con reti wireless non protette (lo store Apple a Ginza, Tokyo ha una connessione 802.11n veloce e aperta).

La disponibilità del Wi-Fi pubblico è davvero incostante in Giappone, ma viene ampliata a poco a poco. Caffè come Starbucks potrebbero richiedere la registrazione dell'indirizzo e-mail e rispondere a una e-mail prima di poter utilizzare il Wifi (che richiede di andare, registrarsi, trovare un altro posto con wifi gratuito, quindi tornare indietro). Molte stazioni, aeroporti e negozi principali offrono anche il Wi-Fi, ma richiedono la registrazione ogni volta che lo si utilizza. Un modo semplice per aggirare questo è una app Wi-Fi gratuita per il Giappone, che permetterà di connettervi senza dovervi registrare ogni volta. Dovreste essere pronti, però, questo wifi pubblico gratuito è solitamente debole e dolorosamente lento. Tuttavia wifi gratuito si sta via via diffondendo negli hotel e negli esercizi commerciali. Di norma è sufficiente una veloce registrazione per poterne usufruire per un'ora gratuitamente. Il wifi nelle stazioni della metropolitana è invece riservato ai clienti che sono abbonati al servizio.

Nelle zone rurali invece, il wifi è ancora poco presente.

Pocket Wi-Fi è un'altra opzione conveniente per chi desidera utilizzare i propri dispositivi Wi-Fi (smartphone, iPhone, iPad, laptop, ecc.). Un dispositivo Wi-Fi tascabile ha le stesse dimensioni di un accendino Zippo e si adatta alla tasca o alla borsa. Rende disponibile un hotspot Wi-Fi mobile a cui connettere i propri dispositivi.

Tenersi informati[modifica]

La NHK (la società televisiva di stato) offre un canale informativo 24h/24 in inglese: nei maggiori alberghi esso è disponibile assieme ai maggiori canali internazionali (CNN, BBC, ecc.).

Avvisi di terremoti, maremoti (tsunami), piogge intense, slavine, ecc., vengono di norma dati dalle tv e dalle radio: a seconda dell'intensità, l'avviso può essere più o meno "invadente". Se esistono pericoli imminenti nei luoghi pubblici, avvisi vengono diramati tramite altoparlanti o schermi, laddove presenti. Durante catastrofi naturali o altre calamità, le reti cellulari e dei telefoni vengono momentaneamente disattivate per evitare congestioni e conseguenti collassi della rete.

Altri progetti

Asia
AsiaContour coloured.svg Afghanistan · Arabia Saudita · Armenia · Azerbaigian · Bahrain · Bangladesh · Bhutan · Birmania · Brunei · Cambogia · Cina · Corea del Nord · Corea del Sud · Emirati Arabi Uniti · Filippine · Georgia · Giappone · Giordania · India · Indonesia · Iran · Iraq · Israele · Kazakistan · Kirghizistan · Kuwait · Laos · Libano · Maldive · Malesia · Mongolia · Nepal · Oman · Pakistan · Qatar · Russia · Singapore · Siria · Sri Lanka · Stato di Palestina · Tagikistan · Taiwan · Thailandia · Timor Est · Turchia · Turkmenistan · Uzbekistan · Vietnam · Yemen