Scarica il file GPX di questo articolo

Austria

Da Wikivoyage.
Austria
Viena 721.jpg
Localizzazione
Austria - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Austria - Stemma
Austria - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Austria (Österreich) è una nazione dell'Europa centrale che confina a nord con Repubblica Ceca e Germania (Baviera), ad ovest con Liechtenstein e Svizzera (Cantone dei Grigioni e Canton San Gallo), ad est con Slovacchia e Ungheria, e a sud con l'Italia (Trentino-Alto Adige, Veneto e Friuli-Venezia Giulia) e con la Slovenia.

Da sapere[modifica]

Lingue parlate[modifica]

La lingua ufficiale dell'Austria è il tedesco anche se nella regione del Burgenland si sente spesso parlare il croato e l'ungherese, mentre nella Carinzia meridionale, nelle valli di Gailtal, Rosental e Jauntal e nella Stiria meridionale vive la minoranza slovena. A Vienna, nella zona di Marchfeld e Tullnerfeld invece sentirete parlare il ceco e lo slovacco.


Territori e mete turistiche[modifica]

L'Austria è composta da nove Länder riportati di seguito:

Mappa divisa per regioni
      Burgenland — Territorio piatto al confine con l'Ungheria, il Burgenland ha come sua maggiore attrazione il Neusiedler See, un lago dalle acque poco profonde che figura nella lista dei Patrimoni mondiali dell'Umanità. Capoluogo del Land è Eisenstadt, cittadina dall'aspetto provinciale.
      Carinzia (Kärnten) — Capoluogo del land è Klagenfurt. A breve distanza dal confine con l'Italia sta Villaco, seconda città del Land per numero d'abitanti. Tra i maggiori centri turistici della Carinzia sono Hermagor, a breve distanza dal comprensorio sciistico di Nassfeld (Passo di Pramollo), sulle Alpi Carniche. Heiligenblut, alle falde del Großglockner, il più alto monte dell'Austria e il centro termale di Bad Kleinkirchheim, dotato anch'esso di piste.
      Bassa Austria (Niederösterreich) — Bassa Austria è il Land che circonda il territorio della capitale da ogni lato. Il suo capoluogo è Sankt Pölten. Altri centri d'interesse sono i villaggi della valle di Wachau solcata dal Danubio e inserita nella lista UNESCO dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità.
      Salisburghese (Salzburg) — Luogo natale del compositore Wolfgang Amadeus Mozart, Salisburgo è una città dalla linee barocche tra verdi e romantici colli che sorvegliano il corso del fiume Salzach. La città figura nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità ed è rinomata a livello internazionale per il suo festival dedicato alla musica classica e all'opera lirica.
      Stiria (Steiermark) — Capoluogo della Stiria è Graz, vivace e simpatica città universitaria, nonché secondo centro del paese per numero d'abitanti. Le altre attrazioni turistiche della Stiria comprendono il Parco nazionale Gesäuse esteso sull'omonimo massiccio montuoso nelle Alpi dell'Ennstal e la stazione sciistica di Mariazell nella valle del fiume Saiza.
      Tirolo (Tirol) — Territorio prettamente alpino, il Tirolo ha per capoluogo Innsbruck nella valle del fiume Eno e a pochi km dal passo del Brennero. Tra i maggiori centri sciistici del Tirolo sono da citare Seefeld in Tirol e Mayrhofen entrambe a breve distanza dal capoluogo, Kitzbühel, sede di alcune gare della Coppa del Mondo di sci alpino, nonché di tornei di tennis, Sölden nella valle dell'Ötz (Ötztal) dominata dal Wildspitze (3.772 m s.l.m.), la montagna più alta delle Alpi Retiche orientali, Sankt Anton am Arlberg e Ischgl entrambe prossime al confine con la Svizzera. Tra le maggiori attrazioni naturali del Tirolo figura Il Parco nazionale Alti Tauri che forma un unico comprensorio con il Parco naturale Vedrette di Ries-Aurina in Italia. . Tra le città Schwaz, prospera nel medioevo per l'estrazione dell'argento e con un nucleo storico ben preservato, Kufstein sul confine con la Baviera e sormontata da un'imponente fortezza.
      Alta Austria (Oberösterreich)Linz, capoluogo del land dalle linee moderne e ardite, è rinomata per la sua vita culturale densa di eventi tra i quali spicca l'"Ars Electronica" dedicato alle arti digitali e alle nuove tecnologie. Steyer è legata al nome del compositore Schubert che vi soggiornò a lungo traendo inspirazione per i suoi brani, motivo che le ha valso il soprannome di "Città romantica". Wels, sul sito dell'antica "Ovilava", importante città in epoca romana, conserva edifici del tardo medioevo tra cui un castello ove l'imperatore [w:Massimiliano I del Sacro Romano Impero
      Vienna (Wien) — Tra le prime destinazioni del turismo mondiale, la capitale austriaca è legata ai fasti dei vari rappresentanti della dinastia degli Asburgo ma anche all'opera di coraggiosi artisti che dal tardo '800 in poi ruppero definitivamente gli schemi del passato.
      Vorarlberg — Capoluogo del Vorarlberg è Bregenz sulle rive del lago di Costanza (Bodensee). La foresta di Bregenz (Bregenzerwald) ricopre i fianchi della valle del fiume Bregenzer Ache costellata di villaggi, parecchi dei quali appaiono dotati di impianti sciistici. Bezau è il suo centro maggiore.


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

L'Austria è un membro dell'Area Schengen.

Non ci sono controlli alle frontiere tra i paesi che hanno firmato e attuato il trattato, ossia l'Unione europea (ad eccezione della Bulgaria, Croazia, Cipro, Irlanda, Romania e Regno Unito), Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Allo stesso modo, un visto concesso da un qualunque membro Schengen è valido in tutti gli altri paesi che hanno firmato e attuato il trattato. Ma attenzione: non tutti i membri dell'Unione europea hanno firmato il trattato di Schengen, e non tutti i membri di Schengen fanno parte dell'Unione europea. Questo significa che ci possono essere controlli doganali a campione, ma senza controlli di immigrazione (viaggiando all'interno di Schengen, ma non da/a un Paese extra UE) o potrebbe essere necessario passare i controlli di immigrazione, ma non quelli doganali (viaggiando all'interno dell'UE, ma non da/a un Paese extra Schengen).

Gli aeroporti in Europa sono pertanto suddivisi in aree "Schengen" e "non-Schengen", che di fatto si comportano come gli equivalenti nazionali dei voli "domestici" e "internazionali". Se si vola da fuori dell'Europa verso un paese Schengen per poi continuare verso un altro, verranno effettuati i controlli di immigrazione e doganali al primo scalo per poi continuare verso la destinazione finale senza ulteriori verifiche. Viaggiare tra un membro di Schengen e uno Stato non appartenente a Schengen darà luogo ai normali controlli di frontiera. Si noti che indipendentemente dal fatto che si viaggia all'interno dello spazio Schengen o meno, molte compagnie aeree continueranno a insistere per vedere la vostra carta d'identità o passaporto.

I cittadini dell'UE o AELS (l'"Associazione europea di libero scambio", nota in inglese come EFTA, e composta da Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) per l'ingresso hanno solo bisogno di una carta d'identità valida per l'espatrio o di un passaporto, entrambi ovviamente in corso di validità. In nessun caso si avrà bisogno di un visto per un soggiorno di qualsiasi durata. Gli stessi criteri si applicano anche ai cittadini stranieri. In aggiunta dovranno solo mostrare il regolare visto d'ingresso che gli ha consentito l'accesso al primo stato membro.

I cittadini non-UE/AELS in genere necessitano di un passaporto per l'ingresso in un paese Schengen e la maggior parte avrà bisogno di un visto.

Dal 2012 anche i minorenni devono essere muniti di carta d'identità per lasciare il suolo nazionale e devono essere accompagnati da almeno uno dei genitori indicati in tale documento. In assenza dei genitori il minore deve avere una "dichiarazione di accompagno" da loro firmato e convalidato dagli organi competenti, in cui si indica la persona o l'ente a cui il minore sarà affidato.

Note
(1) I cittadini di questi paesi hanno bisogno di un passaporto biometrico per godere dell'esenzione dal visto.

(2) I cittadini serbi con passaporto rilasciato dalla direzione di coordinamento serba (residenti in Kosovo con passaporto serbo) necessitano del visto.

(3) I cittadini di Taiwan hanno bisogno del loro numero identificativo da stipularsi sul passaporto di godere dell'esenzione del visto.

Solo i cittadini dei seguenti paesi non-UE/AELS non hanno bisogno di un visto per l'ingresso nell'area Schengen: Albania1, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia ed Erzegovina1, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Israele, Giappone, Repubblica di Macedonia1, Malesia, Maurizio, Messico, Moldavia1, Principato di Monaco, Montenegro1, Nuova Zelanda, Nicaragua, Panama, Paraguay, Saint Kitts e Nevis, San Marino, Serbia1, 2, Seychelles, Singapore, Corea del Sud, Taiwan3 (Cina), Stati Uniti, Uruguay, Città del Vaticano, Venezuela, inoltre le persone in possesso di passaporti del British National (Overseas), Hong Kong o Macao.

I cittadini non-UE/AELS non possono rimanere più di 90 giorni in un periodo di 180 giorni all'interno dell'area Schengen nel suo complesso e, in generale, non possono lavorare durante il loro soggiorno (anche se alcuni paesi Schengen fanno eccezione a certe nazionalità; vedi sotto). Il conteggio inizia una volta che si entra in un paese dell'Area Schengen e continua anche quando si lascia un paese Schengen per un altro.

I cittadini non UE/AELS (anche se esenti da visto, a meno degli andorrani, monegaschi o sammarinesi), devono accertarsi che il passaporto venga timbrato sia all'ingresso che all'uscita dall'area Schengen. Senza il timbro d'ingresso, si può essere trattati come coloro che hanno ecceduto la permanenza prevista dal visto quando si tenta di lasciare lo spazio Schengen; inoltre a chi è privo di un timbro di uscita, può essere negato l'ingresso la successiva volta che cerca di entrare nell'area Schengen perché potrebbe risultare che ha ecceduto il soggiorno durante la visita precedente. Se non è proprio possibile ottenere un timbro apposto sul passaporto, assicurarsi di conservare documenti quali carte di imbarco, biglietti di trasporto e ricevute ATM che possono aiutare a convincere il personale d'ispezione frontaliero della legale permanenza nell'area Schengen.

Notare che:

  • I sudditi britannici con aventi il diritto residenza nel Regno Unito e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare connessi a Gibilterra, sono considerati "cittadini del Regno Unito ai fini dell'Unione europea" e quindi possono beneficiare di un accesso illimitato alla zona Schengen.
  • I sudditi britannici e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare, entrambi senza diritto di residenza nel Regno Unito, necessitano del visto.

Tuttavia, tutti i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare ad eccezione di quelli esclusivamente collegati alle zone di sovranità di Cipro sono eleggibili per la cittadinanza britannica e, successivamente, all'accesso illimitato all'area Schengen.

In aereo[modifica]

Il principale aeroporto austriaco è quello di Vienna [1], In alternativa all'aeroporto di Vienna può essere preso in considerazione il vicino scalo di Bratislava servito da linee aeree low cost.

Aeroporti internazionali con minor traffico sono situati nei pressi di Graz [2], Salisburgo [3], Linz [4] e Klagenfurt [5].

Linee aeree austriache sono, oltre la compagnia di bandiera, Austrian Airlines, le seguenti::

  • Niki — Conosciuta come FlyNiki, è una compagnia aerea che opera voli charter per varie destinazioni turistiche ma è presente anche su scali frequentati da uomini d'affari.

In auto[modifica]

Per percorrere le autostrade e superstrade austriache dal 1997 è obbligatorio acquistare l'adesivo/vignetta e applicarlo in alto sul parabrezza al lato del conducente o al centro. Le multe per i trasgressori vanno da 300 € a 3.000 €. Il costo del bollino annuale per le automobili è di € 85,70, bimestrale € 25,70 e per dieci giorni € 8,80. Per le moto il costo annuale è di € 34,10, bimestrale € 12,90 e per 10 giorni € 5,10 (febbraio 2016). Gli adesivi si possono acquistare in Italia presso i distributori di benzina in prossimità della frontiera austriaca o presso i principali punti dell'ACI.

Da ricordare che in Austria è obbligatorio l'uso delle cinture di sicurezza e avere in macchina la cassetta del pronto soccorso. La carta verde non è più obbligatoria. Il limite del tasso alcolico per chi guida è di 0,5.


In treno[modifica]

Da Bologna, Gorizia, Milano e Venezia/Mestre partono quotidianamente treni diretti a Vienna, mentre con un cambio treno a Bruck a.d. Mur e possibile raggiungere la città di Graz. Informazioni aggiornate sul sito obb-italia.com. La rete ferroviaria austriaca è gestita da ÖBB Österreichischen Bundesbahnen.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

Paesi che hanno l'euro come moneta ufficiale:

La valuta nazionale è l'euro (€, EUR). Si tratta di uno dei 25 Paesi europei che utilizzano questa valuta comune: molti facenti parte dell'Unione Europea in particolare dell'eurozona, insieme ai 6 membri extracomunitari che però non hanno voce in capitolo negli affari della zona euro. Globalmente questi 25 Paesi hanno una popolazione di oltre 330 milioni.

Un euro è diviso in 100 centesimi. Secondo la normativa europea il simbolo € è sempre posto dopo la quantità (per esempio 15€). Tutte le banconote hanno esattamente la stessa fattura e tutte hanno corso legale in tutti i Paesi della zona euro.

  • Banconote — Tutte le banconote hanno esattamente lo stesso design.
  • Monete — Tutti i Paesi della zona euro hanno monete emesse con un disegno nazionale su un lato e un disegno comune sul lato opposto. Le monete possono essere utilizzate in qualsiasi paese dell'Area Euro, indipendentemente dal disegno usato (cioè una moneta di 1 Euro della Finlandia può essere utilizzata in Portogallo).
  • Monete commemorative da 2 euro — Queste sono disponibili in due varianti: la forma comune e il conio commemorativo. In questo caso differiscono dalle normali monete da 2 euro solo nella loro parte "nazionale" e circolano liberamente come moneta a corso legale. Ogni paese può produrne una certa quantità come parte della sua normale produzione di monete e qualche volta "a livello europeo" le monete da 2 euro sono prodotte per commemorare eventi speciali (ad esempio, l'anniversario dei trattati più importanti).
  • Altre monete commemorative — La variante molto più rara è relativa alle monete commemorative di altri importi (ad esempio 10 euro o più) che hanno i disegni del tutto particolari e spesso contengono quantità non trascurabili di oro, argento o platino. Sebbene a livello prettamente legale il loro valore sia quello nominale, il valore del materiale utilizzato è di solito molto più alto, pertanto sarà molto improbabile vederle in circolazione.

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD

I negozi sono generalmente aperti da lunedì a venerdì dalle 8 alle 18.30 e il sabato chiudono tra le 12:00 e le 17:00. Nelle principali città turistiche i negozi possono rimanere aperti fino alle 21:00.

A tavola[modifica]

In Austria si usa pranzare tra le 12.00 e le 14.00 e cenare dalle 18.00 in poi.

Tra i cibi austriaci DOP (Denominazione di Origine Protetta) ci sono i formaggi Alpkäse e Bergkäse del Vorarlberg, i formaggi tirolesi Graukäse, Almkäse e Bergkäse e il Tiroler Speck, i formaggi Gailtaler Almkäse della Carinzia, l'olio di zucca della Stiria, mentre la Bassa Austria vanta gli asparagi del Marchfeld, le albicocche della regione del Wachau e il papavero grigio Waldviertler Graumohn.

Bevande[modifica]

Gli amanti del cappuccino possono ripiegare sul simile melange viennese. La birra austriaca è ottima, ma anche il vino viene prodotto in grandi quantità.

Infrastrutture turistiche[modifica]


Eventi e feste[modifica]

Snowbombing (aprile) evento musicale che ha luogo nella stazione sciistica di Mayrhofen.

Nova Rock Festival (giugno) festival hard rock/heavy metal che si svolge nei campi di Nickelsdorf.

Alpi austriache

Festività nazionali[modifica]

  • 1° gennaio Capodanno
  • 6 gennaio Epifania
  • marzo/aprile Pasqua
  • 1° maggio Festa del lavoro
  • 15 agosto Assunzione
  • 26 ottobre Festa Nazionale
  • 1° novembre Ognissanti
  • 8 dicembre Immacolata Concezione
  • 25 dicembre Natale
  • 26 dicembre Santo Stefano

Sicurezza[modifica]

L'Ambasciata italiana si trova a Vienna in Metternichgasse 13, tel. +431 7125121/2/3.

Numeri d'emergenza[modifica]

  • Polizia (Polizei) 133
  • Vigili del fuoco (Feuerwehr) 122
  • Ambulanza (Rettungswagen) 144
  • Guardia medica nelle principali città (Notartzt) 141
  • Soccorso stradale ÖAMTC/ARBÖ 120 o 123


Situazione sanitaria[modifica]


Rispettare le usanze[modifica]

  • Gli austriaci e i tedeschi sono due popoli differenti che hanno in comune solo la lingua, quindi non confondetevi dando a un austriaco del tedesco o anche dello slavo, come vengono spesso altresì confusi.
  • Spesso gli italiani sono conosciuti come popolo che parla ad alta voce sia per strada che a tavola, e questa caratteristica non è molto apprezzata dagli austriaci (che in compenso apprezzano molte altre cose dell'Italia), quindi fate attenzione a moderare il tono per non recar fastidio.


Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.