Scarica il file GPX di questo articolo

Asia > Asia centrale > Kazakistan

Kazakistan

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Kazakistan
La gola del fiume Sharyn
Localizzazione
Kazakistan - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Kazakistan - Stemma
Kazakistan - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Kazakistan (Cosacchia in italiano) è uno stato dell'Asia centrale che confina con la Russia, la Cina, il Kirghizistan, l'Uzbekistan, il Turkmenistan e si affaccia sul Mar Caspio.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Il Kazakistan è il nono paese al mondo per estensione. Grosso modo è nove volte l'Italia. Due delle sue province occidentali, Atyrau e Mangystau, si affacciano sul Mar Caspio. La maggior parte del suo territorio è costituito da pianure coperte da steppa, enormi praterie senza ombra di alberi. La zona delle steppe settentrionali nota come Saryarka (letteralmente: "entroterra giallo"), rientra nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità.

Alte catene montuose si trovano sui suoi confini orientali e meridionali.

I Monti Zaylyiski Alatau, alle falde dei quali giace la città di Almaty, costituiscono una propaggine occidentale del "Tien Shan", i "Monti Celesti" in cinese. La loro massima altezza è rappresentata dal Monte "Khan Tengri", il "Signore dei Cieli" ai confini con Kirghizistan e Cina.

I monti Altai si ergono invece ad est, al confine con la repubblica federativa russa di Altai. Il Monte Belukha è il più alto della catena, raggiungendo i 4506 m. sul livello del mare.

Entrambe le aree costituiscono le zone più turistiche del paese, richiamando appassionati di alpinismo e di escursionismo in alta montagna.

Tra i fiumi che attraversano il paese il più noto e il Syr Darya che nasce dalla confluenza del Kara Darya e Naryn in Kirghizistan per poi attraversare la valle del Fergana in Uzbekistan. Dopo un percorso di 2,200 km si getta nel lago di Aral.

L'Ili è un fiume che nasce nel Xinjiang e dopo un percorso di 1,439 km si getta nel lago Balkhash.

Anche l'Irtysh ha le sue sorgenti nel Xinjiang. Attraversa l'Oblys del Kazakistan Orientale dove forma il lago di Zeysan per poi confluire nel fiume Ob in Siberia

Fusi orari[modifica]

Il Kazakistan si trova in due fusi orari e non applica l'ora legale.

I fusi orari del Kazakistan
      UTC+6 — Tutto il paese tranne le quattro province più occidentali: Oblys di Karaganda, Oblys del Kazakistan orientale, Oblys di Almaty, Oblys di Jambul, Oblys del Kazakistan meridionale, Oblys di Kostanay, Oblys del Kazakistan settentrionale, Oblys di Akmola, Oblys di Pavlodar
      UTC+5 — Le quattro province più occidentali: Oblys di Aktobe, Oblys del Kazakistan Occidentale, Oblys di Atyrau, Oblys di Manguistu, Oblys di Kyzylorda

Quando andare[modifica]

Il periodo maggio-fine giugno è un buon periodo per una visita. Settembre è un altro mese propizio. Data l'estrema distanza dal mare, il clima è a carattere continentale con scarse precipitazioni.

Le stagioni intermedie sono di breve durata; la primavera inizia presto a sud mentre l'autunno muore prematuramente a nord. I mesi di luglio-agosto sono più che caldi e il termometro è attestato sui 40° ed oltre ma l'estrema secchezza dell'aria attutisce in un qualche modo la sensazione di calore. In certe giornate di luglio-agosto però il termometro può schizzare ancora più in alto, raggiungendo temperature più consone ad un forno casalingo.

Gli inverni sono estremamente rigidi a nord con temperature di parecchie decine di gradi sotto lo zero. Sono invece relativamente miti a sud, lungo il confine con l'Uzbekistan e il Kirghizistan.

Il Buran è un vento secco proveniente da nord-est che soffia sia d'estate, alzando nugoli di sabbia, sia d'inverno, provocando tempeste di neve (blizzard).

Luglio-agosto rimangono mesi favorevoli per soggiorni in alta montagna ma bisogna tener conto delle forti escursioni diurne e della volubilità del tempo con acquazzoni improvvisi anche a luglio e addirittura brevi nevicate a giugno.

Cenni storici[modifica]

L'odierno Kazakistan fu abitato tra il VII e il III secolo a C. dagli Sciti come hanno dimostrato i ritrovamenti di necropoli con tombe a tumulo (Kurgan) in varie parti del paese. Tra questi l'esempio più noto è l'"Altin Adam" (Uomo d'oro), diventato un simbolo nazionale. Si tratta del costume in oro di un guerriero rinvenuto a Issykl, sui monti del Tian Shan e oggi esposto al Museo Centrale della Repubblica del Kazakhistan di Almaty.

Tra il IV e il III secolo a.C. si verificarono le prime invasioni di popoli nomadi di ceppo turco. Dal II secolo a.C. l'imperatore Wu, della dinastia cinese degli Han, cercò di esercitare la propria influenza sul territorio. Fu in quel periodo che si sviluppò la via della Seta. Il tracciato sul territorio dell'odierno Kazakistan passava per le città di Sauran e Otrar, le cui rovine si trovano nei pressi di Kyzylorda e sulle rive del Syr Darya.

Tra il VII e l'VIII secolo i Turchi celesti o Göktürk fondarono il primo stato turco di cui si abbia menzione. Gli Arabi si affacciarono sulle rive del Syr Darya nel 739 a.C. e lo varcarono dopo aver inflitto una sconfitta ai Cinesi nei pressi di Taras. Il nord però rimase dominio dei Karakhanidi ai quali si sostituirono i Kara Khitay che a loro volta furono annientati dalle orde di Gengis Khan (1162–1227). Alla sua morte il territorio dell'odierno Kazakistan risultò spartito tra i figli. L'ovest toccò al primogenito Juchi e formò il khanato dell'Orda d'Oro sotto Batu Khan, succeduto al padre Juchi, morto prematuramente. L'est fu invece assegnato al figlio Chagatai. Ögödei ottenne il nordest. Nonostante le distruzioni subite il commercio fiorì di nuovo grazie all'instaurazione della Pax mongolica

I Nativi kazaki, un misto di tribù nomadi turche e mongole che migrarono nella regione nel XIII secolo, furono uniti come un'unica nazione nella metà del XVI secolo. L'area fu conquistata dalla Russia nel XVIII secolo e il Kazakistan divenne una repubblica sovietica nel 1936.

Durante il lancio del programma agricolo "Terre Vergini" degli anni '50 e '60, i cittadini sovietici furono incoraggiati a contribuire alla coltivazione dei pascoli settentrionali del Kazakistan. Questo afflusso di immigrati (per lo più russi, ma anche alcune altre nazionalità deportate, tra cui i tedeschi del Volga) ha distorto la mescolanza etnica e ha permesso ai non-kazaki di superare numericamente i nativi. L'indipendenza ha causato l'emigrazione di molti di questi nuovi arrivati e dei loro discendenti.

Il moderno Kazakistan è uno stato neo-patrimoniale caratterizzato da considerevole nepotismo e dominio sugli affari politici ed economici del presidente Nursultan Nazarbayev, che solo recentemente si è dimesso nel marzo 2019 dopo un mandato di 29 anni ed è poi morto. Tuttavia, non è un governo severamente autoritario rispetto a quelli confinante del Turkmenistan, Uzbekistan e Cina e l'opposizione non viene di solito perseguitata o imprigionata. Dall'indipendenza dall'Unione Sovietica nel 1991, il governo kazako ha permesso agli investimenti stranieri di fluire nella capitale per svilupparsi. Lo sviluppo di importanti riserve di petrolio e gas, in particolare nel nord e nell'ovest, ha portato una grande quantità di ricchezza nel paese, sebbene il denaro cada nelle mani di poche persone. Tuttavia, il Kazakistan è ora etichettato come paese a reddito medio ed è già classificato con un elevato indice di sviluppo umano. La corruzione in è onnipresente rispetto alla Cina, ma non è così diffusa come altri paesi della regione.

Le questioni attuali includono: sviluppare un'identità nazionale coesa; espandere lo sviluppo delle vaste risorse energetiche del paese e esportarle sui mercati mondiali (è stato costruito un oleodotto verso la Cina, il gasdotto è in costruzione); raggiungere una crescita economica sostenibile al di fuori dei settori petroliferi, del gas e minerario e rafforzare le relazioni con gli Stati circostanti e le altre potenze straniere.

Lingue parlate[modifica]

La lingua ufficiale dello stato è il kazako appartenente al ceppo turco ma tutti parlano il russo. Entrambe le lingue sono obbligatorie in tutte le scuole e la maggior parte delle persone le conosce entrambe. Pertanto, se ne conoscete una di loro, dovreste non avere problemi di comunicazione. Tuttavia, in alcune regioni le persone parlano più il kazako e in altre preferiscono il russo. Ad esempio, a Shymkent e nelle regioni occidentali usano principalmente il kazako, ma la parte settentrionale del paese rimane in larga misura di lingua russa.

È raro trovare persone che parlino inglese, tuttavia le persone di età inferiore ai 20 anni così come molti funzionari doganali e gente dell'aeroporto lo conoscono. A complicare le cose sta il fatto che il kazako è ancora scritto in caratteri cirillici con l'aggiunta di ulteriori segni. La translitterazione in caratteri latini è alquanto approssimativa e una parola originale in kazako ha più grafie corrispondenti nelle lingue occidentali. Ad esempio "Kazako" può trovarsi trascritto in "Kazakh" (inglese) o "Qazaq" (oggi raro). Secondo una decisione governativa entro i prossimi anni (attorno al 2020-2022) è previsto l'utilizzo dei caratteri latini al posto di quelli cirillici in tutti gli utilizzi ufficiali.

Chi parla il turco sarà avvantaggiato. Il kazako è un membro delle lingue altaiche e, come tale, è una lingua agglutinante che si avvale di suffissi e prefissi per la formazione di generi e numeri. A parte le somiglianze grammaticali con il turco, la pronuncia è alquanto diversa e ha un suono ancora più gutturale. A testimonianza della fratellanza delle due lingue si vedranno nelle hall degli alberghi di categoria superiore imprenditori turchi, residenti sia in Turchia che in Germania.

È difficile spostarsi nel paese senza alcune abilità linguistiche in russo o in kazako; tuttavia, nelle città più moderne, questo problema è minore. Un ottima soluzione è quella di scrivere l'indirizzo del luogo dove andare prendere un taxi se vi perdete.

Cultura e tradizioni[modifica]

I kazaki sono un popolo molto aperto e gentile con gli stranieri. Hanno una grande voglia di comunicare e spesso provano a farlo anche se impossibilitati dalle barriere linguistiche. Ciò li rende molto cordiali e disponibili, sempre pronti ad aiutare. Sono inoltre inclini al sorriso e gli stessi islamici mostrano grande apertura verso gli occidentali se non persino curiosità.

Le tradizioni a cavallo[modifica]

Una gara di "Kyz-Kuu", (l'acchiapparagazze)
Una gara di kokpar

Interessanti sono i giochi tradizionali del Kazakistan che si svolgono a cavallo e in uso anche negli altri stati dell'Asia centrale e in Afghanistan.

  • Kyz-kuu - Forse lo sport più "simpatico". Significa "acchiapparagazze" e si gioca a coppia o anche una ragazza e un gruppo di ragazzi. In quello a coppia un giovane cavaliere insegue una ragazza lanciata al galoppo e armata di frustino. Il suo intento è di arrivare primo al traguardo schivando le frustate di lei. Se vi riuscirà avrà il diritto di baciarla, se fallirà riceverà un'altra frustata.
  • Kokpar - Una sorta di rugby equestre in cui due squadre di cavalieri si contendono la carcassa di una capra. È giocato in una maniera molto violenta. In Tagikistan e in Afghanistan è conosciuto come Buzkashi.
  • Bayga - Una gara al galoppo in piano. Spesso i fantini non fanno uso di sella. La corsa sulle lunghe distanze (16 km minimo) è detta Alaman bayga. È uno sport ancora molto popolare.
  • Audaryspak - Una lotta a cavallo tra due avversari. Vince chi sbalza di sella l'altro.


Territori e mete turistiche[modifica]

Dal punto di vista amministrativo il Kazakistan è diviso in 14 province (Oblys) ma come al solito questa suddivisione risulta poco pratica a fini turistici e viene seguita solo parzialmente.

Mappa divisa per regioni
      Oblys di Almaty — La provincia dell'ex-capitale, percorsi di trekking per la catena montuosa di Tian Shan, città storiche e arte rupestre.
      Kazakistan settentrionale — Steppe sconfinate che ospitano la capitale nazionale, la minoranza russa del paese e città industriali.
      Deserto kazako — Antiche città desertiche sparse nella via della seta.
      Altai — Remoto e bellissimo panorama alpino.
      Litorale kazako sul Caspio — Spiagge sul mar Caspio e industrie petrolifere, e dove le affiliazioni delle tribù locali sono ancora forti.
      Altopiani centrali del Kazakistan — Steppe infinite e scarsamente popolate.
Parco nazionale di Altyn-Emel nell'Oblys di Almaty
Territorio di Almaty
Territori dell'Est dell'Altai
  • La parte ovest dell'Oblys del Kazakistan Orientale - A nord della precedente e al confine con Cina e Russia (Repubblica dell'Altaj) è anch'essa una regione in parte montuosa con capoluogo Öskemen. Gli Altai occidentali sono monti coperti da fitte foreste che separano l'Oblys del Kazakistan Orientale dalla Repubblica dell'Altai. Costituiscono una meta turistica di prim'ordine.
Province del Centro degli Altopiani centrali del Kazakistan
Territori del Nord del Kazakistan settentrionale
  • Oblys di Aqmola - Estesa provincia che occupa la regione centrale del paese. Il capoluogo è Kökšetau. Nel territorio di questa provincia è situata la nuova capitale Astana caratterizzata da spettacolari edifici la cui realizzazione è stata curata da architetti e urbanisti di fama mondiale. Altra meta turistica è il Parco nazionale di Kokshetau
  • Oblys di Pavlodar - Una provincia di nordest al confine con la Russia. Vi si trova il Parco nazionale di Bayanaul.
  • Oblys del Kazakistan Settentrionale - Capoluogo: Petropavl.
  • Oblys di Qostanaj - Provincia del nord-ovest confinante con la Russia. Il capoluogo: Qostanaj.
Province dell'Ovest del Litorale kazako sul Caspio
Province del Sud del Deserto kazako

Centri urbani[modifica]

Mausoleo di Khwaja Ahmad Yasavi, Turkistan
  • Nur-Sultan (ex Astana, ex Aqmola) — La seconda città più grande e capitale dal 1997. Vale la pena visitarla, ma sono necessari un paio di giorni per raggiungere i luoghi più meritevoli. Questa città è nuova di zecca ed è stata costruita molto rapidamente. Chi volesse vedere come la vecchia Aqmola potesse essere, è necessario che lo faccia prima che sparisca ogni traccia.
  • Almaty (Алматы) — Città più grande e capitale prima del dicembre 1998. Sicuramente un da non perdere. Accanto alla città in stile sovietico, si consiglia di andare al Medeu e in altri luoghi nelle montagne limitrofe.
  • Aqtöbe (Ақтөбе) — Situata sul fiume Ilek.
  • Atyrau (Атырау) — Capitale petrolifera del Kazakistan, con grandi giacimenti petroliferi onshore e offshore di Tengiz Kashagan nelle vicinanze.
  • Pavlodar (Павлода́р) — Città kazaka fondata nel 1720 nell'estremo nord del Paese, chiusa fino al 1992 per la sua importanza militare nella produzione di carri armati e sede di un'impressionante moschea, così come altre interessanti chiese ortodosse e vari memoriali.
  • Semej (Семей) — Città universitaria nota per il vicino sito in cui fu testata la bomba atomica.
  • Turkistan (Түркістан) — Un'altra antica città, al confine tra la cultura persiana a sud e la cultura nomade turca al nord, ora a maggioranza uzbeka e sede di alcuni importanti monumenti storico-culturali.
  • Öskemen (Өскемен) — Città mineraria nei Monti Altaj con una maggioranza di lingua russa.
  • Şımkent (Шымкент) — Terza città più grande del Kazakistan, affollata da gente del popolo uzbeko, si tratta di un vecchio mercato situato vicino a Tashkent e ad alcune bellissime montagne; ora in piena espansione grazie all'esplorazione del petrolio.

Altre destinazioni[modifica]

  • Alakol — Una serie di laghi nell'Oblys di Almaty.
  • Markakol — Un lago alla frontiera con la Cina, ritenuto il più bello del Kazakistan.
  • Ustyurt — Un altopiano desertico cosparso di montagne fortemente erose. Ricorda la Death Valley in Arizona.


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Avvertimento di viaggio Restrizioni sui visti: I visti e i permessi di viaggi emessi o concessi dal governo kazako non sono validi per viaggiare a Baikonur dove, per entrarvi, c'è bisogno di un permesso speciale russo concesso solo per validi motivi. Sebbene l'accesso a Baikonur non sia controllato, entrarvi ivi senza il permesso speciale è reato ai sensi delle leggi russe.
Requisiti per i visti del Kazakistan: paesi in verde senza visto per 30 giorni, in blu per 90 giorni.

La maggior parte dei titolari di passaporto occidentali non hanno bisogno di un visto per entrare in Kazakistan per una visita di massimo 30 giorni. (Il giorno di entrata conta sempre come il giorno 1, anche alle 23:59.) Questa rinuncia è stata estesa di anno in anno più volte, ma dall'ottobre 2018 sembra essere permanente. Per i passaporti ordinari (cioè non diplomatici), i paesi inclusi sono:

  • Americhe: Canada, Stati Uniti e dipendenze, Messico, Groenlandia, Argentina, Cile, Brasile, Ecuador e Guyana francese. (Ci si aspetta presto di includere Cuba.)
  • Europa: l'intera UE, compresi Regno Unito e Andorra, oltre a Islanda, Norvegia, Serbia, Turchia e Svizzera. Esclude la Bosnia-Erzegovina, la Macedonia, il Liechtenstein, San Marino e il Vaticano.
  • Medio Oriente: Israele e Emirati Arabi Uniti.
  • Australia e Asia: Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Corea del Sud, Filippine, Malesia e Singapore; cittadini di Hong Kong solo per 14 giorni. Più Azerbaijan, Tagikistan e Uzbekistan.
  • I cittadini dei paesi della CSI possono entrare senza visto per un massimo di 90 giorni. Questi paesi sono: Kirghizistan, Russia, Ucraina, Bielorussia, Moldavia, Georgia, Armenia e Mongolia.

I titolari di visti del Kirghizistan possono anche viaggiare senza visto per le regioni di Almaty e Jambul (che comprende la strada Almaty-Taraz). Questo è rilevante solo per coloro che altrimenti avrebbero bisogno di un visto per entrare, quindi potrebbe essere utile ai cittadini del Liechtenstein e dell'Arabia Saudita.

Se sapete in anticipo che il vostro soggiorno sarà più lungo, ad es. per lavoro, è quindi necessario un visto che dovrà essere supportato da una lettera di invito ufficiale del datore di lavoro/agenzia in Kazakistan. Per ulteriori informazioni consultare il Ministero degli Affari Esteri del Kazakistan. Per le visite turistiche in cui si resta nel paese più tempo, il modo più semplice è fare un viaggio nel vicino Kirghizistan, che non ha nemmeno bisogno di visto per molti paesi, e tornare subito per guadagnare altri 30 giorni e restare. Non c'è limite alla frequenza con cui lo si può fare.

Registrazione (carta): non perdere mai la carta di registrazione che viene fornita al momento dell'accesso. A partire da settembre 2018, come detentore di un passaporto occidentale, si ricevono subito 2 francobolli di ingresso e 1 timbro sul passaporto, sia quando si entra in aereo che al confine con il Kirghizistan. Non è necessario presentare nessun indirizzo di soggiorno.

In aereo[modifica]

Aereo di Air Astana alla pista dell'aeroporto di Almaty

I maggiori aeroporti internazionali sono situati a Almaty e Nur-Sultan.

Il vettore più importante è Air Astana che vola ad Almaty e Nur-Sultan da Abu Dhabi, Mosca, Delhi, Pechino, Istanbul, Bangkok, Hannover, Londra, Amsterdam, Baku, Kuala Lumpur, Francoforte, Adalia (Antalya in turco) e Seul. Air Astana mantiene il monopolio su alcune tratte internazionali limitando le compagnie aeree che possono volare in Kazakistan.

Lufthansa ha anche voli giornalieri per Almaty, da dove si può andare ovunque tramite il vettore locale SCAT, che vola verso la maggior parte delle città del Kazakistan. British Airways e KLM ora volano più volte alla settimana rispettivamente a Heathrow e Schiphol. C'è anche una connessione non-stop due volte a settimana da Praga, operata da compagnie aeree ceche. Turkish Airlines è una buona compagnia di trasporto passeggeri, con voli per Istanbul (chiedi a un agente di viaggio informazioni sulle tariffe studentesche, che possono essere un ottimo affare) ma con la possibilità di partire dall'Italia.

Ci sono voli due volte a settimana da Seul ad Almaty; uno è con Asiana Airlines, e l'altro è Astana. Air Baltic vola anche ad Almaty; se prenoti i biglietti in anticipo, puoi andare lì per € 130 (da Riga) opera voli anche da Milano per Almaty con scalo a Riga

Etihad vola settimanalmente da Abu Dhabi ad Astana. Il tempo di volo è di circa 4,5 ore.

Le tariffe dei taxi dall'aeroporto alla città sono di 2.000-3.000 tenge.

Si noti che dal 2018, un visto di transito russo è necessario se si cambia aereo in Russia, quando si viaggia da o verso il Kazakistan.

In auto[modifica]

Potete entrare in Kazakhstan in auto attraverso molti dei checkpoint di confine sulle strade principali del paese. Tuttavia, siate preparate ad aspettare fino a 24 ore per le code, con strutture piuttosto scadenti.

In nave[modifica]

Da Baku parte un traghetto per Aktau. La frequenza è di 7-10 giorni ma gli orari sono aleatori.

In treno[modifica]

Dalla Russia[modifica]

Da Mosca partono i treni per Astana e Almaty. Impiegano circa quattro giorni per raggiungere Astana, cinque per Almaty. I biglietti devono essere prenotati con un certo anticipo. Esistono più opzioni:

Da/per la Cina[modifica]

Due volte a settimana il treno "La via della Seta" (Zhibek Zholy) parte di sera da Almaty diretto ad Ürümqi (34 ore), capoluogo della provincia cinese del Xinjiang. Impiega un giorno per coprire il tragitto. Da Ürümqi è poi possibile proseguire sempre in treno fino a Pechino (altri 3 giorni). I biglietti devono essere acquistati con un certo anticipo.

Da/per il Kirghizistan[modifica]

Sopravvivere al passaggio di frontiera

Per quanto l'operazione di per sé non sia complicata, il passaggio di frontiera lungo la tratta Almaty-Bişkek è spesso particolarmente affollato. La presenza di folla determina anche dei comportamenti piuttosto aggressivi dato che non ci si rispetta la fila. Aspettatevi di trovare delle vecchiette saltare la coda, uomini spingere pur di passare e molta faccia tosta. Se siete timidi e non fate come gli altri rimarrete ad aspettare vanamente il vostro turno. Pertanto adeguatevi!

Bişkek, capitale del Kirghizistan, dista meno di 250 km da Almaty. Il percorso si può compiere in treno, autobus e anche in taxi collettivi. Questo confine è molto affollato in entrambi i sensi.

Da Taraz c’è una marshrutka al giorno che collega con Bişkek.

Da/per l'Uzbekistan[modifica]

Tashkent, capitale dell'Uzbekistan è a più di 900 km da Almaty. I treni arrivano fino a Shymkent. Da lì si prende un minibus fino al posto di frontiera di Chernyaevka, non facile da attraversare. I controlli dei documenti sono meticolosi e si formano lunghe code.

In autobus[modifica]

Da/per la Cina[modifica]

È abbastanza facile viaggiare da Ürümqi ad Almaty tramite il bus notturno, soprattutto se non si ha fretta perché si possono impiefata tra le 24 e le 36 ore. La traversata del confine è un po' una faticata. Il viaggio in autobus e le "tariffe per i bagagli" sono intorno ai $ 45. Potete anche ritirare il visto per il Kazakistan presso il consolato di Ürümqi, ma preparatevi ad almeno una settimana di attesa, e assicuratevi di avere una copia del passaporto prima di consegnarlo.

Khorgos è il valico di frontiera stradale con lo Xinjiang. Vi transitano autobus in partenza da Almaty e diretti sempre a Ürümqi. Come i treni effettuano il percorso di notte impiegando anch'essi un giorno. Se poi si vuol entrare di nuovo in Kazakistan si avrà bisogno di un doppio visto di entrata.

Da/per il Kirghizistan[modifica]

È un viaggio in autobus da 3½-4½ ore in minibus da Bishkek ad Almaty per circa 1.200-1.800 tenge, a seconda dell'opzione scelta (ad esempio 500 som direttamente dalla Stazione dei bus occidentale di Bishkek). Per ulteriori informazioni, vedi Almaty.

Come spostarsi[modifica]

È possibile viaggiare all'interno del paese utilizzando taxi, autobus, treni e aerei, dipende dal budget e dalle richieste. Noleggiare un'auto è piuttosto costoso rispetto ad altri mezzi di trasporto.

In aereo[modifica]

Air Astana offre uffici in alcuni grandi alberghi nelle grandi città; è il modo più veloce di viaggiare tra le città per coloro che possono permetterselo. Gli aerei sono nuovi di zecca e corrispondono agli standard europei in termini di qualità.

Qazaq Air è un'alternativa più economica e fornisce anche alcune connessioni tra le principali città del Kazakistan, con la connessione più frequentemente servita dalla rotta Astana - Almaty. Esistono poi altre compagnie kazake che coprono i principali aeroporti del paese (SCAT Airlines e Bek Air), esse sono abbastanza economiche tuttavia hanno i problema d'essere bandite alla navigazione nei cieli europei a causa della loro scarsa affidabilità. Si intende che il tasso di incidenti mortali è abbastanza elevato e compaiono nella black list delle compagnie aeree da evitare.

In auto[modifica]

I segnali stradali rispettano gli standard internazionali.

Le strade principali (in città o quelle di collegamento) sono di buona qualità in generale, ma le strade più piccole sono per lo più completamente inaffidabili: da evitare il più possibile. Quando l'asfalto è pieno di buchi, i veicoli lungo la strada formano una pista sterrata parallela, più regolare a pochi metri: aprite gli occhi e non esitate ad accodarvi (senza perdere l'ingresso).

Fate attenzione all'audace guida della gente del posto e agli ingorghi del traffico che si verificano in molti incroci.

È fortemente preferibile rinunciare alla guida di notte sia in città che sulla strada. L'illuminazione del fascio anabbagliante è obbligatorio.

Il diesel è ovviamente disponibile, la benzina senza piombo è più spesso indice 76 e 80. Si trova più o meno facilmente la 93, appena la 95, a volte vendutipe solo per coupon. D'altra parte, non aspettate mai la "riserva" prima di fare rifornimento in aree remote.

L'assicurazione è obbligatoria e deve essere effettuata al valico di frontiera (circa 200 tenge per 2 mesi).

Il livello legale di alcol nel sangue deve essere pari a zero perché si rischia l'incarcerazione immediata in caso di incidente sotto la sua influenza.

Limiti di velocità:

  • Autostrada: 120 km/h (veicolo leggero + rimorchio da 90 km/h e tutti i tipi di camion...)
  • Strada extraurbana: 70 km/h
  • Città: 60 km/h

Altre restrizioni di velocità più specifiche devono essere rigorosamente osservate perché sono generalmente indicative di qualsiasi pericolo (curva forte o stato degradato della carreggiata...).

In treno[modifica]

Mappa ferroviaria del Kazakistan

Il treno è il modo più popolare per coprire le enormi distanze tra le principali città del Kazakistan. Le principali stazioni ferroviarie sono ad Nur-Sultan, Karaganda e Almaty, ma le stazioni si possono trovare in quasi tutte le grandi città.

Il materiale rotabile, le classi di treni, i biglietti e i sistemi di prenotazione sono stati ereditati dalle ex ferrovie sovietiche, quindi sono molto simili al sistema ferroviario russo. I prezzi dei biglietti sono leggermente inferiori a quelli della Russia. I biglietti delle ferrovie kazake possono essere acquistati online. Esiste anche il sito tutu che può essere utilizzato.

Il Kazakistan è un grande paese. Ad esempio, ci vorranno quasi 24 ore per arrivare da Almaty a Nur-Sultan. Tuttavia, andare in treno è un modo molto divertente di viaggiare, poiché i treni sono un ottimo modo per incontrare persone. Molto è stato scritto sulle insidie d'essere inclusi in una festa a base di bevute di vodka su un treno, ma per la maggior parte i compagni di viaggio sono amichevoli e desiderosi di scoprirvi (potreste ricevere molt domande come queste: "perché non siete sposati?" E se lo siete, "perché non avete figli?", e se li avete, "perché gli altri non hanno figli?"!)

La maggior parte dei viaggiatori prende cibo per il viaggio, dato che la fornitura di ristoranti è sporadica (e si aspetteranno di condividere anche il vostro pasto!). Se non ne avete abbastanza per tutta la distanza, i treni in genere si fermano per 15-20 minuti in ogni stazione e ci sono sempre persone sulla piattaforma che vendono cibo e bevande, a qualsiasi ora del giorno e della notte.

C'è anche un treno chiamato Talgo, che può coprire la distanza da Almaty e Nur-Sultan in 9 ore. Il costo del biglietto è di circa 9000 tenge.

In autobus[modifica]

Un autobus in Kazakistan

A Semipalatinsk (Semey) una marshrutka costa 35 tenge e un grande autobus costa 35-40 tenge. A Nur-Sultan varia tra 60-65 tenge.

Autobus pubblici[modifica]

Il trasporto pubblico nelle grandi città è piuttosto popolare. Potete usare autobus, filobus, tram e minibus. Il grande svantaggio per ognuno di essi è che non vengono mai puntuali e sono molto affollati nei momenti di punta. Inoltre, non c'è assolutamente nessuna segnalazione per le fermate degli autobus e indicazioni di sorta con gli orari. Se non parlate russo, prendere l'autobus sarà abbastanza complicato ma non impossibile.

Marshrutka[modifica]

Simili agli autobus regolari sono un altro modo economico per spostarsi. Questi furgoni per il trasporto piuttosto fatiscenti che viaggiano intorno o tra le città, di solito hanno un cartello (in russo) che elenca la destinazione e l'autista di solito chiama la direzione. Tuttavia, non li troverete all'interno della città di Almaty.

Autobus a lunga distanza[modifica]

Sono un'alternativa popolare ai treni e sono più veloci, ma meno confortevoli. Analogamente al viaggio in treno, è necessario acquistare il biglietto in anticipo e verrà assegnato un posto. Fate attenzione quando l'autobus fa una sosta bagno, il conducente spesso non controlla se tutti i passeggeri sono a bordo prima di partire!

Le tariffe sono relativamente basse, ad esempio un singolo da Almaty a Karaganda (14 ore) costerà 2.500 tenge, molto meno di un biglietto aereo.

In taxi[modifica]

Usate i taxi perché sono molto economici (€ 2-6 all'interno della città). Non dovete usare i taxi ufficiali nella maggior parte delle città, in pratica potete fermare quasi tutte le auto in strada alzando la mano. Funziona bene ad Almaty e Nur-Sultan, ma a Karaganda il modo migliore è uno dei taxi per telefono. E' un po' più economico e persino più veloce di un autostop.

Una nota di avvertimento, arrivare all'aeroporto di Almaty può essere costoso. I taxi per l'aeroporto variano notevolmente di prezzo. Ad ogni straniero verrà proposta una tariffa molto cara, ma di solito i conducenti scenderanno una volta che vedranno che non sono in grado di ottenere così tanto. US $ 50 è stravagante. Non accettate il primo prezzo in quanto provocherà un sovraccarico. Dovrebbe essere inferiore a $ 10, anche se non si può mai garantire che uno straniero ottenga quel prezzo. Un'opzione migliore sono i minibus e gli autobus che vanno in aeroporto. La parola "aeroporto" è molto simile in russo e inglese.

Un modo comune per spostarsi è con i taxi non ufficiali. A qualsiasi ora del giorno, agitate la mano e qualcuno si fermerà. La gente del posto lo fa sempre. Negoziate il prezzo e la destinazione prima di accettare. Circa US $ 2-4 è un prezzo adatto per un giro nel centro di Almaty. Se il vostro russo è povero o inesistente, vi verrà addebitato molto più rispetto alla gente del posto; per evitare ciò, cercate di usare gli autobus pubblici il più possibile e non esitate a dire all'autista quanto siete disposti a pagare (fatelo prima che dica quanto vuole). Per sicurezza, non salite in auto se c'è più di una persona. Inoltre, non prendete questo tipo di taxi per lunghe distanze o per aree remote, in quanto vi sono rapine frequenti, soprattutto ai danni di stranieri.

Cercate sempre di avere l'esatta somma di denaro in contanti (il prezzo che avete negoziato con un tassista), dato che di solito non danno il resto. Quindi, se il prezzo dovrebbe essere di 350 tenge, date all'autista 350 tenge, non di più (dato che potrebbe non dare il resto).

Cosa vedere[modifica]

Baikonur è il famoso cosmodromo dove avvenne il lancio del primo volo orbitale con equipaggio di Yuri Gagarin. La moderna città di Baikonur è stata costruita vicino al villaggio esistente di Tyuratam. Poiché la zona del cosmodromo (6.000 km2) è affittata dalla Russia, non è necessario alcun visto kazako se volate direttamente da Mosca. I tour possono essere organizzati ma, è necessaria l'approvazione da parte delle autorità russe.

  • Laghi Köl-Say
  • I moderni edifici di Nur-Sultan in contrasto con la maggior parte del resto del Kazakistan
  • Deserto e steppa senza fine in gran parte del paese
  • I monti Altai nell'est del Kazakistan e altre catene montuose lungo il confine meridionale.
  • Il mausoleo Khwaja Ahmad Yasavi a Turkistan


Cosa fare[modifica]

  • Sauna. A causa del suo clima freddo e ventoso, visitare le saune con gli amici è molto popolare in Kazakistan. Le saune (banyas russe o bagni di vapore finlandesi) sono un luogo eccellente per discutere di problemi aziendali o semplicemente socializzare con gli amici. Fare feste (compleanni, capodanno, ecc.) nelle saune è una pratica normale. In effetti molti moderni complessi di sauna ad Almaty e Nur-Sultan sono solitamente dotati di karaoke, biliardo, piscine, sale relax, sale massaggi, ecc. Alcune saune sono una copertura per servizi sessuali e molte includeranno un'opzione "happy end" quando si fa un massaggio

Lavoro[modifica]

A differenza di alcuni paesi europei che si stanno ancora riprendendo dalla recessione, il Kazakistan abbonda di opportunità lavorative e di lavoro. Professionisti qualificati possono essere in grado di trovare un lavoro nel settore energetico o educativo. Gli stipendi tendono a diminuire mentre il paese sta lavorando per garantire parità di retribuzione per i locali e il personale espatriato. I candidati espatriati devono ottenere un permesso di lavoro. Negli ultimi anni, sta diventando sempre più difficile ottenerlo.

Valuta e acquisti[modifica]

Il tenge kazako

La valuta nazionale è il Tenge kazako contraddistinta dal simbolo "₸" o "T" (Cirillico: тенге, codice ISO: KZT). Su Wikivoyage usiamo tenge per indicare la valuta, ad es. 100 tenge, diviso poi in 100 tiyn. Circolano banconote da 200, 500, 1.000, 2.000, 5.000 e 10.000 tenge. Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD

Sono diffuse le macchine ATM che accettano i maggiori circuiti internazionali e con istruzioni in inglese.

Acquisti[modifica]

Tra i souvenir da portare a casa vi tappeti realizzati il più sovente in lana di pecora. Tutta una serie di oggetti, dalle bambole ai tappeti e alle stesse yurte, viene realizzata in feltro. I negozi di souvenir vendono anche strumenti musicali tradizionali a corda, come la dombra, un tipo di liuto da non confondersi con la domra russa.

Capi di abbigliamento tradizionali sono reperibili nei bazar provinciali. Tra questi panciotti multicolori, "kalpak", ovvero copricapo maschile in feltro molto alto e dalla forma conica. "Tymak", un copricapo invernale in pelliccia di volpe che copre le orecchie. "Shapan" è un soprabito maschile lungo fino ai piedi e in spesso velluto, indossato per le grandi occasioni.

Il grande magazzino TSUM situato in Jibek Joly str. ad Almaty offre molti souvenir turistici: matrioske e icone russe, costumi kazaki, strumenti musicali (come dombyra o Dombra, strumenti a corda del folklore kazako) etc.

Si possono anche acquistare tappeti realizzati ad Almaty o di altri paesi dell'Asia centrale (Kirghizistan, Afghanistan...) la legislazione del paese sul rilascio di opere d'arte è abbastanza rigoroso ed è importante durante l'acquisto di qualsiasi oggetto artigianale o artistico chiedere al venditore di farsi rilasciare un certificato che eviti molte complicazioni doganali.

Il Kazakistan, confinante con il Mar Caspio, è un paese produttore di caviale e può essere acquistato a prezzi molto più bassi rispetto a quelli europei. Tuttavia, è consigliabile informarsi sulla quantità massima che un viaggiatore può portare con sé.

Per coloro che volessero acquistare CD musicali locali, in linea di principio qualsiasi documento sonoro deve essere oggetto di verifica da parte della dogana prima di lasciare il paese. I turisti dovrebbero quindi portare i CD alla dogana alcuni giorni prima della loro partenza per farli controllare.

Costi[modifica]

Il Kazakistan è leggermente più caro dell'Uzbekistan, ma ancora più economico del Turkmenistan. Uno spuntino di strada costa circa $ 0,30-0,70. Una notte in un dormitorio nelle grandi città costa US $ 10-20. Una camera doppia più confortevole è di US $ 60-80.

Di seguito un raffronto in merito alle spese medie (2019):

  • Pasto in un ristorante economico: 2000 tenge
  • Pasto per 2 in un ristorante di fascia media, 3 portate: 10.000 tenge
  • Birra nazionale (0,5 l): 400 tenge
  • Coca-cola/Pepsi (bottiglia da 0,33 l): 190 tenge
  • Acqua (bottiglia da 0,33 l): 120 tenge
  • Pagnotta di pane (500 g): 90 tenge
  • Manzo (1 kg): 2.000 tenge
  • Mele (1 kg): 450 tenge
  • Biglietto di sola andata (trasporto locale): 80 tenge
  • Viaggio in taxi, per km: 425, 100 tenge
  • Benzina (1 l): 170 tenge
  • Appartamento (1 letto) nel centro città/mese: 111.000 tenge
  • Salario netto mensile medio (al netto delle imposte): 139.000 tenge


A tavola[modifica]

Cottura a vapore del manti

Carne, patate, riso e pasta. Se siete vegetariani diffidate, perché se non vi è carne in uno dei pasti, essi saranno quasi certamente cotti nel brodo di carne.

Beshbarmak
Manty
Insalata di carote coreana, creata dal popolo Koryo (la diaspora coreana in Asia centrale)

Alcuni piatti consigliati:

  • Beshbarmak - "cinque dita", una carne di cavallo e un piatto di pasta con patate e cipolla. Il piatto tradizionale nazionale del Kazakistan e del Kirghizistan è servito per occasioni speciali. Può anche essere fatto con carne di manzo o agnello. La maggior parte dei ristoranti che la servono presenterà una porzione sufficiente per due o tre persone.
  • Kazy - salsiccia di carne di cavallo fatta a mano, potrebbe essere cucinata e servita con Beshbarmak, ma non nei ristoranti, a meno che non si chieda di farlo nel menu di pre-ordine. Se non lo fate, sarebbe servito come antipasto di carne fredda con altri tipi di antipasti a base di carne (Zhaya, Basturma, Shyzhyk). Piatto kazako
  • Laghman - un piatto di noodle con carne, carota e cipolla, di solito servito come una zuppa. Potrebbero essere aggiunte anche altre verdure.
  • Manty - grandi gnocchi al vapore con carne e cipolle. A volte fatto con cipolle o zucca. Piatto tradizionale uiguro.
  • Plov - ottimo piatto di riso fritto, carne, carote e a volte, altri pezzi come uvetta o pomodori. Piatto tradizionale dell'Uzbeco.
  • Shashlyk o Shish Kebab - spiedini, pezzi arrostiti di carne marinata, serviti con una sorta di piadina (di solito lavash) e cipolle. Si possono usare vari marinati e diversi modi per cucinarlo.
  • Baursaky: un pane meglio servito bollente. Un po' come una ciambella non zuccherata. Piatto Kazako.
  • Pelmeni - gnocchi bolliti fatti con diversi tipi di carne o patate. Piatto Russo.
  • Ciorpa - Riso in brodo di carne di montone.

Per vegetariani[modifica]

Se siete vegetariani, probabilmente penseretd che non c'è nulla da mangiare in Kazakistan. E avete ragione se mangiate fuori. Se cucinate da voi si aprono molte possibilità. Il Kazakistan ha alcuni prodotti eccellenti disponibili in piccoli mercati quasi ovunque. Rimarrete stupiti dal gusto e dalla disponibilità di verdure biologiche fresche a basso prezzo! Ad Almaty, provate Govinda's, un delizioso ristorante vegetariano Hare Krishna. I centri commerciali hanno molto cibo con alcune opzioni vegetariane. Anche alcuni piccoli ristoranti kazaki prepareranno per voi pasti vegetariani se lo rendete molto chiaro (ad es. "Byez myasa" (senza carne), "ya vegeterianetz" (io [maschio] sono vegetariano), "y vegetarianka" (I [femmina] sono vegetariana) in russo). In alcuni luoghi (ad es. Smak) puoi persino trovare manty vegetariano fatto con la zucca.

L'eredità del reinsediamento coreano in Kazakistan fa si che i piatti coreani, in particolare le insalate, siano molto comuni. Nei numerosi bazar del paese (mercati alimentari e indipendenti), cercate le signore coreane che vendono queste merci. Vi avvolgeranno con insalate deliziose, spesso piccanti da portare via in sacchetti di plastica. Se siete vegetariani, questa potrebbe essere l'unica cosa decente che potete mangiare mentre siete lontano dalle grandi città.

La cucina[modifica]

In Kazakistan potete trovare tutti i piatti che desiderate, ma i piatti cinesi e giapponesi sono molto costosi. Il più delizioso è il caviale, che è molto economico, ad Almaty presso il bazar Zyeloniy potete comprare 1 chilo di caviale per meno di 300 dollari USA, ma non potete esportarlo o portarlo a casa; sarete fermati all'aeroporto e pagherete multe salate.

Mangiare fuori è relativamente economico; in pratica ordinate il piatto di carne e poi aggiungete riso, patate, ecc. Ogni elemento ha un prezzo individuale, quindi potete ordinare solo carne o solo riso. I prezzi sono relativamente economici, contano 500 tenge per pollo, 1.000 tenge per manzo e fino a 1.500 tenge per cavallo, una prelibatezza locale. Certo, più il ristorante è amato, più è alto il prezzo. Se non parlate russo, le cose possono essere relativamente difficili in quanto la maggior parte dei ristoranti non ha menu in inglese (ad eccezione di alcuni posti ad Almaty).

Anche se i kazaki non sono molto religiosi, la maggior parte non mangia carne di maiale. Siate consapevoli di questo se state cenando con i kazaki o programmando una cena a casa. Anche molti piatti che vengono fatti con carne di maiale (come gnocchi o salsiccia) sono fatti con carne di manzo o montone.

Bevande[modifica]

Il Kumys sembra latte normale (questo marchio proviene dalla Russia)

Le bevande tradizionali includono:

  • Kumiss - latte di cavalla fermentato, fino al 6% di alcol. Immaginate una limonata crostata, mescolata con latte semi-acido.
  • Kumyran (Shubat) - latte di cammello fermentato
  • Kvas - descritto come simile alla birra può essere acquistato in una bottiglia in un negozio, o dalla tazza di persone con giganteschi serbatoi giallastri sulla strada.
  • Tan - Bevanda gassata a base di latte di cavalla.
  • Vino - Provate la varietà locale. Si può avere uno buono per meno di 4 dollari a bottiglia. "Bibigul" è forse il vino più buono, e si presenta in un bianco semi-secco rosso o semisecco. Evitate di bere vino nei ristoranti. Di solito è molto costoso.
  • Vodka - Buona vodka a US $ 8-10 per bottiglia. Nei ristoranti che di solito non si rivolgono agli stranieri ottienete 20 Cl se ordinate una vodka, porzioni più piccole non disponibili. Acquistate una bottiglia di vodka "Kazakistan". È in una bella bottiglia con una foto della caccia kazaka con il falco visto attraverso una "finestra". Prova la vodka Edil, che è fatta con il pantacrene delle corna di cervo locali.

Bevande alcoliche a buon mercato si possono trovare in ogni piccolo negozio d'angolo (chiamato astanovka). Questi posti sono aperti 24 ore su 24, bussate alla loro porta se il negoziante è addormentato. La specialità del Kazakistan è il cognac, anche se a volte i negozi vendono ancora vodka più economica dell'acqua in bottiglia. Tuttavia, alcuni di questi astanovka vendono a volte alcolici di dubbia provenienza; per essere sicuri comprate la vostra bevanda in un supermercato, anche se il prezzo sarà sicuramente più alto.

Diverse marche di birra, di buona qualità e sapore, sono prodotte a Karaganda. Becker, Staut, Tian-Shan, Derbes, Irbis, Alma-Ata. Le marche locali prodotte ad Almaty sono piuttosto buone.

I succhi, nei cartoni, sono comuni e deliziosi, specialmente il succo di pesca.

Il tè è ampiamente disponibile, per lo più molto buono e spesso abbastanza forte. Se avete un budget limitato, è la cosa da ordinare con il cibo. Il tè è culturalmente importante in Kazakistan - il tempo "shai" è una delle cose più importanti che un visitatore può intraprendere per conoscere la cultura. Ci sono dei caffè moderni e caffè in stile occidentale. La qualità della bevanda in genere è buona. Coffeedelia (Kabanbai batyr e Furmanov) è popolare tra gli espatriati. Uno dei migliori caffè di Almaty può essere trovato al caffè 4A dove si tosta quotidianamente.


Infrastrutture turistiche[modifica]

Ci sono numerosi hotel, da quelli molto economici (€ 10 a notte) a quelli di lusso. Non troverete i più economici sul web; l'unico modo per prenotarli è chiamare direttamente, ma in tal caso dovrete parlare almeno il russo.

I campeggi sono rari, tranne a Burabay/Borovoe. Tuttavia, potete accamparvi quasi ovunque a causa degli enormi punti disabitati. Lo scenario è bellissimo ma a causa del clima molto caldo: non dimenticate di portare molta acqua, poiché potete facilmente passare molti giorni senza vedere nessuno. Se vi accampate vicino a una tribù nomade, chiedete il permesso di stare vicino; non vi sarà rifiutato.

Eventi e feste[modifica]

Festività nazionali[modifica]

Data Festività Note
1 gennaio Capodanno Festività internazionale
7 gennaio Natale ortodosso russoFesteggiato dalle comunità russe
8 marzo Festa delle Donne
21 marzoNauryz capodanno della tradizione persiana
1 maggioFesta dell'Unità
9 maggio Festa della vittoriaCelebra la vittoria sulle forze d'occupazione tedesche nella II guerra mondiale.
30 agosto Festa della costituzione
25 ottobre Festa della Repubblica
1 dicembre Festa del primo presidenteIstituita dall'ex presidente Nazarbajev per celebrare il passaggio del Kazakistan a repubblica presidenziale nel 1995.
16 dicembre Festa dell'Indipendenza


Sicurezza[modifica]

Numeri di emergenza

Numero d’emergenza: 112
Polizia: 102
Ambulanza: 103
Pompieri: 101

Se si ha una valida esperienza di viaggi avventurosi, si dispone di una buona dose di buon senso e si conosce il russo, il turco o meglio ancora il kazako, visitare il Kazakistan potrebbe rivelarsi un'impresa non ardua. Se si è sprovvisti di tali doti è preferibile rivolgersi ad agenzie qualificate soprattutto se si viaggia a scopi di svago, soprattutto se è la prima volta che si visita il paese. Solo in seguito è possibile sperare di muoversi in forma individuale e a proprio piacimento.

Tra le agenzie locali segnaliamo la Asia Discovery che opera nell'area di Almaty con l'avvertenza che le informazioni di Wikivoyage non sono aggiornate e un cambio di gestione all'interno dell'agenzia potrebbe pregiudicarne l'affidabilità. Altre agenzie da contattare sempre con le dovute precauzioni sono Tour Asia e Sky Eagle. Se conoscete il russo e volete comunque l'appoggio di una guida potreste rivolgervi all'agenzia Yassawi

Il Kazakistan è un paese in cui la popolazione ha una lunga storia di interazione sociale equilibrata, armoniosa, multietnica, per cui sia gli ospiti che i locali vengono trattati con rispetto durante la vita di tutti i giorni, con alcune eccezioni (descritte di seguito in maggior dettaglio). I visitatori potranno sperimentare l'ospitalità e il calore in questo incantevole paese. Tuttavia, la sicurezza personale può variare da molto sicura a relativamente poco sicura a seconda della posizione, dell'ora del giorno, delle circostanze e del comportamento personale. A differenza di altri paesi dell'ex Unione Sovietica, i neri, i sud asiatici e i mediorientali dovrebbero sentirsi a proprio agio.

Generalmente, le città kazake sono sicure durante il giorno, ma alcune parti delle grandi città dovrebbero essere evitate di notte per ridurre il rischio (ad esempio (i) tutte le parti di Almaty sotto Tashkentskaya street e tutte le aree microdistrettuali all'interno di queste zone, alcuni altri microdistretti remoti, e aree con alte concentrazioni di case private squallide (come Shanyrak), nelle città più piccole, ad esempio Taraz, Balkhash, Shymkent, Taldykorgan, Uralsk, Semey e Ust-Kamenogorsk, uscire di notte non dovrebbe rappresentare un rischio significativo, si verificano problemi in tutte le città più piccole come Shar, Stepnogorsk e Temirtau, per cui possono presentarsi dei rischio più elevati di aggressione e crimine violento.

Sebbene illegale, sfortunatamente la prostituzione è diventata diffusa in molte grandi città negli ultimi tempi. Di solito le prostitute lavorano in alberghi, night club o saune. Inoltre, i giornali classificati locali hanno in genere un'intera sezione dedicata ai servizi di escort. Molte lavoratrici del sesso in Kazakistan provengono in realtà da paesi confinanti economicamente meno sviluppati come l'Uzbekistan, il Kirghizistan e il Tagikistan.

Tenete sempre con voi il passaporto (o una copia certificata del tuo passaporto e il visto). Sebbene la situazione sia migliorata ultimamente, la polizia potrebbe ancora tentare di estorcere denaro agli stranieri, specialmente sui treni e sugli autobus a lunga percorrenza. A meno che gli ufficiali coinvolti non siano ubriachi, è possibile evitare di pagarli fingendo di non capire o rivendicando povertà. In generale è sempre meglio mantenersi calmi e cortesi durante eventuali controlli da parte della polizia, anche per non creare situazioni di sospetto o possibili scuse che possano sfociare in complicazioni.

Il rischio di reati violenti è paragonabile ai paesi dell'Europa orientale e alle parti più aspre delle principali città degli Stati Uniti. Un turista ordinario non dovrebbe subire alcun crimine violento ed è improbabile che possa essere bersaglio di reati minori, se il suo comportamento rimane entro le norme generalmente accettate nei luoghi pubblici.

L'eccessivo consumo di alcol e la visita a un locale notturno presentano sempre un rischio maggiore, soprattutto se una persona esce da sola. È consigliabile uscire in gruppo o, meglio ancora, con gente del posto. A tarda notte, le persone che parlano lingue straniere possono ricevere un'attenzione particolare da parte della polizia locale, che è stata accusata di creare falsi pretesti di reati minori, arrestando e tentando di far pagar una multa di 1.000-5.000 tenge in contanti. I telefoni cellulari funzionano nella maggior parte dei luoghi e dovrebbero essere usati per chiamare un amico che parla la lingua locale.

Portare telefoni costosi, orologi e gioielli; o altrimenti mostrare la ricchezza in pubblico può portare ad una maggiore attenzione da parte dei borseggiatori e di potenziali criminali. Fuori da Almaty e Nur-Sultan, questo dovrebbe essere evitato.

C'è tolleranza zero per qualsiasi tipo di droga, e semplici tracce possono portare a indagini penali, processi e condanne a una pena detentiva. Le carceri sono conosciute per essere pericolose e spesso inumane.

La guida pericolosa e in condizioni di ubriachezza è un problema. È sempre consigliabile rispettare le regole del traffico e indossare le cinture di sicurezza. Nella maggior parte delle città, l'utilizzo dei taxi locali può comportare un rischio maggiore rispetto ai trasporti pubblici ufficiali a causa di molti taxi che operano senza licenza con conducenti incompetenti. Le situazioni di tassisti senza licenza che richiedono costi aggiuntivi prima di scaricare i bagagli dal bagagliaio o di partire e rubare i bagagli sono più comuni di quanto ci si aspetterebbe nelle città occidentali con un settore ben regolamentato. È consigliabile tenere gli oggetti di valore e il passaporto in tasca e la borsa più preziosa sulle ginocchia. I trasporti pubblici e i taxi sono molto meno costosi rispetto alle città occidentali.

I kazaki hanno più orgoglio di quanto la maggior parte degli occidentali si aspetterebbe. Pertanto, commenti offensivi o negativi sul Kazakistan o sul popolo kazako locale spesso si traducono in argomentazioni e possibili minacce di violenza fisica. Non è consigliabile entrare in discussione con la gente del posto, poiché il Kazakistan è una nazione in cui il potere fisico fa parte della cultura locale e può occasionalmente portare a un argomento fatale. Non associare in nessun caso il paese del Kazakistan con il personaggio Borat. Ci sono stati casi di violenza contro lavoratori stranieri nel Kazakistan occidentale. Un campo abitativo di lavoratori turchi è stato distrutto, con molti operai aggrediti, a causa della rabbia per gli stranieri che assumevano posti di lavoro locali e un presunto stupro di una donna del posto.

Le principali organizzazioni criminali sono attive nella valle di Shu, tra Taraz e Almaty. Gli abitanti del posto riferiscono ampiamente di presenza poliziesca e la polizia corrotta è nota per lasciare droga sia ai visitatori locali che a quelli stranieri.

Fate attenzione alle intossicazioni alimentari da venditori nelle città più piccole. Ad Astana, i caffè completamente legittimi possono includere droghe più leggere nel menu delle bevande. Un equivoco può far sì che il viaggiatore incauto abbia molti di più problemi di quanto non abbia voluto.

È prudente stipulare un'assicurazione sanitaria prima di partire per il Kazakistan.

Il nord del Kazakistan congela tra novembre e marzo e le temperature possono occasionalmente scendere sotto i -40 °C pertanto bisogna vestirsi adeguatamente.

La regione di Semipalatinsk (Semey) fu teatro di intensi test nucleari durante l'era sovietica. Il livello di radioattività in questa regione è ancora molto alto, quindi dovreste stare attenti ed evitare di mangiare prodotti locali o bere acqua contaminata.

Situazione sanitaria[modifica]

L'acqua municipale è più o meno potabile, ma è sempre meglio bollirla. L'acqua in bottiglia è economica e facilmente reperibile. Nei ristoranti, chiedi espressamente "Sary-Agash" (marchio Asem-Ai) o Borjomi. Molti altri marchi d'acqua noti si trovano nei ristoranti e nei supermercati.

Ad Almaty e Astana ci sono cliniche private con standard occidentali e livelli di prezzo corrispondenti. Altrimenti, i policlinici e i centri medici sono in pessime condizioni. Gli stranieri sono considerati solo pagando adeguatamente.

Nelle farmacie ottenete praticamente tutti i farmaci da banco, compresi gli antibiotici. Le medicine provengono da diversi paesi (Germania, USA, Repubblica Ceca, Romania, Russia ecc.) E sono spesso inefficaci. Il kit di primo soccorso personale dovrebbe essere decisamente contro la diarrea, l'angina (purtroppo sottovalutata troppo spesso). Inoltre, si consiglia di utilizzare siringhe sterili, per l'eventuale ricovero in ospedale, in modo da non contrarre l'AIDS o altre malattie, bende, compresse, cerotti, ecc.

Sul sito di test nucleari (50° 7'N 78° 43' E) a circa 150 km ad est di Semei (Semipalatinsk) vicino a Kurchatow , numerosi test nucleari sono stati effettuati tra il 1949 e il 1989. Il sito e i suoi dintorni sono quindi classificati come radioattivi. Sebbene sia ancora un'area riservata, è parzialmente utilizzata per l'agricoltura ed è liberamente accessibile. Pertanto, in questa regione si dovrebbe rinunciare al consumo di latticini, uova, funghi e simili.

Rispettare le usanze[modifica]

Ramadan
Il Ramadan è il nono e più sacro mese del calendario islamico e dura 29-30 giorni. I musulmani digiunano ogni giorno lungo la sua durata e la maggior parte dei ristoranti resterà chiusa fino al crepuscolo. Niente (compresa l'acqua e sigarette) dovrebbe passare attraverso le labbra dall'alba al tramonto. Gli stranieri, i viaggiatori, ed altri sono esenti da questo, ma dovrebbero comunque astenersi dal mangiare o bere in pubblico in quanto questo è considerato molto maleducato. Le ore di lavoro diminuiscono anche nel mondo aziendale. Le date esatte del Ramadan dipendono da osservazioni astronomiche locali e possono variare da Paese a Paese. Il Ramadan si conclude con la festa di Eid al-Fitr, che può durare diversi giorni, di solito tre nella maggior parte dei Paesi.
  • 6 maggio – 3 giugno 2019 (1440 AH)
  • 24 aprile – 23 maggio 2020 (1441 AH)
  • 13 aprile – 12 maggio 2021 (1442 AH)
  • 2 aprile – 1 maggio 2022 (1443 AH)
  • 23 marzo – 20 aprile 2023 (1444 AH)

Se avete in programma di viaggiare in Kazakistan durante il Ramadan, prendere in considerazione la lettura dell'articolo Viaggiare durante il Ramadan.

Un uomo straniero che stuzzica una donna locale per le strade o in una discoteca può attirare l'attenzione indesiderata della gente del posto o può portare a discussioni. Anche il semplice fatto di uscire con una donna del posto, senza mostrare alcun atteggiamento particolare può indurre gli uomini del posto a battute o sguardi infastiditi.

La normale attenzione e il rispetto comune per donne e bambini, incluso un sorriso o un saluto gentile, possono essere considerati minacciosi o offensivi da un marito o un padre locale.

Nei mezzi pubblici come gli autobus i kazaki tendono a non rispettare molto le distanze rispetto il passeggero a fianco, spesso infatti siedono in una modalità che invade lo spazio vitale altrui: mantengono le gambe o i gomiti larghi. Per non affrontare viaggi molto scomodi non fatevi scrupoli nel cercare di guadagnare i vostri spazi spingendo un po’ la persona a fianco. In questo paese funziona così.

Così come avviene in Giappone e in molti paesi orientali, i kazaki quando sono raffreddati tendono a coprirsi la bocca con una maschera per evitare di contagiare gli altri.

Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Le lettere e il servizio pacchi sono forniti da Kazpost.

Telefonia[modifica]

Ci sono tre operatori mobili: KCell (Kazakhtelecom), Beeline (solo in russo e kazako) e Tele2. Questi ultimi sono i più economici ma hanno la minore copertura fuori dalle città. Molti viaggiatori consigliano Beeline in quanto più economica rispetto gli altri. Tuttavia i prezzi sono molto convenienti rispetto a quelli occidentali. Dall'aeroporto di Almaty non sono presenti negozi per l'acquisto di Sim card, ciò significa che sarà necessario acquistarla in uno dei rivenditori in città.

Nelle città sono anche presenti dei display chiamati QIWI che permettono di gestire la propria Sim card.

Internet[modifica]

Internet è fornito da Kazachtelecom (Қазақтелеком). Numerose pagine web, in particolare i blog, sono bloccati. I siti .kz devono essere conservati sui server nel paese.

Internet Mobile (4G) è attualmente disponibile solo ad Astana e Nur-Sultan offerti da Altel. L'accesso 3G è disponibile da tutti gli operatori mobili.

È possibile noleggiare in aeroporto un dispositivo wifi e lasciarlo semore in aeroporto alla propria partenza. Lo si può prenotare tramite il sito tuttavia i costi sono elevati (quasi 3 $ al giorno e 1 Gb al giorno) rispetto all'acquisto di una SIM che abbia internet.

Tenersi informati[modifica]


Altri progetti

Asia
AsiaContour coloured.svg Afghanistan · Arabia Saudita · Armenia · Azerbaigian · Bahrain · Bangladesh · Bhutan · Birmania · Brunei · Cambogia · Cina · Corea del Nord · Corea del Sud · Emirati Arabi Uniti · Filippine · Georgia · Giappone · Giordania · India · Indonesia · Iran · Iraq · Israele · Kazakistan · Kirghizistan · Kuwait · Laos · Libano · Maldive · Malesia · Mongolia · Nepal · Oman · Pakistan · Qatar · Russia · Singapore · Siria · Sri Lanka · Stato di Palestina · Tagikistan · Taiwan · Thailandia · Timor Est · Turchia · Turkmenistan · Uzbekistan · Vietnam · Yemen