Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Europa centrale > Germania > Germania meridionale > Baviera > Alta Baviera > Monaco di Baviera

Monaco di Baviera

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Monaco di Baviera
München
Frauenkirche
Stemma e Bandiera
Monaco di Baviera - Stemma
Monaco di Baviera - Bandiera
Stato
Stato federato
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Germania
Monaco di Baviera
Monaco di Baviera
Sito istituzionale

Monaco è la capitale della Baviera, il più esteso dei 16 "Länder" che compongono la Repubblica Federale Tedesca.

Da sapere[modifica]

Carillon al nº 15 di Sendlinger Straße

Monaco è situata sulle rive dell'Isar, fiume che ghiaccia nei mesi invernali.

Se chiedete ad un tedesco in quale città del suo paese gli piacerebbe vivere, molto probabilmente la risposta sarà "Monaco". Tra le ragioni di questa preferenza sono da includere il carattere cordiale degli abitanti (la cultura della birra ne è una prova), l’atmosfera calda della città che ha conservato il carattere rococò e barocco del passato, i dintorni verdissimi e infine le facili comunicazioni con i paesi vicini: l'Austria e le sue Alpi, L'Italia e i suoi litorali sono facilmente raggiungibili in treno, in autostrada o con voli economici di poche ore. Questi sono i pregi ma ci sono anche alcuni piccoli nei da considerare:

Monaco è una delle città più care della Germania.
I Bavaresi sono molto conservatori di mentalità, quasi dei reazionari (anche se tradizionalmente Monaco è retta da un consiglio comunale socialdemocratico). Familiarizzare con loro può essere duro soprattutto se si adotta una moda appena un po’ stravagante: così indossare blue jeans strappati può provocare disapprovazione che in genere si manifesta con un’alzata di sopracciglia.

Monaco è una città delle arti e delle scienze. Nel XVIII e XIX secolo tutti i sovrani avvicendatisi sul trono di Baviera si sono dati da fare per abbellire la città. Furono anche dei grandi mecenati, protettori di artisti famosi. Il richiamo culturale di Monaco non cessò con l'annessione della Baviera all'impero di Germania: Leo von Klenze, Franz von Lenbach, Wassily Kandinsky e gli altri artisti della scuola espressionista del Blaue Reiter operarono a Monaco. Gli scrittori Thomas Mann e leone Feuchtwanger vissero a Monaco finché i Nazisti non ne decretarono l'espulsione a causa della loro arte considerata "degenerata". Questa tradizione di Monaco come centro della cultura continua anche ai nostri giorni: La città è sede di una famosa Università e di un'apprezzata scuola di cinematografia. Gli abitanti si Monaco vorrebbero che il visitatore si ricordasse di tutto questo e non collegasse la loro città semplicemente all'Oktoberfest che suona alquanto riduttivo.

Cenni storici[modifica]

Nel 1632 la città fu occupata dalle truppe di Gustavo II Adolfo di Svezia, durante la guerra dei Trent'anni e successivamente 1705 fu sottomessa agli Asburgo per alcuni anni. Nel 1759 venne fondata la prima istituzione accademica bavarese. Nel 1806 divenne capitale del nuovo regno di Baviera e furono costruiti i palazzi del parlamento e dell'Arcidiocesi di Monaco e Frisinga. Vent'anni più tardi l'Università della Baviera si insediò nella nuova sede cittadina. Molti degli edifici e delle piazze più belle di questo periodo sono stati costruiti durante i regni di Ludovico I e Massimiliano II, come la Ruhmeshalle o molti palazzi della Ludwigstraße e del Königsplatz (opere degli architetti Leo von Klenze e Friedrich von Gärtner) e la statua della Baviera di Ludwig Michael von Schwanthaler. Nel 1882 a Monaco fu introdotta la luce elettrica e la città ospitò nello stesso anno la prima fiera dell'elettricità in Germania[4]. Diciannove anni più tardi venne aperto lo zoo Tierpark Hellabrunn.

Dopo la prima guerra mondiale la città fu preda e covo di inquietudini sociali e politiche. Nel novembre del 1918 i comunisti presero il potere fondando la Repubblica Sovietica di Monaco (Münchner Räterepublik) che venne però rovesciata il 3 maggio 1919 dai Freikorps, alcuni dei quali furono successivamente arruolati da Adolf Hitler e dal Nazismo. Nel 1923 Hitler ed i suoi sostenitori, che si erano riuniti a Monaco, effettuarono il Bierhallenputsch (o Hitlerputsch), un tentativo di spodestare la Repubblica di Weimar e di dare la giusta dimensione al loro potere. La rivolta fallì e costò al fanatico ideologo un arresto e la messa al bando del neonato partito nazista, che era sconosciuto al di fuori di Monaco.

Tuttavia la città divenne una roccaforte nazista una volta che Hitler prese il potere in Germania, nel 1933 e fu indispensabile per l'ascesa del Nazismo, tanto da essere chiamata dai nazisti stessi Hauptstadt der Bewegung ("capitale del movimento"). Il quartier generale del NSDAP fu stabilito a Monaco e costruito, assieme ad altri edifici utili al partito, a Königsplatz; molti di questi edifici quali sono tutt'ora esistenti. Nel 1939 Monaco fu teatro del fallimento di Georg Elser nel tentativo di assassinare Hitler mentre arringava la folla col suo discorso annuale per commemorare il Putsch della birreria nel Bürgerbräukeller. Monaco fu inoltre la città dove nacque la "Rosa Bianca" (in tedesco Die Weiße Rose), formata da un gruppo di studenti che si costituirono in un movimento di resistenza al nazismo dal giugno 1942 al febbraio 1943, quando il nucleo del gruppo venne arrestato ed ucciso dopo la distribuzione di volantini all'Università di Monaco da parte di Hans e Sophie Scholl. Monaco di Baviera fu molto danneggiata dai bombardamenti alleati durante la seconda guerra mondiale. Dopo la liberazione americana, il 30 maggio 1945, la città fu in gran parte ricostruita con un meticoloso lavoro tendente a restituire la stessa fisionomia a strade e palazzi rispetto alla situazione pre-bellica. Nel 1972 Monaco ospitò la XX edizione delle Olimpiadi, tristemente famosa per il massacro di undici atleti israeliani da parte di terroristi palestinesi. Nel 1974 fu sede di molte partite dei Mondiali tenutisi in Germania Ovest. A trentadue anni di distanza ha ospitato ancora le partite della stessa competizione, nel corso dei mondiali di Germania 2006.

Come orientarsi[modifica]

Monaco di Baviera è divisa in 25 distretti amministrativi. Tuttavia, tali distretti non riflettono necessariamente divisioni storiche e interconnessioni tra i quartieri quindi non hanno rilevanza per i viaggiatori. Pertanto, i distretti forniti qui di seguito descrivono aree turistiche anziché amministrative. La maggior parte delle principali attrazioni di Monaco si trovano nel centro città e in Maxvorstadt. I distretti di Ludwigsvorstadt-Isarvorstadt e Haidhausen sono i principali fulcri della vita notturna. Le altre aree, per lo più residenziali, presentano alcune gemme nascoste che valgono sicuramente una visita.

Quartieri[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Altstadt-Lehel (centro di Monaco) — Il centro città con una zona pedonale che è adibita a centro dello shopping. La maggior parte dei più famosi luoghi turistici di Monaco di Baviera è nei dintorni di Marienplatz. In genere per "Centro di Monaco" si intende la parte racchiusa entro le antiche mura di cui rimangono tratti ancora visibili e il viale Altstadtring che forma un anello intorno al centro. Molto importanti sono i punti di Stachus, Isartor e Sendlingertor (tutti serviti da stazioni della metropolitana U-Bahn/S-Bahn). Il centro di Monaco propriamente detto è costituito da Karlsplatz, chiamata anche "Stachus" dai suoi abitanti e dalla zona pedonale riservata alla shopping che conduce a Marienplatz, molto amata dai turisti. Nel Centro vengono normalmente incluse le aree adiacenti alle due piazze.
      Maxvorstadt (zona universitaria) — Il cervello pensante di Monaco con una rilassate atmosfera studentesca, che ospita la maggior parte delle attrazioni che si trovano al di fuori del centro città, tra cui la Pinacoteca (galleria di fama mondiale), insieme ad accoglienti bar e di diverse università. Maxvorstadt è una zona piacevole e alla moda appena oltre "Ludwig-Maximilian", la famosa università. Il distretto è servita dalle linee blu e arancione della metro con le fermate "Universität" e "Münchener Freiheit". È una zona di shopping molto costosa con innumerevoli bar e ristoranti etnici.
      Ludwigsvorstadt-Isarvorstadt — Zona per la vita notturna immediatamente a sud del centro, sede di numerosi caffè, ristoranti, bar, club e teatri, alberghi e pensioni, la stazione centrale di Monaco, l'area dell'Oktoberfest e ultimo, ma non meno importante, il Deutsches Museum, il più grande museo della scienza e dell'ingegneria al mondo e il fulcro della cultura gay di Monaco di Baviera.
      Au-Haidhausen — Dintorni della stazione est di Monaco di Baviera e il Kultfabrik & Optimolwerke: la più grande area d'Europa che ogni fine settimana attira decine di migliaia di persone.
      Monaco nord — L'area nord di Monaco è piena di parchi, giardini e aree relax. Comprende il quartiere di Schwabing, dominato da architettura del 19° secolo e il famoso Giardino Inglese, il parco e il palazzo di Nymphenburg, l'Olympiagelände (sede dei Giochi Olimpici del 1972) con il BMW Welt e l'Allianz Arena nell'estremo nord. Schwabing, con il vicino quartiere di Maxvorstadt, è sempre stato un posto molto ricercato e non è difficile immaginare; basti dare un'occhiata ai suoi viali con tre filari di alberi. Neuhausen & Nymphenburg sono due dei quartieri più rilassanti di Monaco tali che, appena ci si mette piede, ci si dimentica subito di essere in una città con un numero di abitanti oltre il milione.
      Monaco est — Una zona prevalentemente residenziale, con un elegante quartiere a nord, un quartiere operaio a sud, lo zoo di Monaco di Baviera e le spiagge Flaucher lungo il lato est del fiume Isar. Gli spazi della fiera Internazionale di Monaco si trovano 13 km dal centro e sono serviti dalla linea U2 della metro che vi fa capolinea (fermata Messestadt-Ost).
      Monaco sudovest — Area scarsamente popolata a ovest e zona prevalentemente residenziale a sud, le cui principali attrazioni sono le isole Flaucher nel fiume Isar e castello di Blutenburg.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'aeroporto di Monaco di Baviera

L'aeroporto è situato a nord-est di Monaco. L'enorme espansione del traffico aereo da e per Monaco richiede che i viaggiatori si presentino almeno due ore prima dell'imbarco. I tempi di attesa sono in genere lunghi e si formano code di una certa consistenza. L'aeroporto è collegato alla stazione centrale da treni della S-Bahn (linee S1 o S8). Una corsa semplice costa €8.80 e il tragitto si compie in 30-40 minuti. Si seguito un elenco di linee aere che al 2009 effettuavano voli dall'Italia:

In auto[modifica]

L'itinerario E45 è quello comunemente seguito dagli Italiani diretti a Monaco. Si percorre l'autostrada del Brennero fino ai confini e si raggiunge quindi Innsbruck in Austria per poi proseguire fino a Monaco. Il consiglio è quello di lasciare la propria auto in un parcheggio e di servirsi dei mezzi pubblici particolarmente efficienti


Per chi desidera arrivare a Monaco di Baviera in modo economico, può optare per il Car Pooling.

In treno[modifica]

  • 3 Stazione di Monaco di Baviera Centrale (München Hbf) (situata nel settore ovest del centro appena due fermate metro (S-Bahn) da Marienplatz.). La maggior parte delle città europee compresa Roma sono collegate a Monaco di Baviera da treni internazionali che partono in genere la sera. Hauptbahnhof è la stazione principale di Monaco.
La stazione ferroviaria è dotata di parecchi servizi di accoglienza per il viaggiatore compresi uffici di informazione turistica e di prenotazione alberghiera. Gli alberghi meno cari si trovano in quest'area. Da Monaco è facile raggiungere qualsiasi altro centro della Germania con i treni della Deutsche Bahn ed anche molte città di paesi limitrofi (Austria, Svizzera e Repubblica Ceca). Stazione di Monaco di Baviera Centrale su Wikipedia stazione di Monaco di Baviera Centrale (Q254647) su Wikidata

In autobus[modifica]


Come spostarsi[modifica]

Monaco è facile da percorrere a piedi o in bicicletta, essendo completamente piatta con un'unica piccola altura.

Con mezzi pubblici[modifica]

Per un turista il miglior modo per spostarsi in città è offerto da tram e autobus. La metropolitana è veloce ma, essendo sotterranea, non permette di vedere le attrazioni della città. Sobborghi e dintorni si visitano con i treni suburbani della S-Bahn, segnalati da una "S" bianca su fondo verde.

Esistono biglietti giornalieri, settimanali e per gruppi. Le stazioni della metro (U-Bahn) sono segnalate da una lettera "U" maiuscola di colore bianco su un fondo blu.

L'idea migliore, appena scesi dall'aereo è quella di comprare un biglietto giornaliero valido per l'intera rete (Gesamtnetz). Se si rimane a Monaco per più di tre giorni, allora può esser conveniente acquistare una carta settimanale.

In bicicletta[modifica]

La bicicletta è un altro ottimo mezzo per visitare la città. I percorsi ciclabili ammontano a più di 200 km e poi non bisogna dimenticare che a Monaco non ci sono alture di rilievo. Le biciclette possono essere noleggiate presso "Call a Bike", un servizio gestito da "Deutsche Bahn", le ferrovie tedesche.

Cosa vedere[modifica]

Chinesischer Turm
Il castello di Nymphenburg
Ludwigskirche
Siegestor
  • 1 Municipio vecchio (Altes Rathaus), Marienplatz 15. Municipio Vecchio (Monaco di Baviera) su Wikipedia Altes Rathaus (Q439458) su Wikidata
  • 2 Peterskirche (Chiesa di San Pietro). Chiesa di San Pietro (Monaco di Baviera) su Wikipedia chiesa di San Pietro (Q707645) su Wikidata
  • 3 Heilig-Geist-Kirche (Chiesa dello Spirito Santo). Chiesa dello Spirito Santo (Monaco di Baviera) su Wikipedia chiesa dello Spirito Santo (Q251087) su Wikidata
  • 4 Bier- und Oktoberfestmuseum (Museo della birra e dell'Oktoberfest), Sterneckerstraße 2 (Linea metro U3 o U6, fermata Marienplatz), +49 089 242316 07, fax: +49 089 242316 08, @ . Ecb copyright.svg Adulti 4 €; ridotto 2,50 €. Simple icon time.svg Mar-Sab 13:00-18:00. Sito nella più antica casa della città, ospita strumenti, documenti, foto e disegni d'epoca legati alla storia della birra. Beer and Oktoberfest Museum (Q857725) su Wikidata
  • 5 Jüdisches Museum München (Museo ebraico), St.-Jakobs-Platz 16, +49 089 233 96096, fax: +49 089 233 28040, @ . Ecb copyright.svg Adulti 6 €; ridotto 3 €. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00. Fornisce un approfondimento sulla storia degli Ebrei di Monaco di Baviera. Fa parte del complesso del nuovo Centro ebraico sito a St.-Jakobs-Platz. Museo ebraico (Monaco di Baviera) su Wikipedia Museo ebraico di Monaco di Baviera (Q320903) su Wikidata
  • 6 Deutsches Museum (Museo della scienza e tecnica), Museumsinsel 1, +49 089 21791, fax: +49 089 2179324. Ecb copyright.svg Adulti €8,50; scolari/studenti €3. Simple icon time.svg Apertura 9:00-17:00. Situato su un'isola sul fiume Isar, è uno dei più grandi musei al mondo dedicati alla tecnica. Deutsches Museum su Wikipedia Deutsches Museum (Q131617) su Wikidata
  • 7 Glyptothek (Gliptoteca), Königsplatz, +49 089 286100, @ . Ecb copyright.svg Intero 3,50 €; ridotto 2,50 €; domenica 1 €. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-17:00; Gio 10:00-20:00. Ospita sculture, mosaici e rilievi dell'epoca classica, partendo dall'epoca greco-arcaica (ca. 650 a.C.) per finire a quella tardo-romana (ca. 400). Gliptoteca (Monaco di Baviera) su Wikipedia Gliptoteca (Q162077) su Wikidata
  • 8 Alpines Museum (Museo delle Alpi), Praterinsel 5 (Linea tramviaria 18, fermata Mariannenplatz; linea metro U4 o U5, fermata Lehel), +49 089 2112240, fax: +49 089 21122440, @ . Ecb copyright.svg Adulti 4,50 €; ridotto 3 €. Simple icon time.svg Mar-Ven 13:00-18:00; Sab-Dom 11:00-18:00. Il museo illustra gli aspetti scientifici ed artistici delle Alpi. Museo delle Alpi (Monaco di Baviera) su Wikipedia Museo delle Alpi (Q520455) su Wikidata
  • 9 Museo di Stato dell'Arte Egizia (Staatliches Museum Ägyptischer Kunst), Arcisstraße 16 (Linee tramviarie 27 e 28, fermate Pinakotheken o Karolinenplatz; linea metro U2, fermata Königsplatz), +49 089 2892763, @ . Ecb copyright.svg Ingresso gratis per tutti le domeniche. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00. Vengono esposti oggetti di tutti i periodi egiziani, dal 3000 a.C. al 400 d.C. Staatliches Museum Ägyptischer Kunst su Wikipedia Staatliches Museum Ägyptischer Kunst (Q464872) su Wikidata
  • 10 Städtische Galerie im Lenbachhaus (Galleria Lenbachhaus), Luisenstraße 33, +49 089 23332000, fax: +49 089 23332003, @ . Ecb copyright.svg Normale 10 €; ridotto 5 €. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00. Ospita opere di Kandinsky e di altri esponenti dell'Espressionismo tedesco. Lenbachhaus su Wikipedia Lenbachhaus (Q262234) su Wikidata
  • Campo di concentramento di Dachau. La visita del campo di Dachau può essere un'esperienza da shock e non è consigliabile portarsi appresso i bambini.
  • 11 BMW-Museum (Museo della BMW), Am Olympiapark 2 (Linea metro U3, fermata Olympia Zentrum), +49 089 125016001, fax: +49 089 125016009. Ecb copyright.svg Intero 9 €; ridotto 6 €. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00. Ospitato presso la sede della BMW, tratta la storia della storica casa automobilistica bavarese. Museo BMW su Wikipedia Museo BMW (Q703212) su Wikidata
  • 12 Alte Pinakothek (Vecchia pinacoteca), Barer Straße 27, Eingang Theresienstraße, +49 089 23805216. Ecb copyright.svg Intero 9 €; ridotto 6 €; domenica rispettivamente 3 € e 2 €. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00; Mar 10:00-20:00. Raccoglie pitture a carattere religioso dal XV al XVIII secolo. Alte Pinakothek su Wikipedia Alte Pinakothek (Q154568) su Wikidata
  • 13 Neue Pinakothek (Nuova pinacoteca), Barer Straße 29, Eingang Theresienstraße, +49 089 23805-195. Ecb copyright.svg Intero 7 €; ridotto 5 €; domenica 1 €. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00; Mer 10:00-20:00. Raccoglie opere legate all'Impressionismo e all'Espressionismo. Neue Pinakothek su Wikipedia Neue Pinakothek (Q170152) su Wikidata
  • 14 Pinakothek der Moderne (Pinacoteca moderna), Barer Straße 40, +49 089 23805360. Ecb copyright.svg Intero 10 €; ridotto 7 €; domenica 1 €. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00; Gio 10:00-20:00. Raccoglie, come indica il nome, opere di correnti d'avanguardia del XX secolo. Pinakothek der Moderne su Wikipedia Pinakothek der Moderne (Q250195) su Wikidata
  • Statua della Baviera, Theresienhöhe 16 (Linea metro U4 o U5, fermata Theresienwiese), +49 089 290671. Ecb copyright.svg Intero €3,00; ridotto €2,00. Si tratta di una statua di 20 m d'altezza. Possibilità di salire fino alla testa della statua dove è stata allestita una piccola piattaforma panoramica.


Torri panoramiche[modifica]

  • 15 Olympiaturm. La torre della TV ha un'altezza di 291 metri. A 182 metri c'è il ristorante e poco più su la piattaforma panoramica. Olympiaturm su Wikipedia Olympiaturm (Q599148) su Wikidata

Parchi[modifica]

  • 16 Englischer Garten (Nella zona di Schwabing). L'entrata ai giardini inglesi è libera e sono un buon posto per il relax. La seconda birreria-giardino più grande di Monaco è situata qui. Si raggiunge con l'autobus 54 che fa capolinea alla torre cinese (Chinesischer Turm) ma ci sono fermate della metropolitana. In alcune zone del parco, quando il clima lo consente, i visitatori usano prendere il sole e rilassarsi completamente nudi. Englischer Garten su Wikipedia giardino inglese di Monaco di Baviera (Q260223) su Wikidata
  • 17 Hirschgarten (Nella zona di Neuhausen). Hirschgarten (Q261850) su Wikidata
  • 18 Zoo di Hellabrunn (Tierpark Hellabrunn) (Situato a Thalkirchen nella zona di Monaco est). Zoo di Hellabrunn su Wikipedia Hellabrunn Zoo (Q264691) su Wikidata

Palazzi e Castelli[modifica]


Eventi e feste[modifica]

Oktoberfest


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

  • 1 Allianz Arena. È il moderno stadio di calcio dove giocano le due principali squadre cittadine, il Bayern ed il Monaco 1860. Allianz Arena su Wikipedia Allianz Arena (Q127429) su Wikidata
Birrificio a Nymphenburgerstrasse
Hofbräuhaus: uno dei simboli di Monaco

Locali notturni[modifica]

Birrerie

Se chiedete cose tipicamente tedesche, la birra è uno dei simboli della cultura tedesca. E nessun'altra città simboleggia la cultura tedesca della birra come Monaco di Baviera. Ci sono sei grandi e famose birrerie: Augustiner, Hacker-Pschorr, Hofbräu, Löwenbräu, Paulaner, Spaten-Franziskaner. Oltre a queste ci sono molte altre birrerie nei dintorni - anche l'aeroporto internazionale di Monaco di Baviera ha un proprio birrificio chiamato Airbräu. Le birrerie di Monaco di Baviera offrono molte varietà di birra. In tutti i menu dei ristoranti e bar di Monaco di Baviera troverete Helles (una birra chiara lager), Dunkles (una birra scura maltata), Weissbier (birra di grano chiaro), Weissbier Dunkel (birra di grano scuro) e in molti casi una birra Bock. Le specialità stagionali sono la pesante Starkbier, un doppelbock scuro prodotto durante il periodo della Quaresima, e la Oktoberfest-Märzen, che è una birra lager più forte e maltato prodotta per l'Oktoberfest.

Se visitate la città in un periodo diverso da quello dell'Oktoberfest non disperate. La cultura della birra bavarese si può comunque vivere al meglio in uno dei tanti biergarten all'aperto così come in ristoranti e bar. Le birrerie possono essere descritte come giganteschi ristoranti che servono piatti bavaresi e spesso sono di proprietà delle stesse birrerie della città. La Hofbräuhaus' può essere la birreria più famosa (e certamente la più turistica), ma ci sono innumerevoli altre belle birrerie sparse in tutta Monaco.

D'estate i tradizionali Biergarten sono molto frequentati. Si tratta di un'ampia area esterna, solitamente situata sotto grandi ippocastani (Kastanienbäume) che fanno ombra. Di solito ci sono file di tavoli pieghevoli e self-service. Se vedete le tovaglie su alcuni tavoli, questi tavoli sono serviti dai camerieri. In una tradizionale birreria bavarese, se siete seduti ai tavoli self-service, potete portare con voi il vostro cibo. Solo le bevande (di solito tazze da un litro di birra locale (chiamata Maß) o Radler che è un mezzo e mezzo mix di birra e sprite) possono essere acquistate nel Biergarten. Molti locali si aggrappano ancora a questa usanza, anche se il cibo è sempre disponibile. Provate i "Riesenbrezn" (grandi pretzel) e lo "Steckerlfisch" (pesce stagionato). I biergarten sono solitamente visitati da una folla mista di persone da cui nasce la particolare atmosfera, anche se normalmente la gente non ci va da sola.

Se non riuscite a trovare un tavolo libero, non esitate a chiedere se potete unirvi a qualcuno. Nessun locale rifiuterebbe questa richiesta, se c'è un posto libero. I Biergarten sono adatti alle famiglie, con parchi giochi per bambini sul posto. Anche i cani ben educati sono i benvenuti. I Biergarten sono un'istituzione culturale bavarese e si trovano ovunque a Monaco e nei dintorni, ad esempio ci sono due grandi birrerie all'"Englischer Garten".

Dove mangiare[modifica]

Weisswurst a colazione
Prinzregententorte - un classico chiamato così in onore del principe reggente Luitpold
Cucina bavarese

Monaco di Baviera è la patria di tutto ciò che è la quintessenza bavarese ed è particolarmente nota per la Münchner Weisswurst, una salsiccia da colazione a base di vitello che viene tradizionalmente consumata come colazione tardiva con un Brezn (prezel), una senape dolce e una Weissbier ("birra bianca", che fuori dalla Baviera di solito prende il nome più descrittivo Weizenbier, "birra di frumento") ed è stata tradizionalmente disponibile nei ristoranti solo fino a mezzogiorno (oggi può essere ordinata tutto il giorno).

Il pasto bavarese inizia spesso con una zuppa, di cui esistono molte varietà. I piatti principali sono la Leberknödelsuppe (zuppa con gnocchi rotondi contenenti fegato), la Grießnockerlsuppe (zuppa con gnocchi di semolino) e la Pfannkuchensuppe (zuppa di pancake). I piatti principali sono tipicamente a base di carne. Alcuni esempi, che dovreste assaggiare, sono Schweinsbraten (maiale arrosto), Schweinshaxe (stinco di maiale arrosto), Spanferkel (maialetto arrosto), Brathendl o semplicemente Hendl (pollo arrosto) o Bauernente (anatra arrosto). Questi sono solitamente serviti con sugo e Knödel (grandi gnocchi rotondi in camicia o lessati di patate o pane) o Späzle (gnocchetti all'uovo). C'è sempre stato uno stretto scambio con la vicina Austria. La Wiener Schnitzel è quindi un ingrediente fondamentale dei menu bavaresi. I dolci tipici sono la Bayrische Creme (crema pasticcera con frutta o marmellata), la Dampfnudeln (a base di pasta lievitata e servita con crema pasticcera alla vaniglia) o il Kaiserschmarrn di importazione austriaca (leggero mix caramellato di piccole frittelle e uvetta con salsa di mele).

Se avete voglia di uno spuntino, quasi ogni macellaio vende il Leberkässemmeln, un rotolo bianco riempito con una spessa fetta calda di "Leberkäse" che nonostante il nome non contiene assolutamente né fegato né formaggio, ma consiste in un misto di carne di vitello, maiale, spezie e una punta di scorza di limone cotta in padella aperta e tradizionalmente servita con una senape dolce e granulosa. Tendono ad essere molto economici (circa 1,50 euro), buoni e saziano. Potete trovare alcuni dei migliori Leberkässemmeln di Monaco di Baviera in una delle numerose macellerie al margine occidentale del Viktualienmarkt. Se volete qualcosa di più tra le fette di pane, provate un Schweinsbratensemmel (un rotolo bianco ripieno di carne di maiale arrosto). Vi costeranno un po' di più, ma valgono ogni centesimo. A seconda del negozio/venditore potreste dover chiedere una fetta di pane, un po' di salsa, sale e pepe, ma di solito vi chiedono loro stessi se lo volete (sì!). La carne di questi macellai è molto più succosa e saporita di quella che si trova nelle macellerie in franchising - e sanno fare il pane croccante, cosa che purtroppo non è così comune se non si compra nei negozi veramente tradizionali. Un'alternativa che si può avere sono i rotoli con Fleischpflanzerl, che sono delle polpette di carne di maiale macinata e carne di manzo macinata mangiata con senape piccante. Un'altra opzione locale sono le Bratwurstsemmeln.

Non perdetevi le meravigliose torte in stile bavarese/austriaco e le torte a fetta in una delle innumerevoli panetterie e caffè. Sono tutti tradizionalmente realizzati con ingredienti naturali e di alta qualità. Lo stesso vale per la straordinaria gamma di pane che può essere acquistato in qualsiasi panificio.

Altre cucine

Monaco ospita numerose e diverse comunità straniere e ognuna di esse ha portato la propria cultura gastronomica in terra bavarese. Oltre ai tanti ristoranti italiani si possono trovare ristoranti afgani, cinesi, etiopi, francesi, indiano, nigeriani, irlandesi, giapponesi, coreani, greci, libanesi, kenioti, serbo-croati, pakistani, spagnoli e turchi nonché il tipico fast food americano.


Dove alloggiare[modifica]

Sia che si parta per visitare Monaco, o che ci si rechi per motivi di lavoro, nella città è possibile trovare numerosissime strutture dove alloggiare, aperte in tutto il periodo dell'anno. La città è accogliente e i prezzi sono molto flessibili; è possibile dormire a poco prezzo in pratici ostelli oppure trovare sistemazione in più comodi alberghi

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Tenersi informati[modifica]

I portal BuongiornoMonaco.com e italianiamonaco.com forniscono informazioni in italiano per turisti e residenti sulla città di Monaco di Baviera.

Nei dintorni[modifica]

Itinerari[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.