Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Tematiche turistiche > Unione Sovietica

Unione Sovietica

Jump to navigation Jump to search

Gran Palazzo del Cremlino, sede del Soviet Supremo

L'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS), o Unione Sovietica si è sciolta nel 1991, dando vita a 15 nuovi paesi largamente riconosciuti come indipendenti. Molte, ma non tutte, le ex repubbliche sovietiche fanno ora parte di un'unione più libera chiamata Comunità degli Stati Indipendenti. Con oltre 22 milioni di km2, durante la sua esistenza era di gran lunga lo stato più grande della Terra, coprendo più di un sesto della superficie terrestre del pianeta. Uno dei suoi stati successori, la Russia, è ancora lo stato più grande con circa 15 milioni di km2. Dalla fine della seconda guerra mondiale nel 1945 al suo crollo nel 1991, l'Unione Sovietica è stata una superpotenza globale e il principale rivale geopolitico degli Stati Uniti.

Molte tracce di questa superpotenza possono essere viste ancora oggi e molti dei suoi ex cittadini hanno forti sentimenti a favore e contro di essa.

Territori e Nazioni[modifica]

Gli stati post-sovietici in ordine alfabetico:
1. Armenia; 2. Azerbaigian; 3. Bielorussia; 4. Estonia;
5. Georgia; 6. Kazakistan; 7. Kirghizistan; 8. Lettonia;
9. Lituania; 10. Moldavia; 11. Russia; 12. Tagikistan;
13. Turkmenistan; 14. Ucraina; 15. Uzbekistan

Cosa vedere[modifica]

  • Architettura: gli edifici costruiti durante l'Unione Sovietica hanno spesso uno stile distinto e molti sono in piedi ancora oggi. La spettacolare architettura stalinista può essere vista negli edifici soprattutto a Mosca, come l'Università statale. I freddi condomini in cemento sono comuni nelle città più piccole fondate o sviluppate durante l'Unione Sovietica. Anche le stazioni della metropolitana nelle città più grandi come Mosca e San Pietroburgo sono famose per i loro grandi stili architettonici.
  • Monumenti: ci sono innumerevoli statue e monumenti di Lenin e Stalin nell'ex Unione Sovietica, inclusa l'enorme testa di Lenin a Ulan-Ude. I monumenti degni di nota includono il Memoriale alle vittime del comunismo a Praga e il Memento Park a Budapest. La città natale di Stalin, Gori, contiene un museo a lui dedicato e alcuni altri luoghi degni di nota relativi al famoso leader georgiano.
  • Gulag: questi campi di lavoro forzato dell'era di Stalin erano comuni in tutta l'URSS, ma la maggior parte sono stati chiusi dagli anni '50 in poi. La miniera di Dneprovsky nell'estremo oriente della Russia è un gulag ben conservato aperto ai visitatori come museo. C'è anche il più accessibile Museo Statale dei Gulag a Mosca.
  • Transnistria: questa minuscola repubblica non riconosciuta ha una pluralità etnica russa e non ha mai veramente rinunciato alle sue radici sovietiche. I manifesti di propaganda dell'era della Guerra Fredda, le immagini di Stalin e Lenin e il sentimento filo-russo sono tutti più comuni qui rispetto ad altri stati post-sovietici.
  • Fascino sovietico: molti bar, caffè e hotel non sono mai cambiati o hanno adottato decorazioni in stile sovietico per attirare la nostalgia comunista e i turisti.

Altri progetti