Scarica il file GPX di questo articolo

Indonesia

Indice

Da Wikivoyage.
Asia > Sud-est asiatico > Indonesia
Indonesia
Indonesia
Localizzazione
Indonesia - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Indonesia - Stemma
Indonesia - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Indonesia (formalmente la Repubblica di Indonesia) è uno stato insulare del Sud-est asiatico formato da un enorme arcipelago di migliaia di isole che giacciono sulla linea equatoriale e creano un ponte tra l'Oceano Indiano e quello del Pacifico. Ha frontiere terrestri con la Malesia a nord e Timor Est e Papua Nuova Guinea ad est.

Da sapere[modifica]

Pur essendo uno stato insulare, l'Indonesia è incredibilmente vasta. Basterebbe pensare che sono state catalogate oltre 18.000 isole (di cui 6.000 abitate) le cui coste si sviluppano per un totale di 108.000 km. La distanza tra Aceh e Nuova Guinea Occidentale è di circa 4.000 km, quanta ne intercorre tra New York e San Francisco.

Con più di 250 milioni di persone, l'Indonesia è il quarto Paese più popoloso al mondo (dopo Cina, India e USA ma prima del Brasile), e di gran lunga il più grande nel Sud-est asiatico. La popolazione non si sviluppa in parti uguali tra le cinque più grandi isole, Giava, Sumatra, Sulawesi, Kalimantan e Nuova Guinea Occidentale; Giava ha la metà della popolazione. La maggior parte dei turisti entra in Indonesia attraverso Giacarta a Giava, Batam e Denpasar a Bali.

L'Indonesia ha anche la più grande popolazione musulmana al mondo, per lo più sunnita. È un membro del G-20 e anche se ha il potenziale per diventare un leader mondiale è ancora ostacolata dalla corruzione e con carenze in materia di istruzione.

Le foreste tropicali dell'Indonesia sono la seconde più grandi al mondo dopo quelle del Brasile, ma gli alberi di entrambe vengono abbattuti alla stessa allarmante velocità. Sebbene la quantità delle sue foreste sia in diminuzione, in passato si è guadagnata il soprannome di "smeraldo dell'Equatore".

L'Indonesia è anche un paese di vulcani; ne sono stati contati oltre 400 di cui 130 ancora attivi. Parecchi sono poi i vulcani sommersi. Papua è l'isola più estesa dell'arcipelago e seconda per superficie nella classifica mondiale.

Mentre i ricchi fanno affari e feste nelle città e nei resort, i poveri lavorano duramente per sopravvivere. Dopo decenni di cattiva gestione economica il 50,6% della popolazione guadagna meno di 4 USD al giorno secondo i dati compilati dalla Banca Mondiale nel 2012, guadagno sceso del 6% nel biennio 2010/2012.

Le infrastrutture in gran parte del paese rimangono rudimentali e pertanto i viaggiatori fuori dai sentieri battuti avranno bisogno di un po' di pazienza e flessibilità. Anche se sono stati compiuti progressi nel potenziamento della rete autostradale a pedaggio, la maggior parte delle strade interurbane è ancora a due corsie con qualità dell'asfalto variabile, il più delle volte intasate da grandi autobus e camion che trasportano merci, tutti intenti a sorpassarsi l'uno con l'altro lungo la strada per raggiungere pole-position sebbene non ci sia una gara. Forse a causa delle cattive condizioni stradali, le linee aeree a basso costo si sono sviluppate con una crescita annua fino al 15%, quindi spostarsi da un sito all'altro può essere fatto facilmente soprattutto tra le grandi città come da Bali a Malang per vedere il Parco nazionale di Bromo Tengger Semeru a Giacarta con molte attrazioni per i turisti, a Medan per vedere il Lago Toba, per poi tornare verso il proprio Paese. Se siete in una città, non aspettatevi strade in buono stato o che sia semplice guidarci. Molte strade nelle città più grandi sono resti di epoca olandese, quindi, sono piccole, tortuose e in pessime condizioni. Inoltre i nomi delle strade cambiano ogni pochi chilometri, quindi è necessario conoscere l'area in cui si vuole andare. I cartelli stradali, quando presenti, sono posti perpendicolarmente alla strada. Se si lascia Giava e Bali, le strade sono ancora peggio. Ingorghi pesanti sono una caratteristica comune, e i peggiori si trovano a Giacarta e Surabaya.

La flessibilità deve essere un prerequisito in qualsiasi parte del Paese, in quanto le cose possono cambiare improvvisamente e la tempestività non è spesso una priorità, nonostante sia apprezzata. Se siete il tipo di persona che non ama le sorprese, probabilmente si dovrebbero prendere in considerazione solo viaggi organizzati da agenzie di viaggio affidabili; altrimenti, si sarà destinati a sperimentare alcuni "fastidi". La tolleranza, la pazienza e l'accettazione di sorprese (non sempre positive) sono buoni tratti per chiunque abbia intenzione di visitare questo Paese.

Detto questo, se avete il coraggio di trovare il buono tra il cattivo, troverete che l'Indonesia è uno dei paesi più esotici che avete mai visitato. Indonesia pubblicizza se stessa come meravigliosa Indonesia, e spesso lo slogan è del tutto azzeccato. Ha una diversità di cultura, con più di 900 tribù e lingue e cibo, mentre la sua incantevole natura, per lo più al di fuori di Giava, e la cordialità della gente nella maggior parte delle aree sarà tale da invogliare a rimanere tutto il tempo che si vuole. Oggi alcuni anziani dall'Europa rimangono per mesi in Indonesia per evitare l'inverno.

Quando andare[modifica]

Bali - Tanah Lot

Il miglior periodo per visitare l'Indonesia va da maggio a settembre in concomitanza con la stagione asciutta.

All'arrivo, appena sbarcati dal velivolo, si noterà immediatamente un'improvvisa vampata di aria calda e umida. L'Indonesia è un luogo caldo. Non ha primavera, estate, autunno o inverno, bensì solo due stagioni: piovosa e asciutta, entrambe le quali sono stagioni relative, nel senso che piove ancora durante la stagione secca, solo che piove di meno. Mentre non vi sono variazioni significative a livello regionale, nella maggior parte del Paese (tra cui Giava e Bali) la stagione secca va da aprile a ottobre, mentre la stagione delle piogge va da novembre a marzo. In molte aree la pioggia cade con puntualità svizzera, ma negli ultimi anni il riscaldamento globale ha reso il clima meno prevedibile. Uno dei vantaggi della stagione delle piogge è che questi regolari scrosci puliscono la maggior parte degli habitat delle zanzare, soprattutto ai piedi delle colline. A livello locale le piogge torrenziali sono comuni, e il Paese soffre raramente di tifoni.

La siccità è un grave problema in alcune parti di Giava e in altre isole durante la stagione secca, e la disponibilità di acqua diventa un problema serio, sebbene quella potabile in bottiglia sia sempre reperibile anche nelle zone rurali. Lo smog da incendi boschivi o di sterpaglie copre spesso molte aree di Sumatra e Kalimantan nel bel mezzo della stagione secca. Nei mesi di giugno, luglio e agosto capita che alcuni aeroporti ne siano influenzati in modo tale da restare chiusi per uno o due giorni. Inoltre, quando è asciutto in un settore, potrebbe essere ancora bagnato in un altro.

Nella gran parte del Paese le temperature giornaliere stanno tra i 26 e i 32°C con poca fluttuazione, anche se le notti possono essere più fresche di qualche grado. La stagione secca a sud dell'equatore è fresca a causa del freddo emisfero australe, anche se la differenza potrebbe non essere molto evidente. Si consiglia inoltre di portare una giacca per visitare gli altopiani, in quanto le temperature saranno naturalmente più basse, e ci sono anche un paio di cime innevate oltre i 5.000 m nella Nuova Guinea Occidentale. Ci si può divertire a vedere la gente indossare cappelli, guanti, giacche o anche cappotti invernali quando la temperatura scende solo un po', per andare sulle loro motociclette, anche se spesso indossano tali abbigliamenti per evitare che la loro pelle diventi più scura.

Durante la visita in Indonesia è generalmente consigliato indossare abiti comodi, ariosi estivi e sandali o mezze scarpe, ma portare con sé uno o due set di abbigliamento formale o semi-formale, se si sta andando in un qualsiasi ufficio del governo o di una simile istituzione formale. L'unica provincia dell'Indonesia che ha ottenuto il proprio diritto alla Shari'a è Aceh; anche se non è applicata agli stranieri non musulmani, le donne straniere non possono usare pantaloni stretti o camicie strette e trasparenti, tuttavia la sciarpa non è necessaria. Uno dei vantaggi dei sandali e delle mezze scarpe è che si possono facilmente togliere entrando in una casa o un luogo di culto. Un buon cappello arioso (o anche una bandana) possono servire a ridurre il calore del sole equatoriale o proteggere dalla pioggia. Se avete in programma di andare nelle riserve naturali si potrebbe anche decidere di portare scarpe da ginnastica o da trekking, ma saranno comunque sgradevoli da indossare. Le migliori scarpe sono i mezzi stivaletti in stile militare, utilizzati per proteggere dalla lussazione della caviglia. Portate con voi anche il repellente per le zanzare (utile anche per proteggere da sanguisughe) e un gas più leggero per bruciare la sanguisuga mentre sta ancora succhiando.

Fuso orario[modifica]

Fusi indonesiani. WIB=giallo, WITA=verde chiaro, WIT=azzurro

L'Indonesia si estende su una lunga area da ovest a est ed è quindi divisa in tre fusi orari. Grazie alla sua posizione equatoriale del Paese la durata della luce solare è abbastanza costante durante tutto l'anno, quindi non c'è l'ora legale.

Cenni storici[modifica]

Preistoria[modifica]

Uomo di Giava, Museo nazionale di Indonesia, Giacarta

L'insediamento umano ha una lunga preistoria in Indonesia. Resti di Homo erectus sono stati trovati a Giava, in particolare nel sito archeologico di Sangiran, nei pressi di Surakarta (o Solo), che risale a circa 1,81 milioni di anni fa. I più famosi resti umani preistorici scavati in Indonesia, conosciuti come l'Uomo di Giava, sono stati scoperti nel 1891 e si stima che risalgono a 1,66 milioni di anni fa.

Storia remota[modifica]

I templi di Prambanan (circa X secolo)

La prima storia moderna dell'Indonesia ha avuto inizio nel periodo che va dal 2.500 a.C. al 1.500 a.C. con un'ondata di immigrati austronesiane di pelle leggermente scura, che si pensa abbia avuto origine a Taiwan. Si crede che questo gruppo neolitico di persone, esperte nella navigazione in oceano aperto e nell'agricoltura, abbia rapidamente soppiantato la popolazione esistente, tecnologicamente meno avanzata.

Da questo punto in poi, decine di regni e civiltà fiorirono e sparirono in diverse parti dell'arcipelago. Regni notevoli furono Srivijaya (VII-XIV secolo) a Sumatra e Majapahit (1293-~1500), con sede a Giava Orientale, ma fu il primo ad unire le principali isole di Sumatra, Giava, Bali e Borneo (la cui parte indonesiana è il Kalimantan), così come parti di Malesia peninsulare. Srivijaya si crede abbia avuto origine a Jambi, dove si trova Muaro (il sito di scavo più grande dell'Indonesia), e dove successivamente stabilì la sua capitale nei pressi di Palembang. Anche l'omonima capitale di Majapahit può essere visitata: è il sito archeologico indù-buddista di Trowulan. Quando l'islam prese piede su Giava, il già debole Impero indù di Majapahit si ritirò a Bali e Lombok e poi svanì.

La colonizzazione[modifica]

Fort Tolukko, una fortificazione coloniale costruita sull'Isola Ternate dagli spagnoli nel 1611, in seguito occupata dagli olandesi e utilizzata come residenza reale dal sultano di Ternate

I primi europei ad arrivare (dopo Marco Polo che l'ha attraversata alla fine del 1200) sono stati i portoghesi, che hanno avuto il permesso di erigere un magazzino vicino all'odierna Giacarta nel 1522 dopo i tentativi di monopolizzare il commercio delle spezie dalle Isole delle Spezie per l'Europa che aveva portato al conflitto in Ternate e Ambon, ma anche per la conversione di decine di migliaia di ambonesi al cattolicesimo. Gli spagnoli seguirono i portoghesi nelle Molucche, ma agli inizi del XVII secolo gli olandesi avevano praticamente preso il sopravvento, e la demolizione di un minaccioso forte inglese nel 1619 ha assicurato la loro presa su Giava, che portò a 350 anni di colonizzazione in Indonesia, che videro anche una campagna di genocidio nelle Isole Banda, dove i locali hanno avuto il coraggio di provare a rompere il monopolio olandese sul commercio delle spezie, vendendole agli inglesi. Nel 1824 gli olandesi e gli inglesi hanno firmato il trattato anglo-olandese che si è concluso con un breve periodo di amministrazione britannica durante il quale Stamford Raffles, fondatore di Singapore, presidiò la riscoperta degli stupendi monumenti di Borobudur e Prambanan) e divise il mondo Malese in sfere di influenza olandesi e britanniche. Gli olandesi cedettero le Molucche agli inglesi, e gli inglesi cedettero tutte le loro colonie su Sumatra, in particolare Bengkulu agli olandesi con la linea di divisione più o meno corrispondente a quello che oggi è il confine tra Malesia e Indonesia, con un piccolo segmento diventato il confine tra Singapore e Indonesia.

Pulau Run, una delle Isole Banda e ora luogo tranquillo, a distanza dalla principale via del commercio mondiale, fu barattata dalla Gran Bretagna agli olandesi in cambio di un'altra piccola isola, al largo della costa americana: Manhattan!

Come la maggior parte delle colonie, l'Indonesia è stata sfruttata per la manodopera e per le sue risorse naturali. Vari gruppi nazionalisti si svilupparono nei secoli XIX e XX, e ci furono diversi disordini, rapidamente soffocati dagli olandesi. I leader furono arrestati ed esiliati; alcuni degli olandesi erano particolarmente pericolosi quando avevano a che fare con la gente del posto; tuttavia, i Paesi Bassi fornirono tra le altre cose, alcune infrastrutture, istruzione e una lingua nazionale.

I giapponesi conquistarono la maggior parte delle isole durante la seconda guerra mondiale, e si comportarono ancora più brutalmente degli olandesi, rendendosi colpevoli di numerosi crimini di guerra. Sukarno e Suharto, futuri leader di Indonesia, hanno collaborato con gli occupanti giapponesi, acquisendo in cambio preziosa esperienza militare e leadership. Nell'agosto 1945, nel vuoto del dopoguerra dopo la resa giapponese alle forze alleate, i giapponesi ancora controllavano la maggior parte dell'arcipelago indonesiano. I giapponesi decisero di restituire l'Indonesia ai Paesi Bassi, ma continuarono ad amministrare la regione in quanto gli olandesi non erano in grado di riprenderla immediatamente.

L'indipendenza[modifica]

Il 17 agosto 1945, Sukarno lesse il Proklamasi Kemerdekaan (Dichiarazione di Indipendenza) per conto del popolo indonesiano, e il Panitia Persiapan Kemerdekaan Indonesia (Comitato preparatorio per la libertà indonesiano) formò un governo ad interim. Una Costituzione, redatta dal PPKI, fu annunciata il 18 agosto e Sukarno fu dichiarato il presidente con Hatta in qualità di vicepresidente. Il PPKI divenne il Comitato Nazionale Centrale indonesiano, che agì come organo di governo provvisorio. Il nuovo governo si insediò il 31 agosto 1945.

Gli olandesi fecero una campagna diplomatica e militare per rivendicare la loro ex colonia dai nazionalisti. C'era la resistenza formata dall'Indonesia e da altri Paesi, compresi gli Stati Uniti d'America, come anche le neonate Nazioni Unite. Gli olandesi alla fine accettarono la sconfitta e il 27 dicembre 1949 trasferirono formalmente la sovranità alla "Republik Indonesia Serikat" (Repubblica degli Stati Uniti d'Indonesia). Nell'agosto 1950 una nuova Costituzione venne proclamata e la nuova Repubblica di Indonesia nacque dalla precedente, ma ora estesa Repubblica per includere Sumatera Timur (Sumatra orientale) e Negara Indonesia Timur (Indonesia orientale). Giacarta divenne la capitale della Repubblica di Indonesia.

Nascita del governo[modifica]

Il settembre del 1950 ha visto il primo governo di un'Indonesia completamente indipendente. Sukarno è tornato di nuovo al ruolo di Presidente e nel tempo ha aumentato il suo potere in quel ruolo. Per un certo periodo l'Indonesia ha usato una Costituzione provvisoria modellata su quella degli Stati Uniti d'America, che ha anche richiamato pesantemente sulla Dichiarazione Universale 1948 delle Nazioni Unite dei diritti dell'uomo e il 26 settembre 1950 l'Indonesia è stata ammessa alle Nazioni Unite. Nel 1955 nel Paese si sono tenute le prime elezioni libere.

Al nuovo governo fu affidato il compito di finalizzare una versione permanente e definitiva della Costituzione, ma dopo molte dispute il consenso non è stato raggiunto, portando a manifestazioni pubbliche organizzate nel 1958. Nel 1959 il presidente Sukarno ha emesso un decreto di scioglimento immediato della Costituzione e il ripristino della Costituzione del 1945. L'Indonesia poi entrò nell'era della democrazia guidata con il Capo dello Stato che assunse poteri presidenziali più forti assorbendo anche il precedente ruolo di primo ministro.

Annessione[modifica]

L'Indonesia ha reclamato la Nuova Guinea Occidentale come parte della propria nazione fin dalla dichiarazione iniziale di indipendenza di quest'ultima, ma gli olandesi ne hanno mantenuto il controllo fino al 1960, finchè nei primi anni sessanta si sfociò in un conflitto armato nella regione. Dopo un accordo di pace mediato dall'ONU e un referendum, Nuova Guinea occidentale entrò a far parte dell'Indonesia e fu ribattezzata Irian Jaya, che è l'acronimo di Ikut ("parte del") Republik [di] Indonesia, Anti-Nederlands ("Anti-Paesi Bassi"), e "Jaya" che significa "glorioso". Oggi è chiamata semplicemente Papua o Nuova Guinea Occidentale, ma il movimento per l'indipendenza ha continuato ad ardere fino ai nostri giorni.

Guerra Fredda[modifica]

Omaggio di Sukarno all'indipendenza e al'l'unità - Monumento Nazionale a Giacarta

Durante il dopoguerra e il periodo della guerra fredda, Sukarno ha fatto progressi amichevoli verso gli Stati Uniti, l'Unione Sovietica e in seguito, la Cina. Ha anche provato a giocare uno contro l'altro nel tentativo di sviluppare la nazione come un Paese non allineato. Con grande disappunto dei governi occidentali del dopoguerra, Sukarno si vide impegnato in un ampio dialogo con i sovietici e ha accettato gli aiuti civili e militari, attrezzature e assistenza tecnica dall'URSS. Sukarno ha affermato pubblicamente che il suo impegno con i sovietici è stato quello di contribuire a promuovere la nuova Repubblica di Indonesia come un Paese non-allineato del dopoguerra e per ottenere aiuti per la ricostruzione della nazione dopo essere stata l'arena del Pacifico della seconda guerra mondiale.

Gli Stati Uniti, di fronte a un arcipelago nel pieno della crescita del nazionalismo indonesiano, hanno cercato di ottenere e mantenere il controllo sulle risorse importanti e le rotte marittime della regione. Hanno sostenuto le attività e le operazioni anti-Sukarno per destabilizzare il movimento nazionalista. Nel 1957-58 la CIA ha infiltrato armi e personale a sostegno delle ribellioni regionali contro Sukarno, ma sono state intraprese molte altre azioni supportate dall'ambasciata degli Stati Uniti a Singapore, da elementi della 7° flotta degli Stati Uniti e con la collaborazione e il sostegno del governo del Regno Unito e le agenzie di intelligence occidentali.

Il Nuovo Ordine[modifica]

Il golpe[modifica]

Sembra che ci siano state due fazioni - i generali che erano a sostegno di Sukarno e i generali spalleggiati dagli stranieri che cercavano la sua rovina. Dal 1960-1966 Subandrio, ministro degli esteri di Sukarno, secondo vice primo ministro e capo dei servizi segreti, aveva agenti infiltrati in una riunione segreta dei generali di destra che pianificavano il rovesciamento di Sukarno. Nel settembre del 1965 sei generali dell'esercito sono stati rapiti e uccisi in un apparente tentativo di golpe. Le circostanze di cosa e perché sia successo non sono del tutto note e i resoconti ufficiali sembrano sospetti. Parte dei militari erano attivi, comprese le forze armate nella strategica Piazza Merdeka. Il generale Suharto poi riferì di aver sedato questa azione all'interno delle forze armate in un solo giorno. I comunisti sono stati accusati per la rivolta, ma sembra probabile che Suharto abbia utilizzato la situazione per usurpare il potere di Sukarno, e quelli che avevano congiurato contro Sukarno vennero condannati per ciò che era accaduto ai loro avversari.

Le purghe[modifica]

Suharto inizialmente affermò di sostenere il presidente Sukarno, ma poi prese lui il potere mettendo da parte Sukarno e proclamando un Orde Baru (Nuovo Ordine). Fu avviata una serie di sanguinose purghe anticomuniste che portarono alla morte di oltre due milioni di persone (le stime variano ampiamente). I governi occidentali hanno chiuso un occhio sui massacri che sono rimasti sostanzialmente non dichiarati in Occidente per un tempo considerevole. Molti storici hanno fatto luce sul coinvolgimento dei servizi segreti degli Stati Uniti e, in misura minore, sui loro contatti reciproci nei servizi di intelligence britannici, tedeschi e giapponesi nelle circostanze che portarono alla presa del potere da Suharto e le successive purghe omicide. Sono state anche impiegate bande criminali mercenarie per commettere omicidi politici e torture, e questo è ancora un argomento delicato in Indonesia, in quanto alcuni degli stessi gruppi continuano ad avere tutt'oggi potere e influenza.

Il regime di Suharto[modifica]

Sotto Suharto (1966-1998), l'Indonesia ha goduto di stabilità e di crescita economica, ma la maggior parte della ricchezza era concentrata nelle mani di una piccola élite corrotta e il dissenso è stato brutalmente represso. L'opposizione a Suharto è stata affrontata con sequestri nel mezzo della notte, tribunali illegali e prigionia, con alcuni dissidenti semplicemente spariti. Nonostante questi infausti eventi, molti indonesiani continuano ancora a focalizzarsi sulla relativa prosperità del suo regno.

La riforma[modifica]

Durante la crisi economica asiatica del 1997 il valore della rupia indonesiana crollò, dimezzando il potere d'acquisto ordinario degli indonesiani. Nella successiva insurrezione violenta del 1998 ci sono stati scontri e pulizie etniche per lo più mirate contro l'etnia cinese, soprattutto in e nei dintorni di Giacarta. Saccheggi, stupri e omicidi di molti cinesi ebbero luogo e non è ancora chiaro quante vittime ci furono. Molti casi sono rimasti irrisolti. Suharto è diventato un obiettivo importante per tutti coloro che hanno cercato di riformare l'Indonesia e, dopo il periodo noto come Reformasi, Suharto è stato portato al declino per far spazio a un regime più democratico.

Anni dopo un capo di imputazione è stato infine avanzato contro di lui con varie accuse. Tuttavia l'iter giudiziario non è mai stato completato in quanto i suoi medici continuarono a sostenere che fosse troppo malato per affrontare il processo; alla fine morì nel 2010 ricevendo per la sepoltura gli onori riservati ad un eroe.

Movimenti secessionisti[modifica]

La miniera d'oro e rame a cielo aperto di Grasberg, in Tembagapura, nella Nuova Guinea Occidentale, è stata oggetto di conflitto

L'ex colonia portoghese di Timor Est è stata occupata e annessa dall'Indonesia nel 1975, ma ha sperimentato una resistenza armata. Dopo decenni di occupazione, un referendum per l'indipendenza è stato approvato a grande maggioranza dal popolo di Timor Est nel 1999 seguito dall'indipendenza dall'Indonesia nel 2002.

Un violento movimento secessionista ha avuto luogo nello stato devotamente islamico di Aceh nella punta settentrionale di Sumatra. Decenni di insurrezione furono interrotti dallo tsunami del 2004, che ha ucciso oltre 200.000 persone nella provincia di Aceh. Il governo indonesiano e il Movimento per l'Aceh libero (Gerakan Aceh Merdeka, GAM) hanno firmato un accordo di pace l'anno successivo, con la rinuncia da parte di Aceh alla sua lotta indipendentista in cambio della concessione di un'autonomia speciale, compreso il diritto di emanare la Shari'a (legge islamica) e, fino ad oggi, lo stato di pace è stato mantenuto.

Alcuni tentativi di rendere indipendente la Nuova Guinea Occidentale si sono verificati nel corso degli anni e ci sono ancora sporadici episodi di violenza, comprese sparatorie di locali e stranieri. Le città di Jayapura, Wamena e Asmat, così come anche i resort e i siti di immersione nelle Isole Raja Ampat sono considerati sicuri dal momento che sono lontani dai problemi che sussistono sulla principale isola della Nuova Guinea Occidentale.

Le elezioni popolari[modifica]

Dopo la sua caduta, Suharto è stato sostituito da una serie di leader temporanei: B.J. Habibie (vice presidente di Suharto), Abdurrahman "Gus Dur" Wahid scelto dal parlamento (durato solo un anno) e infine il vice presidente di Gus Dur, Megawati Sukarnoputri, la figlia di Sukarno.

Nel 2004 l'Indonesia ha tenuto la prima elezione diretta del presidente e vice presidente. L'ex generale Susilo Bambang Yudhono (SBY) e Jusuf Kalla sconfissero l'uscente Megawati attraverso un'alleanza tra gli allora deboli Partai Demokrat e Partai Golongan Karya (Partito dei Lavoratori), così come altri piccoli partiti. La seconda elezione è avvenuta nel 2009, e "SBY" come attuale leader con Boediono come suo nuovo compagno di partito, sconfissero facilmente tutti i contendenti, tra cui Jusuf Kalla e Megawati. Nel 2014 Joko Widodo, del Partai Demokrasi Indonesia Perjuangan (Partito Democratico indonesiano) di Megawati, ha vinto un'elezione molto combattuta contro Prabowo Subianto, un ex generale con un passato molto sgradevole. Conosciuto come Jokowi in Indonesia, il nuovo presidente è un riformista popolare il cui lavoro come governatore di Giacarta è stato ampiamente lodato.

Reinvenzione[modifica]

Attualmente l'Indonesia è una delle più grandi democrazie del mondo e la più popolosa democrazia a maggioranza musulmana. Sta attraversando un periodo di riforme difficili e re-invenzione seguendo la Reformasi e l'istituzione di un governo democraticamente eletto. Per facilitare la trasformazione da anni di controllo centralizzato sotto il regime di Suharto, il ruolo dei governi regionali e provinciali è stato rafforzato e migliorato. Il processo elettorale in Indonesia ha un alto tasso di partecipazione e la natura e il tessuto del governo e dell'amministrazione stanno lentamente cambiando in tutta l'Indonesia. Il modificare nella nazione, dopo la caduta di Suharto, è stato anche caratterizzato da una maggiore libertà di parola e una massiccia riduzione della censura politica che ha caratterizzato l'epoca del Nuovo Ordine di Suharto. Non vi è più aperto dibattito politico nei mezzi di informazione, così come nel discorso generale, politico e dibattito sociale. L'Indonesia è ora la più grande economia nel sud-est asiatico, e un membro dell'élite del G-20 del gruppo delle principali economie.

Preoccupazioni legali[modifica]

Tuttavia ci sono in vigore leggi che impediscono agli stranieri di essere coinvolti politicamente, e un'altra legge che impedisce commenti sprezzanti sulle religioni approvate dallo Stato (induismo, buddismo, cristianesimo, confucianesimo e Islam). Purtroppo le leggi sulla corruzione sono deboli e le sentenze sono generalmente lievi quando gestite dai tribunali regolari. La Komite Pemberantasan Korupsi (Commissione anti-corruzione) è più rigorosa e ha una propria forza di polizia e tribunali, ma il KPK ha sperimentato problemi. I casi del KPK sono per lo più per Giacarta e Giava mentre i casi che coinvolgono altre isole vengono applicati raramente in modo efficace per fermare il comportamento illegale che lo ha causato, come il disboscamento illegale e lo sviluppo in Kalimantan.

Non perdere la speranza, impavido viaggiatore! Le cose stanno lentamente migliorando, nonostante alcuni operatori corrotti intransigenti in vari dipartimenti del governo con cui si può avere a che fare; le richieste di denaro o similari sono diminuiti e la qualità del servizio in alcuni uffici immigrazione è migliorato. La chiave è ricordare che una tangente potrebbe far entrare in un circolo vizioso, quindi mai corrompere chicchessia.

Lingue parlate[modifica]

L'unica lingua ufficiale è l'indonesiano, chiamato in tale lingua Bahasa Indonesia (e non semplicmente Bahasa, che letteralmente significa "lingua"). È simile al malese (parlato in Malesia, Brunei e Singapore), quindi nativi di entrambe le lingue possono generalmente capirsi l'un l'altro. Le principali differenze stanno nelle parole di prestito: il malese è stato più influenzato dalla lingua inglese, mentre l'indonesiano è stato più influenzato dalla lingua olandese. Scritta foneticamente con l'alfabeto latino e con una grammatica abbastanza logica, l'indonesiana è generalmente considerata come una delle lingue più facili da imparare. L'ortografia indonesiana è molto regolare e la pronuncia è particolarmente facile per giapponesi (tranne la lettera 'L'), italiani o spagnoli.

Sebbene l'indonesiano sia la lingua ufficiale in tutto l'arcipelago, e sia parlata da quasi tutti i cittadini, oltre l'80% degli indonesiani in realtà ha una propria lingua etnica; le più parlate sono il giavanese e il sundanese. Alcune delle parole etniche fanno parte della lingua indonesiana per cui di solito è un buon punto da cui partire. Se si devia dai sentieri battuti, sarebbe una buona idea imparare qualche parola della lingua locale per spianarsi un po' la strada con la gente del posto. Alcune comunità etniche cinesi continuano a parlare i vari dialetti cinesi, in particolare hokkien a Medan e teochew a Pontianak.

L'indonesiano colloquiale e gergale perde generalmente alcune indicazioni temporali, coniugazioni verbali (delle poche esistenti), preposizioni e verbi ausiliari e una frase può essere composta da non più di una parola o tre. Molte volte si devono porre altre domande a causa della mancanza di chiarezza (soprattutto per quanto riguarda se un evento ha già avuto luogo, sta accadendo ora o se si verificherà in futuro) e prestiti dal dialetto locale possono confondere ulteriormente le cose. Quando si utilizza l'inglese queste tendenze vengono trasposte nel "loro" inglese perché in realtà traducono il proprio slang in inglese, quindi potrebbero verificarsi gli stessi problemi (se non peggio).

A differenza delle vicine Malesia e Filippine, l'inglese in genere non è molto diffuso. Il personale dei migliori hotel e il personale di bordo in generale parla un livello accettabile di inglese, e l'inglese è ampiamente parlato sull'isola turistica di Bali. Sebbene l'inglese sia una lingua straniera obbligatoria nelle scuole indonesiane, il livello medio di conoscenza va dal basico al moderato.

Alcuni eruditi anziani (~70 anni) indonesiani potrebbero parlare olandese, ma oggigiorno l'inglese è di gran lunga più utile. Anche se l'arabo non è molto parlato, molti musulmani istruiti, soprattutto quelli che si sono laureati in istituti religiosi islamici, capiscono l'arabo in una certa misura, e molti prestiti arabi si trovano nella lingua indonesiana.

Cultura e tradizioni[modifica]

Popolo[modifica]

Nonostante 50 anni di promozione della Bhinneka Tunggal Ika ( "Unità nella diversità") come motto ufficiale di Stato, il concetto di "Indonesia" rimane artificiale e cittadini del Paese si dividono in un ampio gran numero di etnie, clan, tribù e perfino caste. Se questo non fosse sufficiente, le differenze religiose aggiungono un ingrediente volatile per il mix e le vaste lacune nella ricchezza rafforzano anche una società classista. Su una scala puramente numerica, i più grandi gruppi etnici sono il giavanese (45%) dell'isola di Giava centrale e orientale che godono di un ingiusto dominio in tutta la nazione, il sundanese (14%) da Giava Occidentale, il madurese (7,5%) dall'isola di Madura, e malesi costieri (7,5%), per lo più da Sumatra. Questo lascia il 26% per l'Aceh e minangkabau di Sumatra, il balinese, l'iban e dayak di Kalimantan, e un mosaico sconcertante di gruppi nelle Piccole Isole della Sonda (Nusa Tenggara) e nella Nuova Guinea Occidentale. Il totale ufficiale è non meno di 3.000.

In prevalenza, molti popoli dell'Indonesia coesistono felicemente, ma i conflitti etnici continuano a infestare alcune aree remote del Paese. La politica di trasmigrazione (transmigrasi), avviata dagli olandesi e continuata da Suharto, ha reinsediato migranti giavanesi, balinesi e maduresi nelle parti meno affollate dell'arcipelago. I nuovi coloni, visti come privilegiati e insensibili, erano spesso discriminati dalla popolazione indigena e, in particolare su Kalimantan e Nuova Guinea Occidentale dove questo ha portato talvolta a conflitti violenti.

Un gruppo etnico particolarmente degno di nota presente in tutto il Paese sono i cino-indonesiani, noti come Tionghoa o con tono un po' più dispregiativo Cina. Con una stima di 6-7 milioni, essi costituiscono il 3% della popolazione e rappresentano uno dei più grandi gruppi etnici cinesi al di fuori della Cina stessa. I cino-indonesiani sono stati incoraggiati a stabilirsi nelle allora Indie orientali olandesi dagli olandesi, sebbene venissero trattati come cittadini di serie B, per agire da funzionari intermedi tra i governanti europei e il resto della popolazione. Dopo la partenza degli olandesi, molti cino-indonesiani hanno lavorato come commercianti e usurai, ma un sottoinsieme molto ricco della comunità ha esercitato un'enorme influenza nel settore economico locale. Uno studio (sebbene ampiamente screditato) delle aziende quotate nella Borsa di Giacarta ha concluso che ben il 70% di tali società era controllato dall'etnia cinese. Essi hanno così subito persecuzioni, con i cinesi forzatamente trasferiti in aree urbane intorno al 1960, costretti ad adottare nomi indonesiani e il divieto all'insegnamento del cinese e alla stampa di caratteri cinesi. Hanno anche avuto luogo programmi anti-cinesi, in particolare durante le purghe anticomuniste del 1965-66 dopo il colpo di stato di Suharto e di nuovo nel 1998, dopo la sua caduta, quando oltre 1.100 persone sono state uccise in scontri a Giacarta e alcune altre grandi città. Tuttavia, i governi post-Reformasi hanno ribaltato la maggior parte della legislazione discriminatoria, e la scrittura cinese come le feste cinesi sono ricomparse, con il Capodanno cinese dichiarato giorno festivo a livello nazionale dal 2003. Mentre la maggior parte dei cino-giavanesi parla solo indonesiano, molti dei cinesi a Sumatra e Kalimantan ancora continuano a parlare i vari dialetti cinesi. Ancora oggi, molte persone provano risentimento, e talvolta paventano anche la minaccia della presunta ascesa dei cinesi.

Tuttavia, un segno di un nuovo clima di maggiore tolleranza può essere rilevato nelle elezioni di ottobre 2014 per l'ufficio di un nuovo governatore di Giacarta spesso conosciuto con l'affettuoso soprannome cinese in dialetto hakka di Ahok. Basuki Tjahaja Purnama, è il suo nome proprio indonesiano, non è nato a Giava ed è solo il secondo cristiano ad essere governatore di Giacarta. Le sue lotte coraggiose contro la corruzione e l'onestà trasparente lo hanno reso caro a molti locali.

Cultura[modifica]

Wayang kulit o ombre cinesi a Surakarta

Non c'è alcuna cultura unificata indonesiana in quanto tale, ma la cultura indù dell'ex impero Majapahit fornisce un quadro di riferimento per molte delle tradizioni culturali presenti lungo le isole centrali di Sumatra, Giava, Bali e Lombok. Forse le arti più distintamente "indonesiane" sono le wayang kulit (o ombre cinesi), in cui vengono utilizzati elementi finemente intagliati per realizzare scene del Mahabharata e Ramayana e altre storie popolari indù, e il suo accompagnamento dell'orchestra gamelan, i cui ritmi metallici incredibilmente complessi sono la cornice obbligatoria sia per le cerimonie religiose che per l'intrattenimento tradizionale. L'Indonesia è culturalmente intrecciata con la Malesia, con elementi importanti come la stoffa batik e pugnali Kris, e la cultura araba è stata adottata in varia misura anche grazie all'Islam. Non dimentichiamo l'impatto del buddismo, il portoghese, l'inglese, il giapponese, il cinese e, naturalmente, l'olandese. Alcune parole di questi popoli, possono essere trovate nella lingua indonesiana così come in alcune lingue etniche, e queste lingue etniche sconfinano nell'indonesiano, ma solo raramente hanno una diffusione nazionale.

Il processo di standardizzazione della lingua e della cultura in Indonesia ha fatto progressi quando la comunicazione tra villaggi e le isole è diventata più facile, e molte aree che erano avvezze al solo utilizzo delle lingue locali ora praticano anche l'indonesiano. Eppure le culture regionali rimangono forti in molti settori, e probabilmente anche nel futuro prossimo. Per il visitatore in Indonesia la diversità regionale è una cosa meravigliosa, in quanto culture differenti come quelle di Flores, Bali, sundanese, minangkabau e del territorio Toba Batak possono essere vissute in un singolo viaggio, con il tempo e una pianificazione adeguata. La varietà di siti e di esperienze culturali, storiche e religiose, la vasta gamma di artigianato tradizionale e la varietà di attività che si possono sperimentare in Indonesia sono davvero sorprendenti.

Una interessante esperienza culturale è l'insediamento Baduy nella provincia di Giava Occidentale. Questa città sundanese è caratterizzata da persone che rifiutano la tecnologia e tutti i suoi ornamenti, tra cui il deodorante! I visitatori sono i benvenuti, ma ci sono alcune restrizioni, come il divieto d'uso della tecnologia. Questo divieto è applicato più severamente nel centro della città, ma anche (in misura minore) nelle parti esterne. Gli amanti della cultura troveranno Ubud, una città a Bali ottima meta da visitare, ma ci sono così tante esperienze culturali in Indonesia che è quasi impossibile farne una lista.

Nei tempi moderni, la cultura popolare indonesiana è in gran parte dominata dal più grande gruppo etnico, i giavanesi. Il divieto di Suharto sulle importazioni occidentali come il rock'n'roll, sebbene da tempo abrogato, ha portato allo sviluppo di forme autoctone di musica come il dangdut, una forma sensuale del pop sviluppato nel 1970, e la televisiva rotazione pelvica "ngebor" del cantante Inul Daratista nel 2003 era quasi tanto controverso come un tempo lo fu Elvis. Anggun Cipta Sasmi è una talentuosa cantante indonesiana che divenne famosa in Francia. Il suo singolo "La neige au Sahara" (poi ricantata in inglese col titolo di Snow on the Sahara) è diventato una hit nelle classifiche europee nell'estate del 1997. Agnes Monica è un'energica ballerina, attrice e cantante che ha recentemente eseguito un duetto con Michael Bolton e ha guadagnato fama internazionale.

La maggior parte dei film indonesiani sono "B-movie" a basso budget, sebbene sia il numero di produzioni cinematografiche che la loro qualità siano entrambi costantemente aumentati. "Daun di Atas Bantal" (1998) ha vinto il premio "miglior film" all'Asia-Pacific Film Festival del 1998 a Taipei (Taiwan). The Raid - Redenzione (titolo originale: Serbuan maut), è stato rilasciato nel 2011 al Toronto international Film Festival e ha avuto una distribuzione a livello internazionale. Questo film d'azione indonesiano ha avuto un budget di produzione di 1,1 milioni di sterline. È stato scritto e diretto da Gareth Evans (UK) e interpretato da Iko Uwais. Evans e Uwais pubblicarono il loro primo film d'azione, Merantau nel 2009. Entrambi i film mostrano l'arte marziale tradizionale indonesiana, Pencak Silat, che viene con molte sfumature diverse, e le competenze di Iko hanno ottenuto l'attenzione di Jackie Chan.

Tradizionale esibizione canora sundanese

La letteratura indonesiana ha mostrato un notevole successo domestico non appena i temi trattati sono divenuti più liberali e la libertà di parola è stata ampliata, ma non molto è fatto a livello mondiale. Le opere del tedoforo Pramoedya Ananta Toer sono state a lungo proibite nella sua terra d'origine, ma nell'era post-Suharto ha visto un piccolo boom. Un esempio notevole è il Saman di Ayu Utami, infrangendo sia tabù che record di vendite nel bel mezzo della caduta di Suharto. Forse l'esempio migliore sarebbe Laskar Pelangi (2007) di Andrea Hirata: entrambe le serie di libri e film sono acclamati in Indonesia e in tutto il mondo.

Probabilmente la più importante (anche se non universale) caratteristica culturale presente nella maggior parte dell'arcipelago di cui si dovrebbe essere consapevoli è la "faccia" o l'"onore", che deriva dal principio di armonia. L'armonia è considerata così importante che i divieti religiosi a mentire vanno in secondo piano rispetto al proteggere l'onore di qualcuno, cosa che può essere vista male dagli stranieri. L'armonia è, in poche parole, lo sforzo di mantenere una coesistenza pacifica e relazioni piacevoli. L'armoniosa organizzazione della società è infatti la base fondamentale delle trame e spettacoli wayang kulit, e quelli dei drammi tradizionali connessi, anche se alcuni di questi valori tradizionali si sono un po' indeboliti nel processo di transizione dai regni attraverso la dittatura fino alla forma più democratica del governo odierno. Tuttavia la risoluzione dei conflitti viene gestita in modo molto diverso rispetto a ciò che molti stranieri si potrebbero aspettare.

Religione[modifica]

La moschea Istiqlal e la cattedrale cattolica di Giacarta al centro, proprio l'una di fronte all'altra a simboleggiare l'armonia nella diversità religiosa

Qui si dà per scontato che le persone abbiano una religione, tanto più che il primo principio della Panca Sila ("cinque principi") è: "Ketuhanan yang maha esa", approssimativamente tradotto come "C'è un solo Dio", quindi non ci si deve sentire offesi se qualcuno ci chiede le proprie convinzioni religiose. Attenzione però, bisogna evitare di fare commenti sprezzanti su una qualsiasi delle religioni ufficiali, in quanto la legge le protegge da tali osservazioni, a meno che non si voglia trascorrere del tempo in prigione. Circa l'88% della popolazione dell'Indonesia si dichiara islamico, il che la rende numericamente di gran lunga la religione più diffusa nel Paese e l'Indonesia il più grande Paese a maggioranza musulmana nel mondo. Tuttavia l'Indonesia rimane ufficialmente uno stato laico, con tutte le religioni riconosciute dallo Stato in modo uguale, almeno teoricamente, come previsto nella legislazione indonesiana. Anche se ortodossie religiose variano in tutto l'arcipelago dell'Indonesia, la stretta osservanza di codici di abbigliamento islamico evidente in alcuni Paesi è generalmente assente. Nelle città più grandi il velo e manifestazioni evidenti di fede sono eccezioni e non la regola. In alcune aree regionali e nel devoto Stato di Aceh, le cose possono essere considerevolmente diverse. Pur essendo nominalmente musulmano, tante storie e costumi locali, che sono di origine indù, buddiste o animiste sono fedelmente conservati dalla gran parte della popolazione.

Durante i 5 obbligatori "adzhan" (chiamata alla preghiera) e il successivo tempo di preghiera, ci si aspetta che la gente smetta di fare tutto ciò che sta effettuando, ma questo non viene applicato nella maggior parte dei luoghi.

Le altre cinque religioni di Stato sono protestantesimo, cattolicesimo romano, induismo, buddismo e confucianesimo. Gli indù sono concentrati a Bali, mentre i cristiani si trovano per lo più in alcune parti di Sumatra Settentrionale, Nuova Guinea Occidentale, Sulawesi Settentrionale, Piccole Isole della Sonda orientali e Kalimantan. Il buddismo d'altra parte è praticato soprattutto dalle persone di etnia cinese nelle città principali, come Bandung e Semarang. Ci sono anche alcuni popoli in varie parti del Paese che praticano esclusivamente religioni animiste tradizionali, e molti indonesiani praticano una forma di islam o cristianesimo che è sincretizzato con le credenze animistiche e/o indù che i loro antenati avevano precedentemente seguito. A Giava questo sistema di credenze animistiche si chiama Kejawen e sebbene sia popolare è condannato dai praticanti più ortodossi.

La legislazione nazionale indonesiana stabilisce che tutti i cittadini della Repubblica devono dichiarare la loro religione e che la religione dichiarata deve essere una delle sei ufficialmente riconosciute dallo Stato. Ciò comporta evidenti distorsioni. Ad esempio molti professionisti animisti fittiziamente si dichiarano musulmani o cristiani per ottemperare ai dettami della burocrazia statale. Vi è un certo conflitto tra le religioni, con occasionali attentati dinamitardi in un luogo di culto (solitamente moschee e chiese, o in violenti conflitti tra i diversi gruppi religiosi) ma questi sono isolati e di solito accade nelle aree dove i viaggiatori non vanno.

Credenze popolari[modifica]

Le credenze popolari (sia quelle tradizionali che altre recentemente adottate da altre terre) sono molto vive e parte vitale della cultura indonesiana, o per meglio dire, delle culture indonesiane. Qui di seguito solo alcuni esempi di credenze popolari e pratiche indonesiane:

L'uso del paranormale, nonché dei dukun (uomini di medicina, sciamani o stregoni) per le persuasioni di magia sia bianca che nere e per esigenze mediche, è frequente, e ci sono anche i programmi televisivi tipo reality che mostrano religiosi musulmani che combattono invisibili esseri soprannaturali, che di solito sono imprigionati e successivamente viene mostrato un dipinto o disegno della creatura, che di solito è creato da un altro religioso musulmano che ha realizzato l'immagine con gli occhi bendati.

Molte persone credono anche che i keris (pugnali dalle lame ondulate tradizionalmente realizzati col metallo di un meteorite) e anelli speciali con un qualsiasi numero e tipo di pietre e gemme ivi apposte, contengano esseri magici di intelligenza limitata che donano poteri specifici al possessore. Questi "makluk Halus" (esseri soprannaturali) si pensa preferiscano "abitare" in specifici e ben curati pugnali o anelli, e li abbandoneranno se il proprietario non esegue appropriate e specifiche cerimonie. Se l'oggetto abitato e/o lo spirito sono trascurati o abbandonati, gli spiriti possono attaccare le persone nelle vicinanze, e ciò può richiedere una cerimonia di guarigione e la propiziazione degli spiriti.

L'uso di giochi di prestigio e di altri trucchi è impiegato da alcuni mistici e guaritori tradizionali, e sono state adottate alcune superstizioni europee e cinesi, come ad esempio la paura del numero 13. Un altro esempio è la tradizione kejawen che è stata aggiunta ad alcune religioni, tra cui l'islam, la quale prevede che il cordone ombelicale e la placenta siano messi in un'urna di argilla e appesi fuori alle travi della casa o sepolti nel cortile con una luce rossa posta sopra di essi. Si ritiene che sia il compagno del bambino che nasce e la luce assolve il doppio compito di far luce sulla sua strada nella vita dopo la morte e far sapere ai vicini che la famiglia ha avuto un nuovo bambino. Un bambino che piange a volte potrebbe essere portato in questo luogo per ritrovare la pace o per fornirgli rassicurazione, così come potrebbe essere bagnato in quel luogo per lo stesso motivo in altre occasioni.

Territori e mete turistiche[modifica]

Regions of Indonesia
      Sumatra — Comprende le Isole Riau e Bangka-Belitung. Più grande della Svezia, Sumatra è un'isola vulcanica dai paesaggi spettacolari ma anche epicentro di disastrosi terremoti.
      Kalimantan — Il nome di quella parte del Borneo in mano all'Indonesia.
      Giava — Comprende Karimun Java, le Mille isole e l'isola di Madura. Giava accoglie la capitale, Giacarta e altri grandi centri urbani. Yogyakarta costituisce la base ideale per l'escursione ai templi induisti di Prambanan e Borobudur. Surabaya è la secodna città del paese.
      Bali — Di gran lunga la destinazione turistica più popolare in Indonesia, e all'atto pratico una città-stato. Bali è la fusione di un'unica cultura indù, spiagge leggendarie, numerose religioni e siti storici, spettacolari regioni montane e un'unica vita sottomarina; tutto ciò favorisce Bali come meta tra i viaggiatori di tutto il mondo.
      Sulawesi — Dalla forma alquanto strana, questa isola si distingue per la bellezza dei suoi paesaggi e per il mosaico delle culture della sua popolazione. La località di Manado vanta bellissimi fondali marini ed è dotata di alberghi.
      Piccole Isole della Sonda (Nusa Tenggara) — Ne fa parte Bali, una delle maggiori destinazioni del turismo internazionale. Ciò nonostante l'isola conserva intatto il suo affascinante aspetto locale. Delle Piccole isole della Sonda fanno parte anche Lombok, Sumbawa, Flores, Komodo e Timor Ovest
      Molucche (Maluku) — Le Isole delle Spezie, un arcipelago per certi versi ancora misterioso e fuori dalle rotte maggiormente battute dai turisti.
      Nuova Guinea Occidentale (Irian Jaya) — Il nome della sezione occidentale dell'isola di Nuova Guinea. Selvaggia e scarsamente abitata, Irian Jaya è, come le Molucche, fuori dalle rotte battute dal turismo internazionale e si adatta a chi ha il senso dell'avventura.

Centri urbani[modifica]

  • Bandung — Città universitaria negli altopiani più freddi di Giava.
  • Banjarmasin — La più grande città Kalimantan.
  • Giacarta — Capitale perennemente congestionata che è anche la città più grande del Paese.
  • Jayapura — La capitale di Papua e un punto di ingresso per la regione montana.
  • Kuta — Con le sue grandi spiagge e la sua vita notturna, Kuta è un ulteriore motivo che può spingere a visitare Bali.
  • Makassar (ex Ujung Pandang) — La porta d'accesso verso Sulawesi e sede del localmente famoso gruppo etnico dei Bugis.
  • Medan — Le singolare città principale di Sumatra e porta di accesso per il Lago Toba e per il resto del territorio Batak.
  • Surabaya — Un porto molto attivo che è anche il capoluogo della Giava Orientale nonché la seconda più grande città del Paese.
  • Yogyakarta — Centro culturale di Giava e punto di accesso per i grandi templi di Prambanan e Borobudur.

Altre destinazioni[modifica]

...hic sunt dracones
  • Anyer — Bellissima spiaggia nella provincia di Banten vicino il monte Anak Krakatau e il parco nazionale di Ujung Kulon.
  • Bali — Bellissima isola con molte testimonianze artistiche del passato.
  • Borobudur — Uno dei più grandi complessi di templi e stupe buddiste del mondo, ubicato nella provincia di Giava Centrale. Spesso abbinato alla visita delle altrettanto imponenti rovine indù nella vicina Prambanan.
  • Bunaken — Situata sulla costa della della provincia di Sulawesi, è una delle migliori destinazioni per immersioni in Indonesia, se non del mondo. Vi si trovano anche dei giardini botanici.
  • Lago Toba — Il più grande lago di origine vulcanica nel mondo nella provincia settentrionale di Sumatra.
  • Lombok — Isola popolare a est di Bali con le piccole e tranquille Isole Gili, il possente vulcano Rinjani e molto altro ancora. Appena ad est di Bali con bellissimi litorali.
  • Parco nazionale di Bromo Tengger Semeru — Alcuni dei più spaventosi paesaggi vulcanici del pianeta e una delle migliori posizioni in tutto il mondo per vedere l'alba.
  • Parco nazionale di Kerinci Seblat — Tigri, elefanti, mostruosi fiori rafflesia e molto di più in questa enorme distesa di foresta localizzata a Sumatra.
  • Parco nazionale di Komodo — Habitat naturale del drago di Komodo e un ecosistema marino estremamente importante, nelle Piccole Isole della Sonda (Nusa Tenggara).
  • Prambanan — Il più vasto complesso di templi induisti fuori dell'India. Gravemente danneggiato dal terremoto del maggio 2006, il sito è stato chiuso al pubblico per restauro fino a dicembre 2014.
  • Tana Toraja — Altopiano del Sulawesi sudoccidentale famoso per gli straordinari riti funebri. Una bella località vicino a zone di conflitto come Poso e Palu.
  • Tangkuban Perahu — Un vulcano attivo nella provincia di Giava Occidentale, vicino Bandung.
  • Valle del Baliem — Splendide attività di trekking nelle terre delle tribù Lani, Dani e Yali nella parte remota di Papua.


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Avvertimento di viaggio Restrizioni sui visti: I cittadini di Afghanistan, Guinea, Israele, Iraq, Corea del Nord, Camerun, Liberia, Niger, Nigeria, Pakistan e Somalia devono ottenere l'approvazione da parte delle autorità indonesiane prima del rilascio dei visti. L'intero processo può richiedere fino a 3 mesi.
Politiche sui visti indonesiani

Trattare con l'imigrasi funge da utile introduzione alla complessità bizantina della burocrazia dell'Indonesia. Il pro e contro di esso, però, è che la maggior parte dei viaggiatori occidentali possono ottenere il visto all'arrivo per 35 USD in quasi tutti i comuni punti di ingresso (Giava, Bali, ecc.), quindi continuate a leggere solo se si sospetta di non rientrare in questa descrizione.

Ci sono tre modi di entrare in Indonesia:

  • Esenzione dal visto — Mostrare il passaporto, farselo timbrare, fine. Si applica solo a pochi selezionati, principalmente dei Paesi ASEAN.
  • Visto all'arrivo — Pagare all'arrivo, ottenere un visto sul passaporto, farselo timbrare. La maggior parte dei visitatori rientra in questa categoria.
  • Visto anticipato — Ottenere un visto presso un'ambasciata indonesiana prima dell'arrivo.

Il passaporto deve avere una scadenza residua di almeno 6 mesi e deve contenere almeno una o più pagine vuote. Questa stessa regola si applica a qualsiasi estensione del visto, che può essere richiesto mentre si è già all'interno del Paese.

Una particolarità da notare è che i visitatori senza visto e con visto all'arrivo devono entrare in Indonesia attraverso specifiche porte di ingresso. L'entrata attraverso altre porte di ingresso richiederà un visto indipendentemente dal fatto che si necessiti o meno del visto.

Non tutti gli aeroporti o porti dispongono di questa facilitazione e se si entra in Indonesia da un punto secondario occorrerà procurarsi il visto in anticipo presso il consolato dell'ambasciata indonesiana. Occorre inoltre essere muniti del biglietto di ritorno.

Va inoltre notato che i giorni di validità del visto in Indonesia sono considerati contando il giorno di entrata come giorno 1, non giorno 0. Questo significa che alle ore 24:00 (mezzanotte) della notte del giorno di arrivo si è stati in Indonesia per un giorno. Esemplificando. Se si entra alle 23:59, 2 minuti più tardi sei stato in Indonesia per 1 giorno e si sta trascorrendo già il secondo giorno, e se si riceve un visto il 1° gennaio per 30 giorni, è necessario lasciare il paese entro il 30 gennaio. Se si acquista un'estensione del visto il giorno di scadenza del proprio visto originale/precedente non viene contato come il primo giorno della vostra estensione; pertanto, l'estensione del visto avrà inizio il 31 gennaio.

Lasciando il Paese dopo la scadenza del visto, si incorrerà in una penale di 200.000 IDN per ogni giorno di superamento del permesso di soggiorno. Eccessivi superamenti sono disapprovati e potrebbero causare, se pizzicati, la detenzione in carcere di immigrazione, oltre ad essere multati ed espulsi. Questa non sarà un'esperienza piacevole, tanto meno una valida alternativa all'ottenimento di una regolare estensione del visto.

La dogana in Indonesia è di solito abbastanza tranquilla. È permesso portare 1 litro di alcool, 200 sigarette o 50 sigari o 100 g di prodotti del tabacco, e una quantità ragionevole di profumo. Somme di denaro contante eccedenti 100 milioni di rupie, o l'equivalente in altre valute, devono essere dichiarate al momento dell'arrivo o della partenza. Oltre ovviamente a droghe e pistole, l'importazione di pornografia e frutta, piante, carne o pesce è (tecnicamente) vietato. Indonesia impone la pena di morte per coloro che sono colti in flagranza di trasporto di droghe.

L'immigrazione indonesiana mantiene il proprio sito mal organizzato e quasi incomprensibile nella versione inglese. Il sito della ambasciata indonesiana a Singapore (Singapore KBRI) ha informazioni più comprensibili e utili su requisiti doganali e di immigrazione.

Visto[modifica]

Esenzione dal visto[modifica]

Per ulteriori informazioni, compreso un elenco di punti d'ingresso in cui poter effettuare un ingresso senza visto, vedere il sito dell'ambasciata indonesiana.

I cittadini di 15 Paesi, tra cui 9 paesi dell'ASEAN, che si recano in Indonesia per turismo, affari, transito o missioni sono autorizzati a rimanere nel Paese fino a 30 giorni senza visto. Questo tipo di visto non può essere esteso, trasferito o convertito in un qualsiasi altro tipo di visto, né può essere utilizzato come permesso di lavoro. Ai visitatori che possono beneficiare del programma di esenzione dal visto, viene rilasciato un visto ai posti di frontiera indonesiani ma a discrezione del funzionario d'immigrazione. I cittadini dei seguenti paesi sono ammissibili: Brunei, Cambogia, Cile, Ecuador, Filippine, Hong Kong SAR (Regione amministrativa speciale), Laos, Macao SAR, Malesia, Marocco, Myanmar, Perù, Singapore, Thailandia e Vietnam. Gli ingressi per i cittadini di quei Paesi sono concessi prevalentemente nei principali aeroporti e porti marittimi, nonché presso il valico di frontiera indonesiana-malese a Entikong.

Ulteriori 15 Paesi possono entrare senza visto in Indonesia, con effetto dal 10 giugno 2015. I Paesi sono: Bahrein, Canada, Cina, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, Giappone, Kuwait, Messico, Nuova Zelanda, Oman, Qatar, Regno Unito, Russia, Stati Uniti d'America e Sud Africa. Tuttavia il visto di 30 giorni può essere rilasciato esclusivamente per fini turistici, non è estensibile, ed è emesso solo in luoghi specifici come gli aeroporti internazionali di: Soekarno Hatta (Giacarta), Ngurah Rai (Bali), Kuala Namu (Medan), Juanda (Surabaya) e Hang Nadim (Batam), e i porti marittimi di: Sri Bintan, Sekupang, Batam center e Tanjung Uban (Isole Riau). Una visita per scopi diversi dal turismo potrebbe ancora aver bisogno della richiesta del visto all'arrivo. Se sussistesse la possibilità di prolungare il soggiorno di 30 giorni per un massimo di altri 30 giorni, si dovrà insistere per avere un visto all'arrivo (al posto di quello gratuito) e pagare 35 USD.

I cittadini di ulteriori 19 paesi possono entrare in Indonesia esenti da visto, con effetto dal 7 ottobre 2015: Arabia Saudita, Cipro, Giordania, Grecia, Papua Nuova Guinea, Portogallo, Romania, San Marino, Seychelles, Slovacchia, Slovenia, Suriname, Taiwan, Tanzania, Timor Est, Tunisia, Turchia, Vaticano e Venezuela.

A maggio 2016 sono 90 i Paesi che possono godere di questo trattamento, e quelli successivamente aggiunti sono: Algeria, Angola, Argentina, Austria, Azerbaigian, Bielorussia, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Repubblica Dominicana, Estonia, Egitto, Figi, Finlandia, Francia, Germania, Ghana, Ungheria, India, Irlanda, Islanda, Italia, Kazakistan, Kirghizistan, Lettonia, Libano, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Maldive, Malta, Principato di Monaco, Paesi Bassi, Norvegia, Panama, Polonia, Spagna, Svezia e Svizzera.

Visto all'arrivo[modifica]
Come ottenere un visto all'arrivo
Ai suddetti aeroporti o porti marittimi, dovrebbe essere seguita la seguente procedura per ottenere il vostro visto all'arrivo o VoA (Visa on Arrival).
  • Prima di arrivare, se possibile, compilare la scheda di arrivo/partenza, che a volte viene fornita da un membro dell'equipaggio col quale state viaggiando. Questo documento sarà il vostro modulo di domanda di visto.
  • Quando si arriva, andare allo sportello bancario e pagare l'importo richiesto per il visto. Verrà rilasciata una ricevuta con codice a barre.
  • Portare la ricevuta allo sportello dei visti di arrivo con la scheda di arrivo/partenza e il passaporto, per la registrazione da parte di un funzionario. Un visto sarà applicato in modo permanente nel vostro passaporto. L'ufficiale talvolta può porvi alcune domande.
  • Procedere al banco di immigrazione per il timbro sul passaporto o, se l'agente l'avesse già timbrato, si può procedere lungo una corsia speciale per saltare il banco.

Come sempre, ci possono essere variazioni su questa disposizione, in particolare nei punti più piccoli di ingresso. Sportelli bancari e dei visti possono essere collocati insieme. In ogni caso, il visto deve essere applicato prima di raggiungere il banco di immigrazione.

Tutti i visitatori che entrano in Indonesia tramite visto all'arrivo (Visa Kunjungan Saat Kedatangan) devono essere già muniti di un biglietto di ritorno per il proprio punto di origine o di proseguimento per la propria destinazione finale, e di averlo appresso quando si passa attraverso l'immigrazione nel Paese (e-ticket sono accettabili), o essere in grado di presentare a un funzionario di immigrazione prove sufficienti di mezzi per ottenerne uno. Questi elementi sono spesso verificati, e agli ospiti che non riescono a soddisfare questo requisito può essere negato l'ingresso. Più comunemente il problema può essere risolto con un opportuno "pagamento" (o tangente). I visti di transito sono disponibili presso le ambasciate e i consolati indonesiani e possono essere forniti al confine in alcune (limitate) circostanze. Spesso le compagnie aeree con destinazione Indonesia al momento del check-in possono negare l'imbarco ai passeggeri che non soddisfano tali requisiti.

I visti in arrivo possono essere emessi ai cittadini dei seguenti Stati: Algeria, Argentina, Arabia Saudita, Australia, Brasile, Bulgaria, Cipro, Egitto, Estonia, Figi, Grecia, Islanda, India, Iran, Irlanda, Lettonia, Libia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Maldive, Malta, Panama, Polonia, Portogallo, Principato di Monaco, Romania, Slovacchia, Slovenia, Suriname, Taiwan, Timor Est, Tunisia e Turchia per un massimo di 30 giorni, in genere allungabili una sola volta per altri 30 giorni all'ufficio di immigrazione locale o da un agente dei visti all'interno Indonesia. A titolo generale, se siete a Bali, non è possibile applicare per l'estensione a Bandung.

È anche possibile ottenere un visto da un'ambasciata o consolato indonesiano prima di partire e vi permetterà di andare direttamente al canale di immigrazione per i titolari di visto, piuttosto che ai talvolta congestionati canali preposti per gli esenti da visto o con visto all'arrivo. I visti per turismo, affari o per attività sociali, ottenuti in anticipo, sono normalmente rilasciati per un periodo massimo di 60 giorni di permanenza. I visti all'arrivo non sono validi per l'occupazione di qualsiasi tipo, non importa cosa il vostro datore di lavoro possa dirvi e nemmeno se i vostri documenti di lavoro sono in corso, a meno che il Ministero del Lavoro rilasci uno speciale permesso di lavoro temporaneo, sotto forma di una lettera.

I visti all'arrivo sono concessi nella maggior parte dei principali aeroporti e porti marittimi, così come nel posto di controllo di frontiera indonesiana-malese a Entikong.

Costo del visto all'arrivo: Un visto all'arrivo viene rilasciato per un soggiorno massimo di 30 giorni, e il costo è pari 35 USD, anche se gli ufficiali di immigrazione sono soliti chiedere 350.000 Rp. È raccomandato il cambio esatto in dollari americani per i pagamenti dei visti al confine indonesiano. In generale questo visto è estendibile una volta per altri 30 giorni. Se nel vostro visto c'è la dicitura "non estendibile", questo è probabilmente parte di un vecchio stock di visti e quella nota dovrebbe essere ignorata. Nel dubbio, chiedere. Un'estensione può essere ottenuta in un ufficio d'immigrazione all'interno del territorio indonesiano pagando la tariffa pubblica di 250.000 Rp, e si raccomanda di fare questo dieci giorni prima della data di scadenza del visto, anche se può essere esteso in un secondo momento. La gestione della pratica può portare via un paio di giorni, ma dipende da quanto è occupato il funzionario e soprattutto se è presente. Sono anche accettati pagamenti in altre principali valute, ma il resto viene solitamente fornito in rupie e applicando un tasso di cambio tutt'altro che favorevole. Le carte di credito possono essere accettate a Bali, ma non fate affidamento su questo servizio, che per altro non è normalmente disponibile altrove. Si noti che in alcuni punti di entrata, soprattutto a terra o in mare, emettono visti non estendibili (i porti delle Isole Riau sono esempi eclatanti).

Visto prima dell'arrivo[modifica]

I cittadini dei paesi non elencati sopra sono tenuti a richiedere il visto attraverso l'ambasciata o il consolato indonesiano più vicino. Visti di singolo ingresso sono validi per 60 giorni e abbastanza diffusi, con un costo pari a 50/100 USD a seconda del Paese d'origine e del tasso di cambio. Sono inoltre disponibili visti per ingressi multipli, ma la politica di emissione varia nelle diverse ambasciate e talvolta cambia nel tempo, quindi è meglio informarsi presso l'ambasciata indonesiana più vicina con largo anticipo rispetto alla partenza. Normalmente le ambasciate e i consolati indonesiani prevedono 3-4 giorni lavorativi per l'elaborazione; tuttavia potrebbe essere necessaria almeno una settimana.

I cittadini di questi Paesi hanno bisogno di ottenere l'approvazione dalla sede servizi per l'immigrazione, la Direktorat Jenderal Imigrasi di Giacarta: Afghanistan, Israele, Albania, Corea del Nord, Angola, Nigeria, Pakistan, Camerun, Somalia, Cuba, Etiopia, Tanzania, Ghana, Tonga, Iraq. Le persone interessate devono avere uno sponsor in Indonesia, sia privato che professionale. Lo sponsor deve andare di persona alla sede dell'ufficio d'immigrazione a sud di Giacarta e deve fornire una fotocopia del passaporto del richiedente, una lettera di invito e la fotografia del richiedente. Una volta approvato, l'ufficio di immigrazione invierà una copia della lettera di approvazione al richiedente.

Per le persone che arrivano in Indonesia ci sono diversi tipi di visto pre-approvati, tra cui affari, socio-culturale, studenti, lavorativo e turistico. Di questi, un visto d'affari consente solo lavori che non percepiscono pagamento (come le visite di affari ai clienti), e il visto di lavoro è l'unico che permette la piena occupazione ed è valido per 1 o 5 anni, combinato con un permesso di lavoro fornito dal Ministero del Lavoro. La maggior parte degli altri tipi di visto non consente di effettuare alcun tipo di lavoro, nemmeno quello volontario, sebbene ci siano alcune eccezioni, come i visti religiosi e diplomatici. Nel dubbio, chiedere al Dipartimento di manodopera e Trasmigrazione (DisNaKerTrans) locale, e non al vostro datore di lavoro o all'agente che gestisce la documentazione, in quanto molti datori di lavoro e agenti sono ignoranti della legge o sono disposti a mentire per farvi lavorare, e l'ufficio di immigrazione non ha alcuna autorità sui datori di lavoro. Come nella maggior parte dei Paesi, gli studenti non sono autorizzati a lavorare.

Se c'è un ritardo nell'elaborazione della propria documentazione (e.g. perché la società non ha ancora una licenza per operare, o non ha ancora presentato i documenti e le richieste appropriate al governo per l'impiego di stranieri), il datore di lavoro può chiedere al Ministero del lavoro un permesso di lavoro temporaneo come un ripiego, questa è una lettera di cui si dovrebbe anche richiedere di ottenerne una copia.

In aereo[modifica]

Tratte attualmente sospese
Dopo l'incidente di AirAsia nel dicembre 2014, il Ministero dei Trasporti ha sospeso le tratte Surabaya-Singapore e Medan-Palembang operate da Air Asia a causa di irregolarità procedurali. Inoltre, dal 15 Gennaio 2015, altre 59 tratte sono state sospese, tra quelle operate da Air Asia, Garuda, Lion Air, Wings Air, Trans Nusa e Susi Air.

La maggior parte dei voli internazionali arrivano all'aeroporto internazionale Soekarno-Hatta (IATA: CGK) a Giacarta, Ngurah Rai (IATA: DPS) a Bali, e Juanda (IATA: SUB) a Surabaya. Molti aeroporti nelle città secondarie, come Bandung, Yogyakarta e Medan hanno anche voli internazionali da Singapore e/o Malesia, che possono essere interessanti e convenienti punti di ingresso in Indonesia.

Viaggiare in Indonesia dalle Americhe può richiedere un minimo di 20 ore e obbligare almeno ad uno scalo. Viaggiare da buona parte dell'Europa richiederà meno di 20 ore. Mentre ci sono voli senza scalo a Giacarta da Amsterdam e Istanbul, per altre città servirà invece almeno una sosta o comunque un transito a Kuala Lumpur o Singapore. Dall'Australia però è a solo 6/8 ore di distanza.

Il costo per volare in Indonesia dall'interno del Sud-Est asiatico e nella regione del Pacifico si è ridotto con l'avvento dei vettori a basso costo (Low Cost Carriers o LCC). Air Asia Group vola verso le principali destinazioni indonesiane, soprattutto dalla Malesia. Tigerair e Jetstar (attraverso il suo marchio Valuair) sono i due vettori che volano da Singapore, anche se non dispongono di molti voli. Lion Air Group vola a Singapore e Ho Chi Minh, e comincia ad avere tratte per Kuala Lumpur e Bangkok, con tramite le sue controllate in Malesia e Thailandia.

Garuda Indonesia, +62 21 2351-9999. La compagnia di bandiera indonesiana vola su diverse città nel Sud-est asiatico, Cina, Giappone e Corea del Sud, Australia, Arabia Saudita, e Amsterdam in Olanda. La compagnia aerea ha anche ampi accordi di code-sharing, e questo aiuta a fornire frequenze abbastanza buone dei voli da aeroporti nei Paesi limitrofi all'Indonesia.

Singapore Airlines, insieme alla sua controllata SilkAi, sono compagnie aeree che volano verso molte destinazioni indonesiane da Singapore e hanno ottimi collegamenti con le città di tutto il mondo. Voli a Giacarta da Singapore sono tra le più trafficate rotte internazionali di tutto il mondo.

In auto[modifica]

  • Da Timor Est: l'attraversamento principale è a Mota'ain tra Batugade a Timor Est e Atambua, Timor Ovest.
  • Dalla Malesia: l'unico modo formale per entrare via terra dalla Malesia è a Entikong-Tebedu, l'attraversamento tra Kalimantan Occidentale e Sarawak in Malesia sul Borneo. La traversata sulla strada principale tra Kuching, (Sarawak) e Pontianak, la capitale del Kalimantan Occidentale. Essendo l'attraversamento elencato solo come un punto di ingresso per gli esenti da visto, le nazionalità che non si qualificano per questa tipologia dovranno richiedere il visto in anticipo.
  • Dalla Papua Nuova Guinea: l'unico attraversamento riconosciuto in Indonesia è a Wutung, tra Vanimo nella Provincia di Sandaun nella Papua Nuova Guinea, e Jayapura, la capitale della provincia indonesiana di Papua.

Nota: Non è garantito l'ingresso in Indonesia attraverso questi attraversamenti e i non-indonesiani sono obbligati a richiedere il visto presso l'ambasciata o il consolato indonesiano più vicino.

In nave[modifica]

I traghetti collegano l'Indonesia con Singapore e la Malesia. La maggior parte dei collegamenti si svolge tra i porti di Sumatra (per lo più nelle province di Riau e delle Isole Riau) e quelli in Malesia peninsulare e Singapore, benchè ci sia anche un servizio di traghetti tra lo Stato malese di Sabah e Kalimantan Orientale nel Borneo. I collegamenti marittimi in direzione di Giacarta e di altre isole indonesiane sono disponibili da questi porti. Vedere gli articoli delle singole città per maggiori dettagli.

I traghetti sono spesso sovraccarichi e ogni anno c'è almeno un traghetto che si è capovolto con grandi perdite di vite umane. I traghetti hanno posti in diverse classi, con la zona più costosa (e pulita) sulla parte superiore con sedili comodi e finestre per una bella vista frontale, seguita dalla seconda classe che è collocata dietro, in una stanza separata, più angusta e sporca con posti a sedere meno confortevoli, e la terza classe che di solito è sui ponti inferiori ed è chiaramente la peggiore, anche se diversi traghetti possono avere una propria organizzazione.

Da Singapore
  • Frequenti traghetti da/per i vari porti di Batam (Sekupang, Batu Ampar, Nongsa, Marina Teluk Senimba e Batam Centre).
  • Traghetti frequenti per Tanjung Pinang e Bintan Bandar Telani Lagoi (Bintan Resorts) nell'isola di Bintan.
  • Diversi traghetti giornalieri per/da Tanjung Balai nell'isola di Karimun.
  • Un traghetto giornaliero, aumentando a due durante i fine settimana, da/per Tanjung Batu nell'isola di Kundur.
Dalla Malesia peninsulare
Dallo stato malese di Sabah

L'ingresso con esenzione da visto o con visto all'arrivo è possibile presso tutti i porti di cui sopra ad eccezione di Tanjung Batu, Tanjung Balai, Nunukan e Tarakan, che richiedono un visto anticipato, sebbene possono esserci eccezioni per i visitatori esenti da visto.

Diverse compagnie di crociera arrivano in Indonesia e impiegano molti locali, ed è un modo con cui la gente del posto arricchisce le proprie famiglie. Si può fare una crociera e fermarsi in luoghi specifici e in questi casi l'immigrazione sarà gestita a bordo della nave. Siate sicuri di tornare a bordo, alla fine di tale "permesso a terra" o si rischia di essere lasciati a terra! Si può anche terminare la crociera anticipatamente, ma in quel caso è necessario visitare un ufficio immigrazione dopo lo sbarco.

In yacht[modifica]

Per aumentare le visite turistiche il governo ha semplificato le procedure per l'ingresso in yacht. Entrando in yacht è necessario un preavviso di 3 giorni per ottenere un permesso di soggiorno di 30 giorni e può essere esteso per altri 30 giorni. I diportisti possono arrivare nei porti di Giacarta, Batam, Bangka-Belitung e Kupang.


Come spostarsi[modifica]

In aereo[modifica]

La vasta area indonesiana si compone perlopiù di isole, ciò significa che l'unico mezzo rapido per viaggi a lunga distanza è l'aereo. La compagnia di bandiera è Garuda Indonesia, una compagnia solitamente affidabile, anche se è spesso l'opzione più costosa.

La Lion Air ha di solito un sacco di voli per una destinazione specifica offrendo il suo servizio a basso costo (senza fronzoli). Gli altri concorrenti a basso costo includono Citilink, la controllata di Garuda Indonesia, e Indonesia AirAsia. Le compagnie low cost hanno piani voli serrati, con solo forse 25 minuti di attesa a terra tra l'atterraggio e la partenza successiva. I ritardi si accumulano durante il giorno e pertanto, mentre i voli di mattina tendono ad essere in orario, quelli del pomeriggio al contrario sono più a rischio.

Le tratte per le destinazioni meno popolari sono di solito servite da Sriwijaya Air. Air Fast, Susi Air, Trigana, Express Air, e Wings Air (la controllata di Lion Air), operano principalmente aerei a elica in aeroporti più piccoli. Se davvero avete intenzione di recarvi fuori dai sentieri battuti, ad esempio gli insediamenti nella Nuova Guinea Occidentale, non essendoci alcun volo di linea pianificato, avrete bisogno di noleggiare un aereo o di cercare un passaggio dai voli adibiti ai missionari o ai lavoratori di una compagnia mineraria. Sriwijaya Air e Kalstar possono essere classificate come compagnie aeree di livello medio tra le compagnie low cost e quelle di linea. Nelle compagnie di medio livello servono snack a bordo ai passeggeri, anche se alcune a volte danno anche il riso al posto di uno snack. Oltre al cibo, la differenza tra le tre classi di compagnie aeree consiste anche nella distanza tra i sedili.

I prezzi sono bassi rispetto agli standard internazionali, tuttavia, essendo regolati dal governo, su un percorso specifico c'è una fascia di prezzo imposta che non può essere oltrepassata sia in eccesso che in difetto. Molte compagnie aeree tendono a diminuire il loro prezzo una settimana prima del volo, qualora l'aereo non fosse abbastanza pieno; quindi, se la propria pianificazione di viaggio lo permette, si può provare ad ottenere una tariffa più conveniente, evitando i periodi tipicamente di picco come i giorni festivi, i weekend o i lunedì mattina. Quando si viaggia fuori dai sentieri battuti può aiutare riconfermare il proprio volo presto e spesso, in quanto le frequenze dei voli sono basse e di tanto in tanto anche i passeggeri che hanno effettuato il check-in vengono lasciati desolatamente a terra. Assicuratevi di arrivare in aeroporto non meno di 1 ora prima della partenza del volo.

La prenotazione e/o il pagamento di Indonesia Air Asia e Citilink può essere fatto nei maggiori Indomaret e Alfamart dislocati nel Paese, senza alcun costo aggiuntivo. Alfamart effettua anche il solo pagamento dei biglietti di Lion Air. Utilizzando un agente di viaggio si avrà un costo aggiuntivo intorno a 45.000 Rp a biglietto.

In auto[modifica]

Le generalmente atroci abitudini di guida indonesiane si fondano sulla regola "io per primo", spesso segnalata utilizzando il clacson o i fanali, o talvolta limitandosi semplicemente a passare. Corsie e norme stradali sono felicemente ignorate, i sorpassi abituali sono da suicidio e guidare sulla corsia di emergenza è cosa comune. I veicoli di emergenza sono spesso ignorati, semplicemente perché tutto lo spazio a loro adibito è già stato utilizzato. I guidatori tendono a prestare la massima attenzione a ciò che hanno dinnanzi e ai lati, ma molto meno a ciò che sta dietro. Gli specchi retrovisori potrebbero non essere consultati prima di un cambio di corsia. Le distanze tra i veicoli tendono ad essere piccole e i guidatori sono noti per la loro capacità di sgusciare con quasi nessuno spazio, ma gli specchietti ai lati sono frequenti vittime di tali manovre. Toccare i reciproci paraurti ad alta velocità è frequente; quindi è meglio adottare una guida difensiva ed essere sempre pronti a frenare di colpo, se necessario. La prima causa di morte e di lesioni sulla strada, tuttavia, sono gli incidenti in moto. In Indonesia si guida a sinistra (all'inglese), almeno nella maggior parte del tempo. Fate attenzione alle moto che passano sulla sinistra, soprattutto quando si sta per svoltare a sinistra.

Il noleggio auto in Indonesia è a buon mercato rispetto a molti altri Paesi, con un costo che parte da 12,5 USD/giorno, e il costo del carburante resta relativamente basso, grazie alla bassa tassazione sul carburante: un litro di carburante dovrebbe costare da 7.400 Rp per la benzina a 88 ottani (marca Premium), 8.400 Rp per quella a 90 ottani (Pertalite). Per i cittadini benestanti, ci sono varietà più costose di benzina a 92 (Pertamax) e 95 (Pertamax Plus) ottani per un 1.000/2.000 Rp supplementari. A partire dal 2000, tutti i conducenti di veicoli nuovi in ​​Indonesia sono stati incoraggiati ad utilizzare almeno ottani 90 per evitare di urtare veicoli con alto rapporto di compressione.

Per guidare autonomamente una macchina in Indonesia serve la propria patente di guida in linea con la classe del mezzo che si vuol guidare, più un permesso di guida internazionale (IDP) di quella stessa classe. Nessuna eccezione è consentita a meno che non siate in possesso di una SIM indonesiana (patente di guida locale) della classe appropriata. Inoltre molte polizze assicurative di viaggio possono far valere la copertura solo se il conducente ha una patente valida, con la corrispondente IDP.

Prendete in considerazione l'affitto di un'auto con conducente. Il costo aggiuntivo è piuttosto basso, circa 150.000 Rp o meno, oltre a tre pasti al giorno per 20.000/25.000 Rp cadauno. Avere un autista riduce anche le probabilità di avere un incidente perché sanno come muoversi nel loro frenetico traffico e conoscono anche le strade più veloci per arrivare a destinazione.

Le condizioni e la manutenzione delle strade in Indonesia sono rudimentali fuori dalle principali città e da alcune destinazioni turistiche. Durante la stagione delle piogge le strade principali di Sumatra, Kalimantan e Sulawesi sono spesso allagate o bloccate da frane per diversi giorni. Le strade a pagamento, che sono di migliore qualità, hanno ancora una risicata copertura e sono presenti solo nelle grandi città per lo più a Giava. Le cinture di sicurezza devono essere indossate in particolare sul sedile anteriore, anche se questo a volte è poco controllato.

In nave[modifica]

Mappa delle tratte di PELNI

L'Indonesia è costituita da tutte isole e di conseguenza le barche sono state a lungo i mezzi di trasporto più diffusi. I traghetti possono accompagnarvi in lunghi viaggi per giorni o settimane, ma anche per brevi spostamenti nell'ordine di poche ore. Tuttavia non tutte le destinazioni sono servite quotidianamente. Alcune destinazioni, come Karimunjawa da Semarang e l'arcipelago delle Mille isole da Giacarta, offrono servizi di yacht, che sono più veloci, sicuri e confortevoli. I prezzi sono naturalmente più elevati.

La più grande compagnia è di proprietà dello Stato PELNI, i cui giganti traghetti visitano praticamente ogni isola abitata in Indonesia compiendo lunghi viaggi che possono impiegare anche due settimane per andare da un estremo all'altro. PELNI utilizza barche di costruzione [Europa|europea]], che sono abbastanza grandi per affrontare mari agitati, ma possono comunque essere scomode e sovraffollate durante l'alta stagione; traghetti costruiti per 3.000 passeggeri, hanno ospitato a bordo fino a 7.000 persone! Questo significa che spesso non ci sono sufficienti scialuppe di salvataggio in caso di affondamento e questo potrebbe rappresentare un potenziale rischio per la sicurezza.

Le classi delle sistemazioni in cabina, con tutti i pasti compresi e armadietti privati, sono i seguenti:

  • 1° classe, ~40 USD/giorno: due letti per cabina, bagno privato, TV, aria condizionata
  • 2° classe, ~30 USD/giorno: quattro letti per cabina, bagno privato, aria condizionata
  • 3° classe, ~20 USD/giorno: sei posti letto per cabina, aria condizionata, bagno in comune
  • 4° classe, ~15 USD/giorno: posto letto in dormitorio

Il modo "reale" di viaggiare, però, è in ekonomi class (classe economica) (~10 USD/giorno), che è anche il più rumoroso, fumoso, angusto e affollato. Acquistare un tappetino di rattan e arrivare presto per guadagnare il vostro posto. Solitamente le persone iniziano a correre non appena arriva il traghetto. Attenzione che borseggiatori e furti sono un problema reale.

Oltre alle barche lente di PELNI, ASDP gestisce traghetti veloci (Kapal Ferry Cepat, spesso ironicamente abbreviate in KFC) su una serie di rotte popolari. Entrambi i biglietti di PELNI e ASDP possono essere prenotati tramite agenzie di viaggio.

Ultimo ma non meno importante, ci sono anche innumerevoli servizi di trasporto isola-isola, compresi quelli tra Merak (Giava) e Bakauheni (Sumatra) ogni ora, Giava e Bali ogni 15 minuti e Bali e Lombok quasi ogni ora.

In generale gli orari sono indicativi, il confort è basso e i livelli di sicurezza poveri. Controllate quali dispositivi di sicurezza siano a bordo e prendete in considerazione il rinvio di un viaggio se le condizioni atmosferiche fossero brutte. Subendo una scarsa manutenzione, i frequenti sovraccarichi provocano affondamenti fin troppo comuni sui traghetti gestiti da aziende più piccole ogni anno, quindi cercare di rivolgersi alle compagnie più grandi, se possibile.

Il cibo sui traghetti varia dal cattivo all'immangiabile, e i tempi di percorrenza possono allungarsi ben al di là di quelli programmati, quindi è bene portare con sé delle scorte che siano sufficienti anche qualora un guasto del motore possa portare la barca alla deriva comportando un giorno extra di viaggio. In caso di problemi con la cinetosi (comunemente nota come mal di mare), comprare un medicinale tipo Dramamine o Antimo.

I traghetti hanno diverse classi di posti, con la parte più costosa (e pulita) sulla parte superiore con sedili comodi e finestre per una bella vista frontale, seguita dalla seconda classe posta in una stanza separata che è più angusta e sporca con posti a sedere meno confortevoli, e la terza classe ubicata di solito sui ponti inferiori ed è la peggiore, anche se diversi traghetti possono avere una propria organizzazione. Naturalmente, i veicoli sono alloggiati sotto il ponte principale.

È possibile essere molestati da persone a bordo che cercano di sottrarvi soldi con qualche dubbia scusa. Sentitevi liberi di ignorarli, anche se in cambio di una mazzetta potrebbe essere possibile ottenere una migliore classe di alloggio.

In alcuni luoghi le barche più piccole, come gli outrigger, barche con fondo di vetro, barche a vela, motoscafi e barche da pesca, possono essere l'unica forma di trasporto disponibile, ed i prezzi possono variare da un'esigua quantità fino a decine di dollari. Informatevi in anticipo su prezzi e itinerari e mercanteggiate sempre. Alcune di queste barche possono essere affittate per pesca, snorkeling, immersioni subacquee e semplice turismo.

In nave da crociera[modifica]

A partire dall'ottobre 2015 l'Indonesia ha permesso alle navi da crociera di utilizzare 5 porti: Tanjung Priok (Giacarta), Tanjung Perak (Surabaya), Belawan (vicino Medan), Makassar e Benoa (Bali). Questo significa che i passeggeri possono scegliere di effettuare anche solo una o più tratte anziché l'intero viaggio.

In treno[modifica]

PT Kereta Api, +62 21 121. È la compagnia ferroviaria di proprietà del governo che gestisce i treni in tutta la maggior parte di Giava e alcune parti di Sumatra. La rete è stata originariamente costruita dagli olandesi, ma poche nuove linee sono state costruite dopo l'indipendenza, limitandosi a rivitalizzare quelle già esistenti. La qualità della manutenzione è sempre più accettabile di conseguenza i deragliamenti e gli incidenti si verificano oramai raramente. Essendo aziende statali il servizio clienti è gentile, ma non sempre il personale è interessato a soddisfare il cliente in caso di problemi.

Giava ha di gran lunga la migliore rete ferroviaria, con treni che collegano la capitale Giacarta con altre città principali come Surabaya, Semarang, Yogyakarta e Surakarta (o Solo). Giacarta ha anche una linea di treni pendolari all'interno dell'area metropolitana. Bandung è collegata a Giacarta da circa 20 treni al giorno, ed è a sua volta collegata a Surabaya attraverso Yogyakarta. Bali non ha linee ferroviarie, ma ci sono treni per Banyuwangi connessi con i traghetti che completano il collegamento all'isola. In generale i treni viaggiano attraverso zone panoramiche, e viaggiatori senza fretta dovrebbero prendere in considerazione la lunghezza del viaggio e il paesaggio come un bonus dei loro viaggi, anche se alcune baraccopoli sono costruite intorno ai binari. Il furto non è un grosso problema nella classe business, ma le precauzioni sono consigliabili su tutti i treni, in particolare su quelli più economici.

La rete di Sumatra esiste intorno a Medan, Sumatra Occidentale, Lampung e Sumatra Meridionale. I treni passeggeri sull'isola sono molto meno frequenti rispetto a quelli di Giava.

Classi di servizio[modifica]

Si tenga a mente che tutti i tipi di treno (compresi quelli pendolari) a Giava sono dotati di aria condizionata. Ma non tutti sono progettati per ospitare persone disabili e anziani.

Le classi dei treni sono:

  • Eksekutif - Ha solo posti a sedere prenotati e ci si dovrebbe premunire con i vestiti a maniche lunghe in quanto la temperatura è di solito piuttosto bassa (forse 18°C). Questi treni dispongono di coppie di sedili reclinabili con poggiapiedi ( per gruppi di quattro è possibile avere sedili accoppiati l'uno di fronte all'altro), intrattenimento televisivo (se il televisore non è rotto e il segnale è buono) ed è possibile acquistare cibo, anche se il rapporto qualità/prezzo è piuttosto basso. Si possono chiedere/affittare coperte e cuscini durante il viaggio.
  • Bisnis - Ha ventilatori e finestre che possono essere aperte e i sedili sono posizionati normalmente.
  • Ekonomi - Sono disponibili anche per i viaggiatori più attenti alle spese.
  • Pendolari - Ci sono posti a sedere laterali con pali e cinghie per i passeggeri in piedi e nelle ore di punta il treno può essere molto affollato, anche se spesso è dotato di aria condizionata e di solito le carrozze alle due estremità sono per sole donne.

Nessun servizio vagone letto è previsto in Indonesia a causa della durata relativamente breve di viaggio (max 7 ore).

Le stazioni ferroviarie sono sorvegliate dalla polizia dei treni, che indossa uniformi grigie, ma ci può essere anche la polizia regolare o, più raramente, il personale militare.

I biglietti possono essere acquistati novanta giorni in anticipo, anche se generalmente saranno ancora disponibili all'ultimo minuto. Un'eccezione è il periodo di Lebaran molto trafficato, quando non è consigliabile viaggiare a causa dell'estrema richiesta di biglietti. La prenotazione dei biglietti online è possibile sul sito ufficiale. Potrebbe essere necessario fornire una fotocopia del proprio documento d'identità al momento dell'acquisto per tutti i treni ad eccezione dei treni pendolari. A volte gli sconti sono offerti per particolari linee, ma dovete comprare i biglietti con largo anticipo per giovarne. Gli anziani con età superiore a 60 anni godono di uno sconto del 20%. Assicuratevi di controllare che il vostro biglietto sia corretto prima di lasciare la finestra di biglietteria. È inoltre possibile acquistare i biglietti presso i minimarts e gli uffici postali e senza alcun costo in più per la commissione di amministrazione, ma non vendono biglietti a tariffa ridotta. I minimarts consentono anche il pagamento con carta di debito/credito con una spesa minima di 50.000 Rp e possono essere acquistati insieme al vostro snack e bevande. Dato che non tutti i minimarts sono aperti 24 ore, in alcune città PT KAI in accordo con banche locali ha iniziato a diffondere chioschi elettronici self service aperti 24 ore nelle stazioni principali, dove è possibile comprare biglietti con banconote da 2.000 Rp e superiori, con carta di debito o di credito.

La prenotazione dei biglietti dal sito ufficiale e dall'applicazione mobile di PT Kereta Api è disponibile solo in Indonesia. Un problema diffuso condiviso con alcune compagnie aree è stato il rifiuto di carte di credito straniere utilizzate per il pagamento. Un modo alternativo per prenotare il proprio biglietto del treno è attraverso il portale di prenotazione tiket.com, con un'interfaccia in lingua inglese e con meno difetti in fase di pagamento. Un grave inconveniente è che, dopo aver completato il pagamento, si riceverà una conferma on-line che deve poi essere permutata col vero e proprio biglietto alla stazione almeno un'ora prima della partenza utilizzando il dispositivo tipo ATM di fronte alla stazione. Si dovrebbe usare il proprio documento e il biglietto (in cui compare il vostro nome) per entrare nella stazione.

Le stazioni ferroviarie più grandi di solito hanno più binari e un servizio regolare per molte città, ma le stazioni più piccole hanno solo fermate poco frequenti e un binario. Assicurarsi di chiedere in anticipo in quale piattaforma è necessario recarsi. Mentre si è in attesa, la maggior parte delle stazioni hanno negozi e ristoranti dove si può comprare cibo e bevande da consumare a bordo. In precedenza i venditori (asongan) saltavano sul treno come falchi per smerciare i propri prodotti fino alla partenza del treno. Questo era invadente e rumoroso, anche se certamente conveniente per passeggeri e fornitori allo stesso tempo. A partire dal 2012 i venditori non sono più ammessi sul treno, ma in piccole stazioni molti ancora bloccano gli ingressi delle carrozze mentre richiamano i passeggeri che stanno all'interno. Ma con i treni più rapidi i venditori sono relativamente diminuiti.

I servizi igienici variano tra turche e occidentali, spesso senza tavoletta. La maggior parte dei treni executive hanno spruzzatori con cui pulire il proprio posteriore e un lavandino, e l'utilizzo di servizi igienici può richiedere doti di equilibrio. Portate le vostre salviette umidificate, perché se anche disponibile, il tessuto forse non sarà in condizioni normali. I servizi igienici generalmente rilasciano direttamente sui binari, quindi il loro utilizzo mentre si è in una stazione è vietato.

In autobus[modifica]

Gli autobus sono spesso gestiti da cooperative di autisti o da società private (e ce ne sono molti di entrambe). Seguono percorsi specifici ma su richiesta possono deviare dal loro percorso, a fronte di una spesa maggiore. Ci sono poche fermate di autobus nella maggior parte delle città e, ad eccezione di linee bus come TransJakarta e TransJogja che hanno proprie fermate e talvolta anche corsie preferenziali, si fermano quasi ovunque per far salire e scendere i passeggeri. I principali tipi di autobus sono quelli dotati di aria condizionata (executive o AC) e quelli senza (non-AC o "classe economica"), e sono disponibili in varie dimensioni, come ad esempio i piccoli angkot, che non hanno aria condizionata e sono molto stretti, quelli di medie dimensioni mini metro, che possono avere o meno l'aria condizionata e hanno ben poco spazio per le gambe tra i sedili, e i grandi bus, che variano da sedili angusti e senza aria condizionata a sedili di lusso e con tutti i confort.

La manutenzione degli autobus è a volte povera, ma in alcuni luoghi, come Bali e Kupang, gli autisti vanno molto orgogliosi dei loro veicoli, addobbandoli con le più svariate decorazioni. In alcune zone gli autisti possono essere ubriachi o sotto l'effetto di droghe e in ogni caso la maggior parte guida in modo aggressivo o semplicemente incauto. Spesso i conducenti e i loro aiutanti infilano quante più persone possibile nel loro autobus per incrementare i profitti, aumentando così il rischio di piccoli furti e incidenti. A causa della concorrenza con servizio navetta dei minibus su ogni tratta, i bus tendono ad avere carenza di passeggeri; anche gli autobus senza aria condizionata possono trasportare tutti i passeggeri all'interno degli autobus, quindi non più passeggeri appesi fuori delle porte con un piede sul gradino e una mano aggrappata a qualcosa all'interno. Molti autobus, tranne forse i piccoli a causa della mancanza di spazio, consentono l'ingresso a venditori ambulanti, mendicanti e artisti di strada sul loro mezzo per brevi periodi di tempo.

È possibile noleggiare autobus con aria condizionata e autista per un gruppo di turisti, e di fatto qualsiasi mezzo di ogni dimensione potrà essere affittato con la giusta quantità di denaro. Le compagnie di autobus indonesiane servono tratte interurbane (antar kota) e interprovinciali (antar propinsi). I percorsi interprovinciali di solito includono il trasporto da altre isole, principalmente tra Giava e Sumatra e Giava e Bali. In diverse città il governo offre una propria linea, DAMRI, che viene con mezzi di medie e grandi dimensioni, generalmente dotati di aria condizionata, che tende ad essere in condizioni migliori.

A volte si segnalano conducenti e aiutanti collusi con i criminali, ma questo di solito accade durante la notte o in luoghi desolati. Ci sono anche segnalazioni di ipnotizzatori che derubano la gente dei loro beni, e venditori ambulanti che vendono bevande drogate aspettando i passeggeri al capolinea, trasformandoli in vittime di reati. I lunghi viaggi notturni sono particolarmente pericolosi. Custodire i propri bagagli come un falco! Nelle parti più selvagge del Paese (in particolare Sumatra Meridionale), gli autobus interprovinciali sono a volte attaccati da banditi.

Con navette programmate[modifica]

Le mini navette sono l'ultimo mezzo di trasporto indonesiano, la cui crescita è in linea con le nuove strade a pedaggio e con autostrade migliori. I travel, come le chiamano i locali, utilizzano vari minibus con aria condizionata, trasportando da 6 a 12 persone su sedili reclinabili e basano i propri percorsi su tragitti punto a punto. Ciò significa che ogni operatore ha il proprio (multiplo) punto di partenza nelle città che serve. Il percorso più diffuso è tra Giacarta e Bandung con prezzi dei biglietti che variano da 80.000 a 110.000 rupie in base a classe, sedili e lusso.

La corsa in programma è generalmente più costosa rispetto ai normali autobus interurbani, ma è più veloce e ha più punti di partenza/arrivo. I propri bagagli sono più al sicuro, ma si dovrà pagare tasse aggiuntive per tavole da surf e pacchi voluminosi. È possibile prenotare presso le rispettive società, ma talvolta sono accolti anche i passeggeri dell'ultimo minuto.

In taxi[modifica]

Per gruppi da due a quattro persone un taxi può essere la scelta migliore per spostamenti relativamente brevi. Le tariffe dei taxi in Indonesia sono piuttosto economiche e uniformi in tutto il Paese. La tariffa di inizio corsa è 7.000/8.500 Rp e 4.000/4.500 Rp per ogni chilometro, sebbene ci sia anche una tariffa a tempo che incide quando si è intrappolati in un ingorgo (~45.000 Rp/ora). Nonostante il precedente tariffario, si è spesso tenuti a pagare una tariffa minima se ci si sposta per brevi distanze, solitamente indicata dalle rispettive società, che come ordine di grandezza è intorno a 25.000 Rp. La tariffa minima per una prenotazione telefonica è di circa 35.000 Rp, sebbene alcuni taxi non abbiano alcun vincolo sugli ordini telefonici. La maggior parte delle persone consiglia i taxi Blue Bird per la loro comoda prenotazione, i conducenti educati e la guida sicura. I taxi Blue Bird sono disponibili in molte delle principali città e quando Blue Bird è presente tutti gli altri taxi usano bene il proprio tassametro. Nelle altre città invece alcuni tassisti sono pessimi, usano il tassametro, ma cercheranno di farvi pagare di più (a volte oltre il doppio) con la spiegazione è normale fare così. Prima di salire sul taxi chiedere anticipatamente, sesuai argo Tidak che a grandi linee significa "pagherò in accordo al tassametro o no".

Fila di taxi, 5 Express taxi (bianchi) e 6 BlueBird taxi (blu), in attesa di iniziare la corsa

In tutte le principali città in Indonesia i taxi sono abbondanti anche nelle ore di punta. Al giorno d'oggi. con l'abbondanza di taxi e gli ingorghi, i tassisti preferiscono aspettare ordine per telefono chiamando il call center o ricevendo la chiamata direttamente attraverso applicazioni come EasyTaxi o GrabTaxi da parte dei passeggeri che utilizzano i propri smartphone. I passeggeri possono scegliere quale taxi (con GPS) verrà utilizzato puntando il taxi nella schermata. Solo i taxi qualificati e soprattutto i piloti qualificati possono partecipare alle applicazioni e non necessariamente dipendono da una specifica flotta. Gli autisti che non possono aderire a tali applicazioni di solito attendono in gruppo, mentre gli altri sono normalmente sparsi in tutta la città, quindi con le applicazioni si può ottenere un taxi con soli 5/10 minuti di attesa. I taxi sono difficili da trovare quando piove e fino ad un'ora dopo che ha smesso.

Uber è ora operativo anche in Indonesia, con la cooperazione di molte società di noleggio. La tariffa è circa la metà di quella di un taxi regolare. UberBlack utilizza vetture Toyota Camry o Toyota Innova. La tariffa di inizio corsa è 3.000 Rp e 2000 Rp per ogni chilometro. UberX utilizza automobili Toyota Avanza e hanno tariffe inferiori rispetto UberBlack. Uber attualmente opera a Giacarta, in altre grandi città e a Bali. I pagamenti sono con carta di credito.

A metà marzo 2016 migliaia di taxi convenzionali vanno in sciopero, bloccando le strade principali e quelle a pedaggio per protestare contro le applicazioni online quali Uber e Grab; infatti a causa della concorrenza il loro reddito si è dimezzato. Il governo ha deciso di regolamentare la situazione che si è venuta a creare sentenziando che Uber, Grab e altre applicazioni taxi devono avere legale personalità giuridica in territorio indonesiano. Nel periodo di transizione di due mesi Uber e Grab hanno il divieto di espandersi, ma possono ancora funzionare come al solito, anche se alcune città proibiscono il loro funzionamento nel periodo di transizione.

In angkot[modifica]

Daihatsu Hijet 55 Wide convertito in angkot

Angkot significa Angkutan Perkotaan o trasporto urbano, ma nelle grandi città un angkot può servire anche fino a 20 chilometri al di fuori dei confini del centro urbano, come a Giacarta-Depok, Bandung-Soreang, Bandung-Cimahi, Bandung-Lembang, ecc. La tariffa è più costosa del TransJakarta e di altri mezzi in altre città, ma ancora relativamente bassa; circa 2.000/4.000 Rp. Angkot uso dei pick-up modificati per essere minibus, ma i posti sono faccia a faccia e può trasportare più di 10 persone. I nuovi angkot usano tetti alti, che sono più comodi per entrare e uscire. Dal momento che molte persone che in precedenza usavano gli angkot ora si spostano in moto (un modo più veloce per muoversi negli ingorghi), gli angkot ora hanno in genere molti posti vuoti, e ce ne sono molti disponibili anche nelle ore di punta, con attese inferiori a 5 minuti.

In becak[modifica]

Un becak a Bandung

Un becak è un triciclo (tipo pedicab o risciò) decorato e ricco di colori usato come modalità di trasporto per brevi distanze come le zone residenziali di molte città. Il sedile dei passeggeri può essere coperto da un tettuccio reclinabile in fine tessuto o di plastica, a cui talvolta viene aggiunto un velo di plastica trasparente di fronte durante i temporali. In alcune zone il guidatore è seduto sul retro del passeggero, ma in altre zone (come Medan) il conducente è seduto sul lato del passeggero. In diverse città, alcuni conducenti hanno iniziato ad equipaggiare il proprio becak con piccoli motori.

Una buona capacità di comunicazione e di contrattazione sono una componente essenziale per assicurare l'arrivo a destinazione e per evitare di venire salassati su queste corse. Alcuni subdoli conducenti cercano di ottenere altri soldi dopo aver raggiunto la destinazione, quindi è meglio patteggiare chiaramente la tariffa in anticipo. È possibile noleggiare un gruppo di becak se siete in un gruppo. Sono sfruttati anche per il trasporto di oggetti come blocchi di ghiaccio, alimentari, materiali da costruzione ecc. Si può chiedere al conducente di portarvi da qualche altra parte per un costo aggiuntivo, e sono anche disposti a portarvi in giro per shopping o semplice turismo per ancora più soldi. Per lo shopping generalmente vi guiderà a luoghi specifici con cui hanno accordi informali dove guadagnano provvigioni dai vostri acquisti, o forse un pasto gratuito.

Si noti che non ci sono becak in Giacarta o Bali, bensì i motorizzati bajaj, che sono in qualche modo simili ai tuk-tuk thailandesi ed assolvono alla stessa funzione. In alcune altre province (e.g. Sumatra Settentrionale, Aceh) si possono anche trovare motociclette con sidecar, note come bentor o bemo (abbreviazione di bermotor becak).

Il becak è la forma più costosa di trasporto pubblico, e al giorno d'oggi è raramente utilizzato se non dalle donne anziane che trasportano merci dai mercati tradizionali. I giovani usano gli ojek se stanno portando pesce o altri prodotti maleodoranti, o altrimenti utilizzano gli angkot. In alcune città come Yogyakarta, l'uso del becak è diminuito così tanto che è quasi solo per i turisti.

In bajaj[modifica]

Un vecchio bajaj di Giacarta
Nuovo modello di bajaj a gas

Meno comune rispetto ai becak e reperibile pressoché solo nella città di Giacarta, è l'indiano bajaj, i cui nuovi modelli sono dipinti di blu (analoghi ai taxi BlueBird) con un tetto nero. Questo piccolo veicolo a tre ruote è alimentato da metano, così è più tranquillo rispetto ai vecchi bajaj con motori a due tempi, i quali sono stati lentamente sostituiti a valle di una campagna dedicata. Il conducente siede di fronte ai passeggeri (fino a 3 piccoli adulti) seduti nella parte posteriore. La cabina è coperta da un tetto di tela e c'è un parabrezza, mentre le porte non hanno finestre e sono a metà altezza. I fianchi e la parte posteriore del tetto possono avere finestre in plastica morbida. Modalità di pagamento e di utilizzo sono analoghe a quelle dei becak, e anche in questo caso è necessario contrattare bene il prezzo prima di iniziare la corsa, avendo a priori un'idea orientativa di quanto possa costare.

In bemo[modifica]

Daihatsu Midget MP4, che in Indonesia vengono utilizzati per il trasporto di persone

Il bemo, che di solito è dipinto di blu, è meno comune rispetto al bajaj. Questo strano e unico triciclo sembra un piccolo camion e i passeggeri possono accedervi dalla parte posteriore, che è aperta; delle panche sono fissate ad ogni lato del pianale per sei passeggeri, più uno sul lato del conducente, il tutto dimensionato come un piccolo veicolo (più piccolo di un'odierna Keicar) in non più di 3 metri di lunghezza. Introdotto alla fine del 1950, l'MP4 Daihatsu Midget è stato originariamente progettato per il trasporto merci, ma in Indonesia il pianale di carico è stato modificato per trasportare passeggeri. Il motore di appena 305 cc è lento, e quindi adatto solo per i viaggi di alcuni chilometri. Tutti i bemo in Indonesia al giorno d'oggi hanno almeno 50 anni, con la carrozzeria e il telaio originali. Non è necessaria alcuna contrattazione, e per questo sembra un angkot, ma il bemo inizia la corsa una volta riempito di passeggeri (ha bisogno di circa 5 minuti per farlo) dal punto di partenza e se non ci sono passeggeri che scendono prima di metà percorso non possiamo fermare e utilizzare il bemo finchè non si liberano dei posti.

In ojek[modifica]

Un conducente di ojek in attesa di un cliente

Gli ojek hanno le terze tariffe più care dopo becak e taxi: tra il 50% e il 95% del costo di un taxi.Al giorno d'oggi, pochi passeggeri scelgono un ojek tradizionale/regolare perché tanti indonesiani ora hanno la propria moto. Stranamente, questo ha portato ad un aumento delle tariffe e ad una maggiore disonestà tra i conducenti di ojek nelle grandi città.

Ma se siete di fretta e si è da soli, un ojek tradizionale, o una moto taxi senza tassametro, potrebbe essere la soluzione. Inoltre, alcune aree remote, possono essere servite solo dagli ojek, il prezzo è molto alto a causa delle strade dissestate e il monopolio locale, ma i conducenti sono più onesti rispetto ai loro corrispettivi nelle grandi città e possono anche prendersi cura dei vostri effetti personali. Gli ojek sono identificati da centauri che bazzicano negli angoli delle strade, o meno comunemente nei punti di raccolta dei moto-taxi (Pos ojek), raramente contrassegnati con una giacca colorata, numerata, che solitamente trasportano persone per brevi distanze per vicoli e strade, ma anche per fare viaggi più lunghi per un prezzo chiaramente più elevato.

Come con la maggior parte delle piccole forme di trasporto, la comunicazione e l'abilità nel mecanteggiare sono importanti, ed è meglio conoscere la giusta tariffa prima di parlare con un autista. Il prezzo è di circa 10.000/15.000 Rp per 4 chilometri, ma l'abilità di negoziazione è importante e chi parte dai Pos ojek è di solito più caro. Attenzione che alcuni conducenti inizialmente d'accordo per un prezzo, potrebbero cercare di estorcervi altro denaro a fine del viaggio, sostenendo che è comune a pagare di più rispetto al prezzo concordato; in questi casi è bene farsi vedere arrabbiato e minaccioso per chiudere la discussione. Fino ad oggi non ci sono state segnalazioni di violenza, ma un paio di conducenti hanno umiliato i passeggeri gettandogli addosso i loro pagamenti, e i clienti che non hanno voluto discutere pagare altre 2.000/5.000 Rp o più. Quindi prendere in considerazione di evitare gli ojek tradizionale, se potete.

I nuovi ojek al giorno d'oggi sono utilizzati da molte persone, tra colo che sono disposte a pagare di più dei regolare ojek o che non accettano la maleducazione dei guidatori degli ojek regolari. Al giorno d'oggi anche gli ojek sono organizzati e in grado di competere con i taxi nelle grandi città con pesanti ingorghi di traffico.

Al giorno d'oggi ci sono almeno 35 applicazioni per ojek, la più grande è Go-Jek. Go-Jek chiedono normalmente 15.000 Rp, ma nelle ore di punta (i.e. 16:00-19:00) la tariffa minima è 15.000 Rp per i primi 6 chilometri, e 2.500 Rp/km per i successivi. La tariffa è stabilita in anticipo dal sistema al momento della prenotazione (senza contrattazione) attraverso l'applicazione su smartphone (la tariffa sarà visualizzata sul display dello smartphone e il passeggero può confermare o meno il passaggio) sebbene il calcolo non sia del tutto chiaro. La richiesta viene recapitata solo ai piloti che sono presenti nel raggio di 2 chilometri, e di solito sono sufficienti meno di 10 secondi affinché uno di loro accetti la corsa. Per lungo viaggio circa 10 chilometri si pagherà circa la metà della tariffa di un taxi quando non ci sono ingorghi, ma tariffa Go-Jek è fissa, quindi indipendente dal traffico o pioggia; un ojek regolare che vi addebiterà più del solito, quando piove. Solo i conducenti qualificati e quelli monitorati da A-GPS possono aderire a Go-Jek, rendendo il servizio Go-Jek relativamente più sicuro rispetto all'utilizzo normale ojek. Al giorno d'oggi sono 30.000 i conducenti Go-Jek sparsi nella megalopoli "Jabodetabek" (Jakarta, Bogor, Depok, Tangerang e Bekasi), Bandung, Surabaya e Bali (circostanti Kuta, Legian, Seminyak e Denpasar). Dato il largo uso di Go-Jek, a Giacarta, Bekasi e Depok, Go-Jek è diventato un "nemico" per gli ojek regolari, quindi se vogliamo essere prelevati in un complesso residenziale forse nessun Go-Jek vi accetterà la corsa, perché quelli regolari potrebbero causare problemi ai conducenti Go-Jek (non a voi), a meno che i Go-Jek non si mettano all'esterno del complesso. Quindi, saggiamente chiedete al Go-Jek di venirvi a prendere lontano dalla folla degli ojek tradizionali che di solito aspettano di fronte a un complesso residenziale o in un grande incrocio. Go-Jek è stato un pioniere, ma oggi sono molti i suoi concorrenti on-line, che si lanciano nel mercato con tariffe promozionali di 15.000 Rp per 25 chilometri, o similari. Per chi non ha uno smartphone può contattare il call center al numero 021-50 233 200.

Il principale concorrente di Go-Jek è GrabBike, un affiliato di GrabTaxi, quindi l'applicazione è incorporata in quella di GrabTaxi. Al giorno d'oggi è disponibile a "Jabodetabek" (Giacarta, Bogor, Depok, Tangerang e Bekasi), Bandung, Surabaya e Bali. GrabBike non è nuovo nel Sud-est asiatico in quanto di molte grandi città di Paesi del Sud-est asiatico hanno già GrabBike. La tariffa è normalmente 10.000 Rp e 20.000 Rp nelle ore di punta (16:00-19:00). GrabBike è il più veloce servizio tra quelli on-line.

Le altre applicazioni per ojek sono:

  • Ojek Syari'i (Ojesy) con autiste donna solo per passeggere donne. Disponibile a Giacarta e dintorni (tranne Bogor), Surabaya, Malang, Sidoarjo, e Yogya. Può essere prenotato attraverso Facebook e Whatsapp. La tariffa a chiamata è 5.000 Rp e 3.000 Rp per ogni chilometro aggiuntivo e una tariffa a tempo di 5000 Rp ogni 30 minuti, con un pagamento minimo di 20.000 Rp.
  • Lady Jek, analogo a Ojek Syari'i da e per le donne, costa 25.000 Rp per i primi 6 chilometri e 4.000 Rp per i chilometri successivi. Lady Jek ha la tariffa più alta tra le varie organizzazioni avendo come target la nicchia delle donne musulmane. Disponibile solo a Giacarta, Bogor, Depok, Tangerang e Bekasi.
  • Jeger (Ojek) Taxi; usano il tassametro come taxi e possono fermarsi come taxi. La tariffa a chiamata è 4.500 Rp e 2.500 Rp per i chilometri successivi.
  • Get-Jek, attualmente disponibile nella piccola città di Surakarta.
  • Blu-Jek, disponibile solo a Giacarta e dintorni (tranne Bogor) con una tariffa relativamente analoga a quella dei taxi. Il pagamento minimo è di 20.000 Rp che copre i primi 5 chilometri e 4.000 Rp per i chilometri successivi.
  • Ojek Argo, con un tassametro che copre 3.000 Rp/km, arrotondando per difetto al migliaio più vicino rupia. È sufficiente caricare la sua applicazione per usarla perché non ha bisogno di alcuna registrazione. In funzione in quasi tutte le grandi città di Giava, Denpasar a Bali, Bandar Lampung e Palembang a Sumatra, e anche Palangkaraya in Kalimantan.

In moto[modifica]

In molte parti dell'Indonesia, come Bali e Yogyakarta, è possibile per i turisti affittare una moto per andare in giro. I prezzi sono di solito intorno 50.000/60.000 Rp. Le moto odierne sono normalmente a trasmissione automatica. I modelli più diffusi sono Honda Vario, Honda Beat, Honda Scoopy, e Yamaha Mio, e hanno cilindrate da 110cc a 125cc. Si dovrebbe negoziare un buon prezzo, soprattutto per lunghi periodi di noleggio. Assicuratevi di controllare che la moto offerta sia completamente conforme alla normativa tecnica e che la moto sia corredata da una valida Surat Tanda Nomor Kendaraan (STNK, che è prova della sua registrazione e legalità).

I noleggiatori di moto non controllano che i clienti abbiano o meno una valida patente di guida, in Indonesia è obbligatorio averne una della classe appropriata oltre al permesso internazionale di guida (IDP) di quella stessa classe. Nessuna eccezione a questa regola a meno che non siate in possesso di una patente indonesiana Surat Izin Mengemudi (SIM C), che è una licenza per una sepeda (moto).

Una particolare attenzione deve essere data all'avere tutta la documentazione necessaria in quanto molte polizze assicurative di viaggio possono provvedere alla copertura solo se si possiede una propria patente in regola ed applicabile, con la piena corrispondenza dell'IDP. Un patentino per le moto non sarà sufficiente, deve essere una patente effettiva.

I caschi sono obbligatori, quindi accertatevi che vi vengano forniti. Avere un incidente mentre non si indossa un casco potrebbe anche invalidare la polizza assicurativa, o quantomeno complicare la procedura di reclamo. In Indonesia oltre al casco è obbligatorio avere i fari accesi notte e giorno.

Assicurarsi di adottare una guida difensiva, in quanto la maggior parte dei conducenti sono abbastanza imprudenti e un numero incredibile di turisti finisce al pronto soccorso o addirittura all'obitorio.

A piedi[modifica]

Un modo tipicamente impopolare per esplorare ciò che il mondo ha da offrire è a piedi. Soprattutto in una grande città, con tutte le frenesie di traffico e piccoli vicoli. Girare a piedi può essere l'opzione tremendamente più veloce e più efficiente, anche se l'aria calda e umida potrà spingervi all'uso di un taxi. Tuttavia la maggior parte delle città non ha marciapiedi adeguatamente segnalati o addirittura del tutto assenti, in questi casi la cosa migliore da fare è camminare lungo il bordo. Soprattutto nelle grandi città, attraversare solo le strisce pedonali segnalate o utilizzare i ponti sopraelevati se non si vuole rimanere intrappolati in un incidente.

Cosa vedere[modifica]

Attrazioni naturali[modifica]

Il Tengger è un massiccio è costituito da Monte Bromo a sinistra, e il Monte Semeru al centro in lontananza col fumo che fuoriesce

L'Indonesia è la patria di 167 vulcani attivi, molto più di qualsiasi altro Paese. Ma non lasciatevi spaventare, in quanto la maggior parte sono dormienti e ciò che più spesso si vede è la loro sagoma piuttosto che le loro emissioni gassose. Alcune delle montagne più accessibili per i visitatori sono nel Parco nazionale di Bromo Tengger Semeru e il cratere Kawah Ijen a Giava Orientale, il Monte Rinjani a Lombok e forse il più facile di tutti, Monte Batur (nei pressi di Kintamani) e Monte Agung entrambi a Bali.

Difficilmente sorprenderà che nel più grande arcipelago del mondo le spiagge sono delle attrazioni significative. Escludendo ovviamente Bali e Lombok, ci sono meravigliose spiagge in luoghi fuori dal sentiero battuto, soprattutto nelle Molucche, Piccole Isole della Sonda (Nusa Tenggara) e Sulawesi. In una nazione di oltre 18.000 isole, le alternative sono quasi infinite.

Un endemico Orangutan di Sumatra nel Parco nazionale di Gunung Leuser

L'Indonesia ha alcune delle più grandi restanti tratte di foresta tropicale rispetto a qualsiasi altra parte del mondo, e queste sostengono una fauna incredibilmente varia dagli oranghi ad altri primati a rischio di estinzione come i rinoceronti di Giava e le tigri di Sumatra, ma anche una gamma straordinariamente ampia di specie di uccelli. Le aree forestali riconosciute come patrimonio mondiale dell'UNESCO sono il Parco nazionale di Ujung Kulon nella Giava Occidentale, e tre enormi parchi a Sumatra, che insieme costituiscono la foresta pluviale tropicale di Sumatra: il Parco nazionale di Gunung Leuser, il Parco nazionale di Kerinci Seblat ed il Parco nazionale di Bukit Barisan Selatan. Purtroppo, le foreste di Kalimantan stanno scomparendo ad una velocità allarmante a causa del disboscamento illegale.

Purtroppo nelle zone più popolate, anche nei pressi di foreste, come nella gran parte di Giava, le specie di uccelli stanno scomparendo ad un ritmo allarmante a causa del commercio di uccelli tropicali. Gli uccelli sono un'importante fonte di reddito per poveri cacciatori, e gli uccelli sono venduti a persone nelle città, molti dei quali trascorrono il resto dei loro giorni in gabbie individuali. Quelli che si vedono più comunemente sono fringuelli, passeri, rondini e alcuni altri uccelli che sono di interesse minore per coloro che desiderano possedere degli uccelli come animali domestici. Le varie specie di burung Cendrawasih (uccello del paradiso) di Papua sono per lo più in via di estinzione. Anche i serpenti in molti luoghi sono in grave declino a causa di una reazione istintiva che molte persone hanno dinnanzi a un qualsiasi serpente: "Uccidilo!". Tuttavia è possibile vedere scorpioni, scorpioni frusta, ragni, grilli talpa (che fanno di notte un suono ronzante terribilmente forte), molte farfalle e falene, lo sfuggente e raro scoiattolo, alcuni tipi di scimmie, gechi, tra cui il Tokek (Geco Tokay) e una varietà di Cicak (gechi), così come gli indesiderabili topi, ratti, toporagni, scarafaggi, termiti e, in numero esorbitante, formiche di varie dimensioni, forme e personalità. L'Indonesia è un paradiso per tutti coloro che vogliono studiare aracnidi e insetti. Bali vanta un bellissimo parco delle farfalle, così come la Turtle Island. 6 tipi di tartarughe su 7 si possono trovare nelle acque marine dell'Indonesia, tra cui 4 di questi tipi di tartarughe si possono trovare solo a Kampung Penyu (Turtle Village) sull'isola Selayar nel Sulawesi Meridionale.

Più a est, l'Isola di Komodo è la casa del famoso Drago di Komodo e di una vita marina molto diversificata. Vicino al limite molto orientale dell'Indonesia, il remoto Parco nazionale di Lorentz nella Nuova Guinea Occidentale ha un ghiacciaio permanente, ed è il più grande parco nazionale dell'intero Sud-est asiatico.

L'Indonesia è sede di numerosi bei punti di immersione e snorkeling situati in molti luoghi come Bali, Lombok, Piccole Isole della Sonda (Nusa Tenggara), le mille isole a nord di Giacarta, Bunaken, Selayar, Isole Raja Ampat; senza dimenticare che l'Indonesia è anche molto famosa per il surf.

Attrazioni storiche, religiose e culturali[modifica]

Una statua di Buddha nel tempio di Borobudur, con la posizione della mano di Dharmacakra mudra

L'Indonesia è particolarmente ricca di luoghi da visitare, alcuni dei quali sono piuttosto vecchi e molti hanno ancora una notevole importanza per i locali. Si potrebbe passare la vita ad esplorare l'Indonesia e ancora non vederli tutti!

Borobudur a Giava Centrale è il più grande monumento buddista del mondo, risalente all'VIII secolo, e la vicina Prambanan all'interno della provincia di Yogyakarta è un notevole monumento indù risalente a pochi anni più tardi. Noterete come l'architettura sia molto diversa rispetto ai santuari da dove le religioni provengono, principalmente a causa della assimilazione con la cultura giavanese. Quei due, insieme con il fascino degli ex regni di Yogyakarta e Surakarta, sono una popolare combinazione culturale a Giava Centrale. Si dice che toccando la mano di un Buddha all'interno di uno "stupa", vicino alla parte superiore del tempio, vi porterà fortuna, anche se tale azione è malvisto dalle autorità del parco. Prambanan, purtroppo, è stato danneggiato da un terremoto alcuni anni fa e le riparazioni sono state bloccate dalla mancanza di fondi. Molti siti in Indonesia soffrono di questo problema e sono danneggiati da graffiti e sporcizia, generalmente causati dalla gente del posto.

Parte del complesso templare di Pura Ulun Danau Bratan a Bali

Demak sulla costa settentrionale di Giava Centrale, ospita una delle più antiche moschee in Indonesia, Masjid Agung (letteralmente "grande moschea"), così come il cimitero Sunan Kalijaga. Nelle vicinanze di Semarang c'è la sede di alcuni templi buddisti, indù e confuciani, così come moschee e chiese, e i dintorni del distretto di Bandungan offrono lo storico parco di Gedong Songo (letteralmente "9 edifici"), che ha in esso 9 santuari indù, così come varie attività per famiglie ed escursionisti. Inoltre offre la vecchia Semarang, la parte originale della città con molti edifici dell'epoca olandese. Lawang Sewu (letteralmente "1.000 porte"), si trova all'intersezione Tugu Muda (che è anche sede di un museo e un ufficio governativo), è un grande complesso di edifici olandesi caratterizzato da vetrate e numerose porte ed è utilizzato dai militari; i giapponesi durante la loro occupazione della seconda guerra mondiale di Indonesia, e prima gli olandesi, come ufficio del sistema ferroviario, carcere, ospedale e caserma. Si racconta che Lawang Sewu sia infestata da oltre 30 differenti esseri soprannaturali, ma si deve avere molto talento per vederne anche uno dopo aver ispezionato l'intero parco dalla fondazione agli attici, torri d'acqua incluse!

Sempre a Giava Centrale l'Altopiano di Dieng ospita i templi più antichi esistenti in Indonesia, anticipando Borobudur di circa 100 anni e, appena a nord di Surakarta, il Pithecanthropus Erectus meglio noto come "Uomo di Giava" è uno scavo archeologico a Sangiran e un sito protetto dall'UNESCO.

Il Wayang Golek sundanese è notevolmente diverso da quello delle ombre giavanesi

In un vasto arcipelago del genere non sorprende che ci siano alcune culture ben distinte e uniche, spesso contenute in aree relativamente piccole. Sumatra ha differenze notevoli tra il patrilineare batak e il matrilineare minangkabau o il sundanese e il wayangs giavanese a Giava, nonostante entrambi siano separati da meno di 200 km di distanza! Bali ha una cultura indù unica, adornata da templi ben tenuti (pura), e un'apparentemente infinita processione di cerimonie colorate. Alcune delle più note sono il Tempio madre di Besakih (alle pendici del monte Agung), Pura Ulun Danau Bratan (vicino Bedugul), e Pura Uluwatu (nella penisola di Bukit). Un tempio unico nel suo genere, chiamato Tanah Lot, è situato su un'isola al largo della costa ed è raggiungibile attraverso un ponte di terra sopraelevata. Nel nord di Bali si possono trovare piccoli villaggi tradizionali, i Bali Aga, così come a Trunyan i morti sono sepolti fuori terra quando ancora l'odore tipico dei cadaveri è assente.

Più a est, l'Isola Sumba è sede di una delle poche culture megalitiche rimaste sulla Terra. Molte delle tribù ancora vivono in piccoli regni, anche se questa pratica sta cominciando a scomparire. Nel Sulawesi, la regione di Tana Toraja è famosa per gli spettacolari riti di sepoltura animisti. Visitare il vasto entroterra della Nuova Guinea Occidentale nell'estremo est del Paese richiede una notevole pianificazione, un sacco di soldi, e una tolleranza per le condizioni estremamente difficili. Tuttavia per coloro che vogliono una vera esperienza di deserto e l'opportunità di vedere le culture "vergini" che hanno avuto pochissimi contatti con il mondo esterno, è difficile pensare a una scelta migliore in qualunque altro luogo sulla Terra.

Cosa fare[modifica]

Immersioni subacquee[modifica]

L'Indonesia ha alcuni dei migliori punti di immersioni subacquee del mondo. L'Indonesia è al centro del cosiddetto Triangolo dei Coralli che si compone di 5.000 diverse specie di barriere coralline e pesci e ospita il 20% delle barriere coralline del mondo. Le belle formazioni di barriera sono un pareggio importante per i turisti in posti come Bunaken nel Sulawesi Settentrionale, Wakatobi nel Sulawesi Sudorientale e Raja Ampat a Papua. Mentre le immersioni al largo di Bali possono essere un po' mediocri, Nusa Penida e le isole Gili appena ad est di Bali offrono eccellenti immersioni ricreative, oltre ad essere importanti centri di insegnamento. Pulau Weh nell'Oceano Indiano consente le migliori immersioni di Sumatra.

Trattamenti termali[modifica]

L'Indonesia è uno dei posti migliori per coccolarsi e rigenerarsi. La visita di un centro termale è un'attività molto popolare per tutti i tipi di visitatori. Gli ingredienti naturali rilassanti e i graziosi massaggi sono una combinazione perfetta per la disintossicazione da stress. Questi variano da semplici capanne ai cosiddetti sontuosi "centri benessere" nel più grande degli alberghi a cinque stelle. Di solito c'è la possibilità di soddisfare quasi tutte le tasche. Le spiagge e la natura incontaminata di Bali sono il centro di questa attività.

Se i massaggi sono la vostra passione, ci sono posti pressoché ovunque che offrono alta qualità a prezzi davvero bassi. Ancora una volta questo potrebbe essere in un hotel a cinque stelle o sotto un albero di noce di cocco su una tranquilla spiaggia.

Surf[modifica]

L'Indonesia è una delle principali destinazioni per gli appassionati di surf.

Le isole Mentawai al largo della costa occidentale di Sumatra sono dotate di decine di punti per fare surf, noti a livello mondiale. Noleggiare una barca privata per un massimo di due settimane è il modo più diffuso per accedere alla catena di isole, tuttavia c'è un traghetto pubblico da Padang. La zona appena a nord di Nias è ugualmente popolare tra i surfisti più esperti.

Più a est, Bali e la piccola Nusa Lembongan hanno alcune grandi onde, come anche a sud di Lombok, e per i più avventurosi, Sumbawa offre punti per il surf di classe mondiale.

Tutte le spiagge da surf dell'Indonesia sono descritte e splendidamente fotografate nella guida per surfisti "Indo Surf e Lingo" insieme a liste complete dei migliori campi e yacht entrambe dedicate ai surfisti.

Opportunità di studio[modifica]

Gli studenti stranieri provenienti dai rispettivi Paesi studiano nelle università dislocate nelle varie città (soprattutto Giacarta, Bandung, Yogyakarta, e Denpasar). La retta per studiare negli istituti indonesiani più quotati è generalmente molto più bassa che in Occidente, ma è necessario padroneggiare un fluente indonesiano per molte materie, mentre alcune materie richiedono anche la conoscenza della lingua inglese (come la medicina e l'informatica) o di un'altra lingua.

Il Programma Darmasiswa è basato su borse di studio finanziate dal governo indonesiano. È aperto a tutti gli studenti stranieri provenienti da Paesi con i quali l'Indonesia ha rapporti diplomatici per studiare lingua, arte, musica e artigianato indonesiano, ma anche altre materie come informatica, scienze e fotografia. I partecipanti possono scegliere di studiare in una qualsiasi delle università statali e college che partecipano al programma. Attualmente, ci sono oltre 50 sedi partecipanti.

Per l'istruzione universitaria in inglese, si può prendere in considerazione gli studi presso i seguenti istituti Swiss-German University, Universitas Pelita Harapan o President University. Alcuni istituti indonesiani famosi includono University of Indonesia, Bandung Institute of Technology e Gajah Mada University.

Opportunità di lavoro[modifica]

In Indonesia gli stipendi per i locali variano da 150 USD a più di 25.000 USD/mese, con la media nazionale settata intorno ad un misero 175 USD. Vi è una grande diversità di introiti. Gli addetti alle vendite che si vedono nei lussuosi centri commerciali come Plaza Indonesia probabilmente guadagnano circa 175/200 USD/mese. Alcuni adulti sopra i 20 anni, soprattutto quelli che sono ancora single, stanno con i propri genitori per risparmiare denaro. Tuttavia la ragione principale per cui rimangono con i genitori è perché è una norma culturale, perché alcuni considerano scortese lasciare i genitori per conto proprio. In alcune culture è previsto che il figlio maggiore aiuti i genitori, e spesso troverete coppie sposate che vivono con i genitori e le case multi-generazionali con famiglie estese sono ancora la norma.

Dato che molti indonesiani vivono con un reddito molto esiguo, non sono pochi quelli che vivono dovendo sopportare qualche notevole disagio, soprattutto in luoghi con un alto costo della vita, come Giacarta. Nelle province più povere le persone hanno prospettive molto limitate connesse con l'agricoltura con solo livelli essenziali di sussistenza a loro disposizione. Molti in quella situazione scelgono di lasciare le loro case e le famiglie e cercare lavoro come i lavoratori migranti e servitori, sia nelle tentacolari aree urbane in Indonesia o all'estero. Il più delle volte la maggior parte dei soldi che guadagnano viene mandato a casa.

Gli espatriati spesso guadagnano salari più alti rispetto ai loro equivalenti locali a parità di mansione. Un insegnante di inglese potrebbe guadagnare 7.000.000/25.000.000 Rp, uno stipendio piuttosto alto per gli standard locali.

Per legge uno straniero può lavorare in una società solo in una particolare mansione per 5 anni, e sono tenuti a formare un locale che li sostituirà, ma nella realtà questo non capita spesso. Inoltre gli stranieri non possono fare un qualsiasi lavoro (tra cui l'amministratore delegato) che sia legato al personale e risorse umane. È possibile fare affari che non consentono un guadagno in Indonesia con un visto di affari, come ad esempio un venditore che visita fornitori e clienti. Il clero utilizza un visto religioso e i diplomatici possono ottenere un visto diplomatico, ma la maggior parte di tutti gli altri devono avere un visto di lavoro (o matrimoniale se sposati con un/una locale), Izin Tinggal Sementara/Tetap {ITAS/ITAP} (permesso di soggiorno temporaneo/permanente) con durata rispettiva di di 1 e 5 anni e un permesso di lavoro. Lavorare al fuori della propria mansione senza il permesso del datore di lavoro, o lavorare in una posizione diversa da quella dichiarata, è considerato illegale, e le sanzioni possono variare dalle multe e/o alla detenzione fino alla deportazione e all'inserimento nelle liste nere (in genere per soli sei mesi). Nel maggio 2011 una nuova legge (UU 6) è stata approvata apportando alcuni miglioramenti per l'immigrazione.

Gli interessati dovrebbe studiare le leggi sul lavoro in Indonesia per essere sicuri di far rispettare i propri diritti. A parte la UU6/2011 sull'immigrazione, si dovrebbe guardare anche la UU13/2003 sul lavoro e, se si vuole insegnare, il PerMen (Decreto Ministeriale) 66/2009. Alcune leggi sono disponibili in inglese, ma vanno cercate.

A partire dal 1 Gennaio 2015 l'Indonesia è un membro del Masyarakat Ekonomi Asean (MEA) o Comunità Economica asiatica (AEC), come la "giovane" Unione europea con alcune limitazioni. Per liberalizzare il transito di beni e servizi attraverso le frontiere il governo attuerà un prova d'esame di indonesiano come lingua straniera (Test of Indonesians as Foreign Language o TOIFL; l'equivalente del più noto TOEFL) per tutti i dipendenti stranieri (non solo per i lavoratori asiatici) nel febbraio 2015, ma alcuni mesi dopo la necessità del TOIFL per i lavoratori stranieri è decaduta. A causa della rapidità con cui cambiano le leggi, imparare in anticipo l'indonesiano forse è la scelta migliore, almeno la base, perché l'indonesiano tutto sommato è relativamente facile. Le altre regole che sono state attuate sono quelle di avere almeno laurea e test di competitività per le proprie posizioni. Nel 2014 erano circa 65.000 i lavoratori stranieri legali in Indonesia (escludendo coloro che insegnano inglese che spesso non sono in regola).

Valuta e acquisti[modifica]

Banconote di rupia indonesiana

La valuta nazionale è la Rupia indonesiana (IDR), abbreviata Rp. La più grande banconota è quella rossa da 100.000 Rp la quale è considerata inopportuna per la maggior parte degli acquisti. Gli altri tagli sono 50.000 Rp (blu), 20.000 Rp (verde), 10.000 Rp (viola), 5.000 Rp (marrone) e 2.000 Rp (grigio). La banconota da 1.000 Rp è stata dismessa ed è in corso di sostituzione con una moneta. Mentre le nuove, colorate banconote di grosso taglio sono facili da distinguere, quelle più piccole e di grosso taglio antecedenti il 2004 sono tutte confondibili, con tonalità pastello chiare di giallo, verde e marrone, e spesso sporche e rovinate. La cronica carenza dei piccoli tagli (non è insolito ricevere come resto alcune caramelle al posto delle monete) è stata in qualche misura alleviata dall'introduzione di una marea di nuove monete, disponibili in tagli da 1.000 Rp e 500 Rp. Quelle da 200 Rp, 100 Rp, 50 Rp e le pressoché inutili 25 Rp sono state ritirate nel corso del 2012. Le versioni dorate più vecchie sono ancora in giro. Le banconote stampate nel 1992 o prima non sono più in circolazione, ma possono essere scambiate presso le banche. A causa di nuove norme, a partire dal 2015 si dovrebbe poter pagare in contanti in rupie o con carta di credito con addebiti in rupie nella maggior parte del Paese, comprese le zone altamente turistiche.

I dollari americani sono la seconda valuta indonesiana e saranno accettate da chiunque, ma sono tipicamente utilizzate come investimento e per gli acquisti più grandi e non per pagare un piatto di spaghetti comprato per la strada. Molti alberghi accettano pagamenti in dollari USA, ma tutti accettano il pagamento in rupie. Molti utilizzeranno probabilmente un tasso alquanto svantaggioso per il cambio rupie-dollari. Pagando un conto in Indonesia con carta di credito verrà addebitato l'importo in rupie, a prescindere dalla valuta dichiarata. A parte il dollaro USA, sono accettati anche i dollari di Singapore e pure le altre principali valute internazionali sono ampiamente accettate per un pagamento in contanti, in particolare nelle zone di confine.

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD

Cambio valuta[modifica]

Le banche e i cambiavalute sono ampiamente disponibili a Giava, Bali e Lombok, ma altrove può essere un grande problema, quindi è opportuno fare il pieno di rupie prima di imbarcarsi per eventuali isole esterne. I cambiavalute sono molto esigenti sulle condizioni delle banconote, infatti quelle imperfette (strappate, stracciate, macchiate, o contrassegnate in qualsiasi modo) saranno normalmente respinte. Le banche rifiuteranno molto probabilmente qualsiasi dollaro antecedente al 2006. I dollari americani falsi sono un problema enorme nel Paese e di conseguenza più vecchi sono i vostri dollari minore sarà il tasso di cambio. Si otterrà un tasso di cambio più elevato per i dollari emessi nel 2006 o con emissioni successive. Ci sono anche diversi cambi a seconda del numero di serie dei dollari dal 1996. Le banche e i cambiavalute sulle isole esterne sono scarse e si riservano di addebitare commissioni del 10/20% a patto di riuscire a trovarli.

Viceversa i cambiavalute saranno felici di scambiare le vostre sporche rupie in dollari scintillanti, ma con una considerevole commissione (il 10% non è insolito). State molto attenti con i cambiavalute, che sono molto abili a distrarre la vostra attenzione durante il processo di conteggio, con la conseguenza di darvi una quantità inferiore di denaro. Come precauzione pensate di portare con voi un amico per supervisionare l'operazione con molta attenzione. Fate attenzione ai cambiavalute che offrono prezzi troppo vantaggiosi. Vi comunicheranno un prezzo, e inizieranno a contare le pile di banconote da 20.000 Rp, chiedendovi di farlo con loro. Si tratta di uno stratagemma per confondervi al fine di darvi meno denaro. Se si rendono conto che ve ne siete accorti, vi diranno che devono sottrarre il 6/8% per "commissioni" o "tasse".

ATM[modifica]

Gli ATM dei circuiti internazionali Plus/Cirrus o Alto sono comuni in tutte le principali città e destinazioni turistiche indonesiane, ma comportano una commissione di circa 2 $ per transazione. Ad ogni prelievo si può ritirare un massimo di 15/30 banconote. Mentre l'importo massimo prelevabile con carta di debito dipende dalla banca, di solito un massimo cumulativo giornaliero di 10/15 milioni di rupie. Le macchine sono caricati con banconote da 50.000 o 100.000 rupie (c'è spesso un adesivo sulla ATM), ma le banconote più grandi possono essere più difficili da utilizzare, soprattutto nelle zone non turistiche rurali. La possibilità di prelevare contante tramite ATM con carta di credito dipende dalla banca emittente. Nella stagione turistica locale si possono verificare pesanti code e alcuni sportelli bancomat potrebbero essere a corto di contante e in attesa di rifornimento, quindi è saggio portarsi dietro più contanti per prevenire eventuali imprevisti.

Carte di credito[modifica]

Visa e MasterCard sono ampiamente accettate, ma l'American Express può essere più problematica. Alle operazioni più piccole viene comunemente applicato un supplemento del 2/5%. Fare attenzione quando si usa la propria carta, in quanto la clonazione e le frodi sono un problema diffuso in Indonesia.

Costi[modifica]

La vita in Indonesia è a buon mercato, a patto che si sia disposti a vivere come un indonesiano. Ad esempio, con 12.000 Rp si può comprare un pasto acquistato in strada, un pacchetto di sigarette, una corsa di 3 km in taxi o tre bottiglie di acqua. Insistere sempre sull'uso del tassametro, e nei rari casi in cui non fosse in vista, alzare un po' il tono della discussione può talvolta farlo magicamente apparire. Un turista potrà spesso essere incoraggiato a negoziare un prezzo, in genere è meglio evitare, ma se non c'è alternativa cercare di ottenere uno sconto minimo del 50/70% rispetto al prezzo iniziale richiesto.

Ristoranti di lusso, alberghi e similari addebiteranno un 10% di tasse governative, più una variabile tassa di servizio. Questo può essere indicato col simbolo "++" dopo il prezzo o semplicemente scritto in minuscolo in fondo al menù.

Mance[modifica]

La mancia non è una pratica universale in Indonesia. Troverete alcune aree e imprese che lo scoraggiano, mentre altre che incoraggiano o che mantengono un punto di vista neutrale. Nelle zone turistiche più popolari, in particolare a Giava e Bali, la mancia è spesso auspicata. La mancia non è certamente un requisito essenziale in Indonesia, ma se ti senti di premiare la persona che ti ha aiutato perché ha fatto un ottimo lavoro, o ha fatto uno sforzo supplementare, la si può prendere considerazione a meno di non essere apertamente scoraggiati. Si può provare a chiedere alla gente, ma senza ottenere una risposta chiara. Spetta alla vostra discrezione quanto si dà, con 10.000 Rp qui si può acquistare un pasto, e in molti lavori le persone possono spesso avere difficoltà a sbarcare il lunario. In generale, gli indonesiani stessi non lasciano la mancia a meno che il servizio sia stato esemplare. Se si lascia una mancia, assicurarsi di darla direttamente alla persona interessata, di solito passando il denaro manualmente e in modo discreto, magari tramite un'apparentemente semplice stretta di mano.

Inoltre in alcune culture è tradizione di rifiutare qualcosa un paio di volte (3 è un numero comune) prima di accettarlo, ma ci sono sfumature culturali che permette di sapere se si tratta di cortesia o dell'espresso rifiuto di una mancia.

Infine tenere a mente che alcune persone deliberatamente raccontano storie su quanto sia difficile la loro vita: lo fanno con lo scopo di ottenere una mancia. Se la persona ha fornito dettagliati racconti senza che siano stati sollecitati, potrebbe essere opportuno adottare un po' di prudenza.

Orari per lo shopping[modifica]

Mentre la maggior parte dei luoghi commerciali chiude la domenica in Occidente, in Indonesia non è così. Dato che la maggior parte delle persone va a fare shopping nei fine settimana e nei giorni festivi, se avete intenzione di andare nei centri commerciali indonesiani, il momento migliore è nei giorni feriali (i.e. Lun-Ven). Lo shopping di mezzanotte è comunemente accompagnato da sconti anche in alcuni degli oltre 100 centri commerciali di Giacarta, una delle più popolose città commerciali del mondo. Quasi tutti gli elementi originali di alta moda si possono trovare nei lussuosi e grandi centri commerciali, con prezzi paragonabili a quelli di Singapore. Tanah Abang è il più grande centro tessile e d'abbigliamento nel Sud-est asiatico, che attira persone africane e del Medio Oriente per venire a comprare interi stock (di solito 20 pezzi per tipo). ITC nella piazza Mangga Dua di Giacarta ha indumenti più di qualità e si può acquistare sia un pezzo unico che a stock. I malesi tipicamente affollano Bandung per indumenti di stile islamico più conservatore.

I centri commerciali in genere sono aperti dalle 09:00/10:00, e i negozi di strada, insieme ai mercati tradizionali, aprono fin dalle 06:00; sia i centri che i negozi chiudono intorno alle 21:00/22:00, 7 giorni la settimana, mentre i mercati tradizionali chiudono a mezzogiorno, sebbene anche loro non abbiano giorno di chiusura. I magazzini 24/7 come mini-mart sono comuni nelle principali città e in alcune aree regionali affollate. Le eccezioni degne di nota sono Idul-Fitri (Lebaran, la celebrazione della fine del Ramadan), quando la maggior parte dei posti chiude o apre in ritardo fino a due o tre giorni dopo (anche se molto probabilmente è meno applicata in aree a maggioranza non-musulmana come Sulawesi Settentrionale e Bali), e il giorno di indipendenza indonesiana che cade il 17 agosto. In misura minore lo stesso vale con il Natale, in particolare nelle aree di popolazione a maggioranza cristiana (Sulawesi Settentrionale e parte del Sumatra Settentrionale) e in luoghi a maggioranza cinese (come i quartieri di Glodok o Mangga Dua a Giacarta), in quanto un gran numero di indonesiani cinesi che vivono nelle grandi città sono cristiani.

Negoziare[modifica]

Mercanteggiare prezzi è la norma nella maggior parte dei luoghi, anche in quelli che sembrano essere bei negozi, quindi siate pronti a negoziare. Se si pensa di star ricevendo un buon prezzo in base a quello che paghereste a casa, probabilmente state pagando troppo. Tentate una contro-offerta iniziale del 50/70% di sconto rispetto alla loro prima offerta, e poi lavorate da lì. Venditori intelligenti vi chiederanno di fare una prima offerta, mettendovi in una posizione di svantaggio. Si può sempre provare ad andar via per vedere se vi offriranno un prezzo migliore. Tuttavia i supermercati e i negozi di lusso di solito non consentono contrattazione a meno che non si sta acquistando qualcosa di davvero molto costoso, come dispositivi elettronici o un'automobile.

A tavola[modifica]

Nasi Kuning speziato (riso di giallo con curcuma) con la forma del cerimoniale Tumpeng (cono) e condita con bresaola adom

Con oltre 18.000 isole tra cui scegliere, cucina indonesiana è un termine generico che copre una vasta gamma di cucine regionali che si trovano in tutta la nazione. Ma, se usato senza ulteriori qualificazioni, il termine tende a significare il cibo originario delle parti centrali e orientali dell'isola principale: Giava. Ora ampiamente disponibile in tutto l'arcipelago, la cucina giavanese è costituita da una serie di piatti conditi semplicemente, i cui aromi predominanti sono: arachidi, peperoncini, zucchero (soprattutto lo zucchero di cocco giavanese), così come alcune spezie.

Troppo spesso molti viaggiatori con zaino in spalla sembrano fissarsi col mangiare solo nasi goreng (riso fritto), e forse piatti giavanesi comunemente disponibili, ma ci sono opzioni molto più interessanti in agguato se siete abbastanza avventurosi nel cercarle. A Giava Occidentale i piatti sundanesi composti da molte verdure fresche ed erbe sono comunemente consumati crudi. Padang è famosa per la cucina minangkabau piccante e riccamente condita, che condivide alcune somiglianze con la cucina in alcune parti della vicina Malesia, e ristoranti specializzati nei nasi padang a buffet sono ormai onnipresenti in tutta la nazione. Sia il cristiano popolo batak che gli indù balinesi sono grandi appassionati di carne di maiale, mentre i minahasa del Sulawesi Settentrionale sono ben noti per mangiare quasi tutto, compreso il cane e il pipistrello della frutta, e un uso molto libero di peperoncini fiammanti anche per gli standard indonesiani. Versioni musulmane di tutti e tre si trovano nei centri commerciali e aree di ristoro di molte città indonesiane, ma vale la pena di cercare le versioni originali, soprattutto se vi capita di essere in queste regioni. Arrivando nella Nuova Guinea Occidentale nell'estremo est del Paese, si osserverà una dieta melanesiana di cinghiale, taro e sago.

Ci sono alcuni altri alimenti che si dovrebbe conoscere per i loro forti sapori, come ad esempio il terasi, che è una pasta di gamberetti essiccata con un sapore forte di pesce, e Pete, che è un legume con un sapore forte che indugia e influisce sull'odore di urina, feci e flatulenze. Il terasi soprattutto è un ingrediente comune in molti tipi di alimenti, tra cui il petis, salsa di peperoncino, e una serie di piatti e salse, e il pete che a volte viene aggiunto alla salsa di peperoncino e alcuni piatti, anche se è disponibile solo stagionalmente. A questo si aggiunge una serie di secchi, salati, frutti di mare, tra cui alghe. Il peperoncino, rawit, ha un sapore molto forte simile alla salsa di Tabasco, è fortemente speziato e spesso utilizzato in molti piatti. Una prelibatezza sundanese è l'oncom che è composto da arachidi che sono state fermentate in blocco fino a quando non sono coperte e colorate con alcuni tipi di funghi; questo cibo non si limita a sembrare ammuffito ma sa anche di muffa ed è un gusto acquisito.

A Giacarta e Bali e anche alcune altre grandi città le catene di ristorazione provenienti da Asia, Europa, America occidentale e orientale sono comuni, con Kentucky Fried Chicken che fu il pioniere ora leader, seguito da McDonald's. È inoltre possibile trovare ristoranti modesti e costosi con specialità di Thailandia, Corea del Nord, Medio Oriente, Africa, Spagna, Russia e così via.

Riso[modifica]

Nasi timbel sundanese (riso in foglia di banana) con ayam penyet ("purè" di pollo fritto), sambal salsa di peperoncino e lalapan verdure fresche
Nasi goreng, il piatto dei backpacker, sormontato da un uovo fritto per renderlo speciale

In gran parte dell'arcipelago l'alimento base è il nasi putih (riso bianco), mentre il ketan (riso "appiccicoso") è frequentemente utilizzato per particolari piatti e molti snack. Il riso rosso è disponibile anche se raro. Il riso è così importante che ha diversi nomi diversi a seconda della fase del processo di crescita/consumo in cui si trova, da "padi" sul terreno, "beras" dopo la raccolta, fino a "nasi" una volta cotto al vapore e servito nel piatto. Il riso è servito in molte forme, tra cui:

  • bubur, porridge di riso con condimenti e brodo di pollo, popolare a colazione, generalmente salato
  • lontong e ketupat, riso avvolto in foglie e cotto in modo che venga compresso in una torta
  • nasi goreng, l'onnipresente riso fritto; ordinarlo speciale per aggiungerci sopra un uovo, mangiato in qualsiasi momento, anche a colazione
  • nasi kuning, riso giallo speziato, la versione cerimoniale di questo piatto è modellata in un cono a punta chiamato tumpeng
  • nasi padang, riso cotto a vapore bianco servito con numerosi curry e altri condimenti, originario di Padang ma assimilato in tutto il Paese con molte variazioni e aggiustamenti a piacere
  • nasi timbel, riso bianco cotto a vapore avvolto in una foglia di banana, un accompagnamento comune del cibo sundanese
  • nasi uduk, riso leggermente dolce cotto con latte di cocco, mangiato con frittata e pollo fritto; tipico a colazione
  • nasi liwet, riso bianco servito con pollo grossolanamente triturato, opor (zuppa di latte di cocco), uova e altri ingredienti, compresi gli organi interni e uova di quaglia, tradizionalmente servito a tarda notte

Noodle[modifica]

Noodle (mi o mie) arrivano secondi per poco nel concorso di popolarità tra i cibi locali. Merita una menzione speciale Indomie, niente di meno che il più grande produttore di noodle istantanei del mondo. Una confezione al supermercato costa oltre 1.500 Rp e alcune bancarelle ve lo bolliranno o friggeranno per circa 3.000 Rp.

  • bakmi, pasta all'uovo sottile di solito servita bollita con una guarnizione a scelta (pollo, funghi, ecc.).
  • kuetiaw/kwetiau/kway-tiau, spaghetti di riso piatto più comunemente fritti con salsa di soia, ma possono anche essere serviti (meno comunemente) in zuppe a base di brodo.
  • soun, vermicelli rotondi (noodle di "vetro" o "filo di fagioli"), lunghi, sottili, di solito trasparenti (migliore qualità), fatti di amido di fagioli, manioca e altro, di solito usati nelle zuppe.
  • bihun, noodle di riso tondo, lungo, sottile, bianco (di qualità inferiore sono di colore blu), di farina di solito sono fritti o aggiunti a certi piatti.
  • pangsit, simile ai ravioli, questa pasta di origine cinese è farcita con un po' di carne ed è molto morbida, il più delle volte servita fritta o con zuppa, o servita "umida" in brodo.

Minestre[modifica]

Minestre (soto con curcuma, e sop) e curry allungate con acqua sono anche comuni. A differenza del galateo occidentale, la zuppa può essere anche un piatto principale.

  • bakso/baso, polpette a base di carne di manzo, pollo o pesce e noodle in brodo.
  • rawon, zuppa di manzo piccante, una specialità di Giava Orientale.
  • sayur asam una zuppa di verdure sundanese resa acida con asem Jawa (tamarindo) e 'belimbing sayur (frutto dell'albero del cetriolo).
  • sayur lodeh, verdure in una minestra di latte di cocco e pesce.
  • soto ayam, zuppa di pollo in stile indonesiano con brandelli di pollo, vermicelli, brodo di pollo e di ingredienti vari locali.
  • opor, pollo, a volte con alcune verdure come chayote cotte in zuppa di latte di cocco, servito spesso durante le vacanze, o il liquido può essere aggiunto al piatto di Yogyakarta, gudeg
  • sayur bening, bayam (spinaci indonesiani) e cubetti labu siam (chayote) in un chiaro, dolce brodo.

Piatti principali[modifica]

Gudeg, Giaco stufato servito con un uovo
Tofu in stile cinese e frutti di mare sapo

I principali piatti principali sono:

  • ayam bakar, pollo alla griglia
  • ayam goreng, pollo fritto
  • cap cay, verdure saltate in padella in stile cinese, di solito con pollo, manzo o frutti di mare
  • gado-gado, verdure scottate con salsa di arachidi
  • gudeg, Giaco stufato di Yogyakarta
  • ikan bakar, pesce alla griglia
  • karedok, simile al gado-gado, ma le verdure sono finemente tritate e per lo più crude
  • perkedel, polpette fritte di patate e carne o verdure (adottato dalla olandese frikadel)
  • rendang, piatto piccante tipico di Padang: manzo cotto in un santan (latte di cocco) e curry fino a quando non diventa morbido
  • sate (satay), grigliata di pollo, carne di manzo, capra o, raramente, agnello, cavallo o coniglio, su uno spiedo
Sate di manzo
  • sapo, stufato in stile cinese servito in coccio, di solito con tofu, verdure e carne o frutti di mare
  • pempek o empek-empek, proviene da Palembang (Sumatra) ed è realizzato con ikan tenggiri (sgombro) e tapioca, con forme diverse (lenjer, keriting), alcune delle quali possono contenere un uovo (kapal selam), una qualche forma di cipolla (adaan) o papaia (pistel), cotto a vapore e poi fritto e servito con cetrioli tritati in un aceto dolce e piccante e salsa a base di zucchero. Alcune ricette hanno un sapore sospetto, mentre altre sono fresche. Attenzione ai pempek che hanno un prezzo molto a buon mercato, ma probabilmente una quantità sproporzionata di tapioca e saranno gommosi. I pempek buoni dovrebbero essere leggermente croccanti fuori e morbidi (ma leggermente gommosi) all'interno, e il sapore della salsa deve essere in grado di trapelare dopo un po'.

Avvertimento! E' meglio evitare piatti crudi come il karedok, insalate di verdure crude (come cetrioli in salsa cremosa) e insalate a meno che non si possa verificare che le verdure siano state preparate igienicamente con acqua bollita, filtrata o in bottiglia, altrimenti si potrà soffrire di diarrea o di intossicazione alimentare. Mangiare i piatti con santan (latte di cocco) con cura, per non aggravare il proprio livello di colesterolo o finire con l'avere la diarrea.

Contorni[modifica]

I piccoli ma brutalmente piccanti peperoncini cabe rawit

I peperoncini (cabe o lombok) sono utilizzati in una vasta varietà di salse e condimenti chiamati sambal e saus sambal. Il più semplice e forse più comune è sambal ulek, fatto con soli peperoncini e il sale con forse un pizzico di lime, pestati insieme usando mortaio e pestello. Ci sono molti altri tipi di sambal come sambal pecel (con arachidi tritate), sambal terasi (con pasta di gamberetti essiccati), sambal tumpeng, sambal mangga (con strisce di mango), sambal hijau (con peperoncino verde), sambal bajak (fritto, di solito con i pomodori), ecc. Molti di questi possono essere davvero tanto piccante, quindi fate attenzione quando viene chiesto se si desidera il proprio piatto pedas (piccante). Inoltre, a volte il Sambal potrebbe non essere fresco e potrebbe portare a diarrea, quindi verificarne la freschezza prima di ingerirlo.

I cracker conosciuti come kerupuk (krupuk o keropok, è la stessa parola pronunciata in modo diverso) accompagnano quasi ogni pasto e sono anche uno snack tradizionale, e può essere liberamente utilizzato come riempitivo o ingrediente. I cracker sono spesso grandi, rotondi o squadrati. Possono essere fatti con quasi qualunque cereale, frutta, verdura o seme che si possa immaginare, tra cui molti mai visti al di fuori dell'Indonesia, ma forse i più comuni sono i sottili, rosa chiaro e di forma rettangolare keropok udang, realizzati con gamberetti essiccati, e leggermente amari, ma anche i piccoli e sottili e di colore giallo chiaro emping, fatti da noci del frutto melinjo (Gnetum gnemon), così come quelli a base di manioca o di pesce, entrambi i quali sono di solito di grandi dimensioni, rotondi o quadrati e di colore bianco o arancione slavato, anche se esistono varietà più piccole con colori vivaci come il rosa. La maggior parte dei krupuk sono fritti in olio, ma un macchinario è stato messo a punto per essere in grado di cucinare istantaneamente una patatina ad alto calore. I kerupuk realizzati versando l'impasto in uno stampo arricciato possono essere immersi in brodo per fungere da noodle; un buon modo di utilizzare i krupuk mollicci.

Ciò che i nordamericani chiamano patatine fritte e che altri chiamano semplicemente patatine (da non confondere con kentang goreng, o patatine fritte) sono i keripik indonesiani. Le patatine fritte esistono, ma in genere sono a base di manioca, ma si possono anche trovare patatine a base di altra frutta e tuberi, come patate dolci e banane. I keripik non sono comunemente mangiati come i kerupuk, ed è meglio mangiare subito entrambi i tipi o conservarli in un contenitore ermetico in quanto facilmente assorbono l'umidità nell'aria per poi diventare mollicci.

Le verdure in salamoia (con aceto e zucchero), sono spesso servite con alcuni piatti, in particolare tagliatelle e minestre, e sono chiamati acar. Contiene quasi sempre fette di cetrioli, ma può anche avere peperoncino, carote tritate e scalogni. Da non confonderli con i sottaceti, che si trovano solo in alcuni supermercati e sono costosi.

Non è comune trovare condimenti offerti come sale e pepe, piuttosto si trovano cose come la salsa di soia dolce (kecap manis) o salata (kecap asin), cuka (aceto) e, meno comunemente, saus tomat (salsa di pomodoro). Nei ristoranti dove si servono bistecche alla griglia, si possono trovare saus Inggris (salsa Worcestershire), ma sarà difficile trovare senape tranne nei principali supermercati e potreste anche dimenticarne il sapore se non si vive in una delle più grandi città.

Dolci[modifica]

Frutto chiamato salak

I dessert nell'accezione occidentale non sono comuni in Indonesia, ma ci sono un sacco di spuntini per solleticare la vostra golosità. Kue copre una vasta gamma di torte e di alcuni dolci, tutti colorati, dolci, e di solito un po' insipidi e piuttosto asciutti, con noce di cocco, riso o farina di frumento e zucchero che sono gli ingredienti principali di molti di essi. Kue kering di solito si riferisce a biscotti e sono disponibili in una vasta varietà. Roti (pane) e torte in stile occidentale hanno guadagnato popolarità solo di recente, soprattutto nelle grandi città, ma tradizionale e pane e dolci olandesi sono disponibili in molte panetterie e supermercati.

Alcuni popolari dolci tradizionali includono: martabak manis anche noto come kue Bandung o terang bulan (simile a un gigante pancake lievitato cucinato fresco e ricoperto con burro o margarina e latte condensato), lapis legit (una torta a base di uova con molti strati sottili, spesso aromatizzata con alcune spezie), bika Ambon (un dolce lievitato di Ambon, piacevolmente gommoso, con un gradevole gusto aromatico), pukis (come una mezza frittata con condimenti vari già aggiunti), pisang molen (la versione con banana dei pigs in a blanket), pisang goreng (pastella di banana fritta), e klepon (uno dei dolci tipici di Giava: palline di farina di riso ripiene di zucchero giavanese liquefatto e ricoperti di cocco). Sono comuni anche i naga sari (letteralmente: essenza del drago; banane all'interno di un solido budino di farina di riso che è stato cotto a vapore in foglie di banano), puding (budino reso solido con agar-agar e servito con la salsa vla versata su di esso), centik manis (zuccherato, budino solido di farina di riso con palline colorate di tapioca); ad alcune persone piace mangiare lo zucchero giavanese (a cubetti) da solo: la sua consistenza e il suo sapore lo rendono piacevole per molti.

Alcune torte e pasticcini qui possono essere serviti con filamenti di carne dolcificata (abon) o una dose abbondante di formaggio grattugiato, e una specialità del Ramadan il "kastenggel" olandese, un biscotto rettangolare dal sapore di formaggio che è solo leggermente dolce.

Es buah, ghiaccio tritato mescolato con frutta e a volte patate dolci o noci sovrastate con crema di cocco o latte condensato. È disponibile in infinite varianti ("teler", "campur", ecc.) ed è una scelta frequente nelle calde giornate. Il gelato a base di latte o latte di cocco è molto comune. La versione tradizionale indonesiana del gelato è a base di latte di cocco e si chiama es putar ed è disponibile in una varietà di sapori locali, come cioccolato, cocco, durian, blewah (una zucca), fagiolo zuccherato, fagioli mung zuccherati, ecc. Anche se l'es putar è generalmente sicuro da consumare, intrugli di frutta ghiacciati possono contenere ghiaccio a base di acqua non trattata o blocchi di ghiaccio sporco trasportati da becak, che ci obbligheranno a frequenti visite al bagno!

Forse l'opzione più economica, più saporita e più sana, è quello di acquistare un po' di buah segar (frutta fresca), che è disponibile tutto l'anno, anche se i singoli frutti vanno a stagioni. Opzioni popolari includono mangga (mango), pepaya (papaia), pisang (banana), apel (mela), kiwi , belimbing (Carambola), semangka (anguria), melon (melone) e jambu biji (guava) , ma le opzioni più esotiche che è improbabile trovare fuori dall'Indonesia includono la squamosa pelle croccante del salak ("frutto serpente"), jambu air (melarosa), rambutan (Nephelium lappaceum, che assomiglia ad una palla con molti minuscoli tentacoli), la sferica markisa (frutto della passione) e il manggis (mangostano). Un saggio consiglio: evitare di mangiare frutta che è già stata sbucciata e affettata da un venditore ambulante a meno che non siate degli amanti del mal di stomaco.

Probabilmente il frutto indonesiano più infame, però, è il durian. Prende il nome dalla parola indonesiana equivalente di spina, assomiglia a un cocco blindato delle dimensioni di una testa umana, e ha un potente odore spesso paragonato alla putrefazione dei rifiuti o l'odore del gas naturale. Al suo interno ha una gialla polpa cremosa, di una dolcezza unica. È vietato nella maggior parte degli alberghi e taxi, ma il suo forte odore si troverà nei mercati tradizionali, supermercati e ristoranti. Niente panico; è solo un frutto, anche se viene trattato alla stregua di una bomba acuminata. Il durian ha due cugini: nangka (Giaco) e cempedak (Artocarpus integer). Il primo ha un sapore dolce come le caramelle, senza alcun odore molesto, ed è usato nel famoso piatto di Yogyakarta cotto a pressione, il "Gudeg", e può essere grande come un piccolo bambino, mentre il secondo ha il sapore del Giaco, ma con un debole olezzo simile al durian, dalla forma sagomata e allungata ma non più di 30 cm. Tutti e tre sono stagionalmente disponibili.

Restrizioni dietetiche[modifica]

La stragrande maggioranza dei ristoranti indonesiani serve solo cibo halal (conforme alle restrizioni musulmane). Ciò significa, tra l'altro, niente maiale, ratto, rospo o pipistrelli. Questo comprende catene di fast food occidentali come McDonald's, KFC e Pizza Hut, Burger King, Wendy, e altri. L'eccezione principale sono i ristoranti etnici di catering per le minoranze non musulmane dell'Indonesia, in particolare quelle che servono cucina batak, manadonese (minahasan), balinese e cinese, quindi nel dubbio chiedete. Si noti che, anche se l'Indonesia è un paese a maggioranza musulmana, ciò non significa che i musulmani costituiscano la maggioranza ovunque. Ciò significa che se ci si trova in aree popolate principalmente da altri gruppi religiosi come cristiani o indù, la maggior parte dei ristoranti e bancarelle locali non serviranno halal, e sarà necessario fare qualche sforzo per la ricerca di una struttura halal.

Vegetariani e vegani avranno difficoltà in Indonesia, in quanto queste filosofie sono poco conosciute ed evitare pesce e condimenti a base di gamberi è una sfida. Il tahu (tofu, ossia formaggio di soia) e il suo corpulento cugino indigeno tempe (torta di soia), sono una parte essenziale della dieta, ma sono spesso serviti con condimenti non-vegetariani. Ad esempio, l'onnipresente pasta di peperoncino sambal, molto spesso contiene gamberi, e cracker kerupuk con un aspetto spugnoso, compresi quelli sempre serviti con nasi goreng, quasi ogni volta contengono gamberi o pesce. Sono quelli che assomigliano a patatine fritte, ma d'altra parte sono solitamente buoni. È possibile tuttavia chiedere di fare qualcosa senza carne, che può essere indicato con la richiesta di "vegetariano" o "Daging Tanpa dan/atau Hasil laut (frutti di mare)". I ristoranti sono di solito disposti a prendere ordinazioni speciali.

Galateo alimentare[modifica]

Mangiare con la mano (invece che con le posate) è molto comune. L'idea di base è quella di utilizzare quattro dita per raccogliere insieme una pallina di riso e altre cose, che possono poi essere immerse nelle salse prima di metterle in bocca spingendola con il pollice. C'è una regola di base del galateo da osservare: Usare solo la mano destra, in quanto servirsi della mano sinistra è considerata una maleducazione (si veda la sezione Rispettare le usanze). Non mettere le mani nei piatti comuni (o vassoi): utilizzare invece la mano sinistra per servirsi da soli con degli utensili.

Tuttavia mangiare con le mani non è visto di buon occhio nei luoghi più di classe. Se siete dotati di posate e nessun altro intorno a voi mangia con le mani, è un chiaro segnale.

Altrettanto comuni sono le bacchette, forchette, cucchiai e coltelli, anche se i coltelli sono piuttosto rari, ad eccezione dei ristoranti di lusso.

È considerato educato e un segno di godimento il mangiare in fretta, e alcune persone vedono il ruttare come un apprezzamento.

Dove mangiare[modifica]

Una kaki lima servita in una bakso (minestra di polpette) a Kuta, Bali
"Food Street" al centro commerciale Nagoya Hill a Nagoya, Batam

Mangiare a buon mercato in Indonesia è davvero economico, infatti un pasto completo preso per strada lo si può avere per poco più di 5.000 Rp. Tuttavia il livello di igiene non può essere paragonato agli standard occidentali, così si potrebbe volergli stare alla larga per i primi giorni e frequentare solo stabilimenti visibilmente popolari, ma anche questo non è garanzia di pulizia, perché su questo piano i posti a buon mercato possono eguagliare quelli popolari. Se il cibo è servito a buffet senza essere stato cotto, o è lasciato fuori in piatti o vassoi, è meglio informarsi da quanto tempo è stato preparato, o semplicemente evitarlo del tutto, altrimenti si rischia la diarrea o addirittura un'intossicazione alimentare. Non è impossibile che un alimento sia lasciato fuori per più di un giorno e solo raramente portato a ebollizione, soprattutto nelle famiglie dei villaggi. Sta a voi richiamare l'attenzione del personale, se volete ordinare, il conto, o altro; questo è vero anche in alcuni ristoranti costosi.

Ci sono venditori ambulanti che portano un cesto di cibo "pre-preparato" (di solito donne), o che trasportano due piccoli armadi in legno su un bastone di bambù (di solito uomini), che può servire snack leggeri o anche piatti semplici, alcuni dei quali sono molto a buon mercato e piacevoli, ma l'igiene è discutibile.

Il modo più veloce per mettere qualcosa sotto i denti è di visitare un kaki lima, letteralmente "cinque piedi". In base a chi chiedete, sono chiamati sia bancarelle mobili a tre ruote più due piedi del proprietario, che per marciapiedi occupati larghi "cinque piedi". Questi possono essere trovati sul ciglio della strada in qualsiasi città, paese o villaggio indonesiano, di solito offrendo piatti semplici come riso fritto, noodles, zuppa di polpette, siomay (dim sum) e zuppa d'avena. Di notte, un kaki lima può trasformarsi in un lesehan, un semplice luogo in cui mangiare, fornendo alcune stuoie di bambù ai clienti per sedersi e chiacchierare, ma possono fornire sgabelli di plastica o anche panchine e tavoli, a seconda della loro posizione e il modus operandi.

Un passo avanti rispetto al kaki lima' è il warung (o la vecchia grafia waroeng), una bancarella un po' meno mobile che offre più o meno lo stesso cibo, ma forse un paio di sgabelli di plastica e un telo per il riparo. Alcuni warung sono strutture permanenti.

Una delle grandi domande da porsi per decidere tra una delle tre strutture sopraelencate è l'igiene: dove vanno a prendere l'acqua pulita per lavare i piatti, dove vanno ad usare una toilette (un fiume o fosso nelle vicinanze), dove si lavano le mani e anche solo come sono puliti. La febbre tifoide è un problema comune per chi mangia qui, come lo sono l'epatite e intossicazione alimentare. Gli indonesiani sono stati esposti al cibo mal preparato o viziato per la maggior parte della loro vita, quindi raramente sono colpiti da diarrea e intossicazione alimentare.

Un'opzione un po' più comoda è il rumah makan (letteralmente: trattoria), un semplice ristorante molto spesso specializzato in una certa cucina. I ristoranti padang, facilmente identificabili per i loro sporgenti tetti minangkabau, offrono riso con una serie di curry e piatti di accompagnamento. Ordinare è particolarmente semplice: basta sedersi, e il vostro tavolo tempestivamente si riempirà con innumerevoli piccoli piatti. Mangiare quello che si vuole per poi pagare per ciò che si è effettivamente mangiato.

Buffet (prasmanan) e ristoranti su barca a vapore sono opzioni self-service, ma il primo dovrebbe essere affrontato con cautela (vedi sopra).

Un'altra opzione di medio livello nelle città più grandi è quella di cercare le aree ristorative e ristoranti indonesiani nei centri commerciali, che uniscono aria condizionata con l'igiene, anche se con un cibo piuttosto scontato e noioso.

Una restoran indica un qualcosa più in stile occidentale, con aria condizionata, tovaglie, servizio al tavolo e prezzi simili. Soprattutto a Giacarta e Bali, è possibile trovare ottimi ristoranti che offrono piatti autentici provenienti da tutto il mondo, ma sarete fortunati se riuscirete a cavarvela per meno di 100.000 Rp a testa.

I menu nei ristoranti più costosi possono essere organizzati con antipasti, primi piatti, dolci e bevande; ma negli stabilimenti minori l'organizzazione è spesso l'ingrediente principale o il più importante.

Makanan Pembuka (antipasti). Questi sono di solito non separati e conterranno principalmente cibo da prendere con le dita, come patatine fritte e altri cibi fritti, come pure cose come organi interni e uova alla griglia su spiedini, krupuk, e piccoli altri oggetti.

Makanan Utama (piatto principale). In genere, si vedrà: nasi (riso), lauk pauk (contorni che comprendono generalmente una fonte di carboidrati), mie (tagliatelle), sapi (manzo), ayam (pollo), kambing (capra), ikan (pesce) o hasil laut (frutti di mare), a volte con pesci particolari tipici dalla propria zona, come ad esempio gurameh (gurami gigante), cumi-cumi (calamari), kepiting (granchio), kerang (molluschi simili alle cozze), udang (gamberetti), e sayuran o sayur mayur (verdure). A volte vedrete il kambing erroneamente tradotto in pecora (che è domba), quindi siatene consapevoli. Meno spesso vedrete domba, gurita (polpo), swike (cosce di rana; in alcuni ristoranti chiamato haram), vegetarian, srimping (capesante), tiram (ostriche) e babi (maiale; solo in alcuni ristoranti in quanto è haram, o vietato ai musulmani). Sop/soto/bakso (minestre) e selada (insalata di verdure, ma significa anche lattuga) che saranno di solito presenti anche qui.

Altre parole comunemente usate di solito si riferiscono sia al tipo di cottura: bakar (griglia), panggang (al forno) (questi due termini sono a volte usati in modo intercambiabile), goreng (fritto semplice o fritto per immersione), rebus (bollito), kukus o tim (al vapore), tumis (saltato), presto (cotto a pressione), kendi (cotto in un coccio), cah (fritto nel wok), e hotplate.

O qualcosa sulle ricette: kuah (con brodo), tepung (pastella in padella) e kering (a secco).

O sul sapore: polos o hambar (liscio/insipido), asam (acido), manis (dolce), pedas (piccante), asin (salato), pahit (amaro), e gurih (salato e un po' dolce, come MSG, o salato e grasso).

Makanan Penutup (dolci): Non presenti ovunque, ma a partire dai rumah makan e superiori, la maggior parte avrà qualcosa. Possono essere solo alcuni dolci tradizionali, ma è molto probabile vedere qualcosa di familiare, come es krim (gelato) e buah-buahan (frutta) o selada buah (macedonia di frutta).

Minuman (bevande). Il minimo sarà air (acqua, che potrebbe essere di bottiglia o semplicemente bollita e può essere bollente, calda, tiepida o fredda), air mineral/botol (acqua minerale/bottiglia), teh (tè), minuman berkarbonasi (soda o bevande gassate) e kopi (caffè). I posti migliori avranno es buah, jus (succo), e varie bevande locali.

Parole comuni usate per le bevande sono: tawar (liscio/senza zucchero o altri additivi), manis (dolce), panas (calde), e dingin (freddo).

Catene di ristorazione[modifica]

La maggior parte dei ristoranti appartenenti ad una catena in Indonesia ha molti posti a sedere, offre menù prestabiliti, e quindi è una delle opzioni più economiche (il più delle volte, anche la più igienica). Le catene più famose da cercare sono:

  • Hoka Hoka Bento (noto anche come Hokben) è un fast food in stile giapponese, sebbene non esista alcun Hoka Hoka Bento in Giappone!. È possibile ordinare riso con teriyaki e pollo fritto, involtini di uova, o gamberetti per circa 50.000 Rp o meno, oltre a una bibita, insalata e zuppa di miso. Consegna a domicilio (solo nelle principali città di Giava e Bali) ☎ 500 505
  • Bakmi GM famoso per i suoi onnipresenti antipasti di noodles (compresa un propria versione speciale del piatto di noodles) e i suoi wonton fritti (pangsit goreng), anche se offre pure piatti a base di riso. Un buon pasto di solito costa 50.000 Rp o meno. Consegna a domicilio (solo nell'area metropolitana di Giacarta) ☎ +62 21 565 5007
  • Es Teler 77 è di più per una cucina raffinata. Offre piatti indonesiani e come suggerisce il nome, il suo Es Teler. I piatti costano circa 50.000 Rp. Consegna a domicilio ☎ 14027
  • Nella versione indonesiana i Pizza Hut sembrano più ristoranti chic che un fast food, come questo franchising normalmente si colloca nel mercato statunitense. Le pizze hanno condimenti più generosi, e anche più opzioni per i contorni e la pasta. È anche famosa per i suoi camerieri o cameriere che fanno creazioni con i palloncini per i bambini. Inoltre gestisce anche una catena separata denominata PHD con un proprio menù esclusivo per la consegna in alcune città. Consegna a domicilio ☎ 500 008 (Pizza Hut) ☎ 500 600 (PHD)
  • Kebab Turki Baba Rafi è la più grande catena di ristoranti kebab del mondo. Kebab, shawarma, hot dog e patatine fritte, sono molto convenienti per un pasto veloce. Di solito può essere trovato come nelle aree di ristoro.
  • I principali minimarket importati, come FamilyMart, Circle K, Lawson e 7-Eleven offrono pasti pre-preparati che il personale vi può riscaldare, oltre ai soliti generi alimentari che normalmente si trovano, per meno di 30.000 Rp. 7-Eleven offre anche una zona separata in cui mangiare seduti per chi vuole consumare il proprio pasto in loco. Catene locali come Indomaret e Alfamart hanno molti più punti vendita, ma sono più simili a un tipico minimarket. Nella migliore delle ipotesi forniscono pane o insalata come pasto preconfezionato.
  • I supermercati Carrefour hanno un'area per i prodotti da forno e snack, ma la maggior parte delle persone fa acquisti da portar via, invece di mangiare in loco, sebbene sia possibile farlo.

Anche le catene di fast food americani come McDonald's, KFC, Wendy, Burger King o A&W sono presenti in quasi ogni centro commerciale indonesiano. Altre catene di tutto il mondo, come ad esempio il famoso Yoshinoya, possono essere trovate nei centri commerciali di lusso.

Attenzione[modifica]

A parte le avvertenze di cui sopra, ci sono stati casi in cui alimenti e bevande, così come altri elementi (come prodotti per l'infanzia e oli da massaggio), sono in violazione delle leggi in materia. Queste violazioni includono l'uso di sostanze chimiche proibite, come la formaldeide o borace come conservanti, coloranti tessili per migliorare il colore, sacchetti di plastica nell'olio bollente per rendere croccanti i cibi fritti; l'uso di alimenti scaduti o addirittura marci (come le verdure o latte) "riabilitati" attraverso riscaldamento e forse applicazione di prodotti chimici, o come riempitivi per migliorarne il peso/volume; la filtrazione di oli alimentari usati e il successivo utilizzo di sostanze chimiche proibite per farlo sembrare pulito; la contaminazione degli alimenti che non sono carne halal (contro le norme alimentari musulmane); l'iniezione di acqua (a volte con formaldeide) nella carne per renderla più pesante; la raccolta di ortaggi dai corsi d'acqua fortemente inquinati; e la vendita di animali senza macellazione (che è illegale). In genere, tali alimenti e bevande sono venduti da venditori ambulanti, venditori erranti e ristoranti di classe inferiore, anche se ci sono stati casi isolati in stabilimenti superiori e anche in negozi e supermercati.

Lavare sempre i prodotti crudi prima di mangiarli o cucinarli. È anche meglio comprarli da catene di supermercati ben noti e puliti.

Bevande[modifica]

Succo di avocado (jus alpokat) con uno spruzzo di sciroppo di cioccolato o cioccolato al latte condensato

L'acqua del rubinetto non è generalmente potabile in Indonesia. Acqua o ghiaccio serviti nei ristoranti potrebbero essere stati purificati e/o bolliti (air minum or air putih), ma è meglio chiedere. La air mineral (acqua in bottiglia), comunemente nota come Aqua (in linea al marchio più noto), è a buon mercato e disponibile ovunque, ma controllate che sia sigillata. Inoltre, evitate di acquistarla da fornitori ambulanti vicino ai trasporti pubblici in quanto vi sono casi sporadici di persone che vengono drogate con una bottiglia in cui è stato iniettato un farmaco, per poi essere derubate.

La maggior parte degli alberghi fornisce acqua potabile gratuitamente (in genere, 2 piccole bottiglie, o un bollitore), perché l'acqua del rubinetto è raramente potabile. Attenzione al ghiaccio, che potrebbe essere stato preparato con acqua non potabile o trasportato e conservato in condizioni non igieniche.

Alcuni indonesiani credono che le bevande fredde siano insalubri, quindi specificare dingin al momento dell'ordine, se si preferisce l'acqua, il tè in bottiglia o birra fredda, piuttosto che a temperatura ambiente.

Succhi[modifica]

I vari tipi di succo di frutta sono identificabili dal prefisso: jus per un semplice succo, panas per uno riscaldato (di solito solo bevande di agrumi) o es se servito con ghiaccio (da non confondere col dessert es buah); sono popolari tra indonesiani e visitatori. Quasi ogni frutto tropicale indonesiano può essere spremuto. Jus alpukat, reperibile solo in Indonesia, è una bevanda gustosa a base di avocado, di solito con un po' di cioccolato al latte condensato o, in posti più costosi, sciroppo di cioccolato versato all'interno del bicchiere prima di riempirlo. Per un rinfresco totale, si può provare air kelapa (acqua di cocco), facilmente reperibile in quasi ogni spiaggia del Paese. Una stranezza è "succo cappuccino" che, a seconda di dove si compra, può essere molto delizioso o da dimenticare. A volte ci sono una varietà di colorati (e strani) di succhi mixati.

Caffè e tè[modifica]

Tehbotol Sosro, la risposta indonesiana alla Coca-Cola

Gli indonesiani bevono sia kopi (caffè) che teh (tè), almeno fino a quando hanno avuto grandi quantità di zucchero aggiunto. Una tazza autentica di caffè, noto come kopi tubruk, è forte e dolce, ma si deve attendere che i corpuscoli si depositino sul fondo della tazza prima di berlo. Alcuni caffè prendono il nome di alcune zone, come kopi Aceh e Lampung. Nessuna guida di viaggio sarebbe completa se non menzionasse il famigerato kopi luwak, caffè a base di chicchi di caffè che sono stati mangiati, con chicchi parzialmente digeriti e poi "secreti" dal luwak (Civetta delle palme o zibetto), ma in Indonesia si tratta di una prelibatezza esotica dall'alto costo di 200.000 Rp per una coppetta di infuso. Tuttavia gli ambientalisti sconsigliano questa bevanda a causa delle condizioni crudeli in cui molti degli zibetti vengono mantenuti. Ma ora molte bancarelle nei centri commerciali servono fino a 20 combinazioni di chicchi di caffè e producono con macinazione e macchina per il caffè per meno di 20.000 Rp, ma siate preparati quando dovrete berlo.

Il tè (teh) è altrettanto molto popolare, e le bottiglie di vetro (simili a quelle della Coca-Cola) della marca Sosro sono bottiglie di dolce tè e gli onnipresenti cartoni/bottiglie di tè della frutta, come il Tebs, un tè gassato. In aree commerciali spesso è possibile trovare venditori che offrono tazze grandi di tè appena versato, spesso al gelsomino, come 2Tang o il più forte Tong Tji al gelsomino, tè alla frutta e al limone a partire da 2.000 Rp.

Jamu[modifica]

La parola jamu copre una vasta gamma di bevande medicinali locali per varie malattie. Jamu sono disponibili in forma di preparati pronti da bere, in bustine in polvere o capsule, venduti da donne in giro con un cesto di bottiglie avvolte loro da un lungo colorato kain (panno) di Batik. La maggior parte sono amari o acidi e bevuti per il loro presunto effetto, non per il loro gusto. Marchi famosi di jamu includono Iboe, Sido Muncul, Jago e Meneer; evitare di acquistare jamu per strada, in quanto la qualità dell'acqua è dubbia. Alcuni noti jamu sono:

  • galian singset - riduzione del peso
  • beras kencur (con riso, zenzero in polvere e zucchero di canna) - tosse, stanchezza
  • temulawak (con curcuma) - per malattie del fegato
  • gula asem (con tamarindo e zucchero di canna) - ricco di vitamina C
  • kunyit asam (con tamarindo, curcuma) - per la cura della pelle, afte

Cercare un jamu acido o amaro con beras kencur, il cui sapore ricorda leggermente l'anice. Chi cerca un effetto semeriwing (refrigerante), chieda un kapu laga (cardamomo) o, per riscaldarsi, aggiungere zenzero.

Bevande tradizionali[modifica]

  • Wedang Serbat - fatto da anice stellato, cardamomo, tamarindo, zenzero e zucchero. Wedang significa "acqua calda".
  • Ronde - a base di zenzero, riso glutinoso in polvere, arachidi, sale, zucchero, additivi coloranti alimentari.
  • Wedang Sekoteng - a base di zenzero, piselli verdi, arachide, melograno, latte, zucchero, sale e mescolato con ronde (vedi sopra).
  • Bajigur - a base di caffè, sale, zucchero di canna, latte di cocco, zucchero di palma frutta, vanillina.
  • Bandrek - a base di zucchero di canna, zenzero, foglie di pandano, carne di cocco, germoglio di chiodi di garofano, sale, cannella, caffè.
  • Cinna-Ale - a base di cannella, zenzero, tamarindo, polvere zenzero e 13 altre spezie.
  • Cendol/Dawet - a base di farina di riso, farina di palma da sago, foglie di pandano, sale, additivi coloranti alimentari in un latte di cocco e zucchero liquido giavanese.
  • Talua Tea/Teh Telur (Sumatra Occidentale) - a base di polvere di tè, uovo crudo, zucchero e limau nipis.
  • Lidah Buaya Ice (Kalimantan Occidentale) - a base di aloe vera, basilico francese, gelatina nera giavanese, latte di cocco, zucchero di palma, foglie di pandano, zucchero.

Alcol[modifica]

Bintang è più famosa marca di birra in Indonesia

L'Islam è la religione della maggioranza degli indonesiani, ma l'alcol è ampiamente disponibile nella maggior parte delle aree, soprattutto in bar e ristoranti di lusso. Manifestazioni pubbliche di ubriachezza sono fortemente disapprovate e nelle città più grandi è un reato punibile persino con l'arresto. Non guidare se si è bevuto. L'età legale per bere è 21 anni.

Nelle zone fermamente islamiche come Aceh l'alcol è vietato e quelli scoperti con l'alcol possono essere fustigati.

La bevanda più popolare dell'Indonesia è bir (birra) Bintang, una chiara standard a disposizione più o meno in tutto il mondo. Altre birre popolari includono Bali Hai e Anker. A metà aprile 2015 supermercati e mini market lungo l'Indonesia erano "puliti", nel senso che non vendevano più bevande alcoliche. Tuttavia, caffetterie, bar e ristoranti con licenze appropriate possono continuare a vendere bevande alcoliche, tra cui superalcolici. Le linee guida tecniche che rendono esenti le aree turistiche da questi divieti sono a discrezione di ogni reggente e sindaco, i quali possono decidere quale area e venditori o warung possono servire/vendere bevande moderatamente alcoliche (1/5% ). Queste bevande possono costare fino a 50.000 Rp in un bar modaiolo, ma in un normale bar/ristorante il prezzo per una Bintang è di 25.000/35.000 Rp per una bottiglia grande da 0,65 litri.

Il vino è costoso e disponibile solo nei costosi ristoranti e bar dei grandi alberghi. Quasi tutto è importato, ma ci sono un paio di viticoltori locali di varia qualità a Bali il cui vino è più conveniente. Il 30% delle bevande alcoliche è importato e il nuovo regime di tassazione delle bevande alcoliche importate è pari al 150% del prezzo di base, mentre per le birre è "solo" del 90%.

Varie bevande alcoliche tradizionali sono disponibili tra cui:

  • Tuak - vino zucchero di palma (alcol 15%)
  • Arak - la versione distillata di tuak, fino al 40% d'alcol
  • Brem - dolce vino di riso glutinoso in stile balinese

Esercitare una certa cautela nella scelta di cosa e dove acquistare; il Moonshine fatto in casa può contenere ogni tipo di pessima impurità. Nel maggio 2009, 23 persone, tra cui quattro turisti, sono state uccise da un arak adulterato, o forse inavvertitamente contaminato, illecitamente fornito e distribuito a Giava, Bali e Lombok. In molti altri casi i turisti sono stati accecati o uccisi da metanolo nelle bevande. Se si vuole risparmiare denaro in Indonesia non farlo acquistando l'alcol più economico che si trova in giro.

Infrastrutture turistiche[modifica]

Le possibilità di alloggio nelle rinomate destinazioni di viaggio come Bali e Giacarta vanno dalle pensioni a buon mercato per chi viaggia con zaino in spalla fino ad alcuni dei più opulenti e costosi alberghi a cinque stelle e resort. Fuori dai sentieri battuti però le opzioni saranno più limitate. Probabilmente la scelta alloggio più comune per i backpacker è il losmen o pensione, noto anche con i nomi wisma o pondok. Spesso con meno di 15 USD/notte si trovano losmen basici con ventilatore e bagno in comune, il quale solitamente è con le turche e bak mandi (un bidone di acqua) con cui rovesciarsi l'acqua addosso con un mestolo (non è pensato per entrarci dentro o per essere usato come lavandino). I piccoli losmen sono affittacamere noti col nome di penginapan. Per soggiorni più lunghi provare un kost (pensione) - con l'aggiunta di perempuan/wanita/cewek per le signore e pria/laki-laki/cowok per gli uomini, con strutture simili, se non meglio.

Il gradino superiore sono gli alberghi economici, di solito presenti anche nelle più piccole città, in genere vicino a capolinea di trasporto e nelle località turistiche. Questi possono avere piccoli lussi come aria condizionata e acqua calda, ma spesso possono essere piuttosto deprimenti in caso contrario, con piccole stanze, spesso senza finestre. I prezzi possono essere molto competitivi con losmen e kost, a partire da 10 USD/notte.

Alberghi e strutture di sufficiente qualità sono i berbintang (stellati), una stanza può costare fino a 30 USD. Alberghi di categoria inferiore (ma non sempre di qualità minore) sono a volte chiamati melati (gelsomino) con adeguati servizi minimali ed essenziale prima colazione.

Per legge tutti gli alberghi devono mostrare il listino dei prezzi (daftar harga). Non si dovrebbe mai pagare più del prezzo dell'elenco, ma gli sconti sono spesso negoziabili, soprattutto in bassa stagione, nei giorni feriali, soggiorni più lunghi, ecc. Se possibile prenotare in anticipo in quanto i prezzi proposti di persona sono spesso più alti.

Al giorno d'oggi quasi tutte le grandi città e nelle località turistiche in Indonesia hanno almeno un hotel economico in stile Bed & Breakfast (sebbene la prima colazione sia opzionale). Di solito sono strutture con non più di 3 anni, ma con stanze piuttosto piccole, senza vasca ma con una buona doccia fredda e calda, senza piscina, senza sale d'affari, ma con wifi disponibile a pagamento o gratuita, senza caffè, ma talvolta dotato di un piccolo minimart all'interno. Di solito sono utilizzati da modesti uomini d'affari o turisti locali, ma anche i turisti stranieri sono i benvenuti. La tariffa varia da 30 a 40 USD/notte, paragonabile ad un albergo 2 stelle o di alcuni 3 stelle, ma gli hotel economici di solito sono più puliti, con letto comodo e apparentemente moderni. La catena più aggressiva è la Kompas Gramedia Group con i suoi Amaris Hotel (hotel economici), Santika (hotel 3/4 stelle) e Anvaya (hotel 4/5 stelle). Amaris Hotel costruisce hotel in aree dove prevale il turismo nazionale come Bangka, Banyuwangi, Bengkulu e certamente Bali con circa 40 alberghi, alcuni sono proprio proprietà del gruppo, ma gli altri sono solo gestiti da parte del gruppo. L'altro gruppo di hotel economici sono Fave (conosciuti anche come hotel 3 stelle con una piccola stanza), Whiz, Pop e 101, mentre nella Nuova Guinea Occidentale c'è il Matos Group.

Eventi e feste[modifica]

Ramadan
Il Ramadan è il nono e più sacro mese del calendario islamico e dura 29-30 giorni. I musulmani digiunano ogni giorno lungo la sua durata e la maggior parte dei ristoranti resterà chiusa fino al crepuscolo. Niente (compresa l'acqua e sigarette) dovrebbe passare attraverso le labbra dall'alba al tramonto. Gli stranieri, i viaggiatori, ed altri sono esenti da questo, ma dovrebbero comunque astenersi dal mangiare o bere in pubblico in quanto questo è considerato molto maleducato. Le ore di lavoro diminuiscono anche nel mondo aziendale. Le date esatte del Ramadan dipendono da osservazioni astronomiche locali e possono variare da Paese a Paese. Il Ramadan si conclude con la festa di Eid al-Fitr, che può durare diversi giorni, di solito tre nella maggior parte dei Paesi.
  • 27 maggio – 24 June 2017 (1438 AH)
  • 16 maggio – 14 June 2018 (1439 AH)
  • 6 maggio – 3 June 2019 (1440 AH)
  • 24 aprile – 23 May 2020 (1441 AH)
  • 13 aprile – 12 May 2021 (1442 AH)

Se avete in programma di viaggiare in Indonesia durante il Ramadan, prendere in considerazione la lettura dell'articolo Viaggiare durante il Ramadan.

La multiculturale Indonesia celebra una vasta gamma di feste religiose e non, ma le celebrazioni sono per la maggior parte efficacemente limitate a piccole aree (ad esempio il festival indù di Bali).

Festività nazionali[modifica]

Tutti gli indonesiani, indipendentemente dal proprio credo religioso, godono di un giorno di riposo per tutti questi giorni festivi:

  • 1 gennaio: Capodanno (Tahun Baru Masehi).
  • Una giornata tra metà gennaio e metà febbraio: Tahun Baru Imlek (Capodanno cinese). Ci sono festeggiamenti principalmente nelle zone abitate principalmente da cinesi.
  • Un giorno di marzo: Nyepi (Capodanno indù). Non è consigliabile essere a Bali in questo giorno, in quanto tutta l'isola si spegne, anche l'aeroporto e porti marittimi. Gli stranieri per lo meno non dovrebbero stare in zona.
  • Un venerdì di marzo o aprile: Wafat Isa Al-Masih (Venerdì Santo). Le comunità cattoliche nell'Isola di Flores situata nella provincia di Nusa Tenggara Orientale compiono la "via crucis" prima del giorno. Si consiglia di recarsi in quella zona.
  • 1 maggio: Hari Buruh Internasional (Giorno internazionale del lavoro).
  • Un giovedi nel mese di maggio: Kenaikan Isa Al-Masih (Ascensione di Cristo)
  • Una giornata in maggio o giugno: Waisak (Giornata del Vesak). Alcuni monaci buddisti compiono un pellegrinaggio all'infausto tempio di Borobudur.
  • 17 agosto: Hari Kemerdekaan (Giorno dell'indipendenza). Alzabandiera nelle case e nella maggior parte delle comunità, giochi tradizionali indonesiani con ricchi premi!
  • 25 dicembre: Hari Natal (giorno di Natale).

Feste musulmane legate al calendario lunare (nel calendario solare o gregoriano, ogni anno vengono anticipate di circa 11 giorni):

  • Tahun Baru Hijiriah (Capodanno islamico).
  • Maulid Nabi (Nascita del Profeta Maometto).
  • Isra Miraj (Ascensione del profeta Maometto).
  • 2 giorni di vacanza Idul Fitri (Eid, fine dei 30 giorni di digiuno dettati dal Ramadan)

Si noti che il governo ha anche fatto fino a 6-7 giorni di fila (tra cui la domenica e le festività di Eid) ogni anno. La regola generale è di aggiungere pochi giorni prima e dopo le vacanze di Eid o il giorno tra i due giorni di festività, ottenendo quindi 3 giorni di vacanza.

Il momento più significativo dell'anno è il mese di digiuno musulmano del Ramadan. Durante questo periodo di 30 giorni lunari, i musulmani si astengono dal passare qualsiasi cosa attraverso le loro labbra (cibo, bevande, fumo e anche medicinali) tra alba e il tramonto. Le persone si alzano presto per mangiare sufficientemente per l'intera giornata prima del sorgere del sole (Sahur), vanno tardi al lavoro ed escono presto per tornare a casa in tempo per interrompere il digiuno (buka puasa) al tramonto. Questa attività di solito inizia con un piccolo spuntino a base di qualcosa di dolce, seguito dalle restanti pietanze e spuntini fino a coricarsi. In teoria, le persone non dovrebbero mangiare troppo durante questo periodo perché lo scopo del digiuno è sapere che cosa si prova ad essere estremamente poveri, ma alcuni musulmani non lo rispettano. I non musulmani, così come i musulmani in viaggio (musafir), malati o col ciclo mestruale e impegnati in lavori pesanti (buruh o kuli) sono esenti dal digiuno, ma è educato ad astenersi dal mangiare o bere in pubblico. Molti ristoranti chiudono, ma quelli che rimangono aperti nel tempo del digiuno mantengono un profilo basso, spesso con le tende che coprono le finestre; nelle aree rigorosamente islamiche invece i venditori chiudono del tutto e riaprono solo alle 16:00. Tutte le forme di vita notturna, tra cui bar, discoteche, karaoke e saloni di massaggio chiudono normalmente entro la mezzanotte, e (soprattutto nelle aree più devote) ce ne sono molti che decidono di rimanere chiusi del tutto. Chi viaggia per affari noterà che le cose si muovono ad un ritmo ancora più lento del solito e, soprattutto verso la fine del mese, molte persone si asterranno completamente dal lavoro. Se siete con indonesiani, per educazione non vi diranno nulla se mangiate o bevete di fronte a loro, ma è davvero opportuno almeno chiedere il permesso prima e preferibilmente evitarlo a meno che non si venga apertamente e chiaramente incoraggiati.

Il culmine alla fine del mese è rappresentato dai due giorni di Idul Fitri (indonesiano: Lebaran), quando praticamente l'intero Paese prende una settimana o due di festa per tornare a casa a visitare la famiglia in un rituale conosciuto localmente come Mudik, che significa proprio "andare a casa". Questo è uno dei pochi periodi dell'anno in cui Giacarta non ha ingorghi, a differenza dal resto del Paese, con tutti i mezzi di trasporto pieni fino all'orlo e con tempi di viaggio che possono essere facilmente più alti della norma. Tutti gli uffici governativi (tra cui le ambasciate) e molte aziende chiudono per una settimana o anche due, e se possibile, sarebbe opportuno evitare di andare in giro per l'Indonesia. La maggior parte dei negozi, se non tutti, chiude durante questa festa, e molti di quelli aperti scelgono di iniziare in ritardo a causa delle preghiere di Eid al-Fitr.

Sicurezza[modifica]

Monte Semeru, una popolare attrazione turistica in Giava Orientale, durante l'eruzione del 2004

L'Indonesia è stata e continua ad essere devastata da ogni piaga che l'uomo conosca: terremoti, tsunami, eruzioni vulcaniche, terrorismo, guerre civili, incidenti aerei, corruzione e crimine che fanno tristemente e regolarmente notizia. Tuttavia è importante mantenere il senso della misura e ricordare le vaste dimensioni dell'Indonesia: uno tsunami in Aceh non causerà la minima increspatura sulle spiagge di Bali, e gli scontri per le strade della travagliata Sulawesi Centrale saranno irrilevanti nelle giungle della Nuova Guinea Occidentale.

A differenza di molti altri Paesi del Sud-est asiatico, le truffe sono relativamente inesistenti, soprattutto nelle zone meno turistiche. Tuttavia è sempre bene muoversi con un po' di buon senso, in quanto le truffe nei luoghi con un grande afflusso di visitatori stranieri come Bali sono comuni.

Crimini[modifica]

Il tasso di criminalità è aumentato negli ultimi anni, ma per fortuna rimane in gran parte non violento e le pistole sono rare. Rapine, furti e borseggi sono comuni in Indonesia, in particolare in mercati, trasporti pubblici e sovrappassi pedonali. Evitare gioielli vistosi, orologi d'oro, lettori MP3 o grandi macchine fotografiche. I ladri sono noti per rubare computer portatili, palmari e cellulari nelle aree wifi.

La criminalità è dilagante nei trasporti pubblici locali e a lunga distanza come autobus, treni e navi. Non accettare bevande da sconosciuti, in quanto potrebbero essere drogate. Scegliere il taxi con cura in città (i taxi degli hotel sono solitamente i migliori), chiudere le porte quando si è all'interno ed evitare l'uso di telefoni cellulari, lettori MP3, palmari o portatili al semaforo o nel traffico.

Non posizionare oggetti di valore nel bagaglio imbarcato, in quanto potrebbero essere rubati dagli addetti ai bagagli. Non lasciare oggetti di valore in una camera vuota d'albergo, e utilizzare la cassetta di sicurezza dell'hotel, invece della cassaforte in camera. Non ritirare grandi quantità di denaro negli sportelli bancari o automatici. Custodire i vostri effetti personali con attenzione e prendere in considerazione l'uso di una clip per i contanti invece di un portafoglio.

Importante ricordare che in Indonesia esiste la pena di morte. Ci sono circa 35.000 detenuti e la repressione dei secessionisti è dura.

Corruzione[modifica]

L'Indonesia è nota per la corruzione. I funzionari possono chiedere uang suap (tangenti), mance o "doni" (i termini indonesiani sono uang kopi o uang rokok, letteralmente "soldi per il caffè" e "soldi per le sigarette") per integrare i loro magri stipendi; fingere di capire talvolta può funzionare. È accaduto che alcuni funzionari chiedessero mobili o qualunque cosa la vostra azienda venda. Anche i membri del dipartimento religioso hanno estorto denaro da sposi di nazionalità mista. In generale essere gentili, sorridenti, chiedendo una ricevuta ufficiale per tutti i «dazi» che vi viene chiesto di pagare, maggiore sarà la gentilezza e minore sarà il rischio di imbattersi in ulteriori problemi, quindi è sempre bene mantenere pazientemente la calma. Se ritenete di aver pagato più del dovuto, scrivete una gentile lettera di reclamo o una richiesta al supervisore della persona che pensate via abbia leso. Molti espatriati hanno ottenuto risultati positivi, tra cui scuse formali e il rimborso di denaro; inoltre alcuni uffici faranno il possibile per accelerare la pratica per evitare una possibile perdita di immagine. Se avete a che fare ad esempio con l'immigrazione o la polizia, è meglio essere a conoscenza di tutte le leggi che vi interessano e portarsi appresso una loro fotocopia. Non è raro che il personale addetto non sia a conoscenza delle leggi che li riguardano direttamente, e alcuni sono così sfacciati che vi sbatteranno il codice civile sul tavolo chiedendovi di mostrargli la legge a cui si fa riferimento.

La multa per piccoli reati (non avere con sé il passaporto, smarrimento della scheda di partenza, minori o presunte violazioni del traffico) è pari a 50.000 Rp. È comune per la polizia chiedere inizialmente folli somme o minacciare di andare al comando, ma mantenendosi tranquilli aiuterà a renderli più ragionevoli. Si tenga a mente che se l'autista del proprio taxi/bus/veicolo viene fermato, qualsiasi multa o tangente non è un vostro problema, quindi è meglio non farsi coinvolgere. Se è chiaro che la polizia si è comportata fuori dalle righe, l'autista non obietterà di certo se gli compensate l'importo indebitamente sottratto.

Dare una tangente può portare a una catena apparentemente senza fine di richieste, anche se era solo un dono di ringraziamento. Molti funzionari governativi si sentono in diritto di ricevere tale denaro, senza provare alcuna traccia di vergogna o senso di colpa. Possono anche essere scandalosamente sfacciati una volta entrati in questo meccanismo. Dite semplicemente di no.

Avere con sé i propri documenti di identità è importante. Tuttavia, se un funzionario in strada vi chiede il passaporto, si raccomanda di fornirgli una fotocopia. Alcuni funzionari hanno trattenuto i documenti in ostaggio per garantirsi di ottenere qualcosa in cambio.

Conflitti civili e terrorismo[modifica]

L'Indonesia ha un certo numero di province in cui movimenti separatisti hanno fatto ricorso alla lotta armata, in particolare Aceh e Nuova Guinea Occidentale. Ma nel 2005, dopo lo tsunami del 2004, Aceh ha accettato di essere una regione speciale indonesiana a patto di far valere la legge della Shari'a. Inoltre il conflitto settario tra sunniti e sciiti o ahmadiyya, nonché tra la popolazione indigena e trasmigranti da Giava/Madura, continua a verificarsi nelle Molucche, parti centrali di Sulawesi. Le elezioni in Indonesia spesso comportano dimostrazioni turbolente che a volte terminano in una spirale di violenza, ed è capitato che l'esercito indonesiano abbia impiegato misure violente per controllare o disperdere la folla di protestanti. Controllate sempre le ultime notizie e gli aggiornamenti, per sapere se un conflitto è in procinto di esplodere. Recentemente molte aree hanno tenuto le proprie elezioni generali nello stesso giorno, riducendo così i costi elettorali come anche le tensioni che ne possono scaturire.

Sebbene la maggior parte delle dimostrazioni e conflitti si verifichino a Giacarta, i capoluoghi di provincia e i luoghi ancora più piccoli non sono immuni. Nel caso in cui li vediate evitateli e recatevi in una parte diversa della città o rientrate nel vostro hotel. Bali, particolarmente attenta al turismo, è sempre più calma rispetto agli altri siti dell'Indonesia.

Mentre la grande maggioranza dei conflitti civili in Indonesia è un affare strettamente locale, gli attentati terroristici contro gli interessi occidentali hanno avuto luogo a Bali e Giacarta, in particolare l'attentato dinamitardo del 2002 a Kuta che ha ucciso 202 persone, tra cui 161 turisti così come l'ambasciata australiana e l'hotel JW Marriott che è stato colpito due volte. Gli attentati di luoghi non turistici accadono anche, ma di solito vengono utilizzati esplosivi a basso rendimento. Dopo l'attentato del 2002 con circa 1,2 tonnellate di esplosivo non ci sono più stati pesanti attentati e gli attentati individuali (a volte senza alcuna relazione con un certo gruppo) vengono eseguiti con meno di 5 kg di esplosivi e l'obiettivo non sono i turisti, ma la polizia o luoghi pubblici. Per ridurre al minimo il rischio, evitare qualsiasi discoteca orientata ai turisti o un ristorante privo di forti misure di sicurezza.

Tuttavia vi sono molte più probabilità di essere ucciso in un incidente stradale o a causa di una malattia tropicale che in qualche attacco terroristico a caso in Indonesia, così che sebbene si debba essere prudenti, non c'è bisogno di essere paranoici.

Farmaci[modifica]

I visitatori sono accolti con l'allegra insegna "Morte ai trafficanti di droga" negli aeroporti e casi recenti hanno visto lunghe reclusioni per il semplice possesso e nove trafficanti di eroina australiani (noti come il "Bali 9") sono stati nel braccio della morte in attesa di esecuzione a Bali. Altri stranieri hanno già subito l'esecuzione per traffico di droga. Tuttavia le droghe sono ancora ampiamente disponibili.

La più comune è la marijuana (nota anche come ganja, gele o cimeng), che non è solo venduta ai turisti, ma viene anche utilizzata come alimento in alcune parti del Paese, in particolare in Aceh. In alcune rinomate destinazioni, come Kuta Beach, vi potranno venire ripetutamente offerte delle droghe in vendita.

Le droghe pesanti sono comuni nella vita notturna, soprattutto a Giacarta e Bali , ma anche altrove. Ecstasy, cocaina e cristalli di metanfetamine sono ampiamente disponibili e trattati altrettanto duramente dalla legge e dalla polizia indonesiana.

I funghi magici sono pubblicizzati apertamente a Bali e Lombok e, anche se la posizione giuridica indonesiana su questi non è chiara, il loro acquisto o consumo è senza dubbio poco saggio.

È altamente consigliabile starne bene alla larga, in quanto trappole e retate sono comuni e sicuramente è meglio non essere coinvolti col sistema giudiziario indonesiano. Grazie all'unità anti-corruzione, non si può contare sul fatto di poter corrompere qualcuno per coprirvi la fuga e potrebbe solo inasprire la sentenza. Chi desidera sballarsi è bene che vada ad Amsterdam.

Catastrofi naturali[modifica]

L'Indonesia è un Paese ad alto rischio sismico ed ospita il maggior numero di vulcani attivi al mondo, infatti l'Indonesia è una catena di isole altamente vulcaniche cosparse lungo l'Anello di Fuoco, quindi i terremoti si verificano spesso quindi tsunami ed eruzioni vulcaniche sono fenomeni fin troppo comuni. Il 26 dicembre 2004, un terremoto di magnitudo 9.2 ha scosso la costa di Aceh, investendola con onde di tsunami fino a 30 metri di altezza attraverso l'Oceano Indiano. Centinaia di migliaia sono morti e molti altri sono stati sfollati. Il Monte Merapi a Yogyakarta sputa cenere quasi ogni anno o giù di lì. In alcuni anni, la cenere può arrivare fino alla città di Yogyakarta e cascate di caldo fumo mortale giù nei villaggi, come è avvenuto nel 2010. La maggior parte del Paese è, purtroppo, incline a questo tipo di disastri, ad eccezione della costa orientale di Sumatra, costa settentrionale di Giava, Kalimantan, Sulawesi meridionale e Papua meridionale.

Realisticamente c'è poco che si può fare per evitare questi rischi. È necessario prepararsi in ​​caso di terremoto. Ma i vulcani, a differenza terremoti, sono molto più prevedibili. I media locali e le autorità di solito danno un buon preavviso di quanto sia e sarà attivo un vulcano. Stare lontano delle zone intorno al vulcano e cambiare i piani di viaggio se la situazione dovesse prendere una brutta piega.

Qualora si fosse vicino ad un'attività vulcanica, prendere nota di ciò che i media dicono sulle zone più pericolose, controllare segnali di avvertimento e i percorsi di fuga antincendio negli alberghi. Siate sempre consapevoli delle zone con attività vulcanica ed evacuarle quando richiesto. Tuttavia, qualora si venisse sommersi da una nuvola di cenere vulcanica provocata da una lontana eruzione, coprite subito bocca e naso, poi cercate rifugio in un luogo chiuso con un tetto resistente.

In caso di terremoti, nascondersi sotto oggetti robusti se all'interno o correre fuori se vicino alla porta, e stare lontano da oggetti alti se all'aperto. Qualsiasi terremoto superiore a 6.5 di magnitudo che dura a lungo solitamente innesca un allarme tsunami (in genere ricordato da una sirena o altoparlante). Anche in assenza di avvertimento, se si sente un scuotimento persistente e violento, allontanarsi dalla costa e dirigersi immediatamente su un terreno più elevato.

L'Indonesia non è incline a sistemi tropicali organizzati, ma la pioggia può essere pesante con temporali e con venti (talvolta vorticosi), specialmente durante la stagione delle piogge quando succede abbastanza di frequente. Le frane si verificano in pendii di montagna o scogliere, e le inondazioni in pianura o in vecchi delta possono essere gravi. Sebbene ci siano raramente le previsioni meteo su qualunque media, è buona idea portarsi dietro un ombrello se si prevede pioggia o di essere vigili agli eventuali segni di tempesta in arrivo, come il buio e le nuvole gonfie e incombenti.

Durante la forte pioggia, quando vi è un accumulo di cenere vulcanica eruttata da poco, può trasformarsi in dingin lahar, dei liquami molto pericolosi con pietre e massi.

Fauna selvatica[modifica]

Coccodrilli e serpenti velenosi sono presenti in tutta l'Indonesia, anche se sono rari nella maggior parte delle aree. Cobra e serpenti d'alberi verdi sono in genere i più comuni. Poiché la maggior parte della gente del posto non conosce la differenza tra serpenti velenosi e innocui, i serpenti sono aggressivamente macellati in molti luoghi, e in alcuni posti li vendono come cibo, soprattutto carne di cobra e di pitone.

I draghi di Komodo possono essere molto pericolosi se molestati, ma si trovano solo sull'Isola di Komodo e un paio di isole vicine a Flores.

Scorpioni, scorpioni frusta, granchi, ragni e alcune altre creature, tra i quali stafilinidi possono essere trovati in tutto il Paese e, sebbene un loro incontro possa essere spiacevole, non sono generalmente fatali. Nonostante questo, cercate un aiuto professionale se si è morsi o se trovate una misteriosa eruzione cutanea.

I grandi predatori sono sempre più rari, con le tigri di Sumatra seriamente in pericolo insieme alla maggior parte degli altri grandi animali. Anche i piccoli felini della giungla sono difficili da trovare oggi. Gli uccelli, ad eccezione di alcuni tipi che hanno poco valore commerciale, sono assenti nelle aree un tempo ricche di varietà di specie.

Viaggiatori LGBT[modifica]

Gli atteggiamenti verso l'omosessualità variano notevolmente. Non ci sono leggi contro l'omosessualità in Indonesia, con la notevole eccezione di Aceh, dove è illegale solo per i musulmani. La cosmopolita Giacarta e Bali vantano discoteche gay, e bencong o banci (travestiti e transessuali) sembrano avere un posto speciale nella cultura indonesiana, anche tra ospiti e MCs dei programmi TV, così come i distretti speciali in cui questi tipi di Pekerja Seks Komersial {PSK} (prostitute o gigolò) offrono servizi, anche se illegalmente. Nelle zone fermamente islamiche come Aceh, tuttavia, gli omosessuali possono legalmente essere fustigati, anche se la legge si applica solo ai musulmani. Come regola generale, i visitatori gay dovrebbero peccare per eccesso di discrezionalità; mentre la violenza contro gli omosessuali è una rarità, è facile imbattersi in commenti cattivi e attenzioni indesiderate.

Indicazioni stradali[modifica]

Agli indonesiani piace cercare di essere utili con chi si è perso, anche quando non sanno davvero dove sia la vostra destinazione, ma attenzione a controllare le indicazioni ricevute con almeno un'altra persona. Questo problema si estende anche ai conducenti di trasporto privato, come ai taxi; potreste trovarvi in un'area casuale prima che il conducente ammetta che non sa dove andare.

Numeri di emergenza[modifica]

Ecco un elenco di numeri di emergenza in Indonesia (si prega di notare che mentre questi numeri sono accessibili gratuitamente da tutti i telefoni non mobili, potrebbero non essere accessibili dai telefoni cellulari. Nel dubbio chiamare il numero internazionale di emergenza 112):

  • Polizia: ☎ 110
  • Vigili del Fuoco: ☎ 113
  • Ambulanza: ☎ 118
  • Squadra di ricerca e soccorso: ☎ 115
  • Sede Croce Rossa (Giacarta): ☎ +62 21 3.843.582
  • Sede polizia indonesiana. Jl. Trunojoyo 3, sud di Giacarta. ☎ +62 21 7.218.144
  • Agenzia di ricerca e salvataggio (BASARNAS): Jl. Medan Merdeka Timur No.5, Giacarta. ☎ +62 21 348-32881, (☎ +62 21 348-32.908, ☎ +62 21 348-32.869, Fax:. +62 21 348-32.884, +62 21 348-32.885

Da notare, tuttavia, che operatori in lingua inglese non sono disponibili nemmeno nelle grandi città, in quanto gli operatori in genere parlano indonesiano come lingua principale. Inoltre, in genere non rispondono ai numeri, anche in caso di emergenza, e la loro affidabilità è al massimo rudimentale.

Ambasciate, alte commissioni e consolati[modifica]

Il Kementerian Luar Negeri (Kemenlu) o Ministero degli Affari Esteri mantiene un database completo per la ricerca delle istituzioni diplomatiche. Tutte le ambasciate si trovano a Giacarta (si veda il relativo articolo per l'elenco), ma alcuni paesi mantengono consolati generali e Consolati onorari altrove, per lo più a Surabaya, Bali e città portuali (per esempio quello della Malesia a Pekanbaru, quello delle Filippine a Manado e così via).

Situazione sanitaria[modifica]

Rompere il vento
La maggior parte dei indonesiani non ha ancora del tutto accettato la teoria dei germi della malattia: invece eventuali malattie simil-influenzali sono coperte sotto il concetto di masuk angin, letteralmente "entrare vento". Le misure preventive comprendono l'evitare bevande fredde e fare in modo che i finestrini dell'autobus siano strettamente chiusi nel corso di un viaggio di 48 ore (evidentemente il fumo kretek non causa masuk angin), mentre le cure accettate includono la pratica di kerokan (strusciare una moneta sopra la propria pelle oliata) o la pratica socialmente meno accettabile del kentut, in altre parole scoreggia!

La cattiva notizia è che ogni malattia conosciuta per l'uomo si trova da qualche parte in Indonesia, la buona notizia è che la maggior parte dei turisti probabilmente non andrà proprio lì. Per la malaria la profilassi non è necessaria per Giava o Bali, ma è saggio farla, se si ha intenzione di viaggiare per lunghi periodi in aree remote di Sumatra, Borneo, Lombok o zone orientali. La dengue può essere contratta ovunque e l'utilizzo di repellenti per insetti (DEET) e zanzariere è altamente consigliabile. Si noti che il consiglio comune di accendere l'aria condizionata al massimo per scoraggiare le zanzare non funziona, semplicemente voleranno sotto le coperte, godendo del calore del corpo durante l'aspirazione di un cocktail sanguinante; una ventola a velocità medio-alta è molto più efficace. Ma tutti gli sforzi non sono garanzia di essere al sicuro. Un vaccino è in fase di test sul popolo delle Mille isole, il modo migliore per superare la malattia prima e durante l'infezione è quello di bere sempre molta acqua a causa di uno dei suoi effetti collaterali, la disidratazione interna (con fuoriuscita di plasma sanguigno). A volte qualcuno non si è nemmeno reso conto dell'infezione, perché il virus ha una vita massima di 5 giorni, anche senza alcun trattamento. Ma se ci si accorge di essere infetti, consultare un medico è sicuramente la cosa migliore.

Anche l'epatite B è comune, soprattutto a Lombok e nelle Piccole Isole della Sonda, quindi è opportuno vaccinarsi prima di arrivare in Indonesia, ma l'epatite B non può essere trasmessa dagli alimenti. L'igiene alimentare è spesso discutibile e vaccinarsi anche per l'epatite A e la febbre tifoide, è una saggia precauzione. Entrambi i tipi di vaccini per l'epatite devono essere somministrati 6 mesi prima della partenza. Consultare un medico se quello che sembra diarrea del viaggiatore non sparisce entro pochi giorni, o se è accompagnata da una febbre.

La qualità dell'aria nelle grandi città, in particolare Giacarta e Surabaya, è scarsa, e la foschia di stagione (giugno-ottobre) da incendi boschivi nel Borneo e nel nord di Sumatra può anche causare problemi respiratori. Se si soffre di asma, portate la vostra medicina e il nebulizzatore/inalatore.

La poliomielite è stata sradicata dall'Indonesia. L'influenza aviaria ha fatto notizia, ma i focolai sono sporadici e limitati alle persone che si occupano di pollame vivo o morto nelle zone rurali. Mangiare pollo cotto sembra essere sicuro.

Il sistema sanitario indonesiano locale è, in molti casi, non all'altezza degli standard occidentali. Mentre un soggiorno di breve durata in un ospedale o centro medico indonesiano per semplici problemi di salute magari non è marcatamente diverso dall'analoga struttura occidentale, gravi e critiche emergenze mediche estremizzeranno queste discrepanze. Tuttavia alcuni ospedali nelle grandi città hanno ottenuto un riconoscimento internazionale. In realtà molti ricchi indonesiani spesso scelgono di recarsi nella vicina Singapore per ricevere un'assistenza sanitaria specialistica. SOS-AEA Indonesia (linea di emergenza 24 ore ☎ +62 21 7.506.001) è specializzata nel trattamento di espatriati e dispone di personale inglese di turno, ma le spese sono conseguentemente alte. In ogni caso le assicurazioni sanitarie di viaggio che comprendono il rimpatrio sono altamente raccomandate. Prima di andare in ospedale per i casi non di emergenza si consiglia di chiedere quali siano gli ospedali buoni e quali no.

Se avete bisogno di un farmaco specifico, portare il farmaco con la sua confezione/bottiglia, se possibile con la prescrizione del medico. Ispettori personalizzati indonesiani possono fare domande sul medicinale. Se avete bisogno di medicine supplementari in Indonesia, portare il contenitore in un apotek (farmacia) e, se possibile, parlare dei principi attivi della medicina. I farmaci sono di solito realizzati localmente con marchi diversi, ma contengono gli stessi ingredienti, gli ingredienti sono sempre indicati vicino al marchio ma in caratteri più piccoli. Fate attenzione al corretto dosaggio del farmaco e sappiate che le piccole toko obat (non apotek) consapevolmente vendono medicine "riciclate" (scadute) a prezzi bassi.

Per disagi di routine dei viaggiatori spesso si possono trovare dei dokter (medici) nelle città. Queste piccole cliniche sono di solito a ingresso libero, anche se si può subire una lunga attesa. La maggior parte delle cliniche è aperta nel pomeriggio (dalle 16:00). Il pronto soccorso (UGD/IGD) negli ospedali è sempre aperto (24 ore). Ci sono poliklinik (cliniche) nella maggior parte degli ospedali (con orario 08:00-16:00). Pagamenti in anticipo, incrementali o con carta di credito, sono comuni per il trattamento in alcuni ospedali.

Sappiate che i medici/infermieri potrebbero non parlare inglese abbastanza bene per descrivere una diagnosi appropriata o possono essere riluttanti a fornirne una, quindi siate pazienti e portate con voi un buon frasario o un traduttore. Chiedere il nome e il dosaggio del farmaco prescritto, in quanto alcuni medici possono sovradosare per gonfiare la propria commissione; gli antibiotici sono prescritti spesso a sproposito e le vitamine sono spesso fornite liberamente.

HIV[modifica]

L'Indonesia ha un alto tasso di HIV: 0,5% della popolazione nel 2014. Tuttavia le infezioni sono trasmesse per la maggior parte tra drograti che condividono la stessa siringa e tra le prostitute. Proteggere sempre se stessi prima di impegnarsi in attività rischiose.

Rispettare le usanze[modifica]

Nomi e formalità
Gli indonesiani seguono la convenzione occidentale per la denominazione, ma alcune persone non denotano i propri cognomi. I nomi cinesi di solito seguono le convenzioni di denominazione orientali. Si noti che le carte d'identità indonesiane non differiscono tra nome e cognome, quindi riferirsi a qualcuno può essere problematico!

Forme educate per chiamare persone che non si conoscono sono Bapak (letteralmente: "padre") per gli uomini e Ibu (letteralmente: "madre") per le donne. Se si conosce il nome della persona con cui si sta parlando, è possibile chiamarle con rispetto come (Ba)pak or (i)bu seguito dal loro nome (in genere il loro nome proprio), per uomini e donne, rispettivamente. I termini giavanesi mas ( "fratello maggiore") e mbak ( "sorella maggiore"), sono anche comuni, ma è meglio riservarli con persone alla pari, e non per i superiori o quelli che sono ovviamente più grandi. voi potreste essere chiamati Tuan (Signore), Nona (Signorina) or Nyonya (Signora), in quanto di solito sono utilizzati all'occidentale.

Chiamare qualcuno semplicemente col suo nome è sufficiente solo se si conosce già la persona personalmente. Quando si fa riferimento ad altre persone, è meglio parlare di loro in base al nome piuttosto che con un vago "dia" ( "lui/lei"), in quanto mostra apertura e riconoscimento, e non viene confuso con un parlare alle spalle di qualcuno.

In generale, fatta eccezione per i venditori ambulanti e i bagarini, gli indonesiani sono persone educate (anche se non esattamente nel modo in cui siete abituati) e l'adozione di alcune convenzioni locali andrà alla lunga ad alleviare il proprio soggiorno.

  • Un consiglio generale per arrangiarsi in Indonesia è che salvare la faccia è estremamente importante nella cultura indonesiana. Se si dovesse entrare in una disputa con qualcuno, evitate il tentativo di "vincere" o accusare una persona dell'altrui colpa. I risultati migliori si hanno rimanendo educati ed umili in ogni momento, mai alzare la voce, e sorridendo, chiedendo alla persona di cercare una soluzione al problema. Raramente, se non mai, è opportuno cercare di dare la colpa, o accusare. Tuttavia, se qualcuno è chiaramente corrotto o ostruttivo, una lettera o una chiamata, o un incontro con un superiore può risolvere il problema. Quanto in alto si può andare è una cosa meramente variabile.
  • Meglio essere diplomatici. Non criticare le 6 religioni approvate dallo Stato o fare dichiarazioni che potrebbero essere interpretate come un tentativo di influenzare la politica. Allo stesso modo, le dichiarazioni diffamatorie (anche se veritiere) circa gli affari locali dovrebbero essere evitate. È noto che andare in tribunale non ha nulla a che fare con la legge e specialmente quando i giudici sono coinvolti con le tangenti. In altre parole, non ci si deve mai comportare in modo conflittuale con i locali, sarete solo considerati maleducati e non sarete più né rispettati né degni di attenzione.
  • Sorridi e annuisci o saluta le persone, quando si cammina in giro; chi non lo fa, apparirà sotto una luce dubbia e sarà considerato maleducato o snob. Tuttavia prendere alcuni fattori in considerazione come i sorrisi sono spesso utilizzati per coprire imbarazzo, tristezza, rabbia, confusione e altre emozioni in circostanze normali.
  • Quando si incontra qualcuno, per la prima volta o solo per la prima volta in quel giorno, è comune stringere la mano, ma in Indonesia non si usano delle vigorose strette di mano, piuttosto, solo un lieve tocco dei palmi, spesso seguito dal portare la mano al petto. Gli incontri spesso iniziano e finiscono con tutti che stringono la mano a tutti. Tuttavia non cercare di stringere la mano a una donna musulmana a meno che lei non vi offra la propria mano per prima. È rispettoso inchinarsi un po' (non un arco completo) quando si saluta qualcuno di età superiore o che riveste una posizione di autorità.
  • Mai usare la mano sinistra! È considerato molto maleducato, in quanto i musulmani usano la mano sinistra a lavarsi le parti intime dopo aver usato la toilette. Questo è particolarmente vero quando si stringe la mano o si consegna qualcosa a qualcuno. Può essere difficile abituarsi, soprattutto se siete mancini. Tuttavia a volte i saluti speciali sono dati con entrambe le mani. Se si è costretti a consegnare qualcosa a qualcuno con la mano sinistra, si dovrebbe chiedere scusa: "Maaf, tangan kiri" (Mi scusi per l'uso della mia mano sinistra).
  • Evitare di toccare la testa di qualcuno, in quanto alcune culture locali considerano la testa come una parte sacra del proprio corpo. Non puntare a qualcuno con il dito; usare invece il pollice destro o una mano completamente aperta. Non stare in piedi o seduti con le braccia incrociate o sui fianchi in quanto questo è letto come un segno di rabbia o di ostilità.
  • Rimuovere i calzari prima di entrare in una casa, a meno che il proprietario non acconsenta esplicitamente di tenerli addosso. Anche allora, potrebbe essere più gentile rimuoverli. Da seduti evitare di mettere i piedi in modo tale da mostrare la pianta a qualcuno, è considerato maleducato. Non camminare davanti alla gente, piuttosto passategli dietro. Quando gli altri sono seduti, mentre si cammina intorno a loro, si è soliti inchinarsi leggermente tendendo una mano; evitare di stare rigidamente in piedi.
  • E se tutto questo sembra terribilmente complesso, non vi preoccupare, gli indonesiani sono un gruppo tollerante e non si aspettano che gli stranieri conoscano e capiscano la complessità del galateo locale. Se avete dubbi circa la reazione di una persona o su un gesto particolare che non avete capito, apprezzeranno se glielo si chiede direttamente (magari in seguito e in modo amichevole ed umile), piuttosto che ignorarlo. In generale tale domanda è più di una scusa; è un segno di fiducia.
  • Non date per scontato che tutti abbiano la stessa vostra opinione per quanto riguarda il regime Suharto. Mentre un sacco di persone criticano questo periodo per la corruzione, la dittatura e il razzismo, in particolare verso gli indonesiani cinesi, molti ancora lodano questo periodo per la crescita economica, la stabilità, e i prezzi a buon mercato dei beni di consumo. È meglio valutare il parere di chi parla prima di avvicinarsi al tema.
  • Non stupitevi se alcune persone del luogo interagiscono con gli stranieri, in particolare quelli di origine europea, in un modo che può essere preso come "rude ed esagerato". Essi possono fare riferimento a voi come un "bule" (letteralmente: albino) e faranno cose come fissarvi, scattarsi foto con voi, salutarvi con una risata, e poi faranno domande in una certa misura. Si potrebbe anche vedere una qualche forma di stupore o di divertimento nel fare certe cose che al contrario voi non fate. Questo non vuole essere un insulto, ma una forma di curiosità.
  • Alcuni templi e case buddisti e indù possono avere una svastica collocato da qualche parte. Sono simboli religiosi, non una forma di antisemitismo o di propaganda nazista.

Abbigliamento[modifica]

In linea di massima, l'Indonesia è un Paese conservatore e un abbigliamento modesto è consigliabile. Nella maggior parte delle spiagge di Bali e Lombok i locali sono abituati agli stranieri che girano in bikini (mai in topless o nudi), ma altrove si consiglia alle donne di tenere gambe e scollature coperte e in linea alla gente del posto durante il bagno. Non è necessario coprire i capelli, anche se ciò può essere apprezzato in Aceh. Indossare pantaloncini o minigonne è improbabile che possa causare un'offesa vera e propria, ma vestiti simili sono a volte associati alla prostituzione. Anche gli uomini possono ottenere rispetto indossando colletti, camicie a maniche lunghe e pantaloni se si occupano di burocrazia; la cravatta non è normalmente indossata in Indonesia.

Fumo[modifica]

Molti indonesiani fumano come ciminiere ed i concetti di "no smoking" e "fumo passivo" devono ancora fare molta strada nella maggior parte del Paese; tuttavia, alcuni canali televisivi stanno vietando le sigarette nei programmi televisivi e film che un tempo le mostravano. Le sigarette in stile occidentale sono conosciute come rokok putih ("fumi bianchi"), ma la sigaretta più diffusa è l'onnipresente kretek, una sigaretta diventata una sorta di simbolo nazionale e il cui profumo probabilmente sarà la prima in cui vi imbatterete appena fuori dall'aeroporto. Le marche popolari di kretek includono Djarum, Gudang Garam, Bentoel e Sampoerna (prodotte da Dji Sam Soe, 234). Un pacchetto di decente kretek vi costerà sull'ordine del 17.000 Rp. Alcune marche non hanno filtri perché tradizionalmente le sigaretta kretek erano senza filtro e il sapore di quelle col filtro è diverso. Indonesia l'età legale per fumare è 18 anni, anche se la maggior parte dei negozi, in particolare esercizi non di convenienza, non verificare eventuali documenti di identità. Per legge, tutti i pacchetti di sigarette recano un'etichetta con le immagini che contengono l'effetto del fumo.

Le kretek hanno livelli più bassi in nicotina, ma superiori di catrame, rispetto alle sigarette normali; un Dji Sam Soe non filtrato ha 39 mg di catrame e 2,3 mg di nicotina. La maggior parte degli studi indicano che gli effetti complessivi sulla salute sono più o meno gli stessi delle sigarette tradizionali in stile occidentale.

Recentemente un divieto di fumare è stato istituito per i luoghi pubblici a Giacarta. Chiunque viola questo divieto può essere multato fino a 5.000 dollari. Se si vuole fumare, controllare con la gente del posto, chiedendo: "Boleh merokok di Sini?" (Si può fumare qui?).

Tutti i grandi ristoranti al di fuori dei centri commerciali nelle grandi città sono di solito dotati di aree per fumatori e non fumatori in stanze diverse (a volte l'area fumatori è nella terrazza del ristorante). Con l'aumento della tasse sulle sigarette, fino al 20% l'anno, le vendite di sigarette sono diminuite fino al 10% l'anno.

Come restare in contatto[modifica]

Restare in contatto dall'Indonesia con il mondo esterno è raramente un problema, almeno se non ci si allontana troppo dalle zone turistiche.

Poste[modifica]

Il servizio postale è fornito dalla statale Pos Indonesia, che effettua consegne anche alle zone più remote. Anche JNE e Tiki sono abbastanza affidabili per inviare pacchetti ovunque in Indonesia per meno di 15 USD in un massimo di 10 giorni lavorativi, a seconda della provenienza e la destinazione. FedEx, DHL e UPS inviano pacchetti a livello internazionale, e FedEx così come la sua affiliata locale RPX hanno uffici sparsi per la consegna dei pacchi.

Telefonia[modifica]

Sebbene la linea fissa rimanga un lusso insostenibile per molti indonesiani, i wartel (abbreviazione di warung telekomunikasi) possono essere trovati sulla maggior parte delle strade in Indonesia. Tuttavia stanno gradualmente scomparendo perché molti indonesiani possono ora permettersi i telefoni cellulari.

I numeri di telefono in Indonesia sono nella forma +62 12 345 6789 dove "62" è il codice del Paese per l'Indonesia, seguito dal prefisso della città senza il prefisso 0, e il numero di telefono. Se si omette il prefisso +62, è necessario digitare il prefisso urbano comprensivo di "0" per le chiamate verso località con un altro prefisso. I numeri di cellulare in Indonesia devono sempre essere composti con tutte le cifre, non importa da dove si sta chiamando. Anche in questo caso, omettere il prefisso "0" se chiamate da un telefono nazionale (i.e. con prefisso +62).

Brevemente:

  • Effettuare chiamate locali: comporre (numero di telefono).
  • Effettuare chiamate a lunga distanza: comporre 0-(prefisso)-(numero di telefono).
  • Effettuare chiamate internazionali: comporre 017-(codice del paese)-(prefisso, se presente)-(numero di telefono). È possibile utilizzare i prefissi "001", "007" o "008".
  • Effettuare chiamate internazionali tramite operatore: comporre 101 o 102.
  • Effettuare chiamate a lunga distanza: comporre 0871-(prefisso).
  • Connessione a Internet: comporre 080989999 (dal modem), al costo di 150 Rp/minuto.
  • Numero di accesso Carta telefonica Telkom: comporre 168.

Altri numeri utili sono:

  • Ora attuale: ☎ 999.
  • Informazioni sui servizi Telkom: ☎ 162.
  • Elenco telefonico urbano: ☎ 108.
  • Elenco telefonico in altre città: ☎ (prefisso)-108.
  • Elenco telefonico Pagine Gialle Hello: ☎ +62 21 7917 8108.
  • Pagine Gialle online: YellowPages e Kota.
  • Prefissi urbani: Balikpapan (0542), Banda Aceh (0651), Bandung (022), Batam (0778), Betung (022), Bintan (0770), Bogor (025), Cirebon (023), Demak (029), Denpasar (0361) , Giacarta (021), Jember (033), Jogyakarta (0274), Kupang (0380), Makassar (0411), Malang (034), Manado (0431), Mataram (0370), Medan (061), Palembang (0711) , Pekanbaru (0761), Semarang (024), Solo (0271), Surabaya (031).

Cellulari[modifica]

Il mercato della telefonia mobile indonesiano è fortemente competitivo e i prezzi sono bassi: si può prendere una carta SIM prepagata per meno di 10.000 Rp e le chiamate costano non più di 300 Rp al minuto verso alcuni Paesi che utilizzano determinate compagnie (salvo la consueta serie di restrizioni). Anche gli SMS (messaggi di testo) sono molto economici, con SMS locali a partire da 129/165 Rp, e SMS internazionali da 400/600 Rp. L'Indonesia è anche il più grande mercato del mondo per l'uso di telefoni cellulari, con modelli base che partono da 150.000 Rp, con quelli di seconda mano ancora più convenienti.

Il Paese ha più fornitori di servizi, ordinandoli per copertura sono: Telkomsel, Indosat, XL Axiata e 3. Ognuno ha sotto-marchi che sono o un servizio post-pagato o prepagato. A Giava e Bali, funzionare tutte bene indistintamente.

Se si dispone di un telefono GSM (Global System Mobile), informarsi presso il proprio operatore locale circa il vostro "accordo di roaming" in modo da poter utilizzare il proprio telefono cellulare e scheda SIM in Indonesia. La maggior parte degli operatori GSM in Indonesia hanno accordi di roaming con operatori GSM in tutto il mondo. Ma naturalmente questo significa che si pagherà molto di più rispetto all'utilizzo di una SIM locale. Alcuni vettori richiedono un deposito sostanziale (centinaia di dollari) per utilizzare alcune delle loro SIM all'estero.

La maggior parte degli operatori indonesiani utilizza il sistema GSM. Diversi operatori forniscono servizi su reti CDMA nazionali: sono un po' meno, ma alcuni fornitori hanno scarsa copertura al di fuori delle principali aree urbane. Controllate bene quali reti supporta un portatile prima dell'acquisto, stessa cosa per i dongle (Modem USB).

Le tariffe VOIP (Voice Over Internet Protocol) sono disponibili presso i fornitori di cellulari, ogni vettore ha un prefisso diverso per accedere a questi servizi. Quei prefissi forniscono tariffe molto più vantaggiose rispetto a quelle internazionali, ma non sono utilizzabili per gli SMS.

Internet[modifica]

La versione moderna del Wartel è il Warnet. Molti si sono evoluti in internet cafè, con PC connessi a Internet, alcuni con connettività wireless, ma oggi alcuni di essi sono stati chiusi, dato che oggigiorno molti indonesiani hanno almeno un telefono cellulare per navigare in modo più conveniente. I prezzi variano notevolmente, e come al solito si tende a ottenere un livello di servizio paragonato a ciò che si paga, ma solitamente è intorno a 3.000/5.000 Rp/h con accesso più veloce che dal proprio telefono cellulare. Nelle grandi città ci sono punti WiFi gratuiti in molti centri commerciali, ristoranti McDonald, caffè Starbucks, negozi 7 Eleven, in alcuni ristoranti, bar e in molti parchi o aree di pubblica utilità. Alcuni hotel offrono connessione wifi gratuita nella hall e/o nei loro ristoranti e anche nelle camere, ma a volte quest'ultima è a pagamento.

Se si dispone di cellulari GSM/WCDMA, ci si può facilmente connettere ad internet con la maggior parte delle carte prepagate con i principali operatori. Pacchetti base e un numero illimitato di pacchetti mensili/giornalieri/settimanali sono entrambi disponibili (questi ultimi stanno diventando sempre più popolari), e le offerte e combinazioni disponibili cambiano costantemente. Il modo migliore per conoscere le offerte attuali è quello di visitare i siti web degli operatori (in genere solo in indonesiano), o di chiedere ai rivenditori di schede SIM. Il 3G è quasi disponibile nelle principali città e destinazioni turistiche, ma a causa del numero di utenti sono già oltre la capacità della larghezza di banda, quindi a volte riceviamo segnali 3G, 2.75G, 2.5G e 2G nella stessa posizione, mentre la rete 4G LTE è presente ed è generalmente disponibile in quasi tutte le grandi città in Indonesia, ma solo nei quartieri d'affari. Nonostante le dubbie affermazioni di vari negozi aeroportuali, non è necessario acquistare una confezione con modem per utilizzare questi pacchetti col telefono. Inoltre il prezzo del pacchetto in aeroporto è spesso notevolmente gonfiato, quindi è buona norma acquistarlo in un secondo momento una volta giunti in città, o visitando l'ufficio locale (ufficiale) dell'operatore scelto, o da uno dei tanti rivenditori, solitamente senza coda e con prezzi inferiori rispetto ai punti ufficiali.

Purtroppo, in molte aree remote ci si può trovare fuori copertura, e anche quando c'è, è presente solo la penosamente lenta GPRS/EDGE (non 3G). Per i visitatori/residenti a lungo termine delle grandi città, CDMA può essere la scelta migliore, perché la tecnologia CDMA usa due canali separati per voce e dati, così che evita la caduta di una chiamata/connessione, ma al giorno d'oggi solo SmartFren è disponibile, perché gli altri operatori CDMA hanno migrato verso il GSM o hanno CDMA che fornisce più internet come Esia. La maggior parte della rete di SmartFren è EVDO Rev-A con 3.1Mbps di velocità massima, mentre l'EVDO Rev-B che arriva fino a 14.7Mbps è previsto solo nei quartieri d'affari. EVDO Rev-A è sufficiente per Whatsapp, Facebook e normale navigazione, ma non si riesce a vedere film in streaming. Il pacchetto modem è 169.000 Rp con vari tipi di abbonamento, 50.000 Rp/mese sono sufficienti, con solo 1,75 GB di dati. Per coloro che visitano aree remote (al di fuori di Giava, Bali e le principali città o zone turistiche in qualsiasi altro luogo), che desiderano stare on-line, l'operatore GSM Telkomsel sembra essere il migliore, anche se non così a buon mercato, sia per le chiamate che internet, con una spesa di 60.000 Rp/2GB di quota internet. Quasi ovunque nelle grandi città Telkomsel può servire 3.75G ad una velocità fino a 21,6 Mbps e in grado di far vedere film con 14.35 Mbps. Non c'è bisogno del costoso 4G LTE. Il più economico è della Three 25.000 Rp/GB, ma difficilmente si potrà vedere film a causa del segnale che in genere è solo 2G e 3G. Il nuovo smartphone economico con doppio slot SIM si trova a meno di 500.000 Rp con connessione fino a 3.75G.

Tenersi informati[modifica]

Uffici del turismo[modifica]

  • Ministero del Turismo e della CulturaJl. Medan Merdeka Barat No.17, 9th floor (Giacarta), +62 21 383 8303.
  • Indonesia Tourism Promotion Board (BPPI), Wisma Nugraha Santana 9th floor Jl. Jend. Sudirman Kav. 8 (Giacarta), +62 21 570 4879, fax: +62 21 570 4855.

Media[modifica]

Pubblicazioni in inglese in Indonesia si sono diffuse di recente, anche se molto lentamente. Il The Jakarta Post è il più grande giornale inglese che circola in Indonesia; si può averne una copia in alcune delle più grandi città dell'Indonesia. Il Jakarta Globe è in un formato tabloid e di solito ha un contenuto più ricco. Entrambi i giornali forniscono buoni contenuti on-line.

Tempo Media mantiene una presenza online in inglese, anche se pubblica un proprio settimanale sempre inglese.

La rete televisiva di Stato, TVRI, dispone di un proprio servizio di notizie giornaliero in inglese alle 18:00 WIB (Ora indonesiana occidentale che corrisponde a UTC+7). Il canale di notizie pioniere in Indonesia, MetroTV, ha anche un programma di notizie in inglese alle 01.00 WIB da martedì a sabato. Berita Satu World è un canale di notizie in inglese che può essere guardato dalle TV via cavo.

Altri progetti

Asia
AsiaContour coloured.svg Afghanistan · Arabia Saudita · Armenia · Azerbaigian · Bahrain · Bangladesh · Bhutan · Birmania · Brunei · Cambogia · Cina · Corea del Nord · Corea del Sud · Emirati Arabi Uniti · Filippine · Georgia · Giappone · Giordania · India · Indonesia · Iran · Iraq · Israele · Kazakistan · Kirghizistan · Kuwait · Laos · Libano · Maldive · Malesia · Mongolia · Nepal · Oman · Pakistan · Qatar · Russia · Singapore · Siria · Sri Lanka · Stato di Palestina · Tagikistan · Taiwan · Thailandia · Timor Est · Turchia · Turkmenistan · Uzbekistan · Vietnam · Yemen