Scarica il file GPX di questo articolo

Bangkok

Da Wikivoyage.
Bangkok
Grattacieli di Bangkok
Stemma e Bandiera
Bangkok - Stemma
Bangkok - Bandiera
Stato
Abitanti
Prefisso tel
Posizione
Mappa della Thailandia
Bangkok
Bangkok
Sito del turismo
Sito istituzionale

Bangkok è la capitale della Thailandia.

Da sapere[modifica]

Appena 14 gradi più a nord dell'equatore, Bangkok è una metropoli dal clima tipicamente tropicale ed anche una delle città asiatiche di più facile accesso per i turisti occidentali. Le prime cose che impressionano il visitatore sono il caldo ed il traffico, sia veicolare che pedonale. Il caldo è accompagnato da un inquinamento elevato ed è anche avvertibile da subito l'enorme divario tra classi agiate e povere nonostante il sorriso che aleggia indistintamente sulla bocca dei Tailandesi. Bangkok è una città sorprendentemente sicura, nonostante le notizie allarmanti della stampa estera ed anche meno disorganizzata di quanto possa sembrare al primo impatto. La città è anche uno scrigno di gemme nascoste che aspetta di essere scoperto.

  • Khao Sarn Road è la strada degli Hippies e dei giovani. Si possono trovare biglietti di concerti e alberghi a prezzi ridotti (5 o 6 dollari a notte, scarafaggi spesso inclusi). La via è piena di Agenzie di viaggi che organizzano escursioni al mercato galleggiante (floating market o Dumnoen Saduak), ayuttaya ecc.

L'alto tasso di umidità, accompagnato da temperature elevate, favorisce la crescita di piante tropicali ed è possibile trovare orchidee esotiche e frutti deliziosi dovunque.

La cucina Thai è particolare, giustamente famosa, varia ed abbordabile. Bangkok è una delle prime destinazioni turistiche in Asia. Monaci che indossano il saffron, abbaglianti insegne al neon, la graziosa architettura thai, piatti piccanti, mercati colorati, ingorghi ed il clima tropicale sono elementi positivi e negativi che si mescolano con una certa armonia ed è difficile andarsene delusi da questa città.

Cenni storici[modifica]

Bangkok (originariamente Bang Makok) era un piccolo villaggio ai bordi del fiume Chao Phraya, fino a che una nuova capitale fu fondata sulla costa occidentale (ad oggi Thonburi) dopo il crollo del Ayutthaya. Nel 1782, Re Rama I costruì un palazzo sulla riva orientale (ora Rattanakosin) e cambiò il nome della città in Krung Thep, com'è conosciuta adesso ai tailandesi—la Città degli Angeli (e molto altro: il nome intero appare come quello più lungo per un luogo nel libro dei Guinness; più o meno la pronuncia assomiglia a: "Krung thep mahanakhon amorn ratanakosin mahintharayutthaya mahadilok pop noparatratchathani burirom udomratchanivetmahasathan amornpiman avatarnsathit sakkathattiyavisnukarmprasit" -- "La città degli angeli , la grande città, la residenza del Budda di Smeraldo, l'innoppugnabile città (di Ayutthaya) del dio Indra, la grande capitale del mondo dotata di nove gemme, la città felice, con un enorme Palazzo Reale che assomiglia al paradiso terrestre dove regna il dio incarnato, una città data da Idra e costruita da Vishnukarn"). Il villaggio originale ha cessato di esistere molto tempo fa.

Come orientarsi[modifica]

Bangkok è una città che ha conosciuto una notevole espansione. La divisione ufficiale della città comprende 50 distretti (เขต khet) che sono poi divisi in 154 sottodistretti (แขวง khwaeng), utilizzati soprattutto per fini commerciali e per gli indirizzi ma a fini turistici una suddivisione esemplificata come quella riportata di seguito risulta notevolmente più vantaggiosa:

Mappa divisa per regioni
Centro di Bangkok
      Siam Square — La zona intorno a Piazza Siam, tra Ratchaprasong e Phloen Chit Road, è il nucleo commerciale moderno di Bangkok, piena di centri commerciali e alberghi sfarzosi. L'intersezione Skytrain a Siam Square è la cosa più vicina a Bangkok, dispone di un centro.
      Pratunam — Pratunam è un grande mercato di abbigliamento, con centinaia di negozi di moda che vendono sia al dettaglio che all'ingrosso. Comprende anche Baiyoke Tower II e Victory Monument.
      Rattanakosin — Tra le rive del fiume e il viale Sukhumvit giace la vecchia Bangkok con un'alta densità abitativa. I principali templi buddisti sono situati in Rattanakosin. Yaowarat è il nome con cui si indica la Chinatown di Bangkok. Khao San Road e il quartiere Chao Phraya River sono situati in questa zona del lungofiume. La zona settentrionale del distretto comprendente il quartiere di Banglamphu è considerata la mecca dei viaggiatori con il sacco a pelo tanti sono gli alberghetti economici che vi si concentrano.
      Khao San Road — Nella parte settentrionale di Rattanakosin, la mecca dei backpacker di Bangkok Khao San Road e il quartiere circostante di Banglamphu; ha tutto ciò di cui un viaggiatore dal budget limitato potrebbe essere in cerca.
      Yaowarat and Phahurat — Lungo Yaowarat road troverete la Chinatown di Bangkok, mentre a Phahurat road dimora la consistente comunità indiana della città. Questo quartiere multiculturale è pieno di templi, santuari, ristoranti di pesce e mercatini.


Mappa divisa per regioni
Periferia di Bangkok
      Silom — A sud di viale Sukhumvit, troviamo i viali Silom e Sathorn che attraversano il distretto finanziario di Bangkok. Un distretto "serio" di giorno ma di notte cambia completamente volto trasformandosi in una zona di divertimenti sfrenati. La maggior parte dei locali notturni è concentrata nel "famigerato" quartiere di Patpong
      Dusit — Questo verde zona in stile europeo è il centro politico della Thailandia, sede di numerose istituzioni politiche e della monarchia. I suoi palazzi vivaci, giardini lussureggianti e ampi viali danno a questo quartiere un suo carattere distinto.
      Thonburi — Un quartiere tranquillo sulla sponda del fiume Chao Phraya attraversato da molti canali e con qualche attrazione meno nota.
      Sukhumvit — Intorno a questa arteria che cambia nome più volte (Ploenchit e Rama I) si estende il distretto commerciale pieno di alberghi e lussuosi negozi. All'incrocio con la via Skytrain si trova l'affollata piazza Siam, fulcro dello shopping elegante.
      Phahonyothin — Questo distretto attraversato dai viali Phahonyothin e Viphavadi Rangsit accoglie il mercato domenicale di Chatuchak. L'areoporto Don Muang è in questa zona.
      Ratchadaphisek — Questo distretto a nord del centro è situato lungo la strada Ratchadaphisek Road un tratto della quale prende il nome di Asoke. Il viale incrocia le vie Phetchaburi e Lat Phrao. La zona di Ratchadaphisek è in pieno sviluppo da quando è stata raggiunta dalla nuova linea della metropolitana.
      Ramkhamhaeng — Lungo Ramkhamhaeng road si trova una vasta area residenziale con grandi centri commerciali e parchi di divertimento (come il Safari World). Ogni quartiere ha il suo carattere distinto, ma Hua Mak e Bang Kapi spiccano come per la loro vivacità, con molti studenti universitari.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Bangkok è dotata di due aeroporti. Considerate che occorre al minimo un ora per il trasferimento da/per il centro ad uno dei due aeroporti.

Aeroporto Suvarnabhumi[modifica]

Tasse di imbarco/sbarco
Gli aeroporti di Bangkok applicano sui voli internazionali una tassa di imbarco (detta "Passenger Service Charge" ) che ammonta a 700 baht. Questa tassa può essere pagata in contanti dopo il check-in. Può darsi però che sia già inclusa nel prezzo del biglietto. Fareste dunque bene ad informarvi al momento dell'emissione del biglietto onde evitare di pagarla due volte. Non fidatevi degli agenti di viaggio perché potrebbero dirvi bugie. Insistete e controllate bene il vostro biglietto aereo

Situato 30 km (19 miles) ad est del centro l'aeroporto Suvarnabhumi (สุวรรณภูมิ), (BKK), [1] ha iniziato ad operare nel settembre 2006 ed è il principale aeroporto cittadino ove atterrano tutti i voli provenienti dall'estero della Thailandia più qualche volo domestico gestito dalla compagnia di bandiera Thai Airways. Dispone di un solo terminal che però è estremamente vasto, forse il più grande del mondo.

Moltissimi i servizi disponibili in quest'area (transit hotel, ATMs, money exchange). Tra i ristoranti meno cari una menzione merita il Magic situato al 1 piano mentre fra quelli più rilassanti è lo Sky Lounge al 5° piano. Funziona anche da bar ed ha una vista panoramica. I prezzi non sono eccessivi. La zona dello shopping con vari duty free è vicino alla sala delle partenze.

Aeroporto Don Muang[modifica]

L'aeroporto Don Muang (DMK) (o Don Mueang) è 20 km a nord del centro. Fino al 2006 è stato il principale aeroporto cittadino. Vi operano le compagnie Air Asia, Nok Air, PB Air e Thai Airways che gestiscono molti voli interni e nelle nazioni asiatiche limitrofe. Vi fanno scalo anche alcune compagnie charter.

Il parcheggio dei taxi pubblici è a fianco dell'uscita degli arrivi (state attenti a non farvi abbindolare dai "taxi services" presenti nella hall principale). Comunicate al conducente la vostra destinazione o mostrategliela su un pezzo di carta (ma tutti masticano l'inglese) Il prezzo della corsa fino al centro non dovrebbe superare i 300 bath inclusi i 50 bath di soprattassa al momento dell'avvio del tassametro e i 30-70 bath del pedaggio autostradale.

Se la fila in attesa del taxi è troppo lunga e se volete un mezzo più spazioso a vostra disposizione potreste prenotare un servizio limousine dal bancone all'interno dell'aeroporto. Il costo si aggira sui 500-600 baht. Ignorate ogni invito a servirvi di un'auto con targa bianca; sono abusivi e potreste pagarla cara.

Un passaggio coperto conduce alla stazione ferroviaria. I biglietti per la stazione di Hualamphong costano 5 baht (per un viaggio di 45 minuti) e sono emessi allo sportello. Indubbiamente questa è la soluzione più economica ma c'è da considerare che i ritardi sono frequenti, alle fermate c'è una folla di mendicanti e sono pochissimo usati di notte.

Numerosi sono anche gli autobus pubblici che fanno la spola tra il centro e l'aeroporto.

Collegamento fra i due aeroporti[modifica]

Se si deve cambiare aeroporto esiste un bus navetta gratuito che unisce i due aeroporti. Al Don Mueang la fermata è appena fuori del terminal degli arrivi dall'uscita 5 (attualmente uscita 6 perché la porta è rotta). Una volta fuori ci si presenta al chioschetto della fermata dell'autobus e si mostra il biglietto prenotato con partenza dall'altro aeroporto. Vi metteranno un timbro sul polso o la mano, come in discoteca, da mostrare per salire sull'autobus. Partono ogni mezz'ora, allo scoccare dell'ora e alla mezza, ed impiegano 65 minuti, traffico permettendo. Se il cambio tra i due voli nei due diversi aeroporti è minore di 4 ore, c'è il grosso rischio che il volo successivo venga perso. In tal caso lasciate perdere l'autobus e affidatevi ad un taxi. Tenete presente che le file per il controllo passaporti al Don Mueang possono essere lunghe anche un ora. In tal caso insistete col personale fatevi aiutare a passare attraverso la "priority lane" dicendo che state solo cambiando aeroporto e che dovete essere lì tre ore prima (perché il vostro volo è internazionale) e dovete superare il traffico di Bangkok. All'aeroporto Suvarnabhumi le file per il check in per i voli internazionali possono essere facilmente di un'ora.

Collegamenti in taxi[modifica]

Esiste un servizio taxi di Limousine che possono essere prenotati al banco del 2° piano all'uscita degli arrivi. Per raggiungere il parcheggio dei taxi occorre invece andare all'uscita situata al 1° piano. Le code di persone in attesa sono veramente lunghe ed è meglio servirsi del servizio gratuito di autobus che fanno capolinea nel cosiddetto "satellite terminal" dove è possibile trovare anche altri taxi. I taxi applicano una sovrattassa di 50 bath all'avvio del tassametro. Oltre a questa bisogna pagare il pedaggio autostradale il che significa che la corsa verrà a costare complessivamente 365 / 465 baht. In genere ci vogliono dai 40 minuti a 1 ora per arrivare in centro ma dipende dalle condizioni del traffico.

Collegamenti in autobus[modifica]

Gli autobus fanno capolinea all'uscita del 1° segnalata come airport express buses [2]. Le corse sono ogni ora dalle prime ore del mattino fino a mezzanotte e anch'essi come i taxi impiegano circa un'ora:

Gli autobus pubblici per/da Suvarnabhumi costano molto meno, 35 baht. Per raggiungerne il capolinea bisogna servirsi del servizio gratuito di navetta dall'uscita del 2° piano. Le linee sono le seguenti:

Suvarnabhumi, il nuovo aeroporto di Bangkok
  • 549: Suvarnabhumi-Bangkapi
  • 550: Suvarnabhumi-Happy Land
  • 551: Suvarnabhumi-Victory Monument (BTS)
  • 552: Suvarnabhumi-On Nut (BTS)-Klong Toei
  • 552A: Suvarnabhumi - Sam Rong
  • 553: Suvarnabhumi-Samut Phrakan
  • 554: Suvarnabhumi-Don Muang Airport
  • 555: Suvarnabhumi-Rangsit (Expressway)
  • 557: merged with 558
  • 558: Suvarnabhumi-Central Rama II-Wong Wien Yai
  • 559: Suvarnabhumi-Rangsit (Outer Ring Road)

Gli autobus pubblici sono molto più lenti degli Express e impiegano una o due ore per giungere a destinazione ma le condizioni del traffico possono ritardarli ancor più. La loro frequenza è di circa 20 minuti durante il giorno e ogni ora di notte.

Esiste anche un servizio di autobus extraurbani che provvedono a collegare l'aeroporto di Suvarnabhumi con le località di Chachoengsao, Hua Hin, Nong Khai, Pattaya, Rayong e Trat.


Airport Rail Link (Skytrain)[modifica]

È in funzione una linea ferroviaria sopraelevata che collega l'aeroporto (dalla stazione situata al piano sotterraneo dell'aeroporto - Basement B) con il terminal cittadino di Makkasan (stazione di connessione con la MRT Phetchaburi) proseguendo poi per Phaya Thai (stazione di connessione con la BTS Phaya Thai). Questa linea è percorsa da treni rapidi (rossi, diretti fino in centro senza fermate) e normali (blu, effettuano in tutto 8 fermate fino al centro). Si giunge fino in centro in mezz'ora circa usando il treno normale, spendendo 45 baht, oppure in 15 minuti con il rapido spendendo 90 baht. I treni viaggiano dalle ore 6.00 alle 24.00. Ulteriori info sul treno da/per l'aeroporto si possono trovare a queste pagine: http://www.suvarnabhumiairport.com/to_from_airport_link_en.php e http://airportraillink.railway.co.th/en/

Collegamenti in treno[modifica]

Per i patiti del treno con un mucchio di tempo a disposizione è possibile prendere l'autobus nº 517 per poi scendere alla stazione di Hua Takhe per la modesta somma di 15 baht. Da lì saliranno a bordo di un treno di 3^ classe con destinazione Asok o Hualamphong (7 baht).

Alloggi in aeroporto[modifica]

Sono ancora pochi gli alberghi intorno al nuovo aeroporto di Suvarnabhumi sebbene sia già stato varato il progetto di costruzione di mastodontici alberghi. Alberghi diurni per passeggeri in transito sono disponibili alla 'Miracle Grand Louis Tavern' alla sezione "G" del 4° piano (Tel+66 6 317-2211, 2000 baht per 4-ore, nessuna prenotazione possibile). Coloro che si trovassero in condizione di passare la notte all'aeroporto senza voler spendere un centesimo potrebbero indirizzarsi alle sale di preghiera.

Il banco dell'Ente del Turismo Thailandese si trova al 2° piano. Altre agenzie con servizio di prenotazione alberghiera si trovano lì vicino. In genere offrono promozioni speciali accompagnati da servizi di navetta per l'albergo, servizi utili se si arriva a tarda notte e si casca dal sonno.

  • Novotel Suvarnabhumi Airport Hotel, Suvarnabhumi Airport. Tel:+66 2 131-1111 res@novotelsuvarnabhumi.com [3]. Per il momento l'albergo più vicino all'aeroporto cui è connesso da un ponte pedonale e da un servizio navetta gratuita. Prezzi a partire da 3,500 baht.
  • Queen's Garden Resort, 44 Soi 7, Suvarnabhumi, Lat Krabang. Tel:+66 2734 4540-3. Fax: +66 2 734 4542, e-mail info@queensgardenresort.net, [4]. Questo albergo è a 5-10 minuti dall'aeroporto. Situato sulle sponde di un fiume con vista sul tempio di Krabang ha prezzi inferiori del precedente. (A partire da 900 Baht).
  • Royal Princess Srinakarin, 905 Moo 6, Srinakarin Road, Nongbon, Pravet. Tel:+66 2 728-400. Fax:721- 8432 - a 20-30 minuti in taxi dall'aeroporto. Prezzi a partire da 3,500 baht.
  • Sananwan Palace, 18/11 moo 11. Sukapibarn Road 5, Bangpli Yai. Tel:+66 2 752-1658,(Mobile) +66 818644615. Un albergo a conduzione familiare con tanto di piscina, TV e connessione veloce ad internet. A circa 20 minuti in taxi dall'aeroporto. Prezzi intorno ai 600 baht.
  • Grand Inn Come Hotel, 99 Moo 6, Kingkaew Road, Rachataeva, Bangplee, Samutprakan. Tel:+66 2 738 8191-3 - A circa 15-20 minuti in taxi dall'aeroporto. Proprio davanti c'è la fermata dell'autobus nº 553. Prezzi 1,200 - 2,000 baht.
  • Avana Hotel, 23/1 Moo 12 Soi 14/1, Bangna-Trad Road. Tel:+66 2 763-2900. Un albergo a 3 stelle a circa mezz'ora in taxi dall'aeroporto. Prezzi compresi tra i 1,200 e i 3,000 baht.
  • Nasa Vegas Hotel[5]. 44 Ramkhamhaeng Road. Tel:+66 2 719-9888 Fax:+66 2 719-9899 - A 15 minuti dall'aeroporto. Prezzi a partire da 590 baht.
  • Ratchana Place[6]. 199 Moo 4, Soi Wat Sirisaothong, Bangna Trad Highway KM 26, Bangbo, Samutprakan 10540 Tel:+66 2 313-4480~9 booking@ratchanaplace.com - A circa 15-20 minuti dall'aeroporto. Prezzi da 350 a 700 baht.


In treno[modifica]

Hua Lamphong è la stazione centrale dei treni. Si trova al limite orientale della città vecchia in corrispondenza del capolinea della metro. L'edificio della stazione fu realizzato nel 1916 in stile neo rinascimentale su progetto dell'architetto torinese Mario Tamagno

International Express è un treno che collega Bangkok a Butterworth (Malesia) con fermate intermedie a Nakhon Pathom, Chumpon e Surat Thani

Sulla stessa linea è in funzione il Thaksin Express che effettua le stesse fermate ma si arresta a Su-ngai Kolok, il principale valico di frontiera con la Malesia


Come spostarsi[modifica]

Mezzo di trasporto molto economico e divertente è il Tuk Tuk: in pratica un apino rivisitato con sedili, luci e altri fronzoli kitsch. In 3 si sta stretti ma la consuetudine vuole che sul retro di un tuk tuk ci stiano anche 4 persone: Tenetevi forte perché la guida è molto sportiva. Con il tuk tuk potete spostarvi per tutta la città con pochi euro. I guidatori conoscono molto bene Bangkok e i punti di interesse (templi, mercati ecc.) e vi consiglieranno molto volentieri locali particolari, come cercheranno di deviare verso negozi per turisti (di solito gioiellerie o sartorie). Basterà rifiutare gentilmente per arrivare a destinazione senza deviazioni. Oltre i tuk tuk ci sono ovviamente i taxi, un po' meno economici. Se siete in un grande albergo dovrebbero darvi un bigliettino con stampato "TAKE ME HOME" e l'indirizzo preciso dell'albergo in caratteri thailandesi. Raramente un tassista devierà verso negozi per turisti.

Battelli sui canali[modifica]

Muoversi usando i battelli pubblici che circolano sui canali di Bangkok è il sistema più veloce (si evita il traffico quasi sempre caotico della città) ed economico. Un tempo, quasi tutti i canali di bangkok erano percorsi da battelli pubblici, che in seguito sono spariti. Le principali linee rimaste sono queste:

  • Chao Praya Express Boat: Un servizio di battelli che percorre il Chao Praya, il principale corso d'acqua che taglia Bangkok. In servizio dalle 6.00 alle 20.00 (fino alle 19.00 domenica e festivi), ha diverse linee distinte dal colore della bandiera che portano i traghetti. Alcune linee (più lente) fermano a tutti i moli lungo il fiume, altre fermano solo ai moli principali. L'elenco delle linee e delle fermate si può consultare a questa pagina: http://www.chaophrayaexpressboat.com/en/services/index.aspx#routemap I prezzi della corsa sono molto economici, vanno da 10 fino a 30 baht. È possibile comprare il biglietto su tutti i moli, o direttamente a bordo senza sovrapprezzo. Con i battelli del Chao Praya Express Boat è possibile muoversi molto agevolmente fra diverse mete molto frequentate, come Khao San Road, Chinatown, la stazione centrale Hualalampong; inoltre in molti moli è possibile passare agli autobus pubblici o allo skytrain. Per le stazioni di scambio e la lista degli autobus pubblici si può consultare il tab "Connections" alla pagina http://www.chaophrayaexpressboat.com/en/services/index.aspx#routemap
  • Khlong Saen Saep Boat Service: Lungo uno stretto canale corre questo servizio di battelli pubblici che collega, con due linee consecutive, numerose zone molto frequentate di Bangkok. Nonostante l'apparenza decisamente poco rassicurante, questi piccoli battelli da 60 posti circa sfrecciano nello stretto canale circondato dalle case di Bangkok, collegano agevolmente zone, come il Pratunam, dove il traffico stradale è perennemente congestionatissimo, permettendo di muoversi molto più velocemente. Non ci sono biglietterie sui piccolissimi moli lungo il fiume, ma il biglietto si compra direttamente a bordo, da dei bigliettai-acrobati che camminano in bilico sul bordo esterno della barca. Il prezzo di una corsa va da 8 a 20 baht. I battelli sono in servizio dalle 5.30 alle 20.30 (19.00 nei giorni festivi). Per la lista delle fermate delle due linee, si può fare riferimento a questa pagina di Wikipedia (in inglese). Inoltre, per informazioni molto dettagliate sulle linee, le fermate e i collegamenti con metropolitana, SkyTrain e autobus urbani visitare la pagina ufficiale del servizio http://khlongsaensaep.com/ Si tenga presente che il capolinea di Panfa Leelard si trova vicinissimo ala Montagna d'Oro e al Democracy Monument, e quindi anche alla zona turistica di Khao San Road, raggiungibile da questo capolinea in meno di 10 minuti di cammino. Anche se a prima vista questo servizio di traghetti può sembrare pericoloso e disorganizzato, in realtà è molto efficiente, pur se decisamente fuori dagli schemi di un turista occidentale. Permette una vista di scorci di Bangkok davvero originali, anche se quando le barche sfrecciano alla massima velocità è indispensabile che i passeggeri rialzino le paratie laterali (con le apposite maniglie) onde evitare di farsi la doccia con gli spruzzi di acqua malsana del canale. Inoltre è molto "folkloristico" nei periodi di alta marea, quando i battelli abbassano letteralmente il tetto a ogni passaggio sotto i ponti stradali, per non rimanere incastrati.


Cosa vedere[modifica]

Piantina di "Rattanakosin", la zona del vecchio centro di Bangkok
  • Wat Phra Kaew (Tempio del Buddha di Smeraldo).
  • Gran Palazzo (Phra Borom Maha Ratcha Wang).
  • Wat Pho (Tempio del Buddha Coricato).
Wat Phra Kaew


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

Bangkok è un immenso mercato all'aperto. Praticamente ovunque è disseminata di bancarelle che vendono soprattutto ai viaggiatori articoli di ogni genere, questo nel mercato notturno, nonché quartiere a luci rosse, di PatPong, e sulla khao Sarn Road. Spostandosi dai percorsi turistici, come ad esempio nel quartiere di Dusit, le bancarelle cambiano totalmente aspetto, merci e clienti (i Thailandesi). Non più vestiti, cd e ninnoli vari, ma verdura, pesce, e frutta variopinta. In questo quartiere ci si sente osservati perché è inconsueto vederci degli occidentali.

Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • Silom City Inn72 Soi Prachum (Silom 22), Silom Road, Bangkok 10500, Thailand (Pochi minuti a piedi dalla fermata Surasak dello sky train), +66 2 635 6211. Stanze con bagno privato e aria condizionata, prima colazione inclusa nel prezzo.


Sicurezza[modifica]

Nonostante sia enorme, Bangkok è piuttosto sicura e la criminalità di strada, tipo scippi, aggressioni e rapine è alquanto insolita. Uno dei pericoli più grossi sono i motociclisti che guidano a tutta velocità sul marciapiede (piuttosto inconsueto), bucano il semaforo rosso, superano gli autobus che stanno facendo scendere passeggeri e più in generale che sfrecciano nel traffico. Se si noleggia una moto assicuratevi di avere un'assicurazione in caso d'incidenti perché nonostante si pensi di essere il miglior conducente al mondo, i peggiori sono in Thailandia. Bangkok è piena di truffe e molti negozi o servizi al turismo tendono a sovraccaricare i prezzi agli sprovveduti viaggiatori. In linea generale è saggio declinare tutte le offerte fatte da qualcuno che sembra sia un gentile signore del posto che cerchi di dispensare consigli al viaggiatore malcapitato. Non montate mai su un tuk-tuk se qualcun altro sta cercando di farvelo prendere. Gran parte della gente del posto non approccia gli stranieri se non per loschi motivi.

Truffe[modifica]

Cosa fare se si è vittime di una truffa sulle pietre preziose
Finché si è in Thailandia non è troppo tardi. Si contatta subito l' Autorità Turistica della Thailandia, (☎ +66 2 694 122) o la Polizia Turistica ( ☎ 1155 ), si riempie un rapporto e si torna al negozio per chiedere un rimborso. Per legge devono rimborsare il 80% della cifra pagata. Se le gemme sono state mandate per posta si contatta immediatamente il Bangkok Mail Centre (☎ +66 2 215 0966(195) ) chiedendo di rintracciare il pacco; se si agisce per tempo lo ritroveranno, sappiate il nome, l'indirizzo e la data di spedizione

Dovreste sempre stare all'erta per i truffatori, specialmente in aree turistiche. Ci sono dozzine di truffe a Bangkok ma la più comune è la truffa sulle pietre preziose. Siate sempre attenti ai conducenti dei tuk-tuk che offrono gite giornaliere per prezzi stracciati, come 10 bath. Vi porteranno in una gita giornaliera che comprenderà solo negozi di pietre preziose e di souvenir. Non comprate nessun prodotto da negozianti insistenti, le gemme in genere sono pezzi di vetro senza valore e il vestiti sono di qualità pessima. Il conducente prenderà una commissione se comprerete qualcosa. Non comprate buoni benzina. Almeno che vi piaccia l'idea di viaggiare in tuk-tuk, il taxi col tassametro è sempre più economico.

Siate molto scettici quando venite approcciati d'improvviso da un Thailandese che parla inglese o italiano, dicendo che il posto dove volete andare è al momento chiuso o vi offre uno sconto sull'ingresso. I templi sono quasi sempre gratuiti (l'unica eccezione è il Wat Phra Kaeo e Wat Pho) e sono aperti pressoché ogni giorno dell'anno. Qualsiasi persona che vi dirà il contrario, anche se hanno una distintivo che assomigli a qualcosa di ufficiale, probabilmente vi rifilerà una fregatura, specialmente se suggerisce un giro in tuk-tuk per qualche posto alternativo da vedere. Ai siti turistici a pagamento verificate gli orari di apertura alla biglietteria

Tuk-tuk a Bangkok

Se salite su uno di questi tuk-tuk, il guidatore-bagarino vi lascerà in un posto specifico, tipo un vero tempio Buddhista. Lì troverete un uomo che dirà di essere un ufficiale e vi guiderà in specifiche direzioni dove poi incontrerete un altro "ufficiale" che vi dirà che il posto o l'attrazione turistica che volete vedere è chiusa. In questo modo il viaggiatore sentirà da più voci la stessa cosa ed è quindi più incline a credere che quel posto sia davvero chiuso. Non appena odorate qualcosa che non va, sganciatevi il più presto possibile, non verrete aggrediti (siamo pur sempre un una paese buddhista).

Quando prendete un taxi è sempre meglio fermarne uno in movimento sulla strada principale o camminare un po' fino alla zona più turistica prima di cercarne uno. Non è una garanzia di onestà ma aumenta le possibilità di trovare un conducente onesto, la città ne è piena, anche se sembra che tutti stiano lavorando solo per spillare soldi. Alcuni tassisti spengono il tassametro e insistono a farvi pagare un prezzo ridicolo. Gran parte dei tassisti inaffidabili sono quelli che aspettano fermi in aree turistiche. Un' altra regola generale è quella di insistere col tassametro coi taxi e accordarsi su un prezzo in anticipo coi tuk-tuk. Se si rifiutano o chiedono prezzi spropositati semplicemente andatevene e prendetene un altro, perché la città ne è piena. La frase Thai per chiedere di usare il tassametro è mee-TOE, khap se si è maschi o mee-TOE, kha se si è femmine.

Fate attenzione ai conducenti di tuk-tuk e taxi che si avvicinano parlando un buon inglese o che hanno un adesivo "I ♥ farang", specialmente quelli che fanno riferimento o vi portano a una sartoria (o altri negozi). Sono pagati dai negozi di bassa qualità per farsi portare turisti per assoggettarli a tecniche di vendita sotto pressione. Se in ogni momento il vostro guidatore vi porterà in un posto che non era pianificato, andatevene immediatamente, ignorate ogni supplica che afferma il contrario e trovate un altro taxi o tuk-tuk.

In generale non chiedete al tassista consigli per qualcosa, in particolare per dei ristoranti. Probabilmente vi porteranno in posti dubbi dai quali prenderanno una commissione.

Fate attenzione anche alle compagnie private di bus che offrono viaggi da Bangkok ad altre destinazioni su autobus VIP. Ci sono molte fregature messe in atto da queste compagnie. I così detti viaggi VIP potrebbero trasformarsi in staffette su tre o quattro minibus fino a destinazione che finiranno per essere di 17-18 ore invece che 10-11. Provate invece a prenotare gli autobus BKS pubblici dalle maggiori stazioni di autobus. Vale la pena consumare un po' di suola in più per andarci anche perché ci sono state anche denunce di furti su autobus privati. Una di queste compagnie opera anche dentro la stazione del treno Hualampong. Gli operatori aspetteranno vicino alle casse che qualcuno non trovi posto sul treno che vorrebbe prendere e con fare "ufficiale" propongono l'alternativa di un bus VIP. Una volta accettato vi portano al piano di sopra per prenotare il biglietto. Il giorno della partenza sarete portati con un minibus che vi staffetterà verso un'altra zona di Bangkok a circa 20-30 minuti da lì dove sarete smistati su degli autobus molto vecchi, sporchi, pieni di zanzare e congelati con un aria condizionata rumorosissima e che non si può spegnere, con un bagno inutilizzabile per l'intero viaggio. Il tutto per un prezzo che va dalle 2 alle 3 volte il biglietto del treno (esperienza diretta di chi si è occupato della traduzione dell'inglese di questo capitolo)

Go-go bar[modifica]

Bangkok è conosciuta per i suoi "go-go bar" e la prostituzione associata ad essi. Alcuni aspetti della prostituzione sono illegali (ad esempio l'incitamento e fare il protettore), ma raramente la legge viene fatta rispettare e i bordelli sono piuttosto diffusi. Non è illegale pagare per fare del sesso e neppure pagare una "barfine", ovvero un prezzo che si paga al bar per andarsene con una impiegata/o.

L'etò del consenso in Thailandia è di 15 anni, ma per le prostitute è 18. Le pene per aver avuto rapporti sessuali con dei minori sono dure. Tutti i Thailandesi adulti devono portare una carta d'identità che dichiara l'anno di nascita secondo il calendario Buddhista. Molti alberghi mantengono le carte d'identità delle prostitute per la durata della visita. Benché molte prostitute siano impiegate dei bar o di aziende del settore, alcune sono libere professioniste. Piccoli furti ed altri problemi, come rifilare ai clienti dei sonniferi, sembra siano più comuni se si va con delle libere professioniste, anche i casi sono rari. La sensibilizzazione sul HIV e AIDS è molto meglio di una volta anche se le statistiche dicono che la diffusione è ancora alta; le libere professioniste sono il gruppo con più diffusione e quasi tutte le ragazze insistono nell'uso dei profilattici quindi abbiate rispetto per la vita altrui e vostra e praticate sesso sicuro.

In genere entrare in un go-go ba è alquanto sicuro, ma fate attenzione agli adescatori che cercheranno di portarvi nel "bar al piano di sopra" offrendo spettacoli di ping-pong e birre da 100 bath. La birra costerà sì 100 bath, ma lo spettacolo ne costerà almeno 1000. La regola generale è che se non riesce a vedere dentro dalla strada, si evita quel bar.

Risse[modifica]

Non azzuffatevi con la gente del posto. I Thailandesi sono persone gentili e pacifiche, ma se si scontrano con uno straniero non è mai una lotta alla pari: finirete in una rissa con almeno 10-20 persone in più che non erano coinvolte all'inizio oppure verrà chiamata la polizia che non farà niente per aiutarvi, specialmente la Polizia Metropolitana, anche perché non parlano lingue straniere. Quando si incontrano dei problemi si contatta sempre la Polizia Turistica (☎ 1155). I Thailandesi sono anche famosi per combattere armati di pistole, coltelli, bottiglie rotte, pali di metallo ecc. oppure usano tecniche di combattimento Muay Thai imparate in posti segreti che vi arrecheranno ferite molto pesanti, se non peggio. Evitate ogni battibecco. Se vi ritrovate coinvolti in un alterco è consigliabile chiedere scusa e andarsene: portate a casa salva la pelle.

Abusi sugli animali[modifica]

Gli elefanti sono una fetta grossa dell'industria turistica Thailandese e il contrabbando e il maltrattamento di questi animali come attrazioni è una pratica diffusa. Sappiate che gli elefanti vengono spesso separati dalle madri da cuccioli per essere addomesticati con crudeltà e in cattività per il resto della loro vita. Si consiglia di cavalcare questi animali solo in centri e organizzazioni dedicati alla salvaguardia della specie. Una vista molto deprimente in genere si ha nelle strade della città quando questi animali sono forzati a chiedere l'elemosina, specialmente di notte. I mahout (gli addomesticatori) si avvicinano ai turisti con degli animali sgraziati offrendovi una banana da far mangiare all'animale e farvi una foto in cambio di soldi. Gli elefanti vengono portati in città ad elemosinare perché non sono più in grado di lavorare e sono molto stressati dalle condizioni cittadine. Abbiate l'accortezza di evitare si supportare questa crudeltà rifiutando l'offerta dei mahout. Molto comuni nelle zone di Silom e Sukhumvit.

A causa della sua posizione e delle leggi lassiste, molti prodotti animali illegali passano da Bangkok. Specie rare e in via di estinzione vengo vendute spesso sul mercato come animali da compagnia, in special modo in Chatuchak, e molti altri prodotti animali vengono venduti come oggetti di lusso. Evitate di comprare animali rari, pelle, avorio, artigli, animali marini essiccati (come le stelle marine), pellicce, piume, denti, lana ecc perché quasi sicuramente sono il risultato di bracconaggio. Acquistare questi prodotti contribuisce all'abuso e all'estinzione di specie intere.

Instabilità politica[modifica]

Nel 2008 l'instabilità politica riempí le testate di tutti i giornali, con le camicie gialle dell'Alleanza del Popolo per la Democrazia (People's Alliance for Democracy - PAD) che chiuse entrambe gli aeroporti di Bangkok per una settimana. Molte persone furono uccise durante le violenze che ne derivarono. Dopo che il Primo Ministro, appoggiato dal PAD, fu eletto le proteste cessarono per un po' ma la situazione rimase instabile. Nel 2010 affiorarono nuovi disordini con le proteste da parte delle camicie rosse del Fronte Unito per la Democrazia contro la Dittatura (United Front for Democracy Against Dictatorship - UDD) che occuparono gran parte di Sukhumvit e le aree circostanti. Le proteste diventarono violente quando le truppe del governo provarono a riprendersi alcune zone della Bangkok centrale occupate dai protestanti. Nel 2011 il governo appoggiato dal UDD è andato al potere. Da allora proteste da entrambe le parti hanno continuato a scoppiare sporadicamente a seconda degli eventi politici. Seguite sempre la stampa indipendente e state lontani dalle manifestazioni politiche.

Cibo ed acqua[modifica]

Come ovunque in Thailandia, fate attenzione a cosa mangiate. Fuori dai maggiori hotel e resort, evitate verdure crude, condimenti a base d'uovo, come la mayonese, gelato sfuso e carne macinata perché il caldo velocizza il processo di decomposizione. Per dirla breve mangiate cibi bolliti, fritti, infornati, grigliati e senza buccia. L'esperienza di chi scrive è che per assurdo c'è più probabilità di sentirsi male in un ristorante tradizionale che in uno da strada. Probabilemnte perché quello da strada non ha frigoriferi, quindi gli ingredienti devono essere freschi ogni giorno. Per i ristoranti tradizionali più sono frequentati meglio è, c'è un ricambio più veloce degli ingredienti che non dormono troppo nei frigoriferi.

L'acqua di rubientto si dice che sia buona da bere quando esce dall'impianto di distribuzione ma le tubature spesso non sono in buone condizioni quindi evitate. Pure la gente del posto non beve da li, almeno che non sia un rubinetto separato con un impianto di filtraggio. Nel dubbio comprate bottiglie d'acqua sigillate che sono disponibili ovunque a basso costo. Fate attenzione col ghiaccio e assicuratevi che non sia fatto con l'acqua di rubinetto anche se è difficile giudicare. Alcuni cittadini dicono che il ghiaccio coi buchi rotondi è prodotto commercialmente. L'esperienza di chi scrive è che il ghiaccio è piuttosto sicuro ed è uno dei prodotti più distribuiti per la nazione, si vedono decine di camion che consegnano ghiaccio "fresco" ovunque. Anche la gente del posto compra in continuazione buste di refrigerio.

Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Le cassette della posta rosse sono sparse per tutta la città. Ci sono anche molti uffici delle poste Thailand Post in giro dai quali si possono spedire lettere, cartoline e pacchi. Nelle aree turistiche ci sono uffici postali a Khao San Road (di fronte al tempio Bowonniwet) e a Sukhumvit Road (tra Soi 4 e 6). Se si soggiorna a Bangkok per più tempo potreste aver bisogno di usare poste restante, cosí amici e conoscenti possono mandarvi posta usando l'indirizzo di un ufficio postale, che terrà la vostra corrispondenza per due mesi. Le lettere spedite attraverso il servizio Poste Restante devono avere il nome del ricevente scritto chiaro con il cognome in maiuscolo e sottolineato. Se volete ricevere la posta vicino Khao San Road deve essere indirizzato a: Poste Restante, Banglamphubon Post Office, Bangkok, 10203, Thailand. Se invece si vogliono ricevere nella zona di Sukhumvit, l'indirizzo è Poste Restante, Nana Post Office, Sukhumvit Road, Bangkok, 10112, Thailand.

Telefonia[modifica]

Il prefisso dell'area di Bangkok è 02 e lo zero va digitato se si chiama da dentro la Thailandia altrimenti non serve. I telefoni a pagamento non sono molto diffusi in quanto gran parte dei Thailandesi ha un cellulare. Se si vogliono evitare costi di roaming alti, si può comprare una carta SIM per 100 bath all'aeroporto (dove si può cercare anche quella specifica per turisti), ai negozi di telefonia o ai 7-eleven. I 100 bath non sono il costo della carta SIM, ma è quanta carica vi ritroverete dopo che l'avete comprata. Ricaricare è facile da fare ai 7-eleven. Anche fare chiamate internazionali in questo modo è anche più economico.

Internet[modifica]

Gli internet cafè abbondano a Bangkok. Il prezzo medio è di 30-60 baht all'ora nei distretti turistici tipo Khao San Road, 20-30 baht all'ora (all'ultimo piano del MBK per esempio) e 10-15 bath all'ora se ci si avventura in aree residenziali (dove la velocità è generalmente molto alta). Un numero sempre maggiore di cafè e pub offre Wi-Fi gratuita ai clienti incluse tutte le succursali dell'onnipresente catena Coffee World: chiedete al personale la password. TrueMove offre accesso Wi-Fi sia gratuito che a pagamento. Se si vuole andare online gratuitamente c'è bisogno di registrarsi e la sessione e il tempo sono limitati. La loro rete è accessibile in molti centri commerciali incluso Siam Square e alle volte è raggiungibile dalla propria stanza se si sta vicini abbastanza ad un hot spot; cercate le rete 'truewifi' dove registrarvi. Gran parte degli alberghi e guest house offre qualche forma di internet e sempre più frequentemente l'accesso è gratuito e veloce. Non c'è molta connessione Wi-Fi gratuita nei vecchi distretti come Rattanakosin e Yaowarat. Tenete presente che al McDonald e allo Starbucks la connessione non è disponibile o è a pagamento. Se si sta per più di due giorni e si preferisce stare connessi senza essere limitati dagli hot spot, una SIM prepagata con dati internet è una buona opzione. Avere la possibilità di usare uno smartphone per la navigazione, consigli e recensioni è molto utile in una città dove le raccomandazioni e le direzioni offerte dalla gente del posto non è sempre affidabile. Per la sola navigazione si consiglia caldamente di utilizzare applicazioni che fanno uso e si basano su OpenStreetMap, in genere gratuite, aggiornabili, non necessitano di collegamento internet (solo il GPS) e con buona probabiltà importano anche i file .gpx disponibili da ogni pagina di Wikivoyage in modo da avere tutti i punti di interesse di cui si parla raggiungibili a portata di mano.

Nei dintorni[modifica]

Escursioni[modifica]

Se si vogliono fare delle escursioni fuori porta in Thailandia Centrale, ci sono molte opzioni da considerare.

  • Amphawa — Un mercato galleggiante molto frequentato dalla gente del posto.
  • Ayutthaya — Una delle antiche capitali con un parco archeologico molto bello a solo 1,5 ore di treno da Hua Lampong.
  • Bang Pa-In — Il suo spettacolare Palazzo d'estate vale la pena una visita di un giorno.
  • Damnoen Saduak — Un mercato galleggiante perfetto le fotografie a misura di turista.
  • Hua Hin — Una cittadina marittima per andare in spiaggia con delle cascate nelle vicinanze e parchi nazionali.
  • Kanchanaburi — Il famoso ponte sul fiume Kwai, le cascate Erawan a il Passo Hellfire.
  • Ko Kret — Una isola rustica rinomata per la produzione di vasellame, un viaggio fuori porta di un giorno fuori dalla giungla di cemento.
  • Nakhon Pathom — La più antica città Thailandese e il sito con lo stupa più grande del mondo.
  • Phetchaburi — Una storica città molto rilassata con le montagne Khao Wang, templi colorati e ottimi dessert.

Bangkok è anche un ottimo centro di smistamento per viaggiare nelle altre regioni della Thailandia.

  • Chiang Mai — Il punto di partenza per il nord e il cuore della cultura Lanna.
  • Parco nazionale di Khao Yai — Strepitosi scenari montani e alcune dei primi tentativi di vitigno del Paese.
  • Ko Chang — Grande e relativamente incontaminata isola tropicale
  • Ko Samet — L'isola più vicina a Bangkok con spiagge bianche.
  • Lampang — Tranquilla cittadina ricca di mercati, templi e caffetterie. Ha uno dei templi più belli che possiate vedere, Wat Pongsanuk, che fa parte dei patrimoni dell'umanità.
  • Provincia di Krabi — Le belle spiagge e le isole di Ao Nang, Rai Leh, Koh Phi Phi e Koh Lanta.
  • Nakhon Ratchasima (Khorat) — La città principale nella regione di Isaan.
  • Phuket — L'isola paradiso originale, oggi sviluppata fino all'inverosimile senza possibilità di trovare un centimetro quadro senza presenza umana ma ha ancora qualche bella spiaggia, se riuscite a passare tra gli ammassi di carne dei bagnanti.
  • Sukhothai — Le rovine dell'antico Regno di Sukhotai.
  • Surat Thani — Culla dell'antico Regno Srivijana, punto di partenza per Ko Samui, Ko Pha Ngan e Ko Tao.

Se state considerando di andarvene dalla Thailandia ci sono strade che portano alle seguenti destinazioni:

Itinerari[modifica]

Strade che passano per Bangkok
FINE  W SRT Eastern Line icon.png E  ChachoengsaoAranyaprathet
Nong KhaiAyutthaya  N SRT Northeastern Line icon.png S  FINE
Chiang MaiRangsit  N SRT Northern Line icon.png S  FINE
FINE  N SRT Southern Line.png S  Nakhon PathomButterworth
Samut SongkhramSamut Sakhon  W Mae Klong Railway icon.png E  FINE
Chiang RaiRangsit  N Thai Highway-1.svg S  FINE
FINE  W Thai Highway-3.svg E  Samut PrakanTrat
FINE  N Thai Highway-4.svg S  Nakhon PathomHat Yai

Informazioni utili[modifica]

Stampa[modifica]

  • Bangkok Post. Uno dei migliori giornali in lingua inglese, include anche articoli di viaggio, divertimento e intrattenimento, vita quotidiana e annunci riguardanti Bangkok.
  • BK Magazine. Il giornale di punta su come vivere Bangkok, una guida sui ristoranti, vita notturna, viaggi, arte ecc. I nuovi numeri escono settimanalmente e sono distribuiti in posti specifici.
  • Sukhumvit Guide. Un lista completa sugli hotel, ristoranti e bar di Sukhumvit, uno dei distretti più attivi della città.

Medicina turistica[modifica]

Molte persone vanno a Bangkok per sottoporsi a trattamenti medici che costano una frazione di quello che costerebbe in altre nazioni di provenienza. Il più stimato e caro è Bumrungrad Hospital, che attrae circa 400.000 pazienti stranieri all'anno per una media di 1.000 al giorno. Un altro ospedale specializzato per gli stranieri è Samitivej. Gli ospedali privati in Thailandia sono accreditati dal governo secondo standard internazionali in quanto molti dottori Thailandesi hanno crediti e licenze internazionali.

I trattamenti più diffusi vanno dalla cosmetica al trapianto d'organi, trattamenti ortopedici, denali e operazioni cardiache. Sono più economici che in occidente. Per esempio, l'ospedale Bumrungrad offre un pacchetto tutto incluso di 90.000 per un impianto del seno. Bangkok è anche conosciuta per operazioni di chirurgia di riassegnamento sessuale per coloro che desiderano cambiare sesso, anche se questo esce dallo scopo di un viaggio informale.

Ci sono molte cliniche dentali con dentisti e personale che parlano inglese. La più grande è Bangkok International Dental Center sulla Ratchadaphisek Road. Ci sono anche molte cliniche conosciute per lo sbiancamento dentale, impianti e centri odontoiatrici come BFC Dental and Denta Joy

Uffici di immigrazione[modifica]

L'Immigration BureauGovernment Bldg B, Chaeng Wattana Soi 7, +66 2 141-9889. Simple icon time.svg Lun-Ven 08:30-12:00, 13:00-16:30. si è spostato dalla centrale Soi Suan Plu in una zona lontana a nord della città vicino all'aeroporto Don Mueang. È un edificio spazioso che ha al piano terra un cafè, dei ristoranti e negozi di fotocopie. Sono disponibili molti sevizi per i visti, permessi di ri-entrata e immigrazione. È preferibile prendere lo Skytrain per la stazione di Mo Chit e poi fermare un taxi per il centro del governo. I servizi per i Birmani, Cambiogiani e Laotiani sono rimasti a Soi Suan Plu.

Ambasciate[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.