Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Africa
Piramidi di Giza
Localizzazione
Africa - Localizzazione
Superficie
Abitanti

L'Africa è il continente da cui ha avuto origine la razza umana. È il secondo continente più grande al mondo sia per area che per popolazione, offre al visitatore una miscela unica di meraviglie naturali, rinomati siti preistorici, numerosi e diffusi resti di molte delle più grandi civiltà antiche del mondo, culture vivaci, villaggi remoti e città moderne. L'Africa si affaccia sull'Oceano Indiano a sud-est, l'Oceano Atlantico a ovest, il Mar Rosso a nord-est, il Golfo di Aden leggermente più a sud e il Mar Mediterraneo a nord. Questo enorme continente si estende per più di 8.000 km da nord a sud e per 7.500 km da est a ovest con alcune isole ancora più lontane e raccoglie molti popoli, religioni e culture molto diverse. L'Africa ha più di 50 paesi sovrani, più di qualsiasi altro continente.

Le macroregioni africane[modifica]

Africa orientaleAfrica meridionaleAfrica centraleAfrica occidentaleAfrica saharianaNordafricaMap-Africa-Regions.png
      Nordafrica — Comprende quei paesi africani che si affacciano sul mar Mediterraneo: Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Tunisia, Sahara Occidentale.
      Africa sahariana — Nazioni che sono coperte per la maggior parte dal deserto del Sahara: Ciad, Mali, Mauritania, Niger, Sudan.
      Africa orientale — Nazioni sul mar Rosso e sull'oceano Indiano: Burundi, Comore, Eritrea, Etiopia, Gibuti, Kenya, Madagascar, Mauritius, Riunione, Ruanda, Seychelles, Somalia, Somaliland, Tanzania, Uganda.
      Africa meridionale — La punta meridionale dell'Africa che comprende: Botswana, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Sudafrica, eSwatini, Zambia, Zimbabwe.


Nazioni[modifica]

Di seguito le nazioni che fanno parte dell'Africa in ordine alfabetico.

Elefanti nel Parco nazionale di Kruger in Sudafrica
Aree dell'Africa sotto la sovranità coloniale nel 1913, a confronto con gli attuali confini.
      Belgio
      Germania
      Spagna
      Francia
      Regno Unito
      Italia
      Portogallo
      Indipendenti
Nazione Capitale Lingua Ufficiale Valuta
Flag of Algeria.svg Algeria Algeri Arabo, Berbero (DZD) Dinaro algerino
Flag of Angola.svg Angola Luanda Portoghese (AOA) Kwanza
Flag of Benin.svg Benin Porto-Novo Francese (XOF) Franco CFA
Flag of Botswana.svg Botswana Gaborone Inglese (BWP) Pula
Flag of Burkina Faso.svg Burkina Faso Ouagadougou Francese (XOF) Franco CFA
Flag of Burundi.svg Burundi Bujumbura Kirundi, Francese (BIF) Franco del Burundi
Flag of Cameroon.svg Camerun Yaoundé Francese, Inglese (XAF) Franco CFA
Flag of Cape Verde.svg Capo Verde Praia Portoghese (CVE) Escudo capoverdiano
Flag of Chad.svg Ciad N'Djamena Arabo, Francese (XAF) Franco CFA
Flag of Comoros.svg Comore Moroni Arabo, Comoriano, Francese (KMF) Franco delle Comore
Flag of Côte d'Ivoire.svg Costa d'Avorio Yamoussoukro Francese (XOF) Franco CFA
Flag of Djibouti.svg Gibuti Gibuti Arabo, Francese (DJF) Franco gibutiano
Flag of Egypt.svg Egitto Il Cairo Arabo (EGP) Lira egiziana
Flag of Equatorial Guinea.svg Guinea Equatoriale Malabo Francese, Spagnolo, Portoghese (XAF) Franco CFA
Flag of Eritrea.svg Eritrea Asmara -2 (ERN) Nakfa eritreo
Flag of Ethiopia.svg Etiopia Addis Abeba Amarico, Tigrino (ETB) Birr etiope
Flag of Gabon.svg Gabon Libreville Francese (XAF) Franco CFA
Flag of Gambia.svg Gambia Banjul Inglese (GMD) Dalasi
Flag of Ghana.svg Ghana Accra Inglese (GHC) Cedi ghanese
Flag of Guinea.svg Guinea Conakry Francese (GNF) Franco della Guinea
Flag of Guinea-Bissau.svg Guinea-Bissau Bissau Portoghese (XOF) Franco CFA
Flag of Kenya.svg Kenya Nairobi Inglese, Swahili (KES) Scellino keniota
Flag of Lesotho.svg Lesotho Maseru Inglese, Sesotho (LSL) Loti lesothiano
Flag of Liberia.svg Liberia Monrovia Inglese (LRD) Dollaro liberiano
Flag of Libya.svg Libia Tripoli Arabo (LYD) Dinaro libico
Flag of Madagascar.svg Madagascar Antananarivo Francese, Malgascio (MGA) Ariary malgascio
Flag of Malawi.svg Malawi Lilongwe Inglese, Chichewa (MWK) Kwacha malawiano
Flag of Mali.svg Mali Bamako Francese (XOF) Franco CFA
1959-2017 Flag of Mauritania.svg Mauritania Nouakchott Arabo (MRO) Ouguiya
Flag of Mauritius.svg Mauritius Port Louis Inglese (MUR) Rupia mauriziana
Flag of Morocco.svg Marocco Rabat Arabo, Berbero (MAD) Dirham marocchino
Flag of Mozambique.svg Mozambico Maputo Portoghese (MZN) Metical mozambicano
Flag of Namibia.svg Namibia Windhoek Inglese (NAD) Dollaro namibiano
Flag of Niger.svg Niger Niamey Francese (XOF) Franco CFA
Flag of Nigeria.svg Nigeria Abuja Inglese (NGN) Naira
Flag of Rwanda.svg Ruanda Kigali Inglese, Francese, Kinyarwanda (RWF) Franco ruandese
Flag of Sao Tome and Principe.svg São Tomé e Príncipe São Tomé Portoghese (STD) Dobra di Sao Tomé e Principe
Flag of Senegal.svg Senegal Dakar Francese (XOF) Franco CFA
Flag of Seychelles.svg Seychelles Victoria Inglese, Francese, Creolo delle Seychelles (SCR) Rupia delle Seychelles
Flag of Sierra Leone.svg Sierra Leone Freetown Inglese (SLL) Leone sierraleonese
Flag of Somalia.svg Somalia Mogadiscio Somalo, Arabo (SOS) Scellino somalo
Flag of South Africa.svg Sudafrica Città del Capo, Pretoria, Bloemfontein1 Afrikaans, Inglese, Ndebele, Sesotho del nord, Sesotho, Swati, Tsonga, Tswana, Venda, Xhosa, Zulu (ZAR) Rand
Flag of South Sudan.svg Sudan del Sud Giuba Inglese (SSP) Sterlina sudsudanese
Flag of Sudan.svg Sudan Khartum Arabo, Inglese (SDG) Sterlina sudanese
Flag of Swaziland.svg eSwatini Mbabane, Lobamba3 Inglese, Swati (SZL) Lilangeni
Flag of Tanzania.svg Tanzania Dodoma Inglese, Swahili (TZS) Scellino tanzaniano
Flag of the Central African Republic.svg Repubblica Centrafricana Bangui Francese (XAF) Franco CFA
Flag of the Democratic Republic of the Congo.svg Repubblica Democratica del Congo Kinshasa Francese (CDF) Franco congolese
Flag of the Republic of the Congo.svg Repubblica del Congo Brazzaville Francese (XAF) Franco CFA
Flag of Togo.svg Togo Lomé Francese (XOF) Franco CFA
Flag of Tunisia.svg Tunisia Tunisi Arabo (TND) Dinaro tunisino
Flag of Uganda.svg Uganda Kampala Inglese, Swahili (UGX) Scellino ugandese
Flag of Zambia.svg Zambia Lusaka Inglese (ZMK) Kwacha zambiano
Flag of Zimbabwe.svg Zimbabwe Harare Inglese, Shona, Ndebele (ZWL) Dollaro zimbabwiano

1 Il Sudafrica ha tre capitali distinte, una per ogni funzione: Pretoria quella amministrativa, Città del Capo quella legislativa, Bloemfontein quella giudiziaria

2 L'Eritrea non ha lingue ufficiali e riconosce l'uguaglianza di tutte lingue. L'arabo e il tigrino lo sono di fatto.

3 eSwatini ha due capitali distinte: Mbabane ha funzione amministrativa mentre Lobamba quella reale e legislativa.

Oltre alle succitate nazioni indipendenti, in Africa ci sono anche 8 territori dipendenti da altri stati indipendenti:

Nazione Dipendenze Note
Flag of Portugal.svg Portogallo Flag of Madeira.svg Madera (o Madeira)
Flag of France.svg Francia Flag of Mayotte.jpg Mayotte
Flag of Réunion.svg Riunione
Flag of the French Southern and Antarctic Lands.svg Isole Sparse dell'oceano Indiano Fanno parte della collettività d'oltremare francese delle Flag of the French Southern and Antarctic Lands.svgTerre australi e antartiche francesi
Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito Flag of Saint Helena.jpg Sant'Elena, Ascensione e Tristan da Cunha Questa dipendenza consiste di 3 isole, ovvero:

Flag of Ascension Island.svg Isola di Ascensione

Flag of Saint Helena.jpg Isola di Sant'Elena

Flag of Tristan da Cunha.svg Arcipelago (e Isola) di Tristan da Cunha

Flag of Spain.svg Spagna Flag Ceuta.svg Ceuta
Flag of Melilla.svg Melilla
Flag of the Canary Islands.svg Isole Canarie

Infine in Africa ci sono 3 nazioni in attesa del riconoscimento internazionale e dell'indipendenza:

Nazione parzialmente riconosciuta Nazione di appartenenza
Flag of Western Sahara.png Repubblica Democratica Araba dei Sahrawi Flag of Morocco.svg Marocco
Flag of Somaliland.svg Somaliland Flag of Somalia.svg Somalia
MNLA flag.svg Azawad (o Azauad) Flag of Mali.svg Mali


Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • 1 Asmara — Dichiarata nel 2017 patrimonio dell'umanità dall'UNESCO per le sue architetture moderniste e razionaliste, realizzate durante l'occupazione italiana.
  • 2 Città del Capo — Famosa per la maestosità dei suoi paesaggi naturali, dominati da monti i cui fianchi sono orlati da magnifiche spiagge e la cui cima è avvolta perennemente da nubi delicate.
  • 3 Il Cairo — Una città enorme con una serie di attrazioni di primo piano, molte delle quali relegate in antichi quartieri non facili da visitare a causa del traffico incessante, dell'inquinamento atmosferico e delle temperature elevate per molti mesi dell'anno.
  • 4 Marrakesh — Città vivace ed altamente turistica, famosa per i suoi suq e per la sua grande piazza centrale, Djemaa el-Fna, piena di saltimbanchi, musici e danzatori.
  • 5 Mombasa — Una città insulare, adatta a chi vuole fare vita da spiaggia.
  • 6 Stone Town — Un antico mercato degli schiavi le cui architetture sono evocative del tempo in cui alla lucrosa tratta partecipavano commercianti musulmani dell'Oman e coloni portoghesi di Goa e in seguito del Brasile.
  • 7 Timbuctù — Una antica città carovaniera, famosa per le sue architetture e avvolta fino a pochi anni orsono in un alone di leggenda al punto da essere soprannominata "El Dorado d'Africa".

Altre destinazioni[modifica]

  • 1 Blyde River Canyon — (Sudafrica) Lungo 26 km e profondo 800 m., è il terzo canyon del mondo in ordine di lunghezza. Fra i luoghi più celebri del canyon ci sono "Three Rondavels", con le sue formazioni rocciose che ricordano le capanne dei popoli locali (rondavels è il termine afrikaans per "capanna") e "God's Window" ("la finestra di Dio") da cui, come suggerisce il nome, si gode di un panorama particolarmente suggestivo.
  • 2 Cascate Vittoria — (Al confine tra Zambia e Zimbabwe) Chiamate in lingua originale Mosi-oa-Tunya (letteralmente: "il fumo che tuona"), le cascate Vittoria si formano nel punto in cui il fiume Zambesi precipita in un dirupo largo circa 120 metri e alto dagli 80 ai 105 metri nella sua parte centrale, ovvero il doppio, circa, dell'altezza delle cascate del Niagara.
La grande massa d'acqua, cadendo nel dirupo, genera una nebbia di gocce d'acqua che sale a oltre 1.600 metri di altezza, ed è visibile da una distanza di 40 km.
  • 3 Delta dell'Okavango — (Botswana) È il secondo più grande delta fluviale interno del mondo, dopo quello del Niger, e rappresenta uno degli ecosistemi più insoliti del pianeta. È formato dal fiume Okavango, che nasce in Angola (presso Huambo) e giunge alla foce nel deserto del Kalahari, dopo un percorso di oltre 1.000 km e l'incontro con numerosi affluenti. Complessivamente, il fiume porta ogni anno circa 11 chilometri cubi di acqua, che vengono scaricati dal delta direttamente nella sabbia del Kalahari, formando una pianura alluvionale di 15.000 km² di estensione, caratterizzata da una complessa e mutevole griglia di canali, lagune e isole. Questo ambiente straordinario dà vita, ai bordi del deserto, a una fauna e una flora esuberanti e ha attirato numerosi insediamenti umani (vivono nei pressi del delta ben cinque diverse etnie).
  • 4 Merzouga — (Marocco) Una città del deserto del Sahara, famosa perché a breve distanza si trovano le grandi dune dell'Erg Chebbi, alte fino a 150 m e dai colori cangianti durante il giorno.
  • 5 Monte Kilimangiaro — (Tanzania) Il monte più alto d'Africa (5.896 m s.l.m.) è anche una delle principali destinazioni turistiche del continente. Famoso per i ghiacciai perenni che ne ricoprono la cima, destinati a sparire tra il 2030 e il 2050.
  • 6 Monte Mulanje — Un monte alto 3.000 m. che si erge maestoso tra le verdi pianure del Malawi meridionale. È ricoperto di foreste di cedri, purtroppo a rischio di estinzione.
  • 7 Parco nazionale Kruger — (Sudafrica) Il Kruger ospita tutti i membri del gruppo dei big five con una cifra stimata di 2500 bufali, 1000 leopardi, 1500 leoni, 5000 rinoceronti (sia neri che bianchi) e 12000 elefanti.
  • 8 Parco nazionale d'Etosha — Gli appassionati del Safari o coloro che non sono mai stati in un Safari, dovrebbero tenere presente il parco di Etosha in quanto le tariffe sono notevolmente più basse del Serengeti e in più è permesso visitare il parco a bordo del proprio veicolo senza bisogno di ricorrere ai servigi di una guida locale, proprio come per il parco nazionale Kruger in Sud Africa.
  • 9 Parco nazionale dei Virunga — (Repubblica Democratica del Congo) È famoso in quanto ospita esemplari del gorilla di montagna, una specie a rischio di estinzione. Confina con il parco nazionale dei Vulcani del Ruanda e con il parco nazionale dei Monti Rwenzori in Uganda.
  • 10 Parco nazionale del Serengeti — (Tanzania) Dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1981, il Serengeti è, con tutta probabilità, il più famoso dei parchi africani, considerato, non a caso, una delle sette meraviglie del mondo. Uno degli eventi più emozionanti che si svolgono ogni anno al Serengeti, è la grande migrazione degli gnu cui si aggiungono zebre, gazzelle, antilopi e attrae predatori, soprattutto leoni.
  • 11 Parco nazionale di Namib-Naukluft — Esteso sul deserto della Namibia meridionale, è il più grande parco nazionale d'Africa. Le suggestive dune arancioni di Soussusvlei costituiscono l'attrazione più famosa del parco.
  • 12 Parco nazionale di Nyika — (Malawi) Copre gran parte di un altopiano a oltre 2.000 m s.l.m. ed è consigliato per il trekking e la mountain bike, così come per le escursioni 4x4. La vegetazione montana attira un gran numero di antilopi e zebre nella parte più alta dell'altopiano. Si dice che il parco abbia una delle più alte densità di leopardi in Africa centrale, ma essendo animali notturni, non si può sperare di avvistarli. Il parco è rinomato anche per la flora, in particolare per le orchidee.
  • 13 Parco nazionale impenetrabile di Bwindi — (Uganda) Famoso perché permette l'avvistamento dei gorilla di montagna ma la tariffa di accesso è elevata e il tempo da trascorrere con un gruppo di gorilla è limitato a un'ora.

Vedi anche lista dei Parchi nazionali in Africa.

Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

Rete autostradale africana

La rete autostradale trans-africana è un sistema di strade transcontinentali, risultato di un progetto congiunto dell'UNECA, della Banca di Sviluppo Africana e dell'Unione africana insieme alle comunità regionali ed internazionali.

La rete, nel suo progetto completo, tocca tutte le nazioni continentali dell'Africa tranne il Burundi, l'Eritrea, la Somalia, la Guinea Equatoriale, il Lesotho, il Malawi, il Ruanda ed [[eSwatini]. Di queste, però, Malawi, Lesotho ed eSwatini hanno costruito strade collegate alla rete, e questa si avvicina molto ai confini delle altre.

Sono state progettate nove autostrade, di cui sei in direzione est-ovest, e tre in direzione nord-sud; una quarta autostrada nord-sud è costituita dall'unione di alcuni tratti di due autostrade est-ovest.

Autostrade est-ovest[modifica]

Partendo da quelle più settentrionali, abbiamo:

  • Schild TAH1.svg Autostrada trans-africana 1 (Trans-African Highway 1, TAH 1), Cairo-Dakar, 8.636 km: autostrada principalmente costiera, corre lungo la costa mediterranea del Nordafrica e continua lungo la linea atlantica della zona nord-occidentale del continente; sostanzialmente completa, nonostante il tratto al confine fra Marocco ed Algeria sia chiuso. Si unisce alla TAH 7 nel formare un'autostrada supplementare, in direzione nord-sud, che si snoda lungo la zona ovest dell'Africa.
  • Schild TAH5.svg Autostrada trans-africana 5 (Trans-African Highway 5, TAH 5), Dakar-N'Djamena, 4.496 km: anche nota come Trans-Sahelian Highway (Autostrada trans-saheliana), collega i Paesi della zona occidentale del Sahel, ed è completa per l'80% circa.
  • Schild TAH6.svg Autostrada trans-africana 6 (Trans-African Highway 6, TAH 6), N'Djamena-Gibuti, 4.219 km: prolungamento della TAH 5, prosegue lungo la zona orientale del Sahel fino al porto di Gibuti, sull'Oceano Indiano. Il percorso congiunto della TAH 5 e della TAH 6 era stato inizialmente progettato nella prima fase del Novecento dai francesi, durante il loro periodo di Impero coloniale francese.
  • Schild TAH7.svg Autostrada trans-africana 7 (Trans-African Highway 7, TAH 7), Dakar-Lagos, 4.010 km: altrimenti conosciuta come Trans-West African Coastal Road (Autostrada costiera trans-africana occidentale), è completa per l'80%. Si unisce con la TAH 1 per formare un'autostrada nord-sud addizionale che si dipana lungo il fianco occidentale del continente africano.
  • Schild TAH8.svg Autostrada trans-africana 8, (Trans-African Highway 8, TAH 8), Lagos-Mombasa, 6.259 km: contigua con la TAH 7, forma con essa una colossale via di comunicazione di 10.269 km che taglia trasversalmente il continente, in direttiva est-ovest. La metà orientale dell'autostrada è completa nei tratti che attraversano il Kenya e L'Uganda, dove è localmente conosciuta come Autostrada trans-Africa. La sua estremità orientale in Nigeria, Camerun e Repubblica Centrafricana è quasi completa, ma una lunga mancanza nella zona della Repubblica Democratica del Congo, nella zona intermedia della via, impedisce quasi ogni utilizzo pratico della stessa.
  • Schild TAH9.svg Autostrada trans-africana 9, (Trans-African Highway 9, TAH 9), Beira-Lobito, 3.523 km: sostanzialmente completa, escludendo alcune zone del settore orientale, ma nella zona occidentale il tratto fra l'Angola e il Congo centro-meridionale richiede manutenzione.

Autostrade nord-sud[modifica]

Partendo da quelle più occidentali, abbiamo:

  • Schild TAH2.svg Autostrada trans-africana 2, (Trans-African Highway 2, TAH 2), Algeri-Lagos, 4.504 km: anche conosciuta col nome di Trans-Sahara Highway (Autostrada Trans-Sahara), è pressoché completa, benché manchino 200 km di traccia nel deserto da asfaltare, ma i controlli di sicurezza ai confini delle nazioni ne restringono l'uso.
  • Schild TAH3.svg Autostrada trans-africana 3, (Trans-African Highway 3, TAH 3), Tripoli-Windhoek-(Città del Capo), 10.808 km: questa è l'autostrada con più tratti mancanti, e che richiede una massiccia opera di ricostruzione, dato che solo i tratti di percorrenza nazionale in Libia, Camerun, Angola, Namibia e Sudafrica possono essere utilizzati. Inizialmente, il tratto sudafricano non era incluso nel progetto, poiché l'opera è stata progettata nei tempi dell'Apartheid, ma successivamente si è ufficializzato il prolungamento del percorso sino a Città del Capo.
  • Schild TAH4.svg Autostrada trans-africana 4 (Trans-African Highway 4, TAH 4), Il Cairo-Gaborone-(Città del Capo), 10.228 km: il recente completamento del tratto da Dongola a Wadi Halfa nel Sudan settentrionale e del passaggio di confine presso Galabat, nell'Etiopia settentrionale lascia due soli tratti ancora da completare: fra Isiolo e Moyale nel Kenya settentrionale (tratto soprannominato "La strada per l'inferno" dai viaggiatori) e la sezione ghiaiosa attraverso Dodoma nella Tanzania centrale. L'attraversamento stradale del confine fra Egitto e Sudan è tuttora proibito, e nonostante il tratto stradale egiziano, dalla città di Aswan arrivi fino al confine con il Sudan, esso è proibito e per arrivare a Wadi Halfa, si usa un unico obsoleto traghetto che con cadenza settimanale (parte ogni lunedì), attraversa il lago Nasser. Come per la TAH 3, il Sudafrica non era originariamente incluso nel percorso per la presenza dell'Apartheid, ma è stato confermato che l'autostrada correrà sino a Pretoria e Città del Capo. Ad esclusione del tratto etiope, la strada coincide quasi del tutto con il grande progetto della "Cape to Cairo Road", ovvero il sogno dell'impero coloniale inglese di collegare i suoi possedimenti africani, attraverso una colossale via di comunicazione che collegasse Il Cairo con Città del Capo, un sogno che oggi è vicino a concretizzarsi.

Cosa vedere[modifica]

Siti archeologici
  • El Jem (Tunisia) — Famosa per l'anfiteatro romano in grado di ospitare 35 000 spettatori seduti. Solo il Colosseo di Roma, con più di 50 000 posti a sedere, ed il teatro di Santa Maria Capua Vetere erano più capienti.
  • 8 Lalibela (Etiopia
  • 10 Grande Zimbabwe (Zimbabwe) —


Vedi anche[modifica]

Vedi anche: America del Nord, America del Sud, Asia, Europa, Oceania, Nazioni dalla A alla Z

Altri progetti

Stati dell'Africa

bandiera Algeria · bandiera Angola · bandiera Benin · bandiera Botswana · bandiera Burkina Faso · bandiera Burundi · bandiera Camerun · bandiera Capo Verde · bandiera Ciad · bandiera Comore · bandiera Costa d'Avorio · bandiera Egitto · bandiera Eritrea · bandiera eSwatini · bandiera Etiopia · bandiera Gabon · bandiera Gambia · bandiera Ghana · bandiera Gibuti · bandiera Guinea · bandiera Guinea-Bissau · bandiera Guinea Equatoriale · bandiera Kenya · bandiera Lesotho · bandiera Liberia · bandiera Libia · bandiera Madagascar · bandiera Malawi · bandiera Mali · bandiera Marocco · bandiera Mauritania · bandiera Mauritius · bandiera Mozambico · bandiera Namibia · bandiera Niger · bandiera Nigeria · bandiera Repubblica Centrafricana · bandiera Repubblica del Congo · bandiera Repubblica Democratica del Congo · bandiera Ruanda · bandiera São Tomé e Príncipe · bandiera Senegal · bandiera Seychelles · bandiera Sierra Leone · bandiera Somalia · bandiera Sudafrica · bandiera Sudan · bandiera Sudan del Sud · bandiera Tanzania · bandiera Togo · bandiera Tunisia · bandiera Uganda · bandiera Zambia · bandiera Zimbabwe

Stati de facto indipendenti: bandiera Somaliland

Territori con status indefinito: bandiera Sahara Occidentale

Dipendenze francesi: FranciaFrancia (bandiera) Mayotte · FranciaFrancia (bandiera) Riunione · FranciaFrancia (bandiera) Isole Sparse dell'oceano Indiano

Dipendenze britanniche: Saint HelenaSaint Helena (bandiera) Sant'Elena, Ascensione e Tristan da Cunha

Territori africani italiani: ItaliaItalia (bandiera) Lampedusa · ITAITA (bandiera) Lampione

Territori africani portoghesi: Flag of Madeira.svg Madera (PortogalloPortogallo (bandiera) Isole Selvagge)

Territori africani spagnoli: Flag Ceuta.svg Ceuta · Flag of the Canary Islands.svg Isole Canarie · Flag of Melilla.svg Melilla · SpagnaSpagna (bandiera) Plazas de soberanía (Chafarinas · Peñón de Alhucemas · Peñón de Vélez de la Gomera · Perejil)

Territori africani yemeniti: YemenYemen (bandiera) Socotra

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.