Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Sulle tracce di Marco Polo
Mosaico di Marco Polo dal Palazzo municipale di Genova
Tipo itinerario

Marco Polo era un viaggiatore veneziano, oggi tra i più famosi al mondo, che viaggiò in Oriente, seguendo alcuni dei percorsi della Via della seta. Partì da Venezia nel 1271 e fece ritorno verso il 1295. Il suo libro Il milione, con il racconto dei suoi viaggi, è ancora noto dopo 700 anni. William Dalrymple ripercorse la rotta negli anni '80 e scrisse un libro, In Xanadu, dove ripercorre le tappe dei suoi viaggi.

Introduzione[modifica]

Marco Polo deve la sua fama a un libro che ha scritto dopo il suo ritorno. A quel tempo, vi fu un'intensa rivalità tra le grandi città commerciali di Venezia, Pisa e Genova. Il veneziano Marco Polo e il suo coautore, Rustichello da Pisa, erano entrambi prigionieri di guerra a Genova quando si incontrarono e scrissero il libro.

Il titolo originale è Il milione, ma di solito i viaggi e le vicende vengono indicate come I viaggi di Marco Polo. Si può dire che è stato il primo resoconto di un viaggio in Oriente ad essere diffuso in Europa, ed è stato il miglior riferimento sull'Asia dalla sua pubblicazione intorno al 1300 fino a quando il navigatore portoghese Vasco da Gama raggiunse l'Oriente circumnavigando l'Africa quasi 200 anni dopo. Le storie di Polo sulle ricchezze dell'Est facevano parte del motivo dei viaggi portoghesi e stimolarono anche Cristoforo Colombo.

Il libro è stato il primo in Europa a menzionare una serie di cose viste tra cui il petrolio in Iran, il carbone, la carta moneta e i vetri per le finestre dalla Cina. Alcuni sostengono che il Polo abbia introdotto gli spaghetti in Italia, ma ciò è fortemente contestato.

Questo itinerario si basa su una versione del libro scaricato dal Progetto Gutenberg. Viene descritto come: "la terza edizione integrale (1903) della traduzione annotata di Henry Yule, rivista da Henri Cordier; insieme al successivo volume di note e aggiunte di Cordier (1920)". Tutte le citazioni sono di quella versione.

Vi è una considerevole controversia accademica sul libro. Fu scritto da due italiani, ma l'originale era probabilmente in francese medievale, la lingua commerciale del giorno. Le copie più antiche conosciute risalgono a pochi decenni dopo, nonché con diverse versioni contrastanti in francese, italiano e latino. Una versione italiana successiva contiene materiale aggiuntivo, apparentemente basato sui documenti della famiglia Polo. Polo in realtà ha visto alcune delle cose di cui parla, ma per altre ripete storie di altri viaggiatori. Quali sono? Quanto ha "abbellito" la storia Rustichello? Alcuni critici sostengono che Marco non sia mai arrivato a est di Kashgar e abbia solo ascoltato storie sulla Cina centrale: infatti non menziona mai le bacchette, il tè, i piedi legati o la Grande Muraglia. Altri citano documenti mongoli che indicano che c'era davvero qualcuno di nome Polo.

Fortunatamente, vari studiosi hanno sciolto la maggior parte di questi dubbi. Qui, seguiamo semplicemente Yule e Cordier e discutiamo il percorso ignorando le controversie.

Il libro usa generalmente nomi persiani per i luoghi. E i nomi mongoli? O i cinesi? Cosa è stato perso nelle varie riscritture del testo? Nelle varie guerre? La città è ancora lì? È stata rinominata? Scriveremo il nome usato da Polo e il nome moderno. Ad esempio, Kinsay (che Yule e Cordier chiamano Hang-Chau-Fu) è Hangzhou.

Cenni storici[modifica]

Venezia

I fratelli Nicolò e Maffeo Polo erano dei commercianti veneziani. Un fratello aveva una moglie a casa, ma lavoravano principalmente da Acri (una città crociata che oggi si trova nel nord di Israele) e Costantinopoli (la moderna Istanbul), che allora Venezia governava. Dal 1260 al 1269, i fratelli fecero un viaggio in Estremo Oriente. Nel loro secondo viaggio, a partire dal 1271, portarono Marco, il figlio adolescente di Nicolò.

La famiglia aveva forti legami con l'isola adriatica di Curzola vicino a Dubrovnik, poi divenuto possedimento veneziano. Sembra probabile che Marco sia nato lì, anche se è cresciuto principalmente a Venezia. Curzola sta cercando di sviluppare il turismo e ci sono alcuni musei e monumenti legati a Marco Polo. Ovviamente, ce ne sono anche alcuni a Venezia.

Alcune citazioni dal commento di Yule e Cordier, sulla situazione politica ed economica quando i Polo sono partiti:

« La cristianità si era ripresa dall'allarme in cui era stata lanciata circa 18 anni prima quando il cataclisma Tartaro aveva minacciato di inghiottirla. Il fragile trono latino di Costantinopoli era ancora in piedi, ma vacillava fino alla sua caduta. I successori dei crociati detenevano ancora la costa della Siria da Antiochia a Giaffa. Le gelosie delle repubbliche commerciali italiane aumentavano di giorno in giorno. Alessandria era ancora... il grande emporio di merci indiane, ma le strutture fornite dai conquistatori mongoli che ora tenevano l'intero tratto dal Golfo Persico alle rive del Caspio e del Mar Nero, o quasi, stavano cominciando a dare un grande vantaggio ai percorsi delle carovane.

In Asia e nell'Est Europa a malapena un cane poteva abbaiare senza il permesso mongolo, dai confini della Polonia... al... Mar Giallo. Il vasto impero che Chinghiz aveva conquistato... si stava dividendo in diverse grandi monarchie... e si stavano già preparando guerre su vasta scala. »

"Chinghiz" è un'ortografia alternativa per Genghis Khan. Le "guerre su vasta scala" hanno coinvolto i suoi discendenti in lotta per il potere quando l'impero si è dissolto.

Come arrivare[modifica]

Tappe[modifica]

Il primo viaggio ad est[modifica]

I fratelli partirono da Costantinopoli (la moderna Istanbul) nel 1260 e salparono per il Mar Nero fino a Soldaia (ora 1 Sudak) in Crimea. All'epoca Soldaia era in gran parte una città greca e commerciava abitualmente con vari porti del Mediterraneo.

« Apparteneva all'impero greco e aveva una considerevole popolazione greca. Dopo la conquista franca del 1204, apparentemente cadde nelle mani di Trebisonda. »

Si può ancora prendere una barca da Istanbul a Trebisonda nella Turchia orientale; una variante dell'itinerario da Istanbul a Nuova Delhi via terra lo utilizza. Potrebbero esserci anche navi per Sudak o la vicina Sebastopoli.

« Fu presa dai mongoli nel 1223... verso la metà del secolo, i veneziani vi stabilirono una fabbrica... Ibn Battuta... racconta su Sudak come uno dei quattro grandi porti del mondo. »
Il porto di Sudak

Ibn Battuta era un viaggiatore marocchino che partì a est nel 1325 e scrisse anche dei suoi viaggi.

« I genovesi ottennero Soldaia nel 1365 e costruirono poderose difese, ancora visibili. »
I viaggi dei fratelli Polo e di Marco

In questo periodo le grandi città commerciali di Genova, Venezia e Pisa dominavano il mondo mediterraneo. Una delle attrazioni turistiche della moderna Sudak sono le rovine di una fortezza genovese.

Laddove i fratelli divennero più audaci della maggior parte degli altri commercianti fu il fatto di continuare oltre Soldaia, più in profondità ossia nel territorio mongolo. Andarono nel Caucaso a Saraj, capitale di questa parte dell'Impero Mongolo, vicino alla moderna Astrachan', in Russia. Poi scoppiò una guerra tra fazioni mongole, impedendo un ritorno a ovest.

Incapaci di andare a ovest, i fratelli si diressero a est verso la grande città di 2 Bukhara, che come ogni altra città in Asia centrale era stata conquistata dai mongoli una generazione prima.

« Dopo aver superato il deserto, arrivarono in una città molto grande e nobile chiamata BOCARA... La città è la migliore in tutta la Persia.

... fino alla conquista di Chinghiz, Bukhara, Samarcanda, Balkh, ecc., erano considerate appartenenti alla Persia. »

Chinghiz è Genghis Khan.

Bukhara

Oggi Bukhara e Samarcanda sono città dell'Uzbekistan e Balkh è una città con alcune rovine interessanti nel nord dell'Afghanistan. L'impero persiano era una volta molto più grande del moderno Iran, compresa gran parte dell'Asia centrale. I fratelli vissero a Bukhara per tre anni e impararono in maniera fluente il persiano.

A Bukhara impararono anche che il Gran Khan, Kublai - nipote di Gengis e, almeno in teoria, signore di tutti i mongoli - non aveva mai incontrato un europeo e aveva espresso curiosità e benevolenza nei loro confronti. Quindi proseguirono, viaggiando per Samarcanda, Kashgar, 3 Turfan e 4 Kumul o Hami (il ramo settentrionale della via della seta) verso la sua capitale estiva Xanadu, a nord-ovest della moderna Pechino.

I Khan li accolsero calorosamente e li rimandarono a ovest con lettere per il papa, espressioni di amicizia e richieste di missionari e studiosi.

« I Fratelli arrivarono ad Acri nel... 1269 e scoprirono che non esisteva alcun Papa, perché Clemente IV era morto... e non si erano tenute nuove elezioni. Quindi tornarono a casa a Venezia per vedere come stavano le cose dopo la loro assenza di tanti anni.

La moglie di Nicolò non era più tra i vivi, ma trovò suo figlio Marco un bel ragazzo di quindici anni. »

Durante il secondo viaggio, i fratelli portarono con sé il giovane Marco.

Il secondo viaggio[modifica]

Percorso di Marco Polo

I fratelli tornarono ad Acri, questa volta con il giovane Marco, e poi su verso 1 Gerusalemme per ottenere un po' d'olio dal santo sepolcro che il Khan aveva richiesto. Quindi ripartirono verso est senza una risposta papale alle lettere del Khan.

Giunse loro finalmente la notizia che era stato eletto un papa e che era il loro amico Teobaldo, legato pontificio ad Acri. Ritornarono ad Acri, ricevettero le risposte alle lettere e si diressero di nuovo alla corte di Kublai alla fine del 1271. Avevano le lettere dal Papa e due frati invece dei 100 studiosi che il Khan aveva richiesto, ma i frati presto tornarono indietro. È interessante speculare su come la storia avrebbe potuto essere diversa se il Papa avesse inviato i 100 studiosi richiesti o anche se i frati l'avevano messa in evidenza. Il Khan ha anche invitato studiosi e missionari di altri luoghi - buddisti tibetani e musulmani persiani - e questi hanno avuto un grande effetto culturale sulla Cina.

La loro rotta era indiretta, partendo dal Mediterraneo da 2 Kayseri ed 3 Erzurum nell'attuale Turchia orientale, attraverso parti dell'Armenia e della Georgia fino a 4 Mosul in quello che oggi è l'Iraq:

« Mosul è uno grande reame, ove è molte generazioni di genti, le quali vi conterò incontenente. E v’à una gente che si chiamano arabi, ch’adorano Malcometto; un’altra gente v’à che tengono la legge cristiana, ma no come comanda la chiesa di Roma, ma fallano in piú cose. Egli sono chiamati nestorini e iacopi, egli ànno uno patriarca che si chiama Iacolic, e questo patriarca fa vescovi e arcivescovi e abati; e fagli per tutta India e per Baudac e per Acata, come fa lo papa di Roma [...]

E tutti li panni di seta e d’oro che si chiamano mosolin si fanno quivi, e li grandi mercatanti che si chiamano mosolin sono di quello reame di sopra. [...] »

(cap. 23 Del reame di Mosul)

quindi in Persia (ora noto come Iran) via 5 Tabriz, Yazd e 6 Kerman a Hormuz. Il libro parla di Damasco e Baghdad, ma vi è un dubbio sul fatto che abbiano effettivamente visitato quelle città.

Iran[modifica]

Giunti in Persia, l'attuale Iran passarono dalla città di 7 Saveh che Marco chiama Saba dove secondo la tradizione partirono i Re Magi per portare i doni a Gesù bambino, racconta inoltre d'aver visto anche la loro tomba:

« In Persia è la città ch'è chiamata Saba, da la quale si partiro li tre re ch'andaro adorare Dio quando nacque. In quella città son soppeliti gli tre Magi in una bella sepoltura, e sonvi ancora tutti interi con barba e co' capegli: l'uno ebbe nome Beltasar, l'altro Gaspar, lo terzo Melquior. Messer Marco dimandò più volte in quella cittade di quegli III re: niuno gliene seppe dire nulla, se non che erano III re soppelliti anticamente. »
(cap. 30 De la grande provincia di Persia: de' 3 Magi)
Yazd

Il viaggio prosegue verso sud viaggiando in carovana passando poi da 8 Yazd.

« Iadis [Yazd] è una cittade di Persia molto bella, grande, e di grandi mercatantie. Quivi si lavora drappi d’oro e di seta, che si (chi)ama ias[d]i, e che si portano per molte contrade. Egli adorano Malcometto. »
(Il Milione capitolo 33)

Dopo Yazd proseguono in direzione di 9 Hormuz nel Golfo Persico. Oggi la città è sparita ma lo Stretto di Hormuz compare ancora nei telegiornali a causa delle tensioni geopolitiche. La città moderna più vicina è Bandar Abbas, capitale della provincia iraniana di Hormuzgan.

« Passate due giornate, è lo mare Oziano e ’n su la ripa è una città con porto, ch’à nome Cormos [Hormuz], e quivi vegnono d’India per navi tutte ispezzerie, drappi d’oro e (denti di) leofanti (e) altre mercatantie assai; e quindi le portano li mercatanti per tutto lo mondo. Questa è terra di grande mercatantia; sotto di sé àe castella e cittadi assai, perch’ella è capo de l(a) provincia; lo re à nome Ruccomod Iacomat. Quivi è grande caldo; inferma è la terra molto, e se alcuno mercatante d’altra terra vi muore, lo re piglia tutto suo avere. »
(Il milione capitolo 36)

Il piano originale era di prendere una nave ad est di Hormuz, ma dopo aver raggiunto Hormuz decisero invece di spostarsi a nord. Successivamente sarebbero arrivati a Hormuz via mare, prendendo la Via della seta marittima durante il viaggio di ritorno.

« Creman [Kerman] è uno regno di Persia che solea avere signore per eredità, ma poscia che li Tartari lo presero, vi màndaro signore cui loro piace. E quivi nasce la pietra chiamata turchies[ch]e in grande quantità, che si cavano de le montagne; e ànno [vene] d'acciaio e d'andan(i)co assai. Lavorano bene tutte cose da cavalieri, freni, selle e tutte arme e arnesi. Le loro donne lavorano tutte cose a seta e ad oro, a ucelli e a bestie nobilemente, e lavorano di cortine e d'altre cose molto riccamente, e coltre e guanciali e tutte cose. Ne le montagne di questa contrada nasce li migliori falconi e li più volanti del mondo, e sono meno che falconi pelegrini: niuno uccello no li campa dinanzi. »
(Il Milione capitolo 34)

Asia centrale[modifica]

Paesaggio del Karakorum

I tre uomini tornarono a Kerman e nella provincia orientale dei Khorasan in Persia. Questa deviazione li ha immessi sulla via principale della Via della seta. Il ramo che prendevano riguardava il Nordest di 10 Balkh, capitale della Battria. Marco cita anche di 11 Samarcanda da dove probabilmente hanno poi preso la difficile strada lungo il 12 corridoio del Vacan per raggiungere quella che oggi è la Strada del Karakorum, nelle aree settentrionali dell'odierno Pakistan che parte 13 Kashgar nella parte orientale della Cina nella regione dello Xinjiang.

Kashgar oggi
« Casciar fue anticamente reame; aguale è al Grande Kane; e adorano Malcometto. Ell’à molte città e castella, e la magiore è Casciar; e sono tra greco e levante. È vivono di mercatantia e d’arti. Egli ànno begli giardini e vigne e possessioni e bambagie assai; e sonvi molti mercanti che cercano tutto il mondo. È sono gente scarsa e misera, ché male mangiano e mal beono. Quivi dimorano alquanti cristiani nestorini, che ànno loro legge e loro chiese; e ànno lingua per loro. »
(cap. 50 Del reame di Casciar)

Nestorio fu arcivescovo di Costantinopoli nel V secolo. Insegnò che gli aspetti umani e divini di Cristo erano due nature distinte, non unificate. Il suo insegnamento fu condannato al Concilio di Efeso nel 431, ma sopravvisse nella chiesa assira che fu sostenuta dall'impero persiano come alternativa alla chiesa bizantina. I Nestoriani erano piuttosto attivi come missionari in Oriente, arrivando fino alla Corea. Ci sono reliquie in tutta l'Asia centrale e in Cina, in particolare una stele a Xi'an.

Da lì, il loro percorso non è del tutto chiaro; molto probabilmente andarono via Srinagar e Leh, quindi presero il passo a nord da lì. In ogni caso hanno raggiunto Hotan in quello che ora è lo Xinjiang. I fratelli avevano preso il ramo settentrionale della Via della Seta intorno al deserto di Kalimakan durante il viaggio precedente. Hotan è nel mezzo del ramo meridionale, quindi naturalmente continuarono ad est su quel ramo.

Viaggi in Cina[modifica]

Raggiunsero le capitali del Khan e furono accolti calorosamente. La capitale invernale fu allora chiamata Khánbálik o Canbulac, che significa accampamento del Khan; successivamente divenne Pechino. La capitale estiva era a nord-ovest di Pechino attraverso la Grande Muraglia, vicino a una città chiamata Kaimenfu. Il palazzo stesso era Shangtu o Xanadu. Molto più tardi, il libro di Polo ispirerà Coleridge:

« A Xanadu ha fatto Kubla Khan
Un maestoso decreto sulla cupola del piacere;
Dove Alph, il fiume sacro scorreva,
Attraverso caverne non misurabili per l'uomo
Giù in un mare senza sole. »
Genghis Khan

La sintesi di Yule e Cordier sulla situazione della Cina al momento è la seguente:

« Per circa tre secoli le province settentrionali della Cina erano state... soggette a dinastie straniere; prima il Khitan... la cui regola è sopravvissuta per 200 anni, e ha dato origine al nome... CATHAY, con cui per quasi 1000 anni la Cina è stata conosciuta. Il Khitan... era stato spostato nel 1123 dai Chúrchés... dello stesso sangue del moderno Manchù. Già nella vita di Chinghiz stesso le province settentrionali della Cina propria, compresa la loro capitale Pechino era stata strappata e la conquista della dinastia fu completata dal successore di Chinghiz, Okkodai, nel 1234. »

"Chingiz" è Genghis Khan. La Cina è ancora "Kithai" nel russo moderno. Un'altra romanizzazione di "Chúrchés" è "Jurchen".

« La Cina meridionale rimase ancora nelle mani della dinastia nativa dei Sung, che avevano la loro capitale nella grande città ora conosciuta come Hang-chau fu. Il loro dominio era ancora sostanzialmente intatto, ma la sua sottomissione era un compito al quale Kúblái prima di molti anni rivolse la sua attenzione e che divenne l'evento più importante del suo regno. »

I "Sung" sono anche chiamati "Song meridionali". "Hang-chau fu" è Hangzhou.

« Kúblái accolse i veneziani con grande cordialità e prese gentilmente il giovane Marco,... [e] iniziò a impiegarlo nel servizio pubblico. »

Quando i Polo raggiunsero la Cina per la seconda volta, i Khan avevano soggiogato la Cina meridionale, che il libro chiama "Manzi". Tuttavia, aveva bisogno di funzionari che lo aiutassero a governarlo e non si fidava ancora dei cinesi appena conquistati. Insieme a molti altri, Marco divenne un ufficiale dell'impero, un lavoro che presto lo fece viaggiare in gran parte della Cina.

« Apparentemente la sua prima missione fu quella che lo portò attraverso le province di Shan-si, Shen-si e Sze-ch'wan, e il paese selvaggio nell'est del Tibet, nella remota provincia di Yun-nan. »

Le province menzionate sono moderne Shanxi, Shaanxi, Sichuan e Yunnan. Marco ha visitato molte città lungo la strada; ecco i suoi commenti su alcuni luoghi.

Taiyuan[modifica]

Taiyuan oggi

14 Taiyuan è la capitale dello Shanxi. L'area ha ferro e carbone e produce acciaio. Marco Polo fa menzione anche della vasta produzione di vino e seta.

« E di capo di questa provincia ove noi siamo venuti è una cittá c’ha nome Tinafu (Taianfu), ove si fa mercatanzia e arti assai; e quivi si fanno molti fornimenti che bisognano ad oste del gran sire. Quivi hae molto vino, e per tutta la provincia del Cattai non ha vino se non in questa cittá; e questa ne fornisce tutte le Provincie d’intorno. Quivi si fa molta seta, perochè v’ha molti mori gensi e molti vermini che la fanno. »
(cap. 186, Del reame di Taiamfu)

Xi'an[modifica]

Xi'an

15 Xi'an è il capoluogo dello Shaanxi nonché una delle città lungo la via della seta.

« Quando l’uomo à cavalcato queste 8 giornate, l’uono truova la nobile città di Quegianfu, la quale è nobile e grande, e è capo del reame di Quegianfu, che anticamente fue buono reame e potente. Aguale n’è signore il figliuolo del Grande Sire, che Mangala è chiamato, e àe corona.

Questa terra è di grandi mercatantie, e èvi molte gioe; quivi si lavora drappi d’oro e di seta di molte maniere, e di tutti fornimenti da oste.

Egli ànno di tutte cose che a uomo bisogna per vivere in grande abondanza, e per grande mercato. La villa è a ponente, e sono tutti idoli. E di fuori de la terra è ’l palagio di Mangala re, ch’è cosí bello com’io vi dirò. Egli è in uno grande piano, ov’è fium’e lago e padule e fontane assai. Egli à d’atorno un muro che gira bene 5 miglie, e è tutto merlato e bene fatto; e in mezzo di questo muro è il palagio, sí bello e sí grande che non si potrebbe meglio divisare; egli à molte belle sale e belle camere tutte dipinte ad oro battuto. Questo Mangala mantiene bene suo reame in grande giustia e ragione, e è molto amato. Quivi è grandi solazzi di cacciare. »

(Cap. 110 De la città di Quegianfu)

Chengdu[modifica]

Una vecchia immagine di Chengdu

16 Chengdu situata nel sud-ovest della Cina, è il capoluogo del Sichuan.

« E la maestra città à nome Sardanfu, la quale fue anticamente grande città e nobile, e fuvi entro molto grande e ricco re; ella giròe intorno bene 20 miglie. [...]

E sappiate che per mezzo questa villa passa un grande fiume d’acqua dolce, ed è largo bene mezzo miglio, ove à molti pesci, e va fino al mare Aziano, e àvi bene da 80 a 100 miglie, e è chiamato Quinianfu. In su questo fiume àe grande quantità di città e di castella, e àvi tante navi ch’a pena si potrebbe credere, chi nol vedesse; e v’à tanta moltitudine di mercatanti che vanno súe e giuso, ch’è una grande meraviglia. E ’l fiume è sí largo che pare uno mare a vedere, e non fiume.
E dentro da la città su questo fiume è uno ponte tutto di pietre, e è lungo bene uno mezzo miglio e largo 8 passi. Su per lo ponte àe colonne di marmore che sostegnono la copritura del ponte; ché sappiate ch’egli è coperto di bella copritura, e tutto dipinto di belle storie. E àvi suso piú magioni, ove si tiene molta mercatantia ed arti; ma sí vi dico che quelle case sono di legno, che la sera si disfanno e la mattina si rifanno. E quiv’è lo camarlingo del Grande Sire, che riceve lo diritto de la mercatantia che si vende su quel ponte; e sí vi dico che ’l diritto di quello ponte vale l’anno bene 1.000 bisanti d’oro. »

(Cap. 113 De Sardanfu)

Tibet[modifica]

Un mastino tibetano, descritto da Marco Polo

Marco Polo descrive anche la regione del 17 Tibet, scrivendo che si parla una lingua diversa rispetto alla Cina e si pratica l'astrologia.

« Tebet è una grandissima provincia, e ànno loro linguaggio; e sono idoli e confinano co li Mangi e co molte altre province. Egli sono molti grandi ladroni. E è sí grande, che v’à bene 8 reami grandi, e grandissima quantità di città e di castella. E v’à in molti luoghi fiumi e laghi e montagne ove si truova l’oro di paglieola in grande quantità. E in questa provincia s’espande lo coraglio, e èvi molto caro, però ch’egli lo pongono al collo di loro femine e de’ loro idoli, e ànnolo per grande gioia. E ’n questa provincia à giambellotti assai e drappi d’oro e di seta; e quivi nasce molte spezie che mai non furo vedute in queste contrade. E ànno li piú savi incantatori e astorlogi che siano in quello paese, ch’egli fanno tali cose per opere di diavoli che non si vuole contare in questo libro, però che troppo se ne maraviglierebbero le persone. E sono male costumati. Egli ànno grandissimi cani e mastini grandi com’asini, che sono buoni da pigliare bestie salvatiche; egli ànno ancora di piú maniere di cani da cacc[ia]. E vi nasce ancora molti buoni falconi pellegrini e bene volanti. »
(cap. 115 Ancora de la provincia di Tebet)

Yunnan[modifica]

Monti dello Yunnan

18 Yunnan è la provincia nell'estremo sud-ovest della Cina.

« Quin’àe mercatanti e artefici. La legge v’è di piú maniere: chi adora Maomett[o] e chi l’idoli, e chi è cristiano nestorino. E v’à grano e riso assai; ed è contrada molto inferma, perciò mangiano riso. Vino fanno di riso e di spezie, ed è molto chiaro e buono, ed inebria tosto come ’l vino. Egli spendono per moneta porcellane bianche che si truovano nel mare e che si ne fanno le scodelle, e vagliono le 80 porcelane un saggio d’argento, che sono due viniziani grossi, e gli otto saggi d’argento fino vagliono un saggio d’oro fino. Egli ànno molte saliere, onde si cava e faie molto sale, onde si ne fornisce tutta la contrada; di questo sale lo re n’à grande guadagno. È non curano se l’uno tocca la femina dell’altro, pure che sia sua volontà de la femina. »
(cap. 117 De la provincia di Caragian)

Dallo Yunnan poi tornò facendo un anello verso Chengdu, probabilmente attraverso lo Guizhou.

Gli ultimi viaggi[modifica]

Riguardo agli altri viaggi di Marco, Yule e Cordier scrivono:

« Marco si mosse rapidamente a favore... ma raccogliamo pochi dettagli sui suoi impieghi. Un tempo sappiamo che ha ricoperto per tre anni il governo della grande città di Yang-chau... passando un anno a Kan-chau a Tangut... visitando Kara Korum, l'antica capitale dei Kaan in Mongolia... a Champa o nel sud di Cochin in Cina e... in missione nei mari indiani, quando sembrava aver visitato diversi stati del sud dell'India. »

Yang-chau è 19 Yangzhou nel Jiangsu. La moderna città di 20 Karakorum, a sud-est dell'attuale capitale della Mongolia, Ulan Bator, vi sono due città in rovina nelle vicinanze, una la capitale mongola visitata da Polo e l'altra la capitale uigura di pochi secoli prima. Champa era un regno in quello che oggi è il Vietnam.

I Tangut o Xia occidentali erano un popolo di origine prevalentemente tibetana, originario del Sichuan occidentale. Per diverse centinaia di anni prima della conquista mongola avevano un regno buddista indipendente ma che rendeva omaggio all'imperatore. Era incentrato nell'attuale 21 Ningxia, ma al suo apice era molto più grande di Ningxia ed era piuttosto ricca. Fu il primo regno non cinese in cui entrò andando ad ovest sulla via della seta. Ci sono tombe dei reali Tangut vicino a Yinchuan, la loro capitale. Gran parte dell'arte nelle grotte buddiste di Dunhuang proviene dallo Xia occidentale.

Pechino[modifica]

22 Pechino, l'attuale capitale della Cina era chiamata da Marco Polo Canblau o Cambaluc. Non molto della città di allora (della dinastia Yuan) sopravvive nella moderna Pechino. La maggior parte dei monumenti famosi furono costruiti dai loro successori, la dinastia Ming (1368-1644).

Le navi cinesi
un'imbarcazione cinese del 1400

Marco descrive nel dettaglio le navi cinesi:

« Sapiate ch’elle sono d’un legno chiamato abeta e di zapino, ell’ànno una coverta, e ’n su questa coperta, ne le piúe, à ben 40 camere, ove in ciascuna può stare un mercatante agiatamente. E ànno uno timone e 4 àlbori, e molte volte vi giungono due àlbori che si levano e pognono... Queste navi voglion bene 200 marinai, ma elle sono tali che portano bene 5.000 sporte di pepe [...] È vogano co remi; a ciascun remo si vuole 4 marinai, e ànno queste navi ta’ barche, che porta l’una ben 1.000 sporte di pepe. »
(cap. 154 Qui conincia tutte le maravigliose cose de l'India)

Sono molto più grandi delle navi europee dell'epoca e il sistema di scomparti a tenuta stagna era molto più avanti dei metodi conosciuti. I cinesi navigavano abitualmente in India, Arabia e persino nell'Africa orientale diverse centinaia di anni prima dei grandi esploratori europei, e arabi e persiani salpavano per la Cina.

« Dacché v’ò contato de’ palagi, sí vi conterò de la grande città de Canblau, ove sono questi palagi e perché fu fatta, e come egli è vero che apresso a questa città n’avea un’altra grande e bella, e avea nome Garibalu, che vale a dire in nostra lingua ’la città del signore’. E ’l Grande Kane, trovando per astorlomia che questa città si dovea ribellare [e] dare grande briga a lo ’mperio, e però lo Grande Kane fece fare questa città presso a quella, che non v’è in mezzo se non uno fiume. E fece cavare la gente di quella città e mettere in quest’altra, la quale è chiamata Canblau.

Questa città è grande in giro da 24 miglie, cioè 6 miglia per ogni canto, e è tutta quadra, che non à piú dall’uno lato che da l’altro. Questa città è murata di terra e sono grosse le mura 10 passi e alte 20, ma non sono cosí grosse di sopra come di sotto, perché vegnono sí asottigliando che di sopra sono grosse da 3 passi; e sono tutte merlate e bianche. E quivi àe 10 porti, e ’n su ciascuna porta àe uno grande palagio, sicché su ciascuna quadra àe 3 porti e 5 palagi. Ancora su ciascuna quadra di questo muro àe uno grande palagio, ove stanno gli uomini che guardano la terra. »

(cap. 84 Ancora d'uno palagio del nipote)
Il ponte di Marco Polo a Pechino

Nella stessa città è presente il Ponte di Marco Polo che attraversa il fiume Yongding e prende questo nome proprio dal nostro viaggiatore il quale lo vide e lo descrisse accuratamente. Ma il ponte oggi visibile non è quello originale perché esso venne ricostruito nel 1698 su ordine dell'imperatore Kangxi della dinastia Qing, nella sua forma odierna a 11 arcate.

« Qua(ndo) l’uomo si parte di Canbalu, presso lí a 10 miglie, si truova un fiume, il quale si chiama Pulinzaghiz, lo quale fiume va infino al mare Ozeano; e quinci passa molti mercata(n)ti co molta mercatantia. E su questo fiume àe uno molto bello ponte di pietre. E sí vi dico che al mondo non à un cosí fatto, perch’egli è lungo bene 300 passi e largo otto, che vi puote bene andare 10 cavalieri l’uno allato all’altro; e v’à 34 archi e 34 morelle nell’acqua; e è tutto di m[a]rmore e di colonne, cosí fatte com’io vi dirò. Egli è fitto dal capo del ponte una colonna di marmore, e sotto la colonna àe uno leone di marmore, e di sopra un altro, molto belli e grandi e ben fatti. E lungi a questa colonna un passo, n’à un’altra né piú né meno fatta, con due leoni; e dall’una colonna a l’altra è chiuso di tavole di marmore, perciò che neuno potesse cadere nell’acqua. E cosí va di lungo in lungo per tutto il ponte, sicch’è la piú bella cosa a vedere del mondo. »
(cap. 104 De la provincia del Catai)

Jinan[modifica]

23 Jinan capitale dello Shandong.

« Ciangli è una città del Catai. È sono idoli e al Grande Kane; e ànno moneta di carte. [...] Questa contrada è di grande [prode] al Grande Kane, ché per mezzo la terra vae un grande fiume, ove sempre va molta mercatantia di seta e di molta spezzeria ed altre cose. »
(cap. 129 Di Cia(n)gli)

Suzhou[modifica]

24 Suzhou è una città del dello Jiangsu, lungo la riva del Fiume Azzurro e sulle sponde del lago Taihu. La città è famosa per i suoi ponti di pietra, le pagode e gli splendidi giardini.

« Sugni è una molto nobile città. È sono idoli e al Grande Kane; moneta ànno di carte. Elli ànno molta seta e vivono di mercatantia e d’arti; molti drappi di seta fanno, e sono ricchi mercatanti. Ell’è sí grande, ch’ella gira 60 miglia, e v’à tanta gente che neuno potrebbe sapere lo novero. E sí vi dico che se fossero uomini d’arme quelli del Mangi, elli conquistebbono tutto ’l mondo; ma elli non sono uomini d’arme, ma sono savi mercatanti d’ogne cosa e sí ànno boni † ... † e naturali e savi fisolafi. E sappiate che questa città à bene 6.000 ponti di pietre, che vi paserebbe sotto o una galea o [2]. E ancor vi dico che ne le montagne di questa città nasce lo rebarbero e zezebe in grande abondanza, ché per uno veneziano grosso s’avrebbe ben 40 libbre di zezibere fresco, ch’è molto buono. Ed à sotto di sé 16 città molto grandi e di grande mercatantia e d’arti. »
(cap. 147 Della città chiamata Sugni)

Hangzhou[modifica]

Statua di Marco Polo ad Hangzhou

Marco Polo spende molte parole per questa città. Quinsai è 25 Hangzhou e Mangi è il termine di Polo per il sud della Cina, conquistato dai mongoli qualche anno prima. Hangzhou fu la capitale della dinastia Sung e rimase importante dopo che quella dinastia fu deposta dalla conquista.

« Di capo di queste tre giornate, si truova la sopranobile città di Quinsai, che vale a dire in francesco ’la città del cielo’. E conteròvi di sua nobiltà, però ch’è la piú nobile città del mondo e la migliore; e dirovi di sua nobiltà secondo che ’l re di questa provincia scrisse a Baian, che conquistò questa provincia de li Mangi [...] La città di Quinsai dura in giro 100 miglia, e à 12.000 ponti di pietra; e sotto la maggior parte di questi ponti potrebbe passare una grande nave sotto l’arco, e per gli altre bene mezzana nave. E neuno di ciò si maravigl[i], perciò ch’ell’è tutta in acqua e cerchiata d’acqua; e però v’à tanti ponti per andare per tutta la terra. »
(cap. 148 Di Quinsai)

Polo in effetti non esagera molto. Yule e Cordier citano molti visitatori successivi - persiani, arabi e gesuiti - con opinioni abbastanza simili.

Il lago dell'ovest
« Anche vi dico che verso mezzodie àe un lago che gira ben 30 miglia, e tutto d’intorno à be’ palagi e case fatte meravigliosamente, che sono di buoni uomini gentili; ed àvi monisteri e abadie d’idoli in grande quantità. Nel mezzo di questo lago à due isole: su ciascuna à uno molto bel palagio e ricco, sí ben fatto che bene pare palagio d’imperadore. E chi vòle fare nozze o convito, fàllo in questi palagi... »
(cap. 148 Di Quinsai)

Il Lago dell'ovest, nel centro della città, è ora un patrimonio mondiale dell'UNESCO. Polo fornisce una descrizione abbastanza dettagliata della città ma soprattutto dei suoi costumi:

« L’usanza de li Mangi sono com’io vi dirò. Egli è vero, quando alcuno fanciullo nasce, o maschio o femina, il padre fa scrivere i(l) die e ’l punto e l’ora, il segno e la pianeta sotto ch’egli è nato, sicché ognuno lo sa di sé queste cose. E quando alcuno vuole fare alcun viaggio o alcuna cosa, vanno a loro stérlogi, in cu’ ànno grande fede, e fannosi dire lo lor migliore.

Ancora vi dico, quando lo corpo morto si porta ad ardere, tutti i parenti si vestono di canivaccio, cioè vilmente, per dolore, e vanno cosí presso al morto, e vanno sonando stormenti e cantando loro orazioni d’idoli. Quando (sono) làe ove ’l corpo si dé ardere, e’ fanno di carte uomini, femini, camelli, danari e molte cose. Quando il fuoco è bene aceso, fanno ardere lo corpo con tutte queste cose, e credono che quel morto avràe ne l’altro mondo tutte quelle cose da divero al suo servigio; e tutto l’onore che gli è fatto in questo mondo quando s’arde, gli sarà fatto quando andrà ne l’altro per gl’idoli.
E in questa terra è ’l palagio del re che si fugío, ch’era signor de li Mangi, ch’è il piú nobile e ’l piú ricco del mondo; ed io vi ne dirò alcuna cosa. Egli gira 10 miglia; è quadrato, col muro molto grosso e alto, e atorno e dentro a questo muro sono molto belli giardini, ov’è tutti buoni frutti. Ed èvi molte fontane e piú laghi, ov’à molti buoni pesci; e nel mezzo si è ’l palagio grande e bello. »

(cap. 148 Di Quinsai)

Fuzhou[modifica]

26 Fuzhou è la capitale della provincia cinese del Fujian posta sull'estuario del fiume Min sullo stretto di Formosa.

« [O]r sapiate che questa città di Fugiu è capo del regno di Conca [...] E per lo mezzo di questa città vae un fiume largo bene un miglio. Qui si fa molte navi che vanno su per quel fiume. Qui si fa molto zucchero; qui si fa mercatantia grandi di pietre preziose e di perle, e portal[e] i mercatanti che vi vengono d’India. E questa terra è presso al porto di Catun, nel mare Ozeano: molte care cose vi sono recate d’India. Egli ànno bene da vivere di tutte cose, ed ànno be’ giardini co molti frutti, ed è sí bene ordinata ch’è maraviglia. »
(cap. 152 Della città chiamata Fugiu)

A Mawei, appena fuori Fuzhou, si costruiscono ancora navi. I francesi distrussero il luogo e gran parte della marina cinese che vi era ormeggiata alla fine del XIX secolo.

Il viaggio di ritorno[modifica]

Dopo alcuni anni, i Polo furono pronti per tornare a casa. Come dicevano Yule e Cordier:

« In ogni modo essi stavano raccogliendo ricchezza e dopo anni di esilio iniziarono a temere ciò che sarebbe potuto avvenire dopo la morte del vecchio Kublai e desideravano trasportare i loro averi e le loro teste canute al sicuro nelle lagune. L'anziano imperatore ringhiò un rifiuto a tutti i loro accenni, ma per avere una felice opportunità avremmo potuto perdere il nostro Erodoto medievale. »

A quel tempo, i mongoli governavano gran parte dell'Asia e il Gran Khan aveva vassalli in vari luoghi. Uno di questi dominava la Persia, oggi nota come Iran.

« Arghún Khan di Persia, pronipote di Kublai, nel 1286 aveva perso la moglie preferita... e... prese provvedimenti per adempiere alla sua morte secondo cui il suo posto doveva essere occupato solo da una donna della sua stessa famiglia. Gli ambasciatori furono spediti... per cercare una tale sposa... la scelta ricadde su Kokáchin, una fanciulla di 17 anni. La strada terrestre da Pechino a Tabriz non era solo di portentosa lunghezza per una persona così delicata, ma era messa in pericolo dalla guerra, quindi gli inviati desideravano tornare via mare. I tartari in generale erano estranei a tutta la navigazione; e gli inviati... implorarono il Khan di avere il favore di inviare i tre Polo come compagnia. Egli acconsentì con riluttanza, ma, dopo aver accettato, preparò nobilmente il gruppo per il viaggio, dando ai Polo dei messaggi amichevoli per i potenti d'Europa, incluso il re d'Inghilterra. »

Durante il viaggio, visitarono diversi porti importanti della Via della seta marittima.

Il grande porto di Zaiton[modifica]

Uno dei porti lungo la via di ritorno dei Polo

Nel 1292 navigarono con una flotta di 14 navi con 600 passeggeri da Zaiton nella provincia del Fujian. Si pensa che Zaiton sia l'attuale 27 Quanzhou, anche se alcuni studiosi sostengono possa essere Xiamen. Si pensa che la parola satin (raso) derivi da "Zaiton", la località originale della sua esportazione. Fu da questo porto che salpò la spedizione sfortunata di Kublai Khan contro il Giappone.

Quanzhou

La descrizione di Polo della città è lunga e dettagliata. Eccone alcuni punti salienti:

« Di capo di queste 5 giornate si truova una città ch’à nome Zartom, ch’è molto grande e nobile, ed è porto ove tutte le navi d’India fanno capo, co molta mercatantia di pietre preziose e d’altre cose, come di perle grosse e buone. E quest’è ’l porto de li mercatanti de li Mangi, e atorno questo porto à tanti navi di mercatantie ch’è meraviglia; e di questa città vanno poscia per tutta la provincia de li Mangi. E per una nave di pepe che viene in Alesandra per venire in cristentà, sí ne va a questa città 100, ché questo è l’uno de li due p[o]rti del mondo ove viene piúe mercatantia. »
(cap. 153 Di Zart[om])
« E sapiate che ’l Grande Kane di questo porto trae grande prode, perché d’ogne cose che vi viene, conviene ch’abbia 10 per 100, cioè de le diece parti l’una d’ogne cosa. Le navi si togliono per lo’ salaro di mercatantie sottile 30 per 100, e del pepe 44 per 100, e del legno aloe e de’ sandali e d’altre mercatantie grosse 40 per 100; sí che li mercatanti danno, tra le navi e al Grande Kane, ben lo mezzo di tutto. E perciò lo Grande Kane guadagna grande quantità di tesoro di questa villa. »
(cap. 153 Di Zart[om])

Il viaggio durerà due anni e costerà molte vite. Il libro dice che sopravvissero solo 18 passeggeri, ma tutti e tre i Polo e la sposa erano tra questi.

Il Giappone[modifica]

Una mappa della seconda metà del Seicento del Giappone

Polo non si è recato in visita in Giappone, ma ha fornito un resoconto abbastanza dettagliato di Cipangu o Zipangu e del fallito tentativo di invasione di Kublai Khan.

« Zipangu è una isola in levante, ch’è ne l’alto mare 1.500 miglia.
L’isola è molto grande. Le gente sono bianche, di bella maniera e elli. La gent’è idola, e no ricevono signoria da niuno se no da lor medesimi.
Qui si truova l’oro, però n’ànno assai; neuno uomo no vi va, però neuno mercatante non ne leva: però n’ànno cotanto. Lo palagio del signore de l’isola è molto grande, ed è coperto d’oro come si cuoprono di quae di piombo le chiese. E tutto lo spazzo de le camere è coperto d’oro grosso ben due dita, e tutte le finestre e mura e ogne cosa e anche le sale: no si potrebbe dire la sua valuta.
Egli ànno perle assai, e son rosse e tonde e grosse, e so’ piú care che le bianche. Ancora v’àe molte pietre preziose; no si potrebbe contare la ricchezza di questa isola. »

Giava[modifica]

Si fermarono a Ciamba, un regno in Indocina per rendere omaggio al Khan. Non è del tutto chiaro dove si trovasse, probabilmente da qualche parte nel 28 Vietnam moderno.

Paesaggio di Giava

Polo descrive l'isola di 29 Giava, ma non è chiaro se l'abbia effettivamente visitata.

« Quando l’uomo si parte di Cianba e va tra mezzodie e siloc ben 1.500 miglia, si viene a una grandissima isola ch’à nome Iava. E dicono i marinai ch’è la magior isola del mondo, ché gira ben 3.000 miglia. È sono al grande re; e sono idoli, e non fanno trebuto a uomo del mondo. Ed è di molto grande richezza: qui à pepe e noci moscade e spig[o] e galinga e cubebe e gherofani e di tutte care spezie. A quest’isola viene grande quantità di navi e di mercatantie, e fannovi grande guadagno; qui à molto tesoro che non si potrebbe contare. Lo Grande Kane no l’à potuta conquistare per lo pericolo del navicare e de la via, sí è lunga. E di quest’isola i mercatanti di Zaiton e de li Mangi n’ànno cavato e cavano grande tesoro. »
(cap. 159 Dell'isola di Iava)

Si fermarono in una città che Polo chiama Malaiur che si trovava nell'area della moderna Singapore e Malacca, ma non sembra essere stato nessuno dei due luoghi.

Sumatra[modifica]

Paesaggio di Sumatra

Successivamente, trascorsero diversi mesi a 30 Sumatra, probabilmente aspettando la stagione dei monsoni.

« Ed io Marco Polo vi dimórai 5 mesi per lo mal tempo che mi vi tenea, e ancora la tramontana no si vedea, né le stelle del maestro. È sono idoli salvatichi; e ànno re ricco e grande; anche s’apellano per lo Grande Kane. Noi vi stemmo 5 mesi; noi uscimmo di nave e facemmo in terra castella di legname, e in quelle castelle stavavamo per paura di quella mala gente e de le bestie che mangiano gli uomini. Egli ànno il migliore pesce del mondo, e non ànno grano ma riso; e non ànno vino, se non com’io vi dirò. Egli ànno àlbori che tagliano li rami, gocciolano, e quell’acqua che ne cade è vino; ed empiesine tra dí e notte un grande coppo che sta apiccato al troncone, ed è molto buono. L’àlbore è fatto come piccoli datteri, e ànno quattro rami; e quando lo troncone non gitta piúe di questo vino, elli gittano de l’acqua al piede di questo àlbore e, stando un poco, el troncone gitta; ed àvine del bianco e del vermiglio. Di noci d’India à grande abondanza; elli mangiano tutti carne e buone e reie. »
(cap. 163 Del reame di Samarra)

Sri Lanka[modifica]

Una spiaggia dello Sri Lanka

La spedizione visitò anche le isole 31 Andamane e Nicobare e lo 32 Sri Lanka (Ceylon) in rotta verso l'India.

« Quando l’uomo si parte de l’isola de Angaman e va 1.000 miglia per ponente e per gherbino, truova l’isola di Seilla, ch’è la migliore isola del mondo di sua grandezza. [...] È vanno tutti ignudi, salvo lor natura. No ànno biade, ma riso, e ànno sosimain, onde fanno l’olio, e vivono di riso, di latt’e di carne; vino fanno degli àlbori ch’ò detto (di sopra). [...] Sapiate che (’n) quest’isola nasce li nobili e li buoni rubini, e non nasciono in niuno lugo del mondo piúe; e qui nasce zafini e topazi e amatisti, e alcune altre buone pietre preziose. E sí vi dico che ’l re di questa isola àe il piú bello rubino del mondo, né che mai fue veduto; e diròvi com’è fatto. [...] La gente è vile e cattiva, e se li bisogna gente d’arme, ànno gente d’altra contrada, spezialemente saracini. »
(cap. 169 Dell'isola di Seilla)

Marco considera l'isola la più bella del mondo e si sofferma sulle pietre preziose, infine ci informa della presenza di musulmani che erano giunti nell'isola nel X secolo.

India[modifica]

Chennai

In India, ha visitato diversi luoghi sulla costa orientale tra cui la tomba di San Tommaso vicino a 33 Chennai.

« Lo corpo di santo Tomaso apostolo è nella provincia di Mabar in una picciola terra che non v’à molti uomini, né mercatanti non vi vengono, perché non v’à mercatantia e perché ’l luogo è molto divisato. Ma vèngovi molti cristiani e molti saracini in pellegrinaggio, ché li saracini di quelle contrade ànno grande fede in lui, e dicono ch’elli fue saracino, e dicono ch’è grande profeta, e chiàmallo varria, cio(è) «santo uomo».

Or sapiate che v’à costale maraviglia, che li cristiani che vi vegnono in pellegrinaggio tolgono della terra del luogo ove fue morto san Tomaso e dannone un poco a bere a quelli ch’ànno la febra quartana o terzana: incontanente sono guariti. E quella terra si è rossa. »

(cap. 172 Di santo Tomaso l'apostolo)

Marco racconta anche un aneddoto divertente per cui nel 1288 il possedente di quelle terre fece riempire tutte le case dei pellegrini di riso, impendendo quindi il pellegrinaggio al santo. Una notte egli sognò il santo che con una forca lo minacciò di morte se non avesse sgomberato le case, cosa che fece il giorno dopo. Ma egli racconta anche degli abitanti del luogo:

« Sapiate che fanciugli e fanciulle nascono neri, ma non cosí neri com’eglino sono poscia, ché continuamente ogni settimana s’ungono con olio di sosima, acciò che diventino bene neri, ché in quella contrada quello ch’è più nero è più pregiato.

Ancora vi dico che questa gente fanno dipigne(r) tutti i loro idoli neri, e i dimoni bianchi come neve, ché dicono che il loro idio e i loro santi sono neri. »

(cap. 172 Di santo Tomaso l'apostolo)

Sulla costa occidentale, la prima tappa è stata naturalmente 34 Calicut sulla costa di Malabar, ora chiamato Kerala, quindi lungo la costa fino a 35 Thane vicino a Bombay e 36 Khambhat nel Gujarat.

« Canbaet si è ancora un altro grande reame, ed è simile a questo di sopra, salvo che non ci à corsali né male genti. Vivono di mercatantia e d’arti, e sono buona gente. Ed è verso il ponente, e vedesi meglio la tramontana. »
(cap. 182 Del reame di Canbaet)

Descrive il 37 Sindh in Pakistan ma non sembra essersi fermato. Descrive anche diverse province interne dell'India meridionale.

Oceano Indiano[modifica]

Il Madagascar

Descrive ragionevolmente bene l'isola di 38 Socotra nell'Oceano Indiano, poi continua a parlare del 39 Madagascar anche se probabilmente non lo ha mai visitato:

« Mandegascar si è una isola verso mezzodí, di lungi da Scara intorno da 1.000 miglia. Questi sono saracini ch'adorano Malcometo; questi ànno 4 vescovi – cioè 4 vecchi uomini –, ch'ànno la signoria di tutta l'isola. E sapiate che questa è la migliore isola e la magiore di tutto il mondo, ché si dice ch'ella gira 4.000 miglia. È vivono di mercatantia e d'arti. Qui nasce piú leofanti che in parte del mondo; e per tutto l'altro mondo non si vende né compera tanti denti di leofanti quanto in questa isola ed in quella di Zaghibar. E sapiate che in questa isola non si mangia altra carne che di camelli, e mangiavisene tanti che non si potrebbe credere; e dicono che questa carne di camelli è la piú sana carne e la migliore che sia al mondo. »
(cap. 186, Dell'isola di Madegascar)

In un celebre passaggio, Polo menziona un uccello gigantesco, simile al mitologico Roc:

« Dicommi certi, che v'ha uccelli grifoni, e questi uccelli apariscono certa parte dell'anno; ma non sono così fatti come si dice di qua, cioè mezzo uccello e mezzo leone, ma sono fatti come aguglie e sono grandi com'io vi dirò. È pigliano lo leonfante, e portalo suso nell'àiere, e poscia il lasciano cadere, e quegli si disfà tutto, e poscia si pasce sopra di lui. Ancora dicono, coloro che gli hanno veduti, che l'alie loro sono sì grande che cuoprono venti passi, e le penne sono lunghe dodici passi »
(Marco Polo, Milione)

altri viaggiatori arabi che avevano visitato il Madagascar potrebbero aver visto l'Aepyornis, un uccello di oltre tre metri di altezza. Tuttavia, è anche appurato che in Madagascar non ci sono mai stati elefanti.

Donna Etiope

Parla anche di 40 Zanzibar su cui scrive diverse inesattezze. Presumibilmente stava ripetendo i racconti di altri viaggiatori. Descrive anche l'Abissinia, ora 41 Somalia ed 42 Eritrea, ma non è chiaro se ci sia andato.

« Nabascie si è una grandissima provincia, e questa si è la mezzana India. E sappiate che ’l maggiore re di questa provincia si è cristiano, e tutti li altri re de la provincia si sono sottoposti a lui i quali sono 6 re: 3 cristiani e 3 saracini. Li cristiani di questa provincia si ànno tre segnali nel volto: l’uno si è da la fronte infino a mezzo il naso, e uno da catuna gota. E questi segni si fanno con ferro caldo: che, poscia che sono battezzati ne l’acqua, sí fanno questi cotali segni; e fannolo per grande gentilezza, e dicono ch’è compimento di batesimo. I saracini si ànno pure uno segnale, il quale si è da la fronte infino a mezzo il naso. »
(cap. 188 Della mezzana India chiamata Nabasce)
Porto di Aden

Discute anche di 43 Aden, una città dello Yemen che all'epoca era la capitale di un impero che comprendeva la Somalia e l'Eritrea, ma non è chiaro se l'abbia visitata.

« Ed in questo porto caricano li mercatanti loro mercatantie e mettole in barche piccole, e passano giú per uno fiume 7 giornate; e poscia le traggoro de le barche e càricalle in su camelli, e vanno 30 giornate per terra. E poscia truovano lo mare d’Alexandra, e per quello mare ne vanno le genti infino in Allexandra, e per questo modo e via si ànno li saracini d’Allesandra lo pepe ed altre ispezierie di verso Aden; e dal porto d’Aden si partono le navi, e ritornasi cariche d’altre mercatantie e riportale per l’isole d’India. »
(cap. 190 Della provincia d'Aden)

Le ultime tappe[modifica]

Approdarono a 44 Qalhat in Oman e alla fine raggiunsero Hormuz e proseguirono via terra fino a Tabriz per lasciare la sposa. Nel frattempo lo sposo morì, sicché la sposa dovette maritarsi con il figlio.

I Polo tornarono quindi a casa, salpando da 45 Trebisonda (Trabzon) sul Mar Nero a Costantinopoli (46 Istanbul) e poi verso 47 Venezia, che raggiunsero nel 1295.

Sicurezza[modifica]

Nei dintorni[modifica]

Altri progetti

3-4 star.svg Guida: l'articolo rispetta le caratteristiche di un articolo usabile ma in più contiene molte informazioni e consente senza problemi lo svolgimento dell'itinerario. L'articolo contiene un adeguato numero di immagini e la descrizione delle tappe è esaustiva. Non sono presenti errori di stile.