Scarica il file GPX di questo articolo
Asia > Sud-est asiatico > Cambogia

Cambogia

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Cambogia
Wat Ek a Battambang
Localizzazione
Cambogia - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Cambogia - Stemma
Cambogia - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Cambogia è uno stato del Sud-est asiatico che confina a est con il Vietnam, a nord con il Laos e a nord-ovest con la Thailandia. Si affaccia a sud-est sul golfo di Thailandia.

Da sapere[modifica]

La Cambogia, officialmente il "Regno di Cambogia" (il nome ufficiale in lingua Khmer è: រះរាជាណាចក្រ កម្ពុជា Preăh Réachéanachâkr Kâmpŭchea) è un paese piccolo se paragonato alla maggior parte degli stati asiatici, meno di 2/3 dell'Italia. La sua attrazione principale rimane il sito archeologico di Angkor e anche se il tempio di Angkor Wat commemora la gloriosa storia della nazione, il Paese è stato devastato dal colonialismo, dalle guerre indo-cinesi e dal regime dei Khmer Rossi e oggi è uno dei paesi più poveri dell'Asia.

Un volto al tempio Prasat Bayon.

Dopo la caduta di Angkor nel 1431, quello che una volta era il potente Impero Khmer è stato saccheggiato dai suoi vicini. Colonizzato dai francesi nel XIX secolo, ha sofferto poi bombardamenti a tappeto da parte degli Stati Uniti d'America. Dopo la falsa partenza della nascita dell'indipendenza nel 1953, il paese è caduto di nuovo negli orrori della guerra civile subendo il terrore del governo dei Khmer Rossi, seguito poi dall'occupazione delle forze vietnamite. Dopo un'elezione supportata dalle Nazioni Unite nel 1993 ha ricominciato il lento lavoro di ricostruzione.

Superata una lunga e disastrosa guerra civile, la Cambogia si è aperta al turismo e ha un'atmosfera accogliente e rilassata costruita un po' sugli schemi della confinante Thailandia. Il paese possiede anche un tratto di litorale con magnifiche spiagge non ancora toccate dal turismo internazionale.

Gran parte della popolazione ancora oggi sopravvive con meno dell'equivalente di $1 al giorno e la copertura dei servizi essenziali rimane ancora mal distribuita. Gli intrighi politici sono ancora complessi e molto opachi, ma la sicurezza è migliorata notevolmente dando ai viaggiatori la possibilità di riscoprire il paese, i suoi templi e le sue spiaggie. Siem Reap, la città di accesso ad Angkor, oggi sfoggia alberghi di lusso e ottimi posti dove passare la serata, banche e bancomat e un aeroporto per voli interni. Sihanoukville migliora di giorno in giorno e sta diventando il posto perfetto per una fuga al mare. Oltre ai posti principali viaggiare è comunque ancora un'avventura.

Cenni storici[modifica]

Un rilievo della battaglia di Angkor.

L'elaborata cultura urbana di Angkor e di altri luoghi storici, attestano che l'impero Khmer una volta fu ricco e potente. Il picco massimo fu raggiunto sotto Jayavarman VII (1181-1218) quando l'impero conquistò importanti territori. La civiltà angkorina sfruttò molto l'acqua per l'agricoltura incanalandola in un elaborato sistema di canali e dighe e l'abbondanza dei raccolti permise una conseguente civilizzazione urbana basata su credo Hindu e Buddhista.

Il periodo seguente alla caduta dell'impero Khmer è descritto come l'"Era Oscura della Cambogia". Anche i fattori climatici contribuirono a questa caduta e l'Impero Khmer non si riprese mai dai saccheggi da parte dei suoi vicini di Ayutthaya (l'odierna Thailandia). La Cambogia quindi passò i seguenti 400 anni a difendersi dalle minacce dei due imperi Siamese e Vietnamita. All'alba della colonizzazione francese si dice che la Cambogia era sull'orlo della scomparsa come regno indipendente e lo storico John Tully ammette che "non c'è dubbio che l'intervento francese ha impedito la scomparsa politica del regno".

I Francesi arrivarono a dominare la Cambogia come protettorato dal 1860, come parte del progetto più ambizioso di controllare la zona dell'Indocina (Cambogia, Vietnam e Laos). I dominatori si preoccuparono solo dei loro possedimenti e l'educazione dei cambogiani fu dimenticata per tutti, tranne che per un'élite costituita. Il paradosso è stato che proprio da questa élite coloniale emersero molti "Khmer Rossi". La posizione del Giappone nell'Asia del Sud-est durante la Seconda Guerra Mondiale danneggiò molto il prestigio francese e come conseguenza della vittoria degli alleati, il principe Sihanouk dichiarò l'indipendenza.

Il ritratto ufficiale del Principe Norodom Sihanouk.

Il Principe Sihanouk fece mostra delle sue capacità creative producendo film strani che lui stesso scriveva, dirigeva e recitava come attore principale. Inoltre il suo dominio fu caratterizzato anche da una rinascita buddhista e da un'enfasi sull'educazione. Creò con successo una élite di persone che presto divennero disincantate a causa della mancanza di lavoro e man mano che la situazione cambiogiana peggiorò, molti giovani vennero attratti dal Partito Comunista Indocinese, poi Khmer Rossi.

Quando la guerra indocinese arrivò ai confini con la Cambogia, in quanto parte vitale della "via di Ho Chi Minh", ci fu un interesse da parte degli Stati Uniti d'America che bombardarono il paese dal 1964 al 1973 con un periodo molto intenso tra marzo 1969 e maggio 1970. Durante questa campagna. il cui nome in codice era "Operation Menu", furono lanciate 540.000 tonnellate di bombe. Le stime dei morti civili vanno dai 150.000 ai 500.000. Nell'intero periodo dei bombardamenti tonnellate di bombe colpirono il suolo cambogiano, molte di più che quelle lanciate dagli alleati, tutti, sul teatro di guerra della Seconda Guerra Mondiale.

Mentre stava visitando Mosca e Pechino nel marzo del 1970, Sihanouk fu deposto da Lon Nol e altri generali appoggiati dagli Stati Uniti e come conseguenza si schierò e supportò i Khmer Rossi che nel frattempo seguirono l'esempio vietnamita lavorando per entrare nelle grazie dei poveri delle aree rurali.

Dopo cinque anni di battaglie, i Khmer Rossi comunisti nel 1975 conquistarono Phnom Penh ed ordinarono l'evacuazione di tutte le città e villaggi. Oltre un milione di persone morirono in esecuzioni e stenti forzati. Coloro che abitavano in città (conosciuti come le persone "nuove") ne soffrirono di più. Gli abitanti delle zone rurali, conosciuti come le persone "base", se la passarono meglio anche se la crudeltà dei Khmer Rossi non risparmiò nessuno. Si cerca di capire se i Khmer Rossi hanno commesso "crimini contro l'umanità" un prolungato "genocidio". Molti dell'etnia Cham furono uccisi, oltre all'etnia vietnamita. Comunque anche i Khmer soffrirono di omicidi di massa.

I teschi delle vittime dei Khmer Rossi nello stupa del memoriale dei campi di sterminio di Choeung Ek a Phnom Penh.

L'invasione vietnamita del 1978 spostò le forze dei Khmer Rossi nelle campagne concludendo molti anni di battaglie che comunque si protrassero ancora nelle zone di confine. Le politiche della guerra fredda fecero comunque rimanere i Khmer Rossi al potere come governo riconosciuto anche molto dopo la liberazione del paese da parte dei vietnamiti, ricevendo supporto e finanziamenti dagli USA. A causa della politica devastante dei Khmer Rossi, non esistevano praticamente più infrastrutture. Le istituzioni di educazione più elevata, i soldi, e tutte le forme di industria furono distrutte nel 1978 e il paese ha dovuto ricostruirsi da capo.

Le elezioni del 1993 appoggiate dalle Nazioni Unite aiutarono e restaurare qualche aspetto di normalità, grazie anche alla forte diminuzione di militanti Khmer Rossi. Un governo di coalizione formato dopo le elezioni del 1998 ha portato stabilità politica e la resa dei Khmer Rossi rimasti.


Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 31 33 34 35 34 33 32 32 31 30 30 30
Minime (°C) 21 22 23 24 24 24 24 24 24 24 23 21
Precipitazioni (mm) 7 10 35 78 144 147 152 154 226 251 139 43

Clima a Phnom Penh - fonte [1] (2017)
Il Palazzo Reale.

La Cambogia ha un clima tropicale dominato dai monsoni, quindi le stagioni sono solo due, con le pioggie o no; il periodo migliore per visitare la Cambogia va da dicembre a febbraio quando è ventoso e fresco, dopo di che le temperature si innalzano progressivamente fino a raggiungere valori da forno casalingo nei mesi di aprile e maggio. Maggio segna l'inizio della stagione monsonica che dura fino a ottobre. In questo periodo le piogge non sono frequentissime ma possono rivelarsi particolarmente violente provocando alluvioni disastrose come successo negli anni 2001 e 2002.

Economia[modifica]

I due pilastri della nuova economia cambogiana sono l'industria tessile e il turismo che è cresciuto rapidamente con oltre 1,7 milioni di visitatori nel 2006 e più di 5 milioni nel 2016. Lo sviluppo a lungo termine dell'economia dopo decenni di guerra, rimane una scommessa, in quanto la popolazione manca di educazione e abilità produttive, in special modo nelle campagne povere, che mancano di ogni infrastruttura. Più del 60% della popolazione tutt'oggi sussiste grazie all'agricoltura e il governo gestisce questi problemi grazie a donatori. La ricostruzione di nuove strade, nuovi impianti di irrigazione e un nuovo approccio all'agricoltura sono in atto per tentare di rilanciare le campagne.

Lingue parlate[modifica]

Un buon avviso per imparare la lingua locale.

I cambogiani parlano principalmente il Khmer, che a differenza delle altre lingue parlate in questa parte di mondo, non è tonale, ma ha una varietà di vocali e consonanti. Alcune persone parlano un po' d'inglese nelle città maggiori. Nelle situazioni turistiche i cambogiani sapranno abbastanza l'inglese per completare la transazione necessaria anche se gran parte dei negozianti batte i numeri su una calcolatrice e mostra lo schermo.

Alcuni signori anziani di buona educazione parlano francese, un cimelio del periodo coloniale quando era il mezzo d'istruzione nelle scuole. A causa della politica dei Khmer Rossi, che uccidevano chiunque fosse capace di parlare una lingua straniera, fuori da Phnom Penh è raro trovare qualcuno che parli ancora francese. Nei centri turistici si potrebbe sentir parlare il tedesco o altre lingue europee. Anche il giapponese è una lingua diffusa nell'industria turistica e anche il mandarino sta prendendo piede grazie all'aumento del flusso turistico cinese.

In Phnom Penh vengono parlati anche dei dialetti cinesi, thailandesi e vietnamiti. Nelle province del nord-est si ha una prevalenza di thailandese, mentre nelle province del sud est la prevalenza è il vietnamita.

Letture suggerite[modifica]

Film suggeriti[modifica]


Territori e mete turistiche[modifica]

Map of Cambodia with regions colour-coded
      Monti Cardamomi e Dâmrei — La catena montuosa occidentale, le spiagge sul golfo e le isole in mare aperto. Comprende Battambang, Kampot, Koh Kong, Pailin, Pursat, Sihanoukville, Bokor National Park e Kep.
      Cambogia nordoccidentale — Angkor, la principale ragione che spinge la maggior parte dei viaggiatori a venire in Cambogia, più un enorme lago e le montagne settentrionali. Comprende il Parco archeologico di Angkor, Anlong Veng, Siem Reap, Sisophon, Koh Ker, Poipet, il lago Tonle Sap e Preah Vihear.
      Pianure centrali e del Mekong — La regione centrale è attraversata diagonalmente dalla statale n° 6 che va dalla frontiera con la Thailandia a quella con il Vietnam. Comprende Phnom Penh, Kampong Cham, Kompong Thom e Krek.
      Cambogia orientale — Compresa tra la riva sinistra del fiume Mekong, l'est della Cambogia è una terra di intricate foreste inframezzate da estese risaie. È la regione più colpita dalle passate guerre civili e la bonifica dei campi minati non è stata ancora completata. La sua attrazione principale è l'idilliaco lago Yak Loum che occupa un antico cratere. Comprende Banlung, Kratie, Sen Monorom e Stung Treng.

Centri urbani[modifica]

Lungo l'arteria della regione centrale e le sue diramazioni si dispongono i maggiori luoghi turistici del paese riportati di seguito:

  • Phnom Penh — Capitale del paese.
  • Battambang — Seconda città della Cambogia, Battambang è rinomata per i suoi lussureggianti paesaggi e per i gli antichi templi di epoca khmer che coronano la cima delle sue colline.
  • Kompong Thom
  • Poipet — Valico stradale sul confine con la Thailandia, Poipet è la capitale cambogiana del gioco d'azzardo. I suoi casinò sono gestiti da imprenditori Thai che hanno così svicolato la legge che proibisce il gioco d'azzardo nel loro paese.
  • Siem Reap — A 150 km da Poipet, Siem Reap è una tappa obbligata trovandosi vicinissima al sito archeologico di Angkor.
  • Sisophon — A 50 km da Poipet, Sisophon è famosa per le rovine di tempio del XII secolo d.C., il Banteay Chhmar.

Golfo di Thailandia

  • Banlung — Nella regione orientale si trova Banlung, capoluogo della provincia di Ratanakiri, incuneata tra Laos e Vietnam.
  • Kampot — Sulle rive di un fiume, a pochi chilometri dalla costa, Kampot offre piacevoli escursioni ai vicini monti Dâmrei e Bokor.
  • Koh Kong — Capoluogo della provincia omonima, Koh Kong è l'ultima città cambogiana prima del confine con la Thailandia.
  • Koh Tonsay — Rinomata per i suoi candidi arenili, Koh Tonsay è l'ultima isola della Cambogia prima della linea di confine con il Vietnam. Si raggiunge in battello dal piccolo porto di Kep.
  • Kratie — Tranquilla città sul fiume a nord est del Mekong e ottimo posto dove poter osservare i delfini di fiume, oggi in via d'estizione.
  • Parco nazionale Preah Monivong
  • Sihanoukville
  • Takeo — Situata tra la costa e la capitale, Takeo è una città di circa 35.000 abitanti rinomata per le sue seterie. Nei suoi dintorni stanno rovine di antichi centri khmer.

Altre destinazioni

  • Altopiani Chhlong — Situati a est.
  • Altopiano Rattanakiri — Situato a est.
  • Golfo di Thailandia
  • Koh Ker — L'antica capitale situata a nord.
  • Monti Cardamomi — Situati a ovest.
  • Monti Dâmrei (Montagne dell'Elefante) — Situati a sudovest.
  • Monti Dângrêk — Situati a nord.
  • Pianure centrali — centrale.


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

La mappa mostra le nazioni che necessitano si visto per entrare in Cambogia. Quelle in blu e azzurro non hanno bisogno di visto; quelle in oro e strisce gialle ottengono un visto all'arrivo

Visto[modifica]

I controlli passaporto che accettano gli e-visa o possono rilasciare i visti all'arrivo.

Tutti i visitatori, con esclusione dei cittadini di Indonesia, Malesia, Singapore, Filippine, Laos, Thailandia e Vietnam necessitano di un visto per entrare in Cambogia. Il prezzo ufficiale è di 30 USD per un visto turistico e di 35 USD per un visto ordinario; gran parte dei cittadini esteri possono ottenere un visto all'arrivo. Il personale della dogana potrebbe provare a gonfiare il prezzo in alcuni valichi (compresi gli aeroporti), ma si deve insistere sul prezzo ufficiale.

Il visto all'arrivo è disponibile in entrambi gli aeroporti internazionali, alle sei frontiere terrestri con la Thailandia, in alcune frontiere con il Vietnam e alla frontiera principale con il Laos. I visti si possono ottentere anche alle ambasciate cambogiane e consolati, anche se non esistono rappresentanze diplomatiche della Cambogia in Italia e l'ambasciata di Parigi è competente anche per il nostro paese. Esistono due tipi di visto:

  • Il visto turistico è valido per una permanenza di massimo 30 giorni. Quello rilasciato in anticipo scade dopo 90 giorni dopo il rilascio. In Phnom Penh (e anche altrove, tramite agenzie) si può estendere il visto una volta sola, aggiungendo 30 giorni in più di permanenza al costo di 30 USD.
  • Il visto ordinario o Type-E è la migliore scelta per un soggiorno di oltre due mesi e/o per ingressi multipli. Può essere esteso indefinitivamente (circa 290 USD per l'estensione di un anno) e avere lo status per poter entrare e uscire dal paese varie volte. Gran parte delle agenzie di Phnom Penh possono processare l'estensione. Gli stranieri di alcune nazioni (ad es. India) necessitano di un permesso preesistente da parte del Dipartimento per l'Immigrazione o il Ministero dell'Interno per poter ottenere questo visto. Questi visitatori possono entrare nel paese con un visto turistico per poi richiedere il visto ordinario al Dipartimento dell'Immigrazione vicino all'aeroporto di Phnom Penh.

Per richiedere un visto si ha bisogno di una o due foto tessera (35x45 mm), di un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e almeno una pagina bianca e di banconote americane pressoché nuove per pagare l'importo. Se si paga con la moneta locale ci si deve aspettare di pagare molto di più. Potrebbero essere richieste delle copie del passaporto quando si fa richiesta in alcune ambasciate e consolati, ma non se si richiede il visto all'arrivo. Se non si ha una foto all'arrivo all'aeroporto di Phnom Pehn (e forse anche in altri ingressi), scansioneranno il passaporto per un costo ulteriore di 2 USD.

All'aeroporto di Phnom Penh ci si deve dirigere al banco Visa on Arrival, mettersi in fila sulla sinistra, consegnare il modulo di richiesta, che dovrebbe essere stato consegnato e riempito sull'aereo, per il controllo e poi andare sulla destra e aspettare di essere chiamati. Dopo di che si riceverà il passaporto col visto. Il personale della dogana ha ovvi problemi di pronuncia per i nomi occidentali, quindi si deve fare molta attenzione quando i nomi vengono chiamati. Dopo aver ottenuto il passaporto col visto ci si deve mettere in fila per il controllo passaporti.

In Poipet si deve fare molta attenzione agli ufficiali che chiedono di pagare 1.200 baht (circa 35 USD) per un visto all'arrivo. In questo caso si deve insistere sul prezzo ufficiale sorridendo gentilmente ma con fermezza, difficilmente insisteranno. Il costo per non avere una foto in genere è soltanto di un paio di dollari, ma il prezzo è negoziabile.

Se si esce dalla Cambogia per entrare in Thailandia con lo scopo di ottenere un visto all'ingresso da lì, le autorità aeroportuali cambogiane potrebbero puntualizzare che ci sia bisogno di un minimo di 600 USD in contanti. Questa regola sembra che sia applicata in modo speciale per i turisti indiani e in maggior modo per viaggiatori singoli.

Visto elettronico[modifica]

I cittadini di molte nazioni possono richiedere un visto elettronico e-Visa tramite il sito web del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale. Quello che si ottiene è un visto turistico che però costa 37 USD invece di 30 USD. Viene spedito via email in formato PDF in tre giorni lavorativi. La richiesta, per essere presentata, ha bisogno di una foto digitale in formato .jpg. Si può scansionare la foto del passaporto oppure avere una fototessera anche scattata con una macchina fotografica personale.

Una volta ricevuto il PDF via email, se ne devono stampare due copie (una per l'ingresso e una per l'uscita).

Il visto E-Visa è valido solo per l'ingresso nel paese via aria o dai tre valichi di frontiera principali: Bavet (sulla via Ho Chi Minh City-Phnom Penh); Koh Kong (vicino a Trat nella Thailandia dell'Est); and Poipet (sulla via Bangkok-Siem Reap). Per l'uscita invece si possono utilizzare tutti i valichi di frontiera.

Impronte digitali[modifica]

Le autorità cambogiane per l'immigrazione prendono le impronte digitali sia all'arrivo sia alla partenza che con tutta probabilità vengono condivise con le autorità del nostro paese e le agenzie interessate. Se non si vuol essere riconosciuti tramite questo metodo, si potrebbe tentare lasciando una "mancia" all'ufficiale di servizio (1 o 2 USD potrebbero bastare, se si è abbastanza scaltri da farlo). I valichi di confine minori, come ad esempio Chong Sa-Ngam/Choam non sono equipaggiati. Si potrebbe non essere scansionati se si viaggia su di un pulmann diretto e l'autista ha "pagato" per velocizzare le cose (manovra osservata a Bavet in direzione di Phnom Penh).

In aereo[modifica]

L'aeroporto internazionale di Phnom Penh.
La compagnia aerea Kampuchea Airlines all'aeroporto di Phnom Penh.

La Cambogia ha due aeroporti internazionali a Phnom Penh (PNH) e a Siem Reap (REP).

Voli diretti connettono l'Aeroporto Internazionale di Phnom Penh con la Cina (Pechino, Guangzhou), la Francia (Parigi), Hong Kong, il Laos (Vientiane), la Malesia (Kuala Lumpur), Singapore, la Corea del Sud (Incheon), Taiwan (Taipei), Thailandia (Bangkok) e Vietnam (Ho Chi Minh).

Altri voli diretti connettono l'Aeroporto Internazionale di Siem Reap-Angkor col Laos (Pakse, Vientiane), la Malesia (Kuala Lumpur), Singapore, la Corea del Sud (Incheon, Busan), la Thailandia (Bangkok) e il Vietnam (Hanoi, Ho Chi Minh).

I viaggiatori che vogliono recarsi al tempio di Angkor potrebbero preferire Siem Reap perché è a pochi minuti dai siti principali. Per i voli tra Bangkok e Siem Reap, Air Asia è più economica della compagnia Bangkok Airways. Quando si cercano i voli, si deve cercare Don Mueang (DMK), il secondo aeroporto di Bangkok.

La compagnia a basso costo Air Asia propone voli da Kuala Lumpur e Bangkok verso Phnom Penh e Kuala Lumpur verso Siem Reap, mentre Jetstar Asia vola da Singapore verso Siem Reap e Phnom Penh. La compagnia HK Express vola ogni martedì, giovedì e domenica da Hong Kong verso Siem Reap.

Altre compagnie sono:

Bangkok Airways
China Southern Airlines
Dragon Air
Eva Air
Asiana Airlines
Valuair / Jetstar Asia
Korean Air
Lao Airlines
Malaysia Airlines
PMT Air
Siem Reap Airways
Silk Air
Singapore Airlines
Thai Airways International
Vietnam Airlines


In auto[modifica]

Attenzione alle fregature
Si consiglia di fare attenzione alle truffe quando si entra in Cambogia via terra. La fregatura più frequente è il prezzo gonfiato del visto da parte degli ufficiali di frontiera, che trasformano i 30 USD in 1.200 baht (35 USD). Per evitare questo si possono utilizzare i seguenti rimedi: a Poipet, che è una zona che non ha bisogno di un visto, si possono cambiare i baht thailandesi in dollari statunitensi dai venditori di sigarette o nei ristoranti. Si deve insistere nel pagare il visto in dollari. Quando si devono affrontare gli ufficiali di frontiera sorridere restando saldi aiuterà molto nella contrattazione. Se non si ha una fototessera, non fatevi scucire più di 2 USD. Si può ottenere il visto anche prima del viaggio rivolgendosi a un'ambasciata, un consolato, un'agenzia o dal sito web. Altre truffe che sono state segnalate sono quelle di aver detto ai viaggiatori di procurarsi il visto dal consolato con prezzo gonfiato prima di arrivare alla frontiera. Multe per non aver presentato un certificato di vaccinazione, che non è obbligatorio, facendo pagare 50 baht per un finto modulo medico SARS. Aver insistito nel far cambiare $100 in Riel cambogiani a prezzi ridicoli.

Thailandia[modifica]

I sei valichi di frontiera con la Thailandia sono aperti dalle 07:00 alle 20:00. Ognuno di questo offre il visto all'arrivo. Tutti hanno strade asfaltate su entrambi i lati.

I pullman thailandesi arrivano ma non attraversano le frontiere. Il valico di Chong Sa-Nam, l'ultimo ad aver guadagnato connessioni con la Thailandia, oggi ha un servizio minibus che trasporta i giocatori verso il nuovo casinò di Choam.

Sul lato cambogiano, solo quattro dei sei valici sono serviti da pullman: Poipet, Koh Kong, Daun Lem e o'Smach.

Le città vicine alla frontiera dalle quali si possono prendere pullman sono: Pailin, Anlong Veng e Samraong (tutte a meno di 20 km dal confine). Per raggiungere le quali, e viceversa, si possono prendere dei mototaxi o taxi condivisi.

Valico di frontiera di Poipet.

Il valico di confine cambogiano più utilizzato è Poipet, che si trova sulla via "Bangkok - Siem Reap", nel nord est della Cambogia.

La Cambogia litoranea e il sud del paese, parte dei Monti Cardamomi e Dâmrei, sono serviti dal valico di Koh Kong. La strada arriva fino a Sihanoukville. Dalla città thailandese di Trat, si possono prendere dei minibus verso il confine. Sul lato cambogiano i minibus e i taxi connettono il confine con Sihanoukville e Phnom Penh.

La vecchia roccaforte Khmer Rossa di Anlong Veng è vicina al valico di confine di Chong Sa-Ngam.

Il miglioramento delle strade nel nord ovest stanno facendo diventare Samraong un nuovo centro per i trasporti. Si trova vicino al confine di Chong Jom ed è connesso molto bene con Siem Reap.

La Thailandia dell'Est è connessa con Battambang e Siem Reap tramite la frontiera di Ban Pakard ed è un'alternativa meno stressante e più panoramica di Poipet.

Il valico geograficamente più vicino a Battambang è quello di Ban Leam. La compagnia Paramount Angkor gestisce un servizio pullman per Battambang.

Vietnam[modifica]

Attenzione alle fregature
Gli operatori di pullman che servono il percorso da Ho Chi Minh a Phnom Penh, truffano i turisti stranieri facendo pagare $5 in più sul costo del visto. Se non si accetta di pagare, cercando di ottenere un visto indipendentemente, avrà come unico risultato quello di rimanere bloccati al confine.

Il visto per il Vietnam deve essere richiesto in anticipo in un'ambasciata o in un consolato, facilmente ottenibile in Cambogia. Il visto all'arrivo in Vietnam si ottiene soltanto agli aeroporti, non ai valichi di frontiera.

Il valico di frontiera principale è quello di Bai/Bavet sulla via che va da Ho Chi Minh a Phnom Penh. I pullman tra le due città costano circa 8-12 USD e impiegano circa 6 ore. I passeggeri devono scendere dal mezzo a entrambi i controlli di frontiera dei due paesi. Solo una fototessera è richiesta per il visto cambogiano. Le gite in nave sul delta del Mekong, offrono un viaggio più profondo tra le due città e costano 25-35 USD impiegando 2-3 giorni.

Un valico vicino alla costa è quello tra le due città Xa Xia e Prek Chak e offrono il visto all'arrivo. I pullman viaggiano tra Ha Tien in Vietnam e Sihanoukville oppure Phnom Penh in Cambogia.

Le zone costiere sono servite dal valico Tinh Bien/Phnom Den vicino a Chau Dob in Vietnam.

Il valico Xa Mat/Trapeang Phlong che si trova sulla via Ho Chi Minh - Kampong Cham non è ben servito dai trasporti pubblici anche se è utile per accedere a Kampong Cham e la Cambogia orientale.

Banlung nel nord della Cambogia orientale è servito dal valico Le Tanh/O Yadaw vicino a Plaiku in Vietnam. Anche qui i visti sono rialsciati all'arrivo e si ha bisogno di una fototessera. Si cambia pullman a Le Tanh.

Laos[modifica]

Stung Treng in Cambogia è connesso con Pakse e la regione delle quattromila isole in Laos tramite il valico Voeung Kam/Dom Kralor. Trasporti pubblici in Laos non sono disponibili regolarmente. I visti cambogiani e laotiani sono disponibili ma richiedono un costo non ufficiale di $1-2 in entrambi i lati del valico di frontiera. Le agenzie turistiche su entrambi i lati offrono pacchetti per attraversare il confine.

In nave[modifica]

Sul Mekong c'è un valico di frontiera con il Laos, a nord di Stung Treng viaggiando per 90 minuti su un motoscafo. Gli ufficiali di frontiera hanno poche opportunità per guadagni "alternativi" e in genere tentano di tirare su qualche dollaro fregando i turisti.

Da e per la Thailandia non si sono servizi traghetto.

Col Vietnam invece è possibile viaggiare tra Ho Chi Minh e Phnom Penh via nave o con una combinazione di nave e auto. Le navi veloci partono ogni giorno da Chau Doc sul lato vietnamita del delta del Mekong impiegando 5 ore per raggiungere Phnom Penh. Chau Doc dista 4 ore di auto da Ho Chi Minh. Un itinerario molto frequentato è quello di tre giorni fermandosi a Can Tho e Chau Doc prima di imbarcarsi per Phnom Penh.

I membri dell'equipaggio e i passeggeri delle crociere possono ottenere un visto all'arrivo al porto di Sihanoukville. Si devono però comunicare i dati della barca, i dati dell'equipaggio e le copie del passaporto al Capitano del Porto Marina Oceania. Il visto turistico costa 25 USD.


Come spostarsi[modifica]

In aereo[modifica]

Tassa per le partenze domestiche
Da Phnom Penh e Siem Reap, la tassa per le partenze domestiche è di 25 USD che viene inclusa nel prezzo del biglietto.

L'aviazione domestica cambogiana è migliorata. Gli aeroporti operanti sono quelli di Phnom Penh, Siem Reap, e Sihanoukville.

L'operatore principale è Cambodia Angkor Air che è un'impresa comune tra la compagnia Vietnam Airlines e il governo. Vola tra Phnom Penh, Siem Reap, Sihanoukville e vari aeroporti in Thailandia, Cina e Vietnam.

Un altro operatore è Cambodia Airlines, impresa comune tra Philippines Airlines e investitori privati cambogiani.

In elicottero[modifica]

La spiaggia di Sokha Beach a Sihanoukville.

Helistar Cambodia, una società di noleggio di elicotteri VIP opera in tutto il paese. Si possono prenotare voli tra Phnom Penh e Siem Reap, sia di sola andata sia di andata e ritorno. Il costo orario è di 1.700 USD per volo più il 10% VAT e 10% SPT. Volano elicotteri moderni Eurocopter Ecureuils con aria condizionata con posti fino a 6 passeggeri. Hanno anche piloti stranieri. Offrono anche servizio navetta in entrambi gli aeroporti.

In auto[modifica]

Il governo cambogiano ha febbrilmente migliorato le strade di tutto il paese dal 2008, ottimo per la nazione ma rende i consigli di viaggio obsoleti molto velocemente. Trovare una strada non battuta oggi è difficile e non si sentono più storie dell'orrore di auto ingurgitate da voragini o di sorprese della stagione delle piogge. Al momento strade turistiche che potrebbero ancora non avere una copertura in asfalto sono Battambang-Koh Kong (una ottima avventura attraverso le montagne con una moto da enduro, o un lungo fuori pista con un pullman verso Phnom Penh); l'accesso ai templi di Banteay Chhmar (una strada battuta di buona qualità, almeno nella stagione asciutta); la strada tra Sen Monorom e Banlung (se esiste ancora della giungla remota in Cambiogia, si trova qui). Le strade di confine, sulla costa e le città sono connesse con ottime strade.

I viaggi più lunghi in Cambogia possono essere fatti su pullman, camionette o taxi condivisi. In molte cittadine, qualunque versione di questi mezzi pubblici abbiano, si possono trovare nella piazza del mercato. Le città più grandi hanno stazioni degli autobus e quelle degne di nota sono soprattutto quella di Siem Reap. Mekong Express ha la reputazione migliore per comodità e velocità con conseguente costo del biglietto. Sorya e GST offrono un servizio leggermente più scarno. Capitol viaggia tra i suoi uffici centrali, buona per viaggi tra le città maggiori. Per i luoghi meno accessibili la società di "ramshack" Paramount Angkor Transport aiuta, di classe molto inferiore e di dubbia comodità e sicurezza.

Si consiglia di evitare VR Express e Phnom Penh Sorya Transport. Hanno la reputazione di aver minacciato clienti in passato, averli manipolati, aver mentito, di essere maleducati e per niente di aiuto.

La sicurezza sui pullman in Cambogia è effettivamente un problema. Sull'autostrada Highway 5, tra Phnom Penh e Battambang ci sono dozzine di incidenti con autobus coinvolti, alcuni dei quali con molti morti. Gli autisti non ricevono una formazione e sono molto impazienti e (stando a quello che gli impiegati delle stazioni di servizio raccontano) a volte anche ubriachi. Molti di questi incidenti non vengono denunciati ma i viaggiatori che frequentano molto questa via, riportano circa una dozzina di incidenti al mese.

Il costo per viaggiare in pullman è basso, con tratte da Phnom Penh a Siem Reap o Sihanoukville dell'ordine di 5 USD. SI consiglia di portarsi qualcosa di caldo se non si vuol morire assiderati dall'aria condizionata e di avere dei tappi per le orecchie se non si apprezza il karaoke khmer. Ci sono alcuni servizi notturni, ma la gran parte del traffico parte al mattino e l'ultimo pullman parte nel pomeriggio.

Alcune persone pensano che viaggiare in taxi sia più sicuro per viaggiare all'interno delle città, ma in realtà questi mezzi viaggiano spesso molto veloci e sono coinvolti in molti incidenti fatali. Il sedile anteriore in un taxi da Phnom Penh a Battambang dovrebbe costare sui 25 USD.

Nelle città i moto-taxi sono onnipresenti. Per viaggi veloci attraverso la città, basta prenderli stando a un angolo fra due strade. L'attesa non durerà a lungo e qualcuno ben presto offrirà un passaggio per poco, in genere $1 o meno.

Il noleggio moto è disponibile in molte città con l'eccezione di Siem Reap che ha bandito la pratica. Si deve fare attenzione a guidare da soli perché le abitudini al volante sono molto diverse rispetto ai paesi sviluppati. Le "leggi" stradali variano da città a città. È bene ricordarsi che l'inglese (tanto meno l'italiano) è parlato di rado fuori dalle grandi città e i pericoli sono molti, compreso quello di mine. Si consiglia in tal caso di affidarsi a una guida.

Aziende di mototurismo

Ci sono 29 aziende che organizzano gite in moto per ogni tasca con gestione varia. Alcune sono prettamente khmer, alcune sono khmer con collaborazione occidentale altre invece sono totalmente occidentali che si appoggiano a degli operatori locali (in pratica rivendono i pacchetti sfruttando l'economia locale). Di conseguenza la qualità e la sicurezza varia molto. I tour operator autentici e con reputazione espongono la licenza "Cambodian Tourism License" sul loro sito web. Si consiglia di ricercare bene prima di buttarsi in questo tipo di avventure. Gran parte di queste società offre viaggi di uno o più giorni in tutto il paese, ottimo per coloro che voglio uscire dai percorsi turistici. Alcune di queste compagnie sono:

  • Cambodia Expeditions. Operatore di lunga data in Cambogia. Sono stati i pionieri dell'industria delle avventure in moto nel paese organizzando i primi viaggi sotto il nome "Angkor Dirt Bike Tours" fino a che non aprirono ufficialmente nel 1998 per espandere le offerte e offrire assistenza completa nelle zone remote del paese. Oggi è un azienda totalmente cambogiana che offre vacanze di lusso con un solo dipendente straniero, per offrire agli occidentali un'esperienza totale. Molte delle guide locali hanno lavorato con loro e offrono viaggi da 1 a 21 giorni tutto incluso.
  • Dancing Roads. Impresa anglo-cambogiana che offre vacanze dal 2000.
  • Straydog. Aperto dal 2005 e di proprietà straniera di base a Sihanoukville. Itinerari da 1 a 14 giorni tutto incluso tranne cibo e bevande.
  • https://www.kickstartcambodia.com (Kickstart). Impresa occidentale e cambogiana aperta dal 2008. Di base a Siem Reap, offre itinerari da 1 a 11 giorni.

In nave[modifica]

I traghetti operano stagionalmente lungo tutti i maggiori fiumi. Le tratte principali sono da Phnom Penh a Siem Reap e da Siem Reap a Battambang. I tragitti in nave sono più lenti dei percorsi su strada, fanno pagare prezzi più alti per gli stranieri e spesso sono sovraffollati e poco sicuri. In confronto alle strade cambogiane rimangono comunque più sicuri. La nave veloce da Phnom Penh a Siem Reap costa 33 USD e impiega circa 6 ore con partenza 07:30 e offre viste spettacolari della vita rurale lungo il fiume Tonle Sap.

Ci sono anche delle navi di lusso che operano tra Siem Reap, Phnom Penh e Saigon. Con un costo di circa $150 che include il soggiorno, i pasti e le escursioni, è una buona alternativa al regolare servizio traghetti.

Il percorso tra Siem Reap e Battambang impiega molto (specialmete nella stagione asciutta) ed è meno comodo, è più costoso di un posto in un taxi condiviso ma è il mezzo preferito di alcuni viaggiatori per riuscire a portare così vicino alla vita rurale per le viste sui campi coltivati e le migliaia di bambini che salutano lungo la riva. Non è consigliabile prendere la nave durante la fine della stagione asciutta (aprile/maggio) perché il livello delle acque è basso e può succedere che si debbano cambiare imbarcazioni durante il tragitto.

In treno[modifica]

Ci sono dei treni passeggeri che viaggiano tra Phnom Penh e Sihanoukville passando da Kampot, dal lunedì al venerdì alle 07:00 e dal venerdì al lunedì alle 16:00. Il viaggio dura circa 7 ore ed è più lento del pullman. Le carrozze hanno aria condizionata, connessione internet Wi-Fi gratuita e prese di corrente a ogni posto a sedere. Ci sono anche bagni. Un biglietto di sola andata da Phnom Penh a Kampot costa circa 6 USD. Uno di sola andata da Phnom Penh a Sihanoukville costa 7 USD. Ci sono dei progetti per collegare la rete ferroviaria con quella thailandese e vietnamita che dovrebbero essere attivi dal 2018. Le partenze dei treni in genere non rispettano gli orari dei tabelloni. Per i biglietti ci si deve assicurare di acquistarli alla stazione domandando l'orario d'imbarco, tenendo a mente che i treni che partono da Phnom Penh sono più affollati e quindi è più difficile trovare posto a sedere. La prima parte del percorso verso ovest passa da una serie di campi abbandonati lungo la ferrovia e a una distesa di costruzioni per poi continuare lungo una campagna anonima. Dopo di che il treno si ferma per una sosta ed è un'occasione per comprare del cibo se ci si muove velocemente. La seconda parte del percorso passa invece attraverso delle colline e risaie molto belle in direzione di Kampot dove si potranno trovare altre bancarelle per il cibo. Il viaggio in direzione opposta arriva in città molto tardi ed è difficile trovare taxi o tuk-tuk. Si consiglia di controllare su una mappa come arrivare all'albergo, in quanto la stanchezza del viaggio e la poca conoscenza delle strade da parte dei tassisti renderà la ricerca più complicata. Si consiglia di imparare le parole khmer per "destra", "sinistra" e "stop" per dirigere gli autisti.

Il treno di bambù[modifica]

Il treno di bambù vicino a Battambang.

Nonostante la mancanza di un servizio treni, a Battambang e nelle aree periferiche di Phnom Penh verso Battambang ci sono dei treni di bambù o noris che viaggiano anche su richiesta. Sono costruiti a mano e sono in sostanza un bancale di bambù che poggia su due assi azionato da un piccolo motore. Trasportano di tutto come ad esempio maiali, motociclette, raccolti e ogni altro genere immaginabile. Quando incontrano un altro treno che viaggia sullo stesso binario in direzione opposta, uno dei due viene smontato in circa un minuto e tolto dai binari per poi venirci ricollocato subito dopo. Ottimi anche solo per un giro di piacere, relativamente sicuri e gestiti da simpatici macchinisti. Costano circa 2 USD a testa per un viaggio di corta distanza e circa 6 USD per noleggiarne uno privato con autista. Si deve chiedere in giro dove se ne possano trovare altrimenti si consiglia di cercare alla stazione di Battambang.

In autobus[modifica]

Tra le città più grandi ci sono collegamenti regolari di pullman a buon mercato (Phnom Penh - Sihanoukville costa 6,50 USD, Phnom Penh - Battambang costa 3 USD) e sono comodi. Il pullmann notturno da Siem Reap a Sihanoukville è scomodo paragonato agli standard europei e costa circa 16 USD. Nei percorsi più lunghi vengono effettuate fermate intermedie di ristoro.


Cosa vedere[modifica]

Una piccola parte del tempio Angkor Wat.

L'attrazione turistica principale della Cambogia è molto famosa e grande oltre a essere una delle principali destinazioni di tutta l'Asia. I templi magnifici e stupendi del Parco Archeologico di Angkor attirano enormi folle eterogenee che arrivano per ammirare il profondo simbolismo e la grandezza del posto. Da non perdere assolutamente e vale la pena affrontare il caldo per vederlo. Trovare un posto tranquillo dove ammirare il tramonto sui templi può essere molto difficile ma i colori sono fantastici. Si deve partire presto la mattina per arrivare prima che la calca di persone riempia il misterioso complesso Ta Prohm, reso ultra famoso dal film Tomb Raider e le rovine sovrastate e quasi ingoiate dagli alberi della giungla, lo rendono uno dei posti più atmosferici di Angkor.

Vicino alla capitale Phnom Penh, il memoriale Choeung Ek Memorial, meglio conosciuto come Killing fields (campi di sterminio) lascerà impresso nei ricordi un segno profondo, allo stesso tempo scioccante e triste. Organizzano ottime gite guidate che raccontano in profondità delle atrocità commesse dai Khmer Rossi. Per un ulteriore approfondimento, il museo del genocidio Tuol Sleng Genocide Museum è il posto principale da visitare.


Cosa fare[modifica]

Tra le attrazioni da non perdere, non mancate una gita sul "Treno di Bambù", un carrello smontabile che corre sui binari della locale ferrovia su cui si trasportano persone, animali e le cose più disparate tra villaggi rurali. Poiché il binario è unico, in caso di incontro con un altro "treno", quello con il maggior carico ha la precedenza: l'altro viene smontato, tolto dai binari per esservi riposizionato dopo l'incrocio.

Valuta e acquisti[modifica]

Banconote di grande taglio
I bancomat cambogiani erogano dollari americani ma in genere di grande taglio, $50 e $100 che a volte possono essere un problema da cambiare; comunque gran parte degli alberghi e grosse compagnie, oltre a molti agenti di cambio, le cambieranno. Gli autisti di tuk-tuk e i negozi di strada in genere non hanno abbastanza soldi per dare il resto per banconote più grandi di $20. Inoltre le banconote di grande taglio non perfette vengono guardate con sospetto, a causa dei falsi.

La valuta nazionale è il Riel cambogiano (KHR). Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
il simbolo del Riel.

Il Riel cambogiano ha il simbolo "" (codice ISO: KHR) e il dollaro statunitense (USD) sono entrambe valute correnti. Il Riel in genere è utilizzato per transazioni piccole (ad esempio meno di $1). I dollari in moneta non sono utilizzati e molti bancomat erogano soltanto dollari.

La Banca Centrale Cambogiana mantiene il cambio: 4.100 Riel = 1 dollaro. Nonostante questo durante gli scambi giornalieri è utilizzato il cambio di 4.000 riel per dollaro (1,5 USD = 6.000 Riel, oppure 1 dollaro e 2.000 Riel). Il Riel in banconota si trova in tagli che arrivano anche a 100.000 (25 USD) anche se in genere il taglio più grande che si trova in giro è quello da 10.000 (2,5 USD). Al di fuori della Cambogia l'unico valore che ha il Riel è come souvenir.

Vicino al confine con la Thialandia (ad esempio Battambang Koh Kong, e Poipet), il baht thailandese è in genere accettato con uno scambio sfavorevole di 30 baht per dollaro.

Alcune banche operano anche come trasferimento di denaro Western Union.

Pesce secco nel mercato russo di Phnom Penh.

Cambio moneta[modifica]

Il baht thailandese e altre valute correnti principali (euro, sterlina inglese) possono essere cambiate facilmente nelle città. Per un cambio favorevole, si consiglia di fare un po' di ricerca sul campo per trovare quello migliore.

Banconote straniere troppo stropicciate o vecchie saranno difficili da cambiare, tranne le banconote da $1 che cambiano mano velocemente. Le banche cambogiane rifiutano le banconote da $2 che non hanno la striscia di sicurezza. Il rifiuto delle banconote non perfette è normale e i commercianti potrebbero approfittare dell'inesperienza del turista per sbarazzarsene. Basta sorridere e renderle indietro.

Carte di credito e bancomat[modifica]

I bancomat si trovano ormai dappertutto, anche fuori dalle città. In genere sono compatibili con carte Maestro, Cirrus, MasterCard​ e Visa. Le più accettate sono VISA, MasterCard e JCB e lentamente anche American Express.

I bancomat erogano dollari statunitensi in vari tagli. Se si ricevono banconote in cattive condizioni, provate a cambiarle subito alla banca affiliata, perché sono difficili da cambiare in seguito.

Accettano soltanto pin di 4 cifre e in caso quello della carta che si possiede ne abbia di più, è consigliabile occuparsi del prelievo prima della partenza del viaggio.

La commissione applicata in genere è di 5 USD e quelle senza commissione sono quelle di Maybank, ma accettano soltanto Visa.

Traveller cheque[modifica]

I Traveller Cheque, come le carte di credito, sono accettati in tutti i maggiori esercenti, come grandi alberghi, alcuni ristoranti, agenzie di viaggio e alcuni negozi di souvenir; quelli American Express sono i più accettati. I cambi migliori sono nelle banche delle grandi città e alcune "guest house" possono offrire il servizio ma a costi esorbitanti. La commissione in genere di circa 2% con un minimo di 2 USD.

Il mercato dei fiori a Phnom Penh.

Contrattare[modifica]

Si può contrattare più o meno con tutto in Cambogia: ristoranti, bancarelle di cibo, perfino il costo della guest house. I khmer sono silenziosi all'inverosimile e non ci rimettono la faccia, ma ci rimettono l'umore. Comunque ci sono delle regole guida da seguire:

  • Molti prodotti, specialmente quelli non destinati ai turisti, hanno un prezzo fisso e quindi sono si possono avere a prezzi d'affare, anche se potrebbero applicare uno sconto. Molti mercati hanno i prezzi delle merci pitturati (in khmer) sui muri.
  • In Cambogia andare a cena fuori non è molto in uso tra la gente del posto, quindi i ristoranti sono indirizzati soprattutto agli stranieri e tendono a essere un po' più cari delle nazioni vicine. Comunque "a volte" a Siem Reap, è possibile contrattare su una porzione di un piatto con i venditori di strada, ottenendo un 20-30% di sconto.
  • Il dollaro americano è usato dappertutto ma il non utilizzo di monete ci farà ricevere molti riel come resto. Inoltre se si paga in dollari, il resto in riel è spesso in difetto, quindi si consiglia di controllare sempre l'equivalenza ed essere veloci in matematica.
  • Contrattare in gruppo. Avere un paio d'amici interessati al prodotto, aiuterà i cambogiani a concedere uno sconto.
  • Chiedere di parlare col gestore (in ristoranti e guest-house) perché l'impiegato dirà che il proprietario deve essere presente. È comunque molto semplice contrattare quando si parla col gestore, molto spesso non ha tempo da perdere e accetterà lo sconto voluto.
  • Mai pagare il prezzo pieno vicino ai templi di Angkor. Questo vale anche per libri, souvenir, illustrazioni, acqua e cibo. In bassa stagione i banchetti del cibo hanno un menu separato. Chiedere di quello, sul quale si può addirittura contrattare. È molto più difficile contrattare ai banchetti al tempio Angkor Wat, specialmente al ristorante dall'altra parte della strada rispetto al tempio.
  • Cercate di non contrattare troppo con i mototaxi o i tuk-tuk che stanno vicino al vostro albergo. Gran parte di loro sono onesti e si prenderanno più cura della sicurezza dei buoni clienti. Alcuni potrebbero anche decidere di prendere i soldi che hanno perso dalla contrattazione in un altro modo e potrebbe portare anche a essere derubati. Accordarsi sulla cifra prima di salire, per non trovarsi in situazioni imbarazzanti.
  • Se la contrattazione non è il vostro forte, il miglior modo per ottenere un buon prezzo a un mercato è quello di prendere un oggetto e chiedere quanto costi, fare la faccia delusa e far finta di andarsene. Il prezzo in genere scende subito.

Siem Reap è il posto migliore per contrattare, mentre Phnom Penh è più difficile ma vale sempre la pena provare. Basta essere educati e persistenti.

A tavola[modifica]

Gamberetti cambogiani con pepe di Kampot

Anche se meno riconosciuto in confronto al resto della cucina asiatica, il cibo khmer è delizioso ed economico. In genere la base sono gli spaghetti noodle o il riso e a differenza della Thailandia e del Laos non viene supportato dal piccante; qui preferiscono utilizzare il pepe nero al posto dei peperoncini anche se vengono spesso messi su un lato del piatto. Nella cucina khmer si notano le influenze thai e vietnamite anche se qui i sapori sono più aspri. Il Prahok, un impasto di pesce locale, è molto comune nei piatti khmer e potrebbe non essere di gradimento per i palati occidentali. I ristoranti indiani e cinesi hanno una forte rappresentanza in Phnom Penh e in altre grandi città. Il cibo occidentale si può trovare in gran parte dei ristoranti delle zone turistiche ed è il più economico di tutta l'Asia del Sud Est, anche se costa comunque il doppio di un pasto Khmer.

Spaghetti noodle fritti, zuppa aspra e un curry in stile Khmer

I piatti tipici Khmer comprendono:

  • Amok - Probabilmente il piatto cambogiano più famoso. È un curry fatto con latte di cocco, meno piccante di quello thailandese. In genere preparato col pollo, pesce o gamberetti con l'aggiunta di alcune verdure, in genere servito all'interno di un mesocarpo di cocco con del riso come accompagnamento.
  • K'tieu (Kuytheav) - Minestra di spaghetti noodle di solito servita per colazione. Preparata con maiale, manzo e pescato. I condimenti sono aggiunti a piacimento del consumatore e potrebbero essere succo di lime, peperoncino in polvere, zucchero e salsa di pesce.
  • Somlah Machou Khmae - Zuppa agrodolce preparata con ananas, pomodori e pesce.
  • Bai Sarch Ch'rouk - Anche questo onnipresente a colazione. Si tratta di riso (bai) con carne di maiale (sarch chrouk) che gran parte delle volte viene grigliata, Servita con dei sottaceti.
  • Saik Ch'rouk Cha Kn'yei - Maiale fritto con zenzero che in genere qui è servito come verdura.
  • Lok lak - Straccetti di manzo cotti velocemente. Probabilmente un superstite dei tempi della colonizzazione. Servito con una salsa fatta di succo di limone e pepe nero, lattuga, cipolla e spesso patatine fritte.
  • Mi/Bai Chaa - Spaghetti noodle fritti o riso. Non particolarmente stimolante ma una buona base per i viaggiatori.
  • Trey Ch'ien Chou 'Ayme - pesce fritto con salsa dolce e verdure. Molto saporito. "Chou 'ayme" significa "agrodolce".
  • K'dam - Granchio. Kampot, nel sud, è famosa per il granchio cotto nel pepe nero di produzione locale. Molto saporito.

Da non dimenticare i dolci Khmer Pong Aime. Disponibili nei banchetti di ogni città, sono eccellenti. Si può scegliere tra una varietà di dolcetti e averli serviti con del ghiaccio, latte condensato e acqua zuccherata. Da provare assolutamente è il Tuk-a-loc, un frullato di frutta, uovo crudo, latte condensato addolcito e ghiaccio. Da menzionare anche i venditori ambulanti di cialde waffle e più ci si allontana dalle zone alberghiere, più la cialda con pastella di cocco diventa buona, e sono incredibili.

Un dolce di frutta in una guest house

C'è anche una grande varietà di frutta fresca disponibile ai mercati. I prezzi variano a seconda di quale sia la frutta di stagione e le 9 varietà di mango (attorno al capodanno Khmer) e i mangostano (maggio/giugno) sono superbi. Il frutto del drago (dragonfruit), quello con la buccia rosa e verde, ha una polpa bianca con dei piccoli semi neri, o se si resce a trovare la variante con la polpa rosso fluorescente. Una cosa speciale in agosto è il durian, un frutto spinoso grande come una palla da calcio. Si consiglia di fermarsi ad osservare nei vari banchetti quello che è fresco, il frutto viene e va molto velocemente, e divertitevi a contrattare, in quanto in genere lo vendono a caro prezzo. Il durian è considerato quasi un piatto cerimoniale se si ha un amico cambogiano che vorremmo trattar bene. Il trucco sta nel non aprire il frutto fino al momento in cui si mangia. Appena aperto è fragrante e ambrosiano, se maturo al punto giusto. Dopo poco tempo prende l'odoraccio indimenticabile. I ristoranti non permettono che venga consumato all'interno dei locali per quest'ovvio motivo. La Giaca, o Panfrutto (Jackfruit) è simile al durian ma non puzza e si può trovare a fette. Anche se non è un frutto, la canna da zucchero viene venduta in tutta Phnom Penh nei banchetti che la spremono sul posto, ottima opzione economica per riacquistare un po' di fluidi e riacquistare energie.

Altro cibo Khmer che potrebbe non essere gradevole ai palati stranieri, sono le uova fecondate (uova di anatra con un embrione al suo interno) e una varietà di animaletti orrendi e formicolanti (ragni, grilli, scarafaggi d'acqua) oltre a grigliate di ratto, rana, serpente, pipistrello e uccellini.

Bevande[modifica]

L'acqua del rubinetto di Phnom Penh ha subito un cambio radicale grazie al governo di Ek Sonn Chan, quindi in città si può bere dal rubinetto senza problemi anche se ha molto cloro e il sapore potrebbe essere cattivo. Inoltre ci sono molte premure riguardo ai venditori di acqua ambulanti. Fuori da Phnom Penh si deve presumere che l'acqua del rubinetto non sia potabile. Le marche di acqua imbottigliata khmer vendute in bottiglie di plastica blu costano sui 1.000 Riel.

Analcolici[modifica]

Il caffé ghiacciato è ovunque in Cambiogia, fatto in stile vietnamita, tostato fresco e mescolato con del latte condensato. Se si passa di fronte ad un ristorante o mangeria, si vedranno sempre dei locali che ne sorseggeranno un po'. Una tazza costa circa 1.500/2.000 Riel. Anche il Tè ghiacciato con aggiunta di limone e zucchero è molto rinfrescante e si trova ovunque.

Anche il cocco fresco si trova ovunque, fa molto bene e si può bere direttamente dal frutto.

Alcolici[modifica]

Vita notturna a Siem Reap

I Khmer non si possono proprio definire dei bevitori occasionali. Bevono tanto e mirano ad ubriacarsi pesantemente nel più breve tempo possibile e se si viene invitati ad unirsi alla bevuta, è bene conoscere i propri limiti.

Le due birre cambogiane più diffuse sono Anchor e Angkor che si possono trovare in bottiglie, lattine e alla mescita, in genere per meno di $1. Altre birre possono essere Klang e Cambodia mentre tra gli stranieri sono molto diffuse Beerlao e Tiger. Si trovano anche ABC Stout, Heineken e Carlsberg. Tra le più economiche si ha Crown e Leo, mentre la Kingdom Beer è mirata al mercato più alto.

Il vino di palma e il vino di riso sono disponibili nei villaggi e possono piacere; costano circa 500-1.000 Riel per bottiglie da 1 litro. A causa della cattiva sanitizzazione si deve fare molta attenzione ai vini locali.

Per un'esperienza veramente Khmer si deve cercare una bella bottiglie di vino Golden Muscle Wine. Reclamizzato su tutti i tuk-tuk, questo miscuglio nero ottenuto da corna di cervo ed erbe varie, ha un tasso alcolemico del 35% e ha un sapore duro se bevuto da solo, ma con l'aggiunta di acqua, acqua tonica o cola, può essere buono. Per £2 per una fiaschetta da 350ml, per la versione originale o $3 per la versione "X.O.", questo è il cicchetto più economico che si possa trovare.

Infrastrutture turistiche[modifica]

Pernottamenti[modifica]

Alloggi in stile occidentale sono disponibili in tutte le maggiori città; anche i posti meno frequentati come Kampong Chhnang offrono sistemazioni economiche. Semplici guest house possono costare anche £5USD a notte, nelle campagne, ma i prezzi nelle città sono in genere sui $5-10USD. In questa fascia di prezzo aspettatevi di dover utilizzare i propri asciugamani. Se si desidera l'aria condizionata, l'acqua calda e la TV via cavo, i prezzi salgono sui $10-20USD. Negli ostelli, i dormitori sono nell'ordine dei $2-5USD.

Opportunità di studio[modifica]

La Cambogia ha meno opportunità per studiare la lingua e la cultura per i viaggiatori che intendono passare poco tempo nel paese, ma per coloro che hanno un po' più di tempo ci sono molte scuole di lingua e insegnanti privati. Ci sono anche gruppi di meditazione che si incontrano in alcune pagode buddhiste in Phnom Penh. Ci sono classi di cucina Khmer in Battambang, Sihanoukville, Phnom Penh e Siem Reap.

Opportunità di lavoro[modifica]

Uno dei modi più interessanti per conoscere una nazione è quello di fare del volontariato, pratica che si sta diffondendo sempre più.

Per coloro che hanno la fortuna di parlare l'inglese come lingua madre, potrebbero trovare lavoro come insegnanti di inglese, anche se hanno altre specializzazioni. Basta stampare un po' di curricula e consegnarli nelle varie scuole.

Molti bar e guesthouse di Siam Reap e Sihanoukville necessitano impiegati occidentali o volontari e in genere provvederanno ai pasti e al posto per dormire, ma pagano molto poco, se pagano.

Se si considera di fare del volentariato in un orfanatrofio, bisogna rendersi conto che molti, se no tutti sono gestiti malamente da sfruttatori. Pochi bambini orfani cambogiani sono veri orfani. I soldi investiti andranno molto probabilmente al proprietario e non ai bambini e pochi sono gli orfanatrofi legali. Ci sono alcuni articoli che denunciano il fenomeno degli orfanatrofi moderni e delle adozioni [2], [3].

Eventi e feste[modifica]

Festività nazionali[modifica]

  • Capodanno - 1 Gennaio - Celebra l'inizio dell'anno gregoriano.
  • Giorno della vittoria sul genocidio - 7 gennaio - Giorno che commemora la fine del regime dei Khmer Rossi avvenuta nel 1979.
  • Magha Puja - Tra gennaio e febbraio a seconda del ciclo lunare - Festa nazionale che commemora il raduno dei monaci per ascoltare il Buddha.
  • Festa della donna - 8 marzo -
  • Capodanno Khmer - 14 aprile - Capodanno cambogiano, considerato l'evento più importante nel paese. Dura tre giorni.
  • Vesak - Tra aprile e maggio - Nascita del Buddha.
  • Festa dei lavoratori - 1 maggio -
  • Cerimonia dell'aratura reale - maggio - Festa nazionale che cosrrisponde all'inizio della semina del riso.
  • Compleanno del re - 13 maggio - Compleanno di Sua Maestà il Re Norodom Sihamoni nato il 14 maggio 1953. Dura tre giorni.
  • Giorno del ricordo - 20 maggio - Giornata nazionale dedicata al ricordo dell'inizio del genocidio cominciato il 20 maggio del 1976.
  • Giorno dei bambini - 1 giugno - Giornata alla memoria dei bambini e per ricordare anche di mantenerli in sicurezza.
  • Compleanno della regina madre - 18 giugno - Compleanno della regina madre Norodom Monineath, nata il 18 giugno 1936
  • Giorno della costituzione - 24 settembre - Giornata in memoria della firma della costutizione da parte del re Sihanouk.
  • Pchum Ben - tra settembre ed ottobre - Conosciuta anche come giornata degli antenati. Festività buddhista in ricordo dei familiari deceduti, celebrata cucinando per i monaci e per le "anime" dei parenti estinti. Dura tre giorni.
  • Giornata in commemorazione del Re Padre - 15 ottobre - Giornata in ricordo dell'anima reale di Sua Maesta il Re Preah Bat Samdech Preah Norodom Sihanouk, Preahmahaviraksat, re padre dell' Indipendenza Nazionale Cambogiana, Unità e Integrità Territoriale.
  • Giorno dell"accordo di Pace di Parigi - 23 ottobre - In ricordo degli accordi di pace di Parigi del 1991.
  • Giorno dell'Incoronazione del Re Sihamoni - 29 ottobre
  • Giorno dell'indipendenza - 9 novembre - In ricordo dell'indipendenza dalla Francia avvenuta nel 1953.
  • Festival dell'acqua - tra ottobre e novembre - festa nazionale che celebra l'antica marina militare cambogiana sotto il Re Jayavarman VII durante il Regno Khmer.
  • Giorno dei diritti umani - 10 dicembre - Commemora l'adozione e la proclamazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Altre festività[modifica]

  • Festival degli acquiloni - tra novembre e dicembre - Esattamente un mese dopo il Festival dell'acqua, nella notte di luna piena del Maksir, il primo mese del calendario lunare Khmer. È un'occasione di festa per pregare per il buon tempo e i buoni raccolti.
  • Festival dei bachi da seta - settembre - Il giorno di luna piena di settembre che celebra la lunga tradizione cambogiana della tessitura della seta.
  • Capodanno cinese - tra gennaio e febbraio -
  • Hei Neak Ta - tra gennaio e febbraio - Conosciuta anche come Parata degli Spiriti, segna la fine delle celebrazioni del capodanno cinese. In altre parti dell'Asia è conosciuta come il Festival delle Lanterne, che si celebra solo il 15mo giorno del calendario lunare, mentre in Cambogia va avanti per tre o 4 giorni.
  • Festival di metà autunno - settembre o ottbre -
  • Festa di Qingming - Aprile - Chiamato "Chheng Meng" dai cambogiani, conosciuta anche come "Giorno della pulizie delle tombe", nel quale i cinesi portano cibo alle tombe degli antenati. In Cambiogia è associato col Phcum Ben ed è un ulteriore possibilità per pregare per felicità, successo e promozioni.
  • Corteo dei Pupazzi di Siem Reap - Celebrato a Siem Reap per elogiare la bravura della creatività artistica dei burattinai della zona. In mostra ci sono pupazzi giganti e spettacoli tradizionali di ombre.


Sicurezza[modifica]

La Cambogia è un paese sicuro e accogliente, con l'eccezione delle grandi città a notte fonda, in particolar modo Phnom Penh. Si raccomanda inoltre di fare attenzione ai portafogli e le valigie incustodite, gli scippatori in moto e in bicicletta sono in agguato in questa città. Si deve essere molto discreti con quello che si possiede, in special modo soldi e macchine fotografiche. Fare molta attenzione alle zono poco illuminate.

Crimine e corruzione[modifica]

La legge in Cambogia è applicata senza logica. I crimini in genere hanno bisogno di bustarelle per essere investigati e se i colpevoli sono persone ricche o connesse col governo sono pressoché intoccabili per la polizia e il tribunale. Si deve anche essere coscienti che anche i tribunali sono corrotti. Comunque il crimine violento è piuttosto basso, la polizia è in genere gentile e coloro che faranno uso del buon senso avranno poco di cui aver paura.

Campi minati[modifica]

Un cartello che segnala la presenza di campi minati

La Cambogia soffre di un eredità pesante, composta di milioni di mine terrestri abbandonate durante gli anni della guerra. Per i turisti questo presenta un rischio minore perché le aree turistiche sono state sminate. HALO Trust, un'organizzazione specializzata nella rimozione delle mine, presente nel paese, afferma che si di deve guidare dentro la giungla per almeno un'ora in direzione nord ripetto a Angkor Wat per incontrare delle mine. La minaccia è per la gente del posto nelle aree rurali che vivono di agricoltura. Comunque per sicurezza si consiglia di non scorrazzare a piacimento e fare molta attenzione. Da tenere presente che le mine si spostano con lo spostamento del terreno causato da pioggie e maltempo.

In zone remote come Preah Vihear (vicino al confine) e Pailin, una roccaforte Khmer Rossa, si deve porre molta attenzione. Si consiglia di chiedere consigli dalla gente del posto e prestare attenzione ai cartelli di attenzione, alla vernice rossa e alle corde rosse che indicano la presenza di campi minati anche nel più piccolo dei praticelli in quanto i campi minati non sono stati del tutto bonificati. Il rischio è serio e non va preso sottogamba, in quanto mine inesplose possono trovarsi anche ai bordi delle strade statali. Si consiglia dunque di non avventurarsi fuori dai percorsi conosciuti.

Prostituzione[modifica]

L'età del consenso qui è di 15 anni. La prostituzione è illegale ma molto diffusa anche se in genere non mirata ai turisti (non esistono go-go bar come in Thailandia). Molti bar e disocteche hanno comunque delle ragazze che lavorano in giro per i locali, specialmente a Phnom Penh. Mentre l'Asia ha visto un abbassamento della diffusione dell'AIDS del 20% dal 2001, la Cambogia ha avuto un declino del 50% tra il 2003 e il 2011. Comunque è sempre meglio adottare precauzioni in ogni caso.

Inoltre il paese ha riscosso una triste notorietà per essere diventato una destinazione per i pedofili e le leggi prevedono sentenze di 30 anni per aver fatto del sesso con dei bambini. Gli autori sono perseguibili anche nelle loro nazioni d'origine, quindi non si pensi di farla franca una volta di ritorno a casa.

Pornografia[modifica]

Alcuni turisti occidentali sono stati arrestati con accuse di pornografia per aver filmato degli atti sessuali durante delle feste. Se colpevoli, la condanna può essere fino ad un anno.

Droghe[modifica]

Le droghe, compresa la cannabis, sono illegali in Cambogia e le punizioni possono essere molto severe. Sia Phnom Penh sia Siem Reap sono piene di pizzerie che producono prodotti Happy Herb; l'effetto di questi spuntini illegali arriva molto lentamente e si potrebbe rischiare di mangiarne un po' troppa, quindi si raccomanda di fare molta attenzione. Molti di questi ristoranti che reclamizzano la "happy pizza" comunque non servono pizza drogata. L'eroina è molto potente nell'Asia del Sud Est e gli stranieri in cerca di cocaina in genere vengono forniti con dell'eroina che potrebbe portare alla morte. Ci sono anche delle droghe vendute al banco delle farmacie che si dice siano simili all'eroina, sono legali e disponibili, ma hanno portato comunque alla morte alcuni turisti.

Situazione sanitaria[modifica]

Malattia misteriosa. Benché questa malattia colpisca i bambini al di sotto dei tre anni, nel luglio del 2012 è stata descritta dai media come l'enterovirus 71 e sembra causi ancora delle fatalità. Questo sembra un soggetto tabù nei media cambogiani ma gli immigrati e la gente del posto parla tranquillamente di quanti ancora muoiano di questa malattia respiratoria. Gli immigrati spesso rifiutano di mangiare pollo anche se distribuito da catene ben conosciute, citando le condizioni di trasporto e il modo in cui i polli vengano tenuti in gabbie, addossando a questo animale la colpa della diffusione della malattia.

Questo paese manca di strutture mediche affidabili, dottori, cliniche ospedali e medicine, specialmente nelle aree rurali. Ogni problema serio dovrebbe essere risolto a Bangkok o Singapore, che offrono servizi ottimi (almeno per coloro che se lo possano permettere). Il rimpatrio è anche organizzato più facilmente dalle due città appena citate. Si consiglia di assicurarsi che l'assicurazione medica copra le evacuazioni mediche. Ci si può affidare all'ospedale privato Royal Rattanak Hospital di Phnom Penh, molto costoso, per cure d'emergenza e può curare molte malattie tipiche della regione. La clinica Naga Clinic ha sedi a Siem Reap e Phnom Penh, ed è pulita e sicura anche per condizioni minori.

Ospedali e cliniche locali vanno dal mediocre allo spaventoso e ci si deve aspettare degli ambienti sporchi, con scarsa attrezzatura, medicine scadute e placebo di farina e zucchero. In queste cliniche non fatevi iniettare niente nel sangue, curando la disidratazione oralmente invece che con flebo, per evitare il rischio di setticemia. Lo stesso vale per le trasfusioni di sangue.

Ufficialmente non servono certificati di salute o vaccini per entrare nel paese almeno che non si arrivi direttamente dall'Africa. Comunque si consiglia di visitare un dottore qualche settimana prima della partenza del viaggio per consigli aggiornati e vaccini. Quelli in genere consigliati sono:

  • Influenza aviaria - Sono 7 i casi di decesso finora registrati in Cambogia (settembre 2007). Trovandosi il paese nella zona del focolaio del virus meglio osservare scrupolosamente le norme di prevenzione.
  • AIDS
  • Consigliabile sottoporsi alla vaccinazione difterite, tetano, poliomielite
  • Vaccinazione febbre tifoide, epatite virale A e B consigliata
  • Vaccinazione contro l'Encefalite Giapponese consigliata soprattutto se si decide di soggiornare nelle zone rurali del paese
  • Al di fuori della capitale le strutture sanitarie sono carenti e possono mancare i vaccini e medicine contro i morsi di serpenti.
  • Meningite.

Da considerare sono anche le pillole per la malaria per viaggi minori di 30 giorni anche se i posti più turistici hanno rischi minimi. Una rete per le zanzare aiuta molto a Siam Reap e spray repellenti importati sono disponibili nei negozi.

Un kit medico base con panadol, antistamine, antibiotici, caolina, soluzione reidratante orale, lozione a base di calamina, bende e cerotti, forbici e insetticida repellente, può essere comperato a Siem Reap e Phnom Penh. In alternativa può essere acquistato a Bangkok o Saigon prima dell'arrivo.

Phnom Penh è libera dalla malaria e gran parte delle attrazioni turistiche, compresa Siem Reap ne sono praticamente esenti. La preoccupazione maggiore è per la zanzara che porta la febbre dengue che non è piacevole per niente ed è chiamata la "febbre spacca ossa" per la sensazione che da. Non dovrebbe causare rischio di morte per coloro che la contraggono la prima volta. Si deve comunque ponderare l'eventualità di profilassi adeguate.

L'indisposizione più comune per i turisti è la diarrea che potrebbe degenerare nella dissenteria causando molta deidratazione e ci si deve aiutare bevendo 2-3 litri d'acqua al giorno.

Il ghiaccio cambogiano potrebbe essere stato prodotto in industrie che non seguono criteri di sicurezza e potrebbe essere stato trasportato in sacchi contaminati. I cubetti di ghiaccio sono più sicuri del ghiaccio rotto da blocchi più grandi.

Si devono osservare scrupolosamente le norme di igiene alimentare. Evitare il consumo di carni poco cotte ed è da evitare assolutamente è l'acqua non trattata, il ghiaccio ottenuto con essa ed ogni frutto e verdura fresca che potrebbero essere stati lavati con essa. L'acqua del rubinetto è in genere non potabile ed anche se a Phnom Penh è potabile, molti non si fidano, comunque soltanto coloro che hanno un sistema immunitario molto compromesso avranno problemi a lavarsi i denti con essa. Bottiglie d'acqua molto economiche sono disponibili in tutti i negozi di qualsiasi città e paese. Si consiglia di portare delle pasticche per purificare l'acqua oppure dello iodio per sterilizzare l'acqua se si pianifica di visitare zone rurali. Bollire l'acqua può aiutare a sterilizzarla senza generare cataste di bottiglie di plastica o comprometterne il sapore. L'acqua nelle caraffe delle caffetterie o ristoranti dovrebbe essere stata bollita, come ovviamente l'acqua del tè.

Se si contrae una diarrea severa con una severa disidratazione, si deve prendere una soluzione reidratante e bere molta acqua trattata. Molto sangue o muco nelle feci potrebbe indicare dissenteria che richiede una visita da un dottore per prendere degli antibiotici.

Aprile è il mese più crudele quando la temperatura supera i 35°C. Si consiglia di usare della crema solare e un cappello per proteggersi dalle insolazioni.

HIV[modifica]

Le prostitute di entrambe i sessi potrebbero essere portatori di molte malattie trasmesse sessualmente. La percentuale ufficiale di presenza di HIV nelle prostitute è del 34% in confronto allo 0.6% dell'intera popolazione.

Altre malattie[modifica]

Prima di partire ci si deve informare sulla situazione sanitaria, essendo il paese soggetto a epidemie quali la rabbia che colpisce vari mammiferi oltre i cani. Il portale specifico ove trovare informazioni aggiornate è viaggiaresicuri.it.

Rispettare le usanze[modifica]

La Cambogia è una nazione che sta ancora attraversando un cambiamento. Nella gran parte dei posti turistici come Phnom Penh e Siem Reap si sono abituati ai comportamenti dei turisti ma in altri, come Stung Treng o Banlung, molto meno. Si consiglie di chiedere sempre il permesso prima di scattare una foto alle persone in quanto in molte zone remote non piace essere fotografati e qualcuno, nelle zone urbane, chiederà dei soldi in cambio.

L'abbigliamento per le donne qui è ancora molto conservativo. Nonostante i pantaloncini e gonne corte siano accettati a Phnom Phen e Siem Reap, è comunque molto più rispettoso indossare pantaloni e gonne che coprano le ginocchia nelle altre zone del paese. Anche se le donne vestano molto puducamente durante il giorno per proteggere la pelle dal sole per evitare l'abbronzatura che non trovano attraente, la sera si vestono un po' piu osé per andare fuori a divertirsi come tutti, quindi non si devono scambiare per delle prostitute.

Si trovano gruppi di bambini ovunque e molti viaggiatori si sentono infastiditi da tutti quelli che si avvicinanno per chiedere di comprare braccialetti e altre cose. Molto spesso invece per loro è l'occasione di fare pratica di inglese e chieder loro l'età e il nome è un buon modo per cominciare una conversazione dove poi la vendita iniziale possa essere dimenticata. A grandi e piccini comunque piace vedere le foto della nostra famiglia e dei posti dai quali si arriva.

Una fossa comune a Choeung Ek, uno dei campi di sterminio dei Khmer Rossi

Il soggetto dei Khmer Rossi è piuttosto delicato e ai cambogiani non piace parlarne. Comunque se affrontato con educazione probabilmente riusciranno a rispondere.

Quando parlano dei vietnamiti non hanno scrupoli e furono visti come i liberatori quando intervennero nel 1979 ma poi hanno messo sotto scacco la nazione instaurando un regime brutale che ha comunque riscostruito tutte le infrastrutture distrutte dai Khmer Rossi, per poi portare ad una prosperità negli anni '80 del secolo scorso con sporadice insurrezioni.

Monaci buddhisti[modifica]

Come nella vicina Thailandia e il vicino Laos, qui regna il buddhismo Theravada. Questo significa che i monaci sono venerati e devono fare il loro dovere seriamente. Come in Thailandia escono al mattino per raccogliere le offerte della gente. Devono evitare il contatto con le donne, quindi se delle offerte arrivano da persone di sesso femminile, queste devono essere messe all'interno di un tessuto in modo che il monaco possa prenderla senza contatti fisici. A loro non è permesso di accettare e maneggiare soldi, quindi un'offerta monetaria è poco rispettosa. Il cibo è sempre l'offerta migliore. Ai monaci comunque non è permesso di mangiare cibo solido nel pomeriggio, quindi a fine mattinata smettono di raccogliere le offerte. Se si trovano dei monaci che si dilungano, probablmente nelle zone turistiche, sono degli impostori.


Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

La Cambogia usa il sistema GSM e Cellcard è l'operatore principale anche se la competizione è grande. Le cartine SIM prepagate sono disponibili ovunque per circa $2. Si possono trovare vanditori ambulanti o negozietti che vendono carte prepagate senza bisogno di far vedere un passaporto. I negozi più grandi comunque avranno bisogno di vedere un passaporto.

Connessione dati 3G è disponibile in gran parte del paese, mentre il 4G si trova in gran parte delle città.

I numeri fissi sono codificati come segue +855 (0) xy nnn-nnnn dove "855" è il codice nternazionale per la Cambogia, il primo numero (x) sarà 2, 3, 4, 5, 6 o 7, il secondo numero (y) sarà compreso tra 2 e 6. Il rimanente è il numero dell'abbonato.

I numeri di telefonia mobile cominciano con 1, 8 o 9 seguiti da un numero di sette o otto cifre. Si deve sempre digitare il numero intero di un cellulare, per esempio +855 1 1234 5678.

Internet[modifica]

Gli internet caffè somo molto diffusi ed economici ($0.50-1 all'ora). Anche nelle cittadine piccole si troverà almeno un'offerta broadband. A Kampot, Kratie e Sihanoukville i costi sono sulla fascia alta. Internet Wi-Fi è molto diffuso con segnale disponibile anche in posti inaspettati. L'abbonamento domestico per questo tipo di connessione va dai $29.95 ai $89.

Internet veloce 3G/4G (con modem USB) è disponibile a Phnom Penh, Siem Reap, Sihanoukville, Kampot e Kep con una ricezione peggiore nelle altre zone. I turisti possono aggiungere internet 3G o 4G alle loro cartine SIM per un costo aggiuntivo di circa $3 al mese (pacchetto LT3 da 0.8GB massimo) con Metphone, oppure 1c/MB con Qbmore, oppure un pacchetto illimitato per $25 al mese con Metphone.

Il Khmer scritto non è molto presente nel mondo dell'elettronica. I telefoni, i computer (a tutto l'uso che se ne fa) tendono ad essere in inglese.


Altri progetti

Asia
AsiaContour coloured.svg Afghanistan · Arabia Saudita · Armenia · Azerbaigian · Bahrain · Bangladesh · Bhutan · Birmania · Brunei · Cambogia · Cina · Corea del Nord · Corea del Sud · Emirati Arabi Uniti · Filippine · Georgia · Giappone · Giordania · India · Indonesia · Iran · Iraq · Israele · Kazakistan · Kirghizistan · Kuwait · Laos · Libano · Maldive · Malesia · Mongolia · Nepal · Oman · Pakistan · Qatar · Russia · Singapore · Siria · Sri Lanka · Stato di Palestina · Tagikistan · Taiwan · Thailandia · Timor Est · Turchia · Turkmenistan · Uzbekistan · Vietnam · Yemen