Scarica il file GPX di questo articolo
Africa > Nordafrica > Marocco

Marocco

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Marocco
Bab Bou Jeloud a Fès
Localizzazione
Marocco - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Marocco - Stemma
Marocco - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Marocco è il più occidentale degli stati del Nordafrica. Ha un'ampia facciata marittima sia sull'Oceano Atlantico che sul Mar Mediterraneo.

Da sapere[modifica]

Quando andare[modifica]

L'alta stagione in Marocco decorre da luglio a settembre. Questo può non essere il migliore dei periodi considerando la calura estiva.

A chi ha la possibilità di scegliere è consigliata la primavera ma non i suoi inizi in quanto lo scioglimento delle nevi gonfia i corsi d'acqua a tal punto da farli straripare causando problemi di circolazione nelle strade di montagna.

Settembre-novembre è anche un altro buon periodo in cui far rientrare il proprio viaggio. Il caldo eccessivo è ormai passato ma il tempo è ancora bello, tale da permettere la balneazione. Solo considerate le date del Ramadan, un periodo giudicato non favorevole per recarsi in Marocco a causa delle sue regole restrittive.

Il sud del Marocco si presta per viaggi al di fuori della bella stagione sebbene siano da prendere in considerazione le notevoli escursioni diurne.

Considerate ancora che le acque dell'Atlantico risultano fredde anche a Ferragosto.

Infine quando consultate un servizio on line di previsione del tempo non mancate di controllare l'intensità del vento che non di rado spazza furioso le località della costa atlantica.


Lingue parlate[modifica]

Oltre all'arabo e tamazight (berbero) che sono le lingue ufficiali, sono correntemente parlati il francese e lo spagnolo.


Territori e mete turistiche[modifica]

Il Marocco è diviso in 16 regioni suddivise a loro volta in 71 tra prefetture (urbane) e province (rurali).

Mappa divisa per regioni
      Marocco mediterraneo — Ospita città e villaggi di tutti i tipi, le città più importanti sono quelle di Al-Hoseyma e Tangeri. Diversi possedimenti spagnoli, come Ceuta e Melilla, e alcuni porti di rilevo.
      Costa nord atlantica del Marocco — La costa settentrionale del Marocco che si trova tra la capitale Rabat e Casablanca, cosparsa di tranquille cittadine marittime.
      Costa sud atlantica del Marocco — La costa meridionale è più tranquilla, offre magnifiche cittadine costiere come Essaouira e Agadir.
      Alto Atlante — Ricopre sia la catena montuosa dell'Alto Atlante che le aree circostanti incluso Marrakech.
      Medio Atlante — Ricopre sia la catena montuosa del Medio Atlante che le aree circostanti incluso Fès e Meknes.
      Marocco sahariano — La vasta regione desertica del Marocco si estende fino al confine con l'Algeria; safari su cammello e dune di sabbia sono simboli locali tipici dei nomadi del deserto.
      Anti Atlante — La porzione meridionale, ricopre Taroudant fino al confine al confine col Sahara Occidentale e il Sous, una fertile regione intorno la città di Taroudant.
Avviso di viaggio! ATTENZIONE: Il Sahara Occidentale, un'ex colonia spagnola, corrisponde in gran parte alla regione marocchina del Piccolo Atlante. Il viaggio nel Sahara occidentale non è consigliato per la presenza di campi minati non ancora bonificati.


Centri Urbani[modifica]

Gole del fiume Todra
  • Rabat — La capitale del paese e tranquilla città che comprende una torre e un minareto del XII secolo.
  • Casablanca — La più grande e moderna città del paese. La sua storica medina e la sua moschea contemporanea (la terza più grande del mondo) meritano una visita di mezza giornata.
  • Fès — Fès è la vecchia capitale del Marocco e una delle più vecchie e grandi città medioevali al mondo.
  • Marrakech (Marrakesh) — Marrakech è una perfetta combinazione del vecchio e nuovo Marocco. Pianifica di passare almeno qualche giorno per girovagare nella tanto affascinante quanto labirintica medina. La grande piazza di Djeema El Fna al crepuscolo non può essere persa.
  • Meknes — Città moderna e tranquilla che offre una pausa ai turisti provenienti da Fès.
  • Ouarzazate — Considerata la capitale del sud, Ouarzazate è un grande esempio di preservazione e turismo che non ha distrutto lo spirito di una fantastica e antica città.
  • Sidi Ifni — Città sull'Atlantico, 174 km a sud di Agadir.
  • Tafraoute — Villaggio berbero tra folti palmeti inframezzati da rocce granitiche dalle forme fantasiose; rinomato per i suoi paesaggi.
  • Tangeri — Tangeri è il punto di partenza per la maggior parte dei visitatori arrivati via mare dalla Spagna. Un fascino enigmatico che ha storicamente attratto numerosi artisti (Henri Matisse), musicisti (Jimi Hendrix), politici (Winston Churchill), scrittori (Burroughs, Mark Twain) e altri (Malcolm Forbes).
  • Tarfaya — Piccolo porto di 5000 abitanti di fronte l'isola di Fuerteventura (Isole Canarie) alla quale è collegato da un servizio non regolare di traghetti.
  • Taroudant — Città mercato meridionale.
  • Tetouan — Belle spiagge e punto di accesso alle montagne del Rif.

Altre destinazioni[modifica]

Villaggio fortificato di "Ait Ben Haddou"

Marocco settentrionale

  • Assilah (Aşīlah, Asilah, Arzila, arabo: أصيلة, Aṣīla) — Ad appena una cinquantina di km a sud di Tangeri, Assilah è un centro balneare sulla costa atlantica, molto frequentato d'estate soprattutto da turisti spagnoli. Bella la medina del XV secolo restaurata a puntino.
  • Cascate di Ouzoud — Situate sulla catena dell'Alto Atlante, le Cascate di Ouzoud hanno un salto di 100 m. e sono rinomate per la lussureggiante vegetazione che le circonda. Si incontrano lungo la strada da Fès a Marrakech.
  • Gole del fiume Todra — Rinomate per i drammatici paesaggi, le gole del Todra si snodano tra pareti rocciose alte 300 m. che in più punti si restringono fino a 50 m. Al loro ingresso sta un folto palmeto.
  • Ifrane — Stazione climatica in epoca coloniale, Ifrane è la base per escursioni ai vicini boschi di cedri che coprono i pendii del Medio Atlante.

Marocco centrale

  • Ait-Ben-Haddou — A pochi km dalla città di Ouarzazate, Ait-Ben-Haddou è un suggestivo villaggio fortificato che ha fatto da sfondo a innumerevoli film di successo, da "Lawrence d'Arabia" del 1962 fino a "Alexander" del 2004. Proseguendo lungo la strada asfaltata si percorre una vallata tranquilla e pittoresca e si raggiunge Telouet, piccolo paese con interessante villaggio fortificato. Proseguendo si raggiunge il passo Tizi-n-tichka. L'ntero percorso è l'antica via di comunicazione tra Marrakech e il sud del Paese prima che venisse costruita la strada statale.
  • Oualidia — Situata ai bordi di una laguna sulla costa atlantica, Oualidia è un sonnolento villaggio i cui abitanti sono dediti alla pesca e alla coltivazione delle ostriche. Oualidia offre ancora le migliori opportunità per quanti siano alla ricerca di una vacanza rilassante. Le acque tranquille della laguna sono ideali per praticare la balneazione. 80 km a sud di El Jadida.
  • Valle del Drâa — Lungo il corso del fiume che nasce ai confini con l'Algeria per poi gettarsi nell'Atlantico si dispongono numerosi villaggi fortificati noti come Qasba. Amezrou è uno dei più famosi paesi della vallata.


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Passaporto valido almeno 6 mesi. Il visto non è necessario per soggiorni turistici inferiori a 3 mesi. L'ambasciata italiana si trova a Rabat. Il Consolato italiano si trova a Casablanca.

In aereo[modifica]

Compagnie aeree che operano voli dall'Italia (giugno 2013):


In nave[modifica]

Do seguito le rotte da porti europei e i nomi delle compagnie marittime che vi operavano nell'anno 2009:

Dall'Italia[modifica]

Dalla Francia[modifica]

  • Sète (Montpellier) -Tangeri
    • SNCM (Société nationale maritime Corse Méditerranée)
    • Comanav (Compagnie Marocaine de Navigation) (Momentaneamente sospesa)

Dalla Spagna[modifica]


Come spostarsi[modifica]

Marocco - Rete ferroviaria

Il treno è un buon mezzo per i propri spostamenti. L'ente che gestisce le ferrovie è l'ONCF. La rete non è comunque sviluppata. Da Tangeri è possibile arrivare in treno fino a Marrakech, passando per Rabat e Casablanca. Un'altra linea principale si dirama dalla precedente passando per Meknes e Fès per poi terminare ad Oujda in prossimità del confine algerino.

Nel 2009 è stato inaugurato un nuovo troncone che si distacca dalla linea Fès-Oujda per raggiungere Nador sulla costa mediterranea. La nuova linea ferrata attraversa la catena del Rif nel senso della longitudine.

Altri tronconi più brevi raggiungono El Jadida e Safi sulla costa e Oued Zem all'interno. Per quanto ridotte, le linee ferroviarie collegano tra loro tutte le principali città del paese.

La rete di autobus extraurbani sopperisce alla carenza di strade ferrate. Le autolinee più rinomate sono SUPRATOURS gestita dall'ente delle ferrovie e la sua concorrente CTM [1] che opera anche su destinazioni internazionali tra le quali Madrid

In auto[modifica]

Marrakech e Ouarzazate sono collegate fra loro dalla statale N9.


Cosa vedere[modifica]

Itinerari[modifica]


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il Dirham marocchino (MAD) (1 $=11,60 dh, 1 euro=10,28 dh). Il valore delle banconote è scritto in arabo e francese, quello delle monete solo in arabo. È assolutamente vietato importare ed esportare valuta marocchina mentre non vi sono restrizioni per quanto riguarda la quantità e il tipo di valuta straniera che si può portare con sé. Per cambiare è necessario rivolgersi alle banche o agli uffici di cambio autorizzati (tutti i giorni con orario 10-14,16-20; è necessario conservare la ricevuta). È illegale cambiare il denaro per strada. Le carte di credito sono accettate nei grandi alberghi, ristoranti, negozi e spesso persino nei souk. Con quelle dotate di codice PIN si può prelevare dagli sportelli automatici anche se è sempre preferibile rivolgersi alle banche. Non ci sono problemi a cambiare euro, moneta che viene anche accettata direttamente in moltissimi negozi per pagare i vostri acquisti.Attenzione: sono ancora in circolazione banconote da 10 dh ormai fuori corso. Non accettatele e fatevi dare invece la corrispettiva moneta metallica.

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD

A tavola[modifica]

Come per il dormire, la scelta è estremamente ampia: dai ristoranti di lusso con spettacoli di musica e di danze ai piccoli locali dove l'unico piatto da ordinare è costituito dal kebab. Di conseguenza i prezzi sono assai variabili anche se, di solito, la cucina è ovunque buona (max 300 dh, min 20 dh, pasto medio 60-80 dh). La cucina marocchina è una delle migliori e più variate del mondo e non è particolarmente grassa né speziata. Del tajne e del cuscus, piatti che compaiono nella tavola di ogni ristorante, esistono innumerevoli varianti a seconda delle zone. Il tajine è uno stufato di carne o pesce e verdure cucinato lentamente in una caratteristica pentola conica in coccio che ne prende il nome: è ottimo e costituisce spesso un piatto completo così come il cuscus (che si dovrebbe mangiare con le mani).

Ottimo anche il pesce che si trova soprattutto nelle località di mare e viene spesso cucinato appena pescato sulle bancarelle che si trovano sui moli. Squisiti i dolci, in genere dolcissimi poiché prevedono impasti di mandorle, miele e farina. Se ne avete l'occasione, accettate l'invito a casa di qualche marocchino così da aver l'opportunità di assaggiare i piatti migliori. Magari potete farvi fare la pastilla, un piatto complicato che richiede un'intera giornata di preparazione e che consiste in strati di pasta farcita di carne di piccione o di pollo e di mandorle, il tutto ricoperto di zucchero o cinnamomo. Quando si è stanchi della cucina marocchina si può ripiegare su quella europea.


Infrastrutture turistiche[modifica]

Il Marocco ha una vasta gamma di alloggi, dagli alberghi senza classificazione a quelli di lusso sistemati in palazzi principeschi o nelle qasba del deserto.

Come ovunque nel mondo, anche in Marocco gli alberghi sono classificati con stellette da 1 a 5 a seconda della varietà di servizi offerti ma spesso la catalogazione non riflette la situazione reale e non è raro il caso che un albergo di categoria inferiore presenti maggior vantaggi di un altro a più stelle.

Molto ricercate le sistemazioni nelle antiche magioni della medina, soprattutto in quella di Marrakech. Esse sono dette "maisons d'hôte" o riads. Quasi sempre non sono a buon mercato ma sono curate negli arredi e piene di atmosfera, tutte cose che naturalmente si pagano. Spesso non offrono i vantaggi di un corrispondente albergo a 4 stelle e possono difettare di aria condizionata, un bene indispensabile se si viaggia d'estate. Cenare sul roof garden di una di queste antiche case con la luce soffusa del plenilunio che rischiara i minareti e le terrazze della medina è comunque un'esperienza da provare.

Data la popolarità di questo tipo di sistemazione è facile incorrere in fregature. Molte maisons d'hôte che possono sembrare stupefacenti grazie a un sito sapientemente allestito sul web, si rivelano nella realtà scadenti e scomode.

Raramente le maisons d'hôte concedono sconti in periodo di bassa stagione, cosa che invece gli alberghi spesso fanno.

Tra le catene alberghiere che operano in Marocco, oltre a Hilton, Hyatt, Sofitel e Sheraton troverete anche l'economica Ibis hotel i cui alberghi sono dislocati in vicinanza delle stazioni dei treni e degli autobus. Un'altra catena alberghiera che offre un buon rapporto qualità/prezzo è Atlas Hospitality Group.

Chi invece mira al risparmio e non privilegia né comodità né atmosfera troverà modeste sistemazioni nelle medina. Con tutta probabilità il bagno, se così si può chiamare, sarà in comune e spesso non dosporrà di doccia e tanto meno di acqua calda, servizi per i quali vi sarà chiesto un prezzo a parte. Il consiglio, in questo caso, è di andare in uno dei tanti hamam (bagno turco) che abbondano nelle medina delle città marocchine.

Le prenotazioni sono generalmente necessarie se si viaggia in alta stagione (giugno-settembre) o in concomitanza delle vacanze natalizie quando molti emigrati fanno ritorno a casa.

Se preferite prenotare rivolgendovi direttamente all'albergo fate attenzione perché potreste trovarvi addebitata sulla vostra carta di credito una commissione bancaria pari al 5% del prezzo della camera.


Eventi e feste[modifica]

In Marocco si celebrano numerose feste religiose e popolari. Particolarmente seguiti sono i moussem, raduni annuali in onore di un marabutto o santo locale; ve ne sono oltre 650 e quindi per averne le date aggiornate è bene informarsi presso gli uffici turistici locali. (I più importanti sono quelli che si tengono a el-Jadida e a Zerhoun). Molteplici anche le feste popolari tra cui ricordiamo:

  • Febbraio: la Festa dei mandorli in fiore a Tafraoute
  • Maggio: la Festa delle rose a Essaouira, della Musica sacra a Fès, dei Ceri a Salè e delle Ciliegie a Sefrou
  • Giugno: il Festival nazionale del folclore a Marrakech
  • Agosto: il Festival della cultura ad Assilah
  • Settembre: il Moussem dei fidanzati a Imilchil
  • Ottobre: la Festa dei datteri a Erfoud

Festività nazionali[modifica]

Data Festività Note
1 gennaio Capodanno Festività internazionale
11 gennaio Festa della dichiarazione d'indipendenza Memoriale (1944)
1 maggio Festa dei lavoratori Festività internazionale
30 luglio Festa dell'incoronazione Memoriale della salita al trono del re Mohammed VI (1999)
14 agosto Festa del Oued Ed-Dahab Memoriale del recupero della provincia di Oued Ed-Dahab dalla Spagna (1979)
20 agosto Festa della rivoluzione Memoriale (1953)
21 agosto Festa della gioventù Compleanno del re Mohammed VI (1963)
6 novembre Anniversario della marcia verde Memoriale della rivendicazione del Sahara Occidentale nei confronti della Spagna (1975)
18 novembre Festa dell'indipendenza
1 muharram Ras as-Sana Festività musulmana che segna l'inizio del nuovo anno islamico
12 rabi' al-awwal Mawlid Festività musulmana che segna la nascita del profeta Maometto
1 shawwal Id al-fitr Festività musulmana che segna la fine del Ramadan. Ha una durata di 3 giorni.
10 dhul-hijja Id Al Adha Festività musulmana del sacrificio o del montone detta anche Id El Kabir (grande festa). Ha una durata di 4 giorni.



Le festività religiose islamiche quali il Capodanno islamico, la nascita di Maometto, la vigilia e la fine del Ramadan, la Festa che commemora il sacrificio di Isacco, tutte festività che seguono il calendario lunare islamico. Di conseguenza, ogni anno cadono sempre una settimana prima rispetto all'anno precedente.

Sicurezza[modifica]

Il Marocco è un Paese che non presenta particolari problemi dal punto di vista della sicurezza anche se ultimamente è da segnalare un incremento di scippi e rapine nella città di Casablanca. I controlli stradali della polizia possono essere assai frequenti per ragioni di sicurezza e controllo della produzione delle droghe. A questo proposito si segnala difficoltà a visitare la regione nord del Paese verso il confine con l'Algeria. Da Chefchaouen infatti parte la strada n.39, lunga 278 km, che attraversa la catena del Rif: oltre la metà del percorso è sotto il controllo degli spacciatori che obbligano ad acquistare hascish, una vera e propria specie di "permesso di transito". Questo anche se l'uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti è severamente vietato e la polizia effettua controlli meticolosi soprattutto nelle zone di Tangeri, Tetouan, Nador e Issaguen (ex Ketama). Non sono tollerate tracce di alcol in chi guida; se un guidatore è sospettato di essere sotto l'influenza di alcol può essere sottoposto a prelievo o a qualsiasi altro test di rilevamento. Il traffico, molto indisciplinato, è particolarmente pericoloso in Marocco (numero di incidenti mortali tra i più alti del mondo). In alcuni ksour, antichi villaggi fortificati, la presenza di turisti può non essere molto gradita; è meglio farsi accompagnare da una guida locale e chiedere il permesso del mokkadem, la maggior autorità del ksar, o quello del kaid della zona. La frontiera meridionale tra Sahara occidentale e Mauritania è a rischio per la presenza di campi minati.

Situazione sanitaria[modifica]

L'acqua è potabile in tutto il Marocco e in teoria si potrebbe bere senza preoccupazioni; per evitare noiose diarree che potrebbero compromettere il viaggio è comunque consigliabile bere acqua minerale imbottigliata e non mangiare verdura cruda, frutti di mare e frutta non sbucciata. Evitare di bagnarsi in fiumi e laghi spesso infestati da parassiti. È bene sapere che l'assistenza sanitaria per i cittadini italiani è a pagamento, per avere una copertura meglio stipulare un'assicurazione privata. Le strutture medico-sanitarie pubbliche sono di livello insoddisfacente, solo nelle maggiori città esistono adeguate strutture private. Le farmacie sono aperte da lunedì a venerdì con orario 8-12, 14-18 (il venerdì la pausa di metà giornata è più lunga). Ogni farmacia reca all'esterno l'elenco delle farmacie di turno reperibile anche alla reception degli alberghi.

Rispettare le usanze[modifica]

Ramadan
Il Ramadan è il nono e più sacro mese del calendario islamico e dura 29-30 giorni. I musulmani digiunano ogni giorno lungo la sua durata e la maggior parte dei ristoranti resterà chiusa fino al crepuscolo. Niente (compresa l'acqua e sigarette) dovrebbe passare attraverso le labbra dall'alba al tramonto. Gli stranieri, i viaggiatori, ed altri sono esenti da questo, ma dovrebbero comunque astenersi dal mangiare o bere in pubblico in quanto questo è considerato molto maleducato. Le ore di lavoro diminuiscono anche nel mondo aziendale. Le date esatte del Ramadan dipendono da osservazioni astronomiche locali e possono variare da Paese a Paese. Il Ramadan si conclude con la festa di Eid al-Fitr, che può durare diversi giorni, di solito tre nella maggior parte dei Paesi.
  • 16 maggio – 14 June 2018 (1439 AH)
  • 6 maggio – 3 June 2019 (1440 AH)
  • 24 aprile – 23 May 2020 (1441 AH)
  • 13 aprile – 12 May 2021 (1442 AH)
  • 2 aprile – 1 May 2022 (1443 AH)

Se avete in programma di viaggiare in Marocco durante il Ramadan, prendere in considerazione la lettura dell'articolo Viaggiare durante il Ramadan.

Leccarsi le dita significa "Essere sazio";

Agitare il braccio (come facciamo noi per salutare) significa "Vieni qua!".

Per gli adulti e normale tenersi per mano durante una conversazione per segno di rispetto e non significa che siano omosessuali.

Come restare in contatto[modifica]



Altri progetti