Scarica il file GPX di questo articolo

Asia > Sud-est asiatico > Indonesia > Giava > Giava Centrale > Yogyakarta

Yogyakarta

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Yogyakarta
Andong (calesse) sulla Jalan Marliboro, principale arteria di Yogyakarta
Stemma e Bandiera
Yogyakarta - Stemma
Yogyakarta - Bandiera
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
Fuso orario
Posizione
Mappa dell'Indonesia
Yogyakarta
Yogyakarta
Sito istituzionale
Il monte Merapi visto dalle rovine di candi Sewu

Yogyakarta (Scritto anche Jogjakarta o, in forma abbreviata Jogja) è una città nella regione centrale di Giava.

Da sapere[modifica]

Grazie ai vicini siti archeologici di Borobudur e Prambanan, Yogyakarta costituisce una delle principali destinazioni turistiche dell'Indonesia. Spesso paragonata alla più celebre città di Ubud (Bali), Yogyakarta è un centro tradizionale di cultura giavanese strapiena di pasar, negozi e gallerie d'arte che espongono oggetti di artigianato locale tra i più diversi, da lavori di oreficeria a tessuti e ceramiche colorati secondo la tecnica del Batik. Il nome della cittá significa l'« opera di Ayodhya » e proviene dall'omonima città dell'India, considerata sacra per essere stata la capitale del regno di Rama, l'eroe le cui gesta costituiscono il nerbo del poema epico Ramayana.

Yogyakarta è sede di numerosi istituti di istruzione superiore frequentati da una miriade di studenti che conferiscono alla città un'aria giovanile. L'università Gadjah Mada è l'istituto più prestigioso seguito dall'università di stato, da quella islamica di Sunan Kalijaga e dall'istituto indonesiano delle arti. Sono parecchie le università private, come la Muhammadiyah e quella cristiana di Duta Wacana.

I sultani di Yogyakarta, nonostante la loro fede musulmana, non hanno mai adottato al 100% le istituzioni islamiche. La loro cultura è, piú che altro, un sincretismo di tradizioni indo-buddhstiche e islamiche visibile ancora oggi nei costumi tradizionali, nelle cerimonie di corte, nelle arti del teatro e della danza. La libertà laica e la privacy dei cittadini è dal 2016 messa in serio pericolo dall'insorgere di frange estremiste islamiche che mirano all'introduzione della sharia (leggi religiose) in Indonesia. Pattuglie di privati e una rete di informatori al soldo dei partiti islamici controllano il comportamento sessuale dei loro concittadini (e dei turisti) pronti a intervenire nei casi di violazione delle severe norme sul pudore pubblico. Purtroppo la legge delega a queste pattuglie il potere di sostituirsi alle forze dell'ordine. Nel 2014 Yiogyakarta appariva al 20`posto nella lista del quotidiano New York Time dedicata alle prime 50 destinazioni turistiche dell'anno. Appena due anni dopo la situazione non appariva più così rosea e i turisti individuali devono riflettere prima di inserire Yogyakarta nel loro programma di viaggio.

Cenni geografici[modifica]

Yogyakarta giace sul versante meridionale del monte Merapi (montagna di fuoco), un attivo stratovulcano le cui continue eruzioni hanno determinato la fertilità dei suoli ma hanno anche seminato morte e distruzione. Il centro città dista una trentina di km dalla costa centro-meridionale di Giava, affacciata sull'oceano Indiano.

Quando andare[modifica]

Da metà giugno alla prima quindicina di settembre decorre la stagione asciutta, considerata il miglior periodo per una visita. Il clima di Yogyakarta è tipicamente tropicale con scarse escursioni termiche durante l'anno. La temperatura oscilla infatti tra i 31 gradi di gennaio e i 35 di novembre. Le piogge sono più copiose tra novembre e marzo, periodo non molto adatto per un viaggio. Piú che consultare un bollettino meterologico prima della partenza, dovreste preoccuparvi di informarvi sulle intemperanze del vicino vulcano Merapi.

Cenni storici[modifica]

Nel 1756 Yogyakarta divenne la capitale di un regno che si era staccato dal sultanato di Mataram in seguito alla secessione del principe di casa reale Mangkubumi. L'anno precedente il governatore della VOC (compagnia olandese delle Indie Orientali) aveva dato il suo avallo alla formazione della nuova entità statale. Si vennero così a creare due stati, quello di Surakarta, legittimo erede del potente regno di Mataram i cui sovrani portavano il titolo di sinan (sire) e quello di Yogyakarta retto dagli eredi di Mangkubumi che si fregiavano del titolo inferiore di sultani. Seguirono altre guerre civili che comportarono una frammentazione ulteriore sempre favorita dai governatori della VOC di stanza a Batavia che applicavano così alla lettera il principio latino del del Divide et Impera. L'indipendenza formale di questi stati fu riconosciuta anche dal governo olandese che si sostituì alla VOC dopo il fallimento della compagnia nel 1799.

Nel periodo del secondo dopoguerra il sultano di Yogyakarta osteggiò il ritorno dei coloni olandesi schierandosi apertamente dalla parte delle forze nazionaliste che lottavano per l'indipendenza del paese. Il sovrano Hamengkubuwono IX ospitò nella sua capitale Sukarno e le sue truppe che avevano subito pesanti sconfitte da parte degli Olandesi. Questi ultimi riuscirono nel 1948 ad occupare la città costringendo i nazionalisti a riparare a Sumatra.

Nonostante le vittorie gli Olandesi furono costretti il 27 dicembre 1949 a riconoscere ufficialmente lo stato sovrano d'Indonesia in seguito a una risoluzione delle Nazioni Unite. Divenuto primo presidente della Repubblica d'Indonesia, Sukarno, memore dell'appoggio ricevuto, garantì la creazione della regione a statuto autonomo di Yogyakarta istituendo la carica elettiva di governatore regionale, sempre vinta dagli eredi di Hamengkubuwono IX. Ancora oggi Yogyakarta è l'unico territorio della Repubblica d'Indonesia governato da una monarchia del periodo precoloniale.

Le eruzioni del vicino vulcano Merapi dell'aprile 2006 e dell'ottobre-novembre 2010 furono accompagnate da forti sismi che hanno comportato il crollo di monumenti nel sobborgo meridionale di Kotagede, capitale del sultanato di Mataram dal 1575 al 1640 e del cimitero reale di Imogiri, situato ancora più a sud. Dense nubi di gas e ceneri incandescenti, accompagnati da frammenti solidi emessi dal vulcano, si sono abbatutte sulla città causando la morte di centinaia di persone per asfissia.

Come orientarsi[modifica]

La principale via del centro è Jalan Malioboro che ha inizio nei pressi della stazione di Tugu ed ha un andamento nord-sud. Il suo prolungamento a sud è detto Jalan Ahmad Yani e termina al complesso della reggia (Kraton), al centro della città vecchia dove stanno anche il Taman Sari e altre attrazioni di primo piano, oltre a numerosi negozi di batik.

Jalan Mangkubumi è invece il nome del prolungamento a nord di Jalan Malioboro. Finisce nel crocevia con al centro il piccolo obelisco eretto dal primo sultano di Yogyakarta, noto oggi come tugu monument e considerato il simbolo di Yogyakarta. L'obelisco appare infatti nello stemma cittadino.

Jalan Sosrowijayan è una traversa del primo tratto di Jalan Malioboro rinomata per le pensioni (losmen) e gli alberghi economici.

Distretti[modifica]

La città (kota) di Yogyakarta costituisce uno dei cinque distretti (kabupaten) in cui è divisa la regione semi autonoma (Daerah Istimewa Yogyakarta) di cui è capoluogo. I rimanenti 4 distretti sono:

  • Sleman — il distretto settentrionale alle falde del Monte Merapi.
  • Bantul — il distretto meridionale che comprende una lunga striscia di litorale sull'oceano indiano. Bandung costituí l'epicentro del forte terremoto del 2006 che causò il parziale crollo dei monumenti di Kotagede (città grande), antica capitale del sultanato di Mataram e del cimitero reale di Imogiri.
  • Gunungkidul — il distretto esteso sulle colline ad est del centro.
  • Kulon Progo — il distretto che occupa le pianure occidentali ad ovest del centro.


Come arrivare[modifica]

Aeroporto internazionale Adisucipto

In aereo[modifica]

  • 1 Aeroporto internazionale Adisucipto (IATA:JOG), +62 274 484261. Jl. L'aeroporto di Yogyakarta è piuttosto piccolo ma sempre abbastanza affollato. È situato ad est del centro a circa 9 km di distanza. Voli molto frequenti per Giacarta (50 minuti) e Denpasar (Bali), meno per altre città di Giava, Sumatra, Kalimantan e Sulawesi. La compagnia AirAsia provvede voli internazionali per Kuala Lumpur e Singapore mentre SilkAir vola solo a Singapore. All'interno dell'aeroporto sono presenti macchine ATM, servizi di ristorazione e un ufficio turistico. Tenete presente che è prevista una tassa d'imbarco che al 2011 ammontava a 35.000 rupie per i voli domestici e 100.000 rupie per quelli internazionali. "Adisucipto International Airport" su Wikidata

Gli autobus della Trans Jogya fanno la spola tra l'aeroporto e la stazione ferroviaria di Tugu. Sono in funzione dalle cinque del mattino alle 9.30 di sera. Se volete un taxi dovrete acquistare un coupon all'apposito box e consegnarlo quindi al conducente. Non sono previsti costi aggiuntivi. Se volete fare a meno di questa procedura e servirvi di un qualsiasi taxi in attesa all'uscita dovrete pattuire il prezzo in anticipo anche se è presente un tassametro sul cruscotto. Difficilmente i conducenti lo metteranno in funzione ma provate a insistere. Oltre al prezzo pattuito o a quello segnato dal tassametro a fine corsa vi verrà richiesto un extra di 2.000 rupie che è il prezzo che i conducenti pagano per accedere nell'area dello scalo.

L'aeroporto è collegato al centro città anche da un servizio di treni regionali, detti Prambanan Ekspres che oltre a fermarsi alla stazione di Tugu, servono altri centri vicini tra cui le città di Solo, Kutoarjo e Palur. La stazione dello scalo è raggiungibile in meno di 10 minuti percorrendo un sottopassaggio dotato di aria condizionata.

In treno[modifica]

Stazione di Tugu

I treni da Giacarta impiegano tra le 7 e 12 ore per arrivare alla stazione di Tugu. I treni "Argo" (Argo Lawu e Argo Dwipangga) sono i più veloci in assoluto oltre che i più comodi. A bordo sono serviti spuntini, acqua minerale e bevande varie. Altrettanto comodi e veloci sono i treni Taksaka che, come i precedenti, sono in funzione anche nelle ore notturne. Potete scegliere anche i treni Eksekutif che costano la metà. Evitate però i treni di terza classe anche se li pagherete un'inezia (meno di 100 rupie). Prezzi e orari sono disponibili sul sito delle ferrovie indonesiane. I treni diurni sono consigliati a quanti vogliono ammirare i celebri paesaggi montani di Giava. Molto suggestivo è il tratto ferroviario tra i villaggi di Kroya e Prupuk.

Potete raggiungere Yogyakarta dalle principali città di Giava. I viaggiatori provenienti da Bandung dovrebbero assicurarsi un posto sui treni espresso Argo Wilis o Lodaya che attraversano magnifici paesaggi montani.

Surabaya è collegata a Yogyakarta dai treni Sancaka con due partenze al giorno.

Il collegamento tra Yogyakarta e la vicina città di Solo è assicurato da frequenti treni detti Prambanan Ekspres. Nonostante il nome, questi non effettuano alcuna fermata in corrispondenza del famoso sito archeologico e, anche se la effettuassero, il sito rimane piuttosto lontano dalla stazione per cui è più saggio ricorrere all'autobus. In compenso i Prambanan Ekspres effettuano una fermata alla stazione di Maguwo in corrispondenza dell'aeroporto utile per quei viaggiatori che, per motivi personali, hanno scelto di soggiornare a Solo anziché a Yogyakarta.

  • 2 Stazione ferroviaria di Tugu (Stasiun Tugu), Jl. Mangkubumi 1, +62 274 589685. La principale stazione di Yogyakarta dove fanno capolinea i treni provenienti dalle maggiori città di Giava (Giacarta, Bandung, Surabaya e Solo). Per la compera di biglietti entrate dalla via Jl. Pasar Kembang. Prima di mettervi in fila staccate un biglietto con un numero dalla macchina vicino agli sportelli e quindi attendete il vostro turno.
  • Stasiun Lempuyangan , Jl. Lempuyangan. Vi fanno capolinea treni di terza classe provenienti da centri urbani minori.

In autobus[modifica]

  • 3 Terminal Penumpang Giwangan (Giwangan Bus Terminal), Jl. Imogiri, Giwangan, +62 274 378288, fax: +62 274 7483333. La principale stazione degli autobus extraurbani è situata a circa 4 km a sud est del centro. Le corse sono frequenti. Da Giacarta impiegherete circa 9 ore, da Bandung 6 ore e da Surabaya 8 ore. Tra le autolinee affidabili potrete scegliere tra Safari Dharma Raya, Handoyo, Ramayana, Sugeng Rahayu e Eka. Esiste anche un sito di prenotazione on line, il Bosbis.com. Tenete presente che, se alla stazione Cicaheum di Bandung non troverete un autobus diretto per Yogyakarta, potrete sceglierne un altro per la località intermedia di Purwokerto che raggiungerete in 6/7 ore. Da Purwokerto esistono corse molto più frequenti per Yogyakarta.

Poiché Yogyakarta è molto vicina alle città di Semarang e Solo, esiste un servizio di autobus navetta per queste due località detto Joglosemar (Jogja-Solo-Semarang). Un biglietto per Semarang costa 45 Rp, per Solo 25 Rp.

Nell'area dell'aeroporto è presente una stazione di autobus servita dalla Trans Jogja Busway System. Potete servirvene se volete, per esempio, andare direttamente al sito archeologico di Borobudur o a Semarang. Dovrete scendere alla stazione di Jombor in corrispondenza dell'anello autostradale che circonda Yogyakarta e aspettare lì un autobus extraurbano diretto a Borobudur.


Come spostarsi[modifica]

Yogyakarta è una città relativamente piccola per gli standard indonesiani per cui spostarsi da un punto all'altro non presenta le difficoltà di Giacarta o di Bandung. Ciò non toglie che la circolazione stradale sia parecchio disordinata. Se per qualche motivo volete fare a meno del servizio di mappe on line installato sul vostro device potete prendere una cartina della città presso l'ufficio turistico dell'aeroporto o in quello presso la stazione di Tugu o ancora nell'altro vicino all'Hotel Mutiara. Le cartine sono in inglese ma molto approssimative (non in scala).

Cosa vedere[modifica]

Giardinieri in costume tradizionale di fronte il padiglione di cristallo all'interno della reggia del sultano
  • 1 Forte Vredeburg (Benteng Vredeburg), Jalan Ahmad Yani No. 6 (vicino alla Reggia). Simple icon time.svg Mar-Giov 08:30-13:30 Ven 08:30-11:00 Sab-Dom 08:30-12:00. Un forte costruito dagli Olandesi intorno il 1760 e restaurato e ampliato dopo il terremoto del 1867. Durante la II guerra mondiale funse da quartier generale del comando giapponese. Nel 1992 fu trasformato in museo dedicato alla lotta per l'indipendenza dell'Indonesia. "Fort Vredeburg" su Wikidata
  • 2 Kraton Yogyakarta. Ecb copyright.svg Gli stranieri pagano l'ingresso alla reggia 12,500 Rupie, quasi il triplo del prezzo sborsato dagli Indonesiani. La visita al cortile principale si paga a parte. Per scattare foto si pagano 1,000 rupie in più. Il biglietto d'ingresso comprende la visita guidata ma è consuetudine lasciare una mancia. Alcune guide offrono, dietro sovraprezzo, un'estensione della visita agli appartamenti della servitù e al laboratorio batik. Una buona idea è quella di rifiutarsi in quanto queste visite extra non hanno niente di speciale e vi fanno solo perdere tempo.. Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00-13:00. La reggia dei sultani costituisce la maggiore attrazione cittadina. Si tratta di un palazzo in stile tradizionale giavanese. All'interno si tengono spesso spettacoli di danza o concerti (in genere la domenica mattina). Il cortile interno ha un'aria più solenne mentre la residenza dei sultani ha più un'atmosfera di sweet home.
La piscina delle concubine del sultano nel complesso di Taman sari
  • 3 Taman Sari, Patehan, Kraton. Simple icon time.svg Lun-Dom 09:00-15:00. Un parco sistemato tra il 1755 e il 1792 per la ricreazione del sultano e della sua corte. Il nome significa giardino (taman) bello (sari) e dalle descrizioni dei secoli precedenti, Taman Sari doveva essere una specie di villa d'Este su suolo indonesiano. Gli Olandesi lo ribattezzarono castello d'acqua (waterkasteel) perché una parte del complesso veniva regolarmente riempito d'acqua sommergendola. Quest'area era chiamata Segaran (mare artificiale) e lasciava affiorare al centro un'isoletta artificiale detta Pulo Kenongo, dal nome degli alberi che ne ricoprivano la superficie formando un boschetto. Sul lato sud furono costruiti piccoli edifici (Tajug) che costituivano l'ingresso a un tunnel che conduceva all'isola artificiale. Una seconda area a sud di Segaran comprendeva una piscina riservata ai bagni delle concubine del sultano. Solo il sovrano poteva osservare le donne al bagno. Egli vi si recava con l'intento di selezionare colei con la quale avrebbe trascorso la notte. Il complesso dei bagni è la zona meglio restaurata di Taman Sari. Vi si accede tramite due magnifici archi. L'arco occidentale è detto Gedhong Gapura Hageng e quello orientale Gedhong Gapura Panggung. Entrambi recano bassorilievi che riproducono figure di fiori, piante e uccelli stilizzati. Il complesso fu gravemente danneggiato durante la breve occupazione britannica di Giava (1811-1814) e lasciato cadere in rovina dopo il disastroso terremoto del 1867. Solo un secolo più tardi si intrapresero lavori di restauro che però rimisero in funzione le precedenti opere idrauliche solo in parte. Dal 1995 il complesso Taman sari appare tra le candidature UNESCO a patrimonio mondiale dell'umanità. "Taman Sari" su Wikidata

Musei[modifica]

Museo Sonobudoyo
  • 4 Museo Affandi, Jl. Laksda Adisucipto 167, +62 274 562593, @ affandimuseum@yahoo.com. Ecb copyright.svg Rp 20,000 inclusa una bevanda. Delizioso museo allestito nella casa della famiglia Affandi, i cui membri sono stati valenti pittori dell'espressionismo e dell'impressionismo.
  • 5 Museo Dirgantara, Jl. Lettu TPA Supardal (yona aeroporto), +62 274 564465, +62 274 564466. Ecb copyright.svg Rp 5,000. Simple icon time.svg M-Th 08:00-13:00, Sa 08:00-12:00. Museo dedicato ad aeroplani militari impiegati nelle operazioni della II guerra mondiale. Vi vedrete esposti un bombardiere Badger, MIG-15 e MIG-21, e un P-51 Mustang. Scolaresche visitano di frequente il museo ma se si accorgeranno della vostra presenza diventerete voi la maggiore attrazione dei bambini. Vi porranno un sacco di domande sul vostro luogo di provenienza e vi chiederanno di posare per una foto ricordo. Il museo si trova all'interno di una base aerea militare. Per accedervi dovrete lasciare alla guardia di stanza all'ingresso il passaporto o una sua copia.
  • 6 Museo Sonobudoyo, Jl. Trikora 6, +62 274 76775, +62 274 373617, fax: +62 274 385664. Ecb copyright.svg Rp 3,000. Museo archeologico con collezioni di burattini wayang, maschere, armi e tessuti batik.
  • 7 Museo Kekayon, Jl. Raya Yogya–Wonosari (km 7) 277, Baturetno, Banguntapan, Bantul, +62 274 513218, +62 274 379058, +62 818 260020, @ museumkekayon@usa.net. Ecb copyright.svg Rp 5,000. Simple icon time.svg Mar-Dom 08:00-15:00. Un museo dedicato al teatro dei burattini wayang provenienti da varie parti dell'Indonesia. Il palazzo dove è allestito è raccolto intorno a un magnifico giardino di stile giavanese. "" su Wikidata

Templi[modifica]

Candi Sambisari
Candi Kalasan

Candi è il nome di templi indù innalzati a Yogyakarta tra ul VII e il IX secolo d.C. Furono costruiti con l'impiego di pietre laviche. Le loro mura presentano ancora bassorilievi raffiguranti scene inspirate alla mitologia induista e buddistica mentre al loro interno sono spesso ancora presenti statue di divinità. Le loro rovine sono sparse tra il centro e gli immediati dintorni. Solo alcuni sono stati restaurati. Borobudur e Prambanan sono senza ombra di dubbio i più famosi candi di Yogyakarta ma ne esistono altri minori elencati di seguito.

  • 8 Candi Sambisari. Il tempio Sambisari è uno dei più famosi candi di Yogyakarta e anche uno dei più facili da raggiungere, essendo situato nella zona dell'aeroporto. Si tratta di un complesso di quattro templi probabilmente eretti tra l'812 e l'838 d. C.. All'interno di quello principale stanno statue e sculture rappresentanti lingam e yoni mentre nel recinto stanno altre statue dedicate alle divinità di Agastya, Ganesha e Durga.
  • 9 Candi Kalasan. Candi Kalasan è situato a un paio di km dal complesso di Prambanan proprio sulla strada principale che ha inizio da Yogyakarta. È il più antico tempio buddista di Yogyakarta. Fu infatti innalzato nel 778 d.C. dal re Rakai Panangkaran della dinastia Sanjaya. Magnifici i bassorilievi che ne adornano.
  • 10 Candi Sari. Candi Sari è a circa 600 m. da Candi Kalasan e coevo a questo. Era in origine un convento di monaci buddisti a due piani con tre celle per ogni piano. I bassorilievi sono molto simili a quelli del tempio Kalasan ma ha conservato sculture del Boddhisatva che adornano le finestre. Buchi nella parte superiore delle pareti mostrano che furono usate architravi in legno. Il tetto, molto originale, consiste di una serie di 5 piccoli stupa.


Eventi e feste[modifica]

  • Gerebeg. Festival che ricorre tre volte l'anno, a fine di gennaio e di aprile e agli inizi di novembre. Sfilate di carri decorati sorretti da persone in costume tradizionale e accompagnati da orchestra (gamelan) che si concludono alla moschea della reggia.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

  • 1 Pasar Beringharjo, Jl. Pabringan 1 (vicino al forte Vredeburg). Il più rinomato mercato di Yogyakarta. Vi si vende un po' di tutto, dalla frutta e verdura a utensili per la casa e oggetti di artigianato.

Centri commerciali & supermercati[modifica]

Malioboro Mall

Come in altre grandi città indonesiane, anche a Yogyakarta troverete moderni centri commerciali e grandi supermercati.

  • 2 Malioboro Mall, Jl. Malioboro 52-58, +62 274 551888, fax: +62 274 588242. Il più rinomato centro commerciale di Yogyakarta è situato sulla centralissima via Malioboro per cui ve lo ritroverete sotto il naso. Ospita al suo interno i grandi magazzini Matahari, un supermercato della catena Hero, una libreria con una buona selezione di testi inglesi e gli immancabili fast food McDonald's, Pizza Hut, KFC, EsTeler 77, etc. L'aria condizionata è, come al solito, al massimo.
  • 3 Galleria Mall, Jl. Jendral Sudirman 99-101, +62 274 583661, fax: +62 274 583711. Un centro commerciale piuttosto compatto appartenente alla catena di grandi magazzini Matahari. Ristoranti, fast food e bar al suo interno richiamano una clientela giovanile. Tra questi sono presenti KFC, McDonald's Express, Thai Express, Bakso Gress (Polpette e pasta fresca cinese), Mie Nusantara, Bee's (giapponese), Es Teler 77, Cheers Cup (un bar che serve bibite e long cocktail).
  • 4 Plaza Ambarrukmo (Amplaz), Jl. Laksda Adisucipto, +62 274 274 4331000, fax: +62 274 4331001. Situato a fianco dello storico omonimo albergo, il Plaza Ambarrukmo è un centro commerciale di 5 piani al cui interno stanno un ipermercato Carrefour, un bar Starbucks, una libreria Gramedia e 21 cineplex. Ristoranti e fast food stanno al terzo piano mentre al pianterreno sono state collocate diverse macchine ATM.
  • 5 Ramai Mall e Ramai Supermarket, JL Jendral Ahmad Yani 73 (sul JL Malioboro), +62 274-562482. Simple icon time.svg 09:00-20:00. Centro commerciale sulla centrale via Malioboro rinomato per praticare prezzi molto bassi.
  • 6 Grandi Magazzini e supermercati Mirota kampus, JL Simanjuntak 70, +62 274-561254. Simple icon time.svg 09:00-20:00. Rinomati per i prezzi superconvenienti
  • 7 Progo -Mall & Progo Supermarket. (Toko Progo), Jl. Mayor Suryotomo No.29, +62 274 513419, @ tokoprogo@yahoo.com. Simple icon time.svg 08:30-21:00. Il più vecchio centro commerciale di Yogyakarta. Fu inaugurato nel 1967.
  • 8 Jogja City Mall (JCM), Jl. Magelang KM. 6 No. 18, Sinduadi, Mlati, Kec. Sleman, +62 274 530 5853. Simple icon time.svg 10:00–20:00. Inaugurato nel 2013, il Jogja City Mall si trova nello stesso edificio occupato dall'hotel Sahid Rich Jogja.
  • 9 Hartono Lifestyle Mall, Jl. Kaliwaru Raya No. 17, Condongcatur, Kec. Depok, Kabupaten Sleman. Simple icon time.svg 10:00-21:00.
  • 10 Indogrosir, Jl. Raya Magelang Km. 6, +62 274 622040. Simple icon time.svg 09:00-21:00.
  • Giant Supermarkets, Jl Urip Sumoharjo & Jl Godean, +62-274-550905. Al momento esistono a Jogya tre supermercati della catena di Hong Kong.


Come divertirsi[modifica]

Suonatori di gamelan
Preparazione di uno spettacolo di wayang con i burattini ancora nel baule

Spettacoli[modifica]

  • 1 Auditorio della Radio della Repubblica d'Indonesia (Auditorium RRI). All'auditorium della Radio Indonesiana vengono rappresentati spettacoli di teatro delle ombre e di Ketoprak, una forma di teatro lirico, in quanto gli attori recitano spesso in forma cantata accompagnati dal gamelan, un'orchestra di strumenti tradizionali giavanesi per lo più a percussione. Il repertorio è costituito da racconti e romanzi popolari di Giava. Gli spettacoli potrebbero risultare alquanto noiosi per un pubblico non indonesiano.
  • 2 Sasono Hinggil DWI Abad, Jl. Alun-Alun Selatan. Centro spettacoli nel complesso della reggia (Kraton) dove il sabato vengono date rappresentazioni di teatro delle ombre (Wayang Kulit) che possono protrarsi fino a notte inoltrata.
  • Rappresentazioni di teatro delle ombre, in forma abbreviata e quindi più adatte a turisti di passaggio, vengono date di sera anche al museo Sonobudoyo menzionato precedentemente.

Locali notturni[modifica]

La vita notturna di Yogyakarta, non eccezionale per una città popolata da studenti universitari, deve difendersi dai partiti islamici che tuonano con sempre maggior veemenza contro la sregolatezza dei costumi e predicano l'introduzione della sharia (legge islamica) che prevede punizioni severe (fustigazione pubblica e pena di morte per recidivi) per rapporti extraconiugali e tra persone dello stesso sesso. I primi a farne le spese sono stati proprio alcuni locali gay di Yogyakarta che hanno chiuso i battenti nel corso del 2016, un anno prima della chiusura definitiva della famosa sauna Atlantis di Giacarta seguita a un'incursione della polizia che ne ha arrestato gli avventori (146 in tutto). Yogyakarta aveva ospitato un summit nel 2006 conclusasi con la richiesta dell'applicazione in Indonesia dei principi dei diritti umani enunciati dalle Nazioni Unite in materia di orientamento sessuale. Nel febbraio del 2016 sono scoppiati in centro tafferugli tra attivisti LGBT e manifestanti del radicalismo islamico che protestavano contro di loro. Le forze dell'ordine hanno reagito picchiando gli esponenti di "Gaya Nusantara", la principale organizzazione per la difesa dei diritti della comunità LGBT in Indonesia. Purtroppo i partiti islamici sono in grado di influenzare le decisioni del governo grazie agli ingenti finanziamenti di frange dell'Islamismo radicale, tra le quali la setta del Wahhabismo dell'Arabia Saudita. Al momento la vita gay di Yogyakarta, come quella della capitale, è slittata nella clandestinità e dovrete prestare attenzione anche nei locali straight o gay friendly elencati di seguito se non volete finire in galera per atti osceni consumati in pubblico e in privato o essere sentenziato alla pena di morte per consumo di droghe.

  • 3 Republic Cafe & Lounge, JL. Malioboro, 60, +62 274 566353. Locale all'interno dell'hotel INNA Garuda, con musica dal vivo e DJs.
  • 4 Boshe VVIP Club, Jalan Magelang (di fronte al City Mall), +62 274 543477. Il locale più alla moda di Yogyakarta, unica succursale dell'omonimo, celebre locale di Denpasar, Bali e sua copia esatta. Come quello è dotato di un'ottima acustica e di suggestivi effetti luminosi. Il Boshe propone musica dal vivo e spettacoli di danzatrici sexy. Poiché è più caro della media attrae una clientela non giovanile, per lo piú uomini soli. Le ragazze che si esibiscono sul palco si prestano infatti a rapporti prezzolati da consumarsi all'interno del locale stesso, in stanze riservate mentre i Djs hanno fama di essere tutti gay.
  • 5 Liquid Cafe, Jl. Magelang Km 5, +62 274 589 611, +62 274 622 020. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-04:00. Locale inaugurato nel 2006 e ancora molto frequentato. È un locale buio e molto rumoroso dove è permesso fumare (c'è chi dice che si fumino anche spinelli e si consumino droghe varie).
  • 6 Cubic Kitchen Bar, Demangan Building No. 4,, +62 274 540252. Un night dotato di ristorante frequentato da turisti e Indonesiani che lavorano all'estero.
  • 7 Sugar Executive Club and Karaoke, Jl. Palagan Tentara Pelajar, 106, +62 274 8722 388. Tra i più rinomati nightclubs di Yogyakarta, il Sugar si trova all'interno dell'hotel Indoluxe ed è frequentato soprattutto da oriundi cinesi. Per accedervi dovrete prenotare un tavolo. Le serate prevedono musica dal vivo, spettacoli di danza sexy e, a volte, sfilate di moda.
  • 8 Terrace Jogja, Jalan Raya Seturan, 4, +62 274 433 2931. Piccolo locale con una clientela per lo più maschile. Si sviluppa su due piani e dispone di un palco con i soliti spettacolini di ballerine sexy.
  • 9 Oxen Free Bar & Kitchen, Jl. Sosrowijayan 2. Birreria all'aperto frequentata da turisti, studenti ed Indonesiani che lavorano all'estero. Rispetto ai suoi concorrenti è un locale molto tranquillo che non ha però musica dal vivo, ma solo di sottofondo.
  • 10 Banana Cafe, Jl. Parangtritis, Mantrijeron. Uno dei pochi locali gay di Yogyakarta non finito nel mirino degli estremisti islamici e ancora aperto. Sarebbe più esatto definirlo gay friendly.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Bakmi Jawa Pak Geno, Jl. Parangtritis No.103, +62 813 2857 6550. Verosimilmente il miglior locale dove gustare pasta fresca simile alle nostre fettuccine preparate alla maniera cinese. Il servizio è tuttavia estremamente lento. L'attesa varia dai 30 minuti alle 2 ore! Se volete risparmiare tempo recatevi al vicino ristorante "Tante (zia) Lies" dove vi verrà servito subito un piatto di fettucine fritte (sempre alla maniera cinese) accompagnato da un boccale di birra ghiacciata Bintang (una sottomarca della Heineken).
  • 2 Warung Vegetarian Somayoga, Jl. Garuni II, +62 815 9048 282, +62 274 7110221. Ristorante che serve piatti vegetariani molto gustosi.
  • 3 Gudeg Kulon Tugu, Jl. Diponegoro 14 (vicino al mercato Kranggan). Simple icon time.svg 19:00-01:00. Un rinomatissimo Gudeg che in cambio di 7,000-10,000 Rupie serve un pasto completo costituito da gallina in pezzi uova sode condite in salsa speziata sambal goreng krecek e riso bollito all'istante
  • 4 Kindai Masakan Banjar, Jalan Jembatan Merah 116D, +62 274 292 0744. Simple icon time.svg Lun-dom 08:00-21:00. Locale adatto per chi vuol fare colazione alla maniera indonesiana. Il piatto principale è il soto Banjar, un brodo di gallina.
  • 5 Milas Vegetarian Restaurant, Jl. Prawirotaman IV 127 B, +62 274 742 3399, @ milas_jogja@yahoo.co.id. Eccellente ristorante vegetariano con ingredienti direttamente colti dall'orto retrostante. Annessi al ristorante sono una libreria e un negozio di artigianato locale. I gestori organizzano anche corsi in coltivazioni bio. Deliziosi i frullati di frutta tropicale. I tavoli sono allestiti in gazebo di bambù all'interno di un piccolo giardino.
  • 6 Rame Rame Vegetarian, Jl. Beskalan. Un ristorantino gestito da una signora molto cordiale. Le pietanze sono a base di minestre varie funghi e pasta fresca fatta con farina di riso. Su richiesta vengono preparate anche polpette di carne.
  • 7 Rumah Makan Es Ceria, Jl. Gandekan Lor No. 42. Locale con buffet dove potrete scegliere tra varie pietanze oltre a frullati e gelati. Molto economico..
  • 8 Soto Pak Soleh, Jalan Wiratama No. 84, Tegalrejo (vicino al museo Diponegoro), +62 274 560 584. Simple icon time.svg Lun-Dom 06:30-15:00. Rinomato locale la cui specialità è il brodo di carne di manzo molto speziato.
  • Spesial Sambal. Catena di ristoranti specializzata in cibi immersi in vari tipi di salsa sambal ma sempre estremamente piccanti.
  • 9 Waroeng Steak And Shake, Jl. Taman Siswa No.83. Altra catena di ristoranti specializzata in bistecche di manzo preparate in padella e immerse in densi sughi.
  • Waroeng Jepara, Jl. Wolter Monginsidi 49. Rinomato warung preparato alla maniera di Jepara. Altre specialità sono il "pecil pari" (un pesce speziato), "bothok tahu" (formaggio tofu in foglie di banano) e "sayur lodeh" (brodo di giaco o jackfruit in inglese, un enorme frutto tropicale che si pone come alternativa alla carne).
  • 10 Xtra Hot, Jl. Kaliurang No.47, Caturtunggal (vicino alla banca BCA). Ristorante specializzato in carni e verdure alla griglia accompagnate da una varietà di salse piccanti (sambal)
  • 11 Soto Pak Marto (di fronte al Jogja Expo Center - JEC). Locale specializzato in brodo di carne di manzo e riso (bollito insieme alla carne o anche separato). Servono anche frattaglie fritte accompagnate da salse a base di soia (kecap manis), molto aromatiche.
  • 12 Pempek Ulu Bundar, Jl. Cik Di Tiro No.38, Terban (nelle vicinanze dell'incrocio Mirota e del supermercato omonimo), +62 274 787 3241. Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00-22:00. Come indica il nome, la specialità del ristorante è il pempek, una pietanza a base di pesce e fecola di sago estratta dalle foglie di albero di palma e condita in una densa salsa dal colore scuro detta kuah cuka o kuah cuko.
  • 13 Kopi Jos. Una fila ininterrotta di ambulanti (angkringan) che vendono spuntini vari e Kopi Jos, una bevanda a base di caffè tostato su carboni ardenti.
  • Dapur Solo, Jl. Demangan Baru No. 1. Prelibatezze locali, quali nasi timlo e nasi liwet.
  • 14 Soto Kadipiro (Soto Kadipiro Pusat), Jalan Wates No.31, Gg. Darussalam, Ngestiharjo, Kasihan, Bantul, +62 274 618 722.


Dove alloggiare[modifica]

Melia Purosani
L'hotel Phoenix

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]

Numeri di emergenza
  • Pronto soccorso: ☎ 118
  • Pronto intervento pubblica sicurezza: ☎ 110.


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Tempio di Borobudur
Prambanan
Sandboarding a Parangritis
Nord
  • 5 Borobudur — Colossale tempio buddhista a circa 42 chilometri da Yogyakarta. Risale agli inizi del IX secolo d.C. e nel 1991 fu inserito nella lista UNESCO dei patrimoni mondiali dell'umanità.
  • 6 Kaliurang — Alle falde del temibile vulcano Merapi, Kaliurang dispone di un interessante museo, l'Ullen Sentalu con reliquie di oggetti appartenuti ai sultani di Yogyakarta, Pakualam, Surakarta e Mangkunegaran.
  • 7 Passo Ketep — Un valico stradale tra i monti Merapi e Merbabu con spettacolari viste su entrambi.
  • 8 Salatiga — Piccolo centro turistico sul versante settentrionale del vulcano Merapi, a circa 100 km da Yogyakarta, Salatiga dispone di buoni alberghi, stabilimenti termali e offre anche la possibilità di escursioni a cavallo. Essendo situata tra i 500 e gli 800 m. slm, la temperatura non supera mai i 28°, nemmeno nelle giornate più afose.
Est
  • 9 Prambanan — Complesso di templi indù a circa 18 km da Yogyakarta, dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1991. Assieme al non distante tempio di Borobodur costituisce il sito archeologico più affascinante dell'Indonesia e il più interessante del Sud-est asiatico dopo quelli di Angkor e Bagan.
  • 10 Solo — A circa 65 km da Yogyakarta, Solo è una città altrettanto visitata grazie alla sua reggia, ai suoi numerosi mercati e negozi d'artigianato e al vicino sito archeologico di Sangiran che ha restituito fossili di Pithecanthropus erectus ("Uomo di Giava"), ora riclassificato come parte della specie Homo erectus vissuta tra 1,8 e 1,3 milioni di anni fa.
Sud
  • 11 Parangtritis — Facilmente raggiungibile da Yogyakarta tramite una strada asfaltata di una trentina di km, Parangtritis è la più rinomata delle spiagge di sabbia nera che allignano sul litorale sud e nei giorni di fine settimana si riempe di escursionistisi. La balneazione è pericolosa a causa delle forti correnti marine e assolutamente sconsigliata. Secondo una leggenda locale, Parangritis era la residenza di una mitica regina del sud (Nyai Loro Kidul) il cui spirito attrae negli abissi marini quanti osano vestirsi di verde. Nei dintorni di Parangritis stanno altre spiagge deserte, a volte di sabbia bianca (Kukup beach, Krakal beach, Drini, Sundak beach e Baron) ma queste sono raggiungibili solo con fuoristrada e la balneazione è altrettanto insicura.
  • 12 Ngobaran Beach — Lungo il litorale roccioso di Ngobaran Beach si aprono archi naturali e magnifiche grotte marine. Nella zona sono presenti alcuni pescatori che si offriranno di condurvi al largo con le loro barche. Avrete così occasione di osservare i coralli che allignano sul fondo marino e anche di gustare all'ora del pranzo o della cena, pesce grigliato.
  • 13 Ngrenehan Beach — Piccola baia vicino ai villaggi di Kanigoro e Saptosari. Si raggiunge da Yogyakarta tramite la strada che passa per Wonosari. L'unico motivo per venire qui è lo spettacolo delle alte onde che si infrangono sulla scogliera oltre al solito pesce fresco preparato sulla griglia nei ristoranti locali.


Informazioni utili[modifica]

Ospedali dotati di pronto soccorso


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).