Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Asia > Sud-est asiatico > Vietnam

Vietnam

Indice

Jump to navigation Jump to search

Vietnam
Agricoltore nella provincia di Binh Dinh
Localizzazione
Vietnam - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Vietnam - Stemma
Vietnam - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Vietnam (Việt Nam) è uno Stato del Sud-est asiatico che confina a nord con la Cina, a ovest con Laos e Cambogia mentre a est si affaccia sul Mar Cinese meridionale.

Da sapere[modifica]

Nel 2019, il Vietnam ha ricevuto 18 milioni di turisti internazionali, un grosso balzo in avanti se confrontato con i 2,1 milioni dell'anno 2000. Tuttavia, la pandemia di COVID-19 ha fortemente influenzato il turismo poiché a tutti i voli commerciali internazionali è stato vietato l'atterraggio in tutti gli aeroporti internazionali del Vietnam. I turisti internazionali, la principale fonte di reddito per l'industria del turismo, sono diminuiti drasticamente nell'ultimo anno. Il numero di voli nell'ottobre 2020 è diminuito dell'80% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. La capacità delle camere d'albergo è solo del 30%. L'impossibilità dei turisti stranieri di venire in Vietnam ha avuto un impatto enorme sulle entrate dell'industria del turismo e dell'economia, poiché questo gruppo spende molto più dei turisti nazionali. L'industria del turismo ha creato 660.000 posti di lavoro nel periodo 2014–2019 e il calo della spesa turistica ha anche messo in una situazione disastrosa le industrie alimentari, delle bevande e del commercio al dettaglio.

Cenni geografici[modifica]

Grande il 10% in più dell'Italia, il Vietnam ha una forma allungata e stretta che ricorda, vagamente, una lettera "S" maiuscola o, più poeticamente secondo i locali, un serpente in procinto di attaccare.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 19 20 23 27 31 33 33 32 31 29 25 22
Minime (°C) 14 15 18 21 24 26 26 26 25 22 18 15
Precipitazioni (mm) 19 26 44 90 188 240 288 318 265 131 43 23

Clima a Hanoi - fonte [1] (2019)

Il clima è tropicale, influenzato da un monsone caldo che soffia da maggio fino a ottobre, accompagnato da frequenti piogge. Tifoni possono abbattersi sulla costa tra luglio e novembre.

Il Vietnam è abbastanza grande da avere diverse zone climatiche distinte.

  • Il sud ha tre stagioni alquanto distinte: caldo e secco da marzo a maggio/giugno; piovoso da giugno/luglio-novembre; e fresco e asciutto da dicembre a febbraio. Aprile è il mese più caldo, con temperature a metà giornata di almeno 33 °C quasi tutti i giorni. Durante la stagione delle piogge, ogni pomeriggio possono verificarsi acquazzoni e occasionali allagamenti delle strade. Le temperature variano da un caldo soffocante prima di un temporale a un piacevole fresco dopo. Le zanzare sono più numerose nella stagione delle piogge. Dicembre-febbraio è il periodo più piacevole per una visita, con serate fresche fino a circa 20 °C.
  • Il nord ha quattro stagioni distinte, con un inverno relativamente freddo (le temperature possono scendere sotto i 15 °C a Hanoi), un'estate calda e piovosa e piacevoli stagioni primaverili (marzo-aprile) e autunnali (ottobre-dicembre). Tuttavia, negli altipiani entrambi gli estremi sono amplificati, con nevicate occasionali in inverno e temperature che raggiungono i 40 °C in estate.
  • Nelle regioni centrali il passo di Hai Van separa due diversi modelli meteorologici del nord a partire da Lăng Cô (che è più caldo in estate e più fresco in inverno) dalle condizioni più miti del sud a partire da Đà Nẵng. Le condizioni dei monsoni di nordest da settembre a febbraio hanno spesso forti venti, grandi mareggiate e pioggia. Questo è un periodo difficile per viaggiare in moto attraverso il Vietnam centrale. Normalmente le estati sono calde e secche.

Cenni storici[modifica]

Linh Ung pagoda a Đà Nẵng

La storia del Vietnam è fatta di guerre, colonizzazioni e ribellioni. Occupati dalla Cina non meno di quattro volte, i vietnamiti riuscirono a respingere gli invasori altrettanto spesso. Anche durante i periodi storici in cui il Vietnam era indipendente, fu principalmente uno Stato affluente della Cina fino alla colonizzazione francese. Gli ultimi imperatori del Vietnam furono la dinastia Nguyễn, che governò dalla loro capitale a Huế dal 1802 al 1945, sebbene la Francia sfruttò la crisi di successione dopo la caduta di Tự Đức per colonizzare de facto il Vietnam dopo il 1884. Sia l'occupazione cinese sia la colonizzazione francese hanno lasciato un impatto duraturo sulla cultura vietnamita, con il confucianesimo che costituisce la base dell'etichetta sociale vietnamita e il francese che influenza la cucina vietnamita.

Dopo una breve occupazione giapponese nella seconda guerra mondiale, l'organizzazione comunista Viet Minh sotto la guida di Ho Chi Minh continuò la guerra d'indipendenza contro i francesi. L'ultimo imperatore Bảo Đại abdicò nel 1945 con una proclamazione di indipendenza che seguì subito dopo. La maggior parte dei francesi se ne era andata nel 1945, ma nel 1946 tornarono per continuare la lotta fino alla sconfitta decisiva a Điện Biên Phủ nel 1954. La Conferenza di Ginevra divise il Paese in due al 17° parallelo, con il Vietnam del Nord guidato dai comunisti sostenuto dall'Unione Sovietica e Ngô Đình Diệm che instaurò un regime capitalista dichiarandosi Presidente della Repubblica del Vietnam nel Sud, sostenuto dagli Stati Uniti d'America.

Il Vietnam del Sud fu afflitto da numerosi problemi interni, tra cui corruzione, nepotismo e frode elettorale. Ngô Đình Diệm, che era un cattolico romano, promulgò leggi che discriminavano la maggioranza buddista, il che portò il monaco buddista Thích Quảng Đức ad autoimmolarsi per protesta in un trafficato incrocio a Saigon nel 1963. Gli aiuti economici e militari statunitensi al Vietnam del Sud crebbero durante gli anni '60 nel tentativo di rafforzare il governo del Vietnam del Sud. Ciò si intensificò nell'invio di 500.000 soldati americani nel 1966 e in quella che divenne nota come la guerra del Vietnam in occidente (mentre i vietnamiti la chiamano Guerra americana). Quella che doveva essere un'azione rapida e decisiva degenerò presto in un pantano e le forze armate statunitensi si ritirarono a seguito di un accordo di cessate il fuoco nel 1973. Due anni dopo, il 30 aprile 1975, un carro armato nordvietnamita entrò nel palazzo presidenziale del sud a Saigon e la guerra finì. Si stima che siano stati uccisi circa 3 milioni di vietnamiti e oltre 55.000 americani. La guerra del Vietnam contro gli Stati Uniti è stata una delle tante che hanno combattuto, ma è stata la più brutale della sua storia. La maggior parte della popolazione della nazione è nata dopo il 1975. I turisti americani riceveranno un'accoglienza particolarmente amichevole in Vietnam, poiché molti giovani vietnamiti sono ammiratori della cultura americana.

Dopo aver unificato il Paese, il governo comunista ha proceduto a sradicare i restanti elementi capitalisti nel sud. Molti imprenditori sono stati uccisi mentre altri, noti come i boat people, sono diventati rifugiati e hanno tentato di fuggire nei Paesi occidentali, provocando la creazione di comunità vietnamite negli Stati Uniti, in Australia e in Canada. L'etnia cinese, a lungo invidiata dall'etnia vietnamita per il loro percepito peso economico, fu particolarmente e duramente colpita dalle epurazioni.

Dopo il crollo dell'economia statale, il governo ha attuato riforme orientate al mercato e ha introdotto elementi capitalisti nel 1986 con una politica nota come Đổi Mới. Questa politica si è rivelata di grande successo, in quanto ha stimolato un'impressionante crescita economica e lo sviluppo delle infrastrutture. Le leggi discriminatorie contro i cinesi rimanenti di etnia cinese sono state abrogate e molti di loro hanno usato il loro acume negli affari per contribuire notevolmente alla rivitalizzazione dell'economia vietnamita, riguadagnando anche parte del loro precedente dominio economico nel processo. Le relazioni con gli Stati Uniti si sono notevolmente scongelate, con legami formali di difesa ristabiliti nel 2016. Alcuni ex rifugiati o loro discendenti, la maggior parte dei quali sono stati allevati e istruiti in Occidente, sono tornati in Vietnam per sfruttare nuove opportunità economiche. Oggi, il Vietnam è ampiamente considerato una delle stelle nascenti dell'Asia con una popolazione giovane e un'economia vivace.

Lingue parlate[modifica]

La lingua ufficiale e maggioritaria del paese è il vietnamita (Tiếng Việt). La lingua straniera più studiata è l'inglese anche se per via dei residui coloniali è diffusa la lingua francese, specialmente tra la popolazione anziana.

Il vietnamita è una lingua tonale che usa un cambio di tono per declinare significati diversi e questo può renderlo difficile da padroneggiare. I viaggiatori potrebbero essere ancora sorpresi nell'apprendere che la grammatica di base è piuttosto semplice. I verbi sono statici indipendentemente dal passato o dal futuro e le parti del discorso sono piuttosto semplici. Le maggiori difficoltà risiedono nella pronuncia dei vari toni e di alcuni suoni.

  • Vietnamita settentrionale, che comprende le zone di Hanoi, Haiphong e altre;
  • Vietnamita centro-settentrionale, parlato intorno a Vinh
  • Vietnamita centrale, le cui aree principali sono Huế e Quảng Nam
  • Vietnamita centro-meridionale, parlato intorno alla Provincia di Phu Yen
  • Vietnamita meridionale parlato intorno a Ho Chi Minh (fiumi Saigon e Mekong), il più vicino alla lingua standard a causa del tardo insediamento dei parlanti (quindicesimo secolo).

Sebbene il dialetto di Hanoi sia il dialetto di prestigio e ampiamente utilizzato nelle trasmissioni, non esiste un dialetto standard del vietnamita legalmente definito. I nordisti spesso pensano che l'accento del sud stia per "hai lúa" (gente di campagna) e consiglieranno sempre di attenersi all'accento del nord, ma la scelta degli accenti dovrebbe dipendere da dove si prevede di vivere. Se si lavora a Saigon, il centro economico del Vietnam, l'accento del sud è quello che si sentirà ogni giorno.

Il vietnamita usa l'alfabeto latino e l'ortografia riflette accuratamente la pronuncia. Tuttavia, la pronuncia delle lettere è spesso diversa da quella in inglese.

Sebbene i caratteri cinesi non siano più usati per scrivere in vietnamita, il lessico vietnamita continua a essere fortemente influenzato dalla lingua cinese. Alcune parole sono prestiti dal cinese come "hotel" (khách sạn), "bambini" (nhi đồng), "partito comunista" (đảng cộng sản); alcune sono formate sulla base di radici/caratteri cinesi, come "rappresentativo" (đại diện) o "influenza aviaria" (cúm gà). Qualsiasi conoscenza della lingua cinese renderà molto più facile imparare il vietnamita. Il vietnamita è anche pieno di prestiti linguistici francesi e inglesi. Al giorno d'oggi, alcune parole inglesi sono usate direttamente in vietnamita: camera, clip, internet, jeans, PC, sandwich, selfie, radar, show, smartphone, tablet, TV, ecc. (un po' come accade anche in italiano).

Sebbene i vietnamiti apprezzino qualsiasi sforzo per imparare la loro lingua, la maggior parte raramente sperimenta accenti stranieri. Di conseguenza, gli studenti possono trovare frustrante che nessuno possa capire cosa cercano di dire. Il personale degli hotel e i bambini tendono ad avere un orecchio più tollerante per gli accenti stranieri e non è raro che i bambini aiutino efficacemente a tradurre il proprio vietnamita mal pronunciato in autentico vietnamita per adulti.

Ho Chi Minh ospita una considerevole comunità etnica cinese, molti dei quali parlano cantonese. Le parti più remote del paese ospitano anche molte minoranze etniche che parlano varie lingue appartenenti alle famiglie linguistiche Mon-Khmer, Tai-Kadai e austronesiane.

La maggior parte dei vietnamiti più giovani impara l'inglese a scuola, ma la competenza è generalmente scarsa. Tuttavia, la maggior parte del personale di hotel e compagnie aeree conoscerà abbastanza l'inglese per comunicare. I vietnamiti della classe media e alta più giovani generalmente hanno una conoscenza di base dell'inglese. La segnaletica stradale è generalmente bilingue in vietnamita e inglese. I vietnamiti sono molto più abili nell'usare le app "Traduci" sui telefoni rispetto ai Paesi vicini e le useranno prontamente come mezzo per comunicare in inglese e in altre lingue.

Come risultato della sua eredità coloniale, gli anziani istruiti sono in grado di parlare francese. Tuttavia, l'inglese ha soppiantato il francese come lingua straniera preferita dalle giovani generazioni.

Il russo è parlato anche da alcuni vietnamiti che hanno studiato, lavorato o fatto affari in URSS o in Russia.

Nelle grandi città, alcune delle grandi catene internazionali di hotel di lusso avranno personale in grado di parlare altre lingue straniere come mandarino, giapponese o coreano. Nei siti turistici più popolari, come il Tempio della Letteratura di Hanoi, le guide conducono tour in diverse lingue straniere, tra cui tedesco, francese, spagnolo, mandarino, coreano o giapponese.

Cultura e tradizioni[modifica]

Il carro armato che pose fine alla guerra, Ho Chi Minh

Politica[modifica]

La Repubblica Socialista del Vietnam (Cộng hòa xã hội chủ nghĩa Việt Nam) è uno Stato autoritario a partito unico, con il Segretario Generale del Partito Comunista del Vietnam come leader supremo, il presidente come capo di Stato e il primo ministro come il capo del governo. Il legislatore vietnamita è l'Assemblea nazionale unicamerale, da cui viene selezionato il primo ministro. In pratica, la posizione del presidente è solo cerimoniale, con il primo ministro che esercita la massima autorità nel governo.

Economia[modifica]

La ricostruzione economica del Paese riunito si è rivelata difficile. Dopo che i fallimenti dell'economia statale hanno iniziato a manifestarsi, il Paese ha lanciato un programma di Đổi Mới (ristrutturazione), introducendo elementi del capitalismo. La politica si è rivelata di grande successo, con il Vietnam che registra una crescita annua vicina al 10% (tranne una breve interruzione durante la crisi economica asiatica del 1997). L'economia è molto più forte di quella dei vicini Cambogia e Laos. Come la maggior parte dei Paesi comunisti in tutto il mondo, c'è un buon equilibrio tra consentire l'ingresso agli investitori stranieri e l'apertura del mercato.

C'erano restrizioni estreme per gli stranieri che possedevano proprietà o tentavano di vendere. Tuttavia, un regolamento sulla proprietà annunciato nel 2015 consente agli stranieri di possedere e affittare appartamenti in Vietnam.

È molto difficile per loro commerciare senza negoziare "commissioni". Gli affari possono essere fatti tramite partnership locali con tutti i rischi che ne derivano.

Il settore dell'energia e dei servizi sono un altro problema. Ci sono spesso blackout continui nei momenti in cui non c'è abbastanza elettricità disponibile. Per questo motivo, molti negozi hanno generatori portatili.

Secondo le stime del governo, il Vietnam ha visto 12,9 milioni di arrivi di turisti nel 2017. Il Vietnam ha un tasso di ritorno di appena il 5% rispetto all'enorme 50% della Thailandia.

Persone[modifica]

La maggior parte delle persone in Vietnam sono di etnia vietnamita (Kinh), sebbene ci siano molti gruppi minoritari che tendono a vivere negli altopiani o nelle grandi città. Le tre maggiori minoranze sono i Tay, i Thai e i Muong. Altri includono gli Khmer e gli Hmong. C'è una considerevole comunità etnica cinese a Ho Chi Minh, la maggior parte della quale discende da migranti dalla provincia del Guangdong e quindi è bilingue in cantonese, teochew o altri dialetti cinesi e vietnamita. I Cham, che vivono nelle zone costiere meridionali del Paese, rappresentano la maggior parte dei musulmani in Vietnam.

Il buddismo, per lo più della scuola Mahayana, è la religione più grande del Vietnam, con oltre l'80% dei vietnamiti che la praticano in un modo o nell'altro, sebbene di solito sincretizzato con il taoismo, il confucianesimo e la religione popolare vietnamita. Il cristianesimo (principalmente cattolicesimo romano) è la seconda religione più grande con l'11%, seguita dalla religione locale Cao Dai. Anche l'Islam, l'induismo e le religioni locali condividono piccoli seguiti nelle aree meridionali e centrali.

Cultura[modifica]

Il Paese è famoso per il suo cibo e il Phở è considerato il piatto nazionale del Vietnam

A causa della sua lunga storia come Stato affluente della Cina, nonché di diversi periodi di occupazioni cinesi, la cultura vietnamita è fortemente influenzata da quella della Cina meridionale, con il confucianesimo che costituisce la base dell'etichetta sociale vietnamita. La lingua vietnamita contiene anche molte parole in prestito dal cinese, sebbene le due lingue non siano correlate. Il buddismo rimane l'unica religione più grande in Vietnam. Come in Cina, ma a differenza dei suoi vicini del Sud-est asiatico, la scuola buddista dominante in Vietnam è la Scuola Mahayana.

Tuttavia, la cultura vietnamita rimane distinta dalla cultura cinese poiché ha anche assorbito elementi culturali dalle vicine civiltà indù come gli imperi Champa e Khmer. La colonizzazione francese ha anche lasciato un impatto duraturo sulla società vietnamita, forse meglio simboleggiata dalla predilezione vietnamita per le baguette e il caffè. Il Vietnam meridionale e centrale, specialmente lungo la costa, ha un'influenza occidentale molto più forte, rispetto al nord.

La divisione del Vietnam durante quella che localmente viene chiamata la guerra americana ha anche portato a differenze culturali tra il Vietnam settentrionale e meridionale che possono essere viste oggi. Fino a oggi, i vietnamiti del nord hanno la tendenza a essere più ideologici, mentre i vietnamiti del sud tendono a essere più orientati agli affari.

Il Vietnam è noto per diverse arti tradizionali, tra cui forse il più famoso è il teatro di figura sull'acqua. Nei tempi moderni, anche il Vietnam è saltato sul carro del cirque nouveau, con AO Show di Ho Chi Minh forse l'esempio più noto. Il Vietnam è anche sede di una vivace scena musicale pop, con il pop sudcoreano che è la più grande influenza sulla musica pop vietnamita moderna.

Letture suggerite[modifica]

  • Pesce gatto e mandala: un viaggio a due ruote attraverso il paesaggio e la memoria del Vietnam (Catfish and Mandala: A Two-Wheeled Voyage Through the Landscape and Memory of Vietnam) di Andrew X. Pham (1999), ISBN 978-0-374-11974-4.
  • L'americano tranquillo (The Quiet American) di Graham Greene (1955). Ambientato nella Saigon degli anni '50. Un triangolo amoroso con uno sfondo storico. Due adattamenti cinematografici: 1958 e 2002.
  • L'amante (L'amant) di Marguerite Duras (1984). Adattamento cinematografico: 1992 con Jane March, diretto da Jean-Jacques Annaud.

Film suggeriti[modifica]

  • L'Amante (1992), tratto dal romanzo omonimo di Marguerite Duras, il film narra della relazione di una adolescente francese con un uomo d'affari cinese e ha per sfondo gli stupendi paesaggi del Delta del Mekong e le vie di Saigon, negli anni trenta del XX secolo.
  • Indocina (1992), con Catherine Deneuve, diretto da Régis Wargnier. Ambientato nell'Indocina francese degli anni '30. Una buona trama con alcuni spunti interessanti sulla storia e la politica dell'epoca. Ambientato intorno a Saigon.
  • Cyclo (1995). Ambientato a Saigon, un tuffo nell'oscura violenza e povertà della Saigon degli anni '90.
  • Monsoon (2019), Kit (Henry Golding), un giovane gay nato in Vietnam ma residente fin dalla più tenera età nel Regno Unito, torna dopo trent'anni nella terra natale per riscoprire le sue radici ma dopo l'entusiasmo iniziale avverte che queste sono state recise per sempre. Trova conforto al senso di sconforto che lo pervade nel suo compagno d'infanzia Lewis.


Territori e mete turistiche[modifica]

Di seguito è riportato un elenco delle regioni vietnamite e delle loro maggiori attrazioni turistiche.

Mappa divisa per regioni
      Vietnam settentrionale — La culla della civiltà vietnamita. Offre alcuni dei panorami più stupefacenti del Vietnam, così come la possibilità di visitare le popolazioni indigene delle colline. La regione incuneata tra Cina e Laos accoglie la capitale Hanoi e offre la possibilità di escursioni ai villaggi di tribù montanare. Sul litorale si apre la baia di Ha Long, una delle più belle del mondo dal punto di vista paesaggistico.
      Costa centrale del Vietnam — L'antica città di Huế è dimora degli imperatori vietnamiti dal 1802 al 1945 e Hội An che è una delle più belle vecchie città costiere del Vietnam.
      Altipiani centrali del Vietnam — Lussureggianti colline ricoperte da foreste in cui vivono tribù indigene e occasionalmente alcuni elefanti.
      Vietnam meridionale — Il motore economico del Vietnam, costruita intorno a Ho Chi Minh, ma copre anche la lussureggiante e poco visitata area del Delta del Mekong, l'enorme risaia del Vietnam.

Centri urbani[modifica]

  • 21.0195105.84131 Hanoi (Hà Nội) — Capitale del Vietnam e maggiore città del nord.
  • 10.028105.78342 Cần Thơ Cần Thơ su Wikipedia — È la città più grande nella regione del Delta del Mekong ed è situata 180 km a sud di Ho Chi Minh.
  • 11.9364108.43833 Da Lat (Đà Lạt) — Situata nella regione degli altipiani centrali, Da Lat è rinomata per il suo clima temperato che ne fa una piacevole località di villeggiatura, apprezzata dai dominatori francesi, come dimostrano le sue architetture di epoca coloniale.
  • 16.0267108.22054 Đà Nẵng Đà Nẵng su Wikipedia — Adagiata in una incantevole baia, Đà Nẵng è una città portuale rinomata per i suoi litorali sabbiosi e per le grotte e i templi buddisti sui vicini monti di marmo.
  • 21.3783103.01695 Điện Biên Phủ Điện Biên Phủ su Wikipedia — A 10 km dalla frontiera con il Laos, Điện Biên Phủ è conosciuta come luogo della battaglia del 7 maggio 1954 che segnò la decisiva sconfitta dell'esercito francese conclusasi con la decisiva sconfitta dell'esercito francese ad opera delle forze nazionaliste Viet Minh.
  • 20.8106.6666676 Haiphong Haiphong su Wikipedia — La "città portuale", uno dei principali porti del Vietnam del nord.
  • 10.77808106.7034277 Ho Chi Minh (Thành Phố Hồ Chí Minh, ex Saigon / Sài Gòn) — Maggiore città del Vietnam e maggiore centro turistico e cosmopolita.
  • 15.8726108.33268 Hội An — Antica città di Hội An e le rovine del complesso monumentale religioso di Mỹ Sơn, entrambi Patrimoni mondiali dell'umanità in Vietnam dal 1999.
  • 16.4585107.59089 Huế — Antica capitale dal 1802 al 1945, uno dei Patrimoni mondiali dell'umanità in Vietnam dal 1993. Un tempo dimora degli imperatori del Vietnam.
  • 12.2442109.190710 Nha Trang — Città di circa 500.000 abitanti e maggior centro balneare i cui fondali attraggono appassionati di immersioni subacquee.
  • 11.334933106.10969311 Tay Ninh Tay Ninh su Wikipedia (Tây Ninh) — Città famosa per essere il centro del Caodaismo, un movimento religioso sorto nel 1926.
  • 18.673333105.69222212 Vinh Vinh su Wikipedia — La città principale del Vietnam centro-settentrionale con la bellissima spiaggia di Cua Lo.

Altre destinazioni[modifica]

  • 20.9107.21 Baia di Ha Long — Situata nel golfo del Tonchino, la baia di Ha Long è famosa per i magnifici paesaggi marini, caratterizzati da una miriade di isolotti (oltre 3.000) dove si aprono numerosi anfratti carsici.
  • 8.693056106.5766672 Côn Đảo Côn Đảo su Wikipedia — Arcipelago di 16 isolotti per lo più disabitati al largo della costa meridionale del Vietnam. L'arcipelago costituisce un parco nazionale e per visitarlo occorre inoltrare domanda presso l'amministrazione del parco.
  • 11.142705106.4623623 Cu Chi — Una vasta rete di tunnel scavati durante la guerra dai Viet Cong per potersi muovere senza essere visti nell'area di Saigon. Oggi i tunnel sono diventati un'attrazione turistica accessibile dal villaggio di Ben Dinh o da quello di Ben Duoc.
  • 16.655444106.7285834 Zona demilitarizzata vietnamita Zona demilitarizzata vietnamita su Wikipedia — La zona demilitarizzata creata lungo il confine tra Vietnam del Sud e del Nord a seguito della guerra d'Indocina dove si svolsero battaglie cruente durante la successiva guerra del Vietnam. Grazie anche alla vicinanza con l'antica città di Huế, la DMZ è diventata una destinazione turistica. Luoghi maggiormente visitati sono la base militare di Khe Sanh e i tunnel sotterranei di Vịnh Mốc.
  • 20.2764105.60885 Parco nazionale di Cuc Phuong Parco nazionale di Cuc Phuong su Wikipedia — Il più antico dei parchi nazionali vietnamiti è anche uno dei più visitati del paese. Si estende sul delta del fiume Rosso ed è famoso soprattutto per la sua biodiversità.
  • 17.5282106.15016 Parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang — Annoverato tra i Patrimoni mondiali dell'umanità in Vietnam dal 2003, il parco è cosparso di numerose grotte, cascate e fiumi sotterranei.
  • 10.1095103.95817 Phú Quốc Phú Quốc su Wikipedia — Isola nei pressi del confine con la Cambogia, nota per le sue spiagge, salsa di pesce e frutti di mare.
  • 22.3305103.84198 Distretto di Sa Pa Distretto di Sa Pa su Wikipedia (o Sapa) — Cittadina sui monti al confine con la Cina, famosa per i paesaggi e per le escursioni ai villaggi tribali nei dintorni.
  • 20.2134105.91599 Tam Cốc-Bích Động — Paesaggio carsico simile alla baia di Ha Long lungo il fiume, vicino a Ninh Bình, a sud di Hanoi.


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Politica dei visti del Vietnam
      Vietnam
      Senza visto - 90 giorni
      Senza visto - 30 giorni
      Senza visto - 21 giorni
      Senza visto - 15 giorni
      Senza visto - 14 giorni
      Senza visto per passaporti approvati "per affari pubblici"
      Visto elettronico
      Visto richiesto in anticipo

A partire dal 15 maggio 2022, il Vietnam ha abbandonato tutte le restrizioni di quarantena adottate per il contenimento della pandemia da COVID-19. I passeggeri sono tenuti ad avere un'adeguata assicurazione sanitaria e installare un'app di tracciamento COVID.

Sono ripresi i voli passeggeri, sono rilasciati nuovamente i visti turistici e sono state riprese alcune politiche di esenzione dal visto (informazioni aggiornate).

È richiesto il passaporto che deve avere validità residua di 6 mesi dalla data di ingresso nel paese. Il visto per soggiorni superiori ai 15 giorni è obbligatorio e va richiesto presso la sezione consolare dell'ambasciata della Repubblica Socialista del Vietnam in Italia:

I visitatori dei seguenti paesi non necessitano di visto e possono soggiornare al massimo per il numero di giorni sotto indicato.

Tutte le altre nazionalità richiederanno un visto in anticipo per visitare il Vietnam. Tuttavia, i visitatori provenienti da molti Paesi hanno ora diritto a un visto elettronico di 30 giorni (e-Visa), che si richiede tramite un portale online e si stampa da soli dopo l'approvazione. In genere sono necessari 3 giorni lavorativi per l'elaborazione e costa US $ 25. Vedere la sezione "#Visto elettronico" di seguito per maggiori dettagli.

All'arrivo nel paese occorrerà compilare una carta di sbarco che dovrà essere conservata con cura insieme al passaporto e riconsegnata alla partenza.

Il visto è rilasciato ai posti di frontiera solo a quei gruppi che abbiano sottoscritto un piano di viaggio con agenzie vietnamite con licenza governativa.

Per rilanciare il turismo, il governo vietnamita ha reso l'isola di Phú Quốc una zona esente dall'obbligo di visto. Coloro che volano attraverso Ho Chi Minh o arrivano in barca non dovranno richiedere un visto in anticipo. Questo indipendentemente dalla propria nazionalità. Ai visitatori vengono concessi 15 giorni da trascorrere sull'isola. Coloro che desiderano viaggiare altrove possono richiedere un visto vietnamita adeguato presso l'ufficio immigrazione locale. Tutti i passaporti devono essere validi per almeno 45 giorni all'arrivo a Phú Quốc.

Chi non è idoneo per un visto elettronico (a causa della propria nazionalità), o se non è adatto ai propri scopi, i visti possono essere richiesti nella maggior parte delle ambasciate e consolati vietnamiti all'estero. Questo generalmente costerà almeno il doppio del prezzo del visto elettronico (vedere "Tariffe del visto"). Se il proprio Paese non ha un'ambasciata o un consolato vietnamita, un'alternativa popolare sarebbe quella di presentare domanda presso l'ambasciata vietnamita a Bangkok.

I cittadini stranieri di origine vietnamita possono richiedere l'esenzione dal visto che consente l'ingresso multiplo per 3 mesi alla volta, valido per l'intera durata del passaporto.

In alcuni casi è possibile organizzare un cosiddetto visto all'arrivo, anche se per la maggior parte dei visitatori questa non è più l'opzione migliore. Per i dettagli, vedere la sezione "Visto all'arrivo".

Tariffe del visto[modifica]

I visti elettronici, provenendo da un Paese per il quale sono disponibili, costano $ 25 dal sito ufficiale.

Se non si è idoneo per un visto elettronico, o si ha bisogno di un visto tradizionale per qualche altro motivo (e.g. perché si deve entrare nel Paese in meno di 3 giorni, o si vuol entrare a un valico di frontiera remoto che non è incluso nel programma e-Visa), il costo della domanda dipende dalla propria nazionalità e dall'ambasciata o dal consolato a cui co si sta candidando. Rivolgersi all'ambasciata o al consolato vietnamita nel proprio Paese di residenza o nel Paese in cui ci si trova per i dettagli. Le ambasciate sono (stranamente) riluttanti ad annunciare le tariffe sui loro siti Web, poiché i costi relativamente elevati dei visti sono un deterrente turistico, ma comunque una fonte di entrate. Scrivere una email o, meglio ancora, chiamarli per avere informazioni aggiornate sui prezzi. Oppure, se si è nella stessa città, entrare e chiedere di persona. Nel 2019, un visto di ingresso singolo di un mese costava 40 USD.

Visto elettronico[modifica]

Il servizio di visto elettronico per il Vietnam consente di applicare online sul sito web dell'ufficio immigrazione vietnamita. Questa procedura è disponibile per 80 Paesi, inclusa la maggior parte di quelli europei. Il visto elettronico regolare è valido per 30 giorni, per ingresso singolo e ha una durata di 4 settimane dall'ingresso e costa 25 USD. Non dimenticare di pagare, che è un passaggio separato dopo aver confermato la propria domanda. Sono necessari circa 3 giorni lavorativi per l'emissione e un ritardo nel pagamento può ritardarlo ulteriormente o meno. L'e-mail di conferma automatica non è affidabile e si deve verificare personalmente online l'ottenimento del visto. Si dovrebbe stampare una copia cartacea del proprio visto una volta approvato ed essere pronto a mostrarlo quando si entra nel Paese ed eventualmente anche al momento del check-in per il proprio volo.

I visti elettronici sono validi nei principali aeroporti e porti marittimi e nella maggior parte, ma non tutti gli attraversamenti via terra (ad esempio, non sono accettati tra Banlung, Cambogia e Pleiku, Vietnam). Un elenco completo degli attraversamenti validi è disponibile sul sito Web di e-Visa, sebbene molti di loro utilizzino oscuri nomi locali che possono essere difficili da trovare sulle mappe. In teoria, l'ingresso e l'uscita dal Paese dovrebbero provenire dallo stesso aeroporto, porto marittimo o attraversamento di terra stipulato nel modulo di visto elettronico, ma in realtà questo di solito non viene applicato all'uscita, anche se è necessario inserire la data e nel luogo previsto sul visto. È più probabile che si verifichino problemi a causa di errori di battitura in dati vitali come il nome o la data di nascita.

Altri tipi di visto elettronico, come ingressi multipli e durata estesa, sono disponibili con documenti e informazioni aggiuntivi richiesti.

Chi vuole entrare in Vietnam a un valico non incluso nel programma di visto elettronico, o chi deve entrare entro meno di 3 giorni lavorativi, puoi comunque richiedere un visto fisico tradizionale presso un'ambasciata o un consolato vietnamita. La tassa sarà notevolmente più alta (vedere Tariffe del visto).

Visto all'arrivo[modifica]

Spiaggia di Cua Tung

Il "Visa on arrival" (VOA) è generalmente solo per casi urgenti e speciali, o nei casi in cui un Paese non dispone di rappresentanti/consolati vietnamiti a livello locale. In pratica viene utilizzato quando si desidera un soggiorno più lungo, poiché si può ottenere un VOA fino a 3 mesi alla volta (o anche più a lungo per i cittadini statunitensi). Un VOA turistico di 3 mesi è solitamente il visto preferito per gli espatriati a lungo termine che non lavorano nel paese (e quindi non si qualificano per un permesso di lavoro). Dall'avvento dei visti elettronici, questa è diventata un'opzione non comune per i turisti a breve termine e le informazioni qui potrebbero non essere aggiornate, quindi fai le tue ricerche sulle regole attuali prima di pianificare l'utilizzo di questo metodo.

Il termine visa on arrival è un termine improprio nel caso del Vietnam poiché è necessario ottenere una lettera di approvazione prima dell'arrivo. Questo è gestito da un numero crescente di agenzie online per un addebito di 8/21 USD (nel 2017), a seconda dell'agenzia e del numero di persone che si candidano insieme. La maggior parte delle agenzie accetta pagamenti con carta di credito e alcune con Western Union.

L'agente in Vietnam ottiene dal Dipartimento dell'Immigrazione una lettera di approvazione recante il nome del visitatore, la data di nascita, la data di arrivo, la nazionalità e il numero di passaporto, quindi inoltra tale lettera al visitatore (in formato PDF o JPEG) tramite e-mail o fax, di norma entro tre giorni lavorativi. È comune ricevere la lettera con i dettagli del passaporto di molti altri richiedenti (numero di passaporto, data di nascita, nome, ecc.). Potresti condividere le tue informazioni personali con un massimo di 10/30 altri richiedenti sulle stesse lettere. Per le persone preoccupate per la loro privacy o sicurezza, si consiglia di verificare prima se le agenzie hanno un'opzione per una lettera di approvazione separata o privata (visto privato all'arrivo) sul loro sito web. Pochissime agenzie online hanno questa opzione.

Dopo l'atterraggio in uno qualsiasi degli aeroporti internazionali (Hanoi, Ho Chi Minh, Đà Nẵng, Nha Trang, Vinh o Phú Quốc), il visitatore si reca allo sportello "visto all'arrivo", mostra la lettera, compila un modulo di arrivo aggiuntivo (può essere precompilato prima della partenza), paga la tassa di timbratura e riceve un timbro ufficiale (adesivo) sul proprio passaporto. La tassa è di 25 USD (50 USD per un visto per ingressi multipli) (2016). Sono accettati solo dollari USA e le banconote devono essere come nuove, altrimenti verranno rifiutate. È richiesta anche una foto tessera. Alcune agenzie affermano che ne sono necessarie due, tuttavia di solito ne basta una sola.

Senza la lettera di approvazione originale (con il timbro rosso) un VOA può essere ottenuto solo nei tre aeroporti internazionali. Molte agenzie forniranno la lettera originale, se necessario, e la spediranno persino in un Paese vicino, ma è un servizio più lento e costerà di più. I visitatori che arrivano via terra dalla Cambogia, dal Laos o dalla Cina devono essere in possesso di una lettera di approvazione originale timbrata o di un visto completo quando arrivano al confine.

I passeggeri della maggior parte, se non di tutte, le compagnie aeree che viaggiano in Vietnam devono presentare la lettera di approvazione al check-in, altrimenti il check-in verrà rifiutato.

A seconda del livello attuale di SARS o influenza aviaria, si potrebbe essere sottoposti a un cosiddetto controllo sanitario. Non c'è un esame, però, ma un altro modulo da compilare e, ovviamente, un'altra tassa. Costa solo 2.000 đồng o 2 USD a persona.

Zona esente da visti[modifica]

L'isola di Phú Quốc, al largo della costa sud-occidentale, è accessibile ai turisti di tutti i paesi senza visto per soggiorni fino a 30 giorni. L'aeroporto internazionale di Phú Quốc (IATA PQC) riceve alcuni voli diretti da aeroporti europei come Stoccolma-Arlanda operati da Thomson e voli da destinazioni asiatiche.

Doppia cittadinanza[modifica]

Rovine del tempio a Mỹ Sơn

Se si è cittadino di due Paesi stranieri, si potrebbe entrare in Vietnam con un passaporto diverso (Paese A) rispetto a quello che hai utilizzato per lasciare il Paese precedente sul proprio itinerario (passaporto del Paese B) (e.g. perché il passaporto del Paese A ha un visto vietnamita o offre un ingresso senza visto in Vietnam, mentre il passaporto del Paese B ha un visto per il Paese precedentemente visitato). In questo caso, l'ispettore dell'immigrazione vietnamita vorrà probabilmente vedere il timbro di uscita e/o il visto anche nel passaporto del proprio Paese B. Potrebbe suggerire di apporre anche il timbro di ingresso vietnamita sul passaporto del Paese B, in modo che tutti i tuoi timbri siano in un unico posto. Non accettare tale offerta; assicurarsi che il timbro d'ingresso vietnamita vada sul passaporto che ha il visto vietnamita o offra l'ingresso senza visto in Vietnam. Altrimenti si rischia di avere problemi quando si lascia il Vietnam; gli agenti di frontiera presso il luogo in cui si sta tentando di uscire possono dichiarare "non valido" il timbro di ingresso e rimandarvi al punto di ingresso originale per far correggere l'errore.

In aereo[modifica]

I principali aeroporti internazionali del Vietnam si trovano ad Hanoi (IATA: HAN) e Ho Chi Minh (IATA: SGN). Entrambi gli aeroporti sono serviti da numerosi voli dalle principali città dell'Asia orientale e del sud-est asiatico, con alcuni servizi intercontinentali verso l'Australia, l'Europa e gli Stati Uniti d'America.

Altri aeroporti internazionali si trovano a Đà Nẵng, Vinh, Nha Trang e Phú Quốc, sebbene i voli siano limitati a quelli dei Paesi asiatici vicini. Poiché Đà Nẵng è più vicino ai siti storici del Costa centrale del Vietnam!Vietnam centrale rispetto ai due aeroporti principali, può essere un comodo punto di ingresso per coloro che desiderano specificamente visitare quei siti.

Il vettore nazionale è Vietnam Airlines, che opera voli nelle due città più grandi del Vietnam da varie città in Australia, Asia ed Europa. Vietnam Airlines serve tutte le capitali dei Paesi del sud-est asiatico ad eccezione di Dili, Bandar Seri Begawan e Naypyidaw. Il più grande vettore low cost è Vietjet Air che vola verso un numero crescente di destinazioni regionali tra cui Bangkok, Chiang Mai, Hong Kong, Nuova Delhi, Seoul, Singapore e Yangon.

Aeroporto di Tan Son Nhat[modifica]

Il maggior scalo internazionale del Vietnam è il "Tan Son Nhat" di Ho Chi Minh. Vi operano

Altre compagnie da prendere in considerazione sono:

Aeroporto di Noi Bai[modifica]

Se invece volete visitare il nord del paese, potrebbe far comodo l'aeroporto Noi Bai di Hanoi, sennonché la scelta dei voli è più limitata. Al 2011 vi operavano:

In auto[modifica]

Potreste essere tentati di scendere all'aeroporto di Bangkok e proseguire il viaggio in Vietnam via terra. Attraverserete la Cambogia riservandovi così l'opportunità di visitare i templi di Angkor, il sito archeologico più straordinario di tutto il Sud est asiatico. Potreste passare per il Laos se le vostre mete finali sono Huế e le altre città della costa centro-settentrionale. Potreste infine entrare dalla Cina se il vostro interesse si focalizza sulla Baia di Ha Long e le altre località del Vietnam settentrionale. Di seguito sono riportati i principali valichi sulle frontiere del Vietnam:

Cambogia[modifica]

Bangkok è a 892 km da Ho Chi Minh passando per Siem Reap (base per una visita ai tempi di Angkor) e valicando la frontiera a Bavet. Chi viaggia a scopi di svago troverà più simpatico passare il confine in corrispondenza di Tonle Mekong, riservandosi così la possibilità di visitare il Delta del Mekong prima di raggiungere Ho Chi Minh. Allungherete un pochino (160 km di più) e passerete per Phnom Penh

  • Bavet/Mộc Bài — È il valico più facile da attraversare. Si raggiunge facilmente in autobus da Phnom Penh.
  • Kaam Samnor/Vinh Xuong (o Tonle Mekong) — Questo valico è molto popolare fra i turisti occidentali anche per l'opportunità di proseguire il viaggio in battello nei meandri del Mekong.
  • Phnom Den/Tịnh Biên — Molto poco frequentato e in posizione isolata.
  • Xa Xia/Prek Chak — Non è possibile passare dal Vietnam in Cambogia

Cina[modifica]

La porta dell'Amicizia
  • Đồng Đăng/Pinxiang (You Yi Guan = Porta dell'Amicizia) — Comodo per chi proviene dalla provincia cinese di Guangxi, La Porta dell'Amicizia è un valico sia stradale sia ferroviario percorso dai treni internazionali Hanoi-Nanning
  • Dongxing/Móng Cái — Secondo valico con la provincia di Guangxi, utile per chi volesse visitare la baia di Hạ Long.
  • Hekou/Lào Cai — Da questo valico entrano quanti provengono dalla provincia cinese Yunnan. Da Kunming si raggiunge Hekou con autobus dotati di cuccette in sostituzione dei treni il cui servizio è sospeso da anni. Da Lào Cai si può proseguire in treno (o anche in autobus) fino a Hanoi

Laos[modifica]

Sono quattro i valichi sulla frontiera con Laos ove sia consentito il passaggio anche a turisti stranieri:

In treno[modifica]

C'è un treno notturno tra Nanning in Cina e Hanoi, che impiega 12 ore, comprese le noiose 2+2 ore al confine (vedere la sezione Come arrivare di Hanoi per maggiori dettagli). Il servizio è disponibile anche da Pechino, ma i viaggiatori dovranno cambiare i pullman ferroviari a Nanning.

La vecchia linea Kunming-Hanoi a scartamento metrico è stata chiusa e la soluzione più semplice è prendere il treno ad alta velocità da Kunming a Nanning per unirsi al treno notturno per Hanoi. Un'altra opzione è viaggiare fino alla stazione nord della Contea autonoma yao di Hekou in Cina, attraversare il confine da Hekou a Lào Cai, quindi prendere un treno vietnamita da Lào Cai ad Hanoi. Entrambe le parti hanno diversi treni al giorno, quindi un treno diurno da Kunming a Hekou può essere abbinato a un treno notturno da Lào Cai ad Hanoi.

Non ci sono collegamenti ferroviari tra il Vietnam e il Laos o la Cambogia.

In autobus[modifica]

Cambogia[modifica]

L'attraversamento principale con la Cambogia è quello di Mộc Bài/Bavet sulla strada Ho Chi Minh-Phnom Penh. Gli autobus tra le due città costano 8/12 USD e impiegano circa 6 ore. I passeggeri lasciano il veicolo ai posti di blocco di entrambi i paesi. Per ottenere il visto cambogiano all'arrivo è necessaria solo una foto del passaporto. I tour del Delta del Mekong (25/35 USD, 2/3 giorni) possono fornire un viaggio più approfondito tra le due città. Alcuni di questi tour, così come le barche tra Phnom Penh e Chau Doc, utilizzano un valico di frontiera sulle rive del fiume Mekong, chiamato "Song Tien landport" sul sito web del visto elettronico del Vietnam.

Sono disponibili anche biglietti per Siem Reap (18 USD), anche se è più economico prendere un biglietto per Phnom Penh e poi organizzare il trasporto su uno dei tanti autobus di collegamento.

Vicino alla costa c'è il confine tra Xa Xia e Prek Chak. I visti cambogiani sono disponibili all'arrivo. Gli autobus collegano Hà Tiên in Vietnam a Sihanoukville e Phnom Penh in Cambogia. Il consolato vietnamita a Sihanoukville rilascia visti turistici di 30 giorni in giornata.

Le aree costiere sono anche servite dal confine tra Tịnh Biên/Phnom Den vicino a Chau Doc in Vietnam.

L'incrocio Xa Mat/Trapeang Phlong sulla strada Ho Chi Minh-Kampong Cham non è ben servito dai mezzi pubblici, ma può essere utile per accedere a Kampong Cham e alla Cambogia orientale.

Banlung nella Cambogia nord-orientale è collegata a Pleiku in Vietnam da un valico a Le Tanh/O Yadaw. I visti elettronici per il Vietnam non sono accettati per entrare in Vietnam a questo valico di frontiera, quindi questo è solo per persone la cui nazionalità garantisce l'ingresso senza visto in Vietnam o che hanno già un visto tradizionale da un'ambasciata/consolato nei loro passaporti. Il checkpoint d'ingresso vietnamita chiude agli stranieri alle 17:30. Se si attraversa l'altra direzione, dal Vietnam alla Cambogia, si può ottenere qui un visto cambogiano all'arrivo. È richiesta una foto.

Cina[modifica]

Ci sono tre valichi di frontiera tra Cina e Vietnam che possono essere utilizzati dagli stranieri:

  • Dongxing-Móng Cái (su strada; proseguimento del viaggio da Móng Cái alla Baia di Ha Long via mare o su strada)
  • Hekou-Lào Cai (su strada e/o treno, ma nessun servizio di treno passeggeri internazionale)
  • Youyi Guan - Huu Nghi Quan (Passo dell'amicizia - su strada e/o treno)

Laos[modifica]

Ci sono sei valichi di frontiera tra Laos e Vietnam che possono essere utilizzati dagli stranieri (da nord a sud):

  • Tay Trang (provincia di Dien Bien, Vietnam) - Sobboun (provincia di Phongsali, Laos)
  • Na Mao (provincia di Thanh Hoa, Vietnam) - Namsoi (provincia di Houaphanh, Laos)
  • Nam Can (Vietnam) - Namkan (provincia di Xiangkhouang, Laos)
  • Kaew Neua - Cau Treo (Passo Keo Nua)
  • Lao Bảo (Vietnam) - Dansavan (Laos)
  • Ngoc Hoi (provincia di Kon Tum, Vietnam) - Bo Y (provincia di Attapeu, Laos)

Fare attenzione a prendere gli autobus locali dal Laos al Vietnam. Non solo sono spesso stipati di merci (carbone e polli vivi, spesso sotto i piedi), ma molti autobus passano nel cuore della notte, fermandosi per diverse ore in attesa che il confine apra alle 07:00. Durante l'attesa, si verrà portati fuori dall'autobus (per diverse ore) dove si verrà avvicinati da gente del posto invadente che offrirà assistenza per ottenere un timbro di uscita dal Laos in cambio di denaro (di solito almeno 5 USD). Contrattando duramente (stanchi, alle 04:00) si potrà ridurre la cifra a circa 2 USD. Gli uomini prenderanno i vostri passaporti, il che può essere sconcertante, ma forniscono il servizio che promettono. Non è chiaro se si può semplicemente aspettare che i funzionari di frontiera lo facciano. C'è anche un autobus VIP da Savannakhet.

Come spostarsi[modifica]

I vietnamiti sono esperti nel trasporto di enormi pile di merci su biciclette (a motore)

In aereo[modifica]

I voli sono il modo più veloce per attraversare questo lungo Paese. Il volo da Hanoi a Ho Chi Minh è solo di circa 2 ore.

Ci sono molti voli che collegano le due città più grandi, Hanoi e Ho Chi Minh, alle principali città come Đà Nẵng, Haiphong, Cần Thơ, Huế, Nha Trang, Da Lat, Phú Quốc. In passato la maggior parte di questi voli erano economici rispetto ai voli europei o nordamericani. Tuttavia, i prezzi sono più alti rispetto al passato con, ad esempio, un biglietto di andata e ritorno che collega Hanoi a Đà Nẵng che costa circa 120-150 dollari USA, tasse incluse.

Le compagnie aeree nazionali a servizio completo sono la compagnia di bandiera Vietnam Airlines con la loro controllata Vasco che opera alcuni voli più brevi, così come la Bamboo Airways di proprietà privata . Le principali compagnie aeree low cost per i voli domestici sono Pacific Airlines, VietJet Air e Jetstar Pacific.

In auto[modifica]

Permessi di guida internazionali

A partire da ottobre 2015, i permessi di guida internazionali sono riconosciuti in Vietnam. Tuttavia, noleggiare un'auto senza conducente è un caso più unico che raro e, a meno che si non abbia una patente motociclistica valida nel proprio Paese di origine, il proprio permesso non è valido per guidare una motocicletta. Portare sempre con sé la propria patente di guida.

La Strada provinciale 163 in buone condizioni, con una pietra miliare che indica 80 km dalla città di Yên Bái

Analogamente al suo ex colonizzatore, la Francia, 'la guida è a destra in Vietnam.

I permessi di guida internazionali sono riconosciuti in Vietnam. Tuttavia, il concetto di noleggiare un'auto per guidare da soli è quasi inesistente, e quando i vietnamiti parlano di noleggiare un'auto intendono sempre noleggiare un'auto con autista. Dopo aver passato un po' di tempo sulle strade locali con il loro traffico pazzesco, si sarà felici di aver lasciato la guida a qualcuno più abituato. Dal momento che pochi vietnamiti possiedono un'auto, per loro è normale noleggiare veicoli per gite di famiglia, occasioni speciali, ecc. , ed esiste un settore fiorente per soddisfare tale esigenza. I vietnamiti possono facilmente noleggiare qualsiasi cosa, da una piccola auto a un autobus da 32 posti, per uno o più giorni. I turisti possono attingere a quel mercato indirettamente tramite hotel e agenti turistici presenti in ogni area turistica. I marchi automobilistici internazionali hanno iniziato a emergere. Budget Car Rental, una delle più grandi compagnie di autonoleggio al mondo, ora offre servizi di autista in Vietnam. Noleggiare una piccola auto per una gita di un giorno di ritorno al punto di origine costa circa 60 USD per 8 ore (anche se il prezzo cambia con il costo del carburante). Se si punta al risparmio negoziando e confrontando le tariffe, probabilmente si troverà un'auto più vecchia e malconcia. Se invece si sta pagando qualcosa in più, vale la pena chiedere il tipo di macchina sarà e cercare qualcosa di più comodo. Pochi conducenti parlano inglese, quindi assicurarsi di dire all'hotel o all'agente esattamente dove si vuole andare al fine di comunicarlo all'autista.

È anche possibile noleggiare un'auto con autista per viaggi interurbani, a un costo leggermente superiore. Una piccola macchina da Ho Chi Minh alla località balneare di Mũi Né, un viaggio di 4/5 ore a seconda del traffico, costa circa 70 USD, mentre Da Lat-Mũi Né ne costa circa 90. I viaggi a lunga distanza in auto possono essere una buona scelta per più persone che viaggiano insieme, in quanto fornisce un orario flessibile e un accesso flessibile a siti remoti. Tenere presente che sebbene in Vietnam esista una rete di strade asfaltate, i viaggi su strada a lunga distanza in Vietnam con qualsiasi mezzo (autobus o auto) sono lenti, con una velocità media inferiore a 50 km/ora. L'autostrada 1, la spina dorsale nord-sud del Paese, è una strada a due corsie con un traffico molto pesante di camion e autobus. Allo stesso modo, la strada principale del nord-ovest - la cosiddetta "Hanoi (Noi Bai) - Lào Cai Expressway" è, in realtà, solo una buona strada asfaltata a due corsie, con limiti di velocità variabili da 60 a 80 km/h, ridotti in molti punti a 40 km/h a causa di lavori stradali. I pedaggi su questa "superstrada" sono piuttosto pesanti, ma gli automobilisti li pagano, perché l'alternativa è utilizzare strade locali, che in alcuni tratti non sono affatto asfaltate.

In generale, descrivere le abitudini di guida vietnamite come atroci sarebbe un eufemismo. La cortesia della strada è inesistente e gli automobilisti generalmente non controllano gli angoli ciechi o gli specchietti (infatti, a molti veicoli sono stati rimossi gli specchietti esterni). I conducenti vietnamiti tendono anche a usare il clacson molto spesso per allontanare motociclisti e ciclisti. Inoltre, la maggior parte delle strade non ha segnaletica orizzontale e, in quelle che ne sono provviste, i conducenti generalmente la ignorano. Pertanto, non è consigliabile guidare da soli in Vietnam e lasciando le proprie esigenze di trasporto nelle mani della gente del posto.

In treno[modifica]

Esiste un'unica strada ferrata che percorre il Paese in tutto la sua lunghezza da Ho Chi Minh a Hanoi distanti fra loro 1 700 km. In corrispondenza di Hanoi la strada ferrata si sdoppia in due tronconi diretti entrambi ai valichi di frontiera con la Cina citati nella sezione precedente.

Anche se più costosi degli autobus, i treni sono senza dubbio il modo più comodo per viaggiare via terra in Vietnam. C'è una delle principali linee ferroviarie in Vietnam, il tronco di 1.723 km tra Hanoi e Ho Chi Minh City, su cui corre il Reunification Express che impiega 30 ore a coprire la distanza fra i due centri. È un buon modo per vedere la campagna e incontrare gente del posto della classe medio-alta, ma a meno che non si viaggi in un vagone letto non è più comodo degli autobus.

Si consiglia l'uso di cuccette morbide o rigide con aria condizionata e l'acquisto il prima possibile è una buona idea poiché le cuccette e le tratte principali vengono spesso acquistati dalle compagnie turistiche e dalle agenzie di viaggio ben prima dell'orario di partenza (quindi viene detto che il treno è esaurito a un la biglietteria della stazione o l'ufficio di una nota compagnia turistica non significa che non ci siano biglietti disponibili: sono stati semplicemente acquistati da un altro rivenditore). La prenotazione alla stazione dei treni stessa è generalmente il modo più sicuro, basta preparare su un pezzo di carta la destinazione, la data, l'ora, n. di passeggeri e classe. Tuttavia, i biglietti invenduti possono spesso essere acquistati all'ultimo minuto da persone che gironzolano alla stazione. Un treno è raramente esaurito per davvero, poiché la compagnia ferroviaria aggiungerà carrozze quando la domanda è elevata. Le commissioni su questi biglietti diminuiranno con l'avvicinarsi dell'orario di partenza. I biglietti possono essere restituiti prima della partenza con una penale del 10%. C'è anche un sito web ufficiale delle ferrovie vietnamite, che ha una versione inglese e accetta pagamenti con carte bancarie internazionali.

Si deve essere prudenti quando si utilizza un agente di viaggio per acquistare i biglietti del treno, poiché sul biglietto non è stampato nulla che indichi in quale classe è stata prenotata, sebbene a partire da luglio 2018 i biglietti (ora denominati "carte d'imbarco") indicano la classe del biglietto. Ciò si traduce in una truffa comune con gli agenti di viaggio privati in quanto vengono pagati per prenotare un biglietto per il letto morbido, ma prenoteranno un biglietto per il letto rigido più economico e non si sa di essere stati truffati finché non si sale sul treno e si scopre che i propri posti sono nella classe inferiore. A quel punto, col treno sul punto di partire, è troppo tardi per tornare dall'agente truffatore per chiedere un risarcimento. Con le nuove carte d'imbarco questa truffa non è un problema, anche se acquistare il biglietto direttamente dalla stazione ferroviaria rimane l'opzione migliore. Acquistare il biglietto elettronicamente da un sito di prenotazione come Baolau è altrettanto sicuro e affidabile. Una volta acquistato si conservano i dati sul telefono e all'arrivo in stazione è sufficiente recarsi presso una delle macchine predisposte allo scopo e stampare la carta d'imbarco. In alcuni casi il personale che aiuta ad accedere ai binari è in grado di scansionare il proprio QR code direttamente dal telefono, gli altri indirizzeranno al luogo in cui poter stampare. In entrambi i casi il processo è privo di problemi.

Inoltre, ci sono rotte più brevi da Hanoi che portano a nord-ovest e nord-est, con incroci internazionali in Cina . Uno dei più popolari dei percorsi più brevi è il treno notturno da Hanoi a Lào Cai (con un servizio di autobus da Lào Cai alla destinazione turistica di Sa Pa).

Cercare sempre di acquistare i biglietti con almeno 3 giorni di anticipo, per evitare delusioni, soprattutto durante l'alta stagione delle vacanze, durante le quali si dovrebbe cercare di prenotare con almeno 2 settimane di anticipo.

Se si è sensibili al fumo di sigaretta, provare a prenotare un posto al centro della carrozza poiché le persone fumano nelle aree alla fine di ogni carrozza e le porte sono spesso lasciate aperte.

In autobus[modifica]

Gli autobus extraurbani delle autolinee pubbliche non sono usati dai turisti che preferiscono affidarsi a pullman o minibus turistici di agenzie per i propri spostamenti da una città all'altra. Questa formula di viaggio è diventata una quasi istituzione in Vietnam. È una soluzione conveniente e comoda considerato che spesso i minibus prelevano i passeggeri sulla soglia del loro albergo.

I servizi di autobus a lunga percorrenza collegano la maggior parte delle città del Vietnam. La maggior parte parte la mattina presto per adattarsi al traffico e alle piogge del tardo pomeriggio, oppure si spostano di notte. Le velocità medie su strada sono in genere piuttosto basse, anche quando si viaggia tra le città. Ad esempio, un viaggio di 276 km dal delta del Mekong a Ho Chi Minh in autobus richiederà probabilmente circa 8 ore.

Gli autobus pubblici viaggiano tra le stazioni degli autobus delle città. Nei luoghi più grandi, spesso si dovrà usare i trasporti locali per raggiungere il centro città da lì. Gli autobus sono generalmente in condizioni adeguate e si ha la possibilità di interagire con la gente del posto. Le stazioni degli autobus sono generalmente ben organizzate, sicure e abbastanza facili per orientarcisi anche da parte di chi non parla vietnamita.

Ogni grande città avrà una stazione centralizzata degli autobus e la maggior parte delle principali compagnie avrà biglietterie nelle stazioni. Alcune aziende rispettabili includono Mai Linh Express, The Sinh Tourist e Hoang Long.

Gli autobus turistici aperti sono gestiti da una moltitudine di compagnie turistiche. Si rivolgono soprattutto ai turisti, offrendo tariffe ridicole (da Hanoi a Ho Chi Minh: 20/25 USD) e un servizio porta a porta per l'ostello desiderato. Si può interrompere il viaggio in qualsiasi momento e continuare su un autobus della stessa compagnia successivamente, o semplicemente acquistare i biglietti solo per la tappa che sei disposto a coprire dopo. Se non si ha intenzione di fare più di 3-4 fermate, potrebbe essere più economico acquistare biglietti separati in corso d'opera (e.g. da Hanoi a Huế costa a partire da 5 USD). La maggior parte degli hotel e delle pensioni può prenotare i posti per qualsiasi coincidenza, anche se è meglio cercare presso le agenzie di viaggio, poiché i prezzi variano a seconda del biglietto o della compagnia di autobus. Andare all'ufficio della compagnia di autobus può far ottenere una tariffa senza commissioni, ma la maggior parte dei principali operatori di autobus ha politiche tariffarie fisse.

Gli autobus deluxe o interprovinciali sono le opzioni più lussuose per quanto riguarda i viaggi in autobus e sono offerti da tutte le principali compagnie su alcune delle rotte turistiche più frequentate. Alcuni di questi autobus sono in realtà autobus cuccetta, dove invece di un posto a sedere, si ha un letto a castello su cui dormire. Alcune compagnie offrono anche un autobus cuccetta VIP più costoso, in cui si ha un letto a castello più ampio, il proprio cubicolo per una maggiore privacy e un sistema TV personale simile a quello degli aeroplani.

Dal momento che le compagnie turistiche fanno pagare molto poco, fanno commissioni sulle loro soste che sono spesso nei negozi di souvenir, dove non è necessario acquistare; hanno sempre servizi igienici e bevande e acqua disponibili per l'acquisto. Il tempo stimato per un viaggio in autobus non sarà preciso e a volte potrebbe essere un paio d'ore in più, a causa del numero di fermate. Anche la raccolta dei passeggeri all'inizio del viaggio può richiedere parecchio tempo. È bene arrivare sempre almeno mezz'ora in anticipo per prendere l'autobus. Cercare di non bere troppa acqua, poiché le soste, soprattutto per gli autobus notturni, potrebbero essere in luoghi dove ci sono solo molti cespugli.

Autobus su una strada nel distretto di Luong Son

Gli autobus vietnamiti sono fatti per i vietnamiti: gli occidentali più grandi saranno molto a disagio, specialmente sugli autobus notturni. Inoltre, molti vietnamiti non sono abituati a viaggiare su autobus a lungo raggio e a volte si ammalano; non è piacevole essere bloccati su un autobus notturno con diversi vietnamiti che vomitano alle proprie spalle.

Qualora si pensa di poter soffrire di "mal d'autobus", è consigliabile prenotare un posto al centro piuttosto che nella parte anteriore dell'autobus. In primo luogo, si eviterà di vedere direttamente i rischi miopi che l'autista sta correndo lungo la strada. In secondo luogo, si sfuggirà in qualche modo al forte rumore del clacson continuo (ogni volta che l'autobus supera un altro veicolo, cioè circa ogni 10 secondi).

Sebbene la compagnia di autobus di solito sarà felice di venirvi a prendere al proprio hotel o pensione, l'imbarco presso l'ufficio della compagnia garantirà la scelta dei posti ed eviterà di rimanere bloccati sul retro o di non poter sedere accanto ai propri compagni di viaggio. Gli uffici si trovano generalmente all'interno o vicino alla zona turistica della città e una breve passeggiata potrebbe rendere il proprio viaggio ancora più piacevole.

Le compagnie di autobus a lungo raggio operano da nord a sud e ritorno sull'unica strada principale (QL1). Se si prende un autobus che va oltre la propria destinazione, l'autobus vi lascerà all'incrocio più comodo e non come ci si aspetterebbe al terminal degli autobus di destinazione. Per Huế, questo bivio dista 13 km dal centro città; per Nha Trang 10 km. A questi incroci si troverà taxi o mototaxi per raggiungere il proprio hotel.

Se si viaggia in bicicletta, negoziare il costo aggiuntivo con l'autista anziché con la biglietteria prima di acquistare il biglietto. Il costo della bicicletta non deve superare il 10% del prezzo del biglietto.

Una truffa nella quale si potrebbe incappare è che dopo essere arrivato a destinazione, le guide chiederanno se si è prenotato un hotel. Anche se non lo si è fatto, è bene dire averlo, preparandosi il nome di un hotel. In caso contrario, vi noleggeranno un taxi e probabilmente vi lasceranno in un hotel che possono riscuotere una commissione. Se si decidesse di non restare, le cose potrebbero diventare un po' brutte, poiché chiederanno di pagare la tariffa del taxi, che potrebbero costare molto di più della tariffa effettiva di una corsa di dieci minuti.

Fare molta attenzione ai propri beni sull'autobus notturno, poiché è noto che le persone (compresi i dipendenti degli autobus) guardano attraverso le borse dei passeggeri e prendono oggetti costosi come iPad e telefoni e li vendono a scopo di lucro. Chi viaggia con un iPod, è bene che non si addormentarti con l'iPod nell'orecchio, poiché è probabile che non lo si troverà più al mattino. Prendere un lucchetto per il proprio bagaglio a mano e chiudere tutto a chiave prima di andare a dormire.

In bicicletta[modifica]

I viaggiatori avventurosi potrebbero voler vedere il Vietnam in bicicletta. Diversi viaggi di avventura forniscono pacchetti turistici con attrezzatura. La maggior parte della popolazione si sposta su due ruote, quindi è un ottimo modo per avvicinarsi alla gente e fuori dai sentieri battuti.

Le biciclette possono essere noleggiate a buon mercato in molte città e spesso sono un ottimo modo per coprire distanze maggiori. Buoni posti per andare in bicicletta sono Da Lat, Hội An, Huế e Ninh Bình. D'altra parte, tentare di andare in bicicletta ad Hanoi o a Ho Chi Minh è virtualmente un suicidio senza un'adeguata esperienza delle regole del traffico (o mancanza di una "adeguata esperienza" che in questo caso significa capire che tutti intorno a potrebbero potenzialmente cambiare direzione senza segnaletica e in qualsiasi momento). Una "regola pratica" generale quando si è in bicicletta o in moto è "aspettarsi l'imprevisto". È un po' come nuotare in una vasca di pesci!

In città come Ho Chi Minh e Hanoi, non è consentito parcheggiare le biciclette nelle aree pedonali e ci dovrà recare in un parcheggio a pagamento: 2.000 đồng per bici, 5.000 đồng per una moto.

In mototaxi[modifica]

Lo xe ôm (letteralmente "veicolo che abbraccia"), un taxi-moto, è un mezzo di trasporto comune sia per i vietnamiti che per i turisti. Sono ampiamente disponibili e ragionevolmente economici: circa 10.000 đồng per un viaggio di 10 minuti, che dovrebbe condurre ovunque nel centro della città. Camminare per le strade della città e ogni paio di minuti un ragazzo segnalerà la vostra attenzione chiedendo "You! Motobike?" I viaggi più lunghi verso le aree periferiche possono essere negoziati per 20.000/25.000 đồng. Concordare sempre la tariffa prima di iniziare il proprio viaggio.

I motociclisti parlano raramente inglese. Come per la maggior parte delle cose, a un turista sarà spesso chiesto inizialmente un prezzo superiore a quello di mercato e si dovrà essere risoluti. Se chiedono qualcosa di più di 10.000 đồng per un breve viaggio, ricordare all'autista che si potrebbe prendere un taxi con aria condizionata per 15.000 đồng, quindi salutarlo. Occasionalmente i conducenti chiederanno più del prezzo negoziato alla fine, quindi è meglio avere a portata di mano l'esatto prezzo concordato, in questo modo lo si potrà pagare andandosene senza discussioni.

In alcuni casi si sarà portati dove vogliono (attrazioni turistiche o negozi in cui non si è chiesto di andare) e a volte aspetteranno che torni (anche se non richiesto) e ti chiederanno più soldi per aver aspettato. Anche se parlando un po' di vietnamita, non sarà d'aiuto, dal momento che proveranno comunque ad imbrogliare o si comporteranno come se non capissero. Ancora una volta, si deve parlare in modo deciso e andarsene.

In moto[modifica]

Un cartello stradale con un messaggio Zen

La moto da 110 cc è il mezzo di trasporto preferito dalle masse vietnamite e le grandi città ne brulicano. È comune vedere intere famiglie di quattro persone che viaggiano insieme su una sola moto. Nella maggior parte dei luoghi dove vanno i turisti, puoi facilmente noleggiarne uno, con prezzi che vanno da 100.000 a 160.000 đồng al giorno. È illegale per gli stranieri guidare una moto in Vietnam a meno che non siano in possesso di una patente motociclistica vietnamita temporanea o di un permesso di guida internazionale con una patente motociclistica valida nel Paese di origine.

Per convertire la propria patente o permesso di guida internazionale in una patente vietnamita temporanea si deve essere in possesso di un permesso di soggiorno vietnamita con validità di almeno tre mesi o di un visto turistico di tre mesi. A tal proposito ci si dovrebbe rivolgere a:

Chi guida senza licenza e ha un incidente in cui una terza persona viene ferita o uccisa, potrebbe essere soggetto a una pena detentiva di 10-20 anni e pagare una grossa somma di risarcimento alla vittima o alla famiglia della vittima. Inoltre, anche se la propria polizza assicurativa di viaggio copre per le motociclette (controllare le note, perché molte la escludono), qualora ci si facesse male durante una guida illegale, la compagnia assicurativa non risarcirà le cure mediche, ricovero, evacuazione in un altro Paese per ricovero o il rimpatrio, il cui costo può arrivare a decine di migliaia di dollari.

Gli addetti alla reception dei piccoli hotel spesso gestiscono un'attività secondaria noleggiando motociclette agli ospiti o hanno un amico o un parente che lo fa. Gli stand turistici di solito possono fare lo stesso. Nelle piccole città e nelle località balneari dove il traffico è scarso, ad esempio Phú Quốc, è un modo delizioso per spostarsi e vedere i luoghi d'interesse, e molto più economico dei taxi se si pensa di fare diverse fermate. Le strade sono generalmente decenti, anche se è consigliabile non guidare troppo velocemente e tenere sempre d'occhio la strada per le buche occasionali.

Guidare nelle grandi città, in particolare Ho Chi Minh, è una questione molto diversa e non consigliabile a meno che non si sia piloti esperti e dotati un freddo autocontrollo. Il traffico è intenso e caotico, con una lunga lista di regole non scritte che non assomigliano alle leggi sulla circolazione da nessun'altra parte. "Diritto di passaggio" è un concetto quasi sconosciuto. Guidare a Ho Chi Minh è come trovarsi nel mezzo di un videogioco 3-D in cui qualsiasi cosa può arrivarti da qualsiasi direzione e hai solo una vita. Gli espatriati che affrontano il traffico in genere hanno un apprendistato di alcune settimane o mesi guidando sul retro delle moto degli altri per imparare le vie del traffico, prima di tentare di guidare da soli. Si consiglia estrema cautela per i visitatori a breve termine.

Anche la guida a lunga distanza in campagna può essere straziante a seconda del percorso che si fa. Le strade principali tra le città tendono ad essere strette nonostante siano importanti e piene di autobus turistici che decidono di accelerare, sorpassano camion lenti dove forse non avrebbero dovuto provare e non lasciano molto spazio ai bordi delle motociclette. Detto questo, ci sono molte belle strade e splendidi panorami da vedere con la libertà della propria moto. In alternativa all'autostrada costiera (AH 1), la Ho Chi Minh Road (AH 17) è un'opzione tranquilla e panoramica per i più avventurosi. La strada è in ottime condizioni, con rifacimenti da Buôn Ma Thuột a Kon Tum. Poco dopo Kon Tum la strada entra nelle montagne vicino al confine con il Laos, con paesaggi maestosi tranquilli e villaggi etnici per 700 km, finalmente tornando nelle pianure nelle grotte di Phong Nha, uno dei Patrimoni mondiali dell'umanità in Vietnam. Questa tranquilla alternativa al caos costiero può essere percorsa fino ad Hanoi.

Sono disponibili per il noleggio due categorie principali di moto: scooter (cambio automatico); e moto a quattro velocità, le cui marce si innestano con il piede sinistro. L'onnipresente Honda Super Cub è un comune motorino a 4 velocità che ha un cambio semiautomatico, cioè senza frizione, quindi è relativamente facile da guidare. Altri modelli possono essere completamente manuali e quindi è necessario azionare la frizione anche con la mano sinistra - questo richiede molta abilità ed è fin troppo facile andare fuori giri e tirare un'impennata o spegnere il motore. Chi finisse con un tale motorino, è bene che si eserciti a rilasciare delicatamente la frizione prima di entrare in strada. Le moto da cross stanno diventando popolari per l'affitto ad Hanoi; altre città non sono ancora pronte per questi mezzi. Gli agenti di noleggio tendono a indirizzare gli stranieri verso gli scooter, se disponibili, sul (plausibile) presupposto che non sappiano guidare moto che richiedono il cambio di marcia. Le motociclette di 175 cc e oltre sono legali solo se legate ad un club motociclistico vietnamita.

La maggior parte dei posti in cui ci si vorrebbe fermare hanno addetti al parcheggio che rilasceranno un cartellino numerato e veglieranno sul proprio mezzo. A volte queste operazioni di parcheggio sono supervisionate dallo stabilimento che si sta visitando, e talvolta sono operazioni da freelance avviate in luoghi dove vanno molte persone. Di solito si vedrai file di motorini parcheggiati l'uno di fianco all'altro. A seconda delle circostanze, si potrebbe parcheggiare il mezzo da solo o semplicemente estraendo la chiave, metterla in folle e lasciare che il personale la posizioni. In tutti i casi tranne rari si conserva la chiave. Il parcheggio a volte è gratuito nei ristoranti e nei caffè (cercare "giu xe mien phi"). Altrove, le commissioni vanno da 2.000 a 5.000, fino a 10.000 đồng.

La polizia stradale nelle città ferma un sacco di gente del posto (spesso per ragioni difficili da comprendere), ma è opinione comune che raramente infastidisca gli stranieri a causa della barriera linguistica. Rispettare il codice della strada è comunque consigliabile, soprattutto se non si è riusciti a ottenere la patente vietnamita. Città come Ho Chi Minh e Hanoi hanno diverse strade a senso unico, ed è molto facile imboccarle inconsapevolmente contromano perché la segnaletica è scarsa. Ogni qual volta si infrangerà la legge, ci saranno sempre dei poliziotti che chiederanno di accostare per multavi. Minacceranno anche di confiscare il mezzo. Il prezzo indicato per la multa è negoziabile e scusarsi e essere amichevole può rimettervi in viaggio rapidamente, sebbene con qualche dollaro in meno in tasca. È meno probabile essere molestati o portati in centrale.

I caschi sono obbligatori per legge, quindi se non se ne possiede già uno chiedere al proprio agente di noleggio di fornirlo. Guidare senza casco aumenta notevolmente l'attenzione della polizia.

In ciclorisciò[modifica]

Ciclorisciò Huế

Sebbene vengano lentamente soppiantati dalle moto, i ciclorisciò vagano ancora per le strade delle città e dei paesi del Vietnam. Sono particolarmente comuni nelle città panoramiche più piccole e meno trafficate come Huế, dove è piacevole navigare lentamente ammirando i panorami. Anche se la corsa sarà lenta, calda e talvolta pericolosa, generalmente si dovrà pagare di più che per una moto per la distanza equivalente. Tra i lati positivi, alcuni conducenti (in particolare nel sud) sono molto cordiali e felici di dare un po' di informazioni sulle attrazioni circostanti. I conducenti di ciclorisciò sono notoriamente mercenari e chiederanno di base sempre un prezzo alto. A volte chiederanno anche più del prezzo concordato alla fine. I turisti giapponesi, in particolare le donne, sono spesso prese di mira con questa truffa poiché sono più reattivi alla minaccia che l'autista chiami la polizia e crei problemi per loro se non pagano come richiesto. Un prezzo ragionevole è di circa 20.000 đồng per un massimo di 2 km e se l'autista non è d'accordo è sufficiente allontanarsi, e comunque capita spesso di essere richiamati prima che ci si rivolga ad un altro autista che accetterà subito la propria offerta. I prezzi per un circuito turistico con fermate intermedie sono più complessi da negoziare e più soggetti a conflitti alla fine. Se si ha intenzione di fermarsi da qualche parte per un certo periodo di tempo, è meglio accordarsi con l'autista. Alcuni conducenti iniziano con una tariffa molto bassa per entrare nel loro ciclorisciò e quindi, se necessario per aspettare o variare in altro modo il prezzo concordato, tirano fuori un listino prezzi dattiloscritto delle loro "tariffe standard" che sono gonfiate oltre ogni immaginazione. A quel punto negoziare o andare via. Per evitare problemi, è anche meglio avere il resto esatto per l'importo concordato, quindi se l'autista cerca di rivedere l'accordo, si può semplicemente appoggiare i tuoi soldi sul sedile e andare via.

In barca[modifica]

Un traghetto sul fiume Perfume
Tomba di Khai Dinh a Huế

Non si può dire ci aver provato veramente la vita vietnamita se non si trascorre del tempo su una barca. Fare attenzione però perché molte barche, sebbene idonee alla navigazione, non sono progettate secondo gli standard del primo mondo. Un esempio è il traghetto da Phú Quốc alla terraferma. Questo traghetto ha un piccolo ingresso per l'imbarco di tutti i passeggeri. Quando è pieno, come di solito accade, ci sono circa 200 persone a bordo. In caso di incidente, la possibilità che tutti scendano dalla barca abbastanza velocemente sarebbero molto ridotte. Il concetto di "uscita di emergenza" non esiste.

Le barche del tour possono essere noleggiate per circa 20 USD/giorno; ma bisogna prestare attenzione ai problemi di sicurezza, come ad esempio accertarsi che la barca sia registrata per il trasporto di turisti e abbia abbastanza giubbotti di salvataggio e altre dotazioni di sicurezza a bordo. Oppure si può prenotare un tour tramite una compagnia turistica; ma in Vietnam la maggior parte degli agenti turistici addebita qualsiasi ricarico e quindi il turista paga spesso margini del 30-40% e il proprietario e l'operatore della barca (di qualsiasi cosa, da un furgone a una barca ecc.) ricevono molto poco dell'importo totale.

La baia di Ha Long è una famosa destinazione per gite in barca da uno a tre giorni tra le sue pittoresche isole calcaree. Il problema è che tutte le barche sembrano visitare gli stessi posti e con prezzi alti, barche di scarsa qualità; servizi di qualità sono difficili da trovare. Molte barche hanno una "tassa di sughero" di 10 USD e vietano l'alcol portato dall'esterno, mentre l'alcol e i frutti di mare a bordo hanno all'incirca lo stesso prezzo che in Europa in alcuni luoghi. Se c'è pioggia, foschia o nuvole basse, si potrebbe non vedere molto. L'ideale è scegliere una giornata limpida.

Decine di piccole barche a conduzione familiare solcano il fiume a Huế portando i visitatori alle tombe imperiali a sud-ovest della città. Questo viaggio è lungo perché le barche sono lente e impiegano circa 4 ore per fare il viaggio in una direzione.

Snorkeling, pesca e pranzo sono disponibili da Nha Trang, Hội An e Phú Quốc alle isole vicine. Nel Vietnam centrale la stagione dei monsoni di nord-est limita molti tour in barca in mare durante i mesi da settembre a febbraio; altre parti del Vietnam sembrano meno colpite.

Un aliscafo di 90 minuti opera da Ho Chi Minh alla località balneare di Vũng Tàu per circa 200.000 đồng a tratta, il modo più veloce per raggiungere la spiaggia dalla città.

I tour fluviali sono forse i più interessanti. Una gita in barca di un giorno costituisce il fulcro di quasi tutti i tour della regione del Mekong.

In taxi[modifica]

I taxi con tassametro sono disponibili nelle città più grandi del Vietnam. Tuttavia, fai attenzione alle comuni truffe sui taxi, come i conducenti che si rifiutano di usare il tassametro e citano tariffe ridicole, o i contatori truccati che saltano a tariffe imbarazzanti. Per ridurre al minimo le possibilità di cadere in una truffa, bisogna cercare di imparare a riconoscere che le grandi compagnie di taxi rispettabili della città in cui ci si trova. A Ho Chi Minh, sono Mai Linh and Vinasun, mentre ad Hanoi sono Mai Linh e Taxi Group (un consorzio di società più piccole tra cui Taxi CP e Hanoi Taxi, con la stessa livrea ma numeri di telefono diversi). Fare attenzione ai taxi falsi che impersonano quelle compagnie, di solito identificabili con loghi leggermente fuori uso, di qualità inferiore o con numeri di telefono sbagliati. Gli autisti che lavorano per quelle compagnie sono anche tenuti a indossare un'uniforme durante il servizio, quindi un autista non in uniforme è una prova inequivocabile di una frode. Ad aprile 2019 le truffe sui taxi sono poche e lontane tra loro e il Vietnam ha uno dei sistemi di taxi più efficienti nel sud-est asiatico. Fintanto che il tassametro si avvia automaticamente dopo pochi metri dalla partenza o il conducente lo accende manualmente, non si dovrebbe essere truffati.

Più piccolo è il taxi, più bassa sarà la tariffa fissa di partenza: quindi una piccola berlina compatta o equivalente avrà una tariffa fissa di partenza di 5.000 đồng, una berlina di fascia media 9.000 đồng e un SUV 11.000 đồng. La tariffa fissa di partenza incide molto sulle brevi distanze: più piccola è l'auto e più breve sarà la tratta minima. Quindi una tariffa fissa di partenza di 5.000 đồng porterà a 500 m, mentre una di 11.000 đồng arriverà a 850 m, quindi su viaggi più lunghi di 1 km le dimensioni del veicolo non fanno differenza. Inizialmente è un po' complicato ma dopo qualche giro si capirà come funziona il sistema. La sera queste tariffe fisse di partenza possono alzarsi di 1.000 đồng.

Pochi autisti parlano più di qualche parola in inglese, quindi il personale del proprio hotel annota i nomi delle destinazioni desiderate in vietnamita per mostrarlo all'autista. I conducenti generalmente hanno una buona padronanza della geografia della loro città e la maggior parte dei passeggeri più vicini finiranno per essere truffati in quanto l'autista può selezionare un percorso leggermente più lungo del necessario - tenere d'occhio le mappe di Google durante il viaggio è un buon modo per impedirlo, ma anche qualora si andasse leggermente più lontano per raggiungere la propria destinazione, non ci si dovrebbe far scoraggiare dall'usare i taxi, uno dei tipici mezzi di trasporto del Vietnam.

Nelle destinazioni più turistiche come Sa Pa e l'Isola di Cat Ba, è molto più difficile convincere i conducenti a utilizzare i tassametri rispetto alle grandi città e ai centri balneari. Prepararsi ad allontanarsi se l'autista si rifiuta di usare il tassametro.

Cosa vedere[modifica]

Il Vietnam è in grado di mostrare i lati dell'Asia che si è sempre sognato. Lussureggianti risaie in fondo a splendidi altopiani, colorati mercati acquatici sui corsi d'acqua del delta del Mekong e l'infinita vita frenetica della città di Hanoi, dove qualsiasi cosa, dai bambini delle scuole ai frigoriferi e enormi pile di verdure, viene trasportata sul retro di innumerevoli motociclette . Sebbene le grandi città del Vietnam si stiano trasformando rapidamente nelle moderne metropoli asiatiche, la cultura tradizionale non è ancora stata completamente soppiantata.

Vita di città[modifica]

Vita di strada a Hội An

Dirigersi a Hội An con i suoi canali simili a Venezia e il bellissimo centro storico per alcune delle migliori attrazioni turistiche. Godersi il vecchio porto, passeggiare per i suoi infiniti vicoli tortuosi e scegliere tra i suoi innumerevoli ristoranti e negozi raffinati, o rilassati sulla spiaggia. Un tempo villaggio di pescatori, questa città è ora ben protetta dalle leggi sulla conservazione ed è diventata un importante punto di riferimento per i visitatori. Hanoi è ovviamente il culmine della vita cittadina asiatica. È un'incredibile miriade di tradizioni antiche, architettura antica e moderna, suoni, odori, brulicanti commerci e un traffico notoriamente folle. È caotico e incantevole allo stesso tempo: un luogo ideale per scoprire il Vietnam antico e contemporaneo. La maggior parte delle attrazioni sono nel centro storico, tra cui il famoso lago Hoan Kiem e il bellissimo tempio di Bach Ma. Trascorrere un giorno o due a Ho Chi Minh (o Saigon), la città più grande del Paese. In nessun luogo i contrasti tra vecchio e nuovo sono più onnipresenti e vivi che qui, dove troverai antiche pagode e la tradizionale vita di strada ai piedi di giganteschi grattacieli. Le principali attrazioni includono il Palazzo della Riunificazione e la Pagoda Giac Lam. Merita una visita anche l'ex città imperiale di Huế, con la sua bellissima Cittadella e le Tombe degli Imperatori lungo il fiume dei Profumi. La più grande città balneare è Nha Trang che si estende lungo la spiaggia ma ha anche un interessante paesaggio urbano.

Paesaggi e natura[modifica]

Tipiche risaie a terrazza

Pochi Paesi sono benedetti con paesaggi così accattivanti come quelli del Vietnam. Per molti, il maestoso scenario calcareo del paese, le spiagge perfette, le isole, le catene montuose, le risaie e i laghi sono i suoi più grandi tesori. Una delle principali attrazioni del Vietnam, la Baia di Ha Long, vanta migliaia di pilastri calcarei e isole sormontate da una fitta vegetazione della giungla. Tra la vivace vita portuale, si troverà villaggi di pescatori galleggianti, grotte e laghi dentro delle isole. La vicina baia di Lan Ha è spettacolare, e meno affollata. Dirigersi verso Sa Pa e la valle di Muong Hoa per ammirare il panorama delle risaie locali sullo sfondo delle foreste di bambù. Anche nel nord c'è Tam Cốc vicino a Ninh Bình. Questa zona è famosa per il suo paesaggio carsico, le risaie e le grotte ed è meglio esplorarla con una barca a noleggio.

Phú Quốc, al largo della costa cambogiana, è l'isola più grande del Paese. Le sue deliziose spiagge costeggiate da palme e le sue foreste tropicali possono competere con chiunque altro al mondo. La destinazione più famosa nel sud è ovviamente il delta del Mekong. Qui, il fiume Mekong sfocia nel Mar Cinese Meridionale attraverso un labirinto di piccoli ruscelli. È una regione lussureggiante e verdeggiante e la fonte di metà dei prodotti agricoli del Vietnam. Offre viste panoramiche sui fiumi e sulle risaie a perdita d'occhio. Qui, paesaggi naturali e cultura vanno di pari passo mentre la vita ruota attorno all'acqua. I flussi del Mekong sono un importante mezzo di trasporto e ospitano mercati galleggianti.

Alcune delle migliori tappe in termini di meraviglie naturali si trovano nei parchi nazionali del Paese. Il Parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang, uno dei Patrimoni mondiali dell'umanità in Vietnam, è famoso per le sue grotte naturali e grotte con fiumi sotterranei e spiagge rupestri, nonché stalagmiti e stalattiti mozzafiato. Per la fauna selvatica, provare il Parco nazionale di Cuc Phuong.

Musei[modifica]

Per una migliore comprensione delle antiche tradizioni, cultura e storia del Vietnam, visitare uno dei tanti musei, alcuni con collezioni davvero eccellenti. Il Museo dei resti della guerra a Ho Chi Minh lascerà un'impressione duratura, in particolare l'agghiacciante collezione di fotografie di guerra. Anche se di tono non esattamente neutro, ci sono didascalie in inglese. Il Museo HCMC si trova in un edificio che vale la pena vedere da solo e offre una bella panoramica della storia della città. Per una più ampia collezione di storia, provare il raffinato Museo di Storia, che espone manufatti di diverse culture vietnamite. Ad Hanoi, il Museo Etnologico del Vietnam è un luogo eccellente per tuffarsi nella vita delle popolazioni tribali del paese. Nel centro della città si trova il Museo delle Belle Arti che espone tutti i tipi di arte, dalle sculture in legno e pietra di alta qualità alle favolose ceramiche e tessuti (descrizioni in inglese). Per qualcosa di completamente diverso, prova il Robert Taylor Museum of Worldwide Arms a Vũng Tàu. Questa è l'affascinante collezione di armi e uniformi di un uomo raccolte da tutto il mondo.

Cosa fare[modifica]

La moto è popolare sia tra la gente del posto che tra i turisti. Dato che le motociclette sono il principale mezzo di trasporto in Vietnam, possono offrire una visione particolarmente autentica del viaggio attraverso il Paese.

Noleggiare o acquistare una bicicletta è possibile in molte città. Considera anche i tour avventurosi in moto, che comportano la guida in viaggi di più giorni verso regioni remote del Paese. La maggior parte dei tour include alloggio, benzina, caschi, autisti e biglietti d'ingresso ai luoghi di interesse locali. Le guide di solito parlano un buon inglese o francese e offrono tour personalizzati se lo si desidera. I tour turistici in moto sono simili ma hanno una gamma più locale specifica per una città o area e possono concentrarsi su cibo, shopping o visite turistiche.

Il trekking è un modo ideale per godersi e vivere la meravigliosa natura del Vietnam, dalle terrazze gialle dei contadini nella stagione del raccolto del nord, agli altipiani centrali fuori dai sentieri battuti, o l'attività frenetica del delta del Mekong nel sud.

Gli scacchi cinesi (cờ tướng) sono un gioco popolare in Vietnam e si noterà spesso anziani che giocano nei parchi pubblici. Chi sa giocare, avrà l'opportunità di fare amicizia con la gente del posto. Una tradizione unicamente vietnamita relativa agli scacchi cinesi sono gli scacchi umani (cờ người), tipicamente giocati nelle feste dei templi e dei villaggi durante Tết. Come suggerisce il nome, i pezzi sono interpretati da umani vestiti con i tradizionali costumi vietnamiti, di solito con 16 adolescenti da un lato e 16 ragazze adolescenti dall'altro, e una coreografia tradizionale lotta di arti marziali tra i due pezzi segue sempre ogni volta che un pezzo viene catturato.

Ritiri, terme, meditazione e yoga sono sempre più popolari in Vietnam, con Hội An in particolare che sta diventando un hub per persone che la pensano allo stesso modo.

Opportunità di studio[modifica]

Chi vuole incontrare gente del posto, può fermarsi in una scuola. A Ho Chi Minh, visitare l'American Language School, dove si verrà accolti con entusiasmo e invitati ad andare in classe e salutare. CI si sentirà come una rockstar. I vietnamiti amano incontrare nuove persone e gli insegnanti apprezzano l'opportunità per i loro studenti di incontrare stranieri.

Un eccellente romanzo ambientato nel Vietnam moderno è Dragon House di John Shors. È la storia di due americani che si recano in Vietnam per aprire un centro per ospitare ed educare i bambini di strada vietnamiti.

L'ex giornalista della BBC ad Hanoi, Bill Hayton, ha scritto una buona introduzione alla maggior parte degli aspetti della vita in Vietnam, all'economia, alla politica, alla vita sociale, ecc. Si chiama Vietnam, Rising Dragon, pubblicata nel 2010.

Opportunità di lavoro[modifica]

È possibile fare volontariato come insegnante di inglese attraverso molte organizzazioni di volontariato. Tuttavia, chi ha una qualifica TEFL/TESOL e una laurea, è facilitato nel trovare lavoro di insegnamento retribuito. Anche senza qualifiche è possibile trovare lavoro, ma ci vuole più pazienza per trovarne uno, e spesso ci sono delle concessioni da fare con il pagamento, la sede della scuola e l'orario di lavoro (fine settimana). La maggior parte dei lavori di insegnamento paga 15/20 USD/h. Ci sono anche molte organizzazioni che permettono di aiutare le comunità locali, come Love Volunteers, I to I e Global Volunteers.. ma si devi evitare alcune frodi organizzate (e.g. V4D, VTYD, RAKI, VVN...). Anche il Vietnam ha una molte startup tecnologiche in forte espansione, quindi potrebbero essere disponibili opportunità per le persone con esperienza in informatica o altri campi strettamente correlati.

Legalmente, per lavorare in Vietnam è richiesto un permesso di lavoro, anche se molti stranieri non se ne curano, soprattutto se l'intenzione è di lavorare solo per un breve periodo di tempo. Le estensioni del visto sono generalmente facili da ottenere (la propria scuola dovrà occuparsene) anche se il dipartimento dell'immigrazione alla fine insisterà affinché si ottenga un permesso di lavoro prima che vengano rilasciati altri visti. Se il proprio obiettivo è rimanere per un periodo più lungo, è preferibile ottenere un permesso di lavoro. Per fare domanda, il proprio datore di lavoro dovrà presentare quanto segue: un contratto e una lettera di domanda della propria scuola; un controllo medico sanitario completo (effettuato localmente); un controllo della fedina penale (i criteri per questo variano da provincia a provincia, alcuni richiedono un controllo dal proprio Paese di origine, altri, un controllo effettuato esclusivamente in Vietnam); una copia dei propri certificati TESOL/CELTA/TEFL e di laurea; il proprio modulo di "registrazione soggiorno"; una copia del proprio passaporto/visto. A volte, potrebbe essere chiesto di pagare una piccola quota, anche se le scuole migliori generalmente se ne prendono carico. I permessi di lavoro hanno una validità di 3 anni e sono rinnovabili per un periodo fino a 12 anni.

Una volta ottenuto un permesso di lavoro, è un processo relativamente semplice richiedere un permesso di soggiorno temporaneo, che allevierà le proprie preoccupazioni sui visti. La validità e la procedura di rinnovo sono le stesse del permesso di lavoro.

Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il Đồng vietnamita (VND), a volte indicato con il simbolo "", una moneta dal corso assai fluttuante. I prezzi sono generalmente mostrati senza una notazione valutaria, ad es. come "100.000", "100k" o "100K". Le banconote sono disponibili in tagli da 1.000, 2.000, 5.000, 10.000, 20.000, 50.000, 100.000, 200.000 e 500.000 đồng. Anche 500, 200, 100 hanno corso legale, ma, come le monete, si vedono raramente. Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD

È molto difficile riconvertire i đồng rimasti in tasca in altre valute al di fuori del Vietnam, con alcune eccezioni degne di nota come Singapore o Bangkok; ma non provenendo da questi posti, è bene cambiare i soldi all'arrivo e cercare di sbarazzarsi di eventuali avanzi prima di lasciare il Paese. La continua inflazione e una serie di svalutazioni continuano a spingere costantemente al ribasso il valore del đồng.

Non è necessario arrivare nel Paese con dollari americani. Banche e negozi di oro offrono tassi altrettanto interessanti per la maggior parte delle valute internazionali e regionali, purché negoziabili.

Quando si scambiano dollari (e altre valute forti), gli "agenti di cambio non ufficiali" come hotel e agenzie di viaggio hanno spesso una notevole differenza tra le tariffe di acquisto/vendita di đồng e talvolta hanno tariffe diverse per servizi diversi. Tuttavia, gli sportelli di cambio ufficiali, ad esempio in aeroporto o nel centro città, hanno tassi di acquisto e vendita piuttosto competitivi con spread fino al 2%, a seconda della valuta. Le banconote da US $ 50 e US $ 100 ottengono un tasso di cambio più elevato rispetto alle banconote di taglio inferiore.

Oltre alle banche e agli sportelli di cambio ufficiali, si può cambiare la maggior parte delle valute forti (sterline; yen; franchi svizzeri; euro; baht thailandesi, dollari statunitensi, australiani e di Singapore) nei negozi di oro. Questo è vagamente illegale, ma i controlli sono minimi. Il posto migliore in molte città del Vietnam per trovare negozi d'oro che effettueranno transazioni di cambio valuta è il mercato centrale di cibo/abbigliamento. I tassi di cambio sono vicini al tasso interbancario (verificare prima su internet) e la procedura è molto semplice. Non è richiesto il passaporto o il riempimento di moduli.

Secondo le leggi vietnamite, la valuta straniera può essere facilmente cambiata in đồng ma non viceversa. Lo scambio di đồng è una procedura piuttosto complicata che richiede tempo e pazienza. Per cambiare đồng in un'altra valuta, serve il proprio documento d'identità e il biglietto che certifica di ripartenza dal Vietnam. Tali documenti verranno fotocopiati dai dipendenti della banca. Quindi, compilare un modulo indicando la somma, lo scopo dello scambio e il Paese di destinazione. Non tutte le banche vietnamite effettuano lo scambio di đồng, ma Vietcombank è una che lo fa.

Quando si lascia il Vietnam, sulla maggior parte dei confini terrestri che si collegano a Cambogia, Cina e Laos ci sono cambiavalute freelance che si occuperanno della propria valuta avanzata, ma bisogna esser certi che se ne approfitteranno se non si conosce la cambio ufficiale corrente. All'aeroporto di Hanoi non ci sono centri di cambio valuta una volta terminata l'immigrazione, quindi cambiare il propri đồng prima di entrare nella sala partenze a meno che si non abbia intenzione di fare acquisti.

Accettazione di altra valuta[modifica]

I prezzi a volte sono pubblicizzati in dollari americani, ma il pagamento è quasi sempre previsto solo in đồng, soprattutto al di fuori delle principali destinazioni turistiche. È più facile contrattare in đồng, soprattutto perché i prezzi in dollari sono già arrotondati. Gli acquisti con carta di credito devono essere addebitati per legge in đồng. In caso di pagamento in dollari, le fatture in condizioni non perfette potrebbero essere rifiutate. Le banconote da 2 USD (soprattutto quelle stampate negli anni '70) sono considerate fortunate in Vietnam e valgono più di 2 USD. Sono perfetti come mancia o regalo e molti vietnamiti li terranno nel loro portafoglio come portafortuna.

Operazioni bancarie[modifica]

Per i pagamenti con carta di credito, di solito è previsto un supplemento dell'1,5/3%, sebbene questa pratica si stia estinguendo, quindi i contanti possono essere vantaggiosi per transazioni di grandi dimensioni. Se si sceglie di trasportare contanti, le migliori tariffe e la minor burocrazia si trova nelle gioiellerie. La maggior parte non pubblicizza questo servizio, basta chiedere.

I traveller's cheque di note compagnie sono accettati, ma di solito viene addebitata una piccola commissione. Le commissioni potrebbero anche essere l'unica cosa che impedirebbe di ottenere anticipi in contanti su Visa o MasterCard nella maggior parte delle banche. In entrambi i modi ci si può procurare dollari USA, anche se le commissioni saranno ancora più alte. Sebbene alcune vecchie guide sostengano che Vietcombank non addebiti commissioni per incassare traveller's cheque American Express, questo non è più vero.

Ci sono filiali di società di trasferimento di denaro come Western Union, ma questo è sempre uno dei modi più costosi per ottenerlo. Tuttavia, è preferibile per importi maggiori. Un trasferimento di 800 USD costa 5 USD dall'America e il tasso di cambio è abbastanza buono. Si può anche trasferire USD in Vietnam.

Prelievo di denaro[modifica]

I bancomat (o ATM) sono comuni e possono essere trovati nella maggior parte delle città e in ogni destinazione turistica. Accetteranno una selezione di carte di credito e bancarie, tra cui Visa, MasterCard, Maestro o Cirrus e molti altri sistemi. Ecco un elenco delle principali banche che forniscono bancomat, con i loro limiti di prelievo e commissioni.

Un bancomat Sacombank a Da Lat

Questi bancomat non hanno commissioni di prelievo :

  • Eximbank, +84 18001199 (Hotline nazionale). Consente fino a 2.000.000 di đồng per transazione.
  • VP Bank, +84 1900545415 (Hotline nazionale). Consente fino a 5.000.000 di đồng per transazione, a volte fino a 10 milioni di đồng negli sportelli automatici più recenti con touch screen. Lo schermo non indica un massimo.
  • TP Bank.
  • ACB bank. Si dice che non abbia commissioni per le carte di visto europee.

Questi sportelli automatici hanno una commissione di prelievo:

  • Agribank, +84 1900558818 (Hotline nazionale). Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 22.000 đồng. Consente fino a 3.000.000 di đồng per transazione (25.000.000 di đồng al giorno).
  • ABBank, +84 18001159 (Hotline nazionale). Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 20.000 đồng.
  • ANZ Bank, +84 24 39386901 (Hanoi), +84 28 38272926 (Ho Chi Minh). Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 40.000 đồng. Consente fino a 4/10.000.000 di đồng per transazione (15.000.000 di đồng al giorno).
  • BIDV Bank, +84 4 22205544. Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 50.000 đồng più 5.000 đồng di IVA. Consente fino a 5.000.000 di đồng per transazione.
  • Citibank, +84 28 35211111. Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 60.000 đồng. Massimo prelievo: 6.000.000 đồng.
  • DongA Bank, +84 8 39951483. Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 20.000 đồng. Consente fino a 5.000.000 di đồng per transazione sebbene lo schermo non indichi un massimo.
  • HSBC, +84 28 37247247 (sud), +84 24 62707707 (nord). Ecb copyright.svg Commissione di prelievo non chiare: 0 đồng nel 2017 e 100.000 đồng nel 2016. Consente fino a 5.000.000 di đồng per transazione.
  • Techcombank, +84 24 39446368. Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 66.000 đồng. Consente fino a 15.000.000 di đồng per transazione.
  • VIB, +84 18008180 (Hotline nazionale). Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 50.000 đồng. Consente fino a 2.000.000 di đồng per transazione.
  • Vietcombank, +84 1900545413 (Hotline nazionale). Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 1.5%. Consente fino a 3.000.000 di đồng per transazione.
  • Vietinbank, +84 1900558868 (Hotline nazionale). Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 55.000 đồng. Consente fino a 2.000.000 di đồng per transazione.
  • Sacombank, +84 1900555588 (Hotline nazionale). Ecb copyright.svg Commissione di prelievo: 1.5%. Consente fino a 3.000.000 di đồng per transazione.

Rimborso tasse[modifica]

I visitatori stranieri possono richiedere il rimborso dell'IVA a condizione che effettuino l'acquisto in un negozio partecipante all'iniziativa e lascino il Paese attraverso specifici porti di uscita.

Mance[modifica]

La mancia non è prevista in Vietnam, ad eccezione dei fattorini negli hotel di fascia alta, e gli stessi vietnamiti non lo fanno, anche se le mance non verranno rifiutate se offerte. Alcuni stabilimenti che sono abituati a servire i turisti occidentali si aspettano mance, anche se è ancora perfettamente accettabile non dare la mancia. In ogni caso, il prezzo che viene indicato è spesso molte volte più alto di quello che pagheranno i locali, quindi la mancia può essere considerata non necessaria nella maggior parte dei casi. Per evitare di pagare una mancia involontaria quando un tassista afferma di non avere spiccioli cercare sempre di portare con sé piccoli tagli.

Contrattazione[modifica]

Mentre si viaggia, si scoprirà che ci sono gruppi di negozi che vendono prodotti simili, come 20 negozi di macchine per cucire nella stessa zona, quindi 30 negozi di ferramenta tutti insieme, 200 officine di riparazione di motociclette nello stesso isolato, e così via. I prezzi sono competitivi. Diffidare dei negozi di orologi che vendono "falsi d'autore". Altri orologi falsi sono disponibili ma non economici come in altri Paesi confinanti. Il software piratato è stranamente, molto difficile da trovare e non venduto apertamente. Tuttavia, i DVD di film di qualità sono ampiamente disponibili a partire da 1 USD, sebbene non tutti siano in inglese. L'ufficio postale locale non consentirà la spedizione all'estero.

Il sovrapprezzo è stato a lungo un problema nel turismo del Vietnam, ed è un problema sia per gli stranieri che per i vietnamiti il cui accento li identifica come provenienti da un'altra regione. Può succedere ovunque su qualsiasi cosa, da una camera d'albergo, un giro in taxi, un caffè, un pasto, vestiti o generi alimentari di base. Il proprio caffè diventa improvvisamente più costoso del 100% e un ristorante potrebbe presentare un menu in inglese con prezzi gonfiati. Anche un locale amichevole che ha trascorso 30 minuti a conversare potrebbe farvi pagare di più per qualsiasi cosa.

I vietnamiti hanno una visione diversa su questo problema e anche la pratica varia leggermente da regione a regione, ma in generale è più comune in Vietnam rispetto ad altri Paesi vicini, l'accettazione sociale del rincarare i prezzi agli stranieri. Potrebbero sostenere che i prezzi gonfiati sono ancora economici e potrebbero incolpare il basso costo della vita che attrae molti viaggiatori zaino in spalla. Secondo questa scuola di pensiero, se i turisti se ne lamentano, è perché sono avari. I turisti ricchi non dovrebbero avere problemi a pagare di più. In generale, nel sud, mentre i venditori non si fanno scrupoli a sovraccaricare uno straniero ignorante, generalmente permetteranno di contrattare i prezzi fino al prezzo locale se lo si conosce e insisti su di esso. D'altro canto, i venditori nel nord tendono a mantenere più fermamente la convinzione che gli stranieri dovrebbero essere sovraccaricati e di solito si rifiuteranno di vendere articoli a meno che non si accetti di pagare il prezzo grossolanamente gonfiato per gli stranieri.

La buona notizia è che i prezzi standard sono molto più comuni rispetto ai primi anni '90. Ci si farà il fegato amaro pensando che tutti siano dei truffatori. Cercare solo di essere intelligente. In un ristorante, imparare alcuni nomi di piatti comuni in vietnamita, insistere sul fatto che si devi leggere il menu vietnamita e confrontarlo. Se i proprietari sostengono che la porzione di piatti nel menu inglese è diversa, è sicuramente una truffa, quindi recarsi altrove. Imparare alcuni numeri vietnamiti e provare a vedere quanto paga la gente del posto. Provare anche tattiche di contrattazione di base: chiedere un grande sconto e andare via fingendo che il prezzo non sia adeguato. Molti prodotti tendono ad essere standardizzati e quindi basta confrontarli.

Cercare di essere il più chiaro possibile sul prezzo concordato. Puoi concordare 20.000 đồng con un autista "xe om" per un viaggio specifico, anche se alla fine potrebbe affermare che gli sono dovuti 40.000 đồng. Sarà sufficiente pagare 20.000 đồng, sorridere e salutare, facendogli presente di avere una buona memoria.

Supermercati[modifica]

Fare la spesa nei supermercati è molto meno comune in Vietnam che nella maggior parte dei Paesi europei e nordamericani, o anche in Cina o Thailandia. Fino al 2016, la maggior parte della spesa avviene ancora nei tradizionali mercati di strada. Esistono alcuni supermercati ad Hanoi e in altre grandi città, ma sono principalmente luoghi in cui acquistare generi alimentari importati (prodotti europei, americani, giapponesi o coreani), nonché marchi locali di "lusso". I beni di prima necessità, come i prodotti freschi, anche se venduti in un supermercato, possono essere notevolmente più costosi rispetto a un tradizionale mercato di strada.

A partire da luglio 2018 la situazione sta cambiando. La catena di supermercati thailandese Big C e la coreana Lotte Mart hanno aperto filiali in diverse grandi città e vendono una gamma simile di generi alimentari, articoli di abbigliamento e articoli per la casa che si potrebbe trovare in Thailandia o in Malesia. Le strade tradizionali e i mercati coperti prosperano ancora insieme a queste catene di supermercati, proprio come fanno in Thailandia, ad esempio. Questi supermercati hanno spesso sale giochi, poltrone massaggianti e aree ristoro e possono essere un modo divertente per trascorrere un paio d'ore in un pomeriggio caldo o piovoso.

Costi[modifica]

Il Vietnam è economico per la maggior parte degli standard. Un mese di soggiorno può costare fino a 250 USD utilizzando camere semplici, cibo locale e trasporti pubblici.

A tavola[modifica]

Involtini primavera freschi Gỏi cuốn, cao lầu noodles (una specialità di Hội An), salsa nước mắm e birra locale
Bánh mì: baguette francese ripiena di pâté, erbe e sottaceti

Il cibo è al centro della cultura vietnamita gioca un ruolo centrale in ogni occasione speciale: ogni festività significativa del calendario culturale vietnamita, tutte le pietre miliari importanti nella vita di una persona vietnamita, come anche nella maggior parte degli eventi sociali e delle interazioni importanti di tutti i giorni. Piatti speciali vengono preparati e serviti con grande cura per ogni nascita, matrimonio e morte, e per gli anniversari della morte degli antenati. Vengono fatti più affari a tavola che nelle sale riunioni, e quando gli amici si riuniscono, mangiano insieme. Preparare il cibo e mangiare insieme rimane il fulcro della vita familiare.

La cucina vietnamita varia da regione a regione, con molte regioni che hanno le proprie specialità. In generale, la cucina del Vietnam settentrionale è nota per essere delicata, la cucina del Vietnam centrale è nota per essere piccante, mentre la cucina del Vietnam meridionale è nota per essere dolce. C'è anche una caratteristica cucina vietnamita-cinese che si trova nella Chinatown di Ho Chi Minh.

Allo stesso tempo, i vietnamiti sono sorprendentemente modesti riguardo alla loro cucina. Un vecchio scherzoso proverbio dice che "un uomo fortunato ha una casa francese, una moglie giapponese e uno chef cinese". I ristoranti di fascia alta tendono a servire la cucina "fusion asiatica", con elementi thailandesi, giapponesi, cinesi, e occasionalmente francesi. Il cibo vietnamita più autentico si trova nei "ristoranti" sul lato della strada (una collezione di mobili da esterno in plastica posizionati difronte), con la maggior parte dei ristoranti che non accettano prenotazioni principalmente per turisti. Esistono stili regionali distinti: settentrionale, centrale e meridionale, ognuno con piatti unici. Lo stile centrale è forse il più celebrato, con piatti come Mì Quảng (spaghetti di grano con erbe, maiale e gamberetti), Banh canh cua (zuppa di granchio con spessi spaghetti di riso) e Bún bò Huế (zuppa di manzo con erbe e spaghetti).

Il riso (Cơm) è l'ingrediente base della cucina vietnamita e compare sulla tavola almeno una volta al giorno. Il riso può accompagnare carni e pesci (cháo) ma anche verdure saltate in padella. Può anche essere mescolato con legumi, mais, arachidi e semi di sesamo in varietà dolci e salate, servite come dessert ma anche come colazione e per certe tribù montanare come pasto principale. Questo tipo di pietanze è conosciuto nella sua varietà zuccherata come xoi (ngo nel Vietnam centrale) e in genere è mescolato al latte di cocco. Questi dolcetti si presentano spesso in colori vivaci grazie all'aggiunta di coloranti vegetali. Ad esempio l'estratto di foglie di pandano è responsabile di una colorazione verde.

Nonostante la netta predominanza del riso il pane non manca in Vietnam, grazie ai coloni francesi che introdussero l'uso della baguette e la tradizione è rimasta.

Molti piatti vietnamiti sono aromatizzati con salsa di pesce (nước mắm), una salsa tenuta a essiccare sotto sale per cinque mesi o più. Ha un odore pungente (tipo di acciughe salate) che può far storcere il naso ai non iniziati. Si usa direttamente dalla bottiglia, ma si fonde molto bene con il cibo. Riportare a casa una bottiglia di salsa di pesce per usarla al posto del sale in quasi tutti i piatti salati: si potrebbe rimanere piacevolmente sorpresi dai risultati. I vietnamiti ne sono ghiotti e non mancano di portarsela appresso quando viaggiano creando problemi d'olfatto ad altri passeggeri. Vietnam Airlines è stata costretta a correre ai ripari ponendo divieto di portarla a bordo dei propri aerei. La salsa di pesce viene anche mescolata con succo di lime, zucchero, acqua e spezie per formare un gustoso condimento chiamato nước chấm, servito sul tavolo con la maggior parte dei pasti. Verdure, erbe e spezie, in particolare coriandolo o coriandolo vietnamita (rau mùi o rau ngò), menta (rau răm) e basilico (rau húng), accompagnano quasi ogni piatto e contribuiscono a rendere il cibo vietnamita molto più leggero e aromatico rispetto alla cucina dei paesi vicini, in particolare della Cina.

Il piatto nazionale del Vietnam è il phở (pronunciato pressappoco come nella parola francese "feu"), una zuppa di brodo con carni a lungo bollite di manzo, maiale, pollo o frutti di mare e spaghetti o linguine di riso; è la pietanza tradizionale per eccellenza. Originario di Hanoi il piatto si è poi diffuso in tutto il Paese. Nel sud, il phở viene normalmente servito con piatti di erbe fresche (tra cui di solito il basilico asiatico), lime tagliati, peperoncini piccanti e germogli di soia scottati che puoi aggiungere secondo i propri gusti, insieme a pasta di peperoncino, salsa di peperoncino e salsa di soia dolce , mentre al nord viene solitamente servito solo con frittelle di quaglie fritte e salsa al peperoncino a parte. Phở bò, la forma classica di phở, è fatto con brodo di manzo che spesso viene fatto bollire a fuoco lento per molte ore e può comprendere uno o più tagli di manzo (gonna, fianco, trippa, ecc.). Phở gà è la stessa ricetta, ma con brodo di pollo e carne di pollo, così è Phở thit lon con maiale, Phở tom con gamberetti e Phở chay con tofu e brodo vegetale. Phở è l'originale fast food vietnamita, che gli autoctoni consumano come pasto veloce. La maggior parte dei locali specializzati in phở e possono servirne una ciotola alla stessa velocità con cui si potrebbe avere un Big Mac. È disponibile a qualsiasi ora del giorno, ma gli autoctoni prediligono il Phở chay a colazione. I phở serviti nelle bancarelle lungo la strada o nei ristoranti informali tendono ad essere più economici e hanno un sapore migliore di quelli serviti nei ristoranti più eleganti.

I ristoranti lungo la strada in Vietnam in genere pubblicizzano phở e cơm. Sebbene cơm significhi letteralmente riso, il cartello significa che il ristorante serve un piatto di riso accompagnato da pesce o carne e verdure. Cơm è usato per indicare il mangiare in generale, anche quando il riso non viene servito (e.g. An cơm chua? significa "Hai già mangiato?"). Anche se possono sembrare sporchi, i ristoranti lungo la strada sono generalmente sicuri purché si mangi in posti popolari tra la gente del posto ed evitando i cibi poco cotti.

Nelle aree rurali e regionali di solito è più sicuro mangiare i tipi di cibo coltivati localmente poiché di solito vengono acquistati ogni giorno al mercato. Non è raro che dopo aver ordinato il pasto un bambino della famiglia verrà visto correre dal retro verso il mercato più vicino per acquistare gli articoli.

La maggior parte dei ristoranti/caffè in Vietnam avrà una sconcertante varietà di cibo disponibile. È molto comune che i menu contengano fino a 10-15 pagine. Questi includeranno tutti i tipi di cibo vietnamita, più del cibo occidentale simbolico, forse alcune costolette in stile cinese e forse anche un pad Thai. In genere è meglio attenersi alla specialità della zona poiché questo cibo sarà il più fresco e anche il meglio preparato. Come in altri Paesi del sud-est asiatico, il menu è spesso più un'indicazione di ciò che un ristorante può cucinare e non tutti gli articoli potrebbero essere disponibili in un dato momento.

Nei ristoranti è prassi comune che i camerieri mettano sul tavolo un pacchetto di plastica (stampigliato con il nome del ristorante) contenente una salvietta umida. Non sono gratuiti. Costano tra 2.000 e 4.000 đồng. Aprendolo verrà addebitato. Inoltre, le arachidi o altre noci verranno offerte mentre si legge il menu. Anche quelli non sono gratuiti.

Il cibo vegetariano è abbastanza facile da trovare ovunque in Vietnam a causa in gran parte dell'influenza buddista Mahayana e tutti i monaci buddisti vietnamiti devono essere vegetariani. Questi ristoranti andranno dal lusso al chiosco di strada. Qualsiasi piatto vietnamita a base di carne può essere reso vegetariano con l'aggiunta di carni finte. Oltre all'influenza buddista di due giorni vegetariani al mese, i caodaisti mangiano vegetariano per 16 giorni. Cercare qualsiasi insegna che dice Com Chay o ricordare semplicemente la frase An Chay. Anche se non sei vegetariano, una visita a un ristorante vegetariano vietnamita aggiungerà alcuni nuovi sapori che non troverai altrove. Anche il cibo vegetariano tende ad essere economico, il che può aiutare a sbarcare il budget dei mangiatori di carne più incalliti. Fare attenzione alle bancarelle e ai ristoranti regolari, però, poiché anche i piatti che in superficie sembrano vegetariani a volte possono utilizzare condimenti non vegetariani come la salsa di pesce.

Caffè, baguette e pasticcini furono originariamente introdotti dai colonizzatori francesi, ma tutti e tre sono stati localizzati e rimangono popolari. Maggiori informazioni su cà phê di seguito, ma le caffetterie che servono anche pasti leggeri si possono trovare in quasi tutti i villaggi e in molti angoli delle strade delle città più grandi. I Bánh mì Hanoi sono tramezzini di pane francese , baguette di pane bianco appena sfornate ripiene di carne alla griglia o paté di fegato o maiale, oltre a erbe e verdure fresche. Sono buonissimi e vanno gustati almeno una volta durante una visita. La maggior parte delle pasticcerie serve una varietà di dolci e cibi veloci.

Le acque vietnamite rischiano il collasso a causa della pesca eccessiva. Tuttavia, per il momento, gli amanti dei frutti di mare, potranno restare soddisfatti in Vietnam. Un'esperienza interessante potrebbe essere quella di andare in una località balneare nel sud per provare i ristoranti di pesce locali che servono gamberi, granchi e pesce pescato negli immediati dintorni. Seguire la gente del posto in un buon ristorante. Il cibo "continuerà a nuotare" quando si ordina, quindi sarà ben preparato, molto conveniente per gli standard occidentali e servito in un ambiente amichevole, spesso con viste spettacolari.

Tutti i ristoranti vietnamiti sono controllati dal governo e alcuni sono interamente di proprietà del governo. La maggior parte degli orari dei ristoranti sono 10:00-22:00. Alcuni hanno un orario di apertura variabile dalle 06:00 alle 08:00. Nei ristoranti aperti 24h ci saranno due prezzi. I prezzi sono normali dalle 06:00 alle 22:00, poi raddoppiati dalle 22:00 alle 06:00. Ad esempio, il riso di solito costa 10.000 đồng, ma se ordinato dopo le 22:00, il prezzo sarà di 20.000 đồng. Questa politica è imposta dal governo, per scoraggiare le persone dal mangiare fino a tardi. Alcuni piatti non vengono serviti dopo le 22:00.

Le cucine diverse dal vietnamita, così come i fast food, sono sempre più disponibili nelle città più grandi delle regioni meridionali e centrali, meno al nord. I ristoranti cinesi, giapponesi, coreani, thailandesi, laotiani e altri asiatici sono all'ordine del giorno e ristoranti italiani, francesi, tedeschi, messicani, russi, ucraini e armeni si possono trovare nella maggior parte delle grandi città del sud e del centro, così come cibo britannico, irlandese e australiano in bar e pub. Di solito c'è almeno un ristorante indiano nella maggior parte delle grandi città di tutto il Paese, molti dei quali offrono cibo di eccellente qualità. I vietnamiti sempre più benestanti stanno assaggiando le diverse cucine ora disponibili nel loro Paese, quindi le possibilità di mangiare in un ghetto turistico stanno diminuendo.

Bevande[modifica]

I vietnamiti sono grandi consumatori di birra. La birra ha soppiantato bevande tradizionali di una volta come il vino di riso (Xeo).

Bere in un bar vietnamita è un'esperienza fantastica. Una delle cose interessanti è che durante il giorno è quasi impossibile vedere un bar aperto. Una volta che il sole tramonta, però, a dozzine appaiono per le strade dal nulla.

Fare attenzione al ghiaccio nelle bevande. Il ghiaccio prodotto in fabbrica è generalmente sicuro, ma qualsiasi altra cosa può essere sospetta. Il ghiaccio di fabbrica ha una forma cilindrica cava. Evita i pezzi di ghiaccio irregolari in quanto potrebbero essere sporchi.

Birra[modifica]

Con una bottiglia di birra in un supermercato da 9.000 đồng e in un bar da 20.000 đồng, il Vietnam è il paradiso dei bevitori di birra. Le birre principali sono lager leggere con un tasso alcolico del 4,5/4,9%. Sono necessarie molte ricerche per decidere le proprie preferenze personali. Non perdere bia hơi, (letteralmente "birra d'aria") o birra alla spina preparata quotidianamente. È disponibile in tutto il Vietnam, principalmente da piccoli bar agli angoli delle strade. I bar Bia hoi danno l'opportunità di rilassarsi, bevendo in un bar vietnamita circondato dal trambusto della vita quotidiana. Ogni viaggiatore può facilmente trovare questi bar per provare ciò che la gente del posto sta godendo. Solo 5.000 đồng ciascuno. La birra viene prodotta ogni giorno e ogni bar ne riceve un lotto fresco consegnato in fusti di metallo. È una birra fresca molto leggera (3% di alcol) a una frazione del costo della birra alla spina o in bottiglia nei bar in stile occidentale. Bia hoi non è sempre prodotto in condizioni igieniche e la sua realizzazione non è monitorata da alcuna agenzia sanitaria.

La birra più popolare (alla spina, in bottiglia o in lattina) tra i vietnamiti del sud è la Saigon Do (Red Saigon). Per i vietnamiti del nord la Bia Hanoi (birra di Hanoi) è il marchio più popolare, mentre i vietnamiti centrali preferiscono la birra Festival o Bia Huda. 333, pronunciato "ba-ba-ba" è un marchio locale, ma è un po' blando; per un po' più di sapore, cercare Bia Saigon (birra di Saigon) nella bottiglia verde e una bottiglia più grande di Bia Saigon Special. Bia Saigon è disponibile anche come versione di esportazione poco più forte. Aspettarsi di pagare circa 20.000/30.000 đồng per bottiglia di Saigon o Hanoi, leggermente di più per altre marche, tuttavia è ancora facile trovare ristoranti che vendono Bia Saigon per 10.000 đồng in molte città a parte Ho Chi Minh. "Saigon Green" offre il miglior rapporto quantità/prezzo. Anche Bière Larue è buona e si può trovare in marchi locali in ogni grande città.

La rivoluzione della birra artigianale ha davvero raggiunto il Vietnam e nelle principali città sono disponibili IPA in bottiglia, birre scure e stout. Ho Chi Minh vanta un numero crescente di birrerie e microbirrifici. Queste birre sono disponibili a una frazione del prezzo che costano in Thailandia o Singapore.

È comune che la birra in Vietnam venga bevuta con ghiaccio. Ciò significa che le lattine o le bottiglie non devono essere refrigerate. Bevendo con persone vietnamite, è considerato educato riempire la loro birra/ghiaccio prima di riempire nuovamente la propria. Si ritiene inoltre necessario bere quando viene proposto un brindisi: "mot, hai, ba, do" ("uno, due, tre, cheers"). Dire "Trăm Phần Trăm" ("alla goccia" ma letteralmente "100% 100") implica che si berrà l'intero contenuto fino all'ultima goccia.

Caffè[modifica]

Un'altra bevanda popolare tra la gente del posto e tra i turisti è il caffè (cà phê). Fare attenzione quando si bevi caffè preparato localmente poiché la gente del posto tende a berlo incredibilmente forte con circa 4 cucchiaini di zucchero per tazza. Di solito viene servito nero o con latte condensato zuccherato, di solito con ghiaccio; questo stile è conosciuto in vietnamita come cà phê sữa đá. Chiedere cà phê sữa nóng se si vuole bere caffè caldo.

I chicchi di caffè vietnamiti sono fritti, non tostati. I più esigenti è bene che si portino il proprio caffè da casa.

Bevande analcoliche[modifica]

L'acqua di cocco è una delle bibite preferite nella calda parte meridionale del Paese. Nước mía, o succo di canna da zucchero, viene servito da caratteristici carrelli di metallo con frantoi a manovella per steli di canna da zucchero che rilasciano il succo. Un altro dissetante è il favoloso sinh tố, una selezione di frutta fresca affettata in un bicchiere grande, unita a ghiaccio tritato, latte condensato zuccherato e latte di cocco. È possibile anche farla frullare in un mixer e si può inserire qualsiasi tipo di frutta dopo la parola sinh tố, ad esempio sinh tố bơ (frullato di avocado) o sinh tố dừa (frullato di ananas). Chi preferisce il succo d'arancia, non userà la parola sinh tố ma nước (letteralmente: acqua) o nước cam se si vuole avere un succo d'arancia. I succhi sono generalmente senza latte condensato o latte di cocco.

Vino e liquori[modifica]

Il vietnamita "rượu đế" o alcol di riso (rượu significa liquore o vino; non birra) viene servito in minuscole tazze di porcellana spesso con frutta candita o sottaceti. È comunemente servito a ospiti e visitatori maschi. Le donne vietnamite non bevono molto alcol, almeno in pubblico. Non è raccomandato per i turisti.

Risalente all'epoca coloniale francese, il Vietnam ha adottato una tradizione di viticoltura. Da Lat è il suo centro e si può avere vino rosso e bianco. C'è una gamma migliore e vini rossi di migliore qualità rispetto ai bianchi poiché i rossi sembrano attrarre maggiormente il palato asiatico. La maggior parte dei vini dei ristoranti è australiana e verranno addebitati anche i prezzi australiani, rendendo il vino relativamente costoso rispetto al bere birra o alcolici. Il vino vietnamita ha colpito il mercato di massa ed è disponibile al bicchiere o in bottiglia in molti ristoranti. La qualità spazia dal Vang Dalat Classic, quasi bevibile, al più che appetibile Vang Dalat Premium. Nei supermercati una bottiglia di Classic può essere acquistata per circa 80.000 đồng mentre Premium è di circa 120.000. Nei ristoranti una bottiglia di Classic costa dai 120.000 ai 150.000 đồng. Premium è meno ampiamente disponibile nei ristoranti e dove costa circa 200.000 đồng a bottiglia.

I vini importati, principalmente australiani, francesi e cileni, sono disponibili anche nei supermercati e nei ristoranti di fascia media e alta a prezzi molto più costosi.

Gli alcolici di riso e la vodka locale sono economici in Vietnam per gli standard occidentali. Le vodka locali costano circa 2/4 dollari per una bottiglia da 750 ml. Anche lo champagne russo è comune. Quando si è a Nha Trang, cercare le gite in barca a consumazione libera per circa 10/15 USD per un'escursione giornaliera, festeggiando con una band a bordo.

Infrastrutture turistiche[modifica]

Notte ad Hanoi, sul lago Hoan Kiem

L'alloggio non è un problema in Vietnam, nemmeno per turisti con un budget limitato. Le sistemazioni in Vietnam vanno da trasandati dormitori da 6 USD/notte in ostelli per viaggiatori con zaino in spalla a resort esclusivi di livello internazionale, sia nelle grandi città che nelle famose destinazioni costiere e rurali. Anche gli ostelli backpacking e gli hotel economici sono molto più puliti e carini che nei Paesi vicini (Cambogia, Thailandia, Laos) e gli hotel economici che fanno pagare 8/10 USD per una camera doppia sono spesso molto puliti e dotati di asciugamani, lenzuola bianche pulite, sapone, spazzolini da denti usa e getta e così via. Il servizio in molti degli hotel più economici è abbastanza buono (dal momento che la tariffa che una persona paga per notte potrebbe uguagliare la paga settimanale di un tipico cittadino vietnamita), sebbene la pulizia giornaliera e i comfort moderni come la televisione potrebbero non essere presenti. Negli hotel che costano qualche dollaro in più (da oltre 12 USD/camera, di più ad Hanoi) ci si può aspettare un bagno privato, telefono, aria condizionata e televisione. Come negli hotel in altre parti del mondo, i mini-frigoriferi negli hotel vietnamiti sono spesso riforniti di bevande e snack, ma possono essere terribilmente troppo cari e farebbe molto meglio ad acquistare tali articoli per strada. Un impianto idraulico adeguato può essere un problema in alcuni hotel, ma lo standard è in costante miglioramento.

È un requisito legale che tutti gli hotel registrino i dettagli degli ospiti stranieri presso la polizia locale. Per questo motivo chiedono sempre il passaporto al momento del check-in. La procedura di solito richiede solo pochi minuti, dopodiché restituiscono il passaporto. Tuttavia, poiché il mancato pagamento da parte degli ospiti non è cosa rara, alcuni hotel conservano i passaporti fino al check-out. Se un posto sembra poco raccomandabile, chiedere che registrino i dati durante aspettando che abbiano terminato per riprendere il documento. Poche persone hanno avuto problemi di questo tipo perché è una routine comune in tutto il Paese. Potrebbe essere utile portare con sé alcune fotocopie del proprio passaporto (pagina dei dati personali e visto) che si potrà consegnare all'hotel.

Gli hotel possono essere rumorosi, in particolare quando soggiornano famiglie locali. Il vietnamita è una delle lingue più vocali del mondo e i turisti autoctoni sono felici di dargli pieno sfogo dalle 6 del mattino in poi con scarsa considerazione per gli altri ospiti. Ci sono anche una serie di altri suoni da tenere presente quando si soggiorna negli hotel vietnamiti. Il Vietnam è un Paese in perpetua costruzione e la possibilità che l'hotel sia vicino a un cantiere è alta. Anche le camere di molti piccoli boutique hotel, pensioni e soggiorni in famiglia sono costruite di fronte a un atrio centrale o vano scale e le attività della reception, dell'area comune e della cucina contribuiscono maggiormente ai rumori. Infine, ci sono le cameriere che iniziano a lavorare poco dopo l'alba e sembrano pensare che tutti gli avventori siano già svegli a quell'ora e di conseguenza si sentono libere di chiacchierare tra loro ad alto volume e scambiarsi messaggi su telefoni cellulari o walkie-talkie. Chi ha il sonno leggero, è bene che porti una scorta di tappi per le orecchie.

È probabile che, dopo la pausa forzata della pandemia, il turismo ritorni presto ai livelli precedenti per cui è meglio prenotare l'alloggio con un giorno o due in anticipo, soprattutto in alta stagione (Natale) e maggior ragione se le date del proprio soggiorno coincidono con la festa del Tết.

Gli ostelli sono reperibili in abbondanza nei principali centri urbani e turistici, sostituiti nei centri rurali da pensioni a conduzione familiare

Eventi e feste[modifica]

Date del capodanno lunare

Contrariamente alla credenza popolare, il cambio dello zodiaco non avviene il primo giorno del capodanno lunare, ma avviene invece a Li Chun (立春 lì chūn), il tradizionale inizio cinese della primavera.

  • Inizio dell'anno della tigre: 4 febbraio 2022 alle 04:42. Capodanno lunare: 1 febbraio 2022
  • Inizio dell'anno del coniglio : 4 febbraio 2023 alle 10:33. Capodanno lunare: 22 gennaio 2023
  • Inizio dell'anno del drago : 5 febbraio 2024 alle 16:25. Capodanno lunare: 10 febbraio 2024

Di gran lunga la vacanza più grande è Tết (il capodanno lunare, abbreviazione di Tet Nguyen Dan) che si svolge tra la fine di gennaio e marzo. Nel periodo che precede Tết, il Paese è in fermento con i preparativi. I ragazzi in moto corrono in giro consegnando alberi di mandarino in vaso e cespugli fioriti, le tradizionali decorazioni domestiche. Le persone si stressano un po' e i gomiti si fanno più affilati, soprattutto nelle grandi città, dove il solito traffico frenetico diventa quasi omicida. Poi, pochi giorni prima di Tết, il ritmo inizia a rallentare, poiché migliaia di residenti della città partono per le loro città natie nelle province. L'atmosfera generale che precede il Tết è ravvisabile nell'affollamento dei luoghi dello shopping. I genitori acquistano vestiti nuovi per i loro figli in modo che i bambini possano indossarli quando arriva Tết. Finalmente il primo giorno del nuovo anno avviene una brusca trasformazione: le strade diventano tranquille, quasi deserte. Quasi tutti i negozi e i ristoranti chiudono per tre giorni (ad eccezione di alcuni che si rivolgono soprattutto ai visitatori stranieri e gli hotel funzionano normalmente).

Nelle grandi città le strade sono addobbate di luci e vengono organizzate feste pubbliche che richiamano molte migliaia di residenti. Ma per i vietnamiti, Tết è principalmente una festa privata e familiare. Alla vigilia del nuovo anno, le famiglie si riuniscono e si scambiano auguri (dai più piccoli ai più anziani) e doni di "denaro fortunato" (dai più anziani ai più piccoli). Nei primi tre giorni dell'anno le ore diurne sono dedicate alla visita: le case dei parenti il primo giorno, gli amici più cari e i colleghi importanti il secondo e tutti gli altri il terzo giorno. Molte persone visitano anche le pagode. Le ore serali sono trascorse bevendo e giocando d'azzardo (uomini) o chiacchierando, giocando, cantando al karaoke e gustando snack e dolci tradizionali (per donne e bambini).

Visitare il Vietnam durante il Tết ha aspetti positivi e negativi. Il lato negativo: i mezzi di trasporto sono bloccati poco prima delle vacanze poiché molti vietnamiti viaggiano verso le loro città d'origine; gli hotel si riempiono, soprattutto nei centri minori; e la scelta di negozi e ristoranti è fortemente limitata nei primi giorni del nuovo anno (con pochi posti chiusi per un massimo di due settimane). Tra i lati positivi, puoi osservare i preparativi e godersi i festeggiamenti pubblici; le pagode sono particolarmente attive; nessun ingresso è addebitato a quei musei e siti storici che restano aperti; e l'industria dei viaggi orientati agli stranieri degli autobus per viaggiatori da zaino in spalla e degli hotel resort va avanti come al solito. Il colore rosso rappresenta la buona fortuna e appare ovunque durante il festival. Le lanterne sono immancabilmente rosse, l'anguria è il frutto che appare più di frequente sulle tavole. I visitatori hanno anche la possibilità di essere invitati a partecipare ai festeggiamenti, soprattutto se si ha dei contatti locali o si riesce a fare amicizia con alcuni vietnamiti durante il proprio soggiorno.

Le festività minori includono il 1 maggio, la tradizionale festa del lavoro socialista, il 2 settembre, la festa nazionale del Vietnam, la celebrazione del re Hung il 10 marzo del calendario lunare, che commemora i re del passato e il giorno della riunificazione il 30 aprile, che segna la caduta di Saigon nel 1975. Intorno a quelli orari, treni e aerei tendono ad essere esauriti, ed è difficile trovare una sistemazione in spiaggia o a Dalat. Meglio prenotare con largo anticipo.


Sicurezza[modifica]

Avviso di viaggio! ATTENZIONE: Le droghe illegali sono spesso manomesse o addizionate e possono essere molto più forti che in Europa.

Il Vietnam tratta i reati di droga in modo estremamente severo. La pena di morte è obbligatoria per i condannati per possesso di più di 15 g di eroina, 30 g di morfina, 30 g di cocaina, 500 g di cannabis, 200 g di resina di cannabis o 1,2 kg di oppio. Il consumo non autorizzato può comportare fino a 10 anni di carcere, una pesante multa o entrambi. Si può essere accusati di consumo non autorizzato a condizione che vengano rilevate tracce di droghe illecite nel proprio organismo, anche se sono state consumate al di fuori del Paese. Si può essere accusati di traffico di droga fintanto che la droga viene trovata nei propri bagagli o che comunque si trovano nella propria stanza, quindi fare attenzione ai propri beni.

Avvisi turistici governativi
(Ultimo aggiornamento: ottobre 2021)

Ordigni inesplosi[modifica]

Come eredità delle guerre dell'Indocina, gran parte della campagna del Vietnam è ancora disseminata di bombe e mine inesplose e molti locali vengono ancora regolarmente uccisi o mutilati da queste. Fare molta attenzione a non uscire dai sentieri battuti nelle zone rurali e, idealmente, non farlo a meno che si non abbia una guida che conosce bene la zona.

Crimine[modifica]

Il Vietnam è un luogo relativamente sicuro per i turisti, soprattutto quando viaggiano in gruppo.

Sebbene molti avvisi di sicurezza nelle guide turistiche non sono altro che fonte di allarmismo, le aree turistiche sono le principali zone in cui prospera la piccola criminalità. Il crimine violento contro gli stranieri è raro, ma i borseggiatori e i furti dalla moto non sono rari nelle città più grandi. I ladri in motocicletta strappano borse, telefoni cellulari, macchine fotografiche e gioielli ai pedoni e talvolta anche ad altri motociclisti. Mai indossare la borsa a tracolla quando si guida una moto e nemmeno metterla nel cestino della moto. Quando cammini lungo una strada, tenere la borsa sulla spalla interna. Se la propria borsa viene strappata, non resistere al punto da essere trascinati sulla carreggiata.

Occasionalmente sono state ascoltate segnalazioni di furti in camere d'albergo, inclusi hotel di lusso. Non dare per scontato che la cassaforte della propria camera d'albergo sia inviolabile.

Evita litigi e discussioni con la gente del posto. Gli occidentali possono essere più grandi dei vietnamiti, ma quando si ha a che fare con 5 o più ragazzi vietnamiti, allora si sarà in guai seri. Tenere presente che urlare è molto offensivo per i vietnamiti e può provocare una risposta violenta. I vietnamiti in generale sono placidi e gentili. Come visitatore, si dovrebbe rispettare le leggi e le usanze locali. Gli alterchi possono essere evitati facilmente mostrando cortesia e tollerando le differenze culturali. Tenere sempre un impeccabile comportamento quando si beve con uomini vietnamiti.

Corruzione[modifica]

La famigerata prigione "Hanoi Hilton" è oggi un museo

La corruzione è un grosso problema in Vietnam e la gente del posto è convinta che non ci si debba fidare della polizia. Mentre gli agenti di polizia vanno spesso di pattuglia con un compito o un mandato specifico, i conducenti di motociclette possono essere fermati per una serie di motivi, come controlli casuali di scartoffie e licenze e multeranno gli stranieri di circa 20 USD per ogni reato (la multa media per la gente del posto è circa 5/10 USD). Ricordare di essere educati ma risoluti e di mantenere la propria posizione. I vigili urbani sono tenuti a scrivere le violazioni del codice della strada sul proprio taccuino e devono consegnare una ricevuta della propria multa che deve poi essere pagata in stazione (non all'ufficiale), anche se va tenuto sempre presente che per alcuni reati (soprattutto documenti inerenti il veicolo che si sta guidando), gli agenti hanno il diritto di confiscare e sequestrare la propria bicicletta. Chi possiede un telefono, potrà minacciare di chiamare la propria ambasciata e l'agente potrebbe fare marcia indietro, anche se nella maggior parte dei casi è spesso meglio prevenire un'ulteriore escalation della situazione, semplicemente pagando la multa.

In genere non si incontrerà alcun problema con la polizia nelle aree più remote o rurali perché è probabile che gli agenti abbiano una scarsa padronanza dell'inglese. Detto questo, le città più grandi e le aree frequentate dai turisti stanno assistendo a un aumento della polizia che è abile nel comunicare con i turisti.

È noto che gli agenti dell'immigrazione accettano tangenti. Durante i primi Doi Moi (la riforma degli anni '90), le tangenti potevano essere di pochi dollari americani, qualche pacchetto di sigarette 555. Oggi, anche se gli agenti sembrano ancora non avere problemi a prendere mazzette, è assolutamente privo di rischi e accettabile se assecondare certe richieste.

La maggior parte degli uffici governativi richiederà una piccola "mancia" prima di elaborare le pratiche burocratiche. Ciò si verifica più comunemente quando si cerca di ottenere permessi di soggiorno per alloggi privati o permessi di lavoro/soggiorno.

Il gruppo di monitoraggio internazionale Transparency International ha valutato il Vietnam come una delle nazioni più corrotte dell'Asia.

Prostituzione[modifica]

Nonostante la sua apparente abbondanza, la prostituzione è illegale in Vietnam. L'età del consenso è 18 anni. La legge penale vietnamita prevede pene fino a 20 anni di carcere per lo sfruttamento sessuale di donne o bambini e molti altri Paesi hanno leggi che consentono loro di perseguire i propri cittadini che viaggiano all'estero per fare sesso con bambini.

Ricordare che secondo la legge vietnamita è illegale portare un cittadino vietnamita in una stanza d'albergo. Sebbene questa legge venga applicata raramente, ci si potrebbe trovare in acque ancora più profonde se si denunciasse un crimine rivelando di aver condiviso una stanza con un cittadino vietnamita.

Oltre alle questioni legali, ci sono due rischi aggiuntivi per coloro che si dedicano a questa attività. In primo luogo, l'HIV/AIDS è prevalente in Vietnam e molti non vengono curati a causa della natura tabù della malattia. In secondo luogo, c'è il pericolo di furto quando si porta una donna sconosciuta in un hotel o in una pensione. La storia di un uomo che si sveglia e scopre che il portafoglio, il cellulare o il laptop sono scomparsi è fin troppo comune. Abbondano anche le storie di occidentali che vengono drogati mentre si trovano in una stanza d'albergo o vengono condotti in un luogo buio e tranquillo dove vengono alleggeriti dei loro beni da bande criminali.

Truffe[modifica]

La maggior parte delle truffe in Vietnam riguarda i trasporti, i prezzi degli hotel o il sistema a due menu praticato da alcuni ristoranti.

Molti tassisti a Ho Chi Minh e Hanoi installano tassametri truccati, caricando da 2 a 8 volte di più. A partire da luglio 2018 queste truffe sono molto ridotte. I tassametri si attivano automaticamente dopo che l'auto ha percorso alcuni metri e oltre il 90% dei conducenti è felice di usarli. Stare alla larga dai pochi che non lo faranno. Il modo migliore per ridurre le proprie possibilità è prendere un taxi da compagnie rispettabili come Mai Linh (+84 38 38 38 38) e Vinasun a Ho Chi Minh, e Mai Linh e Taxigroup ad Hanoi (ma prendere queste compagnie non è una garanzia). Se non si conosce quale sia una tariffa ragionevole, è generalmente una cattiva idea concordare un prezzo in anticipo. Le due società consigliate hanno Ho Chi Minh abbastanza affidabili. Un'altra opzione è scaricare l'app Grab Taxi e chiamarli. Costano leggermente di più rispetto alla tariffa con tassametro, ma sono utili mentre si familiarizza con la città.

Se possibile, chiedere al proprio hotel o ostello di organizzare i trasporti in taxi. Ciò assicurerà di ottenere una tariffa fissa e un autista di fiducia. Molti hotel saranno lieti di organizzare il servizio di prelievo e rientro dagli aeroporti, se richiesto. Tuttavia, questo può essere più costoso rispetto ad organizzarselo in autonomia, perché l'hotel applicherà sempre un piccolo ricarico.

I taxi sono abbondanti a Ho Chi Minh e si può prendere un taxi a qualsiasi ora del giorno o della notte. Si può anche chiamare un taxi e di solito le persone al call center saranno in grado di conversare in inglese o passeranno il telefono a qualcuno più fluente. Regola pratica per rilevare i truffatori: se sul taxi non sono scritte le tariffe, o il nome e la foto dei conducenti sul cruscotto, chiedere immediatamente al taxi di fermarsi e scendere. È definitivamente una truffa.

Come sempre è consigliabile camminare a 100 metri da qualsiasi punto di deposito turistico (arrivo autobus, stazione ferroviaria ecc.), poiché molti taxi che aspettano qui o sono truffatori o pagano una commissione al cartello.

Quando si lascia l'aeroporto, il tassista potrebbe insistere sul pagamento del pedaggio aeroportuale. Potrebbe non essere molto disponibile con il prezzo e, dandogli contanti, pagherà il pedaggio e intascherà il resto. Il pedaggio è di 10.000 đồng (luglio 2018) e avere i soldi giusti eviterà questo primo taccheggio. Qualunque eccedenza economica sarà intascata dall'autista.

Molti tassisti a Ho Chi Minh e Hanoi cercano di sovrapprezzare i viaggiatori creduloni appena arrivati. Consultare alcune guide e forum di viaggio per prepararsi a queste piccole truffe e per saperne di più su come evitarle. Il pedaggio aeroportuale di Ho Chi Minh è pari a 10.000 đồng (luglio 2012). Questo è quotato insieme alla tariffa scritta sul cruscotto del taxi. Si può tranquillamente dire "pedaggio aeroporto solo 10.000 đồng" e rifiutarsi di pagare qualsiasi altra cosa come parcheggio, ecc. (a meno che non ci fossero più strade a pedaggio nel mezzo). Di solito, l'autista non lo discuterà. A Ho Chi Minh, un viaggio in backpackers street non dovrebbe costare più di 250.000 đồng dall'aeroporto. Un viaggio a tassametro dall'aeroporto al mercato di Ben Thien (vicino al centro di Backpacker) costa circa 150.000/180.000 đồng a seconda del percorso seguito dall'autista, più 10.000 đồng di pedaggio aeroportuale.

In molte altre città del Vietnam, come Da Lat, Hội An, Nha Trang, ecc., NON concordare l'uso del tassametro da e per l'aeroporto. Gli aeroporti distano fino a 30-40 km da questi centri e la tariffa a tassametro costerà da 500.000/650.000 đồng. Tuttavia, si può prendere un autobus dall'aeroporto al centro città o negoziare in anticipo una tariffa con il taxi per 200.000/300.000 đồng. Presta attenzione ai lati dei taxi. Di solito la tariffa per l'aeroporto è scritta sulla porta. In giro per la città in queste città, i taxi con tassametro generalmente funzionano bene.

Se mai si venisse coinvolti in una grossa truffa sui taxi (come il tassametro truccato), si dovrebbe scendere dal veicolo e recuperare i propri effetti personali come se tutto fosse a posto, e quindi rifiutarti di pagare il prezzo richiesto minacciando di chiamare la polizia. Di solito accetteranno una tariffa più ragionevole, ma prepararsi ad affrontare la rabbia dell'autista, quindi è meglio farlo con alcuni testimoni in giro.

I tassisti e i conducenti di ciclomotori possono dichiarare di non avere spiccioli quando accettano il pagamento di una tariffa concordata. Il modo migliore per gestirlo è portare banconote più piccole o essere pronto a resistere. In genere l'autista sta solo cercando di ottenere un dollaro in più arrotondando la tariffa per eccesso, ma per evitare che questa truffa diventi più popolare si consiglia di mantenere la calma e la fermezza sul prezzo.

Quando si incontra un conducente di ciclorisciò molto amichevole che dice "non importa quanto pagheresti" o "puoi pagare quello che vuoi alla fine del viaggio". Potrebbe provare a mostrare il suo libro di commenti di turisti internazionali. Questo tipo di autista deve essere un truffatore. Qualora si volesse comunque utilizzare il suo servizio sarà necessaio chiarire il prezzo concordato e non pagare di più. Basta essere chiari su cosa si è disposti a pagare. I conducenti stanno solo cercando di guadagnarsi da vivere.

I proprietari dell'hotel potrebbero dire che il prezzo della camera è di 200.000 đồng. Tuttavia, al momento del check-out, potrebbero insistere sul fatto che il prezzo sia di 20 USD, addebitando quasi il doppio. Un altro trucco è dire ai clienti che una stanza costa pochi dollari, ma il giorno dopo diranno che il prezzo era solo per una stanza con ventilatore ed il prezzo per una stanza con aria condizionata è un altro. In questi giorni, i legittimi proprietari di hotel sembrano essere consapevoli di queste truffe e di solito sono disposti ad aiutare scrivendo quanto costa la stanza per persona al giorno (in dollari USA o đồng), se ha l'aria condizionata o meno. Anche il personale degli hotel legittimi non chiede mai il pagamento a un ospite al momento del check-in. Fare attenzione se insistono sul fatto che si debba pagare al momento del check-out, ma si rifiutano di annotare il prezzo su carta. Altrimenti, basta prenotare online con uno dei comuni siti di prenotazioni, che garantirà il giusto prezzo e avrà modo di lasciare una recensione negativa se qualcosa andasse storto. Ad aprile 2019 la maggior parte delle truffe dollaro/đồng sono terminate poiché quasi tutti gli hotel ora quotano đồng e accettano đồng. Tenere nascosta la propria scorta di dollari e trattare solo in đồng. Inoltre, ad aprile 2019, alcuni hotel di fascia medio-bassa richiedono il pagamento in anticipo, ma fintantoché si ottiene una ricevuta ufficiale non c'è nulla di cui preoccuparsi.

Alcuni ristoranti sono noti per avere due menu, uno per la gente del posto e un altro per gli stranieri. L'unico modo per affrontarlo è imparare alcune frasi vietnamite e insistere sul fatto che dovrebbe venir mostrato solo il menu vietnamita. Se esitano a mostrare il menu locale, allontanarsi. Questa truffa è molto insolita.

Alcuni ostelli in Vietnam vorranno (anche insistendo) che si lasci il passaporto alla reception. Questa non è una pratica commerciale legittima. Non lasciare mai il passaporto come garanzia di nulla.

Oltre all'alloggio e ai trasporti, un'altra grande truffa in Vietnam riguarda le imitazioni di compagnie turistiche. Ogni volta che una compagnia di tour diventa famosa, saltano fuori dei cloni. Un esempio molto famoso sono le dozzine di Sinh Cafe che sono spuntate fuori come funghi. La vera azienda da allora ha cambiato nome in TheSinhTourist.

Falsi monaci[modifica]

Il buddismo in Vietnam segue generalmente la scuola Mahayana, il che significa che i monaci devono essere vegetariani e generalmente non chiedono l'elemosina. Invece, i monaci coltivano il proprio cibo o acquistano il loro cibo usando le donazioni del tempio. I monaci non vendono articoli religiosi (i negozi che vendono articoli religiosi sono gestiti da laici, non da monaci) né chiedono donazioni alle persone. Invece, le donazioni devono essere collocate nelle scatole delle donazioni del tempio. Spetta interamente a un individuo decidere se desidera o meno donare e quanto desidera donare. I "monaci" che si avvicinano ai turisti per le donazioni sono impostori.

Traffico[modifica]

Il traffico nelle città del Vietnam è notoriamente scoraggiante
Sơn La provincia paesaggi

La prima scoperta per molti turisti appena arrivati in Vietnam è che devono imparare daccapo ad attraversare una strada. Si potrebbe vedere un turista in piedi sulla strada per 5 minuti senza sapere come attraversarla. Il traffico in Vietnam può essere un incubo. A casa, si potrebbe non assistere mai al momento dell'incidente, vedere vittime ferite sdraiate sulla strada o sentire il tonfo dell'impatto. Rimanendo in Vietnam per più di un mese, si avrà buone possibilità di vivere tutto questo.

Le strade sono piene. Alcuni incroci nelle principali città come Hanoi, Ho Chi Minh hanno semafori pattugliati dalla polizia; la maggior parte sono non funzionali o ignorati.

Attraversare le strade è un'arte nella maggior parte del Vietnam e non ci sono segnali di stop che saranno effettivamente seguiti dai conducenti. L'arte di attraversare la strada è fortunatamente molto semplice, anche se spaventosa:

  1. Ci sono alcuni semafori e passaggi pedonali ma non sono affatto ovunque.
  2. Se è notte e si indossa abiti scuri, si dovrebbe attraversare in una zona luminosa o accendere una torcia verso il traffico
  3. Se c'è un autobus/auto/taxi, aspettare fino a quando non passa e il suo entourage motociclistico, poiché i veicoli non si fermeranno per i pedoni
  4. Assicurarsi di camminare, insieme ai propri compagni di viaggio e ogni bagaglio, formando una linea quasi perfetta parallela al traffico
  5. Non c'è un momento "ideale" per iniziare, anche se si potrebbe scegliere un orario con un po' meno di traffico
  6. Farsi un po' più avanti, poi un po' di più, e si vedrà i motociclisti rallentare un po', o andare in un'altra direzione. Rendersi prevedibile il proprio ritmo e il proprio percorso per gli altri conducenti, non cambiare velocità o direzione improvvisamente e andare avanti fino ad arrivare a destinazione. Tenere presente che i conducenti di motociclette sterzeranno per evitarti, ma potrebbero deviare sul proprio percorso.
  7. Il modo più semplice e migliore per attraversare le strade è farsi conoscere ed essere costanti. Ciò significa allargare le braccia e camminare a un ritmo costante. La gente del posto vi aggirerà. Sono piloti estremamente bravi ed eviteranno di colpirvi; assicurarsi solo di camminare a un ritmo costante.
  8. Auto/autobus/camion possono fare molti più danni delle motociclette dove le probabilità sono molte o pari. Aspettare che passi qualsiasi cosa con 4 o più ruote e poi affrontare le moto.

Il modo più semplice, se disponibile, è seguire un locale, stare accanto a lui sul lato opposto del traffico (qualora si venisse colpiti, lo prenderà per primo) e darà le migliori possibilità di attraversare una strada.

Se si venisse feriti, non aspettarsi aiuto dalla gente del posto, anche chiamando un'ambulanza, perché non è gratuita. Assicurarsi di dire chiaramente al locale che ci si farà carico del costo dell'ambulanza. Anche gli ospedali non ricoverano finché non si dimostra di poter pagare il conto.

Le autostrade sono rischiose, con una media di 30 morti al giorno, e alcuni locali non si avventurano nemmeno su di esse se non su un grosso veicolo (auto o autobus). Prendere una bicicletta o una moto in autostrada è un'avventura per chi ama il rischio, ma sicuramente non per una famiglia con bambini. Detto questo, le strade vietnamite non sono più pericolose che altrove nel sud-est asiatico.

Vita notturna[modifica]

  • La microcriminalità nei locali notturni non è insolita. Non amplificare un incidente: evitare di litigare con la gente del posto perché gli ubriachi possono essere violenti.
  • I club sono pieni di ragazze lavoratrici che cercano clienti. Potrebbero anche cercare portafogli e telefoni cellulari.
  • Camminare molto tardi da solo per le strade delle zone turistiche è sicuro, ma evitare che donne sconosciute vi coinvolgano nella conversazione. Potrebbero provare a toccarvi, a parlarvi dolcemente per poi a rubarvi i beni dalle tasche.
  • Non chiedere consigli ai tassisti sui locali notturni. La maggior parte dei tassisti guadagna commissioni da bar e lounge per portare turisti stranieri. Quando si entra in uno di questi posti, chiederanno prezzi ragionevoli. Il conto, potrebbe includere costi stravaganti. Meglio prepararsi in anticipo, dire al tassista dove si vuole andare e insistere per andare esattamente lì nonostante le sue eventuali rimostranze. La maggior parte dei locali notturni sono rispettabili. Andare da chi ha una clientela prevalentemente straniera è una buona pratica.

Fauna selvatica[modifica]

Rimane poca fauna selvatica, per non parlare di qualsiasi cosa pericolosa per l'uomo. I serpenti velenosi, come i cobra, possono essere ancora comuni nelle aree rurali, ma praticamente tutto il resto si è estinto o esiste in numero così piccolo che le possibilità di vederne uno sono remote. Le tigri possono esistere in numero molto piccolo in aree remote, ma questo non è confermato.

Viaggiatori LGBT[modifica]

Il Vietnam è un paese, tutto sommato, sicuro per turisti LGBT. Non sono mai state varate leggi che vietino relazioni tra persone dello stesso sesso. I gay pride si svolgono dal 2012 sia ad Hanoi che a Ho Chi Minh. Sono usciti anche film vietnamiti a tematiche gay che hanno riscosso consensi positivi dalla critica cinematografica. Del 2019 è il film Monsoon prodotto dalla BBC che ha ottenuto buone recensioni sul sito Rotten Tomatoes.

Tutto questo è indicativo della maggior tolleranza dell'opinione pubblica nei confronti delle minoranze LGBT. Sondaggi del 2001 rivelarono che l'85% dei vietnamiti consideravano l'omosessualità inaccettabile ma nel 2014 la percentuale era già scesa al 50%.

Nel 2015 è stato abolito il divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso. Jamie Gillen, un ricercatore di sociologia della National University di Singapore, ha fatto notare che Vietnam e Thailandia sono gli unici Paesi del sud-est asiatico che adottano una politica tollerante nei confronti delle minoranze LGBT. Tali politiche sono destinate ad attirare maggiori flussi turistici. I viaggiatori gay non incontrano problemi in Vietnam purché si astengano dall'ostentare il loro orientamento sessuale in pubblico. Del resto la raccomandazione vale anche per le coppie eterosessuali.

Politica[modifica]

Insultare eroi nazionali come Ho Chi Minh e Vo Nguyen Giap è illegale in Vietnam e molti stranieri sono stati incarcerati per averlo fatto.

Situazione sanitaria[modifica]

Malattie tropicali come la malaria, la febbre dengue e l'encefalite giapponese sono allo stato endemico soprattutto nelle campagne del Vietnam. La malaria non è tanto un problema nelle città più grandi come Ho Chi Minh e Hanoi, ma ricordare sempre di portarsi appresso un repellente liquido per zanzare. Può essere molto utile, soprattutto in campagna e nei quartieri affollati.

Grazie a una maggiore igiene, il cibo cotto venduto da venditori ambulanti e ristoranti, comprese le bevande ghiacciate, è per lo più sicuro. Usare il buon senso e seguire i suggerimenti nell'articolo sulla diarrea del viaggiatore e molto probabilmente si starà bene.

L'acqua del rubinetto non è sicura da bere.

Il Vietnam fa parte di quei Paesi colpiti dall'influenza aviaria. Anche se non c'è motivo di differire il proprio viaggio a causa di questa epidemia, è tuttavia doveroso attenersi scrupolosamente alle raccomandazioni preventive e tenersi informati sullo situazione del Paese al riguardo.

Il 26 aprile 2007 un turista francese è stato condannato a 18 anni di prigione per aver introdotto illegalmente nel paese prodotti farmaceutici. Quindi sarebbe meglio lasciare a casa la cassetta di medicinali e acquistare in loco i farmaci che servono sempre dietro prescrizione medica da conservare con cura insieme al prodotto.

Sanità[modifica]

Occorre stipulare una polizza assicurativa che preveda il rimborso delle cure mediche eventualmente sostenute all'estero e di un eventuale rimpatrio per motivi medici. Le spese sanitarie in Vietnam sono generalmente molto alte.

Gli ospedali pubblici in Vietnam generalmente non sono all'altezza degli standard occidentali e hanno la tendenza ad essere a corto di personale e sovraffollati. Anche i medici e gli infermieri degli ospedali pubblici in genere non parlano alcuna lingua straniera, quindi se non si parla vietnamita, probabilmente si dovrà disporre di un traduttore. In generale, gli ospedali vi ricovereranno solo se potrete dimostrare di essere in grado di pagare per i loro servizi.

Ci sono ospedali privati ad Hanoi, Ho Chi Minh e Đà Nẵng che si rivolgono principalmente agli espatriati occidentali e forniscono un'assistenza sanitaria eccellente, con membri del personale in grado di parlare inglese e francese, anche se paghereste un prezzo elevato per i loro servizi. L'ospedale FV a conduzione francese di Ho Chi Minh è il più noto degli ospedali privati del Vietnam ed è una destinazione popolare per i turisti medici. Il Vinmec International Hospital è una catena di ospedali privati per espatriati con sedi in molte delle città più grandi del Vietnam.

HIV[modifica]

Il Vietnam ha un alto tasso di HIV; lo 0,5% della popolazione (nel 2014).

Rispettare le usanze[modifica]

Convenzioni di nomenclatura

I vietnamiti generalmente seguono le tradizioni di denominazione dell'Asia orientale, con un cognome seguito da un nome. Tuttavia, a differenza di altre culture dell'Asia orientale, il cognome non viene quasi mai utilizzato quando ci si rivolge a un individuo e la forma predefinita per rivolgersi è quella di utilizzare un titolo seguito dal secondo nome. I titoli sono un'attività complicata in vietnamita, che varia in base al sesso e all'anzianità relativa dell'interlocutore. Vedere il frasario vietnamita per approfondire i titoli vietnamiti da usare quando ci si rivolgi ad altri. Ad esempio, l'ex primo ministro del Vietnam, Nguyen Xuan Phuc, ha il cognome Nguyen e il nome di battesimo Xuan Phuc. Tuttavia, secondo l'usanza vietnamita, non viene mai chiamato Mr Nguyen, e la gente lo gli si rivolge con Mr Phuc in inglese anche nelle situazioni più formali.

Nella cultura tradizionale vietnamita, gli anziani sono trattati con grande deferenza e rispetto. Mentre le aspettative sono più rilassate quando sono coinvolti gli stranieri, è buona idea mostrare gentilezza, rispetto e moderazione nei confronti di coloro che sembrano più grandi.

È comune essere fissati dalla gente del posto in alcune regioni, specialmente nelle aree rurali al di fuori delle grandi città e nelle parti centrali e settentrionali del Paese. I meridionali sono generalmente più abituati agli stranieri. Ovunque si sia, però, aspettarsi alcune domande di indagine ogni volta che si inizia una conversazione: "Quanti anni hai?", "Sei sposato?", "Hai figli?". Mentre queste possono sembrare domande da ficcanaso in Occidente, qua sono domande perfettamente normali e di buona maniera, perché aiutano le persone a determinare come dovrebbero rivolgersi a voi. La cosa migliore da fare è semplicemente assecondarli. Probabilmente non si sa molto della loro cultura; quindi è equo che anche la gente del posto non conosca molto la vostra.

Una donna asiatica che viaggia con un uomo non asiatico attira spesso un tipo di attenzione più indesiderabile. Probabilmente a causa dei ricordi delle scappatelle sessuali dei soldati durante la guerra americana, le persone spesso presumeranno che sia una escort o una prostituta e potrebbe essere insultata o molestata, anche se non ha alcuna relazione con l'uomo. Questi pregiudizi sono leggermente diminuiti, ma sono ancora presenti. Ad aprile 2019 questi pregiudizi sono quasi completamente scomparsi per le "donne asiatiche dall'aspetto rispettabile".

I vietnamiti tendono ad essere vestiti in modo modesto e conservativo, anche se un po' meno nei bar e nelle discoteche di Hanoi e Ho Chi Minh, dove a volte i giovani locali possono essere visti con abiti sexy. Ma in generale, ci si dovrebbe cercare di coprire spalle e ginocchia, perché così facendo ci si guadagnerà molto più rispetto dalla gente del posto.

Salvare la faccia è molto importante nella cultura vietnamita. In genere si dovrebbe evitare di sottolineare gli errori degli altri, non importa quanto piccoli possano essere, per evitare di causare grande imbarazzo.

Come in molti altri paesi asiatici, ci si aspetta che ci si tolga le scarpe prima di entrare nelle case delle persone, anche se questa pratica è molto meno diffusa che in Thailandia, Laos o Cambogia.

Quando si distribuisce e riceve biglietti da visita, assicurarsi sempre di farlo con entrambe le mani, poiché usare una sola mano è considerato molto irrispettoso.

Politica[modifica]

Le relazioni con la Cina sono una questione delicata ed è meglio non discuterle con la gente del posto, e le tensioni ribollono periodicamente sulle controversie territoriali nel Mar Cinese Meridionale. Tuttavia, la Cina è oggi il più grande partner commerciale del Vietnam e fonte di turisti internazionali. I singoli visitatori dalla Cina continentale non dovrebbero affrontare problemi importanti purché evitino discussioni politiche. Anche questa animosità nei confronti della Cina generalmente non si estende ai cinesi etnici di altri Paesi.

La guerra americana[modifica]

La cosa più sorprendente dell'argomento della guerra del Vietnam (la guerra americana o della riunificazione, come viene chiamata in Vietnam) è che la maggior parte dei vietnamiti non prova alcuna animosità contro i visitatori dei Paesi che hanno partecipato, e nel sud molti vietnamiti (soprattutto vietnamiti più anziani coinvolti nel conflitto o con parenti in guerra) apprezzano o almeno rispettano i precedenti sforzi militari a guida americana o francese contro il nord. Due terzi della popolazione sono nati dopo la guerra e sono abbastanza positivi nei confronti dell'Occidente. Alcune attrazioni presentano un punto di vista antiamericano sulla guerra, mentre molte sono sorprendentemente contenute.

È bene usare tatto se si deve discutere di conflitti passati. Ben oltre 3 milioni di vietnamiti sono morti, ed è meglio evitare qualsiasi conversazione che potrebbe essere presa come un insulto ai sacrifici fatti da entrambe le parti durante le guerre. Non dare per scontato che tutti i vietnamiti la pensino allo stesso modo, poiché alcuni vietnamiti del sud sono ancora amareggiati per aver perso contro il nord.

I negozi di souvenir in Vietnam vendono molte magliette con la bandiera rossa e i ritratti di "Zio Ho". Molti vietnamiti d'oltremare, in particolare negli Stati Uniti d'America, in Canada e in Australia, sono molto critici nei confronti del governo del Vietnam, quindi si potrebbe voler considerare questo prima di indossare accessori comunisti nelle loro comunità a casa. Un acquisto meno controverso se sarebbe invece un nón lá (cappello di paglia).

Religione[modifica]

Sebbene il censimento ufficiale affermi che la maggior parte dei vietnamiti non è religiosa, non lo si direbbe guadandoli. Indipendentemente dal fatto che si partecipi o meno alle funzioni, la maggior parte dei vietnamiti sono in realtà forti credenti, incorporando una varietà di tradizioni religiose, credenze e rituali nella loro vita quotidiana.

Tempio di Miếu Nhị Phủ a Ho Chi Minh

Come nei vicini paesi del sud-est asiatico, la religione più influente e diffusa in Vietnam è il buddismo. Il buddismo in Vietnam segue generalmente la scuola Mahayana, diffusa in Cina, a differenza dei vicini Paesi del sud-est asiatico che seguono la scuola Theravada. Ciò significa che i monaci devono essere vegetariani e anche le persone pie che cercano una benedizione particolare spesso rinunciano alla carne. A differenza di altri Paesi del sud-est asiatico, non è consuetudine che i monaci raccolgano generi alimentari per strada. Invece, compreranno il loro cibo usando le donazioni del tempio o coltiveranno il proprio cibo. I monaci che frequentano le zone turistiche chiedendo donazioni sono impostori. Analogamente a Cina e ai Paesi limitrofi, le svastiche comunemente viste nei templi buddisti sono un simbolo religioso.

Inoltre, e più che nei Paesi vicini, il Vietnam ha una quota considerevole di cristiani. Il cristianesimo è particolarmente prominente nelle grandi città, dove si possono trovare alcune chiese. È normale che estranei e conoscenti chiedano di andare nella loro chiesa, anche se di solito nessuno si offenderà difronte a un rifiuto.

Proprio come i cinesi e altri sud-est asiatici, i vietnamiti pongono una forte enfasi sugli spiriti e sul culto degli antenati. Si vedrà almeno un tabernacolo in ogni casa e luogo di lavoro vietnamita, dove gli occupanti bruciano incenso per onorare o placare determinati spiriti. Questi sono spesso decorati con statuette o immagini di figure sacre: per i devoti buddisti, questo potrebbe essere Buddha o Bodhisattva; per i cattolici romani, un crocifisso o la Vergine Maria; per le persone "non religiose", raffigurazioni di varie divinità o spiriti tradizionali. La fotografia di qualcuno in primo piano su un santuario, è molto spesso quella di un membro della famiglia che è morto. Bruciare bastoncini di incenso per gli spiriti dei membri della famiglia defunti è generalmente un segno di rispetto.

Molti templi richiedono di togliersi le scarpe prima di entrare negli edifici del tempio. Come regola generale, si dovrebbe sempre entrare usando il cancello di destra ed uscire usando il cancello di sinistra (rivolto verso l'interno); la porta centrale è tradizionalmente riservata all'imperatore e alle divinità. Evitare di calpestare una soglia rialzata quando si entra o si esce dal tempio; lo si deve sempre scavalcare. Assicurarsi anche di vestirsi in modo conservativo quando si visita i templi; mai indossare magliette senza maniche e assicurarsi che le ginocchia siano coperte.

I vietnamiti sono generalmente piuttosto superstiziosi quando si tratta di morte e del mondo degli spiriti, e ci sono alcuni tabù che si dovrà evitare, tra cui:

  • Mettere le bacchette in posizione verticale nel mezzo di una ciotola di riso: le ciotole di riso sono disposte in questo modo accanto al corpo del defunto ai funerali, quindi ricorda alle persone i funerali. Qualora si mangiasse il riso con un cucchiaio, metterlo a faccia in giù nella ciotola, mai a faccia in su.
  • Fotografare un gruppo dispari di persone: la superstizione vuole che la persona nel mezzo di un gruppo venga individuata dagli spiriti maligni. Le foto di gruppi pari (2, 4, 6 o 8 persone e così via) vanno bene.
  • Sedersi con la schiena di fronte a un santuario di famiglia: è considerato irrispettoso nei confronti del santuario e degli spiriti del defunto.
  • Arrampicarsi sugli altari per posare per fotografie con le statue: considerato molto irrispettoso nei confronti delle divinità venerate.


Come restare in contatto[modifica]

Cavi telefonici a Đà Nẵng

Telefonia[modifica]

I numeri di rete fissa ad Hanoi e Ho Chi Minh hanno una sequenza di otto numeri, altri ne hanno sette.

Chiamate VoIP[modifica]

Le bollette telefoniche sono dal 30% al 40% inferiori chiamando con i servizi 171 o 178.

  • Chiamata nazionale: 171 (178) + 0 + Prefisso + Numero.
  • Chiamata internazionale: 171 (178) + 00 + Prefisso internazionale + Prefisso locale + Numero.

Dal momento che gli hotel e le pensioni spesso fanno pagare di più per le telefonate, cercare un ufficio postale o qualsiasi servizio pubblico affidabile.

Telefoni cellulari[modifica]

I numeri di cellulare in Vietnam devono sempre essere composti con tutte le 9 o 10 cifre (incluso uno "0" che precede "1nn" o "9nn" all'interno del Vietnam), indipendentemente da dove vengono chiamati. 1nn o 9nn è un prefisso mobile, non un "prefisso", in quanto tale e la seconda e talvolta la terza cifra (la parte nn) denotano la rete mobile originale assegnata. Come nel caso della maggior parte dei numeri di cellulare, possono anche essere chiamati all'interno o all'esterno del Vietnam utilizzando il formato internazionale.

Esistono molte reti mobili con codici diversi:

  • G Mobile: 59, 99 (GSM 900)
  • Cellulare: 90, 93, 70, 76, 77, 78, 79 (GSM 900/1800)
  • SFone: 95 (CDMA)(non disponibile)
  • Mobile Vietnam: 92, 56, 58 (GSM 900)
  • Viettel: 98, 97, 96, 32, 33, 34, 35, 36, 37, 38 (GSM 900)
  • Vinaphone: 91, 94, 81, 82, 83, 84, 85 (GSM 900)
  • Si può acquistare una scheda SIM in qualsiasi negozio che vende telefoni cellulari. Il prezzo standard non è superiore a 75.000 đồng, ma gli stranieri spesso pagano 100.000 đồng. Le schede SIM sono inoltre facilmente disponibili negli aeroporti di Hanoi e Ho Chi Minh dalle cabine dei vettori ufficiali, il che rende veloce, facile e privo di truffe l'ottenimento di una SIM all'arrivo. Un mese di dati 3G/4G, con una quantità limitata di credito per le chiamate di testo e vocali, può costare fino a 140.000 đồng.
  • Gli addebiti del conto prepagato variano da 890 a 1.600 đồng al minuto. Le carte ricaricabili sono disponibili nei tagli da 10.000, 20.000, 50.000, 100.000, 200.000 e 500.000 đồng.
  • Il roaming sulle reti GSM del Vietnam è possibile con telefoni cellulari stranieri, previo accordo tra gli operatori.

Numeri utili[modifica]

  • Polizia: 113
  • Vigili del fuoco: 114
  • Ospedale: 115
  • Orario: 117
  • Informazioni generali: 1080

Internet[modifica]

Il Vietnam è pieno di Internet Café, usati spesso dai ragazzini per giocare a videogames online. Sia nelle città principali sia sulle spiagge è molto semplice trovare una connessione Internet più o meno veloce. Quasi sempre gli Internet Café in Vietnam sono utilizzati anche per telefonare, tramite VOIP, a prezzi decisamente contenuti.

  • Il wifi è ormai diffuso in Vietnam e la maggior parte degli hotel, ristoranti e bar nei principali centri turistici dispone di wifi gratuito. Richiedere la password alla cassa. Alcuni Internet cafè sono ancora disponibili nelle località turistiche e le tariffe sono abbastanza economiche, che vanno da 2.000 a 10.000 đồng/ora. Le velocità di connessione sono elevate, soprattutto nelle grandi città.
  • Una scheda SIM vietnamita è un investimento saggio in quanto il proprio telefono cellulare è un importante mezzo di comunicazione con la gente del posto, nonché un atlante e una fonte di informazioni. Le schede SIM di tutti i principali operatori: Viettel, Vinaphone, Mobifone e Vietnam Mobile possono essere acquistate all'arrivo a Ho Chi Minh o Hanoi. 100.000 đồng acquistano 9 GB di dati validi per 30 giorni, sufficienti a patto che non si guardino troppi video sul telefono. Se si intende utilizzare molto il telefono, 30 GB di dati solo per 30 giorni costano circa 330.000 VND. Offrono anche pacchetti telefonici, ma per la maggior parte dei turisti le chiamate Facebook/Skype/Line sono sufficienti per tenersi in contatto con amici e familiari e il proprio hotel può chiamare taxi/compagnie di autobus ecc.
  • La censura di Internet viene applicata a un numero molto ristretto di servizi Internet. La maggior parte dei siti di notizie stranieri come la BBC e la CNN, così come i siti di social media come Facebook, Twitter e YouTube, sono generalmente liberamente accessibili in Vietnam, sebbene possano essere temporaneamente bloccati durante periodi politicamente sensibili.


Altri progetti


Stati d'Asia
AsiaContour coloured.svg

bandiera Afghanistan · bandiera Arabia Saudita · bandiera Bahrain · bandiera Bangladesh · bandiera Bhutan · bandiera Birmania · bandiera Brunei · bandiera Cambogia · bandiera Cina · bandiera Corea del Nord · bandiera Corea del Sud · bandiera Emirati Arabi Uniti · bandiera Filippine · bandiera Giappone · bandiera Giordania · bandiera India · bandiera Indonesia · bandiera Iran · bandiera Iraq · bandiera Israele · bandiera Kirghizistan · bandiera Kuwait · bandiera Laos · bandiera Libano · bandiera Maldive · bandiera Malesia · bandiera Mongolia · Blank.pngbandieraBlank.png Nepal · bandiera Oman · bandiera Pakistan · bandiera Qatar · bandiera Singapore · bandiera Siria · bandiera Sri Lanka · bandiera Tagikistan · bandiera Thailandia · bandiera Timor Est · bandiera Turkmenistan · bandiera Uzbekistan · bandiera Vietnam · bandiera Yemen

Stati con riconoscimento limitato: bandiera Stato di Palestina · bandiera Taiwan

Stati solo fisicamente asiatici[1]: bandiera Armenia · bandiera Azerbaigian[2] · bandiera Cipro · bandiera Georgia[2] · bandiera Kazakistan · bandiera Russia · bandiera Turchia

Stati de facto indipendenti: bandiera Abcasia[2] · bandiera Artsakh · bandiera Cipro del Nord · bandiera Ossezia del Sud[2]

Dipendenze australiane: bandiera Isole Cocos e Keeling · bandiera Isola di Natale

Dipendenze britanniche: Regno UnitoRegno Unito (bandiera) Akrotiri e Dhekelia[3] · Flag of the Commissioner of the British Indian Ocean Territory.svg Territorio britannico dell'Oceano Indiano

Stati parzialmente asiatici: bandiera Egitto (Sinai) · bandiera Grecia (Isole dell'Egeo settentrionale, Dodecaneso) · bandiera Russia (Russia asiatica) · bandiera Turchia (Turchia asiatica)

  1. Stati generalmente considerati europei sotto il profilo antropico
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 Stato considerato fisicamente interamente asiatico solo da alcune convenzioni geografiche
  3. Stato o dipendenza fisicamente asiatico ma generalmente considerato europeo sotto il profilo antropico
StatoGuida: l'articolo rispetta le caratteristiche di un articolo usabile ma in più contiene molte informazioni e consente senza problemi una visita allo Stato. L'articolo contiene un adeguato numero di immagini e descrizioni complete dei punti di interesse. Non sono presenti errori di stile.