Scarica il file GPX di questo articolo

Stato di Palestina

Da Wikivoyage.
Asia > Medio Oriente > Stato di Palestina
Stato di Palestina
Ramallah
Localizzazione
Stato di Palestina - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Stato di Palestina - Stemma
Stato di Palestina - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario

Stato di Palestina (دولة فلسطين, Dawlat Filastin) chiamato anche solamente Palestina, è uno stato del Medio Oriente che confina a ovest, a nord e a sud coll'Israele, a est colla Giordania e sud-ovest coll'Egitto.

Da sapere[modifica]

Cenni storici[modifica]

Agli inizi del Novecento, a causa della crescita della giudeofobia in Europa, molti ebrei migrarono nell'attuale Stato di Palestina formando delle colonie ebraiche allora sotto il dominio dell'Impero ottomano. Dopo la Prima guerra mondiale molti ebrei si trasferirono nel territorio del Mandato britannico della Palestina, governato dal Regno Unito per conto della Società delle nazioni. L'aumento delle colonie ebraiche in Palestina creava malcontento tra i palestinesi. Dopo la Seconda guerra mondiale un numero notevole degli ebrei sopravvissuti all'olocausto si trasferì in Palestina con la volontà di fondarci uno Stato. L'ONU decise che la Palestina doveva essere divisa in due Stati, uno palestinese e uno ebraico. Così venne fondato dagli ebrei l'Israele, ma i Paesi arabi erano contrari a ciò e quindi scoppiò la prima guerra arabo-israeliana che fu vinta dall'Israele. Migliaia di palestinesi furono scacciati dalla Palestina e perciò costretti a rifugiarsi in campi profughi del Libano, della Giordania e della Siria. Agli inizi della seconda metà del Novecento l'Israele occupò i territori dell'attuale Stato di Palestina. Nei territori occupati nacquero organizzazioni contro l'occupazione israeliana della Palestina che favorirono azioni di guerriglia e di terrorismo conto l'Israele, il quale rispose con sanguinose rappresaglie.

Lingue parlate[modifica]

L'arabo è la lingua predominante in Palestina, anche se un dialetto particolare della zona (il palestinese). Vi è un'importante minoranza di parlanti di lingua ebraica, tra cui palestinesi che lavorano solitamente in Israele.


Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Cisgiordania — È molto più della terra che diede origine al cristianesimo. Hebron è la casa dei patriarchi. È inoltre possibile conoscere la cultura araba per le vie della città popolosa di Ramallah, sede dell'Autorità Nazionale. Gerusalemme Est e la Città Vecchia di Gerusalemme sono riconosciute come parte della Cisgiordania, ma sono sotto l'amministrazione israeliana.
      Striscia di Gaza — La Striscia di Gaza è uno dei territori più densamente popolati del mondo, con oltre 1,2 milioni di abitanti. Anche se famosa negli ultimi anni per essere la roccaforte degli islamisti di Hamas e degli scontri coll'Israele, Gaza è di solito evidenziata per le sue spiagge mediterranee e per i suoi centri culturali. Anche se non è l'inferno in terra che i media di solito presentano, oggi non è un territorio sicuro per un turista.

Centri urbani[modifica]

  • Betlemme — Città antica molto simile a tante altre in Cisgiordania; ospita luoghi santi cristiani, come la Chiesa della Natività; si tratta di un patrimonio mondiale dell'UNESCO.
  • Gaza — La più grande città della Palestina, con 450.000 persone. S'affaccia sul Mediterraneo ed è la capitale amministrativa del Governatorato di Gaza, ma è stata pesantemente danneggiata durante le guerre tra Israele e Hamas.
  • Gerico — La "città più antica del mondo," ed è a circa 400 m sotto il livello del mare.
  • Hebron — In questa città sono presenti industrie di vetro e di ceramica; è divisa in due parti, una parte è amministrata dall'Israele, l'altra è invece amministrata dalla Palestina.
  • Jenin — La città più settentrionale della Cisgiordania, a soli 26 km da Nazareth.
  • Nablus — È considerata la capitale commerciale della Cisgiordania, è nota per il suo centro storico e per il suo commercio di mobili.


Come arrivare[modifica]

Il controllo delle frontiere della Palestina sono sotto il controllo dell'Israele. I due aeroporti che esistevano sono diventati non operativi e vi è un blocco aereo imposta dall'Israele, in modo che l'ingresso si debba fare attraverso alcuni degli Stati di confine.

Il metodo più comune d'entrata è attraverso l'Israele. La maggior parte dei turisti arrivano all'aeroporto Ben Gurion a Tel Aviv e in seguito si dirigono in Taxi o tramite altri mezzi di trasporti terrestri ad uno dei punti di controllo che limitano le zone sotto l'amministrazione palestinese. Da Gerusalemme è semplice raggiungere città vicine come Betlemme e Ramallah, oltre a tour organizzati che attraversano la valle del Giordano vicino al Mar Morto.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il Nuovo siclo israeliano (ILS). Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD

Anche se la moneta ufficiale è il nuovo siclo israeliano, ci sono anche altre monete: il dinaro giordano è utilizzato in Cisgiordania, mentre la sterlina egiziana è utilizzata nella Striscia di Gaza. Nelle zone turistiche, i commercianti non hanno problemi ad accettare dollaro od euro. I grandi negozi di souvenir hanno sistemi di carte di credito internazionali.

A tavola[modifica]

Come in gran parte del Medio Oriente, i piatti più comuni sono il shawarma, i falafel e l'hummus. In tutte le tavole troverete la pita per accompagnare i pasti. In Cisgiordania i pasti sono a base di riso e carne e uno dei piatti più comuni di questa regione è il mansaf, costituito da carne d'agnello, di riso e di yogurt essiccato. La cucina di Gaza è altamente influenzata dalla cucina egiziana (comprendendo l'utilizzo dell'aglio e del peperoncino).

Bevande[modifica]

L'alcol, come in altri paesi arabi, è difficile da ma non impossibile a causa dell'importante minoranza cristiana. La birra Taybeh, i cui proprietari sono cristiani, è l'unica produzione locale di birra.

Infrastrutture turistiche[modifica]


Eventi e feste[modifica]


Sicurezza[modifica]

Il primo pensiero che salta in mente quando bisogna andare in Palestina è la sicurezza: il conflitto tra Israele e Palestina è uno dei più antichi conflitti ancora vigenti nell'attualità. Sebbene il conflitto sia in corso, ci sono periodi di relativa calma e altri di maggiore tensione. Perciò prima di intraprendere un viaggio in Palestina è sempre meglio informarsi.

Situazione sanitaria[modifica]


Rispettare le usanze[modifica]

  • Molte delle attrazioni in Palestina sono legate ai santuari dell'Islam, del Cristianesimo o dell'Ebraismo. Rispettare questi luoghi, parlando colla voce bassa, non interrompendo le preghiere e non indossando vestiti leggeri che possono essere considerati provocatori. In molti luoghi può essere vietato l'ingresso se si è con le spalle nude o pantaloncini, mentre nelle moschee è obbligatorio per le donne coprirsi il capo (o in alcuni casi l'intera faccia).
  • L'occupazione israeliana è un tema e vale la pena parlarne colla gente del posto per capire il loro punto di vista. Tuttavia, è meglio evitare di entrare in discussioni su questo argomento; molte persone sono state vittime della guerra e facilmente si possono toccare temi molto delicati.
  • Evitare simboli che possono essere associati a Israele. La Stella di David è uno degli emblemi delle Forze di Difesa israeliane e può essere considerato un insulto, se essa viene mostrata durante una visita in Palestina. Allo stesso modo, evitare di guidare le auto con una targa israeliana.


Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti

Asia
AsiaContour coloured.svg Afghanistan · Arabia Saudita · Armenia · Azerbaigian · Bahrain · Bangladesh · Bhutan · Birmania · Brunei · Cambogia · Cina · Corea del Nord · Corea del Sud · Emirati Arabi Uniti · Filippine · Georgia · Giappone · Giordania · India · Indonesia · Iran · Iraq · Israele · Kazakistan · Kirghizistan · Kuwait · Laos · Libano · Maldive · Malesia · Mongolia · Nepal · Oman · Pakistan · Qatar · Russia · Singapore · Siria · Sri Lanka · Stato di Palestina · Tagikistan · Taiwan · Thailandia · Timor Est · Turchia · Turkmenistan · Uzbekistan · Vietnam · Yemen