Scarica il file GPX di questo articolo

Bhutan

Da Wikivoyage.
Asia > Asia del Sud > Bhutan
Jump to navigation Jump to search
Bhutan
Veduta del monastero di Taktsang
Localizzazione
Bhutan - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Bhutan - Stemma
Bhutan - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario
Sito web

Bhutan (འབྲུག་ཡུལ་, ufficialmente Regno del Bhutan) è uno stato del subcontinente Indiano che confina con la Cina e l'India.

Da sapere[modifica]

Oltre allo straordinario scenario naturale, l'immagine duratura del Paese per la maggior parte dei visitatori è il forte senso della cultura e della tradizione che lega il regno e lo distingue chiaramente dai suoi vicini più grandi. Il Bhutan è l'unica nazione buddhista Vajrayana nel mondo, e gli insegnamenti profondi di questa tradizione rimangono ben conservati e esercitano una forte influenza in tutti gli aspetti della vita. A causa del suo ambiente incontaminato e della sua società armoniosa, il piccolo Regno del Bhutan è stato chiamato "The Last Shangri-La".

Il Bhutan è un paese unico sia culturalmente che ambientalmente. Arroccato in alto nell'Himalaya, è un regno buddista. Ha sviluppato la filosofia della Felicità Interna Lorda (FIL); dove lo sviluppo è misurato usando un approccio olistico di benessere, non solo basato sul Prodotto Interno Lordo (PIL). È ancora definito come un Paese del terzo mondo con un'agricoltura di sussistenza praticata in gran parte del Paese. In termini generali, la terra è fertile e la popolazione piccola. Inoltre l'attuale generazione riceve un'istruzione gratuita e tutti i cittadini hanno accesso a cure mediche gratuite, anche se rudimentali. La vendita di prodotti del tabacco è vietata e il fumo nelle aree pubbliche è un reato.

Le principali fonti di reddito per il regno sono il turismo, l'energia idroelettrica e l'agricoltura.

Mentre la cultura tradizionale è stata molto ben conservata, l'apertura del paese alla TV e a Internet nel 1999 ha avuto un effetto importante, e la cultura moderna è concentrata soprattutto nei bar e nelle sale da biliardo. Di conseguenza c'è ben poca o nessuna evidenza di qualità in arte contemporanea, teatro o musica.

Culturalmente il Bhutan è prevalentemente buddista col dzongkha come lingua nazionale (sebbene ci siano varianti regionali - come il tshangla (osharchopkha), la lingua predominante nel Bhutan orientale) e un comune codice di abbigliamento e stile architettonico. Il popolo bhutanese consiste principalmente di Ngalop e Sharchop, chiamati rispettivamente Bhutanesi occidentali e Bhutanesi orientali, e Lotshampa (Bhutanesi meridionali), un popolo di origine gurkha nepalese. La cultura degli Ngalop è strettamente legata a quella del loro vicino a nord, il Tibet.

Un viaggio in Bhutan non è alla portata di tutte le tasche. Il governo richiede che i visitatori stranieri sottoscrivano un piano di viaggio con un tour operator locale iscritto all'albo e paghino una somma di 200 $ per ogni giorno trascorso nel paese. L'ammontare è comunque comprensivo di vitto e alloggio e scende a 165 $ se si intende viaggiare in bassa stagione.

Storicamente è conosciuto come Lho Pho Mon (terra meridionale delle tenebre), Lho Tsendenjong (terra meridionale del cipresso), Lhomen Khazhi (terra meridionale delle quattro vie d'accesso), e molti altri nomi. Forse Bhutan deriva dal sanscrito Bhota-ant (la fine del Bhot – dove Bhot è uno dei vari nomi del Tibet, e difatti il Bhutan rappresenta una delle porzioni meridionali della catena montuosa) o dal sanscrito Bhu-uttan (~ alte terre).

La gente chiama se stessa Drukpa e chiama la propria patria Druk Yul, che significa "terra del drago" oppure Druk Tsendhen, "terra del drago del tuono"; dal momento che la tradizione vuole che il tuono sia il ruggito dei draghi cinesi, la creatura che decora la bandiera nazionale è appunto il drago.

Cenni geografici[modifica]

Mappa topografica del Bhutan

Il Bhutan è uno stato senza sbocco al mare situato alle pendici meridionali della parte orientale della catena dell'Himalaya; il regno è racchiuso fra due importanti civiltà asiatiche, il Tibet a nord e gli Stati indiani dell'Assam, di Arunachal Pradesh, del Sikkim e del Bengala Occidentale ad est, ovest e sud.

Gangkhar Puensum con 7.570 m è la vetta più alta del Bhutan.

Quando andare[modifica]

I periodi migliori per visitare il Bhutan sono la primavera e la stagione invernale. Da fine settembre a fine ottobre, quando i cieli sono generalmente tersi. In primavera (da marzo a giugno) gli alberi di jacaranda e rododendro possono essere visti in piena fioritura. In inverno (da ottobre a dicembre) i visitatori godono di una vista senza ostacoli sulla catena montuosa innevata dell'Himalaya che delimita il Bhutan a causa del cielo limpido con poca o nessuna pioggia. In questi periodi è raccomandabile la prenotazione delle strutture con largo anticipo.

Chi sceglie l'autunno avrà anche l'opportunità di assistere ad alcune feste religiose del calendario buddista.

Il periodo che va tra giugno e agosto è quello tipicamente associato alle piogge monsoniche, quindi non è raccomandabile per gli appassionati dei trekking. La pioggia e l'elevata umidità si portano dietro anche un sensibile incremento di attività delle sanguisughe.

Sebbene geograficamente piuttosto piccolo, il clima del Bhutan varia da nord a sud e da valle a valle, principalmente a seconda dell'elevazione. Nel nord del Bhutan, ai confini con il Tibet, il territorio è perennemente coperto di neve. Nel Bhutan occidentale, centrale e orientale (Ha, Paro, Thimphu, Wangdue Phodrang, Trongsa, Bumthang, Trashiyangtse, Lhuntse) vivrete per lo più un clima di tipo europeo. L'inverno dura qui da novembre a marzo. Punakha è un'eccezione perché è in una bassa valle e l'estate è calda e l'inverno è piacevole. Il Bhutan meridionale al confine con l'India è caldo e umido con un clima sub-tropicale. Mentre il monsone colpisce l'India settentrionale, non ha la stessa influenza in Bhutan. I mesi estivi tendono ad essere più umidi con scrosci isolati prevalentemente solo di sera. L'inverno è di gran lunga il periodo più asciutto mentre la primavera e l'autunno tendono ad essere piacevoli.

Ci sono quattro stagioni distinte analoghe a quelle dell'Europa occidentale. Le temperature nell'estremo sud variano da 15 °C in inverno (da dicembre a febbraio) a 30 °C in estate (da giugno ad agosto). A Thimphu l'escursione termica va da -2,5 °C a gennaio a +25 °C ad agosto e con piogge di 100 mm. Nelle regioni di alta montagna la temperatura media è di 0 °C in inverno e può raggiungere i 10 °C in estate, con una media di 350 mm di pioggia. Le precipitazioni variano in modo significativo con l'altitudine. Le precipitazioni medie variano da regione a regione.

Cenni storici[modifica]

I primi esseri umani probabilmente arrivarono successivamente all'era glaciale e poco si sa sulla preistoria del Bhutan. I documenti storici iniziarono con l'arrivo del buddismo nel VII secolo, quando Guru Rinpoche (Padmasambhava) visitò il Bhutan e fondò monasteri.

Nel 1865, la Gran Bretagna e il Bhutan firmarono il trattato di Sinchulu, in base al quale il Bhutan avrebbe ricevuto un sussidio annuale in cambio della cessione di alcune terre di confine. Sotto l'influenza britannica, una monarchia fu istituita nel 1907; tre anni dopo fu firmato un trattato in base al quale gli inglesi accettarono di non interferire negli affari interni del Bhutan e il Bhutan consentì alla Gran Bretagna di dirigere i suoi affari esteri. Questo ruolo fu assunto dall'India indipendente dopo il 1947. Due anni dopo, un accordo formale indo-bhutanese restituì le aree del Bhutan annesse agli inglesi, formalizzò le sovvenzioni annuali ricevute dal Paese e definì le responsabilità dell'India nella difesa e nelle relazioni internazionali.

Nel dicembre 2006, il re Jigme Singye Wangchuck trasferì il potere al figlio maggiore, il principe ereditario Jigme Khesar Namgyel Wangchuck, conferendogli il titolo di quinto Druk Gyalpo. L'incoronazione ufficiale ha avuto luogo nel novembre 2008. Il quinto Re è stato educato a Boston e Oxford ed è tenuto in grande considerazione in tutto il Paese.

Il 24 marzo 2008 si sono tenute le prime elezioni democratiche.

Lingue parlate[modifica]

Il bhutanese o dzongkha è la lingua ufficiale del Paese e la lingua madre della maggior parte delle persone che risiedono nel Bhutan occidentale. È imparentato con il Tibetano e si avvale dello stesso alfabeto.

Sono diffuse inoltre le seguenti lingue:

  • Sharchopkha — La principale lingua regionale parlata nel Bhutan orientale.
  • Bumthangkha — Simile allo Sharchopkha e parlato nella regione di Bumthang.
  • Nepalese — La maggior parte delle persone al confine è solita usare la lingua nepalese.
  • Inglese e Hindi — Entrambe le lingue sono comprese dalla maggior parte delle persone nelle aree urbane. L'inglese è insegnato anche nelle scuole.

Alcuni aspetti colloquiali in Bhutan sono i seguenti:

  • La — Il suffisso "la" è un titolo onorifico e molti bhutanesi ritengono che le loro affermazioni suonino troppo dure se non vengono utilizzate e ciò traspare anche quando parlano in inglese. Quindi, non c'è da sorprendersi se sentono espressioni come "Yes-la" o "I'm not sure-la". È una mera forma di rispetto.
  • Raggiungere (in inglese reach) — In Bhutan, il verbo "raggiungere" significa "prendere" o "accompagnare" (una persona). Ad esempio: "Ti raggiungo alla stazione degli autobus" significa "ti accompagno / ti accompagno alla stazione degli autobus".
  • Cugino/fratello, cugina/sorella — Le famiglie estese che vivono sotto lo stesso tetto sono comuni in Bhutan. Di conseguenza, la linea divisoria tra fratelli e cugini è sfocata, e quindi non è raro essere presentato a un "cugino/fratello" o "cugina/sorella". Sebbene queste persone siano solo cugine, la parola inglese implica una relazione più lontana di quanto non sia di fatto in Bhutan.
  • BST — Questo acronimo sta per Bhutan Standard Time (i.e. orario standard del Bhutan), ma poiché i bhutanesi sono noti per essere in ritardo o semplicemente non si presentano affatto, ha assunto il significato di Bhutan Stretchable Time (i.e. orario flessibile del Bhutan). Pertanto, quando qualcuno arriva in ritardo, spesso si scusa dicendo che stanno correndo sul filo del BST.

Cultura e tradizioni[modifica]

Felicità Interna Lorda[modifica]

L'ideologia della Felicità Interna Lorda (FIL) è stata ideata dalla giovane mente del re Jigme Singye Wangchuck che, dopo aver conseguito una formazione moderna in India e nel Regno Unito, si rese conto che il semplice successo economico non si traduceva necessariamente in una società contenta e felice. Di conseguenza, poco dopo la sua incoronazione nel 1974, il giovane re iniziò a far girare l'idea di sviluppare una nuova serie di linee guida per governare il Paese. Lentamente queste idee hanno preso forma e nel 1998 è stato creato l'indicatore FIL. FIL sta per "Felicità interna lorda" (in inglese: GNH e "Gross National Happiness") ed è definito dai seguenti quattro obiettivi: accrescere la crescita economica e lo sviluppo, preservare e promuovere il patrimonio culturale, incoraggiare l'uso sostenibile dell'ambiente e instaurare un buon governo. Mentre il concetto di FIL riceve molti elogi internazionali ed è un grande richiamo per i turisti, i potenziali visitatori dovrebbero essere consapevoli che l'idea è molto in fase di incubazione, e ci sono poche prove del FIL all'interno del Paese.

Il 19 luglio 2011 68 paesi hanno aderito alla co-sponsorizzazione con il Regno del Bhutan di una risoluzione dal titolo "Felicità: verso un approccio olistico allo sviluppo", che è stata adottata per consenso dall'assemblea generale delle Nazioni Unite composta da 193 membri. In seguito alla risoluzione il governo reale del Bhutan ha convocato un incontro ad alto livello su "Felicità e benessere: definire un nuovo paradigma economico" il 2 aprile 2012 presso la sede delle Nazioni Unite a New York. Questo incontro ha avviato i prossimi passi verso la realizzazione della visione di un nuovo benessere e di un paradigma economico basato sulla sostenibilità che integri in modo efficace gli obiettivi economici, sociali e ambientali. Il Bhutan continua a essere un sostenitore della risoluzione e promuove attivamente il concetto a livello internazionale.

Simboli[modifica]

Il papavero blu è il fiore nazionale, alla stregua del cipresso che è considerato l'albero nazionale. A dispetto di ciò, la pianta che più rappresenta il Bhutan è il colorato rododendro che raggiunge l'apice della sua fioritura tra marzo e aprile.

Letture suggerite[modifica]

  • Beyond the Sky and the Earth (ISBN 157322815X) - Un romanzo di Jamie Zeppa che racconta la vera storia di un'esperienza di insegnamento di giovani canadesi (Jamie) nelle scuole del Bhutan; molto divertente e istruttivo.
  • The Raven Crown (ISBN 1932476210) - Un libro di Michael Aris sulle origini della monarchia buddista in Bhutan.
  • The Circle of Karma - Un eccellente romanzo dell'acclamato autore locale Kunzang Choden. Uno sguardo sulla vita delle donne bhutanesi.

Film suggeriti[modifica]

  • Viaggiatori e maghi - Il primo lungometraggio di fama internazionale del Bhutan che mostra la vita nel Paese, realizzato nel 2003. Una versione in italiano è disponibile su youtube.
  • Bhutan, Felicità Interna Lorda — Un documentario girato nel 2015 dalla giornalista documentarista francese Marie-Monique Robin. Una versione in italiano è disponibile su youtube.


Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa divisa per regioni
      Bhutan centrale
      Bhutan orientale
      Bhutan occidentale

Centri urbani[modifica]

  • Thimphu (ཐིམ་ཕུ) — Capitale del paese.
  • Jakar (བྱ་ཀར) — Capoluogo del Distretto di Bumthang. Fu anche il luogo donde si irraggiò la religione buddista nel Bhutan.
  • Mongar (མོང་སྒར) — Un centro nella sezione orientale del Paese.
  • Paro (སྤ་རོ) — La località ove si trova il piccolo aeroporto internazionale e il monastero di Taktsang.
  • Phuentsholing (ཕུན་ཚོགས་གླིང་) — Il posto di frontiera con l'India. Un servizio di autobus collega Phuentsholing a Calcutta.
  • Punakha (སྤུ་ན་ཁ་) — L'antica capitale e sede invernale del corpo monastico.
  • Samdrup Jongkhar (བསམ་གྲུབ་ལྗོངས་མཁར) — Città amministrativa al confine sudorientale con l'India.
  • Trashigang (བཀྲ་ཤིས་སྒང་།) — Una pittoresca città nella parte est del Paese.
  • Trongsa (ཀྲོང་གསར) — Nella regione centrale con un magnifico monastero buddista (dzong) e la torre di Trongsa.

Altre destinazioni[modifica]

Altre informazioni relative ai parchi nazionali e alle aree protette possono essere trovate sul sito del ministero dell'agricoltura e foreste ma soprattutto sul sito del dipartimento di foreste e servizi dei parchi.

Come arrivare[modifica]

Il Bhutan è una destinazione unica e come tale ha alcune regole uniche. La maggior parte dei turisti deve ottenere un visto prima di arrivare in Bhutan. I visti vengono rilasciati al ricevimento del pagamento completo delle vacanze da parte del Consiglio del Turismo del Bhutan, e le tariffe fisse sono in genere intorno a 250 USD/persona/giorno in base al periodo dell'anno. I soldi restano al Consiglio del Turismo fino a quando il tuo viaggio nel Paese non sarà completo, dopo di che l'operatore turistico locale sarà pagato. Il Bhutan non limita più i numeri dei turisti e gestisce una politica "porte aperte".

Requisiti d'ingresso[modifica]

Tutti i turisti non provenienti da India, Bangladesh e Maldive devono ottenere un visto prima della partenza. Tutti i turisti devono prenotare il loro viaggio attraverso un tour operator con licenza locale (o partner internazionale). I visti sono richiesti online dal tour operator locale e non è necessario visitare un'ambasciata o consolato bhutanese. La propria vacanza deve essere pagata per intero, tramite bonifico bancario sul conto del Consiglio del Turismo del Bhutan prima che venga rilasciato un visto turistico. L'ottenimento del visto non richiede più di 72 ore dalla ricezione del pagamento. All'ingresso nel Paese il visto sarà stampato sul proprio passaporto previo pagamento di 20 USD, saranno inoltre richieste due fototessera del passaporto. Le estensioni del visto possono essere ottenute tramite il tour operator locale al costo di 510 Nu. e il turista sarà inoltre soggetto alla tariffa giornaliera per i giorni aggiuntivi.

Poiché il viaggio in Bhutan richiede quasi sempre almeno un volo in Bangladesh, India, Nepal, Singapore o Thailandia, bisogna assicurarsi di soddisfare i requisiti dei visti di quei Paesi prima di attraversarli. Nepal e Thailandia offrono visti all'arrivo o l'esenzione dal visto per molte nazionalità. L'India generalmente richiede che le procedure per il visto siano completate prima dell'arrivo e ciò può richiedere fino a due settimane.

Visto all'arrivo[modifica]

I visti sono rilasciati all'arrivo solo ai residenti in India, Bangladesh e Maldive. I cittadini indiani possono soggiornare indefinitamente in Bhutan con un passaporto valido. È richiesta una fotografia e un passaporto valido (o carta d'identità elettorale per residenti indiani) insieme a una fotocopia di entrambi. Compila il documento con lo scopo "Turismo". Ai valichi di frontiera terrestri riceverai solo 7 giorni per Paro e Thimphu. L'estensione del visto per la propria permanenza va richiesta all'ufficio Immigrazione di Thimphu, situato all'estremità settentrionale della Norzin Lam, la principale strada urbana. Per visitare altri distretti è necessario richiedere i permessi stradali nello stesso ufficio. Facendo richiesta la mattina, si riceverà il documento nel pomeriggio. Nel caso in cui tu sia un funzionario della difesa senza passaporto o uno studente senza i tre documenti di identificazione accettati e sopra elencati, si potrà richiedere al consolato indiano un comprovante documento di riconoscimento, ma questo richiede tempo.

Tariffa turistica[modifica]

Il Consiglio del Turismo del Bhutan gestisce la tariffa giornaliera per tutti i turisti che entrano nel Paese. Non è possibile entrare in Bhutan da turista senza pagare questa tariffa, a meno che non si sia cittadini di India, Bangladesh e Maldive.

La tariffa giornaliera copre
  • Un minimo di sistemazioni a 3 stelle. Gli hotel di lusso possono comportare un costo aggiuntivo
  • I tre pasti principali: colazione, pranzo e cena
  • Una guida turistica bhutanese con licenza per l'intera durata del soggiorno
  • Tutti i trasporti interni (esclusi eventuali voli)
  • Attrezzatura da campeggio e trasporto per i trekking (ove previsti)
  • Tutte le tasse e le spese interne
  • Una royalty di 65 USD (già inclusa nel prezzo della tariffa)
La tariffa minima è (per un gruppo di 3 o più persone)
  • 250 USD/persona/notte per i mesi di marzo, aprile, maggio, settembre, ottobre e novembre (i.e. alta stagione)
  • 200 USD/persona/notte per i mesi di gennaio, febbraio, giugno, luglio, agosto e dicembre (i.e. bassa stagione)

Le tariffe sono applicabili per turista a sosta notturna in Bhutan. I gruppi di due o meno sono soggetti a un sovrapprezzo, al di là delle tariffe minime giornaliere applicabili, come segue:

  • Individuale, 40 USD a notte
  • 2 persone, 30 USD a persona a notte

Non ci sono costi per i bambini fino a 5 anni. I bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni accompagnati da genitori/tutori riceveranno uno sconto del 50% sulle tariffe giornaliere e uno sconto del 100% sulla royalty. Gli studenti a tempo pieno di età inferiore ai 25 anni in possesso di carte di identità valide dai loro istituti accademici riceveranno uno sconto del 25% sulle tariffe giornaliere. Uno sconto del 50% sulle tariffe giornaliere sarà dato a una persona in un gruppo da 11 a 15 persone. Lo sconto del 100% verrà dato a un membro di un gruppo che superi le 16 persone.

Uno sconto del 50% sulla royalty sarà fornito dopo l'ottava notte e uno sconto del 100% sulla Royalty sarà fornito dopo la quattordicesima notte.

È illegale abbassare i prezzi delle tariffe e un qualunque tour operator che venisse scoperto a fare una simile attività si vedrà ritirata la propria licenza.

Le uniche altre opzioni per visitare il Paese sono ricevere un invito da un cittadino bhutanese, in cui la prova del rapporto deve essere presentata su richiesta o attraverso una ONG.

India, Bangladesh e Maldive sono esenti dai requisiti tariffari minimi. Inoltre, non pagheranno gli addebiti per le royalty turistiche e altre tasse facenti parte della tariffa giornaliera.

In aereo[modifica]

L'Aeroporto di Paro (IATA PBH), situato nel sud-ovest del paese vicino alla capitale Thimphu, è il più importante scalo aereo del Bhutan, nonché l'unico internazionale. Si trova a circa 6 km della città di Paro. Il vettore di bandiera Druk Air gestisce 2 Airbus che gli assicurano collegamenti con Bangkok in Thailandia, Delhi, Mumbai, Calcutta, Bodh Gaya/Gaya, Bagdogra, Guwahati in India, Kathmandu in Nepal, Dhaka in Bangladesh, Yangon in Myanmar e Singapore. Bhutan Airlines offre voli giornalieri per Bangkok.

L'altra opzione è l'aeroporto di Bagdogra (IATA IXB), che serve la città di Siliguri nel vicino stato indiano del Bengala Occidentale. Bagdogra è a quattro ore di auto dalla città di frontiera del Bhutan, Phuentsholing. Bagdogra riceve voli frequenti dalle principali città dell'India, e Druk Air opera voli da Bangkok almeno settimanalmente.

L'Aeroporto di Yongphulla, piccolo aeroporto domestico situato nella città di Trashigang, quindi non è utilizzabile per entrare nel Paese.

In auto[modifica]

Ci sono tre valichi di frontiera situati solo lungo il confine meridionale con l'India. Phuntsholing a ovest, Gelephu nella regione centrale e Samdrup Jongkhar a est. Nessun passaggio di confine è aperto lungo il confine settentrionale cinese. Sono richiesti anche permessi stradali; tuttavia, questi vengono richiesti e rilasciati dal tour operator locale, insieme al visto.

In treno[modifica]

Non ci sono ferrovie in Bhutan. Le opzioni più vicine (entrambe in India) sono:

  • Hasimara sulla linea principale che collega Calcutta/Siliguri allo Stato di Assam è la stazione ferroviaria più vicina a Phuentsholing, a 17 km di distanza. I treni gestiti da Indian Rail #13149 e #4084 si fermano qui. A partire da ottobre 2010, alcune sezioni della strada da Jalpaiguri/Siliguri a Phuentsholing sono in pessime condizioni. Estendere il viaggio in treno fino a Hasimara risparmierà la propria freschezza per il Bhutan.
  • La nuova stazione Jalpaiguri (NJP) a Siliguri è una scelta popolare per i viaggiatori che si dirigono verso il Bhutan via terra. Ci sono taxi diretti condivisi da NJP a Jaygaon o di autobus dalla stazione degli autobus di Siliguri. Un taxi tra la stazione ferroviaria e la stazione degli autobus costa al massimo circa 80 Nu. In alternativa si può anche prendere un treno locale per Hasimara che costa circa 40 Nu. e impiega circa 3 ore. I treni da NJP dovrebbero essere prenotati in anticipo, in quanto è una stazione popolare tra i locali. Non ci sono treni in partenza da questa stazione con posti riservati ai turisti.

In autobus[modifica]

L'autobus Bhutan Post che collega Phuenthsoling a Thimphu
  • Da Calcutta: il governo reale del Bhutan gestisce un servizio di trasporto per Phuentsholing. Questi autobus partono dalla stazione degli autobus Esplanade di Calcutta alle 7:00 di martedì, giovedì e sabato e dall'ufficio postale del Bhutan Phuentsholing alle 15:00 di lunedì, mercoledì e venerdì. Il viaggio dura circa 18 ore e costa 300 Nu. Gli autobus sono comodi, ma poiché gran parte dell'autostrada per Calcutta è come la superficie lunare, sarà difficile dormire comodamente per lunghe tratte.
  • Da Siliguri: c'è un servizio frequente tra Siliguri e Phuentsholing/Jaygaon . È all'incirca un viaggio di quattro ore. Gli autobus gestiti dal governo reale del Bhutan partono lungo l'autostrada principale dalla stazione degli autobus, vicino all'Heritage Hotel, alle 07:30 e alle 13:30 tutti i giorni. I biglietti costano 62 Nu. e sono disponibili entrando nel bus.
  • Da Phuentsholing: ci sono autobus privati ​​e taxi condivisi da Phuentsholing a Thimphu, ma un'opzione comoda è quella di prenotare un autobus del Bhutan Post (170 Nu.) che parte ogni mattina alle 7:00 (ora del Bhutan) dall'ufficio postale.


Come spostarsi[modifica]

I permessi di viaggio sono necessari per spostarsi in Bhutan e ci sono posti di controllo nella maggior parte dei distretti, a est e a nord di Thimphu, dove è necessario produrre questi documenti per poter procedere. I permessi di viaggio vengono elaborati dal tour operator locale su richiesta del visto. Questi permessi sono rilasciati dall'ufficio immigrazione di Thimphu (estremità settentrionale di Norzin Lam, la principale strada urbana).

In aereo[modifica]

I viaggi in aereo sono un'alternativa rapida e relativamente sicura per affrontare le strade tortuose del Bhutan, ma gli orari sono scarsi e i voli vengono cancellati in un batter d'occhio. Druk Air e Bhutan Airways (alias Tashi Air) volano da Paro (Thimphu) a Yongphula Airport vicino a Trashigang e all'aeroporto di Bathpalathang a Jakar, nella regione di Bumthang. Un terzo aeroporto nella regione centro-meridionale, vicino al confine indiano, ha tecnicamente aperto nel 2012 ma non è ancora servito da voli di linea.

In auto[modifica]

Autostrade e strade secondarie del Bhutan

Le strade che attraversano il paese sono caratterizzate da curve, svolte e pendenze ripide, ma nonostante la difficile topografia, sono generalmente molto ben tenute e sicure. Si consiglia di guidare in Bhutan solo se si ha esperienza di guida in regioni montuose. La qualità della superficie stradale è variabile con infiniti tornanti montuosi. Si consiglia di portarsi dietro pastiglie per mal d'auto.

Condizioni stradali[modifica]

A causa del terreno montagnoso, le strade sono spesso bloccate da cadute massi durante la stagione estiva. Pertanto è meglio evitare di percorrere lunghe distanze dall'inizio di giugno alla fine di agosto. Tuttavia, se è necessario viaggiare in questo momento, portare con sé acqua in bottiglia e spuntini in quanto se si verificasse una frana potrebbe richiedere parecchio tempo la pulizia della strada.

Ad un'altitudine di 3.750 m il tratto di strada che attraversa il passo Thrumshingla che collega Bumthang e Mongar è il più alto del Paese e offre uno scenario spettacolare. Tuttavia, a causa dei lati ripidi della valle, è particolarmente suscettibile a cadute di roccia, quindi preparatevi a lunghe attese in particolare durante i periodi umidi.

Autostop[modifica]

Dato che il trasporto pubblico che collega le città in Bhutan è poco frequente, l'autostop è un modo molto comune per andare in giro. Il simbolo del pollice in aria, tuttavia, non viene riconosciuto e si dovrà gesticolare vistosamente ad un veicolo in transito per far sì che si fermi. Poiché alcuni conducenti raccolgono i passeggeri come mezzo per integrare le loro entrate, è consuetudine offrire un pagamento quando si scende dal veicolo (l'importo dipende approssimativamente dalla distanza, ma sarà paragonabile al costo del viaggio in autobus). Tuttavia la maggior parte degli autisti non richiede nulla: sono più che felici anche solo della sola compagnia e di avere l'opportunità di fare nuove amicizie. Chi ha in programma di spostarsi molto in autostop (e in alcune zone rurali non c'è altro modo di spostarti), è buona norma prendere alcuni piccoli regali da offrire agli autisti per esprimere il proprio apprezzamento.

In autobus[modifica]

I servizi di autobus locali e inter-distrettuali non sono così comodi e si fermano frequentemente. Il tour operator locale fornirà veicolo e autista per tutta la durata del soggiorno. Questo costo è incluso nella tariffa giornaliera. Tuttavia possono essere organizzati viaggi in autobus locali o inter-distretto o taxi.

Cosa vedere[modifica]

La maggior parte dei turisti fa "tour culturali" durante i quali visitano destinazioni importanti. Paro, Thimphu, Punakha, Wangdue Phodrang e Jakar sono destinazioni popolari. Più lontano, la regione inesplorata di Zhemgang (paradiso degli ornitologi, eccellente area di osservazione della fauna selvatica) e del Bhutan orientale è stato recentemente aperto al turismo. Se sei un avventuriero e vuoi esplorare l'inesplorato, l'est del Bhutan è il posto che fa per te. Questa parte del Paese unica e ancora incontaminata offre la migliore esperienza.

Monasteri[modifica]

Monastero di Taktsang a Paro
  • Monastero di Taktsang (Tiger's Nest) (A Paro). Questo è uno dei siti buddisti più importanti del mondo e Guru Rinpoche lo visitò nell'VIII secolo durante la sua seconda visita in Bhutan. È il monumento più conosciuto e visitato in Bhutan. Si narra che sia arrivato sul dorso di una tigre alata, da cui il nome, Tana della tigre. Il tempio è costruito su una scogliera di 1.200 metri e fu costruito nel 1692.
Centinaia di monasteri punteggiano il paesaggio in alcune delle aree più incontaminate e remote.
  • Monastero Kurje Lhakhang (A Jakar). Un tempio costruito attorno ad una grotta con impresso il corpo di Guru Rinpoche incastonato nel muro. Guru Rinpoche praticò la meditazione qui durante la sua prima visita in Bhutan e in quanto tale è la più antica reliquia buddista nel Paese.
  • Buddha Dordenma. Gigantesca statua del Buddha Shakyamuni nelle montagne del Bhutan. La statua ospita oltre centomila statue di Buddha più piccole, ognuna delle quali, come il Buddha Dordenma stesso, sarà fatta di bronzo e dorata in oro. Il Buddha Dordenma è situato tra le rovine di Kuensel Phodrang, il palazzo di Sherab Wangchuck, il tredicesimo Desi Druk, che domina la via meridionale per Thimphu, la capitale del Bhutan. È una delle più grandi rupa di Buddha del mondo, ad un'altezza di 52 m.

Dzong[modifica]

Gasa Dzong
Rinpung Dzong nel distretto di Paro

Gli dzong sono antiche fortezze che ora servono come quartier generale dell'amministrazione civile e monastica di ciascun distretto. Oltre all'architettura, che di per sé è da visitare, custodiscono anche molti tesori artistici.

Gli dzong punteggiano la campagna e sono stati costruiti senza l'uso di cemento, chiodi o piani. Quelli visitabili sono:

  • Punakha Dzong
  • Trongsa Dzong
  • Jakar Dzong
  • Lhuentse Dzong
  • Simtokha Dzong
  • Gasa Dzong
  • Rinpung Dzong — Diverse scene del film Piccolo Buddha furono girate in questo monastero e nei dintorni.
  • Tashichho Dzong — Monastero buddista e fortezza sul bordo settentrionale del Thimpu; sede tradizionale del Druk Desi (o "Dharma Raja"), capo del governo civile del Bhutan (sinonimo col re dal 1907) e capitale estiva
  • Kagyu-Dzong
  • Lingzhi Yügyal Dzong
  • Drukgyal Dzong
  • Changchukha Dzong
  • Shongar Dzong
  • Singye Dzong

Trekking[modifica]

Anche il trekking è estremamente popolare. Il percorso Druk è il più frequentato da Paro, nella capitale Thimphu. Tuttavia sono disponibili molti altri trekking più scenografici (più in basso la lista completa). Anche Jomolhari e Laya Gasa sono molto popolari e lo Snowman Trek è considerato uno dei trekking più difficili del mondo, con una durata di circa 30 giorni. La stagione consigliata per questo trekking è da metà giugno a metà ottobre.

Altri trekking includono:

Stupa con bandiere di preghiera nel Druk Path Trek


È consigliabile procurarsi tutta l'attrezzatura necessaria prima di intraprendere il viaggio, perché nel Paese potrebbe essere complesso procurarsela. Inoltre è opportuno limitare il peso complessivo del proprio zaino al di sotto dei 15 kg perché gli animali da soma portano al più 30 kg e ciò consentirebbe di trasportare tutto il necessario per due persone. Ogni agenzia informerà i propri escursionisti su ciò che potrà fornire in loco e cosa invece va portato "da casa".

Nonostante alcune guide possano trasgredire, è importante tenere presente che utilizzare per scopi alimentari fuochi da campo con legna è vietato. La legge richiede l'impiego di fornelli a gas da campo.

I rifiuti, ove non previsto un punto di raccolta, è opportuno portarli con sé, infatti non solo è inopportuno disperderli nell'ambiente ma è anche vietato bruciare i rifiuti.

Scenario[modifica]

Aree protette del Bhutan in crema, corridoi biologici in verde

L'ambiente incontaminato del Bhutan offre ecosistemi ricchi e diversi, grazie alla sua posizione e alle grandi variazioni geografiche e climatiche. Le alte e aspre montagne e valli del Bhutan vantano una biodiversità spettacolare, guadagnandosi di essere annoverato fra i dieci più importanti luoghi della biodiversità del mondo; riconoscendo l'importanza dell'ambiente, la conservazione della sua ricca biodiversità è uno dei suoi paradigmi di sviluppo. Il governo ha decretato che il 60% delle risorse forestali saranno mantenute per sempre attraverso una legge approvata di recente dal governo. Oggi il 72% della superficie totale è sotto copertura forestale e il 35% del Bhutan è costituito dalle seguenti aree nazionali protette:

Itinerari[modifica]

  • Sentiero del Druk. Un trekking di 6 giorni oltre i 3.400 m che collega le città di Paro e Thimphu passando da creste montane e laghi d'alta quota, incontrando statue e monasteri.
  • Jomolhari. Un trekking di 10 giorni tra i 2.500 e i 5.000 metri che offre spettacolari scorci montani con la loro flora e fauna, tipicamente yak.
  • Jomolhari Laya-Gasa. Un trekking di 12 giorni considerato tra i più scenici per i panorami ma anche tra i più complessi per l'altitudine e le sue ripide variazioni lungo il percorso.
  • Merak-Sakteng. Un trekking di una settimana tra i 1.500 e i 4.100 metri che consente di entrare in contatto con popolazioni di seminomadi delle valli usate per i loro pascoli.
  • Snowman II. Un trekking di 25 giorni considerato tra i più complessi al mondo. Lungo il percorso si campeggerà più volte a 5.000 metri. Il miglior periodo in cui effettuarlo è l'estate.


Cosa fare[modifica]

Tiro con l'arco bhutanese
  • Trekking: il Bhutan è un luogo popolare per il trekking, anche se le passeggiate sono generalmente piuttosto difficili in quanto non ci sono posti dove dormire o mangiare nelle zone più in altura e quindi tutto il cibo e le attrezzature da campeggio devono essere trasportati. L'autunno e la primavera sono le migliori stagioni per intraprendere un trekking. In estate i sentieri sono troppo fangosi, mentre in inverno sono coperti di neve. Tuttavia, nonostante le difficoltà del trekking, tutti gli sforzi e i disagi sono più che compensati dallo scenario mozzafiato e dalle persone estremamente amichevoli, gentili e ospitali che si incontrano lungo il percorso.
  • Festival: gli tshechu sono i più grandi festival religiosi in Bhutan e si celebrano a fine estate e in autunno in tutto il Paese (vedi articoli delle singole città per maggiori informazioni locali), anche se il Thimphu tshechu è il più famoso e attira circa 30.000 persone. Il clou delle cerimonie degli tshechu sono le danze mascherate dei monaci, che sono state sviluppate seguendo precise istruzioni date dai maestri buddisti del passato. Secondo la filosofia buddista, tutte le esperienze lasciano un'impronta nel flusso mentale che produce un risultato corrispondente nel futuro, e quindi la visione di queste danze, che sono imbevute di simbolismo sacro, è considerata un'esperienza molto promettente e santificante. Mentre l'evento non si svolge in un'atmosfera solenne e c'è molta allegria. Indossare un gho o un Kira durante i festival sarà apprezzato dai locali con cui sarà ancor più facile socializzare.
  • Tiro con l'arco: questo è lo sport nazionale del Bhutan e le competizioni si svolgono in tutto il Paese nella maggior parte dei fine settimana. I visitatori sono benvenuti ad assistere e anche ad accompagnare il chiassoso applauso che caratterizza questi eventi. Sono due le specialità di questo sport; quella che prevede l'utilizzo di archi tradizionali in bambù e quella che invece impiega archi professionali in fibre leggere.
  • Bagno con pietre calde: questo bagno è di per sé un rituale. Rocce fluviali vengono riscaldate fino a diventare roventi e gradualmente lasciate cadere in una vasca di legno piena d'acqua e cosparsa di foglie di Artemisia. Le rocce incandescenti riscaldano l'acqua gradualmente e quindi rilasciano minerali nell'acqua. Tradizionalmente questi bagni sono fatti vicino a un letto del fiume con abbondanza di pietre e acqua e preferibilmente al buio all'aria aperta.


Opportunità di studio[modifica]

Buddismo[modifica]

È possibile ricevere istruzioni sulla pratica buddista in qualsiasi monastero, anche se per le discussioni sulla filosofia buddista è meglio consultare i khenpos o loppons (insegnanti) dei collegi buddhisti (shedra), come ad esempio il monastero di Lhodrak Kharchhu a Jakar, Monastero Tango vicino a Thimphu o il Chokyi Gyatso Institute a Deothang.

Il Deer Park Thimphu tiene diversi eventi legati al Dharma nella capitale, incluse sessioni di meditazione settimanale.

Tessitura[modifica]

Il tessuto bhutanese è apprezzato in tutto il mondo per i suoi disegni unici e l'alta qualità e c'è un centro di tessitura a Khaling nel distretto di Trashigang.

Opportunità di lavoro[modifica]

Ci sono alcune organizzazioni non governative con sede in Bhutan, quindi è possibile organizzare un lavoro di volontariato. Tuttavia il Bhutan è molto selettivo su chi si impegna in questo campo. Inoltre è altamente improbabile che si possa trovare una posizione mentre si visita il Bhutan, quindi chi è interessato a svolgere attività di volontariato qui dovrebbe prima cercare un impiego con le ONG all'estero e poi esprimere la propria preferenza per essere collocato in Bhutan.

Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il Ngultrum (BTN) contraddistinta dal simbolo "Nu.". Questa valuta è legata alla rupia indiana a un tasso di cambio di 1:1. Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
  • Dollaro americano: i dollari sono ampiamente accettati. La valuta del Bhutan è necessaria solo per le spese personali e per l'acquisto di piccoli oggetti di souvenir.
  • Carte di credito: Visa, MasterCard e Visa Maestro sono compatibili con la maggior parte degli sportelli automatici in Bhutan, la maggior parte dei quali concentrati a Thimphu e Paro.
  • Cambio di valuta: le banche e gli hotel principali trattano tutte le principali valute.
  • Bancomat: le principali banche dispongono di bancomat che accettano carte internazionali come Visa e MasterCard. Tuttavia, poiché il servizio non è eccessivamente affidabile, è meglio avere a disposizione altri fondi.
  • Trasferimento di denaro con Western Union: l'ufficio postale di Thimphu può ricevere trasferimenti di fondi dall'estero, ma non può effettuare pagamenti dai conti personali dei clienti.


Shopping[modifica]

  • Panno tessuto — Il tessuto bhutanese intrecciato è apprezzato in tutto il mondo ed è disponibile cucito in vestiti, arazzi, tappetini e tappeti.
  • Yathra — Un materiale intrecciato dai colori vivaci realizzato in lana e tinto con colori naturali. Viene venduto a pezzi o cucito in giacche, borse, tappeti e arazzi. Yathra è disponibile a Thimphu e in altre zone fredde, ma è una specialità dell'area di Jakar.
  • Dappa — Ciotole in legno fatte a mano. Le due metà della ciotola si adattano strettamente così da poter essere utilizzate per trasportare cibo cotto, che è la loro funzione in Bhutan. Tuttavia fanno anche un'eccellente insalata o ciotole per biscotti. La Dappa è una specialità della regione di Trashi Yangtse, ma può essere acquistata in tutto il Paese.
  • Bangchung — Piccoli cestini di bambù intrecciati con due metà strettamente aderenti. Sono una specialità del sud del Bhutan, ma sono disponibili in tutto il paese.

Orari[modifica]

Tipicamente durante l'alta stagione vengono osservati i seguenti orari d'apertura:

  • Uffici statali: Lun-Ven 9:00-13:00 e 14:00-17:00 (d'inverno fino alle 16:00)
  • Banche: Lun-Ven 9:00-16:00 (d'inverno fino alle 15:00) e Sab 9:00-12:00 (d'inverno fino alle 11:00)
  • Negozi: 8:00-20:00/21:00
  • Bar: Mer-Lun (il martedì sono chiusi per via dell'imposizione di non vendere alcol in quei giorni)


A tavola[modifica]

Un piatto tradizionale bhutanese a base di peperoncino e formaggio

Le prelibatezze bhutanesi sono ricche di peperoncino piccante e formaggio. Tutti gli hotel, i resort e i ristoranti offriranno deliziose specialità bhutanesi, cinesi, continentali e indiane.

Il cibo bhutanese ha un sapore predominante - chili. Questo piccolo condimento rosso non è solo aggiunto a tutti i piatti, ma è anche spesso mangiato crudo. Quindi, a chi non piace il cibo piccante, lo deve abbondantemente chiarire prima di ordinare un pasto. Altrimenti si passerà l'ora successiva a bere yogurt o latte freddo.

Il riso costituisce il corpo principale della maggior parte dei pasti del Bhutan; tradizionalmente riso rosso, ma ora è comune anche il riso bianco. È accompagnato da uno o due contorni a base di carne o verdure. Carne di maiale, manzo, pollo e yak sono le carni che vengono mangiate più spesso. Le verdure comunemente consumate includono spinaci, zucche, rape, ravanelli, pomodori, alghe, cipolle e fagiolini. I cereali come riso, grano saraceno, frumento, mais e orzo vengono coltivati ​​anche in varie regioni del paese a seconda del clima locale.

Di seguito è riportato un elenco di alcuni dei piatti più popolari del Bhutan:

  • Ema datshi: questo è il piatto nazionale del Bhutan. Ema significa chili e datshi è una sorta di ricotta. Un mix speziato di peperoncini e il delizioso formaggio locale conosciuto come datshi. Questo piatto è un alimento base di quasi tutti i pasti e può essere trovato in tutto il Paese. Varianti dell'Ema Datshi includono l'aggiunta di fagiolini, felci, patate, funghi o l'impiego del formaggio di yak al posto di quello normale.
  • Kewa-datshi: Variante meno piccante del'Ema Datshi con le patate.
  • Shamu-datshi: Variante meno piccante del'Ema Datshi con i funghi.
  • Momos: questi gnocchi in stile tibetano sono farciti con carne di maiale, manzo o cavoli e formaggio. Tradizionalmente consumati durante le occasioni speciali, questi gustosi dolcetti sono i migliori del Bhutan.
  • Momo al formaggio: Una piccola focaccina al vapore che tradizionalmente conteneva formaggio, cavolo e talvolta cipolla. Tuttavia oggigiorno il cavolo viene talvolta sostituito con altre verdure come la papaya verde.
  • Phaksha paa: maiale cotto con peperoncini rossi speziati. Questo piatto può anche includere ravanelli o spinaci. Una variante popolare utilizza maiale essiccato al sole (noto come Sicaam) e l'Hoentoe gnocchi di grano saraceno aromatici ripieni di cime di rapa, datshi (formaggio), spinaci e altri ingredienti.
  • Jasha maru: pollo piccante macinato, pomodori e altri ingredienti, che viene solitamente servito con riso.
  • Riso rosso: questo riso è simile al riso integrale ed è estremamente nutriente e ricco. Quando è cotto è di colore rosa tenue, morbido e leggermente appiccicoso.
  • Goep (Trippa): sebbene la popolarità della trippa sia diminuita in molti Paesi, è ancora apprezzata in Bhutan. Come la maggior parte degli altri piatti a base di carne, è cucinata con un sacco di peperoncini piccanti e peperoncino in polvere.
  • Juma (salsicce): molto famoso in Bhutan e usato in abbondanza. A differenza dei Paesi occidentali, juma non è usato negli hotdog o insieme ai panini. Juma viene consumato da solo in base al gusto e i piatti possono essere preparati in base alla scelta.
  • Mutter paneer: sebbene non sia un piatto bhutanese, questo alimento indiano a base di piselli e formaggio stagionato è facilmente reperibile in tutto il Bhutan ed è quindi una scelta aggiuntiva per i vegetariani.
  • Khuli: frittelle di grano saraceno; una specialità del Bumthang. Sono spesso serviti con ema datshi in alternativa al riso.
  • Puta: un piatto di pasta di grano saraceno di solito servito con cagliata; un'altra specialità del Bumthang.

Imtrat gestite da mense che vendono eccellenti piatti indiani insieme a tè dalle 9:30 alle 16:30. La qualità del cibo è molto buona ed il prezzo è basso. Questi locali si trovano in tutto il Paese, specialmente lungo le principali autostrade.

Bevande[modifica]

  • Suja (tè al sale): la suja è un tè preparato con sale e burro di yak. Nasce dalla tradizione dei nomadi nell'alta catena himalayana, ma è ormai famosa in tutto il Paese. Il sale e il burro agiscono come un grande agente riscaldante nel corpo mantenendolo caldo in inverno.
  • Ara: un liquore locale prodotto con riso o mais. È popolare nelle zone rurali e spesso viene servito nei ristoranti, in particolare all'inizio dei pasti, versato da un contenitore speciale.
  • : situato vicino alle regioni di coltivazione del tè di Assam e Darjeeling, una tazza di tè bollente rimane la bevanda più popolare in Bhutan, sia la varietà al burro (suja) che quella al latte dolce (cha) disponibili in tutto il Paese. Il tè al burro è molto tradizionale ma ha un sapore abbastanza forte ed è simile al tè tibetano, mentre il tipo di latte dolce è molto bevibile ed è come il chai indiano.
  • Caffè: la cultura del caffè che ha travolto la maggior parte del pianeta sta appena iniziando a insinuarsi nel Paese, e ci sono alcuni buoni caffè a Thimphu. Tuttavia il caffè in Bhutan è generalmente inteso come la varietà istantanea.
  • Birra: le principali birre locali provengono dalla Bhutan Brewery (fondata nel 2006), parte del conglomerato del Gruppo Tashi, e sono vendute in bottiglie da 650 ml: Druk 11000 (8%) è più economico e molto alcolico; di qualità leggermente superiore e con meno alcol sono Druk Lager Premium (5%) e Druk Supreme (6%); nessuno di questi è particolarmente buono. A volte c'è anche il Red Panda Weissbeer (birra di frumento), che è piuttosto buona. Le birre importate potrebbero non essere disponibili, poiché le importazioni sono talvolta vietate (per preservare le riserve estere).
  • Whisky: c'è del "whisky bhutanese", anche se non è né bhutanese né whisky puro. Piuttosto è un whisky miscelato, fatto di whisky di malto scozzese importato miscelato con alcolici a grani neutri: viene mescolato e imbottigliato in Bhutan, ma non distillato localmente. Questi sono prodotti dall'esercito Welfare Project in Gelephu, e il marchio principale è Special Courier, che è sorprendentemente gradevole.


Infrastrutture turistiche[modifica]

Tutte le città collegate da strade per automezzi hanno alberghi, anche se lo standard varia considerevolmente. Gli hotel con standard internazionali si trovano principalmente nelle zone turistiche o nelle principali città, mentre le sistemazioni a cinque stelle sono disponibili solo a Paro, Jakar, Punakha e Thimphu.

Le tariffe alberghiere indicate negli articoli della città sono rilevanti solo per le persone che hanno la residenza, l'esenzione dal visto o che stanno visitando il Paese come ospite invitato. Gli altri visitatori possono entrare nel paese solo come parte di un tour, per il quale le tariffe giornaliere sono fissate dalle autorità bhutanesi a circa 250 USD a persona a notte, a prescindere dalle tariffe dell'hotel (ad eccezione degli hotel molto costosi in cui viene aggiunto un supplemento).

Eventi e feste[modifica]

Danza del Signore della Morte a Paro
Una ballerina allo tshechu di Paro

Numerosi tshechu, o festival, si svolgono ogni anno per un massimo di cinque giorni ciascuno in luoghi diversi in tutto il Bhutan, come templi, monasteri e dzong. Questi di solito presentano sfarzi e costumi su larga scala, danze allegoriche, tiro con l'arco e musica. Queste feste sono tradizioni secolari che funzionano non solo come collegamenti con il passato, ma attirano un gran numero di turisti.

Uno tshechu è principalmente un evento religioso celebrato il "decimo giorno" (da cui il nome) di un mese del calendario lunare corrispondente al giorno di nascita di Guru Rinpoche (Guru Padmasambhava). Comunque il mese di tshechu dipende da luogo a luogo e da tempio a tempio. Gli tshechu sono grandi raduni sociali in cui persone provenienti da vari villaggi si riuniscono per assistere alle danze di maschere religiose basate su episodi risalenti all'VIII secolo dalla vita del Guru Padmasambhava e ricevere benedizioni dai lama. L'evento consiste anche di colorate danze bhutanesi e altri divertimenti.

Si dice che tutti devono frequentare uno tshechu e assistere almeno una volta alle danze della maschera per ricevere le benedizioni e lavare via i peccati. Ogni danza maschera eseguita durante gli tshechu ha un significato o una storia dietro. Nei monasteri le danze delle maschere vengono eseguite dai monaci e nei villaggi remoti vengono eseguite congiuntamente da monaci e uomini del villaggio. Tra i molti tshechu i più popolari in termini di partecipazione e pubblico sono quelli di Paro e Thimphu. Oltre alla gente del posto molti turisti da tutto il mondo sono attratti da questa cultura unica, colorata ed emozionante.

Tradizionalmente Paro e Thimphu sono stati i più popolari, ma i turisti si stanno rendendo conto velocemente che le feste rurali più piccole sono molto più intime.

Altri festival che si svolgono durante tutto l'anno sono:


Festività nazionali[modifica]

Le feste in Bhutan sono radicate nel lignaggio Drukpa del buddhismo Kagyu, nella dinastia dei Wangchuck e nel calendario tibetano. Anche le feste laiche, tuttavia, hanno una certa sfumatura religiosa, poiché le coreografie e le benedizioni religiose segnano questi giorni di buon auspicio.

Data Festività Note
2 gennaio Solstizio d'inverno (Nyilong o ཉིན་ལོང) Celebrato nel Bhutan occidentale
gennaio/febbraio Giornata tradizionale delle offerte (buelwa phuewi nyim) (1° giorno del 12° mese nel calendario tibetano) Un giorno per offrire cibo alle creature affamate. Celebrato in passato come nuovo anno nel Bhutan orientale, oggi è principalmente dedicato al ringraziamento di Shabdrung Ngawang Namgyal, il fondatore del Bhutan
21 febbraio Compleanno del Re Jigme Khesar Namgyel Wangchuck Memoriale della nascita del quinto Re (1980). Dura tre giorni
febbraio o marzo Capodanno bhutanese/tibetano (losar o ལོ་གསར) (1° giorno del 1° mese nel calendario tibetano) Dura 15 giorni
aprile o maggio Shabdrung Kuchoe (10° giorno del 4° mese nel calendario tibetano) Memoriale della morte di Shabdrung Ngawang Namgyal (1651)
2 maggio Compleanno del Re Jigme Dorji Wangchuck Memoriale della nascita del terzo Re (1929)
maggio o giugno Giornata del Parinirvāṇa del Buddha (15° giorno del 4° mese nel calendario tibetano) Memoriale buddhista (486 a.C.)
giugno o luglio Nascita di Guru Rinpoche (10° giorno del 5° mese nel calendario tibetano) Memoriale della nascita del fondatore del buddhismo tibetano
luglio o agosto Primo sermone del Buddha (4° giorno del 7° mese nel calendario tibetano) Memoriale del sermone tenuto a Sarnath (527 a.C.)
settembre Giornata della pioggia benedetta (thruebab) Durante la stagione monsonica
settembre o ottobre Dashain (1° giorno del 6° mese nel calendario hindi) Festività indù particolarmente diffusa anche in Nepal
1 novembre Incoronazione del Re Jigme Khesar Namgyel Wangchuck Memoriale dell'incoronazione del quinto Re (2008)
11 novembre Compleanno del Re Jigme Singye Wangchuck Memoriale della nascita del quarto Re (1955). Chiamata anche festa della Costituzione perché sotto il suo regno è stata diffusa
novembre Lhabab Duchen (22° giorno del 10° mese nel calendario tibetano) Festività buddhista che celebra il ritorno sulla terra del Buddha dal Nirvana
17 dicembre Giornata nazionale Memoriale dell'incoronazione del primo Re Ugyen Wangchuck (1907)

Per una lista completa e aggiornata è possibile consultare il sito dell'ente del turismo.

Sicurezza[modifica]

  • Mentre l'abuso di droghe, le bande di teppisti e la violenza domestica sono comuni nelle aree urbane, questi crimini si svolgono all'interno delle loro comunità e raramente, se non mai, colpiscono i turisti. In effetti il Bhutan rimane uno dei luoghi più sicuri al mondo per i turisti.
  • La polizia a Thimphu è piuttosto attiva, continua a fare ronde in giro per la città fino a tarda notte per garantire la sicurezza.
  • Gli orsi sono una minaccia nelle remote regioni montuose.
  • L'attività omosessuale tra adulti consenzienti è punibile con una pena detentiva fino a 1 anno per la legge bhutanese. Sebbene questa legge sia largamente non applicata, i viaggiatori LGBT dovrebbero esercitare discrezione.
  • I prodotti contenenti tabacco (sigarette, tabacco da masticare, ecc.) sono effettivamente vietati in tutto il Bhutan (che rimane l'unico paese al mondo a farlo) e le sanzioni per il possesso o l'uso possono essere severe.

Ambasciate e consolati[modifica]


Situazione sanitaria[modifica]

Le malattie trasmissibili, come la diarrea e le infezioni respiratorie acute sono le maggiori cause di mortalità. Si stanno peraltro diffondendo anche le malattie non trasmissibili. Nel 2004 il Bhutan è stato il primo Paese al mondo a vietare completamente il fumo nei luoghi pubblici. I cittadini Bhutanesi possono fumare all'interno delle loro case. È stata proibita la vendita di tabacco, ma i cittadini possono importare una certa quantità annua di sigarette per uso personale. Questa legge si applica anche agli stranieri. Se scoperti a vendere tabacco i residenti dovranno pagare multe salate.

  • Ospedali e cliniche si trovano in tutto il Paese, anche nelle zone più remote. Tuttavia i viaggiatori non dovrebbero aspettarsi strutture all'ultimo grido e in molte delle unità sanitarie di base il medico residente è spesso fuori.
  • Strutture mediche indigene si trovano in tutte le capitali del distretto, con la più grande a Thimphu, quindi è anche possibile avere disturbi diagnosticati e trattati con composti a base di erbe naturali, mentre si è in Bhutan.
  • Malattie trasmesse dall'acqua come diarrea, dissenteria, giardiasi e persino tifo non sono rare in Bhutan, specialmente durante la stagione dei monsoni estivi. Pertanto, assicurarsi che tutta l'acqua sia stata completamente bollita o altrimenti purificata prima di consumarla.
  • Per i casi di emergenza è consigliabile portarsi dietro il materiale di pronto soccorso, che potrebbe includere alcuni antibiotici e paracetamolo.
  • Malattia da altitudine può colpire a partire da 2.500 m quindi è bene esserne consapevoli prima di intraprendere spedizioni in montagna. Se si soffre di palpitazioni, mancanza di respiro o forti mal di testa, informare immediatamente la guida e dirigersi verso un'altitudine inferiore. Prendere sul serio il mal di montagna che può uccidere.
  • Lo standard igienico è accettabile nelle aree turistiche. Tuttavia è probabilmente saggio avere con sé medicine per i disturbi di stomaco.
  • Cani randagi sono diffusi a Thimphu (e in misura minore in molte altre città). La maggior parte degli animali è estremamente docile e ci sono pochissimi casi di turisti che vengono morsi. Tuttavia è meglio eccedere nelle precauzioni e non disturbare gli animali. Inoltre, se morsi, bisogna immediatamente farsi somministrare una vaccinazione antirabbica. Sebbene l'incidenza della malattia non sia comune, si rivela inevitabilmente fatale se non trattata.
  • Malaria e febbre dengue non sono problemi comuni in Bhutan, anche se ci sono epidemie nelle regioni di confine indiane durante la stagione dei monsoni estivi.


Rispettare le usanze[modifica]

  • Al re e all'ex re viene portato un grande rispetto in Bhutan. È consigliabile tenerlo presente quando si conversa con la gente del posto.
  • Oggetti sacri — Passa sempre Pietre Mani, stupa e altri oggetti religiosi con la mano destra e gira le ruote di preghiera in senso orario. Non sedersi mai su Pietre Mani o stupa.
  • Abbigliamento — Quando visiti i templi, rimuovere scarpe e copricapo e indossare abiti che esprimano rispetto per la natura sacra del sito. È necessario indossare pantaloni e magliette lunghe.
  • Donazioni — Nei monasteri è consuetudine fare una piccola donazione ai monaci come segno di rispetto; e anche alle statue buddiste come mezzo per sviluppare una mente generosa e spaziosa. Ci sono molti posti in ogni tempio dove è possibile lasciare donazioni e se lo aspettano ogni volta. Ricorda di avere piccole banconote per questo gesto, che tuttavia non è obbligatorio.
  • Fumo — È illegale fumare nei monasteri e nei luoghi pubblici.
  • Tabacco — I prodotti contenenti tabacco (sigarette, tabacco da masticare, ecc.) sono effettivamente vietati in tutto il Bhutan (che rimane l'unico paese al mondo a farlo) e le sanzioni per il possesso o l'uso possono essere severe.
  • Il proselitismo è illegale in Bhutan ed è stato punito con pene detentive fino a 3 anni. Il rispetto dovrebbe essere accordato alla religione di Stato del buddhismo Vajrayana.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Il codice postale del Bhutan è a 5 cifre numeriche che indicano quanto segue:

  • La prima cifra indica la regione.
  • La seconda cifra indica lo Dzongkhag
  • La terza cifra indica il Dungkhag sotto un Dzongkhag (0 qualora alcun Dungkhag si coinvolto)
  • Le ultime due cifre indicano l'area di consegna, ad esempio l'ufficio generale delle poste (GPO da General Post Office), l'ufficio postale (PO da Post Office) o l'ufficio postale di comunità (CMO da Community Mail Office).

Gli uffici postali osservano il seguente orario:Lun-Ven 09:00-16:00 e Sab 09:00-13:00.

Telefonia[modifica]

Le cabine telefoniche sono presenti nelle principali città del Bhutan

Internet[modifica]

Il WiFi è facilmente disponibile nella maggior parte degli hotel in tutto il Paese. Molti degli internet café offrono anche il WiFi. La maggior parte dei centri di popolazione dispone di internet café, anche se sono relativamente costosi e la connessione è lenta. Assicurati che il tuo agente di viaggio trovi in ​​anticipo un internet café appropriato se hai bisogno di una connessione per il lavoro.

La maggior parte del Bhutan ha una copertura di telefonia mobile, che è in grado di servire smart phone. B-Mobile ha accordi con l'America del Nord, alcuni Paesi asiatici ed europei per il roaming. Tashi Cell è un'altra azienda mobile con sede nel Paese.

I turisti possono ora registrarsi rapidamente e facilmente per una SIM B-Mobile valida per 1 mese. È sufficiente portare il passaporto in un ufficio B-Mobile. La carta SIM costa 50 Nu. e viene fornita con un credito di 50 Nu. Chiedere di attivare 3G e l'accesso ai dati mentre si è lì e testarlo prima di ripartire. Non ci sono piani dati di per sé, ma la tariffa è accessibile secondo gli standard internazionali (0.0003 Nu./KB). L'unica taglia disponibile della scheda SIM è quella standard, ma alcuni uffici riescono ad adattarle per gli iPhone. Le carte di ricarica B-Mobile possono essere acquistate in svariati negozi.

Tenersi informati[modifica]

  • Kuensel — Un giornale parzialmente di proprietà del governo con una storia di quarant'anni. Kuensel è pubblicato quotidianamente.
  • Bhutan Broadcasting Service (BBS) — La stazione televisiva ufficiale.
  • The Bhutan Times — Una fonte indipendente di natura commerciale di notizie sul Bhutan. BT è pubblicato settimanalmente ogni domenica.
  • The Bhutan Observer — Una fonte indipendente di notizie sul Bhutan. Un giornale di tendenza sociale con storie approfondite. BO è pubblicato settimanalmente ogni venerdì.
  • Radio Valley — La prima stazione radio FM privata del Bhutan. Un programma chiamato "With Love From Home" può essere ascoltato online.
  • Kuzoo FM — Un canale radio in lingua inglese con un mix di musica orientata ai giovani e programmi di discussione. Sintonizzabile alla frequenza FM 105.
  • Centennial Radio — Un programma in inglese e dzongkha.
  • Yiga Radio — Ascoltabile in streaming o sulla frequenza FM 94.7.


Altri progetti

Asia
AsiaContour coloured.svg Afghanistan · Arabia Saudita · Armenia · Azerbaigian · Bahrain · Bangladesh · Bhutan · Birmania · Brunei · Cambogia · Cina · Corea del Nord · Corea del Sud · Emirati Arabi Uniti · Filippine · Georgia · Giappone · Giordania · India · Indonesia · Iran · Iraq · Israele · Kazakistan · Kirghizistan · Kuwait · Laos · Libano · Maldive · Malesia · Mongolia · Nepal · Oman · Pakistan · Qatar · Russia · Singapore · Siria · Sri Lanka · Stato di Palestina · Tagikistan · Taiwan · Thailandia · Timor Est · Turchia · Turkmenistan · Uzbekistan · Vietnam · Yemen