Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Penisola iberica > Spagna > Spagna centrale > Madrid (comunità autonoma) > Madrid

Madrid

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Madrid
Madrid
I giardini del Retiro
Stemma e Bandiera
Madrid - Stemma
Madrid - Bandiera
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa della Spagna
Madrid
Madrid
Sito del turismo
Sito istituzionale

Madrid è la capitale della Spagna.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Dopo Londra e Berlino, Madrid è la terza area urbana più popolata dell'Unione europea ed è anche una delle più alte capitali europee, infatti si trova a 655 m s.l.m.

Sul marciapiede di Puerta del Sol si trova una targa che indica il chilometro zero, da cui si misurano le distanze dalle altre località spagnole.

Quando andare[modifica]

Il periodo migliore per visitare Madrid è tra marzo e maggio oppure nei mesi di settembre-ottobre. Secondo le guide blasonate l'inverno può essere rigido così chi scrive è partito di gennaio ben infagottato convinto di sopravvivere alla morsa del gelo madrileno. Invece ha avuto la ventura di incappare in giornate dal tepore tipicamente primaverile. Se non volete incorrere nello stesso errore, consultate un servizio on line di previsioni del tempo prima di partire. È la soluzione migliore,

Su una cosa non ci piove: il clima di Madrid è gradevolmente secco in ogni stagione dell'anno.

Cenni storici[modifica]

Al tempo del dominio dei Mori Madrid o Mayrit, come era allora chiamata, era un semplice avamposto militare a difesa di Toledo contro la riscossa dei regni cristiani che avanzavano minacciosamente verso sud. Intorno l'Alcazar che si ergeva là ove oggi sta il palazzo reale, sorse presto una medina con qualche moschea. Di quel periodo non rimangono che le "Muralla Árabe", un tratto di mura che sta dietro l'abside della cattedrale, lungo la Cuesta de la Vega.

Madrid fu comunque espugnata nel 1085 dal re cristiano Alfonso VI di Castiglia. Alle truppe seguirono i religiosi che fondarono varie confraternite. Tra questi San Isidro Labrador che poi divenne il patrono della città. I Mori tentarono di riprendersela nel 1109 ma furono respinti.

Nel 1202 Madrid ottenne lo status di città ma non fu che sotto Filippo II che cominciò ad espandersi. Il sovrano infatti la scelse a sorpresa come capitale nell'anno 1561 attratto probabilmente dalla sua posizione, al centro della penisola iberica.

In epoca medievale e poi asburgica Madrid si espanse seguendo una direttiva verso est. A quel periodo risale la plaza Mayor, il luogo dove il tribunale delle inquisizioni teneva le sue sedute ma anche il luogo dove erano allestiti i roghi per quanti erano stati riconosciuti colpevoli.

Fu però solo con l'avvento dei Borboni che la città assunse l'aria di una grande capitale grazie all'apertura di viali e piazze di ampio respiro sui quali si affacciavano lussuosi palazzi nobiliari. In particolare fu il re Carlo III [1716 – 1788] a preoccuparsi dell'urbanistica della sua città. Per questa sua alacrità Carlo III ricevette il nomignolo di "el rey alcalde", ovvero il re-sindaco. Gli interventi urbanistici dell'epoca interessarono soprattutto la zona intorno ai Jardines del Retiro, nota come prado (prato) in epoca asburgica. La fontana di Cibele, uno dei simboli di Madrid, fu inaugurata nel 1782.

A metà '800 fu varato un piano urbanistico detto "ensanche" (ampliamento), in conseguenza del quale sorse, a est del Paseo de la Castellana, il quartiere alto borghese di Salamanca con pianta a scacchiera. Ancora oggi il barrio di Salamanca è considerato come uno dei più eleganti della città.

Sempre intorno al 1860 fu elaborato un progetto urbanistico che prevedeva lo sventramento del vecchio centro ma il piano non fu approvato che nel 1904. Quattro anni più tardi fu inaugurato il primo tratto della Gran Via di Madrid, a partire dal Calle de Alcala. L'ultimo segmento fino alla plaza de Espana fu completato solo nel 1929. Oggi la Gran Via di Madrid è famosa per i suoi music halls oltre che per i magnifici palazzi Art Deco.

Nel periodo della dittatura franchista furono costruiti i grattacieli che si elevano nella Plaza de España. Dal 1970 in poi cominciò a svilupparsi il quartiere AZCA, il business district di Madrid

Come orientarsi[modifica]

Centro[modifica]

Il Centro di Madrid è tagliato in due dalla Gran Via di Madrid e dal suo proseguimento, Calle de Alcalà. Entrambe le arterie hanno un andamento nord-ovest sud-est.

Il Paseo del Prado ha invece un andamento sud-nord e va dalla stazione ferroviaria di Atocha alla plaza de Cibeles, oltrepassata la quale, muta il nome in Paseo de Rocoletos e ancora in Paseo de la Castellana per terminare dopo 6 km alla stazione ferroviaria di Chamartin.

Il centro di Madrid appare pertanto limitato ad est dal paseo del Prado e ad ovest dal rio Manzanarres.

Il suo confine meridionale è invece costituito da "Las Rondas", strade curvilinee che seguono il tracciato delle mura che un tempo cingevano Madrid.

Zona sud del centro[modifica]

La zona a sud della Gran Via raccoglie molti dei monumenti cittadini risalenti ad epoca medievale e asburgica.

Ad essa ci si riferisce comunemente come la "Madrid de los Austrias".

Puerta del Sol è il cuore del centro storico. Qui si trova la targa che indica il chilometro zero da cui si misurano le distanze con le altre città spagnole. Vi si affaccia il palazzo "Casa de Correos", oggi sede della Comunità di Madrid. Fu edificato tra il 1766 e il 1768 dall'architetto francese Jaime Marquet ed è caratterizzata dal color rosso e dalla torre con l'orologio. Al centro stanno la "Estatua ecuestre de Carlos III" e la "Estatua del Oso y el Madroño" raffigurante un orso, simbolo della città di Madrid e opera di Antonio Navarro Santafé.

Huertas è un piccolo quartiere a est della Puerta do Sol, uno dei tanti in cui si incentra la movida madrilena.

Casa de la Panadería in Plaza Mayor
  • Plaza Mayor è tra le più famose piazze della vecchia Madrid. Ha forma rettangolare ed è contornata da edifici a portici in stile Herrerano, dal nome dell'architetto che la designò, Juan de Herrera (1530-1597), lo stesso che realizzò il palazzo dell'Escurial. La piazza fu poi ultimata da Juan Gomez de la Mora nel 1617. Tra i palazzi spicca la Casa de la Panadería, la cui facciata è adorna di dipinti allegorici. Al centro di Plaza Mayor sta la statua equestre di Filippo III, realizzata da Giovanni da Bologna e dal suo allievo Pietro Tacca nel 1606. Sulla piazza si tenevano i processi dell'Inquisizione ma anche parate, corride ed esecuzioni capitali.
Plaza de la Villa

In piazza Mayor ebbe luogo l'esecuzione di Rodrigo Calderon, segretario di Filippo III. La zona intorno a questa bella piazza è oggi rinomata per i numerosi locali che servono ottimi bocadillos de calamares (panini con calamari fritti).

  • Plaza de la Villa è la piazza più antica della città. È circondata su tre lati da palazzi in stile barocco-madrileno del XVII secolo:, il municipio Casa de la Villa, la Torre de los Lujanes del '400 e la Casa de Cisneros.

Nel settore a sud del centro sono dislocati anche i barrios popolari Lavapiés e La Latina dove abitano i Castizos, ovvero gli autentici madrileni.

Zona ovest del centro[modifica]

Plaza de Oriente e il Teatro Reale
  • Plaza de Oriente, dominata da un lato dal Palacio Real e dall'altro dal Teatro Real
  • Plaza de España dominata dall'architettura franchista, come la Torre Madrid e l'Edificio España. Al centro sorgono le tre statue del 1928 che rappresentano Cervantes, Don Chisciotte e Sanzo Panza. Metro: linea 3 gialla e 10 blu.
  • Quartiere di Argüelles situato a nord di Plaza de España,

Zona nord del centro[modifica]

Il settore a nord della Gran Via è occupato dai barrios Malasaña e Chueca, divisi fra loro dal Calle de Fuencarral, la strada ove si concentrano parecchi "hostal" economici.

  • Chueca è il quartiere tra la Gran Via di Madrid e il Paseo de Recoletos. È dedicato a Federico Chueca, compositore di zarzuela (operette) vissuto nella II metà del XIX secolo. Ha fama di essere il quartiere gay di Madrid. I primi locali per la comunità gay aprirono i battenti nel 1980 favoriti dal degrado che aveva subito il quartiere nel decennio precedente, quando prostituzione e droghe dilagavano costringendo molti commercianti a chiudere bottega. Oggi il barrio si è rivalutato. A Chueca si svolge a giugno il Gay Pride.
Plaza de Cibeles

Zona est del centro[modifica]

  • Plaza de Cibeles — Dominata dal lezioso Palazzo municipale, Plaza de Cibeles è all'incrocio di importanti viali, quali il Paseo del Prado, il Calle de Alcala
  • Prado — Paseo del Prado è la zona dei musei molti dei quali sono stati allestiti in sontuosi palazzi nobiliari di epoca borbonica.
  • Barrio de Salamanca — Il quartiere elegante di Madrid che porta il nome del marchese che lo costruì, investendovi enormi somme di denaro che ne determinarono la rovina.
  • AZCA — Incentrata intorno la stazione metro di Nuevos Ministerios, AZCA è il business district di Madrid, caratterizzato da moderni grattacieli che accolgono centri commerciali o sedi dei più importanti istituti bancari del paese.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • 1 Aeroporto di Madrid-Barajas. L'aeroporto di Madrid-Barajas (MAD) è a 12 km dal centro città. È collegato alla rete metro dalla linea 8 (rosa) della metropolitana. Per raggiungere il centro della città, cioè Puerta del Sol, sarete costretti a cambiar treno 3 volte. La stazione di interscambio "Nuevos Ministerios". Al 2011 il biglietto metro costava 2€.
Si può raggiungere il centro città anche con il bus. L'EMT di Madrid, mette a disposizione una linea apposita: l'Expres Aeropuerto, che collega l'aeroporto a Madrid con tre fermate: O'Donnel, Plaza Cibeles e Atocha. Il biglietto costa 5 euro e la frequenza dei bus è di circa 10-12 minuti.
I collegamenti aerei da città italiane all'aeroporto di Barajas erano operati al 2018 dalle compagnie riportate di seguito:

In auto[modifica]

Le principali strade che raggiungono la capitale spagnola sono: A1 Madrid-Burgos-Irún, A2 Madrid-Barcellona-La Junquera, A3 Madrid-Valencia, A4 Madrid-Siviglia, A5 Madrid-Badajoz e A6 Madrid-La Coruña.

In treno[modifica]

Giardino tropicale all'interno della stazione di Atocha
  • 2 Stazione di Madrid Atocha. La stazione ferroviaria di Atocha (da vedere anche come attrazione turistica) si trova a pochi passi dal Museo Reina Sofia e del Parque de El Retiro, mentre la stazione di Príncipe Pío si trova nei pressi del Tempio di Debod, Campo del Moro e Palazzo Reale. Stazione di Madrid Atocha su Wikipedia Atocha Renfe (Q23093) su Wikidata

In autobus[modifica]

Estacion Sur

Tra le principali stazioni di autobus extraurbani di Madrid sono:

  • 3 Estación Sur de Autobuses, Calle de Mendez Alvaro (Stazione Méndez Álvaro). La più grande di Madrid. Vi fanno capolinea gli autobus internazionali e altri provenienti dalle regioni meridionali della Spagna. Estación Sur Bus Station (Q16564381) su Wikidata
  • 4 Estación de Moncloa. Vi fanno capolinea gli autobus provenienti dalle regioni settentrionali della Spagna, principalmente da León, Valladolid, Palencia e Segovia. Moncloa (metropolitana di Madrid) su Wikipedia Moncloa (Q2449141) su Wikidata

Le principali compagnie di autobus extraurbani che operano alle succitate stazioni sono:

  • ALSA la più importante di Spagna con molte destinazioni nazionali e internazionali
  • SAMAR molte destinazioni internazionali
  • EUROLINES
  • CONTINENTAL AUTO Da Madrid a molti centri del nord e del sud della Spagna
  • LA SEPULVEDANA - Collega la capitale con centri della Sierra Norte e con Salamanca


Come spostarsi[modifica]

La Comunità di Madrid ha un'ottima rete di trasporti pubblici e per avere tutte le informazioni necessarie per gli spostamenti si può semplicemente dare un'occhiata al sito Sistema de Información de Trasportes de Madrid.

Con mezzi pubblici[modifica]

Mappa della metropolitana di Madrid

Tutte le zone di Madrid sono collegate da oltre 100 linee di autobus EMT e 12 linee della metropolitana:

  1. Azzurra da Pinar de Chamartín a Valdecarros
  2. Rossa da Las Rosas a Cuatro Caminos
  3. Gialla da Villaverde Alto a Moncloa
  4. Marrone da Argüelles a Pinar de Chamartín
  5. Verde da Alameda de Osuna a Casa de Campo
  6. Grigia circolare
  7. Arancione da Hospital del Henares a Pitis
  8. Rosa da Nuevos Ministerios al terminal T4 dell'aeroporto
  9. Viola da Arganda del Rey a Paco de Lucía
  10. Blu da Hospital Infanta Sofía a Puerta del Sur
  11. Verde scuro da Plaza Elíptica a La Fortuna
  12. Sabbia MetroSur

Per utilizzare la metropolitana è indispensabile procurarsi la Tarjeta Multi, una tessera magnetica formato carta di credito nella quale si possono caricare i titoli di viaggio. La tessera ha un costo di 2,50€ ed è reperibile nei distributori automatici presenti in tutte le stazioni. Il biglietto di corsa semplice costa tra 1,50 e 2€, a seconda del numero di stazioni toccate nel viaggio, con supplemento di 3€ per l'aeroporto. È possibile e spesso conveniente comprare il biglietto metrobus valido per 10 corse (sia sull'autobus che sulla metro) al costo di 12,20€ o l'abbonamento turistico (vedi prossimo paragrafo). L'abbonamento mensile per l'autobus e metro parte da 54,60€ in base alle zone, mentre per i ragazzi sotto i 26 anni ha una tariffa unica di 20€, indipendentemente dalle zone.

Abbonamento turistico[modifica]

Il biglietto turistico è valido per gli autobus pubblici, metro e ferrovie all'interno dell'area prescelta (zona A o zona T). I ragazzi sotto gli 11 anni di età hanno diritto alla riduzione del biglietto del 50%. Di seguito i costi del biglietto:

Giorni zona A zona T
1 8,40 € 17,00 €
2 14,20 € 28,40 €
3 18,40 € 35,40 €
4 22,60 € 43,00 €
5 26,80 € 50,80 €
7 35,40 € 70,80 €


Con tour guidati[modifica]

Il Bus turistico Madrid Vision propone due itinerari: l'itinerario Storico (rosso) l'itinerario Moderno (blu). Il biglietto per gli adulti costa 16 € per 1 giorno o 20,50 € per due giorni, mentre i ragazzi dai 7 ai 16 anni e gli over 65 pagano 8,50 € per 1 giorno o 11 € per 2 giorni, under 6 gratis.

  • Madrid Storica: Teatro Reale - Palazzo Reale - Porta di Toledo – San Francisco – Piazza Mayor - Porta del Sol, 5 - Circolo di Belle Arti - Museo Thyssen - Museo Reina Sofía - Atocha - Giardino Botanico - Museo del Prado – Paseo de Alfonso XII - Porta di Alcalá – Quartiere Barrio de Salamanca - Piazza Colón - Piazza di Cibeles - Gran Vía, 14 - Gran Vía 32 - Gran Vía 54 - Piazza España - Tempio di Debod.
  • Madrid Moderna: Museo del Prado - Piazza di Cibeles - Piazza Colón - Museo di Scultura - Museo delle Scienze Naturali - Complesso Azca - Piazza di Lima - Santiago Bernabeu - C.S.I. Centro Superiore di Ricerca Scientifica - Museo Lázaro Galdiano - ABC Serrano - El Corte Inglés - Museo Archeologico - Porta di Alcalá - Alcalá, 39 - Las Cortes (Parlamento)


Cosa vedere[modifica]

Se avete un budget limitato date un'occhiata all'articolo Madrid economica dove troverete consigli su musei gratuiti, nonché mangiare e dormire spendendo il meno possibile.

La Madrid Card propone l'ingresso gratuito a oltre 40 musei e monumenti e diversi sconti. Il costo è decisamente molto più caro rispetto a Barcellona in quanto per 24 ore è di 42 €, per 48 ore 55 € e per 72 ore 68 €, ma include tutti i principali musei della città e anche l'autobus turistico Madrid Vision.

La tessera Paseo del Arte, al costo di 25,6 € , consente l'ingresso ai tre principali musei dell'arte: Museo Nazionale del Prado, Museo Thyssen-Bornemisza e Museo Nazionale Centro d'Arte Reina Sofia.

Settore orientale del centro[modifica]

Paseo del Prado e adiacenze[modifica]

Museo del Prado
  • 1 Museo Nacional del Prado, Paseo del Prado (Metro: Banco de España o Atocha. Bus: 9, 10, 14, 19, 27, 34, 37 e 45), +34 91 3302800. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 6 €, ridotto 3 €, gratis da martedì a sabato dalle 18 alle 20 e la domenica dalle 17 alle 20 e nei giorni 2/5, 18/5, 12/10, 19/11 e 6/12, tessera annuale 36 €. Audioguida: collezione permanente o temporanea 3,50 €, entrambe 5 €, anche in italiano. Simple icon time.svg Mar-Dom e festivi 9:00-20:00; 1/6, 24/12 e 31/12 9:00-14:00, chiuso il 1/1, 1/5, 25/12 e Venerdì Santo. Il museo del Prado è uno dei principali musei d'arte al mondo. Al suo interno sono esposte opere di Raffaello, Goya, El Greco, Velazquez, Tiepolo, Tiziano, Rubens e Rembrant. Per visitarlo concedetevi minimo due ore di tempo. Museo del Prado su Wikipedia Museo del Prado (Q160112) su Wikidata
Museo Thyssen-Bornemisza
Museo Reina Sofia
  • 2 Museo Thyssen-Bornemisza, Paseo del Prado 8 (Metro: Banco d'España o Sevilla), +34 91 3690151. Ecb copyright.svg Ingresso: 6 € adulti, 4 € studenti e over 65, gratis under 12. Audioguida: 4 €, anche in italiano. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-19:00, il 24 e 31 dicembre 10:00-15:00, chiuso Lun e 1/1, 1/5 e 25/12. Esposizione di circa 1.000 opere di artisti europei dal XIII al XX secolo, tra cui anche Degas, Monet, Pisarro, Toulouse-Lautrec, Chagall, Kandinsky, Klee, Mirò, Picasso, Matisse, Gauguin, Van Gogh, e Hopper. La visita alla collezione ha inizio al secondo piano dove sono esposte opere del Rinascimento e del periodo classico, mentre il primo piano è dedicato al Realismo e verso la fine all'Impressionismo, Post-impressionismo ed Espressionismo. Il percorso termina al piano terra con il Cubismo e la Pop Art. Per visitarlo prendetevi almeno due ore di tempo. Museo Thyssen-Bornemisza su Wikipedia Museo Thyssen-Bornemisza (Q176251) su Wikidata
  • 3 Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Calle Santa Isabel 52, +34 91 7741000. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 6 €, ridotto 3 €, gratis under 18, over 65 e sabato dalle 14.30 alle 21, domenica e nei giorni 18/5, 12/10 e 6/12. Simple icon time.svg Lun, Mer-Sab 10:00-21:00, Dom 10:00-14:30, chiuso Mar e nei giorni 1/1, 6/1, 1/5, 15/5, 9/9, 24/12, 25/12 e 31/12. Propone una vasta collezione di arte spagnola contemporanea in cui spicca in assoluto la Guernica di Picasso. Oltre alle opere di Picasso sono esposti anche i dipinti di Dalì, Mirò e Tàpies ma anche alcune opere di artisti internazionali come Ernst, Fontana e Kandinsky. Per visitare la collezione permanente calcolate minimo tre ore di tempo. Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía su Wikipedia Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía (Q460889) su Wikidata
  • 4 Casa Museo Lope de Vega, Calle de Cervantes, 11. Dedicata al noto poeta e drammaturgo madrileno Lope Félix de Vega y Carpio, che qui trascorse gli ultimi 25 anni della sua vita. House-Museum of Lope de Vega (Q948580) su Wikidata
Ingresso al museo Caixa Forum
Puerta de Alcalá
  • 5 Caixa Forum, Paseo del Prado 36, +34 91 3307300. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-20:00. Spazio espositivo dedicato prevalentemente all'arte contemporanea. CaixaForum Madrid su Wikipedia CaixaForum Madrid (Q1026041) su Wikidata
  • 6 Puerta de Alcalá, Plaza de la Independencia (All'entrata nord-ovest del Parque del Buen Retiro). Puerta de Alcalá su Wikipedia Puerta de Alcalá (Q1140634) su Wikidata
  • 7 Museo Naval, Paseo del Prado 5 (Ingresso gratuito. Metro: linea 2 rossa con fermata a Banco de España. Bus: 1, 2, 14, 15, 20, 27, 37, 51, 146, 202 e 522), +34 91 5238789. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-14:00, chiuso Lun, mese di agosto e nei giorni 1/1, 1/5, 15/, 16/7, 9/11, 24/12, 25/12, 31/12, Giovedì e Venerdì Santo. Museo navale di Madrid (Q1815235) su Wikidata


Facciata della chiesa de Los Jerónimos
Palazzo di Cristallo
  • 8 Parco del Buen Retiro. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Maggio-ottobre 6:00-24:00, novembre-aprile 6:00-22:00. Un grande parco che si estende lungo tutta la zona orientale del Paseo del Prado. Nel suo interno sono da vedere il laghetto principale con il monumento ad Alfonso XII di Spagna, il Palazzo di Velázquez e il Palazzo di Cristallo che è sicuramente l'attrazione principale del parco. Il Palazzo di Cristallo fu costruito in ferro e cristallo nel 1887 per ospitare la serra delle piante esotiche durante l'esposizione delle isole Filippine, mentre oggi viene utilizzato per piccole esposizioni temporanee. Nella parte meridionale del parco c'è anche la fontana dell'Angelo caduto che è una delle rare statue al mondo che rappresentano Lucifero. Parco del Retiro su Wikipedia parco del Retiro (Q1131807) su Wikidata
  • 9 Real Jardín Botánico, Plaza de Murillo, 2 (Metro: Atocha. Bus: 10, 14, 19, 24, 26, 27, 32, 34, 45, 57, 140 e Circular), +34 91 4203017. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 2 €, ridotto 1 €, gratis under 10 e over 65. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-tramonto, chiuso a Natale e Capodanno. Creato nel 1755, si trova a due passi dal museo Prado e dal Parco del Buen Retiro. Real Jardín Botánico de Madrid su Wikipedia Real Jardín Botánico de Madrid (Q1794858) su Wikidata
  • 10 Iglesia de san Jerónimo el Real, Calle de Moreto 4 (Dietro al museo Prado). Chiesa di San Jerónimo el Real su Wikipedia chiesa di San Jerónimo el Real (Q7414379) su Wikidata


Quartiere di Salamanca, Paseo de Recoletos, Paseo de la Castellana[modifica]

Facciata del museo Archeologico Nazionale
Sala del Museo Arqueologico Nacional
  • 11 Museo Arqueologico Nacional, Calle de Serrano, 13 (Metro: Serrano (linea 4 marrone) e Retiro (linea 2 rossa). Bus: 1, 9, 19, 51 e 74), +34 091 5777912. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Mar-Sab 9:30-20:00, Dom e festivi 9:30-15:00, chiuso Lun e nei giorni 1/1, 6/1, 1/5, 9/9, 24/12, 25/12 e 31/12. Istituito nel 1867 su decreto reale, ma solo nel 1895 la collezione trovò sede definitiva nell'odierno palazzo che condivide con la Biblioteca Nazionale. Museo archeologico nazionale di Spagna su Wikipedia Museo archeologico nazionale di Spagna (Q1352282) su Wikidata
  • 12 Museo Nacional de Antropologia, Calle de Alfonso XII, 68, +34 091 5306418. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 2,40€, ridotto 1,20€, gratuito sabato dalle 14.30 e la domenica. Simple icon time.svg Mar-Sab 9:30-20:00, Dom e festivi 10:00-15:00. Il primo museo spagnolo nel suo genere. Museo Nacional de Antropología (Q2917041) su Wikidata
  • 13 Museo De Cera (Museo delle Cere), Paseo de Recoletos, 41, +34 91 3192649. Ecb copyright.svg Ingresso: adulti 15 €, bambini dai 4 ai 10 anni e over 60 10 €. Simple icon time.svg Lun-Ven 10:00-14:30 e 16:30-20:30, Sab-Dom e festivi 10:00-20:30. Wax Museum of Madrid (Q47144724) su Wikidata
  • 14 Museo de la Ciudad, Calle Principe de Vergara 140 (Metro: Cruz del Rayo. Bus: 1, 9, 29, 52 e 73), +34 91 5886599. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Mar-Ven 9:30-20:00, Sab-Dom 10:00-14:00, chiuso Lun e per le festività. Museo de Historia de Madrid (Q876383) su Wikidata
Museo Lázaro Galdiano
  • 15 Museo Lázaro Galdiano, Calle de Serrano, 122, +34 91 5616084. Simple icon time.svg Mer-Lun 10:00-16:30, chiuso Mar e nei giorni 1/1, giovedì e venerdì Santo, 1/5, 2/5, 15/8, 1/11, 6/12, 24/12, 25/12 e 31/12. Inaugurato nel 1951. Museo Lázaro Galdiano su Wikipedia Museo Lázaro Galdiano (Q386570) su Wikidata
  • 16 Museo Nacional de Artes Decorativas, Calle de Montalbán, 12, +34 91 5326499. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 2,40 €, ridotto 1,20 €, gratuito di domenica e nelle giornate di 18/5, 12/10 e 6/12. Simple icon time.svg Mar-Sab 9:30:00-15:00, Dom e festivi 10:00-15:00, chiuso Lun e nei giorni di 1/1, 1/5, 24/12, 25/12, 31/12 e festività locali. Museo Nacional de Artes Decorativas (Q5361303) su Wikidata
  • 17 Museo Nacional de Ciencias Naturales, Calle de José Gutiérrez Abascal, 2 (Metro: Gregorio Marañón, Nuevos Ministerios, Ríos Rosas. Bus: 7, 12, 14, 27, 40, 45, 147 e 150), +34 91 4111328. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 5 €, ragazzi dai 4 ai 14 anni 3 €. Simple icon time.svg Mar-Ven 10:00-18:00, Sab 10:00-20:00 (luglio e agosto 10:00-15:00), Dom e festivi 10:00-14:30, chiuso Lun e nelle giornate di 1/1, 6/1, 1/5 e 25/12. National Museum of Natural Sciences (Q1966699) su Wikidata
  • 18 Jardines del Descubrimiento. Inaugurati nel 1970, i "Jardines del Descubrimiento" ornano la piazza intitolata a Cristoforo Colombo (Plaza de Colón) e sono dedicati alla scoperta (Descubrimiento) dell'America. (Q5926324) su Wikidata


Gran Via & Calle de Alacalá[modifica]

Sala espositiva dell'Accademia reale delle Belle Arti di San Fernando
  • Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, C/ Alcalá 13 (Metro: Sol o Sevilla. Bus: fermata Puerta del Sol 3, 5, 15, 20, 51, 52, 53 e 150), +34 091 5240864. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 3 €, ridotto 1,50 €, gratuito under 18 e over 65, gratuito il mercoledì non festivi e nei giorni 18/5, 12/10 2 6/12. Simple icon time.svg Mar-Ven 9:00-19:00, Sab 9:00-14:30 e 16:00-19:00, Lun, Dom e festivi 9:00-14:30, chiuso nei giorni 1/1, 1/6, 1/5, 15/5, 30/5, 9/9, 9/11, 24/12, 25/12 e 31/12. Collezione di dipinti dei secoli dal XVI al XIX, tra cui opere di Goya, Ribera, Rubens, Van Loo, Velásquez e Sorolla. Per visitarlo ritagliatevi circa un'ora e mezzo di tempo. Real Academia de Bellas Artes de San Fernando su Wikipedia Real Academia de Bellas Artes de San Fernando (Q1322403) su Wikidata
  • 19 Edificio Telefónica, Gran Vía 28, +34 91 5226645. Simple icon time.svg Mar-Dom 11:00-21:00; nei giorni 6/24/31 dicembre 11:00-14:00; chiuso il 1/1, 6/1 e 25/12. Collezione di arte contemporanea e tecnologia storica. Edificio Telefónica su Wikipedia Edificio Telefónica (Q2092717) su Wikidata
  • 20 Edificio Metrópolis (All'incrocio tra calle de Alcalá e la Gran Vía). Inaugurato nel 1911. Edificio Metrópolis su Wikipedia Edificio Metrópolis (Q465250) su Wikidata
  • 21 Palacio de la Prensa. Progettato dall'architetto Pedro Muguruza Otaño, si erge su Plaza del Callao (sulla Gran Vía). Palacio de la Prensa (Q6058321) su Wikidata


A sud della Gran Via[modifica]

Monasterio de la Encarnación
Monasterio de las Descalzas Reales
Basílica de San Francisco
Colegiata de San Isidro
Iglesia de San Ginés de Arlés
Museo de San Isidro
  • 22 Monasterio de Nuestra Señora de la Consolación (Monasterio de las Descalzas Reales), Plaza de las Descalzas (Metro: Ópera (linee 2 e 5). Bus: 3, 25, 39 e 148), +34 91 4548800. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 5 €, ridotto 4 €. Simple icon time.svg Mar-Sab 10:30-12:45 e 16:00-17:45, Dom 11:00-13:45, chiuso Lun, Ven pomeriggio e principali festività. Monastero di monache Clarisse di clausura fondato nel 1559 da Giovanna d'Austria. Monastero de las Descalzas Reales su Wikipedia Monastero de las Descalzas Reales (Q2268271) su Wikidata
  • 23 Monasterio de la Encarnación, Plaza de la Encarnación 1 (Fermata metro Ópera sulle linee 2 e 5. Bus: 3, 25, 39 e 148), +34 91 8905902. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 3,60 €, ridotto 2,90 €. Simple icon time.svg Mar-Sab 10:30-12:45 e 16:00-17:45, Dom 11:00-13:45, chiuso Lun, Ven pomeriggio e principali festività. Fondato nel 1611 da Filippo III e Margherita d'Austria, conserva importanti dipinti e sculture del XVII e XVIII secolo. Il monastero fu distrutto quasi per intero dall'incendio del 1734 e venne ricostruito in seguito in stile classico-barocco. Monastero reale dell'Incarnazione su Wikipedia Monastero Reale de la Encarnación (Q205524) su Wikidata
  • 24 Colegiata de San Isidro, Calle de Toledo, 37. Costruita tra il 1622 e il 1633 nel complesso gesuitico. La chiesa ebbe il ruolo di cattedrale provvisoria di Madrid finché non venne completata l'odierna Catedral de la Almudena. Collegiata di Sant'Isidoro su Wikipedia collegiata di San Isidro (Q3682887) su Wikidata
  • 25 Iglesia de San Nicolás de los Servitas (San Nicolas De Bari), Plaza de San Nicolás 1. La più antica chiesa della città. La chiesa del XV-XVI secolo è affiancata da una torre mudejar del XII secolo. (Q2895199) su Wikidata
  • 26 Real Basílica de San Francisco el Grande, Calle de San Buenaventura angolo Plaza de San Francisco. In stile barocco, è una delle più grandi chiese della capitale, costruita sul luogo dove si trovava un monastero (demolito nel 1760) di cui si narra che probabilmente sia stato fondato da San Francesco d'Assisi. Al suo interno è conservato il dipinto La profezia di San Bernardino di Siena per il re d'Aragona di Goya. Basilica Reale di San Francesco il Grande su Wikipedia basilica Reale di San Francesco il Grande (Q2473884) su Wikidata
  • 27 Iglesia de San Pedro el Viejo, Costanilla de San Pedro 1. Caratterizzata dalla torre in stile mudéjar risalente all'epoca medievale. San Pedro el Real (Q7415163) su Wikidata
  • 28 Iglesia de San Ginés de Arlés, Calle del Arenal, 13. Una delle storiche chiese madrilene al cui interno sono conservati alcuni dipinti di El Greco. Church of San Ginés de Arlés (Q5117097) su Wikidata
  • 29 Museo de San Isidro, Costanilla de San Andrés, 2 (Metro: Latina, Tirso de Molina. Bus: 3, 17, 18, 23, 35, 60, 65 e 148), +34 91 3667415. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Mar-Ven 9:30-20:00 (in agosto chiusura alle 14:30), Sab-Dom 10:00-14:00, chiuso Lun e festivi. Dedicata alla vita del patrono della città, San Isidro. Nel complesso del museo si trova anche il Pozo del milagro dove San Isidro compì uno dei suoi più noti miracoli: la tradizione racconta che quando suo figlio cadde nel pozzo, Isidro fece salire l'acqua fino a su per salvarlo. Museo de San Isidro (Q5556798) su Wikidata


Settore ovest del centro[modifica]

Palazzo Reale
Giardini di Campo del Moro con il retro del palazzo reale
  • 30 Campo del Moro. Prese il nome dall'accampamento dell'esercito musulmano nel XII secolo. Campo del Moro su Wikipedia Campo del Moro (Q1070622) su Wikidata
  • 31 Palacio Real de Madrid, Calle de Bailén. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 10 €, ridotto 6 €, mercoledì gratuito per i cittadini dell'UE (solo con un documento d'identità). Simple icon time.svg Ottobre-marzo: Lun-Sab 9:30-17:00, Dom e festivi 9:00-14:00. Aprile-settembre: Lun-Sab 9:00-18:00, Dom e festivi 9:00-15:00. Chiusure: 1/1, 7/1, 1/5, 15/5, 9/9, 24/12, 25/12 e 31/12. Oggi la famiglia reale risiede nel ben più modesto Palacio de la Zarzuela e il Palacio Real viene usato solo durante le cerimonie importanti. Diverse sale del palazzo sono aperte al pubblico. Nel cortile del palazzo si icontrano la Real Armeria con una collezione di armature cerimoniali esposte in due sale e la Real Farmacia, una delle più antiche d'Europa. Il primo mercoledì di ogni mese alle ore 12, nel cortile del palazzo viene effettuato il Cambio della Guardia. Palazzo reale di Madrid su Wikipedia Palazzo reale di Madrid (Q171517) su Wikidata
Cattedrale dell'Almudena
Tempio di Debo
  • 32 Cattedrale dell'Almudena, Calle Mayor 90, +34 91 5422200. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. La prima pietra di questo imponente edificio venne posata nel 1883. Si trova di fronte al Palacio Real. Cattedrale dell'Almudena su Wikipedia cattedrale dell'Almudena (Q849711) su Wikidata
  • 33 Muralla Árabe. Cinta muraria medievale visibili nel piccolo tratto dietro l'abside della cattedrale, lungo la Cuesta de la Vega. Muslim Walls of Madrid (Q3827251) su Wikidata
  • 34 Casa de Campo. Il più grande parco pubblico di Madrid. Qui c'è anche la stazione del Teleférico. Casa de Campo su Wikipedia Casa de Campo (Q1046524) su Wikidata
  • 35 Templo de Debod, Calle Ferraz 1 (Metro: Plaza de España, Ventura Rodríguez. Bus: 25, 33, 39, 46, 74, 75 e 148), +34 91 3667415. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Ottobre-marzo Mar-Ven 9:45-13:45 e 16:15-18:15, Sab-Dom 10:00-14:00. Aprile-settembre Mar-Ven 10:00-14:00 e 18:00-20:00, Sab-Dom 10:00-14:00; chiuso Lun e festivi. Tempio egizio del IV secolo a.C. sorge nel Parque de la Montaña, da dove si ha anche una bella vista sul Palazzo Reale. Tempio di Debod su Wikipedia Tempio di Debod (Q1140249) su Wikidata
San Antonio de la Florida
Museo Cerralbo
  • 36 Ermita de San Antonio de la Florida, Glorieta de San Antonio de la Florida S/N (Metro: Príncipe Pío. Bus: 41, 46 e 75), +34 91 5420722. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Mar-Ven 9:30-20:00, Sab-Dom 10:00-14:00, chiuso Lun e nelle festività. La Ermita è dedicata a Sant'Antonio di Padova. Fu disegnata in stile neoclassico dall'architetto italiano Filippo Fontana, mentre gli interni sono opera di Francisco de Goya. Royal Chapel of St. Anthony of La Florida (Q3109752) su Wikidata
  • 37 Museo Cerralbo, Calle de Ventura Rodríguez, 17 (Metro: Plaza de España e Ventura Rodríguez (linea 10 e 3). Bus: 1, 2, 44, 74, 133 e 202), +34 91 5473646. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 2,40€, ridotto 1,20€. Simple icon time.svg Mar-Sab 9:30-15:00, Dom e festivi 10:00-15:00, chiuso Lun e nei giorni 1/1, 1/5, 24/12, 25/12 e 31/12 e festivi locali. Il museo porta il nome dal collezionista e archeologo marchese di Cerralbo Enrique de Aguilera y Gamboa, che nel testamento donò allo stato spagnolo il suo palazzo e la sua collezione. Museo Cerralbo su Wikipedia Museo Cerralbo (Q976019) su Wikidata
  • 38 Zoo Aquarium de Madrid, Casa de Campo, +34 091 5123770. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 17,90 €, bambini da 3 a 7 anni 14,50 €. Parco zoologico di Madrid su Wikipedia Parco zoologico di Madrid (Q1994806) su Wikidata


A Nord della Gran Via[modifica]

Palazzo nel cortile interno del Museo d'Arte contemporanea Conde Duque
Una delle sale espositive del Museo d'arte contemporanea
  • 39 Museo de Arte Contemporaneo, Calle del Conde Duque, 9, +34 91 5885928. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Mar-Sab 10:00-14:00 e 17:30-21:00, Dom e festivi 10:30-14:30, chiuso Lun. Al pianoterra vengono ospitate mostre temporanee, mentre il primo e il secondo piano sono dedicati all'esposizione permanente di arte del XX secolo. Data la portata dei tre mostri d'arte (Prado, Reina Sofia e Thyssen-Bornemisza) questo museo, che è più piccolo, viene disdegnato dal turismo di massa, ma questo può essere solo un motivo in più per visitarlo perché ne vale veramente la pena. Per vedere con calma l'esposizione permanente dovrebbero bastarvi 2 ore di tempo. Museo de Arte Contemporáneo (Q6940528) su Wikidata


Oltre il centro[modifica]

Museo Sorolla
  • 40 Museo Sorolla, Paseo del General Martínez Campos 37 (Metro: Iglesia (linea 1 azzurra), Rubén Darío (linea 5 verde), Gregorio Marañón (linee 7 arancione e 10 blu)), +34 091 3101584. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 2,40 €, ridotto 1,20 €, gratis under 18 e over 65, e di domenica, e nei giorni 18/5, 12/10 e 6/12. Simple icon time.svg Mar-Sab 9:30-20:00, Dom e festivi 10:00-15:00, chiuso Lun e nei giorni 1/1, 1/5, 24/12, 25/12, 31/12 e durante le festività locali. Espone la maggior parte delle opere dell'artista Joaquín Sorolla y Bastida. Nel 1925 Clotilde García del Castillo donò tutti i suoi beni alla città affinché realizzasse un museo dedicato alla memoria del suo defunto marito. Sorolla Museum (Q1592523) su Wikidata
Museo de América
  • 42 Museo de América, Avenida Reyes Católicos 6, +34 091 5492641. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 3,01€, ridotto 1,50€, domenica gratuito. Simple icon time.svg Mar-Sab 9:30-15:00, Dom e festivi 10:00-15:00. Inaugurato nel 1941, raccoglie oltre 25.000 oggetti di importanza etnografica di epoca precolombiana e coloniale. Museum of the Americas (Q2568412) su Wikidata
  • 44 Museo del traje, Avenida de Juan de Herrera 2 (Metro: Moncloa (linea 3 e 6) e Ciudad Universitaria (linea 6). Bus: 46, 82, 83, 132 e 133), +34 91 5504700. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 3 €, ridotto 1,50 €, gratuito under 18, over 65, sabato dalle 14.30 e domenica e nelle giornate di 18/5, 12/10 e 6/12. Simple icon time.svg Mar-Sab 9:30-19:00, Dome festivi 10:00-15:00, chiuso Lun e nei giorni di 1/1, 6/1, 1/5, 9/9, 24/12, 25/12 e 31/12. Dedicato all'abbigliamento. Museo del costume di Madrid su Wikipedia Museo del costume di Madrid (Q9047135) su Wikidata
  • 45 Museo Del Ferrocarril (Museo ferroviario), Paseo de las Delicias 61 (Metro: linea 3 (gialla) stazione Delicias. Bus: 8, 19, 45, 47, 59, 85 e 86), +34 902 228822. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 4,50 €, ridotto 3 €, gratuito il sabato. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-15:00, chiuso Lun, nel mese di agosto e nei giorni 1/1, 6/1, 1/5 e 25/12. Railway Museum of Madrid (Q6034436) su Wikidata
  • 46 Faunia, Avenida de las Comunidades 28, +34 91 3016235. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 23 €, under 12 e over 60 17 €. Faunia (Q5856756) su Wikidata


Piazze e monumenti[modifica]

Ratoncito Pérez
  • Ratoncito Pérez (Pepito Pérez) (A pochi passi da Puerta del Sol). È il topolino che tutti i bambini spagnoli adorano in quanto è quello che porta un soldino al posto del dentino caduto. Pepito è nato dal racconto del frate gesuita Padre Coloma nel 1902. Al nº 8 di Calle Arenal, una targa all'esterno e una statuina all'interno ricordano che il topolino visse in questa cantina.
  • Plaza de Castilla (Metro: linee 1 azzurra, 9 viola e 10 blu). Dove si erge la Puerta d'Europa, le due torri inclinate di 15° per 26 piani inaugurate nel 1996, conosciute anche come Torres KIO, opera degli architetti Philip Johnson e John Burgee.


Eventi e feste[modifica]

Inverno[modifica]

Primavera[modifica]

Estate[modifica]

Autunno[modifica]

Festività locali[modifica]

Data Festa
15 maggio San Isidro Labrador santo patrono della città
13 giugno San Antonio de la Florida
16 luglio Nuestra Señora del Carmen patrona dei distretti Puente de Vallecas e Chamberí
7 agosto San Cayetano patrono del quartiere Cascorro
10 agosto San Lorenzo patrono del quartiere Lavapiés
15 agosto Virgen de la Paloma patrona dei distretti Centro e Arganzuela
12 ottobre Virgen del Pilar patrono del quartiere Salamanca
9 novembre Virgen de la Almudena patrona di Madrid


Cosa fare[modifica]

  • Parque de Atracciones de Madrid.
  • 1 Cronopios Idiomas, Calle Espalter 12, +34 915 222 014, @ . Ecb copyright.svg Corso intensivo: 85 €/settimana. Simple icon time.svg Lun-Ven 08:30-17:30. Scuola cooperativa di lingua spagnola gestita dagli insegnanti. I corsi di spagnolo si basano su un approccio comunicativo per rendere l'apprendimento di una lingua rilassato, divertente ed efficace. Altri servizi offerti includono serate culturali e visite guidate, per le quali la scuola collabora con uno storico e un esperto d'arte, oltre a trovare un alloggio per gli studenti.


Acquisti[modifica]

Centro commerciale La Vaguada
  • El Rastro (Intorno alla Plaza de Cascorro vicino al Calle de Toledo (fermata metro più vicina: La Latina) e lungo la Ribera de Curtidores). Simple icon time.svg Dom 8:00-14:00. Uno dei più grandi mercati delle pulci europei.
  • La Vaguada, Avda. Monforte de Lemos, 36 (-linea 9 viola, fermata Barrio del Pilar), +34 91 7300492. Simple icon time.svg Lun-Sab (e alcune Dom e festivi) 10:00-22:00. Il più grande centro commerciale di Madrid su due piani e il terzo dedicato ai ristoranti e fast food, raggiungibile dal centro città in mezz'ora di metropolitana.


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Las Ventas
  • 2 Planetario, Av del Planetario 16, +34 091 4673461. Ecb copyright.svg Ingresso: intero 3,45€, ragazzi dai 2 ai 14 anni e adulti over 65 1,50€. Madrid Planetarium (Q9060456) su Wikidata

Teatri[modifica]

  • 4 Teatro Español, Calle del Príncipe 25 (Zona Puerta del Sol), +34 91 360 14 80. Sala di teatro gestita dal comune di Madrid con una lunga tradizione alle spalle. Teatro Español (Q3891573) su Wikidata
  • 5 Teatro del Barrio (ex Sala Triángulo), Calle de Zurita 20, +34 915 30 68 91. Teatro alternativo, inaugurato nel 1988 come "Sala Triángulo" e con l'intento di promuovere giovani artisti dotati di talento innovativo nel campo dell'arte drammatica. Le ore notturne dei giorni feriali sono dedicate al cabaret mentre i pomeriggi del sabato e della domenica hanno in programma spettacoli per bambini.

I music halls della Gran Via ed adiacenze richiedono una certa precauzione prima di varcarne la soglia, in quanto parecchi sono orientati a una clientela di turisti americani danarosi e mascherano spesso attività collaterali di escort club se non di veri e propri bordelli. Tra i locali più ambigui figurano quelli con spettacoli di streap-tease (bikini & topless dancers). Il primo a rimetterci potrebbe essere il proprio portafoglio per giunta senza alcuna prestazione erotica della controparte.

Locali notturni[modifica]

Tra i quartieri ove ferve la movida madrilena, oltre alla zona intorno a Plaza de Espana e i barrios di La Latina, Salamanca, Chueca, Malasana, sono da ricordare: Arguelles, Conde-Duque, Barrio de Bilbao e Alonso Martinez.

Calle de los Cuchilleros, vicino la plaza Mayor rigurgita di locali di ogni tipo. Di seguito una smilza rassegna:

  • 6 Kapital, Calle de Atocha, 125 (Stazione metro più vicina: Atocha). Tra le più grandi discoteche di Madrid, Kapital si dispone su 7 piani
  • 7 LAB Madrid (ex Sala Macumba), Plaza de la Estación de Chamartín, +34 678 80 39 10. Enorme discoteca (1.600 m²), molto frequentata nei week end e molto ammirata per i sapienti giochi di luci nonché per gli effetti multimediali. Ciliegina sulla torta, l'impianto ad aria condizionata funziona "ad hoc". Sala Macumba ospita spesso eventi musicali di tutto rilievo
  • 8 Sala Maxime (discoteca), Ronda de Toledo, 1 (Stazione metro Puerta de Toledo), +34 913 54 00 34. Simple icon time.svg Sab 00:00-06:00. Serate di musica elettronica.
  • 9 Cool (discoteca), Calle de Isabel La Católica, 6 (stazione metro pià vicine: Santo Domingo sulla linea 2 o Gran Via). Per gli amanti del genere house
  • 10 Sala Siroco, Calle de San Dimas, 3 (Stazione metro: Noviciado), +34 915 93 30 70. night club
  • 11 Jazz Bar, Calle de Moratín, 35 (Stazione metro più vicina: Anton Martin), +34 914 29 70 31. Simple icon time.svg Lun-Gio 15:00-02:30, Ven-Sab 15:00-03:00, Dom 15:00-02:30.
  • 12 Sala Clamores, Calle de Alburquerque, 14 (Stazioni metro più vicine: Bilbao, Iglesia, Quevedo), +34 914 45 54 80. Musica dal vivo. Un altro buon indirizzo per gli appassionati di musica jazz
  • 13 Barceló Theatre (ex Pachá), Calle de Barceló, 11 (Quartiere di Malasaña. Stazione metro:più vicina: Tribunal), +34 971 19 10 00. Simple icon time.svg Mer-Sab 00:00-06:00. Storica discoteca in funzione dal 1980.
  • 14 La Fontana de Oro, Calle de la Victoria, 1 (Metro: Puerta del Sol), +34 915 31 04 20. Simple icon time.svg Lun-Dom 13:00-05:00. Pub con musica dal vivo

Flamenco[modifica]

Spettacolo di Flamenco al tablao Corral de la Moreria

Snobbati dai residenti, i locali di flamenco sono orientati esclusivamente a visitatori stranieri e dunque tendono ad essere cari. Di seguito una selezione dei più rinomati:

  • 15 Cardamomo, Calle de Echegaray, 15 (Stazione metro più vicina: Puerta del Sol), +34 913 69 07 57. Locale raccomandato dalle guide più autorevoli.
  • 16 Las Tablas, Plaza de España, 9, +34 915 42 05 20. Locale un po' angusto ma molto curato negli arredi e con ballerini professionisti. Non è per niente caro.
  • 17 Villa Rosa, Plaza de Santa Ana, 15 (Stazione metro più vicina: Puerta del Sol), +34 915 21 36 89. Villa Rosa desta curiosità perché ha fatto da sfondo ad alcune scene del film "Tacchi a spillo" di Almodovar.


Locali gay[modifica]

LGBT pride a Madrid (2008)

Madrid non ha la grande varietà di locali che contraddistingue Berlino. Pur inferiori di numero, i locali madrileni sono ugualmente disinibiti e qualche volta votati all'eccesso ancor più di quelli di altre città europee, ragion per la quale si può affermare che ogni capriccio in merito può essere soddisfatto in un batti baleno nei meandri della capitale di Spagna. Di seguito una breve rassegna aggiornata all'anno 2012:

Tra le saune gay di Madrid le più recenti sono Premium Sauna [1] e Sauna Lavapiés [2].

In passato era molto rinomata la sauna Paraiso al nº 15 di Calle de Norte (fermata metro: Noviciado), tel: +34 915225899. Oggi però sembra non riscontrare più il favore della sua clientela

  • 21 Leather Club (Cruising club), Calle de Pelayo 42 (Stazione Metro Chueca sulla linea 5), +34 913 08 14 62. Simple icon time.svg Lun-Dom 20:00–03:00. Grande locale disposto su 3 livelli. La sua clientela è un po' avanti con gli anni e vestita in modo casual contrariamente a quanto possa lasciar presupporre il nome del locale.
  • 22 The Cage (Fetish bar), Calle de San Bartolomé, 4 (Stazione Metro: Chueca). Simple icon time.svg Lun-Gio 17:00–01:00, Ven-Sab 17:00–03:00, Dom 17:00–01:00.
  • 23 Strong Center Disco (Cruise bar), Calle Trujillos, 7 (Stazioni metro più vicine: Opera, Callao, Santo Domingo), +34 915 41 54 15. Simple icon time.svg Lun-Dom 23:00-07:00. Sebbene si definisca Disco club, il locale accoglie clienti per niente interessati alle musica o al ballo e attratti invece dalla possibilità di incontri ravvicinati con esponenti del proprio sesso. L'ingresso non è consentito alle donne. Il locale è molto frequentato di venerdì e sabato ma appare semideserto nei giorni feriali.
  • Divotica @ Paddock, Paseo de Recoletos 16. Simple icon time.svg Sab da mezzanotte in poi. Discoteca frequentata da tipi palestrati ed esibizionisti.
  • Mad Hunter Club, Calle de Valverde 10 (Metro: Gran Vía). Per tipi palestrati e villosi. Aperta i venerd' dalla mezzanotte in poi
  • PK2 SeXion, Plaza del Carmen (Metro: Gran Vía, Sol). Simple icon time.svg Discoteca aperta di sabato dall'una di notte in poi.
  • Attack (Cruise bar), C. de Lavapiés 12 (Metro: Tirso de Molina, Lavapiés). Simple icon time.svg Orario: mart, merc dalle 21:00 alle 02:00. Ven, sab, dom dalle 19:00. Nel quartiere dei Castizos, ovvero gli autentici madrileni. molto simili, in realtà ai gitani, il locale ha serate a tema per cui spulciatene il sito per conoscere il programma
  • 24 Odarko (Sala Stella), Calle de Arlaban, 7, (Metro: Sevilla). Simple icon time.svg Gio-Sab 23:30 – 06:00. Cruising & fetish club. In molte serate è richiesto un tipo di abbigliamento particolare per cui controllate il sito se non volete correre il rischio di essere respinti sulla soglia.
  • 25 Boyberry Madrid (ex "Xtrem"), C. de Valverde 3 & C. del Desengaño 2 (Metro: Gran Vía sulle linee 1 e 5). Simple icon time.svg Lun-Dom: 12:00 – 03:00. Cruising club con cabine.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Casa Labra
Casa Mingo
Casa Lucio
Sobrino de Botín
  • Fast Good.
  • Cervecería 100 Montaditos, Calle Mayor, 22, +34 915 21 17 68. Locale rinomato per i suoi bocadillos dal costo minimo
  • 1 Restaurante - Taberna Casa Labra, Calle de Tetuán, 12 (Stazione metro Puerta del Sol), +34 915 31 00 81. Simple icon time.svg Lun-Dom 11:00–15:30 e 18:00–23:00. Bar de tapas molto rinomato in funzione dal 1860. Adatto per pranzo e cena ma per entrare bisogna spesso fare la fila.
  • Museo del Jamón. Il paradiso del prosciutto crudo. In questi localini, che sono un misto tra salumeria e bar, troverete degli ottimi panini (di diverse dimensioni e molto convenienti) con prosciutto crudo tagliato al momento.
  • Lateral, Plaza de Santa Ana, Castellana 132, Velázquez 57 e Fuencarral 43. Quattro ristorantini dall'arredamento minimalista e tapas dalle particolari combinazioni di gusto. Se non sapete quale scegliere ordinate il menu di degustazione che prevede 5 pinchos diverse.
  • The Wok. Ristoranti e take away sparsi un po' in tutta la città. Propongono ottimi piatti della cucina asiatica. Molto convenienti sono i menù a pranzo (non disponibili per la cena), che per 10 o 13€ propongono un antipasto, un piatto principale, una bibita e un dolce.
  • 2 Casa Mingo, Paseo de la Florida, 34 (Intercambiador de Príncipe Pío- Linee 6 e 10 della metro), +34 915 47 79 18. Simple icon time.svg Orario; 11:00-24:00. In un vecchio edificio dei primi del '900 Casa Mingo è un locale rinomato ove potrete gustare, oltre a varie specialità delle Asturie, il classico pollo asado accompagnato da un bicchiere di sidro. Casa Mingo si definisce infatti la decana de las sidrerías de Madrid

Prezzi medi[modifica]

  • Ristorante La Vaca Verónica, Calle de Moratín, 38 (Zona di Huertas), +34 91 14 297 827. Rinomato per le carni. Menu del dias a prezzi interessanti
  • Al Natural (ristorante vegetariano), Calle de Zorrilla, 11 (Zona di Huertas. Staz metro: Sevilla o Banco de España). Se i piatti di carne non sono il vostro forte ripiegate su questo ristorante vegetariano sempre nella zona di Huertas
  • Cervecería Alemana (bar de tapas), Plaza de Santa Ana, 6 (Stazione metro: Puerta del Sol), +34 914 29 70 33. Locale molto rinomato e tipicamente madrileno nonostante il nome. Adatto per aperitivi (vino soprattutto)
  • Casa Lucas, Calle Cava Baja, 28 (Stazione metro: La Latina), +34 913 65 08 04. Rinomato bar de tapas dai prezzi un po' alti.
  • 3 Casa Lucio, Calle Cava Baja, 35, +34 913 65 32 52. Simple icon time.svg Lun-Dom 13:00–16:00 e 20:30–00:00. Appartiene agli stessi proprietari del precedente locale ma i prezzi sono un po' più bassi.
  • Taberna Almendro 13 (bar de tapas), C/ Almendro, 13 (Stazione metro: La Latina), +34 913 65 42 52. Rinomato bar de tapas sempre molto affollato
  • Restaurante Sobrino de Botín.

Prezzi elevati[modifica]

  • Santceloni (cucina catalana), Paseo de la Castellana, 57 (Stazione metro più vicina: Gregorio Marañon), +34 912 10 88 40. Tra i migliori ristoranti di Madrid a dar retta alla guida Michelin del 2012 (due stelle assegnate allo chef Óscar Velasco di Segovia di continuo fin dal 2003).
  • Sergi Arola Gastro, Calle de Zurbano, 31 (Stazione metro più vicina: Ruben Dario), +34 913 10 21 69.
  • Ramón Freixa, Calle de Claudio Coello, 67 (Barrio di Salamnca. Stazione metro più vicina: Serrano), +34 917 81 82 62.
  • Restaurante Zalacaín (Cucina innovativa di ispirazione basca), Calle de Álvarez de Baena, 4 (Stazione metro più vicina: Gregorio Marañón), +34 915 61 48 40. .
  • La Terraza del Casino, Calle de Alcalá, 15 (Stazione metro più vicina: Sevilla). Lussuoso ristorante in un palazzo nobiliare e con ingresso riservato ai soli soci


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

L'elenco completo degli hostal di Madrid è consultabile sul sito dell'ente turistico spagnolo, cliccando sulle voci Madrid e poi alloggi.

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Tenersi informati[modifica]

Telemadrid è la principale rete televisiva locale, sulla locale rete terrestre trasmette anche il suo secondo canale La Otra.

Nei dintorni[modifica]

Vista frontale della Santa Cruz del Valle de los Caídos e della sua basilica
Monastero dell'Escorial
  • Monastero dell'Escorial e Valle de los Caídos. La più classica delle escursioni da Madrid. Entrambe le località sono facilmente abbinabili grazie agli autobus interurbani della linea 601 che partono dall'intercambiador de Moncloa (stazione metro sulle linee 3 e 6) con circa una quindicina di corse al giorno.
  • Museo Picasso Colecciòn Eugenio Arias (78 km da Madrid / per raggiungere il museo dovrete recarvi all'Intercambiador de Plaza de Castilla da cui partono gli autobus della linea 191 per la Sierra Norte (autolinee Continental Pza. de Picasso 1, Buitrago del Lozoya,Auto, S.A)), + 34 091 8680056. Simple icon time.svg Mar-Ven 11:00-14:00 e 16:00-18:00, Sab 10:00-14:30 e 15:30-18:30, Dom e festivi 10:00-14:30.
Palacio Real del Pardo
  • Palacio Real del Pardo, C/ Manuel Alonso (14 km dal centro - Autobus interurbano della linea 601 dall'intercambiador de Moncloa (stazione metro sulle linee 3 e 6)), +34 913 760452. Ecb copyright.svg intero 4 €, ridotto 2,70 €. Simple icon time.svg Ottobre-marzo Lun-Sab 10:30-16:45, Dom e festivi 10:00-13:30. Aprile-settembre 10:30-17:45, Dom e festivi 9:30-13:30, chiuso nei giorni 1/1, 7/1, 1/5, 15/5, 9/9, 24/12, 25/12 e 31/12.
Chioschi cinesi nei giardini del palazzo di Aranjuez
Palacio Real en Aranjuez
  • Aranjuez (49 km da Madrid, Per raggiungere Aranjuez, potete prendere un treno da Atocha o un autobus (linea 423) dalla Estacion Sur de Autobuses, in corrispondenza della fermata metro di Méndez Álvaro. Sia i treni che gli autobus sono molto frequenti (tranne il sabato e la domenica)). Il Palazzo reale di Aranjuez risale al tempo d Filippo II di Spagna e fu progettato dall'architetto Juan de Herrera, lo stesso che realizzò il Monastero dell'Escorial. Le due ali laterali furono fatte aggiungere da Carlo III. La reggia è circondata da vasti e rigogliosi giardini cosparsi di magnifiche fontane alimentate dalle acque del vicino Tago. Il complesso ospita un paio di musei: il Museo de la Vida en Palacio, (al piano terra delle dipendenze) racconta la vita quotidiana dei monarchi spagnoli mentre il Museo de las Falúas Reales (Museo delle feluche reali) (nel giardino) espone imbarcazioni da diporto usate dai monarchi per andare a spasso sul Tago e il suo affluente Jarama.
La spoliazione di Cristo, opera di El Greco esposta nella sacrestia della cattedrale di Toledo
Panorama di Toledo con l'alcazar e il campanile della cattedrale
Alcazar di Segovia
  • Toledo (a 88 km da Madrid, la città si trova sulla stessa ferrovia di Aranjuez, ma alla sua stazione fermano i treni ad alta velocità per Siviglia per cui è raggiungibile da Madrid Atocha in circa mezz'ora (Info sul sito RENFE)). Toledo vanta un centro storico che figura nella lista UNESCO dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità fin dal 1987. La città è nota soprattutto per l'Alcazar, la Cattedrale ove sono custoditi capolavori di El Greco, le numerose chiese e anche per i negozi di armatura medievale.
  • Segovia (a 93 km da Madrid). La città è famosa per le sue opere di architettura medievale inserite nella lista dei Patrimoni Mondiali.


Ritratto di S. Teresa. Rubens
Mura di Avila
  • Avila (118 km da Madrid - 1h e 45m con autobus di linea - Per visitare Avila dovrete recarvi alla stazione di Atocha o Chamartin, Non tutti i treni regionali che partono da Atocha fermano a Chamartin. Maggiori informazioni sul sito Renfe. Gli autobus per Avila partono dalla estación sur sull'avenida Méndez Álvaro, 83. Tra le autolinee Avanzabus).



Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).