Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

I terremoti sono alcuni dei disastri naturali più gravi. Fortunatamente si verificano grandi terremoti, anche su scala globale, solo poche volte all'anno e quindi è molto improbabile che i turisti occasionali incorrano in uno di essi. Tuttavia, se ne vivete uno, c'è un serio rischio per la vita e la salute.

I terremoti[modifica]

Epicentri globali dei terremoti

Piccoli terremoti che sono appena percettibili possono verificarsi ovunque nel mondo. Quelli veramente disastrosi si verificano soprattutto in queste regioni:

Queste aree sono note come confini tettonici convergenti. In queste aree, le placche tettoniche (che formano la crosta terrestre) vengono spinte l'una verso l'altra e quando si bloccano, lo stress si accumula. Quando ad un certo punto si liberano, l'improvviso rilascio di questo stress diviene un terremoto.

Nei luoghi in cui le placche tettoniche si stanno allontanando l'una dall'altra (ad esempio l' Islanda) incontrerete altri fenomeni associati ai confini tettonici, come i vulcani, ma raramente grandi terremoti.

I terremoti possono causare tsunami, che possono devastare le coste a migliaia di chilometri di distanza e dall'altra parte dell'oceano.

A volte, i terremoti possono verificarsi anche lontano dai confini delle placche tettoniche. Questi sono noti come terremoti intraplacca. Sebbene siano molto più rari e di solito meno intensi dei terremoti che si verificano ai confini delle placche, sono spesso più devastanti perché le aree in cui si verificano spesso non sono preparate all'evento. Uno degli esempi più devastanti di un terremoto intraplacca è il terremoto di Tangshan del 1976 in Cina.

I grandi terremoti possono distruggere edifici e altre infrastrutture. Durante un forte terremoto, aspettatevi che le finestre si rompano, gli alberi cadano e gli oggetti vengano sparsi in giro. Tuttavia, il pericolo non è passato una volta che il terremoto è terminato. Gli edifici che sono stati danneggiati dal terremoto possono crollare improvvisamente e le tubature del gas e le linee elettriche tagliate possono provocare incendi. Le frane e la liquefazione del suolo possono far muovere, affondare o crollare edifici e altre infrastrutture. Oltre a tutto ciò, le strade, l'acqua, l'elettricità (e quindi le comunicazioni) e altre linee di servizio sono spesso danneggiate, il che rende più difficili le operazioni di comunicazione e soccorso. Inoltre, possono verificarsi scosse di assestamento e causare ulteriori danni.

Come vengono misurati[modifica]

I terremoti vengono misurati utilizzando varie scale. La magnitudo di un terremoto è un singolo numero che rappresenta "quanto è grande" il terremoto. L'intensità rappresenta "il grado di scuotimento", che varia a seconda della posizione; i luoghi vicini all'epicentro avranno un'intensità maggiore rispetto ai luoghi molto distanti.

Scala Richter[modifica]

Scala Richter

La prima scala per misurare la magnitudo dei terremoti è stata la scala di magnitudo Richter sviluppata da Charles F. Richter nel 1935. Dagli anni '80 la scala moderna per i grandi terremoti (quelli che vale la pena riportare nelle notizie) è stata la "scala di magnitudo istantanea", ma la stampa e gran parte del pubblico continuano a usare il nome "scala Richter" anche se è impreciso. Qualunque sia il nome, questo è spesso il modo in cui l'entità di un terremoto viene riportata dai governi, dalle organizzazioni umanitarie e dai media.

Si noti che la scala di magnitudo Richter è logaritmica, quindi un terremoto M 7.0 ha 10 volte l'energia di un terremoto M 6.0, 100 volte l'energia di un terremoto M 5.0, 1000 volte l'energia di un terremoto M 4.0.

La scala viene misurata in questo modo:

  • 1.0–1.9: piccolo. Questi terremoti sono di dimensioni minime e spesso non vengono avvertiti dalle persone. C'è poco movimento del terreno. Nelle aree più soggette a terremoti questi possono essere un evento quotidiano.
  • 2.0–3.9: minore. È più probabile che venga avvertito dalle persone, ma raramente causa danni. Alcuni oggetti interni potrebbero tremare.
  • 4.0–4.9: leggero. L'agitazione è avvertita dalla maggior parte delle persone nell'area. Può causare danni minori. Alcuni oggetti interni potrebbero cadere.
  • 5.0–5.9: moderato. Può danneggiare edifici mal costruiti. Può causare lievi danni ad altri edifici. Viene sentito da tutti.
  • 6.0–6.9: forte. Si verificano più danni, anche agli edifici ben costruiti. Gli edifici mal costruiti possono crollare. C'è un forte e violento scuotimento del terreno che si avverte a centinaia di chilometri di distanza dall'epicentro. L'energia rilasciata dalla bomba nucleare sganciata su Hiroshima nel 1945 è equivalente a quella di un terremoto di magnitudo 6.0. Nella maggior parte delle regioni, viene attivato un allarme tsunami dopo terremoti sottomarini di almeno 6,5 di magnitudo.
  • 7.0–7.9: maggiore. Danni diffusi alla maggior parte degli edifici, compreso il crollo. Danni e scosse violente possono essere diffuse su grandi distanze fino a 250 km dall'epicentro.
  • 8.0–9.0 +: grande. Danni diffusi e gravi su una vasta area, possibile distruzione totale. Si può avvertire un violento scuotimento anche in aree distanti. Ci sono cambiamenti permanenti nella topografia del suolo. 9,0 era la magnitudo del devastante terremoto del 2011 a Tōhoku, in Giappone, mentre il più potente terremoto mai registrato si è verificato a 9,5 della scala a Valdivia, in Cile, nel 1960.

Scale di intensità[modifica]

Mappa di contorno del terremoto di Newcastle del 1989

Le scale di intensità possono essere utilizzate per descrivere il potenziale danno in una particolare area ed è possibile avere una "mappa di contorno" che mostra come l'intensità variava intorno all'epicentro. Scale diverse ma simili sono utilizzate in diverse parti del mondo.

La scala di intensità Mercalli modificata viene utilizzata negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda. I valori della scala vanno da I (Non sentito) a IV (Leggero, percepito da molti all'interno) a VIII (Grave, grande danno in edifici mal costruiti) fino a un massimo di XII (Estremo, danno totale).

La scala macrosismica europea è utilizzata in Europa. I valori della scala vanno da I (non percepito) a IV (ampiamente osservato) a VIII (gravemente dannoso) fino a un massimo di XII (completamente devastante).

In Giappone viene utilizzata la scala di intensità sismica dell'Agenzia meteorologica giapponese, nota anche come scala Shindo (震 度, "intensità sismica"). I valori della scala (numero Shindo) variano da 0 (non percepito) a 4 (danni lievi a edifici non antisismici) a 7 (tutti gli edifici gravemente danneggiati). Per rendere la scala più precisa, 5 e 6 vengono suddivisi in "debole" e "forte", ottenendo 10 valori possibili.

Prepararsi[modifica]

Un luogo di ritrovo temporaneo in caso di terremoto in Giappone

In generale, gli abitanti delle zone a rischio sismico dovrebbero sapere come agire se e quando iniziano le scosse. Seguite i loro consigli e il loro esempio.

Se vi trovate in ​​una zona terremotata, conservate sempre i documenti di viaggio (biglietti, passaporto, ecc.), denaro e oggetti personali importanti in un luogo dove potete prenderli facilmente se avete bisogno di scappare, anche se non dovreste renderli così visibili da attirare i ladri. Tenete un paio di scarpe sotto il letto: se un terremoto colpisce di notte mentre dormite, consigliamo di indossare le scarpe nel caso ci siano vetri rotti. Inoltre, potreste voler valutare alcuni modi per uscire nel caso in cui la porta d'ingresso sia crollata o sia stata bloccata da detriti o incendi. Se soggiornate in un hotel, date un'occhiata alla mappa delle uscite di emergenza all'interno della porta della camera. Le uscite di emergenza sono solitamente progettate per evacuare meglio un edificio in caso di incendio; tuttavia, possono anche fornire mezzi per sfuggire da un edificio che si teme possa crollare a causa di danni sismici. Nella peggiore delle ipotesi, potreste dover uscire dalla finestra e scendere lungo un pluviale o addirittura saltare.

Non collocare oggetti pesanti in luoghi alti, soprattutto sopra il letto.

Lunghe permanenze[modifica]

Se avete intenzione di rimanere più a lungo in un'area a rischio sismico, potreste preparare un kit di sopravvivenza antisismico. Ciò includerebbe almeno:

  • scorte di cibo e acqua per 3-5 giorni ( 4 L / persona / giorno), pastiglie per la purificazione dell'acqua o un filtro dell'acqua portatile
  • Kit di pronto soccorso, guanti, occhiali, mascherina antipolvere e articoli da toeletta personali
  • Copie dei documenti importanti (passaporto, patente di guida, documenti assicurativi, ecc.) e foto di tutti i membri del gruppo (per aiutare il personale di emergenza a cercare le persone scomparse)
  • Informazioni di contatto di emergenza sulla propria persona, in modo che le autorità possano contattare la famiglia / gli amici se doveste essere trovati
  • Contanti (almeno $ 100), in piccoli tagli, preferibilmente in valuta locale o una "valuta forte" ampiamente accettata
  • Batterie di ricambio, torce elettriche e una radio a batteria

Inoltre, se applicabile, vorreste anche rendere il proprio luogo di dimora più sicuro contro i terremoti (non tenere molti oggetti liberi in luoghi alti, guardate che gli scaffali siano ben fissati alle pareti, ecc.) e imparate a chiudere gas, elettricità e acqua. Se viaggiate con bambini, insegnate loro cosa fare durante un terremoto e fate delle esercitazioni. Va bene anche se siete esperti in pronto soccorso. La gente del posto sarà probabilmente felice di darvi consigli su cosa fare in caso di terremoto.

Durante un terremoto[modifica]

I terremoti sono imprevedibili: spesso inizieranno senza alcun segnale di avvertimento. Tuttavia, un terremoto si estenderà dall'epicentro con una velocità di circa 7 km/s, e in Giappone questo è stato utilizzato per sviluppare un sistema di allerta precoce per i terremoti, dando alle persone più lontane un avvertimento in TV, radio e al cellulare delle persone nella zona colpita pochi secondi prima che arrivi il terremoto. Se inizia a tremare o ricevete un avviso, mettetevi subito al riparo! Tuttavia, se avete fuochi aperti (stufe a gas, candele, ecc.), spegneteli immediatamente, se possibile, prima di ripararvi.

Non muovetevi durante il terremoto! Alzarsi in piedi, camminare e soprattutto correre sono cose che dovreste evitare in quanto potreste cadere e quindi ferirvi. Strisciare può essere l'unico modo per spostarsi se è assolutamente necessario.

Il terremoto principale di solito non persisterà più di un minuto o due (sebbene il terremoto del Giappone del 2011, eccezionalmente potente, sia durato sei minuti), ma questo è più che sufficiente per causare danni. Spesso sarà seguito da scosse di assestamento. Non abbassate la guardia dopo che un terremoto sembra essere finito: mettetevi al sicuro!

Cercate di non perdere mai la calma evitando di farvi prendere dal panico. Il panico fa fare azioni prive di senso e in genere dannose.

Se siete all'interno di un edificio[modifica]

La FEMA statunitense e la Protezione civile neozelandese danno il consiglio "gettati, copriti e attaccati" in caso di terremoto.

Se siete in casa, rimanete: sdraiati sul pavimento in ginocchio e inchinati, copritevi la testa e il collo e mettetevi al riparo sotto un tavolo o qualche altro mobile robusto, se possibile. Riparatevi sotto una porta se necessario. Resistete e non lasciatevi spaventare dallo scuotimento. Se possibile, riparatevi vicino alle pareti interne lontano dalle finestre e dai mobili alti come gli armadi che potrebbero ribaltarsi e intrappolarvi. Siete molto più sicuri se rimanete a casa: la caduta di tegole e muratura all'esterno di solito rappresenta un pericolo mortale.

Se siete in un ascensore, "gettati, copriti e attaccati" come fareste in qualsiasi altro luogo. Quando lo scuotimento cessa, lasciate l'ascensore al piano disponibile più vicino, se possibile, anche se l'ascensore è a un piano alto.

Se siete a letto, copritevi mettendovi sotto, se non è possibile coprite la testa e il collo con un cuscino.

Sebbene sia estremamente importante spegnere immediatamente tutte le fiamme (bruciatori, candele, ecc.) se si ha del tempo, il pericolo immediato è la caduta di oggetti e il ribaltamento dei mobili.

Cercate di aprire la porta o una finestra il prima possibile e tenetela aperta usando qualcosa come un fermaporta nel caso in cui si inceppi a causa delle possibili deformazioni oppure perché un'eventuale onda d'urto dall'esterno (esplosione o crollo) potrebbe far esplodere i vetri ferendovi.

Se siete all'aperto[modifica]

Se all'aperto, allontanatevi da edifici, alberi, linee elettriche o qualsiasi cosa che potrebbe cadervi addosso. Anche qui è importante allontanarsi il prima possibile, coprirsi e resistere. Se ci si trova vicino a una scogliera o su una montagna o altre formazioni naturali elevate, durante e dopo il terremoto possono verificarsi frane o valanghe.

State lontani da muri di mattoni, pannelli di vetro e distributori automatici e fate attenzione agli oggetti che cadono: le tegole degli edifici più vecchi e tradizionali sono particolarmente pericolose, in quanto possono cadere molto tempo dopo la fine del terremoto.

Se guidate, accostate il prima possibile, preferibilmente in un'area aperta lontano da qualsiasi struttura, e restate in macchina fino alla fine del terremoto. Se vi trovate su una strada sopraelevata come un ponte o un'autostrada, tenete presente che potrebbero rompersi o addirittura crollare.

Dopo il terremoto[modifica]

Edifici in rovina dopo il terremoto di Haiti del 2010

Dopo essere terminate le scosse, è possibile muoversi di nuovo. Ricordate che i terremoti sono spesso seguiti da piccoli terremoti chiamate scosse di assestamento che possono verificarsi minuti, ore o addirittura giorni o mesi dopo il terremoto iniziale. In caso di scossa di assestamento, seguire le stesse procedure di cui sopra.

Uscire fuori[modifica]

Se siete in casa, uscite. Nel peggiore dei casi l'edificio è stato danneggiato e potrebbe crollare. Muovetevi con cautela poiché la luce potrebbe non funzionare e potrebbero esserci vetri rotti, altri detriti e fili sotto tensione. I piccoli fuochi dovrebbero essere spenti e le sostanze chimiche pericolose dovrebbero essere ripulite se è possibile farlo in sicurezza. Se alloggiate in un edificio di cui siete responsabile (casa per le vacanze in affitto, ecc.), controlla le utenze danneggiate e, se necessario, spegnete il gas e l'elettricità dal contatore - di nuovo, solo se potete farlo in sicurezza e se sapete cosa state facendo.

Se è successo il peggio e siete rimasti intrappolati all'interno di un edificio, evitate di accendere fiammiferi, sollevarvi o inalare polvere. Toccate i muri o i tubi in modo che le squadre di soccorso sappiano che siete lì.

Nelle aree edificate, se vi muovete all'esterno a piedi, fate attenzione alle buche sulle strade e al fatto che edifici, ponti, lampioni, alberi e simili potrebbero non essere saldamente in piedi come prima del terremoto. Se vi muovete nel deserto, fate attenzione alle crepe nel terreno. Se vi trovate in ​​una zona montuosa, c'è anche il rischio di frane o valanghe.

Se vi trovate vicino alla costa, dovreste spostarvi immediatamente nell'entroterra a causa del suddetto rischio di maremoto. Ricordatevi che le onde dello tsunami sono alte diversi piani e in alcuni casi hanno il potere di spostarsi di diversi chilometri nell'entroterra.

Se siete in un veicolo, può essere sicuro guidare con cautela una volta che il terremoto è terminato. Tuttavia, dovreste evitare ponti e costruzioni simili: il terremoto potrebbe averli danneggiati e resi instabili. Inoltre, la strada potrebbe anche essere danneggiata o, nel peggiore dei casi, divisa dal movimento e non più utilizzabile.

Se siete su un treno, potrebbe essersi fermato automaticamente una volta che i sensori hanno rilevato il terremoto. In tal caso, di solito è meglio rimanere sul treno e aspettare le istruzioni. Se il treno è deragliato, dovreste scendere e aiutare gli altri. Spesso i finestrini possono fornire un'ulteriore modalità di fuga dopo essere stati sfondati, estratti o entrambi, a seconda del design del treno. Guardate prima di saltare, poiché la caduta dal finestrino di un treno può essere notevole.

Aiutare[modifica]

Soccorritori alla ricerca di sopravvissuti sotto le macerie di edifici dopo il terremoto di Van del 2011

Aiutate le persone ferite se potete, o almeno chiedete aiuto. Evitate di utilizzare il telefono a meno che non si tratti di un'emergenza perché la rete telefonica sarà sottoposta a un carico enorme per gestire le chiamate di emergenza di tutti. Se il tuo telefono ha funzionalità Internet, disabilitatelo, poiché ciò causerà solo più stress sulla rete. Potreste voler contattare familiari e amici e dire loro cosa è successo e in che condizioni vi trovate, ma tenete presente che un SMS (messaggio di testo) utilizzerà molta meno larghezza di banda e batteria rispetto a una chiamata o una connessione Internet.

Seguite i consigli e gli avvertimenti forniti dalle autorità su radio, TV, Internet e dalle squadre di soccorso, dalla polizia e dai militari in loco. Aiutateli se esplicitamente richiesto, ma non disturbateli inutilmente o altrimenti intralciarli a fissare o scattare foto o andare in giro solo per "visite turistiche"; lasciate che facciano il loro lavoro. Siate consapevoli del fatto che di solito c'è un'organizzazione separata che gestisce le persone scomparse; per esempio, negli Stati Uniti, è la Croce Rossa.

Se non siete un locale, probabilmente è meglio cercare di uscire dall'area colpita se possibile, a meno che non vogliate offrirvi volontario per aiutare i soccorsi, nel qual caso dovreste chiedere se la vostra presenza è utile. Se avete abilità speciali, ad esempio se siete un medico, potreste aiutare a salvare vite umane all'indomani di un disastro. In caso di catastrofi gravi come i terremoti, le ambasciate spesso vogliono mettersi in contatto con i "loro" cittadini che viaggiano nella zona colpita per sapere se stanno bene o no.

Vedi anche[modifica]

Altri progetti