Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

I vulcani sono presenti in molte forme e dimensioni e le loro eruzioni variano enormemente sia in frequenza sia in intensità. Un tipo comune è chiamato stratovulcano, una montagna conica costruita da più strati di cenere e lava nel corso dei secoli; molti dei vulcani più famosi al mondo sono di questo tipo.

Le eruzioni vulcaniche non sono poi così comuni - poche dozzine all'anno, in tutto il mondo - e sono estremamente pericolose. Le peggiori causano la completa devastazione su vaste aree, a volte con un grande numero di vittime. Tuttavia, molti vulcani sono attrazioni turistiche e meritano una visita a condizione che si presti la dovuta attenzione, in particolare mantenendo una distanza di sicurezza dalle eruzioni.

Tipi di vulcano[modifica]

Eruzione dell'Etna del 2011

Secondo lo Smithsonian Global Volcanism Program, la principale organizzazione di monitoraggio dei vulcani con sede a Washington D.C., i vulcani possono essere classificati come segue:

  • attivo se
    • ha eruttato negli ultimi 10.000 anni (di recente in termini geologici)
    • oppure mostra un'attività considerevole come sorgenti termali, fumi e terremoti
  • dormiente se è attivo ma non è attualmente in eruzione
  • estinto se non è più attivo

Altre organizzazioni utilizzano generalmente gli stessi termini, ma possono avere definizioni leggermente diverse. Queste definizioni non sono precise; vulcani dormienti a volte eruttano, e non è detto che i vulcani presumibilmente estinti tornino in vita.

Ci sono centinaia di vulcani attivi in ​​tutto il mondo, ma molti altri sono dormienti o estinti. Si può ancora apprezzare la straordinaria potenza della natura di questi vulcani, senza i pericoli associati a quelli attivi.

  • Vulcani decennali. Un gruppo di sedici vulcani attivi selezionati dagli scienziati come particolarmente degni di studio perché hanno una storia di grandi eruzioni e si trovano vicino ad aree popolose. Questi potrebbero essere i vulcani più pericolosi sulla Terra in termini di potenziale per creare grandi disastri.

Scale di misura[modifica]

Esiste una scala per la forza delle eruzioni chiamata indice di esplosività vulcanica o VEI; il fattore principale è il volume di espulsione, la quantità di materiale espulso. La scala è per lo più logaritmica; un'eruzione VEI-5 produce almeno 1 km3 di materiale espulso, VEI-6 10 km3 , VEI-7 100 km3 e VEI-8 1000 km3.

Le eruzioni veramente grandi sono piuttosto rare. Il XX secolo ha avuto sette eruzioni di VEI-5 o VEI-6 e centinaia di più piccole, ma nessuna di VEI-7 o superiore. Gli eventi VEI-7 più recenti sono stati il lago Taupo (Nuova Zelanda) nel 180 d.C., Ilopango (El Salvador) intorno al 431, il monte Paektu (al confine tra Corea e Cina) intorno al 946, forse il monte Rinjani (Indonesia) nel 1257 e il monte Tambora (Indonesia) nel 1815. Per quanto riguarda VEI-8, non c'è stato un tale evento nella storia documentata; il più recente è stato al lago Taupo circa 26.000 anni fa.

L'eruzione del Tambora del 1815 emise 160 km3 di materiale espulso, compresa una quantità di polvere sufficiente a causare "l'anno senza estate", un diffuso fallimento dei raccolti e un po' di carestia anche negli Stati Uniti e in Europa. Il detto "anno senza estate" portò il tedesco Karl Drais a inventare una "macchina da passeggio" che oggi è considerata la prima antenata della bicicletta moderna.

Alcune eruzioni hanno complicazioni. L'eruzione del 1883 del Krakatoa è stata valutata solo 6 sulla scala VEI, ma le esplosioni sono state assolutamente enormi - udite a diverse migliaia di chilometri di distanza e stimate essere equivalenti a 200 megatoni - principalmente perché un'enorme quantità di acqua di mare è stata immediatamente trasformata in vapore al contatto con il magma surriscaldato.

Supervulcani[modifica]

Caldera dello Yellowstone

I supervulcani sono i più grandi vulcani della Terra, ma non sono facilmente riconoscibili come tali. Molti sono così grandi che, per molti anni, anche i geologi non hanno compreso che fossero vulcani a pieno titolo.

« I vulcani formano montagne; i supervulcani li cancellano. I vulcani uccidono piante e animali per miglia intorno; i supervulcani minacciano di estinzione intere specie modificando il clima in tutto il pianeta. »
(National Geographic)

I supervulcani sono generalmente sotto forma di grandi caldere, che sono depressioni vulcaniche giganti formate da grandi eruzioni esplosive o da un tranquillo drenaggio a lungo termine del magma. Spesso hanno flussi di lava o cupole associate e in molti casi ci sono vulcani più piccoli all'interno della caldera. Molte delle caldere sono ora laghi e talvolta i vulcani più piccoli sono isole nel lago.

Esempi di supervulcani includono Yellowstone negli Stati Uniti, il Lago Toba e il Monte Tambora in Indonesia, i Campi Flegrei vicino a Napoli, il Lago Taupo in Nuova Zelanda e il vulcano Taal nelle Filippine. La maggior parte dei supervulcani ha subito eruzioni inimmaginabilmente enormi (VEI-7 o 8) nel passato geologico; questi hanno creato l'enorme caldera. Tuttavia, tali eruzioni sono distanti nel tempo decine o centinaia di migliaia di anni. Non c'è quasi motivo di preoccuparsi che lo Yellowstone esploda durante una visita, e la parte del vulcano Taal che è ancora attiva è stata definita come il vulcano più piccolo del mondo.

Aree geotermiche[modifica]

In tutte le aree vulcaniche del mondo, si possono incontrare anche aree geotermiche. Questi luoghi sono spesso, ma non sempre, associati all'attività vulcanica. Sorgenti calde, geyser, pozze di fango e fumarole (prese d'aria di vapore/gas) sono caratteristiche panoramiche comuni nelle aree geotermiche e le sorgenti calde possono essere ottimi posti per fare un tuffo. Paesi come il Giappone, la Corea del Sud, Taiwan e l'Islanda sono particolarmente famosi per i bagni termali. Le aree geotermiche sono anche una fonte di energia rispettosa dell'ambiente e l'Islanda ne approfitta molto bene.

Il Parco Nazionale di Yellowstone è probabilmente l'esempio più noto di area geotermica, poiché il magma fuso si trova non lontano sotto la sua caldera di 640.000 anni fa. La Nuova Zelanda, con i suoi vulcani nell'Isola del Nord, è nota anche per le vaste aree geotermiche, di cui Rotorua è forse la più conosciuta. Geysir in Islanda, che è l'omonimo di tutti i geyser del mondo, è un'altra famosa regione geotermica. Il popolo Maori della Nuova Zelanda, che tradizionalmente cucinavano il cibo seppellendolo sottoterra con rocce riscaldate (noto come hangi), spesso utilizzavano il calore geotermico se vivevano in un'area geotermicamente attiva. Allo stesso modo, l'Islanda ha una tradizione di cuocere il pane di segale sottoterra usando il calore geotermico.

Sicurezza[modifica]

Gli scienziati possono fare previsioni sull'attività vulcanica e tali previsioni sono abbastanza buone da rendere essenziale per i viaggiatori controllare i media locali per gli avvisi quando pianificano un viaggio in un'area vulcanica. Tuttavia, il problema è complesso, quindi le previsioni generalmente non sono precise e talvolta non del tutto affidabili.

Le autorità di pubblica sicurezza possono ordinare l'evacuazione delle aree pericolose e i visitatori dovrebbero certamente seguire tale prescrizione. Tuttavia, l'inizio di alcuni eventi vulcanici può essere abbastanza improvviso e in quei casi potrebbero esserci danni considerevoli prima che il governo possa reagire. Inoltre, le autorità potrebbero essere lente ad agire in gran parte del mondo poiché le evacuazioni sono dirompenti, costose e talvolta controverse. Se siete vicini a un vulcano che inizia a eruttare - con tremori della terra o espulsione di vapore o polvere - potrebbe essere saggio lasciare l'area prima di qualsiasi ordine di evacuazione.

I vulcani sono complessi e possono essere molto diversi l'uno dall'altro, quindi per la maggior parte di essi è una buona idea avere una guida esperta che conosca la particolare montagna che volete visitare. Se volete avvicinarvi a un vulcano in eruzione, una guida è assolutamente essenziale. D'altra parte, scalare alcuni vulcani senza una guida è ragionevole; per esempio il Monte Fuji non erutta dal 1708, gli scienziati non emettono avvisi e ci sono sentieri ben segnalati.

Eruzioni[modifica]

Flussi piroclastici precipitano rapidamente giù da un vulcano, consumando tutto sul loro cammino

Un vulcano in eruzione è estremamente pericoloso. A meno che non abbiate un ottimo motivo per avvicinarvi a uno di essi, il miglior consiglio è di stare lontano e guardarlo in sicurezza da casa, in albergo o al telegiornale.

Le zone a rischio vulcanico possono estendersi per dozzine di chilometri e ci sono più pericoli:

  • la lava è roccia fusa che fuoriesce dal vulcano. Oltre al pericolo diretto, una grande colata lavica irradia abbastanza calore da incendiare la vegetazione e uccidere gli animali a notevole distanza.
  • I flussi piroclastici sono flussi di cenere rovente e detriti che precipitano giù dalle loro bocche, incenerendo qualsiasi cosa infiammabile sul loro percorso. Possono raggiungere temperature fino a 800 °C e viaggiare fino a 150 km/h.
  • le bombe vulcaniche sono rocce lanciate verso l'alto dalle eruzioni; possono essere lanciate a migliaia di metri di altezza e possono atterrare a decine di chilometri di distanza. Vanno dai ciottoli alle dimensioni di una casa, ma i più pericolosi sono nella gamma di dimensioni tra un uovo e un pallone da calcio, abbastanza grandi da uccidere o causare gravi ferite e abbastanza leggeri da essere spesso lanciati a lunghe distanze.

Le ceneri, le colate di fango vulcanico e gli effetti dei terremoti possono estendersi per centinaia di chilometri dal vulcano. La vittima più famosa della caduta di cenere fu la città romana di Pompei, sepolta nel 79 d.C. dal Vesuvio. La città distava solo circa 8 km, ma la cenere può anche essere trasportata per via aerea in grandi quantità su un'area enorme. L'enorme eruzione preistorica (VEI-8) di Yellowstone ha diffuso cenere sulla maggior parte degli Stati Uniti e parti del Canada e del Messico.

La cenere vulcanica tende a fermare i motori degli aeromobili e dei veicoli, quindi il trasporto nell'area potrebbe essere limitato o interrotto. Un'eruzione in Islanda nel 2010 ha chiuso gli aeroporti in Europa, a più di 1000 km di distanza. L'eruzione del 2020 del vulcano Taal nelle Filippine ha chiuso l'aeroporto di Manila, a circa 50 km di distanza, per diversi giorni.

Se un vulcano è coperto di ghiaccio, il ghiaccio potrebbe sciogliersi rapidamente e causare inondazioni improvvise.

Vulcani dormienti[modifica]

Quando un vulcano è inattivo, potete avvicinarvi abbastanza ed essere comunque al sicuro, ma anche i vulcani dormienti sono pericolosi. I flussi di lava possono essere ancora caldi per anni dopo un'eruzione e solo una sottile crosta di roccia può coprirli. I vecchi flussi di lava possono essere taglienti come vetri rotti, quindi dovreste indossare scarpe da trekking o scarpe molto spesse. In aggiunta a questi pericoli, i gas letali potrebbero fuoriuscire dalle fessure vicino al vulcano.

Un lahar è come una valanga o un'alluvione improvvisa di vecchia cenere da un'eruzione che diventa mobile a causa della pioggia, del terremoto o del crollo di un lago vulcanico. Possono verificarsi molto tempo dopo le eruzioni, percorrere molti chilometri ed essere devastanti. Mentre le eruzioni possono dare segnali di avvertimento, i lahar non possono darlo. Fate attenzione ai possibili lahar quando ci sono forti piogge.

In alcuni vulcani dormienti come ad esempio nell'isola di Vulcano, in cima sono presenti emissioni di gas solforoso. Per quanto affascinanti essere possono stordire o provocare un avvelenamento da gas. Pertanto è sempre importante evitare di avvicinarsi troppo.

Aree geotermiche[modifica]

Le aree geotermiche possono presentare rischi simili a quelli dei vulcani a causa di meccanismi geologici. Le sorgenti calde e le pozze di fango possono essere pericolose a causa del calore, dell'acidità o dei gas, quindi non avvicinatevi a queste aree a meno che non sappiate per certo che sono totalmente sicure. I geyser sono una caratteristica comune delle principali aree geotermiche e possono eruttare acqua calda o fango inaspettatamente.

Le frane sono comuni anche nelle aree geotermiche, poiché anche la roccia vulcanica può indebolirsi nel tempo. I vapori acidi possono fuoriuscire dalle fumarole (sfiati del vapore / gas) o dalle sorgenti termali. Si possono anche incontrare gas nocivi che escono da buchi nel terreno e i gas possono raggiungere livelli pericolosi in spazi chiusi come grotte, tombini o coperture di piscine. L'anidride carbonica, che è un sottoprodotto dell'attività vulcanica, è nota per andare in spazi chiusi e può uccidere rapidamente con poco o nessun preavviso.

Destinazioni[modifica]

Di seguito una selezione di alcuni dei vulcani più attivi e/o meglio conosciuti al mondo. Alcuni di questi possono ancora essere esplorati da vicino.

Africa[modifica]

  • 1 Monte Camerun (Mongo ma Ndemi). L'unico vulcano al di fuori dell'Europa ad avere registrazioni di un'eruzione prima dell'era attuale nel 5 a.C. Rimane attivo ancora oggi: la sua più recente eruzione è stata nel 2012. Vicino alla città di Buea. Monte Camerun su Wikipedia Monte Camerun (Q190562) su Wikidata
  • 2 Kilimangiaro. Questo picco in Tanzania è il più alto dell'Africa arrivando a 5895 m. Ha una serie di crateri sommitali concentrici apparentemente meno di 10.000 anni e potrebbero aver eruttato l'ultima volta meno di 2000 anni fa. Il nome Kilimangiaro significa "montagna splendente" in swahili, senza dubbio a causa dei ghiacciai un tempo estesi che sfortunatamente stanno scomparendo rapidamente ogni anno. Kilimangiaro su Wikipedia Kilimangiaro (Q7296) su Wikidata
Il lago di lava Nyiragongo dal bordo (circa 500-700 m sopra)
  • 3 Nyiragongo. Nel Parco nazionale Virunga nell'estremo oriente della Repubblica Democratica del Congo, vicino a Goma e al confine con il Ruanda. Uno dei soli quattro vulcani al mondo con un lago di lava persistente, gli altri sono Erta Ale (Etiopia), Kilauea (Hawaii) e Monte Erebus (Antartide). Di solito si accede al vulcano con un'escursione notturna (8-10 ore il primo giorno, discesa la mattina seguente), con la notte trascorsa in tende sul bordo della caldera con viste mozzafiato sul lago di lava e sulla regione circostante. Sfortunatamente, si trova in una zona di conflitto e l'accesso è occasionalmente bloccato a causa della presenza di ribelli e bande criminali. È un vulcano decennale. Nyiragongo su Wikipedia Nyiragongo (Q214696) su Wikidata
  • 4 Ol Doinyo Lengai ("Montagna di Dio" nella lingua Masai). Presso l'Area di conservazione di Ngorongoro in Tanzania, questo è l'unico vulcano sulla Terra che erutta la lava natrocarbonatite. Questo tipo di lava emerge nera, si raffredda in grigio e si ossida in bianco. Ol Doinyo Lengai su Wikipedia Ol Doinyo Lengai (Q746787) su Wikidata
  • 5 Parco nazionale dei Vulcani. Questo parco in Ruanda è famoso per essere considerato la casa dei gorilla di montagna. Parco nazionale dei Vulcani su Wikipedia parco nazionale dei Vulcani (Q932736) su Wikidata

Asia[modifica]

India[modifica]

  • 6 Isola Barren. Questo è l'unico vulcano delle Isole Andamane e l'unico vulcano attivo in India. Gite di un giorno possono essere organizzate da Port Blair. Non è richiesto alcun permesso aggiuntivo per visitare l'isola, ma non è possibile sbarcare, solo per vederla dalla barca. Isola Barren su Wikipedia Barren (Q248212) su Wikidata

Indonesia[modifica]

Con 167 vulcani attivi conosciuti, l'Indonesia è di gran lunga il Paese più vulcanico del mondo.

Il Krakatoa
  • 7 Krakatoa. Questa è un'isola nella provincia ovest di Giava con diversi vulcani che hanno prodotto molteplici eruzioni nel 1883. Si stima che la più grande sia stata equivalente a 200 megatoni, circa quattro volte la più grande bomba H mai testata, e il suono è stato udito a 5.000 km di distanza. La nuvola di polvere ha avuto effetti in tutto il mondo; le temperature globali sono scese di oltre 1 °C. Questo è stato un evento VEI-6. Krakatoa su Wikipedia Krakatoa (Q82613) su Wikidata
  • 8 Monte Batur. Si trova a Bali ed è un vulcano attivo molto accessibile che richiede solo 2 ore per salire. Kintamani (Q39173) su Wikidata
  • 9 Agung. È un vulcano altamente visibile all'interno di Bali. "Agung" significa "fantastico" in indonesiano. Il vulcano è considerato sacro dai balinesi e le sue pendici ospitano il bellissimo complesso del tempio di Besakih. La sua ultima eruzione, nel 1963, fu piuttosto devastante. Agung su Wikipedia Agung (Q158470) su Wikidata
  • 10 Monte Bromo. A Giava orientale. È noto per i suoi paesaggi irreali, in particolare con il Monte Semeru è il terzo vulcano attivo più alto dell'Indonesia. parco nazionale di Bromo-Tengger-Semeru (Q1135025) su Wikidata
  • 11 Monte Merapi. Si trova a Giava centrale ed è forse il vulcano più attivo dell'Indonesia (non è un'impresa da poco). Incombe sulle principali città di Yogyakarta e Solo e sui templi molto popolari di Borobudur e Prambanan. Il Merapi è scoppiato 68 volte da quando è iniziata la registrazione formale nel XVI secolo. La sua eruzione dell'11 maggio 2018 ha provocato l'evacuazione di aree entro un raggio di 5 chilometri dal vulcano e la chiusura dell'aeroporto di Yogyakarta. È un vulcano decennale. Monte Merapi su Wikipedia Monte Merapi (Q134108) su Wikidata
  • 12 Rinjani. Si trova a Lombok ed è il secondo vulcano più alto dell'Indonesia con uno splendido lago vulcanico. È un viaggio di due giorni fino al bordo del cratere. Rinjani su Wikipedia Rinjani (Q847323) su Wikidata
  • 13 Tambora. Questo vulcano posto a Sumbawa è per veri avventurosi. Solo circa 50 visitatori all'anno arrivano a questo vulcano molto remoto. Nel 1814 Tambora era alto 4.200 m. È esploso con una tale forza (VEI-7) l'anno successivo che 1.400 m sono stati persi dalla sua cima. Quella è stata la più grande eruzione della storia recente, circa dieci volte più potente dell'eruzione del Krakatoa di pochi decenni dopo. Ha emesso nell'atmosfera polvere e cenere sufficienti a provocare un "inverno vulcanico" che ha colpito la maggior parte dell'emisfero settentrionale; la morte del bestiame e il fallimento dei raccolti hanno causato la peggiore carestia del secolo. Tambora su Wikipedia Tambora (Q168714) su Wikidata

Giappone[modifica]

Il Monte Fuji
  • 14 Monte Aso. Si trova sull'isola di Kyushu; è uno dei più grandi vulcani attivi del mondo con la sua grande caldera. Monte Aso su Wikipedia Monte Aso (Q733710) su Wikidata
  • unesco 15 Monte Fuji. Situato nella regione dei cinque laghi vicino a Tokyo, è il vulcano più alto e più bello del Giappone. È anche la montagna più scalata al mondo perché tante persone la scalano per vedere l'alba dal suo cratere sommitale. Fuji (monte) su Wikipedia Monte Fuji (Q39231) su Wikidata
  • 16 Sakurajima. È un vulcano attivo appena fuori Kagoshima. Sakurajima su Wikipedia Sakurajima (Q128841) su Wikidata

Filippine[modifica]

L'Istituto filippino di vulcanologia e sismologia elenca 23 vulcani come "attivi"; 21 di questi sono esplosi negli ultimi 600 anni. Altri 25 sono elencati come "potenzialmente attivi" e 355 come "inattivi".

  • 17 Monte Mayon (all'interno di Albay). Spesso descritto come il cono vulcanico più perfetto del mondo, Mayon ha avuto un'eruzione importante nel 1993. Monte Mayon su Wikipedia Mayon (Q1484) su Wikidata
  • 18 Monte Taal (nella provincia di Batangas). Si tratta di un complesso sistema di vulcani descritto come un "lago in un vulcano in un lago" e uno dei paesaggi più pittoreschi delle Filippine. Spesso raggiungibile tramite la vicina città di Tagaytay, dove vengono offerti pacchetti turistici al vulcano. È il secondo vulcano più attivo delle Filippine, con una storia di eruzioni distruttive e uno dei "vulcani del decennio". Un'eruzione all'inizio del 2020 ha costretto l'evacuazione di diverse città. Monte Taal su Wikipedia Taal (Q818475) su Wikidata

Russia[modifica]

  • 19 Kamcatka, la più grande penisola del Pacifico della Russia, ha diversi vulcani attivi e alcune sorgenti calde e geyser.

Europa[modifica]

Isole Canarie[modifica]

  • unesco 20 Teide. Questo vulcano a Tenerife è il vulcano attivo più alto delle Isole Canarie a 3715 m. Cristoforo Colombo e il suo equipaggio hanno osservato un'eruzione sul fianco di El Teide nel 1492. El Tiede è uno dei vulcani del decennio. Si trova nel Parco Nazionale del Teide, patrimonio mondiale dell'UNESCO. Teide su Wikipedia Teide (Q38954) su Wikidata

Grecia[modifica]

  • 21 Nisiro. Quest'isola nelle isole greche del Dodecaneso è la cima di un vulcano, leggermente attivo con fumarole fumanti. È possibile entrare nel fondo del cratere per uno sguardo più da vicino.
  • 22 Santorini. Quest'isola nel Mar Egeo è la più grande di un anello di isole attorno a un'antica caldera e probabilmente il vulcano più famoso della Grecia. Ha avuto un'eruzione VEI-7 intorno al 1600 a.C. Alcuni storici suggeriscono che lo tsunami e i terremoti associati abbiano distrutto la civiltà minoica nella vicina Creta, o che la devastazione di queste isole sia l'origine del mito di Atlantide, ma entrambe queste teorie sono piuttosto controverse.

Il vulcano è ancora attivo, poiché è esploso l'ultima volta nel 1950 da Nea Kameni, un'isola composta da colate laviche al centro della baia della caldera.

Islanda[modifica]

Hekla e il paesaggio circostante

L'Islanda ha molti vulcani attivi, tra cui Hekla, Katla e Askja. Nel Medioevo si pensava che Hekla fosse una porta per l'inferno. Ha avuto cinque eruzioni dal 1947 (l'ultima nel 2000) ed è considerato imprevedibile. Un vulcano sotto il ghiacciaio Eyjafjallajökull ha notoriamente interrotto il viaggio aereo europeo per giorni con una nube di cenere rilasciata durante un'eruzione nel 2010.

Italia[modifica]

  • 23 Vesuvio. È un vulcano spento vicino a Napoli. Non ha più fumato dall'ultima esplosione nel 1944, ma è ancora attentamente monitorato a causa della sua pericolosa vicinanza alla città, che è la più popolosa dell'Italia meridionale. È famoso per la sua eruzione nel 79 d.C., che seppellì le città romane di Pompei ed Ercolano sotto strati di pomice, cenere e frammenti di lava.
  • unesco 24 Etna. Si trova in Sicilia, vicino a Catania ed è il vulcano più alto d'Europa a 3.350 m ed è abbastanza attivo. Sia l'Etna sia il Vesuvio sono vulcani decennali.
  • 25 Stromboli. Questo vulcano delle Isole Eolie è in attività pressoché ininterrotta almeno dai tempi degli Antichi Greci ed è stato definito il "Faro del Mediterraneo".
  • 26 Vulcano. Appartenente alle Isole Eolie l'ultima eruzione risale al 1890. Oggi mantiene un'attività minima con emissioni gassose. È facile da visitare e molto popolare.

Nord America e Caraibi[modifica]

I segnali di evacuazione dei vulcani sono comuni nel nord-ovest del Pacifico
  • 27 Isole Aleutine. Poste in Alaska sono di origine vulcanica e hanno diversi vulcani attivi. Isole Aleutine su Wikipedia Isole Aleutine (Q119285) su Wikidata
  • 28 Monte Baker. Nello Stato di Washington, USA, è uno dei cinque principali stratovulcani dell'area che ha prodotto oltre 200 eruzioni negli ultimi 12.000 anni. Monte Baker su Wikipedia Monte Baker (Q594387) su Wikidata
  • 29 Monte Saint Helens. Nello Stato di Washington, è famoso per la sua eruzione del 18 maggio 1980. Questo è stato un evento VEI-5, uno dei più grandi del secolo. Dalla fine del 2004, ha eruttato di nuovo, ma non così violentemente: questa volta, una nuova cupola di lava è lentamente fuoriuscita dal suo cratere. Monte Saint Helens su Wikipedia Monte Saint Helens (Q4675) su Wikidata
  • 30 Monte Rainier. Nello stato di Washington (4.390 m), è la vetta più prominente della Cascade Range. La montagna si trova quasi tre miglia più in alto delle pianure a ovest e un miglio e mezzo più in alto delle montagne adiacenti. Il vulcano, che ha eruttato l'ultima volta circa 150 anni fa, è racchiuso in oltre 91 km2 di neve e ghiaccio. È l'unico vulcano decennale negli Stati Uniti continentali. Monte Rainier su Wikipedia Monte Rainier (Q194057) su Wikidata
  • 31 Monte Hood. Con i suoi 3.426 m, è la montagna più alta nello stato dell'Oregon e un importante sito di ricreazione all'aperto nel Pacifico nord-occidentale. Situato a circa 80 km a est-sud-est di Portland, è visibile dalla città nelle giornate limpide e di solito fa da sfondo allo skyline nelle cartoline e nelle fotografie della città. Monte Hood su Wikipedia Monte Hood (Q275662) su Wikidata
  • 32 Monte Redoubt. A circa 180 km a sud-ovest di Anchorage, è il più grande vulcano attivo dell'Alaska continentale. Monte Redoubt (Alaska) su Wikipedia Monte Redoubt (Q840735) su Wikidata
  • 33 Popocatépetl. Vicino a Città del Messico, ha spesso un pennacchio vulcanico sopra il suo cratere che è alto 5.450 m. Il nome significa "montagna fumante" nella lingua nativa Nahuatl. Popocatépetl su Wikipedia Popocatépetl (Q181157) su Wikidata
  • 34 Soufrière Hills. A Montserrat, precedentemente considerato dormiente, ha ripreso a eruttare nel 1995, costringendo la chiusura della metà meridionale dell'isola (compresa la sua capitale e l'aeroporto nel 1997). È ancora attivo, anche se principalmente erutta lava e cenere. Soufrière Hills su Wikipedia Soufrière Hills (Q845239) su Wikidata
  • 35 La Pelée. Un'eruzione qui nel 1902 spazzò via la città di Saint-Pierre nella Martinica. Le attrazioni della città ricostruita oggi includono un museo del vulcano e immersioni sui relitti intorno alle numerose navi affondate da quell'eruzione. La Pelée su Wikipedia La Pelée (Q76309) su Wikidata

Il Canada non ha vulcani attivi, si pensa che abbia avuto solo circa 50 eruzioni negli ultimi 10.000 anni. Tuttavia, le Montagne Rocciose canadesi includono molti vulcani dormienti; geologicamente fanno parte dello stesso sistema che produce vulcani attivi negli stati di Washington, Oregon e in Alaska.

America del Sud e centrale[modifica]

  • 36 Cotopaxi. Si trova in Ecuador, spesso è dichiarato erroneamente come il vulcano più alto del mondo (nonostante la sua elevazione di 5.911 m), è ancora uno dei vulcani più spettacolari del Sud America. Cotopaxi su Wikipedia Cotopaxi (Q181476) su Wikidata
  • 37 Vulcano Arenal. Si trova in Costa Rica ed è il vulcano più giovane del paese. Le sue eruzioni sono state frequenti fino al 2010, ma ora è calmo. Vulcano Arenal su Wikipedia Vulcano Arenal (Q641588) su Wikidata
  • 38 Vulcano Masaya. In Nicaragua, vicino a Masaya. Vulcano Masaya su Wikipedia Vulcano Masaya (Q613424) su Wikidata
  • 39 Lascar. nella regione di Atacama nel nord del Cile. Lascar (Q48783) su Wikidata

Guatemala[modifica]

Nicaragua[modifica]

  • 46 Concepción. forma l'isola di Ometepe. Concepción (vulcano) su Wikipedia Concepción (Q1067452) su Wikidata
  • 47 Maderas. forma l'isola di Ometepe. Maderas (vulcano) su Wikipedia Maderas (vulcano) (Q1156943) su Wikidata

Oceania[modifica]

Hawaii[modifica]

Lava del vulcano Kīlauea esplode a contatto con l'acqua dell'oceano.
  • 48 Kīlauea. Posto nella Isola di Hawaii, erutta ininterrottamente dalla sua bocca laterale, nota come Pu'uO'o ("Collina dell'uccello O'o" nella lingua nativa hawaiana) dal 1983. Si può osservare in sicurezza la camera magmatica da un punto di osservazione a un paio di miglia di distanza nel Parco Nazionale dei Vulcani delle Hawaii dopo il tramonto. Kīlauea su Wikipedia Kīlauea (Q188698) su Wikidata
  • 49 Mauna Loa. È il vulcano storicamente attivo più alto dello stato ed è sormontato dalla caldera Moku'aweoeo. È anche il vulcano più grande del mondo in volume. Non lasciatevi ingannare dai suoi dolci pendii - con il suo punto più alto a 4170 m, l'altitudine può essere difficile per gli escursionisti inesperti e la sua cima è spesso coperta di neve durante l'inverno. È l'unico vulcano decennale delle Hawaii. Mauna Loa su Wikipedia Mauna Loa (Q159762) su Wikidata
  • 50 Mauna Kea. È il vulcano più alto delle Hawaii a 4205 m, ed è butterato di coni eruttivi. La sua altitudine interessa gli astronomi e i loro telescopi giganti e persino per gli sciatori. Mauna Kea su Wikipedia Mauna Kea (Q131230) su Wikidata
  • 51 Haleakalā. ("Casa del sole" in hawaiano), è il vulcano più alto dell'isola di Maui, ed è rinomato per il suo cratere erosivo e per i coni eruttivi annidati. Haleakalā su Wikipedia Haleakalā (Q515719) su Wikidata

Nuova Zelanda[modifica]

  • unesco 52 Parco nazionale del Tongariro. Questo parco ha tre vulcani attivi, il Monte Ruapehu, il Monte Tongariro e il Monte Ngauruhoe. Ruapehu, il vulcano più alto della Nuova Zelanda, ha un lago del cratere che si forma e si riempie quando il vulcano non è in eruzione. Parco nazionale del Tongariro su Wikipedia Parco nazionale del Tongariro (Q202845) su Wikidata
  • 53 Whakaari/White Island. È un'isola vulcanica nella Baia dell'Abbondanza, a sud-est di Auckland, e il vulcano più attivo della Nuova Zelanda. I tour andavano sull'isola, fino a quando un'eruzione nel 2019 ha ucciso un gran numero di visitatori. Whakaari/White Island su Wikipedia Whakaari/White Island (Q557077) su Wikidata
  • 54 Taupo. Questa città si trova vicino al lago più grande della Nuova Zelanda, che è la caldera di un supervulcano. Ha avuto un'eruzione VEI-7 nel 180 CE che ha prodotto cieli rossi fino a Roma e in Cina. Intorno al 25.000 a.C. ebbe un'esplosione di VEI-8. Taupo su Wikipedia Taupo (Q2397257) su Wikidata

Papua nuova Guinea[modifica]

Tavurvur
  • 55 Tavurvur. Questo è un vulcano molto attivo proprio accanto alla città di Rabaul, sull'isola della Nuova Britannia. Gran parte della città è stata distrutta in un'eruzione del 1994. È scoppiato per l'ultima volta nel 2006, frantumando finestre fino a 12 km (di distanza e inviando un pennacchio di cenere a 18.000 m nella stratosfera. Tavurvur su Wikipedia Tavurvur (Q264862) su Wikidata
  • 56 Vulcano Ulawun. È un altro vulcano molto attivo sulla Nuova Britannia. È l'unico vulcano decennale della Papua Nuova Guinea. Vulcano Ulawun su Wikipedia Vulcano Ulawun (Q74158) su Wikidata

Antartide[modifica]

Oltre 130 vulcani sono stati scoperti nelle lande ghiacciate dell'Antartide e, molti sono in eruzione sotto le dense calotte glaciali, ma non sono particolarmente pratici da visitare.

  • 57 Erebus. Alto 3.794 metri il Monte Erebus è il vulcano più alto e più attivo del continente. C'erano tour aerei sul vulcano dalla Nuova Zelanda fino a un fatale incidente nel 1979. Erebus (Antartide) su Wikipedia Erebus (Q188982) su Wikidata

Agenzie di viaggio[modifica]

Le seguenti agenzie di viaggio sono specializzate nel turismo vulcanico.

Vedi anche[modifica]

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Vulcani
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Vulcani
  • Collabora a Wikiquote Wikiquote contiene citazioni di o su Vulcani
2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma la maggior parte delle sezioni ha contenuti. Nel complesso ha almeno una buona panoramica dell'argomento.