Vai al contenuto

Da Wikivoyage.

Ek Balam
Il sito
Localizzazione
Ek Balam - Localizzazione
Stato
Stato federato
Superficie

Ek Balam è un sito archeologico dello Yucatán.

Da sapere[modifica]

Ek Balam, scritto anche Ek' Balam o Ek' B'alam, è un importante sito archeologico della cultura Maya tardo classica.

Questo sito sta diventando sempre più popolare tra i turisti, ma è molto meno visitato della molto più grande Chichen Itza.

Cenni geografici[modifica]

Ek Balam è un centro cittadino Maya compatto e facilmente percorribile, circondato da una giungla lussureggiante ma piuttosto secca. Il terreno è così pianeggiante che l'unico modo per avere qualsiasi tipo di vista è salire sull'Acropoli (le cime degli altri edifici sono appena più alte degli alberi), dove avrete una vista spalancata della foresta a perdita d'occhio. Questo è anche un buon punto di osservazione per osservare dall'alto gli altri edifici del sito archeologico.

Ci sono molti alberi all'interno del sito (bello per l'ombra). Le iguane sono comunemente viste sulle rovine e ci sono anche molti uccelli in giro (in particolare, sono comuni bellissimi motmot dalle sopracciglia turchesi). A volte si possono vedere gli scoiattoli ai margini della foresta.

Quando andare[modifica]

Glifo e stele a Ek Balam

Caldo, umido, spesso con sole cocente.

Cenni storici[modifica]

Ek' B'alam significa Giaguaro Nero o Giaguaro Stellare nella lingua maya yucateca, ma le iscrizioni indicano che il nome originale del sito era probabilmente Talol. Sculture in stucco rare e originali sono protette da moderni tetti di paglia sui resti dell'acropoli. Tali sculture in stucco generalmente non sopravvivono perché sono in gesso e si deteriorano rapidamente.

Le strutture più antiche di Ek Balam risalgono al periodo dal 600 al 450 a.C. La maggior parte delle strutture significative furono costruite tra il 250 e il 1200 d.C. La Piazza Nord è la parte più grande e più antica del sito ed è formata dagli edifici 1 - 3. L'edificio più grande del sito è l'Acropoli.

Al suo apice, la città probabilmente copriva un'area di 12 chilometri quadrati e l'odierno sito archeologico rappresentava il nucleo centrale della città, occupato dall'élite al potere.

Apparentemente questo luogo visse un'esistenza relativamente insignificante come un piccolo e pacifico villaggio finché un sovrano di nome Ek' Balam raggiunse la città con un folto gruppo di persone e si stabilì qui. Durante il suo regno quarantennale, la città fiorì. Ma il suo successore dovette rinunciare all'indipendenza e sottomettersi ai Cupul Maya, che avevano il loro centro a Valladolid.

Quando Chichén Itzá divenne più potente, eclissando Ek Balam, gli stessi Maya seppellirono l'acropoli di Ek Balam, preservando le sculture in stucco e molte iscrizioni geroglifiche dipinte. Questo ci dà un'illustrazione di come dovevano essere un tempo molti altri siti Maya.

Il successivo declino portò infine all'abbandono della città nel XIII secolo d.C. Gli spagnoli stabilirono qui un piccolo insediamento, ma fu nuovamente abbandonato. La città è stata documentata nel XIX secolo d.C., ma solo a partire dagli anni '90 sono stati effettuati scavi consistenti.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Gli aeroporti più vicini sono a Cancún e Mérida. Da lì il modo migliore è trovare la strada.

In auto[modifica]

Da Cancún prendete la C180 per Valladolid e poi svoltate sulla C295 in direzione nord. Dopo circa 8 km svoltare nuovamente a destra e dopo altri 3 km raggiungere i ruderi.

Da Mérida prendere la C178 verso est e svoltare da Cansahcab verso Temax o Tizimín. Quest'ultima è raggiungibile dopo ca. 100 km. Qui si svolta a destra in direzione Valladolid e dopo circa 20 km svoltare nuovamente a sinistra. Dopo altri 5 km si raggiunge la struttura.

I soliti segnali turistici blu e bianchi indicano la direzione sull'autostrada (questi segnali sono pochi e rari).

In autobus[modifica]

Non ci sono autobus che vanno a Ek Balam: è necessario prendere un'auto, un taxi o un taxi collettivo. I Collectivo sono furgoni che portano più persone nello stesso posto e sono più economici rispetto a prendere un taxi privato solo per il tuo gruppo. Li potete trovare a Valladolid.

Collectivos a Ek Balam da Valladolid: solitamente ci sono autisti collettivi che si radunano all'angolo tra Calle 44 e 37. In caso contrario, dirigiteci a nord su Calle 44 dopo la 37 e dopo poche decine di metri dovreste vedere il parcheggio collettivo sulla vostra destra. I viaggi alle rovine di Ek Balam costano M$70 a persona e i collettivi partiranno quando ci saranno 4 passeggeri. Potete assumere un intero collettivo a Ek Balam per M $ 280, se non desiderate aspettare più passeggeri (dicembre 2023).

Permessi/Tariffe[modifica]

La quota di ingresso è di 90 M$ per il governo statale e di 461 M$ per il governo federale. La tassa governativa statale può essere pagata con carta di credito, mentre la tassa federale può essere pagata solo in contanti. (apr 2024).

Le visite guidate sono possibili per M$600 (spagnolo) e M$800 (inglese) e durano poco meno di un'ora (dicembre 2023)

L'area è aperta tutti i giorni dalle 08:00 alle 17:00. La biglietteria chiude alle 16:00. Un'ora e mezza è più che sufficiente per vedere il sito, a meno che non siate un archeologo. Ek Balam può essere facilmente combinato con visite ad altri siti.

Il piccolo centro visitatori è a pagamento e dispone di servizi igienici.

Come spostarsi[modifica]

Mappa del sito — passa alla mappa interattiva
Mappa del sito
Mappa del sito
Il percorso suggerito

Ek Balam è un sito Maya particolarmente compatto e potete facilmente camminare ovunque in pochi minuti. Per evitare di perdere monumenti il sito è organizzato secondo un percorso indicato e segnalato da frecce. L'unica cosa un po' più lontana è X'canche Cenote (vedi sotto).

Il sito non è propriamente adatto per i visitatori in carrozzella.

Cosa vedere[modifica]

Non c'è nessun museo in loco.

  • 20.890224-88.1360831 Mura difensive (1). Circondano il sito e terminano con profonde voragini.
L’arco di ingresso
  • 20.890695-88.1363932 Arco d'ingresso (2). Questa struttura sovrasta la strada (sacbe) che conduceva alla città. L'edificio è posto su una base a tre livelli, che in realtà è costituito solo da quattro spesse sezioni di mura rettangolari, che insieme racchiudono un piccolo spazio interno, che è aperto su quattro lati da ingressi stretti o larghi. Come prolungamento del Sacbé si accede tramite rampa agli ingressi larghi, sugli altri lati le scale conducono agli ingressi stretti. L'interno era originariamente coperto e la volta è stata ricostruita.
Il palazzo ovale da dietro
  • 20.89066-88.136033 Palazzo Ovale (3). Si tratta di un edificio rettangolare più lungo, affiancato da una parte rotonda che fu costruita in 6 fasi. Mentre la parte rettangolare è costituita da file di ambienti su due livelli, la parte rotonda è una possente base piramidale, al piano superiore della quale si trova un tempietto ad un solo ambiente, al quale si accede da nord tramite un'ampia scalinata. Questo edificio conteneva delle reliquie funerarie e il suo allineamento suggerisce che sia collegato a cerimonie cosmologiche. È possibile salirci sopra.
I gemelli
  • 20.890952-88.1363064 Struttura 17 o i Gemelli (4). Si tratta di due templi gemelli appaiati l’uno a fianco dell’altro su un alto basamento a cui salgono le scale da est. Gli edifici hanno ciascuno solo due ingressi stretti che conducono ad uno spazio interno corrispondente. C'è uno stretto passaggio al piano terra tra i due edifici. Anche la facciata di questi edifici era ricoperta da decorazioni in stucco.
  • 20.890956-88.1360045 Cappella (5).
La stele
  • 20.890858-88.1358816 Stele scolpita (6). La Stele 1 fu eretta nell'840 d.C. dal sovrano K'inich Junpik Tok' K'uh…nal, l'ultimo re di Ek' Balam. Lo si vede nel bassorilievo in cui tiene nella mano sinistra alzata lo scettro del dio K'awiil, simbolo della sua dignità regale. Sopra la sua testa e l'alto copricapo di piume siede su un trono celeste Ukit Kan Lek Tok', suo antenato e fondatore della dinastia Ek' Balam. La stele è riparata da una struttura precaria e appare parecchio consumata dal tempo.
  • 20.890598-88.13577 Struttura 12 (7).
  • 20.890762-88.13538 Struttura 10 (8). È una piattaforma la cui base risale al Tardo Classico ma è stata costruita dalle generazioni successive. Con una scala ribassata molto ampia sul lato ovest (solo parzialmente ricostruita). Sulla piattaforma c'è solo un edificio templare particolarmente piccolo e basso, che ricorda chiaramente i piccoli templi della costa orientale dello Yucatán.
  • 20.891338-88.1358419 Struttura 7 (9).
Gioco della pelota
  • 20.891343-88.13620810 Gioco della pelota (10). Il campo da gioco, che si estende all'incirca in direzione nord-sud, si trova tra due edifici più antichi, di cui copre parzialmente gli ambienti e le facciate. È un campo da gioco con pendenze molto ampie e un basso muro di cinta verticale. Negli edifici più antichi una scala conduceva da est o da ovest ad un piccolo edificio del tempio a livello del tetto. Gli edifici più antichi hanno facciate che ricordano lo stile Puuc: sono progettate con colonne basse e fasce fregiate orizzontali con elementi obliqui. Questo campo fu completato nell'841 d.C.
  • 20.891642-88.13673411 Struttura 2 (11) (all'angolo ovest dell'Acropoli). È una delle grandi piattaforme non scavate che compongono la piazza principale e contiene un tempio in un angolo.
  • 20.891738-88.1357112 Bagno termale (12).
  • 20.891701-88.13483213 Struttura 3 (13) (all'angolo est dell'Acropoli). È una piattaforma non scavata che confina con la piazza principale.
L’acropoli
La scalinata
  • 20.892366-88.13589514 Struttura 1 o Acropoli (14) (sul lato nord del sito). È la struttura più grande di Ekʼ Balam e si ritiene contenga la tomba di Ukit Kan Leʼk Tokʼ, un importante sovrano di Ekʼ Balam. (Scavato dal 1998). L'antico nome è riportato nelle iscrizioni come Sac Xoc Naj (Casa Bianca dell'Apprendimento). È senza dubbio il più grande edificio sopravvissuto della cultura Maya nel nord della penisola dello Yucatán. L'edificio occupa un'area rettangolare lunga 160 m e larga circa 70 m. La parte più alta si erge ancora a 31 m sopra il sito, ma originariamente era circa 6 m più alta.
    L'edificio ha 6 piani e, secondo l'attuale stato degli scavi, contiene almeno 72 stanze. La facciata principale è rivolta a sud, al centro una scala con più interruzioni conduce al piano più alto, di cui restano solo piccoli resti ed era costituito da un solo vano. Il piano più basso sopra una base è costituito da due file simili di 5 stanze ciascuna. La facciata era completamente ricoperta di bassorilievi sulle pietre di paramento, ma solo una piccola parte di essi è stata rinvenuta in situ e quindi non è stata ancora ricostruita. A metà della scala, ai lati, si trova un ambiente il cui ingresso era evidenziato da un rilievo in stucco, probabilmente una porta a bocca di serpente, conservata solo nelle parti più basse. L'accesso avveniva tramite la scalinata centrale, ampliata più di tre volte. Immediatamente davanti agli ingressi, sulle scale è visibile un volto di serpente in stucco, la cui lingua si estende lungo diversi gradini e contiene un'iscrizione che si riferisce all'inaugurazione della costruzione delle scale da parte del sovrano che fece realizzare l'intera costruzione fuori, Ukit Kan Le 'k Tok'. L'ingresso alle due stanze è stato ricostruito.
    È possibile salire la ripida scalinata e arrivare in cima dove si ammira un bel panorama sul sito e le zone circostanti.
La bocca del serpente
  • 20.892321-88.13611415 El Trono (15). Il quarto livello dell'acropoli è dominato da un enorme ingresso a bocca del serpente, caratteristico dello stile Chenes. È concepito come un rilievo in stucco. È la porzione di tempio in cui fu sepolto Ukit Kan Leʼk Tokʼ. La porta ha la forma di una bocca mostruosa, forse raffigurante un giaguaro. Ciò che è insolito è che le figure, che, come di consueto, poggiano su lastre di pietra sporgenti dalla facciata, sono completamente scultoree. Ancora più insolite sono le figure di genere presenti nelle singole parti. Lo stile Chenes è coerente anche con il fatto che la facciata con l'ingresso a bocca di serpente è posizionata leggermente in avanti rispetto al resto dell'edificio ed è separata da esso da una stretta fessura, che vuole dare l'impressione di un edificio separato.


Cosa fare[modifica]

  • 20.88827-88.12041 Cenote Xcanche (C'è un sentiero di 2 km vicino all'ingresso principale che vi conduce, e spesso ci sono persone con risciò che vi porteranno pagando una piccola tassa). M $ 50, è anche possibile noleggiare di una bicicletta (M $ 120) o un risciò ($ 150 a persona andata e ritorno), (apr 2018). 8:00-16:00. I cenote sono doline d'acqua dolce profonde decine di piedi ed erano considerati sacri dai Maya. Il cenote di Ek Balam ha delle scale che scendono verso l'acqua, una passerella attorno al bordo dell'acqua, un'altalena di corda dalla passerella e un kayak. È fantastico per nuotare in una giornata calda o semplicemente osservare i pesci gatto che vivono nell'acqua. Per nuotare è obbligatorio il costume da bagno ed è necessario fare la doccia prima di entrare in acqua. Sono forniti uno spogliatoio, docce, armadietti con lucchetto e bagni. I giubbotti di salvataggio possono essere noleggiati all'interno del cenote per M$20 - fortemente consigliati a chiunque non sia un nuotatore esperto, poiché l'acqua è profonda fino a 30 m. Cenote Xcanche (Q124359531) su Wikidata
  • Visita guidata. Una visita guidata al sito è 600 MXN se in spagnolo, 800 MXN se in inglese, francese o italiano.


Acquisti[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Alberghi e ristoranti si possono trovare in qualsiasi città vicina, comprese Mérida e Valladolid.

Il villaggio di Ek Balam a circa 2 km dal sito ha almeno un ristorante italiano.

Molto vicino al sito c'è un piccolo bar che distribuisce bevande fredde. Presso la biglietteria stessa potrebbe esserci un chiosco di gelati e bevande, ma non c'è molto altro da mangiare. C'è anche un ristorante palapa lungo la strada vicino al Cenote Xcanche. Servono ottimi piatti regionali dello Yucatan (provate la sopa de lima).

Dove alloggiare[modifica]

  • 20.893844-88.1440021 Genesis Eco-Oasis, +52 985 101 0277. Check-in: 15:00, check-out: 13:00. Bellissimo lodge di lusso con piscina, lussureggianti giardini tropicali e camere uniche costruite e decorate in armonia con la giungla locale. Parcheggio custodito, ristorante con colazione.


Sicurezza[modifica]

Scalare l'Acropoli è più spaventoso di quanto sembri e, se soffrite di una forte paura dell'altezza, potreste pentirvene una volta arrivati in cima. Per altri, può sembrare un grosso problema. Le scale sono piuttosto ripide, quindi fate attenzione, soprattutto durante la discesa.

L'area intorno al sito sembra abbastanza sicura.

I venditori vicino al sito potrebbero indirizzarvi a parcheggiare vicino al loro negozio e potrebbero farvi pressione affinché li paghiate per sorvegliare la vostra auto. Se non desiderate i loro servizi, potete tranquillamente rifiutarli.

Portate acqua, crema solare e un cappello.

Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • Valladolid, una piccola città che si trova a circa 15 minuti a sud di Ek Balam.


Altri progetti

Sito archeologicoUsabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene informazioni su come arrivare, sulle principali attrazioni o attività da svolgere e sui biglietti e orari d'accesso.