Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Sinaia
Panorama di Sinaia
Stemma
Sinaia - Stemma
Stato
Regione
Altitudine
Abitanti
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Romania
Reddot.svg
Sinaia
Sito istituzionale

Sinaia è una città della Muntenia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Sinaia sorge a circa 60 km a nord-ovest di Ploiești e a 50 km a sud di Braşov, in un'area montagnosa nella valle del fiume Prahova, subito ad est dei Monti Bucegi.

Cenni storici[modifica]

La Valle di Prahova era ancora disabitata nel XVII secolo.

I primi abitanti a stabilirsi nella foresta che ricopriva le pendici dei Monti Bucegi furono i monaci del monastero di Sinaia, fondato tra il 1690-1695 grazie alle elargizioni del principe fanariota Mihai Cantacuzino. La città prese il nome dal monastero e il monastero prese il nome da quello di Santa Caterina nella penisola del Sinai.

Ancora agli inizi del XIX secolo l'intera Valle di Prahova comprendeva tre soli villaggi: Predeal, Posada e Podul Neagului.

Il 5 agosto 1866 il principe (Domnitor) Carlo visitò il monastero di Sinaia, situato a quel tempo nel territorio del comune di Podul Neagului e si innamorò dei magnifici paesaggi di montagna. Nel 1872 la corona acquistò una tenuta di 1.300 chilometri quadrati nei pressi del fiume Arsa Piatra. Il 22 agosto 1873 furono gettate le prime fondamenta del castello di Peleș che fu inaugurato con un ballo ufficiale di corte il 7 ottobre 1883.

Il 9 maggio 1880 Sinaia acquisì lo status di comune che comprendeva le frazioni di Izvor, Furnica e Poiana Țapului. Nel 1884, le frazioni di Predeal, Azuga, Bușteni e Poiana Țapului si separarono da Sinaia, formando il comune di Predeal, mentre il comune di Sinaia rimase con le frazioni di Izvoru e Furnica.

Alla fine del XIX secolo, Sinaia aveva una popolazione di 2210 abitanti, una scuola mista frequentata da 103 studenti, alberghi, una stazione ferroviaria sulla linea Ploiești-Brașov e una clinica di idroterapia.

Sempre in quel periodo la città si ricoprì di fabbriche di legname. Nel gennaio 1892 fu aperta una fabbrica di chiodi di ferro che aveva 45 dipendenti, tra rumeni e tedeschi.

Nel 1925 fu inaugurata una centrale iidroelettrica che forniva l'illuminazione pubblica.

Alla vigilia della 2ª guerra mondiale, Sinaia contava 3906 abitanti.

Dopo l'abdicazione forzata del re Michele I di Romania nel 1947, il regime comunista sequestrò tutti i beni reali, tra cui la tenuta di Peleș. Tra il 1975 e il 1990 Nicolae Ceaușescu, chiuse l'intera area e le uniche persone ammesse nella proprietà erano operai addetti alla manutenzione e personale militare.

Nel 2006 il governo rumeno annunciò la restituzione del castello al re Michele I di Romania. La restituzione effettiva è avvenuta il 20 febbraio 2007.

Il 10 maggio 2016, in occasione del Giorno dell'Indipendenza Nazionale della Romania, che segna anche il 150° anniversario della dinastia rumena, lo stendardo personale della principessa Margaret di Romania ha sventolato sull'albero più alto del castello per la prima volta dall'espulsione della monarchia nel 1947.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Sinaia è divisa in sei quartieri:

  1. Centru - Il quartiere raccolto intorno al monastero di Sinaia e al parco Dimitrie Ghica.
  2. Furnica - Il quartiere nord-occidentale sorto intorno al Castello di Peleș.
  3. Tirul cu Porumbei - Quartiere a sud del centro.
  4. Cumpătu - Il quartiere settentrionale con molte ville e hotel;
  5. Mefin - Quartiere meridionale.
  6. Platoul Izvor Quartiere più meridionale risalente al periodo socialista.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'aeroporto più vicino è quello di Bucharest-Otopeni che dista approssimativamente 120 km dalla città (2h ca).

In auto[modifica]

Sinaia può inoltre essere raggiunta da entrambi i lati della Valle Prahovei (Văii Prahovei) percorrendo la E60 o da Brașov se si arriva da nord o da Ploiești se si arriva da Sud. Da Bucharest prendere l'autostrada A3 fino a Ploiești, quindi immettersi sulla E60.

In treno[modifica]

Stazione ferroviaria di Sinaia
  • 1 Stazione di Sinaia (Gara Sinaia). Stazione rimasta pressoché immutata dal 1913, anno della sua inaugurazione.
Arrivare a Sinaia in treno è facile poiché la città si trova sulla linea ferroviaria principale che collega Bucharest a Brașov. Tutti i treni diretti in Ungheria passano per la stazione di Sinaia, così come quelli per Oradea, Braşov e Cluj-Napoca. Vi sono inoltre molti treni da/per Sighișoara, Timișoara, Iaşi e Arad.
Nonostante questa sia una delle principali linee ferroviarie del paese i treni non sono frequentissimi: finanche nelle ore di punta i treni possono partire dalla Gara de Nord di Bucarest a intervalli di oltre un'ora.

In autobus[modifica]

Numerosi bus a lunga percorrenza servono la città, ma l'opzione migliore rimane il treno.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Monastero di Sinaia
Castello di Peleș


  • 1 Monastero di Sinaia (Mănăstirea Sinaia), strada Soarelui 3, +40 244 314917. Ecb copyright.svg circa 2€ a persona. Il monastero è diviso in due sezioni: l'edificio originale risalente al XVII secolo (1690 -1695) e l'edificio monderno costruito nell XIX secolo (1842 - 1846). Le reliquie conservate nel museo religioso non sono molto importanti fatta eccezione per una copia della prima bibbia stampata in Romania e una collezione di icone di Santi. Sinaia Monastery (Q2914909) su Wikidata
  • Palazzo del Municipio.
  • 2 Castello di Peleş (Castelul Peleș), strada Pelesului 2, +40 244 310918, @ . Simple icon time.svg Mer-dom 9-17. castello edificato in stile neorinascimentale tra il 1873 e il 1914 Castello di Peleș su Wikipedia castello di Peleș (Q917702) su Wikidata
  • 3 Castello di Pelișor (Castelul Pelișor) (a fianco del castello di Castello di Peleş). Pelișor (Q2561653) su Wikidata
  • 4 Palazzo della guardia reale (Palatul Gărzii Regale). costruito contemporaneamente al castello di Peleş
  • 5 Foișorul. costruito contemporaneamente al castello di Peleş, distrutto dopo un disastroso incendio, venne ricostruito nel 1931.
  • 6 Vila Luminiș. La villa è stata fra il 1926 e il 1946 residenza privata di George Enescu. Oggi è un museo.
  • 7 Casinò di Sinaia (Cazinoul Sinaia). fu costruito nel 1912 dall'architetto Petre Antonescu nel parco Dimitrie Ghica. Oggi centro conferenze.
  • 8 Parcul Dimitrie Ghica. Fu costruito nel 1881 dall'architetto svizzero Eder.
  • 9 Museo ferroviario di Sinaia, Strada Gării.


Eventi e feste[modifica]

  • Sinaia For Ever. Nel mese di settembre tre giorni densi di eventi culturali. L'ultimo giorni vi saranno dei fuochi artificiali.
  • Festival Internazionale di Chitarra Classica a Sinaia (Festivalul Internațional de Chitara Clasică din Sinaia). Simple icon time.svg durante il mese di maggio. Per una settimana Sinaia diventa capitale mondiale della chitarra classica accogliendo musicisti da tutto il mondo.


Cosa fare[modifica]

A Sinaia è possibile sciare lungo la pista da sci, da sci di fondo o da bob. La città dispone inoltre di impianti di risalita. Per informazioni visitare il sito della compagnia che gestisce gli impianti (Ski on Sky Sinaia).

Acquisti[modifica]

  • 1 Carpați Shopping Center. Moderno centro commerciale nel centro della città.
  • 2 Funride Shop, Strada Octavian Goga, +40 733 669 339. Simple icon time.svg lun-dom 11.30-18. Negozio sportivo: vende sci, snowboard e bici e vestiti.
  • 3 Hermes Gallery, Carol I 41, +44 0727 642 760, @ . Simple icon time.svg lun-gio: 9.30-20 ven-sab: 9.30-21 dom: 9.30-15.30. Grande magazzino accanto alla stazione ferroviaria
  • 4 Ada Shop, Bd. Carol I, 8, +40 244 312 611. Simple icon time.svg 9.00-18.00. Negozio di vestiti sia casual che tecnici
Mercati
  • 5 Piața Unirii. Nel più grande mercato agricolo della città è possibile trovare tutti i frutti di stagione coltivati in Romania come mele, uva, pesche, patate e pomodori. Nel mercato sono presenti anche bancarelle che servono cibi pronti.
  • 6 Piața Democrației. Vicino alla stazione, vende prodotti di tutti i tipi: dagli alimentari ai souvenir.
  • 7 Mercato del monastero di Sinaia. Simple icon time.svg Aperto tutto l'anno sia la mattina che il pomeriggio. Mercato dell'artigianato situato alle porte del monastero di Sinaia. In esso è possibile trovare sculture in legno, costumi tradizionali e molto altro.
  • 8 Piața Peleș. Situato nei pressi del castello omonimo, vende prodotti artigianali e souvenir.


Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Nel centro della città ci sono molti bar e ristoranti, ma questi sono molto più cari di quelli situati nelle altre parti della città.

Prezzi modici[modifica]

  • Pizzeria "Casa Nostra". Grandi pizze per 15 Lei (circa 4€).


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • Palace Hotel. Questo hotel fu aperto nel 1901 e l'atmosfera che in esso si respira riporta indietro nel tempo.
  • Hotel Sinaia, Bulevardul Carol I 8. Check-in: 14:00, check-out: 12:00. Hotel e sala conferenze nel centro della città.


Sicurezza[modifica]

Farmacie


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Sfinx românesc

Nei dintorni di Sinaia vi sono numerose montagne dove è possibile fare escursioni. Tra le varie montagne, la principale è Omu Peak alto 2.505 m s.l.m. che sulla cima ha un ristorante e una stazione meteo. La cima e raggiungibile grazie a due funivie: con un cambio a 1400 m.

Importanti cittadine nei dintorni sono:

  • Buşteni — 10 km a nord di Sinaia, importante per il palazzo Cantacuzino (Palat Cantacuzino), il monastero Caraiman (Mănăstirea Caraiman) e la Sfinx românesc, naturale conformazione rocciosa che ricorda la forma di una sfinge, raggiungibile con una cabinovia;
  • Râșnov — a 33 km di distanza;
  • Brașov — a 50 km di distanza;



Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Sinaia
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Sinaia
2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).