Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Balcani > Romania > Dobrugia > Costanza (Romania)

Costanza (Romania)

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Costanza
Panorama della città di Costanza col mar Nero sullo sfondo
Stemma e Bandiera
Costanza (Romania) - Stemma
Costanza (Romania) - Bandiera
Stato
Regione
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Romania
Costanza (Romania)
Costanza
Sito istituzionale

Costanza (Constanța) è una città della Dobrugia.

Da sapere[modifica]

Costanza, Mamaia e gli altri centri balneari della costa della Dobrugia hanno conosciuto un boom del turismo ai tempi del regime comunista. Dopo la restaurazione della democrazia nel paese, le presenze di visitatori internazionali hanno conosciuto un brusco calo, rimpiazzate in parte da un turismo di matrice domestica. Ne fa prova il traffico passeggeri all'aeroporto internazionale di Costanza sceso nel 2014 a soli 38.000 passeggeri. Anche se gli anni successivi hanno dimostrato una tendenza alla risalita (quasi 100.000 passeggeri nel 2016), lo scalo è ancora ben lontano dal raggiungere gli stupefacenti primati degli aeroporti della vicina riviera bulgara (2.857.779 passeggeri internazionali transitati all'aeroporto di Burgas nell'anno 2016).

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

In treno[modifica]

Stazione centrale
  • 2 Stazione centrale, Strada Gării. La ferrovia da Bucarest a Costanza è una delle poche linee sottoposte a miglioramenti di un certo rilievo. Su alcuni tratti della linea i treni raggiungono velocità di 160 km orari e impiegano circa due ore e 1/2 da un capolinea all'altro. Per i treni veloci la prenotazione è obbligatoria. Non è invece richiesta per i treni ordinari che però impiegano dalle 4 alle 5 ore per coprire i 220 km che separano i due centri. I tempi di percorrenza sono ancora più lunghi per destinazioni piú vicine come Tulcea (130km in 4 ore) e Mangalia (45 km in 1 ora e 1/2). Info e orari sul sito delle ferrovie romene. (Q4684909) su Wikidata


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Architetture civili[modifica]

  • 1 Faro genovese (Farul Genovez), Strada Remus Opreanu 12, +40 241 488 206. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00–16:00. Faro ottagonale, alto 8 metri con una scala a chiocciola nel suo interno che permette di arrivare al vano in vetro che accoglie la lampada. È una costruzione del 1860 rimodellata su un preesistente faro del XIII secolo. Genoese Lighthouse (Q12728147) su Wikidata
  • 2 Casinò (Cazinoul), Bulevardul Regina Elisabeta 2. Simple icon time.svg Chiuso al pubblico. Eretto tra il 1880 e il 1902 su progetto degli architetti Daniel Renard e Petre Antonescu, il casinò di Costanza è considerato un capolavoro dell'Art Nouveau. Sebbene costituisca il simbolo stesso della città, la costruzione appare in degrado non essendo mai stata soggetta a restauri, ad eccezione di piccoli ritocchi eseguiti nel 1986. L'incuria dimostrata dalle autorità preposte alla salvaguardia dell'edificio ha incoraggiato ripetuti furti al suo interno. Il casinò di Costanza è famoso per aver ospitato nel 1914 la famiglia imperiale russa. Constanța Casino (Q12723726) su Wikidata
  • 3 Casa dei Leoni (Casa cu Lei), Strada Dianei. Simple icon time.svg Chiusa al pubblico. Un palazzo della fine del XIX secolo adorno di colonne che sorreggono statue di leoni all'altezza del cornicione. Fu commissionato dal commerciante armeno Dicran Emirzian all'architetto rumeno Ion Berindei che si ispirò ai palazzi patrizi di Genova. Nel periodo tra le due guerre mondiali la casa dei leoni fu la sede della locale loggia massonica. House with Lions, Constanța (Q12723550) su Wikidata

Architetture religiose[modifica]

Sfintii Apostoli Petru si Pavel Orthodox Cathedral, Constanta.JPG
Moschea grande
  • 4 Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo (Catedrala Sfinţii Apostoli Petru şi Pavel din Constanţa). Cathedral of Saints Peter and Paul (Q4681025) su Wikidata
  • 5 Moschea Carol I (Moscheea Carol I). Carol I Mosque (Q1044149) su Wikidata

Musei[modifica]

Museo di storia nazionale e archeologia
  • 6 Museo nazionale della storia e dell'archeologia (Muzeul de Istorie Națională și Arheologie), Piața Ovidiu 12, +40 241 618 763. Constanta Museum of National History (Q12736110) su Wikidata
  • 7 Museo di arte popolare (Muzeul de Artă Populară), Bulevardul Tomis 32, +40 241 616 133. Museum of Folk Art (Q18544240) su Wikidata
  • 8 Museo della marina (Muzeul Marinei Romane), Strada Traian, 53. Fondato il 25 ottobre 1965, il museo presenta modellini di navi sia militari che commerciali, strumenti di navigazione, documenti e foto. Le collezioni sono distribuite in 128 stanze. Marine Museum (Q12736093) su Wikidata
  • 9 Museo di Scultura "Ion Jalea" (Muzeul de Sculptură „Ion Jalea”), Strada Arhiepiscopiei 26, +40 241 618 602. Simple icon time.svg Mer-Dom 10:00-18:00. Sculpture Museum "Ion Jalea" (Q18542223) su Wikidata

Siti archeologici[modifica]

  • 10 Edificio del mosaico romano (Edificiul Roman cu Mozaic). (Q12727357) su Wikidata
  • 11 Parco archeologico (Parcul Arheologic), Bulevardul Ferdinand.


Eventi e feste[modifica]

  • Street food.


Cosa fare[modifica]

Plaja Modern
  • 1 Plaja Modern. La spiaggia più vicina al centro, subito dopo il porto turistico
  • 2 Zoom Beach. Più a nord della precedente è un arenile arcuato che prende il nome di Plaja 3 Papuci alla sua estremità settentrionale. Entrambe sono relativamente poco affollate durante la stagione estiva, probabilmente per il richiamo esercitato da quelle del centro balneare di Mamaia distanti appena un paio di km.
  • 3 Luna Park, Bulevardul Mamaia. Simple icon time.svg Lun-Dom: Aperto 24 ore su 24.
  • Acquario (Acvariul „Profesor Ion Borcea”). (Q12719946) su Wikidata
  • 4 Microrezervație (A fianco del Delfinario), +40 241 481 230. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-19:00. Un piccolo zoo ben curato dove gli animali non sono per fortuna rinchiusi in gabbie.


Acquisti[modifica]

  • 1 City Park Mall, Bulevardul Alexandru Lăpușneanu 116C. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-22':00. City Park Mall (Q5123357) su Wikidata
  • 2 Tomis Mall, Strada Ștefan cel Mare 36-40, +40 241 515 353. Simple icon time.svg Lun-Dom 07:30-23:00. Tomis Mall (Q12742396) su Wikidata
  • 3 VIVO! Constanta, Bulevardul Aurel Vlaicu 220. Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00-23:00. (Q12735033) su Wikidata


Come divertirsi[modifica]

Teatro nazionale

Spettacoli[modifica]

Locali notturni[modifica]

D'estate la vita notturna di Costanza appare fiacca a causa della concorrenza dei locali notturni del vicino centro balneare di Mamaia.

  • Club 13.
  • London Pub.
  • Madame Margo.
  • Doors Club.
  • Club Luv.


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Hotel Palace


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • 3 Ufficio centrale postale (Oficiul Postal Constanţa 1), Bd. Tomis, 97. Simple icon time.svg Lun-Ven 08:19:00 Sab 09:00-13:00. L'unico con orario prolungato e aperto anche il sabato mattina.

Telefonia[modifica]

La Romania rientra in quei paesi europei che hanno aderito all'abolizione del roaming per cui potrete sfruttare il vostro piano tariffario like at home. Se però chiamerete numeri telefonici romeni pagherete tariffe da capogiro. Potete ovviare con l'acquisto di una sim locale o con la sottoscrizione di un piano a pagamento di servizi VOIP come Skype.

Internet[modifica]

L'accesso gratuito alla rete tramite wi-fi è garantito da quasi tutti gli alberghi ai propri clienti senza soprapprezzo, oltre che da centri commerciali e locali vari. Di norma occorre registrarsi o richiedere la password al personale. L'accesso alla rete è possibile anche a bordo degli autobus urbani e ai loro capolinea, grazie a un servizio gratuito messo a disposizione dei passeggeri dalla locale azienda dei trasporti.

Nei dintorni[modifica]

Fortezza di Enisala
Tropaeum Traiani
Delta del Danubio
Nord
  • 4 Mamaia — La più celebre delle stazioni balneari della Romania forma con Costanza un unico agglomerato urbano ed è raggiungibile dal centro in un 1/4 d'ora con autobus di linee urbane. Mamaia si si estende su uno stretto cordone di sabbia lungo circa 8 km tra il mar Nero e la laguna di Siutghiol.
  • 5 Fortezza di Enisala (Cetatea Enisala - 112 km) — Suggestive rovine di una fortezza che dall'alto uno sperone calcareo domina le lagune Razim e Babadag. La fortezza fu costruita alla fine del XIII secolo e nel 1421 cadde nelle mani degli Ottomani che vi stabilirono una guarnigione militare. L'ultimo comandante ottomano della fortezza fu Evli Çelebi, menzionato nel 1651. Dopo di lui Enisala fu abbandonata e lasciata cadere in rovina.
  • 6 Tulcea (140 km) — Porto fluviale da cui solitamente ci si imbarca per andare alla scoperta degli spettacolari paesaggi del delta del Danubio.
Est
  • 7 Adamclisi (70 km) — Villaggio nei cui dintorni si trova il trofeo di Traiano, per commemorare la vittoria dell'imperatore romano Traiano sui Daci durante la battaglia di Tape, nel 101.
Sud
  • 8 Eforie Nord (12 km) — La prima di una serie ininterrotta di centri balneari che hanno cercato invano di uguagliare il primato di Mamaia.
  • 9 Vama Veche (51 km) — Località costiera frequentata da giovani campeggiatori e famosa per la sua spiaggia nudista fin dai tempi del comunismo. Dopo Vama Veche la strada prosegue in Bulgaria.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.