Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Europa orientale > Russia > Russia meridionale > Ciscaucasia > Ossezia Settentrionale-Alania

Ossezia Settentrionale-Alania

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Ossezia Settentrionale-Alania
Monte Monach
Localizzazione
Ossezia Settentrionale-Alania - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Ossezia Settentrionale-Alania - Stemma
Ossezia Settentrionale-Alania - Bandiera
Stato
Regione
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Sito istituzionale
Avviso di viaggio! ATTENZIONE: L'Ossezia non è al momento una regione sicura. Nonostante il conflitto sia terminato ufficialmente, tuttavia si registrano sia nel capoluogo Vladikavkaz che ai confini presenze di gruppi armati e atti di violenza.

Ossezia settentrionale - Alania è una regione della Russia.

Da sapere[modifica]

Cenni storici[modifica]

Il territorio dell'Ossezia settentrionale è abitato da migliaia di anni, grazie alla fertilità delle sue terre e per il fatto di trovarsi su un passaggio chiave delle vie commerciali che attraversano il Caucaso. Gli antenati degli attuali abitanti del paese erano una popolazione chiamata Alani, un popolo guerriero nomade di lingua Iranica. Una parte degli Alani si stabilirono nel Caucaso intorno al VII secolo d.C. Nel IX secolo, il regno di Alania era cresciuto ed era stato convertito al Cristianesimo da missionari Bizantini. Un arcivescovado fu insediato nell'Alania occidentale sotto l'autorità del Patriarcato di Costantinopoli e numerose chiese vennero erette. L'Alania divenne un potente stato del Caucaso, traendo grossi benefici dalla presenza sul suo territorio della leggendaria via della seta che conduceva in Cina.

Essendo un piccolo gruppo, cristiano ortodosso, in un'area a maggioranza sunnita nel nord del Caucaso, gli osseti si sono affrettati ad allearsi con il governo imperiale russo nella sua conquista e annessione della regione durante il XVIII secolo, anche perché i musulmani s'erano resi responsabili di una lunga serie di distruzioni in Ossezia durante la loro espansione religiosa. Questa alleanza ha resistito fino ad oggi e la Russia sostiene ancora tacitamente i suoi alleati il Osseti coll'obiettivo di riunificare Ossezia del Nord con l'Ossezia del Sud, sotto il controllo georgiano, in conflitto tra l'altro con la vicina Inguscezia. Questo conflitto etnico ha reso l'Ossezia del Nord una calamita per gli attacchi terroristici, soprattutto nella parte meridionale e orientale e ha portato ad un governo corrotto e instabile che spesso scoraggia per i viaggi.

Lingue parlate[modifica]

Il russo è ancora la lingua ufficiale e nonostante le dispute e i conflitti con la Russia, mantiene lo status di lingua maggiormente parlata e di lingua franca con gli stranieri. L'osseto è la lingua locale più parlata, simbolo dell'identità del popolo osseto e lingua imparentata al persiano.


Territori e mete turistiche[modifica]

Il territorio, non molto grande, dell'Ossezia può essere a sua volta suddiviso in tre aree o sotto-regioni:

  • Bassopiano centrale — un'area fertile e pianeggiante circondata dalle montagne del Caucaso.
  • Regione di Mozdok — dal nome del fiume e della città omonima, questa regione è uno stretto corridoio tra le montagne caucasiche e le grandi città.
  • Altipiani osseti — quasi inaccessibili a chi non è vissuto qui e non conosce alla perfezione la zona, queste montagne sono tuttavia attraversate dalla grande autostrada per la Georgia e dall'autostrada Transcaucasica. Oggi sono ancora Evento già passato sotto il controllo militare.

Centri urbani[modifica]

  • Vladikavkaz (Владикавказ in russo e Дзæуджыхъæу in osseto) — capoluogo della regione e città più importante. La sua importanza è stata anche la sua rovina dal momento che qui si sono concentrate operazioni tanto strategiche quanto distruttive durante il conflitto.
  • Alagir (Алагир)
  • Ardon (Ӕрыдон)
  • Beslan (Беслан) — Città tristemente famosa per la terribile Strage di Beslan
  • Digora (Дигора)
  • Mozdok (Моздок)
  • Čikola (Чикола)


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Il capoluogo Vladikavkaz è il nodo principale in fatto di trasporti. Qui si trova un piccolo aeroporto con voli da Mosca e San Pietroburgo.

In auto[modifica]

Al momento (2015) l'autostrada M29 da Rostov sul Don è la via più comoda per raggiungere l'Ossezia via terra.

In treno[modifica]

Gli unici collegamenti ferroviari ancora attivi sono quelli provenienti dal Territorio di Stavropol'.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Le tipiche tombe sui monti di Dargavs
  • Dargavs - anche conosciuta come la città morta o città della morte (Мёртвый городок) (a.k.a., Mertviy Gorodok, City of the Dead). Dargavs è un piccolo villaggio fatto di tombe a forma di casa, retaggio delle tradizioni ancestrali degli osseti.
  • Scuola di Beslan - la scuola N.1 di Beslan è stata scenario della terribile carneficina del 2004 quando un gruppo di separatisti e fondamentalisti uccisero centinaia di persone tra cui quasi 200 bambini. Questo posto è diventata simbolo degli orrori del conflitto e meta di pellegrinaggi in memoria dei caduti.


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]

La cucina osseta offre diversi piatti tipici:

  • Khabizgini - è una specie di pizza rustica, molto simile al khachapuri georgiano, preparato con diversi tipi di carne e funghi.
  • Fizonag - il kebab osseto.
  • Dzykka - simile a una polenta, con moltissimi altri ingredienti, è il piatto più antico della regione e simbolo della cucina osseta. Il Dzykka è anche il piatto che più facilmente i turisti assaggiano perché il suo sapore ricorda alcuni piatti occidentali.

Bevande[modifica]

  • Arak - anche l'Ossezia come la Russia ha una lunga tradizione nella preparazione e consumazione di alcolici. L'Arak in particolare è la vodka osseta, preparata dalla fermentazione di un particolare tipo di grano.


Sicurezza[modifica]

Prima di intraprendere il viaggio consultare:


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.