Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Parole importati

Islam è una parola araba che significa "sottomissione", riferendosi alla sottomissione alla volontà di Dio.

Il libro sacro musulmano è tradizionalmente chiamato il Corano. La parola araba rasul, solitamente resa come profeta, si traduce letteralmente come "messaggero". Sebbene la parola araba jihad sia spesso tradotta come "guerra santa", il significato reale è molto più ampio, più vicino a "crociata" o "lotta", che può includere aspetti come una crociata contro la corruzione o una lotta interiore contro il male nel proprio cuore.

L'Islam è una delle religioni più importanti del mondo, seconda solo al cristianesimo per numero di aderenti. I suoi seguaci sono chiamati musulmani e le loro case di culto, moschee.

L'Islam è la religione principale della maggior parte del Medio Oriente, del Nord Africa, del Sahel e dell'Asia centrale ed è anche diffusa nel sud e sud-est asiatico, nell'Africa occidentale e orientale. Oggi ci sono musulmani nella maggior parte dei paesi del mondo, principalmente a causa dell'immigrazione ma anche di alcuni convertiti.

L'annuale pellegrinaggio alla Mecca, l'Hajj, è una delle più grandi migrazioni umane e riunisce musulmani da tutto il mondo. Alcuni musulmani fanno anche pellegrinaggi in vari altri luoghi santi.

Molti siti costruiti in nome dell'Islam sono iscritti nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Poiché le congregazioni musulmane hanno avuto un ruolo significativo nella maggior parte delle comunità in cui sono presenti, un viaggiatore imparerà molto visitando una moschea locale, indipendentemente da ciò in cui crede.

Approfondimento[modifica]

« Non c'è altro dio che Dio. Maometto è il messaggero di Dio. »
(Shahada, il credo dell'Islam)
I paesi musulmani andrebbero visitati?

Dato che negli ultimi due decenni nessuna parte del mondo è stata esaminata e stereotipata tanto quanto il mondo musulmano, molte persone potrebbero chiedersi se sia sicuro di viaggiare in un paese islamico o se semplicemente andrebbero evitati.

Ci sono paesi che vanno evitati in questo periodo a causa di conflitti armati in corso, ma ci sono paesi musulmani che vale la pena di visitare se si ignora l'enfasi dei media. Uno dei motivi principali per visitarli è che verrete probabilmente accolti come un ospite riverito quasi ovunque, poiché la società islamica pone un'enorme enfasi sulla tradizione dell'ospitalità. Un altro è che non dovrete avere a che fare con i turisti, dato che molti paesi musulmani sono in gran parte poco visitati. In generale se si rispettano le tradizioni locali i paesi musulmani sono generalmente sicuri (salvo paesi con rischi specifici) e culturalmente interessanti.

L'Islam è una religione monoteista (cioè, crede in un solo Dio, chiamato Allah, in arabo "Il Dio"). È una religione abramitica come l'ebraismo, il cristianesimo e la fede baha'i, che traccia la sua eredità spirituale attraverso il figlio di Abramo, Ismaele (Ismail in arabo). A differenza di ebrei e cristiani, che credono che Isacco fosse il figlio che ad Abramo fu comandato di sacrificare, i musulmani credono che fosse Ismaele.

Il primo profeta dell'Islam, secondo i musulmani, fu il primo uomo, Adamo e molti dei profeti menzionati nella Bibbia, così come Gesù e molti altri che non sono menzionati nella Bibbia, sono anche considerati musulmani profeti, con Maometto considerato l'ultimo e il più importante profeta dell'Islam.

La differenza dottrinale chiave tra Islam e Cristianesimo è che l'Islam rifiuta l'affermazione che Gesù fosse divino e con esso l'intera idea di Dio come Trinità. Nella credenza islamica c'è un solo Dio, indivisibile, e Gesù era uno dei suoi profeti e il Messia, ma nessun essere umano può essere Dio. Gesù merita molto rispetto, come qualsiasi altro profeta, ma nessun uomo merita adorazione. I musulmani respingono anche l'idea che Gesù sia stato crocifisso (sebbene questa visione sia generalmente respinta dagli storici), e invece credono che sia stato elevato corporalmente in cielo da Dio, dove attende il suo ritorno durante l'apocalisse per ripristinare la pace e la giustizia nel mondo.

Non fate riferimento ai musulmani come "Maomettani". Molti musulmani sono profondamente offesi da questo nome, poiché sembra implicare che adorano il fondatore della loro religione come i cristiani adorano Gesù.

Poiché la parola Islam significa "sottomissione alla volontà di Allah", i musulmani considerano tutti i profeti che iniziano da Adamo come musulmani.

Storia[modifica]

Il profeta Maometto[modifica]

Iscrizioni del Corano sul muro della Moschea Bara Gumbad, Giardini Lodhi, Delhi

L'uomo considerato nell'Islam ortodosso come l'ultimo Messaggero di Allah, e da tutti come la prima persona a predicare l'Islam usando la parola Islam in quanto tale, è il profeta Maometto (o Muhammad).

Maometto è nato alla Mecca c. 570 d.C. Secondo la credenza islamica, l'angelo Gabriele recitò le parole del Corano al profeta Maometto in una grotta dove stava pregando. Molti ebrei e cristiani che ascoltarono la predicazione di Maometto la respinsero come distorsioni delle storie bibliche, ma la posizione musulmana è che era stata la Bibbia ad essere stata distorta, e l'angelo Gabriele aveva consegnato la parola accurata di Allah direttamente al profeta Maometto per correggerne le distorsioni.

Ciò che avvenne in quell’epoca, tuttavia, fu il fatto che la maggior parte dei Meccani rimasero politeisti e considerarono la predicazione di Maometto una minaccia contro il politeismo, anche perché i pellegrini politeisti erano un fattore enorme nell'economia locale. Alla fine, Maometto fu informato che alcuni di questi politeisti avevano preparato un piano per uccidere lui e i suoi seguaci. Ciò innescò l’Hejira (o Hijrah), la migrazione dei musulmani dalla Mecca alla città di Yathrib, ora conosciuta come Medina, che era più amichevole per i monoteisti, poiché aveva una grande popolazione ebraica. Il primo anno dell'Hijrah segna l'inizio del calendario islamico, che oggi è ampiamente utilizzato nei paesi a maggioranza musulmana; gli anni islamici infatti sono abbreviati in AH e il primo anno dell'Hijrah, iniziato nel 622 d.C., viene chiamato 1 AH nel calendario islamico.

Alla fine Maometto ebbe uno scontro con gli ebrei, ma a quel tempo lui e i suoi seguaci avevano un forte esercito. Così sconfissero l'opposizione ebraica e pagana e in seguito tornarono come conquistatori della Mecca. Attraverso una capacità di guida e una grande abilità militare, Maometto fu in grado di unire la maggior parte dell'Arabia sotto il suo dominio nel corso della sua vita.

Il Corano (in arabo: القرآن al-Qurʾān) è il testo religioso centrale per i musulmani. La parola Corano significa letteralmente "recitazione" e la recitazione parlata è ancora importante; ci sono concorsi di canto del Corano nazionali e internazionali ogni anno che sono ampiamente trasmessi in televisione nei paesi musulmani.

Anche altri testi sono importanti; sia gli hadith (registri) della vita e dei detti di Maometto sia i tafsir (interpretazioni) sia del Corano che degli Hadith di vari studiosi. Tuttavia, i musulmani devoti considerano il Corano letteralmente la Parola di Dio, e gli altri testi non hanno quel livello di autorità.

I califfati[modifica]

Cosa è un califfato?

Un califfato è la forma islamica di governo che rappresenta l'unità politica e la leadership del mondo musulmano. È guidato da un califfo che è una persona considerata un successore politico-religioso del profeta Maometto e un leader di tutta la comunità musulmana. La stessa parola "califfo" deriva dalla parola araba "successore" o "segnaposto".

I sovrani dell'Impero ottomano affermarono di essere i califfi di tutti i musulmani fino all'inizio del XX secolo quando il loro impero cadde. L'affermazione ha avuto un notevole sostegno, anche se non si è mai avvicinata ad essere accettata da tutti i musulmani.

Oggi Daesh (vedi sotto i gruppi musulmani) affermano di essere un nuovo califfato e di essere sulla buona strada per riunire tutti i musulmani. Questa affermazione non ha un supporto diffuso, ma molti di coloro che li supportano ne sono fanatici.

Il primo impero islamico, il califfato dei Rashidun, fu istituito in seguito alla morte del profeta Maometto. Fu controllato dai primi quattro califfi che sono conosciuti tra i musulmani sunniti come "Giustamente guidati".

Il regno del primo califfo, il suocero del profeta Abu Bakr, durò solo poco più di due anni, ma includeva invasioni di successo dei due imperi più potenti del tempo e della regione, l'Impero bizantino (successore dell'Impero romano) e l'Impero persiano. Sotto il secondo califfo, Omar, l'impero si espanse notevolmente e vi fu un boom economico nella vita della gente comune a causa delle politiche economiche rivoluzionarie sviluppate da Omar. Durante il regno del successore di Umar Uthman, il popolo dell'impero godette di una vita prospera. L'ultimo califfo dei Rashidun, Ali, era il genero di Maometto ed fu anche il primo giovane ad accettare l'Islam.

Nel 750 d.C., l'impero islamico del califfato omayyade si estese verso ovest fino al Marocco, verso est fino all'India e verso nord fino alla Francia meridionale, all'Iberia, al Caucaso e all'Asia centrale. È il quinto impero più grande mai esistito e il più grande impero nella storia per area terrestre fino a quel punto; durante il suo periodo di massimo splendore ospitava circa il 30% della popolazione totale del mondo.

Il califfato abbaside, fondato nel 750 d.C. e governato da Baghdad a partire dal 762 d.C., fu probabilmente la civiltà più avanzata del mondo per le successive centinaia di anni. Un numero enorme di libri greci e latini furono tradotti in arabo tra l'VIII e il XII secolo, su argomenti tra cui filosofia, storia, scienza e mitologia. Allo stesso tempo, furono aperte delle università e ci furono grandi progressi in astronomia, ingegneria e matematica. Di particolare rilievo sono stati:

  • al-Khwārizmī (780 ca.-850 ca.), proveniente probabilmente da Khiva, dai cui termini otteniamo le parole inglesi algebra e algoritmo, e che introdusse aritmetica decimale e numeri "arabi" (in realtà dall'India) nel mondo islamico;
  • Avicenna (in arabo: ibn Sīnā, 980-1037 ca.), proveniente da un villaggio vicino Bukhara, brillante medico e filosofo. Uno dei suoi testi medici fu usato in Europa fino al 1650;
  • Omar Khayyam, di Nishapur, principalmente matematico e astronomo, ma ha anche con scritti di filosofia, meccanica, geografia e mineralogia ed è meglio conosciuto in Occidente per la sua poesia;
  • Mosè Maimonide (1135-1204 ca.), nato a Cordova, fuggì dalla persecuzione degli ebrei per le (allora) regioni musulmane più tolleranti, e alla fine divenne il medico di corte di Saladino in Egitto. Maimonide, che era anche un rabbino molto influente, era uno dei tanti ebrei e cristiani che insieme ai musulmani contribuirono alla grandezza della civiltà islamica.

L'età d'oro durò fino al 1258 quando Baghdad fu catturata e distrutta dai mongoli.

Vi furono parecchie altre grandi dinastie islamiche dopo l'Età dell'Oro, incentrate in diverse parti del mondo, ma sono soprattutto i califfati dell'età dell'oro che sono ricordati sia dagli storici di tutte le fedi che da quelli laici che celebrano il loro progresso di conoscenza e dai musulmani che vedono questi califfati come un esempio di come essi abbiano prosperato e avanzato come un'unica umma (comunità) dedicata alla conoscenza e al progresso. I musulmani discutono su quali califfi servano da buoni esempi di governo islamico corretto e se o che tipo di califfato debba essere istituito oggi.

L'ultimo impero ampiamente considerato un califfato musulmano fu l'Impero Ottomano (1299-1923), il califfo era il sultano dell'impero; dalla sua caduta diversi leader musulmani hanno rivendicato il titolo di califfo, ma né l'Impero né i successivi sostenitori sono stati universalmente riconosciuti come tali dalla comunità musulmana mondiale.

La divisione sunnita-sciita[modifica]

Musulmani nel mondo

Qualche tempo dopo la morte del profeta, il movimento religioso si divise; i gruppi principali erano i sunniti, fedeli ai califfi, e gli shiʻatu ʻAlī (partito di Ali) a seguito del genero del profeta Ali e dei suoi discendenti. Quest'ultimo gruppo è generalmente chiamato semplicemente sciita.  Vi erano una serie di guerre tra le due fazioni e vi sono ancora tensioni che spesso portano a gravi conflitti politici sia all'interno che tra i paesi.

Una battaglia importante fu il decimo del mese islamico di Muharram a Kerbela, ora in Iraq, nel 61 AH (680 d.C.); il figlio di Ali, Hussein e una banda di seguaci furono spazzati via. Questo evento è ancora commemorato da entrambi i gruppi; per gli sciiti è uno degli eventi religiosi più importanti dell'anno. Il giorno si chiama Ashura (che significa dieci); per maggiori dettagli, vedi l'articolo sull'Iran.

Gli sciiti iniziarono principalmente come un movimento arabo; i luoghi a ovest del Marocco avevano dinastie sciite e il califfato sciita fatamidico (909-1170 d.C.) governava gran parte dell'Arabia, del Levante e del Nord Africa. Tuttavia, l'Islam sciita divenne la religione di stato dell'Iran (che non è assolutamente una nazione araba) nel XVI secolo e oggi l'Iran è il suo centro principale; anche i paesi vicini come l'Iraq, l'Azerbaigian e il Bahrein hanno una maggioranza sciita, e vi sono potenti minoranze sciite in Pakistan, Yemen, Libano e Siria.

I sunniti sono la maggioranza nel sud-est asiatico, nell'Asia del sud, in Africa e nella maggior parte del Medio Oriente. Circa il 90% dei musulmani nel mondo sono sunniti e solo il 10% circa sono sciiti, ma l'intera situazione è complessa; soprattutto perché le regioni sunnite hanno minoranze sciite e viceversa. L'Indonesia ha il maggior numero di musulmani sunniti, mentre l'Iran ha il maggior numero di musulmani sciiti nel mondo. Il Pakistan ha sia la seconda più grande comunità sunnita che la seconda più grande popolazione musulmana sciita. A complicare l'intera questione c'è il fatto che alcuni paesi a maggioranza sciita sono stati storicamente governati da sunniti e viceversa.  Saddam Hussein, per esempio, era un musulmano sunnita che governava un paese, l'Iraq, che è circa per il 60% sciita.

Un terzo gruppo che ebbe inizio all'incirca nello stesso periodo della divisione tra sunniti e sciiti erano gli Ibaditi; oggi sono la maggioranza in Oman e una piccola minoranza in molti altri paesi.

Feste islamiche[modifica]

Le due feste più importanti dell'Islam sono i due Eid, che sono le uniche feste universalmente celebrate da tutti i musulmani, indipendentemente dalla fazione. Alcune fazioni musulmane possono celebrare feste uniche.

  • Eid al-Fitr - La festa più importante dell'Islam e celebrata dopo la fine del Ramadan. Mentre il Ramadan è un momento di digiuno, Eid al-Fitr è un momento di festa, e molte famiglie musulmane invitano i loro amici e vicini nelle loro case nello spirito della celebrazione.
  • Eid al-Adha - La festa durante la quale viene eseguito l'Hajj. Solamente i pellegrinaggi compiuti durante l’Eid al-Adha sono considerati validi per adempiere l'Hajj, mentre i pellegrinaggi compiuti in altri periodi sono considerati pellegrinaggi minori o Umrah. Nelle moschee di tutto il mondo, gli agnelli donati dai fedeli vengono sacrificati per commemorare l'obbedienza di Abramo a Dio e la loro carne viene utilizzata per nutrire i poveri.
  • Compleanno del profeta Maometto - Celebrato da alcuni gruppi musulmani, ma non dai sunniti ortodossi, che considerano la sua celebrazione come idolatria.

Gruppi musulmani[modifica]

Oggi esiste un gran numero di gruppi religiosi nel mondo musulmano, tutti sostanzialmente islamici ma che differiscono considerevolmente per teologia e stile. Non esiste un unico organo centralizzato che funga da voce autorevole su quale sia o non sia la corretta applicazione dei principi teologici, e fino ad oggi gli studiosi continuano a discutere su quale sia un'interpretazione appropriata del Corano e delle altre scritture religiose. Mentre la grande maggioranza dei musulmani concorda sul fatto che il Corano è valido nella sua interezza e continua ad essere applicabile, ci sono differenze significative su altri corpi delle scritture islamiche, inclusa la validità dei singoli Hadith.

I sufi sono mistici musulmani; ci sono sia sufi sunniti che sciiti. Tra i ben noti:

  • Omar Khayyam (1048-1131 d.C.) era importante come matematico e astronomo, ma è noto soprattutto per la sua poesia, in particolare il Rubaiyat. Ha vissuto gran parte della sua vita a Bukhara. Esistono molteplici interpretazioni accademiche del suo lavoro e non tutti gli esperti lo considerano Sufi.
  • Ci sono centinaia di storie sul Mullah Nasrudin (o Nasreddin), un santo sufi che visse nella regione di Konya in Turchia nel XIII secolo
  • Rumi era un santo sufi del XIII secolo, studioso e giudice noto principalmente per la sua poesia. È cresciuto vicino a Balkh ma la famiglia è fuggita a ovest a causa dell'invasione mongola e ha trascorso gran parte della sua carriera nella regione di Konya. Suo figlio ha fondato l'ordine dei Dervisci rotanti.
  • I dervisci sono un tipo di sufi, mistici sunniti che praticano l'ascetismo e la meditazione. Anche alcuni gruppi di dervisci ruotano, cadendo in una sorta di trance.

I sufi sono stati abbastanza influenti in Occidente, almeno tra i gruppi "new age" che studiano anche yoga e Zen; Le storie di Nasrudin e le citazioni di Rumi sono molto comuni in questi ambienti.

Gli alauiti sono un ramo mistico dell'Islam sciita, presente in Siria. La famiglia al potere di Assad è alauita e la maggior parte della loro opposizione è sunnita.

Gli ismailiti sono un ramo sciita talvolta chiamato "settimani" in contrapposizione a "duodecimani" del principale gruppo sciita (jafari);  i Jafari elencano dodici Imam (leader spirituali) ma gli Ismailiti riconoscono solo i primi sette di questi e hanno una discendenza diversa da quella successiva. Oggi ci sono circa 15 milioni di Nizariti (che considerano l’Aga Khan il 49° Imam) principalmente nel subcontinente indiano, oltre ad alcuni gruppi Ismailiti più piccoli, come i Drusi nel Levante e un altro gruppo nelle montagne Pamir dell'Asia centrale.

Forse il più noto Ismailita è Hasan-i Sabbah, che fu educato a Samarcanda con Omar Khayyam come compagno di classe e in seguito condusse una rivolta persiana contro i turchi selgiuchidi. Ci sono molte storie piuttosto colorate su di lui, e le parole "hashish" e "assassino" sono entrambe derivate dal suo nome. La sua fortezza ad Alamut, vicino a Qazvin, è oggi un'attrazione turistica.

I Salafiti sono un movimento sunnita fondamentalista; il nome deriva da salaf, che significa predecessori, riferendosi all'idea che Maometto e i suoi primi seguaci sono il modello per il vero Islam. I salafiti chiedono un ritorno ai fondamenti dell'Islam - il Corano e gli Hadith - e alla Legge islamica della Sharia. I salafiti sono categoricamente contrari a cose come la riverenza per i santi, la creazione di santuari e il trasporto di amuleti per fortuna o protezione; considerano tutte queste come innovazioni successive che inquinano il puro Islam originale.

  • L'Islam wahhabita è un movimento di riforma salafita iniziato nella penisola arabica nel XVIII secolo, dal nome del teologo arabo Muhammad ibn Abd al-Wahhab (1703-1792), ed è generalmente considerato un ramo particolarmente rigido e conservatore del salafismo. Oggi è la religione di stato dell'Arabia Saudita e significativa in molti altri stati del Golfo. Mentre "Wahhabita" è ampiamente usato dai commentatori esterni, gli aderenti al movimento si chiamano Salafiti e spesso considerano offensivo il termine "Wahhabita".
  • L'islam Deobandi è un movimento salafita nato in India nel XIX secolo. Divenne piuttosto influente sulla frontiera nord-occidentale (ora la regione di confine tra Pakistan e Afghanistan) e oggi è la principale ispirazione religiosa dei talebani.
  • I salafiti più estremi credono che i loro leader possano emettere un takfir dichiarando altri non musulmani. Nell'Islam ortodosso, un takfir può essere emesso solo dagli Ulema, un gruppo di studiosi che sono in effetti una corte suprema per la Legge della Sharia. I militanti di Daesh (detti anche ISIS), tuttavia, pensano che il loro califfo possa emettere takfir e chiunque non accetti la loro interpretazione delle Scritture e il loro califfo (compresi tutti gli sciiti e la maggior parte dei musulmani sunniti) non è da considerarsi un musulmano. Dal momento che credono anche che i non musulmani debbano essere convertiti o uccisi (tranne i cristiani e gli ebrei che accettano il dominio musulmano, la legge della Sharia e una tassa aggiuntiva), ciò pone un grosso problema. I militanti di Daesh preferiscono di gran lunga essere chiamati Stato Islamico (precedentemente Stato Islamico in Iraq e Siria (ISIS) o Stato Islamico in Iraq e Levante (ISIL)). Molti commentatori occidentali preferiscono la parola Daesh perché gli altri termini riconoscono implicitamente che il movimento è islamico (sebbene molti studiosi musulmani rifiutino la sua interpretazione) e che sia uno stato (sebbene la maggior parte dei governi non lo riconosca).

Una differenza interessante tra salafiti e fondamentalisti cristiani è che i salafiti affermano di basare il loro movimento sul lavoro di rispettati studiosi musulmani, risalenti almeno al XII secolo d.C., e spesso citano quegli studiosi. È difficile immaginare un fondamentalista cristiano che citi, per esempio, Tommaso d'Aquino o persino Giovanni Calvino.

La Nation of Islam (NOI) è stata fondata negli Stati Uniti come movimento politico e religioso in lotta per l'emancipazione dei neri. Molte delle loro credenze si discostano in modo significativo dall'Islam tradizionale, in modo tale che molti musulmani considerano alcuni di questi come strani o addirittura eretici. Tra i seguaci più importanti di questo marchio dell'Islam c'era il famoso pugile Muhammad Ali (anche se in seguito si sarebbe convertito all'Islam sunnita). A causa della sua importanza nella storia afroamericana e nel movimento per i diritti civili, il termine "musulmano nero" è diventato in qualche modo sinonimo del NOI negli Stati Uniti, anche se molti musulmani afroamericani seguono l'Islam sunnita piuttosto che il NOI. Il leader dei diritti civili Malcolm X è stato anche membro del NOI per gran parte della sua carriera pubblica, sebbene dopo il suo Hajj abbia avuto un litigio con il leader del NOI Elijah Mohamed, mettendo in discussione sia la morale personale che gli insegnamenti religiosi del suo ex mentore, e divenne un musulmano sunnita.

Il movimento Ba'ath nacque in Siria negli anni '40; il suo obiettivo era quello di unire tutti gli arabi sotto un unico governo islamico e socialista. È riuscito a unire l'Egitto e la Siria come Repubblica Araba Unita per alcuni anni intorno al 1960, ma per il resto ha fatto pochi progressi verso questo obiettivo. Tuttavia, è stato importante nella politica di diversi paesi; Saddam Hussein guidò un partito baathista in Iraq e gli Assad ne guidarono uno in Siria.

Naturalmente l'Islam ha anche spesso avuto movimenti di riforma interni che possono essere classificati per varie forme "liberali" e molti musulmani considerano alcuni aspetti degli aderenti più conservatori e della loro fede obsoleti o sbagliati, proprio come fanno molti cristiani ed ebrei nella propria fede.

L'islam e la politica[modifica]

Soffitto a mosaico piastrellato nella moschea di Khoja Ahrar, Samarcanda

Il mondo musulmano ha complicato la politica e alcune, sebbene non tutte, le complicazioni derivano da differenze religiose che creano violenza settaria tra le confessioni musulmane. Alcuni dei casi più ovvi, di cui i viaggiatori nella regione potrebbero aver bisogno.

L'Iraq è prevalentemente sciita ma con una sostanziale minoranza sunnita; le stime variano ma nessuna è inferiore al 20%. Saddam Hussein e la maggior parte dei suoi seguaci erano arabi sunniti e hanno perseguitato gli sciiti e i curdi, che sono prevalentemente musulmani sunniti ma non arabi, e altri. Il governo odierno è guidato dagli sciiti ed è ampiamente riconosciuto per aver a sua volta oppresso la comunità sunnita. La maggior parte dei gruppi di opposizione sono sunniti.

In Siria, gli Alauiti rappresentano solo il 12% della popolazione, ma la famiglia dominante e molti alti funzionari provengono da quella comunità; la maggior parte della loro opposizione proviene dalla maggioranza sunnita.

Da'esh, chiamato anche ISIS (Stato islamico in Iraq e Siria) o ISIL (Stato islamico in Iraq e Levante), sono salafiti-takfiri che credono che la Legge della Sharia e un califfo musulmano dovrebbero governare il mondo.

L'Iran sostiene gruppi sciiti radicali come Hezbollah (che prende di mira Israele e i suoi alleati, e combatte anche a sostegno dei governi di Siria e Iraq contro i gruppi armati sunniti) mentre l'Arabia Saudita in particolare e più in generale gli stati arabi del Golfo persico sono spesso accusati di sostenere vari gruppi radicali sunniti in tutto il mondo, contro sia l'Occidente che gli sciiti (vedi la guerra in Yemen e le tensioni con il Qatar). In tutti i casi esistono problemi locali che potrebbero costituire un problema con o senza interferenze esterne ed è talvolta difficile stabilire se le accuse siano concrete.

L'islamismo si riferisce all'ideologia politica che cerca di stabilire una teocrazia islamica ed è distinto dalla religione Islamica. Non tutti i musulmani sono islamisti, e allo stesso modo, non tutti gli islamisti sono violenti, con molti che desiderano raggiungere i loro obiettivi solo con mezzi pacifici.

Oltre alla violenza settaria, ci sono un certo numero di gruppi islamici radicali attivi in ​​varie parti del mondo, e i loro correligionari in altri luoghi sono spesso accusati di finanziamenti o di armarli e di usarli come strumenti strategici per trarre beneficio dalla loro geostrategia del giorno. Ad esempio, i disordini nello Jammu e nel Kashmir o nel Mindanao sono talvolta accusati di interferenze rispettivamente dal paese musulmano più vicino, dal Pakistan o dalla Malesia. Ma anche il martoriato Libano, stretto tra le tensioni tra sciiti, sunniti e cristiani spesso fomentati dagli interessi di Stati come, Israele, Iran e Arabia Saudita.

Sebbene la maggior parte dei paesi con maggioranze musulmane abbia l'Islam come religione di stato, ciò non è universalmente vero e diversi paesi a maggioranza musulmana. Esempi importanti di paesi secolari a maggioranza musulmana includono Indonesia, Turchia e Kazakistan. Anche la Bosnia-Erzegovina, l'Albania e il Kosovo sono tradizionalmente a maggioranza musulmana, ma nei tempi moderni ci sono società in gran parte laiche piuttosto rilassate nelle loro osservanze religiose.

Nei paesi in cui sia l'Islam che le elezioni svolgono un ruolo importante (e di fatto anche in alcuni paesi che non hanno elezioni libere ed eque), spesso ci sono anche partiti/organizzazioni politiche esplicitamente musulmane che partecipano alle elezioni, anche in paesi nominalmente secolari. I più riusciti di questi sono Hamas nei territori palestinesi, che Israele, il governo degli Stati Uniti e altri denunciano come un'organizzazione terroristica estremista e l'AKP in Turchia, che è (probabilmente) moderato e illiberamente democratico. I Fratelli Musulmani, che se da un lato apertamente sono apertamente islamisti dall'altro hanno ritrattato la violenza e mirano a creare uno stato islamico solo con mezzi pacifici, governando brevemente l'Egitto durante la primavera araba, ma sono stati duramente repressi dal regime militare che li ha rovesciati con un colpo di stato. In Iran, tutti i candidati alla presidenza devono essere approvati dalle autorità religiose e, in pratica, chiunque abbia un potere politico sottoscrive un insieme piuttosto ristretto di rami dell'Islam sciita. La costituzione afferma inoltre che il governo deve essere un "custode" per l'eventuale ritorno del Mahdi e che di conseguenza poche decisioni possono essere prese senza l'approvazione del leader supremo Khamenei.

Quasi tutte le figure politiche nel mondo musulmano sono musulmane, quindi la religione gioca spesso un ruolo nell'ideologia e nella politica anche dei partiti nominalmente secolari, proprio come i politici in Europa o Nord America che non sono membri di partiti esplicitamente cristiani sono spesso cristiani e talvolta rivendicano l'influenza religiosa nelle decisioni politiche o invocano immagini religiose.

Come con qualsiasi altra religione, ci sono anche più musulmani liberali che credono che la pratica religiosa debba essere lasciata a un individuo e alla sua comunità per decidere e respingere l'idea di istituire qualsiasi tipo di governo teocratico, islamico o altro.

L'islam e la legge[modifica]

La legge islamica si chiama Sharia (anche detta Shariah, Shari'ah o Syariah). Contrariamente alla credenza popolare, non esiste un unico "Libro della Sharia" codificato, e ancora oggi gli studiosi islamici continuano a discutere su quale sia l'applicazione appropriata della Sharia. Nei paesi occidentali, è comune che la Sharia sia travisata solo come le punizioni più estreme, come la lapidazione per adulterio e l'amputazione per furto. In effetti, la Sharia viene applicata ai musulmani in molti paesi in cui non vengono praticate punizioni così severe. Alcuni potrebbero sorprendere: ad esempio, in Israele, il matrimonio, il divorzio e il diritto di famiglia per i musulmani sono governati dalla Sharia. Le interpretazioni più severe della Sharia sono anche chiamate Hudud o Hudood, derivante dalla parola araba hadd, che significa "limite", perché portano la Sharia ai limiti più severi possibili. Il Pakistan ha leggi hudood, ma la Malesia, che come molti altri paesi musulmani applica la sharia oltre al diritto civile ai musulmani, e la sua Corte suprema ha decretato i tentativi del partito islamico pan-malese di approvare una legge hudud (ortografia malese) nello stato di Kelantan per motivi costituzionali.

La sharia nella maggior parte dei casi non si applica ai non musulmani, comunque, sebbene con alcune importanti eccezioni come possibili sanzioni per blasfemia e forse per sesso illecito o "prossimità" (khulwa/khalwat, il che significa essere soli in una posizione potenzialmente compromettente con una persona del sesso opposto a cui non siete sposati o un parente stretto) con un musulmano.

Tuttavia, ci sono alcuni paesi che non riconoscono alcuna religione se non l'islam, in particolare l'Arabia Saudita, e quei paesi applicano la Sharia a tutti coloro che entrano.

Nel complesso, il confine tra legge, tradizione e pratica può essere sfocato e c'è un continuo tra le forme più lievi e più severe di Sharia, quindi il miglior consiglio per ogni visitatore di un paese musulmano è scoprire quali leggi e convenzioni si applicano a loro e ci si comporterà di conseguenza, perché in un paese in cui la blasfemia potrebbe essere punita con la morte, è molto meno probabile che si subisca una tale punizione se ci si astiene dal criticare l'Islam o i suoi profeti mentre lo si sta visitando.

I cinque pilastri[modifica]

Parte di un palazzo a Isfahan

Ci sono cinque regole fondamentali o cinque doveri importanti nell'Islam, chiamati "Cinque pilastri dell'Islam", che sono considerati obbligatori per tutti i musulmani da seguire durante la loro vita:

  1. Fede (Shahada) - Shahada è una testimonianza, una dichiarazione di fede nella religione e la fiducia nel fatto che non esiste un dio al di fuori di Dio, e Maometto è il Messaggero di Dio (in arabo, La ilaha illallah, Muhammadur Rasullulah). La recitazione di questa dichiarazione di fede è la dichiarazione di fede più comune per tutti i musulmani e la calligrafia araba per essa si trova spesso su moderne bandiere islamiche come l'Arabia Saudita o l'Iraq. Anche organizzazioni militanti islamiste come Al Qaeda, i Talebani e altri usano questo credo sulle loro bandiere, ma non c'è nulla di fondamentalmente militante in questa affermazione centrale della fede islamica. Dire lo Shahada tre volte di fronte a due testimoni musulmani adulti e con sincerità è considerato sufficiente per una conversione all'Islam da parte di molti musulmani.
  2. Preghiera (Salah) - Salah è preghiera islamica. I musulmani pregano cinque volte al giorno, di fronte alla Kaaba alla Mecca, e tutte le moschee hanno una nicchia nel muro nota come mihrab per indicare la direzione corretta. La pratica del Salah può essere fatta ovunque, ma è per lo più fatta nelle moschee e per questa buona ragione, moschee e sale di preghiera più piccole sono state create in ogni città in ogni paese a maggioranza musulmana. Le preghiere includono alcuni movimenti specifici tra cui l'inchino. Il venerdì, gli uomini musulmani dovrebbero pregare in una moschea; Le donne musulmane non sono obbligate ad andare alla moschea ma lo fanno spesso.
  3. Carità (Zakat) - Zakat è un'organizzazione benefica che ogni musulmano, in base alla propria ricchezza, è tenuto a pagare annualmente dalla legge islamica. Di solito i soldi vengono dati alle organizzazioni di beneficenza e alle persone bisognose.
  4. Il digiuno (Sawm) - Sawm è un digiuno rituale che i musulmani devono fare durante il mese di Ramadan. I musulmani si astengono dal cibo, dalle bevande, dal fumo e dai rapporti sessuali dall'alba al tramonto durante questo mese e si dedicano principalmente a preghiere e contemplazioni.
  5. Pellegrinaggio (Hajj) - Una volta nella vita, i musulmani devono recarsi alla Mecca per il pellegrinaggio dell'Hajj se possono permettersi il viaggio, finanziariamente e fisicamente. Non è affatto raro che un intero villaggio raccolga fondi affinché uno dei suoi abitanti vada alla Mecca "al posto suo". Coloro che hanno eseguito l'Hajj sono spesso chiamati con il titolo di Haji (uomini) o Hajjah (donne).

Abbigliamento[modifica]

Il Corano richiede ai musulmani di vestirsi modestamente, e molti musulmani interpretano questo suggerimento col significato che le donne devono coprirsi i capelli ogni volta che sono in pubblico. Molte donne musulmane osservanti, ma non tutte, indossano un velo noto come l'hijab (o in Malesia, Brunei e Singapore, tudung) che copre i capelli. Coloro che sono più severi indossano un velo integrale, di cui esistono due tipi: il niqab copre l'intero viso tranne gli occhi, mentre il burqa copre l'intero viso compresi gli occhi, con una rete all'altezza degli occhi che consente alla donna di vedere. Varie forme di abbigliamento islamico possono essere applicate dalla legge ufficiale o da un'usanza sociale molto forte e le nostre guide wikivoyage dei paesi e delle regioni di solito precisano tutti i dettagli. Non commettete errori, non tutti coloro che vivono in paesi in cui i veli sono obbligatori piace indossarli.

Libri e film[modifica]

Il messaggio - Un interessante film drammatico coreano epico diretto dal produttore cinematografico siriano americano Moustapha Akkad nel 1977, racconta la vita e i tempi di Maometto e serve come introduzione alla storia islamica antica. Rilasciato in arabo e inglese e anche doppiato in urdu.

Città[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Terra Santa.
Percentuale di musulmani per paese

L'Islam ha avuto un'enorme influenza sull'architettura e su altre arti e mestieri. Moschee e bazar interessanti pieni di elementi con elementi islamici nel loro stile sono comuni nelle città del Medio Oriente, Asia centrale, Nord Africa, Africa occidentale, Pakistan, Bangladesh, Malesia, Brunei e Indonesia, e nelle città lungo la Via della Seta. Questi si trovano anche in molti luoghi con minoranze musulmane di lunga data, come India, Cina, Singapore, Caucaso, Spagna e Africa orientale.

Questa sezione elenca alcuni dei posti migliori per esplorare le tradizioni islamiche.

Medio oriente[modifica]

Arabia[modifica]

  • La Mecca: luogo di nascita di Maometto e punto finale dell'annuale Hajj. L'ingresso per i non musulmani è vietato dalla legge saudita.
  • Medina: Maometto vi ha trovato rifugio assieme alla maggior parte dei suoi primi seguaci. Considerata oggi una delle città più sante dell'Islam ed è vietata anche ai non musulmani.

Levante[modifica]

Masjid Umar (Cupola della roccia), Gerusalemme
  • Gerusalemme: pur non essendo una città a maggioranza musulmana, è considerata uno dei tre siti più santi dell'Islam e il suo nome arabo "al Quds" viene utilizzato con desiderio e venerazione.

Iraq[modifica]

  • Kerbala: una battaglia nelle vicinanze uccise Hussein bin Ali nel 61 AH. Questo evento è ancora commemorato, specialmente dagli sciiti. Ci sono santuari per Alì e suo fratello Abbas e molti altri edifici storici.
  • Najaf: una delle città più sante degli Sciiti, una delle principali destinazioni di pellegrinaggio, e il centro politico dello Sciismo iracheno. Qui c'è la tomba di Ali e molti altri edifici religiosi.
  • Samarra: la capitale del califfato abbasside 836-890 d.C., è la capitale islamica meglio conservata e patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Iran[modifica]

  • Isfahan: sede di alcune delle moschee più suggestive del mondo, nonché di imponenti tombe e palazzi storici.
  • Mashhad: una città santa che ospita lo splendido santuario dell'Imam Reza, dedicato all'ottavo imam sciita, martirizzato nel IX secolo d.C.
  • Qom: un grande centro di cultura sciita, all'incirca a metà strada tra Teheran e Isfahan.
  • Shiraz: impressionanti tombe e la moschea Nasir al-Mulk, che ha vetrate colorate e soffitti splendidamente piastrellati.

Turchia[modifica]

  • Harran: oggi è meglio conosciuta per il suo aspetto rurale e le tradizionali case ad "alveare", questo villaggio era uno dei primi centri di apprendimento islamico, dove la conoscenza classica di astronomia, filosofia, scienze naturali e medicina veniva tradotta dal greco all'arabo (di solito attraverso il Siriaco con l'aiuto degli assiri locali). Vi sono anche le rovine di un'antica università islamica. La vicina Urfa è anche ricca di architettura islamica e miti associati ad Abramo.
  • Istanbul: precedentemente Costantinopoli, era il centro spirituale e politico di uno dei più grandi imperi musulmani, l'Impero ottomano, e ospita uno dei luoghi di pellegrinaggio più sacri dell'Islam, la tomba del portabandiera di Maometto Abu Ayyub al-Ansari, che morì e fu sepolto qui durante il primo assedio di Costantinopoli nell'VIII secolo. La moschea Eyüp sorge sulla riva del Corno d'oro, fuori dalle mura della Città Vecchia. Al loro interno, ci sono diverse belle moschee imperiali, alcune delle origini bizantine.
  • Konya: dimora dei grandi maestri sufi Rumi e Nasrudin (la cui tomba si trova nella vicina città di Akşehir), con una raffinata architettura islamica.

Nord Africa[modifica]

  • Il Cairo: la capitale dell'Egitto, fondata durante l'era islamica, è senza dubbio il centro culturale del mondo arabo. È anche sede della famosa e antica Università di Al Azhar e ha la sua parte di moschee storiche. L'arabo egiziano è comprensibile per la stragrande maggioranza degli arabi e la televisione egiziana e i film hanno influenza ben oltre l'Egitto stesso.
  • Kairouan: un'importante meta di pellegrinaggio in Tunisia e patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Africa occidentale[modifica]

Mali[modifica]

  • Le città di Timbuktu, Gao e Djenné erano un tempo centri di università e studi islamici e oggi ospitano ancora moschee costruite nel caratteristico stile architettonico saheliano.

Asia meridionale[modifica]

India[modifica]

  • Agra: il sito dell'architettura Moghul più famoso e uno degli edifici islamici più famosi al mondo: il Taj Mahal. Inoltre, Agra ha il suo bellissimo forte, e nelle vicinanze si trova la città reale ben conservata di Fatehpur Sikri, costruita per l'imperatore Akbar.
  • Delhi: la capitale dell'India era in precedenza la capitale di diverse dinastie islamiche, in particolare l'impero Moghul. Ospita numerosi splendidi monumenti e moschee Moghul e dei periodi precedenti, tra cui il Forte Rosso, la tomba dell'imperatore Humayan e il Jama Masjid.

Pakistan[modifica]

  • Lahore: un'importante città che un tempo era la capitale dell'Impero Moghul. Come tale, ha parecchie attrazioni impressionanti risalenti a quel periodo, tra cui la Moschea Badshahi, il Forte di Lahore e gli splendidi giardini a tre livelli Shalimar. Lahore ha una vivace vita culturale e religiosa musulmana punjabi, tra cui un raduno sufi il giovedì al santuario di Shah Jamal.

Asia centrale[modifica]

Piazza del Registan a Samarcanda
  • Bukhara e Samarcanda in Uzbekistan erano entrambi i siti principali della scienza e dell'apprendimento islamici, con un alto numero di antichi edifici con delicate piastrelle che sono i punti salienti di ogni viaggio lungo la Via della Seta.
  • Turkistan, in Kazakistan, è il sito del suggestivo santuario di Ahmed Yassavi, un poeta del XII secolo e mistico pioniere che è una figura molto rispettata tra i musulmani turchi. Fu il fondatore dell'ordine sufi di Yasavviya, influenzato dallo sciamanesimo turco pre-islamico.

Sud-est asiatico[modifica]

Brunei[modifica]

  • Bandar Seri Begawan: la Moschea di Omar Ali Saifuddien, costruita in onore di Omar Ali Saifuddien III, il 28° Sultano del Brunei, è ampiamente considerata come una delle moschee più spettacolari del sud-est asiatico, con la sua cupola ricoperta di oro zecchino.  Un'altra moschea notevole è la moschea Jame 'Asr Hassanil Bolkiah, costruita in onore dell'attuale sultano, Hassanal Bolkiah.

Malesia[modifica]

  • Johor Bahru: la moschea di Stato Sultan Abu Bakar fu costruita sotto la direzione di Abu Bakar, il 21° Sultano di Johor, all'inizio del XX secolo. È nota per essere stata costruita in uno stile architettonico vittoriano in gran parte inglese, anche se con l'incorporazione di alcuni elementi architettonici moreschi e malesi.
  • Malacca: sede di numerose moschee storiche di epoca coloniale costruite in un caratteristico stile architettonico malese, come la moschea Kampung Kling, la moschea Kampung Hulu e la moschea Tranquerah. C'è anche la Moschea dello Stretto di Melaka, una moderna struttura del XXI secolo costruita su palafitte sul mare.
  • Penang: la moschea Kapitan Keling a George Town è stata costruita da commercianti musulmani indiani durante l'era coloniale e fa parte del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Singapore[modifica]

  • L'area di Kampong Glam ospita due importanti moschee malesi, la Moschea del Sultano e la Moschea di Hajjah Fatimah. A Little India, la moschea Abdul Gaffoor è stata costruita per servire la comunità musulmana indiana locale ed è nota per le sue ricche caratteristiche architettoniche. Un'altra moschea musulmana indiana è la Moschea Jamae, situata a Chinatown, nota per il caratteristico stile architettonico dell'India meridionale del suo ingresso.

Est Asia[modifica]

Cina[modifica]

Torre della Grande moschea dello Xi’an
  • Kashgar: una città uigura a maggioranza etnica, con la Moschea Id Kah il cuore della comunità, nota per le sue caratteristiche pareti gialle e l'architettura dell'Asia centrale.
  • Lanzhou: nota per la sua grande comunità etnica Hui. La Moschea Qiaomen rimane il cuore della comunità ed è nota per la sua fusione di stili architettonici moreschi e tradizionali cinesi.
  • Xi'an: la Grande Moschea di Xi'an fu costruita durante la dinastia Ming in uno stile architettonico tradizionale cinese ed è la più grande moschea della Cina. È ancora usata come luogo di culto attivo dalla minoranza etnica Hui.
  • Xining: la capitale della provincia del Qinghai ha una significativa comunità etnica di Hui, con la sua moschea di Dongguan che è una delle più grandi in Cina e nota per le sue peculiari cupole verdi e bianche.

Europa[modifica]

Spagna[modifica]

  • Cordova, l'antica capitale di Al-Andalus, contiene diverse importanti reliquie di quel tempo, in particolare La Mezquita de Córdoba, una bellissima e grande moschea costruita sul sito di una chiesa visigota e successivamente convertita in chiesa dopo la riconquista della Spagna.
  • Granada, sempre in Andalusia, è il sito dello splendido complesso fortezza/palazzo dell'Alhambra e altre reliquie del suo passato moresco, e ha anche una moschea in stile moresco costruita nel 2003 per servire una nuova comunità musulmana, centinaia di anni dopo l'ultimo membro della precedente comunità musulmana fu espulso.

Cipro[modifica]

  • Larnaca, o meglio la riva del lago salato locale a ovest della città a Cipro, è il sito di Hala Sultan Tekke, un santuario di costruzione ottomana nel cimitero di Umm Haram, la nutrice di Maometto, che morì in questo luogo durante un assedio nel VII secolo. Alcune denominazioni lo considerano uno dei siti islamici più sacri.

Macedonia[modifica]

  • Tetovo, è il sito della "Moschea dipinta" (Šarena Džamija), una moschea piuttosto piccola di epoca ottomana decorata atipicamente con dipinti estremamente luminosi e colorati.

Bosnia ed Erzegovina[modifica]

  • Sarajevo, città multietnica che conserva importanti tracce della presenza musulmana nei Balcani.

Italia[modifica]

  • Palermo, antica capitale del califfato di Sicilia e luogo di irradiazione della cultura islamica nell’isola, conserva diversi edifici arabo-normanni come la Zisa, il Duomo, la Cuba nonché le cattedrali di Monreale e Cefalù.

Comportamenti rispettosi[modifica]

In alcuni luoghi, i non musulmani non possono affatto entrare nelle moschee. Se siete invitati a visitare una moschea, è opportuno vestirsi in modo adeguato e mostrare rispetto; i dettagli variano in base al luogo, ma ci si può aspettare che includano i capelli, il busto, le braccia e le gambe se siete una donna e togliere ovviamente le scarpe. È una buona idea imparare qualcosa sulle regole locali prima di visitare una moschea, soprattutto se non siete musulmani. Tutte le moschee hanno sezioni separate o sale di preghiera per uomini e donne.

La maggior parte dei musulmani prende la propria religione più seriamente di quanto non facciano molti non musulmani nei paesi occidentali, quindi le questioni religiose come la vita di Maometto e di altri profeti dell'Islam e gli insegnamenti del Corano e degli Hadith non sono una cosa su cui scherzare, e anche ciò che potreste considerare come critiche benigne potrebbero mettervi in pericolo fisico in determinate situazioni o farvi processare per blasfemia in alcuni paesi. Evitate anche di fare qualsiasi rappresentazione visiva del profeta Maometto, poiché la maggior parte dei musulmani lo considera proibito e si offende profondamente anche quando un non musulmano lo fa. Ma non abbiate paura di fare domande se siete sinceramente interessati a saperne di più sull'Islam; come i cristiani, i musulmani sono esortati a dare testimonianza (da'awa) della loro religione, secondo la loro convinzione che seguire la retta via delineata nel Corano offre a più persone la possibilità di andare in Paradiso il Giorno del Giudizio. Ascoltate attentamente le risposte e siate rispettosi.

I cani sono considerati impuri nell'Islam e ai musulmani è proibito toccare cani, quindi siate consapevoli di ciò se avete un cane e avete ospiti o vicini musulmani. I gatti, invece, sono venerati per la loro pulizia e considerati animali domestici ideali da molte famiglie musulmane.

Comunicazione[modifica]

L'arabo, in particolare l'arabo classico, è la lingua originale del principale testo religioso dell'Islam, il Corano, e continua ad essere usato come lingua liturgica in tutto il mondo musulmano. Altre lingue parlate da un gran numero di musulmani sono l'urdu, il bengalese, il persiano, altre lingue indo-iraniane, il malese/indonesiano e le lingue turche come il turco.

Una traduzione letterale della parola "Islam" è "sottomissione", riferendosi alla sottomissione alla volontà di Dio. L'espressione araba insh'allah (a Dio piacendo) è comune in tutto il mondo musulmano ed è entrata in diverse lingue che sono o sono state in passato influenzate dall'Islam; persino lo ojala spagnolo deriva in ultima analisi da insh'allah. Altri prestiti arabi (spesso riferiti a materie religiose o progressi tecnologici compiuti durante il "periodo d'oro" dei musulmani) sono entrati in diverse lingue, in particolare quelle della maggior parte dei paesi musulmani.

Mentre molti musulmani hanno una conoscenza generale dell'arabo coranico classico ed è usato come mezzo di comunicazione nei media panarabi, potreste forse essere sorpresi di sentire che i "dialetti" dell'arabo moderno non sono necessariamente reciprocamente comprensibili. In effetti, potrebbero essere paragonati alle lingue romanze in quanto condividono molta grammatica e vocabolario, ma differiscono abbastanza nei dettagli ostacolando la comunicazione senza uno sforzo. Detto questo, l'arabo moderno, che è molto simile all'arabo classico del Corano, è la forma ufficiale della lingua in tutti i paesi arabi, ed è quindi insegnato in tutte le scuole e utilizzato nelle trasmissioni di notizie. Se vi ritrovate incapaci di comunicare in un paese nominalmente di lingua araba, sia l'arabo egiziano classico che quello moderno potrebbero essere abbastanza vicini alla varietà locale per cavarsela. O in caso contrario, l'arabo moderno standard sarà noto ai locali che sono ben istruiti, che sono stati all'estero o che guardano spesso canali televisivi panarabici.

Naturalmente un gran numero di musulmani non parla arabo. O non molto più di quello di cui hanno bisogno per superare i passaggi più importanti del Corano. Molte moschee (specialmente nei paesi occidentali) svolgono servizi in lingua locale e non vi è più motivo di presumere che un musulmano parli arabo di quanto un ebreo parli ebraico, nonostante sia molto probabile che conoscano qualche parola o frase qua e là da i loro libri sacri.

Arte islamica[modifica]

Piastrellatura sul soffitto della tomba di Hafez a Shiraz

Ci sono belle moschee in molti luoghi e tradizioni islamiche in arte, artigianato, letteratura, musica e architettura. Una di queste tradizioni è la raffinata lavorazione a mosaico in piastrelle, pietra e legno. Molti tessuti pregiati, in particolare i tappeti, sono tessuti nel mondo islamico. Molti tipi di bei vestiti in linea con gli standard dell'abito islamico, come inteso in ogni regione del mondo musulmano, sono anche prodotti con vari mezzi.

Un backgammon, dal Libano; lo stile mostra le influenze islamiche

Una caratteristica comune di gran parte dell'arte islamica è che si evita di raffigurare gli umani, e in alcune tradizioni anche gli animali, nelle opere d'arte. L'ingiunzione "Non farai immagini scolpite" si trova nel Corano, come nella Bibbia, e spesso i musulmani le danno un'interpretazione rigorosa. Di conseguenza, l'arte che utilizza una combinazione di disegni geometrici e motivi vegetali stilizzati è tipica dell'arte islamica. In particolare, la maggior parte dei musulmani considera proibita qualsiasi rappresentazione visiva del profeta Maometto e di tutti gli altri profeti dell'Islam.

Detto questo, ci sono molti splendidi esempi di dipinti persiani e moghul storici che includono immagini di persone e animali nei giardini e in altri paesaggi. Anche i tappeti da giardino - di Kerman, o Qashqai intorno a Shiraz o nelle regioni Mughal - sono abbastanza comuni.

Una tecnica tipica nell'arte islamica consiste nell'utilizzare forme altamente decorative di lettere arabe nella calligrafia di iscrizioni coraniche e altri nomi e frasi sacre, in particolare i nomi di Allah e del profeta Maometto, da soli o in combinazione con disegni geometrici.

Esistono numerosi musei di arte islamica nel mondo:

Ovviamente ci si può aspettare che qualsiasi museo in una regione islamica abbia un po' di arte islamica, e altri musei come il British Museum di Londra e il Metropolitan Museum di New York hanno anche sezioni per l'arte islamica. Ci sono anche musei specificamente dedicati all'arte araba, come il Musée de l'Institut du Monde Arabe a Parigi. Non tutta l'arte islamica è araba e non tutta l'arte araba è islamica, ma vi è una sostanziale sovrapposizione.

Architettura islamica[modifica]

Distinti stili di architettura islamica, che variano nello stile tra diverse regioni e periodi, non solo comprendono oggi le moschee ma hanno anche influenzato molti altri tipi di strutture, tra cui le Petronas Towers a Kuala Lumpur, in Malesia.

Atti religiosi[modifica]

Il pellegrinaggio dell'Hajj alla Mecca è uno dei cinque pilastri dell'Islam; ogni musulmano adulto dovrebbe farlo se possibile. L'Umrah, una visita fuori stagione alla Mecca dove si visitano meno posti, è anche comune come lo sono altri pellegrinaggi per i musulmani sciiti alle città sante di Karbala e Najaf e dai sufi e altri devoti alle tombe di uomini santi e grandi studiosi. Si ricorda che mentre la maggior parte dei pellegrinaggi è aperta a tutti coloro che desiderano partecipare, ai non musulmani è proibito entrare alla Mecca, con la pena di essere espulsi.

Esistono anche varie forme di cerimonie devozionali, la maggior parte delle quali include ciò che i non musulmani considererebbero la musica (i musulmani spesso considerano che la preghiera cantata non sia musica), e non solo i musulmani ma i non musulmani rispettosi e adeguatamente vestiti sono spesso i benvenuti a testimoniarli. Questi includono concorsi di canto del Corano, altri tipi di canti devozionali (Dikir Islam in Malesia è uno dei numerosi esempi), i Sufi rotanti e vari tipi di spettacoli musicali musulmani indiani classici, ma ci sono molte volte tanti esempi di generi islamici di popoli musulmani. Nel subcontinente indiano, la musica classica è tradizionalmente tutta religiosa, quindi qualsiasi musica specificamente musulmana indiana può essere basata su una melodia di lode ad Allah, per esempio.

Zakat, che è donazione di beneficenza, insieme all'Hajj, è uno dei cinque pilastri dell'Islam. Tuttavia, lo zakat è la quantità minima di donazioni di beneficenza per i musulmani osservanti, e molti musulmani vanno oltre e fanno sadaqah, che è considerato un atto volontario di carità piuttosto che l'adempimento di un comando. Se desiderate essere caritatevoli, potreste voler indagare sulle varie organizzazioni di beneficenza musulmane e non settarie. Alcuni dei consigli sui viaggi di volontariato potrebbero essere rilevanti se avete intenzione di viaggiare per motivi di beneficenza.

Studiare[modifica]

C'erano università dell'Islam nel mondo musulmano prima che la prima università aprisse le sue porte nel mondo cristiano. Alcune delle prime sono ancora attive a tutt'oggi, tra cui l'Università di al-Qarawiyyin a Fez, in Marocco, che opera dall'859 d.C., e la famosa Università Al-Azhar al Cairo, fondata nel 972 d.C. Oggi ci sono molte università islamiche nel mondo musulmano. Inoltre, molte università nel mondo occidentale, come l'Università di Chicago e l'Università di Oxford, hanno dipartimenti di studi islamici i corsi di condotta per gli studenti con un interesse per la materia, anche se più spesso dal punto di vista religioso piuttosto che dal punto di vista teologico.

Lavorare[modifica]

Sono necessarie istruzioni in arabo, nel Corano, nella legge islamica e nella religione islamica in tutto il mondo musulmano e oltre. Gli insegnanti con accenti di madrelingua araba potrebbero ricevere la preferenza in alcune parti del mondo musulmano.

È anche abbastanza comune per gli imam viaggiare o trasferirsi in comunità dove sono necessari.

Acquistare[modifica]

Un tappeto da preghiera realizzato dal popolo Baluchi, che vive in Iran, Afghanistan e Pakistan

Articoli specificamente islamici da acquistare includono tappeti da preghiera; cappelli Haji e altri abiti specificamente religiosi (hejab, fez, songkok, ecc.); Acqua Zamzam della Mecca; Corani e raccolte di Hadith (rapporti sulle dichiarazioni o azioni del profeta Maometto); e iscrizioni sacre in calligrafia, spesso incorniciate per essere appese.

In Malesia e Singapore, i bazar sono tradizionalmente allestiti di notte durante il Ramadan vendendo piatti tradizionali malesi, nonché snack e altri oggetti per le prossime celebrazioni dell'Eid (conosciuta localmente come Hari Raya).

Cibo[modifica]

Nella legge islamica, diversi prodotti alimentari sono vietati (in arabo haram), il più noto dei quali è il maiale e altri prodotti a base suina, tra cui la gelatina e la pelle di maiale, nonché l'alcol e tutti i piatti che utilizzano l'alcol nella preparazione dei processi. Il cibo consentito è noto come halal e può passare attraverso un processo di certificazione per garantire che sia in linea con l'insegnamento islamico. I prodotti halal (a volte scritti come elale dopo la parola turca) sono sempre più disponibili nei paesi europei e del Nord e del Sud America con popolazioni musulmane considerevoli. Per essere considerata halal, la carne (ma non il pesce) deve provenire da un animale che è stato macellato da un musulmano in un modo molto preciso, con il nome di Allah pronunciato al momento della macellazione. Il pesce è sempre considerato halal, a condizione che non sia entrato in contatto con nessun prodotto alimentare haram. C'è un dibattito sui frutti di mare non di pesce come calamari, gamberi, granchi, aragoste o crostacei; questi possono essere o meno halal a seconda della setta dell'Islam in questione.

Se il cibo halal non è disponibile, il cibo kosher (preparato secondo la legge dietetica ebraica), fintanto che non contiene alcool, è stato tradizionalmente considerato conforme alle regole islamiche, sebbene recentemente ci sia stato qualche dissenso al riguardo.

Durante il mese sacro del Ramadan, i musulmani sono tenuti a digiunare: non possono mangiare, bere nulla o fumare nelle ore diurne. Eccezioni a questa regola sono le donne in gravidanza e in allattamento, le donne con le mestruazioni, i musulmani in viaggio e le persone con problemi di salute per i quali il digiuno sarebbe gravemente dannoso per la loro salute, anche se in genere sono tenuti a compensare i giorni di digiuno persi in un momento successivo, quando loro circostanze gli permettono di farlo. In paesi con una presenza musulmana sostanziale, anche i viaggiatori non musulmani possono voler seguire queste restrizioni quando sono in pubblico; in alcuni paesi sono tenuti per legge a farlo. I viaggiatori possono notare che negozi e ristoranti sono chiusi durante il Ramadan. Il calendario islamico è lunare, quindi le festività musulmane cadono in diversi momenti dell'anno, rispetto al calendario solare in funzione nella maggior parte dei paesi non musulmani. Vedi Viaggiare durante il Ramadan per maggiori dettagli.

Durante il volo, la maggior parte delle principali compagnie aeree offre cibo halal come opzione pasto speciale, ma in genere questo deve essere richiesto in anticipo. Le compagnie aeree della maggior parte dei paesi a maggioranza musulmana, tra cui le tre grandi compagnie aeree del Medio Oriente, Emirates, Qatar Airways ed Etihad Airways servono solo pasti halal sui loro voli. Poiché il cibo kosher sugli aerei ha una tradizione più lunga, in particolare sui vettori statunitensi, potrebbe essere più facilmente disponibile, ma ancora una volta, l'avvertenza che non tutte le autorità religiose accettano il cibo kosher senza alcool come si applica per l'halal.

Bere[modifica]

Il Corano condanna le bevande alcoliche. In molti paesi a maggioranza musulmana, la vendita e il consumo di alcolici sono fortemente regolamentati e in alcuni è vietato. Durante il Ramadan, potreste anche dover essere discreti nel bere qualcosa durante il giorno nella maggior parte dei paesi musulmani. Anche i paesi in cui il tabù contro l'alcol non è così diffuso tendono ad essere più severi sulla questione durante il Ramadan.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti