Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere di un professionista sanitario: leggi le avvertenze.

Il termine malattie tropicali è il nome generico di malattie che si verificano esclusivamente, o in misura maggiore, nelle regioni tropicali. Un gran numero di queste malattie sono causate da parassiti, alcune delle quali richiedono farmaci specifici per il trattamento. Inoltre, nelle regioni tropicali sono diffuse malattie virali specifiche (epatite, febbre gialla, dengue); le infezioni batteriche causate da agenti patogeni che si verificano solo ai tropici non sono così comuni.

Poiché le malattie tropicali sono raramente diagnosticate in coloro che tornano nei loro paesi d'origine e i medici non hanno sempre familiarità con la diagnosi e il trattamento delle tipiche malattie tropicali, ci sono medici in Europa con una formazione specialistica specificamente orientata alle malattie tropicali. I medici di famiglia possono spesso distinguere tra malattie che si verificano anche in Europa e malattie tropicali specifiche e, se sospettate, indirizzare i viaggiatori a un ufficio adatto per ulteriori chiarimenti e cure. Gli ospedali universitari e centrali nelle grandi città spesso hanno consultazioni per la medicina di viaggio o una clinica di vaccinazione. La vaccinazione contro la febbre gialla può essere effettuata solo da centri vaccinali autorizzati dall'OMS.

Di seguito vengono descritte alcune delle malattie tropicali più importanti per i viaggiatori.

Malattie trasmesse da puntura di zanzara[modifica]

zanzariera
  • Chikungunya — Malattia trasmessa dalle zanzare. L'agente eziologico è il virus Chikungunya virus, che si trova si trova in Africa, nelle isole caraibiche, nelle isole dell'Oceano Indiano e nel Sud-est asiatico, fino alle Filippine e all'Indonesia. I sintomi nella prima fase della malattia sono cefalea, febbre e artralgie che impediscono il movimento del soggetto, invece nella seconda fase sono esantema pruriginoso, febbre, e meno frequentemente insufficienza cardiaca e leggere emorragie. La malattia si risolve spontaneamente, ma i dolori persistono per mesi.
Non esiste ancora un farmaco efficace per il trattamento della malattia, il dolore articolare può essere combattuto solo sintomaticamente, il paracetamolo è meglio utilizzato (purché non si possa escludere la febbre dengue).
Come misura preventiva, si raccomanda un repellente per zanzare applicato con cura e l'uso dei cosiddetti repellenti con l'ingrediente DEET (dietilmetilbenzamide/-toluamide) per respingere gli insetti.
  • Dengue — Malattia diffusa nel Nord dell'America meridionale, nei Caraibi, in Centro America, in Messico, nell'Angola, in Kenya, in Africa occidentale, in Asia del Sud, nel Sud-est asiatico e nel Queensland. È trasmessa dalle zanzare infette del genere Aedes e l'agente eziologico è il virus Dengue virus. La forma più grave della malattia si manifesta nei bambini e le donne sono più colpite degli uomini. L'80% delle persone colpite dalla malattia non manifestano sintomi o presentano una leggera febbre. I bambini invece presentano vomito, diarrea e gli stessi sintomi del raffreddore. La presentazione clinica della dengue comprende febbre, cefalea retrooculare, artralgia, mialgia ed esantema. La maggior parte di chi contrae la dengue si riprende senza problemi, mentre la mortalità è dell'1–5% qualora non venga instaurato alcun regime terapeutico e inferiore all'1% nel caso di trattamento adeguato.
Di norma, la malattia procede senza complicazioni e il trattamento è limitato al sollievo dai sintomi, preferibilmente con paracetamolo (Panadol, Dafalgan, ecc.) A causa della possibilità di un raro decorso con emorragia interna, l'assunzione di aspirina (ASA), che inibisce le piastrine del sangue, dovrebbe essere evitata. La febbre dura dai tre ai sette giorni e dopo dieci giorni la malattia è generalmente guarita.
  • Febbre gialla — Malattia virale che attacca il fegato, trasmessa dalle zanzare infette del genere Haemagogus ed Aedes , diffusa nella fascia tropicale del Sud America (in cui raramente si hanno casi di febbre gialla tra i turisti e i viaggiatori) e dell'Africa. La zanzara inietta, durante il suo pasto ematico, il virus nel sangue. Nella prima fase la malattia si manifesta con febbre con brivido e bradicardia relativa, cefalea importante, iperemia congiuntivale, dolore lombare, mialgie, nausea; invece nella seconda fase i sintomi sono ittero, proteinuria, acidosi, emorragie e oliguria. L'ipoglicemia e il come epatico sono eventi terminali. Il 50% dei pazienti nella seconda fase della malattia muore, di solito entro 2 settimane dalla comparsa dei sintomi. La mortalità è maggiore nei più giovani. Le persone che prevedono di viaggiare in aree endemiche dovrebbero vaccinarsi ed evitare di farsi pungere dalle zanzare.
Per alcuni paesi, tra cui Kenya e Tanzania , la vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria per l'ingresso. In altri paesi, la vaccinazione contro la febbre gialla è un requisito di ingresso se si desidera entrare in un paese in cui si verifica la febbre gialla. In alcuni casi, questo vale anche per il transito aeroportuale o anche solo per uno scalo. Le raccomandazioni di viaggio pertinenti sui siti Web pertinenti devono essere seguite rigorosamente al fine di evitare il rifiuto di ingresso.
La vaccinazione contro la febbre gialla è efficace da oltre dieci anni. Secondo le ultime raccomandazioni del 2016, la protezione vaccinale dura per tutta la vita, ma alcuni paesi non hanno adeguato il regolamento e insistono su una vaccinazione di richiamo se la prima vaccinazione è stata più di dieci anni fa.
  • Malaria — Malattia virale trasmessa delle zanzare del genere Anopheles, che sono i vettori di questa malattia, trasmettono la malattia inoculando nel sangue i plasmodi, i protozoi che provocano la malattia. È diffusa in Africa, in America meridionale e in Asia. I sintomi sono mal di testa, brividi, sudorazione, febbre, nausea, vomito, tosse secca, indebolimento renale, epatosplenomegalia, tachicardia, delirio e mialgia.
Il periodo di incubazione è solitamente di 7-30 giorni, ma alcune forme di malaria possono ancora manifestarsi fino a un anno dopo il viaggio, il medico deve essere informato del precedente viaggio ai tropici. Senza cure mediche, questo tipo di malaria può essere fatale!
Nei momenti in cui le zanzare sono attive, in caso di malaria, si consiglia di indossare indumenti leggeri e larghi con maniche lunghe e calzini.
Nelle zone dove la malaria si raccomanda di tenere chiuse le zanzariere su tutte le finestre e sotto una zanzariera impregnata per dormire, anche a causa di altre malattie tropicali che vengono trasmesse dalle zanzare. Anche repellenti o tappi per zanzare nella camera d'albergo sono un buon mezzo per proteggersi da tutti i tipi di zanzare.
Per il trattamento farmacologico della malaria, ci sono diverse strategie. Nelle aree a basso e moderato rischio di malaria è raccomandato un trattamento di emergenza. A seconda della situazione di resistenza locale, viene prescritto l'agente antimalarico appropriato da portare con sé durante il viaggio. Se si verifica un'infezione simil-influenzale febbrile dopo il sesto giorno dall'arrivo in una zona malarica, consultare immediatamente un medico o un pronto soccorso ospedaliero. Solo se ciò non è possibile entro 12-24 ore (ad esempio durante un trekking più lungo) inizi a prendere il farmaco a scopo profilattico secondo la prescrizione del medico. Nelle zone ad alto rischio di malaria si raccomanda la chemioprofilassi. Il farmaco efficace contro i patogeni della malaria deve essere assunto secondo le indicazioni mediche per tutta la durata del soggiorno in un'area endemica malarica, anche se non sono presenti segni di malattia. Poiché diversi farmaci sono raccomandati per la profilassi della malaria a seconda della destinazione del viaggio o del percorso a causa della resistenza ai patogeni, è assolutamente consigliato un consulto con un medico con esperienza in medicina di viaggio o un centro di medicina tropicale.
  • Febbre della Rift Valley — dal nome del luogo della scoperta in Kenya, si manifesta principalmente nell'Africa sub-sahariana, in Egitto e in Arabia Saudita. Questa febbre emorragica viene trasmessa dalle zanzare che sono venute a contatto con i ruminanti o direttamente dagli animali. Di solito compaiono solo sintomi simil-influenzali, ma è fatale nell'1-3% dei casi. La meningite e la cecità come conseguenze sono possibili.
Finora non ci sono cure. Nelle zone endemiche bisogna proteggersi dalle punture, il che è comunque utile, viste le altre malattie tropicali che vi si manifestano.
  • Virus del Nilo occidentale — virus trasmesso dalle zanzare, specialmente quelle del genere Culex. Nelle zone temperate i casi di encefalite dovuti a questo virus si verificano generalmente tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno. Nelle altre regioni più calde il virus può trasmettersi per tutto l'anno. I sintomi iniziali sono febbre, debolezza nausea, cefalea e anoressia. Questi sono seguiti da artralgie, mialgie, tosse, dolore oculare, eruzioni cutanee, dispnea, linfadenopatia e, a volte, nausea, diarrea e vomito. Si manifestano anche tremori, disorientamento, convulsioni e coma. Per non contrarre la malattia bisogna evitare le punture delle zanzare.

Malattie trasmesse da cimici ematofaghe[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Proteggersi dai parassiti.
  • Morbo di Chagas — Malattia infettiva causata da protozoi del genere Trypanosoma, trasmessi principalmente attraverso le feci delle cimici ematofaghe. La malattia è diffusa in America meridionale e in Centro America. I sintomi sono: febbre, insonnia, mialgia, linfoadenopatia, disturbi gastroenterici e respiratori.

Malattie trasmesse da zecche e Rickettsia[modifica]

  • Febbre Q — Questa malattia è causata dal batterio Coxiella burnetii ed ha come vettore la zecca. L'uomo può infettarsi attraverso l'inalazione di polvere contaminata dal microrganismo, il contatto con le urine, il latte, le feci e altre secrezioni biologiche provenienti da animali infetti. Il batterio patogeno di questa malattia può essere trovato in bovini, pecore, capre e in altri animali domestici. I sintomi principali sono febbre accompagnata da mialgia, cefalea, vomito ed eventuale esantema. Il trattamento è farmacologico.

Malattie trasmesse da ratti[modifica]

  • Febbri da morso di ratto — Diffusa nelle Americhe ed in Asia, nota in Giappone come Sodoku; è trasmessa dal morso di ratto e gli agenti eziologici sono 2 batteri, Streptobacillus moniliformis e Spirillum minus. I sintomi sono febbre, eruzioni cutanee e artralgia.

Malattie causate dall'assunzione di acqua non potabile o cibi contaminati[modifica]

  • Diarrea —Al di fuori dell'emisfero occidentale che possiede un'elevata qualità dell'acqua potabile, le malattie diarroiche sono molto comuni, solo in occidente l'acqua potabile dal rubinetto può essere gustata senza bollire. In tutti gli altri paesi della terra l'acqua potabile pulita è spesso una rarità e l'acqua del rubinetto va trattata con grande sospetto, questo vale anche per la verdura, la frutta e le insalate che vengono lavate via con l'acqua del rubinetto. A causa della separazione inadeguata tra acque reflue e acque di servizio, i batteri fecali possono entrare nell'acqua potabile e quindi negli alimenti; a seconda delle condizioni climatiche, possono anche moltiplicarsi molto rapidamente.
Le forme più comuni di diarrea del viaggiatore sono causate da batteri coliformi (batteri fecali); Tra i batteri coli ci sono ceppi con malattie particolarmente gravi (diarrea simile al colera, danno renale, infiammazione intestinale febbrile), così come si temono Salmonella e Campylobacter - batteri che si verificano in particolare sulle uova di gallina e sulla carne: questi vanno gustati solo ben riscaldati. La diarrea causata da ameba e lamblia, che deve essere trattata con farmaci specifici, è meno comune.
La diarrea del semplice viaggiatore ( "la vendetta di Montezuma" ) di solito procede senza grossi problemi e scompare dopo due o tre giorni. Tuttavia, è importante assicurarsi di avere abbastanza liquidi e mangiare abbastanza cibi salati. Le soluzioni per bere già pronte (sacchetti che vengono sciolti in una bottiglia di acqua potabile) possono aiutare a sostituire le perdite di liquidi e sali più rapidamente e facilmente in caso di diarrea grave.
Se oltre alla diarrea si verificano ulteriori sintomi come febbre alta, crampi allo stomaco e intestinali o feci sanguinolente, è necessaria una visita dal medico. L'uso di antibiotici ha senso solo in alcuni casi: specialmente nei paesi emergenti, ai viaggiatori ricchi vengono spesso offerti diversi antibiotici costosi; Può essere utile un consulto telefonico con lo studio del medico di casa. Va notato che il vomito e la diarrea grave possono ridurre l'efficacia di altri farmaci, come i farmaci antimalarici.
  • Epatite A — malattia virale che attacca il fegato. È diffusa in Sud America, in Messico, in Africa, in Asia (eccetto in Giappone e in Corea del Sud), in Groenlandia, nell'Europa orientale e nei Balcani. I sintomi, che si manifestano dopo 15-50 giorni dall'assunzione di cibo contaminato, sono anoressia, astenia, nausea, vomito, febbre, diarrea e dolore addominale nella prima fase, invece nella seconda sono ittero, prurito, feci chiare e urine scure. Il malato dovrebbe riposare, assumere un'alimentazione bilanciata facendo a meno di cibi grassi, alcolici. Nella maggior parte dei casi non è fatale, ma un ittero grave con dolore addominale e disturbi del fegato può portare a un decorso grave e persistente della malattia.
È disponibile una vaccinazione ben tollerata contro l'epatite A, che deve essere somministrata almeno 14-30 giorni prima del viaggio e, se ripetuta dopo 12 mesi, fornisce una protezione a lungo termine.
  • Tifo
  • Legionella

Altre[modifica]

  • Influenza aviaria
  • Epatite B e C
  • Influenza
  • Ebola
  • Febbre di Lassa — Malattia emorragica simile al morbo di Ebola.
  • Polio
  • SARS
  • Tubercolosi — Malattia che si trasmette per via aerea, tramite, per esempio, colpi di tosse e starnuti. Il contagio però è piuttosto raro.

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Malattie tropicali
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Malattie tropicali
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe) che dà un'indicazione sommaria sulla tematica trattata. Il piè pagina è correttamente compilato.