Scarica il file GPX di questo articolo

Ciad

Da Wikivoyage.
Ciad
Cammelli vicino a Fada
Localizzazione
Ciad - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Ciad - Stemma
Ciad - Bandiera
Capitale
Governo
Valuta
Superficie
Abitanti
Lingua
Religione
Elettricità
Prefisso
TLD
Fuso orario

Ciad è uno stato dell'Africa sahariana che confina a nord con la Libia, a est con il Sudan, a sud la Repubblica Centrafricana, a sudovest con il Camerun e la Nigeria e ad ovest il Niger.

Da sapere[modifica]

Il Ciad è un paese dell'Africa sahariana, uno dei meno densamente popolati dell'Africa. Lo stato si può dividere in due, al nord una parte desertica piena di oasi, e a sud la savana. Nella parte meridionale si trovano la capitale e il lago Ciad che negli ultimi anni si è prosciugato molto. Lo stato mantiene un ambiente quasi intatto e una diversità etnica che si può notare nei numerosi mercati.

Cenni geografici[modifica]

Il territorio del Ciad è compreso in un enorme penepiano che digrada a ovest nella depressione del lago Ciad dando luogo ad un'immensa conca delimitata a nord dal massiccio del Tibesti, a est dall'altopianto di Ennedi e dai rilievi di Ouaddaï e a sud dalla dorsale di Ubangi. Il punto meno elevato si trova nei pressi dei laghi Ciad e Fitri nella depressione di Bodele, una vasta area occupata da erg sabbiosi. A est del lago Ciad si estende il Sahel mentre più a sud vi è un'area ricoperta di savane. La parte più meridionale del paese è pianeggiante con savane e vegetazione folta specialmente lungo i corsi d'acqua, a sud-est si incontra il massiccio dei Bongos.

Nella parte settentrionale troviamo il deserto del Sahara in cui si snodano alcune catene montuose e in cui troviamo il Ribesti, massiccio di origine vulcanica. La vetta più alta del Ribesti è l'Emi Koussi, 3.415 metri.

Il lago Ciad, che è situato tra Ciad e Camerun, era il secondo lago più grande dell'Africa ma si è ristretto drammaticamente negli ultimi due decenni e la sua superficie è ora il 10% di quanto fosse in precedenza.

Quando andare[modifica]

Il Ciad ha quattro zone climatiche: vaste e aride pianure nel centro, deserto nel nord, montagne asciutte nel nord ovest, e pianure tropicali nel sud. Procedendo verso sud si passa da un clima desertico con una stagione umida brevissima o nulla ad uno tropicale nel quale la stagione umida che dura anche sei/sette mesi con violenti acquazzoni. Nella stagione secca, che culmina in gennaio, spira spesso il harmattan, un intenso vento che spira dal Sahara al golfo di Guinea. I rischi ambientali in Ciad includono siccità periodiche e la piaga delle locuste.

Cenni storici[modifica]

Resti archeologici, tra cui delle arti rupestri, mostrano come il Ciad fosse già abitato nella preistoria. Durante il medioevo il territorio fu un crocevia per gli scambi commerciali tra gli arabi e le popolazioni locali. Nel 1891 divenne una colonia francese per poi ottenere l'indipendenza in data 11 agosto 1960. Dal 1975 al 1987, il nord del Ciad è stato teatro di scontri bellici contro le truppe libiche.

Il 23 dicembre 2005 il governo del Ciad dichiara lo stato di guerra contro il Sudan, accusandolo di aver condotto aggressioni ai villaggi di frontiera fra le due nazioni.

Lingue parlate[modifica]

Oltre alle due lingue ufficiali (i.e. Francese e arabo) nel Ciad si parla più di 150 lingue e dialetti locali. I principali gruppi linguistici sono:

  • Sara-Bongo-Baguirmien (Sara, Bilala, Kenga);
  • Ciadiano (Massa, Kabalaye, Toumak, Dangleat);
  • Arabo;
  • dell'Adamaoua orientale (Toupouri, Mboum, Kim, Mesme, Moundang);
  • Sahariano centrale (Kanembou, Kanouri, Teda, Daza, Baele).

Cultura e tradizioni[modifica]

Nelle strade della capitale si possono sentire i musicisti arabi che suonano la loro musica tradizionale, che con le loro canzoni e le loro narrazioni rappresentano la memoria vivente delle tradizioni del popolo arabo.

Letture suggerite[modifica]

  • M J Azevedo and Emmanuel Nnadozie, Chad: A Nation in Search of its Future, Westview Press Inc., 1997
  • M J Azevedo, Roots of Violence: History of War in Chad, Routledge, 1998
  • Zuchora-Walske, Christine, Chad in Pictures, Twenty-First Century Books, 2009
  • André Gide Ritorno in Ciad, Longanesi 1969.


Territori e mete turistiche[modifica]

Il Ciad è stato diviso in 22 regioni, ciascuna delle quali è composta di 2-4 dipartimenti. Le regioni corrispondono approssimativamente alle 14 Prefetture del Ciad che esistevano dal 1999.

Mappa divisa per regioni
      Ciad sahariano
      Ciad saheliano
      Ciad sudaniano
Delegazione tribale

Centri urbani[modifica]

  • N'Djamena — La capitale.
  • Abéché — Capoluogo della regione di Ouaddaï, un tempo capitale del regno Ouaddaï.
  • Faya Largeau — Capoluogo della regione di Borkou e la più importante città del nord.
  • Moundou — La seconda città del più grande collocata a sud del paese.
Campo profughi a Darfur


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

Passaporto, visto e certificato di vaccinazione internazionale. Poiché in Italia non è presente una rappresentanza diplomatica ciadiana, bisogna rivolgersi all'Ambasciata del Ciad a Parigi: quindi inviare a loro il passaporto, la vaccinazione contro la febbre gialla, lettera d'invito, modulo compilato, prenotazione del volo A/R e 70 euro di contributi. La vaccinazione per la febbre gialla è obbligatoria per i tutti i viaggiatori, indipendentemente dalla provenienza.

I cittadini dei seguenti paesi non hanno bisogno di visto: Benin, Burkina Faso, Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Costa d'Avorio, Gabon, Guinea Equatoriale, Mauritania, Niger e Senegal.


In auto[modifica]


In nave[modifica]

Non è possibile arrivare in Ciad via nave a meno di non attraversare illegalmente il lago Ciad.

In treno[modifica]

Non ci sono linee ferroviarie utilizzabili per arrivare nel paese.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Lago Ciad — Uno dei laghi più grandi al mondo.
  • Museo nazionale — Situato ad N'Djamena.
  • Gaoui — Villaggio a nord di N'Djamena che un tempo fu la capitale del popolo Sao.


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

CEMAC - Mappa paesi aderenti
Franco CFA - Mappa paesi aderenti
La valuta nazionale è il Franco CFA (XAF). Questa stessa moneta è usata da tutti gli stati appartenenti all'Comunità Economica e Monetaria dell'Africa Centrale (Communauté Économique et Monétaire de l'Afrique Centrale - CEMAC).
Alla Comunità Economica e Monetaria dell'Africa Centrale appartengono i seguenti stati: Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Guinea Equatoriale, Gabon e Ciad.
Sebbene il Franco CFA centraficano (XAF) e il Franco CFA Africa occidentale (XOF) hanno sempre avuto lo stesso valore monetario rispetto alle altre valute, sono in linea di principio due valute separate perché in qualunque momento le autorità monetarie competenti potrebbero variarne il tasso di cambio. Pertanto queste valute sono "teoricamente" accettate solo nelle nazioni in cui circolano ufficialmente.
All'Unione Economica e Monetaria Ovest-Africana (Union économique et monétaire ouest-africaine - UEMOA), appartengono i seguenti stati: Benin, Burkina Faso, Costa d'Avorio, Guinea-Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo
UEMOA - Mappa paesi aderenti
Moneta da 1 Franco CFA

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF EUR GBP HKD JPY USD


A tavola[modifica]

Le difficili condizioni di vita della popolazione del Ciad hanno molto influenzato il modo di cucinare di questa popolazione così povera. È molto praticata, anche se dalle donne, la pesca. Ma i cibi sono arricchiti da spezie, le verdure più coltivate sono i pomodori, il riso i cereali e gli arachidi. Tra le specialità più conosciute abbiamo lo Shay (tè bollente e zucchero), lo Kouroundjal (tè a base di zenzero) e il Karkandji (tè a base di carcadè).


Infrastrutture turistiche[modifica]


Eventi e feste[modifica]

Festività nazionali[modifica]

Data Festività Note
1 gennaio Capodanno Festività internazionale
marzo/aprile Pasqua Festività cristiana
1 maggio Festa dei lavoratori Festività internazionale
12 agosto Festa dell'indipendenza Indipendenza dalla Francia (1960).
1 novembre Ognissanti Festività cristiana
28 novembre Festa della repubblica Memoriale della proclamazione della repubblica (1958)
1 dicembre Festival della libertà e della democrazia Memoriale del colpo di stato con cui Idriss Déby divenne presidente (1990)
25 dicembre Natale Festività cristiana che segna la nascita di Cristo
1 muharram Ras as-Sana Festività musulmana che segna l'inizio del nuovo anno islamico
12 rabi' al-awwal Mawlid Festività musulmana che segna la nascita del profeta Maometto
1 shawwal Id al-fitr Festività musulmana che segna la fine del Ramadan
10 dhul-hijja Id Al Adha Festività musulmana del sacrificio o del montone detta anche Tabaski o Id El Kabir (grande festa)



Quando la festa d'indipendenza e la festa della repubblica cascano di domenica, la festività può essere spostata al lunedì seguente.

Essendo una nazione a prevalenza musulmana vengono festeggiate tutte le ricorrenze dell'islam.

Sicurezza[modifica]

Le zone orientali e settentrionali sono da evitare per la presenza di banditismo e di movimenti ribelli. N'Djamena è una città dove bisogna adottare cautela nelle ore notturne per la microcriminalità.

Situazione sanitaria[modifica]

Le strutture sanitarie sono al di sotto del livello occidentale.

Si consiglia di evitare di consumare cibi crudi, verdure non lavate, acqua della rete urbana, ghiaccio nelle bevande.

Per viaggi nel paese è obbligatorio il vaccino contro la febbre gialla. Consigliate la profilassi antimalarica e vaccinazioni tifo ed epatite A e B.

Rispettare le usanze[modifica]

Ramadan
Il Ramadan è il nono e più sacro mese del calendario islamico e dura 29-30 giorni. I musulmani digiunano ogni giorno lungo la sua durata e la maggior parte dei ristoranti resterà chiusa fino al crepuscolo. Niente (compresa l'acqua e sigarette) dovrebbe passare attraverso le labbra dall'alba al tramonto. Gli stranieri, i viaggiatori, ed altri sono esenti da questo, ma dovrebbero comunque astenersi dal mangiare o bere in pubblico in quanto questo è considerato molto maleducato. Le ore di lavoro diminuiscono anche nel mondo aziendale. Le date esatte del Ramadan dipendono da osservazioni astronomiche locali e possono variare da Paese a Paese. Il Ramadan si conclude con la festa di Eid al-Fitr, che può durare diversi giorni, di solito tre nella maggior parte dei Paesi.
  • 27 maggio – 24 June 2017 (1438 AH)
  • 16 maggio – 14 June 2018 (1439 AH)
  • 6 maggio – 3 June 2019 (1440 AH)
  • 24 aprile – 23 May 2020 (1441 AH)
  • 13 aprile – 12 May 2021 (1442 AH)

Se avete in programma di viaggiare in Ciad durante il Ramadan, prendere in considerazione la lettura dell'articolo Viaggiare durante il Ramadan.


Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti