Scarica il file GPX di questo articolo

Africa > Africa meridionale > Sudafrica > Gauteng > Pretoria

Pretoria

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Pretoria
Veduta del quartiere degli affari
Stemma e Bandiera
Pretoria - Stemma
Pretoria - Bandiera
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa del Sudafrica
Pretoria
Pretoria
Sito istituzionale

Pretoria è la capitale amministrativa del Sudafrica, situata nella regione del Gauteng.

Da sapere[modifica]

Quando andare[modifica]

Il miglior periodo per una visita è la primavera inoltrata (ottobre-novembre) quando la fioritura degli alberi di jacaranda è al suo culmine.

Pretoria presenta un clima subtropicale, caratterizzato da estati (dicembre-marzo) lunghe e piovose e inverni (giugno-settembre) brevi e secchi. La stagione invernale presenta escursioni diurne molto più accentuate di quella estiva: di giorno il termometro è attestato mediamente oltre i 20° C ma di notte scende a una media di 7° C e anche di più. Qualche fiocco di neve è stato visto cadere in città solo negli anni 1959, 1968 e 2012.

D'estate Pretoria è soggetta sempre più di frequente a ondate eccezionali di caldo che durano all'incirca una settimana. Nel mese di novembre del 2015 fu raggiunta la temperatura di 43° C e il 7 gennaio dell'anno successivo fu segnato da un nuovo record di 44° C. Questi valori, piuttosto alti, considerando l'altitudine elevata della città (circa 1340 metri), sono dovuti principalmente alla collocazione geografica in una valle riparata, che funge da trappola di calore, bloccando contemporaneamente l'ingresso di masse d'aria fresche provenienti da sud e da sud-est.

Cenni storici[modifica]

L'area ove oggi sorge Pretoria era abitata da tribù Ngoni, affini agli Zulu e dedite all'allevamento di bestiame. Guerre civili e l'arrivo dei primi coloni europei provocarono il trasferimento in massa delle popolazioni originarie nell'odierno Zimbabwe dove i Ngoni fondarono un regno con capitale Bulawayo.

Intorno al 1837 arrivarono i primi Boeri che avevano intrapreso la lunga marcia (Die Groot Trek) nel tentativo di sottrarsi al dominio dei britannici insediatisi a Città del Capo nel 1792. Pretoria fu fondata nel 1855 da Marthinus Pretorius, un leader dei Voortrekkers, che la chiamò così in onore del padre Andries Pretorius, divenuto un eroe nazionale dopo la vittoria riportata sulle popolazioni indigene nella battaglia di Blood River (1838). Il Regno Unito riconobbe l'indipendenza del Transvaal e Pretoria divenne la capitale della Zuid-Afrikaansche Republiek (ZAR) il 1° maggio 1860.

La scoperta di filoni auriferi nella regione del Gauteng intorno al 1880 alimentò le cupidigie dei britannici che nel 1899 intrapresero una seconda guerra contro i Boeri. Pretoria si arrese alle forze britanniche sotto Federico Roberts il 5 giugno 1900 e il 31 maggio 1902 fu segnato il trattato di pace alla Melrose House.

L'autogoverno fu nuovamente concesso al Transvaal nel 1906 e Pretoria divenne la capitale amministrativa della nuova provincia.

L'Unione Sudafricana nacque come colonia dell'Impero britannico nel 1910 e Pretoria ne divenne la capitale amministrativa dopo un elaborato compromesso che sanciva Città del Capo come sede del parlamento e Bloemfontein come capitale giudiziaria. L'Unione finì con l'emanazione della costituzione del 1961, con la quale si proclamò repubblica lasciando temporaneamente il Commonwealth.

Come orientarsi[modifica]

Il centro cittadino è costituito da Church Square, la piazza ornata dal monumento a Paul Kruger, leader della resistenza boera contro l'aggressione britannica. Il lato nord della piazza è dominato dal palazzo della giustizia, una imponente struttura realizzata nel 1897 da architetti olandesi dove fu giudicato Nelson Mandela nel 1963.

Quartieri[modifica]

Selezionare un alloggio in centro potrebbe rivelarsi un errore per problemi connessi al fattore sicurezza. Per evitare frustrazioni è meglio indirizzare la propria scelta in uno dei quartieri elencati di seguito:

  • Arcadia è il quartiere diplomatico a nord est del centro anche se molte sedi di ambasciate e consolati sono presenti a Hatfield e Brooklyn.
  • Hatfield è il sobborgo studentesco, situato ad est di Arcadia. Vi si trova il più grande campus dell'Università di Pretoria. È il miglior posto dove scegliersi l'alloggio considerato anche che il quartiere è dotato di stazione ferroviaria dove passano i treni pendolari della Metrorail e fanno capolinea quelli della Gautrain provenienti da Sandton e dall'aeroporto internazionale O.R. Tambo. Vi si trovano anche alcuni ostelli riportati più avanti.
  • Brooklyn è un grazioso sobborgo benestante a sud del campo universitario che può essere preso in considerazione nella scelta del proprio alloggio magari ricorrendo al sito dell'Airbnb o di altre agenzie online operanti nel settore di alloggi privati offerti in affitto a turisti di passaggio.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • 1 Aeroporto Internazionale O.R. Tambo. L'aeroporto è dotato di stazione ferroviaria dove fanno capolinea i treni della Gautrain. Per arrivare alla stazione di Pretoria dovrete però effettuare un cambio a Marlboro o a Sandton, il nuovo centro direzionale di Johannesburg. Considerate ancora che i treni effettuano la loro ultima corsa intorno alle 20:00. Aeroporto Internazionale O.R. Tambo su Wikipedia Aeroporto Internazionale OR Tambo (Q821750) su Wikidata

In treno[modifica]

Stazione di Pretoria
  • 2 Stazione di Pretoria, Scheiding Street. La stazione costituisce il capolinea di treni pendolari gestiti dalla Metrorail che servono località nel nord del Gauteng, Vi fermano anche i treni interregionali Shosholoza Meyl provenienti da Johannesburg e diretti a Polokwane e a Nelspruit.
Vi fermano inoltre i treni della Gautrain provenienti dalla stazione centrale di Johannesburg (Park Station). Fermate intermedie sono effettuate a Sandton e Marlboro, entrambe stazioni di interscambio sull'altra linea da/per l'aeroporto internazionale O.R. Tambo. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Pretoria railway station (Q7242184) su Wikidata
  • 3 Stazione di Hatfield. La stazione del sobborgo turistico di Pretoria ove fanno capolinea i treni della Gautrain. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Hatfield (Q20613609) su Wikidata


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Union Buildings
  • 1 Giardini botanici, 2 Cussonia Ave, +27 12 843-5071, @ . Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00-18:00.
  • 2 Giardino zoologico, 232 Boom Sta, +27 12 339 2700, @ . Simple icon time.svg Lun-Dom 08:30-17:30. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia zoo di Pretoria (Q1139958) su Wikidata
  • 3 The Union Buildings, 2 Church St, +27 12 300 5200, @ . Ecb copyright.svg Free. Sede ufficiale della presidenza del Sudafrica. Il palazzo fu completato nel 1908 su progetto di Sir Herbert Baker. Solo i giardini sono aperti al pubblico. Questi offrono magnifiche viste sul centro.
  • 4 L'albero delle meraviglie (The Wonderbooe), Riserva naturale Wonderboom (A 6-7 km dal centro. Ingresso a breve distanza dalla M1), +27 12 440 8316, +27 12 341 5204. Un albero di fico di oltre 1000 anni, dichiarato monumento nazionale. È alto circa 25 metri e il suo tronco ha un diametro di 5,5 metri. I suoi lunghi rami si abbassano verso il terreno e hanno messo radici formando una cerchia di tronchi e nuovi alberi attorno all'albero originale. Il gruppo copre un'area lunga 55 metri. La riserva ospita colonie di dassie, una specie di roditori, così chiamati perché i boeri li avevano originariamente scambiati per tassi (das in olandese). Il loro nome swahili è pimbi. Questi simpatici roditori vivono nelle numerose caverne sulle sponde del fiume Apies. Costituiscono le prede di aquile nere che nidificano nelle vicinanze e che spesso volteggiano nei cieli sopra la riserva.
Nella parte alta della riserva stannoo le rovine del Wonderboom Fort, uno dei quattro costruiti dai Boeri nel tentativo di arginare l'avanzata delle forze britanniche.La struttura fu fatto saltare in aria per ordine del primo ministro Jan Smuts, allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, per timore che fosse usato da dissidenti anti-governativi.
Ai piedi della collina sta un importante sito dell'Età del Ferro e nelle vicinanze se ne trovano altri dell'età della pietra. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Wonderboom Nature Reserve (Q1445685) su Wikidata

Musei e gallerie[modifica]

Voortrekker Monument
Casa Museo di Paul Kruger
  • 5 Correctional Services Museum, +27 12 314-1766. Ecb copyright.svg Ingresso gratuito. Simple icon time.svg Mar-Ven 09:00-15:00. Museo dedicato alla storia degli istituti di pena del Sudafrica. Le collezioni contengono anche oggetti artigianali fatti dai detenuti.
  • 6 Melrose House Museum, 275 Jacob Maré St, +27 12 322-2805, @ . Il luogo in cui fu firmato nel 1902 il trattato che pose fine alla guerra anglo-boera. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Melrose House (Q1919737) su Wikidata
  • 7 National Cultural History Museum, 149 Visagie St, +27 11 324-6082. Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00 – 16:00. Museo dedicato alla storia e alla cultura dei popoli che si sono avvicendati nel Sudafrica dall'epoca del ferro fino ai nostri giorni. Vi sono esposti, fra l'altro pitture rupestri e figurine fittili realizzati dalle tribù San.
  • 8 Pioneer Museum (Pionier Museum), Keuning Dr, +27 12 803-6086, @ . Simple icon time.svg Lun-Dom 09:00-16:00. Un museo culturale "vivente" nella periferia orientale di Pretoria che illustra lo stile di vita dei primi pionieri o "Voortrekkers" del XIX secolo. È ospitato nell'edificio più antico di Pretoria, un edificio del 1848. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Pionier Museum (Q24233879) su Wikidata
  • 9 Sammy Marks Museum, Bronkhorstspruit Rd, +27 12 755 9542. Simple icon time.svg Mar-Sab 09:00-17:00.
  • Museo nazionale di storia naturale di Ditsong (ex Museo del Transvaal), GaMohle Building, 70 WF Nkomo (Church) Street, +27 12 000-0010. Simple icon time.svg daily 09:00-20:00. Museo inaugurato nel 1905, Vi sono esposti fossili di teschi e scheletri rinvenuti in vari siti del Gauteng, tra cui quello detto Culla dell'Umanità famoso a livello mondiale. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Ditsong National Museum of Natural History (Q2583379) su Wikidata
  • 10 Voortrekker Monument, Eeufees Road, Groenkloof (Proclamation Hill, a sud ovest del centro), +27 12 326-6770. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Voortrekker Monument (Q963472) su Wikidata
  • 11 Freedom Park, Salvokop of Potgieter St, +27 12 470-7400, fax: +27 12 361-0021, @ . Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Freedom Park (South Africa) (Q10956303) su Wikidata
  • 12 Willem Prinsloo Agricultural Museum, R104 Old Bronkhorstspruit Road, Rayton, +27 12 736-2035, @ . Simple icon time.svg Lun-Ven 08:30–16:00, Sab-Dom 09:00–16:00. Museo dedicato alla storia dell'agricoltura in Sudafrica. Vi sono esposti aratri a trazione animale e i primi trattori meccanici.
  • 13 Kruger House Museum, 60 Church Str, +27 12 326-9172, fax: +27 12 328-5173. La casa di Paul Kluger, il leader della resistenza boera contro il governo britannico del Sudafrica e presidente della Repubblica del Transvaal fino all'anno 1900. Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'Module:I18n/ordinal' not found. su Wikipedia Kruger House, Pretoria (Q1541745) su Wikidata


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

Centri commerciali[modifica]

Menlyn Maine Central Square


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Teatro di stato
Atterbury Theatre
Brooklyn Theater
  • 3 Brooklyn Theatre, Thomas Edison St, +27 12 460 6033.
  • 4 Pierneefteater, Mogg Ave, +27 12 329 0709.
  • 5 ZK Matthews Great Hall (UNISA), 330 Preller Street. Sala concerti dell'università del Sudafrica.
  • 6 Musaion Theater, Elandspoort 357. Sala concerti nel campus universitario.

Locali notturni[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Il grattacielo dell'Holiday Inn Express sullo sfondo della Proclamation Hill e del monumento al Vortrekker
Hotel Sheraton

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]

Il crimine a Pretoria non raggiunge i livelli della vicina Johannesburg ma costituisce pur sempre un problema da ponderare con attenzione. Il centro città ne è afflitto mentre i sobborghi di Hatfield e Brooklyn ne sono relativamente esenti. Di certo permettono una maggiore rilassatezza nei propri spostamenti.

Un'area del centro con un'accentuata cattiva reputazione è quella a nord est della centrale Church Square, in particolare la zona all'incrocio della Madiba Street con la du Toit Street, dove si trova la moschea. Anche l'adiacente quartiere di Sunnyside, con un certo numero di alberghi e ristoranti, sarebbe da scartare se ci tenete alla vostra sicurezza. Sunnyside, un tempo quartiere borghese, ha subito un progressivo degrado a partire dall'ultimo decennio del XX secolo soprattutto a causa della presenza di tossicodipendenti le cui schiere si sono infittite con il trascorrere degli anni.

Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Valley of waves - Sun City Park
Sun City - The Palace of the Lost City
  • 4 Sun City (155km / 1h e 40 min. circa in auto) — Un mega-resort sul tipo di Las Vegas e come quella ai margini di un deserto ma dai paesaggi molto verdi grazie a opere irrigue. Oltre al gioco d'azzardo, Sun City offre infinite opportunità di svago e si riempe di villeggianti nei fine settimana estivi.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.