Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Porto-Novo
Scorcio del centro città
Stato
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
Fuso orario
Posizione
Mappa del Benin
Reddot.svg
Porto-Novo
Sito istituzionale

Porto-Novo (ex Hogbonu e Ajashe) è la capitale del Benin.

Da sapere[modifica]

Porto-Novo è stato originariamente sviluppato come un porto per il commercio di schiavi guidato dall'Impero portoghese. È un porto affacciato sull'omonima laguna, un braccio del golfo di Guinea. Porto-Novo è la seconda città per dimensioni del Benin, ma è meno importante dal punto di vista commerciale e industriale rispetto alla vivace Cotonou ma ha molte caratteristiche interessanti. La città è il centro agricolo della regione, il cui prodotto principale è l'olio di palma.

Nel centro di Porto-Novo si mescolano edifici coloniali portoghesi e francesi insieme ad edifici moderni.

La città era originariamente chiamata Ajashe dagli Yoruba e Hogbonu dai Guns mentre l'attuale nome fu dato nel 1730 dal portoghese Eucaristo de Campos per la sua somiglianza con la città di Porto, e ancora oggi mostra una significativa influenza portoghese.

Cenni geografici[modifica]

Porto-Novo è a soli 20 minuti dalla spiaggia e dista solo 12 chilometri dal confine nigeriano a est. I comuni confinanti sono Akpro-Missérété, Avrankou e Adjarra a nord, Sèmè-Kpodji a sud, Adjarra a est e Aguégués a ovest.

Quando andare[modifica]

La temperatura media mensile oscilla durante l'anno da 25 a 28 °C. Da aprile a luglio c'è la principale stagione delle piogge, quella successiva va da settembre a novembre. Anche le stagioni secche sono due, la prima va da dicembre a febbraio e l'altra da luglio a settembre.

L'umidità è importante (75%) ma l'harmattan soffia da dicembre a gennaio un vento freddo e secco.

Cenni storici[modifica]

Anche se storicamente gli aborigeni della zona parlavano Yoruba , sembra che ci sia stata un'ondata di migrazione dalla regione di Allada più a ovest, che portò Te-Agbanlin e il suo gruppo nella regione di Ajashe. Questo nuovo gruppo portò con sé la propria lingua e si stabilì tra gli abitanti originari.

Porto-Novo venne probabilmente fondata alla fine del XVI secolo dal popolo gun. Deve il suo nome ai portoghesi (Porto-Novo significa "porto nuovo"), che vi costruirono uno scalo commerciale nel XVII secolo allo scopo di imbarcare gli schiavi africani diretti nelle Americhe. Nel 1861, gli inglesi, che erano attivi nella vicina Nigeria, bombardarono la città, Il regno di Porto-Novo accettò la protezione francese nel 1863 allo scopo di difendersi dall'accerchiamento britannico. Comunque, il confinante regno di Abomey non tollerava la presenza francese e scoppiò la guerra. Nel 1883 la marina francese sbarcò a Porto-Novo e Cotonou, e Porto-Novo venne inclusa nella colonia francese del Dahomey, della quale nel 1900 divenne la capitale.

I re di Porto-Novo continuarono a governare in città, sia ufficialmente che ufficiosamente, fino alla morte dell'ultimo re, Alohinto Gbeffa, nel 1976. Dal 1908, il re detenne il titolo di Chef supérieur.

Molti afro-brasiliani si stabilirono a Porto-Novo dopo il loro ritorno in Africa dopo l' emancipazione in Brasile. L'architettura e i cibi brasiliani sono importanti per la vita culturale della città.

Come orientarsi[modifica]

Jardin Place Jean Bayol è una grande piazza che contiene una statua del primo re di Porto-Novo.

Quartieri[modifica]

Ouando, un distretto 3 km a nord del centro città, ha un grande mercato e una vita notturna piuttosto vivace.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Nonostante sia la capitale del Paese l'aeroporto più vicino è in un'altra città.

Per coprire la distanza di 40 km che separa l'aeroporto da Porto-Novo è possibile prendere un taxi al costo di 600 CFA.

In auto[modifica]

Dista una sola ora d'auto da Cotonou.

In nave[modifica]

Ci sono piroghe in partenza da Porto-Novo che arrivano nelle vicinanze dei villaggi lacustri meno visitati. Per i prezzi bisogna chiedere in giro per la laguna, a circa 50 m ad est del ponte. Non ci sono prezzi fissi, ma ci si aspetti di pagare circa 2.000 CFA per un viaggio andata e ritorno.

In treno[modifica]

Porto-Novo è servito da un'estensione del sistema ferroviario Bénirail.

In autobus[modifica]

Minibus e taxi vanno a Cotonou regolarmente e sono economici (600 CFA per un viaggio di 45/60 minuti). Molto probabilmente si giungerà sul grande mercato Dantopka a Cotonou a meno che non si scelga di scendere prima da un'altra parte. Può essere abbastanza intimidatorio uscirne soprattutto nelle ore di punta. Si verrà immediatamente circondati da persone che vogliono offrire un passaggio. Prenderanno le valigie e inizieranno ad accompagnarvi alla loro moto o auto, quindi bisogna assicurasi di avere le idee chiare su da farsi prima di uscire dall'auto.

Inoltre, dalle stazioni bus di Porto-Novo, ci sono taxi per Abomey e Lagos in Nigeria. Per viaggiare verso nord, bisogna andare nel mercato Ouanho e cercare un veicolo per la propria destinazione. Ogni ora o giù di lì, quando sono pieni, i mezzi partono per Pobé e Kétou.

Come spostarsi[modifica]

In taxi[modifica]

Il traffico non è travolgente come a Cotonou. Tuttavia, analogamente a Cotonou, il modo migliore e più semplice per vedere Porto-Novo è tramite Zemidjan. Una giornata intera con conducente in attesa dovrebbe costare al massimo 5.000 CFA.


Cosa vedere[modifica]

Statua classica del palazzo reale
Opera d'arte moderna del palazzo reale
  • 1 Museo di etnografia di Porto-Novo (Museo etnografico Alexandre Sènou Adandé o Museé Ethnographique de Porto Novo). Ecb copyright.svg 1.000 CFA. Museo installato in un edificio coloniale costruito nel 1922. Alexandre Sènou Adandé éra un etnografo, archivista e bibliotecario. Il Museo venne creato a partire dalle collezioni dell'antico Institut français d'Afrique Noire. Venne aperto al pubblico nel 1966 ed adottò il suo nome attuale nel 1993. Il Museo contiene più di un migliaio di pezzi ed oggetti rappresentanti la cultura del Benin, tra cui alcune notevoli maschere Gèlèdé.
Questo museo consente uno sguardo approfondito al passato dei re di Porto-Novo. Mostrando una buona selezione di feticci, vecchie maschere re Yourba, costumi e alcuni strumenti musicali. Museo di etnografia di Porto-Novo su Wikipedia Museo di etnografia di Porto-Novo (Q4720905) su Wikidata
  • 2 Museo Honmé (Palazzo reale di re Toffa o Palais Royal du Roi Toffa). Ecb copyright.svg 1.000 CFA. Antica residenza reale oggigiorno convertita a museo. Contiene un esempio di Alounloun (strumento musicale beninese) e la maggior parte delle esposizioni sono legate al periodo del re Toffa.
Museo ben curato, piuttosto semplice, il palazzo consente di vedere come vivevano i reali beninesi. Il 1883 fu l'anno in cui il re firmò il trattato con i francesi, accettando di consegnare la terra. Il regno di Porto-Novo fu uno dei più duraturi in Africa, fino al 1976. Royal Palace Museum (Q2784858) su Wikidata
La grande moschea
  • Moschea. L'edificio unico e forse più colorato di tutta l'Africa occidentale è la chiesa in stile brasiliano del XIX secolo ora trasformata in moschea. Da vedere assolutamente. La sua architettura è stata ispirata dalle chiese di Salvador de Bahia.
  • Palazzo del Governatore (Palais de Gouverneur). Sede del legislatore nazionale.
  • 3 Museé da Silva. Celebrando l'influenza afro-brasiliana sulla città, questo museo abbastanza nuovo offre molta varietà. Il parco museale è costituito da una casa tradizionale, una piccola biblioteca, un cinema all'aperto con film francesi e un hotel.
  • Sede della chiesa celestiale di Cristo (Paroisse Mere de l'Eglise du Christianisme Celeste). Ecb copyright.svg La visita dovrebbe essere gratuita. È una derivazione cristiana cresciuta in tutto il mondo. La chiesa fu fondata da SBJ Oschoffa.
  • Liceo di Behanzin (Lycee Behanzin). La prima scuola secondaria del Benin. La scuola ha celebrato il suo centenario nel 2015.


Eventi e feste[modifica]

  • Festa dell'eredità afro-brasiliana. Simple icon time.svg A metà gennaio. Grande festival di cibo, musica e danza; sicuramente vale la pena dare un'occhiata se si è in zona. Contattare Museé da Silva per ulteriori informazioni.


Cosa fare[modifica]

  • Centro Songhai. Il progetto Songhai ha una storia interessante ed è un buon esempio di comunità di apprendimento autosufficiente. Attirano studenti da tutta l'Africa occidentale per gli studi sull'agricoltura e sono pionieri nella gestione dei rifiuti e nell'intraprendenza. Il complesso comprende una residenza dormitorio, splendidi centri per conferenze all'aperto, cyber café, bei ristoranti e bar e un piccolo negozio di prodotti freschi.
  • Nuoto. Nei pressi di Ouando c'è una piscina decente.
  • Percorsi a piedi. Di fronte all'Assemblea Nazionale, ci sono due bei parchi con un patio/ristorante all'aperto.


Acquisti[modifica]

Ci sono circa quattro supermercati con molta varietà. I più grandi sono Champignon, Paniere, Universe 7, tutti situati sullo stesso viale attraverso la città.

  • Mercato di Adjarra (A 10 km a nord di Porto-Novo). Simple icon time.svg Ogni quattro giorni. Questo mercato è sicuramente uno dei migliori in Benin. Si possono trovare tipi unici di tessuto tinto in cravatta, ceramiche straordinarie, strumenti musicali insoliti, vari ornamenti voodoo e naturalmente articoli di mercato tradizionali.
  • Mercato di Ouando. È il più grande mercato della città.


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • Comme Chez Soi (Sul lato occidentale di Rond-Point Ataké). Buon cibo africano economico.
  • Maquis Katchi Ambiance, Carrefour Catchi. Posto economico dove la specialità locale è il topo selvatico ed è abbastanza buono.
  • Ristorante Mahi (Appena a sud di Place Kokoyé). Pasti abbondanti in stile beninese, buoni prezzi.

Prezzi medi[modifica]

  • Buvette Escale du Pont (Vicino alla stazione degli autobus). Bevande economiche e buon menu africano.
  • 1 Java Promo (Di fronte all'Assemblea nazionale). Bella atmosfera, ottimo servizio e buon cibo.
  • Casa Danza (Un isolato a sud del museo etnografico). Una buona selezione di piatti occidentali più costosi e del cibo beninese.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • Hotel Malibu, +299 21 34 04. Ecb copyright.svg Camere da 3.500 CFA. Alloggio molto semplice con annesso un ristorante economico
  • Hotel La Détente, +299 21 44 69. Ecb copyright.svg Camere da 5.000 CFA. L'hotel comprende un bar e un ristorante, una terrazza all'aperto con vista sulla laguna e camere pulite con docce e ventilatori.
  • Missione cattolica (Situata tra Ouando e il centro città).

Prezzi elevati[modifica]

  • Museé da Silva, +299 21 50 71. Ecb copyright.svg Camere da 13.000 CFA. Belle camere con aria condizionata, ma situate su una strada trafficata, quindi il rumore può essere un problema.
  • Hotel Beaurivage (Nella parte occidentale della città), +299 21 23 99. Ecb copyright.svg Camere da 16.000 CFA. Camere confortevoli e climatizzate con vista sulla laguna. Dispone di un ristorante con un menu ampio con prezzi vantaggiosi.
  • Hotel Dona (Appena a nord del centro città), +299 22 30 52. Ecb copyright.svg Camere da 17.000 CFA. Hotel più costoso ma anche più bello degli altri. Dispone di un ristorante con un menu ampio con prezzi vantaggiosi.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Internet[modifica]

Ci sono molti internet café che funzionano bene soprattutto nel centro della città. I prezzi sono in genere intorno ai 400 CFA/h.


Nei dintorni[modifica]


Informazioni utili[modifica]

Nella città si trova l'Istituto di Studi Superiori del Benin.

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Porto-Novo
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Porto-Novo
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.