Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Stone Town
(Città di Zanzibar.)
Veduta del molo
Stato
Regione

Stone Town è il centro storico di città di Zanzibar.

Da sapere[modifica]

Cenni storici[modifica]

Il primo europeo a visitare l' isola fu Vasco da Gama nel 1499. I portoghesi governarono Zanzibar per i due secoli successivi e iniziarono la prima costruzione in pietra di Stone Town, l'Antico Forte.

Tuttavia, verso la fine del XVII secolo il Sultanato dell'Oman conquistò l'isola e completò il forte per prevenire futuri attacchi. Le prime case in pietra a Stone Town probabilmente iniziarono ad essere costruite negli anni '30 del XIX secolo, sostituendo gradualmente modeste case dal tetto in macuti di un preesistente villaggio di pescatori, sorto intorno al vecchio forte. All'epoca il Sultanato dell'Oman controllava l'arcipelago di Zanzibar, Mombasa e la costa swahili.

Nel 1840, il sultano Said bin Sultan trasferì la sua sede da Muscat, nell'Oman, a Stone Town, che entrò così in un'era di rapido sviluppo come nuova capitale del Sultanato dell'Oman e Zanzibar. Con gli inglesi che bandirono la tratta degli schiavi nell'Oceano Indiano, le fortune del Sultanato crollarono. L'economia di Muscat era in rovina e molti Omanis emigrarono a Zanzibar. L'aumento della popolazione araba sull'isola favorì un'ulteriore crescita e nella città iniziarono a sorgere più edifici. Furono inoltre costruite grandi strutture reali come la Casa delle Meraviglie e il Palazzo del Sultano.

Nel 1861, in conseguenza di una guerra di successione all'interno della famiglia reale dell'Oman, Zanzibar e Oman furono separati, con Zanzibar che divenne un sultanato indipendente sotto il sultano Majid bin Said.

Nel XIX secolo Stone Town fiorì come centro commerciale. Era particolarmente rinomata per il commercio di spezie (principalmente chiodi di garofano) e schiavi.

Intorno alla metà del secolo, i sultani strinsero rapporti di amicizia con parecchi personaggi influenti di nazionalità britannica; David Livingstone, ad esempio, soggiornò a Stone Town nel 1866 per preparare la sua ultima spedizione nell'entroterra dell'Africa orientale. Nello stesso periodo, diverse comunità di immigrati provenienti da Oman, Persia e India si formarono a seguito dell'intensa attività commerciale della città. Il sultano di Zanzibar incoraggiò l'immigrazione di commercianti stranieri che si stabilirono a Stone Town costruendo case sontuose nello stile di moda in Europa.

Negli ultimi decenni del secolo, i sultani di Zanzibar persero gradualmente i loro possedimenti nella terraferma a vantaggio dell'Impero tedesco e del Regno Unito. Nel 1890, con il Trattato Helgoland-Zanzibar, Zanzibar stessa divenne un protettorato britannico.

Nel 1896, un'improvvisa ribellione dell'Oman di Zanzibar contro il dominio britannico portò alla Guerra Anglo-Zanzibar, ricordata come la guerra più breve della storia: il Sultano si arrese dopo 45 minuti di bombardamento navale di Stone Town da parte della Royal Navy.

Durante il periodo di protezione britannica, il Sultano conservava ancora un po 'di potere e Stone Town rimase un centro commerciale relativamente importante. Sebbene la città avesse in precedenza una piccola ferrovia, gli inglesi costruirono una ferrovia dalla città al villaggio di Bububu. Gli inglesi non finanziarono grandi sviluppi nella città e permisero al sultano di gestire gli affari delle isole da Stone Town. Gli inglesi concessero privilegi a Mombasa e Dar es Salaam come loro stazioni commerciali nell'Africa orientale.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Museo del palazzo
  • 1 Museo del Palazzo (Ex Palazzo del Sultano - "Beit el-Sahel" in arabo​)). Un altro ex palazzo del sultano, anch'esso sul lungomare, a nord della Casa delle Meraviglie. Fu costruito alla fine del XIX secolo e ora ospita un museo sulla vita quotidiana della famiglia reale di Zanzibar, compresi gli oggetti appartenuti a Sayyida Salme (1844–1924), una principessa reale, fuggita da Zanzibar per trasferirsi in Germania con l'uomo di cui si era innamorata, il tedesco Rudolph Heinrich Ruete. Museo del Palazzo su Wikipedia Museo del Palazzo (Q1960500) su Wikidata
Il vecchio forte visto dalla casa delle meraviglie
  • 2 Vecchio forte (Forte arabo). Adiacente alla Casa delle Meraviglie, si trova una massiccia fortezza in pietra costruita nel XVII secolo dagli omaniti. Ha una forma approssimativamente quadrata; il cortile interno è oggi un centro culturale con negozi, laboratori e una piccola arena dove si svolgono quotidianamente spettacoli di danza e musica dal vivo. Forte arabo di Stone Town su Wikipedia Forte arabo di Stone Town (Q3748659) su Wikidata
Casa delle Meraviglie
  • 3 Casa delle Meraviglie (Palazzo delle Meraviglie o "Beit-al-Ajaib"), Mizingani Road. (Chiuso dal 2014 per lavori di ristrutturazione). Probabilmente l'attrazione maggiore di Stone Town. Il palazzo fu costruito nel 1883 e restaurato dopo la guerra del 1896. Ex residenza del sultano, divenne la sede del Partito Afro-Shirazi dopo la rivoluzione. È stato il primo edificio a Zanzibar ad avere l'elettricità e il primo edificio in Africa orientale ad avere un ascensore. Dal 2000, il suo interno è stato dedicato a un museo sulla cultura swahili e zanzibarina. Palazzo delle Meraviglie su Wikipedia Palazzo delle Meraviglie (Q2568900) su Wikidata
  • 4 Cattedrale di San Giuseppe, Mizingani Road (Sul lungomare, lungomare, fra il palazzo delle Meraviglie e il vecchio dispensario). La chiesa fu costruita dai missionari francesi tra il 1893 e il 1898. Il progetto era basato su quello della cattedrale di Marsiglia e infatti i due tempi hanno una certa somiglianza tra loro. La sola differenza è che la cattedrale di Stone Town è molto più piccola.
La sua principale caratteristica architettonica sono le torri gemelle (come quelle della chiesa di Marsiglia) che fiancheggiano la facciata. Le torri sono la prima cosa che balza agli occhi di quanti giungono a Stone Town dall'oceano.
L'interno è affrescato con scene dell'Antico Testamento, mentre le vetrate istoriate sono state importate dalla Francia.
Vecchio dispensario
  • 5 Vecchio dispensario. Costruito dal 1887 al 1894 per servire come ospedale di beneficenza per i poveri, fu successivamente utilizzato come dispensario. È uno degli edifici più finemente decorati di Stone Town, con grandi balconi in legno intagliato, vetrate colorate e ornamenti in stucco neoclassici. Dopo essere caduto in rovina tra il 1970 e il 1980, l'edificio è stato accuratamente restaurato dall'AKTC. Vecchio dispensario su Wikipedia vecchio dispensario (Q4009183) su Wikidata
  • 6 Casa di Livingstone. Un piccolo palazzo costruito per il sultano Majid bin Said e successivamente utilizzato da missionari europei. David Livingstone visse nella casa mentre preparava la sua ultima spedizione all'interno del Tanganica.
  • 7 Cattedrale anglicana. Ecb copyright.svg US$3. Acquistata dai missionari, la chiesa è stata eretta sul sito dell'ultimo mercato di schiavi del mondo. Accanto sta il famosissimo monumento dedicato alla schiavitù, con alcune figure in pietra incatenate con autentiche catene di schiavi. Cattedrale di Cristo (Zanzibar) su Wikipedia Cattedrale di Cristo (Q5108733) su Wikidata
  • 8 Bagni persiani di Hamamni. Un complesso di bagni pubblici costruiti alla fine del XIX secolo da architetti di Shiraz per il sultano Barghash bin Said. Questi bagni non sono più in funzione ma sono aperti ai visitatori. Le visite sono limitate ad alcune aree del complesso originale perché una parte di esso è stato adattato a residenze private e a locali Bagni persiani di Hamamni su Wikipedia Bagni persiani di Hamamni (Q3632906) su Wikidata
  • 9 Giardini Forodhani. Un piccolo parco sul lungomare principale di Stone Town, di fronte al vecchio forte e alla casa delle merevaglie. È stato restaurato dall'AKTC. Ogni sera dopo il tramonto i giardini ospitano un popolare mercato turistico che vende pesce alla griglia e altre piatti tipici di Zanzibar. Giardini di Forodhani su Wikipedia giardini di Forodhani (Q3077682) su Wikidata
Casa natale di Freddie Mercury
  • 10 Museo Freddy Mercury (Shangani), +255 777 153 232, @ . Un museo visitato da fan dei Queen e del loro leader, Freddie Mercury, vero nome Farrokh Bulsara, nato a Stone Town il 5 settembre 1946, ma trasferitosi in India, ancora in tenera età, al seguito della famiglia. La famiglia ritornò a Zanzibar nel 1963 ma in seguito alla rivoluzione che portò al rovesciamento del governo democraticamente eletto, il cantante e la sua famiglia lasciarono nuovamente l'isola, questa volta diretti fuggiti a Londra, dove sono poi stati fondati i Queen.
Per i profani del Rock, l'unica cosa interessante del museo è l'atmosfera tranquilla.
Il museo infatti è molto piccolo e in pratica si limita a una mostra fotografica. Occupa parte del pianterreno della casa natale del cantante mentre il resto dell'edificio è stato adibito ad albergo, il Tembo House Hotel, meglio noto come "Freddie Mercury Hotel".
Il museo è nato grazie all'iniziativa di un italiano che vive stabilmente a Zanzibar.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Stone Town
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Stone Town
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.