Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Europa orientale > Russia > Russia orientale > Territorio del Litorale > Vladivostok

Vladivostok

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Vladivostok
Владивосток
Panorama di Vladivostok e del suo golfo
Stemma e Bandiera
Vladivostok - Stemma
Vladivostok - Bandiera
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Russia
Vladivostok
Vladivostok
Sito istituzionale

Vladivostok (Владивосто́к) è una città della Russia, situata nella regione orientale e capoluogo del Territorio del Litorale.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Vladivostok occupa l'estremità meridionale della penisola di Muravyov-Amursky, lunga circa 30 chilometri e larga 12 chilometri.

Il punto più alto è il Monte Kholodilnik di 257 metri.

Vladivostok è più vicina ad Anchorage (Alaska) e persino a Darwin (Australia) e Honolulu (Hawaii) di quanto non lo sia a Mosca.

Quando andare[modifica]

Vladivostok ha un clima continentale di carattere monsonico con estati calde e piovose e inverni rigidi e asciutti. Gli inverni sono molto più freddi di quanto una latitudine di 43° N (all'incirca quella di Firenze e della Costa Azzurra) potrebbe far supporre. La media di gennaio è infatti attestata su -12,3° C ma tra gennaio e febbraio possono scendere fino a -20° C. Le precipitazioni sotto forma di neve, sono di circa 18,5 millimetri da dicembre a marzo.

Le estati sono calde e piovose a causa del monsone dell'Asia orientale che investe la costa. Il mese più caldo è agosto, con una temperatura media di +19,8° C. e cieli quasi sempre coperti.

Cenni storici[modifica]

Nelle mappe cinesi della dinastia Yuan (1271-1368), Vladivostok è chiamata Yongmingcheng (永明 城), "città della luce eterna". Al tempo della dinastia Ming (1368-1644) fu visitata da spedizioni cinesi e una reliquia di quel tempo (la stele di Chongning) è esposta nel museo locale. Il trattato di Nerchinsk del 1689 definì l'area come parte della Cina sotto la dinastia Manchu Qing. Più tardi i Manciu bandirono i cinesi Han dalla maggior parte della Manciuria compresa la regione di Vladivostok. Nell'estate del 1859 il governatore generale della Siberia orientale, Nikolay N. Muravyov, visitò la penisola e la baia a bordo della corvetta a vapore Amerika. La penisola fu chiamata Muravyov-Amursky in suo onore. I primi europei a visitare la baia, in seguito denominata Golfo del Corno d'Oro, furono gli equipaggi delle navi da guerra britanniche HMS Winchester e HMS Barracouta nel 1855.

Il 20 giugno 1860 (2 luglio, secondo il calendario gregoriano) la nave militare Manchur, sotto il comando del tenente Alexey K. Shefner, approdò nel golfo con l'incarico di stabilire un avamposto. L'ufficiale Nikolay Komarov, con 28 soldati e due ufficiali furono fatti sbarcare e dopo aver piantato le tende all'ingresso della baia costruirono i primi edifici in legno protetti da una palizzata.

Nel 1880 Vladivostok fu proclamata ufficialmente città e entità amministrativa staccata dall'Oblast di Primorskaya. A quel tempo la popolazione della città era di 7.300, il doppio di quella di due anni prima. Erano in funzione tre alberghi: il Mosca, il Vladivostok e l'Hotel de Louvre.

Dal 1883 in poi furono fatti affluire in tutto l'Oriente russo masse di contadini dalla Russia europea con il fine di popolare i territori orientali e Vladivostok divenne il porto di smistamento. Nel 1888 il governatore trasferì la propria residenza da Chabarovsk a Vladivostok.

Alla fine del 1880 Vladivostok aveva circa 600 case in legno e 50 case in pietra a due, tre piani. La maggior parte degli edifici erano raggruppati nella zona dell'odierna piazza centrale e nel Matrosskaya Sloboda (sobborgo dei marinai), lungo il fiume Obyasneniya. Nel 1891 iniziò la costruzione della ferrovia transiberiana e sei anni dopo fu inaugurato il primo collegamento ferroviario regolare per Chabarovsk.

Dal 1899 al 1909, quattro teatri aprirono a Vladivostok: il teatro Tikhy Okean (Oceano Pacifico), il teatro pubblico (ispirato al teatro artistico di Mosca), il teatro Zolotoy Rog (corno d'oro) e il teatro Pushkin dove si esibiva Vera Kommisarzhevskaya famosa attrice del tempo.

Durante la guerra russo-giapponese (8 febbraio 1904 — 5 settembre 1905) uno flotta giapponese di navi da guerra bombardò la città.

Vladivostok partecipò alla rivoluzione del 1905 e fu governata da unità militari ribelli all'inizio del 1906. I disordini furono repressi con forza e l'ordine fu ristabilito dal Generale Georgi Kazbek.

Dopo la rivoluzione di ottobre incrociatori giapponesi, britannici e americani entrarono nella Baia del Corno d'Oro. L'Intesa ampliò presto le sue operazioni nell'oriente russo e in Siberia. Il Canada inviò 4.000 soldati che furono sistemati nel Teatro Pushkin e in altre caserme. I bolscevichi condussero contro gli occupanti una lotta partigiana in città finché le ultime unità interventiste si ritiraronoIl 25 ottobre 1922 e l'Armata Rossa assunse il controllo.

I bolscevichi capirono l'importanza strategica di Vladivostok e durante gli anni 1920 e 1930 iniziò la ricostruzione del suo porto. All'inizio degli anni '30 fu inaugurato il primo volo aereo diretto per Mosca e nel 1932 il porto di Vladivostok divenne la base della flotta navale del Pacifico.

Molte minoranze etniche considerate ribelli agli occhi di Stalin, tra cui cinesi, manciu, ebrei, ucraini, polacchi, tatari di Crimea, ceceni e armeni furono deportati. Durante gli anni '30 iniziò la repressione su larga scala e a Vladivostok fu allestito un campo di smistamento di prigionieri politici provenienti dalla Russia europea e destinati alla regione di Kolima. I prigionieri arrivavano in treno ed erano fatti imbarcare su navi-prigione in condizioni terribili. Dopo lo scoppio della II guerra mondiale cominciarono ad affluire prigionieri dai paesi europei. Furono realizzate nuove fabbriche e infrastrutture grazie ai lavori forzati.

Nel dopoguerra Vladivostok si espanse: il distretto di Churkin fu realizzato alla fine degli anni '50 e nel decennio successivo fu la volta dei distretti Vtoraya Rechka (Secondo Fiume) e Morgorodok. Nel 1980 fu avviata l'ultima costruzione di quartieri popolari in grande stile tra cui quello di Patrisa Lumumbydi. Nel 1956 era stata riaperta l'Università statale dell'Estremo Oriente.

L'industria ittica ebbe un grande impulso tra il 1950 e il 1980 dopo di che segnò una recessione progressiva. Nel 1974 Vladivostok ospitò il vertice sul controllo degli armamenti tra Leonid Brezhnev e Gerald Ford. Dal 1992 fu permesso a stranieri di visitare la città. Nel 1996 c'erano sei consolati, quattro uffici di società televisive giapponesi, un servizio di informazioni negli Stati Uniti, circa 100 uffici di rappresentanza di società straniere e circa 600 joint venture.

Nel dicembre 2008 scoppiarono moti di protesta contro i dazi elevati sulle auto usate d'importazione che hanno avuto ampia eco sui Media mondiali.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Terminal dell'aeroporto di Vladivostok


In treno[modifica]

Stazione di Vladivostok
  • 2 Stazione di Vladivostok. Stazione di Vladivostok su Wikipedia stazione di Vladivostok (Q567308) su Wikidata


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Supra, Ulitsa Admirala Fokina, 1 б. Simple icon time.svg Lun-Dom 11:00-00:00. Ristorante georgiano.

Prezzi elevati[modifica]

  • Zuma, Fontannaya Ulitsa, 2, +7 423 222-26-66. Simple icon time.svg Lun-Dom 11:00-02:00. Ristorante di pesce. Prenotazione obbligatoria.


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.