Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Uno tsunami è un'onda gigante che colpisce la costa. Di solito è causato da un terremoto o da una frana sottomarina (spesso anch'esso causato da un terremoto). In mare l'onda è appena percettibile, ma quando viene rallentata da una zona poco profonda, come vicino alla costa, diventa più ripida e può raggiungere un'altezza di decine di metri, con un'enorme forza distruttiva. Immagina che un edificio di medie dimensioni appaia all'improvviso sul bordo dell'acqua e cade sulla spiaggia. Ora immaginate che l'edificio sia fatto d'acqua e largo quanto l'occhio può vedere, se non più. Di certo non vorresti essere al di sotto di questo edificio!

Realisticamente, l'unico modo per sopravvivere a uno tsunami da moderato a grande è non essere presenti nella zona di inondazione quando arriva. Fortunatamente, se viene rilevato dai sistemi di avviso locali o se sapete cosa cercare prima di poterlo vedere, probabilmente avrete almeno diversi minuti per allontanarvi prima che colpisca.

Gli tsunami[modifica]

Tsunami del 2004

Se l'epicentro di un terremoto è sotto l'oceano o un grande lago, il terremoto sposterà enormi quantità di acqua. Anche un piccolo terremoto può provocare una frana sottomarina, con effetti simili. Il rischio di tsunami dipende dalla direzione in cui l'acqua viene spostata. Nel peggiore dei casi, come quando il bordo di una zolla tettonica si sposta verso l'alto o verso il basso lungo il confine della placca, l'acqua si muoverà più o meno in una direzione coordinata, provocando un'onda. L'onda può essere piccola (anche più piccola di un'onda normale) o enorme. Potrebbe essercene una, ma probabilmente ce ne saranno più di una. La primo non è sempre la più grande. E le scosse di assestamento del terremoto sono comuni, il che significa che anche i successivi tsunami sono comuni.

Gli tsunami possono colpire la costa da pochi minuti a molte ore dopo un terremoto, a seconda della distanza dalla costa dell'epicentro. Inoltre, gli tsunami possono viaggiare molto lontano dal loro punto di origine. Ad esempio, lo tsunami nell'Oceano Indiano del 2004 è stato causato da un terremoto a nord di Sumatra, ma ha provocato il caos anche sulla costa orientale dell'Africa diverse ore dopo. Un terremoto vicino a un lato dell'Oceano Pacifico può causare uno tsunami sia a livello locale che sul lato opposto dell'Oceano. Ciò significa che potreste non sentire il terremoto che ha innescato lo tsunami.

Gli tsunami possono viaggiare veloci come un jet commerciale e spesso sono invisibili prima che sia troppo tardi, poiché crescono in altezza solo quando colpiscono le acque più basse vicino alla costa. Non è possibile per un essere umano superare uno tsunami una volta che potete vederlo.

Sistema di allerta naturale[modifica]

L'acqua che si allontana

Se vi trovate nella situazione improbabile di uno tsunami in cui non ci sono infrastrutture di allarme, di solito ci sono quelli che vengono definiti "segnali di allarme naturali": la natura stessa dice che uno tsunami è in arrivo. Se un terremoto si verifica proprio sulla costa, potreste avere solo pochi minuti per scappare, quindi non esitare ad evacuare. Alcuni segni premonitori naturali evidenti sono:

  • L'acqua che si allontana ed espone il fondo dell'oceano che di solito è sempre sommerso. Questo è un chiaro indizio che uno tsunami più grande è imminente e avete, nella migliore delle ipotesi, un paio di minuti per fuggire da questo punto in poi. Più l'acqua esce, più ne arriverà improvvisamente indietro per uccidere chiunque si sia fermato per scattare foto o esplorare le conchiglie appena rivelate invece di uscire dal percorso dello tsunami.
  • Notevoli scosse di un terremoto al largo o vicino alla costa. Se siete sulla costa e sentite un terremoto, non aspettate gli avvisi ufficiali, ma dirigetevi immediatamente verso l'interno e su un terreno più elevato.
  • Rumori forti o insoliti provenienti dal mare.

Durante uno tsunami[modifica]

Edificio Sony a Tokyo nel quartiere di Ginza con uno striscione verticale che dimostra la minaccia dello tsunami. La linea rossa al centro è l'altezza dello tsunami che ha colpito la regione di Tohoku l'11 marzo 2011.

Durante un allarme tsunami, seguite le vie di fuga designate e prestate molta attenzione a ciò che dicono le autorità. Soprattutto nei paesi con una linea di costa del Pacifico, di solito sono ben consapevoli della natura di uno tsunami e hanno perfezionato i loro piani di emergenza con i precedenti eventi. La cosa più importante durante uno tsunami è ovviamente arrivare su un'altura. Tuttavia, gli alberi e persino i tetti delle case sono un'alternativa scarsa rispetto alle montagne, poiché l'enorme forza delle acque potrebbe semplicemente farvi cadere dall'albero o distruggere la casa in cui stai cercando rifugio (nel tetto).

In nessun caso dovreste contare sulla vostra capacità di nuotare contro una corrente così potente! Persino i migliori nuotatori annegano quando sono privi di sensi e, nel momento in cui vi colpisce, quel muro d'acqua sarà pieno di un numero sorprendente di oggetti mortali, come alberi, massi e veicoli che erano parcheggiati vicino alla spiaggia. Se venite trascinati via dall'acqua, provate a trattenere un pezzo di detriti galleggiante e attendete il soccorso.

Non andate mai sulla costa per vedere o assistere a uno tsunami! Questo è un modo sorprendentemente popolare per le persone di morire accidentalmente. Centinaia di persone sono state uccise dagli tsunami nel corso degli anni - a volte dozzine contemporaneamente - perché hanno sentito i sistemi di allarme rapido, pensavano di conoscere un luogo sicuro vicino alla costa ottenendo alcune foto dell'evento e sono stati spazzati via o schiacciati dallo tsunami.

Dopo lo tsunami[modifica]

Tenete presente che potrebbe esserci più di un'onda di tsunami e possono verificarsi fino a 24 ore dopo l'ondata iniziale, quindi rimanete distanti dalla costa finché non viene detto dai funzionari che è sicuro tornare.

Quando tornate agli edifici, tenete presente che le acque alluvionali potrebbero aver causato gravi danni alle infrastrutture. L'acqua di inondazione può anche essere contaminata da liquami.

Evitate le visite turistiche e viaggiate solo se necessario. Se avete preso accordi di viaggio con una compagnia aerea o altro, è meglio contattarla per un consiglio.

Vedi anche[modifica]

Altri progetti