Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Malacca
بندر ملاك
Veduta di Malacca
Stemma
Malacca (Malaysia) - Stemma
Stato
Stato federato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Malesia
Reddot.svg
Malacca
Sito istituzionale

Malacca (Bandarraya Melaka o Kota Melaka) è una città della Malesia Occidentale, capitale dell'omonimo Stato.

Da sapere[modifica]

Situata sulla foce del fiume (Selat) omonimo, Malacca è una città storica il cui centro figura nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità.

Cenni storici[modifica]

A partire dalla fine del XIV secolo Malacca si sviluppò in un importante porto grazie all'intraprendenza di Parameswara, un principe di origine indiana che aveva perso il suo regno nell'isola di Sumatra. I primi mercanti a frequentare il porto furono i Cinesi. Seguirono un secolo più tardi i Portoghesi sotto la guida di Alfonso de Albuquerque che si impadronirono della città. Trascorso un secolo abbondante i Portoghesi dovettero cedere lo scalo agli Olandesi che vi si mantennero fino al 1824, anno in cui furono costretti a cedere ai Britannici. Sotto questi ultimi il porto di Malacca decadde soppiantato dallo sviluppo mercantile di Singapore.


Come orientarsi[modifica]

Il centro di Malacca è costituito dalla Piazza Olandese sulla quale si affaccia l'edificio in mattoni rossi che fu la sede del governatore olandese e oggi istituito a museo. Al centro sta una fontana con effigi della regina Vittoria.

Alle spalle della piazza sta la modesta altura di San Paolo con la chiesa omonima e la porta di Santiago costruita dai Portoghesi.

Dalla piazza olandese ha inizio la via della chiesa sulla quale si affaccia il tempio cattolico dedicato a San Francesco Saverio e sfocia sulla via Bendahara, l'arteria principale di Little India.

Poco più ad est di Little India è situata la collina (bukit) con il cimitero cinese.

Dalla piazza olandese, il ponte "Tan Kim Seng" immette sulla Persiaran Jonker ("Jalan Hang Jebat", in malese), l'arteria principale della Chinatown di Malacca. La via è contornata da case storiche alcune delle quali risalgono al XVII secolo.

La totalità delle case di Persiaran Jonker è stata trasformata in negozi di antiquariato, tessuti, artigianato e souvenir che richiamano folle di turisti.

Quartieri[modifica]

  • 2.183996102.2674921 Kampung Portugis


Come arrivare[modifica]

In autobus[modifica]

Melaka Sentral

2.2208102.25012 Melaka Sentral Il capolinea degli autobus extraurbani dista 4,5 km dal centro. È servito dalla linea circolare di autobus urbani numero 17 (per Chinatown) . Gli autobus 17 passano ogni 20-40 minuti circa a seconda del traffico.

Il parcheggio taxi è situato sui l retro della stazione. I conducenti sono in genere maleducati e aggressivi e cercano di imbrogliare i potenziali clienti, sia la gente del posto che gli stranieri. Si rifiutano di usare il tassametro e addebiterebbero prezzi esorbitanti per brevi distanze (una corsa da Melaka Sentral alla principale area turistica di Jonker Street sarebbe di circa 25 RM e oltre). La gente del posto in genere si riferisce ai tassisti come "samseng" (malese per gangster) e consiglia di utilizzare opzioni di condivisione del passaggio/e-hailing come Uber o la compagnia locale malese chiamata Grab come alternative più economiche e professionali ma dovrete scaricare le relative app sullo smartphone.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Riva orientale[modifica]

Museo storico etnografico
  • 2.19406102.2491 Museo storico etnografico (Muzium Sejarah dan Ethnografi), +60 6-282 6526. Simple icon time.svg Mar-Dom 09:00-17:00. Ospitato nell'edificio che funse da residenza del governatore olandese, il museo dà particolare enfasi allo stile di vita della comunità locali, malesi, cinesi, indiani, Baba Nyonya e portoghesi. Nella sezione etnografica sono esposti costumi tradizionali nuziali e della vita quotidiana, strumenti musicali e attrezzi artigianali. Sono presenti anche collezioni di porcellane d'epoca e di vari tipi di armi e una sezione numismatica.
    Il piano superiore è dedicato alla storia di Malacca dall'epoca della colonizzazione portoghese fino al raggiungimento dell'indipendenza del paese dal Regno Unito.
    History and Ethnography Museum (Q7393564) su Wikidata
  • 2.19432102.249332 Chiesa di Cristo. Chiesa costruita dagli Olandesi intorno al 1750. Christ Church, Malacca (Q5108702) su Wikidata
Museo dell'Architettura Malese
  • 2.192715102.2484883 Museo dell'Architettura Malese (Muzium Seni Bina Malaysia), 1, Jln Kota (Bandar Hilir), +60 6-286 4763. Simple icon time.svg Lun-Dom 09:00-17:00. Allestito in un interessante edificio olandese del XVIII secolo, il museo ha dimensioni modeste e si sviluppa su due piani: al pianterreno è illustrata la storia dell'architettura malese con una documentazione che illustra la relazione tra architettura e credenze popolari mentre al piano superiore sono esposte opere in legno intarsiato e sculture in pietra, oltre a macchinari impiegati nell'edilizia nelle epoche passate. Malaysia Architecture Museum (Q7393576) su Wikidata
  • 2.19242102.2494 Museo Islamico (Muzium Islam Melaka), Jln Kota (Bandar Hilir), +60 6-282 1303. Simple icon time.svg Lun-mar 09:00-17:30. Gio-dom 09:00-17:30. Malacca Islamic Museum (Q7393370) su Wikidata
  • 2.1926102.2497725 Chiesa di San Paolo, 1935, Jln Kota (Bandar Hilir). Eretta nel 1521 su commissione del nobile portoghese Duarte Coelho, la chiesa cadde in rovina nei secoli successivi e tuttora si presenta con l'aspetto di un rudere. St. Paul's Church (Q7591055) su Wikidata
  • 2.191617102.2503066 A Famosa. Rovine di una fortezza costruita dai portoghesi nel 1511 e parzialmente distrutta durante l'assedio di Malacca del 1641. Nel 1807 gli inglesi rasero al suolo l'intera cinta muraria. Durante i lavori di scavo del 2006 furono riportati alla luce la torre girevole e la porta di Santiago. A Famosa su Wikipedia A Famosa (Q1955098) su Wikidata
  • 2.192878102.2504397 Museo del Palazzo del Sultano (Muzium Istana Kesultanan Melaka). L'edificio è una ricostruzione moderna del palazzo del Sultanato di Malacca effettuata sulla base di informazioni e dati contenuti negli Annali malesi. È una struttura in legno completata nel 1984 e adibita a museo che mette in mostra la storia della regione. Il museo è stato ufficialmente inaugurato il 17 luglio 1986 dal Primo Ministro Mahathir Mohamad. Malacca Sultanate Palace Museum (Q7353928) su Wikidata
  • 2.19181102.2468 Museo navale. Ospitato in una nave all'ancora nel punto in cui il fiume sfocia nel mare. La nave è la copia fedele di un veliero portoghese del XVI secolo Maritime Museum (Q7393527) su Wikidata
  • 2.19083102.2479 Taming Sari Tower. Una torre panoramica girevole di 110 metri. Taming Sari Tower (Q12697616) su Wikidata
Moschea degli Stretti di Malacca
  • 2.178944102.24902810 Moschea degli Stretti di Malacca (Masjid Selat Melaka -). è una moschea situata sull'isola artificiale di Malacca ed è stata inaugurata il 24 novembre 2006 ed è stata costruita con un costo di circa 10 milioni di MYR. È stata costruita in modo da sembrare una struttura galleggiante quando il livello dell'acqua è alto. Il minareto, alto 30 metri, viene utilizzato anche come faro. Malacca Straits Mosque (Q3237825) su Wikidata
  • 2.19597102.25611 Poh San Teng. Tempio taoista della fine del 1795 fondato dal capitano cinese Chua Su Cheong (Tsai Shih-chang) e dedicato alla dea della prosperità. Un'iscrizione su una stele all'interno commemora la fondazione del tempio e recita così:
    "Bukit Cina è il luogo in cui furono sepolti i primi commercianti cinesi. Molti commercianti sono venuti in questo paese con grandi aspettative di successo. Purtroppo, alcuni di loro sono morti prima di realizzare i loro sogni. Senza una famiglia con loro, non c'era nessuno che pregasse per le loro anime. Così nel 1795, dopo che Chua Su Cheong fu nominato capitano, esaminò questo problema affrontato dalla comunità e iniziò la costruzione di un tempio ai piedi del Bukit Cina, per garantire che le preghiere per i sepolti a Bukit Cina non fossero interrotte."
    Poh San Teng Temple (Q19646340) su Wikidata
  • 2.195639102.25544412 Monumento al Guerriero di Malacca. Commemora le vittime cinesi dell'occupazione giapponese di Malacca durante la II guerra mondiale. Malacca Warrior Monument (Q15893855) su Wikidata
  • 2.2102.25813 Collina cinese (Bukit Cina). Una collina di importanza storica ma oggigiorno è circondata da moderni palazzi su tutti i suoi fianchi.
    Insieme a due colline adiacenti, Bukit Cina forma un cimitero molto esteso, con oltre 12.000 tombe, le più antiche delle quali risalgono alla dinastia Ming. Bukit Cina è considerata come il più grande cimitero cinese al di fuori della Cina.
    Bukit Cina (Q4986887) su Wikidata
  • 2.20244102.25314 Chiesa di San Pietro. Tuttora in funzione la chiesa di San Pietro fu eretta nel 1710 a spese di discendenti dei primi coloni portoghesi. St. Peter's Church, Malacca (Q7338528) su Wikidata

Riva occidentale (Chinatown)[modifica]

Museo della cultura Baba-Nyonya
  • 2.19535102.24715 Museo della cultura Baba-Nyonya (Muzium Warisan Baba Nyonya), +60 6 283 1273. Sistemato in una magione del XIX secolo, il museo ospita collezioni di tessuti e ceramiche di fattura cinese. Interessanti gli interni con arredi che mescolano stili cinesi e vittoriani.
    I Baba-Nyonya sono i discendenti dei primi immigrati cinesi insediati nelle colonie britanniche dagli stretti a Malacca, Penang e Singapore.
    Il termine peranakan risale al XV secolo per identificare coloro nati da matrimoni tra mercanti e donne cinesi malesi, che avevano in parte adottato le usanze malesi per integrarsi nelle comunità locali. Durante la dominazione britannica, acquisirono una forte influenza nelle colonie dello Stretto e furono soprannominati i "cinesi del re".
    Oggi, la loro identità distintiva sta tendendo a svanire lentamente, in quanto le giovani generazioni adottano una cultura cinese più standardizzata.
    Baba Nyonya Heritage Museum (Q4837359) su Wikidata
  • 2.19747102.24716 Cheng Hoon Teng (Tempio della Nuvola Verde). Dedicato alla dea della misericordia, Cheng Hoon Teng è il più celebre e il più antico dei templi cinesi di Malacca. Fu eretto nel 1646. Il restauro del 2002 fu eseguito con cura e dovizia di mezzi Cheng Hoon Teng (Q2178942) su Wikidata
  • Guangfu.
  • Guanyin. Tempio dedicato al misericordioso Bodhisattva
  • 2.196667102.247517 Moschea Kampung Kling. Kampung Kling Mosque (Q3408536) su Wikidata
  • Leong San Thong.

Periferia[modifica]

Ponte del villaggio di Morten
  • 2.202905102.25172718 Ponte del villaggio di Morten (Jambatan Kampung Morten).


Eventi e feste[modifica]

  • Festa delle barche drago.


Cosa fare[modifica]

Gite sul fiume

Diverse imbarcazioni risalgono il fiume Malacca fino al villaggio (Kampung) Morten. Salpano dal molo di fronte al museo navale.

Acquisti[modifica]

Mercato di Notte di Jonker Walk
  • Mercato di Notte. Jonker Walk, l'arteria principale di Chinatown, si trasforma in un mercato notturno ogni venerdì, sabato e domenica dalle 6 di sera fino alla mezzanotte.
  • 2.19056102.2511 Dataran Pahlawan Melaka Megamall, No. 89, Jalan Tun Tan Cheng Lock, +60 11-1689 8211. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-22:00. Il centro commerciale più rinomato di Malacca ospita negozi marchi di moda internazionali, ristoranti, bar, cinema e karaoke. Il terreno su cui sorge il centro commerciale era un tempo un parco sul lungomare chiamato "Padang Pahlawan" (Campo degli Eroi). Dataran Pahlawan Melaka Megamall (Q19458029) su Wikidata
  • 2.18861102.252 Mahkota Parade. Mahkota Parade (Q3277764) su Wikidata


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Locali notturni[modifica]

  • 2.195514102.2496473 Reggae on the River Melaka, 88, Lorong Hang Jebat, +60 10-271 6871. Simple icon time.svg Lun-Dom 18:30-01:00.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 2.195034102.2436781 Pak Putra Restaurant, Jalan Kota Laksamana 4, +60 12-601 5876. Simple icon time.svg Mar-Dom 17:30-01:00.

Prezzi medi[modifica]

  • 2.194587102.2481212 GravyBaby, 2, Lorong Hang Jebat, +60 18-919 3210. Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00-00:00.
  • 2.186574102.253593 Restoran Tong Sheng, No. 377 & 378, Taman Melaka Raya, +60 16-776 7811. Simple icon time.svg Mar-Dom 11:30-14:00 e 17:30-22:00.
  • 2.19576102.2459674 The Baboon House, No. 89, Jalan Tun Tan Cheng Lock, +60 11-1689 8211.
  • 2.174412102.2893275 Ikan Bakar Muara Sg Duyung, Jalan Padang Temu, +60 12-636 2339. Simple icon time.svg Lun-Dom 16:30-00:00. Pesce alla griglia, gamberi, calamari fritti, nasi lemak e riso normale. Vista sul mare. La cucina e lo stile di cottura sono semplici e ordinari, ma il pesce è delizioso. I fine settimana sono molto affollati (file enormi).

Prezzi elevati[modifica]

Hard Rock Cafe


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 2.187379102.2476211 Holiday Inn Melaka, an IHG Hotel.
  • 2.196484102.2451482 Hotel Puri, 118 Jalan Tun Tan Cheng Lock, +60 6 282 5588. Rinomato albergo di 50 stanze, ricavato da un'antica magione. Le stanze son dotate di aria condizionata e tv satellitare

Prezzi elevati[modifica]

Hatten Hotel
Casa del Rio
  • 2.183232102.2625143 DoubleTree by Hilton Hotel Melaka, Jalan Melaka Raya 23 (Hatten City).
  • 2.193744102.2465574 Casa del Rio Melaka, 88, Jalan Laksamana (Taman Kota Laksamana).
  • 2.188603102.2517735 Hatten Hotel Melaka, Jln Merdeka (Bandar Hilir).
  • 2.202056102.2521056 The Majestic, 188 Jalan Bunga Raya, (A 1,5 km dal centro). Albergo di 54 stanze arredate con cura. La lobby e il ristorante sono state ricavate da una villetta del 1920.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • 2.382395102.209933 Alor Gajah
  • 2.269972102.2943964 Ayer Keroh
  • 2.111264102.3278355 Pulau Besar

Informazioni utili[modifica]

Memoriale della proclamazione d'indipendenza
Centro informazioni turistiche nella piazza olandese
  • 2.194467102.2488366 Centro informazioni turistiche, Jalan merdeka (Sotto la Surau Warisan).


Altri progetti

CittàBozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.