Scarica il file GPX di questo articolo

Himalaya

Da Wikivoyage.
Himalaya
Veduta aerea del Monte Everest e del paesaggio circostante
Localizzazione
Himalaya - Localizzazione
Stato
Altezza

Himalaya ( o Himalaia) è una catena montuosa che si trova nell'Asia del Sud.

Da sapere[modifica]

Il subcontinente indiano e il resto dell'Asia sono su diverse placche continentali che si scontrano; l'Himalaya e le relative catene si trovano lungo il confine delle placche. La forza della collisione crea le montagne più alte del mondo.

A nord dell'Himalaya si trova l'altopiano tibetano, l'altopiano più grande e più alto del mondo (oltre 3.000 m in media). Comprende tutto il Tibet e la provincia cinese del Qinghai oltre a parti di diverse altre province.

L'Himalaya è la casa di un numero eterogeneo di persone, lingue e religioni. In generale l'Islam è prevalente a ovest, l'induismo lungo il confine meridionale e il buddhismo a nord. Mentre ci sono numerose lingue parlate, hindi o urdu (le cui lingue parlate sono mutuamente intelligibili, anche se le forme scritte sono molto diverse) vi porteranno molto lontano, perché comprese dalla maggioranza nell'Himalaya pakistano e indiano. In Nepal non è molto utile, ma dato che hanno una significativa sovrapposizione con il nepalese, si avranno alcuni vantaggi anche in quella lingua.

Il nome Himalaya deriva dall'unione di hima, "neve", e ālaya, "dimora", ossia «dimora delle nevi».

Cenni geografici[modifica]

L'Himalaya si estende dal fiume Indo in Pakistan, attraverso l'India, il Nepal e il Bhutan e termina nel fiume Bramaputra nell'India nordorientale.

Il complesso di montagne del Grande Himalaya comprende ovviamente l'Himalaya e alcune catene correlate. Sull'estremità orientale dell'Himalaya propriamente detta ci sono i Monti Hengduan, che comprende l'Area protetta dei tre fiumi paralleli in Cina. A ovest l'Himalaya si collega a una vasta area di alture chiamata Pamir da dove diverse altre catene si estendono in varie direzioni. I principali gruppi montuosi sono il Karakorum, che corre ad est parallelo all'Himalaya e a nord di esso, l'Hindu Kush che scorre a sud-ovest e la catena del Tien Shan che corre verso nord.

Il territorio del Grande Himalaya comprende oltre 100 vette che superano i 7.000 m, 14 di esse superano addirittura gli 8.000. Otto tra i più alti, Everest incluso, appartengono alla regione himalayana del Nepal.

Per fare un confronto, né l'Europa occidentale né i 48 Stati Uniti d'America continentali hanno qualcosa che raggiunge i 5.000 m, mentre nell'Himalaya, alcuni dei passi sono circa 5.000. Nella lista degli scalatori delle Seven Summits, le montagne più alte di ogni continente, solo due oltre l'Everest hanno più di 6.000 m (il Monte Denali in Alaska a poco meno di 6.200 m, e Aconcagua, la vetta più alta delle Ande e la montagna più alta al di fuori della regione himalayana, a poco meno di 7.000 m.

Flora e fauna[modifica]

La diversità della fauna selvatica nell'Himalaya è enorme. Nelle catene più basse si possono trovare tigri, leopardi e rinoceronti, mentre le altezze superiori sostengono un gruppo più piccolo di animali ma più unico. Questi includono il leopardo delle nevi, la capra falconeri o markhor, l'argali e il panda rosso. Gli yak sono comuni come animali domestici in gran parte della regione.

Quando andare[modifica]

Le latitudini dell'Himalaya vanno da quasi tropicali lungo il bordo meridionale a circa 40 nord (latitudine di Chicago, Pechino o Roma) nel Pamir. Tuttavia, il clima dell'Himalaya è più severo che in altri luoghi a latitudini simili, a causa dell'altitudine e della mancanza di un grande corpo idrico nelle vicinanze per moderare il clima. Molte delle cime hanno nevi perenni e ci sono alcuni ghiacciai.

C'è una grande variazione nei microclimi in tutta la regione; due valli distanti poche miglia l'una dall'altra ma isolate dalle montagne possono avere climi abbastanza diversi perché hanno più sole o sono influenzate in modo diverso dal vento.

Dal punto di vista climatico anche l'Himalaya, come tutta l'India, entra nella zona dei monsoni; ma il fattore climatico più importante è l'altitudine. La temperatura varia considerevolmente da stagione a stagione; così a Srinagar va da 0 °C in gennaio a 22 °C in luglio; a Leh da -9 °C a 17 °C; a Dras da -15 °C a 18 °C. Nelle stazioni estive di Simla e di Darjeeling, situate a oltre 2000 m di altezza, la temperatura media è simile a quella di Sanremo e di Nizza, ma meno variabile a causa dell'abbondante umidità. Le precipitazioni cadono particolarmente nei primi tre mesi dell'anno e da giugno a settembre, però il monsone estivo, che porta una grande quantità di piogge sul fronte meridionale dell'Himalaya, raramente riesce a penetrare nelle valli interne, dove le piogge sono prevalentemente invernali. Le precipitazioni complessive diminuiscono da oriente a occidente; a Darjeeling superano 3000 mm, a Simla raggiungono 1200 mm, a Srinagar oscillano sui 900 mm; ma nelle valli interne diventano scarsissime: a Leh nel Ladakh cadono appena 80 mm di pioggia l'anno.


Territori e mete turistiche[modifica]

L'Himalaya si sviluppa in diversi Paesi. Tutte le regioni himalayane offrono attrazioni simili, ma ci sono anche interessanti differenze.

Pakistan[modifica]

  • Gilgit-Baltistan — Le aree settentrionali del Pakistan offrono alcune delle parti visivamente più belle dell'Himalaya. Il trekking nelle aree del Nord è arduo, raramente senza attraversamenti di ghiacciai e non per inesperti o impreparati. La legge locale e il buon senso proibiscono il trekking senza una guida locale sulla maggior parte delle rotte. È una delle parti più costose dell'Himalaya per il trekking. Le persone in quest'area, pur essendo quasi interamente musulmane, sono diverse, con numerose lingue e diversi tipi di Islam seguiti: alcuni altamente conservatori, alcuni notevolmente liberali. L'autostrada Karakoram attraversa le montagne per collegare il Pakistan con la Cina occidentale. A questa area appartiene il Nanga Parbat.
  • Azad Kashmir — L'Azad Kashmir comprende la parte inferiore dell'Himalaya che è considerata una delle parti più belle dell'Himalaya grazie a lussureggianti valli verdi e panoramiche. Parti del Kashmir lungo il confine con l'India (linea di controllo indo-pakistana) sono off limits per gli stranieri.
  • Khyber Pakhtunkhwa — Area dominata dai Pashtun e conservatrice, la maggior parte della quale sarebbe poco saggio visitare per i turisti, ma le parti occidentali e settentrionali che comprendono la parte inferiore dell'Himalaya costituiscono un'eccezione che offre un paesaggio affascinante e panoramico e una bellezza insolita.

India[modifica]

  • Jammu e Kashmir — Con le sue montagne e laghi, questa era una destinazione popolare per i viaggiatori fino all'escalation del conflitto tra Pakistan e India. Mentre Srinagar è ragionevolmente al sicuro, gran parte della campagna è pericolosa e parte di essa, specialmente lungo il confine, è off-limits.
  • Ladakh — È l'importante eccezione a questo, un regno indipendente per secoli e ancora con la propria cultura, ma ora amministrativamente parte del Kashmir. Offrendo molto in termini di visite turistiche e trekking, è da non perdere.
  • Himachal Pradesh — Uno Stato piacevole, rilassato, prevalentemente indù, con una popolazione di profughi tibetani; popolare tra i turisti.
  • Uttaranchal — Un altro Stato dell'India, la fonte del Gange, ha un certo numero di siti di pellegrinaggio.
  • Uttar Pradesh — Uno Stato che si trova principalmente nelle pianure ma confina con le montagne e ne include alcune.
  • Sikkim — Incastonato tra Nepal, Bhutan, Cina e Bengala Occidentale, il Sikkim ha molti monasteri buddisti e attrazioni collegate. Il trekking qui è limitato a causa della vicinanza del confine con la Cina. Si deve prendere una guida e andare in gruppo, inoltre ci sono un numero molto limitato di percorsi.
  • Bengala Occidentale — La maggior parte della provincia si trova nelle pianure, una regione popolosa di agricoltura e industria, ma il confine settentrionale si estende fino alle montagne. L'area intorno a Darjeeling è una popolare meta turistica.
  • Arunachal Pradesh — All'estremità nord-orientale dell'India e raramente visitato dai turisti, questo stato è un mix affascinante con una grande popolazione tribale; seguono le tradizioni religiose animiste, indù, buddiste e cristiane battiste.

Nepal[modifica]

Una delle principali destinazioni turistiche, con numerose visite turistiche, trekking e altre opportunità di sport avventurosi, il Nepal ha un livello di infrastrutture specifiche per il turismo molto avanzato rispetto a qualsiasi altro posto nella regione. Qui puoi fare trekking per un mese e stare in guest house tutte le sere, e non devi portare più di un cambio di vestiti o due, oltre al proprio sacco a pelo. Il Nepal ha purtroppo sofferto di una rivolta rivoluzionaria maoista che ha reso il Paese meno sicuro.

Bhutan[modifica]

Un piccolo regno affascinante, il Bhutan emette visti solo per i turisti in costosi tour di gruppo o per individui che portano benefici al Paese, cioè lavoratori delle ONG o programmi di scambio tra studenti.

Tibet[modifica]

I confini settentrionali dell'India, del Nepal e del Bhutan seguono generalmente lo spartiacque del Gange-Brahmanputra, tuttavia l'Himalaya si estende a nord di questo spartiacque. Ci sono anche aree periferiche che si innalzano dall'altopiano verso nord al Brahmaputra (o Yarlung Tsangpo come viene chiamato il fiume in Tibet) che sono incluse con l'Himalaya. Questa parte dell'Himalaya è meno esplorata, spesso difficile da raggiungere e presenta numerose vette inviolate.

Cina del sudovest[modifica]

La vecchia provincia tibetana di Kham (ora divisa amministrativamente tra le due province cinesi dello Yunnan e del Sichuan e la Regione Autonoma del Tibet della Cina) è strettamente collegata alle aree himalayane più a ovest sia nella geografia (grandi montagne create dalla stessa collisione tettonica) che nelle persone (prevalentemente parlanti tibetani).

Vedere il "percorso turistico dello Yunnan" per una panoramica e la "Gola del salto della tigre" o l'Area protetta dei tre fiumi paralleli per trekking specifici nella regione.


Come arrivare[modifica]

La maggior parte delle città dell'Himalaya può essere raggiunta su strada e in parte in treno o in aereo, anche se molte delle zone più rurali richiedono il trekking e alcuni dei trekking sono piuttosto difficili.

Sul lato sud la maggior parte della gamma può essere raggiunta attraverso l'India, ma le parti occidentali sono raggiunte via Pakistan o Afghanistan. Due piccoli Paesi, Nepal e Bhutan, si trovano all'interno dell'Himalaya su quel lato. Sul lato nord di tutto l'Himalaya si trova il Tibet.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

L'Himalaya è sede delle più alte vette sulla Terra e la maggior parte delle attrazioni si riferisce alle montagne stesse, ma a causa del relativo isolamento delle valli di montagna c'è anche un'interessante varietà di flora, fauna e culture. Alcune montagne sono sacre per musulmani, indù o buddisti e ci sono molti monasteri, per lo più buddisti.

Cosa fare[modifica]

Il trekking è l'attività più popolare, con una vasta gamma di possibilità, dai deserti alle giungle. È anche popolare studiare yoga o meditazione. Anche il rafting è popolare in molti posti.

Acquisti[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]

Chi non ha in programma di fare trekking non avrà bisogno di attrezzature speciali o di indumenti caldi, dato che sarà in grado di procurarsi vestiti caldi all'ingresso nella regione. Chi ha bisogno di vestiti caldi non può perdersi i mercati di seconda mano che vendono abbigliamento proveniente da nazioni benestanti.

Per chi invece ha intenzione di fare trekking, l'equipaggiamento di cui avrà bisogno dipende dalla destinazione: nella maggior parte del Nepal non avrà bisogno di nient'altro che un sacco a pelo e un paio di stivali; l'Himalaya indiano offre un gran numero di sentieri che è possibile percorrere in modo indipendente se si dispone di una tenda, di una stufa e di tutte le attrezzature necessarie per il trekking non supportato.

In generale l'Himalaya ha meno pericoli delle pianure più densamente popolate intorno ad esso.

  • La malaria è solo un problema nelle aree di bassa elevazione, in quanto la zanzara che porta la malattia non è in grado di vivere a quote più elevate. Prendere le dovute precauzioni quando si viaggia attraverso aree di bassa quota, specialmente nelle vicine pianure.
  • Il mal di montagna è un problema, con molti passaggi nell'Himalaya che superano i 5.000 m. Aumentare la propria altitudine il più lentamente possibile, evitare di volare da un'altezza bassa ad una più alta, limitare la propria attività fisica; e bere molti liquidi dopo aver guadagnato quota. La malattia di altitudine è imprevedibile e può colpire persone che prima non avevano avuto problemi. Pianificare con grande flessibilità, per evitare di spingersi più in alto quando si ha bisogno di riposare.
  • Rimanere aggiornato con le ultime notizie ed essere disposto a cambiare i propri piani, quando si va in luoghi come il Kashmir, che stanno affrontando rivolte armate.
  • Il traffico sulle strade strette è spesso terrificante, ma a causa delle basse velocità è meno probabile che si traduca in incidenti mortali rispetto a quanto accade sulle strade della pianura.


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

I voli per uscire dall'Himalaya vengono spesso cancellati a causa del maltempo, quindi è importante assicurasi di avere almeno qualche giorno in più, prima di dover prendere un volo in coincidenza.

Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.