Scarica il file GPX di questo articolo

Cambogia nordoccidentale

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Cambogia nordoccidentale
Tramonto ad Angkor Wat
Stato

La Cambogia nordoccidentale è una regione della Cambogia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

In questa regione sono incluse le province di Banteay Meanchey, Oddar Meanchey, Preah Vihear, Siem Reap e parte della Stoeng Treng sul lato ovest del Mekong.

Il nord della regione è disegnato dalle montagne Dangrek che formano una barriera naturale con la Thailandia. Il sud pianeggiante e fertile porta al lago Tonle Sap.

Siem Reap è la città più grande, Sisophon e Poipet sono cittadine e Anlong Veng è un grande villaggio.

Gran parte della Cambogia nord-occidentale è caratterizzato dalla povertà e la provincia di Siem Reap è la più povera del paese, nonostante il valorosissimo parco di Angkor. La costruzione delle infrastrutture sta crescendo vertiginosamente anche se solo dal 2008, rendendo le mappe e i racconti di viaggio di qualche tempo fa, ormai obsoleti. Fuori dalle città l'elettricità alle case è fornita dalle batterie delle automobili.

Per adesso lo sviluppo significa solo la stesa di asfalto in zone remote. La crescita delle imprese e del turismo sicuramente seguirà a ruota, quindi si consiglia di esplorare fuori dai percorsi turistici per avere una visione migliore della vita cambogiana.

Cenni storici[modifica]

Il controllo di gran parte dell'area ha cambiato spesso poteri territoriali ed oggi fa parte della Cambogia grazie ai francesi che col loro sferragliare delle sciabole ha forzato i siamesi a rinunciarci (assieme a Battambang) nel 1907. La regione è stata parte del Siam dal 1867 grazie sempre ai francesi che la cedettero (assieme a Battambang) in cambio del controllo totale sul resto della Cambogia. Prima di allora esisteva una Cambogia indipendente come stato vassallo del Siam e Vietnam.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • 1 Anlong Veng (ស្រុកអន្លង់វែង) — Triste promemoria dei Khmer Rossi situto nelle bellissime montagne Dangrek.
  • 2 Koh Ker
  • 3 Poipet (ក្រុងប៉ោយប៉ែត) — Una città squallida conosciuta per essere utilizzata per attraversare il confine.
  • 4 Samraong (ក្រុងសំរោង) — Località sottosviluppata centro delle connessioni con la Thailandia.
  • 5 Siem Reap (ក្រុងសៀមរាប) — La più grande città della regione e punto d'ingresso al sito archeologico di Angkor.
  • 6 Sisophon (ក្រុងសិរីសោភ័ណ) — Centro per i trasporti nel bel mezzo di niente, con attrazioni particolari.

Altre destinazioni[modifica]

  • 1 Angkor — Parco archeologico che ospita uno dei più grandi monumenti al mondo ed è l'attrazione principale della Cambogia.
  • 2 Banteay Chhmar (បន្ទាយឆ្មារ) — Tranquillo complesso di templi distante da tutto.
  • 3 Koh Ker — Antica capitale a nord di Angkor dove si trovano molte rovine.
  • 4 Preah Vihear (ប្រាសាទព្រះវិហារ) — Tempio arroccato su una roccia e disputato con la confinante Thailandia.
  • 5 Tonle Sap (បឹង​ទន្លេសាប) — Il lago di acqua dolce più grande del Sud Est asiatico.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

La regione è servita dall' Aeroporto internazionale Siem Reap-Angkor (IATA | REP) che ha voli interni frequenti da Phnom Penh ed è connesso con le seguenti destinazioni:


In auto[modifica]

Le strade pavimentate sono:

In nave[modifica]

Gli aliscafi segnano la rotta attraverso il lago Tonle Sap da Phnom Penh verso Siem Reap (6 ore), fermando a Kampong Chhnang, US$20-25 a testa.

Un percorso giornaliero naviga tra Siem Reap e Battambang nella regione delle montagne Cardamomi (5-8 ore a seconda del livello dell'acqua che nella stagione potrebbe far incagliare le imbarcazioni).

Come spostarsi[modifica]

Se ci si sposta tra le città della regione, i giorni difficili di strade impossibili sono finiti. Gran parte delle strade oggi sono asfaltate.

In autobus[modifica]

C'è una varietà di aziende di autobus che servono città che val la pena di essere visitate. Più grandi sono le città più il servizio è regolare.

In taxi[modifica]

Dove non arrivano gli autobus arrivano i taxi. Per assicurarsi il viaggio è consigliabile organizzare il taxi la sera prima altrimenti ci si deve alzare presto per prendere un taxi condiviso.

In pick-up[modifica]

Organizzarlo non è semplice come organizzare un taxi ma hanno un mercato diverso. Utilizzati sia per passeggeri che per merci, i pick-up vanno ovunque garantendo una buona rete di connessione anche con i villaggi più sperduti. Se non fosse pre queste carrette arrugginite la regione non avrebbe accesso a trasporto conveniente. Si deve aspettare sul ciglio della strada e fermare il primo che passa.

In kuyon (trattore)[modifica]

I viaggi brevi tra le città possono essere fatti prendendo un passaggio su un vecchio trattore. Basta fermarne uno che vada nella stessa direzione. Questo è in effetti fare autostop, con i pericoli del caso. US$0.75 per 15 km è un prezzo auspicabile.

Cosa vedere[modifica]

  • 1 Parco archeologico di Angkor. Queste spettacolari rovine di molte antiche città Khmer coprono un'area di circa 400Km² e racchiudono uno dei monumenti più grandi, il tempio Angkor Wat. La zona è stata dichiarata Patrimonio mondiale dell'umanità nel 1992 e l'UNESCO ha organizzato un programma per salvaguardare questo sito simbolico e le aree circostanti.
  • 2 Banteay Chhmar. Un complesso di templi remoto ma sminato a 60km a nord di Sisophon. La strada non è asfaltata ma è percorribile facilmente durante la stagione secca. Questo fa decidere a molti di non andarci ma se ci si arriva si verrà ben ricompensati.
  • 3 Koh Ker. Se Angkor non sazia l'appetito per i templi questo luogo pre-Angkoriano, libero dalle mine si trova a 90km a nord-est da Siem Reap e vale la pena di una gita di un giorno.
  • 4 Lago Tonle Sap. Il lago di acqua dolce più grande del sud est Asia, di grande importanza per la conservazione degli animali ed ospita molti villaggi galleggianti.
  • 5 Ponte di Kompong Kdei (Ponte Preah Tis, ស្ពានព្រះទិស). Il ponte di era Angkoriana più grande del paese e tutt'oggi completamente intatto. Si trova a 60km a sud-est di Siem Reap appena fuori dalla strada Route 6.


Cosa fare[modifica]

Siem Reap offre molte cose da fare oltre ai templi. Gite a cavallo, in elefante, in fuoristrada. Visitare i musei. Lezioni di cucina. Poligoni. Danza apsara. Massaggi. Navigare il Lago Tonle Sap. Imparare il khmer.

Fuori da Siem Reap il passatempo preferito è quello di meravigliarsi di essere in mezzo al niente (gran parte dello sviluppo della Cambogia è concentrato nel sud-est): osservare i campi di riso ai quali viene appiccato il fuoco, piantati e raccolti. Osservare cieli notturni pieni di stelle lontano dall'inquinamento delle città.

A tavola[modifica]

Siem Reap è il centro gastronomico della regione ed è ottimo per tutti i gusti e le tasche. Altrove si assaporano le zuppe, la frutta, il riso, la carne e le verdure.

Bevande[modifica]

Similmente al cibo i cocktail come il Dry Martini si trovano soltanto a Siem Reap e nei casino vicino ai confini. Altrove le baracche servono acqua fredda, cola, birra, caffè in stile locale (freddo e dolce).

Sicurezza[modifica]

  • Campi minati - Il nord-est della Cambogia contiene la K5, una cintura di terra fatta di campi minati lunga 700km e larga 500m che scorre parallela la confine con la Thailandia. Anche se parte è stata dissodata, molte ne rimangono. Quando si viaggia in aree remote si consiglia di non andare fuori dal percorso segnato, non vale la pena rischiare.