Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Samarcanda
Samarqand
La scuola coranica di Shir Dor sul lato destro della piazza Registan a Samarcanda
Stemma
Samarcanda - Stemma
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa dell'Uzbekistan
Reddot.svg
Samarcanda
Sito del turismo
Sito istituzionale

Samarcanda è una città dell'Uzbekistan.

Da sapere[modifica]

La città è per lo più conosciuta per essere nel mezzo della Via della seta nel percorso tra la Cina e l'Europa e, nonostante sia un'importante città dell'Uzbekistan, la maggior parte degli abitanti è di lingua tagica.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 6,1 8,1 13,1 20,5 26,3 31,7 33,9 32,2 27,9 21,0 14,0 8,5
Minime (°C) -3,5 -2,0 2,8 8,8 12,9 16,5 18,5 16,5 11,6 6,1 1,6 -1,3
Precipitazioni (mm) 47 39 67 63 35 5 2 0 2 22 26 42

Samarcanda ha un tipico clima continentale con estati calde e inverni freddi. Le stagioni migliori per i viaggi sono aprile / maggio e settembre / ottobre.

Cenni storici[modifica]

Gli Sciti, popolo nomade indo ario conosciuto dai Persiani come "Saka", furono i primi a stanziarsi nella regione.

Per porre fine alle loro razzie, Ciro il Grande assoggettò i loro territori e fece di Samarcanda la capitale di una nuova satrapia, la Sogdiana che fu conquistata da Alessandro Magno due secoli più tardi. Il condottiero macedone sposò Roxana, figlia del Satrapo locale e destinata a dargi l'unico figlio. Dopo la morte di Alessandro la città fece parte del regno ellenistico della Bactriana che perì sotto i colpi degli Yuezhi o Kushan, invasori indoari provenienti dal Nord. Nel V secolo d.C. i territori furono assoggettati dai Sassanidi, una dinastia persiana che ristabilì le glorie dell'antico impero achemenide. Un esponente di questa dinastia, Bahram V (421–438), respinse un tentativo di invasione della regione da parte degli Heftalidi o Unni bianchi. L'impero sassanide svanì dalla storia sotto i colpi degli Arabi che, nella battaglia di Navahand del 642 d.C., riportarono una vittoria definitiva su Yazdgerd III ultimo imperatore sassanide.

Samarcanda fu conquistata nel 712 d.C. dal comandante arabo Qutaiba Ibn Muslim che vi fondò la prima moschea. In seguito gli Arabi debellarono il tentativo della dinastia cinese Tang di impadronirsi dell'Asia Centrale. Nella battaglia di Talas, vicino l'odierna Taraz, nel Kazakistan, avvenuta nel luglio del 751 d.C., furono fatti prigionieri alcuni cinesi che svelarono agli arabi i segreti del procedimento da cui era ottenuta la carta da scrivere. Nel IX secolo Samarcanda fiorì sotto i Samanidi, una dinastia persiana islamizzata cui si avvicendarono Turchi Selgiuchidi. Nel 1220 Gengis Khan espugnò la città mettendola a ferro e fuoco. Nel 1370 Tamerlano fece di Samarcanda la capitale del suo vasto impero. Sotto i suoi successori, i Timuridi, la città si arricchì di splendidi edifici che ne hanno determinato la gloria attuale. Gli Uzbechi presero il soppravvento nel XVII secolo sotto la dinastia dei Shaibanidi. Essi preferirono risiedere nella vicina Bukhara, decisione che segnò il declino di Samarcanda. I Russi presero possesso della città nel maggio 1868. Sotto la loro dominazione venivano abbattute le vecchie mura e l'Ark, la cittadella di Samarcanda divenne sede del quartiere generale russo mentre ad ovest prendeva forma una nuova città dagli ampi viali secondo il modello europeo del tempo. Le truppe bolsceviche, al comando del generale Frunze, riconquistarono la città nel 1920.

Samarcanda ricevette una nuova vita dopo l'annessione del Turkistan all'Impero russo, quando la città divenne la capitale della provincia di Samarcanda. I coloni russi costruirono in realtà un nuovo quartiere russo alla periferia della città natale, che è ancora ben conservato. Negli anni successivi vi sorsero numerose industrie che portarono Samarcanda ad essere la seconda città dell'Uzbekistan per popolazione.

Nel 2001 l'UNESCO ha inserito la città, vecchia di 2700 anni, nella lista dei patrimoni dell'umanità.

Come orientarsi[modifica]

Il centro della città è la piazza del Registan fiancheggiata dalla via Registan, l'asse viario che si muove lungo la direzione est-ovest e che collega anche con il mausoleo di Tamerlano. A nord-est invece lungo una strada pedonale si trova la moschea Bibi Khanoum, accanto c'è una collina su cui in cima si trova il sito di Afrosiab, mentre al fianco della collina lo Shah-i Zinda.

Il 1 viale dell'Università situato si estende per 1,1 km. È un confine tra la vecchia (storica) Samarcanda e la cosiddetta "Samarcanda russa", essendo parte di quest'ultima. Sorse alla fine del secolo scorso. Il centro del viale è pedonale, ci sono panchine e un'illuminazione interessante di notte. Nell'angolo orientale c'è un monumento ad Amir Temur seduto sul trono, e una serie di piccoli monumenti e installazioni di scultori di Samarcanda. 

Quartieri[modifica]

  • Registan — il centro di Samarcanda caratterizzato dalle tre moschee
  • Rukhobod — a sud-est del Registan
  • Quartiere di nord-est — in questa zona della città si trovano le rovine dell'antica Afrosiab e diversi mausolei come lo Shah-i Zinda e quello dell'ex presidente Karimov.
  • Quartiere russo — Dopo l'incorporazione di Samarcanda nell'Impero russo, molti militari russi, mercanti e altri residenti apparvero in città costruendo una nuova area intorno alla cittadella medievale (che non è sopravvissuta fino ad oggi) e che ora è chiamata il quartiere russo. Questa è un'area piuttosto ampia tra le strade di Mirzo Ulugbek e il Boulevard Universitetsky, costruite tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Il quartiere può essere confuso con qualche città mercantile della Russia centrale. Lo stile architettonico è una combinazione di materiali locali e principi di design russo. I migliori esempi dei quali possono essere visti sul Boulevard Università, st. Alisher Navoi e Amir Temur.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • 1 Aeroporto internazionale di Samarcanda (IATA: SKD) (nella parte nord della città, a circa 10 km da Piazza Registan. Potete raggiungere l'aeroporto in taxi, che costerà circa 5-8 mila som ($ 1), o con l'autobus urbano per 1200 som (15 centesimi). Si prega di notare che la fermata dell'autobus si trova a 450 metri dall'aeroporto, mentre un taxi può portarvi direttamente all'ingresso del terminal). L'edificio dell'aeroporto è nuovo. Le persone sprovviste di biglietto e quelle che le accompagnano non sono ammesse all'interno della struttura e solitamente aspettano nel piazzale vicino all'ingresso principale. All'interno ci sono chioschi con acqua e cibo, cibo e souvenir. A partire da giugno 2019, l'aeroporto ha voli regolari con Mosca (Sheremetyevo, Domodedovo e Vnukovo), San Pietroburgo e Ekaterinburg. Ci sono anche voli regolari per Istanbul (due volte a settimana) e Dushanbe (una volta a settimana). I voli nazionali sono collegati a Tashkent, Nukus e altre città del paese. Ci sono anche voli charter. Samarkand International Airport (Q976746) su Wikidata

In auto[modifica]

Un'opzione praticabile è quella di utilizzare un taxi condiviso da Tashkent (4 ore) o Bukhara verso Samarcanda. Questo mezzo viene utilizzato qualora non fosse possibile prendere il treno. I taxi condivisi partono dalla stazione degli autobus di Sobir Rahimov.

Da Tashkent a Samarcanda dalla stazione degli autobus di Tashkent (stazione della metropolitana Almazar) i taxi privati funzionano tutto il giorno, e sono per lo più berline. A partire dall'autunno 2018, il prezzo medio è di 40-60 mila som (7-8 $) per posto. Più l'auto è comoda (ad esempio un crossover o una berlina con aria condizionata, o pochi passeggeri), più alto è il prezzo; può arrivare fino a 80mila som (10$) a persona, ma non di più. La destinazione finale di tali taxi a Samarcanda è la stazione degli autobus di Ulugbek (la periferia nord-orientale della città, vicino all'osservatorio di Ulugbek). È meglio negoziare subito come raggiungere la destinazione desiderata a Samarcanda da Tashkent; sarà un paio di dollari in meno rispetto a prendere un taxi a Samarcanda stessa. Di conseguenza, dalla stazione degli autobus di Ulugbek i taxi vanno a Tashkent.

Di fronte alla piazza Registan si trova il punto in cui si radunano i 2 taxi collettivi per Shahrisabz. Si tratta di taxi collettivi che in genere attendono che il mezzo sia pieno, tuttavia è possibile affittare il mezzo pagando l'intero importo, che comunque resta economico. Circa 15$ (2017), ma il prezzo è sempre da contrattare.

  • 3 Fermata taxi condivisi presso il canale di canottaggio, Route M39 (tangenziale di Samarcanda) (di fronte al canale di Samarcanda). Ecb copyright.svg Un viaggio a Shahrisabz costerà in media circa 20.000 somme a persona a tratta. Di solito tre ore dovrebbero essere sufficienti.. Una stazione di autobus improvvisata, da dove si può andare a sud (Urgut, Shahrisabz, Termez) e ad est (il Tagikistan). I taxi alla stazione degli autobus di solito aspettano l'arrivo dei passeggeri e solo allora vanno a destinazione. Potete accettare di andare senza altri passeggeri, ma il prezzo sarà leggermente più alto (dipende anche dall'umore del tassista).
Per Shahrisabz assicuratevi di essere portati in centro e non alla stazione degli autobus a Kitab, a 20 km dalla città.
  • 4 Autostazione presso l'anello nord della M39. L'anello nord della M39, si trova un paio di centinaia di metri a nord della stazione degli autobus presso il canale. Anche essa è una stazione di autobus improvvisata, da dove potete andare a nord-est (Jizzakh ecc.) e ad est (Tagikistan).
  • 5 Stazione degli autobus a Shakhi-Zinda (incrocio delle strade Shakhi-Zinda e Abdurahman Jami. Si trova a poche centinaia di metri a sud-est dell'ensemble Shakhi-Zinda). La stazione ufficiale degli autobus da dove è possibile raggiungere vari distretti e villaggi della regione di Samarcanda. Ci sono sia autobus di linea che taxi e minibus privati.

In treno[modifica]

Stazione ferroviaria
  • 6 Stazione ferroviaria (5 km a nord ovest del Parco Navoi. Prendete l'autobus 22 o marshrutka 3,27,35 o 72 che dice Вокзал. Il taxi dal centro città costa circa 5.000 som). È servita dai treni giornalieri ad alta velocità Afrosiab provenienti da Tashkent (1,5h o 3h col treno normale) e da Bukhara. Treni notturni collegano Samarcanda con Urgench, distante pochi km da Khiva.
La rotta internazionale più popolare è da San Pietroburgo (93 ore) via Volgograd (57 ore) con partenza ogni venerdì alle 07:30 e arrivo cinque notti dopo alle 06:26. Questo treno aggira Mosca, la fermata più vicina è nella città di Ozherelye. C'è anche un collegamento settimanale da Alma-Ata partenza ogni domenica alle 15:50 arrivo alle 07:59 due sere dopo.
Le ferrovie dell'Uzbekistan hanno orari e biglietteria online. I biglietti si possono acquistare anche in stazione o presso la 7 Biglietteria delle ferrovie dell'Uzbekistan (18 Amir Temur St). I treni sono molto affollati quindi è consigliabile prenotare con qualche giorno di anticipo esiste anche una biglietteria autorizzata (vedi sezione acquisti). Samarkand railway station (Q9333092) su Wikidata

In autobus[modifica]

Gli autobus privati fanno servizio tra le città più volte al giorno (di solito al mattino o alla sera). Il prezzo medio su questi autobus è di 20-40 mila som (3-5 $) a persona, ma va notato che ci sono abbastanza persone che viaggiano e spesso non ci sono abbastanza posti per tutti. Gli autobus viaggiano anche dalla stazione degli autobus di Ulugbek. Il viaggio dura 4-5 ore.

  • 8 Ulugbek (100 m dall'osservatorio di Ulugbek). Una stazione degli autobus improvvisata, da dove taxi, minibus e autobus vanno a Tashkent.
  • 9 Stazione interurbana vicino al canale del canottaggio. Ecb copyright.svg in media da 40 a 60 mila som (8$). Da qui si può andare in molte città e villaggi a sud e ad est di Samarcanda. In particolare, a Shakhrisabz, Termez, oltre che in Tagikistan. La strada per il valico di frontiera internazionale "Jartepa-Sarazm" (cioè "Samarcanda-Penjikent") impiegherà in media un'ora. I tassisti possono darvi un passaggio fino al confine, o accompagnarvi e andare oltre fino al luogo di cui avete bisogno. Di solito, i turisti viaggiano con i tassisti uzbeki fino al confine, lo percorrono a piedi e salgono sul taxi locale dal lato tagiko.


Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Tram a Samarcanda

Tenendo conto dei taxi economici, il trasporto pubblico in città non è popolare tra i turisti. Per lo più autobus municipali e un piccolo numero di minibus circolano per la città. Gli autobus di Samarcanda hanno una caratteristica curiosa nei bigliettai: alle grandi fermate, il bigliettaio esce in strada e annuncia ad alta voce il percorso, nominando le fermate successive. L'autobus di Samarcanda ha una rete di percorsi piuttosto estesa. La tariffa sugli autobus è di 1200 som (15 centesimi), e in minibus da 800 (10 centesimi) a 1500 som (20 centesimi), a seconda della tratta. Gli autobus urbani (minibus bianchi) sono vecchi e ansimanti. Prenderli è comunque un'esperienza lenta e frustrante. Potete pianificare il viaggio utilizzando l'app WikiRoutes, ma non è completamente accurata. Potreste non essere in grado di andare alla fermata desiderata se l'autobus è pieno zeppo.

Anche i tram operano in città dalla primavera del 2017. Il prezzo per viaggiare sui tram è di 1000 som. Il tram ha ancora tre, ma piuttosto lunghi percorsi: "Stazione ferroviaria - Siab Bazaar", "Stazione ferroviaria - Massiccio Sartepa",

Su autobus e tram comunali, potete anche pagare con carte Visa (indipendentemente dal paese e dalla banca) utilizzando un metodo di pagamento senza contatto. La carta deve essere attaccata al terminale TEZCARD, che è installato in quasi 500 autobus e tram che circolano intorno a Samarcanda.

  • 10 Stazione degli autobus di Panjakent Street. Fermata centrale dell'autobus accanto al Registan, ha collegamenti dalla stazione ferroviaria.

In taxi[modifica]

Taxi gialli per le strade di Samarcanda

È un mezzo molto economico per spostarsi all'interno della città e può essere preso in ogni luogo con valenza turistica. Possono essere riconosciuti dal loro caratteristico colore giallo, con i corrispondenti attributi di un taxi oppure saranno i taxisti stessi a farsi riconoscere chiedendo la destinazione ai turisti. Il costo di una corsa in taxi per la città va dalle 3 alle 10mila som (0,5 o 1 $) a persona, a seconda della distanza. Un tassista di solito prende 2-3 altri passeggeri di passaggio in macchina lungo la strada, se sei d'accordo, e il prezzo potrebbe scendere leggermente. Se si desidera viaggiare senza passeggeri aggiuntivi, discutete il costo con l'autista in anticipo. Una maggiorazione può essere richiesta ai turisti, soprattutto intorno alle attrazioni. Il prezzo deve essere negoziato prima dell'inizio del viaggio.

L'unica app per taxi è TaxiOk, che non permette di inserire la destinazione e i tempi di attesa possono essere superiori a 10 minuti.

  • 11 Punto taxi, Mausoleo di Tamerlano.
  • 12 Punto taxi, Bazar Siab.


Cosa vedere[modifica]

Le principali attrazioni di Samarcanda sono a pagamento. Tuttavia potete visitare molti luoghi attraverso una sorta di cancello sul retro. Verrà da voi un custode, con il quale potrete contrattare per la metà del prezzo di un biglietto. L'ingresso per i cittadini dell'Uzbekistan è notevolmente più economico; se avete assunto una guida, vi comprerà un biglietto al prezzo locale.

Molti monumenti furono gravemente distrutti dal terremoto del 1897, quindi il loro aspetto moderno è in gran parte merito dei restauratori sovietici e uzbeki.

Registan[modifica]

Samarcanda - il Registan
  • unesco Attrazione principale1 Registan. Ecb copyright.svg 16.400 So'm. Simple icon time.svg Apr-Ott 09:00-20:00. La piazza più famosa di Samarcanda dove si affacciano i suoi monumenti più celebri: le Medresse di Tillya-Kari, di Ulug Beg e di Shir Dor. La piazza e gli edifici furono oggetto di un restauro accurato iniziato nel 1994, in occasione del 600° anniversario della nascita di Ulug Beg.
Il biglietto consente l'ingresso alle tre madrase e alla parte centrale della piazza. Si consiglia di andare al Registan (senza necessariamente dover acquistare il biglietto) dopo il tramonto, quando vengono accese le luci e l'effetto scenografico è notevole. Di notte le guardie fanno entrare per $ 5 o $ 10. Potrebbero suggerirvi di salire sul tetto di una delle Madrase, cosa sconsigliabile, pericolosa e di scarso interesse. Registan (Samarcanda) su Wikipedia Registan (Q1373583) su Wikidata
Madrasa di Tillya Kari
  • 2 Madrasa di Tillya Kari (Lato nord della piazza). Fu costruita tra il 1646 e il 1660. È alta 75 metri. Non era solo un collegio residenziale per studenti, ma svolgeva anche il ruolo di grande moschea. Ha una facciata principale a due piani e un vasto cortile delimitato da celle dormitorio, con quattro gallerie lungo gli assi. L'edificio della moschea si trova nella sezione occidentale del cortile. La sala principale della moschea è abbondantemente dorata. Madrasa Tilya Kori su Wikipedia Madrasa Tilya Kori (Q1713936) su Wikidata
Madrasa di Shir Dor
  • 3 Madrasa di Shir Dor, lato est della piazza. La Medressa di Shir Dor fu costruita per ordine del signore feudale uzbeko Yalangtush tra il 1619 e il 1636. Le dimensioni della facciata sono tali da formare un quadrato di 51 metri. Essa ripete i motivi della facciata e nella composizione della madrasa di fronte. Si conserva il primo piano. Il portale d'ingresso presenta immagini di una tigre (“shir”, da cui il nome Shirdor). Gli ornamenti e le decorazioni sono molto ricchi, ma la sua qualità è peggiore di quella di Ulugbek. Le iscrizioni mostrano i nomi dei maestri Abdaldjabbar e Muhammad-Abbas. Madrasa Cher-Dor su Wikipedia madrasa Cher-Dor (Q2278212) su Wikidata
Madrasa di Ulug Beg
  • 4 Madrasa di Ulug Beg (Lato ovest della Piazza). La Scuola Coranica di Ulug Beg porta il nome del nipote di Tamerlano che gli successe sul trono di Samarcanda. L'edificio ospitava fino a 100 studenti che venivano introdotti sia alle scienze religiose che a quelle secolari. Secondo la leggenda, lo stesso sovrano, noto per la sua passione per l'astronomia, soleva impartire lezione agli studenti che vi risiedevano. La sua passione si riflette nella decorazione della cupola interna dell'edificio di un colore azzurro cielo tempestato di stelle. La struttura, minareti compresi, è rivestita di pannelli in mosaico e maiolica raffiguranti motivi geometrici e calligrafici in caratteri kufici. All'interno si trovano le celle degli studenti che si aprono su due cortili e la vasta "Darskhna", l'aula in cui venivano impartite le lezioni. Nella parte occidentale c'è una moschea invernale. Gli angoli dell'edificio sono decorati con alti minareti. Le decorazioni sono costituite da mattoni smaltati e non, mosaici, maioliche, marmi intagliati. Le decorazioni più belle sono quelle del portale maggiore, dove venivano utilizzate decorazioni geometriche, vegetali ed epigrafiche. Le iscrizioni menzionano Ulugbek e diverse date relative alle fasi di costruzione. La costruzione della madrasa terminò nell'823 (1420). Madrasa Ulugh Beg (Samarcanda) su Wikipedia Madrasa Ulugh Beg (Q492144) su Wikidata
  • 5 Chorsu (Bazar), via Islam Karimov (Si trova a venti metri a nord-est della Sherdor Madrasah (in realtà dietro)). Costruito nel XVII secolo sul sito di un antico bazar coperto, è un edificio a cupola che ospitava negozi che vendevano vestiti, cappelli, libri, medicinali e altre cose fino all'inizio del XX secolo. Intorno a questo edificio si trovava un grande bazar. Attualmente, l'edificio è stato trasformato in una galleria, dove si tengono costantemente mostre di famosi artisti, pittori e scultori. Vale la pena dare un'occhiata, perché potreste imbattervi in una mostra interessante. L'edificio stesso (ha quattro ingressi su ogni lato) e il suo interno è piuttosto interessante agli occhi degli intenditori di architettura. Chorsu (Samarcanda) su Wikipedia Chorsu (Q4517232) su Wikidata

Rukhobod[modifica]

Mausoleo Gur-e Amir dove riposano le spoglie di Tamerlano e di altri sovrani timuridi
Tomba di Tamerlano
  • unesco Attrazione principale6 Mausoleo Gur-e Amir (Mausoleo di Tamerlano). Ecb copyright.svg 25.000 So'm per gli stranieri (aprile 2019). Simple icon time.svg 08:00-19:00. Nel 1401 il nipote favorito del conquistatore, il sultano Mohammed vi fece iniziare i lavori per la costruzione di una scuola coranica. La sua improvvisa morte avvenuta 2 anni più tardi spinse Tamerlano ad affrettarne il suo compimento. In vita Tamerlano aveva espresso il desiderio di essere sepolto a Shahrisabz, suo paese natale, ma le sue volontà non furono rispettate e Ulug Beg ne fece inumare il corpo accanto alla tomba del suo nipote prediletto. Per Tamerlano fece erigere un grande mausoleo completato nel 1404, dove sono sepolti Amir Temur (Tamerlano), il suo principale mentore, alcuni dei suoi figli e nipoti. Al centro del mausoleo c'è una pietra di giada verde scuro, che è la pietra tombale di Amir Temur. Le vere tombe si trovano nei sotterranei del mausoleo. L'edificio colpisce per la sua imponenza, sebbene non sia giunto fino ad oggi nella sua interezza. L'interno della cupola ha un incantevole aspetto ricco che fa alzare gli occhi ai turisti per diversi minuti. Le proporzioni snelle del mausoleo con un'enorme cupola servivano come uno dei prototipi del Taj Mahal ad Agra. Dietro il mausoleo si trova l'ingresso alla cripta sotterranea, che ospita un negozio di souvenir e una collezione di vecchie fotografie di Samarcanda. Vale anche la pena fare una passeggiata nel cortile del mausoleo, dove si trovano molti luoghi fotogenici. Mausoleo di Tamerlano su Wikipedia Mausoleo di Tamerlano (Q1256223) su Wikidata
Mausoleo Ak-Saray
  • 7 Mausoleo Ak-Saray, Aksaray Street (a 30 metri a sud-est di Gur-Emir, all'interno del mahalla). Mausoleo del XV secolo circa, dove sono sepolti alcuni membri della dinastia timuride. L'interno del mausoleo e l'interno della cupola sono decorati con oro e colpiscono per la loro bellezza, sebbene le pareti esterne abbiano un aspetto monocromatico (fatto di mattoni). Mausoleo Ak-Saray su Wikipedia Mausoleo Ak-Saray (Q4273747) su Wikidata
Mausoleo di Rukhobod
  • 8 Mausoleo di Rukhobod, Rukhabad Street (tra piazza Registan e l'ensemble Gur-Emir). Si tratta di un mausoleo quadrato centrale senza portale con quattro facciate identiche. L'arco d'ingresso è decorato da piastrelle smaltate blu e anche la cupola è stata ricoperta da piastrelle smaltate. Secondo i manoscritti il ​​mausoleo di Rukhabat ("luogo della presenza dello spirito") era il luogo di sepoltura del sufi di Samarcanda Burkhan ad-Din Sagardji, morto nel 1380 teologo e maestro spirituale di Tamerlano. Il mausoleo fu costruito nel 1380 per ordine di Amir Temur sulla tomba di Burkhaniddin Sagardzhi in un'epoca in cui le composizioni centrali non erano popolari e le decorazioni dell'architettura funeraria erano molto ricche. In occasione dell'anniversario di Amir Timur nel 1996, tutti gli edifici, che non erano collegati al monumento, sono stati distrutti e le rovine delle costruzioni del complesso di Rukhabat - la moschea, khidjras, madrase e minareto sono venute alla luce. La sua architettura non è tipica di Samarcanda: non c'è un portale pistak e le mura sono fortificate con potenti contrafforti. Mausoleo di Rukhobod su Wikipedia Mausoleo di Rukhobod (Q4273779) su Wikidata
Moschea Rukhobod
  • 9 Moschea Rukhobod, Rukhabad Street (a poche decine di metri a sud del mausoleo di Rukhobod). Ecb copyright.svg gratis. L'attuale edificio della moschea è stato costruito nel 1903 (ricostruito negli anni '90), sul sito di una moschea costruita nei primi anni 1880, che a sua volta è stata costruita sul sito di una moschea più antica. Il lungo soffitto dell'aiwan della moschea, che è qualitativamente decorato con antichi motivi multicolori, merita un'attenzione speciale. Il soffitto è sostenuto da 12 colonne in legno intagliato. Accanto alla moschea c'è un piccolo minareto, da dove il muezzin chiama alla preghiera la popolazione circostante. È una moschea funzionante.
Madrasa Rukhobod
Casa di Khoja Muin
  • 10 Madrasa Rukhobod, Rukhabad Street (nelle immediate vicinanze della moschea Rukhobod). Ecb copyright.svg gratis. Costruita a metà del XIX secolo. Era una delle famose madrase della città, dove hanno studiato un certo numero di personaggi famosi. La madrasa è un edificio in mattoni a forma di U, la cui parte interna è occupata da un cortile con vegetazione. Numerosi negozi di souvenir e negozi si trovano nelle hujras (stanze) della madrasa. L'edificio della madrasa di Rukhobod è un vivido esempio di una riuscita miscela di architettura islamica, persiana e dell'Asia centrale. C'è una toilette.
  • 11 Casa di Khoja Muin, Rukhabad Street (nelle immediate vicinanze della moschea Rukhobod). La casa storica dove nacque e visse il famoso educatore tagiko e uzbeko, editore, giornalista, insegnante, poeta, scrittore, critico letterario e Jihadista - Khoji Muin Shukrullaev, represso durante le repressioni staliniste. C'è un busto e un memoriale in suo onore all'ingresso della casa. C'è anche un piccolo negozio di souvenir. Hoji Muin (Q1323660) su Wikidata

Zona nord-est di Samarcanda[modifica]

Shah-i Zinda
  • unesco Attrazione principale12 Shakh-i Zinda. Ecb copyright.svg 8.000 So'm. Uno dei monumenti più suggestivi della città e che non hanno uguali in tutta l'Asia centrale: un complesso di oltre 20 moschee e mausolei dei secoli XI-XV, costruiti lungo una stretta via. Il principale mausoleo attorno al quale si è sviluppata l'intera necropoli è la cappella del cenotafio di Kusam Ibn Abbas, cugino del profeta Maometto, che portò l'Islam in Asia centrale. Il nome "Shahi-Zinda" significa "re vivente": secondo la leggenda, Ibn-Abbas subì un'imboscata dagli infedeli, ma riuscì a nascondersi nella fessura della collina di Afrasiab, dove vivrebbe ancora oggi. Per lui fu costruita una tomba, ma non fu riconosciuto come morto. Il Mausoleo di Kusam Ibn Abbas è considerato il luogo sacro dell'Islam e la maggior parte dei visitatori qui sono pellegrini locali, non turisti.
Il complesso Shahi-Zinda acquisì la sua forma attuale nella seconda metà del XIV secolo, quando Tamerlano iniziò a seppellire parenti e importanti capi militari vicino al mausoleo di Ibn Abbas. Dal portale d'ingresso si sale una scala piuttosto ripida, si entra in un altro portale e sembra di trovarsi all'interno di un caleidoscopio: i mausolei sono vicini l'uno all'altro, lo stretto passaggio non è illuminato dal sole. La tomba più bella appartiene alla nipote di Timur, Shadi-Mulk-aka (1372), la seconda da sinistra dopo il portale superiore. Nel mare della decorazione ceramica vengono utilizzati tre metodi principali: girih - motivi geometrici, islimi - motivi floreali ed epigrafia - testi calligrafici intrecciati nell'ornamento. Vale la pena fare il giro delle tombe dal retro per osservare il design "casuale", ad esempio le piastrelle costruite direttamente nella muratura e le sporgenze a punta sulla cupola del mausoleo di Emir-zade.
Secondo l'usanza locale, quando si salgono e si scendono le scale, si dovrebbero contare i gradini. Se il numero converge durante la salita e la discesa, i peccati del pellegrino sono perdonati!
Di seguito i principali mausolei:
13 Moschea dello Shah-i-Zinda, 14 Mausoleo Ulugh Ulzhaoyim, 15 Mausoleo Amir Hussein, 16 Mausoleo Amirzade, 17 Mausoleo Shirin-Bika-Aga, 18 Mausoleo Shadi Mulk Aga, 19 Mausoleo ottagonale, 20 Mausoleo Alim Nesefi, 21 Mausoleo Amir Burunduk, 22 Santuario e mausoleo Qassim-ibn-Abbas, 23 Mausoleo Tuman Aka, 24 Mausoleo Qutloug Aka, 25 Mausoleo Khodja-Akhmad. Shah-i-Zinda su Wikipedia Shah-i-Zinda (Q671935) su Wikidata
Moschea Khazrat-Khizr
  • 13 Moschea Khazrat-Khizr. Simple icon time.svg 08:00-18:00. Uno degli antichi edifici di Samarcanda, distrutto dall'esercito di Gengis Khan e ricostruita nel 1854 e restaurata negli anni '90, è uno dei più bei esempi di architettura vernacolare. Il nome è associato al nome del profeta Khizr, il santo patrono dei viaggiatori. Puoi scalare il minareto, che offre fantastiche vedute di Bibi-Khanym e Shakhi-Zinda. Moschea di Hazrat-Hizr su Wikipedia moschea di Hazrat-Hizr (Q4292369) su Wikidata
Sito archeologico di Afrasiab
  • 14 Rovine di Afrasiab (Sito archeologico di Afrasiab) (A nord-est del Gran Bazar, a poche centinaia di metri dal centro della città). Un antico insediamento di grandi dimensioni (200 ettari), dove originariamente si trovava Samarcanda prima dell'invasione araba e dell'islamizzazione della città. Fu infine distrutta e svuotata durante l'invasione mongola. Afrasiab era l'antica capitale della Sogdiana, la famosa Marakanda. L'antica città ha preso il nome in onore del re di Turan Afrasiab, uno dei leggendari eroi del poema "Shahnameh" del poeta persiano Ferdowsi. I famosi persiani Pehlvan Rustam e Sohrab provenivano da questa città. Numerose spedizioni e ricerche archeologiche sono state e sono in corso nel sito. Ci sono tracce di scavi, piccoli resti delle mura della città antica, gole e colline, con resti di palazzi distrutti e templi zoroastriani. L'ingresso all'insediamento è libero, ed è meglio entrare da sud, attraverso il cancello vicino al mausoleo di Makhsum-bobo (a destra della moschea Khazret-Khyzr) o nell'area di ​​il museo di storia di Samarcanda "Afrasiab". Il territorio è completamente aperto al pubblico, e non vi è alcun divieto di passeggiare sebbene sia protetto dall'UNESCO. Afrasiab su Wikipedia Afrasiab (Q2167520) su Wikidata
Affreschi del Museo Afrasiab
  • 15 Museo Afrasiab. Questo museo cadente e in gran parte ignorato contiene importanti reperti archeologici dell'era preislamica nel sito di Afrosiab, nonché diverse testimonianze di storia e mestieri tipici locali. Contiene alcuni affreschi sogdiani del VII secolo e mostra la prova delle relazioni diplomatiche con i cinesi. Il museo può anche essere definito un museo dello zoroastrismo e della cultura sogdiana. Museo Afrasiab di Samarcanda su Wikipedia Museo Afrasiab di Samarcanda (Q4306302) su Wikidata
Tomba del profeta Daniele
Osservatorio astronomico di Ulug beg
  • 16 Tomba del profeta Daniele (Mausoleo di Khoja Doniyor) (Sezione del cimitero di Afrosiab. Sul lato nord-orientale di Afrosiab, a circa un chilometro da Shakhi-Zinda. Lo si raggiunge lungo il ciglio dell'autostrada, ammirando lungo il percorso i pittoreschi pendii di Afrosiab). Ecb copyright.svg 10.000 So'm. Simple icon time.svg 09:00 - 17:00. Degna di nota è la presunta tomba di Daniele, il profeta dell'Antico Testamento, noto nell'Islam come Danyāl. Dopo la conquista della Siria, la tomba fu trasportata a Samarcanda per ordine di Tamerlano. L'edificio restaurato è una lunga e bassa struttura con cinque cupole, contenente un immenso sarcofago lungo 18 metri ricoperto di velluto nero. Secondo la leggenda, il corpo di Daniele cresce di mezzo pollice all'anno, e questo giustificherebbe la lunghezza della tomba. C'è una sorgente sacra ai piedi del mausoleo: non è del tutto chiaro quanto l'acqua sia potabile, ma è piacevole lavarsi in una giornata calda. Gli uomini musulmani offrono preghiere, durante la visita ascoltate con rispetto. Mausoleo di Khoja Doniyor su Wikipedia Mausoleo di Khodja Doniyor (Q1661582) su Wikidata
Sala del Museo Mirzo Ulugbek
  • unesco 17 Osservatorio astronomico di Ulug beg (Si trova alle falde delle colline che sovrastano l'area di Afrosiab, nella periferia nord-est della città ai piedi del monte Chupan-ata), +998 66 235 03 45. Simple icon time.svg 9-19. Ulugbek, nipote di Timur, era un affermato astronomo, scienziato e architetto. Era un edificio rotondo di tre piani, decorato con piastrelle smaltate, maioliche, mosaici, ma fu distrutto da fanatici religiosi nel 1449. L'unica cosa che si è conservata è una parte di un enorme sestante, la cui parte più bassa si trovava in una fossa profonda. Entrambi gli archi di questo strumento sono in marmo con indicazione dei gradi e veniva utilizzato per misurare l'altezza dei corpi celesti sull'orizzonte e determinare le coordinate geografiche di un punto. Durante i lavori di scavo sono stati rinvenuti resti di altri strumenti astronomici. Pur essendo parzialmente conservato, l'osservatorio di Ulugbek è unico non solo per l'Asia centrale, ma anche per il mondo intero. I resti dell'osservatorio sono stati conservati all'inizio degli anni '60. Usando questo dispositivo, Ulugbek e i suoi collaboratori hanno realizzato una mappa dettagliata del cielo stellato. Nel 2012 l'osservatorio è stato ristrutturato e l'edificio ha assunto il suo aspetto naturale. Osservatorio di Ulugh Beg su Wikipedia osservatorio di Ulugh Beg (Q608580) su Wikidata
  • 18 Museo Mirzo Ulugbek, Islam Karimov street. Il museo riaperto nel 2010 è dedicato a Mirzo Ulugbek, alle sue opere scientifiche e astronomiche. Sono esposte diverse centinaia di reperti unici relativi all'astronomia, alla scienza e alla geografia, modelli di famosi edifici architettonici dell'Asia centrale, antichi manoscritti e libri. (Q28669256) su Wikidata
Mausoleo di Makhsum-bobo
Mausoleo di Islam Karimov
  • 19 Mausoleo di Makhsum-bobo, Islam Karimov street (a pochi metri a est della moschea Khazret-Khyzr). Un piccolo mausoleo musulmano posto all'ingresso principale dell'insediamento di Afrasiab. Sepolto nel mausoleo c'è un awliya (santo) islamico del XVIII secolo che visse per 97 anni. L'edificio fu costruito nel XVIII o XIX secolo. Dietro il mausoleo, all'aperto, ci sono una serie di lapidi sopra le tombe dei famosi santi di Samarcanda. (Q60850436) su Wikidata
  • 20 Complesso commemorativo di Islam Karimov, Islam Karimov street (dietro la moschea Khazret-Khyzr). Ecb copyright.svg gratis. Al centro del complesso si trova un mausoleo in tipico stile islamico, dove è sepolto il primo Presidente della Repubblica dell'Uzbekistan, Islam Abduganievich Karimov, morto nel settembre 2016. Il complesso dispone anche di un lungo aivan con panchine, nonché di un ampio ponte di osservazione che offre una splendida vista del sud e dell'ovest di Samarcanda.

Altre zone di Samarcanda[modifica]

La cupola del complesso di Bibi Khonym a Samarcanda
Facciata della moschea Bibi-Khonym
Mausoleo di Bibi-Khanym
  • unesco 21 Moschea di Bibi-Khonym. Ecb copyright.svg 12.000 So'm. Dopo aver messo al sacco la città di Delhi Tamerlano intese utilizzare il bottino per la costruzione di una moschea che non avesse paragoni nel mondo islamico. La moschea di Bibi-Khonym (1399-1404) è la più grande dell'Asia centrale e una delle più grandi del mondo. Ancora attira la fantasia del visitatore nonostante i suoi tesori siano stati saccheggiati per secoli. Per la sua costruzione lavorarono gli artigiani più abili del regno in condizioni di schiavitù e furono impiegati 100 elefanti per portarvi i tesori sottratti alla città di Delhi. Nella progettazione e nella decorazione della moschea, è stato utilizzato tutto il meglio che è stato raggiunto dai maestri all'inizio del XV secolo: infatti, Bibi-Khanym è diventato il culmine dello sviluppo delle moschee tradizionali del Medioevo: cancelli giganti, esili minareti cilindrici (non a forma di cono), cupole su tamburi. Al centro del cortile c'è un enorme leggio in marmo per il Corano (chiamato lauh), realizzato per Ulugbek. Gli approcci ingegneristici alla costruzione del XV secolo non hanno tenuto il passo con l'immaginazione dell'architetto: la cupola e i minareti di 40 metri hanno iniziato a deteriorarsi piuttosto rapidamente. All'inizio del XX secolo del complesso rimanevano le rovine dell'edificio principale e di uno dei quattro minareti. Il restauro è andato avanti fino all'inizio del XXI secolo, e ora l'esterno è stato restaurato quasi completamente. Tutti i dettagli più belli si possono vedere dalla strada senza pagare un biglietto d'ingresso. Ma se volete avere un'idea di come appariva l'intero complesso entrate nell'edificio principale della moschea attraverso una porta crollata: gli uccelli nidificano all'interno e sembra che non ci siano piani per ripristinare la decorazione interna. Tuttavia, su una delle pareti sono ancora visibili tracce dell'arredo trecentesco. Moschea di Bibi-Khanym su Wikipedia moschea di Bibi-Khanym (Q679218) su Wikidata
Moschea di Hoja-Nisbatdor
  • 22 Mausoleo di Bibi-Khanym. La tomba per le donne della dinastia timuride si trova di fronte alla moschea, dall'altra parte della strada. Non è l'arredamento e non la scala dell'edificio che sono interessanti, ma la sua forma ottaedrica. Mausoleo di Bibi-Khanym su Wikipedia Mausoleo di Bibi-Khanym (Q20007114) su Wikidata
Complesso Dakhbedi
  • 23 Moschea di Hoja-Nisbatdor. Presenta un grande iwan e un ghanch con stucchi in alabastro scolpito e restaurato. Moschea di Hoja-Nisbatdor su Wikipedia moschea di Hoja-Nisbatdor (Q4292376) su Wikidata
  • 24 Complesso Dakhbedi, Bibi-Khanym Street. Si tratta di un edificio con un aiwan, accanto al quale sorgono un piccolo minareto e un mazar in pietra con calligrafia arabo-persiana, nonché un hauz (serbatoio d'acqua). Si trova all'interno del mahalla ed è circondato da edifici residenziali privati. Pochi metri a sinistra del complesso si trova la casa dell'ex presidente Islam Karimov, frequentata regolarmente dai turisti. (Q60850617) su Wikidata
  • 25 Complesso Makhdumi Khorezmi, Bukharskaya street (a est del Registan, all'inizio di Bukharskaya street). Un piccolo complesso con un antico cimitero dove sono sepolti numerosi santi, tra cui l'Imam Makhdumi Khorezmi. Mausoleum of Abu Mansur al-Maturidi (Q4273745) su Wikidata

Quartiere russo[modifica]

Cattedrale di Sant'Alessio di Mosca
  • 26 Cattedrale di Sant'Alessio di Mosca (Chiesa ortodossa), Intersezione delle vie Bobur Mirzo e Abdurakhman Jami. La più grande cattedrale ortodossa di Samarcanda, costruita nel 1911 in un luminoso stile coloniale neo-russo (pseudo-russo), dagli architetti Fyodor Verzhbitsky e Fyodor Smirnov. Sembra un tipico tempio di guarnigione, i cui analoghi possono essere trovati in molte città militari dell'ex impero russo. In epoca sovietica, ovviamente, fu chiusa, riconsacrata nel 1996 dal Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Alessio II. È il principale luogo di pellegrinaggio per i turisti ortodossi, in quanto è la più grande istituzione ortodossa della città, dove sono conservate numerose icone antiche. L'interno della chiesa è riccamente decorato. Orthodox church in Samarkand (Q3580831) su Wikidata
Chiesa dell'Intercessione della Santissima Theotokos
  • 27 Chiesa dell'Intercessione della Santissima Theotokos (Chiesa ortodossa), Intersezione delle strade Hussein Baykar e Abdurahman Jami. Una delle chiese ortodosse più grandi e luminose di Samarcanda. Costruita nel 1903, chiusa in epoca sovietica e riconsacrato nel 1998. Si trova appena a nord di tutti gli edifici cristiani della città. L'interno della chiesa è riccamente decorato. Costruita anche in stile coloniale neo-russo. Church Cover Blessed Virgin in Samarkand (Q16714647) su Wikidata
Chiesa cattolica di San Giovanni Battista
  • 28 Chiesa cattolica di San Giovanni Battista (chiesa cattolica), Mahmud Kashgari Street. L'unica chiesa cattolica di Samarcanda, nonché una delle più grandi chiese cattoliche dell'Uzbekistan, costruita nel 1916 da prigionieri di guerra austriaci, polacchi e ungheresi in uno straordinario stile neogotico. È stata chiusa durante l'era sovietica e riaperta alla fine degli anni '90. I parrocchiani della chiesa sono principalmente polacchi, tedeschi e parte degli ucraini di Samarcanda. St. John the Baptist Church, Samarkand (Q15729689) su Wikidata
Chiesa armena
  • 29 Chiesa armena di Surb Astvatsatsin (Santa Madre di Dio), Mahmud Kashgari Street (a poche decine di metri a sud della Chiesa cattolica). L'unica chiesa armena di Samarcanda, costruita nel 1903. Nel 1939 è stata chiusa e riaperta solo nel 1995. Nelle vicinanze si trova il centro culturale armeno e la sede del principale canale televisivo privato di Samarcanda - STV. Molti armeni vivono nell'area intorno alla chiesa, che gestiscono negozi e caffè. Merita una visita, in quanto l'edificio della chiesa è stato costruito in uno stile ibrido: con elementi di stile armeno, russo, coloniale e orientale. St. Mary Church in Samarkand (Q4505137) su Wikidata
Ex Palestra femminile
  • 30 Edificio della banca russo-cinese, Universitet bulvari. Un palazzo eclettico con colonne che avrebbe potuto ricordare le case del sud degli Stati Uniti se non fosse stato per gli stucchi Art Nouveau. Ora l'edificio è occupato dall'amministrazione universitaria.
  • 31 Ex Palestra femminile, Universitet bulvari. Edificio in mattoni cotti, ora Facoltà di Biologia.
  • 32 Biblioteca Biruni, Biblioteca che prende il nome Biruni. Un neogotico che in Asia centrale sembra inaspettato, anche se in questo caso le monofore e le torrette sono un omaggio agli archi e ai minareti dei monumenti timuridi.
  • 33 Museo regionale di Samarcanda delle tradizioni locali, Abdurakhman Jami Street. Il museo si trova nella casa storica del mercante Kalontarov. Non è l'esposizione che qui interessa, ma gli interni: scale originali e stufe in maiolica.
  • 34 Museo del Vino (cantina Khovrenko), Mahmud Qoshgary koc., 58. Si trova nella casa del commerciante Dmitry Lvovich Filatov, che scoprì i vitigni locali a Samarcanda e fu il primo a iniziare a produrre vino da loro. Nel museo si tengono degustazioni di vino di Samarcanda.
  • 35 Museo Internazionale della Pace e della Solidarietà, Abdurahman Jami Street (all'interno del parco ricreativo centrale Alisher Navoi). Il Museo Internazionale della Pace e della Solidarietà è l'unico museo del suo genere, non solo in Uzbekistan, ma in tutto lo spazio post-sovietico. Ci sono 46 di questi musei nel mondo. Il museo è stato inaugurato nel dicembre 1986, Anno Internazionale della Pace. Il museo chiede il consolidamento di tutti i popoli e paesi del mondo, in nome della pace e della prosperità. Contiene oltre 20mila reperti provenienti da oltre cento paesi. Tra gli oggetti esposti: una raccolta di lettere e messaggi personali, fotografie e opere di personaggi famosi del mondo che hanno contribuito alla pace e alla solidarietà in tutto il mondo. C'è anche una gigantesca collezione di autografi di famosi leader mondiali. Vengono conservati frammenti di tegole bruciate dal tetto di una casa di Nagasaki dopo il bombardamento atomico. (Q60852615) su Wikidata

In periferia[modifica]

La madrasa Khoja Akhrar
Decorazione della madrasa
  • 36 Complesso Khoja Akhrar (Nella periferia sud della città a 5 km a sud-ovest di Piazza Registan, vicino al cimitero. Raggiungibile in taxi per 5-7 mila som). Ecb copyright.svg gratis. La tomba del famoso benefattore religioso e statale del XV secolo. Nakshbandi Ubeidallah Ahrar è decorato da piastrelle di marmo bianco ricoperte da iscrizioni. La Madrasa di Nadira Divan-Begi è un edificio a un piano con una composizione tradizionale a quattro aiwan. L'ingresso principale è decorato da un portale, due khudjra sono situati su entrambi i lati e nelle parti nord e sud dell'edificio. La parte occidentale dell'edificio è una moschea con un enorme portale, una sala principale (mikhrab) e quattro stanze. La moschea fu probabilmente costruita nel XV secolo, ma la madrasa fu eretta nel 1630-1636 secondo l'ordine del noto funzionario Nadira Divan-Begi dall'architetto Dust-Mukhammad. La decorazione è molto tipica del XVII secolo: maiolica, mosaico di alta qualità. Le decorazioni del portale d'ingresso illustrano tigri e altro. La moschea estiva è stata costruita nel XVII secolo a sud delle Madrasa. Le decorazioni della nicchia mikhrab di questa moschea sono molto simili alla madrasa. La colonna aiwan (veranda) tra la madrasa e la moschea estiva è stata costruita o ricostruita in epoca successiva. All'inizio del XX secolo il soffitto di Aiwan era coperto da vividi dipinti. Un piccolo minareto, che si trova di fronte all'aiwan, fu eretto nel 1909 dall'architetto Sadulla. Sul retro del complesso si trova un grande cimitero antico, con antiche lapidi in calligrafia arabo-persiana. Complesso Khoja Akhrar su Wikipedia Complesso Khodja Akhrar (Q16533989) su Wikidata
Mausoleo di Hodja Abdi Darun
  • 37 Mausoleo di Hodja Abdi Darun, Sadriddin Aini Street (nella parte sud-est della città). Ecb copyright.svg gratis. Un grande complesso musulmano sorto nel XII secolo sulla tomba del famoso teologo Abdul Mazeddin, vissuto nel IX secolo. Il nucleo centrale del complesso è il mausoleo del XII secolo. La moschea, la madrasa e la khanaka furono costruite nei secoli successivi. Un 'ziaratkhana' fu costruito davanti al mausoleo durante il regno di Ulugbek. Il portale e il tamburo della cupola sono decorati con ornamenti geometrici e iscrizioni in mattoni smaltati. C'è un grande hauz (serbatoio), e all'ingresso un alto minareto. Nel cimitero vi sono 'dahmas' (grandi costruzioni funerarie), risalenti al XV secolo, ricoperte di piastrelle smaltate e antiche lapidi calligrafiche. La moschea è stata costruita all'inizio del XX secolo. Consiste in una stanza invernale e un aiwan a colonna estiva, decorato da sculture in ceramica e dipinti colorati. Alla fine del XIX secolo fu aggiunta una piccola madrasa. Mausoleo di Hodja Abdi Darun su Wikipedia Mausoleo di Hodja Abdi Darun (Q1622717) su Wikidata
Moschea Namazgah
  • 38 Moschea Namazgah (a 2,5 km a sud di Piazza Registan). Ecb copyright.svg gratis. Una grande moschea del XVII secolo costruita da Nadir Divanbegi. La moschea fa parte di un nuovo complesso musulmano abbastanza grande. Si trova. È una moschea funzionante. Namazga Mosque (Q4292353) su Wikidata
Mausoleo di Ishratkhana
  • 39 Mausoleo di Ishratkhana, Sadriddin Aini Street (a 3 chilometri a sud del Registan. Nelle immediate vicinanze del complesso Khoja Abdu-Darun). Ecb copyright.svg gratis. Un monumento architettonico, costruito nel 1464, durante il regno del pronipote di Amir Timur, Abu Seid, che fu l'ultimo sovrano dello stato timuride unificato. È il luogo di sepoltura di numerosi rappresentanti della dinastia timuride. È sopravvissuto fino ad oggi in uno stato di abbandono (è stato gravemente danneggiato durante il terremoto del 1903), ma una piccola parte dell'edificio è stata restaurata in modo abbastanza qualitativo e bello (soprattutto la decorazione interna). L'edificio è abbandonato, salvo volerlo visitare al suo interno dando una mancia al contadino che vive nei pressi. Mausoleo di Ishratkhana su Wikipedia Mausoleo di Ishratkhana (Q28973749) su Wikidata
Mausoleo di Abu Mansoor Al Matrudi
  • 40 Mausoleo di Abu Mansoor Al Matrudi, via Bukharskaya (tra il quartiere ebraico e il quartiere musulmano di Samarcanda, alla fine di via Bukharskaya, sul lato destro a pochi metri a sud della scuola). Ecb copyright.svg gratis. Qui vi è sepolto è un famoso teologo islamico, pensatore, esperto di Corano e Sharia - Abu Mansur Maturidi, che è anche il fondatore del Maturidismo, una scuola sunnita. È il principale luogo di pellegrinaggio degli aderenti al Maturidismo di tutto il mondo. L'attuale edificio del mausoleo è stato costruito nel 2000, sul sito del mausoleo del X secolo che non è sopravvissuto fino ad oggi. L'edificio del mausoleo sembra molto carino e originale, e merita senza dubbio una visita, poiché l'ingresso è tra l'altro gratuito per i turisti. Attorno al mausoleo si sviluppa un pittoresco parco di conifere. Mausoleum of Abu Mansur al-Maturidi (Q4273745) su Wikidata
Complesso di Khoja Abdu-Berun
  • 41 Complesso di Khoja Abdu-Berun , Sarimazar Street (7 km a sud del Registan, con un autobus urbano o in taxi (5-8 mila som)). Ecb copyright.svg gratis. Complesso musulmano (mausoleo e moschea) a sud di Samarcanda, costruito nel XVII secolo da Nadir Divan-begi. Si tratta di un grande edificio con cupola azzurra, decorato con maioliche multicolori. C'è anche un dakhma e un edificio moschea. A causa della relativa lontananza e della scarsa conoscenza rispetto altre attrazioni, Khoja Abdu-Berun rimane spesso fuori dall'attenzione della maggior parte dei turisti, ma l'edificio stesso del complesso merita una conoscenza. Khodzha Abdu-Berun complex, Samarkand (Q12817063) su Wikidata
Madrasa Punjab
  • 42 Moschea e Madrasa Punjab, Ferdowsi street. Una delle poche moschee e madrase sciite in Uzbekistan. La madrasa e la moschea si trovano in stretta vicinanza l'una all'altra, sul territorio della regione storica del Punjab (parte occidentale di Samarcanda), dove vive prevalentemente una grande diaspora di iraniani dell'Asia centrale. La madrasa fu costruita nel 1889 ed è un ottimo esempio di architettura islamica persiana. Anche l'edificio della moschea è stato costruito alla fine del secolo scorso (ricostruito negli anni '90), e mostra chiaramente l'influenza sciita (ad esempio, le iscrizioni direttamente sulla cupola), che sono assenti in altre moschee e edifici a Samarcanda. Nella regione del Punjab, i turisti si sentono come se fossero in Iran, poiché la popolazione circostante è iraniana, i cui uomini portano barbe folte e le cui donne sono vestite di conseguenza. Anche la segnaletica e lo stile dei dintorni e degli edifici differiscono leggermente. Nelle vicinanze c'è un grande cimitero sciita con lo stesso nome.
Mausoleo di Murad Avliya
  • 43 Mausoleo di Murad Avliya, Mirzo Ulugbek street (dietro il Museo Statale di Storia e Cultura dell'Uzbekistan). Un altro raro santuario sciita a Samarcanda. Venerato anche dai sunniti. Si tratta di un edificio quadrangolare con una grande cupola, al cui interno è sepolto il famoso teologo Khoja Said Musa ibn Said Murtaza. Le pareti in mattoni del mausoleo sono decorate con caratteri arabi e hanno grandi finestre con motivi a reticolo. Il mausoleo è circondato da un ampio cortile verde, nell'angolo del quale si trova anche una piccola moschea. (Q60852477) su Wikidata
  • 44 Museo Statale di Storia e Cultura dell'Uzbekistan, Incrocio delle vie Mirzo Ulugbek e Beruni. Il più grande museo di Samarcanda. Vengono presentate decine di migliaia di reperti diversi, circa 30mila monete di epoche e località diverse, 20mila pezzi di abbigliamento nazionale. Reperti dell'antica era Sogdiana e Bactria (zoroastrismo, nestorianesimo e buddismo), del periodo arabo e dell'islamizzazione dell'Asia centrale, dell'invasione mongola, delle epoche successive, inclusa l'era timuride. Ci sono anche centinaia di dipinti originali di artisti famosi di epoche diverse. È il museo più antico di Samarcanda (1896). Si trova in un nuovo edificio a più piani appositamente costruito, inaugurato nel 2014, che è stato costruito appositamente per il museo. (Q55663386) su Wikidata


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

Parchi[modifica]

Parco Rukhabad
  • 1 Parco Rukhabad (tra le strade Rukhabad, Registan e Bustansaray). È in realtà una continuazione del Parco Amir Temur (è separato da Rukhabad Street), ma la sua caratteristica distintiva è la presenza di un gran numero di fontane. Nella parte orientale del parco si trovano: il mausoleo, la moschea e la madrasa di Rukhabad.
  • 2 Piazza Confucio (Intersezione di Abdurahman Jami Street e University Boulevard). Una nuova piazza inaugurata nel 2019. Qui una persona si sente come in Cina, poiché tutti gli elementi e le piante del parco assomigliano alla Cina, alla natura e alla cultura cinesi. Al centro del parco c'è un monumento a Confucio. L'ingresso alla piazza avviene attraverso un tipico arco cinese. Si trova vicino a uno degli edifici principali dell'Università di Samarcanda.
  • 3 Parco centrale Alisher Navoi (Intersezione delle strade Amir Temur e Abdurahman Jami). Un gigantesco parco (più di 70mila metri quadrati) con conifere e altri spazi verdi sul territorio della "Samarcanda russa", nel centro della città. Un grande monumento ad Alisher Navoi e Abdurahman Jami è stato eretto all'ingresso principale del parco in segno di eterna amicizia tra i popoli uzbeko e tagiko. C'è un monumento separato ad Alisher Navoi all'interno del parco. Sul territorio del parco c'è un museo internazionale della pace e della solidarietà, un grande "Centro Giovanile", fontane, punti con fast food e gelateria, diverse attrazioni, diversi edifici storici in stile coloniale, costruiti nel secolo scorso.
  • 4 Parco Rudaki (intersezione tra le strade Shokhrukh Mirzo e Uzbekistan, così come la via Mustakillik). Un grande parco ombreggiato (circa 30mila metri quadrati) che risale al 1890. Si trova nelle immediate vicinanze del suddetto parco (il "confine" corre lungo la via pedonale Mustakillik). Nel parco è installato un grande busto di Abu Abdullah Rudaki, famoso poeta, scienziato e fondatore della letteratura perso-tagika. Sul territorio del parco si trova una grande galleria (nell'ex edificio del 1882 della Chiesa di San Giorgio il Vittorioso). Il tempio fu chiuso durante l'era sovietica. Il centro del parco occupa un'area abbastanza ampia con panchine.
  • 5 Parco Amir Temur (tra le strade Rukhabad, Registan e Kulolon). Un grande parco (30mila metri quadrati) di conifere nel centro storico di Samarcanda. Nell'angolo del parco c'è un monumento ai difensori di Samarcanda sotto forma di due tigri. Al centro del parco, in un fosso poco profondo, si trova un bacino idrico con sorgente. Nelle immediate vicinanze si trovano il mausoleo, la madrasa e la moschea Rukhabad, nonché il mausoleo Gur-Emir.
  • 6 Parco Islam Karimov (intersezione delle strade Registan e Islam Karimov). Un grande parco (circa 40mila metri quadrati) con piantagioni prevalentemente di conifere. Al centro del parco c'è un monumento a Islam Karimov, il primo presidente della Repubblica dell'Uzbekistan. Sempre nella parte sud-orientale del parco c'è un piccolo mausoleo senza nome del secolo prima. In precedenza, il parco era chiamato "Parco delle Tigri" (fu eretto un monumento a due tigri), e prima di allora, fino alla metà degli anni 2000, sul sito del parco c'era un gigantesco museo di storia e cultura a due piani dell'Uzbekistan - uno dei più grandi musei dell'Uzbekistan.
Canale di Samarcanda
  • 7 Canale di Samarcanda, Route M39 (Entro i confini di Samarcanda (estremo est), nella zona di Konigil. Si arriva con l'autobus n. 1 (capolinea) o con un taxi, che costerà circa 8-10 mila som). Il canale di Samarcanda è un impianto sportivo unico. Ci sono solo due analoghi esatti di questo canale unico in tutto il mondo. Questi sono: il canale Krylatskoye a Mosca e il canale Oberschleissheim a Monaco di Baviera. Le dimensioni sono 2,215 × 0,188 km. Qui potete nuotare e guidare barche. (Q60852565) su Wikidata

Parchi gioco[modifica]

  • 8 Parco "Yoshlik" (Parco Ferroviario), Beruni street. Ecb copyright.svg gratis. Un parco giochi abbastanza grande. Ci sono circa 80 nuove attrazioni in funzione. Il prezzo per le corse parte da 1000 som. Una delle attrazioni degne di nota è la gigantesca ruota panoramica, che offre splendide viste sull'intera città. Il parco ospita anche numerosi caffè e ristoranti, centri fast food. Nei fine settimana e la sera di solito c'è molta gente nel parco. Tra i cittadini è anche conosciuto come il "Parco Ferroviario" per la sua vicinanza alla stazione ferroviaria.
  • 9 Parco acquatico "Babylon", Ali Kushchi street. Ecb copyright.svg Il prezzo per la gente del posto è sopra la media, ma accettabile per i turisti - da $ 5 a seconda della durata del soggiorno. Il parco acquatico ultramoderno di grandi dimensioni (4,5 ettari) è stato inaugurato nell'agosto 2018. Ci sono 35 attrazioni acquatiche (comprese le onde artificiali), aree per bambini e donne. L'acqua viene regolarmente pulita con filtri e attrezzature speciali. Ci sono sedie a sdraio, servizi igienici puliti, docce e spogliatoi.
  • 10 Parco acquatico Afsona, Mirzo Ulugbek street (di fronte allo stadio Dynamo). Un altro moderno parco acquatico. Area bambini, attrazioni acquatiche. Tutti i servizi sono forniti.


Acquisti[modifica]

Bancomat: a Samarcanda i "bancomat" funzionanti possono essere pochi e distanti tra loro. Di norma, erogano dollari USA (con commissioni di conversione basse, dallo 0-1,5%) che possono poi essere cambiati in som presso qualsiasi banca. Una di queste può essere trovata all'aeroporto cambiando direttamente i soldi in som. Parlano solo in uzbeko o russo, ma il personale dell'aeroporto può aiutarvi senza esitazione. Un bancomat che eroga direttamente (anche se con una commissione di transazione del 4%) si trova accanto all'"Art Cafe" vicino al mercato Siob. Accetta solo Visa. MasterCard è molto meno accettata.

Da Samarcanda di solito si portano: costumi nazionali (abito nazionale uzbeko e tagiko, abito festivo con pietre belle e luminose, zucchetti, turbanti, altri costumi e altri indumenti orientali); sciarpe di seta e prodotti in seta, piatti in ceramica dipinta, dolci, spezie, noci e altre deliziose spezie orientali.

Anche se potreste aver sentito parlare dei tappeti di Samarcanda, questi tappeti non hanno avuto origine in città, ma nelle città di Kashgar, Khotan e Yarkand più a est in quella che oggi è la provincia cinese dello Xinjiang. Sono ampiamente conosciuti come tali a causa del precedente status di Samarcanda come importante città sulla Via della Seta, dove i tappeti di queste tre città dovevano passare per il loro viaggio verso l'Europa.

A parte qualche negozio di souvenir nei pressi della madrasa Bibi Khanum o nella vicina Tashkent street (Toshkent ko'chasi), le madrase del Registan non vi sono molte possibilità di acquisti particolari.

Bazar[modifica]

Bazar Siab
  • 1 Bazar Siab, Islam Karimov street. Il più grande, antico e principale bazar di Samarcanda. È suddiviso condizionatamente in diversi padiglioni che vendono souvenir, abbigliamento, piatti, dolci orientali e frutta secca, frutta e verdura, spezie, cibo, articoli per la casa, elettrodomestici ed elettronici, ecc. Bazar Siyob su Wikipedia Bazar Siyob (Q13534449) su Wikidata
  • 2 Bazar della Via della Seta ("Yangi Bazaar" ossia Nuovo Bazar), Umar Dzhurakulov Street (nella zona est della città, 700 metri a sud-est dell'ensemble Shakhi-Zinda). Un gigantesco mercato dell'abbigliamento (40mila m²). Non un mercato caotico, ma al contrario, un mercato molto ordinato e ben curato. La merce viene venduta in negozi ordinati. I prodotti vengono spediti direttamente da Turchia, Cina, Emirati Arabi Uniti, India e Kazakistan. Potete trovare sia articoli costosi che di marca, così come vestiti con una categoria di prezzo media e bassa.
  • 3 Bazar di marmo (Intersezione delle strade Mirzo Ulugbek e Shohrukh Mirzo, nella "Samarcanda russa", a est di GUM). Un bazar abbastanza grande. Il padiglione coperto vende verdura, frutta, frutta secca e carne. I negozi sul territorio del bazar vendono elettrodomestici ed elettronici, cibo, abbigliamento.
  • 4 Bazar ferroviario (ntersezione delle strade Beruni e Rudaki, a poche decine di metri a sud-est della stazione ferroviaria di Samarcanda). Un bazar abbastanza grande. C'è un grande padiglione al coperto che vende frutta, verdura, frutta secca, così come negozi che vendono carne, cibo, ecc. Vale la pena notare che il bazar è abbastanza caotico, non ha nulla a che vedere con il tradizionale bazar orientale e non può essere paragonato per splendore e pulizia al bazar Siab nel centro storico di Samarcanda.

Supermercati[modifica]

  • 5 Supermercato Registon, intersezione tra le strade Registan e Suzangaran (a poche decine di metri a sud-est di piazza Registan). Supermercato con standard occidentali e una buona varietà di prodotti.
  • 6 Supermarket Aziz. Simple icon time.svg 8:00-23:00.
  • 7 Supermercato Registon, Mirzo Ulugbek (intersezione delle strade Mirzo Ulugbek e Mir Said Barak). Una grande filiale della catena di supermercati Registon.
  • 8 Ipermercato Silk Road, Usta Umar Dzhurakulov Street. Un grande ipermercato multipiano sul territorio del mercato dell'abbigliamento Silk Way. Si può trovare di tutto.
  • 9 GUM, Intersezione delle strade Mirzo Ulugbek e Shohrukh Mirzo (a ovest del Marble Bazaar, nel centro della nuova città). Un gigante GUM a più piani piuttosto moderno, sebbene sia stato costruito in epoca sovietica. Potete trovare tutto. Dall'abbigliamento agli elettrodomestici e all'elettronica, dal cibo ai souvenir. GUM è pieno di negozi di antiquariato e gioielli.

Altro[modifica]

  • 10 Biglietti aerei e del treno. Biglietteria per la prenotazione di biglietti aerei e del treno.
  • 11 TC Atlas, Intersezione delle strade Amir Temur e Buyuk Ipak Yuli (nella parte occidentale della città, nell'area della moschea e della madrasa del Punjab.). Grande centro commerciale con costosi negozi di abbigliamento, elettrodomestici, ecc.
  • 12 Negozi bevande alcoliche e analcoliche, Lyabi-Gor Street (dietro la casa da tè Labi G'or, nel centro storico vicino a Piazza Registan). Due grandi negozi uno di fronte all'altro per il commercio all'ingrosso e al dettaglio di bevande alcoliche e analcoliche. È possibile trovare tutti i tipi di veri vini e cognac uzbeki, nonché prodotti alcolici e analcolici di altri paesi.


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Teatro regionale
  • 1 Teatro regionale di musica e teatro Khamid Alimjan, Registan Street (nel centro della città, vicino alla grande Piazza del Teatro). Il teatro principale e più grande di Samarcanda. Gli spettacoli sono principalmente in uzbeko. Si tengono anche concerti. Samarkand Opera House (Q20042619) su Wikidata
  • 2 Teatro russo Anton Pavlovich Cechov, Buyuk Ipak Yuli Street (nella parte occidentale della città). Il principale teatro russo di Samarcanda (attivo dal 1918) e uno dei più grandi teatri russi in Uzbekistan. Gli spettacoli sono in russo.

Locali notturni[modifica]

Samarcanda è una città conservatrice rispetto a Tashkent. Ci sono pochi locali notturni e bar. Caffè e ristoranti sono aperti fino a mezzanotte, alcuni club sono aperti quasi fino al mattino. All'Afrosiab Hotel c'è un night club e un bar. Nel President Hotel gli ospiti possono bere birra in ambienti piacevoli. L'Incante Show Club si trova a pochi passi dall'Afrosiab Hotel e la sera i visitatori possono assistere alla pole dance.

Dove mangiare[modifica]

Il cibo a Samarcanda è molto economico. Vicino al bazar Siab, potete mangiare pilaf con insalata, zuppa, focaccia e tè per 8000 som. Nel bazar stesso, potete acquistare frutta, angurie e meloni a buon mercato. Nella zona turistica non sono molti i posti in cui mangiare. Anzi la scelta potrebbe ridursi sempre agli stessi posti proprio per le scarse possibilità.

Il prodotto più famoso di Samarcanda è il loro pane, "Samarcanda Non". Un visitatore raramente troverà qualcuno che lascia Samarcanda senza averlo comprato come regalo.

  • Samarcanda Zeera (cumino nero) è famoso in tutto il mondo per il suo aroma.
  • Pistacchio di Samarcanda, di pezzatura più piccola ma molto apprezzato.
  • Zafferano di Samarcanda è famoso ma di qualità inferiore rispetto allo zafferano iraniano.

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Gelateria, Registon Ko'chasi. Gelateria che vende dalla finestra di un palazzo. Sicuramente il miglior gelato della città, con cono.
  • 2 Istiqlol, 157, Amir Temur St, +998 905058111. Ecb copyright.svg colazione US$5, pranzo US$6, cena US$7. Serve shurpa, lagman, mastava, noodles fatti in casa, guj, plov, manti, shashlik, pelmeni, dul o barra.
  • 3 Karim Bek, 194 Gagarin St, +998 662212756. Ecb copyright.svg colazione US$3, pranzo US$6, cena US$8. Istituzione della catena di Samarcanda "Bek". Un menu enorme, ma ha più piatti europei di quelli uzbeki (c'è anche l'alcol). Le porzioni sono enormi e vengono servite su un grande piatto di metallo su un fornello portatile. Il conto include il 12% di servizio. La sala ristorante si trasforma in discoteca alle 20:00 con diversi spettacoli di danza alle 21:00.
  • 4 Cafe Magistr, Bustonsaroy St (dopo la statua di Tamerlano, sulla strada principale davanti all'hotel Registon), +998 902501551. Ecb copyright.svg pizze da 12000 som, pasti completi da 4000 som (apr 2019). Ottime pizze, opzioni vegetariane, prezzi ragionevoli e personale cordiale (il gestore parla un ottimo inglese) rendono questo posto uno dei migliori ristoranti della città. Chiedete sia il menu inglese che quello russo poiché l'inglese è vecchio e ha un prezzo errato. Birra servita ma non nel menu. Wifi gratis.
  • 5 Ristorante Milliy Taomlar, Registan Street (vicino alla casa da tè Labi G'or). Ha un cortile, dove ci sono molti rubinetti per i visitatori. Ci sono tutti i piatti nazionali. I prezzi sono bassi.
  • 6 Cafe in Piazza Registan (a sud della Sherdor Madrasah, sulla piazza vicino a Piazza Registan). Tavoli all'aperto all'ombra di alberi ad alto fusto. Ci sono solo molti tipi di gelato, fast food e bevande fredde.

Prezzi medi[modifica]

  • 7 Bibikhanum Teahouse, Toshkent Ko'chasi 22A (Poco distante dalla madrasa Bibi Khanum), +998 91 537 84 73. Un buon ristorante molto frequentato dai turisti sia per l'ottima posizione che per la qualità del cibo e la tipicità della struttura all'aperto. C'è anche la possibilità di mangiare all'interno di una yurta.
Labi G'or
  • 8 Labi G'or, Registon Ko'chasi (nel centro storico della città, 150 metri a sud-ovest di Piazza Registan). Una vecchia casa da tè a due piani con una terrazza aperta che si affaccia su Registan Street. Un posto non proprio esaltante, soprattutto per mangiare a base di carne: pilaf, shish kebab, lagman, samsa, manti e altri piatti nazionali uzbeki e tagiki. La vicinanza al Registan è sicuramente un punto di forza.
  • 9 Ristorante locale, Via Suzangaron. Ottimo ristorante locale in una strada laterale a pochi metri dal Registan. Offrono buon shashlik e altro cibo uzbeko. Sono disponibili anche birra e vodka.
  • 10 Ristorante Registan, Registan Street. Ristorante decente orientato al turismo. I prezzi sono leggermente più alti rispetto alla casa da tè Labi G'or. Bellissimi interni. Si trova in un edificio residenziale di cinque piani. Ci sono tutti i piatti nazionali, specialità, così come alcuni piatti europei.
  • 11  Super-Osh, Orzi Makhmudov koc. Ecb copyright.svg prezzo fisso 10.000 som. Simple icon time.svg 12:00 - 14:00. Qui viene servito l'osh (pilaf uzbeko) e nient'altro, ma l'osh è uno dei più gustosi ed economici della città. Oltre all'osh, la porzione comprende tè, mezza torta piatta e un paio di cetrioli e pomodori freschi. Potrebbero non esserci posti vuoti, potreste dover aspettare che uno dei tavoli sia vuoto.
  • 12 Centro Lagman, Amir Temur koc. Secondo le recensioni unanimi, questo è il miglior lagman della città.


Dove alloggiare[modifica]

Ci sono molti ostelli a Samarcanda, ci sono prezzi economici e medi. La maggior parte degli ostelli si trovano nella parte vecchia di Samarcanda e nel centro della città.

Prezzi modici[modifica]

  • 1 B&B Bahodir, Mulokandov 132 (nel centro della città, sul lato est del Registan, dietro il museo), +998933402817. Ecb copyright.svg 86000 som per un letto in dormitorio con colazione inclusa. Check-in: 12:00. Questo posto sembra essere il principale punto d'incontro per i viaggiatori zaino in spalla a Samarcanda. Il cortile con i lettini è un bel posto per qualche birra e condividere storie di viaggio. Il personale è cordiale, onesto e disposto a vendere birra dal loro frigorifero. Tuttavia, se soggiornate nel dormitorio, il bagno e la toilette in comune sono un po' claustrofobici, ma non male. Wifi non sempre affidabile.
  • 2 Jahongir Guest House, 4 Chirokchi str (50 metri dietro il muro su Suzangaron str. dal supermercato all'angolo), +998 66 391-9244, @ . Ecb copyright.svg singola US $ 25, doppia US $ 40. Check-in: 15:00, check-out: 11:00. Si trova nel cuore della parte storica di Samarcanda, a 5 minuti dal Registan Ensemble. Camere confortevoli con servizi moderni. I servizi includono: cene su richiesta, internet wireless, taxi su chiamata, servizi di guida, lavanderia e lavaggio a secco.
  • 3 Ostello Amir, 45 Abdurakhmon Jomiy Street, +998 97 916 88 99, @ . Inaugurato nel 2017. Ha strutture pulite, proprietari amichevoli ed estroversi e ci si sente a casa. Dormitori essenziali ma nuovi letti, armadietti e tende per la privacy. Buon Wi-Fi.
  • 4 Hotel LUX, Atahodzhaeva, 15, +998 (902) 249-009. Ecb copyright.svg $ 2. Un piccolo hotel ai margini del quartiere russo. Camere pulite, Wi-Fi veloce, colazione modesta e taxi per la stazione dei treni.
  • 5  B&B Antica, Iskandarov, 58 (nella città vecchia vicino al mausoleo di Gur Emir). Ecb copyright.svg $ 28-35 per due. Un ostello è stato ricavato da una casa privata con cortile. La colazione è inclusa nel prezzo. L'hotel è gestito dalla stessa famiglia. Parlano fluentemente russo, anche l'inglese è buono.

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]

  • 9 Registan Plaza (President Hotel), 53 Shohruh Mirzo Street, +998 662334086. Ecb copyright.svg singola US$ 105, doppia US$ 165 colazione a buffet inclusa. Hotel a quattro stelle aperto nel 2004, situato in posizione centrale, ristorante, piscina.
  • 10 Orient Star Hotel, Dagbitskaya Street 33, +998 662321019. Check-in: 14:00, check-out: 12:00. Inaugurato nel 2001, nel cuore del centro storico, ristorante, piscina.


Sicurezza[modifica]

Samarcanda è considerata una delle città più sicure dell'Uzbekistan, e anche di notte si può passeggiare per la città senza troppa paura. In alcune strade secondarie presso gli antichi quartieri è possibile l'assenza di illuminazione pubblica per cui si fa affidamento solo all'illuminazione privata degli androni. Per quanto ci si possa trovare al buio l'unico pericolo potrebbe essere costituito da un'auto di passaggio.

Segway della polizia turistica di Samarcanda

Poiché la maggior parte delle attrazioni sono di natura musulmana (e alcuni sono luoghi di sepoltura), ci si aspetta un certo rispetto e moderazione nell'abbigliamento da parte dei visitatori, anche se vi sarà permesso di entrare in qualsiasi attrazione con abiti aperti, poiché il paese è laico.

Fuori città e nelle montagne vicino a Samarcanda - nell'area dell'area di Chupanata, sui monti Mirankul e Agalyk, ci sono lupi e sciacalli, quindi in inverno non dovreste camminare da soli in montagna di notte. Vale la pena notare che il rischio di un incontro tra un lupo e uno sciacallo non è così alto, ma è meglio andare sul sicuro. Durante il giorno, potete camminare in montagna senza paura, i turisti si trovano spesso sui pendii e i predatori stessi vanno a caccia solo al tramonto.

La polizia turistica (Samarcanda Tourist Police) è un'istituzione recente. Tutti gli agenti della polizia turistica parlano diverse lingue (almeno inglese e russo, e alcuni parlano cinque, sei lingue) e sono selezionati da un concorso speciale. Gli agenti di polizia turistica portano un kit di pronto soccorso e altre attrezzature per aiutare i turisti che si rivolgono a loro. Sono molto amichevoli. Potete tranquillamente contattarli se avete problemi o domande. Le pattuglie della polizia turistica viaggiano a piedi e su segway vicino alle attrazioni. Inoltre, vicino alle principali attrazioni ci sono speciali cabine della polizia turistica, dove potete ottenere le informazioni che interessano o chiedere aiuto. La polizia turistica di Samarcanda indossa uniformi verdi. Le ragazze costituiscono una parte significativa dei dipendenti.

Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

L'edificio dell'ufficio postale centrale dell'Uzbekistan a Samarcanda, in via Pochtovaya.

Se volete acquistare francobolli per la vostra collezione o inviare una lettera o un pacco attraverso l'ufficio postale, allora nella "Samarcanda russa" c'è l'ufficio postale centrale della città in un edificio pre-rivoluzionario in stile coloniale. Tramite l'ufficio postale, potete inviare una lettera o un pacco in quasi tutti i paesi del mondo.

  • 26 Ufficio postale centrale dell'Uzbekistan, Pochtovaya street (nella "Samarcanda russa", vicino al Bazar dei marmi e all'Istituto medico di Samarcanda).

Telefonia[modifica]

La città ha una connessione 3G e 4G stabile. Gli operatori mobili hanno recentemente iniziato a vendere carte SIM speciali per turisti e stranieri. Esistono vari pacchetti tariffari con un certo numero di gigabyte di Internet, minuti per chiamate e SMS. Gli operatori mobili più popolari sono Ucell, Beeline, UMS, Perfectum Mobile, UzMobile.

Internet[modifica]

Tutte le pensioni, gli ostelli e gli hotel dispongono di Wi-Fi illimitato. Il Wi-Fi è presente anche nella maggior parte delle caffetterie di tipo europeo, panetterie e caffè, bar con narghilè. Occasionalmente è presente in ristoranti e trattorie che servono principalmente piatti nazionali.

Nel maggio 2019 sono stati aperti hotspot Wi-Fi gratuiti in 12 punti di Samarcanda. Una volta connesso, l'utente può scegliere: connettersi a una rete Wi-Fi gratuita (fino a 1 Mbps) o a pagamento (fino a 10 Mbps). Per utilizzare la rete gratuita, è necessario guardare un annuncio di 30 secondi. Nella rete a pagamento, puoi scegliere il periodo di accesso: da un'ora a una settimana. Il prezzo di conseguenza varia da 1000 (12 centesimi) a 25mila ($ 3) som. Il pagamento avviene tramite i sistemi Click e PayMe. È previsto l'ampliamento del numero di punti Wi-Fi, quindi si prega di verificare con i punti di informazione turistica.

Hotspot Wi-Fi gratuiti a Samarcanda:

  • 27 Hotspot Wi-Fi dell'aeroporto internazionale di Samarcanda.
  • 28 Hotspot Wi-Fi presso la stazione ferroviaria di Samarcanda.
  • 29 Punto Wi-Fi presso la stazione degli autobus di Ulugbek.
  • 30 Hotspot Wi-Fi al Siab Bazaar.
  • 31  Hotspot Wi-Fi in piazza Registan.
  • 32 Hotspot Wi-Fi vicino al mausoleo di Gur-Emir.
  • 33 Hotspot Wi-Fi vicino alla moschea Bibi-Khanym.
  • 34 Hotspot Wi-Fi presso la moschea Khazret-Khyzr e il mausoleo dell'Islam Karimov.
  • 35 Hotspot Wi-Fi vicino al museo di storia di Samarcanda "Afrasiab".
  • 36 Hotspot Wi-Fi vicino al mausoleo di Khoja Daniyar.
  • 37 Hotspot Wi-Fi vicino all'ensemble Shakhi-Zinda.
  • 38 Hotspot Wi-Fi vicino al Museo e all'Osservatorio di Ulugbek.

Tenersi informati[modifica]

  • 39 Ufficio informazioni, Toshkent Ko'chasi. Simple icon time.svg 09:00-18:00. Molto utile per ricevere informazioni sulla città o sulle escursioni. È possibile prendere anche una mappa gratuita della città.


Nei dintorni[modifica]

La località più famosa nei dintorni di Samarcanda è la città di Shahrisabz a circa 1 ora e mezza di taxi. Tuttavia grazie alla sua posizione geografica risulta semplice raggiungere sia Tashkent che Bukhara.

Mausoleo di Al-Bukhari
  • 40 Mausoleo di Al-Bukhari (In un sobborgo di Samarcanda, a Payerik, 20 km a nord di Piazza Registan). Al-Bukhari era un un importante teologo islamico e un collezionista dei detti del profeta Muhamed e li raccolse in un libro noto come Hadith Bukhari Sharif o Bukhari Sahih, che divenne per i sunniti il ​​secondo libro più importante dopo il Corano. Fu sepolto nel luogo in cui si trova ora il suo mausoleo. Il Mausoleo di Al-Bukhari è uno dei principali luoghi santi del paese: la visita a tre santuari di Samarcanda - i mausolei di Al-Bukhari, Shahi-Zinda e Rukhabad - durante un giorno a Samarcanda è chiamato "piccolo hajj". L'attuale edificio è stato costruito sulla tomba originale dell'Imam Al-Bukhari nel 1997 (1225 anni dopo la morte dell'imam) dal governo uzbeko con il sostegno di altri governi musulmani - i mattoni sono stati consegnati dall'Arabia Saudita e dal Kuwait, marmo verde da Pakistan, finanziamenti dall'Iran, e costruttori e artisti dall'Uzbekistan e dall'Iran. La cripta è rifinita con onice e ad una certa posizione del sole la cripta sembra risplendere dall'interno. Attorno alla sepoltura è disposto un bel parco; c'è una sorgente, la cui acqua è considerata santa. Visitato giornalmente da circa 1.000 visitatori provenienti da tutto il mondo. Il complesso è costituito dalla moschea e dalla tomba di Al Bukhari e da un museo che espone Corani di alcuni paesi musulmani. Al Bukhari Memorial (Q12820736) su Wikidata
  • 41 Complesso di Mahdumi Azam (nella piccola città di Dakhbed (sulla strada per il complesso dell'Imam Al-Bukhari), 12 km a nord di Samarcanda. Potete arrivarci in taxi, 10-15 mila som a persona). Un complesso musulmano abbastanza grande, dove si trova il mausoleo del famoso teologo, filosofo e mistico islamico, fondatore del sufi tariqat (attuale) Dakhbediya (una propaggine della tariqat Naqshbandi) - Said Jalaliddin Ahmad Al-Kasani At-Dakhbedi, meglio conosciuto come Imam Mahdumi Azam. Nel complesso sono sepolti anche altri importanti teologi e personaggi storici, ad esempio Yalangtush Bahadur, il costruttore delle madrase Sherdor e Tilla-Kari in piazza Registan.
L'area della Grotta di Hazrat Daoud
  • 42 Grotta di Hazrat Daoud (40 km a sud-ovest della città). La leggenda sul re David, o Hazrat Daud, somiglia sospettosamente alla leggenda su Kusam ibn Abbas: Daud predicò in questi luoghi, fece arrabbiare gli zoroastriani che vivevano qui, si nascose sulle montagne e, dopo aver pregato Dio, riuscì a spostare le pietre con le sue mani e ha creato una fessura nella montagna. È un popolare luogo di pellegrinaggio per uzbeki e tagiki. Dai piedi della montagna, circa 1400 gradini ripidi conducono alla cima, dove si trova una piccola moschea. Ci sono altri 200 gradini dalla moschea alla grotta. La grotta è uno stretto corridoio di 30 metri; le pareti e il soffitto presentano incrostazioni di calcite e stalattiti. Vi verrà offerto di salire in cima su un cavallo o un asino, ma i veri pellegrini vanno solo a piedi. L'acqua viene venduta lungo l'intero rialzo.
  • 43 Plateau del diavolo (Shaitan-Jiga) (Nella zona dei passi di Ilansay e Takhtakaracha, 30 km a sud della città). Shaitan-Jiga si traduce come Elmo del Diavolo / Satana... È un grande altopiano roccioso situato nei contrafforti della cresta Zeravshan. Una caratteristica interessante dell'altopiano è che qui non cresce vegetazione, mentre intorno crescono come al solito verde e gli alberi. La gente del posto crede che in questa zona si verificano regolarmente fenomeni paranormali e demoniaci. Il posto tra gli abitanti dei villaggi circostanti è considerato maledetto. Le pietre antiche e grandi (fatte di strati di granito) sull'altopiano sembrano mostri e giganti ghiacciati, e alcune rocce sembrano grandi animali, come un orso, una rana, una lucertola, una tigre e degli uccelli. Secondo alcuni resoconti, nell'antichità il luogo era un covo di stregoni, che in questo posto facevano sacrifici e compivano i loro rituali, e si rifugiavano anche dalle persecuzioni nelle grotte circostanti.
Akbuira
  • 44 Akbuira (Kishlak Akbuira) (20 km a sud del centro della città, un taxi per una persona costa in media 15-20 mila ($ 2,5) som). Un luogo popolare per attività ricreative fuori città, in montagna e picnic tra i residenti e i turisti di Samarcanda. Ci sono diversi grandi padiglioni naturali a pagamento per la ricreazione familiare nel villaggio di Akbuira. Potete scalare le montagne, nuotare nelle piscine. Akbuira si trova in una piccola valle tra le montagne Agalyk della catena Zeravshan.
Agalyk
  • 45 Agalyk (Kishlak Agalyk) (20 km a sud del centro della città, un taxi per una persona costa in media 15-20 mila ($ 2,5) som). Un altro luogo popolare per attività ricreative e picnic in montagna. Ci sono diverse aree ricreative a pagamento nel villaggio di Agalyk. Puoi scalare le montagne, nuotare nelle piscine, grigliare spiedini o altro cibo (un calderone e gli utensili necessari sono forniti a pagamento). Si trova nelle vicinanze del villaggio di Akbuira.
  • 46 Mirankul (Kishlak Mirankul) (30 km a sud-ovest del centro della città, un taxi per una persona costa in media 15-20 mila ($ 2,5) som). Anch'esso un popolare luogo di vacanza fuori città. Mirankul è la più antica area ricreativa di montagna intorno a Samarcanda. Ci sono una serie di grandi campi di vacanza per bambini, nonché aree ricreative a pagamento per famiglie e turisti individuali. Potete scalare montagne, nuotare nelle piscine, cucinare il cibo. Kishlak Mirankul si trova leggermente a ovest dei villaggi di Agalyk e Akbuira.

Itinerari[modifica]

Informazioni utili[modifica]

Samarcanda è storicamente una città tagika. Prima dell'avvento del potere sovietico, la lingua principale era il persiano (il tagiko è vicino al persiano ed è talvolta considerato un dialetto di quest'ultimo). Samarcanda è diventata parte dell'Uzbekistan solo negli anni '20. Molti tagiki vivono ancora in città. È facile distinguerli dagli uzbeki per i tratti del viso europei e non mongoli. Inoltre, molti russi, ucraini e di altre nazionalità vivono in città e molti residenti comunicano tra loro in russo.

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Samarcanda
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Samarcanda
  • Collabora a Wikiquote Wikiquote contiene citazioni di o su Samarcanda
2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).