Scarica il file GPX di questo articolo
Asia > Asia del Sud > India > India meridionale

India meridionale

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
India meridionale
Chinese nets.jpg
Localizzazione
India meridionale - Localizzazione
Stato

India meridionale è quell'area geografica che comprende gli Stati indiani di Andhra Pradesh, Karnataka, Kerala e Tamil Nadu, così come i territori dell'unione di Lakshadweep e Pondicherry, occupando assieme il 19,31% della superficie della Repubblica Indiana. Oltre stati federati anche i due arcipelaghi delle Laccadive e delle Andamane e Nicobare ne fanno parte.

Da sapere[modifica]

Oltre ai termini India meridionale e India peninsulare, la regione è stata conosciuta con una serie di altri nomi storici. Venne denominata la Deccan (una forma occidentalizzata della parola Dakhhin che è una corruzione della parola sanscrita dakshina che significa “Sud”). Attualmente questo termine si riferisce soltanto alla zona dell'Altopiano del Deccan, un altopiano vulcanico che copre la maggior parte della penisola indiana, escluse le zone costiere. Il Carnatic è un termine inglese derivato dalla parola Karnād o Karunād, che significa “paese nero”. I termini Karnād e Carnatic associati in particolare all'altopiano, si riferiscono a tutta l'India del Sud, comprese le coste orientali, le quali sono indicate con il nome di Costa Carnatica. Karnataka è un nome che deriva dalla stessa radice.

Cenni geografici[modifica]

L'India meridionale occupa la parte peninsulare del paese nella regione dell'altopiano del Deccan ed è bagnata dal Mar Arabico ad ovest, dall'Oceano Indiano a sud e dal Golfo del Bengala ad est. La geografia della regione è diversificata, e comprende due catene montuose, i Ghati occidentali e i Ghati orientali, che abbracciano l'altopiano centrale. Godavari, Krishna, Tungabhadra e Kaveri sono i più importanti corsi d'acqua che solcano questa vasta regione.

Cenni storici[modifica]

Nel corso della sua storia, un certo numero di regni dinastici governarono parti dell'India meridionale le cui invasioni dirette verso l'Asia meridionale e il sud-est asiatico influenzarono la storia e la cultura di nazioni moderne quali Sri Lanka, Indonesia, Thailandia e Malesia. La regione venne colonizzata dalla Gran Bretagna e gradualmente incorporata nell'Impero Britannico.

Lingue parlate[modifica]

La maggioranza degli indiani del sud parla una delle quattro lingue dravidiche – kannada, malayalam, telugu e tamil.


Territori e mete turistiche[modifica]

Stati dell'India meridionale
  • Andamane e Nicobare — Un arcipelago nel golfo del Bengala a 1250 km da Calcutta che costituiscono, dal punto di vista amministrativo un territorio dell'Unione indiana. Il turismo è soggetto a restrizioni e al rilascio di speciali permessi.
  • Andhra Pradesh — Stato nato nel 1958 su criteri linguistici. Vi si parla il telugu, lingua dravidica. Il suo territorio occupa la parte centro orientale della penisola indiana ed ha una zona litoranea sulla costa di Coromandel. La sua capitale è la bella città di Hyderabad.
  • Karnataka — Questo stato che si estende sulla metà occidentale della penisola indiana (Deccan) raggruppa genti che parlano il canara, una lingua dravidica. Ha un lungo litorale sul mare di Oman ma con un solo porto quello di Mangalore. La capitale del Karnataka è Bangalore dove vi è sviluppata l'industria informatica.
  • Kerala — Stato che occupa la fascia litoranea detta costa del Malabar. Accoglie innumerevoli spiagge tropicali ma ha pochi tesori artistici. È inoltre sovrapopolato con densità superiore ai 1000 abitanti per km². La sua capitale è Trivandrum
  • Laccadive — Arcipelago a 200 km dalla costa del Malabar con 13 isole di origine corallina di cui la più importante è Kavaratti. La visita all'arcipelago è soggetta a restrizioni e al rilascio di particolari permessi.
  • Pondicherry — Possedimento francese incorporato nell'Unione indiana nel 1954 come territorio autonomo in seno all'Unione. Vi visse il filosofo Aurobindo che fondò un celebre Ashram "Auroville".
  • Tamil Nadu — Stato abitato dall'etnia Tamil o Tamul che parlano una lingua dravida, il Tamil per l'appunto. La sua capitale è Chennai, l'antica Madras. Il territorio del Tamil Nadu si estende nella porzione sud orientale del Deccan Presenta numerosi tesori artistici e un litorale conosciuto come Costa di Coromandel, ricco di spiagge tropicali

Centri urbani[modifica]

  • Bangalore — La città dei giardini che ha sviluppato un'importante industria informatica che le è valso il nomignolo di "Silicon Valley dell'India".
  • Chennai (Madras) — Città famosa per i suoi splendidi templi induisti.
  • Coimbatore — Città industriale sede di industrie tessili che le hanno valso il nome di "Manchester dell'India".
  • Hyderabad — Una destinazione turistica di primo piano che contende a Bangalore il titolo di capitale informatica dell'India.
  • Kanniyakumari (Capo Comorin) — L'estrema punta meridionale della terraferma indiana dove si godono splendidi tramonti.
  • Kochi (Cochin) — Una città costiera affiorante da una laguna cosparsa di isolotti tropicali.
  • Madurai — Una delle più antiche città dello stato Tamil Nadu famosa per uno splendido tempio Indù, il Meenakshi Amman Temple, annoverato nella lista delle 7 meraviglie del mondo ancora visibili.
  • Mysore — Piacevole città, sede di un antico stato principesco dell'India. Vi si svolge una festa religiosa, il "Deshara", che ogni turista dovrebbe segnare nella sua agenda.
  • Tirupati e Tirumala — Vi è situato uno dei templi indù più sacri e opulenti del paese.
  • Trivandrum — Tempio Padmanabhaswami. Capoluogo dello stato di Kerala.


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.