Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Cisgiordania
Panorama della Palestina
Localizzazione
Cisgiordania - Localizzazione
Stato
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Avviso di viaggio! ATTENZIONE: Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti consiglia di riconsiderare il viaggio in Cisgiordania a causa del terrorismo, di disordini civili potenzialmente violenti e del potenziale conflitto armato. Il ministero degli esteri del Regno Unito raccomanda di evitare manifestazioni e i ministeri degli affari esteri di Canada e Nuova Zelanda raccomandano di evitare viaggi non essenziali in molte aree della Cisgiordania. Infine il Ministero degli Esteri italiano sconsiglia gli spostamenti su Jenin e Nablus e le restanti aree dei due Governatorati. Si raccomanda di seguire costantemente la situazione perché oggetto di continue variazioni.
Avvisi turistici governativi

Italia Australia Canada Germania Nuova Zelanda Regno Unito Stati Uniti

La Cisgiordania è una regione dello Stato di Palestina.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

La Cisgiordania è un'area situata del Medio Oriente tra Israele e la Giordania, a nord del Mar Morto. Costituisce la metà maggiore dei territori semiautonomi palestinesi, la metà più piccola è la Striscia di Gaza. Il controllo di fatto sul terreno tende ad essere israeliano, palestinese (Fatah dall'acquisizione di Gaza da parte di Hamas) o un certo grado di sovranità congiunta. Preparatevi perché ciò influisca sui vostri viaggi e perché vi imbatterete in posti di blocco e segnali che impediscono ai cittadini israeliani di entrare in determinate aree.

La Cisgiordania è divisa in tre aree non contigue sulla base degli Accordi di Oslo:

  • Area A (18% del territorio) - Piena sicurezza e controllo civile palestinese, ma l'esercito israeliano a volte fa incursioni per catturare sospetti terroristi. Ciò include la maggior parte delle città palestinesi e ben oltre il 90% dei palestinesi della Cisgiordania vive qui.
  • Area B (21% del territorio) - Sicurezza israeliana, controllo civile palestinese. Ciò include la maggior parte dei villaggi palestinesi e i terreni agricoli.
  • Area C (61% del territorio) - Pieno controllo israeliano. Ciò include le aree disabitate, tutti gli insediamenti israeliani e la maggior parte delle strade principali come l'intera H90. Il 4% dei palestinesi della Cisgiordania vive nell'Area C.

Non ci sono recinzioni o altri confini fisici tra le aree A, B e C. Tuttavia, l'esercito israeliano ha posto dei posti di blocco su molte strade, generalmente agli incroci tra l'area C e le aree A o B. Poiché le aree A e B non sono contigue, i palestinesi per andare da un posto all'altro spesso devono attraversare questi posti di blocco. La barriera israeliana in Cisgiordania (fisicamente un muro e una recinzione a seconda di dove vi trovate, ed etichettata con entrambi i termini a seconda delle simpatie politiche) è interamente all'interno dell'Area C.

Il territorio è per lo più un aspro altopiano, molto collinoso e a tratti montuoso, la vegetazione è comune in molti luoghi. Il Mar Morto è il punto più basso della terra raggiungibile a piedi.

  • punto più basso: Mar Morto -408 m
  • punto più alto: Alto Asur 1.022 m

Circa 2,5 milioni di palestinesi e 400.000 israeliani vivono in Cisgiordania (esclusa Gerusalemme est).

Quando andare[modifica]

Clima Temperato, la temperatura e le precipitazioni variano con l'altitudine, estati da molto calde a calde, inverni da freschi a miti.

Cenni storici[modifica]

Un palestinese protesta contro l'espropriazione delle proprie terre in favore di un insediamento israeliano

Questa zona è conosciuta come la Cisgiordania perché si trova sulla sponda occidentale del fiume Giordano. Questa parte del mondo è immersa nella storia biblica e contiene molti siti di importanza religiosa e archeologica. È sotto l'amministrazione israeliana dal 1967 con status futuro incerto e ancora da risolvere, tra Israele e l'Autorità Palestinese (AP). Storicamente e in alcune parti della società israeliana, in particolare tra la destra, l'area è stata anche conosciuta come Giudea/Samaria.

La Cisgiordania non esisteva come concetto prima del 1949. Il suo confine è la linea di cessate il fuoco tra le truppe israeliane e giordane nel 1949. Anche se all'epoca entrambe le parti specificarono che non era un confine permanente, tuttavia, oggigiorno gran parte del mondo presume che il confine tra Israele e un futuro stato palestinese sarà basato su questa linea.

La Giordania ha annesso la Cisgiordania dopo la guerra del 1948/49 e nominalmente l'ha trattata come parte integrante del suo territorio, sebbene ci fossero tensioni tra "palestinesi" e "hascemiti" quando i due gruppi etnici in Giordania divennero noti. L'annessione della Cisgiordania da parte della Giordania è stata sempre riconosciuta solo da una manciata di paesi, sebbene pochi paesi abbiano rilasciato alcuna dichiarazione in merito alla loro opinione de jure della zona. La minoranza ebraica che aveva vissuto nell'area sia a causa dell'immigrazione sionista che da tempo immemorabile fu espulsa dalla Giordania e i siti religiosi (compresi quelli di Gerusalemme est) erano vietati agli ebrei nonostante le promesse tiepide del governo giordano di trovare un modo per consentire i visitatori. La Giordania si è anche impegnata in atti sistemici di vandalismo culturale, distruggendo deliberatamente siti storici ebraici come sinagoghe o cimiteri. Il controllo giordano della regione terminò bruscamente nel 1967, quando il leader egiziano Gamal Abd el-Nasser giudicò male sia le sue capacità militari che la volontà di Israele di rispondere al rischio con un attacco preventivo. Dopo aver chiuso l'accesso di Israele al Mar Rosso e aver ammassato truppe vicino alle linee dell'armistizio, entrambi atti che Israele aveva avvertito avrebbero costituito un casus belli: Israele quindi ha lanciato un attacco aereo rapido e devastante distruggendo la maggior parte dell'aviazione egiziana a terra. Nasser è riuscito a fuorviare il pubblico su come stava andando la guerra e, nonostante i tentativi israeliani di impedire alla Giordania di entrare in guerra, re Hussein ha ordinato un'offensiva, che è stata rapidamente respinta portando alla cattura israeliana di Gerusalemme est e della Cisgiordania.

una divisione israeliana durante la guerra dei sei giorni

Nel 1967, a causa della Guerra dei sei giorni, la Cisgiordania passò sotto il controllo israeliano. Israele non ha annesso la Cisgiordania (ad eccezione di Gerusalemme Est che è stata incorporata nel 1980) a causa della sua numerosa popolazione palestinese, ma gli israeliani hanno stabilito insediamenti civili. Questi insediamenti sono considerati illegali dalla maggior parte della comunità internazionale, l'unica eccezione sono gli Stati Uniti. I palestinesi della Cisgiordania hanno spesso resistito all'occupazione israeliana, in particolare durante la Prima intifada alla fine degli anni '80. Tuttavia, ci sono stati anche vari gradi di cooperazione e relazioni intercomunitarie, compresi i palestinesi della Cisgiordania che lavorano per aziende di proprietà israeliana. Infatti, i palestinesi che sono stati ritenuti "traditori" da elementi più radicali per aver presumibilmente lavorato per israeliani sono stati tra il gruppo più numeroso di vittime della Prima intifada che aveva anche caratteristiche di una "guerra civile palestinese".

Tra i territori conquistati da Israele nel 1967, la Cisgiordania è il più importante per diversi motivi. A differenza delle alture del Golan, la sua importanza non è solo di natura militare-strategica. Mentre sia il Golan che la Cisgiordania fungono da (letteralmente) "altura" per fermare un attacco e per mantenere i combattimenti lontani dai principali centri abitati di Israele nella pianura costiera, la Cisgiordania ha anche un'importanza sentimentale, storica e religiosa poiché in molti dicono che qui si siano svolti i racconti della Bibbia e il presupposto comune è che il popolo ebraico abbia avuto origine nelle colline mentre le zone costiere erano dominate da altri gruppi come i filistei, il che rende particolarmente ironica l'attuale configurazione geopolitica ed etnica. Mentre la penisola del Sinai è stata conquistata da Israele dall'Egitto e ci sono stati anche tentativi di stabilire insediamenti ebraici, è stata per lo più considerata come una "moneta di scambio" e restituita all'Egitto in una "terra per la pace" accordo quando Sadat e Begin hanno concluso la pace a Camp David. La riluttanza di Israele a rinunciare alla Cisgiordania - con menti laiche che sostenevano che avrebbe lasciato Israele con confini indifendibili e leader religiosi che sostenevano che rinunciare alle Terre della Torah rasentava la blasfemia - è stato anche un grave ostacolo alla pace con la Giordania. La Giordania, nonostante sia stata impegnata nelle tre grandi guerre contro Israele nel 1948, 1967 e 1973, era ampiamente vista come una nazione araba più moderata e favorevole alla pace sotto il re Hussein relativamente liberale e filo-occidentale, ma poiché la Giordania ha rinunciato solo ufficialmente alla pretesa della Cisgiordania nel 1988 a favore dell'OLP, un trattato di pace tra Giordania e Israele (che elude in gran parte la questione della Cisgiordania) è stato firmato solo nel 1994, il secondo tra una nazione araba e Israele.

Yitzhak Rabin, Bill Clinton e Yasser Arafat durante la firma degli Accordi di Oslo del 13 settembre 1993

Gli Accordi di Oslo del 1993 avviarono il "processo di pace" e stabilirono l'autonomia palestinese in alcune parti della Cisgiordania. Questa autonomia è stata estesa in più fasi negli anni '90, ma nel 2000 è scoppiata la Seconda intifada e le trattative si sono fermate. Da allora ci sono stati alcuni tentativi di negoziato, ma nessun progresso concreto verso un accordo. Intorno al 2002, Israele è rientrato nelle città autonome della Cisgiordania per spazzare via le cellule terroristiche che stavano effettuando bombardamenti in Israele. Nel 2005 Israele ha ritirato le sue truppe e i coloni dalla Striscia di Gaza (quest'ultimi con la forza in alcuni casi), ma rimangono in Cisgiordania. Un anno dopo il ritiro israeliano da Gaza, Hamas ha vinto le elezioni palestinesi e successivamente ha preso di fatto il controllo della striscia di Gaza, mentre Fatah continua a controllare la Cisgiordania. Nel discorso politico israeliano l'esempio del ritiro da Gaza è spesso citato come argomento contro le concessioni o il ritiro, soprattutto se fatto unilateralmente. Non ci sono state elezioni né in Cisgiordania né a Gaza dal 2005 e il leader palestinese (allineato a Fatah) Mahmūd Abbās che è subentrato dopo la morte di Yasser Arafat ha avuto il suo mandato prorogato invece di candidarsi alle elezioni. È opinione diffusa dagli osservatori che Hamas perderebbe un'elezione nella Striscia di Gaza e quella di Fatah in Cisgiordania, poiché la stragrande maggioranza dei palestinesi nelle rispettive aree ce l'ha con la sua corruzione e l'incompetenza, ma la situazione internazionale così come il conflitto con Israele ha consentito finora a tutte le parti di ritardare le elezioni. Poiché Abbas ha ottant'anni e non ha stabilito un chiaro successore.

Lingue parlate[modifica]

Le lingue principali in Cisgiordania sono l'arabo e l'ebraico, sebbene anche l'inglese e il francese siano compresi in misura diversa. Molti palestinesi capiscono l'ebraico, a causa dei contatti commerciali e governativi. Tuttavia, non è consigliabile parlare ebraico nelle città palestinesi o arabo negli insediamenti ebraici, poiché potrebbe destare sospetti. Il russo è comune anche tra gli studenti che hanno frequentato l'università in Russia o nell'Europa orientale. Molti insediamenti israeliani contengono molti emigrati dagli Stati Uniti che parlano inglese e alcuni hanno ebrei chassidi che parlano yiddish.


Territori e mete turistiche[modifica]

I territori in chiaro sono sotto il controllo palestinese

Centri urbani[modifica]

  • 31.89694435.2016671 Ramallah (رام الله/רמאללה) — La capitale amministrativa della Cisgiordania e sede temporanea dell'Autorità Palestinese. Ramallah è una calamita per i palestinesi in cerca di lavoro e per gli attivisti stranieri.
  • 31.53535.0986112 Hebron Hebron su Wikipedia (الخليل/חברון) — unesco Nella Cisgiordania meridionale, città santa per la presenza della Grotta dei Patriarchi. C'è un'ampia maggioranza palestinese, con poche centinaia di ebrei che vivono nel centro della città e qualche migliaio in più nel sobborgo/insediamento di Kiryat Arba.
  • 32.46666735.33 Jenin Jenin su Wikipedia (جنين /ג'נין) — La città più settentrionale della Cisgiordania, a soli 26 km da Nazareth. Il significato del suo nome è La Primavera dei Giardini.
  • 32.31111135.0308334 Tulkarm Tulkarem su Wikipedia (طولكرم/טולכרם)
  • 32.21611135.2661115 Nablus Nablus su Wikipedia (نابلس/ שׁכם) — Considerata la capitale commerciale della Cisgiordania e nota per la sua città vecchia, il suo commercio di mobili e il delizioso kunafa/kenafeh
  • 32.19037834.9685086 Qalqilya Qalqilya su Wikipedia
  • 31.85611135.4630567 Gerico (أريحا/יריחו) — La "Città più antica del mondo", a circa 400 m sotto il livello del mare e ottimo punto di partenza per il Mar Morto
  • 31.70444435.2061118 Betlemme (بيت لحم/בית לחם) — unesco Un'antica città molto simile a molte altre in Cisgiordania, Betlemme è anche il luogo dei luoghi santi cristiani come la Chiesa della Natività e un luogo sacro ebraico come la Città di David; è un patrimonio mondiale dell'UNESCO
  • 31.7833635.233889 Gerusalemme est — Gerusalemme est assieme al Monte del Tempio rappresenta la metà orientale della città di Gerusalemme a maggioranza palestinese. Molti dei siti importanti sono concentrati nella Città di Davide, nel Monte Sion e nel Monte degli ulivi. Il territorio resta contesto e frammentata tra entrambe le fazioni.

Insediamenti israeliani (Area C)

  • 32.10611135.18777810 Ariel Ariel (città) su Wikipedia
  • 32.05388935.29888911 Shiloh (שִׁלֹה) — Un'importante città biblica.
  • 31.77535.26472212 Maale Adumim Ma'ale Adummim su Wikipedia (معاليه أدوميم/מעלה אדומים)
  • 31.65777835.12083313 Gush Etzion Gush Etzion su Wikipedia (جوش عتصيون/גוש עציון) — Compresa Efrat
  • 31.83273335.1801514 Nabi Samwil — In questo villaggio si trova il tradizionale luogo di sepoltura del profeta Samuele, che scelse Saul e David come re. Nel corso dei secoli questo è stato un luogo di pellegrinaggio per cristiani, musulmani ed ebrei. È uno dei punti più alti dell'area di Gerusalemme e offre una vista mozzafiato in tutte le direzioni.

Altre destinazioni (Area C)[modifica]

  • Mar Morto — Il luogo più basso della terra, con siti naturali e storici, nonché spiagge e resort.
  • 31.735.31 Deserto della Giudea Deserto della Giudea su Wikipedia — Ottimo per l'escursionismo e la natura.
  • 31.83709335.5464972 Qasr el Yahud Qasr el Yahud su Wikipedia — È il sito del battesimo di Gesù e si trova sulla sponda opposta del fiume rispetto a Betania oltre il Giordano in Giordania. Questa località è sotto il controllo israeliano.
  • 31.71444435.4533333 Ein Feshkha (عين فشخة Ain Al-Fashka o עינות צוקים Einot Tzukim) — L'oasi più bassa del mondo, con piscine, alberi, fauna selvatica e resti archeologici appena a nord-ovest del Mar Morto. È possibile nuotare nelle piscine (a seconda della stagione).
  • 31.7410535.4586314 Qumran — Qumran ospitava una setta monastica ebraica 2000 anni fa. Qui conservarono molti dei loro documenti nelle grotte vicine, che una volta ritrovate nel XX secolo divennero note come i Manoscritti del Mar Morto. Mentre i rotoli stessi sono ora esposti nel Museo d'Israele di Gerusalemme, il complesso della caverna e le rovine sono aperti ai visitatori.


Come arrivare[modifica]

Restrizioni di accesso alla Cisgiordania

In aereo[modifica]

Non ci sono aeroporti civili all'interno della Cisgiordania e l'aeroporto principale più vicino è l'Aeroporto di Tel Aviv-Ben-Gurion. Dall'aeroporto Ben Gurion, è possibile prendere un taxi o una navetta di 50 minuti per Gerusalemme e da Gerusalemme per proseguire verso le principali città della Cisgiordania, Betlemme o Ramallah.

In alternativa, si può volare all'aeroporto internazionale Queen Alia di Amman ed entrare in Cisgiordania all'incrocio di Allenby vicino a Gerico. Quando utilizzate il valico di Allenby, non riceverete un timbro di uscita giordano a causa del ruolo della Giordania come custode della Cisgiordania, quindi non ci sono "prove" dell'uscita dalla Giordania (e quindi dell'ingresso nel territorio controllato da Israele) sul tuo passaporto. Per ulteriori informazioni su questo problema, vedere la nostra copertura sui problemi con i visti.

I titolari di una carta d'identità palestinese devono volare attraverso Amman perché il governo israeliano vieta loro di entrare in Israele all'aeroporto Ben Gurion. È meglio per le persone che potrebbero essere elencate nel censimento israeliano come in possesso di una carta d'identità palestinese (dalla nascita a un titolare di carta, ecc.), o che una volta avevano una carta d'identità palestinese, di utilizzare semplicemente l'aeroporto di Amman piuttosto che rischiare d'essere rimandati a casa su un volo da Tel Aviv per aver utilizzato l'aeroporto sbagliato.

In auto[modifica]

La barriera costruita da Israele

Potete noleggiare un'auto in Israele e viaggiare in Cisgiordania. Tuttavia, questa è solo una buona idea se non entrate nelle città arabe. L'assicurazione auto israeliana di solito non copre i viaggi nelle aree palestinesi della Cisgiordania (aree A e B). Verificate con la vostra compagnia di autonoleggio per vedere esattamente dove potete guidare. Inoltre, i palestinesi spesso attaccano le auto con targa israeliana gialla che viaggiano in Cisgiordania, credendo che all'interno ci siano ebrei.

Per noleggiare un'auto palestinese, prima raggiungete Ramallah o altre città, con i mezzi pubblici o in taxi. Quindi potete noleggiare un'auto e portarla in qualsiasi area araba della Cisgiordania. Tuttavia, non vi sarà permesso entrare nella maggior parte degli insediamenti israeliani.

Le compagnie di autonoleggio palestinesi con sede a Gerusalemme est noleggeranno auto israeliane che possono viaggiare nella maggior parte della Cisgiordania e in tutto Israele.

In treno[modifica]

In posto di blocco israeliano a Hebron

Nonostante la questione sia stata talvolta discussa nei negoziati di pace tra l'Autorità Palestinese e Israele e nei negoziati bilaterali tra Giordania e Israele, non esiste una ferrovia attiva di alcun tipo in Cisgiordania (se si esclude Gerusalemme est). Il modo più semplice per raggiungere la Cisgiordania in treno è prendere un treno per Gerusalemme Est e poi un autobus da lì come descritto sotto.

In autobus o in taxi condiviso[modifica]

Il servizio di autobus per gli insediamenti ebraici in Cisgiordania si trova generalmente nella principale città israeliana che è più vicina a ciascun insediamento. La compagnia di autobus Egged (אגד) gestisce autobus da Gerusalemme, Beer Sheva, Netanya e Beit Shean. Egged Ta'avura gestisce autobus da Gerusalemme. La compagnia di autobus Afikim gestisce autobus da Tel Aviv e Petach Tikva. A causa degli attacchi terroristici in corso, il governo israeliano ha installato una maggiore sicurezza sugli autobus, come finestrini antiproiettile (su alcune rotte) e barriere di sicurezza alle fermate degli autobus.

Ci sono anche compagnie di autobus arabe che entrano in Cisgiordania dal deposito degli autobus a Gerusalemme est, a prezzi paragonabili ai taxi di servizio, teoricamente in orario. La stazione principale degli autobus si trova dall'altra parte della strada rispetto alla porta di Damasco. Questi autobus raggiungono Betlemme e Ramallah e da lì potete collegarvi ad altre località.

Per raggiungere altre città palestinesi, i taxi di servizio (taxi condivisi) sono preferibili rispetto agli autobus Egged. Sono estremamente economici e viaggiano abbastanza velocemente sulla strada. Il servizio taxi è un ottimo posto per socializzare con la gente del posto.

Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

Una targa palestinese

Le strade utilizzate dagli israeliani (nell'Area C) sono generalmente in ottime condizioni. Tuttavia, all'interno delle aree arabe la qualità varia.

Numerosi blocchi stradali israeliani ostacolano e rallentano notevolmente il movimento dei palestinesi tra le città palestinesi in Cisgiordania e anche tra la Cisgiordania e Gerusalemme est e la Giordania. I visitatori che si recano nelle aree arabe della Cisgiordania dovrebbero anche aspettarsi di incontrare posti di blocco israeliani e quelli di origine palestinese potrebbero essere sottoposti a perquisizioni a tappeto o altre procedure intrusive. Nel frattempo, ai cittadini israeliani è completamente vietato l'ingresso in alcune aree sotto l'amministrazione palestinese.

È possibile noleggiare auto a Ramallah con targa verde (palestinese), anche se non è chiaro se gli stranieri possano guidare con auto targate palestinesi. Potete anche noleggiare auto con targa gialla a Gerusalemme che possono essere guidate in Israele e in Cisgiordania. Provate Good Luck Cars, di fronte all'American Colony Hotel al ☏ +972 2 627-7033.

Guidare in Cisgiordania è relativamente sicuro e offre uno scenario meraviglioso, in particolare lungo la strada 90. Ma se avete una targa gialla israeliana, state lontani dalle aree arabe popolate.

In autobus[modifica]

Minivan palestinese

Le comunità ebraiche e arabe sono servite da reti di autobus separate; e con l'eccezione di Gerusalemme, dove è possibile prendere gli autobus israeliani a ovest e gli autobus/shruts arabi a est – può essere molto difficile l'interscambio tra le reti ebraiche e arabe.

La rete di autobus ebraici è completa e raggiunge ogni insediamento israeliano. Spesso però ci sono poche corse. Inoltre, può essere problematico ottenere l'ingresso in un insediamento per prendere un autobus dalle fermate interne.

I servizi di autobus arabi operano su percorsi e orari limitati, ad eccezione di quelli intorno a Gerusalemme. Si consiglia quasi sempre di utilizzare i taxi condivisi che saranno più veloci anche se leggermente più costosi. Anche gli autobus, come i taxi condivisi, tenderanno ad aspettare fino ad essere al completo prima di partire. Potete fermare un autobus su qualsiasi strada.

In taxi e taxi condivisi[modifica]

I taxi sono spesso la soluzione migliore, ma possono essere costosi. Se fate parte di un tour in bus è ancora meglio.

Taxi condivisi (servees) sono comuni tra le città palestinesi e spesso il miglior mezzo di viaggio. La maggior parte dei taxi condivisi ha stazioni fisse, spesso parcheggi vicino al centro di paesi o città. I minivan più grandi trasportano 7 passeggeri e i taxi condivisi nel centro città ne trasportano 4. Le tariffe sono fisse e il sovrapprezzo su questi servizi è estremamente raro. I taxi condivisi sono spesso caratterizzati da strisce nere davanti e dietro ai lati, in particolare le auto di dimensioni normali che servono le rotte dei centri urbani. Dovreste pagare direttamente l'autista una volta iniziato il viaggio, anche se potete aspettare fino a raggiungere la destinazione. Poiché potreste condividere con persone conservatrici o religiose, potreste osservare una certa etichetta, in particolare quando si tratta di uomini e donne seduti uno accanto all'altro.

Non ci sono taxi condivisi gestiti da ebrei in Cisgiordania.

In autostop[modifica]

Fare l'autostop attraverso la Cisgiordania è facile e divertente: i palestinesi locali sono felici di offrire un passaggio a chiunque non sia visibilmente pro-Israele. Allo stesso modo, gli israeliani sono generalmente felici di offrire un passaggio a chiunque non sia visibilmente arabo, anche se di questi tempi sono più cauti, poiché alcuni autostoppisti ebrei sono stati rapiti e uccisi e un autista ebreo è stato ucciso da un autostoppista con una bomba. I turisti stranieri possono provare a fare l'autostop con entrambi i gruppi, anche se ovviamente le uniche destinazioni disponibili saranno le destinazioni di quel gruppo. Ci sono stati attacchi contro coloro che aspettavano un passaggio in aree isolate, quindi in molti insediamenti di entrambi i gruppi etnici c'è un posto più o meno consolidato dove i conducenti si aspettano autostoppisti - chiedete in giro dove si trova quel punto poiché aumenterà anche le possibilità di trovare un passaggio.

Cosa vedere[modifica]

Per quanto riguarda i viaggi, i siti israeliani e palestinesi in Cisgiordania sono essenzialmente destinazioni di viaggio separate, poiché israeliani e palestinesi hanno reti di autobus separate, le targhe e le auto a noleggio possono generalmente essere utilizzate nelle città arabe o negli insediamenti ebraici, ma non in entrambi.

A pochi chilometri da Gerusalemme est (oltre il muro di separazione) si trova la Tomba di Lazzaro nella città di al-Eizariya, ma ci si può arrivare in bus da Gerusalemme.

Itinerari[modifica]


Cosa fare[modifica]

Sono famose le escursioni nel deserto della Giudea e fare una nuotata nel Mar Morto.

Lavorare[modifica]

La Cisgiordania ha una storia politica e un presente controverso. Ci sono un certo numero di ONG e movimenti sul campo che monitorano la situazione e difendono i diritti umani. Queste organizzazioni sono in gran parte gestite da volontari con visti turistici.

Studiare[modifica]

La Birzeit University, appena fuori Ramallah, ha una storia lunga e illustre e offre corsi di immersione di arabo per stranieri. Inoltre, ci sono programmi simili presso il Bethlehem Bible College e la Bethlehem University di Betlemme, l'Università palestinese-americana a Jenin e An-Najah a Nablus. C'è anche l'Università palestinese-americana di Jenin situata nel villaggio cristiano palestinese di Zababdeh. Agenzie di viaggio alternative come Green Olive Tours, così come ONG come Holy Land Trust e Alternative Tourism Group a Bethlehem offrono tour di un giorno e più giorni, oltre a programmi estivi allettanti che combinano soggiorni in famiglia, corsi di cultura e lingua con volontariato e visite in loco.

La Ariel University è il più grande istituto di istruzione gestito da Israele in Cisgiordania. Per l'educazione religiosa, molte Yeshivot si trovano in vari insediamenti israeliani in Cisgiordania.

Se siete interessati a conoscere gli aspetti sociali, politici e culturali della vita in Cisgiordania, c'è un tour di esperienza diretta, gestito dall'All Nations Cafe da Gerusalemme e Betlemme, dove potete conoscere palestinesi ed ebrei che promuovono la convivenza in Terra Santa.

Acquisti[modifica]

La valuta è lo shekel israeliano, anche se i dollari statunitensi sembrano essere ampiamente accettati nei negozi per turisti a Gerico e Betlemme.

A tavola[modifica]

Ramallah ha un certo numero di buoni ristoranti, tra cui Darna (cibo palestinese e libanese, ci sono foto sulla parete di molti personaggi famosi che hanno visitato, tra cui Kofi Annan, Richard Gere e Jimmy Carter), Pronto (ottima pizza e cibo italiano), Ziryab (luogo di relax con caminetto), Stone's e Sangria's. C'è un'eccellente gelateria nel centro cittadino chiamata Rukab's. Il gelato di produzione locale è una vera delizia in una giornata calda, oltre ai negozi di succhi di frutta freschi intorno alla piazza centrale, Al-Manara.

Falafel, Shawarma, Hummus, Musakhan, Tabouli, Kofta, Knafeh, Kibbeh, Maqluba, Baba Ghanoush e altre deliziose cucine sono ampiamente disponibili.

L'insediamento di Beitar Ilit ha un ottimo bar che serve zuppa di pollo kosher con harif. L'insediamento di Ariel ha molti ristoranti fast food e altre gustose prelibatezze kosher.

Sicurezza[modifica]

Mappa delle zone controllate da Israele e dall'Autorità Palestinese

Guardate le notizie e controllate la situazione prima di partire. Non è una buona idea visitare se i combattimenti tra Hamas e Fatah, o tra palestinesi e israeliani, sono intensi in un dato momento. Tuttavia, la violenza in Cisgiordania tende ad essere molto localizzata. La violenza a Nablus, per esempio, non dovrebbe necessariamente ostacolare il viaggio a Ramallah. Tuttavia, usate la discrezione.

È importante portare con sé il passaporto (compresa la carta d'ingresso israeliana, se applicabile) mentre si viaggia in Cisgiordania, soprattutto se si prende l'autobus. I checkpoint israeliani possono essere praticamente ovunque e potrebbero richiedere di mostrare un documento d'identità.

In generale, la situazione della sicurezza in Cisgiordania tende ad essere molto migliore che nella Striscia di Gaza, ma ciò non significa necessariamente molto.

Mentre gli ebrei non israeliani sono generalmente lasciati soli, è meglio lasciare a casa i simboli associati allo Stato di Israele o al sionismo, come la Stella di David. Sposare opinioni palesemente filo-israeliane offenderà gravemente molti palestinesi e non è raccomandato. D'altra parte, le persone che vivono negli insediamenti ebraici di solito non accettano di fare affermazioni generali sul fatto che la loro presenza sia l'unico problema sulla strada verso una soluzione pacifica.

I cani possono essere un problema nelle aree remote della Cisgiordania, ad esempio durante le escursioni a Wadi Qelt, sebbene siano molto meno numerosi che in altre parti dell'Asia. Se si avvicinano troppo, raccogliete una pietra o fate finta di farlo. Ricorderanno questo gesto dall'ultima dolorosa esperienza. Inoltre, potrebbe essere utile raccogliere o trasportare un grosso bastone.

La Cisgiordania è meno conservatrice della maggior parte delle nazioni arabe, quindi le donne che viaggiano non hanno bisogno di essere completamente coperte. Ma è comunque una buona idea vestirsi in modo abbastanza conservativo.

Bagarini[modifica]

A causa del numero sempre maggiore di turisti che visitano la Cisgiordania, c'è una crescita costante di guide non ufficiali (per lo più tassisti) in attesa alle fermate degli autobus o ai posti di blocco che offrono il loro servizio al turista ignaro. Diffidate di queste persone, che cercano solo di guadagnare più soldi possibile senza offrire molto valore aggiunto.

Per lo più cercheranno di portarvi da un posto all'altro dove probabilmente comprerete qualcosa, in modo che possano fare la loro parte dal proprietario del negozio (~ 40%). Vi diranno anche spietatamente che qualcosa è chiuso o potrebbe richiedere troppo tempo - questo per lo più non è vero, vogliono solo assicurarsi che tu trascorriate più tempo da qualche altra parte, potenzialmente spendendo soldi.

Non credete a nessuno se la soluzione alla vostra domanda è prendere un taxi o richiedere una guida. Sono solo bugie inventate dai turisti per fargli pagare inutilmente servizi facilmente esplorabili in proprio. In alternativa, se avete bisogno di aiuto, chiedete a diverse persone del posto prima di prendere una decisione. Se avete davvero bisogno di utilizzare una guida regolare, concordate un programma fisso e non consentite deviazioni.

Un'eccezione distinta sembrano essere gli autisti dei servees (taxi/minibus condivisi arancioni): sono probabilmente le persone più oneste che incontrerete come turista. Vi daranno sempre esattamente il prezzo che pagano anche i locali.

Altri progetti

Regione nazionaleUsabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per dare un'idea generale sulla regione e offre una descrizione di possibili mete.