Scarica il file GPX di questo articolo

Avezzano

Da Wikivoyage.


Avezzano
Piazza Risorgimento
Stemma e Bandiera
Avezzano - Stemma
Avezzano - Bandiera
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Avezzano
Avezzano
Sito del turismo
Sito istituzionale

Avezzano è una città della Marsica, subregione dell'Abruzzo.

Da sapere[modifica]

È il secondo comune più popoloso della provincia dell'Aquila e il sesto della regione Abruzzo. La città documentata come esistente già nel IX secolo, col tempo è diventata il capoluogo della Marsica, di cui è il comune più grande con oltre 42.000 abitanti. Avezzano è l'ideale punto di partenza per raggiungere facilmente le numerose località montane della Marsica. Vere e proprie bellezze naturalistiche e architettoniche dell'Abruzzo montano: Alba Fucens, il parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, il parco regionale naturale del Sirente-Velino, Tagliacozzo, i borghi della piana del Cavaliere, della valle Roveto, della valle del Giovenco, Celano, Ovindoli e l'altopiano delle Rocche. È ben collegata anche con la Ciociaria, l'alta valle dell'Aniene, il Cicolano, tutte località al confine del Lazio con la Marsica.

Cenni geografici[modifica]

La città sorge a nord-ovest della piana del Fucino. È dominata a nord dal monte Velino, mentre ad ovest si estende l'area protetta della riserva naturale guidata Monte Salviano. Ad est del territorio comunale sono situate le popolose frazioni di San Pelino e Paterno. Il nucleo urbano di Avezzano è compreso tra i 695 m s.l.m. del centro della città e i 740 m s.l.m. della zona nord. Il sistema architettonico della vecchia città ruota attorno al castello Orsini. Il terreno su cui poggia la città è in lieve declivio con salita in direzione nord-nord ovest. Considerata "città territorio" della Marsica, subregione abruzzese che comprende 37 comuni per un totale di circa 134.000 abitanti, Avezzano è un importante nodo geografico, stradale, ferroviario ed autostradale nell'area appenninica del centro-sud Italia.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 6,7 8,4 11 15,1 20 24,1 27,8 27,9 24,1 17,9 12 8,1
Minime (°C) 0,8 0 2,1 5,2 8,9 12,3 14,4 14,5 11,9 7,8 4,4 1,1
Precipitazioni (mm) 76 70 70 73 65 60 43 55 78 106 114 99

I momenti migliori in cui visitare la città di Avezzano sono la primavera e l'estate e, in particolare, tra il 25 e il 27 aprile, giorni in cui si festeggia la patrona della città: la Madonna di Pietraquaria. Il 26 aprile, allo scendere della sera, vengono accesi, in tutti i quartieri della città, i cosiddetti "focaracci", grandi falò attorno ai quali si ritrovano gli abitanti, i visitatori e gli emigranti che per l'occasione tornano ad Avezzano da ogni dove. Il giorno prima, invece, si svolge la grande fiera lungo le principali strade del centro. A maggio, permane la tradizione delle passeggiate mariane nella Riserva naturale guidata Monte Salviano e lungo la via Crucis, fino al santuario dedicato alla Madonna di Pietraquaria. D'estate vengono proposti la fiera campionaria di Avezzano "Magia del Fare", la fiera dei Marsi e il circuito di Avezzano, evento sportivo riservato alle auto d'epoca. Ad agosto si svolge la Settimana Marsicana, una kermesse che ripropone una serie di manifestazioni legate all'arte, all'agricoltura, allo sport, alle attività artigianali ed industriali con il coinvolgimento delle numerose realtà dell'associazionismo marsicano. La città appare molto dinamica in tutti i fine settimana dell'anno quando il grande mercato del sabato, i negozi del centro città e i grandi centri commerciali vengono presi d'assalto. La fiera di Santo Stefano si svolge il 26 dicembre. Centinaia di stand ed altre attrazioni richiamano migliaia di visitatori. In piazza Risorgimento, per tutto il periodo natalizio, viene allestito il tradizionale mercatino con i chioschi in legno e la pista di pattinaggio su ghiaccio del villaggio natalizio.

Per conoscere le previsioni meteo per Avezzano si può consultare il meteo dell'Aeronautica Militare Italiana.

Cenni storici[modifica]

Cunicoli di Claudio
Foto aerea del Fucino

Avezzano vanta testimonianze antichissime, risalenti al periodo preistorico del Paleolitico inferiore in cui le genti nomadi provenienti dalla costa si stanziarono durante i periodi estivi nel territorio del Fucino dedicandosi alla caccia. La traccia più evidente dello stanziamento a carattere continuativo dell'uomo durante il Paleolitico superiore, circa 18-14.000 anni fa, è rappresentata dalla Grotta di Ciccio Felice alle pendici del monte Salviano. Nel periodo italico, dall'età del ferro, questi luoghi furono abitati dai Marsi, un popolo italico di lingua osco-umbra. Questi riuscirono a conservare a lungo un certo margine di autonomia interna fino a quando, nel I secolo a.C., in seguito alla guerra sociale fu estesa a tutti gli Italici la cittadinanza romana. Nel periodo che seguì le genti della regione seppero adattarsi rapidamente al mutato ordine politico-sociale. Tra Duecento e Trecento, si conclusero i processi che portarono alla confluenza di diversi villaggi nell'unico centro di Avezzano. Da quel momento la città conobbe il dominio di più signori, dai Marsi ai Normanni finanche - per un certo periodo - degli Svevi.

L'abolizione dei feudi, nel 1806 permise al territorio del Fucino di ottenere una certa indipendenza, che si tradusse in un periodo di prosperità. Il 4 maggio 1811 verrà decretata l’istituzione del distretto di Avezzano, che diverrà, dal quel momento, il capoluogo della Marsica. Ad opera del banchiere Alessandro Torlonia, nella seconda metà del 1800, fu definitivamente prosciugato il lago Fucino che aveva una superficie di circa 15.000 ettari, terzo in Italia per estensione. La colossale opera, la più lunga galleria realizzata dai tempi antichi fino all'inaugurazione nel 1871 del traforo ferroviario del Frejus tra Francia e Italia, richiese decenni di lavoro per maestranze e tecnici. Fu ripreso lo stesso progetto di 18 secoli prima, ristrutturando ed ampliando l'opera dell'imperatore Claudio (41-52 d.C.). Il Fucino che aveva una profondità massima nel "bacinetto" di 30 metri, defluì lentamente attraverso l'emissario e i cunicoli di Claudio, riversando le acque nel fiume Liri dallo sbocco del canale principale, situato sotto l'abitato di Capistrello. Ai vecchi cunicoli Torlonia fece aggiungere anche altri canali e sfiatatoi. L'ingegnere Alessandro Brisse, ultimo direttore dei lavori che iniziarono nel 1855, portò a compimento l'opera tra il 1873 e il 1876. Fu solo il 1° ottobre del 1878 che il lago Fucino fu dichiarato prosciugato.

Pochi decenni dopo la bonifica del Fucino e nel pieno dello sviluppo socio-economico dell'area fucense si verificò l'evento più tragico: il terremoto della Marsica del 13 gennaio 1915. Fu un fenomeno sismico di indicibile gravità, per danni e numero di vittime è classificato tra i terremoti più disastrosi avvenuti in Italia. Causò 30.519 morti, secondo studi recenti del Servizio Sismico Nazionale, devastando numerosi comuni del centro Italia. Quasi totalmente distrutta la città venne ricostruita ma nel corso della seconda guerra mondiale dovette subire di nuovo gravissimi danni a causa dei bombardamenti aerei degli anglo-americani a cui seguirono le violente rappresaglie naziste. Avezzano oggi figura tra i centri più dinamici della regione abruzzese.

Come orientarsi[modifica]

Uffici turistici[modifica]

Centro della città[modifica]

Fontana ottocentesca di piazza Torlonia
Il borgo di Antrosano

Il centro della città di Avezzano ruota essenzialmente attorno all'ampia piazza Risorgimento in cui si affaccia la chiesa madre della diocesi la cattedrale dei Marsi, ricostruita ex novo dopo il disastroso terremoto che nel 1915 distrusse l'antico centro storico cittadino. L'area centrale include i punti generatori di piazza Matteotti, presso la stazione ferroviaria, e di piazza Castello da cui a raggiera si diramano le principali arterie. L'aspetto moderno di Avezzano è caratterizzato da una struttura regolare costituita da strade frequentemente incrociate in angoli retti ed una maglia viaria ortogonale. Il sistema stradale è dotato perlopiù di marciapiedi larghi ed alberati. L'utilizzo di una mappa è raccomandato, tuttavia il centro cittadino non essendo particolarmente esteso permette di raggiungere piuttosto facilmente attraversando le centrali corso della Libertà e via Guglielmo Marconi il palazzo Municipale, la piazza della Repubblica e i giardini di piazza Torlonia. Non distante si trova il parco Torlonia in cui sono ospitati l'omonimo palazzo storico, il giardino romantico e il padiglione ligneo. A poca distanza si trovano il castello Orsini-Colonna e la chiesa di San Giovanni Decollato.

Quartieri[modifica]

I quartieri più antichi e popolosi sono San Rocco, dal nome della chiesa, la cui area è inclusa nel quadrilatero centrale composto da via Montello, via XX Settembre, via dei Fiori e via don Luigi Sturzo; il Cupello, zona che si estende a sud-est del centro urbano tra via Garibaldi e via XX Settembre e il contiguo quartiere di Sant'Andrea, da cui si può raggiungere la sua moderna parrocchia dedicata alla Santissima Trinità e la non distante piazza Cavour. Il quartiere di San Nicola, situato a sud, figura anch'esso tra i più popolosi e antichi rioni della città, include piazza Castello accanto alla quale si trova la chiesa di San Giovanni Decollato. Il quartiere di via Napoli risale ad ovest includendo i numerosi vicoli e l'omonima arteria che collega la città alla riserva naturale guidata Monte Salviano. I popolosi quartieri di Borgo Angizia, Chiusa Resta e dei Frati ruotano attorno alle chiese di San Pio X e di San Francesco. Il quartiere di Cesolino si estende lungo via Roma alle porte della città, arteria che collega Avezzano al centro commerciale di Cappelle dei Marsi. I quartieri moderni di Barbazzano, Borgo Pineta, La Pulcina e Scalzagallo sono situati nella zona nord.

Frazioni[modifica]

Sono otto le frazioni disposte lungo i circa 104 km² del territorio comunale. Antrosano è caratterizzata dall'antico borgo medievale e dalla chiesa di Santa Croce. Borgo Incile è situata ai bordi dell'altopiano del Fucino in cui insiste il monumentale Incile del Fucino, non distante dall'opera idraulica di epoca romana dei Cunicoli di Claudio. Borgo Via Nuova è un'area urbana contigua al nucleo industriale. Caruscino, popolosa area residenziale, è situata a sud della città. Il borgo di Castelnuovo è situato tra Avezzano e il sito archeologico di Alba Fucens. Il paese di Cese dei Marsi si trova nei piani Palentini alle pendici del versante occidentale del monte Salviano. Le frazioni più popolose di San Pelino e Paterno sono situate lungo la via Tiburtina Valeria in direzione Celano.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Portale di benvenuto

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

In auto[modifica]

La città è comodamente raggiungibile attraverso l'autostrada A24 Roma-L'Aquila-Teramo e la diramazione dell'autostrada A25 Torano-Pescara, che si trova a pochi chilometri dal casello di Avezzano. Le altre arterie stradali costituenti la rete principale sono la superstrada Avezzano-Sora (SS 690), la strada statale 82 della Valle del Liri, la strada statale 5 Via Tiburtina Valeria e la strada statale 578 Salto Cicolana.


In treno[modifica]

Stazione ferroviaria di Avezzano

La stazione di Avezzano, è servita dalle relazioni che percorrono la ferrovia Roma-Avezzano-Sulmona-Pescara e funge altresì da località di diramazione con la linea Avezzano-Roccasecca che collega la città con Sora e Cassino.

La rete nazionale di Trenitalia gestisce le linee ferroviarie Roma-Avezzano-Sulmona-Pescara ed Avezzano-Roccasecca.

Alcuni esempi di tratte sono:

  • Da Roma Termini ad Avezzano (tempo medio di percorrenza circa un ora e 30 minuti)
  • Da Roma Tiburtina ad Avezzano (circa un ora e 50 minuti)
  • Da Pescara Centrale ad Avezzano (circa un ora e 50 minuti)
  • Da Roccasecca ad Avezzano (circa 2 ore)

In autobus[modifica]

Alcune altre autolinee a lunga percorrenza collegano Avezzano a diverse località italiane come Roma, Rieti, Pescara, Napoli, Ancona, Bologna, Milano ed anche a località estere.

Come spostarsi[modifica]

Casello autostradale di Avezzano della A/25

Con mezzi pubblici[modifica]

La mobilità urbana e suburbana è gestita dalla 6 SCAV (Società Comunale Autobus Avezzano).

In taxi[modifica]

Chiamata diretta presso il posteggio di piazza Matteotti (di fronte alla stazione ferroviaria di Avezzano) 7 Taxi Avezzano.

In auto[modifica]

Dall'autostrada A24 Roma-L'Aquila-Teramo e dall'autostrada A/25 Torano-Pescara uscire al casello di Avezzano, posto a nord della città. Il tratto iniziale della SS 690 Avezzano-Sora (nota anche come superstrada del Liri) presenta diverse rampe di uscita: Avezzano nord-ospedale, Tiburtina Valeria-Tagliacozzo, Avezzano centro via Napoli/via San Francesco e Area industriale. La Strada statale 82 della Valle del Liri collega Avezzano con il Basso Lazio, terminando il suo percorso ad Itri in provincia di Latina; la Strada statale 5 Via Tiburtina Valeria, ha inizio a Roma, collega la capitale con Tivoli, Avezzano, Sulmona e Pescara; la Strada statale 578 Salto Cicolana, collega Rieti con Avezzano.

Cosa vedere[modifica]

Castello Orsini-Colonna in Avezzano.jpg
1 Castello Orsini-Colonna, piazza Castello (centro città), +39 0863 5011, fax: +39 0863 501227, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Il maniero fu fatto edificare nel 1490 da Gentile Virginio Orsini sui resti della preesistente torre del XII secolo del feudatario Gentile di Palearia. Grazie a Marcantonio Colonna, che scelse Avezzano tra le sue residenze, nel XVI secolo il castello venne adeguato a palazzo signorile fortificato e circondato da un giardino. Gravemente danneggiato dal terremoto del 1915 e dai bombardamenti del 1944 venne restaurato negli anni novanta sul progetto dell'architetto Alessandro Del Bufalo dopo un lungo iter progettuale e burocratico. Al primo piano sono state realizzate il palco e la platea per gli spettacoli teatrali e per i convegni, mentre alcune aree del piano superiore hanno ospitato per alcuni anni la pinacoteca d'arte moderna. Possono essere ammirati i plastici che riproducono alcune aree storiche della città prima del sisma del 1915 come piazza castello e il palazzo Torlonia. Castello Orsini-Colonna su Wikipedia Q3662348 su Wikidata
Avezzano Pal Torlonia est2016.jpg
2 Villa Torlonia, via XXIV Maggio (piazza Torlonia), @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Villa Torlonia è un importante parco nel centro di Avezzano. Di pianta rettangolare si estende per vari ettari e comprende l'omonimo palazzo, gli spazi dedicati alla sezione dell'Archivio di Stato, la sala convegni "Antonio Picchi", la ghiacciaia del principe e il museo della civiltà contadina e pastorale allestito presso il caratteristico padiglione Torlonia. Nel parco è possibile ammirare il giardino romantico e gli alberi secolari di varie specie che ne fanno un polmone verde situato al centro della città. Gli edifici presenti all'interno del parco, in origine utilizzati come magazzini e granai, sono spesso impiegati per mostre e fiere. Nell'ampio giardino è collocata una interessante raccolta di mezzi agricoli, adoperati dai primi contadini del Fucino tra la fine dell'ottocento e i primi decenni del secolo successivo, per diradare ed arare il terreno e per trebbiare grano e cereali. Si può inoltre visitare un laghetto artificiale posto dinanzi alla neviera. All'interno del parco ci sono due statue in ghisa raffiguranti l'Immacolata Concezione, le sculture realizzate da un laboratorio napoletano vennero utilizzate da Alessandro Torlonia per segnare i confini delle terre emerse dell'ex lago Fucino prosciugato nella seconda metà del 1800. Villa Torlonia (Avezzano) su Wikipedia Q4012589 su Wikidata
Casina di Caccia Torlonia.jpg
3 Padiglione Torlonia, Villa Torlonia (piazza Torlonia), @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Il padiglione Torlonia, detto impropriamente "Chalet" o "Casino di caccia", è una struttura lignea a pianta ottagonale con tetti spioventi che coprono vestigia assai ben conservate, il cui portico è impreziosito da intrecci di rami è incorniciato da selci. La struttura venne realizzata in legno di larice e castagno dai falegnami romani della ditta Frosini e Boccaccini nel 1891. L'opera che fu acquistata da Alessandro Torlonia per abbellire la sua villa venne utilizzata per esporre i reperti archeologici emersi durante il prosciugamento del Fucino e le armi di casa Torlonia che determinarono l'accezione di "Casino di caccia". Non compromessa dal terremoto del 1915, subì un'importante prima azione di restauro nel 1980, durante la quale l'artista marsicano Pasquale Di Fabio realizzò le pitture della volta. Il padiglione ospita il museo della civiltà contadina e pastorale: gli arnesi della fatica e dell'operosità agricola hanno così trovato ospitalità in un ambiente che nella storia è stato appannaggio esclusivo della nobiltà. Sulle pareti è possibile osservare fotografie d'epoca del Lago Fucino e dei paesi ripuari che vivevano dell'abbondante pescosità delle acque. Vi sono conservate, infine, delle illustrazioni ottocentesche del viaggiatore inglese Edward Lear con raffigurazioni a china degli scenari paesaggistici della Marsica. Padiglione Torlonia su Wikipedia Q25174966 su Wikidata
Basilica dei Marsi Avezzano.jpg
4 Cattedrale dei Marsi, piazza Risorgimento (centro città), +39 0863 413827, fax: +39 0863 412725, @ curiamarsi@libero.it. La chiesa, ricostruita più volte nell'arco dei secoli, andò nuovamente distrutta nel 1915 a causa dal terremoto che colpì la Marsica. L'edificio sacro delocalizzato rispetto alla precedente sede venne ricostruito a partire dagli anni trenta sul progetto dell'architetto Sebastiano Bultrini. Il progetto originario della ricostruzione post-sisma subì tuttavia notevoli modifiche. La chiesa consacrata nel 1942 diventò la nuova cattedrale della diocesi dei Marsi. Ad Avezzano, infatti, venne trasferita da Pescina la cattedra diocesana, già dal 1924 con la bolla "Quo aptius" di papa Pio XI. Danneggiata nuovamente dai bombardamenti aerei del 1944 non subì fortunatamente danni irreparabili. Venne restaurata sul progetto preliminare dell'architetto Pasquarelli, infine su quello definitivo dell'ingegnere Giuseppe Mazzocca che disegnò la piazza antistante. Di grandi dimensioni ha una base a croce latina e tre spaziose navate divise da pilastri. L'organo costruito nel 1975 è opera della Pontificia Fabbrica d'organi Tamburini. La chiesa è affiancata sul lato di via Marconi dall'alto campanile a base quadrata. Cattedrale di Avezzano su Wikipedia Q2942552 su Wikidata
Sanutario Madonna di Pietraquaria Avezzano.jpg
5 Santuario della Madonna di Pietraquaria, Nucleo di Pietraquaria (strada regionale 82, monte Salviano), +39 0863 413827, fax: +39 0863 412725, @ curiamarsi@libero.it. Situato sul monte Salviano il santuario venne ricostruito dal popolo avezzanese agli inizi dell'ottocento sulla base di un luogo di culto di più piccole dimensioni risalente al duecento. La chiesa e il nucleo originari vennero distrutti da Carlo I d'Angiò per ritorsione dopo la vittoria su Corradino di Svevia avvenuta nel 1268 a seguito della battaglia di Tagliacozzo. Lungo la via Crucis del monte Salviano si trova la cappella che conserva la pietra dove secondo una leggenda all'inizio dell'ottocento il cavallo della Madonna incise con un colpo un suo zoccolo. Maria chiese ad un pastorello sordomuto, dopo avergli ridonato parola e udito, di invitare gli abitanti a ricostruire il santuario a Lei dedicato. Il nuovo edificio religioso di modeste dimensioni venne edificato a cominciare dai primi anni del seicento per essere ampliato in modo definitivo nel XIX secolo. Alla fine dell'ottocento vennero ricostruiti per volontà di Alessandro Torlonia, prosciugatore e principe del Fucino, il convento e il campanile. L'impianto presenta una base a croce latina con una sola navata. Il convento, situato a fianco alla chiesa, è custodito dai frati cappuccini e annette la Domus Mariae edificata negli anni cinquanta. Santuario della Madonna di Pietraquaria su Wikipedia Q3949833 su Wikidata
S Giovanni Avezzano.jpg
6 Chiesa di San Giovanni Decollato, piazza Castello/via San Francesco (centro città), +39 0863 413827, fax: +39 0863 412725, @ curiamarsi@libero.it. L'edificio originario la cui edificazione risale agli ultimi anni del XIII secolo era dedicato a San Francesco d'Assisi. La chiesa che crollò quasi completamente a seguito del terremoto del 1915, venne riedificata negli anni trenta e dedicata a San Giovanni Decollato. Situata di fronte al castello Orsini-Colonna è caratterizzata da stili architettonici variegati avendo subito nel corso dei secoli ampliamenti ed adeguamenti, oltre alla ricostruzione completata nel secolo scorso. Il portale laterale cinquecentesco proviene dalla chiesa scomparsa di Santa Maria in Vico andata completamente persa a seguito del sisma, il frontone della facciata frontale riporta la frase latina dell'antico testamento "Quam terribilis est locus iste". A navata unica, al suo interno si mescolano vari stili architettonici e tracce del gotico francescano. Il campanile a base quadrata con cuspide svetta di fronte al castello. Chiesa di San Giovanni Decollato (Avezzano) su Wikipedia Q24286018 su Wikidata
Municipio di Avezzano.jpg
7 Palazzo municipale, piazza della Repubblica, 8 (centro città), +39 0863 5011, fax: +39 0863 501227, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Il Palazzo municipale di Avezzano è situato in piazza della Repubblica nel centro urbano della città, ospita gli uffici amministrativi del comune di Avezzano. Progettato nel 1920 dall'ingegnere Sebastiano Bultrini, è stato inaugurato nella prima metà degli anni venti e completato definitivamente nel 1928, alcuni anni dopo il terremoto del 1915. Stilisticamente il palazzo si presenta come una residenza toscana del quattrocento dagli elementi architettonici neomedievali ed una facciata accompagnata lateralmente da due altane simmetriche con finestre circolari sulla parte superiore e bifore su quella inferiore. Le tre finestre trifore sono posizionate sul corpo centrale dotato di un balcone. Il piano terra è caratterizzato da un portico su pilastri in cui nel 1931 fu installata una lapide commemorativa, opera dell'architetto Luigi Gallo, in ricordo di Nazario Sauro che soccorse insieme agli irredentisti la popolazione colpita dal sisma del 1915. All'interno le pitture di Ferdinando Stracuzzi raffigurano i lavori per la bonifica dell'area fucense e la ricostruzione della città dopo il 1915. Sono esposti alcuni piattini realizzati da Carlo Albani che raffigurano gli stemmi ufficiali del comune. Il giardino romantico, in cui si trovano alcuni reperti archeologici, circonda posteriormente il palazzo. Palazzo Municipale (Avezzano) su Wikipedia Q24705089 su Wikidata
Interno Cunicolo del Ferraro.jpg
8 Cunicoli di Claudio, via Galileo Galilei (direzione nucleo industriale), +39 0863 501272, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Ai bordi occidentali della piana del Fucino, alle pendici del monte Salviano, si trovano gli imponenti Cunicoli di Claudio. Si estendono in un percorso sotterraneo oltre il monte Salviano per circa 5.600 metri presentando una sezione con diametro variabile dai 5 ai 10 m². L'opera, risalente al primo secolo dopo Cristo, tra il 41 e il 52, la si deve all'imperatore romano Claudio che per primo tentò di prosciugare il lago Fucino. La sua realizzazione vide lo sfruttamento di 25.000 uomini, tra operai e schiavi che scavarono anche manualmente cunicoli e pozzi di servizio per l'emissario per oltre un decennio. L'opera claudiana comprende infatti 32 pozzi verticali e 6 cunicoli inclinati che servirono da supporto all'emissario principale che permise il deflusso delle acque del lago oltre il ventre del monte Salviano lungo il fiume Liri nel versante opposto nel comune di Capistrello. Nel 1977 è stato inaugurato il parco archeologico con il fine di preservare e valorizzare il patrimonio storico-architettonico. Non distante a Borgo Incile si trova la testata dell'emissario claudio-torloniano su cui svetta l'imponente statua di Maria Immacolata Concezione, opera dell'architetto Carlo Nicola Carnevali. Cunicoli di Claudio su Wikipedia Q23000145 su Wikidata
Emissario torloniano.jpg
9 Incile del Fucino, Strada 20 del Fucino (Borgo Incile), +39 0863 414870, fax: +39 0863 416589, @ info@bonificaovest.it. Nel 41 d.C. l'imperatore Claudio oltre agli omonimi cunicoli fece realizzare l'emissario romano attraverso il quale si poté prosciugare il lago. 18 secoli dopo Alessandro Torlonia riprendendo l'opera e realizzando il definitivo prosciugamento del bacino lacustre fece restaurare ed ingrandire la galleria sotterranea. Lunga oltre sei chilometri, presenta una sezione variabile da 5 a 10 m² con dislivello di 8,44 metri ed una pendenza pari a 1.5m/km. L'opera maestosa che sovrasta l'emissario è in stile neoclassico e venne realizzata nel 1876. L'architetto Carlo Nicola Carnevali progettò il ponte delle paratoie e la sovrastante statua in pietra dell'Immacolata Concezione di Maria alta sette metri, oltre al circostante giardino all'italiana. L'Incile del Fucino ancora funzionante presenta due vasche, una trapezoidale, l'altra di forma esagonale e tre saracinesche. Una piccola gola separa la vasca maggiore dall'area dell'avambacino. La visita all'area monumentale è possibile tramite guida e prenotazione. Incile del Fucino su Wikipedia Q29749108 su Wikidata
Via dei Marsi.jpg
10 Riserva naturale guidata del monte Salviano, Monte Salviano (strada regionale 82 della Valle del Liri), +39 0863 501249, fax: +39 0863 501268, @ riservasalviano@comune.avezzano.aq.it. La Riserva del monte Salviano, già parco periurbano, è stata istituita il 23 dicembre del 1999. Comprende un'area di circa 722 ettari. L'area protetta è frequentata per fare footing ed esercizio fisico essendo dotata di un percorso pedonale, protetto dal traffico viario e di diversi sentieri mappati e segnalati. La pineta, composta perlopiù da pini neri e castagni, rappresenta l'area di maggiore caratterizzazione della riserva, in particolare lungo il percorso che conduce al santuario della Madonna di Pietraquaria. Tra gli animali tipici della riserva, troviamo lo scoiattolo (simbolo dell'area protetta), il tasso, la volpe, la puzzola, la donnola, la lepre, il grifone e numerosi fringuellidi. L'area è ricca di salvia officinalis e dei fiori gialli del salvione. Il santuario della Madonna di Pietraquaria, situato a 1.000 metri di quota, è uno dei luoghi più amati e frequentati della città. Vicino ad esso si trova la casa del Pellegrino, una struttura in cui sono esposte le erbe, le piante e i frutti della montagna. Sul valico si trova l'opera dello scultore Pietro Cascella ispirata alla creazione della vita, denominata "Teatro della Germinazione". I sentieri di maggiore fascino e interesse sono l'antica "via dei Marsi", un percorso montano già esistente in epoca preromana e il sentiero intitolato al pioniere dello scautismo, lord Baden Powell, che conduce verso il "Crocione", gigante di legno posto tra gli alberi secolari nel lontano 1902. Riserva naturale guidata Monte Salviano su Wikipedia Q3936806 su Wikidata
Collegiata San Bartolomeo Avezzano 2017.jpg
11 Ex collegiata di San Bartolomeo, Largo San Bartolomeo (via Orazio Mattei), +39 0863 31163, @ sba-abr@beniculturali.it. La collegiata di San Bartolomeo era il principale edificio religioso di Avezzano. La chiesa andò completamente distrutta a seguito del terremoto del 13 gennaio 1915. Nell'area di scavo dal 2004 sono tornate alla luce le fondamenta dell'edificio, nel corso degli anni sono emersi i sepolcri collettivi, il sepolcro dei sacerdoti, l'ossario e i resti della chiesa databile tra il XVI e il XVIII secolo ed alcune aree delle preesitenti chiese edificate nel IX-X secolo e nel XII secolo. La chiesa divenne per volontà del cardinale Marcantonio Colonna una delle case spirituali delle suore trinitarie. Qui operò dal 1762 la fondatrice dell'istituto religioso madre Maria Teresa Cucchiari. La religiosa venne sepolta con ogni probabilità in un sepolcro dell'edificio religioso il 10 giugno 1801. Il terremoto del 1915 ha permesso di riscoprire diversi elementi relativi alle diverse fasi imperiale, medievale e rinascimentale dell'ex collegiata. Nel 2017 sono tornati alla luce i resti di sette tombe di epoca aragonese. L'area attualmente sottoposta ad ulteriori attività di scavo e di indagini rappresenta l'originario centro urbano di Avezzano prima della devastazione del sisma. Nel 1965 il genio civile realizzò il monumento commemorativo riedificando una piccola parte del campanile. Collegiata di San Bartolomeo (Avezzano) su Wikipedia Q25766798 su Wikidata
Grotta di Ciccio Felice Avezzano 8 2016.jpg
12 Grotta di Ciccio Felice, via Antonio Pacinotti (direzione nucleo industriale), +39 0863 501272, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. La grotta di Ciccio Felice è una cavità naturale che si apre sulle pendici orientali del monte Salviano in corrispondenza della strada 6 nel bordo occidentale della piana del Fucino. La grotta di piccole dimensioni presenta una profondità di circa 10 metri, una larghezza pari a circa 23 e un'altezza che varia dai 2 ai 4 metri. La prima esplorazione che risale al 1949 e studi successivi hanno consentito di ricostruire in buona parte le vicende dell'uomo e le modalità del suo stanziamento nel territorio del Fucino negli ultimi 20.000 anni. La grotta, nel corso della seconda guerra mondiale, venne utilizzata dagli abitanti di Avezzano come riparo dai bombardamenti aerei alleati che devastarono la città situata a nord della linea di Cassino e lungo gli assi delle comunicazioni stradali e ferroviarie del centro Italia. La caverna è affiancata a poca distanza dalla grotta Afra, un riparo di più piccole dimensioni scoperto nel 1956. Le prime notizie scientifiche relative all'esplorazione e alle ricerche nella grotta di Ciccio Felice risalgono al 1949 dopo che l'archeologo Pietro Barocelli insieme ad Antonio Mario Radmilli effettuò la prima ricognizione all'interno della cavità, ulteriori scavi e ricerche si sono succeduti nel corso del XX secolo. Grotta di Ciccio Felice su Wikipedia Q25367535 su Wikidata
Mon funerari valle Solegara Avezzano 6.jpg
13 Monumenti funerari di Valle Solegara, Valle Solegara (tra Antrosano e l'area nord della città). Nella località posta a sud del colle Pettorino di Alba Fucens, tra la frazione di Antrosano e l'area nord della città si trovano i monumenti funerari di valle Solegara. I mausolei collocati al lato dell'originario tracciato della via Valeria presentano tombe risalenti con ogni probabilità tra il VII e il V secolo a.C. Nell'area sono emerse tracce che fanno risalire la presenza dell'uomo già in epoca protostorica. Alcuni materiali sono tornati alla luce da tombe di epoca safina antecedente all'edificazione della colonia romana di Alba. Non distante, tra le frazioni di Antrosano e Cappelle dei Marsi, si trova il sito d'interesse archeologico di Cretaro-Brecciara, la cui necropoli è tornata alla luce durante i lavori di realizzazione dell'interporto di Avezzano. Le tombe sono risalenti tra l'VIII e il VII secolo a.C., mentre altri reperti come dischi corazza, dischi femminili ornamentali e ciondoli appartengono all'età repubblicana.
Villa romana avezzano a.jpg
14 Villa romana, via Tiburtina Valeria, km 112,500 (direzione centro commerciale "I Marsi"), +39 0863 31163, fax: +39 0871 3295464, @ sba-abr@beniculturali.it. Il sito archeologico della villa romana di Avezzano presenta i resti di un grande edificio rustico edificato in epoca romana. Situati nel territorio della contemporanea città di Avezzano, lungo l'originario e antico tracciato della via Tiburtina Valeria, i resti della villa sono affiancati dalla moderna strada statale 5 via Tiburtina Valeria. L'area d'interesse archeologico è tornata alla luce nel 2004 in seguito a lavori di scavo volti alla realizzazione di un centro commerciale ed è stata aperta al pubblico nel 2008. Edificata nel II secolo a.C. in un podere di circa 3.000 metri quadri che ricadeva nella campagna di Alba Fucens, la colonia fondata dai romani tra il 304 e il 303 a.C. La fattoria venne utilizzata dai coloni in primo luogo per le coltivazioni agricole e per altre attività produttive che si resero necessarie per il fabbisogno della numerosa popolazione di Alba Fucens. Abitata fino all'inizio del VI secolo d.C la villa romana venne abbandonata con ogni probabilità a seguito di un terremoto che sconvolse l'intera area. Villa romana di Avezzano su Wikipedia Q25860174 su Wikidata
Aia dei Musei Avezzano 2017.jpg
15 Aia dei Musei, via Nuova, 33 (direzione Borgo Via Nuova), +39 0863 1809821, @ info@associazioneantiqua.it. Il museo si articola in due sezioni: "Le Parole della Pietra", ovvero l'ex museo lapidario di Avezzano che ospita un centinaio di lapidi e iscrizioni dall'età romana al rinascimento, fino alla piccola sala dedicata al terremoto del 1915 e "Il Filo dell'Acqua", spazio espositivo dedicato al prosciugamento del lago Fucino che è un allestimento multimediale in cui è illustrata la grande opera idraulica che ha portato alla scomparsa del terzo lago più esteso d'Italia, modificando economia ed abitudini degli abitanti della Marsica. La sala dedicata alla città di Avezzano prima del terremoto del 1915 raccoglie stemmi gentilizi, il portale della Chiesa di San Nicola, i capitelli della cattedrale di San Bartolomeo e altri pezzi provenienti da edifici distrutti dal sisma del 1915. Le altre stanze espongono epigrafi che parlano di personaggi romani come il dittatore Silla e il capo della Lega Italica Poppedio Silone, e lapidi provenienti dalle aree archeologiche di Alba Fucens, Lucus Angitiae, Marruvium e Ortona dei Marsi. L'annesso centro culturale "Giovanni Bozzi" ospita una ricca biblioteca. Visite guidate su prenotazione. Aia dei Musei (Avezzano) su Wikipedia Q3868399 su Wikidata

Gallerie d'Arte[modifica]


Eventi e feste[modifica]

Cerimonia di apertura della Settimana Marsicana
Fiera dei Marsi
Focaraccio in onore della Madonna di Pietraquaria
Illuminazioni natalizie collocate in Piazza Risorgimento
  • 8 Circuito di Avezzano (manifestazione itinerante con partenza dal centro città), +39 320 4157890, @ info@circuitodiavezzano.it. Simple icon time.svg giugno. Manifestazione di auto d'epoca che ripropone il tradizionale Trofeo Micangeli che negli anni cinquanta veniva organizzato tra i tornanti del monte Salviano. La kermesse automobilistica negli anni ottanta prese il nome di Trofeo Di Lorenzo. Dagli anni duemila l'evento è stato riproposto con una veste diversa, oltre al trofeo Micangeli e alla coppa Di Lorenzo prevede infatti un percorso con partenza da Avezzano e tappe in alcuni centri della Marsica e della provincia, l'esposizione delle vetture in piazza Risorgimento e il circuito serale cittadino.
  • 9 Festa di Pietraquaria, +39 0863 413827, fax: +39 0863 412725, @ curiamarsi@libero.it. Simple icon time.svg 27 aprile. La festa religiosa più importante della città dedicata alla sua protettrice, la Madonna di Pietraquaria. Molto sentita e partecipata è la processione organizzata a turno dalle confraternite più antiche di Avezzano: San Giovanni e San Rocco. I rispettivi percorsi si alternano di anno in anno.
  • 10 Festival della canzone Città di Avezzano, via Cavalieri di Vittorio Veneto (presso il teatro dei Marsi). Simple icon time.svg aprile. Da più di venti edizioni, il festival si propone come una delle più importanti passerelle televisive nazionali per giovani talenti: interpreti, cantautori e gruppi musicali. Gli artisti concorrono presentando brani inediti eseguiti dal vivo con l'accompagnamento dell'orchestra diretta dal maestro Tiziana Buttari. Il premio "Civiltà dei Marsi", è un prestigioso riconoscimento che ogni anno viene attribuito ai protagonisti internazionali della cultura, della televisione, del giornalismo, della musica, del cinema, del teatro, della prosa, della danza, dell'arte e dello spettacolo.
  • 11 Festival internazionale Avezzano blues, piazza Risorgimento (centro città), +39 0863 501272, fax: +39 0863 501268, @ urp@comune.avezzano.aq.it. Simple icon time.svg luglio. Ogni anno prendono parte alla kermesse famosi chitarristi e le grandi firme del blues e del soul mondiali e nazionali.
  • 12 Festival letterario Sei giornate in cerca d'autore, Arena Mazzini (centro città), +39 0863 36191, @ seigiornateincercadautore@yahoo.it. Simple icon time.svg giugno-luglio. Il festival vede protagonisti illustri autori, giornalisti ed artisti. Anche gli scrittori emergenti sono ospiti nel salotto culturale della città dove hanno la possibilità di presentare il proprio volume. A latere non mancano la musica e gli spettacoli per bambini. L'evento propone il libro come mezzo di sviluppo culturale e personale.
  • 13 Fiera dei Marsi, via Albert Einstein, 1 (via Camillo Cavour - nucleo industriale), +39 0863 1857734, @ info@fieradeimarsi.it. Simple icon time.svg giugno. Importante evento fieristico che si propone come una sorta di Expo della Marsica. Un numero rilevante di espositori e migliaia di visitatori animano gli oltre 7000 metri quadrati dello spazio fiera al coperto e i circa 20000 metri quadrati dell'area esterna per un totale di circa 130 stand. Variegati eventi caratterizzano le giornate della fiera dei Marsi. Le associazioni di categoria del territorio, gli artigiani, i commercianti e gli imprenditori del centro Italia promuovono e rilanciano i prodotti e le attività di ogni genere puntando allo sviluppo dei settori culturali, produttivi e turistici anche oltre i confini regionali.
  • 14 Fiera di Pietraquaria (centro città). Simple icon time.svg 25 aprile. Centinaia gli espositori e le onlus presenti lungo le strade del centro città. Nell'ambito della fiera la Cidec, la confederazione italiana degli esercenti-commercianti, organizza il mercatino dell'antiquariato in Piazza Risorgimento.
  • 15 Fiera di Santo Stefano (centro città). Simple icon time.svg 26 dicembre. Importante fiera che fa registrare ogni anno migliaia di visitatori che giungono ad Avezzano dai centri marsicani e del centro Italia. Centinaia di stand presentano prodotti di ogni genere e i prodotti tipici locali.
  • 16 Fiera Magia del Fare, via Albert Einstein, 1 (nucleo industriale), +39 348 4078001, @ ag.orizzonte@alice.it. Simple icon time.svg settembre-ottobre. La fiera campionaria di Avezzano "Magia del Fare" vede la partecipazione di un numero rilevante di espositori e di migliaia di visitatori che animano la tre giorni di esposizioni ed eventi. Vengono esposti e presentati i numerosi prodotti e le variegate attività che operano nel territorio puntando al rilancio commerciale ed artigianale delle imprese del settore.
  • 17 Kimera Rock, via Albert Einstein, 1 (palazzo Fiera), @ info@kimerarock.com. Simple icon time.svg luglio. Kermesse di musica che si svolge durante l'estate presso il centro fieristico ospitando gruppi e nomi di fama internazionale del panorama musicale rock. Durante l'anno l'associazione culturale "Mind Over All" organizza eventi itineranti di musica rock e non solo ad Avezzano e nella Marsica.
  • 18 La notte dei Focaracci. Simple icon time.svg 26 aprile. Allo scendere della sera vengono accesi in tutti i quartieri della città i cosiddetti "focaracci", fuochi devozionali (simili ai fuochi di Beltane) alla Madonna di Pietraquaria, attorno ai quali si eseguono canti popolari e religiosi e piccoli concerti musicali. La festa è un'occasione per rincontrare gli emigranti che tornano ad Avezzano da ogni dove.
  • 19 Mercatino di Natale (piazza Risorgimento). Simple icon time.svg 6-28 dicembre. L'elegante Piazza Risorgimento, ospita ogni anno dal 6 al 28 dicembre il mercatino di Natale. Per l'occasione viene allestito un intero villaggio di Natale, con chioschi in legno e luci colorate e ogni angolo di Avezzano si riempie di vita durante il periodo d'Avvento. Oltre alla vendita di prodotti e oggettistica natalizia, all'interno del villaggio viene allestita una caratteristica pista di pattinaggio sul ghiaccio.
  • 20 Settimana Marsicana, via XXIV Maggio (presso villa Torlonia), +39 328 2085335, @ prolocoavezzano@hotmail.com. Simple icon time.svg agosto. Serie di eventi artistici, sportivi, musicali e legati all'enogastronomia tipica della Marsica. La kermesse ripropone la tradizionale Settimana Marsicana che negli anni sessanta venne affiancata al premio Avezzano, rassegna di carattere nazionale riservata alle arti figurative.
  • 21 Villaggio dei Fiori, piazza Risorgimento (centro città), +39 340 2345499, @ urp@comune.avezzano.aq.it. Simple icon time.svg aprile. Manifestazione florovivaistica che si svolge in piazza Risorgimento. Piante e fiori vengono esposte in stand posizionati al centro della piazza e in casette di legno. Le decorazioni floreali la sera vengono impreziosite con un sistema di luminarie e particolari giochi di luce colorata.


Cosa fare[modifica]

Stadio dei Pini
  • 1 Centro fieristico di Avezzano, via Albert Einstein, 1 (nucleo industriale), +39 0863 5011, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Ospita fiere di importanza nazionale dell'artigianato in tutte le sue forme, dell'industria, della tecnologia, dell'elettronica. La fiera campionaria di Avezzano "Magia del Fare" e la fiera dei Marsi si tengono annualmente nel periodo estivo. Il palazzo Fiera ospita anche concerti di musica pop e rock.
  • 2 Centro Studi Marsicani Ugo Maria Palanza, via XXIV Maggio (Sala del Principe a palazzo Torlonia), +39 328 2085335, @ prolocoavezzano@hotmail.com. Centro culturale che ospita una biblioteca di circa tremila volumi sulla storia del territorio, i romanzi ambientati nella Marsica, un archivio storico con faldoni dei consigli comunali e vari documenti provenienti dai centri della provincia. Oltre alla sala lettura sono presenti postazioni pc dotate di collegamento Wi-Fi.
  • 3 Galleria del Gusto, viale Isacco Newton (nucleo industriale), @ galgransassovelino@pec.it. Struttura volta a valorizzare il turismo e l'ambiente attraverso iniziative legate all'enogastronomia locale. Presenta il punto d'informazione turistica, il parco delle erbe aromatiche e della civiltà contadina.
  • 4 Polo culturale Nicola Irti, via Genserico Fontana, 6-8 (centro città), +39 0863 5011, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Centro culturale e di aggregazione sociale dotato di sala lettura ed emeroteca e di una sala convegni.
La piscina comunale
Attività sportive sul monte Salviano

Ad Avezzano ci sono diverse strutture pubbliche e private per i più disparati sport, dai campi da calcio a quelli di hockey e rugby. La città dispone anche di campi da tennis e calcetto (all'aperto e coperti):

  • 5 Avezzano Calcio, via Ferrara, 11 (stadio dei Marsi), +39 0863 1858441, fax: +39 0863 1858441, @ avezzanocalcio@yahoo.it. Principale squadra di calcio della città, attiva in tutte le categorie del calcio giovanile.
  • 6 Avezzano Rugby, via dei Gladioli (stadio del Rugby), +39 0863 32305, @ info@avezzanorugby.it. Società sportiva con prima squadra e molto attiva nei settori giovanile e femminile.
  • 7 Avezzano Hockey, via dei Gladioli (stadio dell'Hockey), @ hockeyavezzano@ymail.com. Associazione cittadina fondata nel 1969, promotrice di eventi sociali, allenamenti e partite di hockey su prato. Attiva con la prima squadra e le formazioni giovanili e femminile.
  • 8 Atletica leggera, via San Josè Maria Escrivà (stadio dei Pini), +39 392 1222747, @ usa.contatti@gmail.com. Tecnici preparati e professionali avviano i giovani in tutte le sue discipline e specialità.
  • 9 Footing, largo Francesco De Sanctis, 1 (stadio dei Pini), +39 339 6037106, @ info@usarunnersavezzano.it. Footing ed esercizio fisico presso lo stadio dei Pini, il percorso attrezzato della pineta o i sentieri della riserva naturale guidata Monte Salviano.
  • 10 Calcetto e sport al coperto, via Pereto (quartiere San Nicola, angolo via Bolzano), +39 0863 501272, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Nel palasport di via Pereto è possibile praticare varie discipline sportive al coperto come il calcio a 5, la pallacanestro e la pallavolo.
  • 11 Marsica Sporting Center, via Ada Negri, 220 (direzione Antrosano), +39 335 7312860, @ segreteria@marsicacalcio.it. Piscina all'aperto, campo da calcio, da calcio a 5 e da calcio a 8.
  • 12 Nuoto, via San Josè Maria Escrivà (Borgo Pineta), +39 0863 441621, fax: +39 0863 33357, @ cfavezzano@federnuoto.it. Con la vasca coperta da 33 metri, dotata di pontone mobile che ne consente la riduzione a 25 metri, rappresenta una vera e propria oasi per gli sport acquatici nel territorio della Marsica. Le discipline che vi si possono praticare all'interno sono il nuoto, la pallanuoto ed il nuoto sincronizzato. Altri dati: vasca didattica 18x9m, palestra, tribune 500 pax.
  • 13 Pinguino nuoto, via Massa d'Albe (direzione Alba Fucens), +39 0863 22000. Associazione sportiva fondata nel 1985 affiliata alla FIN. Il Pinguino village è dotato di piscina coperta e scoperta in cui vengono organizzati vari corsi di nuoto per adulti e giovani.
  • 14 Golf club Avezzano, via Ugo De Tiberis, 10 (traversa di via monte Cervaro a San Pelino), +39 0863 599 538, @ info@golfclubavezzano.it. Associazione amatoriale nata nel 2012, con lo scopo di riunire gli appassionati del golf.
  • 15 Scherma, via Don Luigi Sturzo (Palasport Martiri di Nassirya), +39 329 0637437, @ scherma.imarsi@gmail.com. Allenamenti e corsi organizzati dal circolo scherma "I Marsi". Gli allenamenti e i corsi di scherma, rivolti alle specialità sciabola e spada per bambini, ragazzi e adulti, sono tenuti da tecnici qualificati della Federazione italiana Scherma.
  • 16 Velodromo e pista di pattinaggio, via Giuseppe Di Vittorio (Borgo Pineta). Struttura all'aperto situata a nord della città.
  • 17 Palestra del pugilato, via San Josè Maria Escrivà (stadio dei Pini). La palestra è anche il centro federale FPI, federazione pugilistica italiana
  • 18 Avezzano basket, via Don Luigi Sturzo (Palasport Martiri di Nassirya), @ avezzanobasket@gmail.com. Storica società dilettantistica della città, nata negli anni settanta, impegnata soprattutto con i giovanissimi in tornei esordienti. Organizza corsi di basket e minibasket.
  • 19 Volley, via Maria Montessori (Palestra Scuola Giovanni XXIII). Diverse società sportive come il Club Volley Marsica, la Pallavolo Rovemarsi, la Leonessa Volley e la New Volley Avezzano promuovono la pratica della pallavolo in ambito maschile e femminile e nei settori under e minivolley.
  • 20 Bike park, Stadio dei Pini (ingresso Ovest di via delle Olimpiadi), @ info@avezzanomtb.it. Struttura situata a nord della città, riservata agli appassionati della mountain bike. La scuola di ciclismo "Avezzano Mtb Camp School" promuove l'attività tra i giovani del territorio.
  • 21 Tiro con l'arco, via Giuseppe Di Vittorio (Borgo Pineta, nei pressi dello stadio dei Pini). Le società Arcieri Aquila Reale ed Arcieri Arcobaleno di Avezzano promuovono la pratica sportiva del tiro con l'arco organizzando spesso gare agonistiche negli spazi dedicati a questo sport adiacenti allo stadio dei Pini.
  • 22 Tiro a volo, Strada statale 82 della Valle del Liri, Km 4,700 (Monte Salviano), +39 327 5547364, @ tavmarsicano@alice.it. Il club Tiro a Volo Marsicano, affiliato alla Fitav - federazione italiana di tiro al volo, promuove dal 1962 la specialità del piattello con la fossa olimpica universale, la doppia fossa e lo skeet maschile e femminile.
  • 23 Parapendio, Monte Cimarani (Strada Statale 82 della Valle del Liri, direzione nucleo di Pietraquaria), +39 368 3518685. Quota decollo 1.050 m s.l.m. sul monte Cimarani non distante dal santuario della Madonna di Pietraquaria. L'atterraggio, 500 metri più in basso, si effettua sui piani Palentini oltre l'abitato di Cese dei Marsi.
  • 24 Sci club Avezzano, via Mazzini, n.32 (sede centro città), @ info@sciclubavezzano.it. Lo sci club organizza corsi di sci per principianti e sci alpinismo sulle stazioni sciistiche di Ovindoli, Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e Scanno.
  • 25 Circolo Ippico Santa Lucia, via San Pancrazio (frazione di Castelnuovo), +39 0863 510381. Escursioni a cavallo, doma e lezioni di equitazione presso il maneggio della struttura agrituristica.


Acquisti[modifica]

  • 1 Antichi sapori d'Abruzzo, via dei Fiori, 12/14 (direzione via Panoramica), +39 0863 413901. Prodotti tipici abruzzesi
  • 2 Biscomars, via Thomas Edison (nucleo industriale), +39 0863 509356, fax: +39 0863 509356, @ biscomars@tin.it. Dolci tipici della tradizione culinaria marsicana prodotti artigianalmente
  • 3 Bottega italiana, via Giuseppe Garibaldi, 44 (centro città), +39 338 6740825, @ az.agricolapalma@gmail.com. Carote, patate, insalate e ogni genere di prodotto ortofrutticolo della piana del Fucino
  • 4 Il Buongusto, via Marruvio, 51 (centro città), +39 347 1383733. Prelibatezze enogastronomiche abruzzesi
  • 5 Kèramos, via XX Settembre, 132 (centro città), +39 347 4067967. Ceramica abruzzese, amalfitana e campana. Ceramiche artistiche.
  • 6 La fattoria di Nonno Orlando, via XX Settembre, 355 (alle porte della città), +39 0863 451928. Caseificio che produce formaggio, latte, burro, ricotta. Specialità mozzarelle di bufala, scamorze e caciotte
  • 7 Mercato del Contadino e Chilometro Marsica, piazza del Mercato (centro città), +39 0863 501272, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Mercato ortofrutticolo della Marsica a "chilometro zero"
  • 8 Oggetti, via Giuseppe Garibaldi, 66 (centro città), +39 0863 413775, @ info@weboggetti.it. Lavorazione oro, argento. Gioielli etnici, diamanti e pietre
  • 9 ReS, via Roma, 275 (alle porte della città), +39 340 3469363. Lavorazione artistica dei metalli. Artigianato del ferro: cancelli moderni e classici, inferriate, scale, ringhiere per scale, coperture e altre realizzazioni in ferro battuto. Oggetti artistici e complementi d'arredo.
  • 10 Sapore d'Abruzzo, via America, 18 (centro città), +39 392 3552071. Prodotti artigianali della cucina abruzzese
  • 11 Solidequa, piazza Giacomo Matteotti, 44 (piazzale della stazione ferroviaria), +39 0863 410047. Artigianato tipico presso il negozio gestito dall'omonima associazione di volontariato di solidarietà per l'equità

Un ruolo molto importante riveste per la città il settore commercio. Le grandi aree commerciali si trovano sulla via Tiburtina Valeria come ad esempio il 12 centro commerciale "I Marsi" e lungo via XX Settembre. Il cosiddetto centro commerciale naturale, invece, è costituito, per lo più, dalle attività del centro città. Si tratta di esercizi del commercio, dell'artigianato, del turismo e dei servizi, che operano nelle aree urbane di Avezzano. I negozi più esclusivi si concentrano nell'area attorno a piazza Risorgimento, corso della Libertà e via Corradini.

Come divertirsi[modifica]

Teatro dei Marsi: in Abruzzo uno dei più grandi teatri con 800 posti a sedere
Sede della biblioteca presso l'agenzia regionale per la promozione culturale
Particolare del castello Orsini-Colonna
Notturno della Cattedrale dei Marsi e di piazza Risorgimento

Spettacoli[modifica]

Il teatro ha sempre avuto un ruolo importante nelle attività culturali cittadine. Nella seconda metà del cinquecento e fino al settecento gli spettacoli andarono in scena in alcuni spazi seminterrati del castello Orsini-Colonna messi a disposizione da Marcantonio Colonna. Dalla seconda metà dell'ottocento e fino al terremoto del 1915 si svolsero nello storico teatro Ruggeri. Dopo il sisma l'attività è ripresa nel cinema-teatro Impero ed in altre strutture, infine dalla metà degli anni novanta nel ristrutturato castello Orsini-Colonna. Nel 2006 si è avuta l'inaugurazione del nuovo teatro dei Marsi, progettato da Furio Cruciani e situato in via Cavalieri di Vittorio Veneto nel quartiere di Borgo Pineta. Nella moderna struttura è ripresa a pieno ritmo l'attività teatrale che trova l'appoggio in alcune compagnie cittadine ed anche in associazioni amatoriali e dialettali. Sono presenti nel territorio alcune associazioni corali che spaziano dalla musica sacra alla polifonica ed altre organizzazioni che si occupano di valorizzare tutti i generi musicali, in particolar modo blues e jazz.

Cinema
  • 1 Multiplex Astra, via Isacco Newton (angolo via Cavour, direzione nucleo industriale), +39 0863 445590. Multicinema con dieci sale.
Teatri e sale concerto
  • 2 Biblioteca agenzia regionale di promozione culturale, via Cavalieri di Vittorio Veneto (Borgo Pineta), +39 0863 414738. Biblioteca situata a nord della città prossima ad alcune grandi strutture scolastiche. È ospitata nella sede dell'agenzia per la promozione culturale che è fornita anche di un auditorium per incontri culturali ed eventi musicali.
  • 3 Castello Orsini-Colonna, piazza Castello (centro città), +39 0863 5011, fax: +39 0863 501227, @ comune.avezzano.aq@postecert.it. Il castello restaurato negli anni novanta ospita nella sala polivalente eventi culturali, concerti e convegni.
  • 4 Teatro dei Marsi, via Cavalieri di Vittorio Veneto (Borgo Pineta), +39 0863 412909, @ info@musicateatromarsi.it. La capienza complessiva della struttura è di circa 800 posti. Il palcoscenico delle dimensioni di mt. 12×12 è corredato di una corte scenica di ulteriori 150 mq.
  • 5 Teatro Torlonia, piazza Torlonia, 80 (centro città), +39 388 1673915, @ teatro.torlonia@libero.it. Theater sounds and food il motto dell'elegante e innovativa sala da spettacolo situata nel centro della città.

Locali[modifica]

  • 6 American Bowling, via Sandro Pertini, 120 (direzione nucleo industriale), +39 0863 411880. Sala bowling, sala giochi.
  • 7 Bingo Palace, via Tiburtina Valeria, Km 111,500 (direzione Cappelle dei Marsi), +39 0863 410266. Sala bingo, sale slot machine, ristorazione.
  • 8 Caffè letterario Vieniviaconme, via Michelangelo Colaneri, 8/10 (centro città), +39 0863 455900, @ info@vieniviaconme.eu. Mostre, letture animate, eventi culturali.
  • 9 Disiú Discobar, via Armando Diaz, 45 (centro città), +39 377 4941532. Venerdì: live disco music.
  • 10 Fragile Social Club, via XX Settembre, 359/b (direzione San Pelino/Paterno). Uno dei locali più cool della città. Sabato: musica live & house/commerciale.
  • 11 Habana Café, via XX Settembre, 374 (direzione San Pelino), +39 346 6719766. Venerdì: latino/americani.
  • 12 Hollywood Discoteque, via Galileo Galilei (nucleo industriale). Sabato: house/commerciale.
  • 13 James Joyce RistoPub, via Monsignor Pio Marcello Bagnoli, 121 (centro città), +39 349 8189991, @ info@jamesjoyceristopub.it. Birreria, cucina multietnica, musica live, eventi.
  • 14 Johnny Fox, via delle Olimpiadi, 79 (Borgo Pineta, vicino al casello autostradale), +39 0863 21176. Country pub, pizzeria, karaoke.
  • 15 La Duchessa, via Marsicana, 4, Corvaro di Borgorose (A pochi km dalla città, sulla A24 Roma-L'Aquila - uscita Valle del Salto), +39 0746 31107. Storica discoteca del centro-Italia, attigua all'hotel-ristorante. Sabato: House/commerciale/latino-americani/anni 70-80.
  • 16 Le Chevalier, via Genserico Fontana (centro città). Storico pub della città.
  • 17 Queens club, via America, 10 (nei pressi di piazza Torlonia). Storico pub-birreria della città.
  • 18 Reverso Glamclub, via XX Settembre, 374 (direzione San Pelino), +39 346 6719766. Sabato: commerciale/80's-90's.
  • 19 St'Art Cinquantaquattro, via Sandro Pertini, 105 (direzione nucleo industriale), +39 340 6263585. Sala slot, musica latino-americana, eventi.
  • 20 The Cooper Irish Pub, via Tiburtina Valeria Km. 111,500 (direzione Cappelle dei Marsi). Irish pub, birreria, karaoke.


Dove mangiare[modifica]

I prodotti riconosciuti con il marchio europeo IGP sono le patate del Fucino e le carote dell'altopiano del Fucino, i cui utilizzi in cucina sono variegati. I cibi e i piatti tipici della città sono: pane con le patate e pane di solina, gnocchi di patate, ravioli ripieni alla ricotta, fettuccine al sugo o con i fagioli, maccheroni alla chitarra, anellini alla pecoraia, polenta a base di farina di mais, arrosticini, pecora ajo cotturo (pecora cotta in un grande paiolo di rame), rane fritte, ferratelle marsicane, amaretti, pesche dolci all'alchermes ripiene di cioccolato, crema di burro o crema al limone. Tra le bevande tipiche ci sono il vino Montepulciano d'Abruzzo, il vino cotto, l'amaro Taccone e l'acqua Santa Croce.

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Ciccia House, via XX Settembre, 262/bis (centro città), +39 0863 455235, @ info@cicciahouse.it. Ristorante, braceria, norcineria, enoteca.
  • 2 Fifty, via XX Settembre, 480 (adiacente all'agenzia Metamorfosi Animazione), +39 0863 599397. Cucina multietnica. Pizzeria e fast food.
  • 3 Free Flow, via Armando Diaz, 9 (centro città), +39 0863 21795, @ poderelasala.freeflow@virgilio.it. Bar, pizzeria. Aperitivi, pranzi e cene.
  • 4 Il Giardino Segreto, via Circonfucense, 15 (frazione di Paterno), +39 331 3974400. Ristorante, pizzeria.
  • 5 Il Grappino, via Garibaldi, 190 (centro città), +39 0863 444035. Primi e secondi piatti della tradizione culinaria locale, ricchi antipasti.
  • 6 Il Laghetto, via Michelangelo Buonarroti, 16 (frazione di Caruscino), +39 0863 413158, @ annamariacerasoli@outlook.it. Ricchi antipasti tipici della Marsica. Squisite le pizze cotte al forno. Le rane fritte o bollite sono tra le specialità del ristorante che si trova non distante dal centro di Avezzano, nelle adiacente del laghetto di Papacqua.
  • 7 Il Padrino, via America, 22 (traversa di via Roma, nei pressi di piazza Torlonia), +39 0863 22887. Pizzeria. Pizza al piatto, al metro e tonde.
  • 8 Il Sughino, via Giuseppe Di Vittorio, 1 (nei pressi del casello autostradale di Avezzano, direzione stadio dei Pini), +39 0863 33184. Ristorante, pizzeria, carne alla brace.
  • 9 L'Officina del Gusto, via Sante Marie, 94 (traversa di via XX Settembre), +39 339 3674452, @ maupendenza@gmail.com. Cucina tradizionale italiana, ricchi antipasti, primi piatti, secondi di carne e pesce.
  • 10 La Rosetta, via degli Appennini, 74 (frazione di San Pelino), +39 0863 21479. Tradizione enogastronomica locale.
  • 11 McDonald's, via Roma, 246 (vicino allo svincolo SS 690), +39 0863 082363, @ info@mcdonalds.it. Moderno ristorante dotato dei servizi McDrive e McCafé. La struttura di Avezzano presenta l'innovativo Outdoor Climb, un parco giochi per bambini situato nell'area esterna. Chioschi digitali self-service permettono di personalizzare le ordinazioni. L'area interna di 405 mq e quella esterna di 4.870 mq offrono rispettivamente 130 e 180 posti a sedere.
  • 12 Mucho Gusto, via Ugo La Malfa, 41/A (a nord della città), +39 388 6568914, @ muchogustoit@hotmail.com. Cucina messicana.
  • 13 Re Mama's, via Sandro Pertini, 70 (direzione nucleo industriale), +39 0863 509386. Trattoria, pizzeria.
  • 14 Trattoria Timì, via Napoli, 117 (vicino allo svincolo Via Napoli/Pietraquaria della SS 690), +39 329 8233845. Antipasti e primi della tradizione culinaria locale. Carne cucinata con originalità.

Prezzi medi[modifica]

  • 15 180 Gradi, via Sergio Cataldi, 86 (piazza Risorgimento), +39 0863 36132, @ 180gradiavezzano@gmail.com. Hamburgheria, cucina multietnica.
  • 16 Cecé, via Nuova (alle porte della città, nei pressi dell'Aia dei Musei), +39 0863 415236, @ fracassiangelo@gmail.com. Pizza e cucina marinara. Pesce fresco cucinato con maestria e fantasia.
  • 17 Cin Cin, via Garibaldi, 65 (centro città). Cucina orientale.
  • 18 Club 24, via Trento, 24 (centro città), +39 0863 414649. Lounge restaurant bar. Intrattenimento.
  • 19 Cozzolino, via Sandro Pertini, 116 (alle porte della città, direzione nucleo industriale), +39 0863 22199. Ristorante, pizzeria. Locale spazioso e servizio veloce. Forno a legna con ottima cottura.
  • 20 Da Domenico, via Domenico Cecconi, 40 (frazione di Antrosano), +39 0863 413203. Tradizione enogastronomica abruzzese. Pizzeria.
  • 21 Domenico, via Roma (alle porte della città, uscita via Tiburtina Valeria/Tagliacozzo della SS 690), +39 0863 36123, @ info@domenicoristorante.it. Dal 1983 prodotti tipici della Marsica, cucina con estro. Specialità pesce.
  • 22 Edison steampunk bistrò, via Armando Diaz, 9 (centro città), +39 346 6719766. Ristorante, bistrò. Aperitivi, cene e cocktails bizzarri in un locale dall'innovativa atmosfera steampunk.
  • 23 Egò, via degli Appennini, 74 (frazione di San Pelino), +39 0863 599222. Cucina italiana, specialità pesce. Cerimonie.
  • 24 Ernest's, via XX Settembre, 36 (centro città), +39 329 2273921. Pizzeria, paninoteca, stuzzicheria.
  • 25 Fonte Rio, via Fonterio, 1 (frazione di Antrosano), +39 0863 412180. Ricchi antipasti, primi piatti e secondi di carne tipici della tradizione culinaria marsicana. Pizza, vini abruzzesi e italiani.
  • 26 Golden Park, via Verrocchio, 1 (località di Borgo Via Nuova), +39 0863 509336, @ info@goldenpark.it. Ristorante italiano, pizzeria.
  • 27 Gusto Bistrò, via Giovanni Amendola, 8 (centro città), +39 0863 453615, @ gustobistrot@live.it. piatti, aperitivi e cocktails originali e genuini. Bevande calde o birre artigianali accompagnano spesso serate a tema. Il locale, dotato di Wi-Fi gratuito, è situato nel centro della città. Comodo parcheggio.
  • 28 Happy Wok, via Tiburtina Valeria, km 111,500 (direzione Cappelle dei Marsi/area commerciale), +39 0863 451564. Ristorante orientale e italiano.
  • 29 Hong Yun, via Roma, 234 (vicino allo svincolo SS 690). Cucina cinese e giapponese.
  • 30 I Cinque Sensi, via Vittorio Veneto, 86 (centro città), +39 388 6488451. Ristorante, pizzeria. Cucina italiana.
  • 31 Il Palentino, via Giovanni Pascoli, 8 (frazione di Cese dei Marsi), +39 0863 508260, fax: +39 0863 508260, @ info@ilpalentino.it. Ideale per cerimonie e ricevimenti. Cucina tipica abruzzese, carne alla brace e vini delle migliori aziende vinicole.
  • 32 Il Ristorantino, via Tiburtina Valeria Km 111,200 (direzione Cappelle dei Marsi c/o Hotel Olimpia), +39 0863 4521, @ info@hotelolimpia.it. Pizza classica, pizza calzone, panette, focacce e fiadoni abruzzesi farciti con prodotti a chilometro zero.
  • 33 Il Teatrino, via Cavalieri di Vittorio Veneto (adiacente al teatro dei Marsi), +39 333 1431020, @ trattoriailteatrino@gmail.com. Trattoria, cucina italiana con ricchi antipasti. Prodotti nostrani.
  • 34 La Cantina di Artemios, corso della Libertà, 68 (centro città), +39 0863 411365. Cucina italiana. Ricchi antipasti, specialità carne. Ampia scelta di vini.
  • 35 L'Acquario, via Filippo Brunelleschi, 65 (frazione di Caruscino). Ristorante specialità pesce. Pizzeria.
  • 36 L'antico Lago, via Roma, 25/A (centro città). Cucina tradizionale abruzzese con prodotti biologici. Pizzeria. Alcuni esempi: maltagliati fatti con farina di solina, gnocchi di patate del Fucino con sugo e aglio orsino.
  • 37 La Scala, via Trieste, 2 (centro città). Irish pub.
  • 38 La Tiella, via Ugo De Tiberis, 178 (frazione di San Pelino Vecchio), +39 345 2196119. Osteria.
  • 39 Locanda degli Eventi, via XX Settembre, 359 (alle porte della città), +39 0863 26523, fax: +39 0863 26523, @ info@locandaeventi.it. Specialità pesce. Antipasti, primi e secondi piatti, dessert e prodotti artigianali.
  • 40 Locanda Perbacco, via Emilia, 24 (centro città, non distante dalla stazione ferroviaria). Cucina italiana tradizionale.
  • 41 Sushi Oki, via Fucino, 13 (nei pressi del castello Orsini-Colonna), +39 0863 455282. Ristorante giapponese.
  • 42 Minghino Cadadia, via Francesco Crispi, 69A (centro città), +39 0863 412687, @ info@minghino.it. Un esempio: zuppa di funghi porcini, castagne e zafferano della Vallelonga. Fettuccine di radicchio del Fucino con noci tostate. Ricette e cucina vegan e piatti tipici marsicani. Spesso si organizzano cene a tema.
  • 43 Mister Fanta, via Salto, 8 (centro città). Ricchi antipasti e pizza fragrante e sottile.
  • 44 Osteria di Corrado, via Giuseppe Garibaldi, 126 (centro città), +39 0863 412841. Cucina internazionale e italiana. Particolari aperitivi, cene e dopocena. Serate a tema.
  • 45 Passo d'uomo, via Trento, 24 (centro città), +39 0863 413945. Cibo e bevande biologiche. Serate a tema.
  • 46 Piadiland, via Trieste, 15 (centro città), +39 328 5964047. Piadineria artigianale, prodotti senza glutine.
  • 47 Postaccio Bàcaro marsicano, via Camillo Corradini, 34 (centro città), +39 0863 413319. Osteria, pranzi e cene veloci. Ricchi antipasti, panini, primi e secondi piatti. Prodotti tipici abruzzesi come pasta, formaggi, miele e cioccolato. Ottimi vini.
  • 48 Soho cafè, via Giuseppe Garibaldi, 77 (centro città). Antipasti e bevande. Musica dal vivo.
  • 49 Umami Restaurant Cafè, via Antonio Gramsci, 6 A/B (centro città), +39 0863 33372, @ umamioltreilgusto@gmail.com. Buffet, banqueting, catering, apericena e cocktails. Cibi e pizze da asporto, prodotti senza glutine.

Prezzi elevati[modifica]

  • 50 Antica Osteria Tiro a Segno, via Tiburtina Valeria, Km. 112.00 (direzione Cappelle dei Marsi/area commerciale), +39 0863 448013. Menu vario, servizio ottimo. Primi piatti, secondi di carne e contorni tipici della tradizione culinaria abruzzese.
  • 51 Granocielo, via Corradini, 78 (centro città), +39 345 9499735. Pizza al taglio con ingredienti genuini e prodotti agroalimentari tradizionali.
  • 52 Il Vino di Sup, via Giuseppe Garibaldi, 72 (centro città), +39 0863 411104. Ristorante, enoteca. Hamburgheria, jazz & blues club, serate a tema.
  • 53 Locanda Corte De Guasconi, via Da Monte, 23 (frazione di Antrosano), +39 0863 413678, @ cortedeiguasconi@gmail.com. Cucina tipica locale. Promuove le tradizioni culinarie abruzzesi, attraverso serate a tema ed eventi con animazioni ed intrattenimenti.
  • 54 Napoleone, via Roma (alle porte della città, uscita via Tiburtina Valeria/Tagliacozzo della SS 690), +39 0863 413687, @ info@ristorantenapoleone.it. Location ideale per cerimonie ed eventi speciali. Ricchi buffet e pietanze sempre fresche servite con cura. Ampio parcheggio.
  • 55 Osteria Mammaròssa, via Giuseppe Garibaldi, 388 (centro città), +39 0863 33250, @ book@mammarossa.it. Cucina originale e al contempo rispettosa della tradizione. Grande attenzione alle materie prime, pane fatto in casa. Ricca carta dei vini.
  • 56 Parco Della Rovere, via Carlo Alberto Dalla Chiesa (Borgo Pineta), +39 0863 453346. Ristorante pizzeria. Cucina italiana. Grigliate di carne.
  • 57 Primo piano, corso della Libertà, 105 (centro città, vicino a piazza Risorgimento), +39 0863 35271. Tipica cucina italiana e pizzeria.
  • 58 Taverna Aulalia, via Sandro Pertini, 182 (direzione Luco dei Marsi/Nucleo industriale), +39 0863 26801, @ info@tavernaulalia.it. Buffet matrimoniali, ricchi e raffinati antipasti, specialità pesce. Vini pregiati e dolci preparati con fantasia.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Albergo Creati, via XX Settembre, 210 (direzione San Pelino/Paterno), +39 0863 413347. Albergo-ristorante.
  • 2 Motel Belvedere, via XX Settembre, 484 (direzione San Pelino/Paterno), +39 0863 599555, fax: +39 0863 599555. Motel-ristorante. Servizi alberghieri a prezzi competitivi per gruppi turistici, scolaresche e dipendenti di aziende del nucleo industriale di Avezzano.

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]

Il santuario della Madonna di Pietraquaria

Le violenze su cittadini e turisti sono rare, molto meno le truffe. Bisogna comunque evitare le zone di estrema periferia, o in parte isolate e lontane dal centro, specialmente in situazione di solitudine.

In città è attivo un sistema di videosorveglianza del centro cittadino e delle zone di maggior passaggio.

Servizi di pubblica utilità[modifica]

Largo caduti dei Vigili del Fuoco


Come restare in contatto[modifica]

Rotonda di borgo Pineta realizzata con un'antenna in disuso di Telespazio

Poste[modifica]

  • 34 Poste Italiane, via Cavalieri di Vittorio Veneto, 50 (Borgo Pineta), +39 0863 426041, fax: +30 0863 426002.
  • 35 Poste Italiane 1, piazza Giacomo Matteotti, 1 (stazione ferroviaria), +39 0863 413434, fax: +39 0863 413434.
  • 36 Poste Italiane 2, via Guglielmo Marconi (centro città), +39 0863 450643, fax: +39 0863 411260.
  • 37 Poste Italiane 3, via America, 63 (centro città), +39 0863 413345, fax: +39 0863 413345.
  • 38 Poste Italiane Paterno, via Giuseppe Fracassi, 62 (frazione di Paterno), +39 0863 59192, fax: +39 0863 59192.
  • 39 Poste Italiane San Pelino, via Armando Paolini (frazione di San Pelino), +39 0863 59152, fax: +39 0863 59152.

Telefonia[modifica]

I principali operatori italiani di telefonia mobile sono presenti ad Avezzano, nel centro la copertura è generalmente buona. Sono inoltre presenti alcuni apparecchi telefonici pubblici nei punti di maggior passeggio e nelle aree più trafficate. Le ricariche possono essere acquistate in diversi esercizi commerciali.

Internet[modifica]

"Avezzano Wi-Fi" è il sistema di navigazione in rete gratuito reso operativo dall'amministrazione comunale e fruibile in tutto il territorio comunale, sia nelle aree centrali sia in quelle periferiche.

Internet point[modifica]

  • 40 Modi, via Galileo Galilei, 2 (nucleo industriale), +39 0863 497011.
  • 41 Phone Center Conversando, via Ugo Maria Palanza, 10 (centro urbano, già via Bainsizza), +39 0863 20476.
  • 42 RT. Com Services, via Montello, 2 (centro città), +39 0863 444029.
  • 43 Sabatini Franca, via XX Settembre, 98 (centro urbano), +39 0863 415063.

Tenersi informati[modifica]

  • Avezzano Comune Social — Pagina ufficiale del comune di Avezzano su Facebook.
  • Avezzano Informa — Quotidiano on-line della città di Avezzano.
  • Marsica Live — Sito di notizie in tempo reale da Avezzano e dalla Marsica.
  • Marsica news — Sito di notizie on-line dalla Marsica.
  • Terre Marsicane — Sito di notizie sempre aggiornate su Avezzano e Marsica molto attento anche alla storia e all'aspetto turistico dei comuni e del territorio.
  • Antenna 2 — Canale televisivo di Avezzano da cui è possibile rivedere telegiornali e programmi sportivi. Tv locale che si occupa di cronaca e sport locale.
  • Info Media News — Informazione dalla Marsica e dal territorio abruzzese. Approfondimenti di attualità, cultura e sport.
  • Tele Sirio— Principale emittente televisiva di Avezzano e della Marsica fondata nel 1979. Visibile in tutto l'Abruzzo in digitale terrestre garantisce spazi d'informazione regionale e locale con approfondimenti di attualità. Unica emittente abruzzese con funzione televideo anche sul web, è possibile seguirla in diretta live streaming e consultare il giornale web.
  • Radio Monte Velino — Radio di Avezzano fondata nel 1975, è possibile ascoltare anche in streaming notiziari locali e nazionali.
  • Radio Stella — Radio curata con professionalità che si può ascoltare anche in streaming. Molto attenta agli eventi locali, culturali e sportivi.


Nei dintorni[modifica]

Comuni confinanti
Scurcola 12 km Massa d'Albe 13 km Ovindoli 22 km
Rosa dei venti it 08p.svg Celano 13 km
Capistrello 8 km Luco 9 km Trasacco 15 km
Alba Fucens e il monte Velino
  • 44 Alba Fucens, Albe (Situata a quasi 1.000 m s.l.m. ai piedi del monte Velino. Dista circa 7 km circa a nord di Avezzano), +39 0863 519144, fax: +39 0863 519439, @ info@comune.massadalbe.aq.it. Alba Fucens è un sito archeologico italico che occupa una posizione elevata e ben fortificata. Fu fondata da Roma come colonia di diritto latino nel 304 a.C., o secondo altre fonti nel 303 a.C., nel territorio degli Equi, a ridosso di quello occupato dai Marsi, in una posizione strategica. Si sviluppava su una collina appena a nord della via Tiburtina Valeria, arteria che probabilmente fu prolungata oltre Tibur in questo stesso periodo. Inizialmente fu popolata da 6.000 coloni che edificarono, negli anni immediatamente successivi al proprio stanziamento, una prima cinta muraria. Si trasformò successivamente in un posto dove confinare importanti prigionieri di stato, come Siface re di Numidia, Perseo re di Macedonia, Bituito, re degli Arverni. Grazie alla propria ubicazione, la città fu sempre considerata strategicamente importante, soprattutto durante le guerre civili. Per tale ragione fu attaccata dagli alleati durante la Guerra sociale, ma rimase fedele a Roma. Nel secondo dopoguerra furono intrapresi per la prima volta scavi sistematici per approfondire le conoscenze storiche e culturali sulla città. Vennero effettuati a partire dal 1949 da un gruppo di lavoro dell'università di Lovanio guidata da Fernand De Visscher, seguita dal centro belga di ricerche archeologiche in Italia diretto da Jozef Mertens. Ulteriori ricerche furono condotte a partire dal 2006 dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Abruzzo. La città, situata fra i 949 e i 990 m s.l.m. è racchiusa entro una cinta muraria lunga circa 2,9 km conservatasi in gran parte fino ai giorni nostri. Le pareti esterne, sono costruite con massi poligonali perfettamente incastonati fra di loro e le superfici sono lisciate. Si segnala la presenza di una sola torre e di due bastioni a protezione di tre delle quattro porte principali. Su uno di tali bastioni sono presenti simboli fallici che dovevano servire ad allontanare le forze malefiche. Sul lato settentrionale era stata approntata, per una lunghezza di circa 140 metri, una triplice linea difensiva eretta in epoche diverse.
Primo piano di un orso bruno marsicano
Panoramica della valle Roveto

Nei dintorni di Avezzano si trovano cittadine, parchi e valli che vale davvero la pena visitare e che sono facilmente raggiungibili:

  • Celano, popoloso comune della Marsica ricco di attrattive culturali, architettoniche ed ambientali. Tra le mete più frequentate figurano il castello Piccolomini che ospita il museo d'arte sacra della Marsica, il museo preistorico Le Paludi, la chiesa-convento di Santa Maria Valleverde, dotata di un museo francescano e di una ricca biblioteca e l'area naturale delle omonime gole.
  • Ovindoli, situata alle pendici del monte Magnola, la cittadina è una delle più note stazione sciistiche del centro-sud Italia. Numerose le strutture ricettive che la rendono una delle mete montane più dinamiche e ambite.
  • Tagliacozzo, la cittadina è considerata il capoluogo culturale della Marsica. Piazza dell'Obelisco, cuore pulsante del centro storico, è una delle piazze più armoniche e belle d'Italia. Ricca di monumenti e chiese la cittadina è circondata da luoghi incontaminati e selvaggi.
  • Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, istituito nel 1922 col fine di tutelare l'ambiente e le innumerevoli specie di flora e fauna. Orso bruno marsicano, lupo appenninico, camoscio d'Abruzzo, lince ed aquila reale sono tra le specie animali protette. Tra le specie floristiche endemiche ci sono l'Iris marsica, la Scarpetta di Venere e la Ventaglina della Marsica. A Pescasseroli ed Opi ci sono impianti per la pratica degli sport invernali.
  • Parco regionale naturale del Sirente-Velino, l'area protetta istituita nel 1989 include un'area di interesse naturalistico e paesaggistico. Ricadono in area protetta le stazioni sciistiche di Campo Felice ed Ovindoli, le Gole di Celano, l'Altopiano delle Rocche, i Piani di Pezza.
  • Piana del Cavaliere, l'area della Marsica occidentale ruota intorno a Carsoli, il centro più popoloso. Borghi medievali autentici come Pereto, Rocca di Botte ed Oricola sono ricchi di monumenti e conservano importanti testimonianze storiche. L'area carsica, ricca di grotte, inghiottitoi e falesie, è tutelata e valorizzata dalla riserva naturale speciale delle Grotte di Pietrasecca e dalla riserva naturale regionale Grotte di Luppa.
  • Valle del Giovenco, area situata nella Marsica orientale è attraversata dal fiume Giovenco. Il centro più importante è Pescina, da sempre al centro delle attività culturali e religiose del territorio. I borghi sono inclusi nel sistema dei parchi abruzzesi regalando scenari incontaminati sia sul versante del Sirente-Velino sia su quello del parco nazionale abruzzese.
  • Valle Roveto, attraversata per intero dal fiume Liri, uno dei corsi d'acqua più importanti e lunghi dell'Abruzzo, l'area si caratterizza per le montagne ubertose e diversi eremi situati nei punti più impervi. Le terme e il parco naturale La Sponga a Canistro, la riserva naturale guidata Zompo lo Schioppo a Morino e il castello di Balsorano sono tra le mete più visitate.

Itinerari[modifica]

Itinerario del centro[modifica]

Piazza Torlonia

Il percorso di visita si snoda lungo le principali strade del centro della città dotate di larghi ed alberati marciapiedi:

  1. Partenza da piazza Matteotti si percorre corso della Libertà.
  2. A poche centinaia di metri si raggiunge la centrale piazza Risorgimento e la cattedrale dei Marsi, dedicata a San Bartolomeo.
  3. Scendendo via Guglielmo Marconi si raggiunge dopo circa 500 metri piazza della Repubblica e il palazzo Municipale.
  4. Adiacente al municipio ci sono i giardini pubblici di piazza Torlonia, area verde urbana a pianta triangolare dotata di parco giochi per bambini.
  5. Frontalmente si trovano la villa Torlonia, l'omonimo palazzo, la sede dell'archivio di Stato, il Centro Studi Marsicani, la neviera del principe e il padiglione Torlonia, ovvero lo chalet che ospita il museo della civiltà contadina e pastorale. Nel parco sono esposti i primi rudimentali mezzi agricoli del Fucino.
  6. A poche centinaia di metri si trova il castello Orsini-Colonna.
  7. Lateralmente è posta la più antica chiesa di Avezzano dedicata a San Giovanni Decollato.

Altri itinerari[modifica]

  1. Gran Tour d'Abruzzo, il lungo itinerario tocca il territorio della Marsica attraverso le principali bellezze architettoniche e naturalistiche del suo territorio che tra la fine dell'ottocento e la prima parte del novecento furono meta dei viaggiatori aristocratici come Richard Colt Hoare, Alexander Dumas, Maurits Cornelis Escher, Friedrich H. Von Hagen, Edward Lear, Alfred Steinitzer, Kristian Zahrtmann e i pittori danesi e molti altri artisti e intellettuali. Dalla valle di Nerfa, passando per Cappadocia, i cunicoli di Claudio, la valle Roveto e la Vallelonga il tratto marsicano del Grand Tour si conclude nell'area del parco nazionale d'Abruzzo.
  2. L'Anello del Lago, percorso di trekking di circa 83 chilometri inserito dal 2015 nel lungo sentiero europeo E1 che collega Capo Nord in Norvegia a Capo Passero in Sicilia. Il tratto marsicano, totalmente mappato, si sviluppa oltre la valle del Salto e i piani Palentini nell'area circostante l'alveo del Fucino toccando le principali mete d'interesse ambientale ed architettonico ed attraversando alcuni siti archeologici come Alba Fucens, i Cunicoli di Claudio, Lucus Angitiae, Marruvium e la Valle di Amplero.
  3. Via dei Marsi, sentiero di epoca preromana che nel tratto di Avezzano collega il valico del monte Salviano all'area della Cunicella sovrastante la grotta di Ciccio Felice lungo un sentiero di montagna di circa cinque chilometri. Il percorso prosegue verso le montagne della Vallelonga e del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.
  4. Pista ciclabile, piccolo percorso posto a nord di Avezzano.

Informazioni utili[modifica]


Altri progetti

3-4 star.svg Guida: l'articolo rispetta le caratteristiche di un articolo usabile ma in più contiene molte informazioni e consente senza problemi una visita alla città. L'articolo contiene un adeguato numero di immagini, un discreto numero di listing. Non sono presenti errori di stile.