Scarica il file GPX di questo articolo

Cappadocia (Italia)

Da Wikivoyage.
Cappadocia
Panoramica di Cappadocia
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Cappadocia (Italia)
Cappadocia
Sito del turismo
Sito istituzionale

Cappadocia è una città della Marsica, subregione dell'Abruzzo.

Da sapere[modifica]

Il piccolo centro della Val di Nerfa, in Abruzzo, è immerso nel verde del versante nord-orientale della catena montuosa dei Simbruini. Il comune include tre interessanti frazioni, Camporotondo, località di soggiorno estivo e invernale dotato di una piccola stazione sciistica, Petrella Liri, nota per le sue grotte e le falesie e il borgo antico di Verrecchie. Nel circostante territorio montano ci sono le sorgenti del fiume Liri, uno dei corsi d'acqua più lunghi ed importanti della regione abruzzese e del fiume Imele. Fa parte dei Borghi Autentici d'Italia.

La frazione di Camporotondo, nell'alta valle di Nerfa, è posto ad oltre 1400 m s.l.m. sul versante abruzzese dei Monti Simbruini al confine con il Lazio ed è circondato dai monti Carseolani che, a nord, lo separano dalla Piana del Cavaliere. A sud è circondato dal monte Monna Rosa e dalla catena della Renga. A nord-ovest la valle del Fucero, interessante area naturalistica dell'Abruzzo, separa il borgo dai comuni limitrofi di Tagliacozzo e Sante Marie.

Cenni geografici[modifica]

Il paese si estende lungo il confine tra Abruzzo e Lazio, nel cuore dell'Appennino centrale sul versante nord-orientale dei Monti Simbruini, nella Valle di Nerfa. Il territorio presenta rilievi montuosi importanti. Dista circa 100 chilometri da Roma, 135 da Pescara, 68 dall'Aquila e 22 da Avezzano.

Quando andare[modifica]

L'estate è il periodo migliore per visitare Cappadocia e per scoprire i numerosi itinerari naturalistici e le bellezze ambientali della Val di Nerfa. Gli amanti degli sport invernali e i praticanti dello sci e dello sci di fondo scelgono gli impianti di Camporotondo inevitabilmente nel periodo invervale.

Cenni storici[modifica]

Chiesa di Santa Margherita

Il primo documento storico che cita Cappadocia è la bolla del 1188 di Papa Clemente III, che elenca le chiese di San Biagio e di Santa Margherita, che sorgevano in origine nella contemporanea località di Vallefredda, in prossimità del corso del fiume Liri. Nell'alto medioevo Cappadocia è stata soggetta, come buona parte dei centri marsicani, al monastero di Montecassino. Erano due i conventi costruiti in zona dai monaci benedettini, quello di San Tommaso, nei pressi della sorgente del fiume Liri e quello di San Pietro a Petrella Liri. Nel medioevo fece parte della contea e del ducato di Tagliacozzo, posseduti prima dagli Orsini e poi dai Colonna. Danneggiata gravemente dal terremoto di Avezzano del 1915 è stata colpita, a cominciare dal secondo dopoguerra, dal fenomeno dell'emigrazione. Dagli anni ottanta si è sviluppato il turismo a seguito della realizzazione della località turistica di Camporotondo e di alcune infrastrutture sportive e ricettive.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

Foto panoramica della Val di Nerfa

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

In auto[modifica]

Cappadocia è collegata con Avezzano e Tagliacozzo attraverso la strada provinciale 23 il cui innesto si trova a Capistrello. Qui si trova lo svincolo per la Strada Statale 690 nota come "Superstrada del Liri" Avezzano-Sora. Vicino a Tagliacozzo lungo la via Tiburtina Valeria si trova, invece, lo svincolo dell'autostrada A24 per chi proviene da Roma.


In autobus[modifica]

  • Italian traffic sign - fermata autobus.svg Linee di pullman gestite dalle autolinee TUA (Società unica abruzzese di trasporto - ex Arpa) [1]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Frazione di Petrella Liri
  • 1 Centro visita "Il Grifone"Viale Vittorio Veneto (Frazione di Petrella Liri), +39 0863 670108. Il centro visita dedicato al grifone è stato istituito per favorire la conoscenza della flora e della fauna della Val di Nerfa e dei monti Simbruini.
  • 2 Grotte di Beatrice CenciViale Vittorio Veneto (Frazione di Petrella Liri), +39 347 3166729, @ . Importante patrimonio speleologico. Nei pressi delle grotte è presente un sito archeologico di 300 metri quadrati che ha restituito reperti dell'età del bronzo e un itinerario turistico e storico-naturalistico verso la cavità dell'Ovido, la Grotta Cola e l'inghiottitoio del fiume Imele a Verrecchie.
  • 3 Grotta ColaMonte Aurunzo (Sopra l'abitato della frazione di Petrella Liri). Costituita da due cavità, Cola I e Cola II, presenta stalattiti e stalagmiti, capelli d'angelo, clessidre, colonne e concrezioni a cattedrale, colate calcitiche bianche e perfino nere, piccole vasche e laghetti.
  • 4 Museo delle tradizioni contadinePiazza del Monumento (Frazione di Verrecchie), +39 0863 619051, @ . Allestito all'interno del mulino ad acqua a ruota orizzontale. Sono esposti gli attrezzi e gli utensili tipici della realtà contadina e pastorale della zona.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

Località turistica di Camporotondo
  • 1 Arrampicata sportivaVia San Giovanni (Zona alta della frazione di Petrella Liri). La falesia di Petrella Liri richiama appassionati di arrampicata libera, che scalano le pareti rocciose dell'area posta a sud del paese. Sono oltre 60 le vie d'arrampicata sportiva che la roccia offre
  • 2 SciMonte Monna Rosa (località turistica di Camporotondo). La stazione sciistica del monte Monna Rosa è dotata di un impianto di risalita a tappeto mobile che permette di sciare su discese adatte sia ai principianti sia bambini. Un altro impianto di risalita, in fase di adeguamento e ammodernamento, permette di raggiungere piste più impegnative. Sentieri che conducono agli altipiani della Renga possono essere percorsi con l'ausilio delle ciaspole.
  • 3 Torrentismo (Area montana), +39 339 1603384, @ . Corsi con guide qualificate permettono di effettuare escursioni attraverso i torrenti presenti nel territorio.


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 C'era Una VoltaVia Don Calabria, 3 (Centro storico), +39 0863 670641. Cucina italiana con prodotti tipici locali. Accogliente e rustico.
  • 2 Monna RosaVia Morbano, 6 (Località turistica di Camporotondo), +39 0863 671242. Cucina italiana con prodotti tipici abruzzesi.
  • 3 Il VerrecchianoVia Strada Nuova, 9 (Frazione di Verrecchie), +39 0863 698028. Cucina italiana, prodotti tipici della Marsica.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • Rifugio di Pratalata (Frazione di Camporotondo). Presente un laghetto
  • Rifugio Votrina (Frazione di Camporotondo).
  • Rifugio del Crascitone (Frazione di Camporotondo). Presente un fontanile
  • Rifugio Saifar (Frazione di Camporotondo).
  • Rifugio Cesa Cotta (Frazione di Camporotondo).

Prezzi medi[modifica]

  • 1 I BucaneveVia Belvedere, 15 (Località turistica di Camporotondo), +39 0863 671414, fax: +39 0863 671414. Albergo-ristorante circondato dai boschi simbruini a quota 1.460 metri slm. Albergo confortevole; ristorante italiano.
  • 2 Lupo BiancoPiazza centrale (Località turistica di Camporotondo), +39 0863 670670. Offre il servizio in autogestione. Spesso ospita campi scuola per far conoscere ai più giovani le caratteristiche dei luoghi.
  • 3 Monte A CorteVia del Colle, 19B (Frazione di Verrecchie), +39 328 3028465, @ . Bed and Breakfast.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • Val di Nerfa
  • Valle del Fucero
  • Catena montuosa della Renga



Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).