Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Italia > Sicilia > Sicilia sudorientale > Territorio di Catania > Catania > Etna

Etna

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Etna
L'Etna visto da Randazzo
Localizzazione
Etna - Localizzazione
Stato
Regione
Provincia
Altezza
Sito del turismo

Etna è il monte che occupa gran parte della Sicilia jonica settentrionale. Il massiccio vulcanico, di vaste dimensioni, occupa gran parte della Provincia di Catania . L'Etna è il più alto vulcano europeo ed con i suoi 3.330 m. s.l.m. è la cima più alta della Sicilia. L'Etna fa parte dei patrimoni mondiali dell'umanità protetti dall'UNESCO.

Da sapere[modifica]

Vista dell'Etna con Catania ai suoi piedi

Questo vulcano siciliano è ogni anno meta di turisti per via delle spettacolari colate laviche osservabili dal vivo.

Il Monte Etna è un complesso vulcanico che ha avuto origine nel Quaternario. Nel corso dei millenni, con le sue eruzioni ha contribuito a plasmare il territorio circostante, modificando il paesaggio e anche minacciando le popolazioni che abitano la zona. Il vulcano ha contribuito anche a creare numerose leggende sia nella mitologia greca e latina che in epoche successive. Il territorio è vasto e variegato: aree urbane, zone boscose e vaste aree desolate che sono soggette alle colate laviche o a diventare piste da sci durante l'inverno quando cade la neve. Dal 2014 è stato inserito nell'elenco dei beni protetti dall'UNESCO.

Cenni geografici[modifica]

Mount Etna, Sicily ISS013-E-62714.JPG

L'Etna sorge sulla costa orientale della Sicilia, entro il territorio della provincia di Catania ed è attraversato dal 15º meridiano est, che da esso prende il nome. Occupa una superficie di 1265 km², con un diametro di oltre 40 chilometri e un perimetro di base di circa 135 km.

Sul versante est un importante riferimento è la 1 valle del bove, un'ampio avvallamento riempito dalle colate laviche che periodicamente la riempiono. In questa zona avvengono le principali colate essendo un fianco della montagna crollato e scivolato verso il mare intorno al 6000 a.C.

Il versante occidentale non è mai aggredito dalle colate, così come quello nord. Non sono neanche presenti delle strade di accesso salvo intraprendere lunghi percorsi escursionistici.

I versanti visitabili, ossia dove vi sono delle strade che portano in quota sono due. Nel versante di nord-est si raggiunge il Piano Provenzana a 1800 m con l'omonimo rifugio. Mentre sul versante sud il Rifugio Sapienza a 1923 m.

Flora e fauna[modifica]

Le quattro zone di protezione dell'Etna

Nel 1987 fu istituito il Parco dell'Etna che consente la protezione della flora e della fauna locali. Sono state pertanto istituite quattro zone secondo il diverso grado di protezione.

  • La zona A di 19.000 ettari e interamente nelle mani del governo. Non ci sono persone che vivono lì. Questa parte si trova nell'area diretta delle attività vulcaniche ed è il dominio di grandi rapaci come l'aquila reale.
  • La zona B di 26.000 ettari. Qui ci sono piccoli appezzamenti privati. L'area è caratterizzata da vecchie fattorie, mulini in pietra, dimore sobrie e resti di antiche abitazioni. Qui sono nascosti molti piccoli animali selvatici, come gatti e volpi.
  • Le zone C e D raggiungono insieme i 14.000 ettari e per la salvaguardia del paesaggio e della natura sono vietate le strutture turistiche.

Miti e leggende[modifica]

Al vulcano Etna sono associati diversi miti connessi alla sua natura vulcanica. I giganti Encelado e Tifone furono confinati all'interno del vulcano, e per questa ragione sono causa di frequenti eruzioni.

Territori e mete turistiche[modifica]

Al contrario da quanto si potrebbe pensare l'area dell'Etna è una delle più densamente abitate della Sicilia. Oltre al vulcano e la sua area protesa i flussi turistici sono diretti quindi verso tutte le mete urbane del comprensorio dell'Etna, in primis Catania e Taormina.

Centri urbani[modifica]

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'aeroporto più vicino è quello di Catania.

In auto[modifica]

L'asse principale, che scorre ad est del vulcano seguendo la costa ionica, è l'autostrada A18 Messina - Catania con le uscite da nord o da sud: Fiumefreddo di Sicilia (versante nord), Giarre e Acireale (versante est), Catania e Misterbianco (versante sud).

A sud, nei pressi di Catania, la SS121 è la via di accesso al vulcano e si inoltra nell'entroterra siculo per congiungersi con la SS284 che conduce sul versante ovest. Quest'ultima sbocca, infine, sulla SS120 che aggira a nord l'Etna, chiudendo il cerchio degli assi stradali che circondano il vulcano. Da queste strade maggiori si dipartono diverse strade provinciali che dai centri etnei si addentrano per le pendici del vulcano. Tutti gli itinerari sono ben segnalati (anche per ragioni di sicurezza).

Le uniche strade che salgono in quota conducono alle due principali località:

  • il Rifugio sapienza (versante sud) raggiungibile da Nicolosi tramite la SP92 oppure la "Via Catania", entrambe giungono nello stesso punto così come da Zafferana Etnea sul versante est.
  • Piano Provenzana (versante nord-est) raggiungibile tramite la strada Mareneve da Fornazzo e Linguaglossa.

In nave[modifica]

  • 2 Porto di Catania. Per chi giunge via mare è molto semplice trovare altri mezzi di trasporto per raggiungere l'Etna. Porto di Catania su Wikipedia "porto di Catania" su Wikidata

In treno[modifica]

Un moderno treno della Circumetnea
  • Il tracciato della circumetnea e le sue stazioni
    3 Ferrovia Circumetnea, Via Caronda, 352/A - 95128 Catania, +39 095541111, fax: +39 095431022, @ info@circumetnea.it. Avendo tempo e volendo visitare a tappe il territorio etneo con tempi meno frenetici una valida alternativa è la ferrovia Circumetnea. La ferrovia parte, come metropolitana, dalla fermata porto della metropolitana di Catania e uscita dalla città, gira tutto intorno all'Etna da sud, da ovest e da nord, tranne che per il tratto costiero (a est): a Giarre-Riposto si scambia con la linea FS Messina-Catania. Tale soluzione permette un costo contenuto ma deve essere valutata con coscienza. Infatti, se da una parte la tortuosità del tracciato permette di fondersi col paesaggio, via via sempre meno urbanizzato allontanandosi da Catania, in una lenta simbiosi, dall'altro il dilatarsi dei tempi e la mancanza di un mezzo proprio obbligano ad un organizzazione molto precisa dell'itinerario e dei suoi tempi. I treni sono quelli di una linea locale, con tutto ciò che ne deriva in termini di affollamento negli orari di punta dei giorni lavorativi nella zona catanese, mentre più ci si spinge verso ovest e nord più diminuiscono le frequenze. Spesso il tracciato è interrotto a causa di lavori di ammodernamento e alcuni tratti potrebbero essere sostituiti da servizi di autobus sostitutivi. Ferrovia Circumetnea su Wikipedia "ferrovia Circumetnea" su Wikidata

In autobus[modifica]

C'è un autobus al giorno che parte dalla stazione autobus di Catania (di fronte alla stazione del treno) e Nicolosi (la Porta dell'Etna) e arriva al Rifugio Sapienza che si trova a circa 1.400 metri sotto la cima del vulcano. Il bus della AST parte da Catania alle 8:15 e la corsa di rirorno parte alle 16:30; il costo andata e ritorno è di euro 6,60 e il pagamento va effettuato in contanti presso la biglietteria AST.

Ci sono inoltre diverse agenzie che offrono tour guidati sia verso il vulcano che nella zona circostante. In alternativa potete provare a contattare il Parco Regionale dell'Etna.

Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

Sull'Etna è il mezzo migliore e il più pratico. Bisogna però considerare che durante il periodo invernale vige l'obbligo di catene a bordo.

Funivia[modifica]

La funivia dell'Etna
  • 4 Funivia dell'Etna (Accanto al Rifugio Sapienza), +39 095 914141, +39 095 914142, @ commerciale@funiviaetna.com. Ecb copyright.svg 70€ (funivia + jeep). Simple icon time.svg 8:30-16:15. Questa funivia è stata periodicamente distrutta dalle eruzioni e nel tempo sono cambiate le caratteristiche dell'impianto e le stazioni di arrivo. Partendo dal Rifugio Sapienza permette di raggiungere quota 2.504 m da cui poi si potrà proseguire a piedi o in jeep. Funivia dell'Etna su Wikipedia "Funivia dell'Etna" su Wikidata


Cosa vedere[modifica]

Uno dei crateri silvestri
  • 1 Crateri silvestri (Rifugio Sapienza, dietro il bar ristorante Crateri silvestri,). Posti alla stessa quota del rifugio Sapienza (1.986 m) i crateri silvestri sono delle vecchie bocche di emissione ormai chiuse. Tutti i turisti che giungono fino a qui li visitano, sia per la suggestione di camminare attorno ad un cratere che per il panorama del versante sud che si gode nelle belle giornate. Monti Silvestri su Wikipedia "Monti Silvestri" su Wikidata
  • 2 Osservatorio astrofisico Serra la Nave, +39 095 911580. L’osservatorio è attivo ed esegue osservazioni del cielo, è anche aperto alle visite. Ma anche una passeggiata nei dintorni è molto piacevole essendo una parte dell’Etna abbastanza alberata.
  • 3 Monti Sartorius. Una serie di crateri spenti lungo una vecchia colata. Sono presenti anche diversi percorsi escursionistici sulla sabbia vulcanica.
  • 4 Grotta del gelo. Grotta del Gelo su Wikipedia "Grotta del Gelo" su Wikidata
  • 5 Grotta della neve.
  • 6 Monte Zoccolaro. Monte Zoccolaro su Wikipedia "Monte Zoccolaro" su Wikidata


Cosa fare[modifica]

Escursioni[modifica]

Per visualizzare meglio i percorsi sulla mappa dinamica di WV suggeriamo di abilitare le seguenti opzioni: Mapnik e rilievi collinari. Inoltre si consiglia di spuntare l'opzione percorsi escursionistici.

  • 1 Salita sul cratere centrale (prendere la funivia dal rifugio sapienza poi utilizzare i mezzi a disposizione oppure salire a piedi). L'ascesa al cratere centrale non è una cosa semplice né da prendere troppo sottogamba. Le pendenze sono notevoli, le condizioni del terreno difficili essendo spesso sdrucciolevole. Le condizioni climatiche sono sempre da tenere in considerazione.
  • 2 Sentiero schiena dell'asino. Lasciata l'automobile nel piccolo parcheggio si segue il sentiero sterrato che in circa 45 minuti condurrà in un punto panoramico vicino la valle del bove. L'escursione potrebbe proseguire oltre seguendo il sentiero di risalita, ma è necessario avere con sé delle mappe o il GPS.
  • Bosco di centorbi. Bosco di Centorbi su Wikipedia "Bosco di Centorbi" su Wikidata
  • Il Sentiero delle Ginestre si snoda lungo il versante orientale dell'Etna percorrendo a media altezza il fianco del vulcano. Il sentiero è tracciato dal Parco dell'Etna e indicato. Vista la lunghezza può essere fatto a tappe.
  1. Da Nicolosi a Zafferana Etnea. Con una lunghezza di 16,5 km e una durata di 5 ore.
  2. Da Zafferana Etnea a Sant'Alfio. Con una lunghezza di 13 km e una durata di 4,5 ore si affronta un dislivello di circa 500 m.
  3. Dai pressi di Sant'Alfio alla pineta Ragabo. Con una lunghezza di 13 km e una durata di 4,5 ore si affronte un dislivello di 400 m.
  4. Dalla pineta di Ragabo a Castiglione di Sicilia. Con una lunghezza di 19 km e una durata di 5 ore e mezza o 6 ore e mezza, il percorso è tutto in discesa.
  • La pista altomontana comincia dall'5 ingresso della Galvarina e si estende per ben 42 km lungo il versante occidentale dell'Etna con un dislivello di 300 metri. Il percorso corrisponde a parte del sentiero europeo E1. Esso è percorribile anche in mountain bike.

Attività[modifica]

  • 3 Etna Sicily Touring, Via Giuseppe Verdi, 155, 95129 Catania, +39 3925090298, @ info@etnasicilytouring.com. Associazione escursionistica leader per l'organizzazione di escursioni con guida in quota sul vulcano e nei dintorni dell'Etna.
  • 4 Parco EtnAvventura, contrada Serra La Nave, Ragalna, +39 333 151 5904. Un bel parco in cui è possibile eseguire diverse attività tra cui le arrampicate. Un bel modo per trascorrere una giornata.


Acquisti[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Rifugi attrezzati[modifica]

  • 1 Rifugio Giovanni Sapienza (sul versante sud a 1923 m da Nicolosi salendo per la SP 92). e con il bel tempo potete fare un tour su veicolo e funivia (costo sui 60 euro) che vi porta a circa 800 metri dalla cima del vulcano. Col brutto tempo potete provare a fare un giro a piedi ma ricordate che può fare molto freddo, se non siete allenati o abituati non e' il caso di rischiare. Rifugio Giovannino Sapienza su Wikipedia "rifugio Sapienza" su Wikidata
  • 2 Piano Provenzana (sul versante nord a 1800 m da Fornazzo e Linguaglossa.). potete camminare e raggiungere la cima. Questo è un percorso molto interessante anche perché vi darà la possibilità di ammirare sia zone boschive che le colate laviche solidificate. Piano Provenzana su Wikipedia "Piano Provenzana" su Wikidata
  • 3 Rifugio Citelli, via Mareneve. Rifugio Citelli su Wikipedia "rifugio Citelli" su Wikidata

Rifugi non attrezzati[modifica]

  • 4 Rifugio Piano Bello (Dal sentiero delle basole nei pressi di Milo).
  • 5 Rifugio della Galvarina (Sul sentiero della Galvarina).

Alloggi[modifica]

  • 6 Hotel Corsaro, Piazza Cantoniera snc, Nicolosi (sulla A18 uscita Giarre, seguire le indicazioni per Santa Venerina e quindi per Zafferana Etnea. Seguire le indicazioni per Etna Sud lungo la SP 92 e percorrerla tutta fino alla Funivia dell'Etna; immediatamente dopo girare sulla strada a destra per raggiungere l'hotel, dopo 400 m. Si trova a soli 400 m dalla Funivia dell’Etna a ben 2.000 m di quota), +39 095 914122, fax: +39 095 7801024, @ info@hotelcorsaro.it. Ecb copyright.svg da € 89,00. Check-in: 15:00, check-out: 11:00. Sorge sulla eruzione lavica del 1983 e gode di uno splendido panorama sul Golfo di Catania a est con vista a sud fino a Siracusa all'orizzonte e a ovest su un quinto della Sicilia. Luogo ideale per visitare i crateri attivi e godersi un meritato relax nella piccola ma attrezzata area Wellness & SPA.
  • 7 Mareneve Resort, Via Mareneve 63, Linguaglossa (sulla A18 uscita Fiumefreddo, poi SS120 direzione Randazzo per 10 KM circa, poi a Linguaglossa seguite indicazioni per Etna Nord.), +39 095 643379, @ info@mareneveresort.it. Dal Mareneve Resort si arriva in breve sul versante nord dell’Etna presso piano Provenzana dove potrete visitare i crateri spenti dell'eruzione del 2002 e andando oltre raggiungere i crateri sommitali su mezzi fuoristrada.
  • 8 Terrazza dell'Etna, Via A. De Gasperi, 92 Mascalucia, +39 3888461903, @ info@bebterrazzadelletna.com. Un B&B di recente costruzione con una vista panoramica mozzafiato sul vulcano. Offre camere climatizzate dotate dei più comuni comfort come TV e wifi. Lo staff vi consiglierà, inoltre, le migliori escursioni e tour da fare.

Sicurezza[modifica]

Una gita sull'Etna non va mai sottovalutata perché le condizioni climatiche in quota sono molto diverse rispetto a quelle sul livello del mare. Se si pensa di voler raggiungere il cratere centrale non si può pensare di andarci con una semplice maglietta solo perché è estate, né andare con infradito o sandali. Questa avvertenza può sembrare banale ma molti turisti la sottovalutano soffrendo poi le condizioni climatiche come il freddo, il vento e la difficoltà a percorrere i sentieri con fondo di roccia lavica (ricordiamo che la pietra lavica è molto tagliente). Pertanto bisogna essere sempre attrezzati con scarpe da trekking, giubbotto e adeguate quantità di acqua in base alla stagione.

Fase parossistica dell'Etna nel 2013

Durante le grandi eruzioni il richiamo del vulcano sposta molta gente verso i punti di osservazione. In funzione di dove la colata si dirige le autorità possono bloccare le strade di accesso anche per impedire eccessivi afflussi e ingorghi. In queste occasioni, specie nei fine settimana il traffico locale tende molto ad aumentare. Si ricorda inoltre di prestare sempre grande cautela nei dintorni di una colata e di non avvicinarsi troppo alle bocche effusive per il rischio di improvvisi getti di materiale piroclastico. La stessa avvertenza è valida nei pressi del cratere centrale anche nei periodi di apparente calma, non sono rari gli episodi di risveglio improvviso con il ferimento di persone.

Si registrano spesso, durante la stagione turistica oppure in occasione di eruzioni vulcaniche la presenza di ladri che forzano le auto in sosta nelle aree di parcheggio maggior concentrazione. Si raccomanda vivamente di non lasciare valigie o altri oggetti in vista perché potrebbero destare interesse.

Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

Nelle zone più distanti rispetto alle strade, salendo di quota si perde il segnale di rete.

Nei dintorni[modifica]

  • Madonie
  • Nebrodi
  • Siracusa
  • 6 Etnaland (sulla A18 uscita Misterbianco imboccare la SS121 in direzione Etnapolis, uscita Valcorrente, seguire indicazioni sulla SP15.), +39 0957913333. Ecb copyright.svg (2015) Parco a tema € 25 adulti ed € 20 bambini sopra 140cm, parco acquatico idem + lettini fra i 3,5 e i 4,5 € (dipende dalla posizione). Sul sito presenti varie combinazioni d'ingresso e promozioni. (2015). Simple icon time.svg apertura 09.30, chiusura fra le 18.30 e le 00.30, dipende dalla stagione. Biglietteria chiude 3 ore prima delle attrazioni. Un parco divertimenti situato a Belpasso, nell'Hinterland catanese, molto apprezzato dai cittadini catanesi e dai turisti. Comprende un parco acquatico con scivoli, piscine e giochi d'acqua e un parco a tema. Ristoranti, aree ristoro e shop.
  • 7 Gole dell'alcantara, Via Nazionale, 5 - Motta Camastra (Da Catania sulla A18 direzione Messina uscire a Giardini Naxos e imboccare la SS185 per Motta Camasta, percorretela per circa 14,5 km.), +39 0942985010, fax: +39 0942985264, @ info@golealcantara.com. Ecb copyright.svg Adulti 10€, ragazzi 7€ (agosto 2015). Simple icon time.svg Alta stagione: 08:00-19:00. Canyon scavato dal fiume Alcantara, parte largo e man mano si restringe fino a pochi metri di larghezza e decine di metri in altezza. Diversi percorsi di visita sia delle gole, che delle rive del fiume, che del parco e dei sentieri che portano alle vicine località vulcaniche. Vista la temperatura dell'acqua in loco si affittano stivali e salopette di gomma. Si consiglia comunque di non immergersi se si è appena mangiato. Percorsi diversi per tutte le capacità. Panorami eccezionali, in primavera periodo migliore per i fotografi. Attenzione a visitare le gole dopo piogge abbondanti, esse potrebbero essere chiuse alle visite, chiedete prima di mettervi in viaggio all'ente parco.
  • 8 Area Marina Protetta Isole dei Ciclopi, via Provinciale 5/D Acitrezza, +39 0956139260, @ visite.cutgana@unict.it. Simple icon time.svg Apr-Ott 9:00-13:00. Visita su gozzi, in gruppi di max 12 persone, guidati da un biologo dell'università di Catania. Solo su prenotazione. Si parte dal porto di Acitrezza e si visita l'isola di Lachea, si osservano i famosi faraglioni, gli scogli, il mare, gli animali e la flora sopra e sotto la superficie del mare.


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene informazioni su come arrivare e sulle principali attrazioni o attività da svolgere.